Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il sistema di contabilità nazionale e la comparazione degli aggregati economici nel tempo e nello spazio"

Transcript

1 Bruno Bracalente Il sistema di contabilità nazionale e la comarazione degli aggregati economici nel temo e nello sazio Disense er il corso di Statistica Economica Modulo I Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Perugia

2 Parte I Il sistema di contabilità nazionale 2

3 1. Concetti introduttivi La Contabilità Nazionale (CN) è un sistema di informazioni statistice attraverso il uale viene descritta in termini uantitativi l attività economica di un aese o di una regione o di un altra ualsiasi unità territoriale. Nata durante la seconda guerra mondiale sotto lo stimolo delle teorie keynesiane, la CN è attualmente realizzata in tutti i aesi secondo scemi comuni ce garantiscono la confrontabilità delle grandezze economice misurate, dal rodotto interno lordo, ai consumi, al reddito disonibile, al risarmio, ecc. Per i aesi euroei il sistema attualmente utilizzato è il Sistema Euroeo dei Conti SEC95, introdotto nel 1999, a sua volta derivato dal System of National Accounts definito in sede ONU, la cui ultima versione risale al 1993 (SNA93). In Italia i conti nazionali sono costruiti annualmente dall Istituto Nazionale dei Statistica (ISTAT), ce eraltro valuta le rinciali grandezze economice ance a cadenza trimestrale (conti trimestrali). Inoltre, un insieme iù ristretto di grandezze economice viene valutato, semre dall ISTAT, ance a livello regionale (conti regionali). I dati concernenti la roduzione, il consumo, gli investimenti, i raorti con l estero, le oerazioni finanziarie, ecc. forniti dalla CN sono indisensabili er lo studio dei fenomeni economici, in articolare er l analisi della crescita e dei divari di sviluo tra aesi. Su di essi si fondano le decisioni delle imrese e di altri soggetti economici, così come le decisioni di olitica economica adottate dai governi. In Italia il Governo a eraltro l obbligo di resentare al Parlamento, entro il mese di marzo di ogni anno, la Relazione sulla situazione economica del Paese, ce contiene i conti economici nazionali relativi all anno recedente Oeratori, transazioni, aggregati L attività economica descritta dalla CN è costituita dall insieme delle oerazioni elementari messe in atto dai soggetti ce fanno arte del sistema economico. Vediamo allora, er iniziare, uali sono le categorie di soggetti ce agiscono nel sistema economico e uali rinciali attività o oerazioni economice essi mettono in atto. Le categorie di soggetti o oeratori ce agiscono nel sistema economico, e sono ertanto osservati dalla CN, sono uattro: - imrese - famiglie - ubblice amministrazioni - resto del mondo Le imrese sono i soggetti ce nel sistema economico svolgono la funzione rinciale di rodurre beni e servizi. Si tratta di ogni forma di imresa, dalle grandi società di caitali alle imrese individuali o a carattere familiare (le cui oerazioni economice, come vedremo, non semre è agevole distinguere da uelle della relativa famiglia), ce oerano in ogni camo dell attività economica, dall agricoltura all industria ai servizi. 3

4 Per realizzare la roduzione le imrese imiegano lavoro, caitale e beni e servizi intermedi acuistati da altre imrese. La roduzione realizzata viene oi generalmente ceduta sul mercato: ad altre imrese se si tratta di beni o servizi da imiegare in successivi rocessi roduttivi; ancora alle imrese se si tratta di beni finali di investimento; alle famiglie se si tratta di beni o servizi di uso finale destinati al consumo. Le famiglie, o meglio le ersone fisice ce ne fanno arte, restano il rorio lavoro alle imrese, comrese uelle a carattere famigliare, ricevendone un comenso ce utilizzano rincialmente er acuistare i beni e servizi di uso finale rodotti dalle imrese e necessari a soddisfare i loro bisogni (consumi). La arte di remunerazione (reddito) non utilizzata er acuistare beni di consumo atti a soddisfare i bisogni attuali viene accantonata (risarmiata) er aumentare, attraverso gli investimenti, la caacità di roduzione e uindi di consumo nei eriodi futuri. Le ubblice amministrazioni (PA) roducono servizi non destinabili alla vendita, come l istruzione, i servizi sanitari, l amministrazione della giustizia, la difesa nazionale ecc. ed esercitano la funzione della redistribuzione del reddito e della riccezza tra i soggetti economici tramite trasferimenti (imosizione fiscale, contributi e restazioni sociali). Il resto del mondo comrende tutti gli oeratori ce non aartengono al sistema economico analizzato, ma ce intrattengono raorti con gli oeratori ce ne fanno arte. La sintetica descrizione delle categorie di oeratori ce agiscono nel sistema economico a messo in evidenza come essi, er realizzare la loro funzione nel sistema, comiono oerazioni con altri oeratori, ovvero realizzano attività economice elementari ce si traducono in transazioni economice. Le imrese acuistano da altre imrese beni e servizi intermedi, si rocurano la manodoera, agano i relativi stiendi, agano gli interessi sui restiti ottenuti dalle bance, versano imoste alle PA, da cui talvolta ricevono contributi, ecc. Le famiglie ricevono redditi da lavoro, ma ance redditi da imiego del caitale (interessi, dividendi), o restazioni sociali dalle PA (ensioni, indennità di disoccuazione, ecc.), agano alle PA imoste e contributi, acuistano beni e servizi di consumo e fanno risarmi. Le ubblice amministrazioni relevano imoste e contributi, erogano restazioni sociali alle famiglie e contributi alle imrese, roducono servizi ubblici, realizzano investimenti ubblici. La maggior arte delle transazioni è a carattere bilaterale e si realizza attraverso scambi tra oeratori sul mercato: uelle ce anno ad oggetto acuisti e vendite di beni e servizi, sul mercato dei beni e servizi; uelle ce anno ad oggetto acuisizioni o cessioni di fattori roduttivi (lavoro, beni caitali), sul mercato dei fattori roduttivi. Altre transazioni, rincialmente uelle ce fanno cao alle PA, come il relievo delle imoste o l erogazione di restazioni sociali (ma ance le donazioni tra rivati), non si realizzano come scambio sul mercato, ma avvengono senza controartita e vengono er uesto denominate transazioni unilaterali (o trasferimenti). 4

5 Per giungere ad una raresentazione uantitativa delle transazioni ce avvengono nel sistema economico, ce è l obiettivo della CN, occorre osservare tali transazioni in un eriodo temorale, denominato eriodo contabile, generalmente l anno, oure il trimestre. L insieme di transazioni dello stesso tio in un determinato eriodo contabile, ad esemio l insieme delle oerazioni di acuisto di beni o servizi di consumo in un anno, definisce un flusso aggregato di transazioni, o semlicemente aggregato, ad esemio l aggregato annuo dei consumi. La necessaria aggregazione dei flussi elementari, al fine di definire aggregati economicamente significativi, come i consumi, gli investimenti, ecc., ovviamente riciede ce essi siano esressi in valore e non in unità fisice. Il ce one dei roblemi di valutazione ogni volta ce ad una attività economica rilevante er la CN non corrisonde una oerazione di mercato e uindi un rezzo. In uesti casi ad esemio il consumo da arte degli agricoltori di beni da loro stessi rodotti, i servizi (non destinabili alla vendita) rodotti dalle PA, e molti altri simili è ossibile assegnare un valore solo utilizzando ualce criterio convenzionale, da cui derivano valori imutati. I flussi ce scaturiscono dalle oerazioni comiute dai soggetti economici in un determinato eriodo contabile modificano ance le consistenze atrimoniali dei soggetti stessi. All inizio del eriodo contabile gli oeratori ossiedono attività reali (abitazioni, maccinari, altre forme di caitale fisso, scorte) e attività e assività finanziarie (deositi, azioni, obbligazioni, titoli del debito ubblico, restiti, ecc.). Alla fine del eriodo contabile ueste attività e assività si saranno modificate er effetto delle oerazioni comiute: aumento o diminuzione di deositi; emissione e sottoscrizione di nuove azioni o obbligazioni o titoli del debito ubblico, acuisto di abitazioni, di maccinari o di altri beni di investimento e conseguente aumento del caitale fisso, variazione delle scorte, ecc. La CN descrive rincialmente i flussi ce si sono determinati in un determinato eriodo contabile e ce anno dato luogo a diversi aggregati, e di uesto sorattutto ci occueremo nel seguito. La CN descrive tuttavia attraverso i cosiddetti conti atrimoniali ance gli stock delle attività reali e finanziarie e delle assività finanziarie detenute dagli oeratori alla fine (e all inizio) del eriodo contabile Gli stadi del rocesso economico e il sistema semlificato di CN Le oerazioni messe in atto dai soggetti o oeratori economici si riferiscono a diversi stadi del rocesso economico, ognuno dei uali deve essere convenientemente raresentato in termini uantitativi. I tre stadi fondamentali del rocesso economico descritti dalla CN sono: - la formazione e l imiego delle risorse; - la distribuzione e redistribuzione del reddito; - la formazione del caitale. Gli aggregati ce si determinano in uno stadio del rocesso economico figurano in uno o iù conti o euazioni contabili ce descrivono uello stadio. Ad esemio, il cosiddetto conto della roduzione (uno dei rimi del sistema di CN) è una euazione 5

6 contabile molto semlice ce esrime il valore della roduzione come somma dei costi sostenuti er realizzarla: costo er gli acuisti di beni e servizi intermedi (l aggregato consumi intermedi) e costo er la remunerazione dei fattori roduttivi rimari (lavoro e caitale), ce come vedremo è l aggregato valore aggiunto o rodotto lordo. Quest ultimo è un aggregato molto imortante ottenuto a saldo del conto, come differenza tra altri aggregati: il valore della roduzione, dato dalla somma delle roduzioni di beni e servizi di tutte le imrese del sistema economico, e il valore dei consumi intermedi, dato dalla somma di tutti gli acuisti di beni e servizi intermedi da arte delle medesime imrese. Gli aggregati ottenuti a saldo di ogni conto (rodotto lordo, reddito nazionale, reddito disonibile, risarmio) sono articolarmente imortanti, non solo ercé sono uelli iù significativi ai fini dell analisi economica, ma ance ercé svolgono una funzione di collegamento tra le diverse euazioni contabili. La CN non è infatti costituita da un insieme scollegato di conti. E invece un sistema integrato di euazioni contabili, ognuna delle uali descrive uno stadio del rocesso economico ed è collegata alla successiva rorio attraverso l aggregato ottenuto a saldo, ce viene rireso er essere analizzato sotto un altro rofilo. Ad esemio, il risarmio è ottenuto a saldo dell ultimo conto relativo alla distribuzione secondaria del reddito (è la arte di reddito non consumata) ed è rireso dal successivo conto della formazione del caitale come fonte di finanziamento dell accumulazione, cioè er l acuisto di beni di investimento Il sistema semlificato di CN in economia ciusa Per definire un rimo scema semlificato di CN consideriamo un sistema economico ciuso, senza raorti con il resto del mondo, in cui agiscono due soli blocci di oeratori: uelli ce roducono (le imrese); uelli ce detengono i fattori roduttivi rimari, lavoro e caitale, e ce utilizzano i beni finali rodotti (le famiglie). Si iotizza dunue, come ulteriore semlificazione, ce le famiglie non acuistino solo i beni di consumo finale, ma ance uelli destinati alla formazione del caitale (i beni di investimento), beni caitali ce vengono oi restati alle imrese. In uesta raresentazione semlificata del sistema economico l attenzione è centrata sul mercato dei fattori roduttivi rimari (lavoro e caitale) e, er uanto riguarda i beni, sul solo mercato dei beni finali. Quei beni, cioè, ce non sono iù soggetti a trasformazione e ossono essere utilizzati er soddisfare i bisogni attuali tramite i consumi, o uelli futuri tramite gli investimenti, ce aumentando la caacità roduttiva consentono di aumentare roduzione e consumo in eriodi successivi. Non viene invece considerato il mercato dei beni intermedi, il ce non consente di cogliere la fitta rete di relazioni ce si stabilisce all interno del blocco dei roduttori (scambi di beni e servizi intermedi), ce è visto come un unica grande azienda integrata. I flussi di scambi tra roduttori la CN li descrive attraverso gli scemi di contabilità disaggregata, le cosiddette tavole Inut Outut, ce non verranno erò trattati nel seguito. Il mercato dei fattori roduttivi rimari e uello dei beni finali ossono essere raresentati dal classico scema ce descrive i due circuiti, uno reale e uno monetario, 6

7 ce caratterizzano un sistema economico con due blocci di oeratori, riortato nella figura seguente: Ricavi Mercato beni finali Consumi e investimenti PRODUTTORI UTILIZZATORI FINALI Lavoro e caitale Mercato fattori rimari Redditi Il circuito reale. Gli utilizzatori finali cedono i fattori roduttivi rimari lavoro e caitale ai roduttori, ce li imiegano nel rocesso roduttivo insieme ai beni e servizi intermedi er realizzare la roduzione. La roduzione ce esce dal blocco dei roduttori, cioè la roduzione finale di beni di consumo e di investimento, viene ceduta agli utilizzatori finali. Il circuito monetario. A fronte della cessione dei fattori roduttivi rimari ai roduttori gli utilizzatori finali ricevono salari e stiendi, interessi, dividendi, ecc. (cioè redditi), con i uali acuistano i beni di consumo e di investimento assicurando i relativi ricavi ai roduttori. Dallo scema recedente derivano alcune identità contabili articolarmente imortanti er la CN: - il valore della roduzione finale realizzata dai roduttori coincide con la sesa finale effettuata dagli utilizzatori finali er acuistare i beni di consumo e di investimento ce la comongono (in economia ciusa la roduzione finale non uò avere altro sbocco ce uesto). Dunue: roduzione finale = sesa finale; - il valore della roduzione finale, ce er definizione è dato dalla somma dei costi sostenuti er realizzarla, coincide con le remunerazioni dei fattori roduttivi rimari, oicé gli acuisti di beni e servizi intermedi si traducono in costi er alcune imrese e ricavi er altre e uindi si comensano nell ambito del blocco dei roduttori, considerato come un unica azienda integrata. Dunue: roduzione finale = reddito; 7

8 - il reddito erceito dagli utilizzatori finali viene interamente seso er soddisfare i bisogni attuali e futuri, ovvero er acuistare i beni finali di consumo e di investimento. In realtà, una arte del reddito viene risarmiata, ma il risarmio, come si vedrà tra oco, è contabilmente euivalente agli investimenti. Dunue: sesa finale = reddito. In conclusione, tre fenomeni distinti come la roduzione finale, il reddito e la sesa finale, ce emergono in fasi diverse del rocesso economico, assumono lo stesso valore monetario. Da ui la centralità di tale aggregato, ce er ora ciamiamo semlicemente reddito o rodotto lordo, nei sistemi di CN e nell analisi economica. Dal medesimo scema e dalle relative identità contabili aena riciamate derivano inoltre le tre note euazioni keynesiane ce costituiscono il nucleo essenziale della CN in economia ciusa. Se indiciamo con Y il rodotto finale (uguale al reddito), con C la sesa er consumi finali e con I uella er beni di investimento, ossiamo scrivere una rima euazione ce one in relazione il rodotto finale e la sesa er consumi e investimenti e ce ertanto esrime l euilibrio sul mercato dei beni e servizi tra l offerta globale (di beni finali) e la relativa domanda: Y = C + I Rirendiamo ora l aggregato Y, uesta volta inteso come reddito, e analizziamone le utilizzazioni ce ne ossono fare gli utilizzatori finali. Abbiamo aena detto ce lo destinano tutto all acuisto di beni di consumo e investimento. In realtà ossiamo considerare un assaggio intermedio: gli utilizzatori finali una arte del reddito la consumano e un altra la risarmiano. Se indiciamo con S il risarmio, ossiamo dunue scrivere: C + S = Y Il risarmio, er assicurare un consumo futuro, dovrà erò essere destinato all acuisto di beni di investimento e uindi si avrà: I = S ce è la condizione affincé la sesa finale (C + I) sia uguale al rodotto finale e al reddito. A roosito di uesta identità contabile va ciarito ce essa è necessariamente vera, in economia ciusa, una volta inteso il risarmio come tutto il reddito non seso in beni di consumo e una volta considerato l investimento comrensivo della variazione delle scorte. Ance considerando ce una arte del risarmio delle famiglie non venga utilizzata direttamente, dalle famiglie stesse, er acuistare beni di investimento, l uguaglianza resta vera, oicé a uella arte di reddito non sesa e non investita corrisondono comunue beni finali rodotti (data l uguaglianza tra roduzione finale e reddito), beni finali ce saranno stati necessariamente o acuistati da altre imrese (e uindi fanno arte degli investimenti) o restati invenduti resso le imrese ce li anno rodotti (e uindi fanno arte delle scorte e di conseguenza ancora degli investimenti). 8

9 La rima euazione contabile descrive in modo semlificato lo stadio della formazione e dell imiego delle risorse: la formazione delle risorse in economia ciusa deriva soltanto dalla roduzione (finale), mentre gli imiegi finali sono costituiti da consumi e investimenti. L euazione contabile è una versione semlificata di uello ce nel seguito verrà ciamato conto delle risorse e degli imiegi. La seconda euazione è legata alla rima attraverso l anello di congiunzione costituito dal rodotto finale Y, ora rireso nella accezione di reddito er descriverne l utilizzazione in consumo o risarmio e definisce un conto del reddito (ce in seguito vedremo come l ultimo conto ce descrive lo stadio della distribuzione e ridistribuzione del reddito). Il saldo di uesto secondo conto, il risarmio S, è l anello di congiunzione con il terzo dove viene rireso come fonte di finanziamento degli investimenti: conto della formazione del caitale, ce si riferisce allo stadio della accumulazione L uguaglianza tra roduzione e reddito a artire dai dati aziendali L uguaglianza tra roduzione finale e reddito di un sistema economico senza scambi con l estero, emersa dallo scema dei flussi reali e monetari tra due blocci di oeratori, la ossiamo verificare ance a artire dai dati aziendali, considerando un sistema economico (ciuso) visto come l insieme di tre aziende integrate. Indiciamo con cx i, y i, i, risettivamente i costi er beni e servizi intermedi, il valore aggiunto e la roduzione della generica azienda i. Suoniamo, inoltre, ce la rima azienda imiegi solo fattori rimari e ceda la roduzione alla seconda, ce la utilizza come imiegi intermedi, la uale realizza a sua volta una roduzione ce cede alla terza azienda, ce infine destina la sua roduzione a usi finali. Lo scema seguente illustra la situazione descritta: Aziende Costi di roduzione Consumi Valore Produzione intermedi aggiunto 1 c x1 = 0 y c x2 = 1 y c x3 = 2 y 3 3 In comlesso Cx Y Pt Per aggregazione dei flussi relativi alle singole imrese si ottengono i corrisondenti aggregati della CN relativa al sistema semlificato descritto, ovvero la roduzione totale (Pt), i consumi intermedi (Cx) e il valore aggiunto (Y) sono dati dalla somma delle roduzioni ( i ), dei consumi intermedi (c xi ) e dei valori aggiunti (y i ) delle singole imrese. Nel caso dell esemio si ottiene: Cx = Pt = Y = y 1 + y 2 + y 3 9

10 La roduzione finale in uesto scema corrisonde a 3, è cioè la roduzione della terza e ultima imresa, l unica ce cede la roduzione ad usi finali. E si vede immediatamente ce la roduzione finale è uguale al valore aggiunto. Infatti il valore aggiunto Y è ance la differenza tra la roduzione totale e i consumi intermedi, ovvero Y = Pt Cx, da cui: Y = ( ) - ( ) = 3 In conclusione, la somma dei valori aggiunti aziendali Y, ce è la somma delle remunerazioni dei fattori roduttivi rimari e uindi il reddito, è uguale alla roduzione finale. Nella tabella seguente l uguaglianza tra roduzione finale e reddito viene mostrata con un esemio 1. Tabella 1.1. Produzione finale e reddito in un sistema di tre aziende integrate Costi di roduzione Brance Beni Fattori Valore intermedi rimari roduzione Agricoltura Industria Servizi Totale Dai dati aziendali ai conti della CN Oltre alla uguaglianza tra roduzione finale e reddito, dalla aggregazione dei flussi comresi nello scema recedente deriva immediatamente, sommando er colonna, un altro conto non comreso nel sistema semlificato recedente. E il conto della roduzione del aese, ce esrime il valore della roduzione (Pt) come somma dei costi sostenuti er realizzarla, ovvero il costo er i beni e servizi intermedi imiegati nella roduzione (Cx) e uello er la remunerazione dei fattori roduttivi rimari (Y): Cx + Y = Pt Peraltro, oicé il valore aggiunto (reddito) Y è uguale alla roduzione finale e uesta in economia ciusa non è altro ce la somma dei consumi finali (C) e degli investimenti (I), suonendo noti C ed I, si uò scrivere ance un altra euazione contabile: Pt = Cx + C + I 1 Lo scema è rireso da V. Siesto, La contabilità nazionale italiana, Il Mulino, Bologna

11 Tale euazione, denominata conto di euilibrio dei beni e servizi, esrime l euilibrio tra l offerta globale, ce in economia ciusa è costituita soltanto dalla roduzione totale, e la domanda globale, ce è costituita dalla domanda er beni e servizi intermedi e da uella er beni e servizi finali. E facile verificare ce la rima delle tre euazioni keynesiane del sistema semlificato di CN, ovvero il conto delle risorse e degli imiegi, si ottiene ance er consolidamento delle due recedenti, sostituendo la rima nella seconda ed eliminando i consumi intermedi ce figurano sia al rimo ce al secondo membro dell euazione: Cx + Y = Cx + C + I Y = C + I Come già detto, uest ultimo conto mostra l euilibrio tra le risorse disonibili er usi finali (in economia ciusa, solo uelle rodotte) e i relativi imiegi finali (in economia ciusa, solo er consumi e investimenti). Come si vedrà iù avanti, le tre recedenti euazioni contabili costituiscono i rimi conti del SEC, uelli ce descrivono la fase della formazione e dell imiego delle risorse Il sistema semlificato di CN in economia aerta Rimuoviamo ora la rinciale semlificazione, ovvero l iotesi di economia ciusa, e consideriamo ce nel sistema economico avvengono ance oerazioni con il resto del mondo: scambi di beni e servizi, ce si traducono in imortazioni ed esortazioni; oerazioni relative all imiego di fattori roduttivi (lavoro e caitale) da cui derivano redditi; oerazioni unilaterali (aiuti internazionali, rimesse degli emigrati) da cui derivano trasferimenti. Oltre agli aggregati recedenti, indiciamo con: M = imortazioni; E = esortazioni; R = redditi e trasferimenti netti dall estero (ricevuti meno versati) B = accreditamento verso l estero. Il sistema contabile costituito dalle recedenti tre euazioni keynesiane uò essere facilmente adattato al caso di economia aerta. Le tre euazioni diventano risettivamente: Risorse e imiegi: M + Y = C + I + E Distribuzione e utilizzazione del reddito: C + S = Y + R Formazione del caitale: I + B = S 11

12 In economia aerta alle tre euazione recedenti se ne aggiunge inoltre una uarta, ce riassume le transazioni con oeratori non residenti: Conto del resto del mondo: E + R = M + B Nel rimo conto, tra le risorse disonibili er l imiego finale non figura iù soltanto la roduzione, ma ance l imortazione di beni e servizi, mentre dal lato degli imiegi figurano non solo i consumi e gli investimenti, ma ance le esortazioni. Nel secondo conto il reddito (Y) inteso come controartita della roduzione finale realizzata nel aese non raresenta l unica comonente di reddito disonibile er il consumo o er il risarmio. A Y va sommato (algebricamente) R, ovvero vanno aggiunti tutti i redditi derivanti dall imiego di fattori roduttivi fuori del aese (dividendi di azioni di società estere, redditi da lavoro guadagnati occasionalmente all estero e così via) e sottratti uelli in direzione oosta (redditi netti dall estero); così come vanno sommati i trasferimenti netti dall estero, ovvero i flussi unilaterali non diendenti dall imiego di fattori roduttivi (ad esemio le rimesse degli emigrati). La somma di Y ed R dà luogo ad un nuovo aggregato, il reddito disonibile, ce si determina a conclusione di diverse fasi della distribuzione del reddito (ce come vedremo iù avanti sono descritte da diversi conti) e ce è l aggregato ce viene effettivamente suddiviso tra consumo e risarmio. Nel terzo conto l identità contabile tra risarmio ed investimento viene meno oicé in economia aerta si uò investire iù di uanto si è risarmiato, ricorrendo all indebitamento con l estero (in tal caso B sarà negativo), oure il risarmio uò eccedere gli investimenti, nel ual caso si a di conseguenza un accreditamento verso l estero (B ositivo). La uarta euazione contabile, infine, rirende l aggregato ottenuto a saldo dalla recedente (B) e lo esrime in relazione a tutti gli aggregati relativi a oerazioni con il resto del mondo e uindi mostra come all accreditamento o all indebitamento verso l estero anno contribuito le varie comonenti delle transazioni internazionali: il saldo tra esortazioni ed imortazione e uello dei redditi e trasferimenti con l estero. Nella Tabella 1.2. viene resentato lo scema semlificato di CN relativo all Italia nel Come si vede, i raorti con l estero anno tutti un saldo negativo, ce si traduce tra l altro in un reddito disonibile er i consumi e il risarmio minore di uello rodotto e in un indebitamento del aese nei confronti del resto del mondo. 12

13 Tabella 1.2. Sistema semlificato di contabilità nazionale. Italia 2005 (milioni di euro) Conto risorse e imiegi M - Imortazioni C Consumi finali Y - Prodotto lordo I - Investimenti E - Esortazioni totale totale Conto del reddito C Consumi finali Y - Reddito S - Risarmio R - Redditi e trasf. dall'estero Totale Reddito disonibile Conto formazione del caitale I - Investimenti S - Risarmio B - Accreditamento/indebit.* Totale Totale Conto resto del mondo E - Esortazioni M - Imortazioni R - Redditi e trasf. dall'estero B - Accreditamento/indebit.* Totale Totale (*) Dato arossimato, oicé il conto della formazione del caitale è in forma semlificata. ESERCIZIO 1 Dati i seguenti aggregati relativi all economia italiana nel 2006 (milioni di euro): Consumi finali Investimenti Imortazioni Esortazioni Redditi e trasferimenti dall estero Costruire i uattro conti del sistema semlificato di contabilità nazionale in economia aerta. 13

14 Soluzione: Per costruire il rimo di tali conti manca il rodotto lordo, ce uò erò essere ricavato a saldo dal conto delle risorse e degli imiegi: Y = C + I + E M = = Sostituito Y nella seconda euazione ossiamo calcolare a saldo il risarmio: S = Y + R C = = Sostituito a sua volta nella terza euazione calcoliamo a saldo l accreditamento o indebitamento (va ricordato erò ce l effettivo conto della formazione del caitale comrende altri aggregati minori ce vedremo in seguito e ce ui vengono trascurati): B = S I = = I uattro conti sono ertanto: Conto risorse e imiegi: M + Y = C + I + E = Conto del reddito: C + S = Y + R = Conto formazione del caitale: I + B = S = Conto del resto del mondo: E + R = M + B = Le basi del sistema euroeo di contabilità nazionale SEC95 I sistemi di contabilità nazionale effettivamente costruiti, sia in Euroa ce negli altri aesi del mondo, sono molto iù articolati di uello semlificato sora descritto. Come già detto, er i aesi euroei il sistema utilizzato a artire dal 1999 è il Sistema Euroeo dei Conti SEC95, a sua volta derivato dallo SNA93 definito in sede ONU. Sia lo SNA, a livello mondiale, ce il SEC, er i aesi euroei, fissano una serie di norme e definizioni atte a garantire la confrontabilità a livello internazionale degli aggregati di CN. Tali norme concordate a livello internazionale e nel caso del SEC95 fissate in un Regolamento del Consiglio dell Unione euroea si riferiscono, oltre ce alla definizione e ai criteri di valutazione degli aggregati (ce verranno illustrati di volta in volta), ance ad asetti di carattere generale come la delimitazione dell economia nazionale, la classificazione degli oeratori e delle unità roduttive, la classificazione delle oerazioni e degli aggregati, ce vengono brevemente accennati nel seguito La delimitazione dell economia nazionale Le oerazioni rilevanti er la CN di un aese sono uelle comiute da soggetti economici aartenenti al sistema economico di uel aese, intendendo er aartenenti al sistema gli oeratori ce anno nel territorio economico del aese un centro di interesse economico, e ce vengono er uesto definiti come residenti. Alla 14

15 residenza economica non corrisonde dunue necessariamente la residenza anagrafica o giuridica. Il territorio economico è er lo iù costituito dal territorio geografico, ma comrende ance altre orzioni di territorio, come ad esemio le acue territoriali, i giacimenti situati in acue internazionali sfruttati da oeratori residenti, le zone france, ecc. Si a invece centro di interesse economico in un aese uando in esso l oeratore svolge una attività economica significativa a temo indeterminato o comunue er un eriodo sufficientemente lungo (almeno un anno). Non sono dunue considerati residenti, ad esemio, i lavoratori occuati in altri aesi ce svolgono nel aese considerato lavori er un breve eriodo dell anno. Sono al contrario considerati residenti dal unto di vista economico i lavoratori stranieri ce vi oerano er un lungo eriodo (sueriore all anno), ance senza ce vi abbiano stabilito la residenza anagrafica, e erfino se rivi di ermesso di soggiorno nel aese. A maggior ragione è considerata residente una filiale di una imresa estera, limitatamente agli stabilimenti insediati nel aese La classificazione degli oeratori economici in settori istituzionali Gli oeratori economici sono centri elementari di decisione economica, caratterizzati da autonomia di decisione in camo economico e finanziario e in genere dal ossesso (almeno otenziale) di una contabilità comleta. I soggetti economici ce ossiedono ueste caratteristice ersone fisice, imrese individuali, società, bance, assicurazioni, amministrazioni ubblice, associazioni, ecc. sono dal SEC definiti unità istituzionali e classificati in settori istituzionali, sulla base dell uniformità di comortamento nell esercizio della loro funzione rinciale. Nello scema semlificato visto in recedenza gli oeratori erano classificati in due soli blocci: i roduttori (le imrese) e gli utilizzatori finali (le famiglie). Il SEC invece articola la classificazione degli oeratori residenti in iù settori. Intanto ercé ovviamente considera ance le ubblice amministrazioni, ce nello scema semlificato venivano trascurate; oi ercé lo stesso blocco delle imrese viene articolato in iù settori; infine ercé considera ance le istituzioni senza scoo di lucro, come le associazioni, fondazioni ecc. I settori identificati dal SEC sono ertanto i seguenti cinue: Società e uasi-società non finanziarie: comrende le imrese ce roducono beni agricoli e industriali e servizi non finanziari organizzate in forma societaria (società di caitali, cooerative, di ersone); ma comrende ance le imrese ce non osseggono una ersonalità giuridica autonoma (imrese individuali, società semlici) e ce tuttavia anno un comortamento economico distinto da uello dei rorietari e ertanto sono assimilate alle società (e definite uasi-società). Nella ratica si considerano uasi-società tutte le imrese rive di ersonalità giuridica ce anno almeno cinue diendenti. Società e uasi-società finanziarie: comrende le società e uasi-società la cui funzione rinciale consiste nel fornire servizi di intermediazione finanziaria e di assicurazione (bance, ausiliari finanziari, assicurazioni, fondi ensione, fondi comuni di investimento, ecc.) 15

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale er le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Studio comarativo tra fabbisogni energetici netti, lato edificio, sia er la climatizzazione

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Raorto sull Imatto della Sanità d Iniziativa Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Novembre 2013 Indice 1 Storia e sviluo del rogetto sanità d iniziativa in Regione Toscana

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.-

Uso delle costanti di tempo nella tecnica fonometrica.- Aunti di acustica ratica N 10.- 0140114 Uso delle costanti di temo nella tecnica fonometrica.- B.Abrami bruno.abrami@tin.it 1.- Premessa generale.- Nell estate del 010, avendo litigato con la fidanzata,

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

MANUALE APPLICATIVO. Allegato

MANUALE APPLICATIVO. Allegato Allegato MANUALE APPLICATIVO Disposizioni in materia di raccolta di informazioni statistiche per la bilancia dei pagamenti e la posizione patrimoniale verso l estero 1 INDICE PREMESSA...7 PARTE PRIMA

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Le quote di emissione di gas ad effetto serra

Le quote di emissione di gas ad effetto serra OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Le quote di emissione di gas ad effetto serra Febbraio 2013 Copyright OIC Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC)

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R

Ottica. 1 p + 1 q = 2 R - - I amosi specchi ustori usati da rchimede per bruciare le navi nemiche erano specchi serici. Sapendo che la distanza delle alture, dove erano posti gli specchi, dal mare era di 00 m, dite uale doveva

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli