Terza rilevazione dati fornitori. beni e servizi e occupati diretti. di eni Distretto Meridionale (DIME)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terza rilevazione dati fornitori. beni e servizi e occupati diretti. di eni Distretto Meridionale (DIME)"

Transcript

1 Relazione N : Pag. 1 di 34 ENI Divisione Exploration & Production DIME Distretto Meridionale 0

2 Pag. 2 di 34 INDICE 1. PREMESSA GLI OCCUPATI DIRETTI DI ENI DISTRETTO MERIDIONALE L INDOTTO DIRETTO DI ENI DISTRETTO MERIDIONALE A. METODOLOGIA D INDAGINE B. ANALISI DESCRITTIVA DEI DATI C. LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NELL INDOTTO DIME D. AZIONI INTRAPRESE DALLE AZIENDE IN CONSIDERAZIONE DI QUANTO PREVISTO DAL PROTOCOLLO LOCAL CONTENT CONCLUSIONI... 32

3 Pag. 3 di 34

4 Pag. 4 di PREMESSA Eni E&P Distretto Meridionale, ha avviato nel 2011 in collaborazione con la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) una rilevazione dati delle aziende operanti nell indotto, per offrire una visione più ampia della ricaduta occupazionale al fine di fornire una mappatura delle aziende che forniscono beni e servizi e valutare l impatto occupazionale determinato dall attività petrolifera in Val d Agri e più in generale sul territorio lucano. Il presente documento rappresenta il Report finale dello studio effettuato nel corso del 2013, nel dettaglio il documento è così articolato: - Obiettivi del progetto - Gli occupati diretti di eni Distretto Meridionale Divisione E&P - Indotto di eni Distretto Meridionale Divisione E&P

5 Pag. 5 di GLI OCCUPATI DIRETTI DI ENI DISTRETTO MERIDIONALE Attualmente la Basilicata è uno dei poli più importanti in Europa, sia per le riserve sfruttabili di petrolio e gas naturale, sia per la produzione. Nel settore dei servizi minerari si sono sviluppati importanti distretti come Ravenna, Abruzzo, Toscana, e ultimamente la Basilicata. La dimensione del giacimento esistente e gli investimenti avviati, seppure con grandi difficoltà, disegnano uno scenario caratterizzato da una crescita sicura del distretto petrolifero lucano. Oggi le imprese che lavorano nell indotto eni in Val d Agri sono una realtà diversificata di aziende di manutenzione, di servizio, di collaudo e progettazione impianti, smaltimento residui di lavorazione, opere edili e di altre attività. Un insieme di servizi diretti e indiretti, affidati a ditte terze, che riguardano non solo il funzionamento del Centro Olio ma anche dei pozzi petroliferi afferenti. L occupazione in Val d Agri non ha subito le forti contratture che hanno caratterizzato i settori industriali del resto del Paese, anche nell attuale periodo di crisi economica. Eni è impegnata in un forte coinvolgimento della manodopera locale: 10 anni fa la manodopera locale rappresentava solo il 10% degli occupati e poco più nell indotto; infatti dai 400 occupati totali nel 1998 anno di sottoscrizione del Protocollo di intenti eni Regione Basilicata, oggi si registra un numero totale di occupati nel settore petrolifero in Basilicata di cui 348 dipendenti diretti e occupati indiretti.

6 Pag. 6 di 34 Eni è da sempre impegnata a formare e dare opportunità di lavoro di qualità a uomini e donne, al fine di contribuire al futuro dei territori in cui opera e garantire il successo dell'impresa nel tempo. Il DIME, in linea con la politica di eni, ha favorito in Basilicata oltre al coinvolgimento diretto delle persone locali nelle proprie attività, anche la crescita delle aziende lucane dell indotto. Questo impegno è stato sancito nel 2012 attraverso la sottoscrizione di un importante accordo da parte della Regione Basilicata, di eni, delle organizzazioni sindacali e delle sigle datoriali, il Protocollo d Intesa per la promozione di iniziative nel settore geo-minerario finalizzate allo sviluppo regionale, alla tutela della salute e sicurezza e dell occupazione locale, volto a favorire lo sviluppo del lavoro per le persone e le imprese locali in sinergia tra tutti gli attori coinvolti. Eni E&P Distretto Meridionale, ha avviato dal 2011 in collaborazione con la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) una rilevazione delle aziende operanti nell indotto, per offrire una visione più ampia della ricaduta occupazionale al fine di fornire una mappatura delle aziende che forniscono beni e servizi e valutare l impatto occupazionale determinato dall attività petrolifera in Val d Agri e più in generale sul territorio lucano. Il Distretto Meridionale presenta un organico al 31 dicembre 2013 di 348 persone, in aumento rispetto al 2012 del 10%, di cui 321 persone dedicate a presidiare le attività operative e gestionali in Basilicata. Di queste, circa il 59% è residente in Basilicata ed è proveniente dai diversi Comuni delle Provincie di Potenza e Matera. Dipendenti diretti del DIME Numero Numero Numero Dipendenti totali DIME di cui lavoranti in Basilicata di cui residenti in Basilicata

7 Pag. 7 di 34 Analizzando i dati per fascia di età, titolo di studio si registra un aumento dei dipendenti delle fasce d età tra i anni e anni rispetto agli anni precedenti.

8 Pag. 8 di 34 Un dato significativo sotto il profilo occupazionale riguarda la tipologia contrattuale. Dall analisi si rileva che quasi tutti i dipendenti sono impiegati con un contratto a tempo indeterminato. Dipendenti DIME per tipologia di contratto DIME Di cui residenti in Basilicata DIME Di cui residenti in Basilicata DIME Di cui residenti in Basilicata A tempo determinato A tempo indeterminato Totale

9 Pag. 9 di 34 L attenzione di eni verso le proprie persone si concretizza anche mediante percorsi di formazione e di aggiornamento continuo, che costituiscono gli strumenti per favorire lo sviluppo personale e professionale, oltre che un elemento essenziale nel contribuire alla qualità del lavoro. Continua l impegno di eni a costruire un ambiente di lavoro capace di valorizzare il contributo di tutti attraverso gli strumenti di sviluppo, la comunicazione e la formazione rappresenta uno degli obiettivi principali di eni e della sua politica di gestione delle risorse umane. Eni prosegue la formazione rivolta ai dipendenti finalizzata non solo alla crescita professionale nelle competenze tecniche, con particolare riferimento ai temi HSEQ (sicurezza, salute, ambiente e qualità), ma anche delle competenze relazionali, metodologiche e personali, infatti le ore di formazione hanno registrato un incremento notevole dal 2011 al In particolare nel 2013 le ore di formazione sono state pari a per un investimento complessivo di di euro, il 62% delle ore di formazione è stato dedicato alla formazione dei nuovi giovani assunti. Nel 2013 si è concluso il percorso di formazione dei giovani tutti provenienti dalla Basilicata, che nel corso dell anno hanno alternato la formazione in aula e in campo. I giovani lucani, addetti di produzione, sono stati impegnati in sessioni formative in aula presso la sede dell Assoil school di Viggiano su materie quali HSE (Salute, Sicurezza e Ambiente), lingua inglese, Matematica, Fisica, Chimica, Elementi di Termodinamica, e attraverso fasi di stage per fornire ai partecipanti del percorso formativo la possibilità di poter vedere ed analizzare direttamente in campo e tutte le unità costituenti l'impianto Val d Agri, già analizzate precedentemente in aula durante le fasi teoriche.

10 Pag. 10 di 34 La formazione DIME Ore di formazione di cui HSE e qualità di cui lingua e informatica di cui comportamento/comunicazione di cui professionale-trasversale di cui ore istituzionali di cui professionale tecnico-commerciale Spesa in formazione

11 Pag. 11 di 34 Ore di formazione per area tematica 2013

12 Pag. 12 di L INDOTTO DIRETTO DI ENI DISTRETTO MERIDIONALE

13 Pag. 13 di 34 a. METODOLOGIA D INDAGINE Per avere una fotografia dell'attuale composizione dell'indotto diretto DIME si è ritenuto necessario, come per le scorse due rilevazioni, effettuare un'indagine sul campo attraverso l'invio, tramite posta elettronica, di un questionario alle aziende appaltatrici e subappaltatrici del DIME. Queste ultime dopo averlo compilato, hanno poi provveduto ad inviarlo completo delle informazioni richieste e necessarie ai fini dell'analisi. (auto somministrazione con restituzione differita). L indagine è stata condotta su un totale di 163 aziende tra appaltatori e subappaltatori, in dettaglio su 163 questionari inviati: 118 aziende risultano avere dipendenti impiegati in attività DIME (+8 rispetto alla rilevazione 2012); 15 aziende non hanno dipendenti impiegati in attività DIME; 12 aziende non hanno inviato la scheda di rilevazione; 4 aziende hanno un contratto in fase di attivazione, quindi ancora non effettivamente operative per le attività DIME. 14 aziende forniscono servizi o operano in altri settori della logistica. In questa terza rilevazione il questionario è stato arricchito da ulteriori specifiche sui dipendenti ed è orientato ad approfondire le caratteristiche delle unità impegnate in attività DIME residenti nella regione Basilicata, e in particolare nei comuni 1 interessati dall attività petrolifera e quelli ricadenti nel Programma Operativo Val d'agri-melandro-sauro-camastra 2. Inoltre sono state inserite due nuove domande per conoscere le attività di formazione attivate dall'azienda o affidate ad enti esterni volte ad accrescere e sviluppare il know-how dei propri dipendenti. Il questionario è composto da due sezioni: 1. Dati aziendali attraverso la quale viene rilevato: se si tratta di appaltatore o subappaltatore; la Ragione Sociale; la Sede Legale; la presenza di eventuali sedi periferiche in Basilicata; la tipologia di contratto; la durata del contratto; 1 I comuni oggetto di indagine sono:calvello, Grumento, Marsico Nuovo, Marsico Vetere, Moliterno, Montemurro, Paterno, Spinoso, Tramutola, Viggiano 2 I comuni facenti parte del Programma Operativo Val d'agri (oltre quelli già indicati sopra) sono i seguenti: Castelmezzano, Accettura, Cirigliano, Stigliano, Pietrapertosa, Aliano, Anzi, Armento, Brienza, Brindisi di Montagna, Castelsaraceno, Corleto Perticara, Gallicchio, Gorgoglione, Guardia Perticara, Laurenzana, Missanello, Roccanova, San Chirico Raparo, San Martino d'agri, Sant'Arcangelo, Sasso di Castalda, Satriano di Lucania, Abriola

14 Pag. 14 di 34 il fatturato complessivo relativo all anno 2012; la percentuale di fatturato attribuibile ai lavori DIME. 2. Dati sul personale presenta un set di domande attraverso le quali ricostruire il quadro occupazionale e formativo all interno dell azienda, quali: Numero complessivo dei dipendenti; Numero dei dipendenti impegnati in attività DIME; Numero dei dipendenti impiegati in attività DIME residenti in Basilicata, nei comuni della Val d Agri, del POV, in altre Regioni italiane o altri Paesi UE; Qualifica dei dipendenti impiegati in attività DIME divisi per sesso, età e titolo di studio e residenza; Numero dei dipendenti impiegati in attività DIME per tipologia contrattuale/per residenza; Corsi di formazione professionale interni o esterni all'impresa; Partecipazione dei dipendenti ad attività di formazione professionale che non siano corsi. Di seguito si riporta l elenco delle aziende censite: 1. 3vverdevalle Viaggi s.n.c. 2. Baker Hughes s.r.l. 3. Bng s.r.l. (Appaltatore) 4. Castellano Costruzioni Generali s.r.l. 5. Cmp Scrl Consorzio Milanese Progettazione 6. Consorzio Universitario In Ingegneria Per La Qualita' E L'innovazione 7. Criscuolo Eco-Petrol Service s.r.l. 8. Ecologica s.p.a. 9. Expertise s.r.l. 10. Frank's International s.r.l. 11. Hulliburton Italiana s.r.l. 12. Ireos s.p.a. 13. Italsabi s.r.l. 14. Iula Berardino s.r.l. 15. Laser Lab s.r.l. 16. M.I.N.A. Service s.r.l. 17. Nov Downhole 18. Pcm s.r.l. 19. Petroservices Mediterranea s.r.l. 20. Proger s.p.a. 21. Riem Service s.r.l. 22. Sering Italia s.r.l. 23. Siad Macchine Impianti s.p.a. 24. Tecnomare s.p.a. 25. Tecnoparco Valbasento s.p.a.

15 Pag. 15 di The It Group Italia s.r.l. 27. Ttc s.r.l. 28. Tu.Ca.M. s.r.l. 29. A. Capasso & C. s.r.l. 30. A.T.I. Petroltecnica Spa - The It Group Italia s.r.l. 31. Abb S.P.A. P.A. Division 32. Aecom Italy s.r.l. 33. Apm s.r.l. 34. Ati Trs-Semataf-De Cristofaro-Real Service-Crotonscavi 35. Autolavaggio E Gommista Fortunato Angelo 36. Ava s.p.a. 37. Basis Engineering s.r.l. 38. Bng s.r.l. (Subappaltatore) 39. Breda Energia s.p.a. 40. Bureau Veritas Italia s.p.a. 41. C.S. Impianti s.r.l. 42. Chelab s.r.l. 43. Cisb - Consorzio Imprese Sviluppo Basilicata (Magazzino) 44. Cisb - Consorzio Imprese Sviluppo Basilicata (Rete Raccolta 45. Co.R.I. s.r.l. 46. Consorzio Iniziative Val D'agri 47. Consorzio Lucan Oil 48. Copgo Services s.r.l. 49. Dajan s.r.l. 50. Dcf Eco Trans De Co s.r.l. 51. De Cristofaro s.r.l. 52. Delta s.r.l. 53. Despe s.p.a. 54. E.B.C. s.r.l. Unipersonale 55. Econet s.r.l. 56. Ecosistem s.r.l. 57. Ecosud s.r.l. 58. Eletecno St s.p.a. 59. Elett.R.A. s.r.l. 60. Ergo s.r.l. 61. Erm Italia s.p.a. 62. Erreffe Progetti sas Di Rocco Festa & C. 63. Esastudio s.r.l. 64. Euro Costruzioni s.r.l. 65. Euroseal s.r.l. 66. Feem Servizi s.r.l.

16 Pag. 16 di Frigomeccanica Group s.r.l. 68. Garramone Michele & Figli snc 69. Gdm 70. Geolog s.r.l. 71. Geom Rocco Caruso s.r.l. 72. Gielle s.r.l. 73. Golder Associates s.r.l. 74. Iis Service s.r.l. 75. Impes Service s.p.a. 76. Italfluid Geoenergy s.r.l. 77. Lauria Viaggi s.r.l. 78. Lucania Energy s.r.l. 79. Lucus s.c.sr.l. 80. Lux Impianti s.r.l. 81. M.A.V. s.r.l. 82. Magadrill snc 83. Mwh s.p.a. 84. National Service Company s.r.l. 85. Nico s.p.a. 86. Nolitalia s.r.l. 87. Nuovo Pignone s.p.a. 88. Officine Dandrea Angelo (Appaltatore) 89. Officine Dandrea Angelo (Subappaltatore) 90. Officine Meccaniche Gallaratesi s.p.a. 91. Paradivi Servizi s.r.l. 92. Pergemine s.p.a. 93. Proenergy s.r.l. 94. Pronto Interventi Sida 95. R.T.I. Sa. Gest - Sa. Gest Lavori Generali s.r.l. 96. Ram Meccanica s.r.l. Socio Unico 97. Rina Services s.p.a. 98. Rti Bonatti Spa/Irem Spa/Carlo Gavazzi Impianti s.p.a. 99. Rti Cengineering Srl/D'appolonia s.p.a S&T Servizi Di Ingegneria Per Il Territorio s.r.l S.D.I. Automazione Industriale s.p.a S.I.S. s.r.l Sabre Safety Ltd 104. Saipem s.p.a Semataf s.r.l Sergen s.r.l 107. Shelter s.r.l.

17 Pag. 17 di Sieco Service 109. Sintesis s.r.l Sivam s.r.l Smape 112. Soc.Coop. Vigilanza Citta' Di Potenza 113. Spina Group s.r.l Sudelettra s.p.a Teco s.r.l Tiemme s.r.l Trs Servizi Ambiente s.r.l Weatherford Mediterranea s.p.a.

18 Pag. 18 di 34 b. ANALISI DESCRITTIVA DEI DATI SEZIONE 1 Delle 118 aziende censite 98 risultano appaltatrici (83,05%), 18 subappaltatrici (15,25%) e 2 ricoprono entrambi i ruoli (1,7%). Delle 118 aziende censite 38 risultano con sede legale in Basilicata di queste 26 aziende hanno sede nella provincia di Potenza (di cui 21 aziende con sede nei comuni della Val d'agri) e 12 nella provincia di Matera. Per quel che riguarda l eventuale presenza di ulteriori sedi periferiche lucane, nel 71,2% la risposta è negativa. Nell anno 2012 il fatturato complessivo delle aziende ammonta a ,36 e il fatturato attribuibile ai lavori DIME è pari a ,62, in media incide del 18% su quello totale delle aziende. TIPOLOGIA AZIENDA FATTURATO ATTRIBUIBILE A LAVORI DIME ( ) AZIENDE APPALTATRICI ,65 AZIENDE SUBAPPALTATRICI ,97 TOTALE ,62 In particolare per le aziende con sede legale nella regione Basilicata il fatturato, derivante da attività DIME, è stato così ripartito: TIPOLOGIA AZIENDA FATTURATO ATTRIBUIBILE A LAVORI DIME ( ) AZIENDE APPALTATRICI/SEDE LUCANA ,91 AZIENDE SUBAPPALTATRICI/SEDE LUCANA ,85 TOTALE ,76 Il fatturato delle suddette aziende ( ,76 Mil. ) rappresenta il 32,87% del fatturato totale dell indotto DIME 2012.

19 Pag. 19 di 34 SEZIONE 2 Dalla seconda sezione del questionario si ricava che sono 2533 i dipendenti impegnati in attività dirette per il Distretto Meridionale. Un incremento del 10% rispetto ai 2146 della scorsa rilevazione (tenuto conto dell incremento del numero di imprese). La ripartizione geografica dell occupazione derivante dall indotto diretto DIME risulta così configurata: DIPENDENTI PER RESIDENZA NUMERO RESIDENTI IN ALTRE REGIONI ITALIANE 1454 RESIDENTI IN BASILICATA: RESIDENTI IN AREA PROGRAMMA VAL D'AGRI RESIDENTI IN ALTRI COMUNI DEL POV 62 - RESIDENTI IN ALTRI COMUNI DELLA BASILICATA 314 RESIDENTI IN ALTRI PAESI UE 2

20 Pag. 20 di 34 Considerando che il gruppo di intervistati delle rilevazioni sono differenti, il numero di addetti per impresa è aumentato. Il fenomeno è presente anche in Basilicata, con un incremento di addetti per impresa del 21,89%. Il numero di addetti residenti nell Area Programma Val d Agri 3 è incrementato del 4,47%. Entrando nel dettaglio delle distribuzioni di addetti a livello comunale, di seguito riportiamo le disaggregazioni territoriali Area Programma Val d Agri ed Altri comuni del PO DIPENDENTI PER COMUNE DI RESIDENZA IN AREA PROGRAMMA VAL D AGRI NUMERO ARMENTO 0 CASTELSARACENO 6 CORLETO PERTICARA 45 GALLICCHIO 5 GRUMENTO NOVA 41 GUARDIA PERTICARA 15 MARSICO NUOVO 34 MARSICOVETERE 132 MISSANELLO 3 MOLITERNO 46 MONTEMURRO 29 PATERNO 53 ROCCANOVA 4 SAN CHIRICO RAPARO 6 SAN MARTINO D'AGRI 8 SANT'ARCANGELO 8 SARCONI 32 SPINOSO 12 TRAMUTOLA 44 VIGGIANO Il confronto è stato effettuato con il numero di addetti Area Programma Val d Agri del secondo censimento (dove consentito dalla disaggregazione territoriale disponibile)

21 Pag. 21 di Dipendenti per comune - Area Programma Val d'agri DIPENDENTI PER COMUNE DI RESIDENZA IN ALTRI COMUNI DEL POV 4 NUMERO CALVELLO 22 CASTELMEZZANO 0 ACCETTURA 0 CIRIGLIANO 0 STIGLIANO 1 PIETRAPERTOSA 1 ALIANO 0 ANZI 0 BRIENZA 19 BRINDISI DI MONTAGNA 1 CASTELSARACENO 6 GORGOGLIONE 1 LAURENZANA 2 SASSO DI CASTALDA 5 SATRIANO DI LUCANIA 7 ABRIOLA 1 4 Manca il comune di appartenenza di 2 unità

22 Pag. 22 di Dipendenti per comune altri comuni del POV

23 Pag. 23 di 34 I dipendenti impiegati in attività del Distretto Meridionale per singola qualifica come riportato nella tabella seguente risultano così distribuiti: DIME BASILICATA VAL ALTRI ALTRI COMUNI DIPENDENTI PER D AGRI 5 COMUNI POV BASILICATA QUALIFICA OPERAI SEMPLICI MANOVALI CARPENTIERI SALDATORI ELETTRICISTI STRUMENTISTI OPERATORI CND TUBISTI AUTISTI SETTORE AMMINISTRATIVO SETTORE TECNICO ALTRI IMPIEGATI DIRIGENTI ALTRE CATEGORIE TOTALE In questa parte dell analisi viene considerata Val d Agri come aggregazione territoriale in cui ricadono le estrazioni petrolifere. Vengono considerati dunque i comuni di: Grumento Nova, Marsico Nuovo, Marsico Vetere, Moliterno, Montemurro, Paterno, Sarconi, Calvello, Spinoso, Tramutola, Viggiano. 6 Nella variabile "altre categorie" troviamo le seguenti qualifiche: magazzinieri, meccanici, aiuto perforatore, capo cantiere, capo perforatore, perforatore, pontista, Tool Pusher, Tour Pusher, chimici, conduttori macchine, consulenti, escavatoristi, guardie giurate, infermieri, muratori, operatori well testing e addetti alla manutenzione, personale tecnico addetto al campionamento e al ritiro campioni, responsabile assicurazione qualità, responsabile sistema di gestione ambientale, ricercatori, service Engineer, sondatori, sorveglianti, supervisori H2S, tecnici hardware e software, trivellatore

24 CALVELLO GRUMENTO NOVA MARSICO NUOVO MARSICOVETERE MOLITERNO MONTEMURRO PATERNO SARCONI SPINOSO TRAMUTOLA VIGGIANO Rel. N Pag. 24 di 34 TOTALE DIPENDENTI PER QUALIFICA OPERAI SEMPLICI MANOVALI CARPENTIERI SALDATORI ELETTRICISTI STRUMENTISTI OPERATORI CND TUBISTI AUTISTI IMPIEGATI SETTORE AMMINISTRATIVO IMPIEGATI SETTORE TECNICO ALTRI IMPIEGATI DIRIGENTI ALTRE CATEGORIE

25 Pag. 25 di 34 La distribuzione per categoria di sesso, sbilanciata sul sesso maschile, conta 96% degli addetti per questa categoria, ed il restante 4% per la categoria di sesso femminile. Le percentuali non si discostano se entriamo nel dettaglio degli addetti residenti in Val d Agri, Basilicata e PO. I dati relativi alla fascia d età riportano le seguenti percentuali il 49,03% dai 35 ai 50 anni, il 30,71% dai 25 ai 35 anni e il 3,79% under 24. Stesso andamento per quanto riguarda i residenti in Basilicata, sia per quanto riguarda il totale che per il dettaglio per comune. Rispetto al censimento 2011, la distribuzione rimane invariata. TOTALE DIPENDENTI PER FASCIA D'ETÀ DIME BASILICATA DI CUI RESIDENTI IN VAL D AGRI DI CUI RESIDENTI IN ALTRI COMUNI DEL POV DI CUI RESIDENTI IN ALTRI COMUNI DELLA UNDER BASILICATA DAI 25 AI 35 ANNI DAI 35 AI 50 ANNI OVER 50 ANNI TOTALE Dipendenti per fascia d'età

26 Pag. 26 di 34 Se confrontiamo i livelli di occupazione per classi di età con i corrispondenti tassi a livello regionale (2012), ci accorgiamo che per quanto riguarda l occupazione giovanile (classe di età 15-35) il tasso di occupazione del settore è più alto rispetto alla media regionale. TOTALE DIPENDENTI PER FASCIA D'ETÀ ADDETTI DIME BASILICATA (%) TASSO MEDIO REGIONE BASILICATA (%) DAI 15 AI 35 ANNI 32,96 29,2 DAI 35 AI 50 ANNI 50,88 55,8 OVER 50 ANNI 16,15 15 I dipendenti impiegati in attività del Distretto Meridionale per singola qualifica, per fascia d'età, come riportato nella tabella seguente risultano così ripartiti: QUALIFICA UNDER 24 DAI 25 AI 35 ANNI DAI 35 AI 50 OVER 50 ANNI OPERAI SEMPLICI MANOVALI CARPENTIERI SALDATORI ELETTRICISTI STRUMENTISTI OPERATORI CND TUBISTI AUTISTI IMPIEGATI SETTORE AMMINISTRATIVO IMPIEGATI SETTORE TECNICO ALTRI IMPIEGATI DIRIGENTI ALTRE CATEGORIE TOTALE

27 Pag. 27 di 34 Per quanto riguarda il titolo di studio dei 2533 addetti il 23,5% ha la licenza media, il 44,9% è in possesso di diploma, il 30,5% di laurea. DIPENDENTI TOTALE BASILICATA DI CUI RESIDENTI IN RESIDENTI IN PER TITOLO DI DIME RESIDENTI ALTRI ALTRI STUDIO IN VAL D AGRI COMUNI DEL POV COMUNI DELLA BASILICATA LICENZA ELEMENTARE LICENZA MEDIA DIPLOMA LAUREA POSTLAUREA TOTALE Dipendenti per titolo di studio varie aggregazioni territoriali Infine, il 74,73% dei dipendenti dell indotto ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Il dato ha subito un lieve incremento se confrontato con lo stesso dato dello scorso censimento (74,58%).

28 Pag. 28 di 34 Tuttavia, data la congiuntura economica sia nazionale che regionale, la tenuta di questa variabile in particolare, assieme alla tenuta dei numeri riguardanti gli impiegati delle classi più giovani (15-35), è un segnale molto positivo per l economia della regione. TOTALE DIPENDENTI PER TOTALE ALTRI BASILICATA DI CUI DI CUI DI CUI TIPOLOGIA CONTRATTUALE DIME PAESI UE RESIDENTI IN VAL RESIDENTI IN ALTRI RESIDENTI IN ALTRI D AGRI COMUNI COMUNI DEL POV DELLA BASILICATA TEMPO INDETERMINATO TEMPO DETERMINATO A PROGETTO ALTRE TIPOLOGIE TOTALE Dipendenti per tipologia contrattuale

29 Pag. 29 di 34 c. LA FORMAZIONE PROFESSIONALE NELL INDOTTO DIME Un altro aspetto molto importante da tenere in considerazione, e sicuramente determinante per la performance delle aziende dell indotto, riguarda la partecipazione dei propri dipendenti, con il sostegno dell impresa, a corsi di formazione professionale interni o esterni. Per quanto riguarda i corsi interni, il riscontro è positivo per il 77,1% dei casi. Per quanto riguarda invece corsi di formazione professionale offerti esternamente, il dato è positivo per il 72% dei casi. Alcune imprese sostengono i propri dipendenti per la partecipazione altre attività di formazione professionale non configurate come corsi. Le categorie considerate sono: L apprendimento pianificato mediante formazione sul lavoro, utilizzato per i propri dipendenti dal 63,6% delle aziende; L apprendimento pianificato mediante rotazione delle persone in vari posti di lavoro, utilizzato da circa la metà delle imprese dell indotto La partecipazione a conferenze, workshop, fiere commerciali e seminari. Le aziende che hanno sostenuto i propri dipendenti in queste attività sono il 55,9% L apprendimento mediante l autoformazione (es. e-learning autogestito). In questo caso in numero di aziende scende al 32,2%.

30 Pag. 30 di 34

31 Pag. 31 di 34 d. AZIONI INTRAPRESE DALLE AZIENDE IN CONSIDERAZIONE DI QUANTO PREVISTO DAL PROTOCOLLO LOCAL CONTENT. Il 5 ottobre 2012 Regione Basilicata, Eni, Cgil, Cisl e Uil, Confindustria, Alleanza delle cooperative, Rete Imprese Italia - Basilicata e Confapi, riunite nel Tavolo Obiettivo 2012, hanno sottoscritto il "Protocollo d Intesa per la promozione di iniziative nel settore geo - minerario finalizzate allo sviluppo regionale, alla tutela della salute e sicurezza e dell occupazione locale". Il Protocollo ha l obiettivo di definire i principi di collaborazione tra le parti firmatarie e le azioni reciproche volte a favorire: la comunicazione dei programmi delle attività per lo sviluppo; le modalità di approvvigionamento; la valorizzazione e salvaguardia delle risorse umane; il coinvolgimento delle piccole e medie imprese e delle professionalità presenti nel territorio regionale. Alcune delle azioni intraprese dalle aziende dell'indotto diretto DIME: Assunzione di dipendenti residenti nella Regione Basilicata (in particolare zona Val d'agri); Trasformazione dei contratti a progetto o di collaborazione in contratti a tempo determinato; Utilizzo preferenziale di fornitori di beni e servizi locali, ove disponibili, incentivando la formula dell'approvvigionamento a "chilometro zero"; Attivazione di ditte locali per servizi da svolgere in loco (es. tipografie, rilievi); Formazione in modalità e-learning, formazione specifica in sito, audit in campo; Garantita la conformità alle migliori pratiche a tutela della salute e sicurezza sul lavoro grazie anche a certificati di gestione integrata qualità/ambiente/sicurezza; Ottenimento certificazione ambientale UNI EN ISO 14001:2004; Avvio procedura di certificazione OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series); Partecipazione alle procedure di successione d'appalto di cui all'asse V del protocollo, sottoscrivendo con le parti sociali ed eni gli appositi verbali di chiusura positiva, garantendo non solo il mantenimento dei livelli occupazionali ma assicurando anche la stabilizzazione dei contratti a tempo determinato o di somministrazione delle aziende cedenti appalto, allo scopo di preservare e non disperdere il know-how acquisito dalle maestranze lucane, con particolare riferimento a quelle locali dell'area della Val d'agri; Attivazione partnership con società lucane; Organizzazione di corsi di specializzazione in collaborazione dell'assoil School, destinati esclusivamente a giovani diplomati e laureati residenti nei comuni della Val d'agri.

32 Pag. 32 di CONCLUSIONI Nella distribuzione del patrimonio energetico nazionale, la Basilicata gioca un ruolo importante per il Sistema Paese, attualmente è uno dei poli più importanti in Europa, sia per le riserve sfruttabili di petrolio e gas naturale, sia per la produzione. Nel settore dei servizi minerari si sono sviluppati importanti distretti come Ravenna, Abruzzo, Toscana, e ultimamente la Basilicata. La dimensione del giacimento esistente e gli investimenti avviati, seppure con grandi difficoltà, disegnano uno scenario caratterizzato da una crescita sicura del distretto petrolifero lucano e importanti potenzialità di sviluppo in ogni settore: energetico, tecnologico, ambientale. In questo contesto, a fine 2008 è stato istituito a Viggiano il Distretto Meridionale di eni divisione esplorazione e produzione -, al fine di garantire un migliore raccordo con il territorio e le istituzioni locali ed una maggiore efficienza nella gestione delle attività in campo. Eni E&P Distretto Meridionale, ha avviato nel 2011 in collaborazione con la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) una rilevazione dati delle aziende operanti nell indotto, per offrire una visione più ampia della ricaduta occupazionale al fine di fornire una mappatura delle aziende che forniscono beni e servizi e valutare l impatto occupazionale determinato dall attività petrolifera in Val d Agri e più in generale sul territorio lucano. Dai dati delle rilevazioni emerge che, oggi le imprese che lavorano nell indotto eni in Val d Agri sono una realtà diversificata di aziende di manutenzione, di servizio, di collaudo e progettazione impianti, smaltimento residui di lavorazione, opere edili e di altre attività. Un insieme di servizi diretti e indiretti, affidati a ditte terze, che riguardano non solo il funzionamento del Centro Olio ma anche dei pozzi petroliferi afferenti. L occupazione in Val d Agri non ha subito le forti contratture che hanno caratterizzato i settori industriali del resto del Paese, anche nell attuale periodo di crisi economica. Eni è impegnata in un forte coinvolgimento della manodopera locale: 10 anni fa la manodopera locale rappresentava solo il 10% degli occupati e poco più nell indotto; nel 1998 anno di sottoscrizione del Protocollo di intenti eni Regione Basilicata si registrava un numero totale di 400 occupati, oggi si registra un numero totale di occupati nel settore petrolifero in Basilicata di cui 348 dipendenti diretti e occupati indiretti. Questo impegno è stato sancito nel 2012 attraverso la sottoscrizione di un importante accordo tra la Regione Basilicata, eni, le organizzazioni sindacali e le sigle datoriali, il Protocollo d Intesa per la promozione di iniziative nel settore geo-minerario finalizzate allo sviluppo regionale, alla tutela della salute e sicurezza e dell occupazione locale, per favorire lo sviluppo del lavoro per le persone e le imprese locali in sinergia tra tutti gli attori coinvolti. Entrando più nello specifico delle dinamiche occupazionali in Val d Agri, è utile approfondire le stesse legate al settore petrolifero ed in particolare alle attività del Distretto Meridionale (DIME) eni e l indotto da esso generato. Il DIME presenta un organico, al 31 Dicembre 2013, di 348 dipendenti (2013), dato che fa registrare un incremento del 10% rispetto all anno precedente e di cui circa il 60 per cento è residente in Basilicata. L indotto è composto da 118 aziende tra appaltatori e subappaltatori, con un fatturato attribuibile a commesse DIME pari a circa 171 milioni per il 2012.

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata

Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata Tabella: Istanze di permessi di ricerca per idrocarburi in Basilicata Arrivo Nome istanza Società Kmq Comuni Fase 1 01/09/2005 ANZI Eni 117,4 Abriola, Anzi, Brindisi Montagna, Calvello, Pignola, Potenza,

Dettagli

Allegato C. Catalogo dell Offerta Formativa

Allegato C. Catalogo dell Offerta Formativa Allegato C Catalogo dell Offerta Formativa Corso per "ADDETTO AL CONTROLLO QUALITA " (Quality Controller) DESCRIZIONE DEL CORSO E FINALITÀ Il corso ha la finalità di formare una figura junior che non abbia

Dettagli

eni in Basilicata Local Report 2013

eni in Basilicata Local Report 2013 eni in Basilicata Local Report 2013 Siamo un impresa integrata nell energia, impegnata a crescere nell attività di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas

Dettagli

L adozione internazionale in Basilicata

L adozione internazionale in Basilicata 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme L adozione internazionale in Basilicata 995000 I dati del Gruppo del Volontariato Solidarietà 000 8 9 4 Basilicata Regione Notizie Viaggio tra le norme

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Eni in Local Report 2014

Eni in Local Report 2014 Eni in Basilicata Local Report 2014 Missione Siamo un impresa integrata nell energia, impegnata a crescere nell attività di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio

Dettagli

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi

Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Prot. 164 Potenza, lì 14 Febbraio 2012 Ai Signori Allevatori Loro Sedi Oggetto: servizio di raccolta e smaltimento delle carcasse animali. Le APA di Potenza e di Matera comunicano di aver stipulato un

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii

900.000,00 7 342.000,00 313.600,00 base ai limiti stabiliti dal D.Lgs. 192/2005 e ss.mm.ii Avviso Pubblico Bando per la concessione di agevolazioni per la progettazione e realizzazione di interventi per il contenimento dei consumi energetici degli edifici pubblici e degli impianti di illuminazione

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI ED INDUSTRIALI COMMERCIALIZZAZIONE MATERIALI ELETTRICI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI ED INDUSTRIALI COMMERCIALIZZAZIONE MATERIALI ELETTRICI IMPIANTI ELETTRICI CIVILI ED INDUSTRIALI COMMERCIALIZZAZIONE MATERIALI ELETTRICI CHI SIAMO LUX IMPIANTI S.r.l., costituita nel 2003, è un Azienda giovane e pronta ad affermarsi e competere in ambito commerciale

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA. TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004

RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA. TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004 RELAZIONE SULLA GESTIONE DELLA TOSCANA SERVIZI S.c.p.a. PER L'ANNO 2004 *** Signori soci I dati relativi alla gestione di Toscana Servizi Scpa per l anno 2004 segnano il consolidamento del fatturato e

Dettagli

Formazione ANIMA. Corso di formazione in preparazione all esame di qualifica EGE (Esperti in Gestione dell Energia)

Formazione ANIMA. Corso di formazione in preparazione all esame di qualifica EGE (Esperti in Gestione dell Energia) Salò (BS), 6 8 maggio 2015 oppure Milano, 13-15 maggio 2015 Corso di formazione in preparazione all esame di qualifica EGE (Esperti in Gestione dell Energia) Introduzione: L Esperto in Gestione dell Energia

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società La Società G & A S.p.A. nasce dalla fusione dei rami d azienda trasporto prodotti petroliferi di AUTOSPED G S.p.A. e AGOGLIATI G. & B. S.r.l. G & A S.p.A. opera nel settore

Dettagli

Literalia Formazione srl

Literalia Formazione srl Literalia Formazione srl PRINCIPALI PROGETTI FORMATIVI REALIZZATI DA LITERALIA FORMAZIONE SRL Ente di formazione Professionale accreditato presso la Regione Lazio per l Orientamento, la Formazione Superiore

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

Il giorno XX, presso la sede della Provincia di Lecco, P.zza Lega Lombarda, 4 Lecco, TRA

Il giorno XX, presso la sede della Provincia di Lecco, P.zza Lega Lombarda, 4 Lecco, TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI LECCO, LA CAMERA DI COMMERCIO DI LECCO E L ASSOCIAZIONE NETWORK OCCUPAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI FORMATIVI PROGETTATI SULLA BASE DELL ANALISI DEI FABBISOGNI

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro

INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro INDAGINE ALMALAUREA 2015 SUI DOTTORI DI RICERCA Tra perfomance di studio e mercato del lavoro Pochi, molto qualificati e con performance occupazionali brillanti: l Indagine AlmaLaurea del 2015 fotografa

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Gli stakeholder Fornitori

Gli stakeholder Fornitori Gli stakeholder Fornitori Fornitori Trasparenza, imparzialità, correttezza e presidio dei principi di sostenibilità sono alla base delle attività di approvvigionamento dei beni e dei servizi aziendali.

Dettagli

TITOLI MINERARI VIGENTI PERMESSI DI RICERCA E CONCESSIONI DI COLTIVAZIONE DI IDROCARBURI (*)

TITOLI MINERARI VIGENTI PERMESSI DI RICERCA E CONCESSIONI DI COLTIVAZIONE DI IDROCARBURI (*) TITOLI MINERARI VIGENTI PERMESSI DI RICERCA E CONCESSIONI DI COLTIVAZIONE DI IDROCARBURI (*) Gli 11 permessi di ricerca vigenti in Basilicata sono ubicati prevalentemente a cavallo delle province di e

Dettagli

COMUNICAZIONE AZIENDALE

COMUNICAZIONE AZIENDALE Pag. 1/8 Redatto: E. Brichetti Versione: 01 Data emissione: Ottobre 2014 Firma Data Rivisto: Approvato: M.L. Orler M.L. Orler Distribuito a: Personale CLA e Parti Interessate esterne all Azienda Pag. 2/8

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA

16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province. Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA 16 Rapporto Nazionale sulla Formazione Indagine su Comuni e Province Nicoletta Bevilacqua Responsabile Ufficio Monitoraggio e ricerca FormezPA Obiettivi della presentazione Illustrare i principali risultati

Dettagli

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software

Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Casale SA.. Utilizzata con concessione dell autore. Casale SA: l adozione di SAP riunisce le molteplici realtà gestionali aziendali in un unico software Partner Nome dell azienda Casale SA Settore EPC

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

La Transizione scuola lavoro

La Transizione scuola lavoro La Transizione scuola lavoro Come facilitare la transizione scuola lavoro dei giovani diplomati Dott.ssa Rita Allia Dott.ssa Cristina Lecci SIFI Società Industria Farmaceutica Italiana - SpA Catania, 28

Dettagli

La fotografia dell occupazione

La fotografia dell occupazione La fotografia dell occupazione La dimensione aziendale Come osservato precedentemente in Veneto il 97,3% delle imprese ha un numero di addetti inferiore a 19 e raccoglie il 60,5% del totale degli occupati

Dettagli

ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT

ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT Progettualità innovativa per lo sviluppo del capitale umano e del business www.ideamanagement.it www.praxi.com La value proposition della partnership Idea Management e PRAXI

Dettagli

Master di II livello in Ingegneria del Petrolio

Master di II livello in Ingegneria del Petrolio Master di II livello in Ingegneria del Petrolio Politecnico di Torino Prof. F. Verga Background - Industria petrolifera Peculiarità dell industria petrolifera: è altamente tecnologica impiega personale

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

Presentazione dei Corsi di Formazione GPS rev. 2 del 24/02/2014 PRESENTAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE GIACOMINI PROFESSIONAL SERVICE

Presentazione dei Corsi di Formazione GPS rev. 2 del 24/02/2014 PRESENTAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE GIACOMINI PROFESSIONAL SERVICE PRESENTAZIONE DEI CORSI DI FORMAZIONE GIACOMINI PROFESSIONAL SERVICE INDICE 1. OBIETTIVI... 3 3. CARATTERISTICHE CORSI GPS... 3 4. REQUISITI DI ACCESSO... 3 4.1 REQUISITI DELLA SOCIETA DI SERVIZI/ DITTA

Dettagli

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta.

Sei stato sospeso, ti trovi in mobilità, hai perso il lavoro? Fai la mossa giusta. UNIONE EUROPEA MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Investiamo nel vostro futuro

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF

Le evidenze dell analisi del patrimonio informativo di EURISC Il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF Barometro CRIF della domanda di credito da parte delle famiglie: a ottobre ancora vivace la domanda di mutui (+42,5%) e prestiti finalizzati (+17,8%). In controtendenza, si consolida la flessione dei prestiti

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP

Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino. Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP Dialogare con il cliente esterno ed interno per un miglior servizio al cittadino Giusi Miccoli - Amministratore Unico ASAP CHI È ASAP ASAP Società in house della Regione Lazio Finalità Formazione del personale

Dettagli

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015

Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati Industria del Senato della Repubblica lunedì 16 novembre 2015 Audizione SAIPEM Commissioni congiunte Attività Produttive della Camera dei Deputati e Industria del Senato della Repubblica Saipem: un'eccellenza italiana nel Mondo (1 di 2) Filmato 2 Saipem: un'eccellenza

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

Comunità Montana Alto Agri

Comunità Montana Alto Agri Originale Copia Comunità Montana Alto Agri IN LIQUIDAZIONE Via Ferdinando Petruccelli della Gattina, 14-85050 Villa d Agri di Marsicovetere (PZ) Tel. 0975-354512 Fax 0975 354532 PEC : liquidazione@pec.altoagri.it

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER I SERVIZI DI INGEGNERIA. (Rev. 14 Edizione febbraio 2016)

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER I SERVIZI DI INGEGNERIA. (Rev. 14 Edizione febbraio 2016) ( Edizione febbraio 2016) Pagina 1 di 22 Indice Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Istituzione del Sistema di qualificazione Documentazione correlata e modelli di dichiarazioni Requisiti speciali per la

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

L infermiere al Controllo di Gestione

L infermiere al Controllo di Gestione L infermiere al Controllo di Gestione Una definizione da manuale del Controllo di gestione, lo delinea come l insieme delle attività attraverso le quali i manager guidano il processo di allocazione e di

Dettagli

DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2013

DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2013 DESCRIZIONE E ANALISI DELL ATTIVITA FORMATIVA DEL 2013 1. Analisi dei dati per l anno 2013 L analisi dei dati sulla formazione svolta in tutto l anno, prende in considerazione tre ambiti o aree differenti

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO

MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO MERCATO DEL LAVORO: ATTORI E FUNZIONI NOZIONE FINALITÀ AUTORIZZAZIONE: REGIME ORDINARIO AUTORIZZAZIONE: REGIME PARTICOLARE ACCREDITAMENTO REQUISITI GIURIDICI GENERALI REQUISITI GIURIDICI E FINANZIARI PARTICOLARI

Dettagli

Studio sulla Logistica Sostenibile

Studio sulla Logistica Sostenibile Studio sulla Logistica Sostenibile Marino Cavallo, Provincia di Bologna Cristina Gironimi, Provincia di Bologna Seminario Studi e Analisi sulla logistica sostenibile Bologna, 22 Novembre 2011 Progetto

Dettagli

Independent Market Energy Saving Consulting

Independent Market Energy Saving Consulting Independent Market ALENS è ESCo certificata UNI CEI 11352 da TÜV SUD Una nuova realtà nel settore della consulenza in campo energetico, nata dall esperienza pluriennale dei soci. Independent Market Chi

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e

R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e R e s p o n s a b i l i t à S o c i a l e Carimali e la Responsabilità Sociale Non solo soddisfare pienamente gli obblighi giuridici applicabili ma anche andare al di là, investendo sempre di più nel capitale

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

PIANO DI OFFERTA INTEGRATA DI SERVIZI. Ambito Val d Agri

PIANO DI OFFERTA INTEGRATA DI SERVIZI. Ambito Val d Agri Allegato A PIANO DI OFFERTA INTEGRATA DI SERVIZI Ambito Val d Agri P.O. FESR 2007-2013 ASSE VI INCLUSIONE SOCIALE (Approvato con D.G.R. 1410/2010) Parte A Partenariato e territorio Partnership istituzionale

Dettagli

La Relazioni Industriali nella Pelletteria Fiorentina

La Relazioni Industriali nella Pelletteria Fiorentina La Relazioni Industriali nella Pelletteria Fiorentina Intervento di Giovanni Rizzuto Seg. Gen. Femca Cisl Firenze Prato SEMINARIO NAZIONALE MODA FEMCA CISL NAZIONALE 9 ottobre 2014 FEMCA CISL FIRENZE PRATO

Dettagli

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo

Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Schede di approfondimento sulle nuove Società del Gruppo Il profilo Fondiaria-Sai è una compagnia assicurativa specializzata nel settore Danni, con una posizione di rilievo nei rami Auto. È frutto della

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA APPROFONDIMENTI / 75 BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA LUCA CITTADINI, Direttore Gruppo Sogin L e applicazioni del nucleare non si

Dettagli

4 I LAUREATI E IL LAVORO

4 I LAUREATI E IL LAVORO 4I LAUREATI E IL LAVORO 4 I LAUREATI E IL LAVORO La laurea riduce la probabilità di rimanere disoccupati dopo i 30 anni L istruzione si rivela sempre un buon investimento a tutela della disoccupazione.

Dettagli

TRA LA REGIONE BASILICATA, LA SOCIETA ENI S.p.A., LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI E IMPRENDITORIALI DELLA BASILICATA

TRA LA REGIONE BASILICATA, LA SOCIETA ENI S.p.A., LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI E IMPRENDITORIALI DELLA BASILICATA TRA LA REGIONE BASILICATA, LA SOCIETA ENI S.p.A., LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI E IMPRENDITORIALI DELLA BASILICATA, PER LA PROMOZIONE DI INIZIATIVE NEL SETTORE GEO MINERARIO FINALIZZATE ALLO SVILUPPO REGIONALE,

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012 PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA Giuseppe Roma DG Censis Roma 29 novembre 2012 La forza della cooperazione nell economia italiana 80 mila cooperative Circa 1 milione 350 mila occupati (7,2%

Dettagli

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo Poli di Innovazione Decisione CE 2006/C/323/01; Decreto M.I.S.E. 27/3/2008 n. 87 POR FESR ABRUZZO 2007-2013 Attività I.1. Sostegno alla creazione dei Poli di innovazione Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari

Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari Professione Educatore Domiciliare Storia delle iscritte all Elenco Provinciale Pistoiese di Educatrici Domiciliari La Regione Toscana aveva previsto nel PEZ (Piano Educativo Zonale) 2013/ 2014 al Punto

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili)

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) 1 I NUMERI DELLA DMO Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) Occupa oltre 450.000 dipendenti su 1.845.000 del commercio Investe ogni anno

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri Salary Survey Technicians & Engineers In esclusiva per il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri Interim & specialized recruitment www.pagepersonnel.it Page Personnel Italia SpA Chi siamo

Dettagli

PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO

PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO PRESENTAZIONE RISULTATI PRELIMINARI DELL INDAGINE FONDAZIONI D IMPRESA PER I GIOVANI COME FAR CRESCERE IL VIVAIO 11 febbraio 2015, Senato della Repubblica Il contesto di riferimento Due principali criticità

Dettagli

LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI AI FUNZIONARI E DIRIGENTI PUBBLICI

LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI AI FUNZIONARI E DIRIGENTI PUBBLICI PROTOCOLLI D INTESA PER LA COLLABORAZIONE VOLTA ALL INCREMENTO DELLA FORMAZIONE E DELL AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E LA REALIZZAZIONE DI MASTER INDIRIZZATI

Dettagli

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012

POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA. Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 Le Reti d Impresa POLITICHE E INCENTIVI PER LE RETI D IMPRESA Confartigianato Imprese Pisa Pisa, 16 maggio 2012 1 Introduzione L esigenza di fare rete riguarda tutte le imprese ma è ancora più importante

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Indagine conoscitiva tra le Organizzazioni registrate EMAS in Friuli Venezia Giulia a cura della SOS Promozione e Controllo qualità di ARPA FVG L Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente, oltre

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia

Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia Il Sapere Essere nei bisogni formativi del Terzo Settore: un indagine esplorativa a Milano e provincia a cura di Vincenzo Russo, Davide Jabes e Cinzia Sciangula dell Università IULM di Milano 1 Premessa

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

Le politiche della Regione Toscana per l internazionalizzazione delle imprese

Le politiche della Regione Toscana per l internazionalizzazione delle imprese Le politiche della Regione Toscana per l internazionalizzazione delle imprese 1 I bandi più recenti per il sostegno dei processi di internazionalizzazione delle PMI toscane sono stati pubblicati nel 2009

Dettagli

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014

Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Comunicato Stampa Mantova, 18 febbraio 2014 I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE PER IL PRIMO TRIMESTRE 2014 Il Servizio Informazione e Promozione Economica della Camera di Commercio di Mantova rende

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli