investing in people informazioni sul vpl per le aziende

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "investing in people www.equalmacerata.it informazioni sul vpl per le aziende"

Transcript

1 investing in people informazioni sul vpl per le aziende

2 informazioni sul vpl il progetto Il progetto prevede la sperimentazione diretta in azienda di un modello di valorizzazione delle Risorse Umane basato sull'analisi dei fabbisogni aziendali e denominato VPL (Validation of Prior Learning ovvero Validazione delle Competenze Acquisite). All'attività in azienda si affianca un'azione di trasferimento del modello e delle buone prassi ad esso collegate alla realtà aziendale locale ed ai Servizi per la formazione ed il lavoro che scopo ha? cosa utilizziamo? >dimostrare il funzionamento, l'efficacia e la convenienza di un modello di sviluppo aziendale basato sulla valorizzazione delle Risorse Umane >sostenere il trasferimento delle buone prassi al sistema locale attraverso la rielaborazione e la condivisione del modello sviluppato >analisi della realtà aziendale >analisi dei fabbisogni aziendali sia professionali che formativi* >portfolio delle competenze del lavoratore* >assessment delle competenze del lavoratore* >validazione delle competenze del lavoratore* >supporto alla definizione di piani di sviluppo aziendali >definizione di progetti professionali individuali >progettazione e attivazione di percorsi formativi individualizzati >i servizi pubblici offerti dal sistema locale (Centri per l'impiego e la Formazione) (* vedi illustrazione dei termini)

3 a chi ci rivolgiamo? con chi lavoriamo? L'attività nella fase sperimentale coinvolge, all'interno delle aziende partner, uno specifico target di lavoratori: i disabili e coloro che hanno superato i 45 anni di età. I lavoratori disabili e gli ultraquarantenni hanno in genere difficoltà a valutare pienamente le competenze possedute e le proprie potenzialità. Nella successiva fase di messa a regime del modello, potranno essere coinvolti anche altri lavoratori e aziende. >Provincia di Macerata: ruolo di indirizzo, gestione e rappresentanza della Partnership di Sviluppo locale, responsabilità amministrativa, contabile, gestione della ripartizione dei fondi fra i partner, responsabilità generali di realizzazione, monitoraggio, valutazione, diffusione, mainstreaming. >CEDRIS (Paesi Bassi): responsabilità tecnica della sperimentazione, fornitura e adattamento degli strumenti e delle metodologie utilizzati in Olanda alle aziende del territorio maceratese. Formazione degli operatori. >EuroCentro: coordinamento, integrazione, verifica dell'attuazione delle attività nazionali e transnazionali, supporto alla Provincia nel coordinamento del gruppo di tecnici, nell'azione di comunicazione e diffusione dei risultati. >Università degli Studi di Macerata: definizione del piano di trasferibilità del modello sperimentale e supporto ai Centri per l'impiego e la Formazione per la successiva applicazione. >Aziende partner - Falk, Fileni, Lube: progettazione, pianificazione e gestione della sperimentazione interna all'azienda, definizione dei profili professionali, individuazione dei beneficiari e applicazione del VPL. >Assindustria, Università di Camerino, A.N.M.I.C.: organizzazione e realizzazione della formazione individualizzata per i beneficiari, con risalto al ruolo formativo dell'azienda. Formazione dei tutor aziendali. In particolare l'università di Camerino fornirà un supporto per l'utilizzo delle Tecnologie Informatiche (TIC) impiegate allo scopo di flessibilizzare l'organizzazione del lavoro e i percorsi formativi dei beneficiari. >U.N.C.I. di Macerata: sostegno ad eventuali iniziative di autoimprenditoria con servizi di supporto, dalla valutazione dell'idea imprenditoriale alla definizione del business plan e con materiale informativo da realizzare e pubblicare. Valorizzazione della propria rete di associati come sedi dei percorsi formativi individualizzati.

4 cosa intendiamo quando parliamo di... chi ci sostiene? Associazioni ed aziende che senza essere partner di progetto formano la Rete territoriale. La rete affianca l'attività dei partner di progetto per assicurare che i risultati dell'attività sperimentale siano sostenibili, cioè che le attività siano adeguate alle esigenze delle aziende, dei lavoratori e dei Centri per l'impiego e possano continuare anche dopo la fine del progetto. La rete territoriale garantisce inoltre un maggiore coinvolgimento del territorio locale. analisi dei fabbisogni aziendali portfolio delle competenze L'analisi dei fabbisogni è l'insieme delle attività mirate ad analizzare le necessità sia professionali che formative di un determinato contesto aziendale. Il portfolio è un documento che raccoglie tutti gli elementi utili a dare visibilità al percorso formativo e lavorativo e alle competenze con esso acquisite, sia che si tratti di un percorso formale, non-formale o informale. >Associazioni datoriali - Confartigianato, C.N.A., Confederazione Italiana Agricoltori, Confcooperative, Lega della Cooperative >Associazioni sindacali - C.G.I.L., C.I.S.L., U.I.L. >Associazioni dei disabili - E.N.S., U.I.C >Istituto di Riabilitazione Santo Stefano >Cooperativa Sociale Amici delle Cerque >Aziende: Macero Maceratese, NG Diaries assessment Nel portfolio vengono registrate le competenze che un individuo si attribuisce, che siano o meno riconosciute formalmente dal possesso di un titolo. In questo modo il portfolio supporta il riconoscimento delle competenze degli individui, anche al di là dei titoli posseduti. L'assessment misura le competenze possedute da un lavoratore rispetto ad uno standard definito (nell'ambito della sperimentazione si tratta dello standard aziendale). validazione delle competenze Con validazione delle competenze si intende l'attestazione di capacità acquisite in precedenza, anche attraverso esperienze lavorative o di vita, e il conseguente riconoscimento di eventuali certificazioni o crediti formativi. I termini, così come qui definiti, si riferiscono alla sperimentazione in azienda prevista dal progetto.

5 le fasi del vpl in azienda A CONSAPEVOLEZZA E DESCRIZIONE DELLA REALTÀ AZIENDALE L'operatore di progetto raccoglie e organizza le informazioni disponibili sull'azienda, poi ne verifica la correttezza attraverso la collaborazione attiva del referente aziendale. In particolare, attraverso un'intervista strutturata, raccoglie le informazioni in termini di organizzazione, risorse umane e formazione. Gli aspetti emersi nel corso dell'intervista, vengono poi rielaborati e viene predisposta una scheda descrittiva dell'azienda, sufficientemente dettagliata da fornire un quadro completo dell'azienda. Successivamente l'operatore e il referente aziendale ridefiniscono ed integrano i contenuti della scheda descrittiva. C DEFINIZIONE DEI PROFILI PROFESSIONALI In questa fase l'operatore di progetto sarà presente in azienda ed avrà il compito di osservare i lavoratori, nonché di porre loro alcune domande di approfondimento sulla pratica lavorativa. Le informazioni così raccolte verranno successivamente riportate in una scheda che descrive il singolo profilo professionale osservato (scheda del profilo professionale). Le schede dei profili professionali compilate con le informazioni raccolte in azienda, verranno poi condivise ed eventualmente integrate con il referente aziendale. L'analisi dei profili professionali ha l'obiettivo di mettere in luce sia le competenze possedute sia quelle da sviluppare. B SCELTA DEL FOCUS Il referente aziendale, previo accordo con il management, definisce insieme all'operatore di progetto un piano di lavoro per il processo di sperimentazione. In questa fase si accordano su chi coinvolgere, ovvero definiscono su quali reparti/profili professionali effettuare la sperimentazione. D INDIVIDUAZIONE DEI BENEFICIARI Sulla base dei dati emersi, il management aziendale, Confindustria e l'anmic individuano tra i lavoratori quelli che prenderanno parte alla sperimentazione (indicativamente 10 lavoratori del target per azienda).

6 E VALORIZZAZIONE DELLE COMPETENZE identificazione delle competenze Una procedura di VPL ha inizio, per il beneficiario, con una informazione sugli obiettivi e sui vantaggi della sperimentazione allo scopo di sensibilizzare e favorire il coinvolgimento dello stesso. L'obiettivo dell'assessment è rendere il lavoratore consapevole delle competenze che ha e che sono importanti per il suo lavoro attuale e futuro all'interno dell'azienda. Sarà importante prendere in considerazione ed annotare come competenze acquisite quelle sviluppate in: >i corsi di formazione fatti, >i lavori precedentemente svolti, >le attività del tempo libero e ruoli ricoperti in queste attività (ad esempio ruoli di responsabilità nel volontariato, nello sport e negli hobby) compilazione del portfolio In autonomia le aziende fanno compilare al target individuato il portfolio delle competenze*. In questa fase il lavoratore può essere supportato nella compilazione da un tutor aziendale, appositamente formato. Il beneficiario raccoglie le informazioni e le certificazioni delle competenze dichiarate, in un portfolio. Le certificazioni, presentate e allegate a dimostrazione delle informazioni riportate, possono includere: diplomi, dichiarazioni del dipendente, referenze, progetti o fotografie di lavori svolti. F L'ampiezza e la profondità delle informazioni contenute nel portfolio, possono variare a seconda delle finalità con cui una procedura di VPL viene messa in atto. Nel caso in cui sia mirata ad una ricollocazione all'interno dell'azienda, le informazioni da riportare nel portfolio saranno specifiche rispetto al contesto lavorativo aziendale. Prevediamo che questo richieda all'azienda da una a tre settimane di tempo: in una prima fase il portfolio deve essere illustrato e spiegato nelle sue parti alla persona che lo deve compilare; poi il lavoratore ha bisogno di tempo per raccogliere le informazioni da riportare nel portfolio e per allegare tutte le certificazioni, le attestazioni o altri documenti che andranno a supportare le dichiarazioni rese. ASSESSMENT E VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE Sulla base della autovalutazione delle competenze, si prosegue con l'assessment*. L'operatore, un assessor interno/esterno (Confindustria) e il tutor procedono all'assessment dei lavoratori. In questa fase si dedica ad ogni lavoratore coinvolto una mezza giornata circa, durante la quale lo stesso sospenderà la sua attività lavorativa (previsto rimborso all'azienda da parte del progetto). assessment delle competenze In questa fase, l'assessor analizza tutte le informazioni (competenze indicate e documentazione allegata) contenute nel portfolio.

7 Se sono necessari altri dettagli l'assessor può decidere se approfondire alcuni ambiti e se sottoporre il lavoratore ad una prova pratica. In questo caso, il partecipante viene osservato mentre lavora e gli viene chiesto come e perché sta svolgendo determinate azioni. L'assessment non è una procedura invasiva in quanto il lavoratore su cui si focalizza l'attenzione deve continuare a fare quello che farebbe normalmente. Gli assessors comparano le competenze osservate del beneficiario con uno standard, che descrive cosa una persona che ricopre quella determinata posizione, dovrebbe sapere e cosa dovrebbe essere in grado di fare. Gli standard di competenze applicati nell'assessment vengono formulati anche sulla base delle indicazioni fornite dall'azienda. H PREVISIONE DELL'AZIONE FORMATIVA Il progetto prevede che le azioni formative di cui beneficeranno i lavoratori siano svolte all'interno delle stesse aziende, con modalità di formazione in situazione. Il processo di VPL svolto all'interno delle stesse aziende permette di validare le competenze così acquisite con una valenza riconosciuta dai partner e dalla rete di progetto, in vista di una possibile certificazione delle competenze da parte del sistema di formazione professionale. Per garantire gli obiettivi di messa a regime delle attività, in alcuni momenti del processo, gli operatori di progetto potranno essere affiancati da operatori dei Centri per l'impiego e la Formazione. G PIANI DI SVILUPPO INDIVIDUALIZZATI A questo punto le competenze mancanti sono state individuate e tracciate nei dettagli, pertanto può avere luogo l'ultimo passo della procedura di VPL: la definizione del piano di sviluppo individualizzato del beneficiario. Il piano di sviluppo contiene indicazioni sulla formazione da attivare, sulle modalità lavorative più adeguate e può comprendere anche una consulenza professionale.

8 il ruolo del tutor aziendale la rete aziende cosa fa? caratteristiche chi lo forma? È una figura che supporta i lavoratori partecipanti alla sperimentazione. In particolare ha il compito di: >aiutare il lavoratore nella compilazione del portfolio >preparare e partecipare all'assessment in collaborazione con gli operatori esterni Deve essere preferibilmente una persona che conosce i lavoratori selezionati e che è in buoni rapporti con loro. Non deve essere lontano dalla realtà aziendale e allo stesso tempo non deve far parte del management. La formazione specifica viene fornita dagli operatori di progetto che saranno incaricati di trasferire e far comprendere ai tutor aziendali gli strumenti e le modalità di utilizzo degli stessi. Le aziende coinvolte, oltre alla sperimentazione, sono invitate a partecipare mensilmente al gruppo Business (aperto a tutte le aziende del territorio interessate al tema). Il gruppo Business segue le innovazioni proposte dal progetto, in termini di competitività e sviluppo aziendali, rivolgendo particolare attenzione ai temi della valorizzazione delle risorse umane, dell'eticità e responsabilità sociale delle aziende e del ruolo formativo dell'impresa. gli obiettivi di trasferimento al sistema Gli obiettivi di trasferimento al sistema si concretizzano nell'acquisizione del VPL come sistema di gestione delle risorse umane da parte delle aziende, in questo supportate da enti pubblici e datoriali. In particolare si vuole favorire l'utilizzo del VPL, per validare le competenze informali e non formali, anche da parte del sistema dei Servizi pubblici per l'impiego, con effetti innovativi sulle modalità della formazione.

9 opportunità / vantaggi per l azienda conoscere agire con l'applicazione del VPL potrete >conoscere meglio la struttura organizzativa e il funzionamento della vostra azienda e il dettaglio di tutte le fasi della produzione >migliorare la visione delle competenze e delle potenzialità dell'organico della vostra azienda >capire se i vostri dipendenti lavorano diligentemente e fanno effettivamente quello che la vostra azienda si aspetta da loro >avvantaggiarvi del punto di vista di un professionista che, in quanto esterno, può accorgersi di punti di forza e di opportunità meno evidenti a chi è parte integrante della struttura organizzativa aziendale >capire se l'azienda ha dei fabbisogni (in termini di risorse umane, competenze, ecc ) non soddisfatti e magari scoprire che possedete già all'interno della vostra azienda le risorse per soddisfarli >ricollocare i lavoratori in base alle competenze effettive >aumentare la produttività della vostra azienda ricollocando i vostri dipendenti in posizioni che permettano loro di mettere a frutto a pieno le loro competenze >valutare efficacemente i fabbisogni formativi dei vostri dipendenti, di modo che la formazione, essendo mirata, richieda minor tempo e possa essere svolta in azienda, riducendo così i periodi di assenza del personale comunicare >fronteggiare più efficacemente le emergenze (ferie, malattie ) >selezionare il personale anche tra soggetti non in possesso di qualifiche riconosciute >rendere la comunicazione interna della vostra strategia aziendale più efficace, di modo che anche i vostri dipendenti la condividano e lavorino al fine di realizzarla >aumentare l'indipendenza e l'autostima dei vostri impiegati, grazie ad una migliore preparazione >accrescere la motivazione dei vostri dipendenti a seguire corsi di formazione >stimolare la produzione e la comunicazione di idee innovative da ogni livello >sviluppare la motivazione delle persone rendendole più partecipi dell'intero processo produttivo >migliorare l'immagine dell'azienda in termini di innovazione, eticità e responsabilità sociale >tenere la vostra azienda al passo con gli standard europei in materia di validazione delle competenze

10 i costi del vpl ovvero, perché conviene fare la sperimentazione? L'azienda che decide di impostare un sistema di riconoscimento e validazione delle competenze dei propri lavoratori allo scopo di predisporre un sistema di formazione permanente, deve prevedere che alcune delle proprie risorse verranno impegnate in questa attività. Alcuni membri della Direzione Risorse Umane dovranno infatti predisporre gli strumenti, analizzare i dossier dei singoli lavoratori, guidare il processo di verifica pratica delle competenze, coinvolgendo i rappresentanti di quegli enti che possano, assieme all'azienda stessa, validare le competenze riconosciute in un'ottica di certificazione delle stesse a livello di sistema provinciale. I lavoratori coinvolti (beneficiario, tutor) saranno, per brevi periodi, distolti dalle loro occupazioni. E' un investimento che può portare solo buoni frutti, in quanto permette di velocizzare ed ottimizzare i periodi di formazione, trasformando l'impresa in una struttura capace di validare le azioni formative che avvengono al proprio interno (anche quelle informali, quale l'affiancamento del neo assunto ad un collega più esperto), sostenendo l'azienda nel mantenimento del proprio vantaggio competitivo e aumentando il livello di soddisfazione del lavoratore, che vede riconosciuto il suo percorso di apprendimento interno all'azienda, nel quadro di un piano di sviluppo individualizzato. Il progetto EQUAL Investing in people propone di avviare tale meccanismo nell'ambito di un progetto finanziato, fornendo le conoscenze relative al processo stesso di validazione delle competenze, così come gli operatori incaricati di svolgere il lavoro. I costi relativi al tutoraggio e al periodo di formazione dei lavoratori vengono rimborsati previa presentazione della rendicontazione relativa alle spese effettivamente sostenute. Il supporto dei servizi provinciali per il lavoro può essere impostato anche in un'ottica di trasferimento di conoscenza, in modo che l'azienda possa decidere di gestire per proprio conto il processo avviato. Questa è la modalità preferita, in quanto pone le basi per un modello di gestione delle risorse umane che ne valorizzi ulteriormente il potenziale.

11 esempi di buone prassi Negli ultimi anni in tutta Europa è cresciuta l'attenzione per l'apprendimento non-formale e informale. Questo perché porre l'attenzione su quello che gli individui imparano dalle loro attività quotidiane (lavoro, hobby, attività sociali), permette di valorizzare le loro conoscenze pratiche, più vicine alle necessità del mercato del lavoro. Questo processo si inserisce nelle azioni svolte a livello europeo per favorire la mobilità dei lavoratori. Infatti, al di là della validità dei titoli di studio, le aziende che ricercano manodopera in un mercato che diventerà sempre più sovranazionale, devono essere in grado di riconoscere nel lavoratore le competenze che servono effettivamente. In Olanda, dove già da molto tempo si pone la questione di integrare nel mondo del lavoro immigrati le cui competenze non sono dimostrabili da titoli di studio o certificazioni, questo processo ha avuto grande impulso già da parecchi anni. Per questo le esperienze svolte sono diventate riferimento per una serie di progetti europei sulla validazione delle competenze in cui gli organismi olandesi guidano processi di trasferimento delle conoscenze o di modelli delle varie esperienze che vengono realizzate nei vari paesi europei. Il termine utilizzato per la validazione dell'apprendimento non-formale e informale in Olandese è VPL (Validation of Prior Learning). Ad oggi, nei Paesi Bassi, così come in altri paesi europei, diversi settori e aziende hanno avviato iniziative di validazione dell'apprendimento non-formale e informale. Molte aziende di diversi settori, stimolate dal governo nazionale, hanno iniziato ad implementare tali procedure ed hanno predisposto delle iniziative per collegare le competenze che i dipendenti hanno appreso lavorando, a strutture di qualificazione formale. Anche le organizzazioni di categoria promuovono procedure di VPL. Viene percepito come uno strumento che stimola lo sviluppo economico. L'aspettativa è che queste procedure incrementino la trasparenza del mondo del lavoro e che accrescano l'efficienza delle certificazioni relative alle abilità e alle competenze realmente possedute. Dalla fine del 1990, diversi settori industriali hanno dato il via ad iniziative di VPL nelle quali, in molti casi, sono stati coinvolti i partner sociali, le organizzazioni di categoria e i Centri regionali di formazione professionale.

12 iniziative di singole aziende Introduzione del VPL nel settore dell'impiantistica olandese Circa il 40% delle persone impiegate in questo settore, non sono formalmente qualificate per il lavoro che svolgono. LOB Intechnium, ha avviato il VPL per formalizzare le qualifiche dei propri dipendenti. La forza del progetto sta nel focalizzarsi sulle competenze pratiche anziché sugli standard della formazione professionale formale. Insieme ad un Centro Regionale di Formazione Professionale ed ad un ente di formazione, sono state identificate le qualifiche pratiche per diversi lavori. Le persone devono lavorare da almeno 5 anni per partecipare ad un progetto di VPL. Dopo un'intervista, viene creato un portfolio. Sulla base di questo e sulla base di un'altra intervista approfondita, l'intervistatore (un rappresentante di uno dei Centri Regionali di Formazione Professionale) decide se il lavoratore ha evidenziato competenze sufficienti per accedere ad una formalizzazione delle sue qualifiche. In caso contrario, all'individuo viene offerta una formazione per migliorare le proprie competenze. Nei tre anni di progetto, 27 persone hanno ottenuto una certificazione. introduzione del VPL alla H.J. Heinz B.V. Le aziende evidenziano come criticità il fatto che percorsi scolastici istituzionali e formazione professionale non corrispondano alle reali necessità aziendali. La convinzione diffusa è che i lavoratori imparino meglio in situazione. La certificazione di tale apprendimento in molti paesi europei è una realtà che permette all'azienda di beneficiare di competenze acquisite con modalità non formali o informali, e al lavoratore di essere valorizzato attraverso un riconoscimento di quello che realmente sa fare. Tra i dipendenti della Heinz sono state introdotte certificazioni con valore sia di settore che nazionale. La nuova struttura di qualificazione è collegata alle regole nazionali della Legge nazionale olandese sull'istruzione e la Formazione Professionale. La Heinz spera di motivare i lavoratori a riflettere in modo migliore e ad adattarsi più velocemente ai cambiamenti e si adopera per sostenere una maggiore occupabilità dei suoi dipendenti. La traduzione da qualifiche informali a qualifiche formali è stata realizzata attraverso la cooperazione con un Centro Regionale di Formazione Professionale. Ai lavoratori è stato chiesto di partecipare creando un portfolio, che consiste in una lista di 80 compiti. Il lavoratore indica quali compiti ha adempiuto negli ultimi due anni.

13 Di seguito viene condotta un'intervista approfondita per una migliore comprensione delle competenze della persona. Segue un assessment, nel quale il lavoratore esegue diversi compiti. Un esaminatore interno ed uno esterno (appartenente ad un Centro Regionale di Formazione Professionale) valutano le competenze del dipendente. Dal 2001 al 2003, 32 persone hanno sperimentato la procedura di VPL alla H. J. Heinz B. V. Alla metà di essi è stata rilasciata direttamente una certificazione. Gli altri hanno dovuto seguire un breve programma di formazione. Nel 2003 la Heinz B. V. ha vinto l premio nazionale per il VPL. Per mezzo dell'e-learning e dell'esecuzione di attività pratiche, un allenatore personale (personal coach) coordina il processo del lavoratore. Quando il dipendente è in grado di sostenere un esame, si richiede ad un Centro Regionale di Formazione Professionale di attivare la procedura. Finora circa 150 lavoratori hanno partecipato al progetto di VPL. I risultati sono stati presentati nel introduzione dell'evc nella BSN Glasspack Il VPL è stato introdotto dalla BSN Glasspack per rafforzare la propria posizione di mercato. Poiché non esiste un percorso formativo formale per le competenze necessarie al processo produttivo dell'azienda, la stessa BSN Glasspack ha deciso di creare un proprio programma formativo. Gli obiettivi di apprendimento sono stati adattati alla regolamentazione relativa alla struttura formativa della Legge sull'istruzione e la Formazione Professionale. La BSN Glasspack ha applicato la comune procedura di VPL. In primo luogo sono state descritte i compiti dei lavoratori (tasks), poi sono stati sviluppati i programmi formativi. Dopo aver svolto il programma i lavoratori erano capaci di svolgere più compiti a livelli differenti. Nella BSN Glasspack il VPL è diventato un programma formativo collegato al piano di sviluppo personale dei dipendenti.

14 Investing in People 2006 Staff di progetto: Simone Ciattaglia Lucia Barbieri Alessandra Pagnanelli Marina Ricci Stefano Orlandoni Emanuela Mandozzi Alessandra Natali

15 PIC EQUAL investing in people IT-G2-MAR-013 i c e b e r g info e contatti Provincia di Macerata Assessorato alla Formazione Professionale e alle Politiche del Lavoro via Armaroli, Macerata T F Per contattare gli operatori di progetto: T F E E Q Q U A E U A iniziativa comunitaria L L Direzione Generale per le Politiche per l Orientamento e la Formazione REGIONE MARCHE

CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI APPRENDISTATO Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Legge Regionale 19 febbraio 2008, n. 3: "Disciplina in materia di apprendistato" Pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Molise n. 5 del 1 marzo 2008 CAPO I ASPETTI FORMATIVI DEL CONTRATTO DI

Dettagli

EBLA VAI Valorizzare l Apprendimento Non Formale ed Informale nelle PMI. VAI Valorizzare l apprendimento non formale ed informale nelle PMI

EBLA VAI Valorizzare l Apprendimento Non Formale ed Informale nelle PMI. VAI Valorizzare l apprendimento non formale ed informale nelle PMI VAI Valorizzare l apprendimento non formale ed informale nelle PMI Il Promotore: EBLA EBLA è l Ente Bilaterale Lavoro e Ambiente costituto per iniziativa della FEDERLAZIO - ASSOCIAZIONE delle Piccole

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Modulo A

AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Modulo A PROVINCIA DI FROSINONE Assessorato alle Politiche del Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Modulo A 1. Premessa La Provincia

Dettagli

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano

PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano TITOLO PROGETTO ATTREZZISTA MECCANICO ON THE JOB ENTE PROMOTORE, CAPOFILA E PARTNERS PROMOTORE DEL PROGETTO: PROVINCIA DI MILANO, Direzione Istruzione e Formazione AFOL Nord Milano ENTE CAPOFILA: A.S.P.

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Apprendistato.

Art. 1 Finalità. Art. 2 Apprendistato. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 30 maggio 2007, n. 18 Disciplina dell'apprendistato. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 25 del 06/06/2007 Il Consiglio regionale ha approvato. La Presidente della Giunta

Dettagli

Piano Formativo Anticorruzione 2014-2016

Piano Formativo Anticorruzione 2014-2016 Piano Formativo Anticorruzione 2014-2016 Sommario 1 Gli Obiettivi del Piano della Formazione sull'anticorruzione... 3 1.1 Ambito di Applicazione.... 3 2 Quadro normativo Piano Formazione Anticorruzione...

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva

DIPARTIMENTO RISORSE UMANE. Percorsi di Cittadinanza Attiva DIPARTIMENTO RISORSE UMANE Percorsi di Cittadinanza Attiva INDICE 1. Premessa 2. Roma Capitale : volontariato e sussidiarietà orizzontale 3. La valorizzazione delle competenze acquisite : la sperimentazione

Dettagli

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA

Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Premessa: VALIDATION OF NON FORMAL AND INFORMAL LEARNING: UN AGGIORNAMENTO DELLA CORNICE EUROPEA Il tema della trasparenza e del riconoscimento delle competenze comunque e ovunque acquisite rappresenta

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Moduli B e C

AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Moduli B e C PROVINCIA DI FROSINONE Assessorato alle Politiche del Lavoro e Formazione AVVISO PUBBLICO Realizzazione delle attività formative per l Apprendistato Professionalizzante: Moduli B e C 1. Premessa La Provincia

Dettagli

Descrizione del progetto

Descrizione del progetto Descrizione del progetto Motivazione intervento/rilevazione fabbisogni: Il progetto si rivolge all'area delle "nuove disuguaglianze". Gli anni '90 sono stati contrassegnati da processi sociali, economici

Dettagli

EVS: CHILDREN RIGHT TO FUTURE! India

EVS: CHILDREN RIGHT TO FUTURE! India EVS: CHILDREN RIGHT TO FUTURE! India Durata del progetto : 1 Dicembre 2013 al 31 gennaio 2015 Permanenza all estero: 12 mesi (gennaio 2014 dicembre 2014) SEDE DI REALIZZAZIONE: Thodupuzha ENTE DI INVIO:

Dettagli

Progetto finanziato dalla Commissione Europea: WP5 Modello del sistema VPL per l assistente familiare professionale

Progetto finanziato dalla Commissione Europea: WP5 Modello del sistema VPL per l assistente familiare professionale Accordo no. 2011-3643 / 001-001 Progetto no. 518388-LLP-1-2011-1-IT-LEONARDO-LMP Progetto finanziato dalla Commissione Europea: WP5 Modello del sistema VPL per l assistente familiare professionale Titolo

Dettagli

Un agenda di lavoro PROPOSTE E CONCLUSIONI

Un agenda di lavoro PROPOSTE E CONCLUSIONI Un agenda di lavoro PROPOSTE E CONCLUSIONI PROGETTO SPRING Soggetto referente Zona Ovest di Torino srl Tel. 011 405 06 06 www.zonaovest.to.it patto@zonaovest.to.it Hanno collaborato alla realizzazione

Dettagli

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa)

Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Benchmarking tool (Questionario di valutazione comparativa) Questo progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione Europea. Questo portale riflette il punto di vista degli sviluppatori e

Dettagli

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali

Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali Convenzione per programmi di inserimento lavorativo in cooperative sociali la Provincia di Rimini la Azienda Unità Sanitaria Locale di Rimini le Associazioni imprenditoriali provinciali di Rimini: Confindustria

Dettagli

Consorzio Innopolis. La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi

Consorzio Innopolis. La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi Consorzio Innopolis La nostra Missione, il nostro Approccio, i nostri Servizi Qualità è soddisfare le necessità del cliente e superare le sue stesse aspettative (D. W. Edwards) Sviluppiamo le vostre idee

Dettagli

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i.

Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Allegato A Indirizzi per la regolamentazione dell Apprendistato per la Qualifica e per il Diploma Professionale ai sensi del Regolamento 47/R del 2003 e s.m.i. Indirizzi per la regolamentazione dell apprendistato

Dettagli

HDS Formazione s.r.1.s.

HDS Formazione s.r.1.s. Livello strategico La missione: rafforzare e consolidare la propria posizione nel settore della formazione e consulenza informatica e nell'erogazione di servizi integrati a contenuto tecnologico con l'obiettivo

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ SERVIZI ALLA FORMAZIONE Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ FORMATORE Area di attività Analisi dei fabbisogni formativi; Progettazione interventi formativi; Erogazione azioni formative; Valutazione esiti apprendimento;

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 3.5.4 - COSTRUZIONE DI UN SISTEMA PER L A P P R E N D I S TAT O 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 3.5.4 - COSTRUZIONE DI UN SISTEMA PER L A P P R E N D I S TAT O 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 3.5.4 - COSTRUZIONE DI UN SISTEMA PER L A P P R E N D I S TAT O 1 - CODICE PROGETTO Il progetto è riconducibile a quella che il Piano Provinciale del Lavoro definisce quale Area 3: Servizi all Utenza -

Dettagli

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV NORMATIVA E DOCUMENTI Il format di autovalutazione Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV SINTESI PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E RAV DPR 28 Marzo 2013, n. 80 Direttiva n.11 del 18 settembre 2014

Dettagli

La Regione Toscana. Premesso che

La Regione Toscana. Premesso che Allegato A PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, UNIVERSITA E PARTI SOCIALI PER DEFINIRE I PROFILI FORMATIVI NEI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA

Dettagli

Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze.

Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze. Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze. (Trentino-Alto Adige, Provincia autonoma di Trento, BUR 2 luglio 2013, n.

Dettagli

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276)

(sperimentazione dell art. 14 del D. Lgs. 10.09.03 n 276) CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO DI LAVORATORI DISABILI DEBOLI tra la Provincia di Savona e le Associazioni Datoriali, Sindacali e Cooperative della provincia di Savona (sperimentazione dell art. 14

Dettagli

BANDO PER FAVORIRE L'INSERIMENTO DI GIOVANI IN AZIENDA RIVOLTO AD IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

BANDO PER FAVORIRE L'INSERIMENTO DI GIOVANI IN AZIENDA RIVOLTO AD IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA BANDO PER FAVORIRE L'INSERIMENTO DI GIOVANI IN AZIENDA RIVOLTO AD IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA SEZIONE 1: Selezione di progetti di inserimento lavorativo presentati da aziende attive sul territorio

Dettagli

CPNA Comitato Paritetico Nazionale Artigiano

CPNA Comitato Paritetico Nazionale Artigiano Gli Organismi Paritetici CPNA Comitato Paritetico Nazionale II decreto Legislativo 626/94 e le successive modificazioni apportate nel 1996 hanno attribuito al sistema della bilateralità numerose competenze

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL'OFFERTA FORMATIVA Mission CARTA DI QUALITÀ DELL'OFFERTA FORMATIVA Il Centro Studi Planct School, certificato IS0900 l :2000 per progettazione ed erogazione di corsi di formazione professionale dal 2004, progetta ed organizza

Dettagli

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI

FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI FORMAZIONE DEI TUTOR AZIENDALI L Ebit Ter Lazio offre a tutte le aziende della Regione Lazio la possibilità di formare i propri tutor aziendali, adempiendo così all obbligo di legge e conseguendo la certificazione

Dettagli

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com

BUSINESS DEVELOPMENT. noesisweb.com BUSINESS DEVELOPMENT noesisweb.com Guidiamo le persone nel diventare attori principali della propria realtà, costruendo, negli ambiti professionali e di vita privata, un mondo al quale sia piacevole appartenere

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 ALLEGATOA alla Dgr n. 1324 del 23 luglio 2013 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale 13 marzo 2009 n. 3 Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Ambito di applicazione...4

Dettagli

POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO

POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO POLITICA AZIENDALE PER LA GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO L'ultimo decennio il panorama della ristorazione collettiva è stato, per Serenissima Ristorazione SpA come per le aziende che operano nel medesimo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale Direzione Regionale Toscana PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

Disciplina dell offerta formativa regionale integrativa

Disciplina dell offerta formativa regionale integrativa Unione Europea Fondo Sociale Europeo Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Direzione Generale per le Politiche

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI STRANIERI PREMESSA Il Protocollo di accoglienza per gli alunni stranieri è da intendersi quale parte integrante dell assetto regolamentare dell ENAIP Trentino.

Dettagli

Progest Servizi. Sede operativa: Via Cattaneo 116, 41100 - Modena E-mail: info@progestservizi.com

Progest Servizi. Sede operativa: Via Cattaneo 116, 41100 - Modena E-mail: info@progestservizi.com Progest Servizi Sede operativa: Via Cattaneo 116, 41100 - Modena E-mail: info@progestservizi.com Le crescenti esigenze organizzative del business process hanno portato molte aziende, negli ultimi anni,

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01

INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01 Reference number ISO 29990:2010(E) ISO 2010 INTERNATIONAL STANDARD ISO 29990 Prima Edizione 2010-09-01 Servizi di formazione per l educazione e la formazione non formali Requisiti minimi per i fornitori

Dettagli

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage

Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Che cos'è lo stage Le fasi di realizzazione Le funzioni dei tutors nello stage Lo stage è un esperienza di durata variabile in un azienda con l obiettivo di formare il lavoratore all attività per cui è

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE. Mónica Sandra Lista Rodríguez

IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE. Mónica Sandra Lista Rodríguez IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE Mónica Sandra Lista Rodríguez COME NASCE E SI SVILUPPA IL PEL Nel contesto europeo, l insegnamento/apprendimento delle lingue straniere ha lo scopo di far acquisire agli

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

L AUTOIMPRENDITORIA PER OVER 45 E DIVERSAMENTE ABILI. Provincia di Macerata

L AUTOIMPRENDITORIA PER OVER 45 E DIVERSAMENTE ABILI. Provincia di Macerata TOIMPRNDITORI PR OVR 45 DIVRSMNT BII Provincia di Macerata INDIC 1/le tue motivazioni 4 creare una impresa: hai un sogno da realizzare? 2/le caratteristiche personali 6 conoscere se stessi. over45 e diversamente

Dettagli

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.)

LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) LINEE GUIDA PER UN SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (S.G.S.L.) Questa pubblicazione non può essere considerata una norma o una specifica tecnica da utilizzare a scopo di certificazione

Dettagli

Artability. Tlab - 1 interim report

Artability. Tlab - 1 interim report Artability Tlab - 1 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale per lo scambio di buone pratiche che possono motivare le persone con disabilità di partecipare al processo

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA ALLEGATO II.1 INTRODUZIONE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA La presente Carta della Qualità dell offerta formativa ha la finalità di descrivere gli impegni che la Scuola di Formazione Snc assume

Dettagli

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione

Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Regione Emilia-Romagna Corso di formazione Coordinatori pedagogici e eterovalutazione Il CPP come sede di confronto e di sintesi a livello di sistema territoriale Marina Maselli maselli.marina@virgilio.it

Dettagli

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani

Il Rapporto di Autovalutazione. Prof.ssa Maria Rosaria Villani Il Rapporto di Autovalutazione Prof.ssa Maria Rosaria Villani D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 recante il Regolamento sul Sistema Nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione, in vigore dal

Dettagli

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE

CODICE ETICO ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE CODICE ETICO di ASVI - SCHOOL FOR MANAGEMENT & SOCIAL CHANGE INDICE 1. Definizione della Vision di ASVI, School for Management & Social Change 2. Definizione della Mission di ASVI, School for Management

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA POLITICA DELLA QUALITÀ Mission ECOSISTEMI S.r.l. è una società di consulenza e formazione ambientale specializzata in strategie, programmi, azioni e strumenti per

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale

Linee Guida per. la sperimentazione di percorsi formativi. nell apprendistato per la qualifica e il diploma professionale ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Apprendistato per la qualifica

Dettagli

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl

Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl Istituto Italiano Arte Artigianato e Restauro Srl CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Il presente documento si propone di esplicitare e comunicare gli impegni che l'istituto Italiano Arte e Artigianato

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino

Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Firma del protocollo di intesa per il miglioramento della comunicazione banca-impresa in provincia di Torino Torino Palazzo Cisterna 05 luglio 2011 PROTOCOLLO D INTESA PER IL MIGLIORAMENTO DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Stato della definizione dei sistemi regionali di certificazione delle competenze

PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Stato della definizione dei sistemi regionali di certificazione delle competenze PROGETTO Pianificazione Operativa Territoriale Stato della definizione dei sistemi regionali di (Aggiornamento del 4 febbraio 2014) TAVOLA 1/A ABRUZZO BASILICATA CALABRIA CAMPANIA EMILIA ROMAGNA FRIULI

Dettagli

Etica e PMI le PMI quale efficace vettore di sviluppo sostenibile

Etica e PMI le PMI quale efficace vettore di sviluppo sostenibile INIZIATIVA COMUNITARIA EQUAL TEMA E, MISURA 3.1 Etica e PMI le PMI quale efficace vettore di sviluppo sostenibile LA RESPONSABILITA SOCIALE DELLE PMI Il CONTESTO Secondo il Rapporto Bruntland, preparato

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.

Un modello organizzativo per la gestione dei volontari. Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd. Un modello organizzativo per la gestione dei volontari Mimma De Gasperi Servizio programmazione e sviluppo progetti e-mail: mimma.degasperi@unipd.it Decidere di avere volontari. Implica necessariamente:

Dettagli

La direzione dell'agenzia Formativa compete al Dirigente Scolastico. In termini di responsabilità a tale figura compete:

La direzione dell'agenzia Formativa compete al Dirigente Scolastico. In termini di responsabilità a tale figura compete: DIREZIONE GENERALE (Prof.ssa G RAZIA C ECCHERINI, D.S.) La direzione dell'agenzia Formativa compete al Dirigente Scolastico. In termini di responsabilità a tale figura compete: La definizione delle politiche

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2015/2016: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

COORDINATE PER CRESCERE

COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE E COORDINATE PER CRESCERE COORDINATE PER CRESCERE CHI SIAMO Attraverso un approccio integrato, una struttura flessibile e una spiccata preparazione professionale, Consilia offre

Dettagli

[A] Descrizione generale del percorso formativo (formazione formale e non formale) Stai visualizzando il I anno

[A] Descrizione generale del percorso formativo (formazione formale e non formale) Stai visualizzando il I anno Società: WEB GATE SRL Sede Legale VIA F. TURATI, 29 - GRUMO NEVANO (NA) C.F.-P.I. 05245101216 Apprendista: DOGNAZZI MATTIA Residente in VIA DEL FORTE TIBURTINO, 162 - ROMA Nato a ROMA Il 10/08/1993 C.F.

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Codice fiscale Brandi Manuela BRNMNL74C67H501T ESPERIENZA LAVORATIVA 05/2009 - in corso Dispositivi Tecniche Metodologie Srl - Torino

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DEL PIANO ITALIANO PER LA GARANZIA GIOVANI Procedure informative - Audizione del Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALI DELL ISTRUZIONE SCOLASTICA UFFICIO V AUDIT DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE

1. INTRODUZIONE 2. PROGETTO EQUAL II FASE S.O.LE. STRATEGIE PER L OCCUPAZIONE SOSTENIBILE !! 1. INTRODUZIONE Il Progetto d integrazione tra lavoratori e soggetti svantaggiati si inserisce in un attività più ampia realizzata nell ambito del Progetto Equal S.O.LE., e precisamente nell attività

Dettagli

LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO

LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO LA PREVISIONE DELLA FORMAZIONE ESCLUSIVAMENTE AZIENDALE NELL APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE DEL CCNL TERZIARIO PREMESSA La disciplina dell apprendistato, contenuta nella legge 25/1955, è stata oggetto

Dettagli

Formazione azione Front office chiavi in mano

Formazione azione Front office chiavi in mano Formazione azione Front office chiavi in mano Oggi, più che nel passato, è fondamentale far percepire una maggiore Attenzione al Cittadino attraverso una P.A. unitaria, coerente, gentile, moderna, trasparente

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

26/8/2014 www.uffstampa.provincia.tn.it/csw/c_stampa.nsf/comunicatiperstampa/74a75c0d6e3f2040c1257d3c0024d6a9?opendocument

26/8/2014 www.uffstampa.provincia.tn.it/csw/c_stampa.nsf/comunicatiperstampa/74a75c0d6e3f2040c1257d3c0024d6a9?opendocument 26/8/2014 www.uffstampa.provincia.tn.it/csw/c_stampa.nsf/comunicatiperstampa/74a75c0d6e3f2040c1257d3c0024d6a9?opendocument Approvati i criteri per i beneficiari e la durata REDDITO DI ATTIVAZIONE: 28 MILIONI

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet

AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet FORUMPA SANITA' 2001 AUSL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica prevenzionet Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: prevenzionet Amministrazione proponente: AUSL Modena Unità organizzativa (dipartimento,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Nome [MARIAPIA ARBOREA ] Indirizzo [ VIA CALEFATI 6] Telefono Fax E-mail Mparborea@tin.

F O R M A T O E U R O P E O P E R INFORMAZIONI PERSONALI. Nome [MARIAPIA ARBOREA ] Indirizzo [ VIA CALEFATI 6] Telefono Fax E-mail Mparborea@tin. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome [MARIAPIA ARBOREA ] Indirizzo [ VIA CALEFATI 6] Telefono Fax E-mail Mparborea@tin.it Nazionalità Italiana

Dettagli

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra

Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale. Titolo. Parti. Tra Servizio Politiche attive per il Lavoro Servizio Formazione professionale Protocollo Titolo CONVENZIONE QUADRO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO NELLE COOPERATIVE SOCIALI DEI LAVORATORI DISABILI CON GRAVI DIFFICOLTA

Dettagli

Progetto in attesa di conferma dall'ust. Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro

Progetto in attesa di conferma dall'ust. Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro 1 di 5 Progetto in attesa di conferma dall'ust Format Progettazione Alternanza Scuola Lavoro Denominazione Istituto Codice Meccanografico Indirizzo Scolastico LICEO LINGUISTICO PARITARIO "PIAMARTA" BSPL095008

Dettagli

Progetto di rete L.I.S.A.

Progetto di rete L.I.S.A. ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO VIA AGELLI 10 63027 PETRITOLI Tel e fax 0734 658180 www.iscpetritoli.it e-mail: isc.petritoli@libero.it Progetto di rete L.I.S.A. (Laboratorio Istituti Scolastici Autonomi)

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI INDIVIDUALI comunicazionetrasparenteprogettoinf ormareinformarsivalorizzazioneco struireteamworkeleaderschipproporrecolla boraredeisostenereprofessionisti stimolareintegrazionerelazionialleanzesoluzi

Dettagli

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS

STRUMENTO DI AUTO VALUTAZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITA BASATO SULLO STANDARD DI SCUOLA ELOS Come usare lo strumento di auto-valutazione della Certificazione di Qualità La scuola sarà valutata sulla base della raccolta e dell analisi delle prove scritte seguite o dalla visita della scuola, intervista

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti

II incontro 23 novembre 2015. prof. Giancarlo Cencetti Perugia I.T.T. Alessandro Volta Piano formazione Never Stop Learning - Percorso A I processi di valutazione e autovalutazione della scuola II incontro 23 novembre 2015 prof. Giancarlo Cencetti Obiettivi

Dettagli

Progetto interprovinciale delle Associazioni degli Industriali delle Province di Ancona, Fermo, Macerata, Pesaro Urbino

Progetto interprovinciale delle Associazioni degli Industriali delle Province di Ancona, Fermo, Macerata, Pesaro Urbino Progetto interprovinciale delle Associazioni degli Industriali delle Province di Ancona, Fermo, Macerata, Pesaro Urbino Presentazione del progetto per le aziende Premessa Learning by doing" è il progetto

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA QUALITA DELLO STAGE

PROTOCOLLO PER LA QUALITA DELLO STAGE PROTOCOLLO PER LA QUALITA DELLO STAGE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO (Art. 18, Legge 24 giugno 1997, n.196; Decreto 25 marzo 1998, n.142, del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, di concerto

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

PROGETTO G.L.O.C.A.L.

PROGETTO G.L.O.C.A.L. Glocal s.r.l. promuove nell ambito del Programma Erasmus Plus Ambito VET Invito a presentare proposte 2014 (EAC/S11/13) il progetto n. 2014-1-IT01-KA102-000197: G.L.O.C.A.L."- Grant for Learning Opportunities

Dettagli

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI 6 GLOSSARIO 31

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI 6 GLOSSARIO 31 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi ICT Unione Europea Fondo Sociale Europeo Regione Autonoma della Sardegna Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale 2006 EBAS

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Direzione Generale Ufficio III MIUR.AOODRCAL.Registro Ufficiale(U).0017891.30-12-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Dirigenti delle scuole statali LORO SEDI Ai Coordinatori delle attività didattiche delle

Dettagli

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello

Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Master COACHING PROFESSIONAL COMPETENCE di Marina Osnaghi - 1 e 2 Livello Il coaching è per noi l arte di accompagnare qualcuno alla meta OBIETTIVI L International Coach Federation (ICF - www.icf-italia.org)

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010

Data di avvio Data di conclusione. Durata (in mesi) 31/1/2010 WP n.1 Titolo: Analisi dei bisogni e fattibilità Obiettivi: - Collegare le diverse analisi dei bisogni del gruppo target per individuare, definire e condividere le principali criticità registrate nei diversi

Dettagli

NEWSLETTER N 1 GIUGNO 2013

NEWSLETTER N 1 GIUGNO 2013 www.shoescompetences.eu NEWSLETTER N 1 GIUGNO 2013 IL CONTESTO CONCETTUALE E METODOLOGICO DEL PROGETTO «COMPETENCES POUR L EUROPE» (CO.P.E) Il progetto CO-P.E. si inserisce nel quadro dell Apprendimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE. D. Lgs. 14 settembre 2011 n 167

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE. D. Lgs. 14 settembre 2011 n 167 PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE di cui all art. 3 del D. Lgs. 14 settembre 2011 n 167 1 TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO e Le associazioni

Dettagli

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori

1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori 1.1. Orientare l istituzione attraverso lo sviluppo di una mission, una vision e dei valori La Mission e la Vision dell Istituto sono state definite chiaramente all interno dello staff di presidenza, condivise

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli