La formazione aziendale come vettore di innovazione e di empowerment

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La formazione aziendale come vettore di innovazione e di empowerment"

Transcript

1 Dipartimento di Scienze della Formazione Laurea Triennale in Formazione e Sviluppo delle Risorse Umane Corso di Politica Economica e Gestione delle Risorse Umane Prof. Aldo Gandiglio La formazione aziendale come vettore di innovazione e di empowerment A cura di: Nicoletta Torbidoni Anno Accademico 2014 /2015

2 INDICE CAPITOLO PRIMO pag La Formazione aziendale e l empowerment: analisi dell argomento pag L importanza della formazione e dell innovazione nel nuovo contesto sociale pag Cos è la formazione continua pag L empowerment e la sua importanza pag. 5 CAPITOLO SECONDO pag Strumenti e risorse necessari per la formazione continua nelle imprese pag La Formazione in azienda pag Risorse necessarie pag Possibili Criticità pag. 10 CAPITOLO TERZO pag Politiche del lavoro e fondi di finanziamento pag La Legge n. 236/93 pag Legge n. 53/00 art. 6 pag La Strategia Europa 2020 pag Fonti di finanziamento: I Fondi interprofessionali pag. 15 CONCLUSIONI pag. 18 BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA pag. 19 1

3 CAPITOLO PRIMO 1. La Formazione aziendale e l empowerment: analisi dell argomento 1.1 L importanza della formazione e dell innovazione nel nuovo contesto sociale All inizio del nuovo millennio lavoro ed economia cambiano in modo continuo e repentino rispetto all epoca della rivoluzione industriale. L attuale periodo storico fa intravedere nuovi scenari in cui la flessibilità del lavoro e la sempre maggiore complessità dell economia sono i primi e più evidenti segnali. La società diventa flessibile, il lavoro non può più essere definito in base a qualificazioni precise. A partire dagli anni Sessanta del Novecento, si passa da una società Industriale ad una Post-Industriale i cui fenomeni di trasformazione sono stati identificati da CROZIER (1989) nei seguenti processi: - progressiva scomposizione e ricomposizione dell industria ed espansione del settore dei servizi; - le innovazioni tecnologiche, sociale e culturali si sviluppano e diffondono con una grande rapidità ed assumono un ruolo decisivo delle crescita economica; - differenziazione e complessificazione del tessuto sociale ed economico; - produzione che si decentra e punta su unità di medio-piccole dimensioni che siano più flessibili; - crescente importanza attribuita al coordinamento tra le aziende attraverso la creazione di una rete di relazioni multiple di organizzazioni per non rimanere in mercati chiusi. La lotta ha ora l obiettivo di assicurarsi la capacità di innovazione e di rinnovamento in una realtà sociale caratterizzata da continue trasformazioni sollecitate dalla globalizzazione e dallo sviluppo tecnologico. Un percorso formativo che accompagni le persone oltre il tempo della istruzione formale svolge una funzione sempre più rilevante per le organizzazioni nella nuova logica della società conoscitiva basata sulla centralità del sapere. La creatività e l innovazione devono essere coltivate con la formazione, nelle sue diverse accezioni formali ed informali, supportate da una cultura aziendale che sostiene e ricompensa la produzione di idee nuove e di soluzioni innovative, che attribuisce il valore al merito, all intraprendenza, che è interessata a promuovere una cultura dell apprendimento permanente mettendo al centro il capitale umano, la conoscenza e le competenze ( intagible asset ). 2

4 C è bisogno dell inventore e c è bisogno dell organizzazione; così come c è bisogno di un ambiente fertile in cui possano svilupparsi in continuazione 1 così da poter sviluppare continuamente capacità di raggiungere le mete effettive. Fattori questi che sono alla base del vantaggio competitivo delle imprese italiane essendo difficilmente imitabili dai concorrenti. La formazione assume così la rilevanza di materia prima, incentrata sui problemi e collegata al contesto in cui si sviluppa coinvolgendo tutti i membri dell organizzazione. Formare significa far apprendere concetti, metodologie, strumenti e abilità nel fare, stimolare cambiamenti nella struttura dell'esperienza per ottenere dalle persone comportamenti in sintonia con i propri valori e con il sistema di cui fanno parte, quali quello aziendale, sociale, o di qualsiasi organizzazione di cui fanno parte. Le politiche formative dovranno essere mirate a ridurre il numero di individui inattivi (giovani e anziani) valorizzando l importanza del sapere e della formazione per l accesso al mondo del lavoro e nella società attraverso un approccio che miri a potenziare le capacità dei lavoratori, per lo più poco qualificati. Ogni organizzazione, in questo contesto della società della conoscenza, è sfidata dal compito della riorganizzazione permanete, con quello che ciò comporta. In particolare, elaborazione e attuazione di pratiche innovative della gestione del lavoro, di investimento in formazione, di promozione di processi di motivazione e coinvolgimento dei lavoratori fondati sul decentramento di responsabilità e di autonomia decisionale per giungere alla logica della persona competente. Nella nuova era emerge il valore creato dall innovazione, legato alla capacità di tradurre le conoscenze in azione, e la priorità delle organizzazioni di investire in risorse umane, nel capitale intellettuale e in ricerca e know-how innovativi ovvero asset intangibili dato che l originalità e l innovazione dei prodotti ha durata breve, la tecnologia è superata dalla nuova, la qualità e professionalità delle risorse umane rimane qualcosa di inimitabile. 1 [A.Alberici, Imparare sempre nella società della conoscenze, Paravia Bruno Mondadori, Milano 2002, cit p.162]. 3

5 Per produrre risultati economici positivi, l innovazione in azienda deve essere gestita anche e soprattutto attuando un contesto nel quale si manifesti dal basso e sia legittimata dal contributo del maggior numero di persone e funzioni poiché è un processo che coinvolge all interno dell organizzazione stessa tutte le sue dimensioni (produttive, tecnologiche, strutturali e culturali). Si tratta di mettere in atto azioni formative finalizzate a rendere il lavoratore autore di un fattivo contributo in direzione dell ideazione di nuove forme organizzative, della riprogettazione dell organizzazione in senso alternativo, della generazione di un nuovo modo di pensare e di trovare soluzioni organizzative grazie all acquisizione di nuove competenze ( skills ) e professionalità. 1.2 Cos è la formazione continua Alla luce delle considerazioni fatte risulta chiaro perché nel corso degli anni novanta la formazione continua si sia imposta come priorità delle politiche formative. Per molti anni la formazione professionale è stata considerata come un canale parallelo e alternativo alla formazione scolastica attraverso cui inserire in breve tempo nel mercato i giovani meno abbienti o datati. L adozione della nuova prospettiva del Lifelong Learning, detta anche Formazione lungo tutto il corso della vita, valorizza la formazione come dispositivo di protezione contro la disoccupazione e la precarietà lavorativa, come leva per lo sviluppo della carriera professionale, come strumento per accrescere l empowerment individuale in chiave di partecipazione attiva all economia e alla società. Con l Accordo per il lavoro del 1996 la formazione diventa fattore di incentivazione delle politiche dell impiego e cambia il pubblico di riferimento che non sarà più rivolto solo a giovani o giovani adulti in attesa di entrare nel mondo del lavoro ma come strumento flessibile di anticipazione dei fabbisogni di competenze, di riqualificazione e di aggiornamento professionale di lavoratori, imprenditori ecc.. Tutto ciò rivoluziona le prospettive e la cultura stessa del rapporto formazionelavoro. La formazione, quindi, non si dovrà più limitare ad un momento precedente all ingresso nel mondo del lavoro e che si interrompe con lo scadere degli obblighi formativi ma si diffonde l idea della Learning Society ovvero una società che stimola e consente ai suoi membri di sviluppare le conoscenze le capacità e le attitudini ancorando la formazione al contesto e alla società entrandone a fare parte. 4

6 È fondamentale nella nostra società, caratterizzata come precedentemente detto da cambiamenti repentini e costanti, puntare sull apprendimento continuo e sulla trasferibilità delle competenze apprese in ambito lavorativo. È sotto gli occhi di tutti la crescente rilevanza degli interventi di formazione in una gamma sempre più ampia di attività (dalle Pubbliche Amministrazioni nazionali alle azioni specifiche realizzate in contesti d azione locali). Questo fenomeno può essere evidenziato riferendosi agli investimenti finanziari che vengono destinati ad esso. Tre sono i principali ambienti in cui si indirizzano gli interessi della formazione. Il primo è legato alle politiche del lavoro ed ha come referente la formazione professionale governata dalle istituzioni pubbliche presidiata tecnicamente dall ISFOL che fornisce contributi e stimoli allo sviluppo dell azione formativa. Quest ambito tende ad essere legato al tema dello sviluppo occupazionale e al tema delle qualificazioni e delle competenze. Il secondo è legato alla formazione nelle amministrazioni pubbliche che dagli anni Novanta conosce uno sviluppo e diventa un punto di riferimento per l elaborazione e lo sviluppo di prospettive di intervento inedite. Il terzo infine è quello legato all implementation delle politiche di sviluppo elaborate dall Unione Europea che ha come punti di riferimento sia i contesti dell azione formativa professionale sia quelli delle piccole e medie imprese e dei servizi. Ad esempio di ciò con l obiettivo 4, inserito nel 1993 nel regolamento dei Fondi Sociali Europei, rivolge l attenzione al mondo delle imprese con lo scopo di sostenere la capacità di adattamento agendo sulle competenze dei lavoratori occupati attraverso lo strumento della formazione. La priorità viene indirizzata alle PMI e ai lavoratori minacciati da espulsione dal mondo del lavoro. È quindi una strategia preventiva per evitare l esclusione di quei lavoratori dal ciclo produttivo. 1.3 L empowerment e la sua importanza Con il termine empowerment (letteralmente dare potere, permettere di) si intende una tecnologia d avanguardia che consiste nell accrescimento del coinvolgimento dei membri di un team, del loro senso di titolarità del proprio lavoro, il senso di responsabilità e l interesse orientato al buon andamento dell azienda passando anche attraverso l orgoglio professionale dei lavoratori. 5

7 Con questo sistema di gestione si dà la possibilità all individuo di partire da una situazione di svantaggio e, attraverso un processo, fino ad arrivare a riuscire a controllare la propria vita rafforzando le proprie capacità e possibilità di scelta ed intervento. Come detto precedentemente in una società dove ci sono continui cambiamenti economici, sociali e culturali per essere competitivi è necessario che i collaboratori si sentano padroni delle loro mansioni e di avere un ruolo importante all interno dell organizzazione. Attraverso l empowerment è possibile sfruttare, liberando l immenso patrimonio di conoscenze, capacità, esperienze e motivazione già presente nei lavoratori all interno dell azienda responsabilizzando il personale e coinvolgendolo nei risultati. Per incentivare la motivazione, motore trainante in un contesto lavorativo, risulta rilevante la capacità di chi ha la responsabilità di gestirlo, di costruire sistemi produttivi nei quali operi personale che possa sentirsi coinvolto, autonomo, responsabile, ma anche e soprattutto soddisfatto del proprio lavoro. Il vecchio modello organizzativo aziendale prevedeva un ordine di tipo gerarchico in cui gli ordini venivano dati a cascata e in cui si fuggiva dalle responsabilità ed era prevalente la frustrazione e l alienazione dei lavoratori dal lavoro e dal prodotto finale della produzione. Al contrario, Il nuovo modello proposto basato sull empowerment mira ad aumentare l autostima, la responsabilizzazione diffusa e la collaborazione reciproca. Riuscendo ad incentivare una organizzazione basata su questi valori si giungerà ad avere un individuo che non sia spaventato dai cambiamenti ma che anzi è disposto ad affrontarli sapendo di avere le competenze necessarie, che sa apprendere dai propri errori e che è in grado di condividere le proprie informazioni con il resto della comunità organizzativa. Figura centrale di questo cambiamento è il leader, il quale deve essere in grado di interpretare i bisogni dei singoli e dell organizzazione (formativi, relazionali ed esistenziali), deve condividere le informazioni e le decisioni; deve essere in grado di stimolare autonomia e senso di responsabilità. Puntando allora sull empowerment dell individuo si punta alla stessa anche empowerment nell organizzazione guadagnandone sul piano economico e della competitività, aumentando la possibilità di scegliere e di decidere. 6

8 Il lavoratore empowered dovrebbe conoscere se stesso, le proprie possibilità e limiti, avere una buona autostima, saper padroneggiare la propria disciplina, saper prendere decisioni efficaci, saper risolvere i problemi. CAPITOLO SECONDO 2. Strumenti e risorse necessari per la formazione continua nelle imprese 2.1 La Formazione in azienda Per consentire la realizzazione di un azienda, nella quale venga data importanza alla motivazione delle risorse verso un obiettivo comune e condiviso, in cui ogni singolo individuo si senta valorizzato e in cui si investa nella conoscenza, innovazione e qualità di bene e servizi, è necessario attivare la formazione aziendale. Come elencato prima, il valore di un azienda dipende dai suoi assets tangibili (proprietà, impianti, risorse finanziarie, ecc.), dal suo valore contabile ma anche in misura non indifferente, dalle risorse intangibili che creano conoscenza e, di conseguenza innovazione e qualità dei beni e servizi prodotti. La formazione del personale aumenta il valore dell impresa, migliora l immagine aziendale, aumenta la motivazione del personale. La visione aziendale della formazione appare uniforme in modo trasversale alle aree di business perché esprime la necessità da tutti condivisa di seguire i processi di crescita individuali ed aziendali. Le strategie di formazione basata sull'empowerment sono finalizzate a sviluppare quell intelligenza emotiva ed interpersonale che ha l'obiettivo di rimotivare il personale, di renderlo coeso e coinvolto, fiducioso e capace di vivere i conflitti non come minacce ma come occasioni di crescita umana e professionale. Un impresa efficace è cosciente che una grande parte del valore e della redditività viene dalle persone che ne fanno parte, dalle loro competenze, dalle loro esperienze e dalla loro motivazione e per questo è fondamentale investire nella formazione aziendale. 7

9 In questo senso, si tratta di dare concretezza ad una organizzazione educativa finalizzata a generare una differente cultura d impresa grazie alla quale progettare e attuare scenari, ad azioni che mirino ad avere persone formate e preparate. Nonostante apparentemente non fornisca qualcosa di tangibile, la formazione aziendale ha la capacità di lavorare sulle persone in maniera tale da renderle autonome, fiduciose nei propri mezzi, proattive e padroni del proprio cammino professionale. Questo tipo di formazione deve valutare l effetto a lungo termine poiché è un investimento nel futuro a favore del personale attraverso un innalzamento del loro livello professionale avendo così la possibilità di attuare un processo di cambiamento in modo tale da adeguarsi alle trasformazioni delle realtà aziendali così da non rimanere isolati ed inadeguati rispetto ai tempi moderni. Per ogni azienda è fondamentale attuare un percorso formativo progettato ad hoc sulla base delle esigenze espresse dal singolo committente, provvedendo a colmare le esigenze di aggiornamento ed innovazione delle conoscenze e competenze. È indubbio che l intervento formativo, che deve essere strutturato e pianificato, abbia un valore distintivo maggiore perché scaturisce, a differenza di un processo accidentale e spontaneo, dalla stabilità e dall individuazione di precisi obiettivi, a cui deve tendere l agire umano. Il processo della formazione si articola in quattro fasi: a. analisi dei bisogni formativi: in questa prima fase vengono reperiti tutti i dati e le informazioni relativi alle aspettative degli individui, le necessità espresse dai profili espressi dai ruoli professionali e le indicazioni che partono dalle esigenze dell organizzazione. Secondo quanto riportato nel XV Rapporto dell Isfol sulla formazione continua risulta che le aziende siano molto disponibili ad essere coinvolte in questa fase di analisi dei propri fabbisogni professionali e nella strutturazione dell offerta formativa tanto da riuscire a raggiungere una co-progettazione e una programmazione flessibile delle azioni formative anche attraverso i Fondi Interprofessionali; b. progettazione e programmazione degli interventi di formazione: questo è il momento in cui si individuano le finalità generali del percorso di formazione e si definiscono gli obiettivi formativi e la metodologia didattica da adottare. 8

10 In seguito gli obiettivi formativi vengono divisi nelle quattro aree ( sapere, saper fare, saper essere ed essere consapevole) per poter definire i contenuti veri e propri da trattare e i programmi didattici da seguire; c. attuazione dell attività didattica: è il cuore del processo, si attua operativamente il processo di apprendimento attraverso metodi didattici rappresentati dalla formazione in presenza (in aule attrezzate) e a distanza ( elearning ) o da formazioni di tipo misto ( blended ) ecc.; d. monitoraggio, verifica e valutazione dei risultati: è articolato in tre diversi momenti ma devono essere costantemente presenti poiché bisogna monitorare i risultati dell insieme del processo formativo. Il formatore deve essere pronto in qualsiasi momento ad adattarsi e a saper far fronte ad eventuali modifiche e cambiamenti da dover apportare al progetto e all attività formativa. La valutazione vera e propria avviene sia alla fine del processo sia rispetto alle concrete performance lavorative del soggetto formato ( ex post ) anche con qualche tempo di distanza (verifica definita follow up ). 2.2 Risorse necessarie La programmazione dell attività didattica è una fase fondamentale dell azione formativa poiché in essa vengono prese le decisioni su ogni singolo aspetto che concerne la realizzazione del processo formativo. Per una buona riuscita del progetto è necessario fare una programmazione di dettaglio delle risorse impegnate per l apprendimento. In particolare, si identificano in: a. risorse finanziarie in cui si vanno a quantificare l insieme dei costi da sostenere, ovvero la definizione del budget necessario che, generalmente, possono comprendere i costi diretti ovvero quelli per i docenti e consulenti, sia per l attività di progettazione, sia per quella di docenza e di valutazione (compenso orario/giornaliero e costi per la trasferta), quelle per i tutor e lo staff, infrastrutture, noleggio delle attrezzature necessarie (se non sono di proprietà dell organizzazione), servizi esterni; il costo del lavoro che fa riferimento alle ore impiegate dai dipendenti in formazione; il saldo dei contributi e i finanziamenti ricevuti; b. risorse umane le quali comprendono i nuovi esperti della Formazione come dirigenti sensibili verso la formazione, analisti dei bisogni formativi, progettisti della formazione in presenza e a distanza, educatori. 9

11 La scelta del corpo docente, dei testimoni (portatori di un esperienza operativa significativa), dei tutor tra discenti e docenti, facilitatori dei processi di apprendimento che garantiscano il mantenimento di un buon clima relazionale e dello staff che si occupi dell assistenza tecnica, logistica e amministrativa; c. risorse logistiche e i supporti didattici in cui si determinano le scelte in merito della sede, gli spazi, le attrezzature e le tecnologie necessarie come ad esempio lavagne luminose, fisse o a foglio mobili, personal computer e videoproiettore, le aule e le salette per eventuali lavori di gruppo (con tavoli, sedie ecc.). 2.3 Possibili criticità Quando si parla di formazione e di progettazione di percorsi formativi bisogna analizzare le problematiche che le aziende, ma soprattutto le PMI (che rappresentano circa il 99% delle imprese dell UE), riscontrano nella realizzazione. Una tendenza comune a tutta l UE vede ridursi la percentuale di aziende che fanno formazione con il diminuire del numero di addetti. Le criticità a livello pratico che sono state individuate riguardano: a. possibilità e strumenti per individuare un programma formativo adeguato alle specifiche esigenze dell impresa. Da varie analisi è emerso che sono molto poche le aziende che pianificano in modo regolare gli interventi di formazione continua analizzando i fabbisogni di competenze e programmando i relativi investimenti. Probabilmente alcune cause di questo fenomeno riguardano la poca convinzione, da parte di dirigenti, imprenditori e dagli stessi dipendenti, ad investire capitali per una buona e soddisfacente formazione. Tale atteggiamento è motivato da molte ragioni soprattutto culturali ma anche legate alla scarsa disponibilità di informazioni e risorse messe a disposizione delle imprese. Questo è anche dovuto alla scarsità dei servizi efficienti per l analisi dei fabbisogni formativi poiché le esigenze sono legate alle caratteristiche dei prodotti e/o servizi; b. le difficoltà nel reperimento di finanziamenti e accesso ai fondi pubblici per i corsi di formazione che molte volte risultano avere dei costi troppo elevati per le imprese. La carenza di mezzi finanziari è spesso una delle difficoltà più serie relative alla formazione poiché le aziende puntano su una formazione che dia la possibilità di misurare e valutare i benefici con un riscontro immediato. 10

12 Inoltre molto spesso si ritiene che non sia conveniente investire in un offerta formativa giudicata troppo burocratizzata (quella pubblica) o troppo standardizzata e costosa (quella privata); c. il problema del costo di partecipazione che riguarda l organizzazione della formazione di ogni singolo individuo tenendo presente la difficoltà di distogliere dal lavoro le risorse che avranno la necessità di assentarsi dal posto di lavoro (spesso in aziende con pochi dipendenti e la cui presenza è quindi essenziale e necessaria ogni giorno). CAPITOLO TERZO 3. Politiche del lavoro e fondi di finanziamento La legge n. 236/93 In seguito alla crescita dei livelli di competizione in diversi settori industriali in Italia si sono diffuse politiche del lavoro a sostegno della formazione continua. La necessità di integrare risorse destinate alla formazione continua di lavoratori e imprese si fa sempre più insistente in un momento di perdurante crisi economica come quella che il nostro paese sta attraversando da diversi anni. Con la promulgazione della L. n. 236/93 si diffonde il principale strumento nazionale di sostegno alla formazione. L art. 9, comma 3 definisce il finanziamento da parte del Ministero del Lavoro di contributi per interventi di formazione continua, di aggiornamento o riqualificazione, per operatori della formazione professionale, quale che sia il loro inquadramento professionale, dipendenti degli enti in accordo con le parti sociali. Lo scopo è quello di favorire i processi di riqualificazione e aggiornamento del personale e di diffondere la prassi della formazione continua, in particolare nelle piccole e medie imprese. I progetti di formazione secondo la normativa del 2007, che possono essere aziendali, pluriaziendali, territoriali o settoriali, sono rivolti ai lavoratori coinvolti in processi di mobilità, collocati in cassa integrazione straordinaria, lavoratori con contratti atipici, lavoratori dipendenti del settore privato dipendenti delle aziende assoggettate al contributo contro la disoccupazione involontaria (ex L. 160/75) e possono essere strutturati in più azioni formative. 11

13 Per il 2013 il Ministero del Lavoro non ha previsto il finanziamento della L.236/93 a causa del perdurare della crisi economica, ha invece usato il finanziamento per sostenere il reddito dei lavoratori disoccupati o a rischio di esclusione dal mercato del lavoro. Il richiamo legislativo di intervento integrato su situazioni di emergenza (ad esempio cassa integrati in deroga), pur agendo in funzione di doveroso argine alla crisi, sottrae inevitabilmente risorse, a parità delle stesse, alla formazione per l anticipazione e il rilancio del sistema produttivo. Ne sono una prova i minori stanziamenti che, in particolare le Regioni hanno concentrato su iniziative a domanda individuale, ma soprattutto il sostanzioso spostamento di risorse che si è osservato dalla legge 236/93 a copertura delle indennità dello stato di cassa integrazione e mobilità in deroga. È comunque importante sottolineare che le attività formative finanziate attraverso l art. 9 riguardano anche domande presentate direttamente dai singoli lavoratori per le quali si evidenzia la diffusione di cataloghi formativi on-line di carattere regionale o interregionale che affiancano o sostituiscono il tradizionale sistema dell avviso pubblico. Il perdurare della crisi economica ha determinato la scelta del Ministero del lavoro e delle politiche sociali - D.G. per le politiche attive e passive del lavoro - di non destinare, per l anno 2013, le risorse di cui all art. 9, comma 3 della L. 236/93 al finanziamento di progetti formativi a gestione regionale, bensì di utilizzarle per sostenere il reddito dei lavoratori disoccupati o a rischio di esclusione dal mercato del lavoro in base a quanto disposto dall art. 9 comma 3 ter L. 236/9348. Nel corso dell anno, il Ministero ha continuato ad analizzare, monitorare e quindi finanziarie le iniziative regionali intraprese a valere sulle precedenti erogazioni statali Legge n.53/00 art. 6 L art. 6 L. 53/00 prevede il finanziamento di iniziative di formazione per lavoratori occupati e non del settore pubblico e privato secondo il diritto di proseguire i percorsi di formazione per tutto l arco della vita, per accrescere conoscenze e competenze professionali. Viene assicurata un offerta formativa articolata sul territorio che consenta percorsi personalizzati, certificati e riconosciuti come crediti formativi in ambito nazionale ed europeo. L attuazione può avvenire secondo due tipologie d intervento: 12

14 a. progetti presentati dalle imprese che, sulla base di accordi contrattuali, prevedono quote di riduzione dell orario di lavoro; b. progetti presentati direttamente dai singoli lavoratori (cosiddetta formazione a domanda individuale). Le regioni, a causa del budget limitato, utilizzano le risorse in oggetto prevalentemente per il finanziamento delle iniziative formative richieste direttamente dal lavoratore e somministrate attraverso la concessione di voucher individuali da spendere presso enti di formazione accreditati ai sistemi regionali di formazione professionale. Le regioni possono finanziare progetti di formazione dei lavoratori che, sulla base di accordi contrattuali, prevedano quote di riduzione dell'orario di lavoro, nonché progetti di formazione presentati direttamente dai lavoratori. 3.2 La strategia Europa 2020 Il quadro strategico nasce nel marzo del 2010 con l obiettivo di rilanciare l economia dell UE puntando sul miglioramento dei sistemi d'istruzione e di formazione nazionali per dare la possibilità a tutti i cittadini di realizzare appieno le proprie potenzialità, garantendo un economica sostenibile e solidale incentivando l'occupazione. I sistemi di istruzione e formazione mirano ad una prospettiva di apprendimento permanente che comprenda tutti i contesti, siano essi non formali o informali, e a tutti i livelli. Il quadro dovrebbe affrontare, in particolare, i seguenti obiettivi strategici: a. fare in modo che l'apprendimento permanente e la mobilità divengano una realtà: è necessario attuare le strategie di apprendimento permanente e flessibile, il quadro delle qualifiche nazionali e la qualità per la mobilità; b. migliorare la qualità e l'efficacia dell'istruzione e della formazione: tutti i cittadini devono essere in grado di acquisire le competenze fondamentali sotto forma di conoscenza, abilità e attitudini adeguate al contesto. Tali competenze offrono la possibilità di rendersi flessibili e capaci di adattarsi al contesto senza rinunciare alla soddisfazione e al fattore motivazionale; l eccellenza e l attrattiva dell'istruzione e della formazione devono essere sviluppate a tutti i livelli; c. promuovere l'equità, la coesione sociale e la cittadinanza attiva: le politiche d'istruzione e di formazione devono fornire ad ogni singolo individuo le competenze professionali ed essenziali necessarie per favorire la propria occupabilità, la cittadinanza attiva e il dialogo interculturale; 13

15 d. incoraggiare la creatività e l'innovazione, inclusa l'imprenditorialità, a tutti i livelli dell'istruzione e della formazione: occorre incoraggiare l'acquisizione di competenze trasversali da parte di tutti i cittadini e garantire il buon funzionamento del triangolo della conoscenza (istruzione/ ricerca/ innovazione). Occorre promuovere i partenariati tra il mondo imprenditoriale e gli istituti di formazione, e incoraggiare comunità di insegnamento più ampie, comprendenti rappresentanti della società civile e altre parti interessate. Con questa iniziativa la Commissione si propone di aiutare l'ue a raggiungere entro il 2020 l'obiettivo che si è posta nel campo dell'occupazione: far sì che il 75% della popolazione in età lavorativa (fascia di età compresa tra i anni) abbia un impiego. Per l'istruzione e la formazione sono stati fissati a livello europeo i seguenti parametri di riferimento per il 2020: - almeno il 95% dei bambini dai 4 anni all'inizio della scuola dell'obbligo dovrebbe frequentare la scuola materna; - meno del 15% dei 15enni dovrebbe avere risultati insufficienti in lettura, matematica e scienze; - meno del 10% dei giovani dovrebbe abbandonare gli studi o la formazione; - almeno il 40% dei 30-34enni dovrebbe aver completato un percorso di istruzione superiore; - almeno il 15% degli adulti dovrebbe partecipare all'apprendimento permanente; - almeno il 20% dei laureati e il 6% dei 18-34enni con una qualifica professionale iniziale dovrebbe aver trascorso una parte degli studi o della formazione all'estero; - almeno l'82% dei 20-34enni con un diploma di maturità o universitario deve aver trovato un lavoro entro 1-3 anni dalla fine degli studi. Dalla tabella seguente si può confrontare la situazione dell Italia a confronto con altri paesi dell UE per quanto riguarda il punto della situazione rispetto agli obiettivi da raggiungere. 14

16 Fonte: A.Gandiglio, Politica economica e gestione delle risorse umane, MERCATO DEL LAVORO E CAPITALE UMANO IN ITALIA: ASPETTI STRUTTURALI UNO SGUARDO FUORI DALL ITALIA: INDICATORI E BENCHMARKING, lezione 2, pag Fonti di finanziamento: fondi interprofessionali Le fonti di finanziamento della formazione professionale sono molteplici e vanno dai fondi pubblici in senso stretto (comunitari, nazionali, regionali/provinciali) ai Fondi interprofessionali per la formazione continua, a quelli erogati da enti bilaterali di altro tipo, ai contributi di sponsor privati (donazioni di singole imprese, di fondazioni o di altro sponsor), fino ad arrivare ai finanziamenti sostenuti direttamente dalle imprese o dai singoli utenti, attraverso il pagamento di rette e, infine, al cofinanziamento da parte della struttura stessa. I Fondi paritetici Interprofessionali sono stati istituiti con la legge 388/2000 con l obiettivo di diffondere la cultura della formazione continua e dell aggiornamento all interno delle imprese presenti sul territorio Italiano. L ottica su cui si basa l idea dei fondi è quella di portare le imprese ad avere una maggiore competitività e di garanzia di occupabilità dei lavoratori come riportato nell art 118, comma 1. I Fondi sono organismi di natura associativa, che vengono istituiti in base ad accordi interconfederali stipulati "dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro 15

17 e dei lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale" e si alimentano con il contributo dello 0,30% in base alle adesioni delle imprese 2. Sono finanziabili in tutto o in parte sia la tipologia dei piani formativi individuali, sia eventuali ulteriori iniziative propedeutiche e connesse a questi piani. L adesione ai Fondi avviene tramite il versamento del contributo integrativo all Istituto Nazionale di Previdenza Sociale, a cui è affidato il compito di regolamentare le modalità di adesione, riscossione e trasferimento a ciascun fondo di pertinenza. Oltre al modello della formazione individualizzata e a strumenti più tradizionali, come i piani di formazione aziendali o pluriaziendali o alle agevolazioni fiscali, è stato proposto anche un servizio che prevede il supporto alla definizione di un piano di sviluppo aziendale accompagnato dall intervento di esperti qualificati o di agenzie specializzate. Inoltre è e caratterizzato da diverse tappe incrementali fino al raggiungimento di una sorta di efficienza permanente nel sistema di approvvigionamento di nuove conoscenze e competenze individuali e aziendali. Oggi i fondi paritetici rappresentano uno strumento di grande sostegno soprattutto finanziario per la formazione continua dei lavoratori e la valorizzazione del capitale umano nelle organizzazioni. I Fondi paritetici interprofessionali sovvenzionano i piani formativi aziendali, settoriali e territoriali che le aziende intendono realizzare per i propri dipendenti. Ad esempio Fondimpresa, uno degli enti, finanzia con uno stanziamento di 36 milioni di euro, piani formativi che riguardano le tematiche funzionali allo sviluppo competitivo delle imprese aderenti, innovazione tecnologica di prodotto e di processo, innovazione dell'organizzazione, digitalizzazione dei processi aziendali, commercio elettronico, contratti di rete, internazionalizzazione. 2 Fondimpresa, I Fondi Interprofessionali, =article&id=513:i-fondi-interprofessionali&catid=40:le-risorse&itemid=

18 Vengono qui presentate due rassegne di fondi stanziati da due organismi: FONDO FORMAZIONE PMI e FONDIMPRESA 17

19 CONCLUSIONI Possiamo dunque affermare che la formazione è lo strumento per eccellenza per crescere, migliorare ed acquisire nuove conoscenze e competenze. Attraverso la formazione si può far fronte ai cambiamenti che la società moderna sta attraversando mantenendo saldi gli obiettivi individuali e organizzativi. Nel contesto in cui viviamo la capacità di innovazione e di integrazione sono diventate condizioni necessarie per fare impresa e operare sul mercato globale. Tramite la formazione si accompagnano le imprese e i loro lavoratori verso una crescita e un miglioramento di performance, basati sul riconoscimento del valore delle competenze e conoscenze in loro possesso, incentivandone la motivazione. Per superare l attuale crisi non è più sufficiente migliorare in modo indifferenziato la performance in base alle mansioni svolte, ma occorre investire in formazione innovativa e puntare allo sviluppo del potenziale di ogni singola risorsa e a mantenere aggiornate le competenze per tutto l arco della vita lavorativa. Il miglioramento delle prestazioni di un organizzazione, in questo periodo storico caratterizzato da grandi cambiamenti passa inevitabilmente per una più attenta gestione e motivazione del suo personale. Per tale motivo l analisi e la misurazione dei fattori che influenzano quello che viene definito il benessere organizzativo, (inteso come la capacità di un organizzazione di promuovere e conservare il più alto grado di benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori), può avere un importante impatto sullo stato di salute dell intera organizzazione. Il contributo della formazione al mantenimento dell occupazione o alla prevenzione della disoccupazione, non è facilmente individuabile in una relazione di breve periodo ma, una volta accertato il legame tra sviluppo economico e capitale umano, la misurazione dei benefici degli investimenti in formazione si riferisce allo sviluppo competitivo e innovativo delle imprese ed ai cambiamenti di condizione nella vita professionale degli individui, possibili unicamente sulla base di osservazioni protratte nel tempo che considerano anche la loro condizione professionale e il livello di istruzione. 18

20 BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA Alessandrini G. (2012), La formazione al centro dello sviluppo umano, Giuffrè Editore, Milano. Alessandrini G. (2011), Manuale per l esperto dei processi formativi, Carocci editore S.p.A., Roma. Alessandrini G. (2003), Pedagogia Sociale, Carocci editore S.p.A, Roma. Blanchard K., Carlos J.P., Randolph A. (2000), Le tre chiavi dell empowerment, FrancoAngeli S.r.l., Milano. Cocozza A. (2012), Comunicazione d impresa e gestione delle risorse umane, FrancoAngeli S.r.l., Milano. Cocozza A. (a cura di) (2010), Persone, organizzazioni, lavori, FrancoAngeli S.r.l., Milano. Cocozza A. (2014), Innovazione, sviluppo organizzativo e knowledge worker, Sviluppo&Organizzazione, pp Formica P., Gli imprenditori della conoscenza, Knowledge Entrepreneurs, pp ISFOL (2012), XII Rapporto sulla formazione continua: annualità , OPAC- Sistema documentale ISFOL. ISFOL (2013), XIV Rapporto sulla formazione continua: annualità , OPAC- Sistema documentale ISFOL. ISFOL (2014), XV Rapporto sulla formazione continua: annualità , OPAC- Sistema documentale ISFOL. Lipari D. (2002), Logiche di azione formativa nelle organizzazioni, Edizioni Angelo Guerini e Associati SpA, Milano. PMI (2014), Finanziamenti per la formazione aziendale, per-formazione-aziendale.html. Ifoa Sapere Utile (2015), Fondi Interprofessionali: gli avvisi aperti, 19

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro

Norme finalizzate alla promozione di forme flessibili e semplificate di telelavoro Lo smart working è una modalità di lavoro innovativa basata su un forte elemento di flessibilità, in modo particolare di orari e di sede. Il futuro dell organizzazione del lavoro passa necessariamente

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ,

Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, Roma, aprile 2012 L EVOLUZIONE NEI RAPPORTI TRA UNIVERSITÀ, TERRITORIO E MONDO DEL LAVORO IN ITALIA: Un riepilogo delle principali trasformazioni degli ultimi venti anni di Cristiana Rita Alfonsi e Patrizia

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli