APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO"

Transcript

1 Mantova, un territorio che accoglie Assessorato alla Formazione Professionale APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova con il contributo di

2 La pubblicazione Apprendistato: Istruzioni per l uso - Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova è stata realizzata con le risorse trasferite dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali alla Regione Lombardia per le attività inerenti l apprendistato e da quest ultima assegnate alla Provincia di Mantova.

3 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova Premessa Favorire la conoscenza del contratto di apprendistato per un maggior e miglior utilizzo da parte delle imprese e giovani mantovani e facilitare l accesso all offerta di formazione esterna: con questi obiettivi la Provincia di Mantova ha messo in cantiere la pubblicazione di questo semplice manuale che vuole dimostrarsi un utile strumento operativo per il tessuto locale. L esperienza maturata nella programmazione e coordinamento dell offerta formativa per l apprendistato (ormai decennale) da un lato ci ha fatto toccare con mano l esigenza delle aziende ma anche dei lavoratori di comprendere meglio le norme che regolano questo istituto contrattuale, forse per una loro eccessiva complessità che qui cerchiamo di superare, dall altra ha confermato in noi la consapevolezza che la formazione esterna in apprendistato può essere una leva significativa di crescita e sviluppo delle risorse umane e quindi delle imprese mantovane. Sperimentare la formazione non più solo come obbligo ma soprattutto come opportunità è la finalità di fondo di tutto il lavoro della Provincia di Mantova per l apprendistato, specie nel periodo di crisi lavorativa e occupazionale che stiamo vivendo dove, per competere, occorre essere competenti. Carlo Grassi Assessore alla Formazione e Lavoro della Provincia di Mantova 3

4 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO Introduzione Questo testo ha l obiettivo di illustrare le caratteristiche principali del contratto di apprendistato ai giovani che sono o possono essere assunti con tale rapporto di lavoro e delle imprese che li impiegano (o sono interessate a farlo) con questo istituto. È articolato in tre parti: 1. una prima che analizza tutte le diverse tipologie di apprendistato attualmente operative in Italia, sia quelle precedenti alla riforma del 2003 e riferite all art. 16 della l. n. 196/97 (apprendistato in obbligo formativo e extraobbligo formativo), sia quelle introdotte con il D.Lgs 276/03 (apprendistato per l espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione art 48, apprendistato professionalizzante art 49 e apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione art 50 ) soprattutto dal punto di vista normativo (a partire dagli aspetti ancora in vigore della legge nazionale che ha istituito l apprendistato in Italia l.n. 25 del 1955); 2. una seconda che approfondisce la tipologia del contratto di apprendistato professionalizzante per il conseguimento di una qualificazione attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento tecnico professionale per la sua crescente diffusione ed utilizzo anche nel territorio mantovano, illustrandone i meccanismi di funzionamento previsti dalla normativa; 3. una terza che analizza gli aspetti formativi previsti da tale tipologia contrattuale, cercando di tradurre le indicazioni normative in istruzioni operative in modo che le aziende (e i giovani) possano gestire in modo più chiaro vincoli e opportunità previste. Ogni capitolo è organizzato in paragrafi che approfondiscono singoli aspetti e presentano un testo corredato di parole chiave a margine che facilitano l individuazione dei temi trattati. Nella sua stesura è stata tenuta in considerazione, oltre alla normativa, l esperienza maturata in provincia di Mantova dal settore Formazione Professionale e dagli operatori attivi nell offerta formativa per l apprendistato. Il testo è stato chiuso il 15 settembre 2010 e fa riferimento allo stato della normativa in tale data. 4

5 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova Indice PARTE PRIMA Le diverse tipologie di apprendistato in Italia 7 1. L apprendistato: inquadramento generale 7 2. Come funziona il vecchio apprendistato : art 16 L. n. 196/ Il nuovo apprendistato : il d.lgs. n. 276/03 10 PARTE SECONDA - L apprendistato professionalizzante art. 49 d. lgs. n. 276/2003 Aspetti normativi Inquadramento generale Le norme di riferimento Il rapporto di lavoro Obblighi formativi Opportunità e vincoli La conclusione del rapporto di lavoro 23 PARTE TERZA - L apprendistato professionalizzante Aspetti formativi Il Piano Formativo Individuale (PFI) e le norme da seguire Quale formazione per l apprendistato professionalizzante La capacità formativa interna Verso il PFI alcuni passaggi preliminari Come impostare e gestire formazione La formazione esterna La formazione aziendale La formazione integrata Il tutor aziendale La stesura del PFI La realizzazione del PFI La documentazione delle attività formative nel PFI 49 5

6 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO Allegati Esempio di Profilo Formativo CCNL Terziario 6

7 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova PARTE PRIMA Le diverse tipologie di apprendistato in Italia 1. L apprendistato: inquadramento generale Si tratta di un contratto di lavoro subordinato ed è definito a causa mista poiché prevede che l impresa/azienda impartisca o faccia impartire all apprendista assunto alle proprie dipendenze la formazione professionale durante il rapporto di lavoro. Con tale contratto, infatti, l apprendista svolge il proprio lavoro collaborando alla realizzazione dei prodotti e/o servizi dell impresa dietro corrispettivo dell attività svolta e contemporaneamente il datore di lavoro impartisce, direttamente o attraverso soggetti in possesso di specifiche caratteristiche la formazione necessaria al conseguimento di una qualifica/qualificazione professionale. Che cos è il contratto di apprendistato Per l impresa il contratto di apprendistato costituisce uno strumento di cui può disporre per reperire e formare le professionalità di cui ha bisogno. Le aziende che assumono con questa tipologia di rapporto di lavoro usufruiscono di agevolazioni relative agli oneri contributivi per l intera durata del contratto di apprendistato fermo restando l obbligo di erogare all apprendista la formazione prevista senza alcuna trattenuta sulla retribuzione. A seguito dell assunzione a tempo indeterminato dell apprendista l azienda beneficia degli sgravi contributivi anche per l anno successivo. Quali opportunità offre alle imprese Per l apprendista il contratto di apprendistato rappresenta una facilitazione per il suo ingresso nel mondo del lavoro, una opportunità per verificare la sua reale attitudine per il ruolo professionale ricoperto e una crescita professionale eventualmente spendibile in altri contesti lavorativi. Quali opportunità offre all apprendista 7

8 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO Leggi che disciplinano l apprendistato L apprendistato è soggetto a differenti discipline a seconda del regime di assunzione del lavoratore: la Legge n. 25 del 19/01/1955 e s.m.i. e la Legge n. 196 del 24/06/1997 con specifico riguardo all art. 16 (c.d. vecchio apprendistato); la Legge n. 30 del 14/02/2003 e il Decreto Legislativo n. 276/2003 del 10/09/2003 e s.m.i. (c.d. nuovo apprendistato) che di fatto hanno ridisegnato complessivamente il quadro dei contratti di lavoro a contenuto formativo in Italia. 2. Come funziona il vecchio apprendistato : art 16 L. n. 196/97. Chi sono gli apprendisti assunti ai sensi dell art. 16 della Legge n. 196/97 (vecchio apprendistato) La durata del rapporto di apprendistato Rientrano nella disciplina del vecchio apprendistato: gli apprendisti appartenenti a settori che non hanno ancora disciplinato contrattualmente l apprendistato ai sensi del D.Lgs. n. 276/2003; gli apprendisti la cui data di assunzione sia precedente alla sottoscrizione del CCNL recante la disciplina dell apprendistato ai sensi del D.Lgs. n. 276/2003; gli apprendisti i cui CCNL, benché rinnovati, non disciplinino direttamente o indirettamente, anche mediante semplice rinvio agli enti bilaterali ovvero a prassi già esistenti e codificate dall ISFOL gli elementi minimi di erogazione e di articolazione della formazione; gli apprendisti minorenni con età inferiore ai 17 anni privi di una qualifica professionale o di un titolo di studi secondario. Ai sensi dell art. 16 della Legge n. 196/97 (c.d. vecchio apprendistato) l apprendistato non può avere una durata superiore a quella stabilita dai CCNL di riferimento e comunque non può essere superiore a quattro anni (massimo 5 anni per il settore dell artigianato). I limiti di età di assunzione sono compresi tra i 16 e i 24 anni. Qualora l apprendista sia portatore di handicap i limiti di età sono elevati di due anni. 8

9 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova Per gli apprendisti assunti ai sensi dell art.16 Legge 196/1997, è previsto che l apprendista frequenti obbligatoriamente dei corsi di formazione esterni all azienda presso Istituzioni formative accreditate dalla Regione. Come si svolge la formazione per il vecchio apprendistato La normativa prevede una formazione differenziata in base allo status dell apprendista. Per tutti gli apprendisti sono previste almeno 120 ore per ogni anno di durata del contratto (160 ore per i CCNL del settore metalmeccanico industria) ripartite in: Formazione trasversale (conoscenze e capacità che tutti i lavoratori devono possedere) nelle seguenti aree: Competenze relazionali, Organizzazione ed economia, Disciplina del rapporto di lavoro, Sicurezza sul lavoro (misure collettive) pari ad almeno il 35% del monte ore annuo; Formazione Professionalizzante riguarda gli aspetti tecnico-scientifico ed operativi specifici di ogni settore professionale e sono finalizzati a: conoscere i prodotti e servizi di settore e il contesto aziendale; conoscere e saper applicare le basi tecniche e scientifiche della professionalità; conoscere e saper utilizzare le tecniche e i metodi di lavoro; conoscere e saper utilizzare gli strumenti e le tecnologie di lavoro (attrezzature, macchinari e strumenti di lavoro; conoscere ed utilizzare misure di sicurezza individuale e tutela ambientale; conoscere le innovazioni di prodotto, di processo e di contesto. Per gli Apprendisti minorenni oltre le 120 (o 160 per i CCNL del settore metalmeccanico industria) ore annue come sopra descritte, sono previste ulteriori 120 ore annue per l assolvimento dell obbligo formativo nelle seguenti aree: Lingua italiana, Lingua straniera, Competenze matematiche, Competenze informatiche, Orientamento professionale, Elementi cittadinanza attiva. Quali sono i contenuti dei corsi di formazione esterna e la loro durata 9

10 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO 3. Il nuovo apprendistato : il d.lgs. n. 276/03 Il riordino dei contratti a contenuto formativo in seguito del d.lgs. n. 276/2003 Le norme del nuovo apprendistato Il D.lgs. n. 276/2003 ha ridefinito l intero quadro dei contratti a contenuto formativo, abrogando il contratto di formazione e lavoro (che rimane però utilizzabile da parte delle Pubbliche Amministrazioni) e inserendo il nuovo contratto di apprendistato o, meglio, i contratti di apprendistato, avendone previsti tre, distinti per finalità, presupposti e disciplina. Occorre sottolineare che il contratto di apprendistato si differenzia dal contratto di inserimento che non ha finalità direttamente formative: in esso infatti la formazione è un elemento solo possibile e non sostanziale. Il contratto di apprendistato è disciplinato d.lgs. n. 276/2003, nonché dalla L. n. 25/1955, nelle parti non espressamente abrogate o incompatibili con la nuova disciplina. Le tre tipologie di apprendistato Le finalità dell apprendistato per l espletamento del diritto - dovere di istruzione e di formazione (art. 48) Il d.lgs. n. 276/2003 ha introdotto 3 tipi di apprendistato: 1. contratto di apprendistato per l espletamento del dirittodovere di istruzione e formazione (art 48); destinato ai minorenni per il conseguimento di una qualifica professionale 2. contratto di apprendistato professionalizzante per il conseguimento di una qualificazione attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento tecnico professionale (art 49); 3. contratto di apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione (art 50). È finalizzato al conseguimento di una Qualifica di istruzione e formazione Professionale ai sensi della Legge n. 53 del 2003, ossia all acquisizione, attraverso il rapporto di lavoro, di un titolo di studio, consentendo l assolvimento dell obbligo formativo attraverso lo strumento dell alternanza scuolalavoro. 10

11 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova L apprendistato per l espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione è infatti previsto quale percorso alternativo alla formazione scolastica ma ciò nondimeno integrativo dell obbligo formativo che si traduce oggi nel diritto-dovere di istruzione per almeno 12 anni e comunque fino ai 18 anni d età. Sussiste pertanto un diretto collegamento tra l obbligo formativo del minore a 18 anni d età e l attività lavorativa oggetto del contratto. Con il contratto di apprendistato per l espletamento del diritto - dovere di istruzione e di formazione si vuole dunque garantire ai giovani, che acquisiscono la capacità lavorativa a 16 anni, di poter terminare il corso di studi obbligatorio anche attraverso l alternanza scuola-lavoro. L apprendistato per il diritto - dovere di formazione si configura pertanto come l unico contratto di lavoro stipulabile a tempo pieno da chi abbia meno di 18 anni e non sia in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi della Legge 28 marzo 2003 n. 53. È finalizzato al conseguimento di una qualificazione attraverso una formazione sul lavoro. Si applica a tutti i settori di attività e riguarda giovani fra i 18 e 29 anni. Per soggetti in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi della Legge 28/03/2003 n. 53, il contratto di apprendistato può essere stipulato a partire dal diciassettesimo anno di età. Le finalità dell apprendistato per l espletamento del diritto - dovere di istruzione e di formazione (art. 48) Le finalità dell apprendistato professionalizzante (art. 49) È finalizzato al conseguimento di titoli di studio di livello secondario, per il conseguimento di titoli di studio universitari e dell alta formazione, nonché per la specializzazione tecnica superiore di cui all art. 69 della Legge 17/05/1999, n Si applica a tutti i settori di attività e riguarda giovani di età compresa fra 18 e i 29 anni. Per soggetti in possesso di una qualifica professionale conseguita ai sensi della Legge 28/03/2003 n. 53, il contratto di apprendistato può essere stipulato a partire dal diciassettesimo anno di età. Le finalità dell apprendistato alto (art. 50) 11

12 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO Operatività della diverse tipologie di nuovo apprendistato La circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 40 del 14 ottobre 2004 ha fornito importanti chiarimenti in merito all operatività dei nuovi contratti di apprendistato: si precisa che a tutt oggi è da ritenersi pienamente operativa unicamente la disciplina dell apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione a seguito di appositi accordi e azioni di sperimentazione formativa, ma la sua particolare finalità di fatto limita la sua applicazione ad un numero ridotto di apprendisti. L apprendistato per l espletamento del diritto-dovere di istruzione e formazione presuppone, infatti, per la sua piena operatività, la definitiva implementazione delle deleghe di cui alla legge n. 53 del 2003 (cd. Riforma Moratti ) e la regolamentazione dei relativi profili formativi. In questi mesi è fase di discussione in parlamento un disegno di legge che consentirebbe l assunzione in apprendistato anche dei quindicenni. Resta in vigore, pertanto, la previgente normativa relativa ad apprendisti in obbligo formativo. La sua applicazione è limitata ai minorenni con età dai 16 ai 18 anni; La piena operatività dell apprendistato professionalizzante, inoltre, presuppone una disciplina regionale da adottarsi mediante apposite leggi che definiscano i profili formativi, i criteri operativi di articolazione della formazione, ecc. La circolare del Ministero del Lavoro n. 30/2005 chiarisce, tuttavia, che, in attesa di una specifica legislazione regionale, la disciplina dell apprendistato professionalizzante è rimessa ai singoli Contratti Collettivi Nazionali di categoria (comma 5 bis art, 49 D.Lgs. n. 276/2003). Per queste due ultime tipologie di apprendistato, dunque, qualora non ancora disciplinate secondo le modalità suddette, vale la precedente disciplina di cui alla Legge n. 196/97 12

13 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova La tipologia dell apprendistato professionalizzante è quella che ha di contro la maggior applicabilità e risulta di maggior interesse per il mercato del lavoro: il disegno normativo di revisione dell apprendistato ha previsto però un processo complesso per l entrata in vigore di questo tipo di apprendistato legato al progressivo recepimento da parte dei CCNL delle novità previste dalla normativa e da una ulteriore azione di regolamentazione degli aspetti formativi del contratto da parte delle Regioni. Entrambi i processi non si sono ancora completati e quindi siamo ancora in una fase di transizione in cui: alcuni settori sono gradualmente passati alla nuova normativa ma altri (come ad esempio la metalmeccanica artigiana) sono ancora in quella vecchia territori dove esiste una legge regionale e altri in cui (come ad esempio la Regione Lombardia) transitoriamente valgono le indicazioni e le regolamentazioni inserite nei contratti collettivi. L apprendistato professionalizzante (art. 49): precisazioni 13

14 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO PARTE SECONDA L apprendistato professionalizzante art. 49 del d. lgs. n. 276/2003 Aspetti normativi 1. Inquadramento generale Specificità dell apprendistato professionalizzante La differenza principale tra l apprendistato ex art. 49 e gli altri due tipi di apprendistato introdotti dal DLgs 276/03 è che quello professionalizzante non ha l obiettivo istituzionale di far ottenere al lavoratore una qualifica professionale formale (che è invece lo scopo del contratto di apprendistato del diritto-dovere di istruzione e formazione: art. 48 d. lgs. n. 276/03), o titoli di studio secondari validi sull intero territorio nazionale e spendibili anche nei paesi dell Unione Europea (che è invece lo scopo del contratto di apprendistato per l acquisizione di un diploma o per percorsi di alta formazione: art. 50 d. lgs. n. 276/03) Ruolo della formazione nel contratto di apprendistato Come abbiamo visto, il contratto di apprendistato è un contratto a causa mista in cui alla realizzazione della prestazione professionale corrisponde l insegnamento delle competenze necessarie al suo svolgimento. In particolare, nell apprendistato professionalizzante la formazione è finalizzata a realizzare la qualificazione professionale dell apprendista: all azienda, che garantisce la formazione vengono riconosciuti alcuni vantaggi. La normativa prevede tre forme di incentivi per il datore di lavoro che utilizzi del contratto di apprendistato professionalizzante Incentivi previsti benefici contributivi; L aliquota contributiva è pari solo al 10%. L agevolazione è applicabile fino all anno successivo alla trasformazione (anche anticipata) del contratto di apprendistato in contratto di lavoro a tempo indeterminato. 14

15 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova benefici economici Il lavoratore può essere inquadrato in una qualifica contrattuale fino ad un massimo di due livelli inferiore a quella spettante. In tal caso la retribuzione dell apprendista può progressivamente essere incrementata in base all anzianità di servizio. esclusione degli apprendisti dal computo nell organico ai fini dell applicazione di determinati istituti Gli apprendisti sono esclusi dal computo dei limiti numerici previsti da leggi e contratti collettivi per particolari normative e istituti; es.: raggiungimento delle soglie numeriche previste per l applicazione della tutela reale in caso di licenziamento (art. 18, L. n. 300/1970) o per la determinazione del numero dei lavoratori disabili da assumere (L. n. 68/1999). Incentivi previsti L impresa può individuare la soluzione più utile e adatta per gestire la formazione all apprendista sulla base della sua situazione rispetto alla capacità formativa tra due diverse modalità: 1. la formazione esterna - quando la formazione è realizzata da strutture formative accreditate dalla Regione territorialmente competente; 2. la formazione interna - nel caso in cui il piano formativo venga svolto da soggetti incaricati dalla stessa azienda sotto la propria responsabilità. Modalità di realizzazione della formazione In realtà, seppur non esplicitamente indicata nella normativa, di fatto esiste una terza possibilità: 3. la formazione integrata - quando la formazione erogata all apprendista è il risultato della combinazione fra una parte realizzata sotto responsabilità diretta dell azienda e una parte da enti accreditati dalla Regione 15

16 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO 2. Le norme di riferimento Le regole da rispettare Il contesto legislativo cui si fa riferimento è complesso. L apprendistato professionalizzante è normato da una legge nazionale (d.lgs. n. 276/2003) che fissa alcuni criteri generali ma che per gli aspetti formativi dell istituto (profili formativi) rimanda: alle Regioni che devono definire apposita normativa, in accordo con le associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro più rappresentative sul piano regionale; ai CCNL stipulati dalle associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro più rappresentative sul piano nazionale nel caso di assenza di Leggi/intese regionali (art. 49, comma 5-bis); alla contrattazione collettiva nazionale, territoriale e aziendale nel caso l azienda valuti di realizzare formazione esclusivamente aziendale (art. 49, comma 5 ter), comunque nel rispetto di leggi/intese regionali di riferimento se esistenti, come recentemente definito dalla Corte Costituzionale (con sentenza n. 176 del 14 maggio 2010). 3. Il rapporto di lavoro Caratteristiche degli apprendisti assumibili Aziende ammesse Rientrano nella disciplina del nuovo apprendistato professionalizzante gli apprendisti, di età compresa tra i 18 e 29 anni e 364 giorni Per chi è in possesso di una qualifica professionale l apprendistato professionalizzante può essere stipulato a partire dal 17 anno di età. Anche extracomunitari se in possesso di permesso di soggiorno Possono assumere con tale tipologia contrattuale tutti i datori di lavoro del settore privato che applicano CCNL che hanno disciplinato l apprendistato ai sensi del D.Lgs. n. 276/2003 e gli elementi minimi di erogazione e di articolazione della formazione. 16

17 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova Il numero dei lavoratori assunti con contratto di apprendistato non può superare il cento per cento dei dipendenti specializzati e qualificati in forza al medesimo datore di lavoro. Se il datore di lavoro non avesse lavoratori qualificati o fossero meno di tre, possono essere assunti al massimo tre apprendisti. I CCNL possono prevedere limiti alla possibilità di assumere con tale contratto legati alla percentuale dei contratti di apprendistato già stipulati con giovani non confermati al termine del periodo di apprendistato. La durata massima è di 6 anni e non è prescritto alcun limite minimo. I CCNL possono stabilire la durata in rapporto al tipo di qualificazione da conseguire. L art. 49 del d.lgs. n. 276/03 stabilisce che il contratto di apprendistato professionalizzante sia stipulato in forma scritta Il datore di lavoro dovrà provvedere alle normali comunicazioni previste in caso di stipulazione del contratto di lavoro e quindi, in virtù di quanto prescritto dal Decreto interministeriale , alla trasmissione telematica al Centro per l Impiego competente del documento denominato Unificato Lav entro il giorno antecedente la data di assunzione dell apprendista. In Lombardia questo avviene telematicamente sui portali provinciali Sintesi nella sezione delle Comunicazioni Obbligatorie (COB) Per l assunzione di un apprendista non serve l autorizzazione della Direzione Provinciale del Lavoro né l iscrizione in apposite liste presso il centro per l impiego. Neanche la visita sanitaria per l assunzione dell apprendista è ormai più obbligatoria, ma si consiglia di verificare l esistenza di eventuali vincoli previsti nell eventuale legislazione regionale (in Lombardia non esiste questo vincolo) o dalla specifica mansione svolta dall apprendista. Numero massimo apprendisti assumibili Durata del contratto Forma del contratto La comunicazione di assunzione Assenza di altri adempimenti burocratici 17

18 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO Eventuale periodo di prova La retribuzione L orario di lavoro Al momento dell assunzione di un lavoratore con contratto di apprendistato professionalizzante può essere pattuito un periodo di prova ma non può superare i due mesi a meno che il CCNL applicato non preveda un periodo più breve o una totale esclusione. La retribuzione viene fissata in base alle previsioni dei contratti collettivi in funzione dell inquadramento contrattuale. Per l orario di lavoro di un lavoratore apprendista valgono alle stesse regole in qualunque altro contratto di lavoro. L equiparazione fra apprendisti e gli altri lavoratori subordinati comporta la possibilità di chiedere all apprendista lo svolgimento di lavoro straordinario o di lavoro notturno Nel caso di persone con età inferiore a 18 anni l orario non può superare le 8 ore giornaliere e le 40 settimanali Il contratto di apprendistato può anche essere stipulato a part-time se l orario non risulta di ostacolo al raggiungimento delle finalità formative di tale tipologia contrattuale. Ferie L apprendista ha diritto a ferie retribuite come i colleghi lavoratori subordinati. 4. Obblighi formativi Aspetti formativi del contratto di apprendistato professionalizzante L azienda deve conoscere (e poi declinare operativamente) i seguenti aspetti: il profilo formativo : le macro-figure definite per ogni settore/comparto produttivo dai singoli CCNL (o dalle Regioni se esiste la legge regionale non in Lombardia) a cui il percorso formativo dell apprendista fa riferimento; 18

19 Manuale per giovani e aziende della provincia di Mantova l articolazione e le modalità di realizzazione della formazione: la durata in ore, l eventuale ripartizione interna nelle varie tipologie di contenuti (trasversali, tecnico-professionali) e la scelta della modalità di gestione (interna all azienda, esterna o mista/integrata); la capacità formativa: i requisiti, le caratteristiche (generalmente definite dai CCNL) che l azienda deve possedere e dichiarare per realizzare autonomamente la formazione formale dell apprendista; il Piano Formativo Individuale (PFI): il documento di descrizione del percorso formativo complessivo, che descrive e formalizza tutte le informazioni sopra indicate Il piano formativo individuale (PFI) è il documento parte integrante del contratto di lavoro individuale che descrive il programma della formazione che dovrà essere impartita al lavoratore. Aspetti formativi del contratto di apprendistato professionalizzante Il PFI L azienda per organizzare la formazione dell apprendista deve rispettare le indicazioni contenute nelle leggi regionali e nella contrattazione collettiva. A livello generale si rifanno a questi criteri: previsione di un monte ore di formazione formale, interna o esterna alla azienda, di almeno centoventi ore per anno, per la acquisizione di competenze di base e tecnicoprofessionali; indicazioni contenute nei contratti collettivi di lavoro stipulati a livello nazionale, territoriale o aziendale da associazioni dei datori e prestatori di lavoro, o a livello degli enti bilaterali, per la determinazione delle modalità di erogazione e della articolazione della formazione, esterna e interna alle singole aziende, anche in relazione alla capacità formativa interna rispetto a quella offerta dai soggetti esterni; Regole generali da rispettare 19

20 APPRENDISTATO ISTRUZIONI per l USO Regole generali da rispettare riconoscimento sulla base dei risultati conseguiti all interno del percorso di formazione, esterna e interna alla azienda, della qualifica professionale ai fini contrattuali; registrazione della formazione effettuata nel libretto formativo (previsto dall art. 2, primo comma, lett. i), d. lgs. n. 276/2003 e redatto secondo lo schema varato dal Ministero del Lavoro con il Decreto Ministeriale del 10 ottobre 2005); presenza di un tutore aziendale con formazione e competenze adeguate. 5. Opportunità e vincoli Obblighi dell apprendista Obblighi del datore di lavoro Gli obblighi del lavoratore sono i seguenti: obbedire al datore di lavoro o alla persona incaricata per la formazione e seguire gli insegnamenti che gli vengono impartiti; operare nell impresa con diligenza: comportarsi correttamente verso tutte le persone addette all impresa; frequentare con assiduità i corsi di insegnamento complementare; rispettare le norme contrattuali. Gli obblighi generali del datore di lavoro sono ancora quelli previsti dalla L. n. 25 del 1955: impartire e far impartire all apprendista l insegnamento necessario perché possa conseguire la capacità per diventare lavoratore qualificato; collaborare con gli enti pubblici e privati preposti all organizzazione dei corsi di istruzione integrativa dell addestramento pratico; osservare le norme dei contratti collettivi di lavoro e di retribuire l apprendista in base ai contratti stessi; 20

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione

Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione Il Testo Unico sull apprendistato e la sua applicazione Il Testo Unico sull apprendistato, le intese Stato-Regioni, gli interpelli, gli accordi e le prassi adottate a cura di Studio di consulenza aziendale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO. XIII Rapporto

MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO. XIII Rapporto MONITORAGGIO SULL APPRENDISTATO XIII Rapporto Dicembre 2012 1 I capitoli 1 e 3 sono stati realizzati dall ISFOL, con il coordinamento di Sandra D Agostino e Silvia Vaccaro. Sono autori dei testi: Salvatore

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti

Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Pomara Scibetta & Partners Commercialisti Revisori dei Conti Luciana Pomara Giuseppe Scibetta Onorina Zilioli Alessia Carla Vinci Roberto Scibetta Stefania Zilioli Rosaria Marano Sabrina Iannuzzi Your

Dettagli

2 imp. 3 imp. 1 imp. 1a ass.

2 imp. 3 imp. 1 imp. 1a ass. EDILE ARTIGIANO PMI Retribuzioni in vigore dall' 01/01/2014 per assolvere gratis alla formazione obbligatoria sulla sicurezza prevista da art.37 TU e Stato Regioni caricamento nominativo dipendente dal

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE.

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE. LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge: TITOLO

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della

Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della Part-time QUALI SONO I TIPI DI PART-TIME POSSIBILI? - Orizzontale: quando l orario è distribuito su tutti i giorni della settimana - Verticale: quando l orario è distribuito su alcuni giorni della settimana

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative di Umberto Buratti Biella, 27 gennaio 2012 APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO PRIMA D. lgs. n. 276/2003, art. 48 DOPO D. lgs. n. 167/2011, art.

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani

Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani Vademecum sulla gestione degli stati nel Programma Garanzia Giovani 1 Sommario Premessa... 3 Beneficiari: i giovani NEET... 4 Dall adesione alla fine del percorso... 6 Regole di gestione della tracciatura

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli