I Fondi Paritetici Interprofessionali nel sistema umbro della Formazione Continua

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Fondi Paritetici Interprofessionali nel sistema umbro della Formazione Continua"

Transcript

1 Agenzia Umbria Ricerche I Fondi Paritetici Interprofessionali nel sistema umbro della Formazione Continua Rapporto di ricerca 2009

2 AGENZIA UMBRIA RICERCHE L Aur, Agenzia di ricerca della Regione Umbria, in riferimento alla realtà regionale svolge le seguenti funzioni: cura la raccolta, l osservazione e l analisi dei dati riferiti alle principali grandezze economiche, sociali e territoriali; svolge studi e ricerche sulle trasformazioni e gli andamenti congiunturali della struttura economica; predispone i dati conoscitivi a supporto della elaborazione delle politiche territoriali ed economico-finanziarie della Regione; redige un rapporto sull andamento economico e sociale della regione. Presidente: Claudio Carnieri Direttore: Anna Ascani Comitato Scientifico Istituzionale: Giovanni Bellini, Simone Budelli, Elvira Lussana, Paolo Raffaelli, Tommaso Sediari, Alvaro Tacchini Area Socio Economica: Elisabetta Tondini Area Sviluppo Locale e Innovazione: Mauro Casavecchia Area Amministrativa Contabile: Nadia Versiglioni Area Documentazione: Giuseppe Velardi Comunicazione: Nicoletta Moretti Responsabile editoriale: Giuseppe Coco Responsabile editing: Fabrizio Lena Agenzia Umbria Ricerche - Via Mario Angeloni, 80/A Perugia Tel Fax Tutti i diritti riservati - L utilizzo, anche parziale, è consentito a condizione che venga citata la fonte

3 PROGETTO: I FONDI PARITETICI INTERPROFESSIONALI NEL SISTEMA REGIONALE DELLA FORMAZIONE CONTINUA Il progetto I Fondi Paritetici Interprofessionali nel sistema regionale della formazione continua è stato realizzato dall Agenzia Umbria Ricerche su incarico della Regione Umbria e finanziato nell ambito della Misura D1 del Programma Operativo Regionale Ob , della L. 236/93 e della L. 53/2000. Il progetto costituisce un arricchimento della ricerca precedentemente svolta dall Aur in merito alla Formazione Continua in Umbria. L obiettivo generale del progetto è stato quello di fornire all Amministrazione regionale un contributo fattivo finalizzato a favorire il percorso di integrazione e coordinamento del complesso degli interventi di Formazione Continua sia di derivazione pubblica che privata. In sintesi, il progetto si è sviluppato: - da un lato, attraverso lo studio della genesi, dei meccanismi di funzionamento, del ruolo e delle attività dei Fondi Paritetici Interprofessionali, nonché degli strumenti di governance della formazione messi in atto da altre realtà regionali a seguito dell Accordo tripartito tra Ministero del Lavoro, Regioni e Parti Sociali dell aprile 2007; - dall altro, attraverso un attività di relazione che ha facilitato il confronto ed il raccordo tra gli attori dello scenario umbro - Istituzioni e Parti Sociali - in merito alla costruzione di un sistema coordinato e coerente di formazione continua. Oltre al lavoro di ricerca, costituisce output del progetto l Accordo per il coordinamento, la programmazione e l integrazione delle attività di Formazione Continua, firmato tra Regione Umbria e Parti Sociali il 25 giugno GRUPPO DI LAVORO Coordinamento generale: Mauro Casavecchia Esperto: Franco Frigo Ricercatori: Stefano Fanini, Davide Ficola, Giacomo Frau, Elisa Fuschi, Enza Galluzzo. RINGRAZIAMENTI Si desidera ringraziare i rappresentanti delle Istituzioni, delle Parti Sociali e dei Fondi Paritetici Interprofessionali, nonché i funzionari delle altre Regioni coinvolte, per il prezioso apporto di informazioni, dati e suggerimenti fornito, attraverso l ampia adesione alle interviste individuali e agli incontri collettivi, alla finalizzazione della ricerca e all elaborazione del testo dell Accordo.

4

5 I Fondi Paritetici Interprofessionali nel sistema umbro della Formazione Continua INDICE Il punto sulla Formazione Continua 7 Il ruolo dei Fondi Paritetici Interprofessionali 33 Sistemi di gestione dei Fondi Paritetici Interprofessionali: elementi di specificità rispetto al Fondo Sociale Europeo I Fondi Paritetici Interprofessionali in Umbria: il monitoraggio quantitativo Il raccordo della Formazione Continua 149 Fondi Paritetici Interprofessionali e Formazione Continua in Umbria: considerazioni conclusive 193 Appendici 199 Riferimenti Bibliografici 287

6

7 IL PUNTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA 1 Tredici anni di Formazione Continua in Italia: un bilancio sintetico Il sistema nazionale di Formazione Continua ha cominciato a configurarsi a partire dal In quell anno le Regioni del Centro Nord hanno iniziato a raccogliere i primi frutti della Programmazione del DOCUP dell Obiettivo 4 dei Fondi Strutturali e il Ministero del Lavoro, con l apporto determinante delle Regioni e delle Parti sociali, ha messo a punto la prima Circolare attuativa di quanto disposto dal comma 3 dell articolo 9 della legge 236 del Per la prima volta nel nostro Paese, a partire dalla riforma dei Fondi Strutturali del 1985 che aveva reso il sistema formativo italiano dipendente dal FSE al 90% circa, venivano messe a disposizione delle imprese e dei lavoratori risorse per progetti formativi non cofinanziate dal FSE. Si trattava di una novità estremamente significativa perché con la legge 236/93 si apriva un capitolo nuovo nel panorama delle politiche formative, uno spazio destinato a costituire il terreno favorevole alla ri-costruzione dell intero sistema sulla base di rapporti rivisti tra centro e periferia e tra istituzioni pubbliche e rappresentanze delle forze economiche e sociali. La formazione professionale italiana, nata nel secondo dopoguerra per coniugare lavoro e formazione degli adulti che avevano perso il lavoro a causa del conflitto bellico, negli anni 60 e all inizio degli anni 70 si era trasformata in un sistema para-scolastico cui, di fatto, veniva affidato allo Stato il compito di recupero dei drop-outs dalla scuola dell obbligo e di prima formazione professionale di base per i giovani disoccupati appartenenti alla generazione del cosiddetto baby boom. La svolta giovanilista della Formazione Professionale ha trovato alimento nella attenzione della politica per i quasi due milioni di persone in cerca di prima occupazione che in quegli anni avevano riempito gli Uffici di Collocamento alla ricerca di una qualche opportunità di impiego. Lo spostamento di enormi quantità di risorse per la formazione verso i fabbisogni dei giovani ha cominciato a creare una situazione di disagio nell Amministrazioni pubbliche negli anni 80, quando le Associazioni di categoria dei datori di lavoro cominciarono a premere per ottenere un 1 I primi tre paragrafi del presente capitolo sono stati curati da Franco Frigo, il quarto paragrafo da Enza Galluzzo e il quinto da Giacomo Frau. 7

8 sostegno alla modernizzazione delle Piccole e Medie Imprese e per poter completare i processi di riconversione delle grandi imprese dei settori industriali più esposti alla competizione industriale (auto, siderurgia, cantieristica, chimica, etc.). Da queste spinte sono giunti a maturazione i processi concertativi che hanno portato nel 1992 e nel 1993 ad Accordi sulle politiche sociali e sulle politiche contrattuali che solo in questi giorni sono stati oggetto di revisione. La legge 236 del 1993 propone all articolo 9 norme che portano a ridefinire l utilizzo del contributo delle imprese per la formazione (lo 0,30% del monte salari versato all INPS dalle imprese private come prevede l articolo 25 della legge quadro della Formazione Professionale 845 del 1978) e, soprattutto, prevede che il Ministero del Lavoro e le Regioni possano finanziare attività di aggiornamento e di qualificazione per alcune categorie di lavoratori: i lavoratori degli enti nazionali di formazione, i lavoratori delle imprese che contribuiscono alle spese della formazione almeno nella misura del 20%, i lavoratori in Cassa Integrazione e i lavoratori già impegnati nei Lavori Socialmente Utili. La Circolare del Ministero del Lavoro 174 del dicembre 1996 ha previsto per la prima volta l utilizzo delle risorse disponibili presso il Ministero del Lavoro, dopo l impegno del cofinanziamento dei programmi del FSE, per la totalità dei potenziali destinatari dei commi 3 e 3 bis dell articolo 9 della legge citata. Le Parti sociali, che avevano partecipato attivamente alla costruzione dello strumento, nel senso che avevano contribuito fortemente a indirizzare la stesura del testo della Circolare ministeriale, ottengono che siano considerati prioritari i progetti presentati con l accordo delle parti sociali. Per la prima volta nell intero sistema formativo italiano viene affermato il principio del valore della concertazione ai fini della priorità nel finanziamento pubblico di un progetto (formativo) e, in via subordinata, per la prima volta viene affermato il principio del valore generale di una azione, quella che porta all accordo tra le parti, che viene espressa da due soggetti che tutelano interessi particolari, ovvero interessi di una parte del tutto. Un sistema di Formazione Continua come quello che si costruisce attorno all esperienza della legge 236/93 è un sistema che nasce dalla concertazione, si consolida con l emanazione di norme (da ricordare che la legge 236/93 non è altro che la legge di conversione del Decreto Legge 148/93, ovvero di una norma che presenta misure urgenti per lo sviluppo dell occupazione) e si dipana attraverso atti a carattere regolamentativi non di particolare rilievo dell Amministrazione (il Ministero del Lavoro), come le Circolari (in una prima fase) e i Decreti Direttoriali (nella fase più recente). 8

9 Per costruire il sistema di Formazione Continua che ora riconosciamo dalla vasta pratica diffusa nei nostri territori si è scelto negli anni 90 di seguire, forse in modo allora non del tutto consapevole, allora alcune direttrici: - basso profilo istituzionale dello strumento normativo (Circolari e Decreti Direttoriali); - basso profilo istituzionale nella governance (un Gruppo di lavoro Ministero, Regioni e Parti sociali, poi trasformato nel novembre 1997 in Comitato di Indirizzo per la Formazione Continua ex legge 236/93, con la stessa composizione e in più con la presenza dell Isfol); - sperimentalità delle soluzioni proposte; - governo tecnico dei processi attraverso l affidamento all Isfol del compito di elaborazione, monitoraggio e supporto tecnico-scientifico; - gradualità nella proposizione delle soluzioni a carattere più innovativo (dai progetti ai piani, dai progetti interaziendali e aziendali ai progetti a domanda individuale come i voucher, dall apertura a tutte le imprese a priorità per le imprese minori); - valutabilità delle esperienze realizzate (dal 2002 l Isfol viene incaricato dal Ministero del Lavoro di redigere un Rapporto annuale sulla Formazione Continua); - esportabilità delle soluzioni proposte (già nella Programmazione del FSE sono presenti quali proposte di buone pratiche modalità di Formazione Continua sperimentate all interno dei finanziamenti ex lege 236/93, in particolare per quanto attiene all aspetto dell individualizzazione dei bisogni formativi e della risposta sulla base della domanda individuale, etc.). In base a quanto ora detto, è nei Rapporti annuali sulla Formazione Continua (Rapporti del Ministero del lavoro al Parlamento previsti dall Articolo 66 della legge 144 del 1999 e predisposti con il supporto tecnico-scientifico dell Isfol) che si dispiega, tra cronaca e storia, lo sviluppo di quella che abbiamo chiamato, ad un certo punto, la via italiana alla Formazione Continua. L enfasi posta sugli aspetti peculiari e sui caratteri distintivi dell esperienza italiana si giustifica forse per la lunga, e per certi versi inspiegabile, assenza di una vera e originale modalità di risposta delle autorità italiane alle esigenze di competenza di lavoratori e imprese. Per troppo tempo l Italia ha presentato nel panorama europeo un eccezione, in negativo, ovvero l assenza di un sistema di regole e di un reale sistema di Formazione Continua e questo ha certamente contribuito a trasformare molti degli attori istituzionali e sociali in soggetti poco sensibili a questa problematica. Ci sono voluti anni e anni di pratica, e non necessariamente di buone pratiche formative, per affermare 9

10 il valore, ai fini dello sviluppo delle imprese e del miglioramento delle condizioni dei lavoratori, degli investimenti in conoscenza. Sono state solo le decisioni assunte in sede europea che hanno dato l abbrivio a nuove scelte (in primo luogo, come detto, con l introduzione dell Obiettivo 4 della Programmazione ) e solo successivamente le Parti sociali e il Ministero del Lavoro si sono attivati per tradurre la concertazione già effettuata in materia di politiche formative in opzioni concrete. E stata però la massa dei progetti e dei piani formativi finanziati dal Ministero del Lavoro e dalle Regioni e sono stati gli accordi (resi obbligatori per legge) che hanno accompagnato i piani che hanno a poco a poco trasformato anche gli scettici in favorevoli alla pratica formativa per i lavoratori occupati. Ora il sistema c è, è visibile ed è maggiormente intercettabile da parte degli operatori economici da quando sono nati, a partire dal 2001, i Fondi Paritetici Interprofessionali. Il sistema della formazione professionale rappresenta domanda ed offerta, rappresenta i fabbisogni espressi ed è alla ricerca di soluzioni migliorative sia sul fronte della emersione dei bisogni di conoscenze e di competenze da trasformare in risposta formativa, sia sul fronte di un diverso approccio per quanto riguarda l insieme delle proposte formative da mettere in gioco. Se le Università italiane si stanno domandando come costruire un rapporto di scambio con le imprese e con i lavoratori in materia di alta formazione, lo si deve anche alla consapevolezza che vi sono attori sociali importanti, ad esempio i Fondi Paritetici Paritetici Interprofessionali, che finanziano piani formativi sia per operai e impiegati che per dirigenti e quadri. Il sistema esistente va monitorato nelle sue espressioni concrete (il sostegno alle imprese e ai lavoratori) e va sviluppato, nel senso che va preparato e allenato, ai necessari cambiamenti che vengono resi indispensabili dall evolversi dell economia sia in tempi di crescita che in tempi, come quelli attuali, di recessione. In questi tredici anni lo Stato centrale ha perso molte delle proprie competenze in materia di formazione professionale attraverso un processo di devoluzione verso le Regioni (e verso le Province per quanto riguarda l incontro tra domanda e offerta di lavoro), ma ha mantenuto un ruolo rilevante per quanto attiene la formazione dei lavoratori occupati. L arricchimento dell articolazione del sistema di FC che è dovuto alla nascita dei Fondi Interprofessionali ha anche segnato questa ri-centralizzazione dei momenti decisionali. Questa svolta, che sa di ritorno all antico si spiega con il fatto che il contributo delle imprese alla formazione (lo 0,30% del monte salari che fa parte, dal 1978 ad oggi, dell 1,61% dell assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione involontaria ) è riversato, per ora, 10

11 almeno fino a nuovi stadi del processo avviato con il federalismo fiscale, nelle casse centrali dell INPS e dal 1978 rappresenta il fondamento finanziario e normativo di tutto il nostro sistema di tutela dei lavoratori. Il contributo dello 0,30% del monte salari viene utilizzato per le politiche formative ed il restante 1,31% è a disposizione per i trattamenti di disoccupazione posti in essere soprattutto in caso di chiusura d impresa. Per i primi 10 anni (a partire dal 1978) i contributi delle imprese per la formazione sono serviti a cofinanziare i progetti formativi che venivano presentati a Bruxelles da enti di formazione e da imprese o loro raggruppamenti (venivano finanziati all incirca 1000 progetti all anno). Nei dieci anni successivi lo 0,30% è servito al Ministero del Tesoro-IGRUE per cofinanziare i piani di formazione professionale delle regioni italiane oggetto di approvazione da parte della Commissione europea (piani che prevedevano interventi soprattutto in favore di giovani e di persone in cerca di prima occupazione). Solo da tredici anni a questa parte lo 0,30% del monte salari è destinato prevalentemente, anche se non ancora esclusivamente - come invece era stato richiesto dalle Parti sociali nelle varie fasi del processo concertativo degli anni 90 - per finanziare la Formazione Continua dei lavoratori (dipendenti) occupati o temporaneamente disoccupati. Con queste risorse l Italia riesce a favorire la formazione di circa il 3% dei lavoratori occupati, in un contesto nel quale ogni anno circa il 28% dei lavoratori del settore privato dell economia partecipa ad una iniziativa. Il risultato non sembra estremamente positivo, ma va detto che gli interventi sostenuti dai vari attori del sistema pubblico hanno creato le condizioni culturali e infrastrutturali per lo sviluppo di iniziative a carattere del tutto privato sia sul fronte della domanda (aziende che con il supporto delle proprie strutture interne o di consulenti cercano soluzioni sul mercato per i propri fabbisogni di competenze) che dell offerta (sono nate tante nuove società che si sono lanciate nel business della formazione degli occupati). Il sistema si è sviluppato e si è rafforzato, pur mantenendo all interno diverse contraddizioni, anche attraverso le cosiddette Azioni di sistema realizzate sia nell ambito dei Piani nazionali o regionali cofinanziati dal FSE, sia nelle azioni ex lege 236/93 e sia con le Azioni propedeutiche dei programmi Operativi d Azione (POA) elaborati dai Fondi Paritetici nella loro fase di start up e approvati dal Ministero del Lavoro. La Formazione Continua in Italia nel 2008 Le osservazioni dei fenomeni, condotte nell anno appena trascorso in occasione della stesura del Rapporto 2008 al Parlamento sulla Formazione 11

12 Continua, fanno riferimento ad uno scenario di difficoltà crescenti nell economia italiana, ma non ancora di crisi conclamata e ad una fase che precede di poco la dichiarazione da parte dell Istat dello stato di recessione tecnica anche per l Italia, dopo che la recessione era stata già dichiarata in altri grandi paesi europei e dell area Ocse. In questo periodo si è assistito, da una parte, alla sostanziale tenuta di alcuni fondamentali della Formazione Continua quali l operatività di Regioni e Fondi Interprofessionali e, dall altra, alla crescita del numero delle imprese (in particolare delle Unità Locali Produttive-ULP) che, rispondendo alle domande dell indagine Excelsior, hanno dichiarato di aver svolto attività di formazione nell anno In particolare si è assistito ad un incremento netto del 2% ascrivibile in toto al miglioramento della propensione formativa delle micro e delle piccole imprese. L andamento generale del trend, indicato dalle percentuali delle ULP che avevano coinvolto nelle attività formativa proprio personale almeno una volta nell anno è, statisticamente, una precisa rappresentazione di quanto avviene nelle imprese minori anche perché, in questo caso, le unità locali coincidono con l impresa nel suo insieme. Mentre non sorprende che le ULP delle Medie e Grandi Imprese segnino un aumento, dal momento che il dato fornito dal Centro Studi Unioncamere risultava negli anni scorsi decisamente inferiore al dato ricavato dalle indagini italiane realizzate dall Isfol (mi riferisco alle indagini INDACO-Imprese Indagini sulla conoscenza nelle imprese) e dall Istat, nell ambito del programma Eurostat (Continuing Vocational Training Survey CVTS), il dato riferibile alle imprese minori non può non richiedere un esame attento e un tentativo di interpretazione. L analisi dei comportamenti delle Regioni e delle Province autonome che gestiscono le risorse dei Programmi Operativi cofinanziati dal FSE, le risorse ex lege 236/93 per la Formazione Continua e le risorse del comma 4 dell articolo 6 della legge 53 del 2000 non spiega e non giustifica un miglioramento di tali performances dal momento che ci sono abbondanti ritardi nell erogazione dei finanziamenti da parte di molte Amministrazioni e anche perché non è sempre evidenziata una priorità in favore delle imprese minori. Il miglioramento che si è verificato nel numero delle piccole imprese che hanno promosso o reso possibile la formazione dei loro dipendenti, a questo punto, probabilmente è imputabile in grande misura alla accresciuta capacità dei Fondi Paritetici Interprofessionali (FPI) di elaborare Avvisi con l indicazione di target legati sia a specifici territori che ai settori prevalenti di attività economica rappresentati nei Fondi stessi. In quasi tutti i Fondi sono presenti notevoli percentuali di imprese minori. Uno degli obiettivi espliciti della scelta fatta a suo tempo di dar vita anche in Italia a Fondi gestiti in 12

13 forma paritetica dalle Parti sociali era quello di favorire il passaggio di molte imprese dal segmento delle non formative a quello delle formative. E stato segnalato a più riprese negli studi e nei Rapporti sullo stato della formazione che in Italia si vive in modo molto dicotomico l approccio alla formazione: poche imprese fanno tanta formazione (nel senso che i lavoratori di alcune imprese hanno l opportunità di partecipare a più iniziative formative anche nel corso di uno stesso anno solare) e moltissime imprese non solo non creano esse stesse opportunità formative per i propri dipendenti, ma neppure permettono loro di partecipare ad iniziative individuate dagli stessi lavoratori come attività di loro interesse. Tanti fattori hanno contribuito a creare questa situazione di un sistema economico estremamente frammentato: in primo luogo la dimensione di impresa e, di seguito, la localizzazione e il settore di attività. Prevale, quale fattore condizionante la sottovalutazione del valore della formazione, in ogni caso, la variabile dimensionale anche perché nel caso delle micro imprese cresce il peso della proprietà all interno del totale degli addetti; sia nel caso della produzione manifatturiera che nel caso dei servizi tradizionali, il profilo degli addetti (titolari, coadiuvanti, famigliari, dipendenti e apprendisti) è praticamente lo stesso ed è assimilabile a quello delle figure operaie e impiegatizie di livello medio e medio-basso, ovvero figure segnate da un livello di scolarizzazione inferiore alla media nazionale e con una preparazione e una competenza professionale che è cresciuta solamente attraverso le dirette esperienze lavorative. Un assetto di impresa che rende, a breve, erogabile una buona prestazione ma che difficilmente saprebbe reggere un cambiamento che non fosse di carattere incrementale. In questo quadro, la scoperta di un innalzamento di due punti percentuali del numero delle imprese che fanno formazione, da 19,9 a 21,9, rappresenta indubbiamente un segnale molto positivo soprattutto per le piccole imprese del settore terziario e un segnale di preoccupazione per l industria in senso stretto (sette punti sotto la media) e ancor più per l industria tessile (bloccato a un terzo della media nazionale). Sopra la media, il settore delle costruzioni che sembra riuscire a coniugare al meglio e a valorizzare la propria esperienza di bilateralità contrattuale (espressa dalla rete capillare delle Casse Edili e delle Scuole Edili gestite pariteticamente dalle Parti sociali del settore) con le opportunità offerte dai Fondi Paritetici e dalle Regioni per aumentare la formazione tecnica e la formazione sulla sicurezza e sulla salute nei luoghi di lavoro. Oltre ai dati dell Indagine Excelsior, per esaminare la situazione della Formazione Continua nelle imprese italiane, nel corso del 2008 si sono resi disponili i dati dell indagine europea CVTS 3 (realizzata, nell ambito della 13

14 ricerca Eurostat, dall Istat e, per la prima volta anche dall Isfol) che, pur riferendosi all anno 2005, permettono di commentare i comportamenti delle imprese italiane con 10 o più addetti per vederne orientamenti e strategie più o meno consolidati. Nel Rapporto 2007 al Parlamento sulla Formazione Continua erano già state anticipate alcune tabelle tratte da una prima pubblicazione Istat - Statistiche in breve e in quella sede, sulla base dei primi indicatori, si segnalava come l Italia fosse rimasta al terz ultimo posto in Europa per il numero di imprese formatrici, come era già successo nel 1999, (in occasione dell Indagine CVTS 2) con la differenza di una platea allargata ora ai nuovi Paesi entrati nell Unione Europea (i dati si riferiscono a 27 Paesi). Si segnalava, sempre nel 2007, che la percentuale delle imprese che facevano formazione era passata dal 24% al 32% e che la distanza con l Europa si era un po ridotta rimanendo però l Italia a una percentuale di poco superiore alla metà della media europea (pari al 60%). Quello che aveva stupito nell esame dei dati della CVTS2 era stato il constatare che su un solo indice l Italia eccelleva ed era il costo orario della formazione, organizzata in proprio o acquistata, così come indicato dalle imprese: un ora di formazione era costata nel 1999 all incirca 67 Euro (il valore in lire è stato trasformato prima in ECU e poi in Euro). Scomponendo il valore tra costi diretti e costi indiretti risultava una quota prevalente di costi diretti per i servizi formativi a fronte di un costo del lavoro elevato ma inferiore alla metà del costo totale. Confrontando ora i dati 1999 con i dati 2005 emerge che i costi globali sostenuti dall insieme delle imprese (si ricorda che dall indagine europea sono escluse le micro imprese) sono rimasti sostanzialmente stabili a distanza di sei anni (si tratta di circa tre miliardi e ottocento milioni di euro) e questo pur in presenza di un aumento significativo del numero di imprese formatrici (dal 24% al 32%). Il fenomeno che si è verificato è questo: - nel 1999 il 24% delle imprese contribuiva alla formazione dei propri dipendenti e la formazione aveva una durata media di 32 ore e un costo orario tutto compreso di 67 euro; - nel 2005 i dati si invertono e abbiamo il 32% di imprese formatrici che organizzano la formazione dei propri dipendenti e queste iniziative hanno una durata media per lavoratore pari a 24 ore ed un costo orario tutto compreso di circa 60 euro. Si può affermare che i fattori cambino nel tempo ma che il prodotto della loro moltiplicazione non muta in termini di valore complessivo. Il dato sembra interessante e sufficiente per poter ipotizzare l esistenza di uno zoccolo duro o di una soglia di disponibilità e di compatibilità del 14

15 sistema economico in cui sono presenti le imprese maggiori (delle micro). Esiste probabilmente un mix di fattori che favoriscono e rendono possibili comportamenti interessanti e positivi per l evoluzione del sistema economico e sociale. Si potrebbe pensare quindi a una qualche forma di compatibilità economica e allo stesso tempo di una compatibilità culturale, almeno nel senso che la pratica formativa risulta utile nella percezione di una quota significativa dei responsabili dell economia reale e dell amministrazione. Il tetto alla spesa in formazione individuabile nei dati delle indagini CVTS potrebbe anche significare che il nostro sistema economico, nato dalla cultura del fare, esprime qualche imbarazzo e si trova in difficoltà quando si tratta di assegnare alle pratiche apprenditive un valore maggiore rispetto a quello evidenziato. Il divenire del sistema di Formazione Continua in Italia La parte prevalente della Formazione Continua dei lavoratori in Italia è una formazione a carattere adattivo, nel senso che viene utilizzata per adeguare le competenze dei dipendenti delle imprese a condizioni tecnologiche e organizzative che sono già mutate. Scarsa, o assente, è la formazione per il cambiamento, a carattere anticipatorio e la formazione in contesti di crisi aziendale o settoriale. La prospettiva della chiusura di numerose imprese e della crisi di alcuni settori economici - già interessati da difficoltà nel passato o nuovi a questa esperienza - mette il mondo della formazione nella condizione, ancora una volta, di rispondere a situazioni già problematiche e a una condizione lavorativa mutata con la perdita della relazione di dipendenza dall impresa. Molti di coloro che rischiano il posto di lavoro in questi mesi sono soprattutto coloro che hanno rapporti di lavoro flessibili e che sono meno tutelati dai contratti e dalle norme che finora hanno privilegiato significativamente le imprese maggiori e i loro dipendenti. I dati ci dicono che non sono stati rinnovati migliaia di contratti di lavoro intermittente, o interinale, e migliaia di collaborazioni a progetto. Formare i lavoratori che hanno perso il lavoro, che sono in mobilità involontaria, è sempre stata una situazione difficile da gestire, soprattutto quando a rendere ancor più complessa la situazione è non solo la perdita di posti di lavoro ma anche la chiusura dell azienda e soprattutto la scomparsa di in numero consistente di piccole e micro imprese che con la loro presenza creavano il tessuto economico di un dato territorio. Anticipare il cambiamento non è un obiettivo definito in anni recenti, era l oggetto dell Asse 2 dell Obiettivo 4 della Programmazione del 15

16 Fondo Sociale Europeo. Allora la Commissione europea cercò di stimolare i diversi paesi dell Unione affinché mettessero a punto esperienze e modelli e sperimentassero buone pratiche. Buone pratiche non solo formative, ma anche di consulenza direzionale alle imprese, di analisi e di check up aziendali, di ridisegno organizzativo, di preparazione di quadri e tecnici attenti all innovazione, di rafforzamento del terziario formativo. La problematica dell anticipazione del cambiamento (industriale ma non solo) non è quindi estranea alla nostra pratica programmatoria, è semmai, estranea alla nostra pratica attuativa e gestionale perché ben pochi di quegli stimoli si sono tradotti in esperienze concrete. Val la pena ricordare questa fase della storia della Formazione Continua nel momento in cui si riparla di lanciare politiche preventive. Anticipare è prevenire. I soggetti che più debbono essere coinvolti in queste attività formative, che si rivelano centrali in fase di crisi sono sicuramente i titolari delle micro e piccole imprese i quali, in genere, non hanno gli strumenti né economici né culturali per affrontare la crisi e spesso condividono le stesse condizioni professionali dei loro dipendenti. Se i cambiamenti che si realizzeranno in coincidenza con la crisi e con il suo superamento porteranno alla nascita di nuove attività economiche, più solide e più competitive, va da sé che non è con la formazione aziendale di stampo tradizionale che si favorirà la mobilità e la sopravvivenza del bagaglio professionale per l occupabilità di cui tutti i lavoratori hanno bisogno. Dalle indagini condotte in questi anni sui lavoratori e sul loro sistema di conoscenze e competenze esce un profilo del lavoratore italiano che ha più bisogno di ri-costituire un sistema solido di conoscenze di base, che non un ulteriore quadro di competenze specialistiche di tipo tecnico-professionale e di stampo operativo. I lavoratori italiani, in linea con il profilo della nostra popolazione adulta, hanno una debolezza strutturale intrinseca per quanto riguarda la capacità di utilizzare al meglio le competenze chiave e strategiche dell analisi ed elaborazione linguistica, dell analisi matematica, della capacità di fare elaborazioni logiche complesse. Tutte queste competenze afferiscono alla preparazione di base spesso carente nei soggetti adulti occupati; l intervento formativo più adeguato deve quindi far riferimento non solo alla Formazione Continua di stampo professionale, ma anche a dosi massicce di educazione permanente per creare dal nulla una nuova piattaforma di conoscenze e competenze utili per essere protagonisti e non succubi dei processi di cambiamento presenti nell economia e nella società. Oggi la Formazione Continua si fa soprattutto in aula e con il supporto di enti di formazione che si sono sviluppati grazie ai finanziamenti per la formazione iniziale. Anche la formazione progettata e realizzata all interno 16

17 delle imprese, salvo rare eccezioni, segue lo schema tipico della formazione esterna, con la differenza che nella formazione esterna interaziendale si privilegiano anche tematiche di interesse collettivo, riferibili al settore economico e al territorio, mentre nella formazione interna aziendale a volte si tiene conto solo delle esigenze produttive a breve. Migliorare l efficienza dei processi produttivi attraverso investimenti sul capitale umano è sempre una scelta positiva ma appare sempre più urgente mettere in calendario una formazione - o favorire contesti che rendano possibili processi apprenditivi - che privilegi l acquisizione di conoscenze del tutto nuove piuttosto che il semplice aggiornamento delle (limitate) conoscenze già possedute. In vista dei mutamenti di scenario che ci attendono, più che nuove e ulteriori risorse finanziarie per la Formazione Continua (come troppo spesso si invoca) si sente l esigenza di nuove regole di governance che favoriscano maggiore efficacia degli investimenti operati e di strategia condivisa tra le Istituzioni pubbliche e le Parti sociali. Tratti della Formazione Continua in Umbria Nell ottobre del 2008 l Aur ha pubblicato una prima ricerca sugli interventi formativi attuati nella regione nel periodo avendo a riferimento i finanziamenti del FSE, della L. 236/1993 e della L. 53/2000. Si riprenderanno in questo paragrafo i risultati emersi in tale studio 2 perché forniscono un quadro complessivo del sistema della Formazione Continua in Umbria ed un punto di partenza per l analisi che verrà fatta nei capitoli successivi sulle attività formative originate dai FPI. Le principali linee di tendenza che emergono dalla ricerca del 2008 sono state desunte dalla disamina dei bandi emessi e dall esame dei dati statistici raccolti presso la Regione Umbria al momento della realizzazione della ricerca. Ma soprattutto sono risultate di interesse le evidenze emerse a seguito dell attività di animazione realizzata con la collaborazione dei principali stakeholders locali, che costituiscono la parte più originale del progetto. Per quanto riguarda i bandi esaminati, emessi nel periodo della precedente programmazione da Regione e Province, si è andati a ricercare le direzioni che sono state assunte via via nel tempo. In particolare sono stati evidenziati gli elementi significativi e le logiche rintracciabili nella messa a bando, nelle 2 Il contenuto del presente paragrafo è stato ripreso dal volume La Formazione Continua in Umbria a cura di Pellegrini AUR, novembre 2008, ed in particolare dai capitoli La Formazione Continua in Umbria di Enza Galluzzo e Veronica Contili e Le questioni poste dagli attori di Pellegrini. 17

18 intenzionalità sottese alle modalità di offerta delle risorse, nonché nella definizione delle caratteristiche dei destinatari e degli attuatori. In generale, si evidenzia una dicotomia territoriale tra gli strumenti utilizzati, da un lato, dalla Regione e dalla Provincia di Perugia e, dall altro, dalla Provincia di Terni. Nei bandi emessi da Regione e Provincia di Perugia si coglie un progressivo affinamento degli strumenti nel tempo ed un maggior grado di complessità degli interventi: si è progressivamente passati da progetti con un basso livello di articolazione degli interventi, a progetti che richiedono azioni integrate anche in riferimento a reti di imprese. Fin dai primi bandi, vi è stato anche l utilizzo dei voucher variamente finalizzati. Nella formazione collettiva vi è stata una progressiva sperimentazione di nuovi strumenti: stage, FAD, work experience, ecc.. L analisi dei fabbisogni formativi, di cui si riconosce l importanza, viene rinviata ai soggetti attuatori. Per quanto riguarda in particolare la Provincia di Perugia si evidenzia che negli ultimi bandi si passa a piani formativi complessi, ovvero a progetti quadro che costituiscono una cornice di riferimento da definire in una successiva fase di progettazione esecutiva. In relazione ai destinatari, specialmente nella seconda generazione dei bandi, vi è l inclusione tra i destinatari di lavoratori diversi da quelli tipici e vi è una rinnovata attenzione alle figure dei quadri e dei dirigenti. La logica seguita nella costruzione dei bandi dalla Provincia di Terni, invece, sembra essere di tipo generalista, sia sul piano delle finalità, sia su quello degli interventi finanziabili e dei destinatari. Sembra che non vi sia un indirizzo del flusso dei finanziamenti da parte della Provincia, ma venga privilegiato l intervento verso l intera popolazione purché all interno di regole minime chiare e condivise. L obiettivo che si è posta la Provincia sembra essere stato quello di soddisfare la domanda formativa del tessuto produttivo già esistente nel suo complesso (costituito da PMI), senza intervenire in settori specifici - soltanto con qualche eccezione - puntando soprattutto sull autolettura dei fabbisogni da parte dei soggetti coinvolti (imprese e lavoratori) e sulla integrazione delle risorse. Per quanto concerne poi l esame dei dati analizzati, si evidenziano alcuni elementi caratteristici delle direzioni intraprese dalla formazione in Umbria complessivamente intesa. Tra le attività formative realizzate, la maggior parte è costituita da progetti a partecipazione collettiva che rappresentano più della metà dell universo considerato, mentre i progetti individuali costituiscono il 33% e i progetti non andati a buon fine, ovvero quelli chiusi anticipatamente, il 14%. 18

19 La percentuale più alta delle attività formative collettive è stata realizzata dalla Provincia di Perugia e corrisponde a ben oltre la metà della totalità dei progetti. La situazione si capovolge per la formazione individuale, dove la prevalenza dei corsi è stata svolta dalla Provincia di Terni. Il canale finanziario a cui fa riferimento la maggior parte dei progetti, sia di formazione collettiva sia individuale, è la misura D1 del POR. Per quanto concerne i soggetti gestori, per i progetti di formazione a partecipazione collettiva l insieme dei fornitori risulta diversificato e senza una specifica prevalenza. I progetti individuali, invece, sono stati gestiti prevalentemente da agenzie private accreditate. Per quanto riguarda le tematiche oggetto di formazione, si evidenzia che la maggior dei progetti collettivi (un po meno di un terzo) ha riguardato la gestione aziendale e amministrazione, seguita dalle tecniche di produzione e dall informatica. La tematica con maggiore capacità attrattiva nell ambito della della formazione individuale è stata invece l informatica seguita dalle lingue. Per quanto concerne gli allievi, si rileva che la Provincia di Perugia ha formato circa 3/4 degli allievi registrati nella banca dati regionale. Le classi d età degli allievi che sono state maggiormente coinvolte nelle attività formative sono quelle centrali dei 25-34enni e dei 35-44enni. I due terzi della formazione realizzata è stata rivolta a diplomati e circa il 12% a laureati: pertanto complessivamente oltre il 77% degli allievi ha un livello di scolarizzazione medio alto. In relazione alla differenziazione di genere, la maggior parte dei formati sono uomini e sono concentrati maggiormente su tematiche quali gestione aziendale e amministrativa e tecniche di produzione; le donne, invece, sono state più presenti in corsi dell area dei servizi alle persone, trasporto e vigilanza, sviluppo delle abilità personali, vendita e marketing. Dalle occasioni di incontro e confronto con gli stakeholder (provenienti dalla Regione e delle Province, dalle Agenzie formative, dalle imprese e dalle organizzazioni di rappresentanza) sono poi emerse alcune interessanti evidenze relative al sistema organizzativo e relazionale. Si tratta di ambiti di migliorabilità del sistema di cui ci sembra importante richiamarne almeno alcuni in questa sede. La criticità più significativa rilevata dalle agenzie ma anche dalle imprese riguarda la tempistica della messa a bando e dell approvazione delle proposte formative. Una tempistica diluita tra il momento dell individuazione del fabbisogno, della presentazione della proposta e dell erogazione della attività formativa crea un fenomeno di dispersione di attenzione e di risorse ed in alcuni casi è la causa per cui le aziende decidono di non utilizzare le opportunità offerte dal sistema pubblico della FC. Occorrerebbe pertanto individuare meccanismi per una risposta più immediata alle esigenze. 19

20 Un altra area critica riguarda la necessità di de-burocratizzare l intero processo. Viene lamentata da parte delle aziende la mole di strumenti e regole che si è obbligati a conoscere per accedere adeguatamente all offerta di risorse pubbliche, tanto che molte aziende sono obbligate a rivolgersi alle agenzie o a consulenti specializzati. Da parte delle agenzie si evidenzia poi il carico amministrativo dell attività che, unito alla limitatezza dei margini finanziari di impresa, può rendere le attività messe in cantiere tendenzialmente antieconomiche. La parte amministrativa/ burocratica comporta un notevole dispendio di energie e può configurarsi come una barriera all accesso per alcuni fornitori. Inoltre risulta problematico anche il sistema di monitoraggio in essere, la cui complessità induce le agenzie alla mancata compilazione di alcuni dati, impedendo una esaustiva ricognizione delle attività. Un altra questione riguarda la necessità di flessibilità nelle modalità di erogazione della formazione che risponde a esigenze di una migliore efficacia dell attività. Questo si scontra con la difficoltà di rendicontare le attività di formazione meno tradizionali (coaching, mentoring, tutoring, FAD, ecc.) e conseguentemente produce una evidente contraddizione in quanto, da una parte, viene enfatizzato il processo di personalizzazione dell offerta, e, dall altra, non si consentono cambiamenti sostanziali delle regole di accertamento e di rendicontazione. Esiste quindi nei fatti una supremazia dell aula sia per motivi burocratici, che per una mentalità ancora ancorata alla teoria. Si evidenzia poi l assenza di una sensibilità nei confronti delle attività valutative connesse al sistema formativo. Non tanto le attività valutative del corso in quanto tali (contenuti, apprendimenti, conoscenze), quanto le attività relative alla valutazione di impatto. Questa rappresenterebbe il vero valore aggiunto del sistema, in quanto in grado di evidenziare se l investimento formativo ha avuto gli effetti previsti. Per quanto riguarda la promozione di reti di impresa in un ottica formativa, si è rilevata la differenza esistente tra le reti costituite da gruppi di aziende con dipendenti interessati allo stesso tipo di formazione, funzionali alla costituzione dell aula, e le reti di imprese nate attorno a piani di sviluppo o innovazioni tipiche dello schema distrettualistico. Su quest ultima modalità di azione, è stato evidenziato un certo ritardo da parte delle imprese che non appaiono investire sistematicamente sforzi e risorse in questa direzione. I progetti approvati costituiscono ancora una soluzione sporadica e non sono in grado di promuovere in maniera visibile e continuativa questo approccio. Viene poi complessivamente ribadita l importanza di un sistema organico di analisi dei fabbisogni formativi di cui la maggior parte delle aziende non si può far carico direttamente. L utilizzo sistematico di un tale strumento dovrebbe 20

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa

Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa Piano per l accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa 1. Premessa Le criticità e le difficoltà che incontrano i giovani ad entrare

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Art. 35. Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. Art. 35 Interventi finalizzati all'occupazione, alle politiche attive per il lavoro e di contrasto alla povertà. 1. La Regione, nelle more della piena attuazione delle politiche di sviluppo promosse al

Dettagli

Contrasto al lavoro sommerso

Contrasto al lavoro sommerso Contrasto al lavoro sommerso Nell ambito della L.R. n.30 del 13/08/2007 Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro è stato finanziato il progetto regionale Contrasto al lavoro sommerso e

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Provincia Autonoma TRENTO

Provincia Autonoma TRENTO Provincia Autonoma TRENTO 1 INDICE :::::::::::::: 1. Introduzione a. processo di ascolto 2. Principali temi emersi 3. Le buone pratiche regionali 2 Introduzione 1La Provincia Autonoma di Trento ha attivato

Dettagli

PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI

PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI All. 1 ACCORDO PER IL FINANZIAMENTO DI UN PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DELLA LINGUA ITALIANA DESTINATO AI CITTADINI EXTRACOMUNITARI REGOLARMENTE PRESENTI IN ITALIA.

Dettagli

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO

1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO Allegato 1 AVVISO RIVOLTO AGLI OPERATORI ACCREDITATI PER LA PROMOZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA RELATIVA ALLA DOTE FORMAZIONE E LAVORO SOGGETTI DEBOLI PER L ANNO 2011/2012 1. Obiettivi dell intervento Obiettivo

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI

1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1. CHE COS È LA CARTA DEI SERVIZI 2. PRESENTAZIONE 3. SERVIZI FORNITI E AREE DI INTERVENTO 4. I PRINCIPI FONDAMENTALI 5. TUTELA E VERIFICA 6. DATI DELLA SEDE 1. CHE COS È LA CARTA DEI

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015

in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 in Emilia-Romagna Report di monitoraggio maggio 2014 dicembre 2015 Con la Raccomandazione del 22 aprile 2013 il Consiglio dell Unione Europea ha richiesto agli Stati una riforma strutturale del mercato

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Modalità di accesso e criteri di valutazione

Modalità di accesso e criteri di valutazione Autonome Provinz Bozen-Südtirol Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige Legge Provinciale 10 agosto 1977, n. 29 Modalità di accesso e criteri di valutazione (Delibera G.P. n. 3238 del 17 settembre 2001)

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

Il NUOVO POR FSE 2014-2020

Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Santo Romano INDICE 1. Nuova Programmazione le principali novità 2. Ripartizione Risorse 2014-2020 3. Calendario bandi triennio 2015-2017

Dettagli

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO

SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 01 Titolo: Sistemi E-Commerce per l Agricoltura SEZIONE 0 - DATI IDENTIFICATIVI DEL PROGETTO 02 Acronimo: Agri@ 03 Soggetto proponente capofila e partenariato operativo 03.1. Denominazione soggetto proponente

Dettagli

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA

Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla Regione LOMBARDIA Governance Regionale e sviluppo dei servizi per il lavoro Linea 2. Network degli operatori del mercato del lavoro Garanzia Giovani: Piani Esecutivi regionali e ruolo delle Agenzie Formative Focus sulla

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Lavoro Obiettivi Distanza da colmare. Target PNR Italia 2020. PNR Italia 2020. Target Europa 2020. Europa 2020

Lavoro Obiettivi Distanza da colmare. Target PNR Italia 2020. PNR Italia 2020. Target Europa 2020. Europa 2020 Oggetto: Programmazione Unitaria 2014-2020. 2020. Strategia 1 "Investire sulle Persone". Priorità Lavoro. Il Presidente, di concerto con l'assessore della Programmazione, Bilancio, Credito e Assetto del

Dettagli

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Allegato A PROVINCIA DI COMO SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE E POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE FORMALE ESTERNA DEGLI APPRENDISTI A FINANZIAMENTO PUBBLICO IN PROVINCIA

Dettagli

GARANZIA PER I GIOVANI. Incontro con le Associazioni datoriali. 6 dicembre 2013

GARANZIA PER I GIOVANI. Incontro con le Associazioni datoriali. 6 dicembre 2013 GARANZIA PER I GIOVANI Incontro con le Associazioni datoriali 6 dicembre 2013 1 IL PIANO ITALIANO 2 DESTINATARI Giovani nella fascia di età 15-24 anni ai quali offrire un servizio entro quattro mesi dall

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale dell Immigrazione Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Programmi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI

PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI PIANO STRAORDINARIO PER IL LAVORO IN SICILIA OPPORTUNITÀ GIOVANI Una via innovativa per lo sviluppo nella Sicilia dei giovani La realtà siciliana vive gli effetti più gravi della crisi che continua a colpire

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE

PROVINCIA DI LECCO. Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE ALLEGATO 1 PROVINCIA DI LECCO Programma Provinciale della Legge 236/93 art. 9 comma 3 e 7 INTERVENTI DI FORMAZIONE VOLTI ALLA RICOLLOCAZIONE Piano Provinciale Esecutivo 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 19

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali.

DELIBERAZIONE N. 43/25 DEL 28.10.2014. Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. Oggetto: Flexicurity politiche attive per i lavoratori in uscita dagli ammortizzatori sociali. L Assessore del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale rappresenta che, a seguito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale.

LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE. Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. LEGGE REGIONALE N. 36 DEL 27-11-2006 REGIONE PIEMONTE Autorizzazione ed accreditamento dei soggetti operanti nel mercato del lavoro regionale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 48 del

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che:

VERBALE DI ACCORDO. Il 2005, in Roma. premesso che: VERBALE DI ACCORDO Il 2005, in Roma ABI e.. premesso che: il d. lgs. n. 276 del 10 settembre 2003 ha introdotto una nuova disciplina dell apprendistato, regolando all art. 49, la fattispecie dell apprendistato

Dettagli

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione?

Il riordino del sistema d istruzione e formazione. Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? Il riordino del sistema d istruzione e formazione Vera riforma? Razionalizzazione per ridurre la spesa? Restaurazione? di Paolo Gallana Marzo 2010 Dove nasce il riordino La fonte normativa d origine è

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete

DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione continua Strumenti per la competitività delle imprese venete FONDO SOCIALE EUROPEO IN SINERGIA CON IL FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE POR 2014 2020 Ob. Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione DGR 784 del 14 Maggio 2015 Aziende in rete nella formazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI

I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI I CENTRI TERRITORIALI RISORSE PER LA DISABILITA (CTRH). LINEE GUIDA REGIONALI PREMESSA I Centri Territoriali di documentazione, risorse e servizi trovano la loro ispirazione dalla storia del processo di

Dettagli

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015

Il REPORT GARANZIA GIOVANI IN ITALIA E IN EUROPA. Roma, 26 Marzo 2015 Roma, 26 Marzo 2015 I giovani avviati ad una misura prevista dal Programma Garanzia Giovani sono 49.190, un valore in crescita, nell ultimo mese, del 43,1%. Con la Toscana e la Basilicata continua la presentazione

Dettagli

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs 4 dicembre 2014 Un cordiale buongiorno a tutti i presenti. Grazie, innanzitutto,

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia

Ente Bilaterale del Terziario di Genova e provincia Fondo Interprofessionale FOR.TE. Piano Formativo PIT STOP Relazione Finale 1. Dati identificativi del Piano Piano Formativo: Codice RUP: Natura del piano: Settore: Presentatore: Attuatore: Supporto: Durata

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato B Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI

APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Appunti APPRENDISTATO, UNO STRUMENTO PER AIUTARE I GIOVANI Sono 54 mila i giovani in apprendistato, pari al 15% degli occupati tra i 15 e i 9 anni d età. Nel biennio 009-010 si è registrato un calo complessivo

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive

Capo I Disposizioni in materia di ammortizzatori sociali, servizi per il lavoro e politiche attive Delega al Governo in materia di riforma degli ammortizzatori sociali, dei servizi per il lavoro e delle politiche attive, nonché in materia di riordino dei rapporti di lavoro e di sostegno alla maternità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232

CARTA DEI SERVIZI. Viale Postumia, 37 37069 Villafranca di Verona (VR) Tel. 045/6304651 Fax 045/6300786 C.F. e P.IVA 02468430232 Iscritto all elenco regionale dei soggetti accreditati ai sensi dell art. 25 della Legge Regionale n. 3 del 13 marzo 2009 Disposizioni in materia di occupazione e mercato del lavoro Codice accreditamento:

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R

PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R Allegato A alla Deliberazione di G.P. n 271 del 11-11-2008 PROGRAMMA PROVINCIALE IN ATTUAZIONE DELL ART. 25 DELLA L.R. 12/03 INTERVENTI PER IL RAFFORZAMENTO DELL AUTONOMIA DELLE SCUOLE E PER L ARRICCHIMENTO

Dettagli

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego

Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego Agenzia Regionale per il Lavoro Servizi per l Impiego 2015 Veronica Stumpo Responsabile di posizione organizzativa Centro per l Impiego di Trieste Trieste, 4 novembre 2015 L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE

Dettagli

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE

LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE LA FORMAZIONE INTERNA NEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE Vilmo Pescara Gennaio 2009 Consulente del Lavoro in Novara Il contratto di apprendistato è stato oggetto, nel corso degli anni,

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani

DIPARTIMENTO POLITICHE GIOVANILI. Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Piano straordinario per il lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani Il Piano straordinario per il Lavoro in Sicilia: Opportunità Giovani è parte integrante di una strategia di ampio respiro di rilancio e

Dettagli

27 ottobre 2015. Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola

27 ottobre 2015. Dip. MdL, Formazione, Ricerca e Scuola Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Lombardia. Modifiche alle ll.rr. 19/2007 sul sistema di istruzione e formazione e 22/2006 sul mercato del

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli