Sclerosi Laterale Amiotrofica: percorsi di cura, assistenza e ricerca. Cuneo, 26 gennaio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sclerosi Laterale Amiotrofica: percorsi di cura, assistenza e ricerca. Cuneo, 26 gennaio 2013"

Transcript

1 Sclerosi Laterale Amiotrofica: percorsi di cura, assistenza e ricerca Cuneo, 26 gennaio 2013 Problemi principali e relative soluzioni riabilitative nelle tre fasi del trattamento Carlo BIGINELLI Direttore S.C. Medicina Fisica e Riabilitazione Cuneo Mondovì

2 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA o malattia dei motoneuroni Il nome di questa malattia ne sintetizza le sue caratteristiche più salienti: indurimento (Sclerosi) della porzione laterale del midollo spinale (Laterale) e riduzione della massa muscolare (Amiotrofica) E una grave malattia dell età adulta, caratterizzata dalla progressiva compromissione dei neuroni di moto centrali (corticali) e periferici (nuclei dei nervi cranici motori somatici e corna anteriori del midollo)

3 SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA La malattia viene definita anche come: Malattia di Charcot (Neurologo francese che per primo la indentificò e la descrisse) Malattia di Lou Gehrig (Famoso giocatore di baseball americano che ne fu colpito all età di 36 anni, nel 1939, all apice della sua carriera agonistica)

4 SLA La malattia non coinvolge la funzionalità del cuore, del sistema digerente, della vescica, anch essi muscoli ma i cui movimenti non avvengono sotto il controllo volontario

5 SLA Epidemiologia Incidenza: 1,6-2,4/ /anno Prevalenza: 5-10/ con rapporto / =1,2/1 Picco di età tra 50 e 70 anni Esordio nel 6-8 decennio, ma esistono anche forme giovanili

6 SCHEMA DELLA MOTILITA nuclei della base corteccia motoria cervelletto I motoneurone Midollo spinale (corna anteriori) II motoneurone muscolo

7 FORME CLINICHE In base al prevalente coinvolgimento di uno o dell altro gruppo di motoneuroni, distinguiamo: Sclerosi laterale primaria, con il coinvolgimento del solo motoneurone corticale. Atrofia muscolare Spinale, con il coinvolgimento del solo motoneurone spinale. Sclerosi Laterale Amiotrofica, con il coinvolgimento sia del motoneurone spinale che corticale. Paralisi bulbare progressiva, con in primo piano l atrofia e la paresi dei muscoli glosso-labio-faringo laringei.

8 I PRIMI SINTOMI Sintomi caratteristici di questa malattia sono: progressiva perdita di forza Può coinvolgere tutti i muscoli volontari, con interessamento iniziale dei muscoli distali degli arti superiori ed inferiori. Inizialmente può essere colpito un lato del corpo più dell altro. atrofia muscolare Perdita progressiva della massa muscolare a decorso disto-prossimale (mano ad artiglio, piede cadente ) Ipotrofia della lingua (tipica della variante bulbare).

9 Altri sintomi sono: I PRIMI SINTOMI Fascicolazioni Contrazioni di singole unità motorie dovute ad impulsi anomali che si generano nel motoneurone in corso di patologie degenerative croniche del secondo motoneurone (espressione di denervazione) Spasticità muscolare (più evidente quando la perdita dei neuroni corticali prevale su quella dei motoneuroni spinali) Crampi e spasmi muscolari Crampi e spasmi muscolari (improvvisa e dolorosa contrazione muscolare involontaria, che interessa in genere un singolo muscolo o più muscoli degli arti e del tronco)

10 I PRIMI SINTOMI La malattia può manifestarsi con difficoltà: nel masticare nel deglutire nel parlare SLA bulbare Coinvolgimento dei motoneuroni localizzati nella regione bulbare del tronco encefalico che controllano i muscoli della masticazione, della fonazione e della deglutizione

11 SLA clinica: El Escorial criteria 90 I segni ed i sintomi devono avere carattere evolutivo e progredire coinvolgendo altri distretti, in 6-12 mesi dall'esordio. Compromissione Presenza di segni clinici, clinicamente evidente del elettrofisiologici o I motoneurone: Paresi neuropatologici di centrale progressione compromissione del II neurone di moto: Paresi periferica UMN Upper motor neuron Ipostenia Spasticità Risposta plantare in estensione Riflessi ipereccitabili Segni affettivi (Segni pseudobulbari: riso e pianto spastico) LMN Lower motor neuron Ipostenia Ipotonia Risposta plantare in flessione Riflessi ipoeccitabili Ipo-Atrofia Fascicolazioni Crampi

12

13 SEGNI BULBARI DISARTRIA DISFAGIA FACIES IPOMIMICA LINGUA ATROFICA E FASCICOLANTE

14 Opuscolo della Council of Australian Association of Neurologist Opuscolo che contiene informazioni dettagliate sui fattori ereditari, sulle varie forme di SLA e le risposte alle domande più comuni. La diagnosi di una grave malattia viene sempre accolta con un senso di shock, di rabbia e di disperazione da chi ne è colpito, dai familiari e dai parenti più intimi. Questo avviene soprattutto nei casi in cui un individuo sano ed attivo comincia a manifestare i primi segni della SLA, ossia la debolezza in una mano o di un piede. «Oggi la vita è come una patente a punti: se perdi qualche funzione, ti scalano i primi punti. A un certo punto, se perdi molte funzioni, finisci il credito o e ti tolgono la patente di persona». Mario Melazzini

15 LA RIABILITAZIONE OGGI: OGGI: dall erogazione di una pillola - prestazione alla vera presa in carico globale

16 ALLEANZA TERAPEUTICA Un approccio in termini di complessità La presa in carico del paziente con SLA implica un analisi dei contesti relazionali nei quali il paziente stesso si trova e con i quali si confronta: - famiglia - rete sociale - servizi di supporto UNA PAROLA CHIAVE

17 OBIETTIVI DEL PROGETTO MULTIDISCIPLINARE creare percorsi assistenziali omogenei e condivisi garantire l equità di cura migliorare gli outcomes migliorare l integrazione interprofessionale offrire percorsi preferenziali adeguati alla rapida evolutività della malattia ridurre l ospedalizzazione migliorare la qualità di vita dei pazienti sensibilizzare gli operatori sanitari favorire la diffusione di apposite linee-guida In definitiva: migliorare la qualità dell assistenza ai pazienti con SLA definendo i requisiti minimi del corretto percorso assistenziale realizzabili nel rispetto delle risorse del territorio, delle organizzazioni già esistenti e delle indicazioni della letteratura scientifica.

18 L INTEGRAZIONE

19 PRESA IN CARICO MULTIDISCIPLINARE MMG Neurologo Diagnosi SLA=malattia complessa Presa in carico MULTIDISCIPLINARE E INTERPROFESSIONALE Servizi sociali ADI pneumolog o nutrizionista Fisiatra/fisioterapist a Foniatra/logope dista Infermier e psicologo palliativista

20 FASI E VALUTAZIONE Presa in carico multidisciplinare-interprofessionale (team dedicato) Individuazione case manager Fase Ambulatoriale Fase Domiciliare valutazione Ricovero Ospedaliero Exitus Follow-up ambulatoriale Ricovero in struttura residenziale - Centri di sollievo dedicati

21 CRITICITA Disomogeneità delle modalità di presa in carico del paziente, nelle diverse province del Piemonte Difficoltà nell integrazione interprofessionale del team Lentezza e disorganizzazione nell erogazione erogazione dei servizi Problemi nell integrazione ospedale-territorio

22 TEMPISTICA DEGLI INTERVENTI Diagnosi e Presa in carico precoce Riduce il rischio di interventi errati Precoce applicazione degli interventi corretti Migliora il coping della malattia Consente di prevenire il danno da disuso Percorsi preferenziali La progressione della malattia spesso è piu rapida della nostra burocrazia

23 PERCORSO ASSISTENZIALE RIABILITATIVO Individuazione Aree di problematicità PSICOLOGO Prima valutazione fisiatrica Stesura di Progetto riabilitativo e presa in carico ADI, MMG, INFERMIERE PROFESSIONALE SERVIZI SOCIALI Valutazioni Diagnostiche complesse Programma logopedico Programma motorio Programma respiratorio Addestramento ADL, ausili Prescrizione ausili Educazione care giver Valutazione Ambientale domicilio FONIATRA LOGOPEDISTA FISIOTERAPISTA FISIOTERAPISTA REFERENTE AUSILIOTECA CENTRO REGIONALE AUSILI

24 LA PROGRESSIONE DELLA MALATTIA L evoluzione della malattia comporta una progressiva perdita delle capacità di movimento, che può arrivare alla completa immobilità La compromissione muscolare può investire importanti funzioni: Masticazione Deglutizione Fonazione Gradualmente si manifesta nel soggetto affetto da SLA la paralisi respiratoria

25 Progressione della SLA e Trattamento I pazienti affetti da SLA attraversano tre fasi - Nella prima fase il paziente è indipendente. Prima fase Si può dividere in tre stadi: 1 stadio: il paziente deambula, è indipendente nelle attività quotidiane e manifesta solo una leggera debolezza muscolare o impaccio motorio. Trattamento: esercizi per l escursione articolare e di rinforzo della muscolatura non affetta, per compensare la muscolatura indebolita. Sono sconsigliati gli esercizi intensi (aumento della disabilità e della fatica). Il supporto psicologico è molto importante.

26 Prima fase 2 stadio: il paziente è ancora in grado di deambulare. Debolezza muscolare selettiva di grado moderato, iniziale diminuzione dell indipendenza nello svolgere le attività quotidiane (difficoltà nel salire le scale, alzare le braccia al di sopra della testa o abbottonare gli abiti). Trattamento: adozione di chiusure a velcro, utilizzo di ortesi caviglia-piede, splint polsopollice, esercizi di rinforzo per i muscoli non affetti e di stretching per prevenire le retrazioni, evitare sovraccarico e affaticamento.

27 Prima fase 3 stadio: il paziente riesce ancora a deambulare, ma si affatica facilmente se cammina a lungo. Grave debolezza selettiva alla caviglia, al polso e alle mani, con una moderata diminuzione dell indipendenza nelle attività quotidiane. Trattamento: devono essere inseriti esercizi di respirazione ed il paziente deve essere fornito di una carrozzina adeguata, ma anche di una carrozzina elettrica per la mobilità a distanze lunghe.

28 Seconda fase - Nella seconda fase (4 e 5 stadio) il paziente è parzialmente indipendente. 4 stadio: il paziente non cammina più ed è costretto sulla carrozzina. Grave debolezza muscolare all arto inferiore con o senza spasticità, moderata debolezza all arto superiore, ma rimane in grado di compiere la maggior parte delle ADL senza assistenza, può avere dolore alla spalla ed edema alle mani. Trattamento: sostegno della spalla, misure preventive contro la formazione di edema. Per prevenire le contratture vanno eseguiti esercizi passivi di mobilizzazione articolare e di allungamento. Il paziente va stimolato ad eseguire esercizi isometrici per i pochi muscoli non ancora coinvolti.

29 Seconda fase 5 stadio: la forza muscolare continua a diminuire Grave debolezza all arto inferiore ed una debolezza all arto superiore di grado grave o moderato. Il paziente progressivamente richiede sempre più assistenza nelle ADL. Possono comparire ulcere cutanee come effetto dell immobilità e della pressione. Trattamento: prosecuzione degli esercizi di mobilizzazione articolare e di allungamento. I famigliari devono imparare le manovre corrette di trasferimento e di postura, vanno adottati interventi di modifica nell ambiente domestico per facilitare la mobilità e l indipendenza del paziente, può essere d aiuto l utilizzo di un materasso antidecubito.

30 Terza fase - Nella terza fase il paziente è completamente dipendente. Praticamente costretto a letto, completa dipendenza per le ADL. Trattamento: prosecuzione degli esercizi di mobilizzazione articolare e di allungamento per prevenire l insorgenza di retrazioni. A causa della disfagia può essere utile adottare una dieta con cibi di consistenza morbida o in alternativa nutrizione con sondino o PEG. Può essere necessario l uso di un aspiratore per il deficit della deglutizione con accumulo di saliva. Per la disartria si può adottare un comunicatore vocale. Per i problemi respiratori bisogna controllare con cura le vie aeree e liberarle, possono rendersi necessarie la ventilazione o la tracheostomia. In questa fase va valutata la capacità pratica della famiglia di accudire il paziente.

31 CONDIZIONI AGGRAVANTI: RESPIRAZIONE E SLA La perdita della funzionalità dei motoneuroni bulbari, con conseguente difficoltà nel deglutire e nel mantenere pervie le prime vie aeree durante il sonno, possono comportare l aspirazione di cibi e liquidi, compresa la saliva. Broncoaspirazione La diminuzione della forza della tosse, aumenta notevolmente il rischio di polmonite e aspirazione, poiché una tosse efficace è necessaria per liberare le vie aeree dalle secrezioni. In-exsufflator o cough assist: macchina per la tosse assistita

32 RESPIRAZIONE E SLA QUANDO DIVENTA NECESSARIA LA VENTILAZIONE MECCANICA La VENTILAZIONE MECCANICA consiste nell utilizzare un respiratore portatile che supporta i polmoni ed aiuta a respirare. Non blocca la progressione della malattia, ma permette di compensare l insufficiente lavoro dei muscoli respiratori INVASIVA NON INVASIVA

33 ALIMENTAZIONE E SLA DISFAGIA Con questo termine si intende la difficoltà a deglutire. In corso di SLA la deglutizione può essere compromessa sia dalla debolezza muscolare, sia da alterazioni dei meccanismi riflessi (paralisi bulbare o pseudobulbare) Alimentazione orale nel paziente con disfagia Due obiettivi 1) Mantenere un adeguato stato nutrizionale 2) Garantire sicurezza durante l alimentazione

34 REGOLE DA OSSERVARE ALIMENTAZIONE E SLA 1) Mantenere un adeguata pulizia del cavo orale 2) Mantenere libere le fosse nasali (eventualmente, umidificare l ambiente, in modo che le secrezioni non si secchino all interno delle fosse nasali) 3) Assumere una postura corretta

35 OBIETTIVI DELLA RIABILITAZIONE NELLA SLA Favorire la massima autonomia del paziente in ogni fase della malattia Mantenere il più a lungo possibile la forza, la resistenza muscolare e l escursione l articolare Favorire i passaggi posturali, il controllo del tronco, l equilibrio statico/dinamico Controllare la spasticità,, il dolore e la fatica Sostenere la funzione respiratoria (posture facilitanti, assistenza alla tosse, NIV) Monitorare gli aspetti cognitivi

36 OBIETTIVI DELLA RIABILITAZIONE NELLA SLA Compensare il deficit della deglutizione (modifica consistenza alimenti, posture compensatorie, prassie) Trattare la scialorrea (farmaci, tossina botulinica) Favorire la comunicazione (tavole, comunicatori) Addestrare a strategie di compenso e adattamento per le ADL, prescrivere ausili ed ortesi Formare i caregivers per la corretta assistenza Provvedere all adattamento adattamento ambientale, sociale, lavorativo

37 Progressione della SLA e Trattamento Gli esercizi di resistenza e lo stretching di intensità moderata aiutano i pazienti con SLA a mantenere la funzionalità e a migliorare la qualità della vita, ma soprattutto l esercizio non accelera la progressione della malattia, cosa che aveva preoccupato in questa popolazione di pazienti. Sono molto utili anche gli esercizi per l escursione articolare e di rinforzo della muscolatura non affetta, per compensare la muscolatura indebolita. Sono sconsigliati gli esercizi intensi (aumento della disabilità e della fatica). Neurology 5 giugno 2007 vol.68 n 23, A randomized controlled trial of resistance exercise in individuals with ALS Dal Bello-Haas V, Florence J.M, Kloos A.D. ed Altri

38 STRUMENTI: SCALE di VALUTAZIONE Barthel Index e Barthel Modificata: è una delle più classiche ed utilizzate scale sulla dipendenza, è semplice ma non è specifica per la SLA. ALS-FRS: è una fra le scale specifiche per la SLA, è una misura di funzione globale, la principale misura di outcome usata nei trials clinici, è validata, facile da usare e correla con la sopravvivenza. Classificazione del Medical Research Council 1976 Valutazione quantitativa della forza muscolare.

39 Scala di valutazione funzionale revisionata della SLA Cederbaum e Coll. ALSFRS-R 1999 ASL Functional Rating Scale-Revised (ALSFRS-R, range 0-48) è un questionario basato su una scala validata a punteggio in grado di misurare la disabilità: funzione fisica e disfunzione clinica respiratoria nello svolgere le ADL, di rapida applicazione che comprende 12 domini. Punteggi che variano da 0 (disabilità molto grave) a 4 (assenza di disabilità) per ciascuno dei seguenti parametri: Linguaggio Deglutizione Salivazione Movimenti agli arti superiori Scrittura Capacità di alimentarsi Vestirsi e igiene Girarsi nel letto e aggiustare le coperte Movimenti agli arti inferiori Camminare Salire le scale Funzione respiratoria e presenza di Dispnea Ortopnea Insufficienza respiratoria

40 Scale per la misurazione della disabilità Classificazione del Medical Research Council 1976 Valutazione quantitativa della forza muscolare in 6 gradi 0 = nessuna contrazione muscolare; paralisi totale 1 = debole contrazione muscolare, senza spostamento segmentario 2 = il movimento avviene in assenza di gravità 3 = il movimento è eseguito contro la forza di gravità, ma non contro resistenza 4 = il movimento è eseguibile in tutta la sua ampiezza contro resistenza 5 = forza normale forza muscolare in grado di opporsi alla massima resistenza dell esaminatore

41 TEAM RIABILITATIVO CHI COSA COME DOVE QUANDO FISIATRA Visita-Stesura progetto Refertazione Prescrizione ausili Valutazione ambientale Coordinamento Team Riabilitativo Valutazione funzionale Scale di valutazione Ambulatorio Degenza Domicilio Presa in carico Follow up programmati Peggioramento del pz FISIOTERAPISTA FISIOTERAPISTA REFERENTE AUSILIOTECA Programma motorio, respiratorio, occupazionale Prova ausili Addestr.care-giver Valutazione ambientale Valutazione Funzionale Tecniche di Rieducazione Neuromotoria Palestra Riabilitativa Degenza Domicilio In sincronia con le fasi evolutive della disabilità del paziente FONIATRA LOGOPEDISTA Valutazione e trattamento disfagia e disartria Test specifici Tecniche rieducative Ambulatorio Degenza Domicilio In sincronia con l evoluzione del disturbo

42 RIABILITAZIONE E SLA CHINESITERAPIA Consiste di un insieme di metodiche (mobilizzazione attiva e passiva) che si propongono di mantenere mobili le articolazioni ed elastici i tendini ed i muscoli. Nella SLA l obiettivo della chinesiterapia non è il recupero di una funzione normale, ma la conservazione di una certa autonomia nei movimenti e la prevenzione delle complicazioni della ridotta mobilità (retrazioni muscolo-tendinee, rigidità articolari).

43 RIABILITAZIONE E SLA MOBILIZZAZIONE ATTIVA Proponibile a chi possiede una sufficiente forza residua, consta di esercizi che hanno lo scopo di fare lavorare attivamente i muscoli e di mobilizzare completamente le articolazioni.

44 RIABILITAZIONE E SLA MOBILIZZAZIONE PASSIVA Indicata quando la debolezza muscolare non permette più l esecuzione autonoma degli esercizi precedentemente proposti. Necessità di un altra persona che aiuti nel completare quei movimenti che altrimenti verrebbero eseguiti solo parzialmente.

45 RIABILITAZIONE E SLA ABILITA : capacità di usare strumenti Riabilitare il paziente con SLA è possibile se forniamo alla persona disabile nuovi strumenti (ausili) e la addestriamo a servirsene in sostituzione di quelli che la malattia gli ha tolto. La riabilitazione presuppone l accettazione del deficit, la volontà di lottare contro la disabilità, di ridurre la dipendenza del malato e di migliorarne la qualità della vita

46 AUSILI Intendiamo per ausilio tutto ciò (prodotto, attrezzatura o sistema tecnologico) che serve a supportare quelle attività che altrimenti sarebbero difficili da eseguire, se non impossibili. L AUSILIOTECA E un nucleo di competenza in grado di svolgere attività di divulgazione e di informazione indipendente nel settore degli ausili, nonché di dare un supporto professionale personalizzato alle persone con disabilità, ai loro famigliari e agli operatori che li hanno in carico al momento di affrontare le prospettive di autonomia, supporto e prevenzione che possono beneficiare dell uso di ausili.

47 AUSILI PAZIENTI CON SLA PRESENTI SUL TERRITORIO Cammino Ausili per spostamento Ausili Bagno Letto Materasso A.Sollevam Sup. Barriere Architetton. Ausili Funzione Respiratoria Aliment. Ausili Comunic SI NO NO NO NO NO NO Parziale Stampelle, deambulatore, Carr. manuale Carr. elettronica Cuscino antidecubito Rialzo WC NO Abitazione Con ascensore NO Iniziale disfagia liquidi NO Carr. Basculante Carr. Pieghevole Segg. Polifunz. Cuscino antidecubito RialzoWC Adattamento bagno con doccia pavimento Sedia WC e doccia Letto elettrico Regolabile In altezza Materasso Sollevatore Abitazione con ascensore Montascale a cingoli Servo scala Tracheostomia Respiratore PEG Comunica tore a controllo oculare

48 AUSILI PER LA VITA QUOTIDIANA

49 AUSILI PER IL CAMMINO E LA MOBILITA Deambulatori (lo scopo del loro utilizzo è quello di fornire un ampia base di appoggio per rendere sicuro il cammino) Carrozzine (due categorie: pieghevoli e non pieghevoli; quella con sistema basculante-che permette di variare l inclinazione del sistema sedile-schienale-pedane rispetto al suolo-può offrire maggiori possibilità di variazioni posturali)

50 CARROZZINE

51 ORTESI CERVICALI

52 ORTESI ARTO SUPERIORE SUPPORTO PER SPALLA CON CONTROLLO DI MOVIMENTI FUNZIONALI DOCCIA MANO POLSO AVAMBRACCIO

53 AUSILI PER STATICA ERETTA

54 SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE

55 AUSILI PER L IGIENE PERSONALE

56 AUSILI PER I TRASFERIMENTI

57 SISTEMI di POSTURA, CUSCINI, LETTO ARTICOLATO ELETTRICO, MATERASSO ANTIDECUBITO

58 Ausili per comunicare e ausili tecnologici strumenti tecnologicamente avanzati rivolti all'autonomia e all'inclusione sociale: tastiere a video, comunicatori vocali e ausili informatici a controllo oculare, emulatori di mouse A persone con grave disabilita' A pazienti con S.L.A. In base alla proroga per l'anno 2012 della D.G.R. n del e s.m.i. 58

59 LE PROSSIME TAPPE Organizzare INCONTRI FORMATIVI per e con le varie figure professionali e INFORMATIVI per i pazienti e le loro famiglie ; i riabilitatori hanno, infatti, delle importanti responsabilità nella gestione dello stato di benessere generale del paziente e della sua famiglia. Applicazione dell ICF: è il più recente sistema concepito dall OMS per classificare funzionamento, disabilità e salute, e focalizza l impostazione sul come le persone funzionano e di cosa hanno bisogno per vivere al meglio le loro potenzialità, piuttosto che sul che cosa hanno perso e che cosa non possono più fare.

L intervento riabilitativo nel paziente con SLA SLA 2010 DALLA RICERCA ALLE CURE PALLIATIVE -30 ottobre 2010- Livia Colla SOC Medicina Riabilitativa-P.O.Casale M.to- ASLAL Riabilitazione un processo di

Dettagli

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA

L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA L importanza della fisioterapia e degli ausili nella SLA Alessandro Biemmi Luca Risi Introduzione La Sclerosi Laterale Amiotrofica: è una malattia neurologica degenerativa determina una progressiva perdita

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE

QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE QUALITA DELLA VITA e PATOLOGIE CRONICHE:ATTUALITA E PROSPETTIVE INSUFFICIENZA RESPIRATORIA E QUALITA DI VITA Dr Rolando Negrin U.O.C.Pneumologia O.C.Vicenza 26-10-2013 La Sclerosi Laterale Amiotrofica(SLA)

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO

LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO CONVEGNO INTERNAZIONALE MALCESINE 2010 LA RIABILITAZIONE DELLA PARALISI POLIOMIELITICA E DELLA SINDROME POST POLIO D. M. Fisioterapista LINO FIA Il trattamento è rivolto a pazienti: in fase di stabilizzazione

Dettagli

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE

PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE ALLEGATO 1 PROGETTO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE PER I PAZIENTI CON SLA E LE LORO FAMIGLIE Il presente progetto è finalizzato alla sperimentazione nella Regione Piemonte di un percorso di presa in carico

Dettagli

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI UN PROGRAMMA DI FOLLOW-UP PNEUMOLOGICO NELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Dispensa realizzata in occasione della prima sessione DEL CORSO DI FORMAZIONE 2011 per persone affette da patologie neuromuscolari e

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

dall erogazione di una pillola - prestazione riabilitazione d organo alla vera presa in carico globale

dall erogazione di una pillola - prestazione riabilitazione d organo alla vera presa in carico globale IL NEUROLOGO E LE MALATTIE RARE: APPROCCIO CLINICO-GESTIONALE Technogym Village T-Auditorium Cesena, 19 aprile 2013 RIUNIONE MACRO AREA SIN EMILIA ROMAGNA MARCHE ABRUZZO LA RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE

Dettagli

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA CARTELLA DIDATTICO-RIABILITATIVA Anno Accademico STUDENTE SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA

Dettagli

Percorso diagnostico-assistenziale per la SLA in provincia di Trento

Percorso diagnostico-assistenziale per la SLA in provincia di Trento Percorso diagnostico-assistenziale per la SLA in provincia di Trento Paolo Bortolotti Laboratorio Neurofisiologia Clinica Ospedale di Riabilitazione Villarosa APSS Trento Obiettivo è la creazione di un

Dettagli

VIET TAI CHI e la mia salute

VIET TAI CHI e la mia salute VIET TAI CHI e la mia salute Autore: VIVIANA ALEXANDRA DURE 1 PRIMA PARTE Molte volte sentiamo parlare di malattie rare, per tante di queste purtroppo non ci sono cure. E nella ricerca che molti hanno

Dettagli

II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS

II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS II CICLO CORSI FORMATIVI DI VIVA LA VITA ONLUS Il corso prevede 9 incontri gratuiti in cui verranno affrontati i principali aspetti riguardanti l ordinaria gestione della persona affetta da SLA in ambito

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano

L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano L infermiere case-manager: l esperienza dell Unità Spinare Unipolare dell A.O. Niguarda di Milano Noemi Ziglioli, Coordinatore Infermieristico USU Niguarda, Milano Giovanna Bollini, Direttore DITRA A.O.

Dettagli

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona

NORMALITA E la possibilità di partecipare alla VITA QUOTIDIANA, nel rispetto delle diversità, dei desideri e delle inclinazioni di ogni persona PROGRAMMA Ausili ortesi protesi (definizione e concetti generali) Nomenclatore tariffario (concetti generali) Ausili: per la deambulazione, antidecubito Carrozzina e sistemi di postura (componenti e criteri

Dettagli

Assistenza domiciliare respiratoria

Assistenza domiciliare respiratoria Valutazione e trattamento delle malattie neuromuscolari e malattia del motoneurone in ambito pneumologico 33 Capitolo 7 Assistenza domiciliare respiratoria Vanni Galavotti, Enrico Guffanti* SC Pneumologia

Dettagli

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia

Luca Pantarotto. Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Luca Pantarotto Hospice Casa San Giovanni di Dio Ospedale S. Raffaele Arcangelo Fatebenefratelli Venezia Fisiologia della deglutizione atto complesso che implica l utilizzo coordinato e sincrono della

Dettagli

Il ruolo della Riabilitazione

Il ruolo della Riabilitazione Il ruolo della Riabilitazione Dr. Maria Laura Lopes de Carvalho Direttore Sanitario Dr. Monica Pagliai Coordinatore Servizi Ambulatoriali Servizio di Riabilitazione AISM Liguria SERVIZIO DI RIABILITAZIONE

Dettagli

Paralisi di Moto Centrale

Paralisi di Moto Centrale Paralisi di Moto Centrale Enrico Granieri, MD University Professor of Neurology Head of the Department of Medical-Surgical Sciences of Communication and Behaviour Chief of Section of Neurology University

Dettagli

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ALLEGATO B ELENCO PRESTAZIONI PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Medico Specialista ( es. geriatria- medicina interna o discipline equipollenti) 1. Prima visita domiciliare e stesura della

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Un Caso di Sclerosi Laterale Amiotrofica. Dr. Eustachio D Errico

Un Caso di Sclerosi Laterale Amiotrofica. Dr. Eustachio D Errico Un Caso di Sclerosi Laterale Amiotrofica Dr. Eustachio D Errico Caso clinico U 73 anni Anamnesi familiare negativa per malattie neurologiche Non storia di attività sportiva agonistica o esposizione a tossici

Dettagli

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00

Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 Roma, 7 luglio 2010 Presso Sede AIL, Via Casilina 5, ROMA Orario: 10.30-17.00 1 Sicurezza domiciliare tra domotica e superamento delle barriere architettoniche Dr. Angelo Montesano, Responsabile Servizio

Dettagli

I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale

I.R.C.C.S. S. Maria Nascente. Domotica Ausili Terapia Occupazionale I.R.C.C.S. S. Maria Nascente Domotica Ausili Terapia Occupazionale Marco Pastori Terapista Occupazionale Fondazione Don Gnocchi Onlus IRCCS S.Maria Nascente Milano Ambiti di intervento: La Terapia Occupazionale

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE DELLE PARALISI DEL NERVO FACCIALE

LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE DELLE PARALISI DEL NERVO FACCIALE LA TERAPIA OCCUPAZIONALE: SCOPI E AMBITI APPLICATIVI LA RIABILITAZIONE DOPO INTERVENTO CHIRURGICO DI MASTECTOMIA LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE AMPUTATO LA RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE USTIONATO LA RIABILITAZIONE

Dettagli

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità

LA DISFAGIA LA DISFAGIA 11/04/2011. Organi deputati alla deglutizione. 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Organi deputati alla deglutizione 5.3 obiettivo Infermieristica Cronicità e Disabilità Riconoscere i problemi della persona anziana con malattie croniche e/o disabilità ed i relativi interventi infermieristici,

Dettagli

Linee guida trattamento riabilitativo nei pazienti affetti da S.L.A.

Linee guida trattamento riabilitativo nei pazienti affetti da S.L.A. Linee guida trattamento riabilitativo nei pazienti affetti da S.L.A. Definizione La Sclerosi Laterale Amiotrofica - SLA - è una malattia rara caratterizzata da una degenerazione dei motoneuroni, le cellule

Dettagli

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2

L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 PDTA della persona con SLA esperienza dell area bolognese Fabrizio Salvi Antonella Dallari Manuela Panìco L inizio 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 2 14 marzo 2015 PDTA SLA AUSL Bologna 3 Da un incontro

Dettagli

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova

RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE. Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 1 RIABILITAZIONE DEL PAZIENTE OPERATO NEL DISTRETTO CERVICO-FACCIALE Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro-Genova 2 Le informazioni trovate in questo opuscolo non sostituiscono il colloquio col

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

GLI AUSILI COMUNICATIVI

GLI AUSILI COMUNICATIVI GLI AUSILI COMUNICATIVI nella SCLEROSI LATERLE AMIOTROFICA Dott. M. Siccardi ASL CN1 PO FOSSANO SOC Medicina Riabilitativa Ospedaliera Direttore Dott. GF Lamberti DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE Oltre 80%

Dettagli

Gestione di pazienti con sindromi miopatiche Prof. Enrico Granieri Clinica Neurologica Università di Ferrara

Gestione di pazienti con sindromi miopatiche Prof. Enrico Granieri Clinica Neurologica Università di Ferrara Gestione di pazienti con sindromi miopatiche Prof. Enrico Granieri Clinica Neurologica Università di Ferrara Coinvolgimento muscolo Fisioterapia Test obiettivo della forza scheletrico muscolare - ipotonia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Brambilla Daniela Indirizzo Albaredo Arnaboldi Via. Cascinone 18 Telefono 0385/277644 cell. 339/3970442 Fax

Dettagli

CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA

CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA CURRICULUM PERSONALE DR. PIETRO ALONGI FISIOTERAPISTA COGNOME, NOME, LUOGO E DATA DI NASCITA: ALONGI PIETRO -nato a PALERMO il 14/12/76 RESIDENZA: Palermo - Via Spinasanta 210 - cap 90147 - Tel: 091-6726744

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Movimento e fisioterapia

Movimento e fisioterapia Movimento e fisioterapia Spesso il primo sintomo della Malattia di Pompe è la debolezza dei muscoli utilizzati per camminare. È possibile che i bambini nel primo anno di età appaiano ipotonici o non siano

Dettagli

I Stadio riabilitativo: in acuzie

I Stadio riabilitativo: in acuzie MEDICINA RIABILITATIVA PROF. ROSARIO MARIA AZZOPARDI Primario di Raggruppamento Riabilitativo Specialista in Ortopedia e Traumatologia Specialista in Fisioterapia e Riabilitazione RIABILITAZIONE La riabilitazione

Dettagli

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07

Riabilitazione Respiratoria. Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Riabilitazione Respiratoria Linee guida American Thoracic Society Luglio 07 Definizione (American Thoracic Society) La riabilitazione polmonare è attività terapeutica multidisciplinare basata EBM, rivolta

Dettagli

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

Progetto di Assistenza Domiciliare

Progetto di Assistenza Domiciliare Progetto di Assistenza Domiciliare Per curare efficacemente un malato cronico, oggi non è più sufficiente limitarsi alla corretta interpretazione dei segni e dei sintomi clinici della malattia e/o alla

Dettagli

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni

Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua. anni Nuovo Centro di Fisioterapia Riabilitativa in acqua 50 1964 2014 anni Il Centro di Terapia in Acqua di Villa Maria Il Centro di Fisioterapia Riabilitativa in Acqua (idrochinesiterapia) di Villa Maria è

Dettagli

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna. Allegato alla Delib.G.R. n. 49/14 del 7.12.2011 PROGETTO: Riconoscimento del lavoro di cura del familiare caregiver e integrazione dell assistenza domiciliare in favore dei malati di SLA della Sardegna.

Dettagli

DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INTEGRATA AL PAZIENTE CON SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (SLA)

DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INTEGRATA AL PAZIENTE CON SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (SLA) Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE SANITA E POLITICHE SOCIALI DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ASSISTENZA INTEGRATA AL PAZIENTE CON SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA

Dettagli

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO

Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Assistenza Domiciliare nelle persone con BPCO Roma, 31 maggio 2012 Le Richieste Sempre più pazienti sono affetti da malattie croniche con un aumento della sopravvivenza in ogni fascia di età I cittadini

Dettagli

Il trattamento fisioterapico della persona affetta da SLA

Il trattamento fisioterapico della persona affetta da SLA Il trattamento fisioterapico della persona affetta da SLA Meglio aggiungere vita ai giorni che non giorni alla vita. Rita Levi Montalcini Ogni paziente è diverso, non esiste quindi un trattamento standard.

Dettagli

IL PROGETTO PER RESPIRARE. Domiciliazione del paziente ventilato

IL PROGETTO PER RESPIRARE. Domiciliazione del paziente ventilato IL PROGETTO PER RESPIRARE Domiciliazione del paziente ventilato La nostra esperienza.. Giulia Marescotti Fisioterapista area intensiva MRI I DATI Anni Mielolesi ventilati dimessi 2002 / 2007 13 2008/ ottobre

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

Dr.ssa Maria Grazia Russo Responsabile U. O. Riabilitazione ASL BA. Dr.ssa Laura Caforio Tecnico ortopedico

Dr.ssa Maria Grazia Russo Responsabile U. O. Riabilitazione ASL BA. Dr.ssa Laura Caforio Tecnico ortopedico Manfredonia, 15 17 novembre 2010 Valutazione e Prescrizione ORTESI, PROTESI ed AUSILI I SISTEMI DI POSTURA PER LA PERSONA GRAVEMENTE DISABILE Dr.ssa Maria Grazia Russo Responsabile U. O. Riabilitazione

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

IL PERCORSO DI CURA E ASSISTENZA PER LE PERSONE AFFETTE DA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA E LE LORO FAMIGLIE IN PROVINCIA DI BERGAMO

IL PERCORSO DI CURA E ASSISTENZA PER LE PERSONE AFFETTE DA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA E LE LORO FAMIGLIE IN PROVINCIA DI BERGAMO ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO SERVIZIO CURE DOMICILIARI E RIABILITAZIONE Responsabile: dr. Benigno Carrara Segreteria : Via Gallicciolli, 4 24121 Bergamo -: 035/385398 fax: 035/385227 IL PERCORSO DI CURA

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Le connettiviti. La sclerosi sistemica

Le connettiviti. La sclerosi sistemica Le connettiviti Le connettiviti sono malattie sistemiche, in cui vi è un interessamento immuno flogistico del tessuto connettivo. Le principali sono: lupus eritematoso sistemico (LES), sclerosi sistemica

Dettagli

Disabilità. vita quotidiana

Disabilità. vita quotidiana Disabilità e vita quotidiana Caracciolo Antonio Fisioterapista Coordinatore Servizio DAT (Domotica, Ausili, Terapia occupazionale) IRCCS Fondazione Don Carlo Gnocchi, Milano Di chi parliamo. Handiccappati

Dettagli

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa

Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Allegato 1 alla D.G.R. n. 11/7 del 21.3.2006 Condizioni generali e specifiche di erogazione delle prestazioni di medicina fisica e riabilitativa Le prestazioni afferenti alla branca specialistica di medicina

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 2 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 2 Edizione IPAB Casa Albergo per Anziani WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 2 Edizione LA PERSONALIZZAZIONE DEL PIANO ASSISTENZIALE INDIVIDUALIZZATO: I PERCORSI DELL UNITA OPERATIVA

Dettagli

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro

UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro UU.OO. di Pneumologia e Rianimazione Azienda Ospedaliera Ospedale San Salvatore Pesaro Progetto Assistenza Domiciliare Integrata per Pazienti con quadro di grave insufficienza respiratoria (ADIGIR) dr.

Dettagli

Chi sono i nostri utenti

Chi sono i nostri utenti Chi sono i nostri utenti anziani con età > 65/70 anni Con polipatologie Con cadute ripetute in anamnesi Già con storia di fr. di femore Con accidenti del sistema cardiovascolare Con esiti di ictus cerebri

Dettagli

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica

Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica Università degli Studi di Sassari Clinica Ortopedica 33-34 vertebre 7 cervicali 12 dorsali 5 lombari 5 sacrali 4/5 coccigee Corpo: di forma cilindrica Archi vertebrali : circoscrivono il foro vertebrale,

Dettagli

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno...

Allegato 2. Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno. Indice. Premessa... 2. 1. Il processo di valutazione del bisogno... Allegato 2 Strumenti per la valutazione multidimensionale del bisogno Indice Premessa... 2 1. Il processo di valutazione del bisogno... 2 2. Il triage... 3 3. La valutazione di secondo livello... 3 4.

Dettagli

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA

LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA LA VENTILAZIONE NON INVASIVA IN PEDIATRIA IL RUOLO DELL INFERMIERE NELLA NIV 08 MAGGIO 2013 Serena Soldini Infermiere pediatrico Dipartimento Medicina Pediatrica UOC Broncopneumologia- Ospedale Pediatrico

Dettagli

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis

Direzione Sanitaria II Distretto. Dott. Fabio De Angelis Direzione Sanitaria II Distretto Dott. Fabio De Angelis COMPLESSITA ORGANIZZATIVA Necessità di modelli organizzativi più coerenti ed efficaci per la gestione dei pazienti domiciliari COMPLESSITA ORGANIZZATIVA

Dettagli

Caregiver DayRegionale

Caregiver DayRegionale Caregiver DayRegionale Giornata del caregiver familiare - Carpi, 25 maggio 2013 - Mariella Martini Direttore Generale Azienda USL di Modena Previsioni popolazione anziana residente in provincia di Modena.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO LA PRESIDENZA DELLA REGIONE - VIALE ALDO MORO 52 - BOLOGNA Parte seconda - N. 41 Anno 44 26 febbraio 2013 N. 47 DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

IL PERCORSO RIABILITATIVO NEL PROGETTO INDIVIDUALE

IL PERCORSO RIABILITATIVO NEL PROGETTO INDIVIDUALE CONVEGNO NAZIONALE CNOPUS Unità Spinale Unipolare: un viaggio tra le esperienze acquisite e lo scenario futuro 18 19 novembre 2011 Ancona IL PERCORSO RIABILITATIVO NEL PROGETTO INDIVIDUALE C.Pilati e tutta

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI, PRESCRIVERLI E FORNIRLI PERCHÉ SIANO DAVVERO UTILI?

GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI, PRESCRIVERLI E FORNIRLI PERCHÉ SIANO DAVVERO UTILI? CORSO NAZIONALE DI AGGIORNAMENTO SIMFER RIABILITARE (L)A CASA: La Medicina Fisica e Riabilitativa in ambito territoriale e domiciliare Treviso, 21-22-23 novembre 2013 GLI AUSILII AL DOMICILIO; COME SCEGLIERLI,

Dettagli

DISABILITA MOTORIA E AUSILI

DISABILITA MOTORIA E AUSILI DISABILITA MOTORIA E AUSILI I.P.S.I.A. San Benedetto del Tronto 21 aprile 2008 Prof.ssa Olmo Serafina Il disturbo del movimento è la conseguenza di lesioni che possono interessare diverse strutture corporee

Dettagli

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA libro:layout 1 21-10-2010 15:06 Pagina 49 POSITION PAPER: RUOLO DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E CLINICA M. L. Amerio, D. Domeniconi in collaborazione con la Rete dei Servizi di Dietetica e Nutrizione Clinica

Dettagli

Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano

Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano Diagnosi e trattamento delle comuni patologie della mano Genova, 17 Maggio 2014 Cenni di trattamento riabilitativo conservativo e post chirurgico nelle comuni patologie mano Dott.Ft Gabriella Bruno ASL3

Dettagli

organizzativi della pelvicunit

organizzativi della pelvicunit Tavola Rotonda: modelli organizzativi della pelvicunit Moderatori: G. De Scisciolo, M. Palumbo, M. Lamartina Realtà a confronto: Unitàspinale-M.P.Onesta Centro di Riabilitazione - G. Quattrocchi L esperienza

Dettagli

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche

Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche AGGIORNAMENTO OBBLIGATORIO MEDICI DI MEDICINA GENERALE Sabato 21 Febbraio 2015 TITOLO DEL CORSO: Novità nella gestione e nella terapia di alcune patologie croniche Responsabile del corso Dr. : Tesei Fiorenzo

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011

Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Percorsi di innovazione nelle cure primarie Parma 21-22 ottobre 2011 Fabia Franchi Responsabile Servizio Assistenziale Tecnico e Riabilitativo AUSL di Bologna IL CONTESTO DELL AUSL DI BOLOGNA Superficie

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE

DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Se non può rientrare al domicilio compilare gli item qui a fianco COGNOME: Per inoltrare a Casa di Cura Ambrosiana: FAX 02.4587.6860 DOMANDA DI RICOVERO per U.O. di CURE SUBACUTE Nato il: A: NOME: Residente

Dettagli

La sclerosi laterale amiotrofica

La sclerosi laterale amiotrofica La sclerosi laterale amiotrofica Nomenclatura Malattie del motoneurone: gruppo eterogeneo di patologie ad eziologia diversa (più spesso sconosciuta) accomunate dalla presenza di un processo degenerativo

Dettagli

Meglio informati sul mal di schiena

Meglio informati sul mal di schiena Meglio informati sul mal di schiena 11309-270801 www.mepha.ch Quelli con l arcobaleno Quelli con l arcobaleno Armonia alterata Quando i tendini, i legamenti, i muscoli e le articolazioni cessano di funzionare

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso

Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Il Caregiver: figura cardine per la sostenibilità della presa in carico del paziente complesso Maria Angela Becchi Taranto

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail GIANNI ELENA Nazionalità Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA Gennaio 2003 ad oggi Istituto di Riabilitazione

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Cos regole precise forma di donazione regolare estremamente diffusa nei paesi anglosassoni Payroll Giving donazione tramite busta paga Match Giving

Cos regole precise forma di donazione regolare estremamente diffusa nei paesi anglosassoni Payroll Giving donazione tramite busta paga Match Giving PAYROLL GIVING La storia di Francesca accomuna molte storie di malati di Sclerosi Laterale Amiotrofica che non riescono più a camminare, a parlare, a ridere, aiutaci ad essere le loro gambe, la loro voce,

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.

DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE. MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf. DIMISSIONI PROTETTE E ASSISTENZA DOMICILIARE MARIA IMMACOLATA COZZOLINO GERIATRA DIRETTORE DISTRETTO RMF1 mariai.cozzolino@aslrmf.it Popolazione anziana Distretto RMF1 Dati 2000 65-74 75-84 >85 M 3397

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA: INFORMAZIONI UTILI A CURA DI CLINICA NEUROLOGICA DI PADOVA CENTRO SPECIALIZZATO PER LE MALATTIE NEUROMUSCOLARI E PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA È un Centro specializzato

Dettagli

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE

LA CONTINUITA ASSISTENZIALE e-oncology II edizione: L informatizzazione in Oncologia Trento, 22 ottobre 2010 LA CONTINUITA ASSISTENZIALE Prof. Oscar Alabiso Oncologia AOU Novara Continuità Assistenziale : organizzazione centrata

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA

ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CHENDI ROSALIA Indirizzo Via Marconi 48 21054 FAGNANO OLONA (VARESE) -ITALIA Telefono 338-7432276 C.F. CHN RSL 52A43 D467E E-mail r.chendi@alice.it

Dettagli

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Allegato 1 Indirizzi sperimentali per l organizzazione ed il funzionamento dell Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) Indice Premessa... 2 1. Ambito di applicazione... 2 1.1 Definizione... 2 1.2 I destinatari...

Dettagli

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE

Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Flavia Bencivenni Coordinatrice Lungodegenza Ospedale C.Magati Scandiano Azienda USL di RE Capo I Articolo 2 L'assistenza infermieristica è servizio alla persona, alla famiglia e alla collettività. Si

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999

REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 Allegato alla Deliberazione Azienda USL 2 Lucca n. 505 del 08/08/2007 REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA CONCESSIONE DI PRESIDI (PROTESI ED AUSILI) ex DM n. 332 del 27/8/1999 PREMESSA Il presente regolamento

Dettagli