Cultura della formazione e formazione della cultura in materia di sicurezza sul lavoro.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cultura della formazione e formazione della cultura in materia di sicurezza sul lavoro."

Transcript

1 Cultura della formazione e formazione della cultura in materia di sicurezza sul lavoro. La formazione breve con individui, piccoli gruppi ed organizzazioni (II) Carlo GALIMBERTI 1 L articolo è stato pubblicato con il titolo La dimensione comunicativa nella formazione alla sicurezza (II) in Igiene & Sicurezza del Lavoro, n.2, 2003, pp Premessa Il lavoro che appare in queste pagine intende riprendere e sviluppare le tematiche trattate nell articolo 2 pubblicato sul n.11/2002 della rivista, articolo in cui ho avuto modo di mettere a fuoco la rilevanza della dimensione comunicativa per la formazione alla sicurezza. In quella occasione, ho sostenuto l opportunità di assumere una prospettiva dialogico-conversazionale (Galimberti, 1992; Galimberti, Scaratti, 1998) nel progettare, mettere in atto e valutare i processi comunicativi che caratterizzano la formazione. In estrema sintesi, si può dire che il senso fondamentale di tale articolo fosse costituito dall invito a pensare la comunicazione in modo da farne un utile e adeguato strumento di progettazione, gestione e valutazione della formazione alla sicurezza, invito che può essere riassunto essenzialmente in due punti: 1 Carlo Galimberti è professore straordinario di Psicologia sociale e Psicologia delle comunicazioni sociali e coordinatore delle attività di LICENT (Laboratorio di Interazione Comunicativa e Nuove Tecnologie) presso l Università Cattolica di Milano. 2 Cfr. Igiene e Sicurezza del Lavoro, n.11, 2002, pp

2 - è opportuno non considerare più la comunicazione come un mero trasferimento di informazioni da una mente all'altra, conseguenza di un processo di codifica e decodifica realizzato attraverso l'alternanza di due o più soggetti ora attivi, ora passivi, per intenderla invece come una vera e propria relazione sociale, risultato di un'attività congiunta di produzione di significati condotta dagli interlocutori all interno di contesti concreti in vista di obiettivi nei confronti dei quali essi assumono impegni precisi attraverso la conversazione; - gli interventi formativi su questioni che riguardano la sicurezza non possono essere condotti al di fuori di un confronto serrato con i contesti organizzativi, i processi di produzione di beni e servizi, le norme scritte e non che li governano, i linguaggi, i modi del pensiero e le modalità di percezione e rappresentazione del rischio, in una parola con la cultura della sicurezza dell organizzazione con cui si lavora Due inviti che, con buona probabilità, si possono considerare condivisi sul piano teorico dalla gran parte degli operatori del settore, la cui accettazione però non sempre riesce ad ispirare in modo adeguato l azione formativa rispetto al sapere-in-azione costituito dalle pratiche relative alla sicurezza nei contesti organizzativi. Questa è la ragione per cui ora sento il bisogno di articolare ulteriormente la proposta avanzata presentando in queste pagine alcune ipotesi di lavoro intese a dare operatività e concretezza al programma teorico-metodologico illustrato nell articolo precedente. In particolare, attraverso l esposizione e la discussione di alcuni percorsi formativi relativi alle tematiche della sicurezza in azienda, vorreiprovare a mostrare come sia possibile accrescere il ruolo partecipativo dei lavoratori e far maturare nelle organizzazioni una adeguata cultura della sicurezza in modo da cogliere al meglio le opportunità connesse all adempimento degli obblighi di legge. Per raggiungere questo scopo seguirò la strada di una duplice contestualizzazione della formazione alla sicurezza, considerando l azione formativa prima dall alto, in modo da cogliere le caratteristiche del momento socio-economico in cui essa si colloca, poi dal basso, centrando l attenzione sul piccolo gruppo in modo da individuare le ragioni che ne fanno l ambito ideale per il dispiegamento di un azione formativa alla sicurezza fondata sull approccio dialogicoconversazionale descritto nell articolo precedente. I contesti della formazione 2

3 Se adottiamo uno sguardo che consideri dall alto la formazione alla sicurezza ci troviamo a fare i conti con una serie di contesti che, sistemicamente, proiettano su di essa vincoli e possibilità di decisiva importanza per la definizione del senso che essa viene ad assumere rispetto alla sua natura di atto di produzione culturale su cui ci siamo lungamente intrattenuti nell articolo precedente. La struttura produttiva da considerare nei suoi aspetti tecnici, organizzativi, di risorse umane, burocratico-amministrativi e finanziari costituisce la principale matrice di contesti per la formazione. A monte di essa, però, troviamo la situazione socio-economica e, fattore decisivo per la formazione alla sicurezza, il contesto normativo. Dando per scontata la conoscenza delle modalità d azione di quest ultimo fattore, concentrerò l attenzione sugli effetti importanti determinati negli ultimi dieci anni sulle organizzazioni dall intreccio tra il contesto socio-economico e i vari livelli in cui si articolano le strutture produttive, dando particolare risalto alle conseguenze sulla modalità di regolare le distanze tra gli individui e il lavoro e, di conseguenza, di tra gli individui e le organizzazioni stesse. L incertezza dei mercati, la rapidità dell innovazione tecnologica e le dinamiche sociali attivatesi nel corso dell ultimo decennio attorno al tema del lavoro hanno codeterminato una serie di fattori il cui peso sul funzionamento delle organizzazioni produttive è stato di recente letto con lucidità da un punto di vista psico-sociale da Kaneklin (2000). Ristruttuazioni intese come eventi fisiologici e non più transitori, riorganizzazioni continue per elaborare nuove strategie in risposta all instabilità dei mercati, mutamenti tecnologici che danno corpo a processi produttivi sempre più rapidi, impossibilità a gestire in solitudine i propri compiti con un conseguente aumento della superfice di contatto tra ruoli e funzioni diverse, moltiplicazione degli interlocutori a fronte di una progressiva contrazione dei tempi di comunicazione: ecco i principali elementi di instabilità dei contesti in cui si collocano le organizzazioni presso le quali si interviene usualmente con la formazione alla sicurezza. La sopravvivenza di queste realtà produttive non può più essere garantita unicamente attraverso interventi tesi a stabilizzare strutture e processi produttivi, bensì cercando forme sempre più flessibili di organizzazione del lavoro. Per di più il mutamento degli equilibri tra interno ed esterno delle aziende, tra ciò che accade dentro e quanto invece da fuori preme e sollecita al cambiamento, concorre a determinare una differenziazione delle forme di inserimento lavorativo, generando livelli di complessità sempre più difficili da gestire da parte di un mondo sino a poco tempo fa abituato a dettare i tempi al sociale. Come è noto, l esito inevitabile di queste turbolenze è l incertezza, nei singoli, nei gruppi e nelle organizzazioni. Ciò che interessa lo sviluppo del nostro discorso è il fatto che le modalità messe a punto per convivere con tale incertezza si caratterizzano per la tendenza a promuovere 3

4 organizzazioni a legame debole (Weich, 1995): si tratta, come sembra di poter capire, di organizzazioni che per reggersi e funzionare hanno sempre più bisogno di formazioni intermedie in grado di gestire funzioni prima caricate sulla struttura complessiva. Detto in altri termini, a fronte di organizzazioni che tendono ad allentare i legami alleggerendo le proprie strutture, cresce lo spazio per i gruppi di lavoro che tendono a configurarsi come momento forte di articolazione delle relazioni tra individui e tra gli individui e le attività che essi svolgono per partecipare ai processi trasformativi, presentandosi quindi come un vero e proprio luogo di ricomposizione del lavoro. Con buona evidenza, tutto ciò concorre a modificare il rapporto tra individuo e organizzazione, così come quello tra individui all interno dell organizzazione. In particolare, va rilevato il fatto che i gruppi vengono ad assumere un ruolo strategico rispetto al funzionamento dell organizzazione di appartenenza al cui servizio possono mettere le proprie potenziali capacità di integrazione e di coordinamento dinamico esercitate nei confronti sia dei singoli, sia di altri gruppi, così come le competenze nel generare prodotti servizi evoluti e sempre meno predefiniti. I gruppi - e con tale espressione intendiamo riferirci soprattutto ai piccoli gruppi, le cui dimensioni sono comprese tra le 3 le 30 unità sono quindi in grado di avviare un circolo virtuoso tra tali capacità e competenze e la positiva qualità delle relazioni interpersonali di cui inevitabilmente l organizzazione viene a beneficiare: nei piccoli gruppi, infatti, è più elevata la probabilità che le tensioni e le contrapposizioni che attraversano l organizzazione si smorzino, facilitando quindi il dispiegarsi di capacità e competenze che, a loro volta, favoriscono performance positive da parte del gruppo stesso e dei pezzi di organizzazione che più gli sono prossimi. Questo intreccio tra prodotti e processi, ovvero tra prestazioni e gestione delle relazioni, da cui entrambe sembrano trarre vantaggio se regolate attraverso il funzionamento dei piccoli gruppi, costituisce un primo esempio di quanto abbiamo inteso dire parlando dei gruppi come luogo di ricomposizione dei processi lavorativi. La posizione particolare assunta dai piccoli gruppi in ambito lavorativo fa sì che essi tendano sempre più a connotarsi come snodo strategico delle relazioni tra individui e organizzazione, venendo a costituire un vertice privilegiato per l impostazione dei processi di formazione. In particolare, a partire dalle considerazioni fin qui operate è possibile individuare due linee di valorizzazione dei piccoli gruppi per la formazione. Facendo attenzione a non indulgere in considerazioni eccessivamente ottimistiche, evitando cadute di natura ideologica che ci porterebbero a proiettare sul gruppo attese salvifiche del tutto immotivate, possiamo affermare che il gruppo può essere a buon diritto considerato un ambito fondamentale per la formazione, ed in particolare per la formazione alla sicurezza, secondo una duplice prospettiva (Kaneklin, 2000): 4

5 - da un lato esso presenta buone garanzie per la crescita delle conoscenze e la produzione di risultati verificabili sul piano dei cambiamenti di atteggiamento - dall altro esso si configura come il luogo un cui sono depositati i valori dell organizzazione che gli individui considerano degni di essere conservati. Come detto, l adesione a questa prospettiva va comunque preservata da cadute ideologiche che porterebbero inevitabilmente a utilizzare il gruppo come via di fuga dai problemi dell organizzazione, idealizzandone le supposte positività con il risultato di negare la realtà a cui invece formatori e soggetti in formazione sono continuamente costretti a rapportarsi proprio a motivo dei contenuti della formazione alla sicurezza. Ciò significa, tra l altro, avere ben presente anche gli aspetti di fatica ed i limiti da cui è comunque caratterizzata l esperienza di lavoro in piccolo gruppo nelle organizzazioni. Si pensi, ad esempio, alla precarietà e alla provvisorietà che derivano ai gruppi dall essere esposti a tensioni e conflitti che attraversano le organizzazioni cui essi appartengono o, più semplicemente, all essere sottoposti ai tempi dettati dall alto. Ulteriore fonte di problemi per il lavoro nei e coi gruppi è lo svilupparsi sempre più accentuato di appartenenze plurime e discontinue. Precarietà e provvisorietà delle collocazioni lavorative facilitano i passaggi da un gruppo all altro, da gruppi temporanei quali sono ad esempio i gruppi di progetto, i gruppi di eccellenza, i team costituiti attorno a un tipo di problema specifico, ecc. a gruppi permanenti e viceversa. In questo senso, non possiamo dire che i gruppi siano immuni dalle tensioni e dalle debolezze che normalmente caratterizzano le organizzazioni: al contrario i piccoli gruppi devono essere intesi come microcosmi che riproducono in sé le fattezze principali del loro macrocosmo d riferimento, di cui a volte arrivano persino ad accrescere la problematicità (Kaneklin, 2000), magari proprio a causa dell utilizzo delle nuove tecnologie di comunicazione (Riva, Galimberti, 2001). Ciò che però i piccoli gruppi hanno in più rispetto alle altre formazioni sociali è la possibilità di accedere con buona facilità a eventuali risorse presenti nell ambiente e l opportunità di gestire al meglio i processi di microcomunicazione e di negoziazione dei significati, ampiamente descritti nell articolo precedente. Senza cessare di essere luogo di azioni non riflesse, di spinte disaggreganti e di conflitti originati dal contesto, come dalle dinamiche che li strutturano, i piccoli gruppi si configurano come luoghi possibili di recupero dei significati del lavoro umano, strumenti utili e preziosi quando si tratta di affrontare obiettivi e compiti complessi, inadeguati per i singoli, ma di altrettanto difficile gestione per aggregazioni troppo ampie, come sono appunto quelli connessi alle ristrutturazioni di schemi cognitivi e di sistemi rappresentazionali, di orientamenti all azione e di modalità di attribuzione di significati, oltre che di negoziazione degli stessi con i propri interlocutori, attività che appunto caratterizzano la formazione. 5

6 Il piccolo gruppo come buon luogo per una formazione breve alla sicurezza in contesti organizzativi deboli Queste, in sintesi, le ragioni per cui il piccolo gruppo costituisce il luogo più adatto per lavorare protetti dalle turbolenze che caratterizzano il contesto organizzativo e quello sociale. Si tratta di motivi evidenziabili attraverso un analisi di ordine socio-economico, che non riteniamo comunque ancora sufficiente a motivare la scelta del gruppo come orizzonte da privilegiare per la messa in atto dei processi formativi. E dunque tempo di vagliare questa ipotesi guardando dentro al gruppo per fondare l ipotesi anche da un punto di vista psico-sociale. Nella seconda metà del Novecento, la ricerca sui gruppi ha fatto registrare un deciso processo di crescita. Ciò vale sia per gli studi condotti sul campo secondo una prospettiva che potremmo definire clinica come nel caso dei lavori di Lewin e di Bion, di Mayo e della Menzies o delle ricerche di Elliott Jacques, sia per quelli realizzati secondo una prospettiva sperimentale, sul campo o in laboratorio, e qui il riferimento va, tra gli altri, ai lavori sull influenza sociale dall esperimento sull obbedienza di Milgram agli studi sulle minoranze attive di Moscovici e sui i processi decisionali nei piccoli gruppi dal groupthink di Janis alla teoria della categorizzazione del Sé di Turner a quelli dedicati alle prestazioni di gruppo pensiamo ai lavori classici di Bales e al modello della prestazione di gruppo di Steiner e alle relazioni intergruppo con le ricerche di Tajfel, Brown e, in Italia, di Capozza. Merito di entrambi i filoni, pur nelle differenze che li caratterizzano, è l aver evidenziato da un punto di vista autenticamente psico-sociale potenzialità e limiti del piccolo gruppo. A Lewin, in particolare, si deve l apertura di uno spazio di lavoro autonomo sui gruppi finalizzato all indagine del loro funzionamento a cavallo tra riflessione teorica e pratica quotidiana: concettualizzando il gruppo come un campo unitario dinamico, Lewin lo pone al centro della riflessione e della ricerca psico-sociale. Nell'analisi lewiniana il gruppo è un fenomeno, non una somma di fenomeni rappresentati dall'agire e dal pensare dei suoi membri; è una unità che la psicologia sociale può assumere nel suo studio così come vi assume altre unità quali ad esempio la persona. Si può focalizzare l'analisi, cioè, non solo sulle persone del gruppo, ma sul gruppo in sé, in termini non soltanto fisici o sociologici ma psicologici, ed anzi, con maggior precisione, psicosociali (Amerio, 1982, p. 185). 6

7 La definizione lewiniana di gruppo stupisce ancora, a distanza di tanti anni, per la precisione con la quale inaugura il punto di vista relazionale, facendo dell interdipendenza dei membri l aspetto che ne determina la specificità, superando contemporaneamente sia l'impostazione behavioristica, sia quella personalistica. Il gruppo per far parlare direttamente Lewin è qualcosa di più, o, per meglio dire, qualcosa di diverso dalla somma dei suoi membri: ha struttura propria, fini peculiari, e relazioni particolari con gli altri gruppi. Quel che ne costituisce l'essenza non è la somiglianza o la dissimiglianza riscontrabile tra i suoi membri, bensì la loro interdipendenza. Esso può definirsi come una totalità dinamica. Ciò significa che un cambiamento di stato di una sua parte o frazione qualsiasi interessa lo stato di tutte le altre (Lewin, 1951, p. 125 tr. it.). Il contesto ideale, quindi, per puntare agli obiettivi propri di un intervento formativo: se il gruppo è una organizzazione di elementi caratterizzati da una attività che implica cambiamenti, azioni e trasformazioni continue, l interdipendenza delle relazioni tra questi elementi nel nostro caso i membri del gruppo in formazione diviene un potente generatore di coinvolgimento e implicazione. Per dirla ricorrendo ai termini utilizzati nel precedente articolo, il gruppo in formazione si configura come un contesto elettivo per la promozione del cambiamento attraverso la parola scambiata 3. Per completare il passaggio dalla teoria di Lewin 4 alla pratica quotidiana di chi fa formazione puntando a promuovere riorientamenti e trasformazioni nei sistemi di pensiero e d azione, vorrei ora allargare la trattazione ai concetti di gruppo di lavoro e lavoro di gruppo. In base a quanto detto, i gruppi si caratterizzano per il loro essere pluralità di elementi le cui interazioni producono delle emergenze che sono sia psicologiche relative cioè ad affetti, cognizioni, discorsi e orientamenti all azione dei singoli che li compongono sia sistemiche vale a dire generatrici di strutture di relazione intra e intergruppo con effetti sui processi di lavoro e sulle organizzazioni cui i gruppi appartengono. Tutto ciò può accadere se però consideriamo i gruppi come realtà in movimento, collocate in contesti sociali determinati, dotate di funzioni, risorse e obiettivi specifici valutabili in modo da determinarne il successo e quindi il contributo al funzionamento complessivo delle organizzazioni in cui essi sono collocati. E ciò equivale a considerarli gruppi di lavoro. Come ricorda Quaglino (Quaglino, Casagrande, Castellano, 1992), la differenza più importante tra i due oggetti risiede nel fatto che, mentre un gruppo è una pluralità in interazione, un gruppo di lavoro è una pluralità in integrazione. In questo senso, è possibile affermare che il gruppo di lavoro si configura come una pluralità che tende progressivamente all'integrazíone dei suoi legami psicologici, all'armonizzazione delle uguaglianze e differenze che si 3 Il rinvio è in particolare alla citazione da Kerbrat-Orecchioni secondo cui parlare è scambiare, ed è cambiare scambiando (1990), riportato a p. 599 dell articolo apparso sul numero 11, 2002 di ISL. 7

8 manifestano nel collettivo (Quaglino, Casagrande, Castellano, 1992) e che, proprio a motivo delle dinamiche di integrazione e armonizzazione, si presenta ai nostri occhi come un gruppo di lavoro. Se a qualificare l esistenza di un gruppo è sufficiente il riferimento a un contesto sociale generico, a un sociale indifferenziato, al contrario, la maturazione del gruppo di lavoro è accompagnata da un processo di definizione progressiva di tale scenario, di costruzione di confini precisi, di strutturazione di posizioni reciproche è la scena dell'organizzazione a rappresentare il campo di azione del gruppo di lavoro (Quaglino, Casagrande, Castellano, 1992). Il gruppo diventa quindi gruppo di lavoro in presenza di un sociale articolato e, sempre nel quadro dei riferimenti a questo sociale organizzato, il lavoro di gruppo costituisce la manifestazione dell'azione complessa propria del gruppo di lavoro. Il lavoro di gruppo comprende la pianificazione del compito, lo svolgimento del compito, la gestione delle relazioni: non è la semplice esecuzione di un mandato organizzativo. Il lavoro di gruppo è fondante il soggetto gruppale nell'organizzazione (Quaglino, Casagrande, Castellano, 1992). Piegando le parole di Quaglino alle esigenze di questo percorso, mi sembra possibile dire che se il gruppo di lavoro contestualizza il gruppo tout-court rispetto alla dimensione esterna, introducendo il riferimento all organizzazione intesa come contesto d azione del gruppo stesso, il concetto di lavoro di gruppo risponde ad una identica necessità di contestualizzazione del gruppo rispetto a dimensioni questa volta interne cognizioni, pensieri, emozioni, rappresentazioni e orientamenti all azione che costituiscono le coordinate del gruppo inteso come soggetto psicosociale in senso forte. A questo punto manca però ancora un passaggio per completare l individuazione dei motivi per cui riteniamo opportuno accordare alla triade gruppo/gruppo-di-lavoro/lavoro-di-gruppo un ruolo privilegiato nella formazione alla sicurezza. Si tratta infatti di capire come nella formazione si possa compiere con buone probabilità di successo il tragitto che unisce i tre concetti in modo da stabilire un ponte tra l insieme delle azioni che i soggetti mettono in atto nel gruppo all interno del proprio contesto lavorativo e quanto invece essi possono fare in sede di formazione, sempre e comunque in gruppo, per agire trasformativamente su se stessi e sui propri collaboratori. Per poter compiere questo passaggio dobbiamo ricordare che mentre il gruppo nel contesto reale diviene gruppo-di-lavoro grazie alla finalizzazione delle azioni dei singoli (anche se non implicanti i colleghi, ma semplicemente rivolte alla manipolazione di oggetti) al compimento di un processo 4 Da ricordare che practical theorist è l ossimoro posto da Alfred Marrow a titolo della biografia culturale di Lewin da lui pubblicata nel 1969 e tradotta in italiano col titolo meno efficace di Kurt Lewin tra teoria e pratica. 8

9 trasformativo orientato al conseguimento degli obiettivi aziendali 5, ciò che caratterizza i gruppi in ambito formativo siano essi gruppi family, cioè costituiti da persone che effettivamente lavorano insieme, come spesso accade nella formazione alla sicurezza, o da gruppi temporanei che durano per il tempo del corso è essenzialmente la sospensione di ogni azione trasformativa. Si ha quindi il passaggio da gruppo inteso come insieme di individui a gruppo-di-lavoro e soprattutto alla possibilità di avviare un vero e proprio lavoro-di-gruppo nella formazione, quando le azioni dei singoli impossibiliitate a orientarsi verso i processi produttivi danno corpo a trasformazioni che hanno come oggetto i sistemi di pensiero e d azione dei singoli e (nel caso di interventi interni alle aziende) dei gruppi cui i singoli appartengono. Il gruppo di formazione comincia quindi a funzionare come gruppo-di-lavoro quando oggetto del lavoro-di-gruppo diventano fatti, conoscenze, comportamenti pertinenti sia al livello psicosociale relativi cioè ad emozioni, cognizioni, discorsi e orientamenti all azione dei singoli sia a quello sistemico in quanto riguardanti strutture di relazione intra e intergruppo con effetti sull organizzazione e la messa in atto dei processi lavorativi. Quella descritta è probabilmente l operazione più difficile da realizzare lavorando con un gruppo di formazione e, a nostro parere, risulta ancora più ardua quando ci si muove nella prospettiva raccorciata della formazione breve. Le altre operazioni dalla definizione dei contenuti alla scelta delle tecniche di animazione, dalla selezione dei supporti didattici alle decisione circa le modalità di conduzione d aula ecc. nella gran parte dei casi, sono pure technicalities, dosabili e regolabili in rapporto al tipo di progetto e alle variabili di contesto 6. La possibilità di fare di un gruppo il soggetto attivo di un intervento formativo e, di conseguenza, il luogo di elaborazione dell esperienza quotidiana sfrutta una caratteristica fondamentale posseduta da ogni gruppo. Si tratta della capacità di essere una sorta di campo di esperienza intermedia (Kaneklin, Manoukian, 1990) al cui interno gli individui possono interagire e fare esperienze in modo protetto, pur non eliminando la possibilità che si trasformi in territorio infìdo, costellato di trappole relazionali, 5 Ricordiamo che è proprio del funzionamento di ogni organizzazione, ed in particolare di quello delle organizzazioni produttive, il raggiungimento dei propri obiettivi trasformativi (si tratti della produzione di beni o dell erogazione di servizi nulla cambia da questo punto di vista) tenendo insieme le differenze di cui le singole unità (individui, gruppi, unità produttive, ecc.) sono portatrici senza annullarle, anzi facendone ragione di spinta verso il raggiungimento degli obiettivi stessi, trasformando sin dove possibile i vincoli in risorse per il funzionamento dell organizzazione. Tipico, in questo senso, è il caso di un adeguata gestione della competitività intesa sia come dimostrazione della propria superiorità di prestazione nei confronti degli altri, sia come confronto tra le competenze possedute e quelle di cui sono portatori i colleghi in funzione della crescita dei livelli di produzione o, come da qualche tempo si comincia d osservare, in vista del raggiungimento degli obiettivi di sicurezza preventivamente concordati tra le parti coinvolte nella produzione (rappresentanze sindacali, organismi preposti alla gestione della sicurezza, direzione aziendale). 6 Con ciò non intendo, ovviamente, sminuire l importanza di tali operazioni ben descritte da Kaneklin, Manoukian (1990, si vedano in particolare pp ) ma sottolineare che esse assumono senso unicamente in rapporto alla fondazione del gruppo come soggetto dell intervento formativo e, di conseguenza, come luogo di elaborazione dell esperienza quotidiana e di apprendimento da essa. 9

10 configurandosi così come un area in cui gli individui si muovono di continuo tra possibilità e vincoli. L insieme di queste caratteristiche attivate nell ambito dei contesti in cui, come abbiamo precedentemente visto, si colloca la formazione alla sicurezza, fa sì che i piccoli gruppi si configurino come luoghi all interno dei quali risultano particolarmente favoriti processi di comprensione, di costruzione congiunta di significati da parte di coloro che li costituiscono, di progettazione, messa in atto e valutazione di azioni comuni. Consideriamo un esempio. Nel corso di un recente intervento formativo destinato ai preposti 7 alla sicurezza di un azienda manifatturiera del nord Italia cinque incontri di mezza giornata ciascuno finalizzati a fornire ai partecipanti competenze comunicative e di gestione del gruppo a loro affidato mi è stato possibile osservare un evento che ben descrive le possibilità offerte in sede formativa dal piccolo gruppo. L analisi dell esperienza di gestione dei turni di lavoro da parte dei preposti quasi tutti capoturno da parecchi anni aveva fatto emergere nel corso dei primi due incontri come causa maggiore degli infortuni la fretta con cui gli operatori si trovano a compiere la gran parte delle attività. Per verificare tale ipotesi percepita come strettamente connessa alle modalità di organizzazione del lavoro su tre turni di 8 ore ciascuno, dal lunedì al venerdì si decise di analizzare i resoconti dettagliati della decina tra incidenti e quasi incidenti registrati negli ultimi due anni. La considerazione diretta dei documenti e il riferimento alla memoria narrativa che i preposti avevano di tali eventi permise di evidenziare che solo in un caso la fretta dell operatore aveva avuto un ruolo determinante rispetto al verificarsi dell evento. Attraverso la discussione che accompagnò la lunga esercitazione in occasione della quale si giunse ad evidenziare che più che alla fretta gli eventi erano dovuti a una complessità di cause sulle quali si decise poi di lavorare per il resto del corso, il gruppo arrivò a consolidare una nuova rappresentazione del processo che può condurre al verificarsi di un incidente, arricchendo quindi la propria enciclopedia cognitiva sia di un nuovo contenuto ( non sempre, anzi assai di rado la fretta è causa di incidenti nella nostra azienda ), sia di un nuovo criterio di valutazione dei contenuti, quindi di un elemento di natura metaprocedurale, di una regola utile all elaborazione delle informazioni ( per comprendere le cause di un evento non ci si deve limitare a ripetere ciò che sembra che tutti pensino in proposito, ma conviene analizzare i documenti ad esso relativi e discuterne insieme ). Fin qui, potremmo dire, un buon lavoro che mostra l opportunità di utilizzare nella formazione materiale derivato dall esperienza diretta dei partecipanti per facilitare non solo la crescita delle conoscenze, ma anche per far loro sperimentare modalità di pensiero alternative se non proprio nuove rispetto a quelle 7 Per i problemi connessi alla definizione del ruolo del preposto quale ultimo gradino della gerarchia delle responsabilità di prevenzione e protezione rimando a Bacchini (2001), con particolare riferimento alle chiarificazioni contenute alle pp

11 solitamente utilizzate. Ma fu ciò che accadde nel corso dell ultima mezza giornata a gettare una luce totalmente diversa sul lavoro effettuato. Fu infatti in occasione della valutazione del corso che si avviò una discussione serrata a proposito del tempo limitato che era stato dedicato al corso, discussione ben rappresentata da verbalizzazioni del tipo non possiamo pretendere di imparare a comunicare la sicurezza ai nostri operatori in così pochi incontri, ci vuole ben altro per fargli cambiare testa, siamo solo all inizio e ci chiedono (la direzione) di fare tutto quello che voi ci avete detto (i compiti del preposto). Nel corso di questa discussione, uno dei capi turno, tra i meno loquaci del gruppo, intervenne dicendo: stiamo attenti a dire queste cose, se no facciamo come l altra volta quando dicevamo che gli incidenti capitano perche gli operai li costringiamo a fare tutto in fretta. Così dicendo determinò un riorientamento della discussione portando i colleghi a centrare la propria attenzione su se stessi, come singoli e come gruppo professionale dotato di una collocazione organizzativa ben precisa. Si trattò di un intervento giocato a partire da un intuizione con un po più di coraggio si potrebbe parlare di insight in cui si fusero elementi cognitivi, metacognitivi ed emotivi. Al suo apparire, la conversazione del gruppo subì una trasformazione profonda dal punto di vista formativo. L intervento avviò infatti una situazione poli-logica 8 del tutto nuova, orientata in una direzione fino a quel momento imprevedibile: dalla valutazione astratta del corso si passò infatti a parlare delle modalità secondo le quali i soggetti si rapportavano al tema del seminario, nello specifico la comunicazione di contenuti che hanno a che far con la sicurezza e la gestione del gruppo di operatori di cui essi erano responsabili. Venne quindi utilizzato il livello 0, quelli degli oggetti e dei rapporti tra oggetti, per passare dal livello 1, relativo alla valutazione degli oggetti, al livello 2, quello pertinente al modo in cui io/noi mi/ci rapporto/rapportiamo agli oggetti. Dal piano di un discorso su oggetti esterni messo in atto utilizzando un pensiero di tipo lineare, si passò a parlare di oggetti interni e dei rapporti che i soggetti hanno con questi oggetti interni, dei significati connessi a tali rapporti e di come tali significati venissero giocati nello spazio delle relazioni con gli altri soggetti all interno dell organizzazione, avviando quindi una pratica di tipo autoriflessivo ( il pensarci su ) attraverso l utilizzo, come abbiamo più volte ripetuto, di cognizioni, metacognizioni ed emozioni in un esercizio di pensiero complesso 9. 8 Utilizzo il termine poli-logo per evidenziare come anche alla conversazione di gruppo si debbano applicare le caratteristiche che contraddistinguono l enunciazione all interno di ogni situazione dia-logica. Per una trattazione articolata della questione in rapporto al funzionamento dei gruppi terapeutici e dei gruppi di lavoro possono rispettivamente essere di una certa utilità Kaës, 1996 e Galimberti, Mazzoleni, Pirrello, Uso i termini pensiero lineare e pensiero complesso secondo l accezione di Zanarini (1985, 1990). Con pensiero lineare l autore denomina la tendenza cognitiva a semplificare, selezionare ciò che è essenziale, distinguendolo da ciò che è rumore, puntando a mettere in evidenza legami causali precisi e lineari appunto, eliminare l ambiguità e l incertezza in modo da ridurre il rischio di cadere preda di emozioni che impediscanoil controllo della realtà. Con pensiero complesso Zanarini indica invece un attività tesa a sviluppare una conoscenza che cerchi di tenere conto di tutti gli elementi possibili, senza negare ambiguità, incertezza e caso, facendo dialogare tra loro dimensioni e livelli 11

12 Il tutto, ovviamente, alla luce del sole, come nell esempio presentato, intrecciando la propria voce a quella degli altri membri del gruppo nella conversazione, esponendo il proprio pensiero ed esponendosi alle valutazioni di chi ben conosce il contesto di riferimento. Se è vero che tra il dire (nel gruppo) e il fare (nella concretezza della quotidianità) c è di mezzo il mare, ossia la mediazione dell intenzionalità attraverso la quale il soggetto modula il passaggio dal dichiarato all agito, è altrettanto vero che, con ciò che dicono nel gruppo, i soggetti assumono di fronte ai colleghi degli impegni che, una volta tornati alla quotidianità, costituiranno dei vincoli che non potranno essere ignorati. E ciò per due ragioni. Da un lato, come abbiamo visto, quando qualcuno sostiene pubblicamente una determinata posizione il gruppo si aspetta che costui si dichiari favorevole anche ad altre posizioni ad essa correlate, rendendo più evidenti e meno praticabili le contraddizioni tra i diversi tipi di detto rappresentazioni, giudizi e dichiarazioni di intenti così come tra il detto e gli orientamenti all azione obiettivi, progetti, ipotesi di intervento nelle pratiche lavorative e, ancor di più, tra il detto, gli orientamenti all azione e l azione vera e propria. D altro lato, perchè il processo descritto conduce a nuove convinzioni attraverso il convergere delle posizioni sostenute dai singoli a seguito delle negoziazioni che caratterizzano la conversazione formativa in modo ancor più accentuato rispetto alla conversazione naturale. Queste sono, fondamentalmente, le ragioni per cui riteniamo che il piccolo gruppo sia un buon luogo sostanzialmente favorevole alla messa in atto di interventi di formazione breve quando si deve intervenire presso contesti organizzativi deboli, come sono attualemente la gran parte delle aziende, a proposito di tematiche particolarmente calde e generatrici di tensioni tra le diverse componenenti quale è appunto la sicurezza. Un luogo adatto ad avviare e sostenere processi di pensiero e progetti d azione - individuali e di gruppo che i singoli difficilmente riuscirebbero a portare a compimento se lasciati a se stessi, all interno di contesti organizzativi che raramente formulano richieste precise e ragionate, e ancor meno forniscono indicazioni operative o sostegni. Un luogo all interno del quale dare corso seguendo modalità che ora epliciteremo a processi di comprensione di contenuti, di costruzione congiunta di significati e regole e di progettazione/messa in atto di azioni comuni. diversi dell esperienza umana in modo da produrre comprensione (1990, p.48). Si tratta di due modalità che, come del resto abbiamo visto nell esempio citato, non si autoescludono, ma che, al contrario, si intrecciano di continuo dando vita a quello che Zanarini, seguendo Morin, chiama pensiero vivente : La modalità razionale, sequenziale, distintiva coesiste infatti con una modalità intuitiva, a-logica, potenzialmente confusiva, ma profondamente vitale, che è tendenzialmente centrata sulla problematica del riconoscimento ed è volta a comprendere e a venire compresi (1985, p.31). 12

13 Ipotesi di lavoro per una formazione breve alla sicurezza Ma come è possibile dare concretezza a un programma formativo che permetta di porre in essere processi di tale natura? Per rispondere almeno in parte a questo interrogativo, presenterò ora tre diversi format di seminario messi a punto allo scopo di conciliare le esigenze organizzative delle realtà produttive presso le quali si interviene (tempi e modi di produzione, sistema dei ruoli, tempi e spazi disponibili per la formazione, rispetto degli obblighi di legge, ecc.) con la necessità di garantire al gruppo di formazione spazi di confronto e di elaborazione adeguati. Come appare dagli obiettivi indicati per ciascun format, le tre ipotesi differiscono tra loro principalmente rispetto al grado di elaborazione della propria esperienza proposto ai partecipanti. Partiamo però da ciò che accomuna le tre proposte. Innanzitutto l intenzione di privilegiare percorsi di formazione breve alla sicurezza, sia con gruppi family, sia all interno di seminari che riuniscono operatori e professionisti provenienti da contesti lavorativi diversi. In questa espressione l aggettivo breve deve essere inteso in analogia all uso che se ne fa quando si parla di terapia breve, indicando quindi qualcosa che non è meno della terapia lunga, ma che semplicemente è altro da essa e che si qualifica proprio per la specificità di obiettivi, metodi e tecniche di lavoro, criteri di valutazione pensati in rapporto alla necessità di agire in un arco di tempo limitato. Nello specifico pensiamo a seminari che durino da un minimo di una a un massimo di quattro giornate: all estremo inferiore di questa scala collochiamo i Seminari a tema, aperti a partecipanti che provengono da diverse aziende; all estremo superiore i Seminari di analisi del ruolo e di progettazione congiunta che necessitano spesso di un adeguato periodo di interfase all interno del quale i partecipanti possono raccogliere dati, verificare ipotesi, elaborare progetti. Una buona soluzione per i Seminari di elaborazione dell esperienza relativa alle tematiche della sicurezza sono le due giornate consecutive, laddove è possibile, o le quattro unità di mezza giornata ciascuna concentrate nell arco di una settimana. Il parallelo con le forme di terapia breve non è comunque casuale. Avendo ben presente le sostanziali differenze tra i due tipi di attività, non si può comunque dimenticare che in entrambi i casi si lavora per accompagnare qualcuno in un percorso di cambiamento. Come è ben noto a tutti coloro che lavorano nella formazione, spesso i destinatari dei corsi non sono all origine della domanda di cambiamento, rilievo purtroppo di particolare valore per la formazione alla sicurezza. Nel migliore dei casi è possibile trovare tracce della partecipazione alla messa a punto della richiesta e/o del progetto attraverso le varie istanze rappresentative presenti nel sistema di gestione della sicurezza. In molti casi neppure chi presenta la domanda al formatore, vale a dire la direzione 13

14 o il Servizio di Prevenzione e Protezione, lo fa del tutto spontaneamente. La necessità di rispettare gli obblighi di legge crea spesso una situazione che ci porta ad apparentare la formazione sulla sicurezza alla terapia coatta, vale a dire a quelle forme di terapia avviate dietro ingiunzione di un giudice su soggetti non necessariamente consenzienti, spesso attraverso un incarico affidato ai servizi sociali. Non è mia intenzione discutere qui i problemi connessi al trattamento delle motivazioni alla formazione sulla sicurezza, tema che, da solo, meriterebbe un contributo a parte. Mi preme tuttavia segnalare che il tasso di obbligatorietà caratteristico della formazione alla sicurezza pone il formatore di fronte alla necessità di dedicare particolare attenzione a quella che si chiama analisi della domanda, alla definizione di un contratto formativo non solo con i committenti diretti, ma anche con i reali destinatari dell intervento e, infine, alla costruzione di un setting che permetta di contenere le prevedibili contestazioni/opposizioni alla proposta di lavoro, da quelle apertamente dichiarate a quelle più silenziose, ma non per questo meno dannose. Mettendo tra parentesi questo tema, torniamo alla questione del cambiamento, primo degli aspetti comuni alle tre proposte su cui intendo soffermarmi. Quando si lavora su o attraverso le relazioni umane si può puntare a produrre il cambiamento agendo con maggiore precisione dovremmo dire inter-agendo, dal momento che il tutto si svolge in un contesto di gruppo direttamente su pensieri, conoscenze o modalità d azione che si ritengono non adeguati, oppure si può agire/inter-agire sulle rappresentazioni mentali che li sottendono. Questa seconda prospettiva si fonda sul presupposto fondamentale che una modificazione delle rappresentazioni del soggetto conduce a una modificazione delle sue (re)azioni agli avvenimenti che lo interessano (Proia, ). Il lavoro proposto al gruppo viene sostanzialmente ad essere una forma originale di interazione che induce o comunque dovrebbe indurre i soggetti a cambiare conoscenze, pensieri, atteggiamenti e modalità d azione relativi alla sicurezza attraverso la messa in questione dei loro presupposti. Al gruppo viene quindi proposto una sorta di giro largo più che una direttissima verso il cambiamento, un giro largo che lo accompagnerà attraverso il territorio in cui sono depositate le forme concrete assunte dalle rappresentazioni su cui si vuole intervenire: tale territorio è appunto l esperienza quotidiana e le forme concrete cui siamo interessati sono avvenimenti, interazioni, discorsi, conversazioni e documenti relativi ovviamente al tema in questione, cioè alla sicurezza. Per stimolare la produzione di materiali che permettano al gruppo e ai singoli di costruire un percorso razionalmente e emotivamente adeguato a lavorare in questa prospettiva, il formatore può mettere in atto nel corso del seminario alcune operazioni: (a) ascoltare la narrazione del romanzo lavorativo (Ambrosiano, 1982) di ciascuno dei partecipanti alla formazione, sollecitando ovviamente la presentazione di esperienze che 14

15 riguardano le questioni oggetto del seminario specifico (ad es. le difficoltà nel comunicare ai propri collaboratori questioni che hanno a che fare con la sicurezza, oppure problemi relativi all organizzazione e alla gestione della riunione periodica, ecc.), cercando di capire in che modo il soggetto si rapporta emotivamente, cognitivamente e organizzativamente a tale oggetto; (b) costruire un contesto di elaborazione dei contenuti presentati e delle implicazioni che il soggetto evidenzia nei confronti di tali contenuti attraverso un analisi dell esperienza condotta in situ, vale a dire nel corso del seminario stesso; (c) utilizzare la conversazione formativa ossia gli scambi che hanno luogo all interno degli spazi e dei tempi destinati alla formazione per sollecitare i partecipanti ad esplicitare il proprio impegno in azioni di cambiamento. Si tratta, ovviamente, di operazioni che devono aver luogo prevalentemente all interno del gruppo di formazione, con accentuazioni diverse a seconda del tipo di situazione formativa proposta. Nel caso, assai comune, di un seminario a tema prevarrà inevitabilemente la comunicazione dei contenuti sull analisi delle esperienze, cosicchè le operazioni (a) e (b) potranno essere utilizzate principalmente per ancorare i concetti e le teorie che si vogliono introdurre a situazioni ed eventi noti ai partecipanti perché direttamente parte del loro vissuto in azienda o perché integrati in quello relativo al gruppo di formazione. Qualora ci si dovesse trovare a gestire un seminario di elaborazione dell esperienza relativa a tematiche che hanno a che fare con la sicurezza, il formatore utilizzerà (b) per aprire al gruppo una possibilità di lavorare in modo adeguato su (a), orientando tempo, narrazioni, discussioni e energie verso un allargamento della consapevolezza di ciascuno dei partecipanti circa tale questione. In un seminario, infine, teso all analisi del proprio ruolo e alla progettazione di azioni comuni, (a) e (b) verranno modulate in tono minore, ponendole al servizio di (c), vero obiettivo di questo tipo di formazione. In dettaglio, una possibile scaletta per ciascuno dei tre tipi di seminario potrebbe presentarsi come segue 10 : Seminario a tema - Obiettivi specifici o sensibilizzare i partecipanti circa le modalità sttraverso le quali essi si rapportano emotivamente, cognitivamente all oggetto del seminario in riferimento ai processi lavorativi e al contesto organizzativo di appartenenza 10 In questa occasione mi limito ad indicare a grandi linee gli obiettivi specifici e gli elementi di fondo della struttura dei tre seminari, ritenendo non pertinente al tema dell articolo trattare altri aspetti della questione quali le modalità di messa in atto dell analisi della domanda, il dettaglio dei contenuti, i metodi e le tecniche di conduzione del gruppo e le modalità di valutazione dei seminari. 15

16 o fornire ai partecipanti gli strumenti per gestire il tema in oggetto sui piani teoricoconcettuale, comunicativo, organizzativo - Struttura o fase di ascolto finalizzata a cogliere il rapporto-al-tema di cui è portatore ciascun partecipante: presentazione dei partecipanti attraverso la narrazione del loro romanzo lavorativo in rapporto sia a problemi, sia a situazioni positive legate ai temi della sicurezza o contenimento delle ansie legate al tema sicurezza o introduzione dei contenuti (concetti, teorie, metodi e tecniche di intervento sul tema) attraverso l analisi di casi aziendali presentati dai partecipanti e dal formatore o valutazione congiunta del seminario (oralmente e attraverso questionario scritto); restituzione ai partecipanti Seminario di elaborazione dell esperienza relativa alle tematiche della sicurezza - Obiettivi specifici o fare del gruppo di formazione un luogo di elaborazione delle esperienze relative alle tematiche della sicurezza (esperienze di progettazione-organizzazione, gestione, comunicazione, valutazione ecc.) per evidenziare come partecipanti si rapportano a tali esperienze allo scopo di aumentarne la comprensione sul piano emotivo oltre che cognitivo del proprio modo di rapportarsi alla sicurezza del modo in cui si rapportano alla sicurezza i propri collaboratori o avviare dei processi di apprendimento a partire dall esperienza - Struttura o fase di ascolto finalizzata a cogliere il rapporto-al-tema di cui è portatore ciascun partecipante: presentazione dei partecipanti attraverso la narrazione del loro romanzo lavorativo in rapporto sia a problemi, sia a situazioni positive legate ai temi della sicurezza o contenimento delle ansie legate al tema sicurezza o interpretazione in senso debole del materiale proposto (si considera il qui-e-ora, ovvero ciò che accade nel seminario, in funzione del là-e-allora, ossia del contesto di appartenenza) allo scopo di mettere a fuoco contenuti (concetti, teorie, metodi e tecniche) e relazioni 16

17 o valutazione congiunta del seminario (oralmente e attraverso questionario scritto); restituzione ai partecipanti Seminario di analisi del ruolo e di progettazione congiunta - Obiettivi specifici o accompagnare i partecipanti nell analisi (cfr. obiettivi del Seminario di elaborazione dell esperienza relativa alle tematiche della scurezza) del proprio ruolo nel sistema aziendale di gestione della sicurezza o fornire ai partecipanti un occasione per esplicitare il proprio impegno all azione di cambiamento attraverso la progettazione congiunta di contesti e programmi di lavoro in relativi sl ruolo rivestito nel sistema aziendale di gestione della sicurezza e ai compiti ad esso correlati - Struttura o fase di ascolto finalizzata a cogliere il rapporto-al-tema di cui è portatore ciascun partecipante: presentazione dei partecipanti attraverso la narrazione del loro romanzo lavorativo in rapporto sia a problemi, sia a situazioni positive legate ai temi della sicurezza o confronto tra le storie raccontate, evitando la semplice giustapposizione degli eventi, bensì allo scopo di trovare un filo interpretativo comune o interpretazione del materiale proposto; si considerano: il qui-e-ora, ovvero ciò che accade nel seminario, il là-e-allora, ossia il contesto di appartenenza, allo scopo di mettere a fuoco contenuti (concetti, teorie, metodi e tecniche) e relazioni la situazione seminariale, ovvero per cosa/per chi ci formiamo o impegno all azione: avviare il passaggio dal dire al fare attraverso la progettazione di contesti e programmi di lavoro comune Conclusioni Alla fine di questo lavoro mi sembra opportuno evidenziare l importanza che è andata assumendo nel corso della trattazione la necessità di fare esplicito riferimento all esperienza diretta dei partecipanti in vista del raggiungimento degli obiettivi trasformativi che caratterizzano le iniziative di formazione breve alla sicurezza. Attraverso le riflessioni presentate in queste pagine ho cercato di 17

18 mostrare che per promuovere un cambiamento a livello comportamentale e ciò vale, ovviamente, non solo quando si ha a che fare con la sicurezza è opportuno agire più che sui comportamenti e sui discorsi direttamente sulle rappresentazioni mentali ad essi sottese. Tali rappresentazioni guidano i soggetti nei loro rapporti con la realtà sul piano cognitivo determinando la costruzione di conoscenze, l elaborazione di simboli e di giudizi su quello emotivo modulando le tonalità che governano gli affetti su quello relazionale regolando i comportamenti osservabili e, infine, su quello comunicazionale. Come mostrano gli sviluppi che hanno interessato in questi ultimi anni lo studio dei processi di cambiamento nei comportamenti individuali e di gruppo, la via maestra per aprire le porte a eventi di ordine trasformativo passa attraverso la messa in questione delle percezioni, delle rappresentazioni mentali e discorsive, delle modalità di rapporto al senso dell esperienza propria, del gruppo di appartenenza e dell organizzazione in cui si è inseriti in riferimento ai contesti culturali, normativi e organizzativi, in cui di fatto accadono (Kaneklin, Scaratti, 1998). Da qui la necessità di ammettere anche all interno della formazione dei riferimenti forti alla realtà lavorativa dei partecipanti, ai suoi processi e prodotti, alle operazioni, ai successi e alle émpasse che ne costituiscono la trama. E ciò non solo per l elementare necessità di contestualizzare la formazione, mettendo in scena elementi che permettano di simulare al meglio l ambiente di lavoro, accrescendo la verosimiglianza dell intervento formativo. Come ho cercato di dimostrare, questa operazione non mira infatti semplicemente a prendere a prestito dalla quotidianità i temi di cui parlare, bensì è finalizzata a permettere a che partecipa alla formazione di accedere anche in quel contesto ai processi mentali individuali e di gruppo che caratterizzano le azioni cui partecipa nel contesto lavorativo. Tutto ciò diventa ancra più importante quando i tempi della formazione sono brevi, come nel caso dell approccio presentato in questo lavoro: per avviare processi di cambiamento reale, in un tale contesto, non è infatti sufficiente parlare dell esperienza, ma serve, per così dire, parlare nell esperienza. Non si tratta quindi di parlare delle stesse cose mettendo in atto una co-referenzialità spesso più formale che sostanziale, bensì di impegnarsi in una pratica di enunciazione congiunta. Detto in altri termini, si tratta di dare corpo a un accomunamento tra azione formativa ed esperienza di lavoro utile a far sì che la prima non sia solo una pallida metafora della seconda, bensì un contenitore, una sorta di meta-ambiente in grado di fornire ai destinatari della formazione un occasione per esplicitare il proprio impegno all azione di cambiamento attraverso la progettazione congiunta di contesti e programmi di lavoro che rispettino le esigenze proprie del ruolo che essi rivestono nel sistema aziendale di gestione della sicurezza Alla luce delle argomentazioni proposte, pur nell incertezza che accompagna sempre la ricerca e la riflessione applicate al comportamento umano, in conclusione mi sembra di poter dire che questa 18

19 strada garantisce una buona probabilità di successo nel passare da una formazione alla sicurezza intesa come messa in forma, come imposizione di un modello precostituito, velocemente messo in crisi dal confronto con la realtà concreta del lavoro quotidiano, a un tipo di formazione che si presenta invece come emergenza di forma (Munari, 1990, p.13), come morfogenesi di progetti pensati a partire dall esperienza dei partecipanti e ad essa destinati. 19

20 Bibliografia Ambrosiano L., Seminari di formazione: dal gruppo al romanzo lavorativo, in R. Carli, L.Ambrosiano, a cura di, Esperienze di Psicosociologia, 1982, Franco Angeli, Milano Amerio P., Teorie in psicologia sociale, 1982, Il Mulino, Bologna. Bacchini F., Introduzione alla Sicurezza sul Lavoro ed al Decreto Legislativo n. 626/1994, 2001, edizioni Hyper, Venezia. Galimberti, C., Analisi delle conversazioni e studio dell'interazione psicosociale, in C. Galimberti, a cura di, La conversazione, 1992, Guerini & Associati, Milano. Galimberti C., Mazzoleni C., Pirrello P. Decidere nei piccoli gruppi: negoziazioni conversazionali e presa di decisione come organizzatori dell interazione nei piccoli gruppi, in E.Magrin, a cura di, La coda di Minosse, 1996 F.Angeli, Milano, pp Galimberti C., Scaratti G., La costruzione di mondi condivisi. Testi e conversazioni in un esperienza di formazione con operatori psico-sociali, in Kaneklin C., Scaratti G., Formazione e narrazione, 1998, Raffaello Cortina Editore, Milano, pp Kaës R., La parola e il legame. Processi associativi nei gruppi, 1996 (ed. or. 1994), Borla, Roma. Kaneklin C., Lavorare in gruppo oggi, in Spunti, Studio APS Milano, n. 4, 2000, pp Kaneklin C., Manoukian F., Conoscere l organizzazione, 1990, NIS, Roma. Kaneklin C., Scaratti G., Formazione e narrazione, 1998, Raffaello Cortina Editore, Milano. Lewin K., Teoria e sperimentazione in psicologia sociale, 1972 (ed. or. 1951), Il Mulino, Bologna. Marrow A.J., The Practical Theorist. The Life and Work of Kurt Lewin, 1969, Basic Books; trad. it. Kurt Lewin tra teoria e pratica, 1977, La Nuova Italia, Firenze. Munari A., Emergenza e formazione, in G.Zanarini, 1990, pp Proia N., Comunicazione personale Quaglino G.P., Casagrande S.. Castellano A.M., Gruppo di lavoro, lavoro di gruppo, 1992, Raffaello Cortina Editore, Milano. Riva G., Galimberti C., eds., Towards Cyberpsychology. Mind, Cognition and Society in the Internet Age, 2001, IOS Press, Amsterdam. Weick K.E., Senso e significato nelle organizzazioni, 1995, Raffaello Cortina Editore, Milano. Zanarini G., L emozione di pensare, 1995, Clup-Clued, Bologna. Zanarini G., Diario di viaggio. Autoorganizzazione e livelli di realtà, 1990, Guerini e Associati, Milano. 20

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze dell educazione Seminari metodologici propedeutici al tirocinio A.A. 2009/2010 II seminario: Come si articola

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Formare i formatori al tempo della crisi

Formare i formatori al tempo della crisi Settembre 2013, anno VII N. 8 Formare i formatori al tempo della crisi di Giusi Miccoli 1 La situazione della formazione e confronto con l Europa La crisi economica e finanziaria che da alcuni anni colpisce

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale!

Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! Timeoutintensiva, N 18, Nurse Science, Ottobre 2011 Essere Competente! Saper Descrivere E Narrare Il Proprio Agire Professionale! S. Giammona, S. Egman, M. Ziino Colanino, G. Cappello, R. Lombardo, F.

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS

LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA. Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS LE RELAZIONI TRA RLS E RSPP: QUALI LE CRITICITA Modalità corrette di approccio e di intervento da parte del RLS La mia relazione riprende il filo del discorso tracciato con la prima relazione che si soffermava

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Progettare e valutare attività formative aziendali

Progettare e valutare attività formative aziendali Progettare e valutare attività formative aziendali La formazione una leva per: La gestione strategica del personale La crescita della professionalità Lo sviluppo organizzativo 2 Perché accreditare le riunioni

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

A N N A G R I M A L D I

A N N A G R I M A L D I ACCOGLIENZA, ANALISI DELLA DOMANDA E CONSULENZA NEL S ERVIZIO DI ORIENTAMENTO A N N A G R I M A L D I Lo scenario di riferimento I cambiamenti strutturali degli ultimi due ultimi decenni nell ambito dell

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Corso di formazione allenatori secondo grado. Gestione dei gruppi. Milano, 18 aprile 2004

Corso di formazione allenatori secondo grado. Gestione dei gruppi. Milano, 18 aprile 2004 Corso di formazione allenatori secondo grado Gestione dei gruppi Milano, 18 aprile 2004 Il gruppo - Insieme in numero ristretto di persone impegnate nel conseguimento di obiettivi comuni. - I membri condividono

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE

INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE NOTA ISRIL ON LINE N 19-2013 INNOVAZIONE E PARTECIPAZIONE IN AZIENDA: CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI E RELAZIONI INDUSTRIALI IN ALTO ADIGE Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it

Dettagli

CAVALCANDO LO STRESS CONOSCERE LO STRESS LAVORO-CORRELATO PER PARTECIPARE POSITIVAMENTE ALLA SUA VALUTAZIONE ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO

CAVALCANDO LO STRESS CONOSCERE LO STRESS LAVORO-CORRELATO PER PARTECIPARE POSITIVAMENTE ALLA SUA VALUTAZIONE ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO CAVALCANDO LO STRESS CONOSCERE LO STRESS LAVORO-CORRELATO PER PARTECIPARE POSITIVAMENTE ALLA SUA VALUTAZIONE d intesa con nell ambito della Campagna Lombardia ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO www.amblav.it

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti *

aiflearningnews@gmail.com - www.aifonline.it Gennaio 2013, anno VII N. 1 di Renato Mastrosanti * Gennaio 2013, anno VII N. 1 La formazione aziendale nell ambito del benessere organizzativo Un caso di percorso integrato di formazione sulla gestione del rischio stress lavoro correlato di Renato Mastrosanti

Dettagli

La prospettiva dell apprendimento esperienziale nei contesti formali, non formali ed informali. Piergiorgio Reggio

La prospettiva dell apprendimento esperienziale nei contesti formali, non formali ed informali. Piergiorgio Reggio La prospettiva dell apprendimento nei contesti formali, non formali ed informali U.S.R. Emilia Romagna Bologna, 27 novembre 2014 Piergiorgio Reggio Università Cattolica Milano Istituto Italiano di Valutazione

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

LARA UNIVERSITÀ: Laboratorio sulle relazioni

LARA UNIVERSITÀ: Laboratorio sulle relazioni in collaborazione con le di in collaborazione con le di Bologna - Facoltà di Scienze della Formazione Bolzano - Facoltà di Scienze della Formazione Firenze - Facoltà di Psicologia Pavia Facoltà di Medicina

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO.

LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. LE PAROLE PER DIRLO LE EMOZIONI IN GIOCO NEL LAVORO DI CURA IN UN REPARTO PER PAZIENTI IN STATO VEGETATIVO. Supporto psicologico a favore degli operatori e dei familiari coinvolti nel lavoro di assistenza

Dettagli

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i

S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i S i s t e m a d i v a l u t a z i o n e d e l l e p r e s t a z i o n i d e i d i p e n d e n t i P r o d o t t o d a A l b e r t o P a o l i n i G r o s s e t o P a r c h e g g i s r l V e n g o n o p

Dettagli

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili

Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Percorsi formativi per lo sviluppo di competenze gestionali per medici responsabili Studio APS S.r.l. - 20123 Milano - Via S. Vittore, 38/A - Tel. 02.4694610 - Fax 02.4694593 - E-mail: studioaps@studioaps.it

Dettagli

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI

LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI Giammatteo Secchi LAVORARE CON LE FAMIGLIE NELLE COMUNITÀ PER MINORI LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Gli operatori sociali in tutela minori si confrontano ogni giorno con situazioni

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale Associazione DAGUS www.associazionedagus.it associazione.dagus@gmail.com. 1 Lo psicologo in azienda L analisi e la promozione

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola,

Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Fonte bibliografica: G Perricone (a cura di), 2011, Una giostra per la formazione. Modelli e metodologie nei Piani Operativi Nazionali della Scuola, Franco Angeli, Milano TEORIA GENERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it 1 «La necessità di sviluppare una capacità comunicativa più efficace è

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO IL GIOCO DELL INTERRELAZIONE annalisa amadi Latina Scalo 22-23 giugno 2013 1 il conflitto si esprime attraverso i comportamenti 2 il comportamento è la manifestazione

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU

COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU COGITO ERGO COOP INCONTRO FINALE PROF. MARIO MAZZOLENI WWW.MMSOLUTIONS.EU Prof. Mario Mazzoleni mario.mazzoleni@mmsolutions.eu 18 Novembre 2013 1 STAKEHOLDER Finanziator i Personal e Collettività Soci

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente ALLEGATO 1 COMUNE DI ASTI Settore Risorse Umane e Sistemi Informativi SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE del personale non dirigente 1 I N D I C E OGGETTO E FINALITA' pag. 3 LA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli