COLLEGIO BIANCONI - SCUOLE PARITARIE MONZA. Carta dei servizi scolastici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COLLEGIO BIANCONI - SCUOLE PARITARIE MONZA. Carta dei servizi scolastici"

Transcript

1 COLLEGIO BIANCONI - SCUOLE PARITARIE MONZA Carta dei servizi scolastici

2 PREMESSA La Scuola cattolica Collegio Bianconi accoglie e applica con rigore la normativa che disciplina l ordinamento scolastico italiano, per quanto concerne le istituzioni paritarie. Punto di riferimento imprescindibile è la Costituzione Italiana che agli artt stabilisce principi di libertà, di uguaglianza e di partecipazione di tutti i cittadini. Coordinate di riferimento per una valida progettazione educativa del Collegio Bianconi sono: la legislazione civile in materia scolastica il magistero della Chiesa che indica mete e strumenti dell educazione cattolica l intuizione carismatica della Fondatrice e la tradizione delle suore di Maria Bambina della Congregazione religiosa delle Sante Bartolomea Capitanio e Vincenza Gerosa (vedi PEI) La nostra Scuola è situata in via Torneamento n. 5, Monza, vicino alla chiesa parrocchiale di san Biagio, a cinque minuti dal centro storico. E facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici, sia urbani che extraurbani, anche per chi usufruisce del treno. Il Collegio Bianconi è un Istituto scolastico paritario comprensivo: Scuola dell Infanzia (D.M ) Scuola Primaria paritaria (D.M ) Scuola Secondaria di Primo grado paritaria (D.M ) Liceo Linguistico paritario di nuovo ordinamento (D.M e D.R. 674 del ) (Con la applicazione della Riforma dei Licei, infatti, la sperimentazione di Liceo Linguistico Europeo con sezioni di linguistico-moderno e giuridicoeconomico è in esaurimento e terminerà con l anno scolastico 2013/2014) Il Collegio Bianconi ha ottenuto in data la Certificazione di Qualità. Tale certificazione è sempre stata rinnovata dalle agenzie preposte. 2

3 Uguaglianza e imparzialità PRINCIPI FONDAMENTALI 1.1 La Scuola svolge un servizio pubblico rivolto a tutti coloro che sono disponibili a un cammino di formazione nella ricerca della verità, secondo il principio evangelico della dignità propria di ogni persona (vedi PEI) a prescindere dalle differenze di ordine etnico, religioso, socio-politico, economico. 1.2 Accoglie ed è aperta a tutti coloro che la scelgono; circa l integrazione di alunni in particolari condizioni psico-fisiche e culturali richiedenti personale di assistenza e/o di sostegno specializzato, valuta il singolo caso in collaborazione con la famiglia e, ove riconosciuti, con l Ufficio scolastico per la Lombardia - Centro Servizi Amministrativi. 1.3 E costituito, presso il Collegio Bianconi, un Fondo di solidarietà denominato Maestra Elisa - Onlus, al quale attingere, nei limiti del possibile, per l attribuzione di contributi a sostegno di alunni della Scuola. 1.4 I criteri usati per l assegnazione delle classi sono: - la scelta, da parte del genitore o dello studente, della tipologia di classe e delle differenti offerte didattiche - la formazione di classi equilibrate e senza discriminazioni di alcun genere. 1.5 Gli operatori scolastici agiscono secondo parametri di obiettività ed equità, riservando, tuttavia, particolare attenzione ai più svantaggiati. 2. Regolarità di servizio 2.1 La Scuola, attraverso tutte le sue componenti, garantisce la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative. In caso di agitazioni sindacali le direzioni valuteranno la possibilità di garantire la regolarità, nel rispetto delle disposizioni contrattuali sottoscritte dal personale. 2.2 In caso di scioperi o manifestazioni studentesche, la Scuola funziona regolarmente. 3

4 3. Accoglienza e integrazione 3.1 La Scuola quale comunità finalizzata alla trasmissione di una cultura di vita, favorisce e promuove l incontro, l accoglienza e la collaborazione delle diverse componenti della comunità educante, con specifico riguardo alla fase d ingresso, alle classi iniziali e a momenti di rilevante difficoltà per studenti e/o famiglie. 3.2 La Scuola favorisce il coinvolgimento attivo dei genitori degli alunni predisponendo momenti di incontro, di dialogo, di formazione, per una migliore integrazione educativa scuola-famiglia. 3.3 Ogni operatore pone al centro della propria attività l educazione integrale della persona dei giovani, protagonisti primari del cammino culturale e formativo, nella loro concretezza storica, personale, familiare e sociale. 3.4 Genitori e alunni sono costantemente informati circa l attività e la vita scolastica, tramite ogni strumento utile allo scopo. 4. Diritto di scelta, obbligo scolastico e frequenza 4.1 I genitori, primi responsabili dell educazione dei figli, hanno la facoltà di scegliere il Collegio Bianconi, purché ne condividano i principi educativo-culturali e di fede o si dichiarino disponibili a un confronto costruttivo sulle finalità istituzionali. 4.2 Nella consapevolezza di far parte di istituzioni scolastiche operanti nello stesso territorio e di essere oggetto di scelta da parte degli utenti, il Collegio Bianconi promuove le iniziative atte a diffondere la conoscenza della sua proposta culturale-formativa. 4.3 La regolarità della frequenza è assicurata con adeguati interventi di controllo e un contatto costante con le famiglie ed è sollecitata dalla promozione di motivazioni e interesse per l attività scolastica. 5. Partecipazione, efficienza e trasparenza 5.1 Istituzione, personale docente e non docente, genitori, alunni sono tutti responsabili dell attuazione del Progetto Educativo d Istituto, del Regolamento Interno e della presente Carta dei Servizi anche attraverso la partecipazione agli Organi Collegiali, in un clima di dialogo, di stima reciproca e di corresponsabilità. 4

5 5.2 Il Collegio Bianconi, centro di promozione culturale, sociale, civile e religiosa, favorisce le attività extrascolastiche, consentendo l uso dei locali e delle attrezzature, anche ad altre scuole in rete ed enti, in orario pomeridiano extracurricolare. 5.3 Per le stesse finalità, la Scuola programma e organizza le modalità di aggiornamento in rete con Istituti ed in collaborazione con enti culturali, nell ambito delle linee di indirizzo e delle strategie di intervento deliberate dal Collegio Docenti. 5.4 L istituzione scolastica, al fine di promuovere ogni forma di partecipazione, garantisce la massima semplificazione delle procedure e un informazione completa e trasparente. 5.5 L attività scolastica, e in particolare l orario di servizio di tutte le componenti, vuole perseguire criteri di efficienza, efficacia, flessibilità nell organizzazione dell attività didattica e dell offerta formativa integrata. 5.6 Genitori e alunni possono accedere ai documenti formali e agli atti su richiesta scritta rivolta ai responsabili di competenza. 6. Libertà di insegnamento e aggiornamento del personale 6.1 La programmazione collegiale assicura la libertà di insegnamento dei docenti ispirata alla visione cristiana della vita, secondo l identità e il progetto propri del Collegio Bianconi ; gli obiettivi educativodidattici trasversali e disciplinari, individuati in sede di Consiglio di Classe, garantiscono la formazione integrale dell alunno nel rispetto del suo processo evolutivo e del piano di studi. 6.2 L aggiornamento e la formazione costituiscono un dovere per tutto il personale scolastico, consapevole del compito educativo ad esso affidato. A tal fine lo Staff di Direzione assicura interventi organici e porta a conoscenza del personale le molteplici offerte promosse da Istituzioni, Associazioni, Enti, e ne incoraggia la partecipazione; inoltre favorisce e sostiene l impegno personale e collegiale all autoaggiornamento. 5

6 PARTE PRIMA AREA DIDATTICA La Scuola, per garantire l adeguatezza delle proposte culturali e formative alle esigenze degli alunni, collabora con le famiglie, le istituzioni e gli enti pubblici e progetta, attua, verifica in modo collegiale. Lo stile educativo all interno del Collegio Bianconi si ispira al carisma proprio della Congregazione religiosa: si esprime mediante il dialogo, il confronto costruttivo e la corresponsabilità, in un impegno di proposta e testimonianza di valori di vita da cui deriva l autorevolezza dell educatore che assicura al giovane quello spazio di libertà che permette di realizzare pienamente se stesso. La Scuola garantisce l elaborazione, l adozione e la pubblicazione dei seguenti documenti: A. Progetto Educativo d Istituto (P.E.I.) B. Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) C. Itinerario Educativo Annuale (I.E.A.) D. Piano Annuale delle Attività (P.A.A.) Tutti i documenti sopra elencati sono a disposizione delle famiglie presso le presidenze e la segreteria didattica. A. Progetto Educativo d Istituto Il P.E.I. Avere a cuore i giovani, unico per i quattro ordini di Scuola del Collegio Bianconi, fa riferimento alle Linee educative secondo il carisma dell Istituto. - Contiene gli obiettivi educativi che orientano le scelte didattiche, formative e organizzative. - Descrive lo stile che deve caratterizzare i rapporti e gli impegni dei membri della comunità educante: alunni, docenti, personale non docente, genitori. - Costituisce un impegno per l intera comunità scolastica. Ha durata pluriennale e viene ripreso, in termini di concretezza e di attualizzazione precisa e puntuale, nell Itinerario Educativo Annuale. B. Piano dell Offerta Formativa Il P.O.F., elaborato e approvato dal Collegio Docenti di ogni ordine di Scuola e ratificato dal rispettivo Consiglio di Istituto, è un documento essenziale tra quelli prodotti dalla Scuola. Definisce l insieme del progetto didattico ed educativo che l Istituto si 6

7 propone di attuare e di offrire alle famiglie e agli studenti. Con la attuazione della legge sull autonomia didattica ed organizzativa, il P.O.F. è diventato anche lo strumento concreto per modulare l offerta della Scuola secondo le esigenze e le opportunità emergenti nel territorio di riferimento della istituzione scolastica. Per questo motivo il P.O.F. è un documento sottoposto a periodica revisione che conduca ad adattare in modo sempre più fedele il lavoro della Scuola alle esigenze della società in coerenza con l ispirazione di fondo che anima l Istituto. Il Regolamento interno, contenuto nel POF, non ha carattere burocratico né meramente disciplinare, ma intende promuovere l assunzione delle responsabilità personali e la presa di coscienza dei propri doveri nel rispetto dei diritto altrui. Esso comprende ogni indicazione normativa relativa alla vita quotidiana delle Scuola. Parte integrante del POF è il patto educativo di corresponsabilità, cioè la dichiarazione, esplicita e partecipata, dell operato della Scuola. Esso si stabilisce, in particolare, tra il docente e l allievo, ma coinvolge - in misura diversificata a seconda dell età degli studenti - anche i genitori. Tutti i membri della comunità educante, dalla Classe al Consiglio di Classe agli Organi d Istituto, si rendono disponibili a collaborare per il comune cammino di formazione, condividendo i principi educativoculturali e di fede proposti dalla Scuola. C. Itinerario Educativo Annuale All inizio dell anno scolastico, grazie al contributo dei docenti e con l apporto degli studenti nel caso del Liceo viene individuato l obiettivo educativo dell anno in corso e le adeguate linee operative correlate alle finalità indicate nei programmi. Ogni classe, in sede di Consiglio e di Assemblea, definisce le modalità e i concreti mezzi di attuazione. Tale itinerario viene riportato in un opuscolo informativo che, con modalità differenziate secondo i vari ordini di Scuola, contiene anche le indicazioni di: iniziative complementari e attività formative, religiose, sociali, culturali, sportive che integrano il curricolo scolastico l organigramma dei docenti il calendario annuale e la scadenza periodica dei Consigli (di programmazione, verifica, valutazione) e del Collegio Docenti per il liceo anche il calendario del Consiglio di Presidenza l orario delle udienze settimanali degli insegnanti ogni altra informazione utile a una migliore fruizione del servizio da parte delle famiglie. L I.E.A. è consegnato alla famiglia all inizio dell anno 7

8 D. Piano Annuale delle Attività Comprende la progettazione annuale delle attività formative e didattiche e la modalità della loro attuazione relativamente ad ogni settore scolastico. E costituito dall insieme delle programmazioni educativodidattiche preventive e dei progetti istituzionali. Elaborata dai docenti ed approvata dal Consiglio di Classe, la programmazione educativo-didattica preventiva tiene conto delle caratteristiche della classe, degli obiettivi educativi e didattici da raggiungere ed esplicita tempi e metodi dell attività didattica e della verifica. Con frequenza definita dagli organi competenti, vi sono momenti di verifica e di valutazione dei risultati al fine di adeguare l azione didattica alle esigenze formative che emergono durante l anno. Concluso l anno scolastico, i docenti: procedono ad un analisi collegiale dei percorsi formativi svolti nelle classi e delle attività realizzate, per validare i progetti istituzionali stendono la relazione finale sul programma didattico effettivamente svolto e sull andamento complessivo dell anno scolastico preparano un piano di lavoro estivo per gli alunni che ne necessitano La programmazione educativo-didattica annuale e le schede dei progetti istituzionali sono depositate in presidenza e sono accessibili a chi ne fa richiesta. Secondo le disposizioni ministeriali e per assicurare una conduzione corretta e partecipata della vita scolastica, il Collegio Bianconi cura l attuazione dei principi indicati anche in altri documenti: Statuto del Consiglio d Istituto Statuto del Fondo di Solidarietà Maestra Elisa - Onlus Statuto delle studentesse e degli studenti Statuto dell Associazione ex alunni ed ex-docenti Statuto Insieme per educare (rete di scuole cattoliche monzesi) 1. Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia, nell ambito del sistema scolastico, è impegnata a promuovere la formazione integrale della personalità dei bambini dai due e mezzo/tre ai sei anni di età, nella prospettiva della formazione di soggetti liberi, responsabili ed attivamente partecipi della comunità locale, nazionale ed internazionale. 8

9 A tal fine: le docenti si premurano di conoscere la situazione in entrata di ogni bambino mediante colloqui con la famiglia la programmazione è annuale e intende offrire al bambino un incontro globale con la realtà nei suoi molteplici aspetti i percorsi muovono dall evento: esperienza ludico-didattica che ha come protagonisti i bambini e che intende coinvolgerli emotivamente, stimolando in loro la curiosità e motivandoli all apprendimento si dà rilievo al fare produttivo ed alle esperienze dirette di contatto con la natura, le cose, i materiali, l ambiente sociale e la cultura per orientare percorsi via via più ordinati di esplorazione e ricerca la scuola identifica processi aperti da promuovere, sostenere e rafforzare, per consentire ad ogni allievo di dare il meglio delle proprie capacità nelle diverse situazioni vengono organizzate delle attività didattiche a piccoli gruppi che consentano il raggiungimento di obiettivi specifici di ogni età si propongono uscite didattiche inerenti alla programmazione e gite ricreative dalla programmazione educativo-didattica annuale le docenti preparano di volta in volta schede e proposte educative raccolte come documentazione di lavoro e consegnate alla fine dell anno lo stile educativo è caratterizzato da collaborazione e condivisione educativo-didattica cui segue una visione collegiale del bambino la scuola propone percorsi formativi e momenti di coinvolgimento per le famiglie che possono così collaborare e partecipare alla vita scolastica si organizza un progetto di continuità educativo-didattica per favorire un approccio positivo con la scuola primaria. 2. Scuola Primaria La Scuola Primaria, il cui intervento è intenzionale e sistematico, realizza il suo compito specifico di alfabetizzazione culturale partendo dall orizzonte di esperienze e di interessi del fanciullo per renderlo consapevole del suo rapporto con un sempre più vasto tessuto di relazioni e di scambi. A tal fine: 9

10 le docenti di classe attivano una verifica iniziale delle conoscenze e delle competenze di ogni singolo bambino le docenti di classe parallele procedono alla stesura delle programmazioni educativo-didattiche annuali che vengono aggiornate periodicamente durante l anno a partire dal ritmo di apprendimento della classe e dagli interessi manifestati i Consigli di classe individuano e definiscono argomenti multidisciplinari e attività da realizzare a classi aperte nell assegnazione dei compiti a casa, il docente opera in coerenza con la programmazione educativo-didattica, tenendo presente la scansione oraria settimanale e quotidiana delle diverse discipline, il ritmo di apprendimento e le attività extrascolastiche degli alunni gli alunni partecipano ad uscite didattiche, incontri con esperti e visite guidate l approccio ludico, in alcune discipline, viene valorizzato per favorire l apprendimento significativo del bambino forme di lavoro di gruppo e di aiuto reciproco favoriscono l iniziativa, l autodecisione e la responsabilità personale degli alunni le docenti scelgono libri di testo che propongono i contenuti essenziali delle discipline e che presentano una metodologia attenta allo sviluppo del pensiero e delle abilità dell alunno, che facilitano l approccio e la lettura secondo una impostazione sperimentale ricca di documentazioni, illustrazioni e schemi di sintesi, in rapporto al piano educativo. viene annualmente elaborato un progetto di continuità educativodidattica volto a favorire un approccio positivo con la scuola secondaria di 1 grado. 3. Scuola Secondaria di primo grado La Scuola Secondaria di Primo Grado ha come obiettivo primario lo sviluppo armonico della personalità dell alunno, attraverso il potenziamento di tutte le sue capacità. Ciò avviene all interno di una programmazione educativo-didattica che risponde alle esigenze dei ragazzi anche attraverso la trattazione e l approfondimento dei temi relativi alla preadolescenza e all attualità, quali: l educazione alla salute e alla affettività l educazione ambientale l educazione civica e la solidarietà. 10

11 Su questi temi intervengono, all occorrenza, degli esperti. Organizza inoltre giornate di spiritualità, attività integrative e parascolastiche; promuove iniziative caritative a favore di situazioni di bisogno. La Scuola garantisce l adeguatezza delle proposte culturali e formative alle esigenze degli alunni e collabora con le famiglie, le istituzioni e gli enti pubblici, come pure progetta, attua e verifica in modo collegiale. Il Collegio Docenti, infatti, è articolato in commissioni di progettazione. I Docenti della medesima area disciplinare e i singoli Consigli di Classe individuano e definiscono percorsi interdisciplinari, progetti trasversali e attività complementari. Gli Organi Collegiali: Consiglio di Classe, Collegio Docenti, Consiglio d Istituto concorrono all educazione e alla crescita degli alunni, secondo le modalità a ciascuno proprie. La Scuola, nella piena consapevolezza e condivisione degli obiettivi educativi della continuità, pone particolare attenzione alle peculiarità psicologiche della preadolescenza, quali fasi di un processo unitario che occorre conoscere nei risvolti pedagogici, didattici e relazionali. Sul piano del coordinamento esiste una Commissione interna di collegamento tra i diversi ordini e gradi dell istruzione. Esiste inoltre una Commissione per l orientamento alla Scuola Secondaria Superiore che annualmente elabora un progetto rivolto a tutte le classi della Scuola, con caratteristiche differenti secondo le età coinvolte. A tale progetto partecipano tutti i docenti secondo le loro competenze disciplinari, anche eventualmente in collaborazione con enti esterni. Il Collegio dei Docenti ed i Consigli di Classe, oltre a una lettura approfondita dei documenti di programmazione, analizzano attentamente la situazione di ogni singolo allievo, al fine di applicare strategie educative e criteri di valutazione adeguati a realizzare interventi educativo-didattici mirati. Nella scelta dei libri di testo e della strumentazione didattica, la Scuola assume come criteri di riferimento la validità culturale e la funzionalità educativa, con particolare riguardo agli obiettivi formativi conformi alle indicazioni contenute nel P.E.I. Si privilegiano la semplicità nella presentazione degli argomenti, per facilitarne l approccio e la lettura, l impostazione sperimentale che tiene conto delle innovazioni tecnologiche, l indicazione di unità didattiche e il ricorso a schemi. Altri fattori che incidono sulla scelta dei libri di testo sono il peso e i costi contenuti. Nell assegnazione dei compiti da svolgere a casa e nella programmazione delle verifiche, il Consiglio di Classe tiene presente la scansione oraria quotidiana e settimanale delle diverse discipline, il ritmo di apprendimento e la necessità di rispettare razionali tempi di studio degli alunni. Nel rispetto degli obiettivi formativi previsti dagli ordinamenti scolastici e 11

12 della programmazione educativo-didattica, la Scuola tende ad assicurare il tempo da dedicare ad attività extrascolastiche che favoriscono il pieno sviluppo della persona. 4. Liceo Linguistico Il Liceo Linguistico Collegio Bianconi è un corso quinquennale e offre una formazione umanistica tipicamente liceale. La programmazione avviene in maniera collegiale; il Collegio Docenti infatti è articolato in commissioni specifiche di progettazione, che operano con la partecipazione e l apporto degli alunni del triennio. I docenti della medesima area disciplinare e i singoli Consigli di classe individuano e definiscono percorsi multidisciplinari, progetti trasversali e attività complementari. La dimensione europea qualifica i contenuti dei piani di studio e le impostazioni didattico-metodologiche. L insegnamento della religione cattolica concorre a promuovere il pieno sviluppo della personalità degli alunni. Nel triennio si attua lo studio in lingua veicolare straniera secondo le indicazioni normative. La competenza linguistica è particolarmente curata attuando: un ora settimanale di conversazione con insegnante madre lingua per ciascuna classe e per ogni lingua studiata iniziative annuali di approfondimento tra le quali particolarmente rilevante è la residenza di una settimana all estero per le classi del triennio, con frequentazione di appositi corsi di lingua straniera percorso di certificazione internazionale delle lingue straniere. L esame di Stato consente l accesso a tutte le facoltà universitarie e garantisce una valida competenza linguistico-comunicativa tale da favorire una mobilità di studio e/o lavoro in ambito europeo. L istituzione scolastica favorisce la continuità educativo-didattica avvalendosi di strumenti di intervento quali: test d ingresso, conoscenza della situazione pregressa di ogni alunno, consolidamento o acquisizione di un metodo di studio, interventi di sostegno in itinere ed extra curricolari, ore supplementari di ripasso e revisione indicate dal Consiglio di classe (sportello Help) Sul piano del coordinamento esistono: una commissione interna di collegamento tra i diversi ordini di scuola e una commissione per l orientamento alla Scuola Secondaria Superiore e all Università o al mondo del lavoro. Quanto ai libri di testo i docenti, in funzione della loro responsabilità e competenza professionale e nel rispetto della normativa vigente, scelgono quelli che propongono i contenuti essenziali della disciplina in rapporto al piano educativo del Collegio Docenti, non sottovalutandone il peso e l economicità. Si avvalgono pure delle strumentazioni didattiche offerte dalle nuove tecnologie di cui dispone la Scuola. 12

13 Nell assegnazione dei compiti da svolgere a casa e nella programmazione delle verifiche il Consiglio di Classe tiene presente la scansione oraria settimanale e quotidiana delle diverse discipline, il ritmo di apprendimento e le attività extrascolastiche degli studenti. IN TUTTI I SETTORI VIENE POSTA PARTICOLARE ATTENZIONE AGLI ALUNNI CHE PRESENTANO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. MEDESIMA ATTENZIONE SI PRESTA ANCHE ALLA DISABILITÀ DI OGNI TIPO. PARTE SECONDA SERVIZI AMMINISTRATIVI La Scuola, al fine di rispondere alle richieste degli utenti e di garantire, nel contempo, l osservanza e il rispetto dei servizi, definisce i seguenti fattori di qualità: 1. Efficacia-efficienza dei servizi La segreteria didattica è aperta al pubblico: da lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore martedì, mercoledì e giovedì anche dalle ore alle ore il sabato dalle 8.00 alle La segreteria amministrativa è aperta al pubblico: tutti i giorni - da lunedì a venerdì - dalle ore 8.00 alle ore martedì, mercoledì e giovedì anche dalle ore alle ore l ufficio rimane chiuso il sabato Gli uffici sono chiusi la domenica, nei giorni festivi e nel mese di agosto. I Presidi ricevono i genitori previo appuntamento. Il contatto telefonico con gli operatori scolastici avviene attraverso il centralino. L informazione e la pubblicazione di: - organigrammi - organici - organi collegiali - libri di testo - orari colloqui docenti - orario scolastico - comunicazioni alle famiglie si attuano generalmente tramite circolari, opuscolo informativo Itinerario Educativo Annuale, affissioni alle rispettive bacheche. 13

14 Sono resi disponibili appositi spazi per: - bacheca dei docenti in sala professori - bacheca per gli studenti sul piano delle aule - bacheca per i genitori all ingresso centrale della Scuola 2. Celerità delle procedure Iscrizioni L iscrizione alla classe prima è preceduta dal colloquio dei genitori e del figlio/a con i Presidi, previo appuntamento. E convalidata presso la segreteria didattica compilando la documentazione richiesta, comprensiva dell accettazione del patto formativo, e versando presso la segreteria amministrativa la quota di iscrizione. Tale procedura si applica anche in caso di iscrizione di studenti provenienti da altre Scuole che intendono iscriversi ad anno scolastico iniziato o a classi successive rispetto a quella iniziale. L iscrizione alle classi successive è effettuata a vista mediante la compilazione del modulo predisposto, nei tempi e negli orari stabiliti. Rilascio dei documenti (salvo quanto previsto dalla normativa in materia di certificazione) I certificati per gli alunni sono rilasciati, nel normale orario di apertura della segreteria didattica al pubblico, previa richiesta.per certificati o attestati con votazione si prevede il rilascio entro tre giorni lavorativi. Copie della documentazione didattica sono ottenibili a partire dal terzo giorno lavorativo successivo alla richiesta. 3. Trasparenza degli atti Dei risultati di compiti in classe e verifiche scritte è data comunicazione ai genitori; è possibile richiederne fotocopia. Il libretto personale dello studente, negli ordini di scuola in cui viene adottato, riporta la valutazione delle prove scritte e orali in ogni materia con la firma del docente; l attendibilità di ciò che viene registrato dipende dalla correttezza dell alunno. Il registro personale dei docenti costituisce, comunque, l unico strumento legalmente valido ai fini della documentazione dei risultati scolastici. Il Regolamento interno e il Patto Educativo di Corresponsabilità sono allegati al POF. 14

15 E possibile visionare il bilancio del Collegio facendone richiesta in segreteria amministrativa. 4. Risarcimento dei danni Procedura Eventuali richieste di rimborso e/o risarcimento dei danni a cose e/o persone dovranno pervenire per iscritto al Collegio Bianconi, consegnate a mezzo posta o presso l Ufficio Amministrazione. Le richieste dovranno essere accompagnate da tutte le informazioni e i documenti necessari per ricostruire ed accertare l accaduto, al fine di valutare e comunicare tempestivamente l accoglimento o meno delle stesse. PARTE TERZA STRUTTURE ED AMBIENTI 1. Igiene e sicurezza L ambiente scolastico si presenta pulito, accogliente, sicuro e offre una permanenza a Scuola confortevole per gli alunni, i docenti e i genitori. Il personale ausiliario si impegna costantemente nella cura dell igiene e nella manutenzione degli arredi; l intera comunità scolastica viene sensibilizzata al rispetto degli ambienti e delle attrezzature. La Scuola garantisce la sicurezza degli studenti, degli insegnanti e del personale A.T.A., anche attraverso la nomina di un apposita commissione. In ogni piano, alle pareti dei corridoi su cui si aprono le aule, sono esposte le carte planimetriche con indicato il percorso di uscita in caso di emergenza. L Istituto è provvisto di: impianto elettrico a norma dotato di messa a terra impianti antincendio con idranti ed estintori piano di evacuazione in caso di calamità impianto di protezione verso le scariche atmosferiche montascale nell ingresso principale La struttura scolastica è a norma secondo la legislazione vigente. 15

16 2. Fattori di qualità Per quanto riguarda i fattori di qualità riferibili alle condizioni ambientali e relative dotazioni, si fa la seguente descrizione: Ingressi La Scuola dispone di due ingressi: Scuola secondaria di primo grado e Liceo Linguistico : via Torneamento, 5 Scuola dell infanzia e Primaria: Via Q. Sella, 6 Aule e corridoi Le aule (nel numero di 6 per la scuola materna, 15 per la scuola elementare, 6 per la scuola media e 12 per il liceo), sia per luminosità che per spazio a disposizione sono corrispondenti alle esigenze degli studenti e alle necessità della didattica; ampi corridoi consentono di ricrearsi comodamente durante l intervallo. Ogni piano è dotato di servizi igienici secondo le norme vigenti. Esiste il servizio per disabile. Strutture speciali e dotazioni Sono disponibili laboratori e aule particolari: laboratorio linguistico multimediale due laboratori di informatica laboratorio di scienze museo di scienze laboratorio di fisica laboratorio di chimica tre aule video due palestre aula di educazione tecnica aula di educazione musicale aula di educazione artistica spazi per il sostegno e il lavoro di gruppo tre sale-giochi scuola dell infanzia L orario settimanale delle lezioni consente l uso delle aule speciali e dei laboratori a tutte le classi in maniera adeguata. È prevista una progressiva dotazione di strumenti informatici (LIM o altri strumenti interattivi). 16

17 Altri spazi utili teatro, per conferenze, assemblee, rappresentazioni di spettacoli con schermo impianto di videoproiezione salone colonne per attività extrascolastiche parco cortile, campo di pallavolo e basket, pista salto in lungo biblioteca con servizio computerizzato sala consultazione sala riviste tre sale professori salottini per colloqui docenti-genitori due cappelle chiesa tre sale da pranzo due self-service due aule per studio pomeridiano ambulatorio medico infermieristico due studi per pianoforte spazio con fotocopiatrice per studenti un ascensore due distributore break alunni una sala conferenze due parcheggi interni Uffici Superiora Presidenze Vicepresidenze Segreteria amministrativa Segreteria didattica Archivio PARTE QUARTA RECLAMI E VALUTAZIONE DEL SERVIZIO 1. Procedura dei reclami I reclami devono essere circostanziati, espressi in forma scritta, tramite apposita modulistica disponibile presso le segreterie e le portinerie, contenere generalità e reperibilità del proponente 17

18 I reclami anonimi, orali e telefonici, non sono presi in considerazione I reclami dotati di fondamento vengono raccolti e registrati. Quanto prima si rende noto all utente interessato l azione correttiva eventualmente attivata. 2. Valutazione del servizio L istituzione scolastica intende la valutazione del servizio come un autoriflessione sul percorso educativo-didattico dell intero anno scolastico. Allo scopo esiste un sistema di monitoraggio: i docenti, nei Consigli di Classe e nel Collegio Docenti, verificano l attività formativa svolta, prima di procedere a un ulteriore programmazione i genitori possono esprimere personalmente la loro valutazione durante l assemblea di classe, nei Consigli mediante i rappresentanti gli studenti si avvalgono di questionari, assemblee di classe, di Istituto e del comitato studenti Con l avvenuta certificazione di qualità annualmente la scuola è sottoposta a un monitoraggio da parte dell Ente Certificatore, preceduto da opportune indagini svolte da personale della scuola di ciò incaricato. PARTE QUINTA ATTUAZIONE La presente Carta è entrata in vigore nell anno scolastico 2003/2004. E stata rivista in data Le indicazioni in essa contenute si applicano fino a quando non intervengono, in materia, disposizione modificative a seguito di altre norme di legge a carattere generale. La direzione della scuola ne cura i criteri di attuazione e le modalità di verifica o revisione. Gran parte dei documenti della Carta dei Servizi possono essere consultati anche sul sito web della Scuola. 18

19 Collegio Bianconi Scuole paritarie Scuola dell infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di primo grado Liceo Linguistico Via Torneamento, Monza (MB) tel fax Ultima Edizione: a.s. 2011/

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995)

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA (art.2 D.P.C.M. 7 giugno 1995) La Carta dei servizi è il documento, espressione dell autonomia progettuale della scuola, che definisce e rende noti all utenza le finalità,

Dettagli

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Carta dei servizi. La carta dei servizi della scuola ha come fonte di ispirazione fondamentale gli art. 3, 33 e 34 della Costituzione italiana. ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PRINCIPI FONDAMENTALI

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO

CARTA DEI SERVIZI DELL ISTITUTO COMPRENSIVO CENTALLO - VILLAFALLETTO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CENTALLO VILLAFALLETTO Scuola dell infanzia Scuola primaria - Scuola secondaria di primo grado Via delle Scuole 8-12044 Centallo (CN) Tel. 0171214049 fax 0171214049 email cnic84300r@istruzione.it

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO Parte I - PRINCIPI FONDAMENTALI CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi del Liceo Artistico Scuola del Libro di Urbino trae i suoi principi fondamentali dagli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Dettagli

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento

Carta dei Servizi Scolastici. ITI Buonarroti Trento Carta dei Servizi Scolastici ITI Buonarroti Trento PREMESSA La Carta dei Servizi dell I.T.I. Buonarroti è il documento che riassume i principi ispiratori delle attività della scuola e rende esplicite tali

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA BAROLO L ISTITUZIONE SCOLASTICA E IL NUOVO SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE L Istituzione Scolastica ha proceduto alla definizione del proprio Curricolo operando l essenzializzazione

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga,

a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2015-2016 Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze.... Sempre devi avere in mente Itaca raggiungerla

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI All.9 POF 2015-2016 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER GLI ALUNNI DISABILI Il Protocollo di Accoglienza è il documento che predispone e organizza le modalità che l Istituto intende seguire relativamente all

Dettagli

Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI

Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI Istituto Comprensivo Gentile da Foligno CARTA DEI SERVIZI L Istituto Comprensivo Gentile da Foligno si compone della scuola primaria (plesso di Fiamenga, via Lago di Cecita) e della scuola secondaria di

Dettagli

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ

Documentazione SGQ SIRQ Disposizioni rev 0 del 2/9/02 DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ DOCUMENTAZIONE SGQ DELLA RETE SIRQ Dis. n. 216 La Carta dei Servizi UGUAGLIANZA Si accettano le domande d iscrizione prescindendo da qualunque forma di esclusione per motivi sociali o familiari. Si accolgono

Dettagli

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili

ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA. Progetto integrazione diversamente abili ISTITUTO CESARE ARICI SCUOLA PRIMARIA PARITARIA Progetto integrazione diversamente abili Anno scolastico 2010/2011 Istituto Cesare Arici - Via Trieste, 17-25121 - Brescia tel. 030.42432 fax 030.2400638

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UGUAGLIANZA

CARTA DEI SERVIZI UGUAGLIANZA Liceo Classico Statale "Pitagora" Piazza Umberto I, 15 0962/905731 Fax 0962/20922 Cod. Fisc. 81004910790790 e-mail: KRPCO2000L@istruzione.it sito web www.liceopitagoracrotone.it 88900 CROTONE CARTA DEI

Dettagli

Doveri della famiglia

Doveri della famiglia MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA Via Figurella, 27 Catona 89135 Reggio di Calabria (RC) Telefax 0965302500-0965600920 C.F. 92081350800 C.M. RCIC868003 PEC rcic868003@pec.istruzione.it A.S.

Dettagli

Istituto comprensivo M. Anzi di Bormio

Istituto comprensivo M. Anzi di Bormio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Piazza V Alpini, 5-23032 Bormio (SO) - Tel. e fax: 0342/901467 C.F. 93022020148 Sito web: http://www.comprensivobormio.gov.it/

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Istituto "Michele Giua" - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI

Istituto Michele Giua - Cagliari - Assemini CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI PREMESSA Articolo 1 L Istituto considera finalità generali del proprio operare pedagogico i principi di cui agli artt. 3, 33, 34, della Costituzione Italiana. Articolo 2 La seguente carta

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA

CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA ISTITUTO COMPRENSIVO E. FERMI DI CARVICO SCUOLA SECONDARIA di CARVICO SOTTO IL MONTE G. XXIII VILLA D ADDA Estratto Piano dell Offerta Formativa Anno Scolastico 2015-2016 L OFFERTA FORMATIVA comune a tutti

Dettagli

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa

Sintesi del Piano dell Offerta Formativa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale «ALESSANDRO VOLTA» Sintesi del Piano dell Offerta Formativa SCUOLA PRIMARIA Dirigente Scolastico Prof. Incoronata

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri.

Direzione Didattica Statale di Caluso. Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. Direzione Didattica Statale di Caluso Protocollo d accoglienza per alunni stranieri. 1 Indice Premessa Finalità Contenuti Prima fase di accoglienza : - domanda di iscrizione; - compiti della segreteria.

Dettagli

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano

Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni, via Castellino da Castello, 10, Milano Scuole primarie Rinnovata Pizzigoni, Dante Alighieri, scuola secondaria di primo grado Puecher PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Carta dei Servizi. Anno Scolastico 2014 2015 Scuola Materna dell Asilo Infantile CARTA DEI SERVIZI. Pagina 1 di 7

Carta dei Servizi. Anno Scolastico 2014 2015 Scuola Materna dell Asilo Infantile CARTA DEI SERVIZI. Pagina 1 di 7 Carta dei Servizi Pagina 1 di 7 INDICE 1. Presentazione generale pag. 3 Uguaglianza Imparzialità e regolarità Accoglienza ed integrazione Frequenza Partecipazione, efficienza e trasparenza 2. Area Didattica

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI SCUOLA PARITARIA MADRE MAZZARELLO Scuola dell INFANZIA PRIMARIA e SECONDARIA di I grado SECONDARIA di II grado Via Cumiana, 2 10141 Torino Via Cumiana, 14 10141 Torino Via Cumiana, 2 10141 Torino Tel.

Dettagli

COSA OFFRE IL PASCAL?

COSA OFFRE IL PASCAL? I. INDICE RAGIONATO COS E IL PASCAL? UN ISTITUTO ORGANIZZATO IN: 4 indirizzi sperimentali: - Informatico (Indirizzo Tecnico) - Linguistico (Indirizzo Tecnico) - Grafico-Beni Culturali (Liceo artistico)

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE GALLARATE LICEO SCIENTIFICO STATALE Leonardo da Vinci GINNASIO LICEO CLASSICO "Giovanni Pascoli" LA CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI Principi fondamentali La carta dei servizi

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI FINALITÀ Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è una guida dettagliata d informazione riguardante l integrazione degli alunni

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G.B. GRASSI LICEO MUSICALE LECCO CARTA DEI SERVIZI

LICEO SCIENTIFICO G.B. GRASSI LICEO MUSICALE LECCO CARTA DEI SERVIZI LICEO SCIENTIFICO G.B. GRASSI LICEO MUSICALE LECCO CARTA DEI SERVIZI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 1 PARTE TERZA I SERVIZI AMMINISTRATIVI ORARIO DI APERTURA DELL ISTITUTO art. 3.1 3.3 SERVIZI AMMINISTRATIVI

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per lo Studente Ufficio VI EDUCAZIONE alla SICUREZZA STRADALE Il Progetto Nazionale Il Progetto ha la finalità di educare a comportamenti corretti e responsabili e, in particolare i giovani utenti della strada, ad una guida dei

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. 0332400737 e-mail scuolavo@libero.it C è qualcosa di più

Dettagli

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Allegati al POF ALLEGATO 1: PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L'IMPORTANZA DI UN PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA L'adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO 2 MONTESARCHIO Ad indirizzo musicale Via Vitulanese, 48 Montesarchio ( BN) Segreteria tel./fax 0824834094 bnic855006@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596

Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Liceo Ginnasio Statale Umberto I Piazza G. Amendola, 6 NAPOLI Telefono 081 415084 Fax 081 7944596 Piano Annuale per l Inclusione 2015/16 1. FINALITA GENERALE E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 104/92 Legge

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA. PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH. dell'i.c.di Belgioioso 11/11/12 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILI e REGOLAMENTO GLH dell'i.c.di Belgioioso 1 FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche

Dettagli

Regolamento Civica Scuola di Lingue

Regolamento Civica Scuola di Lingue Regolamento Civica Scuola di Lingue Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. xx del xx.xx.xxxx In vigore dal xxxxxxxxx I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza, 20 A cura del

Dettagli

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari.

Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. H A N D I C A P E S C U O L A Questo documento è uno strumento a disposizione degli insegnanti di sostegno e dei docenti curricolari. L INTEGRAZIONE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP L art. 3 della

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria

ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL SETTORE ECONOMICO Raffaele Piria via Piria n 2, 89127 REGGIO CALABRIA - 0965 28547 0965 313252 Anno Scolastico 2011/2012 Premesso che Ai Genitori Agli Alunni Ai Docenti Al Personale ATA La scuola non è soltanto ambiente di apprendimento

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale

Scuola dell Infanzia: Orario settimanale p.za S. M. Ausiliatrice, 60 Roma INTEGRAZIONE P.O.F. ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Premessa Il presente documento è una integrazione al POF valido per il triennio 2013-2015. Di seguito sono presentati i dati

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Scuola _I.C. NOLE CAN.SE (TO) a.s._2014/2015 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate (Legge 104/92

Dettagli

Piano Offerta Formativa

Piano Offerta Formativa Piano Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via Venezia,15 San Giovanni Teatino Chieti I plessi Scuola dell'infanzia Dragonara Scuola

Dettagli

PROGETTO "Diversità e inclusione"

PROGETTO Diversità e inclusione MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO CERVARO Corso della Repubblica, 23 (Fr) Tel. 0776/367013 - Fax 0776366759 - e-mail:fric843003@istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO

Istituto Comprensivo Pio Fedi. Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO Istituto Comprensivo Pio Fedi Grotte S. Stefano-Viterbo PROTOCOLLO D ISTITUTO INTEGRAZIONE-INCLUSIONE ALUNNI DIVERSAMENTI ABILI Premessa Questo documento denominato PROTOCOLLO D'ISTITUTO: integrazioneinclusione

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011

PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011 Scuola dell Infanzia Paritaria Cuore Immacolato di Maria Via Martiri d Otranto, 27 Lecce SEZIONE PRIMAVERA PRIMAVERA PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO A.S. 2010/2011 1 La cura dell istruzione è AMORE (Sapienza

Dettagli

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale;

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 Funzionamento della scuola - La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; - L orario

Dettagli

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri

Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri LICEO G. MARCONI San Miniato Pisa Protocollo per l accoglienza degli alunni stranieri Questo documento intende presentare una modalità corretta e pianificata con la quale affrontare e facilitare l inserimento

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

PREMESSA I - PRINCIPI FONDAMENTALI. Articolo 1 (Uguaglianza e imparzialità)

PREMESSA I - PRINCIPI FONDAMENTALI. Articolo 1 (Uguaglianza e imparzialità) PREMESSA La presente Carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art. 149 del Trattato dell Unione Europea e costituisce un documento di

Dettagli

2. CAMPO DI APPLICAZIONE

2. CAMPO DI APPLICAZIONE 1. SCOPO Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le prime azioni d inserimento degli alunni stranieri e favorire il dibattito intorno alle nuove prospettive dell educazione interculturale

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA

CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA CARTA DEI SERVIZI DELLA SCUOLA La CARTA DEI SERVIZI delle scuole elementari e medie dell'istituto Comprensivo Pietrocola Mazzini di Minervino Murge si fonda sui seguenti articoli della Costituzione: art.

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014

Anno scolastico 2013/2014 L Istituto Comprensivo ha la sua sede in AZZANO SAN PAOLO Via Don Gonella, 4 Tel.: 035/530078 Fax: 035/530791 e-mail: BGIC82300D@istruzione.it sito internet : www.azzanoscuole.it I. C. - AZZANO S. PAOLO

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO II ISTITUTO COMPRENSIVO (Scuola Infanzia - Primaria- Secondaria 1 Grado) Via A. BARTOLI, 53-03013 FERENTINO

Dettagli

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI

PROGETTAZIONE PIANO DI PROGETTO. Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI PIANO DI PROGETTO PROGETTO RESPONSABILE PROGETTO OUT Orientamento in uscita e stage formativo WALTER ORNAGHI Studentesse e studenti del IV e V anno dell Istituto DESTINATARI Docenti di scienze sociali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER LE VISITE E I VIAGGI DI ISTRUZIONE Art. 1 - Oggetto, finalità, tipologia Per viaggi d istruzione si intendono i viaggi organizzati dalla scuola che presentano come caratteristica essenziale

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

Scuola Primaria Trento TROVA

Scuola Primaria Trento TROVA Scuola Primaria Trento TROVA Carissimi genitori e bambini, sono lieto di farvi giungere il mio più cordiale saluto e, al tempo stesso, presentarvi il Collegio Arcivescovile. È una scuola di lunga tradizione

Dettagli

Dati essenziali della scuola. Servizi amministrativi

Dati essenziali della scuola. Servizi amministrativi Scuola dell infanzia Paritaria T.A. GALIMBERTI Via Sobrero, 18 Cuneo Anno scolastico 2015-2016 Dati essenziali della scuola Aspetti organizzativi Servizi amministrativi Condizioni ambientali Procedure

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I

CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004. Finalità, principi e criteri di attuazione. Parte I 1 CARTA DEI SERVIZI PER L INFANZIA 0 3 ANNI AMBITO TERRITORIALE IX 2004 I nidi d Infanzia e i servizi integrativi costituiscono il sistema dei servizi educativi e si configurano come centri territoriali

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

1. LINEE D INDIRIZZO

1. LINEE D INDIRIZZO Liceo Scientifico Statale Giovanni Marinelli Viale Leonardo da Vinci, 4-33100 UDINE tel. 0432/46938 - fax 0432/471803 - C.F. 80006880308 anno scolastico 2015/16 1. LINEE D INDIRIZZO 1.1 Indirizzi generali

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA

PIANO OFFERTA FORMATIVA PIANO OFFERTA FORMATIVA La scuola Falcone Borsellino appartiene all Istituto comprensivo Arbe Zara SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FALCONE BORSELLINO scuola PRIMARIA S.T.Fabbri di viale Zara 96 ISTITUTO

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione

Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione Progetto territoriale di sostegno all apprendimento della lingua italiana rivolto ad adolescenti stranieri inseriti nei percorsi dell istruzione secondaria superiore della città di Cremona ELABORAZIONE

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (approvata dal Consiglio di Istituto in data 8 febbraio 2013)

CARTA DEI SERVIZI (approvata dal Consiglio di Istituto in data 8 febbraio 2013) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA ELIO TONELLI DI PESARO Istituto Comprensivo Elio Tonelli di Pesaro dall'a.s. 2013/14 Strada Statale Adriatica, 151-61121 PESARO

Dettagli

I.I.S. Astolfo Lunardi

I.I.S. Astolfo Lunardi Piano dell offerta formativa IL Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Pagina 1 di 1 POF - vers 02 - Copertina, 11/10/2010 Delibera CD n. 09 del 29/09/2010 Data stampa: 06/12/12 Delibera Cdi n. 17 del

Dettagli

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi

PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria di Primo Grado Pietra Ligure - Borgio Verezzi ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI PIETRA LIGURE PIETRA LIGURE BORGIO VEREZZI VAL MAREMOLA UFFICI VIA OBERDAN 84 17027 - PIETRA LIGURE SV Tel 019/628109 - fax 019/6295160 PIANO OFFERTA FORMATIVA Scuola Secondaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN. Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI POGGIO RUSCO MN Scuola dell infanzia, Scuola primaria, Scuola secondaria di primo grado PREMESSA La scuola oggi deve affrontare il tema delle relazioni, dell incontro con

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FUMASONI BERBENNO DI VALTELLINA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. FUMASONI BERBENNO DI VALTELLINA ISTITUTO COMPRENSIVO G. FUMASONI BERBENNO DI VALTELLINA IL PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA Il Protocollo è un atto formale che riconosce la specificità dei bisogni delle famiglie e dei minori stranieri: bisogni

Dettagli