Rassegna del 07/05/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna del 07/05/2015"

Transcript

1 Rassegna del 07/05/2015

2 INDICE RASSEGNA STAMPA Rassegna del 07/05/2015 CPL CONCORDIA Gazzetta Mantova 07/05/15 P. 20 «Salasso Tasi inutile il sindaco potrebbe risparmiare su altro» Vittorio Negrelli 1 Resto Del Carlino Modena 07/05/15 P. 2 Cpl, interrogatorio all'americana sui fondi neri dalla Tunisia Valentina Beltrame 2 Resto Del Carlino Modena 07/05/15 P. 2 «Non abbandoniamo i lavoratori» 4 RIFIUTI Gazzetta Mantova 07/05/15 P. 14 Tour tra buche e ostacoli «Città ostile con i disabili» Igor Cipollina 5 ENERGIA Gazzetta Mantova 07/05/15 P. 17 Servizi pagati anche con il solare Luca Cremonesi 7 POLITICA LOCALE Gazzetta Mantova 07/05/15 P. 10 Mano tesa al Mondadori Rinuncia a 180mila euro Sandro Mortari 8 Gazzetta Mantova 07/05/15 P. 11 Il Tar riammette De Marchi alle elezioni 10 La Voce Di Mantova 07/05/15 P. 6 Sodano approva i piani di Mangoni per il Centro Te 11 RIFIUTI: SCENARIO Brescia Oggi 07/05/15 P. 23 Aliquote cristallizzate Nessun «ritocchino» per Irpef, Tasi e Tari 12 Corriere Verona 07/05/15 P. 9 Cassonetti interrati in centro storico, il plauso di Confcommercio 13 Italia Oggi 07/05/15 P. 32 Sottoprodotti ridotti a rifiuto Giorgio Ambrosoli 14 Italia Oggi 07/05/15 P. 32 Albo ambientale, con mezzi propri Marco Ottaviano 15 ENERGIA: SCENARIO Sole 24 Ore 07/05/15 P. 32 Terna, balzo dei ricavi e dei margini 16 SEGNALAZIONI Gazzetta Mantova 07/05/15 P. 12 Il Comune all'ex raffineria «Via i serbatoi in 10 anni» Sandro Mortari 17 Indice Rassegna Stampa Pagina I

3 «Salasso Tasi inutile Il sindaco potrebbe 010 lo risparmiare su altro» Pegognaga. L'atto d'accusa di "Insieme" in un volantino «Troppi soldi perle manutenzioni. E l'arci può traslocare» / PEGOGNAGA La prospettiva del raddoppio dell'aliquota Tasi, che nel 2015 potrebbe passare dallo 0,1 allo 0,25%, con un notevole aggravio per le tasche dei contribuenti, ha acceso il confronto fra la maggioranza e le opposizioni consiliari. Daniela Nizzola capogruppo di "Insieme ", nell'ambito della discussione sulla Tasi aveva sostenuto che in un momento economico così difficile per la cittadinanza, la proposta di aumento è una scelta pesante per la gente, che deve portare a far pensare a soluzioni alternative di risparmio su altri settori della pubblica amministrazione. Quali? L ' esempio è in un volantino elaborato di "Insieme", fatto circolare in questi giorni: si denuncia la situazione relativa all'appalto di global service assegnato dal Comune alle ditte Manutencoop e Cpl Concordia per la gestione degli edifici e delle infrastrutture comunali: calore, l'illuminazione pubblica, la manutenzione del verde e del patri - monio comunale. Ebbene, oltre all'«importo contrattuale per le prestazioni del global con corrispettivo a canone», che «per il periodo è di euro», ci sono le prestazioni con corrispettivo extra- e canone, che «verranno ordinate, di volta in volta, dall'amministrazione comunale e verranno computate a misura e contabilizzate sulla base dei prezzi offerti in sede di gara». Ebbene, «complessivamente nel triennio a canone sono stati fatti interventi per euro e per giuro di extracanone». u sindaco Merli : le sue scelte amministrative sono sotto la lente di insieme Un altro cavallo di battaglia di "Insieme" nella logica della razionalizzazione e del risparmio è quello della sede del circolo Arci Casbah che si trova in un edificio comunale. «In un momento di crisi perché le attività di incontro promosse dal circolo Arci Casbah non possono svolgersi al centro culturale che, già di suo, ha un costo di mantenimento elevato? Sarebbe sufficiente una diversa articolazione oraria e un regolamento da rispettare al riguardo. In tal modo la palazzina potrebbe assumere un'altra funzione, come quella di una scuola di musica per i ragazzi e per la cittadinanza». Vittorio Negrelli iasw'ih f ìnmilr A,,o., Cpl Concordia Pagina 1

4 aá / 1 rl r N/L1,y n i y n ^v Ipm metteranno gli ex manager Si one crinaldi, faccia a, faccia di VALENTINA BELTRAME confronto all'americana tra due degli indagati nell'inchiesta - ora passata alla Procura di Modena - che vede indagati gli ex vertici della cooperativa Cpl Concordia per presunte tangenti al sindaco di Ischia. E' stato fissato per lunedì mattina, infatti, un interrogatorio doppio: i pm modenesi sentiranno in contraddittorio Francesco Simone, ex dirigente delle relazioni istituzionali Cpl e Maurizio Rinaldi, ex presidente di Cpl Distribuzione, arrestati il 30 marzo scorso con il 62enne Roberto Casari, il trentennale patron della cooperativa di Concordia che si trova ancora in carcere a Poggioreale (Napoli) in attesa del trasferimento a Modena. Simone e Rinaldi sono invece in carcere a Modena (insieme all'altro indagato, Nicola Verrini) e sperano che presto il Gip Andrea Romito, dopo l'interrogatorio di martedì scorso, li scarceri. Gli avvocati, infatti, hanno sollevato un'eccezione secondo la quale la detenzione dei due indagati è illegittima. Il tribunale del Riesame di Napoli, a cui si erano appellati per tornare in libertà (l'inchiesta partì dalla Procura partenopea), aveva commesso un errore procedurale e inviato gli atti a Modena con un giorno di ritardo, a termini scaduti. Un `pasticcio' che potrebbe portare alla scarcerazione dei due ex manager Cpl ma contro cui il procuratore Lucia Musti ieri mattina ha già proposto parere contrario. Sia che Simone e Rinaldi vengano scarcerati sia che restino in cella al Sant'Anna, lunedì è previsto il doppio interrogatorio: i due indagati saranno messi faccia a faccia per chiarire una dichiarazione discordante rilasciata al Gip Romito martedì. Durante l'interrogatorio di garanzia avrebbero fatto delle ammissioni ma c'è una circostanza su cui hanno dato versioni opposte e che ora i pm sono intenzionati a chiarire. Si tratterebbe dei `famosi' soldi (i fondi neri generati con la società di comodo Tunita con sede in nordafrica) portati in Italia dalla Tunisia da Simone e che l'ex manager ha confessato di aver consegnato in diverse tranche sia a Casari sia a Rinaldi giurando di non sapere a che cosa servivano. Per i pm era il denaro usato per pagare le mazzette per ottenere gli appalti di metanizzazione. In particolare, Rinaldi avrebbe ricevuto i soldi da Simone a Monza. Ma l'ex presidente di Cpl Distribuzione ha negato questa circostanza. Ecco che saranno messi uno di fronte all'altro. Simone ha raccontato come abbia consegnato una volta « euro in contanti nelle mani di Maurizio Rinaldi a Monza, durante una gara» e poi altri a Casari, a Roma, negli uffici della Cpl Concordia e a Nicola Verrini, responsabile commerciale di area («addirittura andai a prelevare euro dal mio conto corrente per arrivare alla somma..»). (i l. óitrrrtipfm, a11,-irarw snù fmuii ncri dafztuuica Cpl Concordia Pagina 2

5 . F r"ï â r3 t:â r53 î/'7r"g'/.:? h, 'z',..,.. ïdv 6"'!' '/:'r4j ï'b:;y3:4j ': :4JÌY.1r %ei"2:;;5. per 4,, Simone, Rinaldi e Verrini sono detenuti al Sant'Anna. Interrogati martedì dal Gip di Modena, hanno chiesto la scarcerazione o i domiciliari. Il giudice si è Roberto Casari, invece, è ancora detenuto a Poggioreale in attesa che lo stesso Gip decida se!confermare la custodia ír Gli avvocati di Simone e Rinaldi hanno chiesto al giudice di scarcerare gli.>r manager Cpl sulla base!.:+ítl I...r.:..r.i r.i c u r a 4 G '3 Íi%. 4i%r3a i:3i.r 3 S.Fir.33r3's I pm vogliono chiarire un aspetto dell'inchiesta su cui Francesco Simone e Maurizio Rinaldi, 'snterrogati dal, Gip, hanno o ppost... diat..'r /, i"' +%éi, síi,'rr..'r r_r /%.i.,r E. éi, 9 Cpl Concordia Pagina 3

6 P TIS (FI): «LA ITE LIST PU Ô AVERE EFF ETT I DISASTROSI» «Ton abbandoniamo i lavoratori» «LA vicenda Cpl Concordia non può rimanere vittima di guerriglie tra tifoserie politiche. Di mezzo non ci finiscono né le coop rosse né D'Alema, ma famiglie. Il sistema delle white list, pur formalmente corretto, può avere effetti disastrosi sugli incolpevoli lavoratori». A dirlo è Antonio Platis, capogruppo di Forza Italia Unione Area Nord - Lo sappiamo e l'abbiamo denunciato, per primi, mesi e mesi fa, quando in quel tritacarne erano finiti i lavoratori della Fratelli Baraldi di Staggia. Cinquecento famiglie che rischiavano di rimanere a spasso. Oggi altre vivono settimane d'ansia per sapere se e come potranno andare avanti. Certo, quando era l'azienda edile in crisi, la sinistra non si è sporcata le mani per trovare una soluzione. Il centrodestra invece si spese moltissimo. Oggi dovremmo tirarci indietro perché è una coop, senza pensare alle conseguenze per i lavoratori? Non credo proprio, su questo siamo molto differenti dai nostri avversari politici che hanno invece avuto atteggiamenti eccessivi e livorosi in altre occasioni. Per noi - dice Platis - se è una buona battaglia, si fa. Punto. La magistratura farà il suo corso, e se dopo tre gradi di giudizio emergeranno responsabilità chi ha sbagliato ne pagherà le conseguenze, ma è necessario fin d'ora non far gravare sulle famiglie dei lavoratori le scelte della dirigenza e di un mondo cooperativo anacronistico e fallimentare. Ben vengano quindi tutte le proposte, anche la soluzione di chiedere commissari sui cantieri». «CONFIDIAMO - conclude Platis - che la lezione sia servita ai tanti soci, in generale delle varie coop rosse sparse nei dintorni, affinché inizino a ragionare con la propria testa e non si accontentino del cestino di prodotti omaggio per assecondare il potente di turno. Lasciare a spasso migliaia di lavoratori è inaccettabile. Un problema, per sensibilità politica, non solo dei compagni». Cpl Concordia Pagina 4

7 Tour tra buche e ostacoli «Città ostile con i disabili» La denuncia di un invalido in carrozzella che incalza i futuri amministratori Niente scivoli per attraversare in corso Umberto e montascale out alle Poste di IgorCipollina Titolo: "Mantova mi è ostile". Trama: un percorso a ostacoli tra i ciottoli del centro, con dislivelli impossibili, trappole nascoste e attraversamenti in differita. Nel senso che se sei sotto i portici di corso Umberto, lato ex Feltrinelli, e vuoi raggiungere il marciapiedi di fronte, devi spingerti fino allo scivolo di piazza Mantegna, fare inversione a u e tornare indietro. No, Mantova non è una città per disabili in carrozzella. Né per mamme col passeggino, ipovedenti, gente con le stampelle. Sono anni che Riccardo Rivara si affanna a ripeterlo, inascoltato. Ma lui non demorde e ha invitato il candidato sindaco del centrosinistra Mattia Palazzi a fare un giro in centro. Giusto due piazze e tre vie, un francobollo sufficiente a misurare l'ostilità di Mantova verso chi non può "camminarla". Rivara, 37 anni, sulla Gazzetta era già finito nel 2011, in occasione di un tour analogo in compagnia dell'allora capogruppo leghista Luca de Marchi. Quattro anni passati invano (nel frattempo è arrivato anche lo slalom tra i sacchetti del porta a porta). C'è ancora tutto da fare, a partire da una mappatura della città che segnali i punti più critici. Premessa doppia. L'obiettivo è l'abbattimento delle barriere architettoniche e ideologiche, nessun imbarazzo per Rivara che è candidato con la Lega. «L'adozione di piccoli accorgimenti per tracciare un percorso vita deve rappresentare un minimo comune denominatore» scandisce lui, convinto che un po' di sana competizione politica possa giovare alla causa. Seconda premessa, insistita, la causa non è soltanto sua, lui rappresenta una categoria di persone più ampia della sua individualità. Messaggio ricevuto. L'appuntamento è sotto i portici, dove l'anomalia più vistosa è quella degli attraversamenti, mentre piazza Marconi si apre come una distesa sconnessa con fughe troppo larghe nella pavimentazione. Trappole per le ruote delle carrozzelle, appunto. Pure riuscendo a scendere in corso Umberto, per raggiungere via Battisti occorre sfidare le automobili. Quelle parcheggiate e le altre che passano leste. Basterebbe qualche scivolo inpiù. Via Battisti, poi, è un caso da manuale (alla rovescia): all'angolo con via Roma c'era un grosso cestino dei rifiuti piantato all'imbocco del marciapiedi che curva attorno all'ex palazzo della Comit. Vero, il cestino è stato arretrato di qualche metro, ma al suo posto è fiorita una rastrelliera per biciclette che più ingombrante non si potrebbe. Morale, il marciapiedi è inaffrontabile in carrozzella. E poi c'è il problema dei negozi, le attività commerciali "sensibili", come quelle dei gestori di telefonia mobile: possibile che i gradini all'ingresso impediscano l'accesso ai disabili, per cui il cellulare è un salvavita? Mala barriera più paradossale è quella dell'ufficio centrale delle Poste, in piazza Martiri, dove pure c'è un montascale. Peccato che non funzioni. «Né oggi né mai» riferisce Rivara. La conferma arriva da un'anziana in sedia a rotelle: la badante che la spinge va infornarsi dentro e quando esce solleva la signora dalle ascelle. E Palazzi?Assicura che in caso di vittoria metterà subito in piedi un team con un funzionario dei lavori pubblici, un altro del welfare e i rappresentanti delle associazioni dei disabili per disegnare la mappa di cui sopra. Ci si lascia con un nodo al fazzoletto e un promemoria sull'iphone: 1 settembre, tavolo sulle barriere architettoniche. Wn Ti alla mozione dei 5 Stelle «L'approvazione all'unanimità della nostra mozione riconosce alle persone disabili e alle loro famiglie un diritto sancito da normative nazionali. Ora siamo pronti a tenere il fiato sul collo alla giunta, visto che il presidente Maroni è riuscito a trovare 20 milioni per realizzare un teatro nella sua Varese, confidiamo che ne trovi altrettanti per aiutare cittadini lombardi che affrontano difficoltà quotidiane solo per uscire di casa». Così Andrea Fiasconaro, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle, a prop dopo l'approvazione della mozione che impegna la Regione di anticipare i fondi per liquidare le richieste del 2012 e 2013 per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati (18 milioni). 7 mv [ra Imche c osbicoli «<:itta lilc con i di,abilìx Rifiuti Pagina 5

8 Rivara e il candidato Palazzi in via Battisti dove la rastrelliera blocca il passaggio. A destra un'anziana in difficoltà alle Poste di piazza Martiri Dislivello da paura perii marciapiedi tra piazza D'Arco e via Porto (foto Scac r Rifiuti Pagina 6

9 Servizi pagati anche con il solare Medole. L'impianto fotovoltaico da introiti usati per il sociale e la raccolta rifiuti / MEDOLE Nel consiglio comunale di ieri pomeriggio a Medole si è discusso il bilancio consultivo del In sala erano presenti anche i tecnici e i revisori dei conti. Dunque, capitolo conti dell'ente pubblico. «La nostra filosofia è identica a quella di sempre - ha spiegato il sindaco Giambattista Ruzzenenti - e cioè arrivare il più possibile vicino allo zero, perché riteniamo che serva agire sul bilancio per garantire i servizi e spendere, in modo accurato, i soldi a disposizione dell'ente». Il bilancio, presentato dall'assessore Caiola, è positi- II sindaco Ruzzenenti vo, perché l'anno si chiude con un avanzo d'amministrazione di circa 66 mila euro. Le entrate tributarie sono state di circa due milioni di euro, con un milione e 600 mila euro derivati dalle imposte, e 486 mila dai trasferimenti dello Stato. Le entrate extratributarie sono di circa un milione e 300 mila euro. In sintesi, dunque, le entrate sono pari a 3 milioni e 576 mila euro e le uscite sono pari a 3 milioni e 473 mila euro. L'amministrazione comunale medolese, dunque, investe circa 22% delle risorse nei servizi sociali e il 21% nella gestione dei rifiuti, servizi onerosi che però sono garantiti anche grazie alle entrate extratributarie dovute all'impianto fotovoltaico. «Constatiamo che i Comuni oggi adempiono a molte loro funzioni grazie all'aiuto prezioso dei volontari» ha concluso il sindaco. Il bilancio, nesso quindi ai voti, è passato con i voti della maggioranza. Per quanto riguarda la scelta dei rappresentanti nella neonata Unione "Castelli Morenici", i due membri designati sono Angela Botturi per la maggioranza e Mauro Ballista perla minoranza. Quanto al piano di razionalizzazione delle partecipate il consiglio mantiene le partecipazioni in Apam, Siam e Sisam e, invece, esce dalla partecipazione (0,2% di quote) di Asep, società di servizi di Porto Mantovano non ritenuta più strategica da parte della giunta medolese. Luca Cremonesi N,,,- il Np Energia Pagina 7

10 Mano tesa al Mondadori cia a 180mi1a euro Si del Comune al piano anti-crac: «Incassiamo una parte e il cantiere avanza» Sodano, indagato dall'antimafia insieme a Muto, esce al momento del voto di Sandro Mortari Il Comune ha deciso di dare una mano a Forum Mondadori per evitare il fallimento e riavviare il cantiere nell'ex autostazione delle corriere ormai fermo da tempo. Ieri, infatti, la giunta ha accettato di aderire alla proposta di ristrutturazione del debito avanzata dalla società di cui fino a poco tempo fa è stato prima presidente e poi liquidatore Antonio Muto, l'imprenditore di Levata coinvolto nell'inchiesta della procura antimafia di Brescia sulle infiltrazioni dell'ndrangheta nelle istituzioni e nell'economia lombarde. L'esecutivo di via Roma vantava un credito di euro nei confronti della Forum Mondadori per l'occupazione di suolo pubblico relativa al cantiere allestito nell'ex autostazione dell'apam e nella zona di via Conciliazione; con la decisione di ieri il credito si riduce a 76mila euro, il 30% dell'intera somma. La decisione è stata presa all'unanimità, con il sindaco Nicola Sodano che è uscito dalla stanza al momento del voto visto che è coinvolto nella stessa inchiesta in cui è finito Muto. «Abbiamo confermato quanto avevamo già deliberato in giunta l'anno scorso - ha detto l'assessore al bilancio Roberto Irpo -. La Forum avrebbe dovuto presentare al giudice il piano di ristrutturazione del debito entro 60 giorni dalla nostra precedente decisione ma ha lasciato scadere i termini, per cui la nostra delibera di allora era decaduta. Tempo dopo la società ci ha presentato la stessa richiesta e noi l'abbiamo riaccolta». La Forum aveva presentato la nuova richiesta di adesione alla ristrutturazione del debito alla fine del 2014, prima che il sindaco Sodano venisse a conoscenza di essere indagato dalla procura antimafia di Brescia. E giusto un paio di giorni prima che fosse reso noto il suo coinvolgimento, nel gennaio scorso, Sodano aveva dato disposizione affinchè la richiesta di sconto non fosse più sottoposta all'attenzione della sua giunta e, quindi, lasciata decadere. Poi, una volta che Muto era uscito di scena lasciando sia la società che il suo incarico di liquidatore, la Forum Mondadori ha avanzato una nuova istanza che la giunta decideva di riesaminare non prima, però, di averla sottoposta al vaglio del segretario generale e del l'ufficio legale. Ieri, infine, è arrivato il loro via libera motivato in una relazione illustrata agli assessori. «Quel dadori: su credito - spiega Irpo - è un canone che ha natura patrimoniale e non tributaria; quindi, è un credito non privilegiato che, in caso di fallimento, avremmo perso completamente, oltre che avuto il blocco del cantiere per non si sa quanti anni. Se, invece, il giudice accogliesse l'istanza di ristrutturazione del debito, noi incasseremmo il 30% del nostro credito e, soprattutto, si aprirebbe uno spiraglio per terminare il cantiere, oggi un buco nel cuore della città». E proprio il fatto li rischio di fall ento della società di Antonio Muto non voler lasciare un'opera incompiuta, che sta creando notevoli problemi di igiene e sicurezza ai residenti, a due passi dal centro storico, spinge Irpo a giudicare «ineccepibile» la scelta fatta dalla giunta. «È un bel passo in avanti verso la salvezza della società, ma non ancora quello decisivo» è il commento di Claudio Silocchi, uno dei legali della Forum Mondadori. Che aggiunge: «Abbiamo raccolto l'adesione alla proposta di ristrutturazione del debito di quasi tutti i creditori; all'appello adesso mancano ancora 2-3 fornitori su cui stiamo ancora lavorando». L'appuntamento in tribunale è per giovedì prossimo 14 maggio, giorno in cui è in calendario l'udienza davanti al giudice fallimentare.,nmj. xl1toml,u ori 1fi, unci a IßOniiluciiru Politica locale Pagina 8

11 Giovedì sarà il giorno X: il giudice decide sul rischio fallimento I Igiorno decisivo perle sorti di Forum Mondadori sarà giovedì 14 maggio. Quel giorno è in programma l'udienza davanti al giudice fallimentare che dovrà decidere se accogliere o meno la proposta di ristrutturazione del debito avanzata dal liquidatore della società, Marco Esposito, e dai suoi legali. se la risposta dovesse essere negativa, Forum Mondadori sarebbe destinata al fallimento come è già successo per iniziativa piazzale Mondadori, proprietaria all'87,35% della prima società e che è stata dichiarata fallita il 19 marzo scorso (curatore è stato nominato l'avvocato Matteo Sinelli) e per società consortile piazzale Mondadori, fallita il 22 gennaio (curatore il dottor Paolo Rebecchi). Le due società avevano accumulato debiti per 17 milioni di euro. Gli avvocati di Forum Mondadori stanno lavorando per ottenere le ultime adesioni dei creditori alla proposta di ristrutturazione del debito (30 milioni). Politica locale Pagina 9

12 iltarri ette De Marchi alle elezioni Accolto il ricorso, ok al dodicesimo candidato; «E adesso avanti da solo contro tutti». Oggi il nuovo sorteggio delle liste Luca de Marchi e la sua lista correranno alle elezioni comunali del 31 maggio. Lo ha deciso il Tar di Brescia che ieri ha accolto il ricorso dell'ex leghista contro l'esclusione decretata dalla commissione elettorale circondariale. I candidati sindaci salgono, così, a 12, mentre le liste a 18 con 494 aspiranti consiglieri comunali. «Sono stato riammesso a pieno titolo» esulta de Marchi da Milano dove sta assolvendo all'incarico ricevuto dall'assessorato regionale all'agricoltura. Ed esulta parimenti il suo legale, l'avvocato Paolo Gianolio, ieri presente all'udienza: «È stata una sentenza innovativa che ha accolto in pieno il nostro ricorso». La lista, dunque, ritorna a 21 candidati, visto che sono stati ammessi i quattro che la commissione aveva ricusato per la mancanza dei certificati elettorali (il 22, invece, è stato depennato per non aver firmato l'accettazione della candidatura). L'udienza, iniziata alle 12, è durata poco più mezz'ora; alle i giudici hanno letto il dispositivo della sentenza favorevole a de Marchi e alla sua lista «De Marchi per Mantova». «Mi dispiace solo che un cittadino debba ricorrere al Tar per sanare un vizio burocratico per farsi riammettere alle elezioni - osserva l'ex leghista -. Tutto questo poteva essere A Luca De Marchi mostrala sua lista: correrà da sindaco evitato se si teneva conto che il mio diritto a concorrere era stato sancito dalla volontà di chi aveva firmato per la mia candidatura». Carico come non mai, de Marchi annuncia: «E adesso, avanti tutta come ho fatto da cinque anni a questa parte. La mia sarà una candidatura di rottura rispetto a centrodestra e a centrosinistra e se sarò eletto sindaco - promette - rinuncerò allo stipendio. Io sono contro questo centrosinistra guidato da Palazzi che è solo la continuità degli ultimi 15 anni di malgoverno, così come sono contro il centrodestra della Bulbarelli che rappresenta i cinque anni del nulla del sindaco Sodano». Dopo la decisione del Tar questa mattina la commissione elettorale circondariale si riunirà per prendere atto della sentenza e riammettere la lista di de Marchi; poi, nel pomeriggio, verrà effettuato un nuovo sorteggio per determinare la posizione dei vari candidati e delle liste sulla scheda elettorale sempre più extralarge. Intanto, su Facebook si scatenano i commenti a favore di de Marchi. L'ex segretaria della Lega cittadina e candidata nella lista di de Marchi, Elisa Grazioli, prende di mira l'esponente del Carroccio, «il riesumato» Adriano Cattaneo, che aveva definito de Marchi un black bloc: «Da qui al 31 maggio rimpiangerà sia le tute nere che i centri sociali». (Sa.Mor..) Il 'Ianiammetta Uc,Uarii ulle cle>ioui Politica locale Pagina 10

13 Stanziati 150mila euro per le attività. Attesa la mostra "Guardando all'urss" di fine mese Sodano approva i piani di Mangoni per il Centro Te La giunta comunale ha approvato il programma 2015 delle attività del Centro Te, la concessione delle Fruttiere e lo stanziamento della quota associativa dell'anno in corso di 100mila euro, cui si aggiungono 50mila euro come contributo. Sono state condivisele proposte del Centro della nuova èra Mangoni di allestire la mostra "Guardando all'urss" alle Fruttiere dal 30 maggio al 4 ottobre e una seconda esposizione dedicata all' architetto Aldo Andreani nel periodo successivo. «Contrariamente a quello che ha sostenuto la presidente del II sindaco Nicola Sodano comitato scientifico Sylvia Ferino -ha commentato il sindaco Nicola Sodano - non sono mai state cassate le mostre proposte dal Centro. La decisione della giunta di oggi lo dimostra». Sodano ha ricordato che via Roma ha già predisposto il programma degli eventi estivi che copre tutto il periodo di Expo e arriva fino alla fine di ottobre. La stagione si completerà con la serata musicale di Radio Bruno che si terrà in piazza Sordello il 10 luglio. L'esecutivo ha dato anche l'ok al piano industriale di Aster illustrato dall'assessore al bilancio Roberto Irpo che conferma tutti i servizi che Aster eroga, come la gestione della mobilità, la gestione degli immobili e delle aree verdi comunali, le iniziative di promozione turistica del territorio, la gestione e la realizzazione di sistemi di information comunication tecnology e gestione della notifica degli atti. La società in house del Comune, questa novità, si occuperà anche della gestione del campo nomadi di via Guerra e della gestione del punto di informazione turistica all'interno della Rocca di Sparafucile. Politica locale Pagina 11

14 MONTICELLI. I l Consiglio non aumenta le tasse Aliquote c Nessun <aitocchino» per Irpef, Tasie1 Il sindaco: «Molte risorse statali latitano ma noi rispa ieremo» A Monticelli il Comune non aumenteràle tasse. Lo ha deciso il Consiglio comunale alcuni giorni fa confermando le stesse aliquote dell'anno precedente relative all'addizionale comunale all'irpef, alla Tasi,e alla Tari. Sulla tassa rifiuti, inoltre, il parlamentino locale ha deciso di esonerare chi per lavoro, o studio, rimanga lontano da casa per l'intero anno. Il Consiglio ha poi approvato il bilancio annuale 2015, quello pluriennale 2015/2017, la relazione previsionale e programmatica col programma triennale e l'elenco annuale delle opere pubbliche. «Da segnalare - ha fatto notare il sindaco Paolo Musatti - che abbiamo appreso qualche giorno fa che lo Stato ci ha defalcato ulteriori 57 mila euro, per cui abbiamo dovuto racimolarli per far quadrare il bilancio, prevedendo più introiti relativi all'accertamento delle imposte. Dalla lotta all'evasione contiamo di incamerare circa, 50mila euro. Non ci sarà la caccia alle streghe machi deve pagare lo farà». Diverso è il discorso di chi è in «vere difficoltà economiche»: il sindaco esorta queste persone a contattare gli uffici comunali. «Cercheremo nel limite del possibile di dar loro una mano. Altre risorse le recupereremo dal risparmio di alcune spese perla scuola e dal riscaldamento della palestra». Il Comune dovrà rinunciare alla volontà di assumere personale. «I nostri dipendenti sono troppo pochi e va loro un plauso per il gran lavoro che fanno. Avremmo voluto assumere almeno una persona ma è impossibile» LO STATO, spiega il primo cittadino, trasferirà circa, «160 mila euro in meno rispetto al passato: per cui dovremo fare salti mortali, ma garantiremo i servizi come gli scorsi anni così come il sostegno alle varie associazioni che sono il cuore pulsante del paese». La Giunta prevede «importanti entrate dal comparto Ercos», anche se prima di dire la parola definitiva, sul recupero di questa zona centrale, il sindaco «attende di vedere definiti i particolari». Bilancio approvato con i voti favorevoli della maggioranza e i voti contrari delle minoranze, secondo le quali il rendiconto è poco frizzante e per nulla incisivo. F.sco. Rifiuti: Scenario Pagina 12

15 li progetto sui rifiuti Cassonetti interrati in centro storico, il plauso Co co ercio VERONA (1.a.) Il via libera delle Soprintendenze dà un'ulteriore accelerata al progetto per interrare i cassonetti nelle strade del centro storico. Che incassa anche un parere positivo da parte dei commercianti. Dopo il dialogo dell'altra mattina tra i due Soprintendenti e i vertici di Amia (Miglioranzi e Alfeo) e Comune (Toffali), arriva infatti il plauso di Confcommercio, secondo la quale il progetto, che sta entrando ormai nella fase esecutiva, è «un passo importante per valorizzare e migliorare la fruibilità del centro storico nei confronti di residenti e turisti». Confcommercio lo afferma in due lettere inviate a Miglioranzi e Toffali, dopo il nostro articolo sulla decisione della Soprintendenza di dare il benestare al progetto. Secondo i firmatati della lettera, Bepino Olivieri e Giorgio Sartori - rispettivamente presidente Confcommercio della I Circoscrizione e direttore generale dell'associazione - è «un tassello che va incontro alle esigenze degli operatori del terziario di mercato e del turismo per elevare il decoro urbano della zona storica». L'assessore all'ambiente, Toffali, sottolinea a sua volta anche il valore ecologico di questa scelta. «I cassonetti sotterranei avranno la funzione anche di "comprimere" al massimo i rifiuti, segnalando quando sarà raggiunto il "pieno" del contenuto. In questo modo - aggiunge Toffali - abbiamo calcolato una notevole riduzione dei viaggi degli automezzi Amia nelle strade del centro storico». Come abbiamo scritto ieri, il progetto di Amia è molto simile a quello già in uso a Firenze (per esempio accanto al Duomo), dove i «cassonetti intelligenti» sono dotati di un computer, vengono alimentati a energia solare e, come i cellulari, sono dotati di un sistema Gprs. Un sistema a ultrasuoni consente di «misurare» la quantità di immondizia «compressa» all'interno, inviando i dati aggiornati alla centrale per programmare il passaggio dei camion di raccolta. I cassonetti sono in grado anche di dare l'allarme se scoppia un incendio all'interno del contenitore. Rifiuti: Scenario Pagina 13

16 Il rn%r istero clell rrrbïeute Icxvorc1 u, uu decreto che r ivolr.1zior a 1(1, cle{iuizioue dei residui nottoprodotti Stoccati al massi DI GIORGIO AMBROSOLI li uffici del ministero dell'ambiente stanno lavorando a tappe forzate a un decreto che integri la nozione di sottoprodotto. Infatti, l'art. 184-bis, secondo comma 2, del Tua (dlgs 152/2006) prevede che con uno o più decreti siano adottate misure per stabilire criteri qualitativi o quantitativi da soddisfare affinché specifiche tipologie di sostanze o oggetti siano considerati sottoprodotti e non rifiuti. La bozza di decreto che ItaliaOggi ha potuto leggere introduce una serie di condizioni e limiti sconosciuti alla normativa primaria: per esempio la nozione di «residuo-rifiuto» e il vincolo che il sottoprodotto possa essere stoccato al massimo per un anno. Ma non basta: introduce la regola che il sottoprodotto sia in quantità tale da essere destinata al successivo utilizzo (condizione piuttosto difficile se il sottoprodotto è tipicamente un prodotto secondario della produzione), uno specifico formulario di identificazione e che non possa in alcun modo essere commercializzato. Condizioni che non trovano alcun riscontro nel quadro normativo comunitario ed ridotti a rifiato per un anno e non píù vendibili europeo. Completa il decreto un elenco non esaustivo di sottoprodotti da incentivare con il sistema delle tariffe delle fonti rinnovabili e che quindi diventano combustibili veri e propri. Insomma il sottoprodotto non è un L'art. 184-bis del dlgs 152/2006, come modificato dal dlgs n. 205/2010, ha recepito la nozione di rifiuto contenuta nella direttiva n. 98/2008 «1. E un sottoprodotto e non un rifiuto ai sensi dell'articolo 183, comma 1, lettera a), qualsiasi sostanza o oggetto che soddisfa tutte le seguenti condizioni: a) la sostanza o l'oggetto è originato da un processo di produzione, di cui costituisce parte integrante, e il cui scopo primario non è la produzione di tale sostanza od oggetto; b) è certo che la sostanza o l'oggetto sarà utilizzato, nel corso dello stesso o di un successivo processo di produzione o di utilizzazione, da parte del produttore o di terzi; c) la sostanza o l'oggetto può essere utilizzato direttamente senza alcun ulteriore trattamento diverso dalla normale pratica industriale; d) l'ulteriore utilizzo è legale, ossia la sostanza o l'oggetto soddisfa, per l'utilizzo specifico, tutti i requisiti pertinenti riguardanti i prodotti e la protezione della salute e dell'ambiente e non porterà a impatti complessivi negativi sull'ambiente o la salute umana». rifiuto, ma in fondo non se ne discosta troppo se il dicastero introduce tali e tanti vincoli. LA DOTTRINA E LA NORMA- TIVA. La nozione di «sottoprodotto» viene introdotta dalla Corte europea di giustizia che, in ripetute sentenze, ne dà un quadro definitorio ad iniziare proprio dalle modalità produttive. All'evoluzione della giurisprudenza della Corte di giustizia europea segue la Comunicazione interpretativa in materia di rifiuti e di sottoprodotti (datata 21 febbraio 2007 Com 2007/59) che, benché antecedente alla direttiva del 2008, è ancora attuale ed offre spunti di riflessione. Con la direttiva 2008/98/ Ce sui rifiuti trova ingresso nella normativa comunitaria la nozione di «sottoprodotto». L'art. 5 della predetta direttiva stabilisce le condizioni affinché determinate sostanze suscettibili di un utilizzo economico possano essere reintrodotte nel ciclo economico senza la necessità di essere sottoposte alle operazioni di trattamento previste per i rifiuti. Una norma immediatamente operativa che non necessita di integrazioni e specificazioni. - Riproduzione riservata Rifiuti: Scenario Pagina 14

17 Per iscriversi non vale la sublocazione Albo ambientale, e e con mezzi propri DI MARCO OTTAVIANO Per iscriversi nell'albo gestori ambientali non è ammessa la disponibilità dei veicoli a titolo di sublocazione o di subcomodato da parte dell'autotrasporto di cose per conto di terzi. In via generale, viene consentita la disponibilità mediante comodato senza conducente di veicoli adibiti ad uso proprio aventi massa complessiva a pieno carico inferiore o uguale a 6 t. Ai fini dell'iscrizione all'albo le imprese allegheranno alla domanda, copia del contratto di comodato senza conducente corredata di dichiarazione di conformità all'originale rilasciata ai sensi dell'articolo 47 del dpr 445/2000. È con la circolare del comitato nazionale gestori del 30 aprile 2015 n. 345, che vengono fornite indicazioni sulla disponibilità temporanea mediante comodato o locazione senza conducente di veicoli adibiti al trasporto di cose, ai fini dell'iscrizione. Il comitato spiega che relativamente al trasporto per conto di terzi, ai sensi dell'art. 84 del codice della strada, i veicoli di massa complessiva inferiore o uguale a 6 t. possono essere ceduti in locazione sia da imprese che esercitano l'attività di locazione di veicoli ai sensi dell'art. 84, comma 4, del codice della strada, sia da imprese di autotrasporto regolarmente autorizzate (iscritte all'albo degli autotrasportatori per conto di terzi e, ove previsto, al Ren), mentre i veicoli di massa complessiva superiore a 6 t. possono essere ceduti in locazione esclusivamente da queste ultime. Ricordiamo che con la circolare prot. n del 16 marzo 2015, il ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ha chiarito che nell'ambito dell'esercizio dell'attività dell'autotrasporto di cose per conto di terzi non è ammessa la disponibilità dei veicoli a titolo di sublocazione o di subcomodato. Il comitato ritiene che lo stesso principio debba essere applicato anche al caso di disponibilità di veicoli per il trasporto in conto proprio presi in locazione. -n Riproduzione riservata Rifiuti: Scenario Pagina 15

18 L'ad Del Fante: «Buon trend di crescita» - Effetto Robin tax sull'utile del trimestre Terna, balzo dei ricavi e dei margini ROMA Effetto Tamini sui risultati di Terna che manda in archivio i conti del primo trimestre con ricavi in crescita del 7,4%, a quota 513,3 milioni di curo, sospinti dal balzo di 14,8 milioni dell e attività non regolate (+88,600), su cuihainciso la societàrilevatadallaspa dell'altatensione nei mesi scorsi. Salepoil'Ebitdache si è attestato a401,6 milioni (+2,9%) - con l'ebitda margin al 78,2% (a fronte dell'81,6%io registrato nei primi tre mesi del 2014) - e avanza anche l'utile netto a 165,2 milioni (in rialzo de113,8%), grazie al doppio beneficio fiscale derivante dalla bocciatura della Robin tax ad opera della Consulta e dalla deducibilità ai fini Irap del costo del personale a tempo indeterminato previsto dall a legge di stabilità In crescita dell'1,4 io risulta anche l'ebit, pari a 281,3 milioni, mentre l'indebitamento raggiunge quota 6,51 miliardi di curo, in calo di 449,6 milioni rispetto al dato registrato a fine dicembre (6,96 miliardi di euro). L'ad Matteo Del Fante parla di «unbuontrenddi crescita» ericorda che è stato avviato, con il business plan presentato a fine marzo, «il percorso volto all'efficienza operativa ed processo di ricambio generazionale (con incentivi all'uscita volontaria per chi è vicino alla pensione e il contestuale inserimento di giovani leve, 41 nel corso del trimestre, ndr)». La rotta, conferma l'ad, resta puntata «sull'impegno nello sviluppo della rete di trasmissione elettrica nazionale, anche in un'ottica di integrazione delle reti europee». E, a tal proposito, DelFante ribadiscelatabella di marcia prevista per uno dei tasselli clou della rete dellapenisola. «Siamo impegnati a collegare la Sicilia al resto del paese entro la fine del 2015», spiega il numero uno davanti agli analisti, affiancato dal cfo, Pierpaolo Cristofori, con riferimento alla Sorgente-Rizziconi. Quanto all'annunciata acquisizione della rete elettrica di Ferrovie, l'ad ricorda che il boccino è in questo momento nelle mani dell'authorityper l'energia che è chiamata a quantificare la Rab (cioè la remunerazione del capitale investitonetto aifmiregolatori) dell'asset oggetto della compravendita (9.300 chilometri dilinee e42o stazioni). «Speriamo arrivi nelle prossime due settimane - prosegue Del Fante - ma probabilmente slitterà. Ci potrebbe volere qualche settimana in più, entro l'estate». La stessa deadline prevista anche per una prima indicazione sul Wacc (media ponderata del costo del capitale) che sarà riconosciuto alla società dall'aeeg nei prossimi anni e che dovrebbe attestarti «intorno a15%», controil 6,3%io attuale. Qualche analista chiede poi conto della Grecia e della gara per la privatizzazione di Admie, per ora congelata dal governo Tsipras. Il dossier, ribadisce Del Fante, è in questo momento fuori dai radar di Terna vista anche l'incertezza che ruota attorno alla partita complessiva delle privatizzazioni greche. Ce. Do. Energia: Scenario Pagina 16

19 Il Comune all'ex r «Via i serbatoi in 10 eria les, la prescrizione suggerita al ministero per favorire la reindustrializzazione Ed e già stato scelto l'esperto anti-ricorsi. La Segala: «Ma il dialogo continua» di Sandro Mortari Dieci anni per rimuovere sia gli enormi serbatoi per i quali non è più previsto il riutilizzo che le condotte interrate e i terreni evidentemente contaminati. Sono queste le prescrizioni che il Comune di Mantova ha imposto alla les fin dall'ottobre 2014 dopo che il gruppo Mol ha deciso, quasi due anni fa, di trasformare la raffineria in un deposito. L'ultima parola spetterà, però, al ministero dello sviluppo economico che dovrà emettere il decreto che autorizzala trasformazione dello stabilimento in deposito di oli minerali e inserirvi le prescrizioni di via Roma. E siccome non è scontato che la les accetti passivamente di accoglierle, il Comune, si è tutelato. Proprio per evitare contestazioni e ricorsi, si è affidato all'avvocato Luciano Butti dell'importante studio legale B&P di Verona specializzato in diritto ambientale, stanziando euro per un'assistenza che durerà sino alla fine di quest'anno. Via Roma si è cautelata, ma senza alcun intento persecutorio nei confronti dell'azienda «con cui - tiene a precisare l'assessore all'ambiente Vanna Segala - il rapporto è molto aperto e il dialogo continuo». Il problema, però, come ammette l'assessore, è che, durante vari incontri, sono state riscontrate nella les perplessità circa il ripristino ambientale che dovrà effettuare. Una parentesi. La legge Monti stabilisce che per la trasformazione da raffineria in deposito la bonifica, se è garantita la sicurezza del sito dal punto di vista ambientale, può essere rimandata, mentre il ripristi- L'assessore Vanna Segala. Accanto le ciminiere dei l'ormai ex raffineria les instrada Cipata no ambientale va fatto comunque. Bonifica e ripristino ambientale sono previsti dall'autorizzazione integrata ambientale che la les ha avuto nel 2009, mentre invece nel luglio 2014 ha chiesto l'autorizzazione unica ambientale per gli scarichi di acque reflue, le emissioni in atmosfera e l'impatto acustico relativa al deposito di oli minerali, per la quale è tuttora in corso il procedimento per il rilascio. «Togliere i serbatoi che la les non utilizzerà è indispensabile per favorire la reindustrializzazione dell'area - dice la Segala -. La nostra è una proposta flessibile, nel senso che all'azienda abbiamo detto che di fronte ad un suo piano di reindustrializzazione potrà utilizzare tutti i serbatoi di cui avrà bisogno». Attualmente i serbatoi della les sono una sessantina, di cui 35 dovrebbero, secondo una prima stima dell'azienda, essere di- Segnalazioni Pagina 17

20 smessi; però, su questo fronte secondo il Comune la situazione è molto delicata e in continua evoluzione, per cui bisogna muoversi con i piedi di piombo senza negare alla les la possibilità di un eventuale riutilizzo dei serbatoi prima scartati. Di qui la necessità di avere un supporto tecnico-giuridico da parte di avvocati specialisti in diritto ambientale. «Noi stiamo cercando il dialogo con l'azienda - insiste l'assessore - e la lettura coerente della normativa anche con il supporto di esperti non può che aiutare tutti a tenere aperta la complessa fase della reindustrializzazione e del ripristino ambientale». L'ultima parola, come detto, spetta al ministero dello sviluppo economico a cui la les ha chiesto l'ok alla dismissione dello stabilimento. «Stiamo aspettando - dice Umberto Maffezzoli, consulente ambientale del Comune - di ricevere dal ministero la convocazione per la terza conferenza di servizio in cui verrà valutato il nostro percorso condiviso, tra l'altro, dalla Regione e dagli altri enti». Segnalazioni Pagina 18

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO PER LO SVILUPPO DELLA RIFORMA ISTITUZIONALE ELEZIONE DEGLI ORGANI DEL COMUN GENERAL DE FASCIA COMUNI DI CAMPITELLO DI FASSA/CIAMPEDEL-CANAZEI/CIANACEI- MAZZIN/MAZIN-MOENA/MOENA-

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli