Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle risorse Sezione della logistica. Concorso d'architettura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle risorse Sezione della logistica. Concorso d'architettura"

Transcript

1 Comune di Arbedo-Castione Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento delle finanze e dell'economia Divisione delle risorse Sezione della logistica Concorso d'architettura a due fasi per il comparto scolastico di Castione Risposte alle domande dei concorrenti 19 dicembre 2014

2 1 DISPOSIZIONI GENERALI Genere e procedura del concorso 1.1 p.to 1.7 e Che senso ha in un concorso di due fasi presentare già nella prima un concetto di risanamento energetico che potrebbe essere affrontato nella seconda assieme al team che verrà formato? Non credete che sia meglio "alleggerire" il carico di lavoro dei numerosi concorrenti quando vi è la possibilità di venir perlomeno coperti dal rimborso spese previsto da chi sarà selezionato per la seconda fase? In un concorso di tale portata il tema del risanamento energetico è irrilevante non tanto per i costi stimati quanto per l'esposizione delle idee rispetto a quelle architettoniche e urbanistiche. Risposta: domanda non pertinente. 1.2 p.to Vista la carenza di critiche ai singoli progetti partecipanti ai recenti concorsi in Ticino, non crede la giuria che ogni concorrente abbia il diritto di ricevere almeno un paio di parole per motivare le proprie scelte? Risposta: la prassi impiegata nei concorsi non è tema di discussione in questa sede. 1.3 Qual è lo scopo di un sopralluogo obbligatorio durante il quale si leggono un paio di pagine del bando di concorso? Risposta: domanda non pertinente Condizioni di partecipazione e criteri d idoneità 1.4 Per concorrere alla seconda fase anche per gli architetti esteri è necessario avere l'iscrizione all'ordine Ticinese degli Ingegneri e degli Architetti del Canton Ticino (OTIA)? Risposta: si rinvia al p.to 1.8 del bando di concorso, in particolare: avere i requisiti per l autorizzazione ad esercitare la professione di architetto ai sensi della legge cantonale sull esercizio delle professioni di ingegnere ed architetto del 24 marzo Tra i partecipanti al concorso vi sono professionisti che fanno parte degli organi e del consiglio dell'accademia di Mendrisio, di cui fanno parte anche membri della giuria. Si prega di chiarire se é legittima la partecipazione al concorso di tali professionisti in base art del regolamento SIA 142, edizione 2009? Risposta: sì, la partecipazione è legittima. 1.6 Relativamente alla figura di ingegnere impiantista (riscaldamento, sanitario, ventilazione) obbligatorio nella seconda fase di progetto: nella definizione del gruppo di lavoro la figura dell' ingegnere impiantista risulta fondamentale anche nella prima fase, seppur non obbligatoria. Richiediamo se tale figura debba essere obbligatoriamente un ingegnere o possa essere un architetto specializzato sulle medesime tematiche e con le stesse competenze tecniche di un ingegnere. Poniamo la stessa domanda anche relativamente alla figura del fisico della costruzione. Risposta: in prima fase la collaborazione con gli specialisti è a libera scelta del concorrente; in seconda fase gli specialisti, obbligatori nella formazione del team di progetto, devono dimostrare i titoli di studio necessari alla prestazione a loro richiesta. 211-risposte alle domande.docx 1

3 1.7 A pagina 8 del bando si specifica che gli studi partecipanti (sia con sia senza dipendenti) devono dimostrare l'avvenuta iscrizione di tutti i membri all'ordine Ticinese OTIA. Questo non può valere per partecipanti stranieri dal titolo equipollente iscritti ad altri Ordini nel paese di residenza. Si prega di confermare che per tali partecipanti stranieri, dal titolo equivalente, tale dimostrazione debba avvenire solo in caso di vincita del concorso e assegnazione di incarico. Risposta: sì, l affermazione è corretta. 1.8 Al punto 1.8, condizione di partecipazione e criteri d idoneità, il Bando recita: Dichiarazioni I concorrenti ammessi alla seconda fase Gli studi con dipendenti devono allegare: A. Autorizzazione dell avvenuta iscrizione di tutti i membri all Ordine Ticinese degli ingegneri e architetti del Cantone Ticino (OTIA)... Gli studi senza dipendenti devono allegare: A. Autorizzazione dell avvenuta iscrizione di tutti i membri all Ordine Ticinese degli ingegneri e architetti del Cantone Ticino (OTIA). Per conto di uno studio straniero, si formulano le seguenti domande di chiarimento: 1. Noto che per ottenere l'iscrizione OTIA è necessario possedere un permesso di lavoro in Canton Ticino, per tale permesso sembrano esistere due ipotesi: a. Per un'attività in Canton Ticino superiore a 90 giorni di lavoro effettivo per anno civile, è necessaria copia dell'apposito permesso, che deve essere rilasciato dai relativi uffici regionali degli stranieri prima dell'esercizio dell'attività lucrativa in qualità di dipendente o di indipendente (ad es. permesso G, permesso B,...); b. Per un'attività in Canton Ticino inferiore a 90 giorni di lavoro effettivo per anno civile, è necessaria copia dell'apposita notifica che deve essere rilasciata dall'ufficio di sorveglianza del mercato del lavoro prima dell'esercizio dell'attività lucrativa in qualità di dipendente o di indipendente. Si fa quindi notare che, in ogni caso, per stranieri sprovvisti di permessi G o B, il permesso di lavoro risulta comunque subordinato alla comunicazione di un datore di lavoro e, in ogni caso, l'iscrizione all'otia decade dopo 90 gg. 2.1 Noto che l'iscrizione OTIA è necessaria per partecipare alla 2 Fase del Concorso, si chiede quindi se il datore di lavoro è l'ente Banditore del Concorso? 2.2 Se la richiesta di permesso di lavoro, con l'ente Banditore come datore di lavoro in Ticino, fosse formulata dopo la comunicazione alla seconda fase, verrebbe meno l'anonimato? 3. Data la complessità quanto sopra esposto, al fine di garantire quanto previsto a pagina 6 del Bando, sempre al punto 1.8 "Condizioni di partecipazione e criteri d'idoneità... "Possono inoltre partecipare gli architetti con titolo equipollente, domiciliati negli stati che hanno sottoscritto i trattati internazionali GPA e gli accordi bilaterali, abilitati ad esercitare la loro professione nel paese di domicilio, rispettivamente in uno degli Stati parte dell'accordo internazionale sugli appalti pubblici OMC (ex. Gatt/WTO), purchè sia garantita dal loro stato di domicilio la reciprocità sull'esercizio della professione. Gli interessati dovranno dimostrare l'equivalenza del loro registro professionale a quello richiesto dal regolamento di concorso, così come il riconoscimento di reciprocità dell'esercizio, visto che il Bando al punto 1.11 di pagina 9 recita: "Aggiudicazione del mandato L'attribuzione del mandato a un progettista domiciliato fuori dal Cantone Ticino sarà vincolata alla creazione di un nucleo di lavoro in sito oppure alla collaborazione con un progettista locale", si chiede se la richiesta di iscrizione all'otia può essere fatta solo per gli aggiudicatari del mandato e non per gli ammessi alla seconda fase. 211-risposte alle domande.docx 2

4 Se così non fosse, come mai l'avvenuta iscrizione all'otia non è richiesta fin dalla prima fase? Risposta: domanda non pertinente. 1.9 Nel paragrafo Dichiarazioni del punto 1.8 del Bando, condizioni di partecipazione e criteri d'idoneità, è specificato che i concorrenti ammessi alla seconda fase (si tratti di studi con o senza dipendenti) "...devono allegare l'autorizzazione dell'avvenuta iscrizione di tutti i membri all'ordine Ticinese degli ingegneri e architetti del Cantone Ticino (OTIA)". Poiché l'iscrizione all'otia non è immediata, ma richiede un lasso di tempo che molto probabilmente supera i termini tra la comunicazione dell'ammissione alla seconda fase e la richiesta del Notaio di fornire tale documentazione, ciò significa che, se selezionati per la seconda fase, per partecipare dovremmo essere già prima iscritti all'otia? Risposta: no, vedi risposte alle domande 1.4, 1.7 e Per quanto sopra esposto, è possibile che sia solo il capogruppo ad avere l'iscrizione all'otia? Risposta: tutti i membri del consorzio o della comunità di lavoro devono rispettare le condizioni del bando di concorso, ovvero disporre dei requisiti per poter essere iscritti all OTIA In caso contrario, trattandosi di Comunità di lavoro o Consorzio, è possibile modificare il gruppo? Risposta: no Titolo equipollente ingegneri specialistici: si richiede conferma che Ingegneri iscritti all'albo degli Ingegneri in Italia "Sez. A sono Settore a) Civile Ambientale" sono riconosciuti ai fini del presente bando e progetto. Risposta: è compito del concorrente verificare e definire l equipollenza del proprio titolo di studio Degli studi ammessi al concorso, quanti hanno la loro sede in Ticino? Risposta: domanda non pertinente. La Giuria non deve essere a conoscenza di questo dato Quanti sono gli studi partecipanti al concorso? Risposta: sono stati ammessi al concorso 96 studi. Indennizzi e premi 1.15 p.to Quanto sarà l'ammontare del rimborso spese per i concorrenti selezionati per la seconda fase? Risposta: vedi bando, p.to risposte alle domande.docx 3

5 3 DOCUMENTI DEL CONCORSO 3.1 Il modello, in particolare nella progettazione di un comparto grande e complesso, è fondamentale per il corretto inserimento urbanistico, che di fatto è il più importante criterio di giudizio di una prima fase. In base al bando di concorso la consegna del modello avrebbe dovuto avvenire durante il sopralluogo obbligatorio ( ). Gli studi concorrenti locali ad oggi (due settimane dopo) non hanno ancora ricevuto il modello; al contrario, gli studi non locali hanno ricevuto il modello nei termini indicati. Riteniamo che questo ritardo costituisca un elemento di forte disparità di trattamento, danneggiando il lavoro di progettazione di una parte dei concorrenti. L'ente banditore non considera che questo fatto possa portare ad un ricorso da parte degli studi danneggiati? Questo ritardo sarà compensato da una posticipazione compensativa della consegna per gli studi che non hanno ricevuto il modello entro i termini indicati? Vi sarà una consegna posticipata per tutti? Risposta: come scritto sul verbale di presenza firmato da tutti i partecipanti durante il sopralluogo obbligatorio, il modello è stato consegnato solo agli studi esteri e provenienti da fuori Cantone. L Ente banditore ha appunto deciso di consegnare i modelli di cui disponeva durante al sopralluogo agli studi con la sede più lontana dal Ticino. Questa decisione è stata motivata dalle difficoltà che la spedizione avrebbe causato sia per i tempi sia per le garanzie di consegna senza danni ai modelli. La Giuria ha compreso i malumori che una simile scelta può alimentare fra gli studi locali ed ha quindi deciso di spostare i termini del concorso di 30 giorni, a partire dalle risposte alle domande (vedi FU del ), concedendo di fatto un mese in più per l elaborazione delle proposte progettuali di prima fase. 3.2 Il modello non ci è stato ancora consegnato, per cui non è possibile lavorare al meglio. Il modello è però stato consegnato a studi esteri durante il sopralluogo. Vi sembra corretto? Non va eventualmente spostata la data di consegna della prima fase? In caso di eventuale spostamento della data di consegna della prima fase, non vi sembra di aver comunque dato un vantaggio agli studi esteri? Risposta: vedi risposta alla domanda Nel giorno del sopraluogo sono stati consegnati solo alcuni modelli, ad alcuni studi, Quando è prevista la consegna dei modelli rimanenti? E come viene giustificato dall'ente banditore questo grande vantaggio (due settimane) per gli studi che sono già in possesso dei modelli? Risposta: vedi risposta alla domanda Durante il sopralluogo del non é stato consegnato il modello a tutti i partecipanti, chi non l'ha ritirato quel giorno si deve aspettare di riceverlo per posta? Quando arriverà? Risposta: vedi risposta alla domanda Per quale ragione al momento del sopralluogo non è stato consegnato il modello a tutti indistintamente, soluzione che avrebbe oltremodo ridotto i costi di spedizione? La giuria ritiene corretto sfavorire alcuni architetti rispetto ad altri, che avranno meno tempo a disposizione per potere lavorare su questa base? Risposta: vedi risposta alla domanda A oggi non abbiamo ancora ricevuto il modellino, mentre a studi di architettura non ticinesi è stato consegnato durante il sopralluogo. Vi sembra una procedura corretta? Non vi sembra disparità di trattamento? Avete pensato ai risvolti giuridici? Risposta: vedi risposta alla domanda risposte alle domande.docx 4

6 3.7 Non è discriminate per i progettisti locali non avere ancora a disposizione il modello dopo 3 settimane mentre chi proviene dall'estero l'ha ricevuto al sopralluogo? Risposta: vedi risposta alla domanda La consegna anticipata del modello ai concorrenti stranieri non li favorisce rispetto agli altri? Risposta: vedi risposta alla domanda p.to Al momento della spedizione delle domande non ci è ancora pervenuto il modello. Quando e come lo riceveremo? Chiediamo il posticipo della consegna del progetto dalla data ricezione del modello. Risposta: vedi risposta alla domanda Quando verrà inviato il modello agli studi ai quali non è stato consegnato durante il sopralluogo del ? Risposta: vedi risposta alla domanda Si potrebbero avere sezioni, profili, piante dei differenti piani, un piano quotato in dwg e il disegno al suolo dell'esistente? Risposta: l Ente banditore dispone dei rilievi topografici ufficiali che sono stati messi a disposizione dei concorrenti. Eventuali differenze con lo stato reale sono possibili. Il concorrente è responsabile di appurare la situazione ed ha comunque a disposizione il modello, dove le curve di livello sono state adattate alla situazione esistente. L ente banditore mette a disposizione dei concorrenti una planimetria con le quote principali (documento P6). Il documento sarà pubblicato insieme alle risposte alle domande. Il concorrente può tracciare profili o sezioni attraverso l area di concorso sulla base della planimetria messa a disposizione E' possibile avere un piano quotato? Risposta: vedi risposta alla domanda L'organizzazione del concorso può fornire una planimetria dell'area con le quote topografiche del suolo? Le isoipse riportate nella planimetria che indicano salti di quota di 50 cm, non coincidono infatti con le sistemazioni perimetrali dei lotti d'intervento. Risposta: vedi risposta alla domanda Nei piani in formato dwg ricevuti non sono riportate quote assolute, né l'intervallo delle curve di livello. Chiediamo maggiori informazioni su questi elementi. Risposta: vedi risposta alla domanda È possibile avere all'interno dell'area di concorso delle quote assolute puntuali e precise? Risposta: vedi risposta alla domanda p.to È possibile avere le varie quote dei pavimenti finiti dei tre istituti scolastici? Almeno dei PT. Risposta: vedi risposta alla domanda All'interno delle planimetrie ed elaborati grafici (in formato PDF e DWG) non compaiono esplicitate le quote altimetriche della sistemazione esterna e degli spazi pavimentati. Dal momento che si presentano diffusi dislivelli, è possibile avere un piano con le indicazioni altimetriche ed esplicitata una quota di riferimento a cui rapportare tutte le altre? 211-risposte alle domande.docx 5

7 Risposta: vedi risposta alla domanda È possibile avere il rilievo plano-altimetrico del lotto unitamente ad una o più sezioni? Risposta: vedi risposta alla domanda E' possibile avere una pianta con le quote altimetriche dell'area di progetto? Risposta: vedi risposta alla domanda Si possono avere informazioni più dettagliate relativamente agli impianti e agli spazi tecnici esistenti? Risposta: la Giuria non ritiene necessarie le informazioni richieste in questa fase del concorso. Gli spazi tecnici esistenti sono facilmente riconoscibili nei documenti messi a disposizione È possibile avere maggiori dettagli sulle caratteristiche d'involucro degli edifici della SM? Risposta: l Ente banditore non dispone di ulteriore documentazione oltre a quella messa a disposizione dei concorrenti Come sono state determinate le cifre del credito previsto per l'intervento globale? Esiste uno studio di fattibilità? Se sì, chiediamo che venga messo a disposizione dei concorrenti. Risposta: le cifre per gli interventi previsti sono state calcolate sulla base dei parametri di riferimento per opere analoghe di cui il Committente disponeva. Non sono stati allestiti studi di fattibilità È possibile disporre di una foto aerea generale di livello qualitativo superiore? Risposta: l Ente banditore non dispone di foto aeree da mettere a disposizione dei concorrenti È possibile disporre di uno studio sullo stato di conservazione/degrado del calcestruzzo facciavista della SM? Risposta: l Ente banditore non dispone di ulteriori dati da mettere a disposizione dei concorrenti Potete fornire un file dwg con indicati i corretti arretramenti rispetto al confine del lotto di progetto? Risposta: l area di concorso è da considerare ai fini dell applicazione delle norme di PR come un unico mappale situato in zona AP/EP (o RSE 8.50 con parametri di PR analoghi). In questo senso le distanze sono da calcolare dai fondi privati e dalle strade così come prescritto dalle norme di PR. L ente banditore non fornisce altra documentazione a riguardo Nel file dwg consegnato "planimetria_contesto_15000" c'è un layer "Volume_edifici_5000" che non coincide con l'ingombro effettivo degli edifici in planimetria: a cosa si riferisce questo layer? Per disegnare la planimetria 1:5000 per la consegna finale, quali sono i layer da usare? Risposta: il layer citato "Volume_edifici_5000" è un layer indicativo che è servito soprattutto al modellista e rappresenta un astrazione delle quote degli edifici, estrapolata dal rilievo fotogrammetrico del geometra. Per la rappresentazione della planimetria scala 1:5 000 i concorrenti possono usare i layer 2D, quindi quelli relativi alle aree di base ed ai contorni al suolo degli edifci. Si tratta infatti di una scala territoriale, dove i dettagli non hanno alcuna importanza Considerata la vastità del comparto il committente può fornire ortofoto e foto aeree di qualità? Risposta: vedi risposta alla domanda risposte alle domande.docx 6

8 3.28 È possibile avere i disegni completi (piante, sezioni, facciate e dettagli) delle scuole medie e delle scuole elementari in formato *.dwg? Risposta: l Ente banditore non dispone di altri piani in formato dwg degli edifici scolastici esistenti Sono disponibili delle piante in formato vettoriale (dwg) delle scuole? Risposta: vedi risposta alla domanda Si richiedono i piani in formato dwg degli edifici scolastici esistenti. Risposta: vedi risposta alla domanda p.to È possibile avere i files in.dwg anche degli altri piani superiori e inferiori del comparto scolastico? Risposta: vedi risposta alla domanda Per poter valutare appieno l'intervento di recupero, è possibile ricevere anche dwg di tutti i piani, sezioni, prospetti della scuola media ed eventuali schemi/particolari costruttivi che definiscano meglio strutture e materiali impiegati? Risposta: vedi risposta alla domanda È possibile avere in formato dwg i disegni (piante, prospetti e sezioni) relativi alla scuola media e scuola elementare? Risposta: vedi risposta alla domanda È possibile avere un piano dell'alberatura all'interno dell'area di concorso? Risposta: non esiste un piano di rilievo in tal senso. La Giuria consiglia ai concorrenti di rilevare o dedurre posizione e dimensioni delle alberature con un sopralluogo o direttamente dalle foto aeree Data la rilevanza sul piano progettuale delle essenze arboree presenti, chiediamo se è possibile avere una planimetria con la posizione esatta degli alberi esistenti nell'intero comparto. Risposta: vedi risposta alla domanda E' possibile avere un rilievo degli alberi esistenti: posizione e specie? Risposta: vedi risposta alla domanda Esitano le mappe di ventosità del luogo? Risposta: l Ente banditore non dispone di mappe del genere Richiediamo gentilmente di fornire i file con le curve di livello utilizzate per la realizzazione del plastico in gesso che differiscono rispetto a quelle dei file forniti in formato dwg. Questo sarà necessario alla corretta realizzazione del plastico di progetto da inserire in quello fornito. Inoltre chiediamo di fornire un dwg contenente le quote altimetriche dell'area, che non sono presenti in quelli forniti. Risposta: vedi risposta domanda L Ente banditore non dispone di altri files relativi alle curve di livello. Quelle indicate sul file dwg consegnato, sono state fornite da un geometra ufficiale, per cui da ritenersi come lo stato più aggiornato (rilievo fotagrammetrico). Il modellista ha effettuato delle semplificazioni alle curve di livello per motivi di razionaltà e fedeltà all esistente. La Giuria ritiene i documenti forniti sufficienti per l elaborazione di quanto richiesto. 211-risposte alle domande.docx 7

9 3.39 Durante il sopralluogo del 22/10/2014 non è stato possibile visionare la scuola di infanzia in quanto chiusa. Dovendo proporre una nuova destinazione d uso è possibile avere materiale descrittivo quali fotografie relazioni sullo stato materico ed impiantistico dei locali? Risposta: l Ente banditore si aspetta un idea di massima sulla destinazione degli spazi dell attuale SI. La documentazione grafica fornita è ritenuta sufficiente in questa fase del concorso E' possibile avere piante e sezioni in dwg degli edifici esistenti e soprattutto della scuola media? Risposta: vedi risposta alla domanda E' possibile avere pianta e sezioni delle strutture dell'edificio della scuola Media? Risposta: l Ente banditore non dispone di ulteriori piani degli edifici della SM esistente E' possibile sapere la portata delle strutture portanti e delle fondazioni, soprattutto in un'ottica di sopraelevazione dell'edificio esistente? Risposta: l Ente banditore non dispone di questi dati E' possibile avere il progetto degli impianti di riscaldamento degli edifici esistenti? Anche solo diagrammaticamente? Risposta: la Giuria non ritiene necessarie le informazioni e documentazioni richieste in questa fase del concorso Sarebbe importante sapere lo stato di conservazione delle tubature interne relative al riscaldamento (dal documento D3 sembrerebbero in buona condizione) per capire se ci si può attaccare alla rete esistente o se viceversa è necessario prevedere la realizzazione di una nuova rete di distribuzione interna. Risposta: l Ente banditore non dispone di ulteriore documentazione in merito Stessa domanda per l'impianto di adduzione e scarico delle acque bianche e meteoriche Risposta: vedi risposta alla domanda Possiamo ricevere una cartografia più vasta del territorio comunale e il piano del traffico con l'indicazione di elementi utili quali strade, piste ciclabili, percorsi mezzi pubblici,...? Se non disponibile esiste un'ortofoto del territorio comunale? Risposta: oltre ai documenti messi a disposizione sono pure consultabili sul sito del comune i seguenti documenti: PR (attuale) e ortofoto (1996) Possiamo ricevere una carta geologica territoriale? Risposta: l Ente banditore non dispone di documenti analoghi. Invita comunque i concorrenti a prendere visione del documento D9, pubblicato sul sito del concorso contemporaneamente alla presenti risposte, dove sono fornite indicazioni sulla stratificazione del terreno 3.48 Quando è stato redatto il documento D3? Risposta: , data facilmente leggibile sul documento stesso SI esistente: è possibile avere elaborati grafici quali sezioni e prospetti? Risposta: l Ente banditore non dispone di ulteriori piani dell edifcio della SI esistente (vedi anche risposta alla domanda 3.39). 211-risposte alle domande.docx 8

10 4 ELABORATI RICHIESTI E MODALITA DI CONSEGNA 4.1 In che modo le relazioni tecniche vanno inserite su una sola tavola tutte insieme? Si intende che invece di più fascicoli si dovrà avere una tavola che comprenda tutti gli aspetti tecnici? Risposta: sì, le relazioni sono da riassumere su di una sola tavola. La Giuria si aspetta brevi relazioni concettuali, concise, con allegati i necessari schemi grafici. Un approfondimento tecnico più dettagliato è richiesto in seconda fase, anche da parte degli specialisti del team. 4.2 In quale busta vanno inserite le riduzioni delle tavole A3? Nella mappa stampante, nel cd rom o anche nella busta autori? Risposta: le riduzioni delle tavole su formato A3 (cartaceo) sono da inserire con i piani nel tubo o nella mappa. 4.3 Con riferimento al punto 4.3: il modello del progetto deve essere necessariamente realizzato in gesso oppure è ammesso un qualsiasi altro materiale di colore/colorato bianco? Risposta: è ammesso qualsiasi altro materiale purchè bianco o verniciato di bianco. 4.4 Il modello del progetto deve essere esclusivamente di colore bianco oppure può essere realizzato con qualsiasi materiale a scelta del progettista? Risposta: vedi risposta alla domanda Il modello dell intervento può essere presentato in qualsiasi materiale di color bianco o deve essere realizzato anch esso in gesso? Risposta: vedi risposta alla domanda Il modello dell'edificio progettato dovrà essere anch'esso in gesso oppure può essere utilizzato qualche altro materiale purchè bianco? Risposta: vedi risposta alla domanda Modello - "L'edificio progettato e le parti di terreno sistemato devono essere rappresentate in bianco, senza parti trasparenti." Si può utilizzare policarbonato traslucido satinato o esclusivamente materiale bianco opaco? Risposta: vedi risposta alla domanda Chiediamo conferma del fatto che le tre relazioni (relazione tecnica grafica e scritta del progetto, relazione tecnica del concetto globale del risanamento, relazione tecnica del concetto di teleriscaldamento) debbano essere riportate su una unica tavola, come indicato al punto 4.1 del bando. In caso affermativo la tavola in oggetto è compresa nelle 4 tavole formato A1 orizzontale o costituisce una ulteriore tavola A1? Risposta: le tre relazioni tecniche sono da presentare su una sola delle 4 tavole, formato DIN A1 orizzontale. La consegna prevede al massimo 4 tavole formato DIN A1 orizzontale per progetto. 4.9 Le tre relazioni tecniche richieste devono essere tutte inserite in una sola delle 4 tavole formato A1? Risposta: vedi risposta alla domanda Le tavole sono 4 o quella contenente la relazione è aggiuntiva e quindi complessivamente si tratta di 5 tavole? 211-risposte alle domande.docx 9

11 Risposta: vedi risposta alla domanda Tutte le relazioni vanno inserite in un'unica tavola? In quale formato? Risposta: vedi risposta alla domanda 4.1 e Tavole - Presentazione delle tavole: - grafica e uso del colore libere. - massimo di 4 tavole formato A1 orizzontale (84.1 x 59.4 cm) - piante disegnate con il nord in alto e sinistra (vedi piani dwg) - sezioni e facciate significative estese, se possibile, oltre i limiti esterni del perimetro dell'area di concorso Presentazione delle relazioni tecniche: - modo di illustrare il concetto a scelta del concorrente, con testi, schemi o dettagli - inserite su una sola tavola - non si accettano relazioni tecniche in fascicoli separati ed in altri formati, allegati alle tavole. La relazione va quindi inserita in una delle 4 tavole o è una tavola a parte, sempre in formato A1? Risposta: vedi risposta alla domanda La tavola in cui sono inserite le relazioni è inclusa nel numero massimo di 4 tavole o è in aggiunta alle 4 tavole? Risposta: vedi risposta alla domanda Le tabelle di calcolo T1 e T2 devono essere fascicolate assieme ed inserite nel tubo o nella mappa? Risposta: sì, fascicolate ed inserite insieme ai piani ed alle riduzioni su formato A Le tabelle di calcolo SIA 416 (T1/T2) sono da inserire su un foglio extra o vengono incluse nei 4 A1 a disposizione? Risposta: vedi risposta alla domanda Per "mappa" si può intendere un involucro in cartone chiuso e sigillato? Risposta: sì. E responsabilità del concorrente garantire sufficiente rigidità alla mappa, per una spedizione sicura e senza inconvenienti Tra le 4 tavole di progetto da presentare per la prima fase concorsuale è compresa anche la specifica tavola di relazioni o la tavola contenente le relazioni di progetto è una quinta tavola a parte? Le tavole vanno presentate con o senza supporto rigido? Cosa si intende nel bando per "mappa di cartone" (punto 4.6 pag.17)? Risposta: vedi risposte alle domande 4.8 e Le tavole devono essere cartacee, rotolate in un tubo o inserite in una mappa, non incollate su supporti rigidi Le 4 tavole possono essere montate su un pannello rigido tipo forex? Risposta: vedi risposta alla domanda Le tavole A1 (84.1 x 59.4) sono richieste orizzontali e con il nord in alto. Com'è possibile, in questo senso, rappresentare il piano di situazione completo in scala 1:500? O il nord non è in alto o il formato deve essere verticale. Risposta: le tavole sono da consegnare in formato A1 orizzontale, con l impaginazione suggerita nella situazione P1 e gli edifici della SM ortogonali al foglio. Il nord è a sinistra, tendente verso l alto. 211-risposte alle domande.docx 10

12 4.20 p.to Il nord deve essere orientato verso l'alto a 90 gradi oppure ruotato in senso orario di gradi decimali in modo da avere ortogonale il vostro bordo disegnato sulle planimetrie in.dwg (ortogonale alla SM)? Risposta: vedi risposta alla domanda Le quattro tavole come saranno appese? È possibile fornire uno schema d'affissione? Risposta: saranno appese 2 sopra e 2 sotto Bisogna disegnare la soluzione di adeguamento degli edifici esistenti o è sufficiente indicare passaggi progettuali a riguardo in relazione? Risposta: le soluzioni progettuali di adeguamento degli edifici SM sono da disegnare. Per l edifcio dell attuale SI, spetta al concorrente decidere come rappresentare la propria idea di destinazione Sulle tavole la dicitura Concorso d'architettura- comparto scolastico Castione dovrà essere nell'angolo in altro a sinistra oppure a destra? Risposta: il motto deve essere in alto a destra, la dicitura a scelta del concorrente La dicitura "Concorso d'architettura - comparto scolastico Castione" deve essere posizionata preferibilmente accanto al motto (in alto a destra della tavola) o in posizione a scelta libera del concorrente? Risposta: vedi risposta alla domanda Al punto 4.6 "modalità di consegna" si specifica come gli elaborati da consegnare devono pervenire in forma anonima all'indirizzo di contatto, specificando quale destinatario e mittente lo stesso indirizzo di contatto. Per spedizioni internazionali i servizi postali o corrieri non accettano tale modalità. Come si propone di procedere in tal caso? Risposta: è compito del concorrente risolvere questo problema. In ogni caso l anonimato è da rispettare, pena l esclusione dal giudizio della Giuria E' possibile consegnare gli elaborati a mano? Risposta: gli elaborati devono essere spediti, il modello può essere consegnato a mano, nel rispetto dell anonimato - vedi bando p.ti e È possibile consegnare a mano anzichè inviare per posta? Risposta: vedi risposta alla domanda È possibile effettuare le consegne di prima fase "a mano"? Risposta: vedi risposta alla domanda consegna degli elaborati entro il "l progetti ed i relativi allegati richiesti devono essere inviati per raccomandata via posta o altro 211-risposte alle domande.docx 11

13 servizio corriere professionale, in forma anonima, all'indirizzo di contatto (vedi p.to 1.2). Fa stato la data del timbro postale o del servizio corriere professionale. Il concorrente è responsabile che la data del timbro postale sia ben leggibile." Gli elaborati si possono quindi solo spedire? Possono essere consegnati a mano come il modello? Risposta: vedi risposta alla domanda La tabella D7 deve essere compilata e consegnata in prima fase? Risposta: no Nelle tavole grafiche possono essere inseriti testi a commento delle immagini? Risposta: sì Esistono indicazioni e/o prescrizioni nel merito dell estensione, composizione e dimensione del "motto"? Risposta: no Esiste una modulistica per l'indicazione degli "autori del progetto"? Che cosa si intende per "polizza di versamento"? Risposta: nessuna modulistica prevista. I dati richiesti sono chiari e citati al p.to 4.5 del bando. La polizza di versamento è un bollettino (di solito color rosa o arancio) usato in Svizzera per richiedere ed effettuare pagamenti Al punto 4.5 pag. 17 del bando viene indicato che nella busta va inserito il numero di conto corrente postale o bancario con una "polizza di versamento". Si chiede di illustrare cosa vuoi dire polizza di versamento? Risposta: vedi risposta alla domanda l file in pdf da inserire all'interno del CD-ROM o chiave usb devono avere precise dimensioni e risoluzioni o questi sono a libera scelta del concorrente? Risposta: risoluzione a scelta del concorrente, leggibile per un eventuale stampa del documento consegna dei modelli entro il "Il modello può essere inviato alle medesime condizioni di cui sopra entro il termine stabilito oppure consegnato a mano all'indirizzo di contatto (vedi p.to 1.2) entro la stessa data, garantendo l'anonimato." Si conferma che il modello si può anche spedire? Risposta: sì. E compito del concorrente garantire una spedizione e fornitura del modello senza danneggiamenti allo stesso L'offerta d'onorario va consegnata con i documenti di seconda fase in busta aperta? Si tratta dunque in parte di un concorso d'onorario? In che misura questo dato incide sulla valutazione? Risposta: l offerta d onorario è da inserire nella busta autore, quindi chiusa, per cui non avrà nessuna incidenza sulla valutazione da parte della Giuria Il motto ha un numero massimo o minimo di parole? Risposta: no 211-risposte alle domande.docx 12

14 6 CONTESTO E PARAMETRI DI PROGETTO Area di concorso 6.1 La grande opportunità di un concorso di architettura ad ampio respiro come quello in oggetto, è di poter dare una proposta urbanistica globale per il nuovo comparto. Questo è manifestamente dichiarato nel bando, al paragrafo 1.5 obiettivi. Quanto descritto nel paragrafo 6.7 norme di PR appare in netto contrasto con questi intenti, laddove si obbliga l'inserimento della Scuola dell'infanzia all'interno dei fondi 292 e Ci appare invece più sensato e lungimirante lasciare l'intera area di concorso per la disposizione degli spazi richiesti nel rispetto degli altri limiti imposti (distanze, altezze) o eventualmente nel rispetto delle proprietà comunali e cantonali. Le stesse norme indicano comunque al punto 7 la possibilità di deroghe. Chiediamo espressamente alla giuria di prendere posizione su questo aspetto fondamentale. Risposta: i concorrenti hanno a disposizione tutta l area di concorso per inserire gli edifici ed il programma degli spazi richiesto. Cantone e Comune concorderanno fra loro una ridefinizione dei confini particellari e delle rispettive superfici di competenza una volta scelto il progetto definitivo del comparto, sulla scorta del presente concorso. Ai fini del concorso, la parcella dell area di concorso è da considerarsi una sola. 6.2 È possibile pensare che il progetto della Scuola di infanzia sia localizzato su mappali differenti dal 292 e 1720? Risposta: vedi risposta alla domanda La nuova scuola dell'infanzia (SI) va collocata obbligatoriamente negli ambiti dei fondi n. 292 e n. 1720; oppure all'interno di logiche di ridisegno complessivo del comparto, si possono interessare con la nuova edificazione anche i mappali n. 290 e n. 291 sempre di proprietà comunale? Risposta: vedi risposta alla domanda L'espansione della scuola media deve essere prevista esclusivamente nel mappale n. 206 o può trovare collocazione in qualsiasi ambito di proprietà comunale all'interno del comparto rispettando la disciplina delle distanze? Risposta: vedi risposta alla domanda Al punto 6.7 del bando viene indicato che «l fondi numero 292 e 1720 sono riservati alla costruzione della nuova scuola d'infanzia». L'edificazione della SI e della mensa può essere prevista anche sui limitrofi mappali 200, 290, 291 e 293 oppure deve essere imperativamente prevista ai mappali 292 e 1720? Risposta: vedi risposta alla domanda Nel bando a pagina 24, punto 6.7 "norme di PR", è riportato l'art.42 secondo il quale la nuova scuola dell'infanzia deve essere costruita sui fondi : - la nuova SI deve essere costruita solo sui fondi ? - la nuova SI può essere costruita in qualsiasi punto entro i limiti del lotto oggetto di concorso? Risposta: vedi risposta alla domanda In che modo bisogna tenere conto dei confini particellari all'interno del comparto scolastico? Si può considerare come un'unica particella nella quale situare i contenuti? Risposta: vedi risposta alla domanda risposte alle domande.docx 13

15 6.8 All'interno del comparto fra le differenti particelle vanno rispettate delle distanze dai confini? Gli edifici possono sorgere a cavallo fra due particelle? Qual è la distanza da rispettare dalle strade? Risposta: vedi risposta alla domanda Pto. 6.7 Le NAPR art 42 par. 4 indicano per la SI i mappali 292 e 1720 ciò è in qualche modo vincolante? deve per forza sorgere su uno di questi due mappali? Risposta: vedi risposta alla domanda È possibile progettare refettorio, centrale termica e parco pubblico sui mappali 1720 e 292 o sono unicamente riservati alla scuola dell'infanzia? Risposta: vedi risposta alla domanda Tra i mappali 290, 291, 292 e 1720 bisogna mantenere la distanza minima da confine? Risposta: vedi risposta alla domanda 6.1 e Il refettorio può essere edificato sul mappale 290 e 291? Risposta: vedi risposta alla domanda All'interno dell'area interessata i nuovi edifici possono sorgere su più mappali senza rispettare i confini? Risposta: vedi risposta alla domanda L ampliamento delle scuole medie e l edificazione dei nuovi manufatti può avvenire indistintamente sull intero lotto indipendentemente se il terreno è di proprietà del Comune o del Cantonale (colore verde o azzurro)? Risposta: vedi risposta alla domanda Su quale lotto si può costruire il refettorio? Può essere eventualmente costruito sui lotti indicati per la costruzione della SI? Risposta: vedi risposta alla domanda Quale destinazione ha il lotto 291? Può essere edificato ed eventualmente occupato dalla SI oppure da un altro edificio? Risposta: vedi risposta alla domanda L ampliamento della SM può avvenire al di fuori del lotto attualmente occupato dalla scuola media? L ampliamento può essere completamente scollegato dalla scuola attuale? Sarebbe possibile realizzarlo nell area dell attuale parco pubblico? Risposta: vedi risposta alla domanda Per l'edificazione della nuova SI, nonché per gli spazi di refezione di SM ed SE, sono da considerarsi utilizzabili soltanto i fondi 1720 e 292 o possono essere presi in considerazione anche i fondi di proprietà comunale adiacenti (fondo 290, 291, 293) prevedendo una riorganizzazione delle attività in essi contenute? Risposta: vedi risposta alla domanda risposte alle domande.docx 14

16 6.19 La/le costruzione/i della nuova SI, del parco giochi, del refettorio comune SE/SM e l ampliamento della SM devono essere collocati nei fondi indicati dal piano regolatore n e n. 292 o si possono articolare indistintamente all interno del comparto? Risposta: vedi risposta alla domanda Il bando di concorso prevede la trasformazione del tratto di Via delle Scuole in zona prevalentemente pedonale. È possibile modificarne in parte l attuale sedime? Risposta: sì, purché si ammetta il transito dei veicoli pesanti di servizio da Carrale di Bergamo (transito saltuario ed eventualmente regolato con barriere) È possibile modificare il sedime di via delle Scuole (interna al campus)? Risposta: vedi risposta alla domanda Via delle Scuole: é possibile pensare di spostarla? Risposta: vedi risposta alla domanda È possibile in vista di un riassetto globale dei comparti scolastici, intervenire nella zona verde della SE? Risposta: sì, rispettando le esigenze di spazi esterni della SE Le aree esterne SM e SE sono accessibili al pubblico? Risposta: sì, di principio sono accessibili al pubblico A livello di pianificazione generale, è possibile ipotizzare che in un futuro l'intera area sarà a disposizione del comparto scolastico, compresa la particella che al momento è ancora di proprietà privata, e quindi elaborare un concetto che la includa? Risposta: no, questa ipotesi è per il momento da scartare. L Ente banditore desidera che i concorrenti tengano in considerazione la situazione attuale L'ampliamento della scuola media può essere previsto sul fondo 205 attualmente destinato a parco giochi della scuola dell'infanzia? Risposta: di principio la Giuria ritiene che questo spazio debba essere riservato alla futura utenza dell attuale edificio della SI. Il concorrente è comunque libero di fornire altre proposte che la Giuria valuterà singolarmente Le aree retrostanti l'edificio dell'attuale SI possono rientrare nel progetto d'ampliamento della SM o saranno d'uso esclusivo per la futura destinazione d'uso dell'edificio? Risposta: vedi risposta alla domanda L'attuale zona verde della SI può essere inclusa nel nuovo assetto scolastico e dunque diventare parte del comparto di progetto? Risposta: vedi risposta alla domanda Il sedime della ferrovia dismessa può essere interessato da interventi viabilistici carrabili? Risposta: il Comune ha già pianificato un percorso ciclo-pedonale alberato su quest area e richiede ai concorrenti di rispettare questo intento. La concessione del tracciato della ferrovia mesolcinese è stata nel frattempo cancellata e le rotaie sono già state rimosse. Il Comune sta acquistando il fondo. 211-risposte alle domande.docx 15

17 6.30 Il sedime della ferrovia dismessa può essere interessato da interventi ciclopedonali? Risposta: vedi risposta alla domanda L'attuale tracciato della ferrovia verrà sostituito con un percorso ciclo-pedonale alberato? Risposta: vedi risposta alla domanda Il nuovo comparto scolastico è limitato a sud dal tracciato della ferrovia Mesolcinese, è prevista la riqualifica di tale tratto? E va considerata nella soluzione progettuale proposta? Risposta: vedi risposta alla domanda La fermata del treno, ormai in disuso, viene utilizzata come zona di raccolta rifiuti. È possibile una demolizione? O un riutilizzo dell'esistente struttura? Ciò implicherebbe un riposizionamento della zona rifiuti? O è da considerarsi un "limite" come indicato nel comparto di progetto? Risposta: si tratta di una pensilina esterna all area di concorso. La sua destinazione futura non è tema di questo concorso La trasformazione della Via Retica in collegamento pedonale alberato quando è prevista? Risposta: , parallelamente alle realizzazioni scolastiche del presente concorso È possibile avere indicazioni precise sul divenire del sedime ex ferrovia Bellinzona-Mesocco a ridosso dei mappali 1720 e 294? Il PR prevede un viale alberato e un percorso ciclo-pedonale, questo significa che i binari verranno smantellati e la ferrovia non più utilizzata? Risposta: vedi risposta alla domanda E' possibile immaginare di integrare il tratto ferrovia nel progetto? Risposta: vedi risposta alla domanda La ferrovia ormai in disuso che definisce il margine sud-ovest del comparto prevede in futuro di essere riutilizzata per trasporto su rotaia o trasformata in strada carrabile o pedonale, o altro? Risposta: vedi risposta alla domanda p.to "...e dal tracciato della ferrovia mesolcinese (linea Bellinzona-Mesocco, il cui rinnovo della concessione è al vaglio delle autorità federali)..." Ai fini progettuali è importante chiarire questo aspetto, la ferrovia mesolcinese viene interrotta a causa dei conflitti con le costruzioni stradali presso Roveredo, il rinnovo della concessione è plausibile che riguardi solo la tratta Castione-San Vittore? Se no, cosa bisognerebbe considerare per la tratta nel comparto di progetto: percorso ciclopedonale come previsto nel rapporto di pianificazione 2012? Risposta: vedi risposta alla domanda Nel bando di concorso è scritto che la concessione del tracciato della ferrovia mesolcinese potrebbe essere rinnovata (pag. 19) Questo significa che dobbiamo conservare la linea ferroviaria? Potrebbe essere eventualmente spostata? Risposta: vedi risposta alla domanda Vista la prossimità della linea ferroviaria mesolcinese con l'area di progetto e considerato il suo funzionamento da luglio ad ottobre: che distanza bisogna tenere dalla linea per i fabbricati? Risposta: vedi risposta alle domande 6.29 e risposte alle domande.docx 16

18 6.41 Nel lotto 291 adibito a parcheggio vi è la presenza di un piccolo stagno, può essere eliminato o ha qualche specifica funzione o limite? Risposta: lo stagno esistente può essere eliminato ed una sua ricollocazione all interno dell area di concorso non è richiesta Durante il sopralluogo abbiamo notato la presenza di un piccolo bacino d'acqua, può essere utilizzato o interrato? Qual è la sua funzione attuale? Qual è la sua natura? Si conosce l'altezza della falda? Risposta: vedi risposta alla domanda Le recinzioni perimetrali con il mappale privato rimasto all interno del comparto sono da mantenere o studiare ex-novo? Risposta: a discrezione del concorrente 6.44 La piccola edicola con affresco presente in via delle Scuole può essere rimossa dalla sua sede e ricollocata altrove? Risposta: no, deve rimanere al suo posto. Si tratta di un area e di una proprietà privata. Obiettivi del concorso 6.45 La progettazione attuale deve tener conto di ampliamenti futuri SI, SE? Risposta: non deve tenerne conto, ma può farlo Il progetto deve prevedere, o tenere in considerazione di un futuro ulteriore ampliamento del complesso scolastico, successivo a quello in oggetto del bando? Risposta: vedi risposta alla domanda Come mai la scuola elementare non necessità di ampliamento? Aumenta la SI e la SM. La SE ha degli spazi in esubero? Risposta: domanda non pertinente. L edificio della SE non è tema del concorso La scuola Elementare deve essere conservata nello stato attuale? Non ha quindi i problemi enunciati per la Scuola Media? Risposta: vedi risposta alla domanda E' possibile conoscere il motivo per cui la riqualificazione prevista per la scuola media non è estesa anche alla scuola elementare che è nelle stesse condizioni della scuola media? Risposta: vedi risposta alla domanda Il corpo scolastico delle SE scuole elementari la cui struttura in cemento armato con ampie vetrate è anch esso da risanare e migliorare dal punto di vista del risparmio termico come per le scuole medie avendo una struttura analoga? Risposta: vedi risposta alla domanda Dalla lettura del bando non si evince se è desiderio dell'amministrazione utilizzare l'intervento per innescare un qualche processo di polarizzazione della vita sociale nel Comune di Castione (ad es. 211-risposte alle domande.docx 17

19 nel caso di un utilizzo esterno di piscina e palestra con un eventuale inserimento di bar-tavola calda o altra forma di servizio). Poiché questo aspetto potrebbe essere fortemente condizionante l'assetto urbanistico del complesso si vorrebbe avere qualche chiarimento in merito. Risposta: il Comune intende creare un comparto scolastico con i tre ordini della scuola dell obbligo, oltre alla creazione di un parco pubblico e la riconversione dell attuale SI in spazi a disposizione delle associazioni del comune o della regione. Ai concorrenti non sono però richieste altre funzioni al di fuori di quelle citate nel programma degli spazi Nel progetto si potrebbero prevedere nuovi sport oltre a quelli esistenti? Risposta: non sono richiesti altri impianti sportivi Che ruolo ha la comunità locale e i proprietari degli edifici circostanti nel processo di approvazione del comparto scolastico? Risposta: quello che le procedure edilizie d approvazione concedono secondo la legislazione cantonale e comunale. Descrizione e stato degli edifici della SM 6.54 Al pto. 6.3 (BC): la frase..la piscina al termine del ciclo di vita" come va intesa? Un manufatto da demolire? Potete essere più precisi? Risposta: la tipologia d intervento è a scelta del concorrente. La funzione della piscina va mantenuta, la posizione può essere cambiata ma le dimensioni devono essere simili In riferimento alla descrizione dello stato degli edifici della SM (punto 6.3), cosa si intende per "il sistema costruttivo dell'involucro porta al degrado di tutti gli elementi"? L'involucro è da sostituire? La presenza dei materiali pericolosi è stata rilevata nei serramenti (vetri??) oppure si intende nell'involucro/pareti perimetrali? È possibile precisare maggiormente che dove è presente l'asbesto? facciate intere? solo i serramenti? In generale, se ne consiglia la sostituzione totale delle facciate, o è possibile intervenire in modi alternativi per raggiungere ugualmente il fine di migliorare le prestazioni climatiche? Secondo quanto scritto al punto 6.3, sembrerebbe in avanzato stato di degrado, richiedete la sostituzione delle superfici di tamponamento? Risposta: la qualità costruttiva induce processi di degrado accelerati. La decisione circa la sostituzione dell involucro verrà desunta dall esito del concorso di progettazione. La presenza di materiali pericolosi è stata rilevata ed è ritenuta sospetta presso i rivestimenti dei pavimenti e i serramenti (cfr. punto 6.3 del bando). Presso quest ultimi, si tratta di crisolito (amianto fortemente agglomerato) rilevato nel mastice delle finestre. Le soluzioni progettuali deriveranno dai progetti del concorso e dovranno rispettare il quadro normativo in vigore (cfr. punto 6.10 del bando) E' presente il vespaio ai piani interrati? Risposta: no E' presente una coibentazione delle pareti contro terra, delle porzioni interrate degli edifici scolastici esistenti? Risposta: no Nella relazione sullo stato di conservazione degli edifici esistenti condotto dallo studio CSD Ingegneri SA, documento D3, sono citati i blocchi A, B, C che però non sono espressamente identificabili attraverso alcun elaborato grafico o scritto. È possibile desumere in parte dalle foto e dal contenuto 211-risposte alle domande.docx 18

20 della relazione, ma si chiede di ricevere indicazioni precise in merito, individuando espressamente le lettere su ciascun edificio indagato. Risposta: l identificazione dei citati blocchi A, B e C è chiarita nel documento D10, pubblicato sul sito del concorso contemporaneamente alla presenti risposte Punto 5.2 relazione dello studio CSD Ingegneri SA sullo stato degli edifici, documento D3. È possibile avere una copia del rapporto radon datato 2011 a cui si fa riferimento? Risposta: no Nel documento D3 sullo stato di conservazione dell'edificio non è espressamente riportato la priorità di rifacimento dell'involucro. Anzi per le facciate esterne è riportata nelle priorità III la manutenzione, dunque per rifacimento dell'involucro si fa riferimento ai soli infissi? O come riporta il bando al punto 6.3 anche ai muri e al tetto? Si chiede dunque un chiarimento relativamente alla tipologia di interventi che si rendono necessari per l'edificio della Scuola Media sull'involucro esterno. Risposta: la tipologia di intervento richiesta è indicata esaustivamente ai punti 1.4, 1.5 e 6.4 del bando di concorso. Le soluzioni progettuali deriveranno dall esito del concorso, dove le corrette scelte tecniche e costruttive, tipiche di ogni progetto, rispetteranno le normative applicabili in vigore Chiediamo di specificare i sistemi di emissione di calore attualmente in funzione nella SM e nella SE. Risposta: produzione con caldaie ad olio combustibile e distrbuzione con radiatori ad acqua calda. Indirizzi e scopi dell intervento di risanamento energetico e ristrutturazione generale 6.62 Per quanto riguarda il risanamento della scuola media, è corretto che bisognerebbe rendere accessibili agli invalidi tutte le aule al primo piano? Risposta: vanno rispettate le norme in vigore in materia di accessibilità ai disabili Nei vani scala della sede esistente 1 tappa bisogna prevedere l'inserimento di ascensori? Risposta: vedi risposta alla domanda Nei vani scala della sede esistente 4 tappa bisogna prevedere l'inserimento di ascensori? Risposta: vedi risposta alla domanda Nei vani scala della sede esistente bisogna prevedere l'inserimento di ascensori? Risposta: vedi risposta alla domanda Il primo piano della SM (classi) è servito da 5 corpi scala indipendenti e non è accessibile ai disabili. Oltre al risanamento energetico si deve considerare pure di rendere accessibile tutti i locali al primo piano ai disabili? Risposta: vedi risposta alla domanda L intervento di ristrutturazione della scuola media può modificare l attuale sistema distributivo (corpi scala, corridoi)? Risposta: a libera scelta del concorrente, nel rispetto delle normative e raccomandazioni in vigore È possibile smantellare l ultimo ampliamento delle scuole medie, o perlomeno destinarlo ad altra funzione (includendo le due aule al nuovo ampliamento)? 211-risposte alle domande.docx 19

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

Bando di concorso per opere d arte

Bando di concorso per opere d arte MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROVVEDITORATO INTERREGIONALE ALLE OO.PP. PER IL LAZIO ABRUZZO E SARDEGNA Bando di concorso per opere d arte Art. 1 Oggetto del concorso Il Provveditorato

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C

COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C COMUNE DI CAGLIARI PROCEDURA APERTA BANDO DI CONCORSO DI PROGETTAZIONE N. 23/2011 CIG. N. 2963254A8C Il presente concorso è disciplinato dalla Direttiva 2004/18/CE. I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico

GSE Gestore Servizi Energetici. Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico GSE Gestore Servizi Energetici Guida all utilizzo dell applicazione web Portaltermico D.M. 28 dicembre 2012 Indice dei contenuti 1. Generalità... 4 Finalità del documento... 4 Requisiti minimi per l utilizzo

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI...

ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... ALLEGATO II...2 MODULISTICA: DOCUMENTAZIONE PER PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI EDILIZI E TITOLI ABILITATIVI... 2 PARTE I... 3 PIANI URBANISTICI ATTUATIVI... 3 PARTE II... 7 PROGRAMMI DI RICONVERSIONE E/O

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI

PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI PARAMETRI URBANISTICI ED EDILIZI Nel presente fascicolo verranno definiti e trattati i seguenti argomenti: a. Parametri Urbanistici; b. Edifici e parti di Edificio; c. Standard Residenziale per Abitante;

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

RegioneLombardia GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO

RegioneLombardia GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO DECRETO N 14006 Identificativo Atto n. 474 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILIT A' E SVILUPPO Oggetto PRECISAZIONI IN MERITO ALL'APPLICAZIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli