IL GRUPPO MERCURIO. Mercurio Comunicazione Portali web e soluzioni informatiche. Le Società

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GRUPPO MERCURIO. Mercurio Comunicazione Portali web e soluzioni informatiche. Le Società"

Transcript

1

2 IL GRUPPO MERCURIO Le Società Gruppo Mercurio S.r.l. Sicurezza nei posti di lavoro e nei cantieri Piani di protezione civile e Servizi globali per il territorio Rilievi topografici e procedure di esproprio Mercurio Ingegneria S.r.l. Verifiche Periodiche Verifica per la validazione progetti e supporto al RUP Ispezione di parte terza e controllo tecnico Project e Construction Management Audit e Certificazione energetica Mercurio Servizi S.r.l. Inventari e servizi per le PPAA Mercurio Comunicazione Portali web e soluzioni informatiche

3 RUOLO DEI SOGGETTI ABILITATI LEGGE n. 98 del 9 Agosto 2013 PRIMA VERIFICA PERIODICA INAIL DATORE DI LAVORO RICHIESTA INAIL ENTRO 45 gg Effettua direttamente la verifica Attiva Mercurio Ingegneria Non risponde DATORE DI LAVORO INCARICO DIRETTO A MERCURIO INGEGNERIA VERIFICHE PERIODICHE SUCCESSIVE ALLA PRIMA PRIMA DELLA LEGGE 98 DEL 09/08/2013 DA OGGI CON LA LEGGE 98 DEL 09/08/2013 DATORE DI LAVORO RICHIESTA ASL Effettua direttamente la verifica Attiva Mercurio Ingegneria Incarico diretto a Mercurio trascorsi 30 giorni DATORE DI LAVORO RICHIESTA MERCURIO INGEGNERIA 30 gg Verbale di verifica

4 LA NUOVA PROCEDURA DI RICHIESTA DI VERIFICA PERIODICA LEGGE n. 98 del 9 Agosto 2013 Scadenza Verifica Periodicità All. VII Scadenza Verifica Periodicità All. VII MERCURIO INGEGNERIA effettua DIRETTAMENTE le verifiche successive alla prima 30 GG PRIMA SCADENZA PERIODICITÀ SCADENZA PERIODICITÀ Rilascio scheda tecnica e Verbale di Prima Verifica Periodica Il Datore di Lavoro richiede la Verifica Periodica, su libera scelta, all ASL competente o DIRETTAMENTE a MERCURIO INGEGNERIA Rilascio Verbale di Verifica Periodica

5 FINALITÀ DEL SERVIZIO DI VERIFICA E CRITICITÀ DM 111 dell 11 aprile 2011 OBIETTIVI TUTELA del Datore di Lavoro Ufficio tecnico SICUREZZA sui luoghi di lavoro (cose e persone) CRITICITÀ PRIMA D.M. 11 aprile 2011 DOPO D.M. 11 aprile 2011 L obbligo del Datore di Lavoro terminava con la richiesta di verifica Il Datore di Lavoro deve attivarsi per ottenere la verifica (art. 71 D. Lgs)

6 CONVENZIONE ASSIMPREDIL MERCURIO L ufficio commerciale di Mercurio Ingegneria S.r.l. UFFICIO COMMERCIALE Ispettori Ufficio tecnico I NOSTRI SERVIZI PER GLI ASSOCIATI: Sopralluogo gratuito Entro 3 gg dalla richiesta dell associato Preventivo gratuito Entro 5 gg dal sopralluogo (tariffario D. Dirig. 23/11/12) Servizio informazioni in-time linea diretta: Redazione di moduli individuazione moduli corretti e loro compilazione Monitoraggio scadenze termini di risposta del titolare di funzione e periodicità Richiesta matricole Redazione archivio documentale Sconto massimo garantito: 15% della tariffa su Incarico Diretto Tutto compreso nella tariffa

7 MILANO LODI MONZA E BRIANZA

8 DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA Direttore Regionale: Dott. Antonio Traficante SETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E VERIFICA Unità operativa territoriale di Milano Direttore UOT: Dott. Ing. Michele De Mattia Convegno organizzato da Mercurio Ingegneria Srl Verifiche periodiche attrezzature ed impianti Obblighi normativi e procedure Intervento INAIL INAIL- Soggetto titolare della prima verifica periodica. Obblighi, procedure e criticità a cura di Michele De Mattia Milano, 19 settembre 2013 presso Assimpredil Ance, Via San Maurilio 21 Milano

9 (1886) Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro E TITOLARE DI VERIFICHE DI MESSA IN SERVIZIO E PRIME VERIFICHE PERIODICHE ATTREZZATURE DI LAVORO - D.Lgs. 81/08 e s. m.i., art. 9,comma 6, lett. e); art.71, comma 11 - ISPESL (1980) Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro viene soppresso e le relative funzioni, con decorrenza dal 31 maggio 2010, sono state attribuite all'inail Art. 7, comma 1 del Decreto Legge n. 78 del 31 maggio 2010 (convertito nella legge n. 122 del 30 luglio 2010) ANCC (1926) Associazione Nazionale per il Controllo della Combustione ISPESL ENPI (1938) Ente Nazionale per la Prevenzione degli Infortuni

10 D.Lgs. 81/08 e s.m.i. «all articolo 71, il comma 11 è sostituito dal seguente MODIFICATO DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 7 agosto 2013: 11. Oltre a quanto previsto dal comma 8, il datore di lavoro sottopone le attrezzature di lavoro riportate nell allegato VII a verifiche periodiche volte a valutarne l effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini di sicurezza, con la frequenza indicata nel medesimo allegato. Per la prima verifica il datore di lavoro si avvale dell INAIL, che vi provvede nel termine di quarantacinque giorni dalla messa in servizio dell attrezzatura. Una volta decorso inutilmente il termine di quarantacinque giorni sopra indicato, il datore di lavoro può avvalersi, a propria scelta, di altri soggetti pubblici o privati abilitati secondo le modalità di cui al comma 13. Le successive verifiche sono effettuate su libera scelta del datore di lavoro dalle ASL o, ove ciò sia previsto con legge regionale, dall ARPA, o da soggetti pubblici o privati abilitati, che vi provvedono secondo le modalità di cui al comma 13. Per l effettuazione delle verifiche l INAIL può avvalersi del supporto di soggetti pubblici o privati abilitati. I verbali redatti all esito delle verifiche di cui al presente comma devono essere conservati e tenuti a disposizione dell organo di vigilanza. Le verifiche di cui al presente comma sono effettuate a titolo oneroso e le spese per la loro effettuazione sono poste a carico del datore di lavoro»; Art. 9, comma 6, lett. e) 6. L ISPESL, nell ambito delle sue attribuzioni istituzionali, opera avvalendosi delle proprie strutture centrali e territoriali, garantendo unitarietà della azione di prevenzione nei suoi aspetti interdisciplinari e svolge le seguenti attività: e) è titolare di prime verifiche e verifiche di primo impianto di attrezzature di lavoro sottoposte a tale regime;

11 ALLEGATO V D.Lgvo 81/08 e s.m.i TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDULE Michele De Mattia CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Artt. 69 Definizioni 70 Requisiti di sicurezza 71 Obblighi datore lavoro 72 Obblighi noleggiatori e concedenti in uso 73 Informazione e formazione CAPO II USO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE REQUISITI DI SICUREZZA DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO COSTRUITE IN ASSENZA DI DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E REGOLAMENTARI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE COMUNITARIE DI PRODOTTO, O MESSE A DISPOSIZIONE DEI LAVORATORI ANTECEDENTEMENTE ALLA DATA DELLA LORO EMANAZIONE ALLEGATO VI DISPOSIZIONI CONCERNENTI L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO ALLEGATO VII VERIFICHE DI ATTREZZATURE ALLEGATO VIII DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ALLEGATO IX NORME DI BUONA TECNICA

12 Nel D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Articolo 2 - Definizioni 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente Decreto Legislativo si intende per: messa in servizio: definizione? commercializzazione: definizione? CAPO I - USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Articolo 69 - Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente Titolo si intende per: a) attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature e componenti necessari all attuazione di un processo produttivo, destinato ad essere usato durante il lavoro; b) uso di una attrezzatura di lavoro: qualsiasi operazione lavorativa connessa ad una attrezzatura di lavoro, quale la messa in servizio o fuori servizio, l impiego, il trasporto, la riparazione, la trasformazione, la manutenzione, la pulizia, il montaggio, lo smontaggio;

13 DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010, n. 17. Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori. ART. 2 (Definizioni) h) «immissione sul mercato»: prima messa a disposizione, all'interno della Comunità, a titolo oneroso o gratuito, di una macchina o di una quasi-macchina a fini di distribuzione o di utilizzazione; m) «messa in servizio»: primo utilizzo, conforme alla sua destinazione, all'interno della Comunità, di una macchina oggetto del presente decreto legislativo;

14 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N. 459 DEL 24/07/1996 Regolamento per l'attuazione delle direttive 89/392/CEE, 91/368, 93/44 e 93/68 concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine. ART. 3 (Immissione sul mercato e messa in servizio) 1. Possono essere immesse sul mercato ovvero messe in servizio unicamente le macchine che soddisfano le pertinenti disposizioni del presente decreto legislativo e non pregiudicano la sicurezza e la salute delle persone e, all'occorrenza, degli animali domestici o dei beni, quando sono debitamente installate, mantenute in efficienza e utilizzate conformemente alla loro destinazione o in condizioni ragionevolmente prevedibili.

15 Esempio: direttiva ascensori 95/16/CE riguardante impianti non in Allegato VII al DLgs 81/08 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 5 ottobre 2010, n. 214 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per la parziale attuazione della Direttiva 2006/42/CE relativa alle macchine e che modifica la Direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori. (10G0233) (GU n. 292 del ) Entrata in vigore del provvedimento: 30/12/2010 d) installatore dell'ascensore: il responsabile della progettazione, della fabbricazione, dell'installazione e della commercializzazione dell'ascensore, che appone la marcatura CE e redige la dichiarazione CE di conformità; e) commercializzazione di un ascensore: ha luogo allorché l'installatore mette per la prima volta l'ascensore a disposizione dell'utente; f) commercializzazione di un componente di sicurezza: la prima immissione sul mercato dell'unione europea, a titolo oneroso o gratuito, di un componente di sicurezza per la sua distribuzione o impiego; l) messa in esercizio: la prima utilizzazione dell'ascensore o del componente di sicurezza;

16 Direttiva Macchine 2006/42/CE dal recepita in Italia con DLgvo n. 17 del (S.O.G.U. n. 41 del ) L Italia l ha recepita fuori tempo massimo, il tempo utile imposto dall UE era il sostituisce la direttiva 98/37/CE recepita in Italia, nella prima versione 89/392/CE con DPR 459/96, dal

17 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA N. 459 DEL 24/07/1996 Regolamento per l'attuazione delle direttive 89/392/CEE, 91/368, 93/44 e 93/68 concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine. Art Norme finali e transitorie 1. Fatto salvo l'art. 1, comma 3, in caso di modifiche costruttive, chiunque venda, noleggi o conceda in uso o in locazione finanziaria macchine o componenti di sicurezza già immessi sul mercato o già in servizio alla data di entrata in vigore del presente regolamento e privi di marcatura CE, deve attestare, sotto la propria responsabilità, che gli stessi sono conformi, al momento della consegna a chi acquisti, riceva in uso, noleggio o locazione finanziaria, alla legislazione previgente alla data di entrata in vigore del presente regolamento. 3. Chiunque utilizzi macchine già soggette alla disciplina di cui al decreto ministeriale 12 settembre 1959, messe in servizio successivamente all'entrata in vigore del presente regolamento, ha l'obbligo di denuncia al dipartimento periferico competente per territorio dell'ispesl dell'avvenuta installazione della macchina. Michele De Mattia

18 Le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro In generale, le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro sono attività tecniche specialistiche di prevenzione, finalizzate alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori, accertando in particolare: la conformità alle modalità di installazione previste dal fabbricante nelle istruzioni d uso, lo stato di manutenzione e conservazione, il mantenimento delle condizioni di sicurezza previste in origine dal fabbricante e specifiche dell attrezzatura di lavoro, l efficienza dei dispositivi di sicurezza e di controllo. Pertanto, le verifiche periodiche: NON sono collaudi, né omologazioni; NON sono attività di consulenza; NON sono i controlli che il datore di lavoro deve effettuare ai sensi dell art. 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 (controlli iniziali, controlli periodici, controlli straordinari).

19 Le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro Ai sensi dell art. 71 comma 11 del D.Lgs. 81/2008, per prima verifica si intende la prima delle verifiche periodiche; la prima verifica prevede, di diverso rispetto alle verifiche periodiche successive, solo la compilazione della scheda tecnica di identificazione dell attrezzatura di lavoro, che servirà alla registrazione dei dati identificativi e delle caratteristiche tecniche principali dell attrezzatura, allo scopo di costituire un riferimento per le verifiche periodiche successive (vedi all. IV D.M. 11/4/2011).

20 MEMORANDUM NUOVO APPROCCIO Certificazione Conformità Direttiva PED 97/23/CE DIRETTIVE DI PRODOTTO Direttiva quadro 83/189/CEE Sicurezza prodotti industriali ESERCIZIO : Verifiche di Primo Impianto DM329/2004 ESERCIZIO : Prime Verifiche Periodiche DLgs 81/08 e DM 11,04,2011 DIRETTIVE SOCIALI Direttiva quadro 89/391/CE Obiettivi sociali Esempio: Direttiva Macchine /42/CEE (D.Lgs 17/2010) Macchine Obbligatoria dal 06/03/2010 Presunzione di conformità (norme armonizzate) Requisiti minimi di miglioramento delle macchine Utilizzo delle attrezzature e dei prodotti Misure di tutela Marcatura CE e libero scambio D.Lgs 81/08 REQUISITI ESSENZIALI DI PRODOTTI (macchine, insiemi, quasi macchine, etc) TITOLO III: USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO e verifiche

21 Struttura Settore RCV L INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica, è organizzato in 7 dipartimenti centrali, 8 centri di ricerca e 36 dipartimenti territoriali - UOT Unità Operative Territoriali di certificazione, verifica e ricerca, nel seguito brevemente UOT CVR, ciascuno di questi ultimi competenti per territorio a livello interprovinciale

22 Dipartimenti Territoriali della Lombardia INAIL Settore Ricerca, Certificazione e Verifica Como UOT CVR Bergamo Brescia Lecco UOT CVR Como Competente province di Sondrio Milano Cremona UOT CVR Brescia Competente province di Mantova Varese Lodi UOT CVR Milano Competente province di Monza e Brianza Pavia Il D.M. 23 dicembre 1982 istituiva i Dipartimenti periferici dell'ispesl per consentire all'istituto di svolgere l'attività omologativa derivatale dall'assunzione delle competenze dei disciolti enti: ENPI e ANCC DIREZIONE REGIONALE INAIL

23 ATTIVITA PREVALENTEMENTE SVOLTE IN REGIONE LOMBARDIA DA INAIL Settore Ricerca Certificazione e Verifica Unità Operativa Territoriale di Milano CONTROLLO FORMAZIONE CONSULENZA Attrezzature e Impianti Stabilimenti a Rischio Incidente Rilevante Operatori nei Settori di Competenza INAIL RCV Partecipazione Commissioni Comitati Convegni

24 CONTROLLO IMPIANTI IMPIANTI DI TERRA E DISPOSITIVI CONTRO LE SCARICHE ATMOSFERICHE Riferimento Legislativo D.P.R. 462/01 Denuncia Impianto con apposito modello di trasmissione (datore di lavoro) Allegati: Dichiarazione di Conformità Impianto Elettrico all INAIL e all ASL/ARPA - D.M. 37/08 ex legge 46/90 - INAIL RCV effettua verifiche a campione su impianti di terra e scariche atmosferiche di nuova installazione. L ASL/ARPA effettua l omologazione degli impianti elettrici con pericolo di esplosione. Gli organismi abilitati e le ASL/ARPA effettuano le verifiche periodiche su: -impianti di terra e scariche atmosferiche (ogni 5 anni ad eccezione di cantieri e locali ad uso medico e ambienti a maggior rischio in caso di incendio ogni 2 anni) -impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione (verifica ogni 2 anni)

25 TIPOLOGIE ATTREZZATURE /IMPIANTI CAMPI DI INTERVENTO CONTROLLO Attrezzature Impianti APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO ANTE DIRETTIVA MACCHINE di specifica competenza INAIL esame documentazione verifica POST e ANTE DIRETTIVA MACCHINE prima verifica periodica

26 Controllo Attrezzature e Impianti di competenza specifica INAIL Le UNITA OPERATIVE TERRITORIALI garantiscono Attività di certificazione nell ambito delle direttive di prodotto PED, TPED, ATEX verifiche di primo impianto ovvero di messa in servizio ai sensi dell art.4 del DM 329/94 (la prima verifica periodica secondo modalità di cui all allegato II del DM è distinta sia per tipologia che cronologia) INAIL EX ISPESL Organismo Notificato N. 0100

27 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO ad Acqua Calda CONTROLLO Attrezzature Impianti Rischio Scoppio Centrale termica (Aziende Condomini) Impianti installati in ambienti di vita e di lavoro Generatori di calore con Potf > 35 kw Acqua calda in pressione con T 110 C Generatore di A.C. (Aziende)

28 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO ad Acqua Calda D.M.1/12/1975 (Raccolta R ) CONTROLLO Attrezzature Impianti ATTIVITA TECNICA INAIL EX ISPESL Esame Documentazione Verifica Impianto (>35 kw) e Prima Periodica (>116 kw Ambienti Lavoro)

29 STABILIMENTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE D.Lgs. n. 334/1999 e s.m.i. Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose. DIRETTIVE SEVESO CONTROLLO Stabilimenti a Rischio Incidente Rilevante Partecipazione Comitati D.Lgs. n. 334/1999 e s.m.i -art.8 Lombardia N 157 aziende Competenza Milano N n.68 Rilascio Esplosione Settore RCV ATTIVITA TECNICA INAIL Settore RCV GdL (VVF-INAIL ex ISPESL-ARPA) Esame Rapporti di Sicurezza Ogni 5 anni ARPA LOMBARDIA Sopralluoghi Parere CTR Incendio

30 STABILIMENTI A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE D.Lgs. n. 334/1999 e s.m.i. CONTROLLO Stabilimenti a Rischio Incidente Rilevante Partecipazione Commissioni D.Lgs. n. 334/1999 e s.m.i - art.25 - art.8 ARPA LOMBARDIA ATTIVITA TECNICA INAIL Settore RCV Commissione MATTM Verifica Ispettiva su SGS Rapporto Finale Ispezione

31 ATTREZZATURE A PRESSIONE Partecipazione Commissioni Commissione Esami Abilitazione Conduzione Generatori Di Vapore ATTIVITA TECNICA INAIL Settore RCV Esame Requisiti Ammissione Libretti Tirocinio Esame Teorico-Pratico

32 Ascensori FORMAZIONE CONSULENZA COMMISSIONI Partecipazione alla Commissione Prefettizia per l Abilitazione del Personale Addetto alla Manutenzione degli Ascensori, Montacarichi, Piattaforme Elevatrici Verticali per Disabili, Montascale. - ai sensi dell art. 15 D.P.R. 30 aprile 1999 e s.m.i.-

33 Partecipazione con propri esperti alla redazione di Normazione COMMISSIONI CONSULENZA UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione CTI Comitato Termotecnico Italiano CEI Comitato Elettrotecnico Italiano

34 CONSULENZA AI MINISTERI Sorveglianza del Mercato nell ambito del GLAT macchine in collaborazione con la sede centrale di Roma del DTS, istruttorie tecniche per conto del Ministero delle Attività Produttive e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai fini della sorveglianza del mercato della direttiva macchine (D.P.R. 24/7/1996, n. 459, ora DLgvo n. 17 del )

35 Attività di consulenza, informazione e formazione e assistenza, a titolo oneroso, in collaborazione con la sede centrale RCV di Roma ed altri dipartimenti territoriali Corso di formazione per RSPP e ASPP aggiornato al T.U. D.Lgs. 81/08. Corso di aggiornamento per RSPP e ASPP sul T.U. D.Lgs. 81/08. FORMAZIONE CONSULENZA Corso di aggiornamento sul Titolo IV Cantieri Temporanei o Mobili del Testo Unico sulla Sicurezza. Corso di formazione per datori di lavoro ai sensi dell ex D.Lgs. 626/94 aggiornato al T.U. D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per RLS aggiornato al T.U. D.Lgs. 81/08. Corso di formazione PED, TPED e ATEX. Corso di formazione sui Carrelli Elevatori, Trattori e Mezzi di sollevamento. Corso di formazione per gli addetti ai lavori in quota aggiornato al T.U. D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per elettricisti aggiornato al T.U. D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per l individuazione, la gestione e l uso dei dispositivi di protezione individuale.

36 Obiettivi del legislatore Azzerare l arretrato Fornire certezze al datore di lavoro circa l effettuazione delle verifiche periodiche nei termini temporali sui tempi delle verifiche periodiche di cui al comma 11 dell art.71 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. in Lombardia INAIL e S.A.

37 DATORE di LAVORO Richiede la 1 V.P. all INAIL ed indica il Soggetto Abilitato SI Entro 45 gg dalla richiesta SI Intervento DIRETTO Intervento con ACCORDI Condizionato ai principi economici della PA NO Intervento AVVALENDOSI del Soggetto Abilitato scelto dal D.d.L. Con ASL Con DPL NO VERIFICA Entro 45 gg dalla richiesta SI SI VERIFICA Entro 45 gg dalla richiesta NO INAIL Comunica alla Commissione di Abilitazione FINE FINE Il Datore di Lavoro si rivolge ad un Soggetto Abilitato Esamina Sospende Cancella

38 Alcune Criticità Ricevimento richieste/denunce attraverso vari canali (cartaceo/telematico/pec/ /fax) Gestione Amministrativa (Richieste ed assegnazione matricole INAIL, comunicazioni, ) Marca da bollo su richiesta 1 VP e richieste cumulative Interpello INAIL all Agenzia Entrate in attesa risposta Verifica dell efficacia del DM Controllo operato S.A, Monitoraggio Fatturazione (100% al DdL, 15% al DdL, o 5% S.A.)

39 Contenuti D.M Criteri di abilitazione dei soggetti pubblici e privati abilitati alle VERIFICHE PERIODICHE (art. 71 c.11 D.Lgs 81/08) ELENCO NAZIONALE Commissione Ministero del Lavoro (MAP/INAIL/ML) Richiesta ad INAIL Regionale di iscrizione controllo dell'operato dei soggetti abilitati ELENCO INAIL per Regione Modalità di effettuazione delle VERIFICHE PERIODICHE Gruppo SC Sollevamento cose Gruppo SP Sollevamento persone Gruppo GVR Gas vapore e riscaldamento

40 Tariffe D.M Tariffe e quote spettanti al S.T. INAIL Decreto del 23/11/2012 Si applica anche l IVA sul 95% della tariffa indicata nelle tabelle del decreto VERIFICA AFFIDATA A SOGGETTO ABILITATO 5% tariffa gestione banca dati INAIL 10% tariffa spettante ad INAIL per attività di controllo 85% tariffa spettante al soggetto fatturata dal medesimo con IVA Tariffe soggetti abilitati pubblici/privati Possono differire al massimo del ± 15% delle tariffe decretate Si applica anche l IVA sul 95% della tariffa indicata nelle tabelle del decreto 5% tariffa gestione banca dati INAIL

41 Allegato VII del Testo Unico

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51 Modelli di denuncia di messa in servizio/immatricolazione e richiesta prima verifica periodica delle attrezzature di lavoro disponibili su INAIL Digitare cliccare su modulistica, quindi su sicurezza sul lavoro, quindi su verifica impianti ed attrezzature. Attrezzature a pressione Riscaldamento Sollevamento Forni Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 180 Kb) Richiesta di verifica messa in servizio (.pdf 168 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 164 Kb) Generatori di vapore Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 188 Kb) Richiesta di verifica messa in servizio (.pdf 172 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 172 Kb) Recipienti Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 184 Kb) Richiesta di verifica messa in servizio (.pdf 168 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 172 Kb) Tubazioni Denuncia di messa in servizio/immatricolazione(.pdf 180 Kb) Richiesta di verifica messa in servizio (.pdf 164 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 168 Kb) Insiemi Insiemi considerati unità indivisibili (UI) Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 268 Kb) Richiesta di verifica messa in servizio (.pdf 260 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 264 Kb) Insiemi non considerati unità indivisibili (UI) Denuncia di messa in servizio/immatricolazione(.pdf 280 Kb) Richiesta di verifica messa in servizio (.pdf 268 Kb) Impianti riscaldamento Denuncia impianto centrale di riscaldamento ad acqua calda(.pdf 52 Kb) -Mod. RD (.pdf 41 Kb) -Mod. RR (.pdf 60 Kb) -Mod. RR/Circuiti (.pdf 30 Kb) -Mod. RR/Generatori (.pdf 40 Kb) Richiesta di verifica impianto di riscaldamento ad acqua calda (.pdf 52 Kb) Richiesta verifica periodica impianti con potenzialità superiore a 116 Kw(.pdf 104 Kb) Impianti di messa a terra Dichiarazione di conformità per impianti di messa a terra e di protezione dalle scariche atmosferiche (.pdf 72 Kb) Guida tecnica(.pdf 484 Kb) Materiali con portata superiore a 200 Kg Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 84 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 84 Kb) Precisazioni del Ministero del Lavoro dell'11 dicembre 2009 (.pdf 68 Kb) Ascensori e montacarichi da cantiere Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 88 Kb) Richiesta prima verifica periodica(.pdf 88 Kb) Carrelli semoventi a braccio telescopico Denuncia di messa in servizio/immatricolazione(.pdf 84 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 84 Kb) Carri raccoglifrutta Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 64 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 68 Kb) Idroestrattori Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 80 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 88 Kb) Ponte mobile sviluppabile su carro Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 76 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 76 Kb) Ponti sospesi e relativi argani Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 72 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 72 Kb) Scale aeree ad inclinazione variabile Denuncia di messa in servizio/immatricolazione (.pdf 68 Kb) Richiesta prima verifica periodica (.pdf 72 Kb)

52 Grazie per l'attenzione e buon lavoro INAIL DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA SETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E VERIFICA Unità Operativa Territoriale di Milano Direttore U.O.T.: Dott. Ing. Michele De Mattia Corso di Porta Nuova, Milano Italy tel netfax Per modulistica,materiale didattico e linee guida sede Roma

53 L applicazione del D.M. 23 aprile 2011, n. 111 e s.m.i. in Regione Lombardia Nicoletta Cornaggia Dirigente Struttura Prevenzione ambienti di Vita e lavoro U.O. Governo della prevenzione e tutela sanitaria D.G. Salute Regione Lombardia

54 I dati - Anno Apparecchi di sollevamento % 44% Attrezzature a pressione n. apparecchi/attrezzature verificati nel 2010 ( carico effettivo 2010) n. apparecchi/attrezzature da sottoporre annualmente a verifica ( carico teorico medio annuale) n. apparecchi/attrezzature in esercizio in Lombardia e soggetti a verifica periodica (a maggio 2011)

55 I dati Anno 2013 Si può stimare che il numero di apparecchi si sia ridotto di circa il 5-15%. Nelle aziende lombarde risultano essere: circa apparecchi di sollevamento, di cui mediamente circa /anno soggetti a verifica periodica circa attrezzature a pressione, di cui mediamente circa /anno soggetti a verifica periodica

56 L attuale scenario L entrata in scena dei soggetti abilitati nell effettuazione delle verifiche periodiche di apparecchi ed attrezzature ha dato avvio a nuovi scenari nell operatività delle ASL, con riguardo all area della competenza impiantistica.

57 I controlli Apparecchi di sollevamento Distribuzione territoriale Num Controlli Elemento ANNO CONTROLLO Total SERVIZIO ENTE CONTROLLORE IMPIANTISTICA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI BERGAMO A.S.L. DELLA PROVINCIA DI BRESCIA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI COMO A.S.L. DELLA PROVINCIA DI CREMONA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI MANTOVA A.S.L. DI MILANO A.S.L. DELLA PROVINCIA DI MILANO A.S.L. DELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI PAVIA A.S.L. DELLA PROVINCIA DI SONDRIO A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE A.S.L. DI VALLECAMONICA - SEBINO Total Fonte: estrazione al 9 sett

58 I controlli Apparecchi di sollevamento Distribuzione nel periodo Fonte: proiezione per anno 2013

59 I controlli Apparecchi di sollevamento Distribuzione percentuale per settore IMPIANTISTICA TIPOLOGIA STRUTTURA SIDERURGIA, FONDERIE, FABBRICAZIONE TUBI, FABBRICAZIONE IN METALLO, CISTERNE, GENERATORI, LAVORAZIONE METALLI, FORGIATURA 17,6 16,5 16,2 ECC FABBRICAZIONE DI MOTORI,TURBINE, TRATTORI,MACCHINE UTENSILI, ARMI, ELETTRODOMESTICI 9,2 9,9 12, CANTIERI (UTILIZZARE QUESTA VOCE QUANDO IL CONTROLLO RIGUARDA ATTIVITA' SVOLTE IN UN CANTIERE, A PRESCINDERE DALLE TIPOLOGIA/CODICE ATECO IMPRESE DI COSTRUZIONI/DEMOLIZIONI, DI INSTALLAZIONE IMPIANTI (ELETTRICI,IDRAULICI ECC..), INTONACATURA E VERNICIATURA 42,2 41,8 39, COMMERCIO ALL'INGROSSO DI PRODOTTI NON ALIMENTARI 5,1 2,8 1,8 Fonte:

60 La vigilanza Le risorse liberate dovranno sempre più essere indirizzate ad attività di sorveglianza del territorio

61 I controlli. La logica all origine della strategia Combinazione equa ed intelligente empowerment ed enforcement. Sostenere le aziende significa modulare l intervento in funzione della loro specifica capacità e motivazione,...

62 mantenendo l attività di verifica nelle aziende a priorità di rischio DETERMINAZIONE DEL LIVELLO DI RISCHIO CONNESSO ALLE ATTREZZATURE DI LAVORO (Allegato VII d.lgs n. 81/2008) Premessa Il presente elaborato illustra il criterio oggettivo, finalizzato alla definizione della priorità nella programmazione degli interventi di prevenzione ed in particolare nella attività di verifiche di cui all art. 71, comma 11 d.lgs. n. 81/2008 e ss.mm.ii. Il metodo adottato consente di attribuire un livello di rischio non ai singoli impianti, ma bensì all ambiente operativo/azienda nel quale vengono utilizzati. L obiettivo è quello di definire uno strumento che consenta di classificare le istanze su una base oggettiva, in modo da poter agevolare la pianificazione delle attività secondo i piani programmati dai Servizi.

63 La legge del Fare - L. 98/2013 Per quanto riguarda le verifiche periodiche successive alla prima, con la nuova formulazione dell art. 71, spariscono i termini di 30 giorni e, soprattutto, non è più necessario avanzare la richiesta di verifica all ASL/ARPA, lasciando fin da subito al datore di lavoro la libertà di coinvolgere il soggetto a cui fare la richiesta di verifica, scegliendolo tra le ASL/ARPA e i soggetti pubblici o privati abilitati.

64 conducendo una valutazione complessiva della attrezzatura, in una quota comunque prioritaria di aziende verificate dai soggetti abilitati a holistic approach is essential to ensure that risks are identified, assessed and prioritised effectively

65 "centrando" sulle imprese viziose Controllo sempre più mirato, che comporta perfezionare, costruire, condividere e diffondere algoritmi per l'individuazione delle aziende da sottoporre prioritariamente a ispezione.

66 La vigilanza hanno facoltà di segnalare alla Commissione la sussistenza di motivi di possibile esclusione di soggetti abilitati negli elenchi (art. 2 co 5) inviano tempestivamente alla Commissione le segnalazioni di comportamenti anomali dei soggetti abilitati (all. III punto 5.3) svolgono attività di P.G. a seguito delle segnalazioni di non conformità fatte dai soggetti abilitati (art. 70 co. 4 DLgs 81/08)

67 L attività amministrativo-gestionale istituzione e pubblicazione dell elenco dei soggetti abilitati, a disposizione dei ddl (art. 2 co 4 e 6);

68 Archivio informatico al 2010: n. 10/14 ASL dispongono di un archivio informatico degli apparecchi sottoposti a verifica; al 2013: archivio INAIL: caricamento dei dati (ex all. III punto 5.1, inviano all INAIL annualmente i dati delle attività effettuate, comprese quelle svolte dai soggetti abilitati)

69 Grazie per l attenzione

70 Verifiche Periodiche Verifiche periodiche attrezzature e impianti Obblighi normativi e procedure Intervento a cura di: T.d.P. Leccardi p.i. Luigi

71 Verifiche Periodiche ASL Milano S.C. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro / S.s. Verifiche Impianti di Sollevamento RUOLO COMPETENZE CRITICITA Intervento a cura di: T.d.P. Leccardi p.i. Luigi

DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA. Seminario Le verifiche periodiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro

DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA. Seminario Le verifiche periodiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA SETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E VERIFICA Dipartimento territoriale di Milano Seminario Le verifiche periodiche obbligatorie sulle attrezzature di lavoro Intervento:

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO ad Acqua Calda

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO ad Acqua Calda IMPIANTI DI RISCALDAMENTO ad Acqua Calda D.M.1/12/1975 (Raccolta R ) CONTROLLO Attrezzature Impianti ATTIVITA TECNICA INAIL EX ISPESL Esame Documentazione Verifica Impianto (>35 kw) e Prima Periodica (>116

Dettagli

Seminario La manipolazione dei dispositivi di sicurezza un rischio da non correre

Seminario La manipolazione dei dispositivi di sicurezza un rischio da non correre DIREZIONE REGIONALE PER LA LOMBARDIA SETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E VERIFICA DIPARTIMENTO TERRITORIALE MILANO Seminario La manipolazione dei dispositivi di sicurezza un rischio da non correre intervento

Dettagli

SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA. Presentazione docente

SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA. Presentazione docente SEMINARIO ORDINE INGEGNERI DI MANTOVA Presentazione docente Dott. Ing. Michele Toni, amministratore unico di E.C.S. S.r.l. Europe Certification Service, via Solferino, 7 46100- Mantova www: ECS-CERTIFICATION.COM

Dettagli

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011

Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Le verifiche periodiche secondo l allegato VII del D.Lgs 81/08 ed il D.M. 11 aprile 2011 Indicazioni procedurali ed operative Settore Ricerca, Sviluppo e Tutela nel Lavoro 1 Esercizio delle attrezzature

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

I SOGGETTI COINVOLTI NELLE VERIFICHE ex Art.71 c.11 D.Lgs. 81/08 e Il DM 11/04/11

I SOGGETTI COINVOLTI NELLE VERIFICHE ex Art.71 c.11 D.Lgs. 81/08 e Il DM 11/04/11 I SOGGETTI COINVOLTI NELLE VERIFICHE ex Art.71 c.11 D.Lgs. 81/08 e Il DM 11/04/11 Ing. Alessio Toneguzzo VPC Valvole Pompe Componenti VeronaFiere 24.10.2012 Pag. 1 di 22 Quali sono le attrezzature sottoposte

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012

QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 1 QUADERNO TECNICO Gennaio 2012 Autore: Luigi p.i. Leccardi Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI PER RIDURRE IL RISCHIO D UTILIZZO DELLA ATREZZATURE DI LAVORO GRU A TORRE Premessa La parola

Dettagli

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA Bologna, 12/05/2011 CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA VERIFICA ATTREZZATURE DI LAVORO La pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del D.M. 11/04/2011 fornisce ai Datori di Lavoro alcuni chiarimenti su

Dettagli

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO Lo scopo di questa informativa è quello di portare a conoscenza il Datore di Lavoro (DL) degli obblighi a suo carico, ai sensi del decreto legislativo

Dettagli

Il D.M. 11 APRILE 2011

Il D.M. 11 APRILE 2011 Il D.M. 11 APRILE 2011 VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO CIRCOLARE MLPS n 11 del 25/05/2012 CIRCOLARE MLPS n 23 del 13/08/2012 CIRCOLARE INAIL prot. n. 2484 del 22/05/2012 i Sommario Premessa...

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

Osservatorio Sicurezza Lavoro Convegno: Decreto del Fare e novità sulla sicurezza del lavoro

Osservatorio Sicurezza Lavoro Convegno: Decreto del Fare e novità sulla sicurezza del lavoro Osservatorio Sicurezza Lavoro Convegno: Decreto del Fare e novità sulla sicurezza del lavoro Paolo Giuiuzza Direttore CONFORMA Milano 24 ottobre 2013 1 CONFORMA Conforma è una Associazione di Organismi

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

Relatori. Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine

Relatori. Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine 1 2 Relatori Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine Avv. Prof. Antonio Oddo Docente Università degli Studi di Pavia, Studio Legale Oddo (MI) 3 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n.

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC Inquadramento giuridico D.Lgs. 81/08 s.m.i. : Titolo 111,

Dettagli

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ

USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Progetto assistenza alle imprese USO IN SICUREZZA PIATTAFORME DI LAVORO ELEVABILI FAQ Pag. 1 di 12 Legislazione Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 "Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto

Dettagli

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org

In vigore dal 25.05.2012. RINA Via Corsica, 12-16128 Genova - Italy Tel. +39 01053851 - Fax: +39 0105351000 www.rina.org Regolamento per la verifica periodica di apparecchi di sollevamento di materiali (SC) e persone (SP) secondo D.lgs. 81/08 e decreto 11 Aprile 2011 dal titolo Disciplina delle modalità di effettuazione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE

CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE Le norme che disciplinano la costruzione, il funzionamento e la manutenzione delle attrezzature mar. 10 Dott.

Dettagli

ATTREZZATURE DI LAVORO ANALISI DEI RISCHI DIRETTIVE COMUNITARIE NORME TECNICHE VERIFICHE

ATTREZZATURE DI LAVORO ANALISI DEI RISCHI DIRETTIVE COMUNITARIE NORME TECNICHE VERIFICHE ATTREZZATURE DI LAVORO ANALISI DEI RISCHI DIRETTIVE COMUNITARIE NORME TECNICHE VERIFICHE Ing. F.P. Capone 1 ATTREZZATURA DI LAVORO QUALSIASI MACCHINA APPARECCHIO UTENSILE O IMPIANTO DESTINATO AD ESSERE

Dettagli

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione

tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione tariffe da applicare alle prestazioni di cui all'allegato VII del D.L. n. 81/08 di cui al DM 11/04/2011: Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA CARRO RACCOGLIFRUTTA

NOTA INFORMATIVA CARRO RACCOGLIFRUTTA NOTA INFORMATIVA Con l entrata in vigore del D.L.gs 81/08 e sue e SMI sono cambiate le norme di riferimento e l organo di vigilanza sulla sicurezza di diverse macchine agricole. In particolare i carri

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO. AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre 2007 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO SEZIONE PROVINCIALE DI ROMA SERVIZIO IMPIANTI E RISCHI INDUSTRIALI VIA BONCOMPAGNI, 101 00187 ROMA AULA MAGNA VIA SAREDO, 52 00173 ROMA 12 dicembre

Dettagli

Gru ed apparecchi di sollevamento

Gru ed apparecchi di sollevamento Il Decreto Ministeriale 12/09/1959 è attualmente in vigore e stabilisce che alcune macchine tra cui: -le scale aeree ad inclinazione variabile -i ponti mobili sviluppabili su carro -i ponti sospesi muniti

Dettagli

ADEGUAMENTO ALL INDICE ISTAT

ADEGUAMENTO ALL INDICE ISTAT ADEGUAMENTO ALL INDICE ISTAT TARIFFE (0) PER LE VERIFICHE PERIODICHE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO DI CUI ALL ALLEGATO VII DEL DECRETO LEGISLATIVO n. 81/2008 Tabella n. 1A Attrezzature di lavoro del gruppo

Dettagli

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia

il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia il Ca n t i e r e Sic u r o Notiziario del Comitato Paritetico Territoriale di Brescia e provincia per l edilizia informazioni per la sicurezza in cantiere 02 Comitato paritetico territoriale di Brescia

Dettagli

della gru matr. (ENPI, ISPESL, INAIL)..

della gru matr. (ENPI, ISPESL, INAIL).. Modalità di possibile invio: - E-mail Servizio Impiantistico : impiantistica@aslvallecamonicasebino.it - Fax Servizio Impiantistico n. 0364.540332 - Raccomandata A.R. Spett. le A. S. L. di VallecamonicaSebino

Dettagli

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese -

DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - DICHIARAZIONE DEL POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE imprese - (ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche e integrazioni) Il sottoscritto nato a ( ) il / / in qualità di Legale

Dettagli

DIPARTIMENTO TERRITORIALE DI VENEZIA-MESTRE. ex ISPESL. Dr Ing. Francesco Boella

DIPARTIMENTO TERRITORIALE DI VENEZIA-MESTRE. ex ISPESL. Dr Ing. Francesco Boella DIPARTIMENTO TERRITORIALE DI VENEZIA-MESTRE ex ISPESL Dr Ing. Francesco Boella Da dove veniamo L. 23 Dicembre 1978, n. 833 Istituzione del Servizio Sanitario Nazionale 23. Delega per la istituzione dell'istituto

Dettagli

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi Macchine e Direttiva macchina Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi La Normativa La Macchina L Ambiente Il Lavoratore La Normativa Decreto del Presidente della Repubblica del 27 aprile 1955, n. 547 Decreto

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli su impianti termici e a

Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli su impianti termici e a CONTROLLI E VERIFICHE DI A.S. A SECONDO IL D.lgs. 81/08 Dott. Ing. Mauro Meistro Controlli su apparecchi di sollevamento (gru, idroestrattori, ponti sviluppabili, scale aeree, ponti sospesi); Controlli

Dettagli

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica

Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica (SSIA) Dipartimento di Sanità Pubblica Via Amendola, 2 42122 Reggio Emilia www.ausl.re.it Chi siamo Il SSIA (Servizio Sicurezza Impiantistica Antinfortunistica)

Dettagli

Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011

Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011 Obblighi degli utilizzatori Alla luce del decreto 11 Aprile 2011 Milano, 22 Giugno 2011 SERVIZIO IMPIANTISTICO PER LA SICUREZZA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE PREMESSA Nel panorama normativo italiano

Dettagli

I S P E S L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. Dott. Sergio Morelli 1

I S P E S L. Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro. Dott. Sergio Morelli 1 I S P E S L Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dott. Sergio Morelli 1 Chi è L I.S.P.E.S.L L'Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro ISPESL e' ente di

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA

ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA ELENCO ORGANISMI CON RC OBBLIGATORIA ORGANISMI NOTIFICATI E ORGANISMI IN GENERE 1. Macchine (Direttiva 2006/42/CE) In attesa di recepimento 2. Compatibilità elettromagnetica (Direttiva 2004/108/CE) D.Lgs.

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 09/094/CU/C7 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBLICA REGOLAMENTO RECANTE MODIFICHE AL D.P.R. 30 APRILE 1999, N. 162, IN PARZIALE

Dettagli

QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all.

QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all. XII PSC Piano di sicurezza e coordinamento Art. 100-101 e allegato XV QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese Cantieri

Dettagli

U.O. Terr. ricerca cert. e verifica

U.O. Terr. ricerca cert. e verifica Direzioni Regionali Consulenza Tecnica Edilizia Sovrint Medica. Avvocatura CONTARP U.O. Terr. ricerca cert. e verifica Ufficio POC Ufficio Attività strumentali Ufficio Attività istituzionali Sedi Locali

Dettagli

La normativa applicabile e l approccio di ASL Milano: una nuova modalità di vigilanza

La normativa applicabile e l approccio di ASL Milano: una nuova modalità di vigilanza La normativa applicabile e l approccio di ASL Milano: una nuova modalità di vigilanza Intervento a cura di: Susanna Cantoni, Marco Morone SICURAMENTE UNO SPETAACOLO Fare sicurezza nelle «manifestazioni

Dettagli

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra Soggetti obbligati Proprietari o affittuari di immobili soggetti alla legge n. 46/90: edifici adibiti ad uso civile e limitatamente agli impianti elettrici anche

Dettagli

Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza

Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza Lieti di ridurre i vostri rischi certificando la Vostra sicurezza Eurocert Chi Siamo Eurocert è un Organismo di certificazione notificato all Unione Europea (N. 0861). Dal 1999, Eurocert è attivo sui mercati

Dettagli

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

CONVEGNO. Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ITALIANA AMBIENTE E SICUREZZA Sede provinciale di Taranto con la collaborazione tecnica di Porreca.it CONVEGNO Semplificazioni negli adempimenti in materia di salute e sicurezza

Dettagli

4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine. Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche

4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine. Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche Aggiornamento 4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche Il D.Lgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo. Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo. Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine Bergamo, 26 Novembre 2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Safety Services Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine Ing. Paolo Carlo De Benedetto Safety Specialist Pilz Italia Programma

Dettagli

REGOLAMENTO ASCENSORI

REGOLAMENTO ASCENSORI Deliberazione della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 67 del 20/10/2005 CITTA di CANICATTI (Provincia di Agrigento) *** UFFICIO TECNICO III Direzione Gestione del Territorio

Dettagli

IL REGIME DELLE VERIFICHE OBBLIGATORIE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO: CRITICITA E PROFILI GIURISPRUDENZIALI

IL REGIME DELLE VERIFICHE OBBLIGATORIE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO: CRITICITA E PROFILI GIURISPRUDENZIALI IL REGIME DELLE VERIFICHE OBBLIGATORIE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO: CRITICITA E PROFILI GIURISPRUDENZIALI Mario GALLO Professore a contratto di Diritto del Lavoro nell Università degli Studi di Cassino

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010, n. 17. Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori. IL

Dettagli

Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08. ROMA, ottobre 2009

Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08. ROMA, ottobre 2009 Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08 ROMA, ottobre 2009 PREMESSA Le attrezzature di lavoro, che l art. 69 del Decreto Legislativo 81/2008, definisce come qualsiasi macchina,

Dettagli

Pubblicato Accordo Formazione Attrezzature

Pubblicato Accordo Formazione Attrezzature Pubblicato Accordo Formazione Attrezzature Pubblicato l' "Accordo Attrezzature" con il quale vengono definiti i contenuti minimi per la formazione per l'uso di attrezzature per le quali è richiesta esperienza

Dettagli

Gerarchia dei soggetti

Gerarchia dei soggetti Gerarchia dei soggetti Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI COMMITTENTE RESPONSABILE DEI LAVORI COORDINATORE IN FASE DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Presentazione. Riferimenti societari

Presentazione. Riferimenti societari Catalogo Formazione 2015 Presentazione Da sempre attenta ed attiva nel campo della sicurezza sui luoghi di lavoro e della formazione FORM ITALIA Soc. Coop. Sociale è in grado di erogare, grazie anche alla

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

Sezione 2. Le attività istituzionali e la prevenzione in Molise

Sezione 2. Le attività istituzionali e la prevenzione in Molise Sezione 2 Le attività istituzionali e la prevenzione in Molise 2.1 L impegno per la sicurezza e la prevenzione sul lavoro Le iniziative territoriali in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie

Dettagli

BERGAMO - BRESCIA - COMO - CREMONA - LECCO - MANTOVA - MILANO (LODI e MONZA BRIANZA) - PAVIA - SONDRIO - VARESE

BERGAMO - BRESCIA - COMO - CREMONA - LECCO - MANTOVA - MILANO (LODI e MONZA BRIANZA) - PAVIA - SONDRIO - VARESE Coordinamento Regionale dei Comitati Paritetici Territoriali per la prevenzione degli infortuni, l'igiene e l'ambiente di lavoro nell'edilizia della Lombardia BERGAMO - BRESCIA - COMO - CREMONA - LECCO

Dettagli

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE NUOVA DIRETTIVA D.Lgs. 17/2010 Del 27 gennaio 2010 DIRETTIVA ING. AVIO FERRARESI 2006/42/CE NUOVA DIRETTIVA ADOTTATA: 17 MAGGIO 2006 PUBBLICATA GUCE: 9 GIUGNO 2006 ENTRATA IN VIGORE: 29 GIUGNO 2006 TRASPOSIZIONE

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

LE GRU A TORRE. ing. Antonino Ughettini

LE GRU A TORRE. ing. Antonino Ughettini LE GRU A TORRE 1 GLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Con il termine generico gru si descrive l insieme delle apparecchiature di sollevamento che per mezzo di un braccio permettono una dislocazione dell oggetto

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA > SGS - SERTEC SETTORE FORMAZIONE FORMAZIONE SULLA SICUREZZA FIGURE PROFESSIONALI SOGGETTE A FORMAZIONE OBBLIGATORIA AI SENSI DEL D. LGS. 81/08 E S.M.I. Introduzione Il seguente documento offre un indicazione

Dettagli

ASSIMPREDIL ANCE SEMINARIO LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE PER LE IMPRESE EDILI

ASSIMPREDIL ANCE SEMINARIO LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE PER LE IMPRESE EDILI 1 ASSIMPREDIL ANCE SEMINARIO LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE PER LE IMPRESE EDILI Attrezzature di lavoro soggette a verifica periodica: Obblighi, Adempimenti e Responsabilità Ing.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Il primo accenno agli impianti elettrici su una legge italiana fu negli anni trenta introducendo nel codice penale un articolo e negli anni quaranta,

Dettagli

GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI SICUREZZA SUL LAVORO

GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI SICUREZZA SUL LAVORO GEST EDIL GESTIONE & SICUREZZA CATALOGO CORSI 2014 SICUREZZA SUL LAVORO AULE CORSI Via Provinciale 61 Alzano Lombardo (BG) 346.2891923 info@gestedil.eu gestedil.infad.net WWW.GESTEDIL.EU WWW.CORSISICUREZZA.BG.IT

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE CE DI ASCENSORI Pagina 1 di 8 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 ITER DI CERTIFICAZIONE... 2 2.1 Richiesta di certificazione e presentazione della domanda... 2 2.2 Obblighi da parte del richiedente... 2 2.3 Documentazione

Dettagli

- Antinfortunistica stradale

- Antinfortunistica stradale BUCCINO RAFFAELE Studio: c/o OMNIA s.r.l. P.le Cosimini 13-58100 GROSSETO Tel /Fax 0564-26403 - Cell. 347-3656762 P. IVA: 01467410534 e-mail : rbuccino8@gmail.com DATI ANAGRAFICI Nato a ROMA, il 26/05/1943

Dettagli

D.Lgs. n 17 del 27/01/10

D.Lgs. n 17 del 27/01/10 D.Lgs. n 17 del 27/01/10 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE, RELATIVA ALLE MACCHINE E CHE MODIFICA LA DIRETTIVA 95/16/CE RELATIVA AGLI ASCENSORI 1 SCOPO DIRETTIVA RIAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering DM03 IL MANUALE D ISTRUZIONI Scrivere le Istruzioni per l uso è un attività specialistica che va affidata ad esperti con conoscenze interdisciplinari di tipo legislativo, tecnico e scientifico. È necessaria

Dettagli

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti Linee Guida per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti RICORDATI DI CHIEDERE AL TUO MANUTENTORE DI APPLICARE IL BOLLINO Provincia

Dettagli

UNPISI Unione Nazionale Personale Ispettivo Sanitario D Italia = Presidenza =

UNPISI Unione Nazionale Personale Ispettivo Sanitario D Italia = Presidenza = Unione UNPISI Unione Nazionale Personale Ispettivo Sanitario D Italia = Presidenza = ENTI ED ORGANI DI VIGILANZA E CONTROLLO, DI CONSULENZA ED ASSISTENZA PER LA SICUREZZA DEL LAVORO Vigilanza La vigilanza

Dettagli

GUIDA ALLA DISCIPLINA DELLE MACCHINE USATE

GUIDA ALLA DISCIPLINA DELLE MACCHINE USATE FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO GUIDA ALLA DISCIPLINA DELLE MACCHINE

Dettagli

6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, semplificazione ed attuazione

6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, semplificazione ed attuazione Alfonso Cioffi mercoledì, giovedì, 18 26 settembre giugno 2014 2013 6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, Giornata del Decreto del fare semplificazione ed attuazione DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SALUTE

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Schiavoni Ugo Carlo Data di nascita 26/07/1959 Qualifica Dirigente Ingegnere Incarico attuale Responsabile Setting Zona di Arezzo -

Dettagli

Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI

Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI Linee guida per l implementazione di un SGSSL nelle PMI Secondo la specifica OHSAS 18001:1999 EXPO SicuraMente 29/05/08 - Fiera di Brescia Struttura documentale di un SGSSL Norma OHSAS 18001:1999 3 2 Politica

Dettagli

Dipartimento Territoriale di Palermo

Dipartimento Territoriale di Palermo Dipartimento Territoriale di Palermo Esempio pratico delle procedure previste dal D.M. n 329 del 1 Dicembre 2004 per la messa in esercizio di Attrezzature a Pressione assemblate sotto la responsabilità

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

D.M. 11 aprile 2011 Art. 1. Art. 2. Art. 3.

D.M. 11 aprile 2011 Art. 1. Art. 2. Art. 3. D.M. 11 aprile 2011 Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all'all. VII del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nonché i criteri per l'abilitazione dei soggetti

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione FONTI NORMATIVE: Legge N. 791/77 Direttiva del consiglio delle Comunità Europee N. 73/23/CEE (abrogata dalla Direttiva n. 2006/95/CEE) Prodotti inclusi:

Dettagli

Impianti termici. l'espletamento degli obblighi relativi alla corretta gestione dell'impianto. Inoltre, l assunzione

Impianti termici. l'espletamento degli obblighi relativi alla corretta gestione dell'impianto. Inoltre, l assunzione Impianti termici PREMESSA SUL TERZO RESPONSABILE L'articolo 11 del DPR 412/93 ha istituito la figura del "Terzo responsabile", introducendo la possibilità di delegare ad una società esterna (in possesso

Dettagli

Tariffario delle prestazioni rese a favore di terzi Altri servizi

Tariffario delle prestazioni rese a favore di terzi Altri servizi Verifiche di apparecchi ed impianti Apparecchi di sollevamento nel settore aziende industriali Scale aeree ad inclinazione variabile, sviluppo max: 8 m 106,39 Scale aeree ad inclinazione variabile, girevoli,

Dettagli

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati

Brescia 25 marzo 2015. I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8. Relatore: Libero Donati Brescia 25 marzo 2015 I PIANI DI CONTROLLO DEGLI APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO alla luce del D. Lgs. 81/08 - art. 71 comma 8 Relatore: Libero Donati DEFINIZIONI Secondo la norma ISO 4306-1 un Apparecchio

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI

AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI ALLEGATO 2 AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI Contenuto: 1. indicazioni generali, 2. elenco dei requisiti che prevedono

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni Linee guida per il regolamento delle ispezioni degli impianti termici degli edifici ai sensi del D.P.R. n. 74/2013. Domenico Prisinzano Torino, 14 ottobre 2014 Esercizio e manutenzione

Dettagli

Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 Codifica documento

Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 Codifica documento Direttive 95/16/CE 2006/42/CE rev. 06-09/12/13 pag. 1 di 25 06 09/12/2013 7 emissione Per. Ind. Mattia Ing. Alberto G. Lipani Miraglia 05 12/08/2013 6 emissione Per. Ind. Mattia Ing Giuseppe Morello Ing.

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE

ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE SICUREZZA: VERIFICA PERIODICA DELLE ATTREZZATURE E RISCHIO MACCHINE CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO Alessandro Berton Inn Med S.r.l. 30 Gennaio 2013 Parco Scientifico VEGA LEGGI E NORME DI RIFERIMENTO

Dettagli

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 20 giugno 1995;

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 20 giugno 1995; Direttiva 89/392/CEE Regolamento per l'attuazione delle direttive 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine.

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

LA NORMATIVA PORTANTE

LA NORMATIVA PORTANTE INDICE SOMMARIO Prefazione... pag. V Parte Prima LA NORMATIVA PORTANTE 1. CODICE CIVILE. Libro III, Titolo VII, Capo II Del condominio negli edifici. art. 1117... 3 art. 1118... 42 art. 1119... 75 art.

Dettagli

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Venerdì 23

Dettagli

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale.

UNI 9801 Il 23/07/91 è stata ratificata la normativa UNI 9801, che stabilisce i REQUISITI DI SICUREZZA per i montascale. Riiepiillogo delllla normatiiva speciifiica per ii Montascalle e lle Piiattaforme ellevatriicii LEGGE 13/89 La prima legge italiana emessa riguardante specificatamente l abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli