Conto Formazione Aziendale. Guida all utilizzo della piattaforma per la presentazione, gestione e rendicontazione dei Piani Formativi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conto Formazione Aziendale. Guida all utilizzo della piattaforma per la presentazione, gestione e rendicontazione dei Piani Formativi"

Transcript

1 Conto Formazione Aziendale Guida all utilizzo della piattaforma per la presentazione, gestione e rendicontazione dei Piani Formativi 14 aprile 2014

2 Premessa La "Guida all utilizzo della piattaforma per la presentazione, gestione e rendicontazione dei Piani Formativi", documentazione a supporto delle Linee Guida per il Conto Formazione Aziendale di Fonservizi - Fondo Formazione Servizi Pubblici Industriali, ha l obiettivo di fornire alle Aziende che hanno attivato il CFA e sono interessate alla presentazione di un Piano (aziendale, multiaziendale, di Gruppo, individuale), le modalità e le istruzioni per la corretta compilazione della piattaforma informatica del Fondo. Rispetto alle versioni precedenti nella Guida è presente anche la sezione dedicata alla presentazione dei Piani Multiaziendali da parte di un Organismo accreditato per la formazione continua presso le Regioni/Province Autonome (di seguito indicato come Soggetto Presentatore ). 2

3 Conto Formazione Aziendale Piani Formativi presentati direttamente dalle Imprese (individuali, aziendali, multi aziendali, di Gruppo) 3

4 1. Accesso all area riservata L Azienda aderente che ha attivato il Conto Formazione Aziendale può accedere alla propria area riservata, inserendo, all indirizzo web (Figura 1), la Userid e la Password ricevute al proprio indirizzo di posta elettronica certificata dalla casella di posta elettronica certificata del Fondo e poi cliccando il pulsante Accesso. Figura 1. Area Pubblica 4

5 Nella Home Page della propria area riservata (Figura 2) in alto a sinistra sono presenti i link alle quattro pagine inerenti: Anagrafica Aziendale Conto Aziendale Piani Formativi Documenti Fondo. Figura 2. Home page Area riservata 5

6 2. Anagrafica aziendale Cliccando sopra la scritta Anagrafica Aziendale si accede ad una pagina (Figura 3) con alcuni dati bloccati (Denominazione, Natura Giuridica, Matricola INPS e Codice Fiscale) che vengono importati dal data base dell INPS. Cliccando sopra il pulsante Dati aziendali posto alla destra di ogni riga si ha la possibilità di inserire/correggere/modificare i dati presenti nella maschera collegata (Figura 4). Cliccando sopra i pulsanti Rappresentante Legale o Sede Legale, posti in fondo alla tabella dei dati aziendali bloccati, si ha la possibilità di inserire/correggere/modificare i dati presenti nelle maschere relative collegate (Figure 5 e 6). Figura 3. Anagrafica 6

7 Figura 4. Dati aziendali Figura 5. Rappresentante Legale 7

8 Figura 6. Sede Legale Pur rimanendo liberi i campi, i dati immessi sono mantenuti sia visivamente che conservati. Il sistema non fa inviare i Piani formativi in presentazione se tutti i dati richiesti in anagrafica non sono inseriti. Dopo aver inserito/modificato/corretto le informazioni richieste è necessario salvare i dati (con il relativo pulsante Salva ) e cliccare sul pulsante Indietro per accedere alle maschere successive. 8

9 3. Conto Aziendale Cliccando sopra la scritta Conto Aziendale, presente sulla sinistra della Home page dell area riservata, si accede ad una pagina (Figura 7) con alcuni dati bloccati (Denominazione Azienda, Codice Fiscale, Totale Contabile, Totale Disponibile, Ultimo Periodo Ripartizione, Ultimo Periodo Competenza, Totale in scadenza al 31/12/201X) che vengono importati dal data base dell INPS. Figura 7. Conto Aziendale Le risorse economiche presenti nel CFA sono costituite dal 70 % del contributo obbligatorio dello 0,30 % INPS versato dall azienda e trasferito dall INPS a Fonservizi dalla data di attivazione del CFA. Fanno eccezione alla predetta regola due condizioni particolari inerenti: 1. le imprese aderenti alla data del 12 settembre 2011 che hanno comunicato entro il 31 dicembre 2011, l attivazione del CFA disporranno del 80 % di quanto versato al Fondo e trasferito dall INPS a Fonservizi dall adesione fino al 30 settembre 2011; 2. alle imprese provenienti da altri Fondi Interprofessionali, in caso di attivazione del CFA, Fonservizi riconosce il 100% delle risorse oggetto di portabilità. 9

10 Nella pagina c è un pulsante Estratto Conto che apre un altra pagina (Figura 8) con i dati di sintesi, anche questi bloccati, per ciascuna matricola INPS aderente al Fondo, derivanti dal data base INPS. Figura 8. Estratto conto di sintesi Posizionando il mouse sulla riga inerente la matricola INPS d interesse e cliccando su Dettaglio, si apre una ulteriore pagina con il relativo estratto conto (Figura 9). Figura 9. Estratto conto In fondo alla pagina è presente un altro pulsante Estrai su Excel che permette il download dei dati in formato.xls. 10

11 4. Piani Formativi Con il pulsante Piani Formativi si accede ad una pagina che riporta l elenco dei Piani Formativi attivati dall azienda ( aperti ma non presentati ; presentati ma non ancora autorizzati ; in essere ; chiusi e rendicontati ), dal quale poi accedere ai singoli Piani, cliccando sopra la riga relativa all interno della colonna Situazione Piani (Figure 10 e 10bis). Figura 10. Home page Piani Formativi vuota Figura 10. Home page Piani Formativi con Piani 11

12 In caso di Piano aperto ma non presentato cliccando sul pulsante Domanda viene aperto il formulario elettronico da completare. Sempre in questo caso, cliccando sul pulsante Elimina, il sistema consente di cancellare un piano aperto ma non presentato. Negli altri casi ( Piano presentato ma non ancora autorizzato, Piano in essere, Piano chiuso e rendicontato ), cliccando sul pulsante Domanda, viene aperta la versione bloccata (in formato.pdf) del Piano presentato. Accanto ai Piani presentati ma non ancora autorizzati è posto un pulsante denominato Avvio anticipato mediante il quale l Azienda comunica al Fondo per via telematica l intenzione di anticipare l inizio delle attività rispetto all autorizzazione positiva del Fondo, sotto la propria responsabilità e senza alcun impegno per il Fondo. Cliccando il pulsante appare una ulteriore pagina di verifica: L azienda è consapevole, richiedendo l avvio anticipato delle attività del Piano, che in caso di esito negativo dell istruttoria tutte le spese sostenute per la presentazione e gestione del Piano avviato anticipatamente restano interamente a Suo carico, non potendo richiedere alcunché a Fonservizi. L Azienda deve confermare la propria intenzione cliccando il pulsante SI. In caso di SI, alla casella di posta elettronica del Referente Aziendale arriva una mail di comunicazione dell avvenuta richiesta di avvio anticipato. Da tale momento è possibile accedere all area di monitoraggio e di rendicontazione del Piano per cui è stato richiesto l avvio. In caso di NO, non viene attivata la predetta funzionalità e si torna automaticamente all elenco Piani. 12

13 4.1. Presentazione di un Piano Formativo In questa sezione verranno descritte tutte le procedure per la presentazione di un nuovo Piano Formativo, con indicazioni relative alle procedure telematiche e alla compilazione dei campi previsti dalla Piattaforma Dati Piano Per inserire un nuovo Piano è necessario cliccare sul pulsante Nuovo Piano : si aprirà direttamente la prima sezione Dati Piano (Figura 11) del formulario elettronico. Figura 11. Dati Piano Nella pagina è presente un campo bloccato indicante un codice numerico provvisorio attribuito dal sistema al Piano. Per assicurare che il numero del Piano sia legato all utenza è necessario, dopo aver salvato la sezione Dati Piano uscire dalla sezione stessa e quindi rientrare per compilare le sezioni successive. 13

14 NOTA BENE: Il Fondo comunicherà al momento dell approvazione del Piano il codice numerico definitivo che dovrà essere utilizzato dall Azienda in tutti i documenti e le comunicazioni inerenti il Piano. Sulla destra della pagina l Azienda dovrà indicare la tipologia di Piano che intende presentare. È ammessa una sola risposta. Di seguito, in forma tabellare, si specificano nel dettaglio le caratteristiche dei Piani formativi: Aziendale Multiaziendale Gruppo di Imprese Individuale Risponde ai fabbisogni formativi di una singola Azienda Risponde ai fabbisogni formativi di due o più Imprese Risponde ai fabbisogni di due o più imprese appartenenti al medesimo Gruppo di Imprese È inerente uno o più percorsi formativi destinati a singoli lavoratori di una singola Azienda Sempre a destra, sotto la precedente tabella, è necessario inserire la tipologia dei sottoscrittori dell accordo sindacale di condivisione del Piano. È necessario flaggare Azienda, per quanto riguarda la parte datoriale; per la parte sindacale inserire una delle risposte possibili Dati Piano allegati Nella sezione seguente è presente una schermata dove caricare due tipologie di formati: 1. l Accordo Sindacale di condivisione del Piano (di cui sono stati indicati i sottoscrittori alla pagina precedente); 2. il Mandato collettivo con procura all incasso (solo in caso di Piani Multiaziendali o di Gruppo). NOTA BENE: Si ricorda che la condivisione dell accordo sindacale è obbligatoria ai fini dell ammissibilità del Piano. Gli accordi tra le parti sociali, ovvero rappresentanza datoriale e le rappresentanze sindacali aziendali aderenti a CGIL, CISL e UIL, possono essere siglati anche dalle rappresentanze territorialmente competenti in caso di assenza di una o più delle rappresentanze aziendali predette. Attraverso il Mandato collettivo con procura all incasso, le Aziende titolari di risorse accantonate presso il proprio Conto Formazione Aziendale, che intendono presentare un Piano Formativo 14

15 Multiaziendale, conferiscono ad una Azienda capofila la procura a incassare direttamente da Fonservizi le somme erogate a titolo di rimborso delle attività rendicontate. Con il pulsante Sfoglia si avvia la ricerca sul proprio terminale del file da caricare. Una volta individuato, cliccando l altro pulsante Carica e salva, il file viene acquisito dal sistema informatico (Figura 12). Il file può essere aperto/salvato in seguito, cliccando sul nome del file presente all interno della tabella File allegati al Piano. Figura 12. Dati Piano - allegati Descrizione Piano Tale sezione è dedicata alla raccolta dei dati e delle informazioni quali-quantitative che nell insieme concorrono a descrivere le caratteristiche del Piano: l Azienda dovrà descrivere nei campi prescritti le finalità, le motivazioni, gli obiettivi generali, la strutturazione dell intervento formativo, il management del Piano e i risultati che si intendono raggiungere. 15

16 Con il pulsante Descrizione Piano si accede alla relativa sezione (Figura 13.), riportata a pagina seguente. Figura 13. Descrizione Piano Nella pagina è necessario compilare le seguenti tre sezioni: Motivazioni ed Obiettivi dell intervento (Max 7500 caratteri). É richiesto di descrivere gli obiettivi generali, le finalità e le motivazioni del Piano candidato al finanziamento, evidenziandone la coerenza con il contesto aziendale ed i fabbisogni formativi e professionali rilevati. Descrizione dell impianto didattico complessivo (Max 7500 caratteri). In questa sezione è previsto l inserimento della descrizione della macro progettazione del Piano Formativo: denominazione Progetti (Corsi), durata e contenuti dei singoli Corsi, timing, motivazioni specifiche, tipologia docenti, ecc. L Azienda dovrà descrivere inoltre 16

17 l approccio metodologico scelto per rendere efficace l apprendimento dei lavoratori e l acquisizione delle competenze desiderate, anche in relazione alle specifiche azioni formative. Organizzazione del Piano e risultati attesi (campo libero Max 7500 caratteri) L Azienda dovrà fornire una panoramica completa di come intende realizzare le attività formative. Dovranno inoltre essere indicati in termini concreti, ovvero numericamente quantificabili, gli effetti prodotti in uscita dal percorso formativo. Ad esempio: - % di lavoratori sul totale dei soggetti in formazione che hanno acquisito le competenze indicate - % di lavoratori riqualificati sul totale dei soggetti in formazione - aumento della produttività interna - livello di soddisfazione percepita dei lavoratori/beneficiari e della committenza interna rispetto alla formazione erogata - effetti di performance desiderati Per ciascun risultato atteso, l'azienda dovrà indicare: - il tipo di strumento utilizzato per la misurazione del risultato - la modalità e l'eventuale tempistica di somministrazione - l'output finale di misurazione Flaggando una o più risposte all interno della tabella Finalità si indicano i fabbisogni e/o le necessita cui l intervento formativo risponde. A titolo esplicativo, a pagina seguente, si riporta una tabella delle variabili presenti nel predetto campo al fine di agevolare la scelta delle finalità coerenti con gli obiettivi di formazione dell Azienda. 17

18 Finalità del Piano Competitività d Azienda/ Innovazione Competitività settoriale Delocalizzazione/ Internazionalizzazione Formazione ex-lege (obbligatoria) Formazione in ingresso Mantenimento occupazione Manutenzione/aggiornamento delle competenze Mobilità esterna, outplacement, ricollocazione Sviluppo locale Definizione sintetica Insieme di iniziative formative per la realizzazione di processi di innovazione tecnologica, organizzativa e gestionale, al fine di rafforzare le competenze e le capacità del proprio capitale umano. Comprende tutte quelle iniziative di formazione che tendono a potenziare le conoscenze e le competenze legate a figure professionali e imprese di uno stesso settore. Insieme di iniziative formative che incrementano la capacità delle imprese di sviluppare ed ampliare le proprie prospettive di mercato sia rispetto alla possibilità di delocalizzare alcune fasi della produzione, sia per rafforzare e sviluppare l export. Comprende tutte quelle iniziative di formazione finalizzate all adempimento di obblighi di legge. Ad esempio la formazione per la sicurezza, o per l igiene. Include le iniziative formative che supportano il lavoratore neo assunto nella conoscenza del contesto produttivo nel quale viene inserito. Può riguardare sia la conoscenza dell organizzazione interna e le sue procedure, che il mercato esterno nel quale agisce l Azienda. Tale formazione può concretizzarsi anche attraverso un percorso di rafforzamento o d integrazione di competenze di base già possedute dal neo-assunto. Raggruppa tutte quelle iniziative di formazione che hanno l obiettivo di riconversione, specializzazione o riqualificazione dei lavoratori delle imprese in crisi o che agiscono in mercati altamente competitivi. Riguarda tutte quelle attività di formazione tradizionalmente tese a mantenere e sostenere un livello di conoscenze e competenze tali da conservare la competitività aziendale. Sono in alcuni casi connesse ai processi di aggiornamento e di manutenzione tecnologica. Comprende l insieme di quelle iniziative formative che mirano all orientamento al lavoro, ai percorsi di occupabilità, al miglioramento della posizione sul mercato, all occupazione (mantenuta o nuova) dei lavoratori in imprese in crisi. Riguarda le iniziative finalizzate a incrementare la competitività di un territorio attraverso l innalzamento del livello di formazione delle risorse umane disponibili, in particolare dedicate all acquisizione delle capacità di impiego di nuove tecnologie e conquista di nuovi mercati. Nella medesima pagina l Azienda deve evidenziare su quale/i territorio/i ha ricaduta l iniziativa formativa, indicando la/e Regione/i di localizzazione delle Aziende coinvolte nel Piano. Altresì dovranno essere indicati il numero dei lavoratori coinvolti nel Piano e le date di inizio e fine del Piano. NOTA BENE: La Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ la presentazione del Piano nel caso in cui le date inerenti l inizio e la fine del Piano superino i 10 mesi previsti da Fonservizi per la durata massima del Piano. 18

19 La pagina contiene altri 4 items bloccati riportanti Durata in ore del Piano (la somma delle ore di docenza di tutti i singoli Corsi). Monte ore di formazione (la somma del monte ore di formazione (n. allievi x n. ore di docenza) di tutti i singoli Corsi). % ore formazione obbligatoria (la percentuale ottenuta dividendo il numero di ore di formazione obbligatoria con il numero indicato nel precedente Durata in ore del Piano ). % ore FAD (la percentuale ottenuta dividendo il numero di ore di formazione erogata in FAD, ottenuto attraverso la somma degli items Autoapprendimento mediante formazione a distanza (FAD), corsi di corrispondenza o altre modalità di apprendimento gestire dai singoli addetti all interno di Modalità formativa di ciascun Corso con il numero indicato nel precedente campo Durata in ore del Piano ). In fondo alla sezione è presente il pulsante Salva per confermare le informazioni inserite. NOTA BENE: La percentuale di ore di FAD prevista da Fonservizi è pari al 30% del totale delle ore di formazione del Piano. Nel caso in cui in fase di immissione venga superato il predetto valore, la piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ la presentazione del Piano Descrizione Corsi In questa Sezione sono richieste le informazioni descrittive dei singoli Progetti Formativi (Corsi) che nel complesso compongono il Piano Formativo. Con il pulsante Descrizione Corsi (Figura 14) si accede ad una pagina dove compare l elenco dei Corsi attivati con i seguenti dati di sintesi: Codice Corso (generato automaticamente dal sistema ad ogni Corso inserito) Titolo Provincia (inerente la/e localizzazione/i della sede formativa) Numero ore Numero destinatari. 19

20 Il sistema consente anche la possibilità di eliminare o duplicare lo stesso corso modificando eventualmente alcune informazioni nella schermata di dettaglio (es. n edizione, n destinatari, ore, ecc.). NOTA BENE: una volta concluso l'inserimento dei Corsi è necessario tornare alla sezione Descrizione Piano per convalidare le informazioni. Per inserire i dati di ogni singolo Corso è necessario cliccare sul pulsante Nuovo Corso. Si aprirà quindi una schermata con campi uguali da riempire per ciascun Corso (da 1 a n). Il sistema attribuirà un codice numerico progressivo differente per ciascun Corso. Figura 14. Descrizione Corsi 20

21 I campi sono i seguenti: 1. Titolo (campo libero): richiede di indicare la denominazione del Corso. 2. Territorio/i interessato/i Per Territorio/i Interessato/i si intende la localizzazione della/e sede/i formativa/e coinvolta/e nel Corso. Sarà possibile inserire una o più risposte attingendo dall elenco delle Province della/e Regione/i indicate nella sezione Descrizione Piano. 3. Tipologia. l Azienda dovrà specificare la natura dell intervento formativo e l eventuale presenza di azioni specifiche che integrano i percorsi standard (ovvero solo formazione). NOTA BENE: L intervento potrà configurarsi come percorso standard, ovvero solo formativo o come percorso integrato da azioni specifiche e servizi di supporto. Le attività integrative e di supporto dei percorsi standard possono essere: di natura propedeutica, tese ad ancorare i fabbisogni formativi al Corso in questione, come nel caso di attività di orientamento e bilancio di competenze di sostegno alla finalità generale del Piano, come attività di accompagnamento alla mobilità/outplacement/ricollocazione di supporto a particolari utenze, come nel caso di servizi di accompagnamento per lavoratori disabili. 4. N destinatari (campo numerico libero). L azienda dovrà indicare il numero dei dipendenti coinvolti nello specifico Corso. NOTA BENE: Per i Piani aziendali è previsto un limite minimo di 5 e un limite massimo di 25 allievi per ciascuna sessione formativa. In caso di FAD asincrona non sono previsti limiti minimi e/o massimi del numero degli allievi. Nel caso in cui tali valori non vengano rispettati la Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano. 5. Tematica formativa. In questa sezione andranno inserite due tipologie di informazione: gli ambiti tematici su cui insistono i Corsi previsti nel Piano il numero di ore previsto. NOTA BENE: Nelle due pagine seguenti si riporta l elenco delle tematiche formative e le relative descrizioni sintetiche. È possibile una sola risposta tra le alternative fornite. 21

22 TEMATICA FORMATIVA Lingue straniere, italiano per stranieri Vendita, marketing Contabilità, finanza Gestione aziendale (risorse umane, qualità, ecc) e amministrazione Lavoro d ufficio e di segreteria Sviluppo delle abilità personali Conoscenza del contesto lavorativo Informatica Tecniche e tecnologie di produzione della manifattura e delle costruzioni DEFINIZIONI SINTETICHE Include tutti i corsi di lingue di qualsiasi livello e specializzazione. Vendita: include tutte quelle tematiche formative relative alla vendita al dettaglio e all ingrosso di beni e servizi (ad es. gestione degli ordini, servizi al cliente, tecniche di dimostrazione e vendita, tecniche di vendita immobiliare). Marketing: include tutte quelle tematiche che facilitano il processo di scambio nel mercato tra gli individui (clienti e consumatori) e i produttori di beni e servizi (ad es. pubblicità e comunicazione, ricerche di mercato, merchandising, public relations, tecniche di promozione). Contabilità: include tutte quelle tematiche inerenti le tecniche e le metodologie di mantenimento, controllo e registrazione delle transazioni finanziarie. Finanza: include tutte quelle tematiche relative alla pianificazione, direzione, organizzazione e controllo delle attività finanziarie bancarie e assicurative, (ad es. analisi degli investimenti assicurativi e finanziari). Include tutte quelle tematiche relative alla pianificazione, direzione e operatività di funzioni e attività di organizzazioni e istituzioni, come ad esempio, la qualità (norme ISO 9000, CSR ed altre), la gestione dell ufficio o della logistica. Si intendono comprese anche quelle materie relative alla gestione del personale e alla formazione. Include le tematiche legate alle procedure e pratiche utilizzate nel lavoro di ufficio e di segreteria. Vengono comprese anche tematiche legate all utilizzo di supporti tecnologici, sia hardware che software. Sono esclusi quei programmi formativi principalmente finalizzati all alfabetizzazione informatica non ulteriormente finalizzata e qualificata (ad es. utilizzo del pacchetto Office, da inserire nella tematica Informatica ). Include tutte quelle tematiche inerenti lo sviluppo di capacità individuali che possono essere utilizzate nel contesto lavorativo (ad es. capacità di argomentare e presentare concetti o lavori public speaking incluso - capacità di comunicazione e di interazione, sviluppo di capacità comportamentali, pianificazione del tempo e formazione alla leadership). Include tutte quelle tematiche che agevolano l inserimento al lavoro dei neo-assunti (ad es. tematiche come organizzazione del lavoro, conoscenza dell Azienda, conoscenza dei processi di qualità in uso, diritti sindacali). Include tematiche legate sia al semplice utilizzo del computer (ad esempio Office), sia alla sua programmazione e manutenzione. Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze tecniche che consentono di trasformare materie prime e altri materiali e/o realizzare prodotti (lavorati o semi-lavorati), nell ambito dei seguenti settori: macchine e trasformazione dei metalli; - elettricità ed energia; elettronica e automazione; chimica e farmaceutica; costruzioni di mezzi di trasporto (auto, navi e veicoli aerei); 22

23 Tecniche e tecnologie di produzione dell agricoltura, della zootecnia e della pesca Tecniche, tecnologie e metodologie per l erogazione di servizi sanitari e sociali Salvaguardia ambientale Salute e sicurezza sul lavoro Tecniche, tecnologie e metodologie per l erogazione di servizi economici alimentare; tessile, abbigliamento e calzaturiero; produzione di legno, carta, plastica e vetro; estrazione mineraria; architettura e pianificazione; costruzione di edifici e opere di ingegneria edile. Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze per la gestione di attività connesse all agricoltura, alla silvicoltura, alla zootecnia, alla pesca, comprese le attività veterinarie. Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze nell ambito a) della medicina: diagnostica e cura; tecnologia del trattamento (ad es. tecnologia radiologica, radioterapica); infermieristica; riabilitazione (ad es. fisioterapia, logopedia); farmaceutica; b) dei servizi sociali: cura dei minori; cura degli anziani; assistenza a soggetti svantaggiati; assistenza a soggetti con dipendenze; assistenza a situazioni di crisi individuale o familiare (maltrattamenti, mobbing, ecc.). Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze nell ambito della protezione dell ambiente anche attraverso l utilizzo di tecnologie per il controllo e prevenzione dell inquinamento delle acque, dell aria e del suolo; per il controllo degli scarichi industriali; per il controllo del processo di riciclaggio dei rifiuti. Sono incluse anche le tematiche relative alla gestione e conservazione di ambienti e parchi naturali. Include tutte quelle tematiche legate al riconoscimento, valutazione, controllo e prevenzione di fattori ambientali, anche di rischio, nei luoghi di lavoro (ad es. normativa sulla sicurezza, ecc.). Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze nell ambito del: settore alberghiero e della ristorazione; viaggi e turismo; sport (ad. es. corsi per istruttori in discipline sportive); servizi per la cura del corpo (ad. es. formazione per parrucchieri ed estetisti); servizi di trasporto; servizi di pubblica utilità (ad. es. raccolta rifiuti, fornitura acqua e pulizia della strada, ecc); servizi di vigilanza. 23

24 6. Modalità formativa. Questa tabella raccoglie due tipi di informazione: - le modalità attraverso cui saranno erogate le attività formative del Corso - il relativo numero di ore previste per ciascuna modalità. NOTA BENE: Il campo prevede la possibilità di scegliere più opzioni tra quelle previste in quanto è possibile che la natura delle tematiche formative affrontate all interno del Corso necessiti di un uso congiunto di più metodologie didattiche. Di seguito, in forma tabellare, le indicazioni riferite alle opzioni che l Azienda dovrà indicare. Modalità formativa Aula Training on the job Rotazione programmata nelle mansioni lavorative, affiancamento e visite di studio Partecipazione a circoli di qualità o gruppi di auto formazione Autoapprendimento mediante formazione a distanza, corsi di corrispondenza o altre modalità di apprendimento gestite dai singoli addetti Partecipazione a convegni, workshop o presentazione di prodotti/servizi Descrizione sintetica Sessioni di formazione in ambiente strutturato (interno o esterno all Azienda) che prevedono la presenza di uno o più docenti. Attività pianificata e organizzata in cui un docente facilita l acquisizione di competenze operative sul luogo di lavoro insegnando ad utilizzare gli strumenti di lavoro tramite esperienza pratica (laboratorio, project work, analisi di casi). Rotazione programmata nelle mansioni: acquisizione di competenze mediante l alternanza con altri lavoratori nello svolgimento di una serie di mansioni lavorative; tale attività deve essere programmata e può avvenire anche al di fuori dell Azienda, ma devono essere esclusi gli ordinari trasferimenti di personale tra i diversi reparti di un Azienda. Affiancamento: la tecnica di formazione per cui un lavoratore migliora le sue competenze svolgendo una mansione assieme ad una persona con maggiore esperienza (per es. coach), purché tale attività sia pianificata e organizzata dall Azienda. Visite di studio presso altri ambienti di lavoro. Possono essere considerate occasioni di formazione quando sono finalizzate all acquisizione di specifiche competenze professionali. Circoli di qualità: partecipazione a gruppi di addetti che, anche con l aiuto di un coordinatore (per es. coach), si riuniscono periodicamente al fine di proporre e confrontare soluzioni per risolvere problemi emersi sul luogo di lavoro. Gruppi di auto-formazione: partecipazione a gruppi di addetti che si riuniscono periodicamente per migliorare, attraverso lo scambio di esperienze e opinioni, la loro conoscenza dei processi produttivi e dell organizzazione del lavoro nella propria Azienda (per es. ricerca di gruppo). Attività di formazione decisa e finanziata dall Azienda ma in cui è colui che apprende a decidere tempi e luoghi dell apprendimento. Sono comprese in tale voce: la formazione aperta (ovvero flessibile alle esigenze dei singoli in formazione) e a distanza (attraverso l utilizzo di una piattaforma e-learning). Non può essere considerato autoapprendimento la semplice consultazione di Internet, o l approfondimento individuale di singoli temi a seguito della frequenza di corsi di formazione professionale. Partecipazione ad eventi culturali che non hanno una diretta finalità formativa, ma che rappresentano comunque, per singoli o per gruppi di addetti dell Azienda, un occasione di acquisizione di conoscenze (per es. conferenze, seminari, outdoor training). Requisito essenziale è che la partecipazione a tali eventi sia considerata dall Azienda come attività formativa. 24

25 NOTA BENE: L effettuazione di attività di Formazione a Distanza - FAD dovrà essere dimostrata obbligatoriamente tramite stampe di report automatici prodotti da sistemi informatici e di comunicazione. Non sono ammesse attività di FAD prive di sistema di registrazione delle attività. 7. Collocazione temporale della formazione. L Azienda dovrà scegliere una sola tra le opzioni previste nell elenco di modalità definito, ovvero: Durante l orario di lavoro Al di fuori dell orario di lavoro Parte durante e parte al di fuori dell orario di lavoro NOTA BENE: La modalità nei periodi di sospensione temporanea dell attività lavorativa è stata inclusa per la considerazione specifica di particolari status (ad esempio cassa integrazione) o target (lavoratori stagionali). 8. Certificazione esiti. Si riferisce alle modalità attraverso cui verranno certificati gli esiti del processo formativo. Il campo è riferito al tema del riconoscimento e della messa in trasparenza dei percorsi di qualificazione e professionalizzazione dei singoli lavoratori coinvolti. A pagina seguente, in forma tabellare, le indicazioni riferite alle opzioni che l Azienda dovrà indicare. 25

26 Tipologia di certificazione Nessuna certificazione Dispositivi di certificazione rilasciati dall organismo realizzatore o dal Fondo Dispositivi di certificazione regionali Acquisizione titoli riconosciuti (patentini conduzione caldaie, ecc.) Acquisizione di certificazioni standard in materia di informatica e lingue straniere Acquisizione di crediti ECM o altri crediti previsti da Ordini Professionali Descrizione sintetica Attestati di frequenza rilasciati dall organismo che realizza la formazione o dal Fondo stesso e che non hanno riconoscimento formale da parte di terzi (Istituzioni pubbliche o altri organismi come, ad esempio, gli Ordini professionali). Certificazioni relative ad acquisizioni di conoscenze e competenze professionali che vengono rilasciate, secondo normative e regolamenti specifici, dalle Amministrazioni Regionali. Certificazioni, rilasciate da enti o organismi istituzionali (Province, Comuni o Enti riconosciuti dal sistema pubblico) che abilitano a specifiche professioni o all utilizzo di specifici macchinari/strumenti di lavoro (ad esempio patentini per la guida di macchinari; patenti per la manutenzione di impianti idraulici, termici, elettrici). Certificazioni che attestano il livello di apprendimento raggiunto, secondo gli standard riconosciuti a livello nazionale e comunitario. La loro acquisizione comporta prove d esame realizzate da organismi riconosciuti dalle Istituzioni a livello nazionale e comunitario (ad esempio, per l informatica è riconosciuta la cosiddetta patente europea ECDL; per le lingue esistono diverse certificazioni, ad esempio per la lingua inglese il TOEFL o l EFT). Acquisizione di crediti formativi così come previsti dagli Ordini professionali, in forma obbligatoria. Tali crediti vengono acquisiti attraverso la partecipazione ad iniziative di formazione riconosciute all interno degli Ordini stessi o nell ambito di Accordi di settore (come è il caso del settore sanitario che prevede l acquisizione di crediti ECM). 9. Durata in ore (campo numerico libero). Andranno indicate il numero di ore del Corso nel formato HH.MM. NOTA BENE: La piattaforma effettua un incrocio tra i dati inseriti nel campo Tematica formativa e quelli inerenti il campo Modalità formativa. Nel caso in cui non ci sia corrispondenza la Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano. 10. Formazione Obbligatoria L Azienda dovrà indicare se il Corso è relativo alla formazione obbligatoria così come disciplinata negli Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 per la formazione dei lavoratori ai sensi del Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. 26

27 Dati ev. Fornitore/i esterni Con il pulsante Dati ev. Fornitore/i si accede ad una pagina dove l Azienda potrà inserire i dati di ogni eventuale Fornitore. Per inserirne altri è necessario cliccare pulsante Nuovo fornitore (Figura 15). L Azienda dovrà indicare i dati anagrafici e giuridici del fornitore, la natura dello stesso in base a un elenco di items definiti e la presenza o meno dell accreditamento regionale per la formazione continua (Figura 16). Nel caso in cui l Azienda scelga un fornitore non accreditato presso una delle Regioni/Province Autonome, dovrà specificare il motivo del coinvolgimento sul Piano di un soggetto sprovvisto di tale requisito. Figura 15. Lista Fornitori 27

28 Figura 16. Dati ev. Fornitore esterno 28

29 Piano Finanziario La sezione Piano Finanziario (Figura 17.) riporta la descrizione di 2 voci: il prospetto per Macrovoci di Spesa la tabella Risorse da stornare. Figura 17. Piano finanziario 29

30 Nel prospetto Macrovoci di spesa, per le quatto voci che compongono il Piano finanziario, ovvero: A. Attività propedeutiche e di accompagnamento B. Attività formative C. Costo del Personale in formazione D. Spese di Funzionamento e Gestione dovranno essere inseriti: il Contributo Fonservizi il Cofinanziamento Privato (generalmente coperto dal costo del lavoro dei dipendenti in formazione, cd. mancato reddito) il Totale del Piano. NOTA BENE: Ai fini della corretta compilazione di campi finanziari si ricorda che: - Il contributo minimo richiesto a Fonservizi deve essere pari almeno a 5.000,00 per i Piani Aziendali, Multiaziendali o di Gruppi di Imprese e pari almeno a 1.500,00 per i Piani Individuali; - l importo del Cofinanziamento deve ammontare almeno a 1/3 del costo complessivo del Piano. Il cofinanziamento privato non è dovuto in caso di Piano formativo rivolto esclusivamente a lavoratori posti in cassa integrazione (ordinaria o straordinaria, in deroga e per l edilizia), durante il periodo di concessione (in tal caso è necessario flaggare Cassaintegrati sotto la tabella Spesa ); - la somma del contributo richiesto a Fonservizi per le macrovoci A. Attività propedeutiche e di accompagnamento e D. Spese di Funzionamento e Gestione non dovrà essere superiore al 20 % del Contributo Totale di Fonservizi - la somma delle macrovoci B. Attività formative e C. Costo del Personale in formazione al netto dell importo inerente il mancato reddito (costo dei lavoratori in formazione) deve essere pari almeno all 80 % del Contributo Totale di Fonservizi Nel caso in cui l Azienda non rispetti i valori e le percentuali testé indicate, la Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano. Dopo aver salvato i dati inseriti per macrovoce di spesa, andrà compilata la tabella Risorse da stornare in base al saldo disponibile su ciascuna matricola aziendale. Per ogni matricola INPS 30

31 esistente il sistema evidenzia in automatico l importo disponibile (al netto degli impegni e dei disimpegni di spesa). L azienda dovrà pertanto riempire i campi Maturando e Risorse. NOTA BENE: In caso di Piano Multiaziendale, sarà necessario inserire anche il codice fiscale, la matricola INPS e l importo delle risorse da stornare di altra Azienda aderente attivatrice del CFA. Se il Codice Fiscale o la Matricola non appartiene a imprese aderenti al Fondo e che non hanno attivato il CFA la Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano. La Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano anche nel caso in cui il totale Risorse aziendali da stornare sia inferiore all importo indicato in A carico di Fonservizi. Una volta salvato l inserimento dei dati, il sistema visualizza la seguente frase: Il finanziamento richiesto non potrà in ogni caso superare le risorse effettivamente disponibili presenti sul Conto Formazione Aziendale al momento della presentazione del rendiconto finale Dichiarazione di autenticità Questa pagina riporta in automatico i dati relativi al Rappresentante legale inseriti nella sezione Anagrafica aziendale PRIVACY In questa pagina l Azienda dovrà esprimere il consenso al trattamento dei dati personali. NOTA BENE: la mancata autorizzazione al trattamento dei dati determina l'impossibilità di presentare il Piano Formativo. La Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio Conclusione della fase di presentazione Ai fini della verifica delle informazioni inserite nel Piano, l Azienda può effettuare stampe provvisorie del formulario attraverso il pulsante dedicato. Una volta verificate le informazioni e inseriti tutti i dati necessari, l Azienda potrà procedere all invio definitivo attraverso il pulsante dedicato Validazione/Invio (Figura 18). 31

32 Figura 18. Validazione e invio Piano Dopo l invio telematico, l Azienda deve salvare in formato.pdf la versione definitiva del formulario. Il sistema consente la stampa ai fini della sottoscrizione dal Legale rappresentante dell Azienda e la messa a disposizione del formulario sottoscritto, insieme agli altri originali progettuali, per la verifica da parte del Revisore. Una mail in automatico dal sistema comunicherà al Referente Aziendale e al Fondo il completamento dell iter di presentazione. NOTA BENE: Una volta presentato il Piano, Fonservizi provvede a verificarne l ammissibilità controllando la completezza e la coerenza dei dati e la corrispondenza dell Accordo sindacale - scansionato ed allegato in fase di presentazione - ai requisiti ed alle condizioni riportate nelle Linee Guida del CFA. 32

33 Non risulterà ammissibile il Piano che: pervenga a Fonservizi secondo una modalità diversa da quella telematica; manchi della copia dell Accordo Sindacale o presenti un Accordo Sindacale privo di una delle sottoscrizioni e/o dei requisiti minimi previsti; manchi della copia del Mandato collettivo con procura all incasso in caso di Piano Multiaziendale; sia presentato da una Azienda che non risulti aderente al Fondo al momento della presentazione della domanda e/o non abbiano comunicato l attivazione del Conto Formazione Aziendale nelle forme previste. L esito della fase di verifica inerente l ammissibilità si conclude con una comunicazione del Fondo, a mezzo PEC e/o fax, entro 30 giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione telematica di presentazione del Piano. 33

34 4.2. Gestione dei Piani Formativi L area Gestione Piani formativi contiene tutti i dati utili al monitoraggio quali-quantitativo del Piano e dei Corsi in esso contenuti. Al fine di accedere all area dedicata alla gestione, bisogna cliccare sul pulsante Piani Formativi presente nella home page dell area riservata, accedere alla pagina che riporta l elenco dei Piani Formativi attivati dall Azienda e cliccare su un Piano In essere (ovvero con esito positivo dell istruttoria o con avvio anticipato) per aprire la pagina relativa al Piano stesso. Nella pagina sono presenti 3 pulsanti linkati ciascuno ad una pagina dedicata: 1. Monitoraggio fisico 2. Monitoraggio finanziario 3. Stampa NOTA BENE: L inserimento dei dati di monitoraggio fisico e finanziario sarà bloccato al compimento del 60 giorno successivo alla data di conclusione del Piano indicata nel formulario Monitoraggio fisico Cliccando il pulsante Monitoraggio fisico si accede alla pagina Elenco Corsi che conterrà l elenco dei Corsi del Piano con i dati di sintesi derivati dal formulario di presentazione, ovvero Codice Corso e Titolo (Figura 19). 34

35 Figura 19. Elenco Corsi Accanto a ciascun Codice/Titolo sarà presente il simbolo del semaforo che darà indicazioni sullo stato del Corso: - ROSSO = Corso non valido - GIALLO = Corso da completare - VERDE = Corso valido NOTA BENE: Il Semaforo segnala lo stato del Corso attraverso il match tra dati previsti e inseriti (durata ore corso e numero partecipanti previsti) e dati effettivi (durata ore erogate, numero partecipanti effettivi, numero ore di presenza). Nello specifico: - il Semaforo Giallo segnala il Corso i cui dati a consuntivo non sono stati ancora inseriti. Cliccando sul simbolo comparirà una comunicazione inerente i campi non compilati. - Il Semaforo Rosso o Verde è esito del controllo telematico inerente il rispetto dei seguenti parametri: 35

36 la percentuale delle ore erogate (che ai fini del riconoscimento della validità del Corso deve essere pari almeno all 85 % delle ore previste) la percentuale degli allievi effettivi formati (che ai fini del riconoscimento della validità del Corso deve essere pari almeno al 60 % dei lavoratori previsti). Per lavoratori formati si intendono coloro i quali hanno raggiunto una percentuale di presenza pari almeno al 70 % delle ore erogate. Nel caso in cui l esito di verifica del rispetto dei Parametri indicati non riscontri criticità, insieme al Semaforo Verde, comparirà la dicitura Corso Valido. In caso contrario, insieme al Semaforo Rosso, comparirà la dicitura Corso non Valido e le seguenti motivazioni: la percentuale delle ore erogate è inferiore all 85 % delle ore previste la percentuale degli allievi effettivi formati è inferiore al 60 % dei lavoratori previsti. Cliccando su ciascun Corso si apre la pagina dedicata al Corso (Figura 20) dove sono presenti i Codici del Piano formativo e del Corso assegnati in automatico dal sistema che ricordiamo non devono essere utilizzati nelle comunicazioni con il Fondo - e i seguenti dati che la piattaforma estrapola dal formulario inserito in fase di presentazione: Titolo Tematica Formativa Modalità formativa/e e ore per ciascuna Durata totale in ore Numero destinatari previsti Collocazione temporale Certificazione/i degli esiti Territorio Tali dati risultano bloccati e non modificabili. Dovranno essere invece inserite le informazioni inerenti la Data di inizio e la Data di conclusione del singolo Corso. 36

37 Figura 20. Dati Corso Nella pagina sono presenti i seguenti pulsanti: Calendario Corso Elenco Partecipanti Corso Monitoraggio Con il pulsante Calendario Corso si accede ad una pagina (Figura 21) con l elenco degli argomenti trattati nelle singole sessioni formative e le relative date di svolgimento. Sotto all elenco, l Azienda ha la possibilità di inserire i dati off line in un foglio excel (disponibile nella sezione Documenti Fondo nel menu di sinistra iniziale) e caricarli nel sistema attraverso un upload. 37

38 Figura 21. Calendario Attività del Corso Attraverso il pulsante inserisci Nuova attività sarà possibile inserire i dati inerenti le singole sessioni costituenti il Corso (Figura 22). Il record Nuova attività è costituito da: Data (formato MM/GG/AAAA) Ora di Inizio (formato HH.MM) Ora di Fine (formato HH.MM) Durata pausa (formato HH.MM) Durata (formato HH.MM, calcolata in automatico sulla base dei dati predetti tolta la pausa) Modalità formativa (menù a tendina in base alle modalità indicate nel formulario) Argomento (testo libero) Sede di svolgimento (Indirizzo, n. civico, Regione, Provincia, Comune). Il campo di ciascuna attività è modificabile fino alle ore della data inserita. 38

39 Figura 22. Attività per singolo Corso Con il pulsante Elenco Partecipanti Corso si accede ad una pagina con l elenco dei Partecipanti al Corso (Nome, Cognome e Codice Fiscale) (Figura 23). Figura 23. Elenco partecipanti al Corso 39

40 Attraverso il pulsante Nuovo Partecipante sarà possibile inserire ogni volta i dati inerenti un nuovo partecipante al Corso. L Azienda ha la possibilità di inserire i dati off line in un foglio excel (disponibile nella sezione Documenti Fondo nel menu di sinistra iniziale) e fare un upload. Si fa presente che tutti i campi dovranno risultare compilati, indicando il valore corrispondente S o N. Il record per ogni partecipante è costituito dai seguenti items: Nome Cognome Codice Fiscale Cittadinanza (Indicare una sola risposta in base all elenco di items riportati) Età (indicare anno di nascita) Genere (M/F) Titolo di studio (Indicare una sola risposta in base all elenco di items riportati) Tipologia contrattuale (Indicare una sola risposta in base all elenco di items riportati) Contratto Collettivo Applicato (Inserire una sola risposta in base al menu a tendina con Classificazione CNEL) Inquadramento (Inserire una sola risposta all elenco di items riportati) Anzianità di servizio (indicare anno di assunzione) Eventuale assunzione ex lege 68/99 (Indicare SI o NO) Costo orario (campo numerico dove indicare il costo orario del dipendente; in caso di piano rivolto a cassaintegrati inserire il valore 0,00) Azienda (indicare il codice fiscale dell azienda di appartenenza nel caso di Piani di gruppo o Multiaziendali) NOTA BENE: Il titolo di studio fa riferimento alla seguente classificazione: Titolo di studio Esempi di collocazione di alcune delle modalità attualmente in uso Nessun titolo/licenza elementare Licenza media Qualifica professionale Diploma di scuola media superiore Titolo post-diploma non universitario Laurea e successive specializzazioni Qualifica professionale regionale o tramite Istituto Professionale o tramite apprendistato Qualifica professionale post-diploma IFTS Ogni titolo rilasciato da Università, successive 40

41 specializzazioni post laurea o Master Il campo tipologia contrattuale classifica il rapporto di dipendenza tra il lavoratore e l Azienda. Per inquadramento professionale del dipendente si fa riferimento alla seguente classificazione: Tipologia contrattuale Quadro Impiegato direttivo Impiegato amministrativo e tecnico Operaio qualificato Operai generico Per la voce lavoratori ex lege 68/99 si riportano di seguito le tipologie a cui fare riferimento: - persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e ai portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45 per cento, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell'invalidità civile in conformità alla tabella indicativa delle percentuali di invalidità per minorazioni e malattie invalidanti approvata, ai sensi dell'articolo 2 del decreto legislativo 23 novembre 1988, n. 509, dal Ministero della sanità sulla base della classificazione internazionale delle menomazioni elaborata dalla Organizzazione mondiale della sanità; - persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33 %, accertata dall'istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (INAIL) in base alle disposizioni vigenti; - persone non vedenti o sordomute, di cui alle leggi 27 maggio 1970, n. 382, e successive modificazioni, e 26 maggio 1970, n. 381, e successive modificazioni; - persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio con minorazioni ascritte dalla prima all'ottava categoria di cui alle tabelle annesse al testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni. Infine, per il calcolo del costo orario del personale dipendente sia discente che impegnato sul Piano (docente, tutor, coordinamento, direzione, segreteria, amministrazione, realizzazione di attività propedeutiche e di accompagnamento, ecc.) si fa riferimento alla Risoluzione n. 41/E/02 41

42 dell Agenzia delle Entrate che stabilisce la determinazione del costo giornaliero del dipendente con riferimento agli emolumenti lordi annui fissi, oltre ai contributi previdenziali annuali e agli oneri accessori quali TFR, ratei mensilità aggiuntive e ferie, sulla base del numero di giorni lavorati previsti dal contratto collettivo di riferimento. N.B. dovranno essere compilati tutti i campi del foglio excel inserendo S o N a seconda della pertinenza del dato. Con il pulsante Monitoraggio si accede ad una schermata (Figura 24) con una griglia dove accanto ai vari nominativi dei partecipanti appaiono i seguenti campi: Numero ore previste (campo bloccato) Numero ore erogate (campo bloccato; riporta la somma delle ore come da calendario inserito) Numero ore di presenza (campo libero in formato numerico HH.MM) Percentuale ore presenza (campo bloccato; riporta la percentuale di presenza calcolata dividendo i valori riportati nei campi Numero ore di presenza e Numero ore erogate ). Figura 24. Monitoraggio Partecipanti 42

43 43

44 Il sistema consente di visualizzare il dettaglio delle ore di presenza di ciascun partecipante; in fondo a ciascun nominativo si visualizzerà se l allievo risulta o meno formato, ovvero se ha raggiunto una % di ore di presenza uguale o superiore al 70 %. Figura 25. Attività di dettaglio per singolo allievo In fondo alla pagina dell elenco corsi gestiti è presente il pulsante Monitoraggio definitivo, cliccando il quale si invia telematicamente al Fondo il monitoraggio avvenuto. NOTA BENE: In caso di informazioni incomplete il sistema evidenzierà un ALLERT. L Azienda ha comunque facoltà di inviare i dati del monitoraggio fisico anche se non sono stati effettuati alcuni Corsi, attraverso il pulsante SI/NO. È possibile stampare il Monitoraggio definitivo per la successiva fase di verifica. 44

45 4.3. Monitoraggio finanziario Nella pagina denominata Monitoraggio spese si trova l elenco sintetico delle spese sostenute con l indicazione del fornitore e il relativo importo (Figura 26). Nella sezione è presente un campo bloccato denominato Mancato reddito, nel quale confluisce in automatico l importo derivante dalla somma (per tutti i partecipanti ai Corsi validi, indipendentemente se formati o meno) della moltiplicazione del calcolo del costo orario x il numero di ore di presenza. Tale importo verrà inserito in automatico nella colonna cofinanziamento della tabella Rendicontazione/Consuntivo. Nella sezione Stampa a sinistra della pagina è possibile effettuare le stampe di: Elenco partecipanti Calendario Corsi Monitoraggio Corsi Monitoraggio Presenze Elenco spese Figura 26. Monitoraggio Spese 45

46 È possibile inserire i dati off line in un foglio excel (disponibile nella sezione Documenti Fondo nel menu di sinistra iniziale) e fare un upload sulla piattaforma. NOTA BENE: Il file.xls é composto dall elenco delle spese sostenute e delle relative somme da distribuire nelle colonne Imponibile, Cassa previdenziale, IVA, Quota imputata, Contributo Fonservizi, Cofinanziamento Privato. Attraverso il pulsante Nuova spesa (Figura 26) sarà possibile inserire un nuovo record per la registrazione delle spese (Figura 27). Il record si compone delle seguenti voci: Codice Piano (campo bloccato) ID spesa (campo bloccato) Macrovoce di spesa (menù a tendina con indicazione delle 4 Macrovoci previste) Tipologia documento (menù a tendina voci fattura / nota di debito / rimborso spese / cedolino paga / costo forfetario ) Numero (Campo Numerico) Ricevente (Campo di testo) Data (Campo calendario) Titolare (Campo di testo) Oggetto (Campo di testo) Imponibile (Campo numerico) Cassa previdenziale (Campo numerico) IVA (Campo numerico) Quota Imputata (Campo numerico) Contributo Fonservizi (Campo numerico) Cofinanziamento privato (Campo numerico) In fondo alla sezione sono presenti i pulsanti Salva, Elimina e Indietro ; quest ultimo consente di tornare al campo Spese per inserire una nuova voce di spesa. 46

47 Figura 27. Inserimento Spesa NOTA BENE: le Macrovoci di spesa fanno riferimento ai costi inerenti: A. Attività propedeutiche e di accompagnamento - predisposizione delle attività formative e attività di accompagnamento (ad esempio progettazione esecutiva, analisi fabbisogni formativi, orientamento partecipanti, valutazione, monitoraggio, azioni di promozione e diffusione, ecc.) B. Attività formative - erogazione della formazione (docenza e tutoraggio, spese di vitto, viaggio ed alloggio dei docenti, materiali didattici, corsi acquistati da strutture formative esterne, affitto aule) C. Costo del Personale in formazione: mancato reddito e spese di vitto, viaggio ed alloggio dei discenti. Il mancato reddito costituito, per ciascun dipendente in formazione, dalla moltiplicazione del relativo costo orario con il numero di ore di presenza nel corso può essere imputato esclusivamente come quota di cofinanziamento a carico dell Azienda anche in misura 47

48 superiore al valore minimo richiesto di un terzo del costo totale del Piano e quindi non può essere oggetto di una richiesta di finanziamento a Fonservizi D. Spese di Funzionamento e Gestione - spese di segreteria, amministrazione, costi generali di gestione, rendicontazione, revisore, ecc. La Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ il salvataggio dei dati inseriti nel caso in cui la somma del Contributo Fonservizi e quella del Cofinanziamento Privato risulterà superiore alla Quota imputata. Si fa inoltre presente che tutti i campi dovranno risultare compilati, anche indicando il valore minimo pari a zero (0). Nella sezione Rendicontazione è presente una tabella sinottica (Figura 28) che consente l inserimento e il confronto tra importi inseriti nel preventivo finanziario e gli importi a consuntivo, con evidenza di eventuali scostamenti e relative percentuali. La tabella Risorse imputate consente il raffronto tra le risorse imputate per matricola INPS, in riferimento a: PREVENTIVO (impegnato + maturando) DISPONIBILE (dal Conto Aziendale) CONSUNTIVO (campo libero dove l Azienda inserisce gli importi che decide di stornare a consuntivo). In caso di errore è necessario inserire 0,00 per ritornare al dato iniziale e quindi inserire l importo corretto che si intende decurtare. NOTA BENE: Al fine di richiedere a Fonservizi l erogazione del finanziamento l Azienda dovrà trasmettere a Fonservizi, in formato cartaceo la seguente documentazione: 1. Elenco delle spese sostenute (stampando il file dalla piattaforma), sottoscritto dal Legale Rappresentante (o Suo delegato) dell Azienda 2. Autocertificazione delle spese sostenute, sottoscritta dal Legale Rappresentante (o Suo delegato) ai sensi dell art. 47 del DPR n. 445 del 28/12/2000 (utilizzando il format previsto) 3. Certificazione sottoscritta dal revisore contabile/società di revisione/presidente del Collegio Sindacale) (utilizzando il format previsto) 4. Nota di debito nei confronti di Fonservizi per l importo totale rendicontato e certificato. La nota dovrà riportare l IBAN del conto corrente sui cui dovrà essere trasferito l importo e la 48

49 marca da bollo prevista per i documenti contabili inerenti il regime fuori campo applicazione IVA. Figura 28. Rendicontazione NOTA BENE: Nel campo Log attività comparirà un ALLERT per l invio e stampa definitiva del rendiconto di spesa. La piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio della rendicontazione nei seguenti casi: se il dato finanziario a consuntivo è maggiore del saldo disponibile se l importo del Cofinanziamento Privato é inferiore ad 1/3 dell importo Totale Piano 49

50 se la somma delle macrovoci A. Attività propedeutiche e di accompagnamento e D. Spese di Funzionamento e Gestione del contributo Fonservizi é superiore al 20 % del Contributo Totale di Fonservizi se la somma delle macrovoci B. Attività formative e C. Costo del Personale in formazione del contributo Fonservizi é inferiore al 80 % del Contributo Totale di Fonservizi, se l importo totale a carico di Fonservizi é inferiore a 5.000,00 per i Piani Aziendali o a 1.500,00 per i Piani individuali. 50

51 Conto Formazione Aziendale Piani Formativi Multiaziendali presentati da Organismi accreditati per la formazione continua presso le Regioni/Province Autonome. 51

52 1. Accesso all area riservata Il Soggetto Presentatore di un Piano Multiaziendale a favore di almeno due PMI aderenti al Fondo ed attivatrici di propri CFA può accedere alla propria area riservata, inserendo, all indirizzo web (Figura 1), la Userid e la Password ricevute al proprio indirizzo di posta elettronica certificata dalla casella di posta elettronica certificata del Fondo e poi cliccando il pulsante Accesso. Figura 1. Area Pubblica 52

53 Nella Home Page della propria area riservata (Figura 2) in alto a sinistra sono presenti i link alle tre pagine inerenti: Anagrafica Aziendale Piani Formativi Documenti Fondo. Figura 2. Home page Area riservata 53

54 2. Anagrafica aziendale Cliccando sopra la scritta Anagrafica Aziendale si accede ad una scheda (Figura 3) dove il Soggetto Presentatore deve inserire i propri dati anagrafici (Denominazione, Natura giuridica, Codice fiscale, Partita IVA, Indirizzo, Provincia, Comune, CAP). Cliccando sopra i pulsanti Rappresentante Legale o Sede Legale, posti in fondo alla tabella predetta, si ha la possibilità di inserire/correggere/modificare i dati presenti nelle maschere relative collegate (Figure 4 e 5). Figura 3. Anagrafica 54

55 Figura 4. Rappresentante Legale Figura 5. Sede Legale 55

56 Pur rimanendo liberi i campi, i dati immessi sono mantenuti sia visivamente che conservati. Il sistema non fa inviare i Piani formativi in presentazione se tutti i dati richiesti in anagrafica non sono inseriti. Dopo aver inserito/modificato/corretto le informazioni richieste è necessario salvare i dati (con il relativo pulsante Salva ) e cliccare sul pulsante Indietro per accedere alle maschere successive. 56

57 3. Piani Formativi Con il pulsante Piani Formativi si accede ad una pagina che riporta lo stato del Piano Formativo attivato dal Soggetto Presentatore ( aperto ma non presentato ; presentato ma non ancora autorizzato ; in essere ; chiuso e rendicontato ), dal quale poi accedere al Piano, cliccando sopra la riga all interno della colonna Situazione Piani (Figura 6.). Figura 6. Home page Piano Formativo vuota In caso di Piano aperto ma non presentato cliccando sul pulsante Domanda viene aperto il formulario elettronico da completare. Negli altri casi ( Piano presentato ma non ancora autorizzato, Piano in essere, Piano chiuso e rendicontato ), cliccando sul pulsante Domanda, viene aperta la versione bloccata (in formato.pdf) del Piano presentato. Anche in questo caso è possibile eliminare il Piano aperto ma non presentato. 57

58 Accanto al Piani presentati ma non ancora autorizzati è posto un pulsante denominato Avvio anticipato mediante il quale il Soggetto Presentatore comunica al Fondo per via telematica l intenzione di anticipare l inizio delle attività rispetto all autorizzazione positiva del Fondo, sotto la propria responsabilità e senza alcun impegno per il Fondo. Cliccando il pulsante appare una ulteriore pagina di verifica: Il Soggetto Presentatore è consapevole, richiedendo l avvio anticipato delle attività del Piano, che in caso di esito negativo dell istruttoria tutte le spese sostenute per la presentazione e gestione del Piano avviato anticipatamente restano interamente a Suo carico, non potendo richiedere alcunché a Fonservizi. Il Soggetto Presentatore deve confermare la propria intenzione cliccando il pulsante SI. In caso di SI, alla casella di posta elettronica del Soggetto Presentatore arriva una mail di comunicazione dell avvenuta richiesta di avvio anticipato. Da tale momento è possibile accedere all area di monitoraggio e di rendicontazione del Piano per cui è stato richiesto l avvio. In caso di NO, non viene attivata la predetta funzionalità e si torna automaticamente all elenco Piani. 58

59 3.1. Presentazione di un Piano Formativo In questa sezione verranno descritte tutte le procedure per la presentazione del Piano Formativo, con indicazioni relative alle procedure telematiche e alla compilazione dei campi previsti dalla Piattaforma Dati Piano Per inserire un nuovo Piano è necessario cliccare sul pulsante Nuovo Piano : si aprirà direttamente la prima sezione Dati Piano (Figura 7) del formulario elettronico. Figura 7. Dati Piano Nella pagina è presente un campo bloccato indicante un codice numerico provvisorio attribuito dal sistema al Piano. NOTA BENE: Il Fondo comunicherà al momento dell approvazione del Piano il codice numerico definitivo che dovrà essere utilizzato dal Soggetto Presentatore in tutti i documenti e le comunicazioni inerenti il Piano. 59

60 Sulla destra della pagina l Azienda dovrà confermare l unica tipologia di Piano presentabile attraverso questa sezione, ovvero Multiaziendale. Sempre a destra, sotto la precedente tabella, è necessario inserire la tipologia dei sottoscrittori dell accordo sindacale di condivisione del Piano. È necessario flaggare Azienda, per quanto riguarda la parte datoriale; per la parte sindacale inserire una delle risposte possibili Dati Piano allegati Nella sezione seguente è presente una schermata dove caricare due tipologie di formati: l Accordo Sindacale di condivisione del Piano (di cui sono stati indicati i sottoscrittori alla pagina precedente); il Mandato collettivo con procura all incasso NOTA BENE: Si ricorda che la condivisione dell accordo sindacale è obbligatoria ai fini dell ammissibilità del Piano. Gli accordi tra le parti sociali, ovvero rappresentanza datoriale e le rappresentanze sindacali aziendali aderenti a CGIL, CISL e UIL, possono essere siglati anche dalle rappresentanze territorialmente competenti in caso di assenza di una o più delle rappresentanze aziendali predette. Attraverso il Mandato collettivo con procura all incasso, le PMI titolari di risorse accantonate presso il proprio Conto Formazione Aziendale, che intendono presentare un Piano Formativo Multiaziendale, conferiscono al Soggetto Presentatore la procura a incassare direttamente da Fonservizi le somme erogate a titolo di rimborso delle attività rendicontate sul Piano attivato. Con il pulsante Sfoglia si avvia la ricerca sul proprio terminale del file da caricare. Una volta individuato, cliccando l altro pulsante Carica e salva, il file viene acquisito dal sistema informatico (Figura 8). Il file può essere aperto/salvato in seguito, cliccando sul nome del file presente all interno della tabella File allegati al Piano. 60

61 Figura 8. Dati Piano - allegati Descrizione Piano Tale sezione è dedicata alla raccolta dei dati e delle informazioni quali-quantitative che nell insieme concorrono a descrivere le caratteristiche del Piano: il Soggetto Presentatore dovrà descrivere nei campi prescritti le finalità, le motivazioni, gli obiettivi generali, la strutturazione dell intervento formativo, il management del Piano e i risultati che si intendono raggiungere. Con il pulsante Descrizione Piano si accede alla relativa sezione (Figura 9.), riportata a pagina seguente. 61

62 Figura 9. Descrizione Piano Nella pagina è necessario compilare le seguenti tre sezioni: Motivazioni ed Obiettivi dell intervento (Max 7500 caratteri). É richiesto di descrivere gli obiettivi generali, le finalità e le motivazioni del Piano candidato al finanziamento, evidenziandone la coerenza con il contesto aziendale ed i fabbisogni formativi e professionali rilevati. Descrizione dell impianto didattico complessivo (Max 7500 caratteri). In questa sezione è previsto l inserimento della descrizione della macro progettazione del Piano Formativo: denominazione Progetti (Corsi), durata e contenuti dei singoli Corsi, timing, motivazioni specifiche, tipologia docenti, ecc. L Azienda dovrà descrivere inoltre l approccio metodologico scelto per rendere efficace l apprendimento dei lavoratori e l acquisizione delle competenze desiderate, anche in relazione alle specifiche azioni formative. 62

63 Organizzazione del Piano e risultati attesi (campo libero Max 7500 caratteri) Il Soggetto Presentatore dovrà fornire una panoramica completa di come intende realizzare le attività formative. Dovranno inoltre essere indicati in termini concreti, ovvero numericamente quantificabili, gli effetti prodotti in uscita dal percorso formativo. Ad esempio: - % di lavoratori sul totale dei soggetti in formazione che hanno acquisito le competenze indicate - % di lavoratori riqualificati sul totale dei soggetti in formazione - aumento della produttività interna - livello di soddisfazione percepita dei lavoratori/beneficiari e della committenza interna rispetto alla formazione erogata - effetti di performance desiderati Per ciascun risultato atteso, il Soggetto Presentatore dovrà indicare: - il tipo di strumento utilizzato per la misurazione del risultato - la modalità e l'eventuale tempistica di somministrazione - l'output finale di misurazione Flaggando una o più risposte all interno della tabella Finalità si indicano i fabbisogni e/o le necessita cui l intervento formativo risponde. A titolo esplicativo, a pagina seguente, si riporta una tabella delle variabili presenti nel predetto campo al fine di agevolare la scelta delle finalità coerenti con gli obiettivi di formazione del Soggetto Presentatore. 63

64 Finalità del Piano Competitività d Azienda/ Innovazione Competitività settoriale Delocalizzazione/ Internazionalizzazione Formazione ex-lege (obbligatoria) Formazione in ingresso Mantenimento occupazione Manutenzione/aggiornamento delle competenze Mobilità esterna, outplacement, ricollocazione Sviluppo locale Definizione sintetica Insieme di iniziative formative per la realizzazione di processi di innovazione tecnologica, organizzativa e gestionale, al fine di rafforzare le competenze e le capacità del proprio capitale umano. Comprende tutte quelle iniziative di formazione che tendono a potenziare le conoscenze e le competenze legate a figure professionali e imprese di uno stesso settore. Insieme di iniziative formative che incrementano la capacità delle imprese di sviluppare ed ampliare le proprie prospettive di mercato sia rispetto alla possibilità di delocalizzare alcune fasi della produzione, sia per rafforzare e sviluppare l export. Comprende tutte quelle iniziative di formazione finalizzate all adempimento di obblighi di legge. Ad esempio la formazione per la sicurezza, o per l igiene. Include le iniziative formative che supportano il lavoratore neo assunto nella conoscenza del contesto produttivo nel quale viene inserito. Può riguardare sia la conoscenza dell organizzazione interna e le sue procedure, che il mercato esterno nel quale agisce l Azienda. Tale formazione può concretizzarsi anche attraverso un percorso di rafforzamento o d integrazione di competenze di base già possedute dal neo-assunto. Raggruppa tutte quelle iniziative di formazione che hanno l obiettivo di riconversione, specializzazione o riqualificazione dei lavoratori delle imprese in crisi o che agiscono in mercati altamente competitivi. Riguarda tutte quelle attività di formazione tradizionalmente tese a mantenere e sostenere un livello di conoscenze e competenze tali da conservare la competitività aziendale. Sono in alcuni casi connesse ai processi di aggiornamento e di manutenzione tecnologica. Comprende l insieme di quelle iniziative formative che mirano all orientamento al lavoro, ai percorsi di occupabilità, al miglioramento della posizione sul mercato, all occupazione (mantenuta o nuova) dei lavoratori in imprese in crisi. Riguarda le iniziative finalizzate a incrementare la competitività di un territorio attraverso l innalzamento del livello di formazione delle risorse umane disponibili, in particolare dedicate all acquisizione delle capacità di impiego di nuove tecnologie e conquista di nuovi mercati. Nella medesima pagina il Soggetto Presentatore deve evidenziare su quale/i territorio/i ha ricaduta l iniziativa formativa, indicando la/e Regione/i di localizzazione delle Aziende coinvolte nel Piano. Altresì dovranno essere indicati il numero dei lavoratori coinvolti nel Piano e le date di inizio e fine del Piano. NOTA BENE: La Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ la presentazione del Piano nel caso in cui le date inerenti l inizio e la fine del Piano superino i 10 mesi previsti da Fonservizi per la durata massima del Piano. 64

65 La pagina contiene altri 4 items bloccati riportanti Durata in ore del Piano (la somma delle ore di docenza di tutti i singoli Corsi). Monte ore di formazione (la somma del monte ore di formazione (n. allievi x n. ore di docenza) di tutti i singoli Corsi). % ore formazione obbligatoria (la percentuale ottenuta dividendo il numero di ore di formazione obbligatoria con il numero indicato nel precedente Durata in ore del Piano ). % ore FAD (la percentuale ottenuta dividendo il numero di ore di formazione erogata in FAD, ottenuto attraverso la somma degli items Autoapprendimento mediante formazione a distanza (FAD), corsi di corrispondenza o altre modalità di apprendimento gestire dai singoli addetti all interno di Modalità formativa di ciascun Corso con il numero indicato nel precedente campo Durata in ore del Piano ). In fondo alla sezione è presente il pulsante Salva per confermare le informazioni inserite. NOTA BENE: La percentuale di ore di FAD prevista da Fonservizi è pari al 30% del totale delle ore di formazione del Piano. Nel caso in cui in fase di immissione venga superato il predetto valore, la piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ la presentazione del Piano Descrizione Corsi In questa Sezione sono richieste le informazioni descrittive dei singoli Progetti Formativi (Corsi) che nel complesso compongono il Piano Formativo. Con il pulsante Descrizione Corsi (Figura 10) si accede ad una pagina dove compare l elenco dei Corsi attivati con i seguenti dati di sintesi: Codice Corso (generato automaticamente dal sistema ad ogni Corso inserito) Titolo Provincia (inerente la localizzazione della/e sede/i formativa/e coinvolta/e nel Piano) Numero ore Numero destinatari. 65

66 Il sistema consente anche la possibilità di eliminare o duplicare lo stesso corso modificando eventualmente alcune informazioni nella schermata di dettaglio (es. n edizione, n destinatari, ore, ecc.). NOTA BENE: una volta concluso l'inserimento dei Corsi è necessario tornare alla sezione Descrizione Piano per convalidare le informazioni. Per inserire i dati di ogni singolo Corso è necessario cliccare sul pulsante Nuovo Corso. Si aprirà quindi una schermata con campi uguali da riempire per ciascun Corso (da 1 a n). Il sistema attribuirà un codice numerico progressivo differente per ciascun Corso. Figura 10. Descrizione Corsi 66

67 I campi sono i seguenti: 1. Titolo (campo libero): richiede di indicare la denominazione del Corso. 2. Territorio/i interessato/i: Per Territorio/i Interessato/i si intende la localizzazione della/e sede/i coinvolta/e nel Corso. Sarà possibile inserire una o più risposte attingendo dall elenco delle Province della/e Regione/i indicate nella sezione Descrizione Piano. 3. Tipologia: li Soggetto Presentatore dovrà specificare la natura dell intervento formativo e l eventuale presenza di azioni specifiche che integrano i percorsi standard (ovvero solo formazione). NOTA BENE: L intervento potrà configurarsi come percorso standard, ovvero solo formativo o come percorso integrato da azioni specifiche e servizi di supporto. Le attività integrative e di supporto dei percorsi standard possono essere: di natura propedeutica, tese ad ancorare i fabbisogni formativi al Corso in questione, come nel caso di attività di orientamento e bilancio di competenze di sostegno alla finalità generale del Piano, come attività di accompagnamento alla mobilità/outplacement/ricollocazione di supporto a particolari utenze, come nel caso di servizi di accompagnamento per lavoratori disabili. 4. N destinatari (campo numerico libero). Il Soggetto Presentatore dovrà indicare il numero dei dipendenti coinvolti nello specifico Corso. 5. Tematica formativa. In questa sezione andranno inserite due tipologie di informazione: gli ambiti tematici su cui insistono i Corsi previsti nel Piano il numero di ore previsto. NOTA BENE: Nelle due pagine seguenti si riporta l elenco delle tematiche formative e le relative descrizioni sintetiche. È possibile una sola risposta tra le alternative fornite. 67

68 TEMATICA FORMATIVA Lingue straniere, italiano per stranieri Vendita, marketing Contabilità, finanza Gestione aziendale (risorse umane, qualità, ecc) e amministrazione Lavoro d ufficio e di segreteria Sviluppo delle abilità personali Conoscenza del contesto lavorativo Informatica Tecniche e tecnologie di produzione della manifattura e delle costruzioni DEFINIZIONI SINTETICHE Include tutti i corsi di lingue di qualsiasi livello e specializzazione. Vendita: include tutte quelle tematiche formative relative alla vendita al dettaglio e all ingrosso di beni e servizi (ad es. gestione degli ordini, servizi al cliente, tecniche di dimostrazione e vendita, tecniche di vendita immobiliare). Marketing: include tutte quelle tematiche che facilitano il processo di scambio nel mercato tra gli individui (clienti e consumatori) e i produttori di beni e servizi (ad es. pubblicità e comunicazione, ricerche di mercato, merchandising, public relations, tecniche di promozione). Contabilità: include tutte quelle tematiche inerenti le tecniche e le metodologie di mantenimento, controllo e registrazione delle transazioni finanziarie. Finanza: include tutte quelle tematiche relative alla pianificazione, direzione, organizzazione e controllo delle attività finanziarie bancarie e assicurative, (ad es. analisi degli investimenti assicurativi e finanziari). Include tutte quelle tematiche relative alla pianificazione, direzione e operatività di funzioni e attività di organizzazioni e istituzioni, come ad esempio, la qualità (norme ISO 9000, CSR ed altre), la gestione dell ufficio o della logistica. Si intendono comprese anche quelle materie relative alla gestione del personale e alla formazione. Include le tematiche legate alle procedure e pratiche utilizzate nel lavoro di ufficio e di segreteria. Vengono comprese anche tematiche legate all utilizzo di supporti tecnologici, sia hardware che software. Sono esclusi quei programmi formativi principalmente finalizzati all alfabetizzazione informatica non ulteriormente finalizzata e qualificata (ad es. utilizzo del pacchetto Office, da inserire nella tematica Informatica ). Include tutte quelle tematiche inerenti lo sviluppo di capacità individuali che possono essere utilizzate nel contesto lavorativo (ad es. capacità di argomentare e presentare concetti o lavori public speaking incluso - capacità di comunicazione e di interazione, sviluppo di capacità comportamentali, pianificazione del tempo e formazione alla leadership). Include tutte quelle tematiche che agevolano l inserimento al lavoro dei neo-assunti (ad es. tematiche come organizzazione del lavoro, conoscenza dell Azienda, conoscenza dei processi di qualità in uso, diritti sindacali). Include tematiche legate sia al semplice utilizzo del computer (ad esempio Office), sia alla sua programmazione e manutenzione. Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze tecniche che consentono di trasformare materie prime e altri materiali e/o realizzare prodotti (lavorati o semi-lavorati), nell ambito dei seguenti settori: macchine e trasformazione dei metalli; - elettricità ed energia; elettronica e automazione; chimica e farmaceutica; costruzioni di mezzi di trasporto (auto, navi e veicoli aerei); 68

69 Tecniche e tecnologie di produzione dell agricoltura, della zootecnia e della pesca Tecniche, tecnologie e metodologie per l erogazione di servizi sanitari e sociali Salvaguardia ambientale Salute e sicurezza sul lavoro Tecniche, tecnologie e metodologie per l erogazione di servizi economici alimentare; tessile, abbigliamento e calzaturiero; produzione di legno, carta, plastica e vetro; estrazione mineraria; architettura e pianificazione; costruzione di edifici e opere di ingegneria edile. Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze per la gestione di attività connesse all agricoltura, alla silvicoltura, alla zootecnia, alla pesca, comprese le attività veterinarie. Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze nell ambito a) della medicina: diagnostica e cura; tecnologia del trattamento (ad es. tecnologia radiologica, radioterapica); infermieristica; riabilitazione (ad es. fisioterapia, logopedia); farmaceutica; b) dei servizi sociali: cura dei minori; cura degli anziani; assistenza a soggetti svantaggiati; assistenza a soggetti con dipendenze; assistenza a situazioni di crisi individuale o familiare (maltrattamenti, mobbing, ecc.). Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze nell ambito della protezione dell ambiente anche attraverso l utilizzo di tecnologie per il controllo e prevenzione dell inquinamento delle acque, dell aria e del suolo; per il controllo degli scarichi industriali; per il controllo del processo di riciclaggio dei rifiuti. Sono incluse anche le tematiche relative alla gestione e conservazione di ambienti e parchi naturali. Include tutte quelle tematiche legate al riconoscimento, valutazione, controllo e prevenzione di fattori ambientali, anche di rischio, nei luoghi di lavoro (ad es. normativa sulla sicurezza, ecc.). Include tutte quelle tematiche legate all apprendimento di competenze e conoscenze nell ambito del: settore alberghiero e della ristorazione; viaggi e turismo; sport (ad. es. corsi per istruttori in discipline sportive); servizi per la cura del corpo (ad. es. formazione per parrucchieri ed estetisti); servizi di trasporto; servizi di pubblica utilità (ad. es. raccolta rifiuti, fornitura acqua e pulizia della strada, ecc); servizi di vigilanza. 69

70 6. Modalità formativa. Questa tabella raccoglie due tipi di informazione: - le modalità attraverso cui saranno erogate le attività formative del Corso - il relativo numero di ore previste per ciascuna modalità. NOTA BENE: Il campo prevede la possibilità di scegliere più opzioni tra quelle previste in quanto è possibile che la natura delle tematiche formative affrontate all interno del Corso necessiti di un uso congiunto di più metodologie didattiche. Di seguito, in forma tabellare, le indicazioni riferite alle opzioni che il Soggetto Presentatore dovrà indicare. Modalità formativa Aula Training on the job Rotazione programmata nelle mansioni lavorative, affiancamento e visite di studio Partecipazione a circoli di qualità o gruppi di auto formazione Autoapprendimento mediante formazione a distanza, corsi di corrispondenza o altre modalità di apprendimento gestite dai singoli addetti Partecipazione a convegni, workshop o presentazione di prodotti/servizi Descrizione sintetica Sessioni di formazione in ambiente strutturato (interno o esterno all Azienda) che prevedono la presenza di uno o più docenti. Attività pianificata e organizzata in cui un docente facilita l acquisizione di competenze operative sul luogo di lavoro insegnando ad utilizzare gli strumenti di lavoro tramite esperienza pratica (laboratorio, project work, analisi di casi). Rotazione programmata nelle mansioni: acquisizione di competenze mediante l alternanza con altri lavoratori nello svolgimento di una serie di mansioni lavorative; tale attività deve essere programmata e può avvenire anche al di fuori dell Azienda, ma devono essere esclusi gli ordinari trasferimenti di personale tra i diversi reparti di un Azienda. Affiancamento: la tecnica di formazione per cui un lavoratore migliora le sue competenze svolgendo una mansione assieme ad una persona con maggiore esperienza (per es. coach), purché tale attività sia pianificata e organizzata dall Azienda. Visite di studio presso altri ambienti di lavoro. Possono essere considerate occasioni di formazione quando sono finalizzate all acquisizione di specifiche competenze professionali. Circoli di qualità: partecipazione a gruppi di addetti che, anche con l aiuto di un coordinatore (per es. coach), si riuniscono periodicamente al fine di proporre e confrontare soluzioni per risolvere problemi emersi sul luogo di lavoro. Gruppi di auto-formazione: partecipazione a gruppi di addetti che si riuniscono periodicamente per migliorare, attraverso lo scambio di esperienze e opinioni, la loro conoscenza dei processi produttivi e dell organizzazione del lavoro nella propria Azienda (per es. ricerca di gruppo). Attività di formazione decisa e finanziata dall Azienda ma in cui è colui che apprende a decidere tempi e luoghi dell apprendimento. Sono comprese in tale voce: la formazione aperta (ovvero flessibile alle esigenze dei singoli in formazione) e a distanza (attraverso l utilizzo di una piattaforma e-learning). Non può essere considerato autoapprendimento la semplice consultazione di Internet, o l approfondimento individuale di singoli temi a seguito della frequenza di corsi di formazione professionale. Partecipazione ad eventi culturali che non hanno una diretta finalità formativa, ma che rappresentano comunque, per singoli o per gruppi di addetti dell Azienda, un occasione di acquisizione di conoscenze (per es. conferenze, seminari, outdoor training). Requisito essenziale è che la partecipazione a tali eventi sia considerata dall Azienda come attività formativa. 70

71 NOTA BENE: L effettuazione di attività di Formazione a Distanza - FAD dovrà essere dimostrata obbligatoriamente tramite stampe di report automatici prodotti da sistemi informatici e di comunicazione. Non sono ammesse attività di FAD prive di sistema di registrazione delle attività. 7. Collocazione temporale della formazione. Il Soggetto Presentatore dovrà scegliere una sola tra le opzioni previste nell elenco di modalità definito, ovvero: Durante l orario di lavoro Al di fuori dell orario di lavoro Parte durante e parte al di fuori dell orario di lavoro Nei periodi di sospensione temporanea dell attività lavorativa NOTA BENE: La modalità nei periodi di sospensione temporanea dell attività lavorativa è stata inclusa per la considerazione specifica di particolari status (ad esempio cassa integrazione) o target (lavoratori stagionali). 8. Certificazione esiti. Si riferisce alle modalità attraverso cui verranno certificati gli esiti del processo formativo. Il campo è riferito al tema del riconoscimento e della messa in trasparenza dei percorsi di qualificazione e professionalizzazione dei singoli lavoratori coinvolti. A pagina seguente, in forma tabellare, le indicazioni riferite alle opzioni che il Soggetto Presentatore dovrà indicare. 71

72 Tipologia di certificazione Nessuna certificazione Dispositivi di certificazione rilasciati dall organismo realizzatore o dal Fondo Dispositivi di certificazione regionali Acquisizione titoli riconosciuti (patentini conduzione caldaie, ecc.) Acquisizione di certificazioni standard in materia di informatica e lingue straniere Acquisizione di crediti ECM o altri crediti previsti da Ordini Professionali Descrizione sintetica Attestati di frequenza rilasciati dall organismo che realizza la formazione o dal Fondo stesso e che non hanno riconoscimento formale da parte di terzi (Istituzioni pubbliche o altri organismi come, ad esempio, gli Ordini professionali). Certificazioni relative ad acquisizioni di conoscenze e competenze professionali che vengono rilasciate, secondo normative e regolamenti specifici, dalle Amministrazioni Regionali. Certificazioni, rilasciate da enti o organismi istituzionali (Province, Comuni o Enti riconosciuti dal sistema pubblico) che abilitano a specifiche professioni o all utilizzo di specifici macchinari/strumenti di lavoro (ad esempio patentini per la guida di macchinari; patenti per la manutenzione di impianti idraulici, termici, elettrici). Certificazioni che attestano il livello di apprendimento raggiunto, secondo gli standard riconosciuti a livello nazionale e comunitario. La loro acquisizione comporta prove d esame realizzate da organismi riconosciuti dalle Istituzioni a livello nazionale e comunitario (ad esempio, per l informatica è riconosciuta la cosiddetta patente europea ECDL; per le lingue esistono diverse certificazioni, ad esempio per la lingua inglese il TOEFL o l EFT). Acquisizione di crediti formativi così come previsti dagli Ordini professionali, in forma obbligatoria. Tali crediti vengono acquisiti attraverso la partecipazione ad iniziative di formazione riconosciute all interno degli Ordini stessi o nell ambito di Accordi di settore (come è il caso del settore sanitario che prevede l acquisizione di crediti ECM). 9. Durata in ore (campo numerico libero). Andranno indicate il numero di ore del Corso nel formato HH.MM. NOTA BENE: La piattaforma effettua un incrocio tra i dati inseriti nel campo Tematica formativa e quelli inerenti il campo Modalità formativa. Nel caso in cui non ci sia corrispondenza la Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano. 10. Formazione Obbligatoria Il Soggetto Presentatore dovrà indicare se il Corso è relativo alla formazione obbligatoria così come disciplinata negli Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 per la formazione dei lavoratori ai sensi del Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. 72

73 Piano Finanziario La sezione Piano Finanziario (Figura 11.) riporta la descrizione di 2 voci: il prospetto per Macrovoci di Spesa la tabella Risorse da stornare. Figura 11. Piano finanziario 73

74 Nel prospetto Macrovoci di spesa, per le quatto voci che compongono il Piano finanziario, ovvero: A. Attività propedeutiche e di accompagnamento B. Attività formative C. Costo del Personale in formazione D. Spese di Funzionamento e Gestione dovranno essere inseriti: il Contributo Fonservizi il Cofinanziamento Privato (generalmente coperto dal costo del lavoro dei dipendenti in formazione, cd. mancato reddito) il Totale del Piano. NOTA BENE: Ai fini della corretta compilazione di campi finanziari si ricorda che: - Il contributo minimo richiesto a Fonservizi deve essere pari almeno a 5.000,00 - l importo del Cofinanziamento deve ammontare almeno a 1/3 del costo complessivo del Piano. Il cofinanziamento privato non è dovuto in caso di Piano formativo rivolto esclusivamente a lavoratori posti in cassa integrazione (ordinaria o straordinaria, in deroga e per l edilizia), durante il periodo di concessione (in tal caso è necessario flaggare Cassaintegrati sotto la tabella Spesa ); - la somma del contributo richiesto a Fonservizi per le macrovoci A. Attività propedeutiche e di accompagnamento e D. Spese di Funzionamento e Gestione non dovrà essere superiore al 20 % del Contributo Totale di Fonservizi - la somma delle macrovoci B. Attività formative e C. Costo del Personale in formazione al netto dell importo inerente il mancato reddito (costo dei lavoratori in formazione) deve essere pari almeno all 80 % del Contributo Totale di Fonservizi Nel caso in cui il Soggetto Presentatore non rispetti i valori e le percentuali testé indicate, la Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano. Dopo aver salvato i dati inseriti per macrovoce di spesa, andrà compilata la tabella Risorse da stornare in base al saldo disponibile su ciascuna matricola delle Aziende partecipanti. Per ogni matricola INPS esistente il sistema evidenzia in automatico l importo disponibile (al netto degli 74

75 impegni e dei disimpegni di spesa). L azienda dovrà pertanto riempire i campi Maturando e Risorse. NOTA BENE: Sarà necessario inserire il codice fiscale, la matricola INPS e l importo delle risorse da stornare di tutte le Aziende partecipanti. Se il Codice Fiscale o la Matricola non appartiene alle imprese partecipanti la Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano. La Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio del Piano anche nel caso in cui il totale Risorse aziendali da stornare sia inferiore all importo indicato in A carico di Fonservizi. Una volta salvato l inserimento dei dati, il sistema visualizza la seguente frase: Il finanziamento richiesto non potrà in ogni caso superare le risorse effettivamente disponibili presenti sui CFA delle aziende partecipanti al momento della presentazione del rendiconto finale Dichiarazione di autenticità Questa pagina riporta in automatico i dati relativi al Rappresentante legale inseriti nella sezione Anagrafica aziendale PRIVACY In questa pagina il Soggetto Presentatore dovrà esprimere il consenso al trattamento dei dati personali. NOTA BENE: la mancata autorizzazione al trattamento dei dati determina l'impossibilità di presentare il Piano Formativo. La Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio Conclusione della fase di presentazione Ai fini della verifica delle informazioni inserite nel Piano, il Soggetto Presentatore può effettuare stampe provvisorie del formulario attraverso il pulsante dedicato. Una volta verificate le informazioni e inseriti tutti i dati necessari, il Soggetto Presentatore potrà procedere all invio definitivo attraverso il pulsante dedicato Validazione/Invio (Figura 12). 75

76 Figura 12. Validazione e invio Piano Dopo l invio telematico, il Soggetto Presentatore deve salvare in formato.pdf la versione definitiva del formulario. Il sistema consente la stampa ai fini della sottoscrizione dal Legale rappresentante del Soggetto Presentatore e la messa a disposizione del formulario sottoscritto, insieme agli altri originali progettuali, per la verifica da parte del Revisore. Una mail in automatico dal sistema comunicherà al Referente aziendale e al Fondo il completamento dell iter di presentazione. NOTA BENE: Una volta presentato il Piano, Fonservizi provvede a verificarne l ammissibilità controllando la completezza e la coerenza dei dati, la corrispondenza dell Accordo sindacale - scansionato ed allegato in fase di presentazione - ai requisiti ed alle condizioni riportate nelle Linee Guida del CFA e la coerenza dei dati inseriti con quelli presenti nella documentazione di attivazione dell area riservata. Non risulterà ammissibile il Piano qualora: pervenga a Fonservizi secondo una modalità diversa da quella telematica; manchi della copia dell Accordo Sindacale o presenti un Accordo Sindacale privo di una delle sottoscrizioni e/o dei requisiti minimi previsti; 76

77 manchi della copia del Mandato collettivo con procura all incasso; le cui Aziende partecipanti non risultino aderenti al Fondo al momento della presentazione della domanda e/o non abbiano comunicato l attivazione del Conto Formazione Aziendale nelle forme previste. L esito della fase di verifica inerente l ammissibilità si conclude con una comunicazione del Fondo, a mezzo PEC e/o fax, entro 30 giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione telematica di presentazione del Piano. 77

78 3.2. Gestione dei Piani Formativi L area Gestione Piani formativi contiene tutti i dati utili al monitoraggio quali-quantitativo del Piano e dei Corsi in esso contenuti. Al fine di accedere all area dedicata alla gestione, bisogna cliccare sul pulsante Piani Formativi presente nella home page dell area riservata, accedere alla pagina che riporta il Piano Formativo attivato. Nella pagina sono presenti 3 pulsanti linkati ciascuno ad una pagina dedicata: Monitoraggio fisico Monitoraggio finanziario Stampa NOTA BENE: L inserimento dei dati di monitoraggio fisico e finanziario sarà bloccato al compimento del 60 giorno successivo alla data di conclusione del Piano indicata nel formulario Monitoraggio fisico Cliccando il pulsante Monitoraggio fisico si accede alla pagina Elenco Corsi che conterrà l elenco dei Corsi del Piano con i dati di sintesi derivati dal formulario di presentazione, ovvero Codice Corso e Titolo (Figura 13). 78

79 Figura 13. Elenco Corsi Accanto a ciascun Codice/Titolo sarà presente il simbolo del semaforo che darà indicazioni sullo stato del Corso: - ROSSO = Corso non valido - GIALLO = Corso da completare - VERDE = Corso valido NOTA BENE: Il Semaforo segnala lo stato del Corso attraverso il match tra dati previsti e inseriti (durata ore corso e numero partecipanti previsti) e dati effettivi (durata ore erogate, numero partecipanti effettivi, numero ore di presenza). Nello specifico: - il Semaforo Giallo segnala il Corso i cui dati a consuntivo non sono stati ancora inseriti. Cliccando sul simbolo comparirà una comunicazione inerente i campi non compilati. - Il Semaforo Rosso o Verde è esito del controllo telematico inerente il rispetto dei seguenti parametri: la percentuale delle ore erogate (che ai fini del riconoscimento della validità del Corso deve essere pari almeno all 85 % delle ore previste) la percentuale degli allievi effettivi formati (che ai fini del riconoscimento della validità del Corso deve essere pari almeno al 60 % dei lavoratori previsti). 79

80 Per lavoratori formati si intendono coloro i quali hanno raggiunto una percentuale di presenza pari almeno al 70 % delle ore erogate. Nel caso in cui l esito di verifica del rispetto dei Parametri indicati non riscontri criticità, insieme al Semaforo Verde, comparirà la dicitura Corso Valido. In caso contrario, insieme al Semaforo Rosso, comparirà la dicitura Corso non Valido e le seguenti motivazioni: la percentuale delle ore erogate è inferiore all 85 % delle ore previste la percentuale degli allievi effettivi formati è inferiore al 60 % dei lavoratori previsti. Cliccando su ciascun Corso si apre la pagina dedicata al Corso (Figura 14) dove sono presenti i Codici del Piano formativo e del Corso assegnati in automatico dal sistema che ricordiamo non devono essere utilizzati nelle comunicazioni con il Fondo - e i seguenti dati che la piattaforma estrapola dal formulario inserito in fase di presentazione: Titolo Tematica Formativa Modalità formativa/e e ore per ciascuna Durata totale in ore Numero destinatari previsti Collocazione temporale Certificazione/i degli esiti Territorio Tali dati risultano bloccati e non modificabili. Dovranno essere invece inserite le informazioni inerenti la Data di inizio e la Data di conclusione del singolo Corso. 80

81 Figura 14. Dati Corso Nella pagina sono presenti i seguenti pulsanti: Calendario Corso Elenco Partecipanti Corso Monitoraggio Con il pulsante Calendario Corso si accede ad una pagina (Figura 15) con l elenco degli argomenti trattati nelle singole sessioni formative e le relative date di svolgimento. Sotto all elenco, il Soggetto Presentatore ha la possibilità di inserire i dati off line in un foglio excel (disponibile nella sezione Documenti Fondo nel menu di sinistra iniziale) e caricarli nel sistema attraverso un upload. 81

82 Figura 15. Calendario Attività del Corso Attraverso il pulsante inserisci Nuova attività sarà possibile inserire i dati inerenti le singole sessioni costituenti il Corso (Figura 16). Il record Nuova attività è costituito da: Data (formato MM/GG/AAAA) Ora di Inizio (formato HH.MM) Ora di Fine (formato HH.MM) Durata pausa (formato HH.MM) Durata (formato HH.MM, calcolata in automatico sulla base dei dati predetti tolta la pausa) Modalità formativa (menù a tendina in base alle modalità indicate nel formulario) Argomento (testo libero) Sede di svolgimento (Indirizzo, n. civico, Regione, Provincia, Comune). Il campo di ciascuna attività è modificabile fino alle ore della data inserita. 82

83 Figura 16. Attività per singolo Corso Con il pulsante Elenco Partecipanti Corso si accede ad una pagina con l elenco dei Partecipanti al Corso (Nome, Cognome e Codice Fiscale) (Figura 17). Figura 17. Elenco partecipanti al Corso 83

84 Attraverso il pulsante Nuovo Partecipante sarà possibile inserire ogni volta i dati inerenti un nuovo partecipante al Corso. Il Soggetto Presentatore ha la possibilità di inserire i dati off line in un foglio excel (disponibile nella sezione Documenti Fondo nel menu di sinistra iniziale) e fare un upload. Si fa presente che tutti i campi dovranno risultare compilati, indicando il valore corrispondente S o N. Il record per ogni partecipante è costituito dai seguenti items: Nome Cognome Codice Fiscale Cittadinanza (Indicare una sola risposta in base all elenco di items riportati) Età (indicare anno di nascita) Genere (M/F) Titolo di studio (Indicare una sola risposta in base all elenco di items riportati) Tipologia contrattuale (Indicare una sola risposta in base all elenco di items riportati) Contratto Collettivo Applicato (Inserire una sola risposta in base al menu a tendina con Classificazione CNEL) Inquadramento (Inserire una sola risposta all elenco di items riportati) Anzianità di servizio (indicare anno di assunzione) Eventuale assunzione ex lege 68/99 (Indicare SI o NO) Costo orario (campo numerico dove indicare il costo orario del dipendente; in caso di piano rivolto a cassaintegrati inserire il valore 0,00) Azienda (indicare il codice fiscale dell azienda di appartenenza nel caso di Piani di gruppo o Multiaziendali) NOTA BENE: Il titolo di studio fa riferimento alla seguente classificazione: Titolo di studio Esempi di collocazione di alcune delle modalità attualmente in uso Nessun titolo/licenza elementare Licenza media Qualifica professionale Diploma di scuola media superiore Titolo post-diploma non universitario Laurea e successive specializzazioni Qualifica professionale regionale o tramite Istituto Professionale o tramite apprendistato Qualifica professionale post-diploma IFTS Ogni titolo rilasciato da Università, successive 84

85 specializzazioni post laurea o Master Il campo tipologia contrattuale classifica il rapporto di dipendenza tra il lavoratore e l Azienda. Per inquadramento professionale del dipendente si fa riferimento alla seguente classificazione: Tipologia contrattuale Quadro Impiegato direttivo Impiegato amministrativo e tecnico Operaio qualificato Operai generico Per la voce lavoratori ex lege 68/99 si riportano di seguito le tipologie a cui fare riferimento: - persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e ai portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45 per cento, accertata dalle competenti commissioni per il riconoscimento dell'invalidità civile in conformità alla tabella indicativa delle percentuali di invalidità per minorazioni e malattie invalidanti approvata, ai sensi dell'articolo 2 del decreto legislativo 23 novembre 1988, n. 509, dal Ministero della sanità sulla base della classificazione internazionale delle menomazioni elaborata dalla Organizzazione mondiale della sanità; - persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33 %, accertata dall'istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (INAIL) in base alle disposizioni vigenti; - persone non vedenti o sordomute, di cui alle leggi 27 maggio 1970, n. 382, e successive modificazioni, e 26 maggio 1970, n. 381, e successive modificazioni; - persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio con minorazioni ascritte dalla prima all'ottava categoria di cui alle tabelle annesse al testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 23 dicembre 1978, n. 915, e successive modificazioni. Infine, per il calcolo del costo orario del personale dipendente sia discente che impegnato sul Piano (docente, tutor, coordinamento, direzione, segreteria, amministrazione, realizzazione di attività propedeutiche e di accompagnamento, ecc.) si fa riferimento alla Risoluzione n. 41/E/02 85

86 dell Agenzia delle Entrate che stabilisce la determinazione del costo giornaliero del dipendente con riferimento agli emolumenti lordi annui fissi, oltre ai contributi previdenziali annuali e agli oneri accessori quali TFR, ratei mensilità aggiuntive e ferie, sulla base del numero di giorni lavorati previsti dal contratto collettivo di riferimento. Con il pulsante Monitoraggio si accede ad una schermata (Figura 18) con una griglia dove accanto ai vari nominativi dei partecipanti appaiono i seguenti campi: Numero ore previste (campo bloccato) Numero ore erogate (campo bloccato; riporta la somma delle ore come da calendario inserito) Numero ore di presenza (campo libero in formato numerico HH.MM) Percentuale ore presenza (campo bloccato; riporta la percentuale di presenza calcolata dividendo i valori riportati nei campi Numero ore di presenza e Numero ore erogate ). Figura 18. Monitoraggio Partecipanti 86

87 Il sistema consente di visualizzare il dettaglio delle ore di presenza di ciascun partecipante; in fondo a ciascun nominativo si visualizzerà se l allievo risulta o meno formato, ovvero se ha raggiunto una % di ore di presenza uguale o superiore al 70 %. Figura 19. Attività di dettaglio per singolo allievo In fondo alla pagina dell elenco corsi gestiti è presente il pulsante Monitoraggio definitivo, cliccando il quale si invia telematicamente al Fondo il monitoraggio avvenuto. NOTA BENE: In caso di informazioni incomplete il sistema evidenzierà un ALLERT. Il Soggetto Presentatore ha comunque facoltà di inviare i dati del monitoraggio fisico anche se non sono stati effettuati alcuni Corsi, attraverso il pulsante SI/NO. È possibile stampare il Monitoraggio definitivo per la successiva fase di verifica. 87

88 3.3. Monitoraggio finanziario Nella pagina denominata Monitoraggio spese si trova l elenco sintetico delle spese sostenute con l indicazione del fornitore e il relativo importo (Figura 20). Nella sezione è presente un campo bloccato denominato Mancato reddito, nel quale confluisce in automatico l importo derivante dalla somma (per tutti i partecipanti ai Corsi validi, indipendentemente se formati o meno) della moltiplicazione del calcolo del costo orario x il numero di ore di presenza. Tale importo verrà inserito in automatico nella colonna cofinanziamento della tabella Rendicontazione/Consuntivo. Nella sezione Stampa a sinistra della pagina è possibile effettuare le stampe di: Elenco partecipanti Calendario Corsi Monitoraggio Corsi Monitoraggio Presenze Elenco spese Figura 20. Monitoraggio Spese 88

89 È possibile inserire i dati off line in un foglio excel (disponibile nella sezione Documenti Fondo nel menu di sinistra iniziale) e fare un upload sulla piattaforma. NOTA BENE: Il file.xls é composto dall elenco delle spese sostenute e delle relative somme da distribuire nelle colonne Imponibile, Cassa previdenziale, IVA, Quota imputata, Contributo Fonservizi, Cofinanziamento Privato. Attraverso il pulsante Nuova spesa sarà possibile inserire un nuovo record per la registrazione delle spese (Figura 21). Il record si compone delle seguenti voci: Codice Piano (campo bloccato) ID spesa (campo bloccato) Macrovoce di spesa (menù a tendina con indicazione delle 4 Macrovoci previste) Tipologia documento (menù a tendina voci fattura / nota di debito / rimborso spese / cedolino paga / costo forfetario ) Numero (Campo Numerico) Ricevente (Campo di testo) Data (Campo calendario) Titolare (Campo di testo) Oggetto (Campo di testo) Imponibile (Campo numerico) Cassa previdenziale (Campo numerico) IVA (Campo numerico) Quota Imputata (Campo numerico) Contributo Fonservizi (Campo numerico) Cofinanziamento privato (Campo numerico) In fondo alla sezione sono presenti i pulsanti Salva, Elimina e Indietro ; quest ultimo consente di tornare al campo Spese per inserire una nuova voce di spesa. 89

90 Figura 21. Inserimento Spesa NOTA BENE: le Macrovoci di spesa fanno riferimento ai costi inerenti: A. Attività propedeutiche e di accompagnamento - predisposizione delle attività formative e attività di accompagnamento (ad esempio progettazione esecutiva, analisi fabbisogni formativi, orientamento partecipanti, valutazione, monitoraggio, azioni di promozione e diffusione, ecc.) B. Attività formative - erogazione della formazione (docenza e tutoraggio, spese di vitto, viaggio ed alloggio dei docenti, materiali didattici, corsi acquistati da strutture formative esterne, affitto aule) C. Costo del Personale in formazione: mancato reddito e spese di vitto, viaggio ed alloggio dei discenti. Il mancato reddito costituito, per ciascun dipendente in formazione, dalla moltiplicazione del relativo costo orario con il numero di ore di presenza nel corso può essere imputato esclusivamente come quota di cofinanziamento a carico delle Aziende Partecipanti anche in misura superiore al valore minimo richiesto di un terzo del costo totale del Piano e quindi non può essere oggetto di una richiesta di finanziamento a Fonservizi 90

91 D. Spese di Funzionamento e Gestione - spese di segreteria, amministrazione, costi generali di gestione, rendicontazione, revisore, ecc. La Piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ il salvataggio dei dati inseriti nel caso in cui la somma del Contributo Fonservizi e quella del Cofinanziamento Privato risulterà superiore alla Quota imputata. Si fa inoltre presente che tutti i campi dovranno risultare compilati, anche indicando il valore minimo pari a zero (0). Nella sezione Rendicontazione è presente una tabella sinottica (Figura 22) che consente l inserimento e il confronto tra importi inseriti nel preventivo finanziario e gli importi a consuntivo, con evidenza di eventuali scostamenti e relative percentuali. La tabella Risorse imputate consente il raffronto tra le risorse imputate per matricola INPS, in riferimento a: PREVENTIVO (impegnato + maturando) DISPONIBILE (dal Conto Aziendale) CONSUNTIVO (campo libero dove l Azienda inserisce gli importi che decide di stornare a consuntivo). NOTA BENE: Al fine di richiedere a Fonservizi l erogazione del finanziamento il Soggetto Presentatore dovrà trasmettere a Fonservizi, in formato cartaceo la seguente documentazione: Elenco delle spese sostenute (stampando il file dalla piattaforma), sottoscritto dal Legale Rappresentante (o Suo delegato) dell Azienda Autocertificazione delle spese sostenute, sottoscritta dal Legale Rappresentante (o Suo delegato) ai sensi dell art. 47 del DPR n. 445 del 28/12/2000 (utilizzando il format previsto) Certificazione sottoscritta dal revisore contabile/società di revisione/presidente del Collegio Sindacale) (utilizzando il format previsto) Nota di debito nei confronti di Fonservizi per l importo totale rendicontato e certificato. La nota dovrà riportare l IBAN del conto corrente sui cui dovrà essere trasferito l importo e la marca da bollo prevista per i documenti contabili inerenti il regime fuori campo applicazione IVA. 91

92 Figura 22. Rendicontazione NOTA BENE: Nel campo Log attività comparirà un ALLERT per l invio e stampa definitiva del rendiconto di spesa. La piattaforma fornirà un ALLERT e BLOCCHERÁ l invio della rendicontazione nei seguenti casi: se il dato finanziario a consuntivo è maggiore del saldo disponibile se l importo del Cofinanziamento Privato é inferiore ad 1/3 dell importo Totale Piano se la somma delle macrovoci A. Attività propedeutiche e di accompagnamento e D. Spese di Funzionamento e Gestione del contributo Fonservizi é superiore al 20 % del Contributo Totale di Fonservizi se la somma delle macrovoci B. Attività formative e C. Costo del Personale in formazione del contributo Fonservizi é inferiore al 80 % del Contributo Totale di Fonservizi, se l importo totale a carico di Fonservizi é inferiore a 5.000,00. 92

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Agosto 2012 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei Piani

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Settembre 2014 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei

Dettagli

FONDO FOR.TE. AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici SCHEDA DI ADESIONE IMPRESA BENEFICIARIA IMPORTANTE

FONDO FOR.TE. AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici SCHEDA DI ADESIONE IMPRESA BENEFICIARIA IMPORTANTE FONDO FOR.TE. AVVISO DI SISTEMA 2/14 Commercio, Turismo, Servizi e Altri Settori Economici SCHEDA DI ADESIONE IMPRESA BENEFICIARIA IMPORTANTE ALLEGARE: Copia del DOCUMENTO DI IDENTITÀ DEL LEGALE RAPPRESENTANTE

Dettagli

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale

Linee guida per il Conto Formazione Aziendale Linee guida per il Conto Formazione Aziendale 24 marzo 2015 Indice 1. Il Conto Formazione Aziendale 3 2. Modalità e termini di presentazione dei Piani 5 3. Procedure di verifica dell ammissibilità dei

Dettagli

AVVISO 01/2014. Guida alla presentazione dei Piani Formativi

AVVISO 01/2014. Guida alla presentazione dei Piani Formativi AVVISO 01/2014 Guida alla presentazione dei Piani Formativi 1 Premessa La "Guida alla presentazione dei Piani", parte integrante dell Avviso 01/2014 pubblicato dal Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale

Dettagli

AVVISO 01/2015 Guida alla presentazione dei Piani Formativi

AVVISO 01/2015 Guida alla presentazione dei Piani Formativi AVVISO 01/2015 Guida alla presentazione dei Piani Formativi Versione 20 luglio 2015 Premessa La "Guida alla presentazione dei Piani Formativi" ha l obiettivo di fornire supporto ai Soggetti Presentatori

Dettagli

Conto formazione Piani Aziendali 24

Conto formazione Piani Aziendali 24 Conto formazione Piani Aziendali 24 Guida alla presentazione, realizzazione e gestione 1. cos è il conto web aziendale E il conto web, a disposizione delle aziende aderenti al Fondo, che accoglie il 70%

Dettagli

sufficiente e coprire il cofinanziamento di 1/3 sufficiente e coprire il cofinanziamento di 1/3

sufficiente e coprire il cofinanziamento di 1/3 sufficiente e coprire il cofinanziamento di 1/3 CONTO FORMAZIONE SEMPLIFICATO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEI PIANI FORMATIVI CONDIVISI INDICE 1. CHE COS È IL CONTO FORMAZIONE 2 2. COME SI USA E A CHI È RIVOLTO IL CONTO FORMAZIONE SEMPLIFICATO 2 3. FINANZIAMENTO

Dettagli

1. Premessa. 2. Attività finanziabili

1. Premessa. 2. Attività finanziabili AVVISO 01/2015 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse... 5 4. Finanziamenti... 5 5. Destinatari... 8 6. Presentatori... 8 7. Attuatori... 9 8. Durata delle attività... 9 9. Accordo

Dettagli

Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori.

Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori. Avviso n. 4/2013 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di dimensioni minori. Avviso n. 4/2013 Formazione nelle PMI di minori dimensioni 1 1 Finalità Il

Dettagli

Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato

Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato Allegato 2 Facsimile formulario aggiornato Il presente documento riporta le informazioni che saranno richieste nel formulario on line. Sezione 1 - Dati sintetici del Piano Formativo 1.1 TITOLO DEL PIANO

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO COMPLESSO Proposta Piano Formativo Avviso n. 32 del 13/10/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

Formulario e Piano Finanziario

Formulario e Piano Finanziario Il formulario si compone di 6 Sezioni: Sezione 1 ANAGRAFICA Sezione 2 DATI PIANO Sezione 3 DESCRIZIONE DEL PIANO FORMATIVO Sezione 4 DATI PROGETTO FORMATIVO Sezione 5 - PIANO FINANZIARIO Sezione 6 RIEPILOGO

Dettagli

complessivamente pari ad Euro 400.000,00.

complessivamente pari ad Euro 400.000,00. Faq Che cosa è un Avviso? Risposta L'Avviso è lo strumento attraverso il quale Fonservizi mette a disposizione delle imprese aderenti al Fondo contributi per realizzare Piani formativi (Aziendali e/o Individuali)

Dettagli

AVVISO TEMATICO 1/12

AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di

Dettagli

Monitoraggio. Manuale per l utilizzo della Piattaforma. Release 1.0

Monitoraggio. Manuale per l utilizzo della Piattaforma. Release 1.0 Monitoraggio Manuale per l utilizzo della Piattaforma Release 1.0 Monitoraggio... 1 LOGIN... 4 RICHIESTA ABILITAZIONE AL MONITORAGGIO... 5 DATE... 6 RIEPILOGO DOCUMENTI... 7 Documenti Formulario... 7 Documenti

Dettagli

AVVISO 3/15 Logistica, Spedizioni, Trasporti

AVVISO 3/15 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/15 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/15 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Piani Aziendali, Settoriali, Territoriali

Dettagli

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART

FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART N.B. In celeste le note e le indicazioni del Fondo come supporto alla compilazione FAC SIMILE STAMPA FORMULARIO SMART Proposta Piano Formativo Avviso n. 29 del 17/03/2015 Piano Formativo: Legenda colori

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA

MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA MANUALE DI RENDICONTAZIONE ATTIVITÀ FINANZIATE DA FONDITALIA Approvato nel C.D.A. del 26 aprile 2010 Viale Bruno Buozzi, 59-00197 Roma T. +39 06 95216933 - F. +39 06 99705521 - C.F. 97516290588 - info@fonditalia.org

Dettagli

Guida ai Piani Formativi dell Avviso n. 2/2014

Guida ai Piani Formativi dell Avviso n. 2/2014 Allegato n. 3 dell Avviso n. 2/2014: Formazione prevalente lavoratori con ammortizzatori - GUIDA Guida ai Piani Formativi dell Avviso n. 2/2014 Sostegno alla realizzazione di Piani formativi rivolti ai

Dettagli

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PER LA FORMAZIONE CONTINUA. Fondimpresa un opportunità anche per le PMI

COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PER LA FORMAZIONE CONTINUA. Fondimpresa un opportunità anche per le PMI COME ACCEDERE AI FINANZIAMENTI PER LA FORMAZIONE CONTINUA Fondimpresa un opportunità anche per le PMI I Fondi Interprofessionali I Fondi Interprofessionali sono organismi promossi dalle organizzazioni

Dettagli

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali Conto Formazione Aggiornamento 22 dicembre 2011 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. La registrazione sul Sistema Informatico... 7 2. L anagrafica

Dettagli

MANUALE DI SUPPORTO ALLA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA

MANUALE DI SUPPORTO ALLA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007-2013 Asse VII Sistemi produttivi Obiettivo Specifico 7.1 Obiettivo Operativo 7.1.3 Linea di Intervento 7.1.3.2 Migliorare le condizioni

Dettagli

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo:

Sono oggetto di finanziamento, secondo le modalità e le procedure descritte nel presente Avviso, le seguenti tipologie di Piano Formativo: AVVISO 01/2014 Indice 1. Premessa... 3 2. Attività finanziabili... 3 3. Risorse e Finanziamenti... 4 4. Destinatari... 5 5. Presentatori e Attuatori... 5 6. Durata delle attività... 6 7. Accordo sindacale...

Dettagli

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali Conto Formazione Luglio 2008 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. L anagrafica azienda... 4 2. L attivazione Piano... 4 3. La presentazione Piano

Dettagli

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo

Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 Sostegno alle PMI aderenti per la formazione dei lavoratori con la partecipazione a corsi a catalogo Avviso n. 2/2015 di Fondimpresa Formazione PMI con corsi a catalogo 1 1 Finalità Il

Dettagli

INTERPROFESSIONALE per qualsiasi tipo di lavoratore, compresi i dirigenti e gli operai agricoli.

INTERPROFESSIONALE per qualsiasi tipo di lavoratore, compresi i dirigenti e gli operai agricoli. FONDO FORMAZIONE ITALIA Breve guida per i PROPONENTI La presente guida è stata elaborata con l intento di illustrare sinteticamente il modello organizzativo adottato da FondItalia, con particolare riferimento

Dettagli

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo PROGETTI SPECIALI AVVISO 5/12Ter Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo AVVISO PROGETTI SPECIALI 5/12Ter FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

Apprendistato in somministrazione: espressione del parere di conformità sui piani formativi (PFA) e presentazione dei progetti relativi ai PFA

Apprendistato in somministrazione: espressione del parere di conformità sui piani formativi (PFA) e presentazione dei progetti relativi ai PFA Apprendistato in somministrazione: espressione del parere di conformità sui piani formativi (PFA) e presentazione dei progetti relativi ai PFA Versione approvata dal CdA del 26/11/2014 1 Premessa... 3

Dettagli

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali Conto Formazione Aggiornamento al 1 febbraio 2010 INDICE INTRODUZIONE...3 1. L anagrafica azienda...6 2. L attivazione del Piano...7

Dettagli

Rilevazione dati di Monitoraggio per l Avviso 02/11

Rilevazione dati di Monitoraggio per l Avviso 02/11 All. 1 Rilevazione dati di Monitoraggio per l Avviso 02/11 Fondoprofessioni, come tutti i Fondi Interprofessionali, in ottemperanza a quanto richiesto dalla circolare 36/03 del Ministero del Lavoro, deve

Dettagli

Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015

Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015 Dispositivo Forma.Temp per la Formazione a Distanza (FaD) CdA 11/11/2015 Sommario Premessa... 3 1. Definizione... 3 2. Destinatari... 3 3. Tipologie formative finanziabili... 3 4. Formazione blended...

Dettagli

LA FORMAZIONE TRA EFFICIENZA E QUALITA

LA FORMAZIONE TRA EFFICIENZA E QUALITA LA FORMAZIONE TRA EFFICIENZA E QUALITA Strategie ed opportunità per la crescita delle risorse umane 24 Maggio 2013 FONDIMPRESA Il Fondo interprofessionale per la formazione continua più importante d Italia

Dettagli

Conto formazione Piani Aziendali e di Gruppo

Conto formazione Piani Aziendali e di Gruppo Conto formazione Piani Aziendali e di Gruppo Guida alla presentazione, realizzazione e gestione 1. cos è il conto web aziendale E il conto web, a disposizione delle aziende aderenti al Fondo, che accoglie

Dettagli

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali Conto Formazione Aggiornamento 29 dicembre 2015 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. La registrazione sul Sistema Informatico... 9 2. L anagrafica

Dettagli

Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni.

Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni. Avviso n. 1/2015 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle PMI aderenti di minori dimensioni. Avviso n. 1/2015 Formazione nelle PMI di minori dimensioni 1 1 Finalità Il

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi AVVISO N. 20 DEL 18 gennaio 2013 Piani formativi aziendali concordati tematici e voucher a sportello FONDO DI ROTAZIONE Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi DENOMINAZIONE

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 LINEE GUIDA DEL 18 GENNAIO 2011 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2009 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012

N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012 N.B. in blu tutti i testi che non appaiono nella stampa emessa dal sistema LINEE GUIDA DEL 22 GENNAIO 2014 Conto Formativo saldo 2012 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi

Dettagli

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali Conto Formazione Aggiornamento 18 gennaio 2013 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. La registrazione sul Sistema Informatico... 8 2. L anagrafica

Dettagli

PIATTAFORMA PER L APPRENDISTATO IN CAMPANIA

PIATTAFORMA PER L APPRENDISTATO IN CAMPANIA PIATTAFORMA PER L APPRENDISTATO IN CAMPANIA In attuazione Avviso "PIU' APPRENDI PIU' LAVORI" Decreto Dirigenziale n. 259 del 22/12/2010 Aggiornata al D.D N.3 del 31/01/2011 Avviso apprendistato Integrazione

Dettagli

POR Obiettivo CRO FSE 2007/13

POR Obiettivo CRO FSE 2007/13 ALLEGATO 1 FORMULARIO Regione Lazio Assessorato Istruzione, Diritto allo Studio e Formazione POR Obiettivo CRO FSE 2007/13 Asse Inclusione Sociale Obiettivo specifico g) Sviluppare percorsi di integrazione

Dettagli

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa

FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa FSE 2007-2013 Vademecum per la presentazione dei giustificativi di spesa PREMESSA La programmazione FSE 2007-2013 prevede che le erogazioni a favore del beneficiario avvengano secondo il seguente schema:

Dettagli

Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2011. Roma luglio 2013

Fon.Coop. Conto Formativo saldo risorse 2011. Roma luglio 2013 Fon.Coop Conto Formativo saldo risorse 2011 Roma luglio 2013 Istituzione del Conto formativo di Gruppo (CFG); Eliminazione della scheda F descrizione del piano - introduzione di una nuova scheda di specifiche

Dettagli

Conto formazione Piani Aziendali e di Gruppo

Conto formazione Piani Aziendali e di Gruppo Conto formazione Piani Aziendali e di Gruppo Guida alla presentazione, realizzazione e gestione in vigore dal 10 dicembre 2014 Fondirigenti G. Taliercio Viale Pasteur, 10 00144 Roma Tel. (+39) 06.5903910

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE IN AZIENDA Corsi

Dettagli

MANUALE DI SUPPORTO ALLA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA

MANUALE DI SUPPORTO ALLA COMPILAZIONE ON-LINE DELLA DOMANDA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007-2013 Asse VII Sistemi produttivi Obiettivo Specifico 7.1 Obiettivo Operativo 7.1.3 Linea di Intervento 7.1.3.2 Migliorare le condizioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 11 marzo 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE DEL

REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE DEL REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE FORMAZIONE E LAVORO MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE DEL VOUCHER FORMATIVO NELL AMBITO DELL AVVISO

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/12 AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1. PREMESSA For.Te. é il Fondo

Dettagli

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 3/14 di Forte per il settore logistica, spedizione e trasporto.

Oggetto: Finanziamenti Formazione professionale Avviso 3/14 di Forte per il settore logistica, spedizione e trasporto. Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica 00198 Roma - via Panama 62 tel.068559151-3337909556- fax 068415576 e-mail: confetra@confetra.com - http://www.confetra.com Roma, 4 luglio

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti

AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/14 Logistica, Spedizioni, Trasporti AVVISO 3/14 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Piani e Progetti Aziendali, Settoriali,

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 LINEE GUIDA DEL 1 MARZO 2010 Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi aziendali concordati a valere sul Conto Formativo saldo 2008 DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

AZIENDE UNIONE COMMERCIO INDUSTRIA.

AZIENDE UNIONE COMMERCIO INDUSTRIA. GUIDA CONTO AZIENDE UNIONE COMMERCIO INDUSTRIA La presente guida è stata elaborata con l intento di illustrare sinteticamente il modello organizzativo adottato da FondItalia, con particolare riferimento

Dettagli

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003

Servizi. per le aziende. Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 Servizi per le aziende Riferimenti Normativi: Legge 68/1999; D.lgs. 297/2002; D.lgs. 181/2000; Circolare Min. Lavoro n. 37/2003 L applicativo studiato per la trasmissione delle comunicazioni obbligatorie

Dettagli

come aderire procedure e linee guida per aderire a For.Agri

come aderire procedure e linee guida per aderire a For.Agri Literalia Formazione srl come aderire procedure e linee guida per aderire a For.Agri COME ADERIRE A FOR.AGRI Per aderire basta decidere di destinare al Fondo il contributo dello 0,30%, previsto dalla legge

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni EdilnetSoldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 CfpInformaticaSrl Release1.4

Dettagli

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 Nota tecnica. La procedura è stata progettata ed ottimizzata per essere utilizzata con il browser Internet Explorer, si consiglia

Dettagli

NOTE ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEI COSTI

NOTE ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEI COSTI NOTE ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO DEI COSTI PER IL BANDO DI PERCORSI DI INNOVAZIONE 2011 1. CONTRIBUTI EROGABILI, COFINANZIAMENTO E COSTI NON AMMISSIBILI 1.1. CONTRIBUTI EROGABILI I contributi massimi erogabili

Dettagli

REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI

REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI Servizio Politiche di benessere sociale e pari opportunità Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria Procedura telematica per l'inoltro delle

Dettagli

Direzione Formazione ACQUISIZIONE WEB PROGETTI FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 MANUALE PER L ACCESSO AL SISTEMA E PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO

Direzione Formazione ACQUISIZIONE WEB PROGETTI FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 MANUALE PER L ACCESSO AL SISTEMA E PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO Direzione Formazione ACQUISIZIONE WEB PROGETTI FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 MANUALE PER L ACCESSO AL SISTEMA E PER LA COMPILAZIONE DEL FORMULARIO La procedura per la presentazione dei progetti riferiti

Dettagli

GESTIONE STRUTTURE SPORTIVE

GESTIONE STRUTTURE SPORTIVE GESTIONE STRUTTURE SPORTIVE K.I.W.A. è il sistema integrato software e hardware che semplifica la gestione operativa e permette una migliore organizzazione delle risorse, ottimizzando tutte le attività

Dettagli

MANUALE TUTOR PON 2007/2013

MANUALE TUTOR PON 2007/2013 MANUALE TUTOR PON 2007/2013 COME ACCEDERE AI PON 1 passo Gli operatori possono accedere in due modi 1 modalità di accesso Sito istruzione www.istruzione.it Cliccare su 2 2 modalità di accesso Sito Indire

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP AVVISO N. 19 del 12/12/2012 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE FON.COOP DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE ACRONIMO:

Dettagli

Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI

Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI Avviso n. 1/2014 Sicurezza e Ambiente FORMAZIONE SU SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO E SULLE TEMATICHE AMBIENTALI 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa è un associazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA NELL AMBITO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA NELL AMBITO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA VOLONTARIA NELL AMBITO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE per la copertura di un posto di Categoria C con orario di lavoro part-time 50% - Area Lavori Pubblici - profilo professionale

Dettagli

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione

Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali. Conto Formazione Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali Conto Formazione Aggiornamento 15 marzo 2013 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. La registrazione sul Sistema Informatico... 8 2. L anagrafica

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati AVVISO N.11 del 6 MAGGIO 2009 PIANI PER INTERVENTI FORMATIVI DI SOSTEGNO A IMPRESE E LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi concordati

Dettagli

Regione Lombardia Direzione Generale Commercio, Turismo e Terziario

Regione Lombardia Direzione Generale Commercio, Turismo e Terziario Regione Lombardia Direzione Generale Commercio, Turismo e Terziario GESTIONE INFORMATIZZATA DELLA CARTA D ESERCIZIO ED ATTESTAZIONE PER OPERATORI SU AREE PUBBLICHE MANUALE UTENTE PER COMUNE versione 3.1.1

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Guida alla presentazione dell offerta e alla gestione dei servizi per il lavoro mediante lo strumento della dote

Guida alla presentazione dell offerta e alla gestione dei servizi per il lavoro mediante lo strumento della dote Sistema informativo SINTESI Guida alla presentazione dell offerta e alla gestione dei servizi per il lavoro mediante lo strumento della dote Provincia Settore Cultura, Formazione e Lavoro Servizio Politiche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CONTO FORMATIVO AZIENDALE Roma - 22 settembre 2015 IL CONTO FORMATIVO AZIENDALE (CFA) Le imprese aderenti a For.Agri versano all INPS lo 0,30% delle retribuzioni dei propri

Dettagli

PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14. Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi

PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14. Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi PROGETTI SPECIALI AVVISO 1/14 Prepararsi all EXPO - Promozione di Progetti formativi riferiti al Comparto Commercio, Turismo e Servizi AVVISO PROGETTI SPECIALI 1/14 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

Guida Tecnica GBC Sintesi Gestione Dote Apprendistato 2012-2013

Guida Tecnica GBC Sintesi Gestione Dote Apprendistato 2012-2013 Guida Tecnica GBC Sintesi Gestione Dote Apprendistato 2012-2013 Presentazione Catalogo Servizi La presa in carico di un Apprendista da parte di un Ente di formazione presuppone la presentazione di un Catalogo

Dettagli

Manuale Utente. Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato

Manuale Utente. Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato REGIONE PUGLIA SEZIONE BANDI TELEMATICI Servizio Politiche di benessere sociale e pari opportunità Manuale Utente Guida all utilizzo della procedura telematica per la richiesta d'iscrizione al Registro

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

Fonditalia. Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua. www.fonditalia.org

Fonditalia. Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua. www.fonditalia.org Fonditalia Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua www.fonditalia.org Che cos è un Fondo Interprofessionale Un Fondo Interprofessionale è un organismo paritetico, costituito

Dettagli

GUIDA alla COMPILAZIONE della procedura di gestione degli INTERVENTI AMMESSI al FINANZIAMENTO

GUIDA alla COMPILAZIONE della procedura di gestione degli INTERVENTI AMMESSI al FINANZIAMENTO GUIDA alla COMPILAZIONE della procedura di gestione degli INTERVENTI AMMESSI al FINANZIAMENTO Pagina 1 di 113 INDICE 1 CONFIGURAZIONE HARDWARE E SOFTWARE CONSIGLIATA... 4 1.1 VERIFICA DELLE IMPOSTAZIONI

Dettagli

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015

Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Circolare N. 11 del 22 Gennaio 2015 Assunzioni obbligatorie e categorie protette - quando sono costretto ad assumere? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero del Lavoro,

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE

REGIONE LOMBARDIA MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE FORMAZIONE E LAVORO MANUALE DI GUIDA ALLA RENDICONTAZIONE E ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI LIQUIDAZIONE DOTE LAVORO INSERIMENTO E REINSERIMENTO LAVORATIVO

Dettagli

AVVISO N. 8/ 2016 GUIDA ALL USO DEL SISTEMA INFORMATICO DI PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE PROGETTUALI

AVVISO N. 8/ 2016 GUIDA ALL USO DEL SISTEMA INFORMATICO DI PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE PROGETTUALI per una crescita intelligente, sostenibile e solidale AVVISO N. 8/ 2016 GUIDA ALL USO DEL SISTEMA INFORMATICO DI PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE PROGETTUALI Sommario Accesso a sistema... 1 1.1 Accesso a sistema...

Dettagli

LINEE GUIDE PER IL CORRETTO UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA WWW.FISMICFORM.IT

LINEE GUIDE PER IL CORRETTO UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA WWW.FISMICFORM.IT LINEE GUIDE PER IL CORRETTO UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA WWW.FISMICFORM.IT Nella home page del portale www.fismicform.it inserire il proprio codice convenzione e la relativa password nell apposito form e

Dettagli

FASE DI REGISTRAZIONE

FASE DI REGISTRAZIONE FASE DI REGISTRAZIONE Per effettuare la registrazione cliccare su Registrazione nella pag. del login. Per ottenere le credenziali necessarie per la presentazione della domanda online procedere con la compilazione

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore

COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO. QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore COMUNE DI PAVIA Assessore alle Politiche del Commercio, Attività produttive BANDO QUATTRO IDEE PER PAVIA Start up di reti del Terzo Settore 1. OBIETTIVI E FINALITA' Il presente bando è dedicato allo Start

Dettagli

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE

LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE Legge regionale 22 aprile 2002, n. 12, art. 53 bis, c. 1 Contributi alle imprese artigiane per investimenti in ricerca, sviluppo, trasferimento tecnologico e innovazione LINEE GUIDA e ISTRUZIONI TECNICHE

Dettagli

MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE DI ASSUNZIONE APPRENDISTA. Comunicazione ai sensi del D.M. 7.10.99

MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE DI ASSUNZIONE APPRENDISTA. Comunicazione ai sensi del D.M. 7.10.99 Al Centro per l Impiego di... MODELLO UNICO DI COMUNICAZIONE DI ASSUNZIONE APPRENDISTA Da trasmettere obbligatoriamente per via telematica entro 5 giorni dall assunzione Tipologia di assunzione Ex Art.68

Dettagli

LUIGI PIRANDELLO CENTRO STUDI E FORMAZIONE CARTA DELLA QUALITA. Pagina 1 di 19

LUIGI PIRANDELLO CENTRO STUDI E FORMAZIONE CARTA DELLA QUALITA. Pagina 1 di 19 LUIGI PIRANDELLO CENTRO STUDI E FORMAZIONE CARTA DELLA QUALITA Pagina 1 di 19 INDICE 1 - PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA...3 IL CONTESTO SOCIALE, CULTURALE ED ECONOMICO DEL TERRITORIO...3 2 - LIVELLO STRATEGICO...4

Dettagli

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti

Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Vademecum tecnico per la presentazione dei Progetti Si tratta di una breve guida contenente indicazioni operative per la presentazione e la progettazione di Progetti formativi a valere sullo Sportello

Dettagli

Fon.Coop. Il Conto Formativo 2009. Roma Gennaio 2011

Fon.Coop. Il Conto Formativo 2009. Roma Gennaio 2011 Fon.Coop Il Conto Formativo 2009 Roma Gennaio 2011 Il Canale di finanziamento Conto Formativo Il Conto Formativo è il canale di finanziamento destinato alle grandi e medie imprese Il Conto Formativo consente

Dettagli

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Sottomisura 4.1.3.1.a Sostegno alla creazione ed allo sviluppo di microimprese Misura 3.1.2. Azione a) Centri rurali di ristoro e degustazione SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il

Dettagli

SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI

SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI SIFORM MANUALE PROGETTI FORMATIVI AVVIO ATTIVITA GESTIONE DIDATTICA GESTIONE OPERATIVA 1 Amministrazione...3 1.1 Profili utente...3 1.2 Profilazione...4 1.3 Utenti...5 2 Sezione Anagrafica delle Imprese...7

Dettagli

MISTER - AV/29/S12II Relazione Finale

MISTER - AV/29/S12II Relazione Finale MISTER - AV/29/S12II Relazione Finale Il Programma formativo MISTER - AV/29/S12II, è stato realizzato dall ente attuatore Consorzio TecFor. Il consorzio TecFor è stato fondato nel 1990 con l obiettivo

Dettagli

Regione Toscana Direzione generale delle Politiche formative e dei Beni culturali. Settore FSE Sistema della formazione e dell orientamento

Regione Toscana Direzione generale delle Politiche formative e dei Beni culturali. Settore FSE Sistema della formazione e dell orientamento Regione Toscana Direzione generale delle Politiche formative e dei Beni culturali Settore FSE Sistema della formazione e dell orientamento ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI FORMATIVI FORMULARIO ONLINE Guida

Dettagli

Guida tecnica a SiGeM - Sistema di Gestione e Monitoraggio del PO Regione Lazio 2014 2020

Guida tecnica a SiGeM - Sistema di Gestione e Monitoraggio del PO Regione Lazio 2014 2020 REGIONE LAZIO Assessorato Formazione, Ricerca, Scuola e Università Direzione Regionale Formazione, Ricerca e Innovazione Scuola e Università, Diritto allo Studio Guida tecnica a SiGeM - Sistema di Gestione

Dettagli

DB GESTIONE FORMAZIONE

DB GESTIONE FORMAZIONE ADEMPIMENTI FORMATIVI IVASS DB GESTIONE FORMAZIONE MANUALE PER L UTILIZZO Ed. 11/2014 1/15 ADEMPIMENTI FORMATIVI IVASS DB GESTIONE FORMAZIONE Il DB Gestione Formazione è il nuovo applicativo per il monitoraggio

Dettagli

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA

Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA AVVISO N. 19 del 12/12/2012 PIANI FORMATIVI AZIENDALI CONCORDATI Schema della Stampa del formulario di presentazione dei piani formativi STANDARD RISORSE REGIONE LOMBARDIA DENOMINAZIONE DEL PIANO: EVENTUALE

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli