investing in people informazioni sul vpl per le aziende

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "investing in people www.equalmacerata.it informazioni sul vpl per le aziende"

Transcript

1 investing in people informazioni sul vpl per le aziende

2 informazioni sul vpl il progetto Il progetto prevede la sperimentazione diretta in azienda di un modello di valorizzazione delle Risorse Umane basato sull'analisi dei fabbisogni aziendali e denominato VPL (Validation of Prior Learning ovvero Validazione delle Competenze Acquisite). All'attività in azienda si affianca un'azione di trasferimento del modello e delle buone prassi ad esso collegate alla realtà aziendale locale ed ai Servizi per la formazione ed il lavoro che scopo ha? cosa utilizziamo? >dimostrare il funzionamento, l'efficacia e la convenienza di un modello di sviluppo aziendale basato sulla valorizzazione delle Risorse Umane >sostenere il trasferimento delle buone prassi al sistema locale attraverso la rielaborazione e la condivisione del modello sviluppato >analisi della realtà aziendale >analisi dei fabbisogni aziendali sia professionali che formativi* >portfolio delle competenze del lavoratore* >assessment delle competenze del lavoratore* >validazione delle competenze del lavoratore* >supporto alla definizione di piani di sviluppo aziendali >definizione di progetti professionali individuali >progettazione e attivazione di percorsi formativi individualizzati >i servizi pubblici offerti dal sistema locale (Centri per l'impiego e la Formazione) (* vedi illustrazione dei termini)

3 a chi ci rivolgiamo? con chi lavoriamo? L'attività nella fase sperimentale coinvolge, all'interno delle aziende partner, uno specifico target di lavoratori: i disabili e coloro che hanno superato i 45 anni di età. I lavoratori disabili e gli ultraquarantenni hanno in genere difficoltà a valutare pienamente le competenze possedute e le proprie potenzialità. Nella successiva fase di messa a regime del modello, potranno essere coinvolti anche altri lavoratori e aziende. >Provincia di Macerata: ruolo di indirizzo, gestione e rappresentanza della Partnership di Sviluppo locale, responsabilità amministrativa, contabile, gestione della ripartizione dei fondi fra i partner, responsabilità generali di realizzazione, monitoraggio, valutazione, diffusione, mainstreaming. >CEDRIS (Paesi Bassi): responsabilità tecnica della sperimentazione, fornitura e adattamento degli strumenti e delle metodologie utilizzati in Olanda alle aziende del territorio maceratese. Formazione degli operatori. >EuroCentro: coordinamento, integrazione, verifica dell'attuazione delle attività nazionali e transnazionali, supporto alla Provincia nel coordinamento del gruppo di tecnici, nell'azione di comunicazione e diffusione dei risultati. >Università degli Studi di Macerata: definizione del piano di trasferibilità del modello sperimentale e supporto ai Centri per l'impiego e la Formazione per la successiva applicazione. >Aziende partner - Falk, Fileni, Lube: progettazione, pianificazione e gestione della sperimentazione interna all'azienda, definizione dei profili professionali, individuazione dei beneficiari e applicazione del VPL. >Assindustria, Università di Camerino, A.N.M.I.C.: organizzazione e realizzazione della formazione individualizzata per i beneficiari, con risalto al ruolo formativo dell'azienda. Formazione dei tutor aziendali. In particolare l'università di Camerino fornirà un supporto per l'utilizzo delle Tecnologie Informatiche (TIC) impiegate allo scopo di flessibilizzare l'organizzazione del lavoro e i percorsi formativi dei beneficiari. >U.N.C.I. di Macerata: sostegno ad eventuali iniziative di autoimprenditoria con servizi di supporto, dalla valutazione dell'idea imprenditoriale alla definizione del business plan e con materiale informativo da realizzare e pubblicare. Valorizzazione della propria rete di associati come sedi dei percorsi formativi individualizzati.

4 cosa intendiamo quando parliamo di... chi ci sostiene? Associazioni ed aziende che senza essere partner di progetto formano la Rete territoriale. La rete affianca l'attività dei partner di progetto per assicurare che i risultati dell'attività sperimentale siano sostenibili, cioè che le attività siano adeguate alle esigenze delle aziende, dei lavoratori e dei Centri per l'impiego e possano continuare anche dopo la fine del progetto. La rete territoriale garantisce inoltre un maggiore coinvolgimento del territorio locale. analisi dei fabbisogni aziendali portfolio delle competenze L'analisi dei fabbisogni è l'insieme delle attività mirate ad analizzare le necessità sia professionali che formative di un determinato contesto aziendale. Il portfolio è un documento che raccoglie tutti gli elementi utili a dare visibilità al percorso formativo e lavorativo e alle competenze con esso acquisite, sia che si tratti di un percorso formale, non-formale o informale. >Associazioni datoriali - Confartigianato, C.N.A., Confederazione Italiana Agricoltori, Confcooperative, Lega della Cooperative >Associazioni sindacali - C.G.I.L., C.I.S.L., U.I.L. >Associazioni dei disabili - E.N.S., U.I.C >Istituto di Riabilitazione Santo Stefano >Cooperativa Sociale Amici delle Cerque >Aziende: Macero Maceratese, NG Diaries assessment Nel portfolio vengono registrate le competenze che un individuo si attribuisce, che siano o meno riconosciute formalmente dal possesso di un titolo. In questo modo il portfolio supporta il riconoscimento delle competenze degli individui, anche al di là dei titoli posseduti. L'assessment misura le competenze possedute da un lavoratore rispetto ad uno standard definito (nell'ambito della sperimentazione si tratta dello standard aziendale). validazione delle competenze Con validazione delle competenze si intende l'attestazione di capacità acquisite in precedenza, anche attraverso esperienze lavorative o di vita, e il conseguente riconoscimento di eventuali certificazioni o crediti formativi. I termini, così come qui definiti, si riferiscono alla sperimentazione in azienda prevista dal progetto.

5 le fasi del vpl in azienda A CONSAPEVOLEZZA E DESCRIZIONE DELLA REALTÀ AZIENDALE L'operatore di progetto raccoglie e organizza le informazioni disponibili sull'azienda, poi ne verifica la correttezza attraverso la collaborazione attiva del referente aziendale. In particolare, attraverso un'intervista strutturata, raccoglie le informazioni in termini di organizzazione, risorse umane e formazione. Gli aspetti emersi nel corso dell'intervista, vengono poi rielaborati e viene predisposta una scheda descrittiva dell'azienda, sufficientemente dettagliata da fornire un quadro completo dell'azienda. Successivamente l'operatore e il referente aziendale ridefiniscono ed integrano i contenuti della scheda descrittiva. C DEFINIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI In questa fase l'operatore di progetto sarà presente in azienda ed avrà il compito di osservare i lavoratori, nonché di porre loro alcune domande di approfondimento sulla pratica lavorativa. Le informazioni così raccolte verranno successivamente riportate in una scheda che descrive il singolo profilo professionale osservato (scheda del profilo professionale). Le schede dei profili professionali compilate con le informazioni raccolte in azienda, verranno poi condivise ed eventualmente integrate con il referente aziendale. L'analisi dei profili professionali ha l'obiettivo di mettere in luce sia le competenze possedute sia quelle da sviluppare. B SCELTA DEL FOCUS Il referente aziendale, previo accordo con il management, definisce insieme all'operatore di progetto un piano di lavoro per il processo di sperimentazione. In questa fase si accordano su chi coinvolgere, ovvero definiscono su quali reparti/profili professionali effettuare la sperimentazione. D INDIVIDUAZIONE DEI BENEFICIARI Sulla base dei dati emersi, il management aziendale, Confindustria e l'anmic individuano tra i lavoratori quelli che prenderanno parte alla sperimentazione (indicativamente 10 lavoratori del target per azienda).

6 E VALORIZZAZIONE DELLE COMPETENZE identificazione delle competenze Una procedura di VPL ha inizio, per il beneficiario, con una informazione sugli obiettivi e sui vantaggi della sperimentazione allo scopo di sensibilizzare e favorire il coinvolgimento dello stesso. L'obiettivo dell'assessment è rendere il lavoratore consapevole delle competenze che ha e che sono importanti per il suo lavoro attuale e futuro all'interno dell'azienda. Sarà importante prendere in considerazione ed annotare come competenze acquisite quelle sviluppate in: >i corsi di formazione fatti, >i lavori precedentemente svolti, >le attività del tempo libero e ruoli ricoperti in queste attività (ad esempio ruoli di responsabilità nel volontariato, nello sport e negli hobby) compilazione del portfolio In autonomia le aziende fanno compilare al target individuato il portfolio delle competenze*. In questa fase il lavoratore può essere supportato nella compilazione da un tutor aziendale, appositamente formato. Il beneficiario raccoglie le informazioni e le certificazioni delle competenze dichiarate, in un portfolio. Le certificazioni, presentate e allegate a dimostrazione delle informazioni riportate, possono includere: diplomi, dichiarazioni del dipendente, referenze, progetti o fotografie di lavori svolti. F L'ampiezza e la profondità delle informazioni contenute nel portfolio, possono variare a seconda delle finalità con cui una procedura di VPL viene messa in atto. Nel caso in cui sia mirata ad una ricollocazione all'interno dell'azienda, le informazioni da riportare nel portfolio saranno specifiche rispetto al contesto lavorativo aziendale. Prevediamo che questo richieda all'azienda da una a tre settimane di tempo: in una prima fase il portfolio deve essere illustrato e spiegato nelle sue parti alla persona che lo deve compilare; poi il lavoratore ha bisogno di tempo per raccogliere le informazioni da riportare nel portfolio e per allegare tutte le certificazioni, le attestazioni o altri documenti che andranno a supportare le dichiarazioni rese. ASSESSMENT E VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE Sulla base della autovalutazione delle competenze, si prosegue con l'assessment*. L'operatore, un assessor interno/esterno (Confindustria) e il tutor procedono all'assessment dei lavoratori. In questa fase si dedica ad ogni lavoratore coinvolto una mezza giornata circa, durante la quale lo stesso sospenderà la sua attività lavorativa (previsto rimborso all'azienda da parte del progetto). assessment delle competenze In questa fase, l'assessor analizza tutte le informazioni (competenze indicate e documentazione allegata) contenute nel portfolio.

7 Se sono necessari altri dettagli l'assessor può decidere se approfondire alcuni ambiti e se sottoporre il lavoratore ad una prova pratica. In questo caso, il partecipante viene osservato mentre lavora e gli viene chiesto come e perché sta svolgendo determinate azioni. L'assessment non è una procedura invasiva in quanto il lavoratore su cui si focalizza l'attenzione deve continuare a fare quello che farebbe normalmente. Gli assessors comparano le competenze osservate del beneficiario con uno standard, che descrive cosa una persona che ricopre quella determinata posizione, dovrebbe sapere e cosa dovrebbe essere in grado di fare. Gli standard di competenze applicati nell'assessment vengono formulati anche sulla base delle indicazioni fornite dall'azienda. H PREVISIONE DELL'AZIONE FORMATIVA Il progetto prevede che le azioni formative di cui beneficeranno i lavoratori siano svolte all'interno delle stesse aziende, con modalità di formazione in situazione. Il processo di VPL svolto all'interno delle stesse aziende permette di validare le competenze così acquisite con una valenza riconosciuta dai partner e dalla rete di progetto, in vista di una possibile certificazione delle competenze da parte del sistema di formazione professionale. Per garantire gli obiettivi di messa a regime delle attività, in alcuni momenti del processo, gli operatori di progetto potranno essere affiancati da operatori dei Centri per l'impiego e la Formazione. G PIANI DI SVILUPPO INDIVIDUALIZZATI A questo punto le competenze mancanti sono state individuate e tracciate nei dettagli, pertanto può avere luogo l'ultimo passo della procedura di VPL: la definizione del piano di sviluppo individualizzato del beneficiario. Il piano di sviluppo contiene indicazioni sulla formazione da attivare, sulle modalità lavorative più adeguate e può comprendere anche una consulenza professionale.

8 il ruolo del tutor aziendale la rete aziende cosa fa? caratteristiche chi lo forma? È una figura che supporta i lavoratori partecipanti alla sperimentazione. In particolare ha il compito di: >aiutare il lavoratore nella compilazione del portfolio >preparare e partecipare all'assessment in collaborazione con gli operatori esterni Deve essere preferibilmente una persona che conosce i lavoratori selezionati e che è in buoni rapporti con loro. Non deve essere lontano dalla realtà aziendale e allo stesso tempo non deve far parte del management. La formazione specifica viene fornita dagli operatori di progetto che saranno incaricati di trasferire e far comprendere ai tutor aziendali gli strumenti e le modalità di utilizzo degli stessi. Le aziende coinvolte, oltre alla sperimentazione, sono invitate a partecipare mensilmente al gruppo Business (aperto a tutte le aziende del territorio interessate al tema). Il gruppo Business segue le innovazioni proposte dal progetto, in termini di competitività e sviluppo aziendali, rivolgendo particolare attenzione ai temi della valorizzazione delle risorse umane, dell'eticità e responsabilità sociale delle aziende e del ruolo formativo dell'impresa. gli obiettivi di trasferimento al sistema Gli obiettivi di trasferimento al sistema si concretizzano nell'acquisizione del VPL come sistema di gestione delle risorse umane da parte delle aziende, in questo supportate da enti pubblici e datoriali. In particolare si vuole favorire l'utilizzo del VPL, per validare le competenze informali e non formali, anche da parte del sistema dei Servizi pubblici per l'impiego, con effetti innovativi sulle modalità della formazione.

9 opportunità / vantaggi per l azienda conoscere agire con l'applicazione del VPL potrete >conoscere meglio la struttura organizzativa e il funzionamento della vostra azienda e il dettaglio di tutte le fasi della produzione >migliorare la visione delle competenze e delle potenzialità dell'organico della vostra azienda >capire se i vostri dipendenti lavorano diligentemente e fanno effettivamente quello che la vostra azienda si aspetta da loro >avvantaggiarvi del punto di vista di un professionista che, in quanto esterno, può accorgersi di punti di forza e di opportunità meno evidenti a chi è parte integrante della struttura organizzativa aziendale >capire se l'azienda ha dei fabbisogni (in termini di risorse umane, competenze, ecc ) non soddisfatti e magari scoprire che possedete già all'interno della vostra azienda le risorse per soddisfarli >ricollocare i lavoratori in base alle competenze effettive >aumentare la produttività della vostra azienda ricollocando i vostri dipendenti in posizioni che permettano loro di mettere a frutto a pieno le loro competenze >valutare efficacemente i fabbisogni formativi dei vostri dipendenti, di modo che la formazione, essendo mirata, richieda minor tempo e possa essere svolta in azienda, riducendo così i periodi di assenza del personale comunicare >fronteggiare più efficacemente le emergenze (ferie, malattie ) >selezionare il personale anche tra soggetti non in possesso di qualifiche riconosciute >rendere la comunicazione interna della vostra strategia aziendale più efficace, di modo che anche i vostri dipendenti la condividano e lavorino al fine di realizzarla >aumentare l'indipendenza e l'autostima dei vostri impiegati, grazie ad una migliore preparazione >accrescere la motivazione dei vostri dipendenti a seguire corsi di formazione >stimolare la produzione e la comunicazione di idee innovative da ogni livello >sviluppare la motivazione delle persone rendendole più partecipi dell'intero processo produttivo >migliorare l'immagine dell'azienda in termini di innovazione, eticità e responsabilità sociale >tenere la vostra azienda al passo con gli standard europei in materia di validazione delle competenze

10 i costi del vpl ovvero, perché conviene fare la sperimentazione? L'azienda che decide di impostare un sistema di riconoscimento e validazione delle competenze dei propri lavoratori allo scopo di predisporre un sistema di formazione permanente, deve prevedere che alcune delle proprie risorse verranno impegnate in questa attività. Alcuni membri della Direzione Risorse Umane dovranno infatti predisporre gli strumenti, analizzare i dossier dei singoli lavoratori, guidare il processo di verifica pratica delle competenze, coinvolgendo i rappresentanti di quegli enti che possano, assieme all'azienda stessa, validare le competenze riconosciute in un'ottica di certificazione delle stesse a livello di sistema provinciale. I lavoratori coinvolti (beneficiario, tutor) saranno, per brevi periodi, distolti dalle loro occupazioni. E' un investimento che può portare solo buoni frutti, in quanto permette di velocizzare ed ottimizzare i periodi di formazione, trasformando l'impresa in una struttura capace di validare le azioni formative che avvengono al proprio interno (anche quelle informali, quale l'affiancamento del neo assunto ad un collega più esperto), sostenendo l'azienda nel mantenimento del proprio vantaggio competitivo e aumentando il livello di soddisfazione del lavoratore, che vede riconosciuto il suo percorso di apprendimento interno all'azienda, nel quadro di un piano di sviluppo individualizzato. Il progetto EQUAL Investing in people propone di avviare tale meccanismo nell'ambito di un progetto finanziato, fornendo le conoscenze relative al processo stesso di validazione delle competenze, così come gli operatori incaricati di svolgere il lavoro. I costi relativi al tutoraggio e al periodo di formazione dei lavoratori vengono rimborsati previa presentazione della rendicontazione relativa alle spese effettivamente sostenute. Il supporto dei servizi provinciali per il lavoro può essere impostato anche in un'ottica di trasferimento di conoscenza, in modo che l'azienda possa decidere di gestire per proprio conto il processo avviato. Questa è la modalità preferita, in quanto pone le basi per un modello di gestione delle risorse umane che ne valorizzi ulteriormente il potenziale.

11 esempi di buone prassi Negli ultimi anni in tutta Europa è cresciuta l'attenzione per l'apprendimento non-formale e informale. Questo perché porre l'attenzione su quello che gli individui imparano dalle loro attività quotidiane (lavoro, hobby, attività sociali), permette di valorizzare le loro conoscenze pratiche, più vicine alle necessità del mercato del lavoro. Questo processo si inserisce nelle azioni svolte a livello europeo per favorire la mobilità dei lavoratori. Infatti, al di là della validità dei titoli di studio, le aziende che ricercano manodopera in un mercato che diventerà sempre più sovranazionale, devono essere in grado di riconoscere nel lavoratore le competenze che servono effettivamente. In Olanda, dove già da molto tempo si pone la questione di integrare nel mondo del lavoro immigrati le cui competenze non sono dimostrabili da titoli di studio o certificazioni, questo processo ha avuto grande impulso già da parecchi anni. Per questo le esperienze svolte sono diventate riferimento per una serie di progetti europei sulla validazione delle competenze in cui gli organismi olandesi guidano processi di trasferimento delle conoscenze o di modelli delle varie esperienze che vengono realizzate nei vari paesi europei. Il termine utilizzato per la validazione dell'apprendimento non-formale e informale in Olandese è VPL (Validation of Prior Learning). Ad oggi, nei Paesi Bassi, così come in altri paesi europei, diversi settori e aziende hanno avviato iniziative di validazione dell'apprendimento non-formale e informale. Molte aziende di diversi settori, stimolate dal governo nazionale, hanno iniziato ad implementare tali procedure ed hanno predisposto delle iniziative per collegare le competenze che i dipendenti hanno appreso lavorando, a strutture di qualificazione formale. Anche le organizzazioni di categoria promuovono procedure di VPL. Viene percepito come uno strumento che stimola lo sviluppo economico. L'aspettativa è che queste procedure incrementino la trasparenza del mondo del lavoro e che accrescano l'efficienza delle certificazioni relative alle abilità e alle competenze realmente possedute. Dalla fine del 1990, diversi settori industriali hanno dato il via ad iniziative di VPL nelle quali, in molti casi, sono stati coinvolti i partner sociali, le organizzazioni di categoria e i Centri regionali di formazione professionale.

12 iniziative di singole aziende Introduzione del VPL nel settore dell'impiantistica olandese Circa il 40% delle persone impiegate in questo settore, non sono formalmente qualificate per il lavoro che svolgono. LOB Intechnium, ha avviato il VPL per formalizzare le qualifiche dei propri dipendenti. La forza del progetto sta nel focalizzarsi sulle competenze pratiche anziché sugli standard della formazione professionale formale. Insieme ad un Centro Regionale di Formazione Professionale ed ad un ente di formazione, sono state identificate le qualifiche pratiche per diversi lavori. Le persone devono lavorare da almeno 5 anni per partecipare ad un progetto di VPL. Dopo un'intervista, viene creato un portfolio. Sulla base di questo e sulla base di un'altra intervista approfondita, l'intervistatore (un rappresentante di uno dei Centri Regionali di Formazione Professionale) decide se il lavoratore ha evidenziato competenze sufficienti per accedere ad una formalizzazione delle sue qualifiche. In caso contrario, all'individuo viene offerta una formazione per migliorare le proprie competenze. Nei tre anni di progetto, 27 persone hanno ottenuto una certificazione. introduzione del VPL alla H.J. Heinz B.V. Le aziende evidenziano come criticità il fatto che percorsi scolastici istituzionali e formazione professionale non corrispondano alle reali necessità aziendali. La convinzione diffusa è che i lavoratori imparino meglio in situazione. La certificazione di tale apprendimento in molti paesi europei è una realtà che permette all'azienda di beneficiare di competenze acquisite con modalità non formali o informali, e al lavoratore di essere valorizzato attraverso un riconoscimento di quello che realmente sa fare. Tra i dipendenti della Heinz sono state introdotte certificazioni con valore sia di settore che nazionale. La nuova struttura di qualificazione è collegata alle regole nazionali della Legge nazionale olandese sull'istruzione e la Formazione Professionale. La Heinz spera di motivare i lavoratori a riflettere in modo migliore e ad adattarsi più velocemente ai cambiamenti e si adopera per sostenere una maggiore occupabilità dei suoi dipendenti. La traduzione da qualifiche informali a qualifiche formali è stata realizzata attraverso la cooperazione con un Centro Regionale di Formazione Professionale. Ai lavoratori è stato chiesto di partecipare creando un portfolio, che consiste in una lista di 80 compiti. Il lavoratore indica quali compiti ha adempiuto negli ultimi due anni.

13 Di seguito viene condotta un'intervista approfondita per una migliore comprensione delle competenze della persona. Segue un assessment, nel quale il lavoratore esegue diversi compiti. Un esaminatore interno ed uno esterno (appartenente ad un Centro Regionale di Formazione Professionale) valutano le competenze del dipendente. Dal 2001 al 2003, 32 persone hanno sperimentato la procedura di VPL alla H. J. Heinz B. V. Alla metà di essi è stata rilasciata direttamente una certificazione. Gli altri hanno dovuto seguire un breve programma di formazione. Nel 2003 la Heinz B. V. ha vinto l premio nazionale per il VPL. Per mezzo dell'e-learning e dell'esecuzione di attività pratiche, un allenatore personale (personal coach) coordina il processo del lavoratore. Quando il dipendente è in grado di sostenere un esame, si richiede ad un Centro Regionale di Formazione Professionale di attivare la procedura. Finora circa 150 lavoratori hanno partecipato al progetto di VPL. I risultati sono stati presentati nel introduzione dell'evc nella BSN Glasspack Il VPL è stato introdotto dalla BSN Glasspack per rafforzare la propria posizione di mercato. Poiché non esiste un percorso formativo formale per le competenze necessarie al processo produttivo dell'azienda, la stessa BSN Glasspack ha deciso di creare un proprio programma formativo. Gli obiettivi di apprendimento sono stati adattati alla regolamentazione relativa alla struttura formativa della Legge sull'istruzione e la Formazione Professionale. La BSN Glasspack ha applicato la comune procedura di VPL. In primo luogo sono state descritte i compiti dei lavoratori (tasks), poi sono stati sviluppati i programmi formativi. Dopo aver svolto il programma i lavoratori erano capaci di svolgere più compiti a livelli differenti. Nella BSN Glasspack il VPL è diventato un programma formativo collegato al piano di sviluppo personale dei dipendenti.

14 Investing in People 2006 Staff di progetto: Simone Ciattaglia Lucia Barbieri Alessandra Pagnanelli Marina Ricci Stefano Orlandoni Emanuela Mandozzi Alessandra Natali

15 PIC EQUAL investing in people IT-G2-MAR-013 i c e b e r g info e contatti Provincia di Macerata Assessorato alla Formazione Professionale e alle Politiche del Lavoro via Armaroli, Macerata T F Per contattare gli operatori di progetto: T F E E Q Q U A E U A iniziativa comunitaria L L Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione REGIONE MARCHE

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale

Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale Riconoscimento dell apprendimento informale e non-formale Linee guida e materiali per i rappresentanti sindacali Versione Italia 1 Introduzione Per ottenere ottime condizioni di lavoro e di partecipazione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative di Umberto Buratti Biella, 27 gennaio 2012 APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO PRIMA D. lgs. n. 276/2003, art. 48 DOPO D. lgs. n. 167/2011, art.

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

Obiettivi dell'intervento. Scaletta

Obiettivi dell'intervento. Scaletta Obiettivi dell'intervento informazione sul SNV sensibilizzazione sulla valutazione di istituto valutazione esterna ed interna sperimentazione della procedura di AV spunti di riflessione disponibilità ad

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO

MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO ITALIAN (IT) MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DELLE SOVVENZIONI GLOBALI - SUPPLEMENTO Gli sponsor di progetti umanitari e di squadre di formazione professionale finanziati con sovvenzioni globali sono tenuti

Dettagli

La figura del tutor aziendale nell apprendistato: analisi del ruolo, percorsi di formazione e guide per l azione MANUALE PER IL TUTOR AZIENDALE

La figura del tutor aziendale nell apprendistato: analisi del ruolo, percorsi di formazione e guide per l azione MANUALE PER IL TUTOR AZIENDALE La figura del tutor aziendale nell apprendistato: analisi del ruolo, percorsi di formazione e guide per l azione MANUALE PER IL TUTOR AZIENDALE INDICE Premessa. 3 Prima sezione. L'apprendistato e il ruolo

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE 25.2.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/51 RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 15 febbraio 2005 sul ruolo degli amministratori senza incarichi esecutivi o dei membri del consiglio di sorveglianza

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio...

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio... Accordi difensivi e clausole di apertura: strategie integrate per il coinvolgimento dei lavoratori e la negoziazione collettiva contro la frammentazione e il declassamento. Casi studio in Italia a cura

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli