GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI, PRESCRIVERLI E FORNIRLI PERCHÉ SIANO DAVVERO UTILI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI, PRESCRIVERLI E FORNIRLI PERCHÉ SIANO DAVVERO UTILI?"

Transcript

1 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre 2013 GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI, PRESCRIVERLI E FORNIRLI PERCHÉ SIANO DAVVERO UTILI? Dr. Giovanni Guandalini ABILITA Servizio Informazione e Valutazione Ausili U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

2 Argomenti Contesto operativo f ABILITA Servizio Informazione e Valutazione Ausili: metodo operativo per la scelta dell ausilio appropriato Regole generali e basilari per l ausiliazione del domicilio 3 esperienze trentine: Distretto di Trento, Dipartimento di Riabilitazione, consulenze da remoto 2 progetti trentini

3 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre 2013 CONTESTO OPERATIVO U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

4 Contesto operativo Nel 2020 il 18% della popolazione europea sarà esposta all esperienza della disabilità (Italia: 61M11M; spesa) Popolazione sanitaria attuale: anziana e poli-patologica; lo sviluppo moderno della medicina: - permette di salvare persone che fino a qualche tempo fa decedevano - spesso non è in grado di restituire loro condizioni di autonomia e qualità di vita soddisfacenti 1) stiamo riconsegnando al territorio persone disabili con problematiche assistenziali e gestionali fortemente critiche, spesso accompagnate da dispositivi assistivi tecnologicamente complessi, necessari per: potenziare l autonomia residua facilitare l assistenza

5 Contesto operativo 2) prima della dimissione necessità (almeno per i casi più complessi) di un sopraluogo domestico per conciliare il più possibile: - ambiente architettonico - bisogni - abitudini di vita dell utente e dei famigliari - tecnologia

6 Contesto operativo Il territorio trentino: difficoltà oggettive legate all orografia caratterizzata da valli e quindi da ridotta superficie edificabile e pendenze. Per cui è molto frequente imbattersi in: * abitazioni distribuite su due piani (giorno/notte) con scale interne (in legno), stanze piccole, bagni stretti * pendenza significativa del terreno attorno alla dimora * dislivelli da superare nell ambiente esterno circostante

7 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre 2013 UN METODO OPERATIVO PER LA SCELTA DELL AUSILIO APPROPRIATO U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

8 ABILITA Da circa 14 aa all interno di Villa Rosa Ospedale Riabilitativo è operativa la sezione ABILITA Servizio per l Informazione e la Valutazione degli Ausili che effettua: * valutazione per gli ausili da assegnare ai pz ricoverati * consulenza a pazienti ambulatoriali e loro congiunti * valutazioni domiciliari ABILITA è in collegamento on line con la banca dati del magazzino aziendale di riutilizzo degli ausili, per cui prima di richiedere l acquisto di un nuovo dispositivo verifica l eventuale disponibilità a magazzino vi operano un medico e due Ft

9 ABILITA Letteratura: 2 problemi importanti: scelta dell ausilio giusto elevata percentuale di abbandono dell ausilio Occorre quindi dotarsi di un approccio scientifico, di un metodo corretto per ridurre/evitare tali problemi

10 ABILITA: metodo Per la valutazione dell ausilio appropriato ABILITA utilizza un metodo di lavoro così articolato: 1. accurata valutazione clinica del paziente caratteristiche della malattia (necessità, evolutività, ) valutazione biomeccanica = possibilità posturali, capacità motorie residue, loro possibile evoluzione val. funzionale = autonomia attuale/raggiungibile 2. valutazione del bi- tramite incontri anche ripetuti con gli attori del sogno 3. empowerment degli utenti percorso per esplicitare necessità e problematiche (strumenti di indagine come MPT) 4. conoscere abitudini utente/caregiver, contesti d uso, preferenze estetiche * attivita funzionali, trasferimenti, trasporto in auto, domicilio * spinta motivazionale, contesto famigliare motivante o meno * tecnologia già in uso (tecnocrate o tecnofobo?)

11 ABILITA: metodo 5. condividere obiettivi e soluzioni e scelta del progetto più funzionale 6. considerare le possibilità di ottenimento (NT/disponibilità dell utente) 7. è fondamentale fare prove, personalizzare gli ausili e chiedere parere dell interessato (vero conoscitore del contesto/abitudini: riduce rischio abbandono; si potenzia l autostima dell utente) 8. necessario l addestramento (incidenti-cadute frequenti) 9. insegnare la manutenzione per il corretto funzionamento del dispositivo 10. essenziale il follow up delle situazioni critiche/evolutive è necessario dotarsi di conoscenze tecnico-merceologiche basilari (tipi principali di carr., parti costitutive e parti regolabili di essa: conoscenze teorica e pratica)

12 ABILITA: outcome Valutazione outcome di ABILITA tramite QUEST (Quebec User Evaluation of Satisfaction with Assistive Technology) per misurare la soddisfazione dei pz rispetto il proprio ausilio e i servizi correlati 12 items: 8 relativi agli ausili (Dimensioni, Peso, Modifiche, Sicurezza, Durabilità, Facilità d uso, Comfort e Efficacia) e 4 ai servizi (Servizio di fornitura, Riparazioni/assistenza, Servizi professionali, Servizi di verifica) ogni item viene valutato con una scala da 1 ( non soddisfatto per niente ) a 5 ( molto soddisfatto ); si calcola un punteggio parziale relativo all ausilio, uno relativo ai servizi e un punteggio totale del QUEST; poiché il totale viene diviso per il numero degli items validi, il punteggio sarà sempre tra 1 e 5 alla fine si chiede all utente di scegliere 3 tra i 12 items ritenuti più importanti 45 utenti (+ 15 persone che non hanno accettato) scelti in modo casuale tra coloro cui era stato prescritto un ausilio nei 4-5 aa precedenti (2010)

13 ABILITA: outcome carrozzine a spinta manuale 44 carrozzine elettriche 5 montascale mobile 9 montascale fisso 4 totale 62

14 ABILITA: outcome 53 ausili ancora usati 85% 9 ausili abbandonati 6 per cause non intrinseche ausilio 5 miglioramento quadro clinico 1 peggioramento quadro clinico 10% 3 per cause intrinseche ausilio 5% Percentuale di abbandono degli ausili: 5% versus 15,6% in letteratura l analisi dei lavori pubblicati ha evidenziato l assenza di esplicitazione dell uso di un metodo di approccio per la valutazione dell ausilio

15 ABILITA Attuando tale metodo di lavoro è possibile: definire con precisione gli obiettivi da perseguire adeguatezza della soluzione costruita miglioramento dell autonomia del paziente e della qualita di vita sua e/o degli assistenti migliorare l appropriatezza dell ausilio prescritto riduzione del rischio di abbandono dello stesso ottimizzazione della spesa usando il collegamento on line alla banca dati del magazzino di riutilizzo degli ausili si è potuto attingere con efficacia risparmio della spesa ricaduta interna positiva: notevole incremento motivazionale del personale per la partecipazione affettiva e creativa al proprio operato e la gratificazione per i risultati positivi ottenuti

16

17 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre 2013 REGOLE GENERALI BASILARI DELL AUSILIAZIONE DEL DOMICILIO U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

18 Regole generali dell ausiliazione Il progetto di ausiliazione della disabilità grave prevede sempre e di necessità l integrazione equilibrata tra tecnologia assistiva e assistenza personale: perché nei quadri di grave disabilità l assistenza alla persona, pur alleggerita dai dispositivi tecnologici, richiede comunque sempre la presenza di assistenti l operatore deve quindi effettuare una indispensabile e delicata valutazione dell integrazione ottimale e funzionale tra assistenza umana e supporto tecnologico, tenendo particolarmente in considerazione la personale preferenza dell utente e/o dei caregivers per il contatto umano piuttosto che per la tecnologia: pena il fallimento del progetto stesso

19 Regole generali dell ausiliazione Gli interventi devono quindi essere sempre personalizzati: necessità di porre il paziente al centro del nostro operare: protagonista, perché soggetto direttamente interessato e conoscitore del proprio ambiente domestico Premessa imprescindibile a ciò è pertanto costruire un corretto rapporto operatore-utente Le modifiche dell abitazione devono essere il più rispettoso possibile delle abitudini della persona disabile e dei suoi famigliari, perché: la disabilità di per sé sconvolge sufficientemente la vita dell interessato e dei suoi cari troppi ausili complicano la vita prima di proporre interventi è indispensabile la conoscenza delle abitudini d uso dello spazio domestico da parte della persona disabile e dei suoi famigliari

20 Regole generali dell ausiliazione Il risultato finale deve tendere a garantire un alloggio il più possibile normale (minor funzionalità, ma immagine domestica ): limitare il più possibile l uso di ausili, oggetti, arredi, soluzioni speciali ospedale; solo ausili strettamente indispensabili e i più semplici possibili creare soluzioni di accessibilità rispettando il presupposto di non stravolgere la normalità preesistente: quando possibile ricercare i prodotti all interno della produzione commerciale (supermercato, centri di arredo) selezionare ausili il più possibile inseribili in modo armonioso all interno della casa

21 Regole generali dell ausiliazione Nel caso di accidenti acuti ricordarsi che spesso il paziente deve fare un percorso paziente per recuperare il proprio ruolo - familiare - professionale - sociale alla dimissione prescrivere gli ausili indispensabili e procrastinare a un momento successivo i progetti per un ulteriore autonomia c è bisogno di tempo e di ritorno nel proprio ambiente per elaborare progetti di autonomia personali c è bisogno di sperimentare spazi di autonomia per proporre ulteriori progetti di autonomia personale

22 Regole generali dell ausiliazione Il fallimento del progetto comporterà: - insoddisfazione dell utente e abbandono dell ausilio - frustrazione e perdita di autostima - atteggiamento rinunciatario - aumento della richiesta di assistenza (spesa) Il successo, invece: - stimolerà nel paziente l autostima e il desiderio di ripresa - ridurrà il rischio di abbandono dell ausilio - faciliterà la relazione tra il caregiver (meno gravato dalla fatica assistenziale) e la persona disabile, con conseguente miglioramento della qualità della vita per entrambi - comporterà risparmio nel medio-lungo termine

23

24 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre ESPERIENZE TRENTINE U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

25 ESPERIENZA TRENTINA: normativa Azienda Sanitaria unica provinciale Distretto di Trento (Centro Nord) ha competenza provinciale per l autorizzazione degli ausili ed è responsabile del magazzino di riutilizzo degli ausili, la cui gestione è delegata a un azienda (che su indicazione del Distretto ritira l ausilio in disuso, ove possibile sanifica e rigenera il dispositivo e lo riconsegna a un altro utente sempre su indicazione del Distretto) la normativa provinciale prevede: possibilità per il MMG di prescrivere gli ausili dell allegato 2 (stampelle, tripodi e quadripodi, deambulatori, letti, materassi, cuscini, sollevatori, montascale, ausili per il bagno) e le carrozzine pieghevoli difficoltà dell appropriatezza dell ausilio prescritto oltre al NT, Commissione Provinciale per gli ausili extra-tariffario (104) + delibera provinciale per la fornitura di ausili per la comunicazione a pazienti con grave malattia neuromotoria (in particolare SLA)..

26 ESPERIENZA TRENTINA: normativa tradotta dall Azienda nell assegnazione ad ABILITA dell incarico di autorizzare (con valenza per tutto il territorio provinciale) l erogazione (per ora solo) del pc a controllo oculare (altri ausili NT/ Commissione Provinciale): l Azienda ha sottoscritto una convenzione triennale per la fornitura in comodato d uso di un pc di elevato livello tecnologico disponiamo inoltre di alcuni pc a controllo oculare di livello medio, acquistati precedentemente dall Azienda e che eroghiamo per il periodo necessario a pz con minor esigenze funzionali.

27 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre 2013 ESPERIENZA 1 U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

28 ESPERIENZA TRENTINA: 1 Rilevando difficoltà di comprensione/collaborazione tra il Distretto di Tn e ABILITA, è stato fatto un graduale lavoro di allineamento in termini di conoscenza reciproca degli operatori e trasferimento di conoscenze che hanno portato a: costituzione del magazzino di riutilizzo e sua soddisfacente gestione, consultabile on line da ABILITA maggior adeguamento di noi prescrittori alle norme autorizzative (con costituzione in particolare di prestampati informatizzati completi dei codici prescrittivi e frasi strategiche per l autorizzazione concordate con il Distretto che ABILITA invia per mail al medico del nostro P.O. dopo la valutazione) conoscenza da parte del Distretto dei bisogni del ns P.O. che si è tradotta per es. nell espletamento in tempi molto brevi dell autorizzazione delle nostre prescrizioni e nella possibilità di risolvere telefonicamente molte difficoltà

29 ESPERIENZA TRENTINA: 1 corsi formativi per il personale medico e amministrativo preposto alle autorizzazioni (per approfondire la loro conoscenza degli ausili che autorizzano, ma che non conoscevano sia dal punto di vista funzionale che qualitativo) fiducia da parte del personale del Distretto nei confronti delle competenze e correttezza prescrittiva di ABILITA richieste da parte del personale del Distretto di consigli telefonici, di consulenze in caso di problemi autorizzativi o di pazienti con difficoltà particolari di ausiliazione

30 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre 2013 ESPERIENZA 2 U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

31 ESPERIENZA TRENTINA: 2 Con il Dipartimento di Riabilitazione è stato analizzato come: il personale riabilitativo (medico e paramedico) fosse poco provvisto di elementi conoscitivi e di strumenti valutativi: per definire una corretta postura in carrozzina spesso per affrontare una prescrizione appropriata il personale sanitario/socio-sanitario del territorio non disponesse di sufficienti conoscenze per la gestione/manutenzione degli ausili che incontra nelle abitazioni degli assistiti. In collaborazione con il Dipartimento di Riabilitazione e il Distretto di Tn si sono effettuati corsi formativi in cui venivano spiegate le norme che regolamentano la prescrizione e le caratteristiche fondamentali degli ausili dell allegato 2 e delle carrozzine; in particolare:

32 ESPERIENZA TRENTINA: 2 per MMG sia in periferia (nelle diverse valli trentine), che centralizzati: da tali corsi si è tra l altro rilevata la loro oggettiva difficoltà prescrittiva per il personale riabilitativo delle strutture accreditate e RSA per personale riabilitativo dell Azienda: su 3 livelli: informativo generale (norme, allegato 2, caratteristiche generali delle carrozzine), specialistico (regole base della corretta postura in carrozzina), formazione sul campo (approfondimento delle regole per una corretta postura e workshop) per infermieri e OSS del territorio (assistenza domiciliare, cure palliative del Distretto di Trento e dell Alta Valsugana) con l intento di formare persone in grado di rilevare bisogni, gestire gli ausili che incontrano a domicilio, fornire un empowerment basilare ai caregivers (aumentando così l autonomia degli utenti, garantendo l uso in sicurezza degli ausili, riducendo il carico assistenziale, divenendo propositivi nel trovare soluzioni di autonomia)

33 ESPERIENZA TRENTINA: 2 Ciò ha portato a: costituzione in alcuni ospedali delle valli trentine di un minimo deposito di ausili di prova in supporto ai pazienti ricoverati (deambulatori, comoda, carr. pieghevoli) segnalazione ad ABILITA da parte degli infermieri del territorio o MMG del bisogno di ausiliazione per un pz di difficile trasporto (condizioni cliniche, residenza in un maso in qualche valle): per es. in caso di necessità di una carrozzina basculante, d accordo col MMG, l infermiere ci ha fornito telefonicamente le misure antropometriche del paziente, inviato per mail foto degli ausili in dotazione e dell abitazione (per definire gli spazi di manovra); d accordo con il Distretto si è fatta quindi pervenire dal magazzino di riutilizzo una carrozzina adeguata; l infermiere ci confermava poi la correttezza della proposta inviandoci delle foto.

34 ESPERIENZA TRENTINA: 2 A tal proposito, abbiamo concordato con il Distretto la possibilità di sostituire l ausilio prelevato dal magazzino di riutilizzo e risultato non adeguato (evento poco frequente): la spesa dell insuccesso è comunque compensata dal risparmio del riutilizzo.

35 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre 2013 ESPERIENZA 3 U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

36 ESPERIENZA TRENTINA: 3 Abbiamo sperimentato la possibilità di effettuare consulenze in videoconferenza per la proposta di un ausilio: utilizzando una buona e poco costosa webcam è possibile collegarsi con la sede sanitaria periferica (in cui si trova il terapista, l utente ed ev. il tecnico ortopedico di riferimento) e fare proposte per una postura seduta corretta, un ortesi di posizionamento o per facilitare e rendere più sicuro il cammino.

37 CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, novembre 2013 PROGETTI TRENTINI U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione Ospedale Riabilitativo Villa Rosa Pergine

38 Progetto 1 Costruire con il Dipartimento di riabilitazione una rete prescrittiva secondo il modello hub and spokes, che veda ABILITA come centro di consulenza di secondo livello per: i centri sanitari periferici (ospedalieri e territoriali) attraverso l uso di un programma dell intranet aziendale dedicato alla video-conferenza e la collocazione periferica di web cam: sarà possibile erogare consulenze on demand dei centri senza spostare gli utenti; con la prospettiva a medio termine di implementare progressivamente le competenze prescrittive della periferia in un secondo momento estendere la proposta anche alle RSA che nel ns territorio con fatica dispongono di una consulenza fisiatrica (necessaria per l ausiliazione personalizzata dei loro ospiti con severe problematiche posturali)

39 Progetto 2 Costruire presso l Ospedale Riabilitativo Villa Rosa una struttura costituita da due unità abitative di transito e un laboratorio tipologico universitario ingegneristico per elaborare progetti personalizzati di adattamento dell abitazione di persone disabili o con difficoltà cognitive/comportamentali e fare contemporaneamente ricerca ad hoc.

40

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER)

Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Ricerca corrente 2014 Titolo: Studio sull Efficacia delle carrozzine elettroniche nella domiciliarietà - POwered Wheelchairs Effectiveness in Real life study (POWER) Anagrafica progetto: Responsabile Progetto:

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli

Fisioterapista Laura Caravelli scrf Moncalieri Direttore dott Gaffuri Andrea

Fisioterapista Laura Caravelli scrf Moncalieri Direttore dott Gaffuri Andrea ANZIANI MALATI NON AUTOSUFFICIENTI E/O CON DEMENZA Il diritto alle cure e la riorganizzazione delle prestazioni sanitarie e socio-sanitarie intra ed extra ospedaliere Fisioterapista Laura Caravelli scrf

Dettagli

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi.

CONFERENZA STAMPA. L ASL di Brescia presenta un progetto rivolto ai malati oncologici terminali con il sostegno della Fondazione Berlucchi. DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA

SERVIZIO DI FISIOTERAPIA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 7 INDICE 1. OBIETTIVO... 2 2. ATTIVITA FISIOTERAPICA GENERALE... 2 2.1 PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 2.2 MODULISTICA... 3 2.3 STRUMENTI... 3 2.4 FREQUENZA... 3 MODALITÀ

Dettagli

allegato 1 PRESCRIZIONE DI STRUMENTI TECNOLOCICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL'AUTONOMIA E ALL'INCLUSIONE SOCIALE

allegato 1 PRESCRIZIONE DI STRUMENTI TECNOLOCICAMENTE AVANZATI RIVOLTI ALL'AUTONOMIA E ALL'INCLUSIONE SOCIALE REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 17 giugno 2013, n. 18-5958 Modifiche ed integrazioni della D.G.R. n. 4-6467 del 23.07.2007 e s.m.i., recante contributi a persone con

Dettagli

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC

OSPEDALE DI COMUNITÀ. CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC OSPEDALE DI COMUNITÀ CARTA AllegatoOdC rev1 feb2014 ALLEGATO OC 1. OSPEDALE DI COMUNITÀ (OdC)... 3 1.1. Premessa... 3 1.2. La struttura residenziale... 3 1.3. Ingresso... 3 1.4. Come avviene il ricovero...

Dettagli

Convegno internazionale: "Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità" - Bologna 16 Dicembre 2010

Convegno internazionale: Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: sfide e opportunità - Bologna 16 Dicembre 2010 15/12/2010 Ausili e soluzioni per la qualità della vita in una società che cambia: quali sfide e quali opportunità? Fra LEA e «Piano di Indirizzo per la Riabilitazione»: come si modifica la prescrizione

Dettagli

Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia

Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia Mettere a sistema le dimissioni protette: un possibile modello Relatore: Silvano Casazza Coautori: S. Marson, G. Cassavia, O. Manzi Affiliazione: CARD Lombardia In letteratura, sono stimate nel 2-3% di

Dettagli

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico? Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo tecnologico Milano La prescrizione di ausili : momento terapeutico o momento burocratico?

Dettagli

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 1 Sicurezza domiciliare tra domotica e superamento delle barriere architettoniche Dr. Angelo Montesano, Responsabile Servizio

Dettagli

Cure Domiciliari: definizione

Cure Domiciliari: definizione Cure Domiciliari: definizione E un complesso di cure mediche, infermieristiche, riabilitative, Socio-assistenziali integrate fra loro, erogate al domicilio del paziente. S.S.V.D. Cure Domiciliari Struttura

Dettagli

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI)

DOMANDA. DPCS 2015 Analisi di Contesto. Assistenza programmata al domicilio (ADI) Assistenza programmata al domicilio (ADI) Le Cure domiciliari hanno assunto una valenza sempre più strategica a causa dell aumento dell aspettativa di vita e del concomitante incremento della patologia

Dettagli

PER LA PRESCRIZIONE DI

PER LA PRESCRIZIONE DI LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DI AUSILI LE FOTO CONTENUTE SONO ESEMPLIFICATIVE DEL PRODOTTO 1 PRESCRIVIBILITA AUSILI: AVENTI DIRITTO: soggetti con invalidita riconosciuta (diagnosi compatibile con ausilio

Dettagli

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili.

Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili. Milano, 02-03-2015 Nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) - assistenza in materia di protesi ed ausili. Osservazioni L analisi dei documenti relativi alla revisione, appena presentata dal

Dettagli

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo

Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo Convegno SItI CURE PRIMARIE TRA MITO E REALTA : IL RUOLO DEI PROFESSIONISTI 13 novembre 2009 Bergamo L esperienza dell Azienda Sanitaria Locale della provincia di Varese ALCUNE CONSIDERAZIONI La creazione

Dettagli

Corso La complessità in geriatria

Corso La complessità in geriatria Corso La complessità in geriatria Argomento La complessità dell assistenza domiciliare Materiale didattico Dott.ssa Fausta Podavitte Direttore del Dipartimento ASSI 11 marzo 2011 Dalle cure domiciliari

Dettagli

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità

Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità S.It.I. Milano 8 febbraio 2012 Ruolo dei diversi attori e processi di erogazione: analisi normativa e criticità 16-02-2012 1 Nomenclatore Tariffario delle Protesi DECRETO MINISTERIALE n. 332. 27 agosto

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE

DM 332/1999 CHI HA DIRITTO ALLE PRESTAZIONI DEL SSN E IN CHE MODO PUO RICHIEDERLE NOMENCLATORE TARIFFARIO DM 332/1999 Il Nomenclatore Tariffario è l'elenco delle Protesi e degli Ausili Tecnici (Dispositivi) diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni

Dettagli

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M.

GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO. Dr. P. Vivoli. U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. PNEUMOLOGIA TERRITORIALE GESTIONE A DOMICILIO DEL PAZIENTE COMPLESSO NELLA USL DI AREZZO Dr. P. Vivoli U.O. Pneumologia Territoriale Direttore: Dr M. Biagini E in costante aumento il numero di pazienti

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano

L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano L impatto delle problematiche di accettazione dell ausilio nel percorso universitario dei corsi per TO: l esperienza di Conegliano Dott. Riccardo Verza Dott. Paolo Boscarato Corso di Laurea in Terapia

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE

PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE REGIONE VENETO - AZIENDA SANITARIA ULSS 22 PROGETTO DI ASSISTENZA AL MALATO NEOPLASTICO GRAVE E PER LO SVILUPPO DELLE CURE PALLIATIVE A cura del Coordinamento dei Distretti socio-sanitari e dei Medici

Dettagli

ASSISTENZA PROTESICA

ASSISTENZA PROTESICA Trieste, 11 giugno 2005 Aspetti medico-legali nella gestione dei pazienti con Sclerosi Multipla ASSISTENZA PROTESICA Dott.ssa Viviana VARONE ASS n. 5 Bassa Friulana Dipartimento di Prevenzione SOGGETTI

Dettagli

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA

NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA NORME PER LA PREVENZIONE, LA DIAGNOSI E LA CURA DEL DIABETE MELLITO DELL ETÀ ADULTA E PEDIATRICA Legge regionale 11 novembre 2011, n. 24 (BUR n. 85/2011) [sommario] [RTF] Art. 1 - Finalità. 1. La Regione

Dettagli

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99

I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 I DISPOSITIVI PROTESICI D.M. 332/99 30 giugno 2014 Breve quadro normativo e contenuto del D.M. 332/99 D.G.R 642/2014 Regione Liguria revisione a livello nazionale D.P.C.M. LEA La spesa dell assistenza

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica

Rosa Maria Converti Maurizio Saruggia. Qualità dell Assistenza Protesica Percorsi riabilitativi mirati alla valutazione e alla prescrizione degli ausili: l esempio del protocollo carrozzine elettroniche in atto tra ASL di Milano e Fondazione Don Gnocchi Rosa Maria Converti

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE

RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA AllegatoRSA rev1 feb2014 ALLEGATO RSA 1. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE (RSA)... 3 1.1. La struttura residenziale... 3 1.2. Coordinamento dei servizi... 3 1.3.

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010

CARTA DEL SERVIZIO CURE PALLIATIVE domiciliari ed Hospice ultima revisione agosto 2010 Azienda provinciale per i Servizi Sanitari Distretto di Trento e Valle dei Laghi Rotaliana e Paganella - Cembra U.O. ASSISTENZA PRIMARIA Centro Servizi Sanitari Viale Verona 38123 Trento - CARTA DEL SERVIZIO

Dettagli

A.P.S.P. "S. Spirito - Fondazione Montel"

A.P.S.P. S. Spirito - Fondazione Montel La tutela della non autosufficienza in provincia di Trento Quadro normativo di riferimento: L.P. 12/07/1991 n. 14 L.P. 28/05/1998 n. 6 L.P. 24/07/2012 n. 15 Direttive Provinciali in materia di R.S.A. Contenuti:

Dettagli

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA

I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA I LUOGHI DELLA CURA E DELL APPRENDIMENTO DALL ESPERIENZA Un viaggio tra il sé professionale e il sistema delle cure domiciliari Il ruolo del MMG nel sistema delle cure domiciliari BIELLA - CITTA STUDI

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte

Persone ricoverate presso la degenza riabilitativa di Castellamonte Il Servizio di Medicina Fisica e Riabilitazione dell ASL 9: una rete di servizi ospedaliera, territoriale e domiciliare per l utente con necessità di riabilitazione e assistenza L intervento riabilitativo

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto

L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto L integrazione professionale per l assistenza a domicilio: infermieri e fisioterapisti a confronto Stefania Franciolini, Direttore U.O. Servizio Assistenza Infermieristica Territoriale Simonetta Tamburini,

Dettagli

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia

Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Distretti di Dalmine, Grumello del Monte (ASL della provincia di Bergamo) Servizio accreditato presso la Regione Lombardia PER L ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Dr.Piergiorgio Trevisan

Dr.Piergiorgio Trevisan LE CURE PRIMARIE Le AFT: stato dell arte del progressivo inserimento dei MMG e dei MCA nella struttura distrettuale per un distretto casa dei Medici di Assistenza Primaria Dr.Piergiorgio Trevisan L Azienda

Dettagli

Centro Regionale Ausili. Centro Ausili Tecnologici

Centro Regionale Ausili. Centro Ausili Tecnologici Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche In convenzione con e con Centro Regionale Ausili Centro Ausili Tecnologici L Area Ausili di Corte Roncati...2 Una storia che viene da lontano...2 I

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice

Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 8.7 Requisiti specifici per l accreditamento di Strutture Residenziali di Cure Palliative - Hospice 1 Premessa L Hospice è una struttura sanitaria residenziale che si colloca nella rete delle cure palliative

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

LA RIABILITAZIONE IN ADI

LA RIABILITAZIONE IN ADI Azienda USL3 di Pistoia LA RIABILITAZIONE IN ADI LA RIABILITAZIONE DOPO ICTUS E FRATTURA FEMORE IN TOSCANA Firenze 17 Aprile 2012 Franco Giuntoli UORRF Aziendale Simone Bonacchi UORF Zona Distretto Pistoiese

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

Carta dei Servizi. Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi Rev. 3 del 12/03/2015 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Gentile Utente, La ringraziamo in anticipo qualora voglia scegliere o abbia scelto la nostra Cooperativa sociale per il servizio

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI

01/02/2008 DANILO MASSAI / ALESSANDRO MANCINI LA SALUTE PER TUTTI EFFICACIA Qualità dell assistenza (uso ottimale delle risorse) SERVIZI SANITARI (sistema sanitario, strutture, operatori) EQUITA Razionamento (uso appropriato delle risorse) RISORSE

Dettagli

Un modello di gestione distrettuale della residenzialità in Valle d Aosta

Un modello di gestione distrettuale della residenzialità in Valle d Aosta Un modello di gestione distrettuale della residenzialità in Valle d Aosta LEONARDO IANNIZZI MD Direttore Distretto e RSA di Antey-Saint-André - Valle d Aosta Card CONVEGNO INTERREGIONALE NORD ITALIA 11

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale

Federazione Associazioni Italiane Paratetraplegici Associazione di Promozione Sociale Il percorso clinico assistenziale riabilitativo L'Unità Spinale Unipolare (U.S.U.) rappresenta una struttura complessa unipolare espressamente destinata all'assistenza delle Persone con lesioni al midollo

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI

Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Come ottenere un AUSILIO o una PROTESI o un ORTESI Riferimenti di legge L Assistenza Sanitaria protesica è sancita dalla L. 118/71, art. 3, comma 1, ulteriormente precisata dal D.M.S. 332/99 a cui è allegato

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

Valutazione e prescrizione

Valutazione e prescrizione Valutazione e prescrizione Ortesi, Protesi ed Ausili Corso Nazionale di Aggiornamento SIMFER 2010 Manfredonia FOGGIA 15-17 novembre 2010 Tavola Rotonda ESPERIENZE A CONFRONTO NELLA ORGANIZZAZIONE DEL SETTORE

Dettagli

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309

Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ANNO 2014 Sede Legale: P.zza Mons. Moneta 1 20090 CESANO BOSCONE (MI) Tel. 02/45.677.741 848 Fax 02/45.677.309 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014

DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2014 DISTRETTO SOCIO SANITARIO - SERVIZIO ADI RELAZIONE ATTIVITA ANNO 214 1.1 UNO SGUARDO D INSIEME 1.1.1 Il contesto di riferimento Il servizio Assistenza Domiciliare Integrata si occupa dei pazienti che presentano

Dettagli

Nel pool degli specialisti che dovrebbe prendere in cura il paziente non è al momento previsto alcun psicologo, fisiatra/fisioterapista e logopedista

Nel pool degli specialisti che dovrebbe prendere in cura il paziente non è al momento previsto alcun psicologo, fisiatra/fisioterapista e logopedista PUNTO 1. Molto spesso il medico di base non riesce ad identificare i segnali prognostici della malattia ritardando la diagnosi e quindi l inizio della terapia farmacologica Erogare ai medici di base la

Dettagli

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI

IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI IL SERVIZIO INFERMIERISTICO DOMICILIARE DISTRETTO DI CARPI Carpi 21 MAGGIO 2011 Vilma Culpo S.A.D.I. Definizione O.M.S. L'assistenza domiciliare è la possibilità di fornire a domicilio del paziente quei

Dettagli

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA Progetto relativo alla linea del PNP Prevenzione del Rischio Cardiovascolare Referente: Dr. Alberto Deales Obiettivi iniziali del progetto : Il progetto rappresentava uno studio pilota finalizzato a valutare

Dettagli

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo.

FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO. HOSPICE Padre L. Tezza. RSA Ovidio Cerruti. Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG. www.operasancamillo. Carta dei FONDAZIONE OPERA SAN CAMILLO HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti Via Cerruti, 6 - Capriate San Gervasio 24042 BG www.operasancamillo.net HOSPICE Padre L. Tezza RSA Ovidio Cerruti 1 di 18

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2718 del 24 dicembre 2012 pag. 1

ALLEGATOA alla Dgr n. 2718 del 24 dicembre 2012 pag. 1 ALLEGATOA alla Dgr n. 2718 del 24 dicembre 2012 pag. 1 OSPEDALE DI COMUNITÀ Definizione Esiti attesi Classificazione Risposta a quali bisogni Posti letto / abitante Posti letto Aspetti strutturali Tipologia

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO

CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO CONTINUITÀ DELLE CURE NELL ASSISTENZA AL MALATO CRONICO Gruppo di Lavoro Federsanità ANCI Veneto e Friuli Venezia Giulia Salute e Welfare a Nordest Udine, Fondazione CRUP- 23 febbraio 2009 Dott. Daniele

Dettagli

Gli interventi delle professioni sanitarie

Gli interventi delle professioni sanitarie Gli interventi delle professioni sanitarie 19 febbraio 2015 Dott. BALDINI CLAUDIO Direttore UOC Direzione Professioni Sanitarie Territoriali ASL 11 EMPOLI 23/02/2015 1 Secondo me la missione delle cure

Dettagli

V GIORNATA MONDIALE BPCO

V GIORNATA MONDIALE BPCO V GIORNATA MONDIALE BPCO DR.SSA MARIELLA MARTINI Direttore Generale Azienda Sanitaria Locale Reggio Emilia 1 Provincia di Reggio Emilia 486.961 Abitanti Azienda USL di Reggio Emilia 6 Distretti 3776 Dipendenti

Dettagli

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI

U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI U.O. DI RIABILITAZIONE POLIFUNZIONALE SPECIALISTICA RESPONSABILE DR. MARCO MARTINELLI PROTOCOLLO INFERMIERISTICO-TECNICO P.I.T. 1F N 02 GESTIONE DEL PAZIENTE EMOFILICO PREMESSA I pazienti con emofilia

Dettagli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli

L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione, vincoli ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 L organizzazione distrettuale: ruolo del Distretto, attività di programmazione,

Dettagli

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale -Territorio in Pronto Soccorso Obiettivo

Dettagli

Progetto di riorganizzazione del servizio ausili dell ASL CN1

Progetto di riorganizzazione del servizio ausili dell ASL CN1 Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Milano Fondazione Don Carlo Gnocchi ONLUS Polo Tecnologico Milano Corso di Perfezionamento Tecnologie per l autonomia e l integrazione

Dettagli

L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC

L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC L assistenza integrata ospedale-territorio nel paziente con SCC Le criticità - Assistenza spesso incoordinata - Inerzia nell adesione alla mission - Coinvolgimento dei singoli ma non della massa - Inerzia

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA

REGIONE LAZIO. Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Accreditamento dei servizi domiciliari a favore delle persone con AIDS. Esperienza del Lazio. LA STORIA Con la deliberazione della Giunta regionale n. 7549 dell 8.9.1992 si definisce il primo piano per

Dettagli

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA

PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE CONTINUITA ASSISTENZIALE TRA PROTOCOLLO DI DIMISSIONI PROTETTE TRA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E ABITATIVE COMUNITA DELLA VAL DI NON AZIENDA PROVINCIALE PER I SERVIZI SANITARI DISTRETTO SANITARIO OVEST STRUTTURA OSPEDALIERA CONTESTO

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività

LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO. Formazione ed Attività LA FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO- SANITARIO Formazione ed Attività MAPPA CONCETTUALE PROFILO PROFESSIONALE FORMAZIONE CONTESTI OPERATIVI CONTESTO RELAZIONALE ATTIVITÀ COMPETENZE ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

Maria Teresa Agati, presidente C.S.R.

Maria Teresa Agati, presidente C.S.R. Maria Teresa Agati, presidente C.S.R. 4/27/2015 1 Il C.S.R. ha lo scopo statutario di studiare i sistemi istituzionali di erogazione di ausili, destinati a facilitare l assistenza domiciliare, aumentare

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili

Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili «Ripartiamo dal territorio 2015 Lavori in corso» Appropriatezza prescrittiva: Protesi ed ausili Dott. Giuseppe Coluzzi Azienda ASL LATINA DISTRETTO 2 ASSISTENZA RIABILITATIVA SONO UTILIZZATI, A SECONDA

Dettagli

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità

Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Regione Lombardia ed allarme demenze Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale, Volontariato e Pari Opportunità Milano, 24 marzo 2015 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO Gli anziani (dai 65 anni in su)

Dettagli

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE

AZIENDA USL VDA LA DIMISSIONE PROTETTA IN VDA: UN MODELLO DI INTEGRAZIONE TERRITORIO-OSPEDALE DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AZIENDA USL VDA DIREZIONE STRATEGICA AREA TERRITORIALE DISTRETTUALE AREA DEGENZA AREA PREVENZIONE AREA TECNICO AMMINISTRATIVA S.C. DISTRETTO 1 S.C. DISTRETTO 2 S.C. DISTRETTO 3 S.C. DISTRETTO 4 S.C. OSPEDALIERE

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government Il Progetto a project of TBS Group www.tbsgroup.com Il contesto di riferimento È da tempo in atto un progressivo spostamento del baricentro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Numeri utili di Bergamo Sanità Segreteria del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata 3331643940 Reperibilità telefonica 3331643940 Fax 035/5291167

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli