COLLEGIO BIANCONI - SCUOLE PARITARIE MONZA. Carta dei servizi scolastici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLEGIO BIANCONI - SCUOLE PARITARIE MONZA. Carta dei servizi scolastici"

Transcript

1 COLLEGIO BIANCONI - SCUOLE PARITARIE MONZA Carta dei servizi scolastici

2 PREMESSA La Scuola cattolica Collegio Bianconi accoglie e applica con rigore la normativa che disciplina l ordinamento scolastico italiano, per quanto concerne le istituzioni paritarie. Punto di riferimento imprescindibile è la Costituzione Italiana che agli artt stabilisce principi di libertà, di uguaglianza e di partecipazione di tutti i cittadini. Coordinate di riferimento per una valida progettazione educativa del Collegio Bianconi sono: la legislazione civile in materia scolastica il magistero della Chiesa che indica mete e strumenti dell educazione cattolica l intuizione carismatica della Fondatrice e la tradizione delle suore di Maria Bambina della Congregazione religiosa delle Sante Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa (vedi PEI) La nostra Scuola è situata in via Torneamento n. 5, Monza, vicino alla chiesa parrocchiale di san Biagio, a cinque minuti dal centro storico. E facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, sia urbani che extraurbani, anche per chi usufruisce del treno. Il Collegio Bianconi è un Istituto scolastico paritario comprensivo: Scuola dell Infanzia (D.M ) Scuola Primaria paritaria (D.M ) Scuola Secondaria di Primo grado paritaria (D.M ) Liceo Linguistico paritario di nuovo ordinamento (D.M e D.R. 674 del ) (Con la applicazione della Riforma dei Licei, infatti, la sperimentazione di Liceo Linguistico Europeo con sezioni di linguistico-moderno e giuridicoeconomico è in esaurimento e terminerà con l anno scolastico 2013/2014) Il Collegio Bianconi ha ottenuto in data la Certificazione di Qualità. Tale certificazione è sempre stata rinnovata dalle agenzie preposte. 2

3 Uguaglianza e imparzialità PRINCIPI FONDAMENTALI 1.1 La Scuola svolge un servizio pubblico rivolto a tutti coloro che sono disponibili a un cammino di formazione nella ricerca della verità, secondo il principio evangelico della dignità propria di ogni persona (vedi PEI) a prescindere dalle differenze di ordine etnico, religioso, socio-politico, economico. 1.2 Accoglie ed è aperta a tutti coloro che la scelgono; circa l integrazione di alunni in particolari condizioni psico-fisiche e culturali richiedenti personale di assistenza e/o di sostegno specializzato, valuta il singolo caso in collaborazione con la famiglia e, ove riconosciuti, con l Ufficio scolastico per la Lombardia - Centro Servizi Amministrativi. 1.3 E costituito, presso il Collegio Bianconi, un Fondo di solidarietà denominato Maestra Elisa - Onlus, al quale attingere, nei limiti del possibile, per l attribuzione di contributi a sostegno di alunni della Scuola. 1.4 I criteri usati per l assegnazione delle classi sono: - la scelta, da parte del genitore o dello studente, della tipologia di classe e delle differenti offerte didattiche - la formazione di classi equilibrate e senza discriminazioni di alcun genere. 1.5 Gli operatori scolastici agiscono secondo parametri di obiettività ed equità, riservando, tuttavia, particolare attenzione ai più svantaggiati. 2. Regolarità di servizio 2.1 La Scuola, attraverso tutte le sue componenti, garantisce la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative. In caso di agitazioni sindacali le direzioni valuteranno la possibilità di garantire la regolarità, nel rispetto delle disposizioni contrattuali sottoscritte dal personale. 2.2 In caso di scioperi o manifestazioni studentesche, la Scuola funziona regolarmente. 3

4 3. Accoglienza e integrazione 3.1 La Scuola quale comunità finalizzata alla trasmissione di una cultura di vita, favorisce e promuove l incontro, l accoglienza e la collaborazione delle diverse componenti della comunità educante, con specifico riguardo alla fase d ingresso, alle classi iniziali e a momenti di rilevante difficoltà per studenti e/o famiglie. 3.2 La Scuola favorisce il coinvolgimento attivo dei genitori degli alunni predisponendo momenti di incontro, di dialogo, di formazione, per una migliore integrazione educativa scuola-famiglia. 3.3 Ogni operatore pone al centro della propria attività l educazione integrale della persona dei giovani, protagonisti primari del cammino culturale e formativo, nella loro concretezza storica, personale, familiare e sociale. 3.4 Genitori e alunni sono costantemente informati circa l attività e la vita scolastica, tramite ogni strumento utile allo scopo. 4. Diritto di scelta, obbligo scolastico e frequenza 4.1 I genitori, primi responsabili dell educazione dei figli, hanno la facoltà di scegliere il Collegio Bianconi, purché ne condividano i principi educativo-culturali e di fede o si dichiarino disponibili a un confronto costruttivo sulle finalità istituzionali. 4.2 Nella consapevolezza di far parte di istituzioni scolastiche operanti nello stesso territorio e di essere oggetto di scelta da parte degli utenti, il Collegio Bianconi promuove le iniziative atte a diffondere la conoscenza della sua proposta culturale-formativa. 4.3 La regolarità della frequenza è assicurata con adeguati interventi di controllo e un contatto costante con le famiglie ed è sollecitata dalla promozione di motivazioni e interesse per l attività scolastica. 5. Partecipazione, efficienza e trasparenza 5.1 Istituzione, personale docente e non docente, genitori, alunni sono tutti responsabili dell attuazione del Progetto Educativo d Istituto, del Regolamento Interno e della presente Carta dei Servizi anche attraverso la partecipazione agli Organi Collegiali, in un clima di dialogo, di stima reciproca e di corresponsabilità. 4

5 5.2 Il Collegio Bianconi, centro di promozione culturale, sociale, civile e religiosa, favorisce le attività extrascolastiche, consentendo l uso dei locali e delle attrezzature, anche ad altre scuole in rete ed enti, in orario pomeridiano extracurricolare. 5.3 Per le stesse finalità, la Scuola programma e organizza le modalità di aggiornamento in rete con Istituti ed in collaborazione con enti culturali, nell ambito delle linee di indirizzo e delle strategie di intervento deliberate dal Collegio Docenti. 5.4 L istituzione scolastica, al fine di promuovere ogni forma di partecipazione, garantisce la massima semplificazione delle procedure e un informazione completa e trasparente. 5.5 L attività scolastica, e in particolare l orario di servizio di tutte le componenti, vuole perseguire criteri di efficienza, efficacia, flessibilità nell organizzazione dell attività didattica e dell offerta formativa integrata. 5.6 Genitori e alunni possono accedere ai documenti formali e agli atti su richiesta scritta rivolta ai responsabili di competenza. 6. Libertà di insegnamento e aggiornamento del personale 6.1 La programmazione collegiale assicura la libertà di insegnamento dei docenti ispirata alla visione cristiana della vita, secondo l identità e il progetto propri del Collegio Bianconi ; gli obiettivi educativodidattici trasversali e disciplinari, individuati in sede di Consiglio di Classe, garantiscono la formazione integrale dell alunno nel rispetto del suo processo evolutivo e del piano di studi. 6.2 L aggiornamento e la formazione costituiscono un dovere per tutto il personale scolastico, consapevole del compito educativo ad esso affidato. A tal fine lo Staff di Direzione assicura interventi organici e porta a conoscenza del personale le molteplici offerte promosse da Istituzioni, Associazioni, Enti, e ne incoraggia la partecipazione; inoltre favorisce e sostiene l impegno personale e collegiale all autoaggiornamento. 5

6 PARTE PRIMA AREA DIDATTICA La Scuola, per garantire l adeguatezza delle proposte culturali e formative alle esigenze degli alunni, collabora con le famiglie, le istituzioni e gli enti pubblici e progetta, attua, verifica in modo collegiale. Lo stile educativo all interno del Collegio Bianconi si ispira al carisma proprio della Congregazione religiosa: si esprime mediante il dialogo, il confronto costruttivo e la corresponsabilità, in un impegno di proposta e testimonianza di valori di vita da cui deriva l autorevolezza dell educatore che assicura al giovane quello spazio di libertà che permette di realizzare pienamente se stesso. La Scuola garantisce l elaborazione, l adozione e la pubblicazione dei seguenti documenti: A. Progetto Educativo d Istituto (P.E.I.) B. Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) C. Itinerario Educativo Annuale (I.E.A.) D. Piano Annuale delle Attività (P.A.A.) Tutti i documenti sopra elencati sono a disposizione delle famiglie presso le presidenze e la segreteria didattica. A. Progetto Educativo d Istituto Il P.E.I. Avere a cuore i giovani, unico per i quattro ordini di Scuola del Collegio Bianconi, fa riferimento alle Linee educative secondo il carisma dell Istituto. - Contiene gli obiettivi educativi che orientano le scelte didattiche, formative e organizzative. - Descrive lo stile che deve caratterizzare i rapporti e gli impegni dei membri della comunità educante: alunni, docenti, personale non docente, genitori. - Costituisce un impegno per l intera comunità scolastica. Ha durata pluriennale e viene ripreso, in termini di concretezza e di attualizzazione precisa e puntuale, nell Itinerario Educativo Annuale. B. Piano dell Offerta Formativa Il P.O.F., elaborato e approvato dal Collegio Docenti di ogni ordine di Scuola e ratificato dal rispettivo Consiglio di Istituto, è un documento essenziale tra quelli prodotti dalla Scuola. Definisce l insieme del progetto didattico ed educativo che l Istituto si 6

7 propone di attuare e di offrire alle famiglie e agli studenti. Con la attuazione della legge sull autonomia didattica ed organizzativa, il P.O.F. è diventato anche lo strumento concreto per modulare l offerta della Scuola secondo le esigenze e le opportunità emergenti nel territorio di riferimento della istituzione scolastica. Per questo motivo il P.O.F. è un documento sottoposto a periodica revisione che conduca ad adattare in modo sempre più fedele il lavoro della Scuola alle esigenze della società in coerenza con l ispirazione di fondo che anima l Istituto. Il Regolamento interno, contenuto nel POF, non ha carattere burocratico né meramente disciplinare, ma intende promuovere l assunzione delle responsabilità personali e la presa di coscienza dei propri doveri nel rispetto dei diritto altrui. Esso comprende ogni indicazione normativa relativa alla vita quotidiana delle Scuola. Parte integrante del POF è il patto educativo di corresponsabilità, cioè la dichiarazione, esplicita e partecipata, dell operato della Scuola. Esso si stabilisce, in particolare, tra il docente e l allievo, ma coinvolge - in misura diversificata a seconda dell età degli studenti - anche i genitori. Tutti i membri della comunità educante, dalla Classe al Consiglio di Classe agli Organi d Istituto, si rendono disponibili a collaborare per il comune cammino di formazione, condividendo i principi educativoculturali e di fede proposti dalla Scuola. C. Itinerario Educativo Annuale All inizio dell anno scolastico, grazie al contributo dei docenti e con l apporto degli studenti nel caso del Liceo viene individuato l obiettivo educativo dell anno in corso e le adeguate linee operative correlate alle finalità indicate nei programmi. Ogni classe, in sede di Consiglio e di Assemblea, definisce le modalità e i concreti mezzi di attuazione. Tale itinerario viene riportato in un opuscolo informativo che, con modalità differenziate secondo i vari ordini di Scuola, contiene anche le indicazioni di: iniziative complementari e attività formative, religiose, sociali, culturali, sportive che integrano il curricolo scolastico l organigramma dei docenti il calendario annuale e la scadenza periodica dei Consigli (di programmazione, verifica, valutazione) e del Collegio Docenti per il liceo anche il calendario del Consiglio di Presidenza l orario delle udienze settimanali degli insegnanti ogni altra informazione utile a una migliore fruizione del servizio da parte delle famiglie. L I.E.A. è consegnato alla famiglia all inizio dell anno 7

8 D. Piano Annuale delle Attività Comprende la progettazione annuale delle attività formative e didattiche e la modalità della loro attuazione relativamente ad ogni settore scolastico. E costituito dall insieme delle programmazioni educativodidattiche preventive e dei progetti istituzionali. Elaborata dai docenti ed approvata dal Consiglio di Classe, la programmazione educativo-didattica preventiva tiene conto delle caratteristiche della classe, degli obiettivi educativi e didattici da raggiungere ed esplicita tempi e metodi dell attività didattica e della verifica. Con frequenza definita dagli organi competenti, vi sono momenti di verifica e di valutazione dei risultati al fine di adeguare l azione didattica alle esigenze formative che emergono durante l anno. Concluso l anno scolastico, i docenti: procedono ad un analisi collegiale dei percorsi formativi svolti nelle classi e delle attività realizzate, per validare i progetti istituzionali stendono la relazione finale sul programma didattico effettivamente svolto e sull andamento complessivo dell anno scolastico preparano un piano di lavoro estivo per gli alunni che ne necessitano La programmazione educativo-didattica annuale e le schede dei progetti istituzionali sono depositate in presidenza e sono accessibili a chi ne fa richiesta. Secondo le disposizioni ministeriali e per assicurare una conduzione corretta e partecipata della vita scolastica, il Collegio Bianconi cura l attuazione dei principi indicati anche in altri documenti: Statuto del Consiglio d Istituto Statuto del Fondo di Solidarietà Maestra Elisa - Onlus Statuto delle studentesse e degli studenti Statuto dell Associazione ex alunni ed ex-docenti Statuto Insieme per educare (rete di scuole cattoliche monzesi) 1. Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia, nell ambito del sistema scolastico, è impegnata a promuovere la formazione integrale della personalità dei bambini dai due e mezzo/tre ai sei anni di età, nella prospettiva della formazione di soggetti liberi, responsabili ed attivamente partecipi della comunità locale, nazionale ed internazionale. 8

9 A tal fine: le docenti si premurano di conoscere la situazione in entrata di ogni bambino mediante colloqui con la famiglia la programmazione è annuale e intende offrire al bambino un incontro globale con la realtà nei suoi molteplici aspetti i percorsi muovono dall evento: esperienza ludico-didattica che ha come protagonisti i bambini e che intende coinvolgerli emotivamente, stimolando in loro la curiosità e motivandoli all apprendimento si dà rilievo al fare produttivo ed alle esperienze dirette di contatto con la natura, le cose, i materiali, l ambiente sociale e la cultura per orientare percorsi via via più ordinati di esplorazione e ricerca la scuola identifica processi aperti da promuovere, sostenere e rafforzare, per consentire ad ogni allievo di dare il meglio delle proprie capacità nelle diverse situazioni vengono organizzate delle attività didattiche a piccoli gruppi che consentano il raggiungimento di obiettivi specifici di ogni età si propongono uscite didattiche inerenti alla programmazione e gite ricreative dalla programmazione educativo-didattica annuale le docenti preparano di volta in volta schede e proposte educative raccolte come documentazione di lavoro e consegnate alla fine dell anno lo stile educativo è caratterizzato da collaborazione e condivisione educativo-didattica cui segue una visione collegiale del bambino la scuola propone percorsi formativi e momenti di coinvolgimento per le famiglie che possono così collaborare e partecipare alla vita scolastica si organizza un progetto di continuità educativo-didattica per favorire un approccio positivo con la scuola primaria. 2. Scuola Primaria La Scuola Primaria, il cui intervento è intenzionale e sistematico, realizza il suo compito specifico di alfabetizzazione culturale partendo dall orizzonte di esperienze e di interessi del fanciullo per renderlo consapevole del suo rapporto con un sempre più vasto tessuto di relazioni e di scambi. A tal fine: 9

10 le docenti di classe attivano una verifica iniziale delle conoscenze e delle competenze di ogni singolo bambino le docenti di classe parallele procedono alla stesura delle programmazioni educativo-didattiche annuali che vengono aggiornate periodicamente durante l anno a partire dal ritmo di apprendimento della classe e dagli interessi manifestati i Consigli di classe individuano e definiscono argomenti multidisciplinari e attività da realizzare a classi aperte nell assegnazione dei compiti a casa, il docente opera in coerenza con la programmazione educativo-didattica, tenendo presente la scansione oraria settimanale e quotidiana delle diverse discipline, il ritmo di apprendimento e le attività extrascolastiche degli alunni gli alunni partecipano ad uscite didattiche, incontri con esperti e visite guidate l approccio ludico, in alcune discipline, viene valorizzato per favorire l apprendimento significativo del bambino forme di lavoro di gruppo e di aiuto reciproco favoriscono l iniziativa, l autodecisione e la responsabilità personale degli alunni le docenti scelgono libri di testo che propongono i contenuti essenziali delle discipline e che presentano una metodologia attenta allo sviluppo del pensiero e delle abilità dell alunno, che facilitano l approccio e la lettura secondo una impostazione sperimentale ricca di documentazioni, illustrazioni e schemi di sintesi, in rapporto al piano educativo. viene annualmente elaborato un progetto di continuità educativodidattica volto a favorire un approccio positivo con la scuola secondaria di 1 grado. 3. Scuola Secondaria di primo grado La Scuola Secondaria di Primo Grado ha come obiettivo primario lo sviluppo armonico della personalità dell alunno, attraverso il potenziamento di tutte le sue capacità. Ciò avviene all interno di una programmazione educativo-didattica che risponde alle esigenze dei ragazzi anche attraverso la trattazione e l approfondimento dei temi relativi alla preadolescenza e all attualità, quali: l educazione alla salute e alla affettività l educazione ambientale l educazione civica e la solidarietà. 10

11 Su questi temi intervengono, all occorrenza, degli esperti. Organizza inoltre giornate di spiritualità, attività integrative e parascolastiche; promuove iniziative caritative a favore di situazioni di bisogno. La Scuola garantisce l adeguatezza delle proposte culturali e formative alle esigenze degli alunni e collabora con le famiglie, le istituzioni e gli enti pubblici, come pure progetta, attua e verifica in modo collegiale. Il Collegio Docenti, infatti, è articolato in commissioni di progettazione. I Docenti della medesima area disciplinare e i singoli Consigli di Classe individuano e definiscono percorsi interdisciplinari, progetti trasversali e attività complementari. Gli Organi Collegiali: Consiglio di Classe, Collegio Docenti, Consiglio d Istituto concorrono all educazione e alla crescita degli alunni, secondo le modalità a ciascuno proprie. La Scuola, nella piena consapevolezza e condivisione degli obiettivi educativi della continuità, pone particolare attenzione alle peculiarità psicologiche della preadolescenza, quali fasi di un processo unitario che occorre conoscere nei risvolti pedagogici, didattici e relazionali. Sul piano del coordinamento esiste una Commissione interna di collegamento tra i diversi ordini e gradi dell istruzione. Esiste inoltre una Commissione per l orientamento alla Scuola Secondaria Superiore che annualmente elabora un progetto rivolto a tutte le classi della Scuola, con caratteristiche differenti secondo le età coinvolte. A tale progetto partecipano tutti i docenti secondo le loro competenze disciplinari, anche eventualmente in collaborazione con enti esterni. Il Collegio dei Docenti ed i Consigli di Classe, oltre a una lettura approfondita dei documenti di programmazione, analizzano attentamente la situazione di ogni singolo allievo, al fine di applicare strategie educative e criteri di valutazione adeguati a realizzare interventi educativo-didattici mirati. Nella scelta dei libri di testo e della strumentazione didattica, la Scuola assume come criteri di riferimento la validità culturale e la funzionalità educativa, con particolare riguardo agli obiettivi formativi conformi alle indicazioni contenute nel P.E.I. Si privilegiano la semplicità nella presentazione degli argomenti, per facilitarne l approccio e la lettura, l impostazione sperimentale che tiene conto delle innovazioni tecnologiche, l indicazione di unità didattiche e il ricorso a schemi. Altri fattori che incidono sulla scelta dei libri di testo sono il peso e i costi contenuti. Nell assegnazione dei compiti da svolgere a casa e nella programmazione delle verifiche, il Consiglio di Classe tiene presente la scansione oraria quotidiana e settimanale delle diverse discipline, il ritmo di apprendimento e la necessità di rispettare razionali tempi di studio degli alunni. Nel rispetto degli obiettivi formativi previsti dagli ordinamenti scolastici e 11

12 della programmazione educativo-didattica, la Scuola tende ad assicurare il tempo da dedicare ad attività extrascolastiche che favoriscono il pieno sviluppo della persona. 4. Liceo Linguistico Il Liceo Linguistico Collegio Bianconi è un corso quinquennale e offre una formazione umanistica tipicamente liceale. La programmazione avviene in maniera collegiale; il Collegio Docenti infatti è articolato in commissioni specifiche di progettazione, che operano con la partecipazione e l apporto degli alunni del triennio. I docenti della medesima area disciplinare e i singoli Consigli di classe individuano e definiscono percorsi multidisciplinari, progetti trasversali e attività complementari. La dimensione europea qualifica i contenuti dei piani di studio e le impostazioni didattico-metodologiche. L insegnamento della religione cattolica concorre a promuovere il pieno sviluppo della personalità degli alunni. Nel triennio si attua lo studio in lingua veicolare straniera secondo le indicazioni normative. La competenza linguistica è particolarmente curata attuando: un ora settimanale di conversazione con insegnante madre lingua per ciascuna classe e per ogni lingua studiata iniziative annuali di approfondimento tra le quali particolarmente rilevante è la residenza di una settimana all estero per le classi del triennio, con frequentazione di appositi corsi di lingua straniera percorso di certificazione internazionale delle lingue straniere. L esame di Stato consente l accesso a tutte le facoltà universitarie e garantisce una valida competenza linguistico-comunicativa tale da favorire una mobilità di studio e/o lavoro in ambito europeo. L istituzione scolastica favorisce la continuità educativo-didattica avvalendosi di strumenti di intervento quali: test d ingresso, conoscenza della situazione pregressa di ogni alunno, consolidamento o acquisizione di un metodo di studio, interventi di sostegno in itinere ed extra curricolari, ore supplementari di ripasso e revisione indicate dal Consiglio di classe (sportello Help) Sul piano del coordinamento esistono: una commissione interna di collegamento tra i diversi ordini di scuola e una commissione per l orientamento alla Scuola Secondaria Superiore e all Università o al mondo del lavoro. Quanto ai libri di testo i docenti, in funzione della loro responsabilità e competenza professionale e nel rispetto della normativa vigente, scelgono quelli che propongono i contenuti essenziali della disciplina in rapporto al piano educativo del Collegio Docenti, non sottovalutandone il peso e l economicità. Si avvalgono pure delle strumentazioni didattiche offerte dalle nuove tecnologie di cui dispone la Scuola. 12

13 Nell assegnazione dei compiti da svolgere a casa e nella programmazione delle verifiche il Consiglio di Classe tiene presente la scansione oraria settimanale e quotidiana delle diverse discipline, il ritmo di apprendimento e le attività extrascolastiche degli studenti. IN TUTTI I SETTORI VIENE POSTA PARTICOLARE ATTENZIONE AGLI ALUNNI CHE PRESENTANO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. MEDESIMA ATTENZIONE SI PRESTA ANCHE ALLA DISABILITÀ DI OGNI TIPO. PARTE SECONDA SERVIZI AMMINISTRATIVI La Scuola, al fine di rispondere alle richieste degli utenti e di garantire, nel contempo, l osservanza e il rispetto dei servizi, definisce i seguenti fattori di qualità: 1. Efficacia-efficienza dei servizi La segreteria didattica è aperta al pubblico: da lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore martedì, mercoledì e giovedì anche dalle ore alle ore il sabato dalle 8.00 alle La segreteria amministrativa è aperta al pubblico: tutti i giorni - da lunedì a venerdì - dalle ore 8.00 alle ore martedì, mercoledì e giovedì anche dalle ore alle ore l ufficio rimane chiuso il sabato Gli uffici sono chiusi la domenica, nei giorni festivi e nel mese di agosto. I Presidi ricevono i genitori previo appuntamento. Il contatto telefonico con gli operatori scolastici avviene attraverso il centralino. L informazione e la pubblicazione di: - organigrammi - organici - organi collegiali - libri di testo - orari colloqui docenti - orario scolastico - comunicazioni alle famiglie si attuano generalmente tramite circolari, opuscolo informativo Itinerario Educativo Annuale, affissioni alle rispettive bacheche. 13

14 Sono resi disponibili appositi spazi per: - bacheca dei docenti in sala professori - bacheca per gli studenti sul piano delle aule - bacheca per i genitori all ingresso centrale della Scuola 2. Celerità delle procedure Iscrizioni L iscrizione alla classe prima è preceduta dal colloquio dei genitori e del figlio/a con i Presidi, previo appuntamento. E convalidata presso la segreteria didattica compilando la documentazione richiesta, comprensiva dell accettazione del patto formativo, e versando presso la segreteria amministrativa la quota di iscrizione. Tale procedura si applica anche in caso di iscrizione di studenti provenienti da altre Scuole che intendono iscriversi ad anno scolastico iniziato o a classi successive rispetto a quella iniziale. L iscrizione alle classi successive è effettuata a vista mediante la compilazione del modulo predisposto, nei tempi e negli orari stabiliti. Rilascio dei documenti (salvo quanto previsto dalla normativa in materia di certificazione) I certificati per gli alunni sono rilasciati, nel normale orario di apertura della segreteria didattica al pubblico, previa richiesta.per certificati o attestati con votazione si prevede il rilascio entro tre giorni lavorativi. Copie della documentazione didattica sono ottenibili a partire dal terzo giorno lavorativo successivo alla richiesta. 3. Trasparenza degli atti Dei risultati di compiti in classe e verifiche scritte è data comunicazione ai genitori; è possibile richiederne fotocopia. Il libretto personale dello studente, negli ordini di scuola in cui viene adottato, riporta la valutazione delle prove scritte e orali in ogni materia con la firma del docente; l attendibilità di ciò che viene registrato dipende dalla correttezza dell alunno. Il registro personale dei docenti costituisce, comunque, l unico strumento legalmente valido ai fini della documentazione dei risultati scolastici. Il Regolamento interno e il Patto Educativo di Corresponsabilità sono allegati al POF. 14

15 E possibile visionare il bilancio del Collegio facendone richiesta in segreteria amministrativa. 4. Risarcimento dei danni Procedura Eventuali richieste di rimborso e/o risarcimento dei danni a cose e/o persone dovranno pervenire per iscritto al Collegio Bianconi, consegnate a mezzo posta o presso l Ufficio Amministrazione. Le richieste dovranno essere accompagnate da tutte le informazioni e i documenti necessari per ricostruire ed accertare l accaduto, al fine di valutare e comunicare tempestivamente l accoglimento o meno delle stesse. PARTE TERZA STRUTTURE ED AMBIENTI 1. Igiene e sicurezza L ambiente scolastico si presenta pulito, accogliente, sicuro e offre una permanenza a Scuola confortevole per gli alunni, i docenti e i genitori. Il personale ausiliario si impegna costantemente nella cura dell igiene e nella manutenzione degli arredi; l intera comunità scolastica viene sensibilizzata al rispetto degli ambienti e delle attrezzature. La Scuola garantisce la sicurezza degli studenti, degli insegnanti e del personale A.T.A., anche attraverso la nomina di un apposita commissione. In ogni piano, alle pareti dei corridoi su cui si aprono le aule, sono esposte le carte planimetriche con indicato il percorso di uscita in caso di emergenza. L Istituto è provvisto di: impianto elettrico a norma dotato di messa a terra impianti antincendio con idranti ed estintori piano di evacuazione in caso di calamità impianto di protezione verso le scariche atmosferiche montascale nell ingresso principale La struttura scolastica è a norma secondo la legislazione vigente. 15

16 2. Fattori di qualità Per quanto riguarda i fattori di qualità riferibili alle condizioni ambientali e relative dotazioni, si fa la seguente descrizione: Ingressi La Scuola dispone di due ingressi: Scuola secondaria di primo grado e Liceo Linguistico : via Torneamento, 5 Scuola dell infanzia e Primaria: Via Q. Sella, 6 Aule e corridoi Le aule (nel numero di 6 per la scuola materna, 15 per la scuola elementare, 6 per la scuola media e 12 per il liceo), sia per luminosità che per spazio a disposizione sono corrispondenti alle esigenze degli studenti e alle necessità della didattica; ampi corridoi consentono di ricrearsi comodamente durante l intervallo. Ogni piano è dotato di servizi igienici secondo le norme vigenti. Esiste il servizio per disabile. Strutture speciali e dotazioni Sono disponibili laboratori e aule particolari: laboratorio linguistico multimediale due laboratori di informatica laboratorio di scienze museo di scienze laboratorio di fisica laboratorio di chimica tre aule video due palestre aula di educazione tecnica aula di educazione musicale aula di educazione artistica spazi per il sostegno e il lavoro di gruppo tre sale-giochi scuola dell infanzia L orario settimanale delle lezioni consente l uso delle aule speciali e dei laboratori a tutte le classi in maniera adeguata. È prevista una progressiva dotazione di strumenti informatici (LIM o altri strumenti interattivi). 16

17 Altri spazi utili teatro, per conferenze, assemblee, rappresentazioni di spettacoli con schermo impianto di videoproiezione salone colonne per attività extrascolastiche parco cortile, campo di pallavolo e basket, pista salto in lungo biblioteca con servizio computerizzato sala consultazione sala riviste tre sale professori salottini per colloqui docenti-genitori due cappelle chiesa tre sale da pranzo due self-service due aule per studio pomeridiano ambulatorio medico infermieristico due studi per pianoforte spazio con fotocopiatrice per studenti un ascensore due distributore break alunni una sala conferenze due parcheggi interni Uffici Superiora Presidenze Vicepresidenze Segreteria amministrativa Segreteria didattica Archivio PARTE QUARTA RECLAMI E VALUTAZIONE DEL SERVIZIO 1. Procedura dei reclami I reclami devono essere circostanziati, espressi in forma scritta, tramite apposita modulistica disponibile presso le segreterie e le portinerie, contenere generalità e reperibilità del proponente 17

18 I reclami anonimi, orali e telefonici, non sono presi in considerazione I reclami dotati di fondamento vengono raccolti e registrati. Quanto prima si rende noto all utente interessato l azione correttiva eventualmente attivata. 2. Valutazione del servizio L istituzione scolastica intende la valutazione del servizio come un autoriflessione sul percorso educativo-didattico dell intero anno scolastico. Allo scopo esiste un sistema di monitoraggio: i docenti, nei Consigli di Classe e nel Collegio Docenti, verificano l attività formativa svolta, prima di procedere a un ulteriore programmazione i genitori possono esprimere personalmente la loro valutazione durante l assemblea di classe, nei Consigli mediante i rappresentanti gli studenti si avvalgono di questionari, assemblee di classe, di Istituto e del comitato studenti Con l avvenuta certificazione di qualità annualmente la scuola è sottoposta a un monitoraggio da parte dell Ente Certificatore, preceduto da opportune indagini svolte da personale della scuola di ciò incaricato. PARTE QUINTA ATTUAZIONE La presente Carta è entrata in vigore nell anno scolastico 2003/2004. E stata rivista in data Le indicazioni in essa contenute si applicano fino a quando non intervengono, in materia, disposizione modificative a seguito di altre norme di legge a carattere generale. La direzione della scuola ne cura i criteri di attuazione e le modalità di verifica o revisione. Gran parte dei documenti della Carta dei Servizi possono essere consultati anche sul sito web della Scuola. 18

19 Collegio Bianconi Scuole paritarie Scuola dell infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado Liceo Linguistico Via Torneamento, Monza (MB) tel fax Ultima Edizione: a.s. 2011/

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO

MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI. inseriti nel PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA TITOLO Liceo Ginnasio D. A. Azuni Via Rolando, 4 - Sassari Tel 079 235265 Fax 079 2012672 Mail: lcazuni@tin.it Web: http://www.liceoazuni.it MODULISTICA PER L ESECUZIONE DI PROGETTI inseriti nel PIANO DELL OFFERTA

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano

Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali. Il sistema educativo italiano Ministero dellʼistruzione, dellʼuniversità e della Ricerca Direzione Generale per gli Affari Internazionali Il sistema educativo italiano 29 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca (MIUR)

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli