Percorsi guidati per il ripasso e il recupero UNITÀ CAMPIONE. Edizioni del Quadrifoglio. Piera Angela Petruzzi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorsi guidati per il ripasso e il recupero UNITÀ CAMPIONE. Edizioni del Quadrifoglio. Piera Angela Petruzzi"

Transcript

1 Piera Angela Petruzzi Percorsi guidati per il ripasso e il recupero per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio

2 Mondo 2 MONDO Usi dell articolo; 2 il complemento predicativo; usi dell infinito; il presente LIVELLO 1 L uso dell articolo L articolo greco o, h, tó, si collega come per l italiano a un significato dimostrativo, come risulta chiaro dalle forme o mèn... o dè (l uno l altro), nelle quali questo valore dimostrativo è conservato in pieno. Rispetto all italiano, poi, l articolo ha in greco un uso molto più ampio e particolareggiato, come si può ricavare dal fatto che precede anche i nomi propri, ricorre con gli infiniti verbali, serve a individuare la posizione attributiva e quella predicativa, è utilizzato per sostantivare gli aggettivi. PER FARE IL PUNTO... L articolo In greco l articolo precede generalmente tutti i sostantivi. Con i nomi propri di persona esso viene usato davanti a persona ben nota o familiare o già precedentemente nominata. Quando invece una persona viene presentata per la prima volta, oppure si vogliono mantenere le distanze, l articolo non figura. Anche davanti ai nomi degli dèi l articolo è di solito mancante. Quando un nome ha la funzione di predicato nominale rifiuta l articolo. Non si usa l articolo, per lo più, anche nelle massime e nelle sentenze. L articolo seguito dal genitivo indica solitamente la discendenza paterna: Kûrov o Kambúsou, Ciro figlio di Cambise. Di solito non c è articolo prima di un nome astratto indicante virtù, vizi, arti ecc. Come accade in italiano, l articolo può sostantivare un aggettivo: oi a gajoí (i buoni), tà ai scrá (le cose vergognose). Inoltre, l articolo può sostantivare anche un avverbio (per esempio: oi pálai, gli antichi) o un espressione complementare (per esempio: oi perì toû Xérxou, i soldati di Serse). 1. Ricordando le regole sull uso dell articolo, completa le seguenti frasi, aggiungendo o omettendo l articolo a seconda dei casi. a.... a gnoia pollákiv... peníav... ai tía e stín. b. En... mikrâı oi kíaı pollákiv... eu daimonían kaì h sucían eu rískomen. c. Ou k e sti... eu daimonía a neu... dikaiosúnhv. d.... eu nomía... cåran såızei. e.... eu sébeia kaì... sofía... eu tucíav kaì...swthríav... ai tía ei sín. 28

3 LIVELLO 1 2. Riconosci nelle frasi che seguono i casi in cui l articolo ha la funzione di sostantivare un aggettivo. a. Ai júellai tàv jalássav tarássousin.... b. Ai kórai aı dousin tñı jeâı.... c. Ai kórai tà kalà jaumázousin.... d. Oi polloì tæn lúphn ou stérgousin.... e. Oi stratiøtai e k tøn dexiøn e rcontai.... f. Oi kakoì tà kakà prássousin.... g. Oi a groì tréfousin toùv gewrgoúv.... h. Oi sofoì tòn tøn e taírwn trópon ou diakrínousin Nell elenco sono presenti espressioni in cui l articolo ha la facoltà di sostantivare un aggettivo (in taluni casi è un participio verbale con valore di aggettivo); per ciascuna di esse scrivi il significato. a. oi ploúsioi... b. h dexiá... c. h proteraía... d. tò díkaion... e. tà loipá... f. tò legómenon... g. ta má... h. oi kteínontev... i. oi dikázontev... l. tà déonta... Come si trova sul dizionario un avverbio? Esistono in greco diversi tipi di avverbi, che si differenziano tra loro per la formazione. Quelli che derivano dagli aggettivi qualificativi hanno normalmente la terminazione in -øv o in -wv. Capita molto frequentemente che i dizionari non riportino la forma dell avverbio in modo separato, ma la indichino sotto la voce del corrispondente aggettivo. Così se dobbiamo cercare l avverbio a díkwv (ingiustamente), lo troveremo sotto la voce del corrispondente aggettivo a dikov. 4. In modo simile all esercizio precedente, trovi elencati avverbi ed espressioni preceduti da un articolo; traducili correttamente. a. oi nûn... b. tò nûn... c. oi pálai... d. tò pálai... e. tò polú... f. tò kat a rcáv g. tò apò toûde h. oi a nw... i. oi kátw... l. tà e xw... m. tò e v tæn Cíon... n. tà ei v tòn pólemon o. oi sùn tøı strathgøı p. oi perì Kûron... 29

4 MONDO 2 LIVELLO 2 La posizione attributiva e predicativa; il complemento predicativo In greco l articolo svolge un ruolo fondamentale per determinare la posizione attributiva o predicativa di un aggettivo, di un avverbio o di un qualsiasi complemento. Il complemento predicativo, in modo del tutto analogo all italiano, può essere del soggetto, se si riferisce a esso; se invece è riferito al complemento oggetto è un predicativo dell oggetto. PER FARE IL PUNTO... La posizione attributiva e predicativa Nel significato da attribuire a un passo gioca un ruolo fondamentale l articolo determinativo, la cui posizione è in grado di segnalare se una parola (aggettivo, avverbio, ecc.) svolge una funzione attributiva o predicativa. Ricordiamo che: se un aggettivo è in posizione attributiva, cioè ha valore di semplice attributo rispetto al nome con cui concorda, è collocato nella frase tra l articolo e il nome, oppure dopo il nome, ma con l articolo ripetuto immediatamente prima; se invece un aggettivo si trova prima dell articolo e del nome o dopo il nome, ma senza ripetizione dell articolo, allora esso è in posizione predicativa. A titolo di esempio, l espressione oi tøn Ajhnaíwn doûloi significa gli schiavi degli Ateniesi, cioè gli schiavi che appartengono agli Ateniesi, in quanto tøn Ajhnaíwn è un genitivo possessivo; invece l espressione oi doûloi tøn Ajhnaíwn assume il senso di gli schiavi fra gli Ateniesi, perché il genitivo ha valore partitivo. 1. Riconosci nelle espressioni se gli aggettivi sono in posizione predicativa o attributiva. a. h mikrà muîa... b. tñı juéllhı makrâı... c. tñı juéllhı tñı makrâı... d. tøn barbárwn polémwn... e. toùv didaskálouv a gajoúv... f. tñv morfñv kalñv... g. tò déndron tò kakón... h. e k mikrâv h donñv... i. h lúph makrá... l. oi eu kairoi lógoi... m. tøn a gaqøn poihtøn... n. toîv poihtaîv toîv a gaqoîv... o. toùv lógouv kaloúv... p. i eràn tæn nñson... 30

5 2. Riconosci nelle frasi se i termini in corsivo sono in posizione predicativa o attributiva. LIVELLO 2 a. En taîv sumforaîv toùv a lhjinoùv fílouv diagignåskomen. b. H a gajæ paideía o moía e stì crusøı. c. Oi a njrwpoi e cousin tò søma (corpo) jnhtón. d. Oi spoudaîoi majhtaì taîv toû didaskálou sumboulaîv peíjontai. e. Oi spoudaîoi majhtaì taîv toû didaskálou sumboulaîv peíjontai. f. Ai nefélai tàv tñv selänhv au gàv kalúptousin. g. Oi a ndreîoi a njrwpoi bíon tón a kíndunon ai scúnhn nomízousin. h. Oi a ndreîoi a njrwpoi tòn bíon a kíndunon fulássontai. 3. Traduci le frasi dell esercizio precedente, prestando attenzione alle posizioni attributiva e predicativa. a. b. c. d. e. f. g. h. 4. Metti in ordine le parole di ciascun gruppo, in modo da costruire frasi di senso compiuto, in cui emerga la posizione attributiva dei termini. a. o ou tòn doûlov despóthn deimaínei pistòv. b. oi tøn u pò ou deimaínontai pistøn despótai doúlwn. c. o tòn ou c u poménei túrannon dñmov e leújerov. d. o tøı toû pónwı gígnetai eu karpov gewrgoû a gròv. e. h tà sullégei r óda parjénov a njhrà. f. sullégetai r óda u pò tøn tà parjénwn a njhrà. g. oi toùv stérgousin tópouv filósofoi e rämouv. 31

6 MONDO 2 5. Traduci ciascuna espressione, mettendo in rilievo le differenze a seconda che si tratti di complemento attributivo o complemento predicativo. a. tà cwría tà a nw b. a nw tà cwría c. e n Marajøni h mách (e géneto) d. h e n Marajøni mách e. oi próteron polîtai f. oi polîtai próteron (a pedídraskon) g. oi sùn Kúrwı stratiøtai h. oi stratiøtai sùn Kúrwı (e rcontai) i. o ui òv oi koi tuflòv diaménei l. o tuflòv ui òv oi kade e rcetai 6. Traduci le seguenti frasi, prestando attenzione alla posizione attributiva e predicativa. a. Toîv paidíoiv tà fármaka pikrà ou k a réskousin. b. O fqónov toùv fílouv diorízei kaì toùv a gaqoùv ponhroùv poiéei. c. Aléxandrov katà méson tòn póron toû Ellhspóntou sfáttei taûron tøı tñv qalásshv qeøı. d. En tøı lófwı tøı a krwı puknaì u lai skiàn toîv katapónoiv o dítaiv parécousin. e. Oi Aqhnaîoi oi mónoi toîv summácoiv bohqéousin. Esercizio 7 A. Traduci il seguente brano. L uomo virtuoso O kalòv ka gajòv a njrwpov stérgei mèn tæn a retän, feúgei dè tæn r ajumían tò mèn søma (corpo) toîv pónoiv gumnázei, tñı dè i scurâı yucñı toùv kindúnouv u poménei. Ou dè tòn ploûton parakaírwv stérgei, a ll a polaúei fronímwv tøn a gajøn. Ou dè tapeinøv diágei tòn bíon, a llà filókalóv e sti kaì toîv fíloiv megalódwrov. Tøn d a njråpwn jaumázei ou toùv plousíouv h toùv dunatoúv, a llà toùv dikaíouv kaì sofoùv kaì a gajoúv. 32

7 LIVELLO 3 LIVELLO 3 Gli usi dell infinito L infinito è un modo indefinito del verbo, che però in greco viene utilizzato in modo sintatticamente più libero, più complesso, più articolato. Oltre che a dar vita alle proposizioni infinitive (soggettive e oggettive), l infinito in greco può essere preceduto dall articolo (infinito sostantivato) e, retto da una preposizione, rendere diversi tipi di subordinate. PER FARE IL PUNTO... Infinito presente dei verbi in -w e del verbo ei mí L infinito è un modo verbale. Verbi in -w attivo Verbi in -w medio Verbo ei mí légein légesjai ei nai Dal punto di vista sintattico, il modo infinito può svolgere: funzione di soggetto, quando il predicato della proposizione è un verbo o una locuzione impersonale: cræ potamòn diabaínein = bisogna attraversare un fiume funzione di complemento oggetto, quando il predicato della proposizione è un verbo che indica volontà, comando, proibizione, oppure che significa dire, raccontare, tramandare, pensare, annunciare: boúlomai tòn potamòn diabaínein = voglio attraversare il fiume Le infinitive Se in una delle due funzioni precedenti l infinito ha un soggetto, siamo in presenza di una proposizione subordinata soggettiva o oggettiva (in genere entrambe sono accomunate dalla dicitura infinitiva). Il soggetto è espresso in caso accusativo, come pure tutto ciò che è sintatticamente riferito a esso (attributi, apposizioni, complementi predicativi ecc.). A differenza di quanto avviene in latino dove il soggetto è sempre obbligatoriamente espresso in greco il soggetto viene omesso se è uguale a quello della reggente. In questo caso il predicato nominale va in nominativo. L infinito sostantivato L infinito può ricorrere in forma sostantivata, grazie alla presenza della forma neutra dell articolo che lo precede: tò légein, per esempio, significa il dire. L infinito sostantivato corrisponde all infinito latino quando è nei casi diretti; al gerundio latino nei casi obliqui. L infinito sostantivato retto da una preposizione può rendere anche diverse subordinate: con dià tó una causale, con prò toû una temporale, con ei v tó una finale ecc. 33

8 MONDO 2 1. Unisci tra loro le frasi seguenti in modo da creare periodi formati da una reggente e una infinitiva secondo l esempio dato. o majhtæv légei oi didáskaloi spoudaîoí ei sin a. o didáskalov légei o majhtæv spoudaîóv e sti o majhtæv légei toùv didaskálouv spoudaíouv ei nai b. oi didáskaloi légousin oi majhtaì spoudaîoí ei sin c. o strathgòv légei oi stratiøtai a ndreîoí ei sin d. légousin ai Ajñnai e n tñı Ajhnâv frourâı ei sin e. légomen ai Ajñnai u pò tñv Ajhnâv fulássontai f. légetai oi jeoì tæn cåran fulássousin g. e legon oi jeoì tæn cåran såızousin 2. Indica la forma corretta, trascrivendola nella colonna vuota. a. légomen dikaíouv ei nai légomen díkaioi ei nai b. oi polîtai légousin tòn strathgòn a ndreîon ei nai c. oi polîtai légousin a ndreîoi ei nai d. dñlón e sti toùv jeoùv agajoùv ei nai e. oi a njrwpoi légousin ou k a gajoùv ei nai oi polîtai légousin o strathgòv a ndreîov ei nai oi polîtai légousin a ndreíouv ei nai dñlón e sti oi jeoì agajoì ei nai oi a njrwpoi légousin ou k a gajoì ei nai La funzione soggettiva dell infinito è strettamente legata al tipo di verbo che regge l infinito stesso. Affinché infatti l infinito abbia il ruolo di soggetto è necessario che il verbo reggente sia impersonale. Allo stesso modo, l infinito ha ruolo di soggetto se a reggerlo è una locuzione, vale a dire un espressione in cui il verbo essere è unito a un aggettivo, come per esempio: è facile, è interessante, è rischioso, è giusto: Díkaión e sti taûta légein. È giusto dire queste cose. 34

9 LIVELLO 3 3. Nelle frasi che seguono riconosci se l infinito ha funzione di soggetto o di complemento oggetto. a. Sumférei tòn potamòn diabaínein.... b. Calepón e sti tòn potamòn diabaínein.... c. Boulómeja tòn potamòn diabaínein.... d. Deî ei nai a retñv fílon.... e. Ekwlúomen tà kakà prássein Distingui le frasi che contengono un infinito sostantivato da quelle che contengono una proposizione infinitiva. a. Oi a njrwpoi toùv neaníav a nagkázousin manjánein.... b. Tæn nñson i eràn Hlíou ei nai e legon.... c. Pollákiv tò légein mácetai tøı práttein.... d. Tò o rjøv légein shmeîón e sti toû o rjøv fronéein.... e. O Kûrov paraggéllei toîv barbároiv stratiåtaiv tà oçpla e ndúesjai.... f. Cræ toùv a gajoùv polítav toîv nómoiv peíjesjai.... g. Oi stratiøtai eçtoimoí ei sin tøı mácesjai.... h. Oi filósofoi e legon tòn jánaton kaì tòn uçpnon a delfoùv ei nai.... i. Deî a dikían feúgein.... l. Kríne toùv a njråpouv a pò toû prássein Traduci le frasi dell esercizio precedente. a. b. c. d. e. f. g. h. i. l. 6. Completa correttamente le frasi che seguono, utilizzando i vocaboli suggeriti e ricordando le regole riferite all uso dell infinito. a. Légousin... (Lukoûrgov) mäte perì jeoùv... (a sebéw) mäte... (a dikov)... (ei mí). b. Nomízomen... (h koinwnía) tñv yucñv kaì toû såmatov (del corpo)... (kataskeuázw) tòn a njrwpon. c. Crñ... (oi stratiøtai) toùv jeoùv......(sébw). d. Swfrónwv oi a njrwpoi oi frónimoi nomízousin... (ai sumforaí)... (kratúnw) tæn yucän. e. Pollákiv oi sofoì nomízousin ou k... (crhstóv, ä, ón) ei nai tøn crhmátwn e pijumeîn. f. Oi katáskopoi h ggellon... (oi polémioi)... (katécw) i scuroùv tópouv. 35

10 MONDO 2 LIVELLO 4 Il presente degli altri modi verbali Il presente è un tempo principale del verbo, che solo all indicativo esprime il riferimento al presente. In greco infatti nell azione verbale era più importante la notazione d aspetto (ovvero se un'azione ha una durata nel tempo o è vista come compiuta) che quella di dimensione temporale. Negli altri modi, dunque, il presente indica unicamente l aspetto durativo dell azione. PER FARE IL PUNTO... Il presente congiuntivo, ottativo e imperativo (attivo e medio) dei verbi in -w Gli altri modi verbali del presente si formano dal tema temporale del presente, con l aggiunta delle desinenze primarie per i modi indicativo e congiuntivo, secondarie per l ottativo. L imperativo presenta desinenze proprie. Congiuntivo attivo 1 a légw 2 a léghıv 3 a léghı Congiuntivo medio légwmai léghı léghtai Ottativo attivo légoimi légoiv légoi Ottativo medio legoímhn légoio légoito Imperativo attivo lége legétw Imperativo medio légou legésjw 1 a 2 a 3 a légwmen léghte légwsi(n) legåmeja léghsje légwntai légoimen légoite légoien legoímeja légoisje légointo légete legóntwn (o legétwsan) légesje legésjwn (o legésjwsan) 2 a léghton 3 a léghton léghsjon léghsjon légoiton legoíthn légoisjon legoísjhn légeton legétwn légesjon legésjwn Per quanto riguarda i modi, ricordiamo che: l indicativo serve per affermare o negare qualcosa ed è il modo della realtà; il congiuntivo esprime eventualità o aspettazione; nelle proposizioni subordinate serve per le dipendenze da tempo principale; l imperativo esprime un comando o un divieto; l ottativo ha un valore desiderativo; in unione con la particella a n ha un significato potenziale; nelle proposizioni subordinate serve per le dipendenze da tempo storico (ottativo obliquo); accanto ai quattro modi finiti esistono i modi indefiniti, detti anche forme nominali del verbo: infinito, participio e aggettivo verbale. 36

11 LIVELLO 4 1. Trasforma le forme verbali dal presente indicativo al presente congiuntivo e viceversa, mantenendo persona, numero e diatesi. Presente indicativo a. bálleiv b. bálleton c. bállwsin d. bállhsjon e. bállontai f. bállhı g. bállhıv h. bállousin Presente congiuntivo 2. Volgi al medio-passivo le seguenti forme di presente ottativo, mantenendo inalterati persona e numero. a. gráfoiv... b. grafoíthn... c. gráfoimen... d. gráfoi... e. féroimi... f. féroite... g. féroiton... h. féroiv... i. féroien Analizza e traduci le seguenti voci verbali. Voci verbali Modo Tempo Persona Diatesi Traduzione a. lûe b. tréfoi c. trépou d. e prássou e. tréfwsin f. lúoiton g. prassétw h. tréfhtai i. lúetai l. prássoimen m. lúwmen n. prassétwn o. trefoímhn 37

12 MONDO 2 In greco ci sono due principali negazioni: ou (anche nelle forme ou k, ou c) e mä. Di esse si dice generalmente che la prima serve a negare la realtà, mentre la seconda è soggettiva e nega il pensiero. In realtà in greco una frase, un espressione possono avere sfumature tali per cui troviamo una negazione al posto di un altra che ci sembrerebbe più plausibile. Ecco però alcune regole che è utile ricordare: ou si usa: nelle principali enunciative; nelle interrogative dirette di senso affermativo; nelle subordinate enunciative (che usano l indicativo o l ottativo obliquo); nelle causali e nelle consecutive con l indicativo. mä si usa: nelle principali proibitive (in cui i modi sono l imperativo o il congiuntivo); nelle desiderative, dubitative e interrogative dirette retoriche di senso negativo; nelle subordinate finali, ipotetiche e concessive. In tutti gli altri casi l uso dell una o dell altra negazione è determinato dall oggettività (ou ) o dalla soggettività (mä) del contenuto. 4. Utilizza la forma corretta di negazione, dopo aver osservato attentamente il modo verbale (usa ou con l'indicativo e il participio, mä con gli altri modi). a.... pínoi b.... salpízhı (3 a persona) c.... férhı (2 a persona) d.... gráfe e.... gráfei f.... gráfhıv g.... gráfeiv h.... gráfoiv i.... gráfou l.... e gráfou Il participio presente medio-passivo si comporta come un aggettivo della prima classe a tre uscite e quindi concorda con il sostantivo a cui si riferisce in numero, genere e caso: Participio presente medio-passivo del verbo légw Maschile Femminile Neutro legómenov, -ou legoménh, -hv legómenon, -ou Per quel che riguarda il significato, il participio presente indica contemporaneità di azione rispetto al verbo reggente; si traduce dunque in italiano con un participio o un gerundio presente, oppure con che, poiché, mentre seguiti dal presente indicativo se riferito al presente, dall imperfetto se riferito al passato. È molto importante ricordare che il participio greco può essere reso in italiano con un gerundio solo quando è riferito al soggetto della proposizione reggente. 38

13 LIVELLO 4 5. Concorda con i sostantivi in elenco il participio medio-passivo dei verbi indicati tra parentesi. a. h déspoina (klaíw)... b. tøn jeøn (jerapeúw)... c. toùv stratiåtav (mácomai)... d. o pólemov (a gw)... e. tò r ódon (légw)... f. tøı gewrgøı (e rgázomai)... g. tñv nósou (gignåskw)... h. tàv cårav (nomízw)... i. oi neaníai (o nomázw)... l. h a mpelov (paraskeuázw)... m. o stâ (túptw)... n. taîv h sucíaiv (tarássw)... o. oi maqhtaì (peíqomai)... p. toû h líou (krúptw)... q. toîv f losófoiv (a koúw) Traduci le seguenti frasi. a. Cræ toùv stratiåtav di a retñv mácesqai.... b. Tæn mèn sofían stérgwmen, w fíloi.... c. Oi stratiøtai tñı e piqumíaı toû mácesqai katécontai.... d. Ek toû spoudázein ai qerápainai e painon parà tñv despoínhv e cousin.... e. Tøı légein tòn strathgòn peíqousin.... f. Metà tæn máchn o Agesílaov tòn polémarcon paratáttein e kéleue tòn stratón.... g. O deinòv strathgòv keleúei toùv stratiåtav ei v tò stratópedon a nércesqai.... Esercizio 7 A. Traduci il seguente brano. Non tutti hanno gli stessi desideri Pantoîai ai tøn a njråpwn eu caí ei sin. O mèn gàr gewrgóv, metà pónon e n a groîv, sklhròn bíon diagómenov, parà tøn jeøn eu cetai tòn hçlion h tòn o mbron h tæn dróson kaì toùv taúrouv kaloùv kaì toùv karpoùv a fjónouv. O dè strathgòv toùv stratiåtav ei v tæn máchn e laúnei kaì toùv toû polémou kindúnouv u poménei, macómenov u pèr tñv swthríav. O dè stratiåthv diåkei tæn níkhn kaì tøn polemíwn h ssan. O d i atròv tñv tøn a rråstwn eu exíav kaì tñv teleutñv tñv nósou o régetai. O dè didáskalov boúletai toùv majhtàv a gajoùv kaì spoudaíouv. O dè naúthv tæn a ploian deimaínei mèn kaì tæn júellan kaì tæn nauagían, parà dè tøn jeøn eu ploian kaì ou rion a nemon proseúcetai. 39

14 MONDO 2 LIVELLO 5 I verbi contratti Molti verbi, per la maggior parte denominativi, cioè derivati da un sostantivo (es.: timáw da timä, onore) hanno il tema che finisce con una vocale forte (a, e, o) e al presente, come all imperfetto, contraggono tale vocale con la vocale tematica e/o. Nella contrazione vengono rispettate le regole che hai già studiato. PER FARE IL PUNTO... I verbi contratti Prima di affrontare gli esercizi di questo livello, è necessario ripassare le regole della contrazione, applicandole ai verbi cosiddetti contratti. Vanno inoltre ripassate le forme verbali del presente e dell imperfetto. Bisogna infine ricordare che alcuni verbi in -áw in realtà contraggono in h anziché in ā. Il dizionario ti dà sempre una mano, segnalandoli. I più comuni sono: peináw, ho fame diyáw, ho sete záw, vivo cráw, do responsi cráomai, uso (come utor latino) 1. Trasforma le seguenti forme non contratte in contratte. a. a gapáw... b. a gapáeiv... c. o ráoio... d. o raésjw... e. timáhtai... f. timáoien... g. cráete Analizza e traduci le seguenti voci verbali contratte. h. zaétw... i. zhtéei... l. kaléein... m. poiéhı... n. dhlóesjai... o. douloómenov... p. dhlóete... Voci verbali Modo Tempo Persona Diatesi Traduzione a. nikøıton b. nikø (2 a persona) c. fílei d. e leujeroíh e. peineítw f. e timø g. filouménh h. plhrøsi i. poiñtai l. kosmeîtai 40

15 LIVELLO 5 Ricorda che i verbi in -ew con tema monosillabico, come pléw, pnéw, r éw, céw, jéw, contraggono solo le forme in ei, mentre le altre rimangono non contratte. 3. Traduci le seguenti voci verbali, utilizzando il verbo indicato nella seconda colonna alla 1 a persona dell indicativo. Forma italiana Verbo greco Traduzione a. eravamo visti o ráw b. riempi! plhrów c. essi navigano pléw d. magari fossero vinti nikáw e. siamo cercati zhtéw f. essere puniti zhmiów g. voi usate cráomai h. colui che è soffiato pnéw i. tu ornavi kosméw l. che egli sia liberato e leujerów 4. Trasforma le seguenti forme contratte dall attivo al medio. a. e káloun... b. mæ e âte... c. filoûsin... d. e tímwn... e. dokeî... f. zøsin... g. a nårjoun... h. zhloîv... i. timân... l. e piskópei... m. níka... n. dhloûn... Fai attenzione! Ricorda che nella coniugazione dei verbi contratti ricorrono forme del tutto uguali e altre che si differenziano solo per l accento. Prima di affrontare il successivo esercizio, ripassa attentamente la coniugazione dei verbi contratti. 41

16 MONDO 2 5. Trasforma le seguenti voci verbali dal presente indicativo al presente congiuntivo. a. nikøsi... b. a gapø... c. nikâıv... d. a gapømen... e. kaleî... f. kaleîton... g. kaleîte... h. kaleîv... i. bioîv... l. bioûmen... m. bioûsin... n. bioûton Trasforma le seguenti voci verbali dal presente indicativo al presente ottativo. a. nikøsi... b. a gapø... c. nikâıv... d. a gapømen... e. kaleî... f. kaleîton... g. kaleîte... h. kaleîv... i. bioîv... l. bioûmen... m. bioûsin... n. bioûton Volgi al presente indicativo. a. zoîv... b. crøımen... c. calåıhn... d. a roîv... e. spåıhv... f. ai noî... g. bioíthn... h. doîton... i. a norqoîmen... l. knøıen... m. r igoîen... n. a rkoîte Volgi al presente indicativo le seguenti forme di imperfetto. a. e zeiv... b. e zeîton... c. e zoû... d. e deîsqe... e. e doun... f. ei av... g. ei ø... h. ei ásqhn... i. e wrâte... l. ei stíwn... m. hı neîte... n. e bíoun... o. e bioûto... p. e dhloúmeqa... q. h rouv... r. h roûsqon... 42

17 LIVELLO 5 9. Completa opportunamente la tabella secondo l esempio indicato (nel caso una forma appartenga contemporaneamente a più modi, segnalali tutti). Imperativo attivo Imperativo medio-passivo Participio medio-passivo Infinito timâsqon X a. knñn b. knåmenov c. ktø d. bíou e. bioû f. bioúmenon g. dókei h. dokoúmenov i. dokeîn l. dokoû m. crân n. crwménhv o. dhloúshı p. dhlouménhı 10. Analizza le seguenti voci verbali contratte, indicando per ciascuna tutte le diverse possibilità. a. kalñı... b. a gapø... c. dhloî... d. dälou... e. dhloû... f. timâı... g. e däloun... h. e dhloû... Esercizio 11 A. Traduci il seguente brano. Una celebre vittoria O mèn Aléxandrov, toîv Pérsaiv polemeîn boulómenov, tòn Elläsponton diabaínei kaì parà tæn ºAbudon stratopedeúetai. O mèn tøn Ellhnikøn misjofórwn strathgòv sumbouleúei toîv barbároiv a nágein tæn stratiàn ei v tò méson toû pedíou kaì a nagkázein tòn Aléxandron a pocwreîn tñv jalásshv. H mách parà tøı Graníkwı potamøı gígnetai oi mèn stratiøtai toû Alexándrou a ndreíwv mácontai, oi dè bárbaroi ei v fugæn trépontai. 43

18 Cerca il testo completo in libreria oppure acquistalo su libreriarizzoli.it I contenuti di bravi in greco 1 Indice: Scopri tutte le novità B.I.T. su RcsEducation.it Edizioni del Quadrifoglio

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO ITALIANO ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA, LATINO E GRECO PRIMO BIENNIO ITALIANO OBIETTIVI -Conoscenza delle strutture fondamentali della lingua italiana e delle sue relazioni con le altre lingue oggetto di studio,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof.ssa ANTONELLA PERESSINI A.S. 2015/2016 CLASSE 1 ALL MATERIA: LINGUA LATINA

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof.ssa ANTONELLA PERESSINI A.S. 2015/2016 CLASSE 1 ALL MATERIA: LINGUA LATINA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof.ssa ANTONELLA PERESSINI A.S. 2015/2016 CLASSE 1 ALL MATERIA: LINGUA LATINA Modulo n. 1 INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL LATINO Collocazione temporale: settembre e ottobre riconoscere

Dettagli

soggettive.notebook November 20, 2014

soggettive.notebook November 20, 2014 PROPOSIZIONI SOGGETTIVE sono dette anche completive, perché completano il senso della frase reggente. L'informazione contenuta nella proposizione soggettiva è il soggetto della frase reggente COMPONI due

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Dante Alighieri Anno Scolastico 2015/2016. Programmazione didattica annuale FINALITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO

Liceo Ginnasio Statale Dante Alighieri Anno Scolastico 2015/2016. Programmazione didattica annuale FINALITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Liceo Ginnasio Statale Dante Alighieri Anno Scolastico 2015/2016 Classe: I B Docente: Marzia Procopio Materia: Greco Programmazione didattica annuale FINALITÀ DEL PERCORSO FORMATIVO Lo studio delle lingue

Dettagli

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online)

http://digital.casalini.it/8884535131 ISBN-10: 88-8453-513-1 (online) ISBN-13: 978-88-8453-513-9 (online) IV PRIMA UNITÀ Nuovi itinerari alla scoperta del greco antico : le strutture fondamentali della lingua greca : fonetica, morfologia, sintassi, semantica, pragmatica / Francesco Michelazzo. Firenze : Firenze

Dettagli

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale Programmazione di greco e latino Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale -Premessa Lo studio della lingua e della letteratura greca e latina è, per comune consenso, indispensabile a tutti coloro

Dettagli

I.I.S. SEVERI-CORRENTI

I.I.S. SEVERI-CORRENTI I.I.S. SEVERI-CORRENTI Indirizzo Liceo Scientifico Via Alcuino, 4 Milano Anno scolastico 2014/ 2015 CLASSE 2^ SEZIONE D PROGRAMMA DI LATINO Testi in adozione: Grammatica: N. Flocchini, P. Guidotti Bacci,

Dettagli

Contratto Formativo Individuale

Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2010 2011 Contratto Formativo Individuale Classe: 1ª Sez: F Materia: Latino Docente: Annalisa Campanaro Capacità 1.ANALISI DELLA CLASSE: sufficienti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Liceo Chiabrera Martini Classico-Linguistico-Artistico 17100 Savona Via Caboto, 2 - Tel. 019/821277-8 Fax 019/821277 Cod. fis. 92090320091 Cod. Mecc. SVIS00800D E-mail: classico@liceochiabrera.it www.chiabreramartini.it

Dettagli

Spagnolo seconda lingua (3 ore settimanali) anno scolastico 2014/15 SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CON SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA SEZIONE E

Spagnolo seconda lingua (3 ore settimanali) anno scolastico 2014/15 SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CON SPECIALIZZAZIONE SPORTIVA SEZIONE E Contenuti minimi classi prime Spagnolo seconda lingua (3 ore settimanali) AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI CON SPECIALIZZAZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA

Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA Istituto Comprensivo «G. Marconi», Castelfranco Emilia CURRICOLO VERTICALE DI GRAMMATICA e RIFLESSIONE LINGUISTICA INDICE 1 - Prerequisiti in entrata alla Scuola Primaria 2 Scuola Primaria Classe prima

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

Indice del volume. Dai suoni alle lettere. La fonetica

Indice del volume. Dai suoni alle lettere. La fonetica Indice del volume PARTE 1 Dai suoni alle lettere Fonetica, ortografia, punteggiatura 1 La fonetica Test d ingresso, p. 2 1 Pronuncia e scrittura... 3 2 L alfabeto... 3 Alle radici dell italiano Le lettere

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI TEDESCO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI TEDESCO classe prima LE ESSENZIALI DI TEDESCO comprendere e decodificare semplici testi e/o messaggi orali e scritti comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Pulvirenti Antonella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Pulvirenti Antonella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero GRAMMATICA AL CONTRARIO Competenza/e da Saper mettere in relazione ed associare; Sapersi concentrare, saper usare sviluppare l attenzione selettiva; Saper procedere in modo logico e coerente; Saper comunicare

Dettagli

A cura di: Prof. ssa Simona Cerrai Istituto Comprensivo G. B. Niccolini SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. MANDELA

A cura di: Prof. ssa Simona Cerrai Istituto Comprensivo G. B. Niccolini SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. MANDELA A cura di: Prof. ssa Simona Cerrai Istituto Comprensivo G. B. Niccolini SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N. MANDELA CHE COS E L ANALISI LOGICA? E l analisi della frase semplice, ossia della frase costituita

Dettagli

1 livello: Alunni senza alcuna competenza o con competenza minima (Pre-A1)

1 livello: Alunni senza alcuna competenza o con competenza minima (Pre-A1) 1 Istituto Comprensivo Sesto Fiorentino Programmazione ITALIANO L2 (Scuola Primaria) 1 livello: Alunni senza alcuna competenza o con competenza minima (Pre-A1) Si considerano alunni di 1 livello coloro

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39

Indice del volume. 1 La comunicazione 2. 1 Per una corretta pronuncia. 2 Quale italiano? La nostra lingua, 2 Scrivere senza errori 39 Parte I Premesse teoriche per un uso consapevole della lingua 1 Dal latino all italiano Come leggere i messaggi pubblicitari 1 La comunicazione 2 1 Cos è la comunicazione: significante, significato, segno

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

Operatori logici e porte logiche

Operatori logici e porte logiche Operatori logici e porte logiche Operatori unari.......................................... 730 Connettivo AND........................................ 730 Connettivo OR..........................................

Dettagli

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia.

FRANCESE. Ricezione orale (ascolto) Comprendere istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano. Comprendere il senso generale di un una storia. FRANCESE FINE CLASSE TERZA PRIMARIA L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive oralmente e per iscritto, in modo semplice, aspetti del proprio vissuto e del

Dettagli

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO

DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO DIPLOMA DI LINGUA ITALIANA SILLABO PRESENTAZIONE Il Diploma di Lingua Italiana dell'istituto Italiano di Cultura di Salonicco è un attestato di conoscenza dell'italiano come lingua straniera. Viene rilasciato

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI SPAGNOLO LE ESSENZIALI DI SPAGNOLO classe prima Liceo linguistico comprendere informazioni dirette e concrete su argomenti quotidiani comprendere e seguire istruzioni brevi e semplici comprendere il senso generale

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE "ENRICO TOSI" - BUSTO ARSIZIO (VA) CENTRO IDA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ENRICO TOSI - BUSTO ARSIZIO (VA) CENTRO IDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE "ENRICO TOSI" - BUSTO ARSIZIO (VA) CENTRO IDA PROGETTO Assegnazione della quota destinata alle Aree a Forte Processo Immigratorio 1.1 Denominazione progetto Percorso

Dettagli

Presentazione della classe

Presentazione della classe Presentazione della classe La classe I A del Liceo Scientifico è composta da 19 alunni (7 maschi e 12 femmine). Un ragazzo ha iniziato a frequentare a fine ottobre. Si rileva la presenza di un allievo

Dettagli

-PRESENTE SEMPLICE- PRESENT SIMPLE

-PRESENTE SEMPLICE- PRESENT SIMPLE Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -PRESENTE SEMPLICE- PRESENT SIMPLE Quello che in inglese viene chiamato present simple (presente semplice), traduce in italiano il presente indicativo.

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura

NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO. Angela intervista Laura NELLA FORMA ATTIVA IL SOGGETTO COMPIE L AZIONE ESPRESSA DAL VERBO Angela intervista Laura chi compie l azione azione compiuta oggetto su cui passa l azione NELLA FORMA PASSIVA, INVECE, IL SOGGETTO SUBISCE

Dettagli

PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008

PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008 PROGRAMMI DI LINGUA SPAGNOLA LIVELLI A2-B1-B2-C1-C1acc.-C2 acc. C.L.A. Università di Verona a.a. 2007-2008 Dott.ssa Anna Altarriba Dott.ssa Susana Benavente Dott.ssa Margarita Checa Dott.ssa Mª Beatriz

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO SECONDO BIENNIO CLASSI TERZA E QUARTA Competenza 1. Interagire e comunicare oralmente in contesti di diversa natura. Al termine del II biennio ( 3^ e 4^ Scuola Primaria)

Dettagli

un libro di lavoro per i compiti per casa con esercizi di vocabolario, grammatica, pronuncia e con soluzioni;

un libro di lavoro per i compiti per casa con esercizi di vocabolario, grammatica, pronuncia e con soluzioni; Introduzione Azzurro vi offre la possibilità di acquisire una conoscenza di base della lingua italiana. Imparerete a capire e a parlare l italiano nelle situazioni di tutti i giorni, farete esperienze

Dettagli

Sintassi della LIS 01. I dati Restrizioni e relazioni d ordine

Sintassi della LIS 01. I dati Restrizioni e relazioni d ordine Sintassi della LIS 01 I dati Restrizioni e relazioni d ordine Argomento della lezione In questa lezione ci occuperemo della struttura sintattica delle frasi della LIS. Partendo dalle considerazioni che

Dettagli

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS)

-PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS) Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -PRONOMI PERSONALI- (PERSONAL PRONOUNS) PREMESSA: RICHIAMI DI GRAMMATICA Il pronome (dal latino al posto del nome ) personale è quell elemento della frase

Dettagli

Rappresentazione grafica di entità e attributi

Rappresentazione grafica di entità e attributi PROGETTAZIONE CONCETTUALE La progettazione concettuale, ha il compito di costruire e definire una rappresentazione corretta e completa della realtà di interesse, e il prodotto di tale attività, è lo schema

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare

richiesta scritta del medico, dove sono indicate le medicine da comprare Modulo Assistenza familiare Unità 2 Servizi Sanitari e Farmaci In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla ricetta medica del servizio sanitario nazionale parole relative

Dettagli

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica

Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica Linee guida per la redazione di testi di comunicazione pubblica a cura di Chiara Di Benedetto, Elena Lombardo, Marianna Schiavon, Matteo Viale, con il coordinamento di Michele A. Cortelazzo Sii chiaro

Dettagli

Trascrizione completa della lezione Lezione 002

Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Trascrizione completa della lezione Lezione 002 Adam: Salve, il mio nome e Adam Kirin: E io sono Kirin. Adam: e noi siano contenti che vi siete sintonizzati su ChineseLearnOnline.com dove noi speriamo

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016

Istituto Comprensivo di Cologna Veneta Curricolo Scuola Primaria a.s. 2015/2016 Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazioni, discussioni, di classe o di gruppi) con compagni e insegnanti rispettando

Dettagli

LA PUNTEGGIATURA IL PUNTO LA VIRGOLA PUNTO E VIRGOLA I DUE PUNTI PUNTO INTERROGATIVO PUNTO ESCLAMATIVO I SEGNI DI INTERPUNZIONE E LE PARENTESI IL PUNTO si usa quando tra due frasi oppure due periodi c

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

LATINO (biennio linguistico)

LATINO (biennio linguistico) LATINO (biennio linguistico) OBIETTIVI (CLASSE I) Al termine della classe prima lo studente dovrà essere in possesso delle seguenti: morfologia e sintassi della lingua italiana (recupero e consolidamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Le linee programmatiche del Dipartimento, sulla base della tassonomia specificata nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Straniere (1996)

Dettagli

Manuel Carrera Diaz. Grammatica spagnola. Editori Laterza

Manuel Carrera Diaz. Grammatica spagnola. Editori Laterza Manuel Carrera Diaz Grammatica spagnola Editori Laterza Indice del volume Premessa Trascrizioni fonematiche e fonetiche VII ix /. La lingua spagnola. Il sistema fonetico-fonologico (I) 1. Lo spagnolo:

Dettagli

DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI

DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI MORFOLOGIA = STUDIO DELLA FORMAZIONE DELLA LINGUA. SINTASSI = STUDIO DEI RAPPORTI CHE LE PAROLE HANNO TRA LORO, DEI LORO RUOLI ALL INTERNO DELLA FRASE LA MORFOLOGIA GUARDA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO

CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO CURRICOLO VERTICALE D ISTITUTO ITALIANO OBIETTIVO GENERALE COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE 1. Prestare attenzione a chi parla 2. Saper comprendere messaggi orali 3. Capire il significato globale delle

Dettagli

Combinazione di parole. La Sintassi

Combinazione di parole. La Sintassi Combinazione di parole. La Sintassi Una lingua non è fatta soltanto di parole isolate, ma anche di combinazioni di queste parole Non tutte le combinazioni di parole sono possibili, non tutte suonano grammaticali

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

1) Quali sono i verbi che, per avere senso compiuto, devono unirsi ad un aggettivo o sostantivo?

1) Quali sono i verbi che, per avere senso compiuto, devono unirsi ad un aggettivo o sostantivo? grammatica Cultura Generale GRAMMATICA ITALIANA 1) Quali sono i verbi che, per avere senso compiuto, devono unirsi ad un aggettivo o sostantivo? A) Copulativi B) Anomali C) Intransitivi D) Predicativi

Dettagli

Unità 0 Pronti? Via! COMUNICAZIONE GRAMMATICA LESSICO

Unità 0 Pronti? Via! COMUNICAZIONE GRAMMATICA LESSICO Di seguito proponiamo la lista degli esercizi interattivi per ogni lezione di Parla con me 1 al fine di renderne più facile l uso sia per gli studenti che per gli insegnanti. È infatti possibile eseguire

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

Programma recupero di lingua spagnola

Programma recupero di lingua spagnola ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE 25 APRILE - CUORGNÈ Indirizzo Turistico Anno scolastico 2014/2015 Classe 1 A Disciplina: LINGUA E CIVILTÀ SPAGNOLA Docente: Prof.ssa Marcelina C. Alderete Libro di testo:

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1

Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 Programmazione di Italiano L2 LIVELLO 1 1) ASCOLTARE E COMPRENDERE 1a) Ascoltare e comprendere semplici e brevi messaggi orali ricorrenti nel linguaggio della classe e del laboratorio 1.a.1. - rispondere

Dettagli

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini LA favola È un racconto breve ha come protagonisti degli animali che parlano e si comportano come gli uomini un linguaggio semplice frasi brevi molti dialoghi una morale cioè un insegnamento hanno pregi

Dettagli

COMPETENZE COMUNICATIVE ATTESE al termine della classe 2^ della secondaria di primo grado per la seconda lingua straniera (tedesco) LIVELLO A1 QCER

COMPETENZE COMUNICATIVE ATTESE al termine della classe 2^ della secondaria di primo grado per la seconda lingua straniera (tedesco) LIVELLO A1 QCER CURRICOLO VERTICALE per le LINGUE STRANIERE in base al Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue: apprendimento, insegnamento, valutazione (2002) COMPETENZE COMUNICATIVE ATTESE al termine della

Dettagli

Ecco alcune parole e espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. inclinazione del terreno ostacoli voluminosi

Ecco alcune parole e espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. inclinazione del terreno ostacoli voluminosi Unità 7 Macchine agricole e infortuni In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla sicurezza in agricoltura le parole relative alla sicurezza in agricoltura e all uso delle macchine agricole

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA. 2 Livello

ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA. 2 Livello ALFABETIZZAZIONE LINGUA ITALIANA 2 Livello UD 30.2 Anno primo Alfabetizzazione italiana II 1 Competenze usare forme linguistiche di base per gestire dialoghi semplici e interagire in situazioni interpersonali

Dettagli

Unità 20. La legge sul ricongiungimento familiare. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2

Unità 20. La legge sul ricongiungimento familiare. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 20 La legge sul ricongiungimento familiare In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sulla legge per il ricongiungimento familiare parole relative alle leggi sull immigrazione

Dettagli

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale)

attraverso l'ascolto attento della spiegazione in classe che ci chiarira' le caratteristiche generali dell'argomento in questione (ascolto globale) NOTE SUL METODO DI STUDIO a cura di Valeria Calcagno prima fase Quando ci si accinge a studiare un nuovo argomento è necessario avere prima di tutto un'idea generale di esso. come? attraverso l'ascolto

Dettagli

Modulo: I. Mi presento Livello: Alto

Modulo: I. Mi presento Livello: Alto 1. Mi presento Scrivere i propri dati, parlare di sé, ripasso basi di grammatica e ortografia Saluti, nome, cognome, parlare di sé e della propria personalità basi di ortografia Facsimile carta d identità

Dettagli

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Macroindicatori di conoscenze/abilità Comprensione: -del significato dei numeri -dei modi per rappresentarli -della notazione posizionale dei traguardi per

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO LUCA SIGNORELLI - CORTONA GRECO BIENNIO

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO LUCA SIGNORELLI - CORTONA GRECO BIENNIO GRECO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo studio delle lingue classiche per fornire agli studenti validi strumenti di comprensione e riflessione diretta sulla storia e l evoluzione delle civiltà greca

Dettagli

Ti presentiamo due testi che danno informazioni ai cittadini su come gestire i propri

Ti presentiamo due testi che danno informazioni ai cittadini su come gestire i propri Unità 11 Questione di soldi In questa unità imparerai: come spedire i soldi all estero come usare il bancomat gli aggettivi e i pronomi dimostrativi questo e quello a costruire frasi negative con mai e

Dettagli

PRONOMI RELATIVI. Tutti i pron. relativi (ad eccezione di CHI) hanno un ANTECEDENTE che può essere rappresentato da:

PRONOMI RELATIVI. Tutti i pron. relativi (ad eccezione di CHI) hanno un ANTECEDENTE che può essere rappresentato da: PRONOMI RELATIVI Sostituiscono un N cioè un termine già espresso mettendo»in relazione«una reggente con una subordinata relativa. Il libro CHE sto leggendo è noioso. Tutti i pron. relativi (ad eccezione

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIO SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO ANNO SCOLASTICO: 2012-2013 PROF: Anzani Maria Classe:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA LINGUA E LETTERE LATINE Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 RICERCA-AZIONE Insegnare per competenze: Lo sviluppo dei processi cognitivi Scuola Elementare Fiorentino DESCRIZIONE DELL ESPERIENZA Docente: Rosa

Dettagli

STUDIO RAGIONATO USI DELLA VIRGOLA

STUDIO RAGIONATO USI DELLA VIRGOLA STUDIO RAGIONATO USI DELLA VIRGOLA 1 ) Funzione segmentatrice per separare il GERUNDIO o il PARTICIPIO PASSATO ad inizio frase = PROP. SUBORDINATE IMPLICITE ( TEMPORALI = quando / mentre / dopo che ; CAUSALI

Dettagli

CHIAVI DEGLI ESERCIZI

CHIAVI DEGLI ESERCIZI Lycée Blaise-Cendrars/ sr + cr Febbraio 2012 Unità 1 : 1. Completa con il verbo essere. 2. sono 3. Siamo 4. Siete 5. Sei 6. Sono CHIAVI DEGLI ESERCIZI 2. Metti le frasi dell esercizio 1 alla forma negativa.

Dettagli

"NORMA": MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI

NORMA: MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI "NORMA": MANUALE PER LA REDAZIONE DEI TESTI NORMATIVI c:\users\user\desktop\codicenorma.doc ii Codice per la redazione degli atti normativi ENRICO PATTARO, GIOVANNI SARTOR, ALESSANDRA CAPELLI Codice per

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME

Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE LATINO- CLASSI PRIME OBIETTIVI 1. Acquisizione di competenza linguistica in vari campi del sapere 2. Oggettivazione e formalizzazione delle strutture linguistiche,

Dettagli

Corso di Laurea triennale/magistrale in Scienze dei Beni Culturali. a.a. 2015/2016

Corso di Laurea triennale/magistrale in Scienze dei Beni Culturali. a.a. 2015/2016 Corso di Laurea triennale/magistrale in Scienze dei Beni Culturali a.a. 2015/2016 Laboratorio di Lingua Tedesca Esperto linguistico: Dott.ssa Sabine Beck Responsabile: Dott.ssa Lorella Bosco CFU 3 Secondo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2008-2009. Istituto di Istruzione Superiore. Latino e Geografia 1E, 1G, 1H LICEO

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2008-2009. Istituto di Istruzione Superiore. Latino e Geografia 1E, 1G, 1H LICEO Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. PEANO C/da Fontanelle 85052 MARSICONUOVO (PZ) Tel.0975342102 - Fax 0975344109 C. F. 80006310769 - C. M. PZIS01900C www.liceomarsico.gov.it- E-Mail: PZIS01900C@istruzione.it

Dettagli

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687

LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE F. DE SANCTIS Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 ! LICEO LINGUISTICO E DELLE SCIENZE UMANE "F. DE SANCTIS" Via Fogazzaro, 18-95047 Paternò (CT) TEL. 095.6136687 Programmazione Didattica Disciplinare BIENNIO: CLASSI SECONDE DISCIPLINA: ITALIANO A.S. 2015/2016

Dettagli

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2

Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 Programma Corso Standard Italiano per stranieri A2 1) Conoscenze e abilità da conseguire L obiettivo di questo corso è di portare gli studenti al livello A2 o soglia, così definito dal Quadro comune Europeo

Dettagli

Imperativo. Indicativo. Congiuntivo. Gerundio. Condizionale. Participio. Infinito. Tabella dei tempi:

Imperativo. Indicativo. Congiuntivo. Gerundio. Condizionale. Participio. Infinito. Tabella dei tempi: Tabella dei tempi: RIPASSO: Segui il percorso andando in ordine dai numeri da 1 a 7! INIZIA A GIOCARE Indicativo 1 4 Imperativo Congiuntivo 2 5 Gerundio Condizionale 3 6 Participio 7 Infinito INIZIA A

Dettagli

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005

Risoluzione. Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 Risoluzione Eric Miotto Corretto dal prof. Silvio Valentini 15 giugno 2005 1 Risoluzione Introdurremo ora un metodo per capire se un insieme di formule è soddisfacibile o meno. Lo vedremo prima per insiemi

Dettagli

Contenuti - temi - attività didattiche CLASSE PRIMA

Contenuti - temi - attività didattiche CLASSE PRIMA Corrisponde a un nucleo tematico della disciplina, a un argomento forte della disciplina; caratterizza ASCOLTO Grado scolastico: Scuola Secondaria di 1 grado Comprende brevi dialoghi con un lessico limitato,

Dettagli

Livello Principiante. Grammatica. Lessico. Civiltà. Fonologia. Funzioni. Grammatica. Lessico Numeri da O a 20. Civiltà. Fonologia.

Livello Principiante. Grammatica. Lessico. Civiltà. Fonologia. Funzioni. Grammatica. Lessico Numeri da O a 20. Civiltà. Fonologia. Livello Principiante Unità 1 in viaggio Affermare. Negare. Salutare. Presentarsi. Chiedere e dire la nazionalità e la provenienza. Chiedere e dire il nome. Chiedere e dire come si scrive una parola. Ringraziare.

Dettagli

Francese per principianti : PRESENTARSI : La famiglia Toussaud

Francese per principianti : PRESENTARSI : La famiglia Toussaud 1 Francese per principianti : PRESENTARSI : La famiglia Toussaud Vogliamo cominciare proprio ora a leggere e parlare francese conoscendo la famiglia Toussaud, la quale vive in Francia. La famiglia Toussaud

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA : latino ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Classe 2Es PROF. Maria Nivea

Dettagli

Si comincia a costruire un test partendo dallo studio della caratteristica da misurare.

Si comincia a costruire un test partendo dallo studio della caratteristica da misurare. VALIDITA A PRIORI Si comincia a costruire un test partendo dallo studio della caratteristica da misurare. Indicatori della caratteristica da misurare vanno valutati in rapporto all attinenza della caratteristica

Dettagli

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO

IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO GIAMPIERO BARILE IMPARIAMO IL SOLFEGGIO GIOCANDO Corso di solfeggio per bambini Esercizi ritmici di preparazione Illustrazioni: Giorgia Serafini Sigh!! Non Ä giusto voglio imparare anche io la musica ma

Dettagli

IN QUESTURA UNITÁ 7. Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio

IN QUESTURA UNITÁ 7. Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio IN QUESTURA Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio stranieri non è qui; che cosa deve fare? Asare: Devo fare il permesso di soggiorno. Impiegato:

Dettagli

Classe 2Alin LINGUA E CULTURA TEDESCA anno scol. 2015/16. Piano di lavoro individuale: prof.ssa Rossana Casadio. omissis

Classe 2Alin LINGUA E CULTURA TEDESCA anno scol. 2015/16. Piano di lavoro individuale: prof.ssa Rossana Casadio. omissis Situazione della classe dal punto di vista dello sviluppo delle competenze Prerequisiti Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi ed operativi Madrelingua Lingua straniera 2 Classe

Dettagli

LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA PER LA LINGUA INGLESE. L'alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Descrive

Dettagli

Anno di corso: Contenuti - temi - attività CLASSE 1^

Anno di corso: Contenuti - temi - attività CLASSE 1^ TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE NUCLEO FONDANTE: Corrisponde a un nucleo tematico della disciplina, a un argomento forte della disciplina; caratterizza una parte consistente del curricolo disciplinare e si sviluppa

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello 1

Università per Stranieri di Siena Livello 1 Unità 4 In farmacia In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su dove comprare i medicinali parole relative alla farmacia e all uso corretto dei farmaci l uso dei verbi servili

Dettagli

Rispondi alla domanda. Quali sono le differenze fra i programmi di studio americani e quelli italiani?

Rispondi alla domanda. Quali sono le differenze fra i programmi di studio americani e quelli italiani? I. Prova di comprensione di testi scritti. a) eggi attentamente il testo che segue. a nuova moda è studiare in America I giovani italiani sbarcano negli USA. Molti adolescenti non esitano a lasciare amici

Dettagli

Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -FRASE SUBORDINATA-

Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -FRASE SUBORDINATA- Visitaci su: http://englishclass.altervista.org/ -FRASE SUBORDINATA- I verbi di una frase possono reggere dei complementi oppure altre frasi, le quali vengono dette proposizioni subordinate, e possono

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL

AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL CURRICOLO VERTICALE DI LINGUA SPAGNOLA AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO È PREVISTO IL RAGGIUGIMENTO DI UNA COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA CORRISPONDENTE AL LIVELLO A1 DEL QUADRO COMUNE

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli