1) Assicurare un adeguata e diffusa presenza di parchi e campi gioco e altri spazi aperti.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Assicurare un adeguata e diffusa presenza di parchi e campi gioco e altri spazi aperti."

Transcript

1 Raccomandazioni per migliorare l uso di parchi, campi gioco e altri spazi aperti (extrascolastici) come sostegno all attività motoria dei bambini in età prescolare. Perche queste raccomandazioni La Organizzazione Mondiale della Sanità individua nella sedentarietà e la ridotta attività fisica uno dei rischi maggiori per i bambini e la popolazione in generale. Solo un quarto della popolazione adulta e solo il 17% dei bambini di 8-9 anni raggiunge i livelli raccomandati di attività fisica. Inoltre. La sedentarietà è in aumento. Ci sono anche molti altri benefici associati con l accesso a spazi pubblici aperti. L accesso ad aree verdi come parchi, campi gioco, spazi aperti sono associate ad una migliore salute percepita, a minori livelli di stress e a ridotta depressione. I parchi, i campi gioco, e gli altri spazi aperti (sentieri, rive dei fiumi e alzaie dei canali) così come le strade e le piazze della città sono un opportunità per rendere fisicamente attivi i bambini. I Parchi possono giocare un ruolo importante nell attività fisica dei bambini perché la sola loro presenza è generalmente associata con un incremento dell attività fisica e loro sono presenti all interno o in vicinanza delle aree urbane. Le persone che usano spazi pubblici aperti hanno una probabilità molto più elevate di raggiungere i livelli raccomandati di attività fisica di quelli che non usano questi spazi. La presenza di parchi incoraggia, nelle aree urbane, il camminare, l andare in bicicletta e l utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici. Evidenze suggeriscono che la disponibilità di parchi è particolarmente importante nel promuovere l attività fisica dei gruppi svantaggiati e delle minoranze etniche. I parchi, i campi gioco e gli altri spazi aperti hanno un rapporto diretto, stretto e rilevante con lo svolgimento dell attività fisica e i conseguenti miglioramenti di salute fisica e psicologica al punto che gli spazi pubblici aperti possono essere considerati delle strutture di interesse sanitario: Healthy Spaces & Palces. Chi dovrebbe agire per attuare le raccomandazioni? Queste raccomandazioni sono state predisposte per essere utilizzate a Ponzano Veneto per un programma di azione finalizzato a migliorare l attività motoria dei bambini in età prescolare. Questo progetto viene condotto con un alleanza tra Dipartimento di Prevenzione, Comune, Scuola, altri Enti Pubblici, pediatri ed altri operatori sanitari, providers del settore privato e del volontariato. Questa alleanza è finalizzata a permettere di accedere più facilmente ai parchi, campi giochi ed altri spazi aperti che sono risorse utili ad aumentare l attività fisica dei bambini in età prescolare e migliorare la loro salute. 1) Assicurare un adeguata e diffusa presenza di parchi e campi gioco e altri spazi aperti. Evidenze Avere più parchi e maggiori aree a parco all interno di una comunità è associato con più elevati livelli di attività fisica.

2 Il numero di parchi o di parchi gioco in una comunità e l area dedicata a questi spazi corrisponde ai livelli di attività fisica. Avere parchi vicino dove le persone vivono, studiano o lavorano è associata con alti livelli di utilizzo dei parchi e di attività fisica in numerose popolazione particolarmente nei giovani Una distribuzione ineguale nel territorio dei parchi e dei campi gioco corrisponde con minori livelli d attività dei giovani Investire nei parchi, nei campi gioco e negli altri spazi all aperto determina un aumento dell attività fisica delle persone compresi i bambini, proporzionalmente superiore all investimento. Gli investimenti negli spazi aperti hanno un alto rapporto costo-beneficio nel migliorare l attività fisica. Raccomandazioni 1.a). Assicurare la presenza di parchi, campi gioco e altri spazi aperti che incoraggino la pratica dell attività fisica. 1.b) Assicurare un omogenea presenza di parchi, campi gioco e altri spazi aperti nel territorio in relazione alla distribuzione della popolazione. 1c) Assicurare risorse regolari per l estensione, il miglioramento qualitativo e la manutenzione dei parchi, campi gioco e spazi all aperto 1.d) Assicurare che la programmazione di nuovi sviluppi consideri in modo prioritario la necessità di considerare l attività motoria una parte integrante della vita quotidiana. 1.e) Coinvolgere le comunità locali e gli esperti in tutte le fasi di sviluppo di parchi, campi gioco e altri spazi aperti: programmazione, progettazione, sviluppo, gestione e valutazione. 1.f) Valutare in anticipo l impatto (previsto e inatteso) che le proposte potrebbero avere sui livelli di attività motoria (per esempio, i servizi locali potranno essere accessibili a piedi, in bicicletta o da persone con disabilità). 1.g) Rendere i risultati pubblicamente disponibili e accessibili. 1.h) Utilizzare strumenti di valutazione di impatto e attuare programmi di verifica dei risultati. 2) Migliorare l accessibilità ai parchi, ai campi gioco e agli altri spazi aperti. Evidenze. Le persone che sentono i parchi e le strutture ricreative più accessibili hanno una probabilità doppia di raggiungere i livelli di attività fisica raccomandati e di avere una vita più attiva di coloro che non li percepiscono come accessibili. L accessibilità a parchi e a strutture ricreative quando non è distribuita in modo eguale nel territorio corrisponde con minori livelli di attività fisica. 2.a) Distribuire in modo corretto i parchi, i campi gioco e altri spazi aperti facilita e rende equo l accesso di tutti i residenti. 2.b) Assicurare l accesso a parchi, campi gioco e altri spazi aperti dove praticare attività fisica in qualsiasi momento della giornata e in ogni periodo dell anno 2.c).Assicurare che i parchi, i campi gioco e gli altri spazi aperti siano facilmente raggiungibili a piedi, in bicicletta o con altri mezzi di trasporto attivo (sedie a rotelle, carrozzine e passeggini, pattini). Siano disponibili parcheggi per biciclette. 2.d) Quando appropriato, i parchi devono essere accessibili con i mezzi di trasporto pubblici.

3 2.e) Rimuovere le barriere che impediscono la loro facile fruizione quali scadenti condizioni di mantenimento delle strutture, scarse condizioni di sicurezza, illuminazione inadeguata, barriere architettoniche, e altro. 2.f) Assicurare un adeguata e continua informazione della popolazione generale e dei diversi sottogruppi (es. genitori e bambini) delle strutture presenti e delle modalità di accesso e fruizione. 2.g) Quando praticabile connettere in rete gli spazi aperti presenti in un territorio. 3) Sicurezza percepita La sicurezza è una barriera chiave che limita l uso dei parchi. Migliorare la sicurezza dei parchi è una delle strategie più efficaci per aumentarne l uso. I livelli di sicurezza percepiti sono associati con la frequenza di visita dei parchi e i livelli di attività fisica all interno dei parchi. Gli adulti che percepiscono il parco sicuro hanno una propensione maggiore nell incoraggiare i bambini a frequentarlo Coinvolgere i genitori e i bambini nel disegno dei parchi gioco, incoraggiare la comunità a lavorare con i costruttori e gli esperti, e includere le famiglie e il vicinato nel mantenimento e la supervisione dei parchi gioco può aiutare a tenerli sicuri a aumentarne l utilizzo Raccomandazioni. 3.a) Identificare i potenziali rischi, e usare il potere della comunità ed indirizzarlo a favorire la sicurezza dei parchi gioco, può assicurare un miglioramento a lungo termine 3.b) Aumentare la frequenza dei parchi, dei campi giochi e degli altri spazi aperti da parte di tutte le diverse persone della comunità (famiglie, anziani, sportivi, e altri). 3.c) I parchi e i campi giochi dovrebbero essere supervisionati e custoditi con il coinvolgimento attivo della comunità 4) Qualità estetica La qualità estetica è associata con la frequenza di visita dei parchi e i livelli di attività fisica all interno dei parchi. Gli utilizzatori e i potenziali utilizzatori preferiscono frequentare luoghi esteticamente attraenti e i parchi di maggiori dimensioni. La risistemazione dei parchi da sola, risulta insufficiente ad incoraggiare l uso dei parchi e l attività fisica. Raccomandazioni. 4.a) La percezione estetica, strade alberate piuttosto che spazio vuoti, aumenta l uso dei parchi. 4.b) I parchi giochi devono incorporare caratteristiche ambientali naturali, vegetazione e modifiche topografiche, perché in questo modo sono più frequentati e possono aumentare la competenza motoria dei bambini più piccoli. 4.c) Ridisegnare i parchi rendendoli più attrattivi e funzionali può migliorare l uso di alcune attrezzature (parchi giochi, piste skate, ecc.) ed aumentare l attività fisica vigorosa tra i bambini. 4.d) Prevedere nei parchi attrezzature esteticamente piacevoli (panchine, fontane, ed altro, percorsi naturali e sensoriali) quando possibile incorporare oggetti d arte. 4.e) Siano in ordine a oggetto di una attiva ed adeguata manutenzione.

4 5) Attrezzature. Nei parchi giochi che hanno più strutture fisse e più giochi (palle, corde per saltare, ecc) ed hanno personale ed una politica che sostiene l attività fisica, i bambini hanno una maggiore probabilità di svolgere attività fisica moderata e vigorosa. All interno dei parchi le persone tendono ad essere più fisicamente attive lungo i sentieri, nei parchi gioco e negli impianti sportivi. La presenza di strutture aumenta i livelli di attività fisica moderata ed elevata. I parchi dove esistono impianti sono più utilizzati per attività sportive dei parchi che non ne dispongono. Le aree con giochi hanno una densità di bambini da tre a 12 volte maggiori di un area a prato e senza giochi. I bambini sono più presenti nelle aree gioco e nelle aree pic nic. La presenza di percorsi pavimentati aumenta sensibilmente l uso dei parchi. Mettere semplicemente a disposizione strumenti (palle e corde per saltare) aumenta del 15 % l attività fisica nei parchi giochi. 5.a) Assicurare la presenza di aree gioco e impianti sportivi all interno dei parchi. 5.b) I parchi e i campi gioco devono essere progettati in modo da incoraggiare momenti di gioco attivo. 5.c) Gli spazi all aperto dedicati all attività fisica dovrebbero prevedere aree ombreggiate e luoghi di riparo dalle intemperie dove si possa praticare comunque attività fisica 5.d) Devono essere, quando possibile, previste aree attrezzate dove fare pic nic perché questo aumenta la frequenza delle famiglie. 5.e) Devono essere previste all interno dei parchi la presenza di strade pavimentate e di illuminazione perché aumentano le attività 5.f) Deve essere offerti attrezzi (corde per saltare, palle, e altro) per sviluppare le abilità motorie dei bambini indipendentemente dalle loro capacità o disabilità 6) Sicurezza fisica dei luoghi e delle attrezzature. Gli incidenti nei parchi e nei campi gioco sono un problema, ma il rischio di infortuni seri può essere ridotto. 6.a) Gli spazi devono essere privi di pericoli ambientali o di qualsiasi altro genere e ispezionati con regolarità 6.b) Disegnare essere aree gioco adatte alle diverse età e apposite aree per la promozione delle attività fisiche individuali e di gruppo. 6.c) Devono essere applicate le specifiche linee guida che riguardano la sicurezza dei parchi e delle singole attrezzature. 6.d) Le attrezzature devono essere periodicamente verificate e deve essere data evidenza dei controlli per aumentare la percezione di sicurezza dei genitori. 6.e) I parchi devono avere dei regolamenti d uso che prevedano, ad esempio limitazioni e regole d uso di alcuni luoghi e l uso di protezione come i caschetti per le biciclette, ma non devono limitare il gioco attivo. 6f) Sicurezza delle strade di accesso (misure di rallentamento del traffico, restrizioni di carreggiata, e altro). 7) Incentivare uso Evidenze.

5 Incentivare l uso dei parchi cittadini e di altre strutture dedicate dove i bambini possano essere fisicamente attivi si è dimostrato efficace nell aumentare i livelli di attività fisica dei bambini. La creazione di spazi, o un maggiore accesso agli spazi in cui svolgere attività motoria combinata con interventi a supporto di informazione/promozione è efficace nell incrementare i livelli di attività fisica. Programmi organizzati e supervisionati possono aumentare l uso dei parchi e delle aree gioco. Attività strutturate aumentano le visite ai parchi mentre vi sono studi che hanno trovato risultati contrastanti per quanto riguarda l aumento dell attività fisica vigorosa. Alcuni studi evidenziano che la presenza dei genitori riduce l attività moderata e vigorosa dei bambini. 7.a) Identificare i fattori che possono condizionare la pratica regolare dell attività fisica, stabilire quali sono le attività che i ragazzi preferiscono, basandosi su ricerche già esistenti o ricorrendo a colloqui personali, 7.b) Coinvolgere attivamente i giovani nella realizzazione di quelle attività che riscuotono il loro gradimento, 7.c) Dare la possibilità di sperimentare attività diverse per aiutarli a identificare quelle che preferiscono praticare da soli e quelle che possono praticare con amici e famiglia 7.d) Fornire nuove opportunità per essere attivi fisicamente, supportando, guidando e motivando i bambini e i genitori variando le modalità con cui sono loro proposte le varie attività (comprese le risorse e gli ambienti dedicati) 7.e) Garantire la possibilità di praticare attività fisica dopo la scuola, durante il fine settimana e nei periodi di vacanza 7.f) Rendere disponibile personale adeguatamente formato che aiuti a individuare le attività più opportune Bibliografia Lotta alla sedentarietà e promozione dell attività fisica Linee guida di prevenzione Novembre NICE public health guidance numero 8 Promuovere l attività motoria nel territorio Gennaio Traduzione DORS: Promoting and creating built or natural environments that encourage and support physical activitypromoting and creating built or natural environments that encourage and support physical activity NICE public health guidance numero Promoting physical activity, active play and sport for pre-school and school-age children and young people in family, pre-school, school and community settings American Planning Association - City Parks Forum Briefing Papers National Recretion and Park Association USA Research Series 2010 Godbey G. ODBEY Mowen M. The Benefits of Physical Activity Provided by Park and Recreation Services:

6 The Scientific Evidence Mowen%20Paper-Final-Web.pdf The Trust for Public Land Gies E. The Health Benefits of Parks How Parks Help Keep Americans and Their Communities Fit and Healthy Healthy parks, healthy people The health benefits of contact with nature in a park context A review of relevant literature 2nd edition March 2008 School of Health and Social Development Faculty of Health, Medicine, Nursing and Behavioural Sciences Deakin University Healthy Spaces and Places Australia - Parks and Open Space Scottish Planning Policy SPP 11 Open Space and Physical Activity Novembre Weather P et al. Urban parks and public health: exploiting a resource for healthy minds and bodies. Department of Environmental and Geographical Sciences Manchester Metropolitan University - Centre for Public Health Liverpool John Moores University Appendices for getting Australia active II - An update of evidence on physical activity - August

Raccomandazioni per aumentare l attività fisica dei bambini in età prescolare attraverso il coinvolgimento della famiglia.

Raccomandazioni per aumentare l attività fisica dei bambini in età prescolare attraverso il coinvolgimento della famiglia. Raccomandazioni per aumentare l attività fisica dei bambini in età prescolare attraverso il coinvolgimento della famiglia. Perchè queste raccomandazioni La Organizzazione Mondiale della Sanità individua

Dettagli

Promuovere l attività fisica sul luogo di lavoro

Promuovere l attività fisica sul luogo di lavoro Data di pubblicazione: Maggio 2008 Fact-sheet Promuovere l attività fisica sul luogo di lavoro Questa sintesi delle linee guida illustra le raccomandazioni inerenti La promozione della salute sul luogo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica e dell innovazione Direzione generale dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ATTIVITÀ FISICA Traduzione non ufficiale a cura di

Dettagli

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani

ALLEGATO B. Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani ALLEGATO B Sistema di indici e di indicatori per valutare la qualità degli spazi verdi urbani Questa parte è dedicata alla presentazione della fase analitica e valutativa della qualità degli spazi verdi

Dettagli

Promuovere l attività fisica nei bambini e negli adolescenti

Promuovere l attività fisica nei bambini e negli adolescenti Data di pubblicazione: Gennaio 2009 Fact-sheet Promuovere l attività fisica nei bambini e negli adolescenti Questa sintesi delle linee guida illustra le raccomandazioni inerenti La promozione dell attività

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE CON LA PROMOZIONE DELL ESERCIZIO FISICO

GUADAGNARE SALUTE CON LA PROMOZIONE DELL ESERCIZIO FISICO GUADAGNARE SALUTE CON LA PROMOZIONE DELL ESERCIZIO FISICO È il nostro progetto migliore. È un progetto per promuovere nella popolazione l esercizio fisico per la salute, con particolare riguardo per i

Dettagli

LEGGE SPORT VENETO. In ogni diapositiva di questa presentazione, si cita inizialmente l articolo 2, per poi parlare dell articolo specifico

LEGGE SPORT VENETO. In ogni diapositiva di questa presentazione, si cita inizialmente l articolo 2, per poi parlare dell articolo specifico LEGGE SPORT VENETO COME LEGGERLA? La legge sullo sport da poco approvata è di facile consultazione se ne si conosce la struttura : l articolo 2 infatti è come un indice, che rimanda agli articoli successivi

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella promozione dell'attività fisica Dr. Mauro Somaschi - MMG ASL Lecco Aula Magna Azienda Ospedaliera Ospedale "A. Manzoni" REGIONE LOMBARDIA ASL Lecco Relazione

Dettagli

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità

Per l organizzazione delle zone comprese nei 9 mq/ab esistono diverse possibilità Scheda A VERDE PUBBLICO ATTREZZATO 1 DI 1444/68: 9 mq/ab per spazi pubblici attrezzati a gioco e sport 15 mq/ab per parchi pubblici urbani e territoriali Per l organizzazione delle zone comprese nei 9

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana

INDICE. Mappa dell accessibilità urbana INDICE Considerazioni di base e concetti introduttivi Riferimenti normativi Obiettivi Metodologia di lavoro Elenco dei beni censiti Schedatura degli immobili pubblici o di tipo pubblico Cenni sulle problematicità

Dettagli

L attività fisica e l esercizio fisico nelle politiche per la salute dell Emilia-Romagna

L attività fisica e l esercizio fisico nelle politiche per la salute dell Emilia-Romagna L attività fisica e l esercizio fisico nelle politiche per la salute dell Emilia-Romagna Pierluigi Macini Bologna 18 maggio 2013 1. L attività fisica ha evidenti e dimostrati effetti benefici sulla salute

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Il marketing sociale come strumento per indurre politiche che sostengono l attività fisica Giuseppe Fattori

Il marketing sociale come strumento per indurre politiche che sostengono l attività fisica Giuseppe Fattori Il marketing sociale come strumento per indurre politiche che sostengono l attività fisica Giuseppe Fattori De arte gymnastica 1569 Social marketing1971 Libro I: Nel primo libro l'autore tratta la nascita

Dettagli

Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti.

Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti. Dove sono andati i ragazzi? Campagna per l attività motoria degli adolescenti. Perché l attività motoria? IL SOVRAPPESO IN ITALIA 4-5 abitanti su 10 soffrono di sovrappeso o obesità. Circa il 4% di bambini

Dettagli

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Sostegno e Accompagnamento Educativo Sostegno e Accompagnamento Educativo 1. Definizione La prestazione sostegno e accompagnamento educativo consiste nel fornire sia un supporto e una consulenza ai genitori nello svolgimento della loro funzione

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO

WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO WORKSHOP MOBILITA SOSTENIBILE E SICURA IN AMBITO URBANO SALA BIBLIOTECA st. 130, 1 p. Dipartimento di Prevenzione ASS1 via Paolo de Ralli, 3 (TS) 21 maggio 2012 il dipartimento di prevenzione Art 7 del

Dettagli

Cenni sui modelli di progettazione. Lazzeri Giacomo Dipartimento Medicina Molecolare e dello sviluppo Università degli studi di Siena

Cenni sui modelli di progettazione. Lazzeri Giacomo Dipartimento Medicina Molecolare e dello sviluppo Università degli studi di Siena Cenni sui modelli di progettazione Lazzeri Giacomo Dipartimento Medicina Molecolare e dello sviluppo Università degli studi di Siena 1986 Promozione della Salute Il complesso delle azioni dirette non solo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: ANNEGAMENTO Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio III (Rapporti

Dettagli

VADO A SCUOLA CON GLI AMICI CAMMINANDO!

VADO A SCUOLA CON GLI AMICI CAMMINANDO! REGIONE ASL REGIONE ASL VADO A SCUOLA CON GLI AMICI CAMMINANDO! Premessa che fa bene alla loro salute. In effetti, camminare è un ottimo La sedentarietà e l obesità infantile rappresentano due problemi

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

I gruppi di cammino. Aspetti operativi. dott. Susanna Morgante ulss 20 Verona

I gruppi di cammino. Aspetti operativi. dott. Susanna Morgante ulss 20 Verona I gruppi di cammino Aspetti operativi dott. Susanna Morgante ulss 20 Verona 1 23 schede tematiche 20 SCHEDE SPECIFICHE Area tematica 1: Epidem. e profilassi delle malattie infettive Area tematica 2: Prevenzione

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Allegato A Adottato con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 2 marzo 2011 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI E ATTIVITA DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI LONIGO Art. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18

Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 I BAMBINI E L ATTIVITA MOTORIA: IL PIEDIBUS Rovigo 5/03/2008 Dr. Lorenza Gallo Direttore SOC igiene e Sanità Pubblica Dipartimento di Prevenzione Azienda ULSS 18 PER IMMAGINARE IL NOSTRO FUTURO DOBBIAMO

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI DOTT.SSA MARIA TERESA MENZANO Corso di formazione e aggiornamento per referenti ed operatori Diamoci una mossa e Pronti, partenza, via

Dettagli

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Premesso che il PNP individua tra gli obiettivi di salute la promozione di uno stile di vita attivo da

Dettagli

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti

Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili. Informazioni per gli assistiti Controllo della qualità dei servizi per l impiego e di tutela dei disabili Informazioni per gli assistiti Indice Sommario... 3 Controllo della qualità 3 La verifica 3 Commenti degli assistiti 3 Esiti 3

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Check List per la gestione della salute in azienda

Check List per la gestione della salute in azienda DIPARTIMENTO DI IGIENE E SANITA PUBBLICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Check List per la gestione della salute in azienda Strumento di promozione della salute nei luoghi di lavoro Lamberto Briziarelli,

Dettagli

LA PROGETTAZIONE COMUNE

LA PROGETTAZIONE COMUNE LA PROGETTAZIONE COMUNE La fase operativa di Lasciamo il segno ha avuto inizio con un percorso di progettazione partecipata secondo la metodologia Goal Oriented Project Planning che ha visto coinvolti

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione

La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione La mobilità autonoma dei bambini: una ricerca - azione Daniela Renzi Progetto internazionale La città dei bambini ISTC-CNR Convegno internazionale AUTONOMIA E SALUTE L autonomia di movimento delle bambine

Dettagli

Società Sportiva Ideale Report di ricerca

Società Sportiva Ideale Report di ricerca Società Sportiva Ideale Report di ricerca Prof. Antonio Borgogni Dott. Simone Digennaro Ass. Il Corpo va in città Università degli studi di Cassino Pesaro, 16-18 aprile 2010 Il progetto di ricerca Il progetto

Dettagli

VADO A SCUOLA CON GLI AMICI CAMMINANDO AMMINANDO! Premessa. I tragitti casa-scuola scuola a piedi

VADO A SCUOLA CON GLI AMICI CAMMINANDO AMMINANDO! Premessa. I tragitti casa-scuola scuola a piedi VADO A SCUOLA CON GLI AMICI CAMMINANDO AMMINANDO! Premessa La sedentarietà e l obesità infantile rappresentano due problemi sanitari emergenti, nonché strettamente collegati tra loro. Molti bambini, come

Dettagli

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati.

PROGETTO JESSICA. Lo scopo del progetto è quello di offrire metodi innovativi per attuare analisi strategiche e stabilire progetti integrati. PROGETTO JESSICA FINALITA Il Progetto Jessica intende unire esperienze di alta qualità, competenze istituzionali e risorse finanziarie pubbliche e private per aiutare a creare e organizzare dei nuovi strumenti

Dettagli

La prescrizione dell esercizio fisico come farmaco

La prescrizione dell esercizio fisico come farmaco La prescrizione dell esercizio fisico come farmaco Gustavo Savino Farmacologo, Medico dello sport UO tutela della Salute nelle Attività Sportive AUSL Modena Numerose evidenze scientifiche dimostrano che

Dettagli

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Gruppi di cammino nelle ASL liguri (2.3.1 2.9.5-4.2.1.2) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.3

Dettagli

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici

Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE. Parchi e Giardini pubblici Città di San Giorgio a Cremano REGOLAMENTO COMUNALE Parchi e Giardini pubblici Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 49 del 9/07/2014 1 INDICE GENERALE REGOLAMENTO COMUNALE PARCHI E GIARDINI

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

PARCHI DA GIOCO PER TUTTI. Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli

PARCHI DA GIOCO PER TUTTI. Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli PARCHI DA GIOCO PER TUTTI Esigenze minime circa i piazzali privi di ostacoli ESIGENZE MINIME CIRCA I PIAZZALI PRIVI DI OSTACOLI I criteri qui elencati si riferiscono alle elevate esigenze dei Parchi da

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 AZIENDA USL ROMA F Dipartimento di Prevenzione I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli eventi infortunistici in ambito stradale anno 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha

Dettagli

CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti

CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti CONGRESSO SCIENTIFICO AIFI Associazione Italiana Fisioterapisti "FISIOTERAPIA APPLICATA ALLO SPORT: FORMAZIONE, RICERCA CLINICA, PREVENZIONE E RIABILITAZIONE" FISIOTERAPIA APPLICATA ALLO SPORT FORMAZIONE

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES -

Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Il Patto dei Sindaci e il Piano di Azione per l Energia Sostenibile - PAES - Smart City Comuni in classe A 1 Indice 1. Il Patto dei Sindaci 2. Il Piano di Azione per l Energia Sostenibile PAES 3. Il progetto

Dettagli

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA

Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA Breve descrizione del sistema di gestione della qualità ISEMOA www.isemoa.eu Il progetto ISEMOA è iniziato nel Maggio 2010 e durerà fino al Maggio 2013. ISEMOA è cofinanziato dall Unione Europea con il

Dettagli

Attività Fisica. Alberto Arlotti. Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Servizio Sanità Pubblica

Attività Fisica. Alberto Arlotti. Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Servizio Sanità Pubblica Attività Fisica Alberto Arlotti Regione Emilia-Romagna Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Servizio Sanità Pubblica Inattività Fisica fattore di rischio inafferrabile Luogo Oggetto Quantità???

Dettagli

CITTÀ AMICA DELL INFANZIA E ADOLESCENZA

CITTÀ AMICA DELL INFANZIA E ADOLESCENZA CITTÀ AMICA DELL INFANZIA E ADOLESCENZA COME RIPENSARE LA CITTÀ - PROGETTARE CON I BAMBINI Il Comitato provinciale UNICEF di Genova in collaborazione con l Ufficio Scolastico Provinciale del MIUR, la direzione

Dettagli

D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015

D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015 D i r e t t i v a G E S T I O N E S O S T E N I B I L E D E I P A R C H E G G I Versione: Novembre 2015 La gestione dei parcheggi è uno strumento potente con cui le città possono influenzare i trasporti.

Dettagli

La direttiva sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

La direttiva sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari La direttiva sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Il nuovo contesto IL PIANO D AZIONE NAZIONALE PER L USO SOSTENIBILE Le indicazioni per i trattamenti nelle aree sportive e frequentate dalla

Dettagli

Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016

Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016 Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016 Collegio docenti Ente Morale Asilo Infantile 1 luglio 2015 Cos è il Piano dell Offerta Formativa: P.O.F E il documento fondamentale che ogni scuola autonoma predispone

Dettagli

ALIMENTAZIONE, MOVIMENTO, STILI DI VITA: ISTRUZIONI PER L USO

ALIMENTAZIONE, MOVIMENTO, STILI DI VITA: ISTRUZIONI PER L USO ALIMENTAZIONE, MOVIMENTO, STILI DI VITA: ISTRUZIONI PER L USO la scuola che aderisce progetta ed organizza l attività dei propri studenti in modo da garantire una pratica quotidiana e/o iniziative ed attività

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support

COACH BOT Modular e-course with virtual coach tool support Modular e-course with virtual coach tool support PROGRAMMA DI APPRENDIMENTO PERMANENTE LEONARDO da VINCI Coordinato da FOR.COM. Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea.

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano

BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano Assemblea I turno PADERNO Emersione del bisogno Paderno Dugnano, consiglio di Quartiere Paderno 10 maggio 2007, ore 20.30 Partecipanti Cittadini: 40 Obiettivi

Dettagli

Il consiglio dell operatore sanitario

Il consiglio dell operatore sanitario Il consiglio dell operatore sanitario I programmi di prevenzione sono oggi sempre più articolati e vedono il coinvolgimento di un numero sempre più ampio ed eterogeneo di soggetti. In un approccio intersettoriale,

Dettagli

SPORT E MOVIMENTO. per i migliori anni della nostra vita

SPORT E MOVIMENTO. per i migliori anni della nostra vita Il Progetto Sport e Movimento è stato presentato dall Ente di Promozione Sportiva Attività Sportive Confederate al C.O.N.I. con l obiettivo di incrementare e promuovere l attività fisico-motoria per i

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014

«Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 «Our streets, our choice» Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2014 Our streets, our choice Ovvero «Le nostre strade, la nostra scelta»: lo slogan scelto quest'anno per la Settimana della Mobilità

Dettagli

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici

IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI. - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici IL QUESTIONARIO PER UNA CITTA' AMICA DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI - Risultati - A cura di: Gruppo di lavoro Bambinfestival Bambini, tempi e spazi amici Costruzione questionario a cura del gruppo di lavoro

Dettagli

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute

Promuovere il movimento per guadagnare salute. Daniela Galeone. Programma Ministero In Forma. 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Promuovere il movimento per guadagnare salute Daniela Galeone Programma Ministero In Forma 8 Aprile 2015 Auditorium del Ministero della Salute Le malattie croniche: un allarme mondiale - 57 milioni di

Dettagli

Nozioni generali. Principali forme di trattamento

Nozioni generali. Principali forme di trattamento tano essere di vitale importanza per il benessere psicofisico del paziente, pertanto vale sempre la pena impegnarsi, anche quando la sindrome non venga diagnosticata subito dopo la nascita. Principali

Dettagli

Un focus sull attività fisica e l alimentazione degli anziani

Un focus sull attività fisica e l alimentazione degli anziani SEMINARIO REGIONALE SORVEGLIANZA: uno strumento per descrivere, orientare, valutare L esempio dell attività fisica Un focus sull attività fisica e l alimentazione degli anziani Perugia 9 maggio 2013 Marco

Dettagli

BIOBLITZ Italia 2012:

BIOBLITZ Italia 2012: . BIOBLITZ Italia 2012: L Amministrazione Provinciale di Roma e le Università, le Scuole, le Aree Protette, i Bambini, i Ragazzi e le Famiglie INSIEME per l educazione ambientale, per la conoscenza e il

Dettagli

ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ MOTORIA Attività e metodi per progettare interventi efficaci.

ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ MOTORIA Attività e metodi per progettare interventi efficaci. Corso di aggiornamento: Interventi di promozione della salute. Strumenti di programmazione e Valutazione per le Direzioni dei Dipartimenti di Sanità Pubblica Bologna 29 Settembre 2009 ALIMENTAZIONE E ATTIVITÀ

Dettagli

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE

A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE A PROPOSITO DI TERAPIA OCCUPAZIONALE Che cosa è - perché è importante - come funziona obiettivo dei trattamenti COS E LA TERAPIA OCCUPAZIONALE E un trattamento per le persone che sono state colpite da:

Dettagli

Adolescenza e trasgressione

Adolescenza e trasgressione Adolescenza e trasgressione La scuola che promuove benessere Padova, 18 aprile 2008 Due domande di fondo: 1. Quale scuola all inizio del terzo millennio? 2. Quale benessere nella scuola attuale? La nuova

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti

WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti WORKSHOP Modelli e strumenti per lo sviluppo del progetto HPH elaborati nel Laboratorio interreti eti HPH Traiettoria Rete HPH Emilia-Romagna Ricerca in promozione della salute: competenze, risorse e strumenti

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

Nuove vie di promozione sportiva

Nuove vie di promozione sportiva Nuove vie di promozione sportiva l'esperienza di Udine Torino, 10 settembre 2015 Raffaella Basana Assessore allo Sport, all'educazione e agli Stili di Vita Comune di Udine Udine e lo sport 100mila abitanti

Dettagli

Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento

Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento Sviluppare e prioritizzare le opzioni d intervento Nicoletta Bertozzi Dipartimento di Sanità Pubblica Azienda Sanitaria di Cesena Roma, 21 febbraio 207 Quali i passi nel percorso teorico 1) identificare

Dettagli

Settimana della Scuola in Movimento

Settimana della Scuola in Movimento Settimana della Scuola in Movimento Scuola primaria San Giovanni Bosco III Circolo di Treviso. Promossa dal team delle insegnanti del progetto Moving School 21 del III Circolo di Treviso, scuola primaria

Dettagli

Action Anti-bullying

Action Anti-bullying Action Anti-bullying Raccomandazioni dello studio condotto dalle Nazioni Unite sulla violenza contro i bambini In relazione alla riduzione del bullismo ed altre forme di violenza, questo studio pubblicato

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work

Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work La Campagna Europea sulla gestione dello stress lavoro-correlato Graziano Frigeri EWHN European Secretary Safety and health

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare

La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare La scelta di semplificare, Il coraggio di premiare PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA REGOLAMENTAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DEGLI OBBLIGHI EMAS TRIESTE 10 DICEMBRE 2014 DOTT. ROBERTO CARIANI Presentazione

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

Il brand (marchio) è un segno di riconoscimento che noi usiamo per definire e esprimere aspetti di noi stessi. Inoltre è una componente importante

Il brand (marchio) è un segno di riconoscimento che noi usiamo per definire e esprimere aspetti di noi stessi. Inoltre è una componente importante Il brand (marchio) è un segno di riconoscimento che noi usiamo per definire e esprimere aspetti di noi stessi. Inoltre è una componente importante della nostra cultura contemporanea che noi usiamo come

Dettagli

DISCIPLINARE PER L ATTRIBUZIONE DEL MARCHIO Family in Trentino

DISCIPLINARE PER L ATTRIBUZIONE DEL MARCHIO Family in Trentino Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 11 del 8.07.014 Il Segretario Comunale Dott.ssa Sabrina Priami DISCIPLINARE PER L ATTRIBUZIONE DEL MARCHIO Family in Trentino Categoria Musei REV. N. DATA

Dettagli

FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri

FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri FORUM DI BORGATA II Ciclo di incontri Borgate Paradiso e Quaglia DOVE ERAVAMO RIMASTI? Al termine del ciclo di incontri estivi si è potuto avere un quadro complessivo dei problemi maggiormente sentiti

Dettagli

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri

Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri Carta dei volontari Carta Europea sui diritti e i doveri dei volontari YFJ_VolunteeringCharter_IT.indd 1 16/09/12 13:02 Editorial team Editor in Chief Giuseppe Porcaro Copy Editor Thomas Spragg Graphic

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI

CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI CONSIGLIO D EUROPA COMITATO DEI MINISTRI Raccomandazione Rec(2001)1 del Comitato dei Ministri (degli Esteri) agli Stati membri sul Servizio Sociale (adottato dal Comitato dei Ministri (degli Esteri)0il

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI CITTADINANZA ATTIVA Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 30/10/2015 ed entrato in vigore

Dettagli

SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO

SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO SMART PEOPLE 31 GENNAIO 2014 h. 17.O0 CASA DEI DIRITTI REPORT DEL TAVOLO L attività del Tavolo PEOPLE si è svolta il giorno 31 gennaio 2014 dalle 17.00 alle 19.30. I lavori sono stati aperti da Renato

Dettagli

Passegginando a Trieste con i bebè

Passegginando a Trieste con i bebè Passegginando a Trieste con i bebè Andare in vacanza o in giro con i bambini piccoli spesso per le famiglie sembra un impresa: troppo faticoso, troppa confusione, troppo scomodo, troppo noioso per cui

Dettagli

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1 HANDICAP FISICI Sotto argomento 2.1 Le principali disabilità fisiche riguardano: A. Il movimento delle persone B. Gli occhi devono avere occhiali o usare il Braille C. Orecchie A. Handicap motorio Le persone

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Scuola: Indirizzo: Iscritti: Telefono: Fax: Email: Data di compilazione: Data di revisione:

Scuola: Indirizzo: Iscritti: Telefono: Fax: Email: Data di compilazione: Data di revisione: Scuola: Indirizzo: Iscritti: Ragazze: Ragazzi: Telefono: Fax: Email: Data di compilazione: Data di revisione: Informazioni della comunità scolastica Numero di scuole associate in complessi: Tipologia Istituto

Dettagli

piccola comunità madre.bambino vanessa

piccola comunità madre.bambino vanessa piccola comunità madre.bambino vanessa Obiettivi > favorire la ricongiunzione di nuclei familiari disgregati dalla tossicodipendenza, da disturbi psichici e da svantaggio sociale in genere, in un contesto

Dettagli

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010

SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE. Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Sviluppo di capacità di gestione integrata per un azione locale efficace nella lotta ai cambiamenti climatici SEMINARIO III IL PIANO DI AZIONE Lorenzo Bono Milano - 21 Settembre 2010 Il piano di azione

Dettagli