Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico"

Transcript

1 Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per il dibattito 1 - i cambiamenti degli ultimi anni in economia e nella società comportano ripensamenti della formazione scolastica per fornire agli alunni adeguati strumenti interpretativi e promuovere competenze di cittadinanza oltre che professionali 2 - quali sono i cambiamenti in economia e nella società che la scuola deve considerare nella formazione? 3 - quali sono le competenze (conoscenze e capacità) che si richiedono allo studente alla luce di questi cambiamenti? 4 - come il mondo del lavoro può supportare la scuola nei nuovi compiti formativi? 5 - in quale modo la scuola può meglio attrezzarsi per rispondere alle nuove esigenze formative? 6 - (domanda per l Università) quali accorgimenti didattico metodologici sono stati attivati dall Università per venire incontro all esigenza di avvicinare l Università e il mondo del lavoro? Sono procedure applicabili al mondo della scuola superiore? Coordina la prof.ssa Stefania Servalli docente di Economia Aziendale dell Università di Bergamo Partecipano: dott. Cristiano Arrigoni Camera di Commercio, Azienda Speciale Bergamo Sviluppo dott. Graziano Candiani presidente UBI Academy Gruppo UBI Banca dott. Alberto Cangelli Confcooperative dott. Fausto Citaristi Confindustria Bergamo prof.ssa Gisella Persico USR Lombardia Ambito Territoriale Bergamo - Ufficio Scuola-Lavoro dott. Domenico Stornante Credito Bergamasco, Risorse Umane prof. Francesco Pellicioli docente Economia Aziendale dell ITCS Vittorio Emanuele II Sintesi degli interventi Introduce la dirigente scolastica Lorena Peccolo dell ITC Vittorio Emanuele ringraziando i partecipanti che quasi al completo fanno parte del Comitato Tecnico Scientifico del suo Istituto e che dimostrano grande interesse e coinvolgimento per le tematiche formative della scuola.

2 Gli argomenti di cui il convegno si occupa sono scaturiti proprio dalle riflessioni interne alla scuola sulla necessità di ripensare la formazione degli studenti di economia a fronte dei profondi cambiamenti in atto e che hanno portato alla costituzione del Comitato Tecnico Scientifico. I confronti con la ricerca universitaria e con il mondo del lavoro trovano nel convegno un primo intento di creare convergenze sulle tematiche economiche e formative con l impegno a proseguire e approfondire la collaborazione. I materiali e i contributi degli interlocutori che oggi qui incontriamo saranno messi a disposizione delle scuole del nostro territorio e con la prospettiva di svilupparne i contenuti e le ricadute formative. Prima parte La prof. Servalli che coordina la Tavola rotonda indica il focus del dibattito con riferimento alle domande e ai rapporti di collaborazione tra scuola mondo del lavoro università Stornante - Credito bergamasco Cambia la dimensione occupazionale: c è forte riduzione delle assunzioni; il mondo delle banche è rivoluzionato, questo non significa mancanza di futuro, ma più specializzazione e buona conoscenza delle lingue; le operazioni di cassa ad esempio sono del tutto ridimensionate; aumenta dunque la mobilità territoriale, la flessibilità e il lavoro a tempo determinato. Candiani - UBI Fa le stesse considerazioni e analizza le conseguenze e porta esemplificazioni: oltre alla crisi è in atto una profonda trasformazione delle banche per la dimensione delle connessione telematica e le nuove tecnologie; si è creata eccedenza di personale (10%); si è modificato l approccio dei clienti che ha assunto dimensioni di massa, si basa su nuove forme di marketing, si articola per fasce e con competenze di marketing tramite tecnologie web. Il contesto territoriale vede la diffusa crisi delle imprese con calo delle assunzioni. Ci deve essere quindi diversificazione da parte delle scuole nella formazione e lo sforzo d indirizzare di più alla laurea. E indispensabile la formazione in economia di tutti gli indirizzi scolastici e si devono considerare le dimensioni dell internazionalizzazione e delle tecnologie Citaristi - Confindustria Fare impresa è tema molto discusso in Confindustria; in un contesto così turbolento è infatti troppo difficile: i mercati globali comportano competitività sfrenata e questioni tributarie complesse. E indispensabile portare l innovazione al processo e ai prodotti; l innovazione tecnologica porta processi decisionali all interno dell azienda sempre più complessi. La velocità di cambiamento non corrisponde alla formazione: quello che si impara a scuola non è sufficiente, è necessario apprendimento continuo di logiche e meccanismi e adattamento alle variazioni dei mercati.

3 Va soprattutto considerata l internazionalizzazione non solo nella dimensione produttiva ma anche di processi e comunicazione; fa la differenza oggi saper lavorare in team oltre alla capacità di utilizzare tecnologie Arrigoni Bergamo Sviluppo La mission di Bergamo-Sviluppo è favorire i sistemi di innovazione, analizzare gli elementi che sono diventati un problema; si tratta di mancanze che possono essere sopperite con la formazione di competenze specifiche che le imprese non hanno e quindi promuovere processi di conoscenza: competenze gestionali conoscenze di economia lingue Per sostenere il processo di innovazione è importante che la scuola dapprima lavori su questi ambiti: conoscere le tematiche globali e quelle territoriali, come si muove il mondo aziendale, Circa il tema dell imprenditorialità: va favorito dalla scuola con la disponibilità e la possibilità di mettersi in gioco. Si è visto ad esempio nella recente premiazione di 16 start up che molte di queste idee derivavano da studi approfonditi. Quindi maggiore conoscenza del sistema e sostegno all imprenditorialità, favorire le reti. Cangelli - Confcooperative Condivide le analisi del dott. Arrigoni Fa presente la peculiarità del modello cooperativo che non è approfondito dalla scuola e dall università; il modello aggregativo può essere un modello per start up, un nuovo modello di lavoro per i giovani: auto imprenditorialità attraverso il modello cooperativo. Siamo a un terzo tempo della cooperazione; il primo era nella dimensione dei bisogni e dunque di tipo agricolo, il secondo tempo era dei servizi, ora il terzo tempo riguarda l aggregazione delle imprese; si tratta di ambito da sviluppare ma che non è oggetto di conoscenze degli studenti; percorsi specifici possono essere sviluppati a più livelli a scuola e all università. Persico USR Il Riordino della scuola superiore si va completando e i nuovi indirizzi vanno nelle direzioni indicate: formazione linguistica e tecnologia. La formazione in campo economico per tutti gli studenti è compresa nella formazione di cittadinanza e costituzione. Riguardo all auto imprenditorialità ci sono in atto esperienze interessanti La scuola si sta attivando con didattica laboratoriale, didattica per progetti, alternanza e stage. Servalli - Università La sintesi degli interventi di questo primo giro è dunque la necessità di formare professionisti che sappiano cogliere i cambiamenti e le esigenze di innovazione delle aziende. Seconda parte Stornante Credito Bergamasco Non sempre assumere un laureato specializzato e mandarlo allo sportello è una buona strategia; è sbagliato per la demotivazione ma anche perché è cambiato il modello di sviluppo che prima era lineare nella scala

4 progressiva di carriera; ora invece le filiali si riducono e chi entra in banca non può mirare a fare carriera in forma progressiva, servono nuove specializzazioni che riguardano: - Mercato estero e l aiuto alle piccole imprese - Canali alternativi - Consulente di impresa - Assicurazioni I ragazzi devono avere aspettative diverse e essere consapevoli che il mondo è cambiamento Essere realisti significa anche dare nuove prospettive ai giovani Candiani - UBI Propone una riflessione Nei colloqui ho trovato alunni preparati, hanno buone competenze specifiche. Tuttavia oggi alle imprese serve qualcosa di più delle competenze che si acquisiscono con lo studio, sono necessarie quelle che si dicono competenze trasversali e che non ho trovato negli studenti: cosa sai fare e cosa vuoi fare Bisogna formare alla capacità di agire, al voler fare; dare spazio al problem solving, all apprendimento contestualizzato di tematiche e problemi, alle relazioni interpersonali, al lavorare in team. Come può uno studente arrivare all università senza aver fatto almeno qualche giorno in azienda Citaristi - Confindustria Riprende la riflessione sulla capacità di apprendimento e sottolinea la rilevanza della capacità di lettura critica, di problem solving, di lavoro in team. Con riferimento alla propria esperienza nel FID riporta l analisi delle criticità: le difficoltà delle aziende medio-piccole sono nel redigere budget previsionali e definire analisi dei costi; potrebbe nascere una collaborazione tra queste aziende e l università per l analisi di competenze che gli studenti possono portare in azienda. Va data importanza ai consorzi di impresa: le piccole imprese non sanno come fare e un consorzio può essere il modello da sviluppare; su questo la formazione scolastica dovrebbe organizzarsi e focalizzare ambiti di formazione Arrigoni Bergamo Sviluppo La conoscenza del sistema economico bergamasco e del mondo globale fa parte della necessità della scuola di essere allineata al mondo del lavoro; allo stesso tempo i cambiamenti sono talmente continui che mettono in difficoltà la progettazione formativa. La scuola deve rincorrere i cambiamenti e questo le è difficile, ma è fondamentale far sviluppare le competenze che sono state indicate; saper lavorare con altri, mettersi in gioco, mettersi in discussione e sapersi inserire nel contesto, essere imprenditori di se stessi anche in una impresa. Cangelli - Confcooperative Le Conoscenze sono integrabili, quello che conta è il metodo; su questo la scuola deve applicarsi: fare un ragionamento sul metodo per svilupparlo negli studenti. Per il confronto con scenari internazionali: gli studenti devono sentire che la competizione è tra chi lavora a BG e chi lavora in Cina! l Italia non mi dà opportunità me ne vado via : non funziona più così; siamo un sistema molto chiuso condizionato dai pregiudizi su altri paesi, da una lingua che non è parlata fuori Italia, ecc. Le aggregazioni hanno a che fare con modelli culturali di cui un esempio interessante e quello della cooperazione in Trentino che è molto sviluppato.

5 Dunque andare all estero non è solo rivendicativo, va pensato come possibilità di sviluppo di modelli di lavoro e di sviluppo di sistemi. La scuola deve fare cultura delle reti: se il modello è individualista le reti non si sviluppano; la scuola dunque deve dare modelli del fare internazionalizzazione senza rivendicazioni, del fare rete, sviluppare le capacità di apprendere, coniugare cultura e volontà. Citaristi - Confindustria L Internazionalizzazione è interpretata da parte delle imprese come export, ma invece è un sistema economico in senso più ampio e dunque servono collaboratori nelle aziende che aprono prospettive e visioni; va sviluppata la concezione di internazionalizzazione; Servalli - Università In questo seconda parte di contributi il focus centrale che emerge è la rilevanza che l associazione di impresa, i suoi modelli e le sue concezioni in un quadro di sistemi internazionali Pellicioli ITC Vittorio Emanuele Porta la seguente sintesi del quadro i cui stiamo operando: 1 - siamo una filiera: le diverse e specifiche autonomie devono essere collegate e ognuno dà valore aggiunto alle connessioni che costruisce e ai passaggi successivi di comunicazione che tiene con gli altri 2 - la scuola ha fatto passi avanti ma non troppi, o comunque non abbastanza anche perché lavoriamo con studenti che non sempre corrispondono alle aspettative di formazione che ci poniamo 3 stiamo parlando di come collegare i diversi elementi che non sono solo scuola e mondo del lavoro, c è anche la società, le famiglie 4 la scuola prima prendeva dal mondo del lavoro conoscenze che non si avevano, ora si tratta di portare il tessuto dell azienda nella scuola, e cioè dare la modalità di operare, fa comprendere l importanza dell aggregazione ecc. Citaristi Unione Industriali Siamo mondi che devono contaminarsi: aziende e banche; abbiamo creato il cruscotto aziendale con elementi qualitativi che cerchiamo di bancalizzare Allo stesso modo possiamo contaminarci con la scuola Servalli Università Osserva l importante processo che si è attivato: dalla competizione di una volta alla collaborazione e sinergia tra Università e Centri studi di Confindustria Candiani UBI Sottolinea l importanza degli argomenti posti da Pellicioli e dunque l impegno a 1 - portare testimonianze a scuola: i sistemi bancari hanno come interlocutori privilegiati le università perché esse hanno un ottica internazionale che nessun altro ha; la collaborazione tra professori e manager 2 - garantire finanziamenti alla formazione: il fondo UBI ha come regola di privilegiare i piani che sono certificati dalle università italiane segno del riconoscimento che viene loro dato 3- assicurare vicinanza delle banche alle imprese per il sostegno al loro sviluppo: è ambito aperto e da indagare meglio perché le imprese spesso sono in difficoltà e non chiedono prestiti Persico USR

6 Fa presente che le scuole hanno sviluppato diverse collaborazione con Confindustria e che l Ufficio scol. territoriale funge da promotore e dà indirizzi; un esempio interessante è la recente sinergia costruita in occasione dei Poli tecnico professionali che si basano appunto su reti tra scuole, formazione professionale e mondo del lavoro Terza parte Stornate - Credito Bergamasco Come il mondo del lavoro può supportare la scuola nei nuovi compiti formativi? Già il Comitato Tecnico Scientifico è uno spazio concreto di confronto e progettazione. La percezione che abbiamo è che le scuole siano condizionate da regolamenti che rendono loro difficili le innovazioni e le azioni di apertura all esterno. Le proposte che rivolgiamo sono: - di portare a scuola esempi da analizzare con gli studenti - di consolidare la contaminazione con l università che è oggi fondamentale Candiani - UBI La necessità è quella di contribuire tutti alla cultura del lavoro: 1. incontri info - formatici e interventi di testimonianza 2. alternanza e stage 3. orientamento e placamento con colloqui con referenti delle banche Va inoltre strutturato e reso sistematico un programma di educazione finanziaria di base per tutti gli studenti, docenti, genitori;: offrire formazione sul risparmio e sull utilizzo consapevole del denaro, conoscenza del sistema bancario Citaristi - Confindustria Le aziende non trasferiscono alla scuola le competenze che sviluppano; sarebbe invece interessante aprire a studenti e docenti; l alternanza che è una grande opportunità da un lato deve essere ben supportata dalle aziende, dall altro non deve essere intesa in senso troppo specialistico; spesso infatti capita che ragazzi pretendano di fare solo tipi di cose mentre la trasversalità è fondamentale. Arrigoni Bergamo Sviluppo Vanno programmati interventi nella scuola; gli insegnanti dovrebbero chiedere di più la nostra collaborazione. Come incubatore di impresa abbiamo inserito nelle attività di orientamento nelle scuole questo ambito con la testimonianza di giovani imprenditori; un altro esempio di supporto alle scuole e l ambito dell interpretazione delle norme UNI Cangelli - Confcooperative Il mondo dell impresa potrebbe fare analisi dei fabbisogni e quindi aiutare le scuole a orientarvi la formazione. Peccolo ITC Vittorio Emanuele Sono emerse numerose proposte e indicazioni; la scuola ha il problema di come fare affinché le innovazioni non siano marginali ma strutturali; alcune questioni cruciali sono - dare spazi e opportunità alle eccellenze significa anche innalzare la cultura generale perché implica innalzare la qualità della formazione per tutti

7 - la formazione delle competenze trasversali è interna al processo di insegnamento apprendimento e non solo proposta in forma aggiuntiva - il rapporto tra teoria e mondo reale, tra sapere ed esperienza è da ripensare anche nella formazione dei docenti che dovrebbero avere da un lato raccordo con il mondo del lavoro e la società e dall altro avere spazi di approfondimento e analisi con l Università La formazione in ambito economico ha particolare necessità di tenere in conto di queste questioni.

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM

IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM IMPRENDITORIALITÀ E GENERAL MANAGEMENT - MIGEM Master di I Livello - IX EDIZIONE - A.A. 2015-2016 Premessa Il MIGEM è dedicato a tutti coloro che sentono l esigenza di un programma formativo completo e

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

PIANO DI ORIENTAMENTO

PIANO DI ORIENTAMENTO PIANO DI ORIENTAMENTO Bergamo a.s. 2015/2016 PREMESSA Il Piano di Orientamento offre una serie di proposte raccordate e condivise che hanno l obiettivo di favorire il successo personale e formativo degli

Dettagli

Bando per il Premio Nazionale 2015 Promosso da Confindustria e Assolombarda

Bando per il Premio Nazionale 2015 Promosso da Confindustria e Assolombarda DIDATTIVA: LA DIDATTICA PER L ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Bando per il Premio Nazionale 2015 Promosso da Confindustria e Assolombarda In collaborazione con Ministero dell'istruzione, dell'università e della

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico regionale per la Lombardia Ufficio III Ordinamenti scolastici FoRAGS FORUM REGIONALE ASSOCIAZIONI GENITORI SCUOLA Rimettere

Dettagli

PIANO GENERALE PER L ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014-2015

PIANO GENERALE PER L ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014-2015 PIANO GENERALE PER L ORIENTAMENTO IN USCITA A.S. 2014-2015 REDATTO DA FANTOLI MARIA GIOVANNA PIANO GENERALE DELLA PROGETTAZIONE_ ORIENTAMENTO IN USCITA Premessa L intero progetto trae la sua ispirazione

Dettagli

FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti)

FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti) FORMAZIONE PER I DIRIGENTI (imprese fino a 20 dirigenti) Le piccole e medie imprese svolgono un ruolo molto importante nell economia italiana e ne costituiscono una ricchezza fondamentale. Spesso il rapporto

Dettagli

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target

Ridurre l abbandono precoce, con attenzione particolare a specifici target Obiettivo tematico 10 Istruzione e Formazione Risultati attesi Obiettivi Specifici Azioni Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità (azioni di tutoring e mentoring, attività

Dettagli

piacenza a.a. 2015-16 Corsi di laurea magistrale Economia Facoltà di Economia e Giurisprudenza

piacenza a.a. 2015-16 Corsi di laurea magistrale Economia Facoltà di Economia e Giurisprudenza piacenza a.a. 2015-16 Corsi di laurea magistrale Economia Facoltà di Economia e Giurisprudenza INDICE Laurea magistrale in Gestione d azienda 3 General Management 4 International management, legislation

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

PLENARIA. TITOLO La famiglia tra compito educativo e fragilità

PLENARIA. TITOLO La famiglia tra compito educativo e fragilità FORMAZIONE EDUCATORI IL PATTO EDUCATIVO TRA LA FAMIGLIA E GLI EDUCATORI: SFIDE E RISORSE OBIETTIVO DEL PERCORSO Nel 2012, la proposta formativa agli operatori dei servizi per la prima infanzia affiliati

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

Le FAQ della simulazione

Le FAQ della simulazione Le FAQ della simulazione L obiettivo di queste FAQ è fornire ai progettisti di corsi di formazione, a docenti, agli utenti di corsi di formazione e a coloro che sono addetti allo sviluppo delle risorse

Dettagli

La formazione accademica

La formazione accademica Perfezionare l istruzione quando si è già infermieri: spunti di riflessione sulla formazione post-base a cura di Carla Noci* La formazione accademica successiva al corso di base è, per gli infermieri come

Dettagli

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU

PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU PROPOSTE per un PROGRAMMA di LAVORO del CODAU Premessa Nel rispetto delle linee tracciate dal nuovo Statuto approvato dall Assemblea del 18-19-20 marzo 2004, si ritiene opportuno fare una premessa metodologica,

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Orientamento e Informazione per aspiranti imprenditori e imprese della Valle Brembana

Orientamento e Informazione per aspiranti imprenditori e imprese della Valle Brembana Orientamento e Informazione per aspiranti imprenditori e imprese della Valle Brembana A CHI SI RIVOLGE L ATTIVITA SVOLTA DALLO SPORTELLO SARA PRINCIPALMENTE QUELLA DI COMUNICARE CON: Persone in mobilità

Dettagli

Orientamento, online il percorso effettuato da tre Regioni

Orientamento, online il percorso effettuato da tre Regioni Orientamento, online il percorso effettuato da tre Regioni di Costanza Braccesi Proponiamo il percorso di lavoro svolto nel campo dell Orientamento dai Nuclei territoriali ex Irre del Friuli Venezia Giulia,

Dettagli

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale?

DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE. D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale d impresa per Codess Sociale? DOCUMENTI DI CODESS SOCIALE Intervista a Luca Omodei Direttore Generale di Codess Sociale Intervista e testi a cura di Michela Foschini Giugno 2005 D: Che cos è e che cosa significa responsabilità sociale

Dettagli

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE,

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DI GIULIANO NICOLINI PRIMA PARTE: CENNI GENERALI SUI SERVIZI ASSOCIATIVI 1 Le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno come funzione

Dettagli

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Energy Management DI PRIMO LIVELLO

Energy Management DI PRIMO LIVELLO Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO A PORDENONE Energy Management MASTER MIP POLITECNICO DI MILANO DI PRIMO LIVELLO Il Master si propone nel territorio in risposta alla

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 3 a EDIZIONE FEBBRAIO 2013 - LUGLIO 2014 in collaborazione con

Dettagli

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante -

Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - ISIS Facchinetti di Castellanza Convegno 20 gennaio 2014 Istituto Schiapparelli Gramsci Milano - ASL Pesante - Finalità ed obiettivi L offerta formativa del nostro istituto, per quanto attiene la formazione

Dettagli

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI

INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI ISTITUTO DI ISTRUZIONE LA ROSA BIANCA CAVALESE (TN) INDIRIZZO TURISTICO PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO (SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO) DISCIPLINE TURISTICO AZIENDALI REDATTO A.S. 2012-2013 PREMESSA Ai sensi

Dettagli

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo

Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Reti d impresa La nuova dimensione delle Imprese che vogliono crescere. Il supporto del Gruppo Intesa Sanpaolo Guidizzolo, 25 novembre Contratto di Rete Descrizione Caratteristiche Obiettivi strategici

Dettagli

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA

INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA INDAGINE SICURSERVIZI SUI FABBISOGNI FORMATIVI DEL SETTORE SICUREZZA Per Il settore in cifre presentiamo il rapporto sulle esigenze formative del settore sicurezza, realizzato da Sicurservizi per conto

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa

Materiali: business kit, fornito da IGS, contenente le linee guida per la creazione del laboratorio d impresa Destinatari: studenti degli istituti superiori del terzo, quarto e quinto anno: protagonisti indiscussi del programma che, grazie al confronto con il Trainer IGS, saranno guidati nella realizzazione e

Dettagli

HUMAN RESOURCE MANAGEMENT

HUMAN RESOURCE MANAGEMENT HUMAN RESOURCE MANAGEMENT Corso Post Lauream in Human Resource Management IL CORSO POST LAUREAM L Esperto in gestione delle Risorse Umane è una figura che si occupa della pianificazione, in base agli obiettivi

Dettagli

Nuove imprese crescono. Sostenere i giovani, attrarre e conservare talenti Pier Andrea Chevallard

Nuove imprese crescono. Sostenere i giovani, attrarre e conservare talenti Pier Andrea Chevallard IMPRESA&STATO FOCUS 10 F1 Nuove imprese crescono. Sostenere i giovani, attrarre e conservare talenti Pier Andrea Chevallard PIER ANDREA CHEVALLARD È SEGRETARIO GENERALE DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO

Dettagli

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA STARTING UP CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO IMPRENDITORIALE INIZIATIVA APERTA A STUDENTI E LAUREATI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA 10 GIORNATE DI AULA E 3 MESI IN AZIENDE INNOVATIVE 1

Dettagli

FORMAZIONE ICE: AL SERVIZIO DELL'ITALIA DA ESPORTARE

FORMAZIONE ICE: AL SERVIZIO DELL'ITALIA DA ESPORTARE FORMAZIONE ICE: AL SERVIZIO DELL'ITALIA DA ESPORTARE Noi della Formazione ICE siamo, dal 1963, lo strumento che tante aziende hanno utilizzato per prepararsi ad affrontare i mercati esteri. Progettiamo,

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8

Popolazione residente a Cesano nel 2010 Popolazione Popolazione Incrementi % incrementi 2009 CESANO Maderno 36.579 36.889 310 0,8 PERFORMANCE PLAN Definizione dell identità dell organizzazione Missione dell IS PER COSTRUIRE OGGI IL TUO FUTURO E DIVENTARE PARTE ATTIVA NELLA COSTRUZIONE DELLA SOCIETA DEL DOMANI Una scuola da sempre

Dettagli

Master Executive. Valutazione dello stress lavoro-correlato: dalla prevenzione del rischio alla cultura della sicurezza e del benessere

Master Executive. Valutazione dello stress lavoro-correlato: dalla prevenzione del rischio alla cultura della sicurezza e del benessere in collaborazione con e con la partnership di presentano il Master Executive Valutazione dello stress lavoro-correlato: dalla prevenzione del rischio alla cultura della sicurezza e del benessere Anno 2011

Dettagli

C.E.S.R.I. CENTRO EUROPEO STUDI E RICERCHE PER L IMPRESA STATUTO

C.E.S.R.I. CENTRO EUROPEO STUDI E RICERCHE PER L IMPRESA STATUTO C.E.S.R.I. CENTRO EUROPEO STUDI E RICERCHE PER L IMPRESA STATUTO Art. 1 Costituzione, sede, durata L Università Telematica e-campus costituisce il CENTRO EUROPEO STUDI e RICERCHE per l IMPRESA, in seguito

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI

PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO ECONOMICO E LA COMPETITIVITÀ DEL SISTEMA LOMBARDO Asse 2 Internazionalizzazione misura D PROGETTO CLUB DEGLI ESPORTATORI AVVISO PER LA SELEZIONE DI IMPRESE ANNO 2010

Dettagli

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive

Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica. Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive Polo Innovazione Automotive e Istituto Tecnico Superiore Sistema Meccanica Raffaele Trivilino Direttore Polo Innovazione Automotive CONTENUTI a) La filiera Automotive in Italia e in Abruzzo b) La sfida,

Dettagli

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b PER Polo Tecnologico di Andrea Galvani Via Roveredo, 0/b Innovazione, Innovazione per il business è un ciclo di incontri di formazione breve indirizzati ai decisori aziendali per stimolare le capacità

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA" 35028 PIOVE DI SACCO Via G. Parini, 10/c Tel. 049/5841692 049/9703995 Fax 049/5841969 e-mail:denicola@scuolanet.pd.it - Codice Fiscale 80024700280

Dettagli

Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA:

Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA: Via Leone XIII, 10 20145 MILANO - Tel. +39 02 72 53 71 Fax +39 02 86 55.93 info@chambre.it www.chambre.it STUDIO E RICERCA SULLE PROFESSIONI (ATTUALI E FUTURE) E SUI PERCORSI DEL SETTORE MODA: IL CASO

Dettagli

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia 1 INTRODUZIONE Una delle attività fondamentali svolte da CESCOT Pistoia è l analisi dei bisogni formativi, azione sperimentata

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12

Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Learning News Dicembre 2010, anno IV - N.12 Quattro passi tra Partita Doppia e Bilancio di Roberta Di Pinto Non si può insegnare niente ad un uomo. Si può solo aiutarlo a scoprire ciò che ha già dentro

Dettagli

Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia

Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia 1. Presentazione Piano formativo Social Innovation in Learning e Concorso Social

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2015 2016 XI Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2015 2016 XI Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2015 2016 XI Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT MASTER IHRM INTERNATIONAL HR MANAGEMENT Gestire Persone e Culture nelle Imprese Internazionali Building Global Talents. Yours. Master universitario di primo livello Facoltà di Economia Facoltà di Scienze

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

INTERNATIONAL MARKETING MANAGEMENT Organizzazione e gestione dell attività sui mercati esteri

INTERNATIONAL MARKETING MANAGEMENT Organizzazione e gestione dell attività sui mercati esteri INTERNATIONAL MARKETING MANAGEMENT Organizzazione e gestione dell attività sui mercati esteri OBIETTIVI Il corso mira a far comprendere le ragioni che stanno alla base dell orientamento aziendale verso

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione GESTIONE DELLE RISORSE UMANE DIRETTORE: Prof.ssa Paula Benevene VICE DIRETTORE: Dott. Emiliano Maria Cappuccitti COORDINAMENTO DIDATTICO:

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013

Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 ALLEGATO 1 Progettazione del percorso Alternanza Scuola Lavoro ( Art. 4, L. 53/2003 D.LGS. 77/2005) Anno scolastico 2012/2013 1. Analisi dei bisogni formativi. Il progetto Alternanza scuola-lavoro è un

Dettagli

Corso di Alta Formazione RETAIL AND STORE MANAGEMENT: strumenti e metodologie operative orientate alla gestione e sviluppo della rete di punti vendita Obiettivi Il corso di Alta Formazione in Retail e

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

La spinta a migliorare e il ruolo istituzionale di Giuseppe Martini 1 Il Sistema di Valutazione Nazionale: le fasi A] Elaborazione RAV Lettura e analisi degli indicatori Riflessione attraverso le domande-guida

Dettagli

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.)

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Il progetto nasce da una collaborazione fra la Facoltà di Economia e l ITCS G.Oberdan di Treviglio nell ambito delle attività di orientamento di entrambe

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio X PIANO DI ORIENTAMENTO BERGAMO a.s. 2013/2014 PREMESSA Il Piano di Orientamento offre una

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

6 le risorse per. la buona scuola, pubbliche e private

6 le risorse per. la buona scuola, pubbliche e private 6 le risorse per la buona scuola, pubbliche e private Un disegno ambizioso come quello che abbiamo descritto non è a costo zero. Sappiamo bene che l istruzione è un investimento strategico, e uno Stato

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

Capitolo 1 1-1 NATURA E SCOPO DEL DOCUMENTO VISION, MISSION, PRINCIPI ISPIRATORI

Capitolo 1 1-1 NATURA E SCOPO DEL DOCUMENTO VISION, MISSION, PRINCIPI ISPIRATORI Capitolo 1 NATURA E SCOPO DEL DOCUMENTO Il PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA è il documento fondamentale costitutivo dell identità culturale, educativa e progettuale dell istituzione scolastica, che la scuola

Dettagli

Bando di Concorso per le scuole superiori. Concorso Social Innovation...in Progress

Bando di Concorso per le scuole superiori. Concorso Social Innovation...in Progress Bando di Concorso per le scuole superiori Concorso Social Innovation...in Progress 1. Presentazione La Fondazione ÈBBENE, in collaborazione con l Incubatore Certificato Consorzio Sol.CO Rete di imprese

Dettagli

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa

Move Your Future. Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Move Your Future Laboratorio di Orientamento e Scoperta dell imprenditorialità e della cultura d impresa Progetto corso sperimentale indirizzo imprenditorialità L attuale situazione di mercato pone la

Dettagli

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi.

Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Il Programma nazionale per la Ricerca 2005-2007. Una premessa e una sintesi. Sono lieta di presentare, a seguito di una consistente, attenta opera di consultazione, documentazione ed analisi il Programma

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli

Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli Affrontare il DSA attraverso un azione territoriale integrata: l esperienza di Vercelli di Angela Fossati Buongiorno a tutti, sono Angela Fossati, docente utilizzata a supporto dell integrazione alunni

Dettagli

Corso in Store Management

Corso in Store Management in collaborazione con presenta Corso in Store Management EDIZIONE SICILIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Sono stati consultati inoltre: Collegio docenti CdS

Sono stati consultati inoltre: Collegio docenti CdS Denominazione del Corso di Studio: SCIENZE DEL TURISMO E DEI PATRIMONI CULTURALI (STPC) Classe: LM-49 - Progettazione e gestione dei sistemi turistici Sede: MATERA Gruppo di Riesame: Prof. Emmanuele Curti

Dettagli

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013

BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015. Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 BERGAMO SMART CITY VERSO EXPO 2015 Start Up Innovative -Le imprese fanno sistema Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso - 26 novembre 2013 START UP E INCUBATORI Il Decreto Sviluppo (179/2012), introducendo

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

La formazione. Master Gem edizione 2014

La formazione. Master Gem edizione 2014 La formazione per la Green economy Master Gem edizione 2014 Cosa è Master Gem Corso di alta formazione ad indirizzo specialistico in materia di green economy (energie rinnovabili, efficientamento e risparmio

Dettagli

VALUTAZIONE UNITARIA DELLE POLITICHE PER L OCCUPAZIONE. Rapporto di sintesi

VALUTAZIONE UNITARIA DELLE POLITICHE PER L OCCUPAZIONE. Rapporto di sintesi VALUTAZIONE UNITARIA DELLE POLITICHE PER L OCCUPAZIONE Rapporto di sintesi Milano, giugno 2014 Il rapporto di Valutazione Unitaria delle politiche per l occupazione è stato curato dal raggruppamento temporaneo

Dettagli

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE CONFINDUSTRIA MACERATA SEZIONE TERZIARIO INNOVATIVO SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE Percorsi e tecniche per ridefinire i modelli manageriali delle nostre imprese. Ridurre i costi preservando agilità

Dettagli

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti:

Questa terza ed ultima fase prevede la realizzazione di una serie di interventi di seguito descritti: Introduzione La Regione del Veneto guarda con ottimismo alle sue risorse più preziose - le risorse umane - per garantire uno sviluppo economico, sociale e occupazionale efficace e duraturo per il futuro

Dettagli

Alternanza Scuola Lavoro e altro.

Alternanza Scuola Lavoro e altro. Alternanza Scuola Lavoro e altro. Mosè Bianchi a.s. 2014 2015 Loredana Chiasera Referente ASL Progetto Alternanza Scuola Lavoro Progetto Stage estivi IMO Giovani e impresa Management game Job20 Almadiploma

Dettagli

I Edizione SECURITY MANAGER

I Edizione SECURITY MANAGER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014-2015 I Edizione SECURITY MANAGER Il Master è organizzato dall Università LUMSA in convenzione con il Consorzio Universitario Humanitas DIRETTORE:

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

Progetto di Alternanza Scuola Lavoro ISISS Giuseppe Verdi VALDOBBIADENE. Isiss Giuseppe Verdi Valdobbiadene

Progetto di Alternanza Scuola Lavoro ISISS Giuseppe Verdi VALDOBBIADENE. Isiss Giuseppe Verdi Valdobbiadene Progetto di Alternanza Scuola Lavoro ISISS Giuseppe Verdi VALDOBBIADENE Progetto finanziato dal FSE [Laboratori della Conoscenza Percorsi integrati di Alternanza Scuola Lavoro INVESTIAMO PER IL VOSTRO

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE GESTIONE E SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE Obiettivi Il Corso di Specializzazione, attraverso metodologie innovative e interattive, intende fornire ai partecipanti gli strumenti e le tecniche per creare:

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT (Master IHRM) Gestire persone e culture nelle Imprese Internazionali

INTERNATIONAL HR MANAGEMENT (Master IHRM) Gestire persone e culture nelle Imprese Internazionali Facoltà di Economia Facoltà di Scienze Linguistiche e Letterature Straniere Corso di Master Universitario Interfacoltà di primo livello in INTERNATIONAL HR MANAGEMENT (Master IHRM) Gestire persone e culture

Dettagli