Conoscere per Valorizzare ICT Settore strategico per il rilancio del sistema produttivo e dell economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conoscere per Valorizzare ICT Settore strategico per il rilancio del sistema produttivo e dell economia"

Transcript

1 Conoscere per Valorizzare ICT Settore strategico per il rilancio del sistema produttivo e dell economia

2

3 Conoscere per Valorizzare ICT Settore strategico per il rilancio del sistema produttivo e dell economia Comitato di Monitoraggio: Domenico Galia (Presidente UNIMATICA), Andrea Merli (CONFAPI), Cesare Trebeschi (CESPIM), Walter Pilato (SLC CGIL), Piero Ferrulli (FISTEL CISL), Alessandro Cucchi (UILCOM UIL) Direzione Scientifica: Massimo Vanetti Coordinamento: CESPIM srl Hanno collaborato alla ricerca: CESPIM Campania, CESPIM Sicilia, CESPIM Veneto, CESPIM Umbria, Olga Totti, Giovanni Di Genio, Consorzio Qualità Italia (Giovanni Anselmi, Carlo Facchin, Paolo Landolfo), SLC CGIL, FISTEL CISL

4

5 INDICE 1. SCOPO SINTESI MERCATO DIMENSIONE COMPLESSIVA POSIZIONAMENTO NEL QUADRO INDUSTRIALE ITALIANO CONGIUNTURA COMMERCIO ESTERO OCCUPAZIONE Andamento Retribuzioni RIASSUNTO DEL QUADRO ECONOMICO ARTICOLAZIONE DEL MERCATO TENDENZE TENDENZE SULLA STRUTTURA AZIENDALE TENDENZE TECNOLOGICHE Tecnologia HW Tecnologia SW e di sistema PREVISIONI EVOLUTIVE DELLE AZIENDE... 35

6 5.1 INVESTIMENTI VARIAZIONE DEI SERVIZI OFFERTI VARIAZIONE NEI PROCESSI PRODUTTIVI ADOZIONE DI NUOVE TECNOLOGIE COMPETENZE PROFESSIONALI FORMAZIONE FORMAZIONE FINANZIATA TRAMITE FONDI INTERPROFESSIONALI PARITETICI Adesione a fondi paritetici Formazione effettuata Grado di soddisfazione FORMAZIONE FINANZIATA TRAMITE RISORSE PROPRIE Formazione effettuata Grado di soddisfazione MOTIVAZIONE DELLA SCELTA DI FINANZIARE LA FORMAZIONE TRAMITE RISORSE PROPRIE BIBLIOGRAFIA... 49

7 INDICE DELLE TABELLE Tabella 1 - Variazioni % delle tariffe medie ( /giorno) 2010 su 2009 per le figure tecniche e consulenziali Tabella 2 - Quadro economico del settore Situazione attesa Tabella 3 Quadro economico del settore Situazione corrente... 29

8 INDICE DELLE FIGURE Figura 1 - dimensione del mercato del settore ITC dal 2008 al Figura 2 - Confronto tra i principali settori industriali dell'economia italiana (2006): % addetti e valore aggiunto sul totale Industria e servizi dell'economia italiana (2006) Figura 3 - Valore delle risorse umane: % Capitale umano per unità di prodotto (2006) Figura 4 - Andamento congiunturale settore informatico Figura 5 Natura degli investimenti previsti a medio/lungo termine Figura 6 - Variazioni previste nell'insieme dei servizi offerti Figura 7 Nuove tecnologie di cui si prevede l adozione Figura 8 - Tecnologie attualmente impiegate di cui si prevede la dismissione Figura 9 - Competenze professionali richieste a breve (un anno) Figura 10 - Competenze professionali richieste a medio/lungo termine (tre anni) Figura 11 - Competenze professionali di cui si ritiene di non aver più bisogno a medio/lungo termine (tre anni) Figura 12 - Adesione a fondi interprofessionali paritetici... 42

9 Figura 13 - Natura della formazione effettuata, finanziata tramite fondi interprofessionali paritetici Figura 14 - Problemi relativi al ricorso a fondi interprofessionali paritetici Figura 15 - Natura della formazione finanziata con risorse proprie... 46

10

11 1. Scopo Questa ricerca ha come obbiettivo: Rappresentare un quadro della realtà delle PMI del settore ITC nel contesto della congiuntura presente; Analizzare prospettive e potenzialità evolutive del settore: Rappresentare il divario tra le nuove competenze richieste per porre in pratica le potenzialità individuate e le effettive competenze richieste; Individuare linee guida per l'elaborazione di percorsi formativi appropriati. La ricerca è stata condotta facendo riferimento alle indicazioni fornite da un gruppo di esperti del settore, integrate da indagini documentali e verificate per mezzo di una serie di interviste presso un campione di aziende operanti in diverse regioni d'italia. Si ritiene opportuno sottolineare che la predetta fase di interviste in azienda, non intende rappresentare uno scenario descrittivo del quadro italiano delle PMI, ma ha lo scopo di verificare quanto emerso nella fase precedente dell indagine. In altre parole le interviste sono utili per riscontrare, presso alcune realtà produttive della CONFAPI, degli scenari tematici della ricerca estrapolati dalla letteratura esistente e disegnati nell ambito del tavolo degli esperti. 11

12 2. Sintesi Il settore ITC è uno dei più rilevanti settori industriali italiani in Italia, sia in termini di numero di addetti sia come valore aggiunto. Per fare un confronto, è largamente superiore sia al settore della moda sia all'industria dell'auto. Nonostante questo dato di fatto, raramente il settore ITC viene trattato come un'entità definita nelle discussioni pubbliche riguardanti la vita economica (al contrario di quanto accade, per esempio, per la moda o l'industria automobilistica). Ciò può essere posto in correlazione con fatti molto diversi tra loro, come ad esempio la frammentazione del settore e la mancanza di società di nome che servano da riferimento per l'immaginazione, un saldo commerciale estero in costante negativo, la mancanza di un contratto collettivo di lavoro specifico (in genere le aziende del settore scelgono di adottare il CCNL dei Metalmeccanici oppure quello del Terziario/Commercio), fino al fatto che anche i codici statistici (ATECO) non sembrano studiati per fotografare compiutamente il settore. Data la rilevanza del settore e la dimensione della forza lavoro è ancora più grave l'andamento del mercato relativo, che è in calo costante negli ultimi anni sia in termini di fatturato che di profittabilità, gravata quest ultima dall imposizione dell IRAP correlata direttamente al costo del personale a differenza degli altri settori dove le materie prime 12

13 incidono più significativamente. Anche per il prossimo futuro non si prevedono sensibili miglioramenti. Non tutte le aziende soffrono allo stesso modo. Alcune, specialmente quelle che si occupano di vendite al consumo e quelle che offrono determinati prodotti e servizi di qualità alle aziende registrano anzi una crescita. In ogni caso il numero delle aziende strutturate è in calo, aumentano invece le micro-aziende, in special modo le ditte individuali. Stallo degli stipendi per il 90% delle aziende IT e retribuzioni 2010 ferme, divario di genere sostenuto. Continua il calo delle tariffe professionali, il taglio delle consulenze e il continuo slittamento verso le forme di lavoro atipiche. Calo persistente del mercato, ricontrattazione degli ordini, taglio dei costi: la crisi accentua il lavoro atipico, mentre il taglio dei costi e il crollo delle tariffe professionali determinano la perdita di talenti e di competitività per tutto il settore. Le aziende devono adeguare le competenze professionali della propria forza lavoro, sia per seguire le evoluzioni tecnologiche in atto sia per migliorare la propria capacità di creare valore per i clienti e per l'azienda stessa. In questo contesto la formazione professionale riveste un ruolo strategico in tutti i casi in cui è possibile una crescita professionale dei collaboratori, eppure si deve riscontrare che la formazione è in caduta 13

14 libera (-4,4%): il 77% delle piccole aziende IT non fa formazione e il 78% non ha percorsi di valutazione del personale. I fondi interprofessionali paritetici sono una realtà importante e in crescita (14%) ma non completamente sfruttata in tutte le sue potenzialità: la maggior parte del finanziamento avviene ancora facendo ricorso a risorse aziendali (86%). 14

15 3. Mercato 3.1 Dimensione complessiva Il valore complessivo del mercato del settore ITC in Italia nel 2010 si assesta intorno a 61,3 miliardi di euro, in calo costante negli ultimi anni. Nel 2005 il X Rapporto sulla tecnologia dell informazione e della comunicazione in Italia elaborato da Fti e CNEL lo valutava in 66,6 miliardi di euro, dato che lo collocava al quarto posto in Europa, dopo Germania, Regno Unito e Francia. Figura 1 - dimensione del mercato del settore ITC dal 2008 al

16 È interessante constatare che non sempre le aziende del settore percepiscono chiaramente questa tendenza complessiva. Per esempio, l'opinione del campione di aziende contattate durante questa indagine è quasi equamente suddivisa tra le diverse possibilità: Mercato in calo; Mercato stazionario; Mercato in crescita. 3.2 Posizionamento nel quadro industriale italiano Il settore ITC (IT + TLC) è uno dei più rilevanti settori industriali italiani, come si può vedere nella figura sottostante 1 : 1 Fonte: 1 Rapporto Assinform settore IT in Italia 16

17 Figura 2 - Confronto tra i principali settori industriali dell'economia italiana (2006): % addetti e valore aggiunto sul totale Industria e servizi dell'economia italiana (2006) Il settore è anche tra quelli che fanno uso più intensivo del capitale umano, come rappresentato nel grafico seguente 2. 2 Fonte: 1 Rapporto Assinform settore IT in Italia 17

18 Figura 3 - Valore delle risorse umane: % Capitale umano per unità di prodotto (2006) 3.3 Congiuntura 3 L informatica e telecomunicazioni presenta una situazione congiunturale in peggioramento. Il saldo relativo alla produzione corrente è passato da -4,6% a -13,5% e quello degli ordini è peggiorato da -5,5% a -14,5. 3 Fonte: Centro Studi Confapi 18

19 Figura 4 - Andamento congiunturale settore informatico Le difficoltà del settore in questo caso sono da imputare non solo al mercato interno, in cui gli ordini sono diminuiti da -7,4% a -20%, ma anche a quelli UE ed extra-ue, in pesante caduta. Considerazioni analoghe valgono per il fatturato, che ha subito una contrazione da - 1,9% a -13,3%, dovuta sia al mercato interno sia a quello estero. 3.4 Commercio estero Le imprese italiane che operano del settore dell'information Technology hanno, da sempre, difficoltà ad investire sull'innovazione tecnologica, pertanto il nostro Paese continua a collocarsi al di sotto di stati motore 19

20 del settore come la Germania e il Regno Unito. Rimane pertanto marginale il suo ruolo il tema di esportazioni verso altri mercati mondiali. Il livello di internazionalizzazione del settore IT ha ottenuto durante i primi nove mesi del 2010 un saldo della bilancia commerciale negativo pari a di euro, con un saldo normalizzato del -65,8%. Prendendo in considerazione il principale aggregato merceologico del settore informatico è possibile delineare la situazione degli scambi commerciali con l'estero. Per quanto riguarda le macchine ed i componenti informatici la situazione delle esportazioni nostrane verso i paesi dell'unione Europea presenta una variazione percentuale del -2,1% rispetto al Si è passati da a migliaia di euro nel Un aumento si è riscontrato verso i paesi europei non U.E, la variazione percentuale è stata del 33,6%, e, da un valore di migliaia di euro, si è passati ad un valore di migliaia di euro. In aumento anche la quantità di prodotto italiano esportato verso gli Stati Uniti d'america, la variazione percentuale è stata infatti del 28,8% con un valore di migliaia di euro nel periodo gennaio settembre Le macchine ed i componenti informatici italiani sono molto apprezzate nel Medio Oriente. I dati dei primi nove mesi del 2010 hanno ottenuto 4 Fonte: ISTAT 20

21 una variazione percentuale del 69,9% rispetto all'anno 2009 raggiungendo un valore di migliaia di euro. Migliorano anche le performance nei paesi dell'asia orientale dove la variazione percentuale è stata del 41,2%. Le importazioni verso il nostro Paese si mantengono alte e provengono, per la maggior parte, dai paesi dell'unione Europea. In totale le importazioni italiane dall'intero continente hanno avuto una variazione percentuale del 11,5%. 3.5 Occupazione Andamento La situazione dell occupazione appare problematica anche per il settore informatico, essendo scesa dal saldo di -3,8% del secondo semestre 2009 a -7,3% del primo semestre Note negative anche dalla profittabilità che passa dal saldo di -12,2% a quello di -27,3% Retribuzioni Assintel tiene monitorate le retribuzioni del settore IT. L'ultima indagine presentata 5, relativa alle retribuzioni 2010, segnala con preoccupazione: gelo per retribuzioni, formazione, percorsi di carriera, divario di genere. La crisi accentua il lavoro atipico, mentre il 5 Fonte: Osservatorio dei profili professionali nell IT, a cura di Assintel, Camera di Commercio di Milano, IDG, C, GiGroup e OD&M, AICA, itsmf 21

22 taglio dei costi e il crollo delle tariffe professionali determina la perdita di talenti e di competitività per tutto il settore. Calo persistente del mercato e delle tariffe professionali IT, ricontrattazione degli ordini, taglio dei costi: questi i fattori più evidenti che la crisi economica sta accentuando nell Information Technology, un settore che oggi punta alla sopravvivenza in una visione che è tutto fuorché strategica. A farne le spese sono però i talenti, che invece costituiscono l asset della competitività del settore: retribuzioni ferme nel 90% delle aziende, con aumenti inferiori all 1,5% dovuti solo agli adeguamenti contrattuali; calo degli occupati tradizionali e crescita del lavoro atipico; formazione nel 2010 a picco (-4,4%) e poca valorizzazione delle risorse, con assenza di percorsi di valutazione del personale per il 78% di esse. Va peggio per le piccole aziende: per il 77% nessuna formazione. Nel dettaglio, i risultati resi noti dall'osservatorio sono i seguenti: Le retribuzioni nelle aziende IT rimangono ferme per tutto il 2010 nel 90% del campione analizzato da IDC, con valori medi di crescita inferiori al +1,5% (sfioravano il +3% nel 2009), dovuti quasi esclusivamente agli aumenti programmati dai Contratti Collettivi di Categoria. Le peggiori performance spettano ai lavoratori atipici (+1,1%), le migliori ai I livelli del Terziario (+1,6%). Solo il 41% delle aziende offre ai propri impiegati, soprattutto nelle funzioni commerciali, una retribuzione variabile, che copre il 10% dello stipendio totale. Le cifre salgono al 52% 22

23 delle aziende per i Quadri (copre il 16% della retribuzione) e al 68% per i Dirigenti (copre il 23% della retribuzione). Questi valori sono solo nominali, in quanto l effettiva erogazione è poi dipesa dalle performance spesso negative delle stesse aziende. Sono soprattutto i Dirigenti a farne le spese, dimostrando come le aziende IT più che quelle di altri settori sanno misurare le proprie performance e collegarle a quelle dei propri Dirigenti. Rallenta ma non si inverte la moria di Società di Capitale (-0,9%) e di Società di Persone (-2,4%), bilanciata dalla crescita delle ditte individuali (+2,4%). Questo fenomeno è speculare all erosione occupazionale delle forme contrattuali tradizionali (sono il 78% del campione, -0,9% rispetto al 2009) e alla crescita dei contratti atipici (salgono dal 14% del 2009 all attuale 22% dell intero campione). Per coprire le posizioni rimaste scoperte in azienda si ricorre per il 33% dei casi a personale interno, per il 49% a esterni provenienti dai competitor. Le retribuzioni delle donne nelle aziende IT sono sistematicamente inferiori a quelle dei pari livello uomini. Il divario è del 22% per i dirigenti, del 7% per i Quadri e del 6% per i dipendenti. Anche a livello occupazionale ci sono delle differenze significative: calano più della media i contratti da lavoro dipendente (-1,1%) mentre crescono più della media gli inquadramenti atipici (+3,9%), che coprono il 27% del campione. Poche le agevolazioni previste per coniugare lavoro e famiglia: totalmente assenti per il 20% delle aziende IT, mentre sono a 23

24 livelli molto bassi il part time (15%) e il telelavoro (2%). La presenza nelle diverse aree funzionali vede in pole position l area assistenza/help desk (79% di donne), seguita dall area HR (44%) e Marcom (40%). Fanalino di coda il Dipartimento IT interno (15%) e di Ricerca e Sviluppo (14%). Meno donne accedono anche alla carriera dirigenziale: solo il 6%, contro una media del 13% sul totale dipendenti. Per restare sul mercato occorre ridurre i costi, e allora uno dei primi tagli è quello all IT training & Education, che cala nel 2010 del -4,4% e che va a sommarsi al crollo di circa il -25% del Ma il dato ancor più significativo è quello delle aziende sotto i 20 dipendenti: il 77% di esse dichiara di non effettuare alcuna iniziativa formativa. Per le aziende oltre i 20 addetti il dato è leggermente meno negativo: sono il 52% quelle che non hanno fatto formazione nel Le motivazioni, per entrambe le categorie, sono le stesse: non è necessaria (40% sul totale) oppure la mancanza di tempo (36%). Fra le aziende che fanno formazione (27% del campione), il 47% non ha un piano strutturato in cui inquadrarla. Il 55% delle ore è dedicato alla formazione ICT e il 19% ai processi non ICT (marketing, contabilità, vendite, ecc). Fanalini di coda il potenziamento delle skill manageriali (8%) e delle soft skill (4%). In crescita l utilizzo dei fondi interprofessionali per finanziare la formazione (14%), sostenuti dalle associazioni di categoria. Ma la maggior parte del finanziamento avviene ancora da risorse aziendali (86%). 24

25 Quanto visto per la formazione si riflette a cascata nella presenza di processi strutturati di valutazione del personale, che sono la base per la gestione dei percorsi di carriera: nel 78% del campione essi sono totalmente assenti, nel 14% esistono ma sono informali, solo nel 6% sono strutturati. Quando non sono presenti le principali motivazioni citate sono la dimensione aziendale ridotta (62% del campione) e la mancanza di tempo (53%). Per quanto riguarda i compensi, le tendenze già viste nel 2009 trovano piena conferma: gli stipendi medi delle figure IT sono sistematicamente inferiori (dal 5% all 8%) per chi lavora in aziende IT rispetto a chi lavora in aziende attive in altri settori. Non solo, le retribuzioni seguono anche divide geografici e dimensionali: gli Impiegati del Nord hanno stipendi in media superiori del 19% rispetto alle regioni meridionali e insulari, mentre guadagna di più chi lavora in aziende di più grandi dimensioni. Nei primi 8 mesi dell anno il potere d acquisto degli impiegati delle funzioni IT è in crescita del +3,7%, secondo le rilevazioni OD&M. La retribuzione annua media, riferita al 2009, si attesta sui euro, significativamente più bassa di quasi tutte le altre aree aziendali. Medesima tendenza si rileva per i Quadri ( euro) e per i Dirigenti ( euro), peggio dei quali ci sono solo i colleghi dell area Ricerca e Sviluppo. Tra gli Impiegati, la miglior performance è del Key Account Manager IT, 25

26 con euro l anno: ma se è donna, la retribuzione scende del 10,3% a euro. Maglia nera al Web Developer/Master, con euro e uno scarto dell 1,8% sulle colleghe. Tra i Quadri, i migliori sono i Responsabili commerciali IT ( euro per gli uomini, -5,1% per ledonne), i peggiori gli Analisti Coordinatori ( euro per gli uomini, -4,4%per le donne). Tra i Dirigenti è in pole position il Direttore sistemi Informativi ( euro per gli uomini, -2,1% per le donne) mentre fanalino di coda è il Project Leader ( euro per gli uomini, -2,1% per le donne). Infine l ingresso nel mondo del lavoro di giovani laureati dell area IT sta via via evidenziando, dal 2006 in poi, una penalizzazione retributiva rispetto alle altre aree: nel 2009 essi entrano in azienda con una retribuzione inferiore di euro lordi l anno (-5,7%) rispetto alla media, che va a livellarsi solo con l acquisizione della seniority. L'andamento delle tariffe professionali nel 2010, dopo il tracollo del 2009 (rispetto al 2008), ha mostrato un'ulteriore flessione seppur con qualche segnale di tenuta. Calano maggiormente le figure di basso profilo (Programmatore) e i Capi progetto, tengono le figure intermedie. Sul fronte consulenziale, tenuta delle tariffe medie per i consulenti master, in leggera ulteriore flessione le figure consulenziali junior e intermedie; 26

27 Di seguito le variazioni % delle tariffe medie ( /giorno) 2010 su 2009 per le figure tecniche e consulenziali: Variazione 2010 Variazione 2009 Programmatore -3% -11% Programmatore senior stabile -6% Analista Programmatore -2% -8% Analista -1% -7% Analista Senior -1% -8% Capo Progetto -5% -12% Consulente Junior -1% -6% Consulente Senior -2% -7% Consulente Master stabile -6% Tabella 1 - Variazioni % delle tariffe medie ( /giorno) 2010 su 2009 per le figure tecniche e consulenziali Mentre le tendenze relative a tariffe professionali e collaborazioni atipiche restano confermate, nel 2010 anche l'occupazione è tornata a scendere 6. 6 Fonte: Ufficio Studi Confapi 27

28 Rispetto ai trend occupazionali complessivi il mercato è meno dinamico rispetto allo scorso anno: Le aziende a crescita zero sono il 71% (l anno scorso erano il 43%); Le aziende con turnover negativo sono l 8% (l anno scorso erano il 19%); Le aziende in crescita sono il 21% (l anno scorso erano il 38%). 3.6 Riassunto del quadro economico La tabella che segue 7 precedenti. riassume il quadro esposto nei capitoli Situazione attesa II Semestre 2008 I Semestre 2009 II Semestre 2009 I Semestre 2010 II Semestre 2010 Livello produzione atteso 47,1% -5,6% 1,67% 11,63% -5,77% Livello ordini atteso 49,1% -6,8% 7,46% 15,69% -3,77% Fatturato atteso 48,1% -1,7% 0,00% 14,14% -4,44% Occupazione attesa 18,5% -11,7% 1,69% -4,81% -4,55% Tabella 2 - Quadro economico del settore Situazione attesa 7 Fonte: Ufficio Studi Confapi 28

29 Situazione corrente I Semestre 2008 II Semestre 2008 I Semestre 2009 II Semestre 2009 I Semestre 2010 Livello produzione 42,3% -3,4% -15,87% -4,60% -13,46% Livello ordini 38,3% -3,3% -17,39% -5,45% -14,55% Livello ordini Italia 33,9% -3,3% -23,88% -7,45% -20,00% Livello ordini estero UE 25,0% -5,3% 0,00% 10,53% -40,00% Livello ordini estero extra UE 16,7% -5,6% 0,00% 9,09% -50,00% Fatturato 44,1% 6,9% -22,06% -1,85% -13,33% Fatturato Italia 39,3% 3,2% -28,36% -8,33% -17,95% Fatturato UE 17,6% -11,1% -4,35% 11,11% -33,33% Fatturato extra UE 22,2% 0,0% 23,53% 27,27% -50,00% Occupazione 11,9% 0,0% -7,81% -3,77% -7,32% Variazione Utile Lordo 38,0% -24,6% -16,95% -12,16% -27,27% Ricorso al credito 6,4% -33,3% -33,90% -22,22% -23,68% Ricorso al debito a breve -2,2% 13,0% 26,32% 1,39% 6,67% Ricorso al debito a medio/lungo Ricorso ad autofinanziamento -7,3% 5,9% 37,50% -1,41% 0,00% 24,4% 9,6% 0,00% 13,73% 9,52% Tabella 3 Quadro economico del settore Situazione corrente 3.7 Articolazione del mercato Nel contesto del calo complessivo del mercato, alcuni segmenti hanno fatto registrare andamenti meno negativi di altri. 29

30 Alcuni segmenti in cui il calo è più marcato sono: Vendita HW normale a clienti aziendali (forte contrazione); Commesse e investimenti del settore pubblico. Risultano stazionari: Applicazioni gestionali; Fornitura di servizi classici a clienti aziendali. Segmenti in crescita: Vendite consumer; Telecom; Per clienti aziendali: Soluzioni HW di alto livello; Outsourcing; Servizi di alto livello, specialmente integrazione di applicazioni e piattaforme. 30

31 4. Tendenze 4.1 Tendenze sulla struttura aziendale La tendenza in corso è quella di una riduzione del numero delle aziende di media dimensione, organizzate e strutturate. Questa riduzione avviene in parte attraverso accorpamenti e in parte a seguito di chiusure. È invece in aumento il numero di micro imprese, anche come conseguenza dell'espulsione di lavoratori qualificati a seguito della chiusura delle medie aziende. Questa fase di riduzione segue a ruota la precedente: nel 2004 si è verificata una crisi del settore, e diversi attori sono stati espulsi dal mercato già allora. 4.2 Tendenze tecnologiche In termini di tecnologia, il mercato italiano non è un trend setter, ma segue altri mercati di riferimento, tipicamente quello USA e quello tedesco. 31

32 4.2.1 Tecnologia HW In termini di tecnologia hardware, le tendenze più significative sono: Diffusione delle architetture di calcolo a 64 bit; Diffusione delle CPU Multicore; Uso di GPU per number-crunching. I sistemi che vengono venduti e installati sono in larga maggioranza dotati delle caratteristiche sopraelencate (anche nel mercato consumer, basta leggere le specifiche delle offerte, spesso anche quelle superscontate nei negozi di elettronica). Questa è una tendenza generale dell'industria produttrice dei PC e dei sistemi operativi, che sta progressivamente emarginando le architetture a 32 bit e single-core. A questa evoluzione tecnologica non corrisponde tuttavia ancora una equivalente evoluzione degli applicativi software. Sono poche le applicazioni che traducono in valore effettivo per l'utente le maggiori potenzialità dell'hardware. Anzi talvolta accade che applicativi progettati per i 32 bit, distribuiti da nomi importanti, presentino difficoltà eccezionali d'uso agli utenti che hanno sostituito i loro PC con macchine nuove dotate di sistema operativo a 64 bit. Fanno eccezione i giochi per computer, che sono tipicamente sempre alla ricerca delle massime prestazioni e per questo sfruttano tutte le potenzialità dell'architettura fisica a disposizione. 32

33 4.2.2 Tecnologia SW e di sistema Per quanto riguarda le tecnologie software e di sistema, l'interesse maggiore viene posto su: Integrazione di applicazioni e piattaforme eterogenee: ESB (Enterprise Service Bus) e simili; Virtualizzazione; SAAS (Software As A Service) e Cloud Computing; Linux; Uso di soluzioni open source come componenti anche per applicazioni custom. Le esigenze di integrazione sono sempre più diffuse, per varie ragioni. Quando le aziende cercano una soluzione informatica a livello complessivo, spesso si orientano verso un approccio di integrazione: Perché dispongono di applicazioni divisionali già funzionanti, e sono riluttanti a sostenere lo sforzo per un loro rifacimento fino a che esse risultano soddisfacenti; Perché trovano che sia più vantaggioso combinare soluzioni software best-of-breed provenienti da fornitori diversi piuttosto che legarsi alla suite di un singolo fornitore. Le soluzioni di virtualizzazione e di cloud computing stanno prendendo piede nel contesto di una progressiva riduzione delle infrastrutture 33

34 informatiche in-house a favore di soluzioni basate su tecniche di outsourcing. 34

35 5. Previsioni evolutive delle aziende Le informazioni seguenti provengono dalle interviste con le aziende del campione. Si ricorda che le aziende intervistate sono tutte PMI. 5.1 Investimenti Tenendo conto della situazione del mercato, l'indagine ha verificato presso le aziende del campione quale fosse la natura degli investimenti previsti a medio/lungo termine. Figura 5 Natura degli investimenti previsti a medio/lungo termine 35

36 5.2 Variazione dei servizi offerti Nel complesso, le aziende intervistate pensano di non variare di molto l'insieme dei servizi offerti, ma di lavorare per un loro miglioramento complessivo. Le indicazioni ricevute sono: Figura 6 - Variazioni previste nell'insieme dei servizi offerti Come si vede, le evoluzioni di natura tecnologica sono piuttosto limitate e riguardano il passaggio al Software As A Service e la convergenza tra IT e TLC. 36

37 5.3 Variazione nei processi produttivi Le aziende intervistate prevedono poche variazioni nei processi produttivi interni. I cambiamenti previsti comprendono la delocalizzazione (parziale) della produzione e uno sviluppo della gestione manageriale in azienda. 5.4 Adozione di nuove tecnologie La maggioranza delle aziende intervistate prevede l'adozione di nuove tecnologie, prevalentemente orientate a rendere più efficace l'azienda nello svolgimento della propria attività di business. Figura 7 Nuove tecnologie di cui si prevede l adozione 37

38 Si è anche voluto verificare se esistono tecnologie considerate obsolete, di cui si prevede la dismissione. Figura 8 - Tecnologie attualmente impiegate di cui si prevede la dismissione Il risultato è piuttosto interessante. Infatti, oltre a dismettere software e hardware obsoleto, si vede che le aziende intendono anche liberarsi di specifiche capacità di sviluppo: ciò può fornire indicazione del fatto che certe tecnologie una volta molto richieste (programmazione AS/400 e Visual Basic) stanno uscendo dal mercato. In particolare la programmazione AS/400 era già prevalentemente impiegata in attività di manutenzione, e nel corso dell'indagine è emerso che non viene più considerata conveniente anche in relazione al fatto che i programmatori con questa competenza tendono a concentrarsi esclusivamente sulla 38

39 propria specificità e sono difficilmente impiegabili in altri sviluppi dell'azienda. 5.5 Competenze professionali Di particolare significato per l'indagine è comprendere le esigenze delle aziende nei confronti dell'evoluzione delle competenze professionali nel prossimo futuro, tanto di quelle di cui sentono il bisogno quanto di quelle di cui non sentono più l'utilità. I grafici seguenti rappresentano le esigenze rilevate. Figura 9 - Competenze professionali richieste a breve (un anno) 39

40 Figura 10 - Competenze professionali richieste a medio/lungo termine (tre anni) Figura 11 - Competenze professionali di cui si ritiene di non aver più bisogno a medio/lungo termine (tre anni) 40

41 Le aziende affermano di sentire il bisogno di una più solida competenza commerciale. Per il resto, non si tratta necessariamente della creazione di figure professionali specifiche, ma piuttosto di arricchire il bagaglio professionale degli addetti con nuove competenze. Dal punto di vista strettamente tecnico, le competenze più sentite sono: Padronanza delle tecniche per sfruttare efficacemente le caratteristiche HW moderne (64bit, multicore, GPU); Padronanza delle tecnologie per l'integrazione di applicazioni esistenti (ESB etc); Padronanza delle tecnologie per la virtualizzazione e per il cloud computing; Capacità di pensare e realizzare soluzioni come collage, anche incorporando elementi open source. Dal punto di vista della creazione del valore: Capacità di relazionarsi e comunicare con i clienti e più in generale con gli attori esterni alla realtà aziendale; Attitudine a porre l'attenzione sul valore per il cliente delle soluzioni pensate; Efficacia nel lavoro di gruppo, anche non in copresenza; Padronanza e uso effettivo delle tecniche di versionamento, bug tracking, gestione dei requisiti etc (per trasformare elementi di conoscenza individuale in patrimonio aziendale). 41

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550

10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550 10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550 Candidati chiavi in mano gli introvabili dell informatica Nel mondo dell It le imprese sempre meno disposte a investire in lunghi periodi

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

...... delle Partecipate e dei fornitori

...... delle Partecipate e dei fornitori ...... I pagamenti della Pubblica Amministrazione, delle Partecipate e dei fornitori...... numero D i c e m b r e 2 0 1 301 FATTURE SCADUTE E NON PAGATE I PAGAMENTI DELLA PA E DEI FORNITORI PA Il nuovo

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER TECNICO INFORMATICO WEB MASTER Corso di Formazione Professionale Por Puglia 2000-2006 Complemento Di Programmazione Asse III Mis. 3.4 - Az. a) Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA

STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA STUDIO RETRIBUTIVO - ROMA Page Personnel, agenzia per il lavoro, è specializzata nella selezione di personale qualificato da inserire sia con la somministrazione di lavoro temporaneo sia mediante assunzioni

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IN INTERPORTO BOLOGNA INDAGINE CONGIUNTURALE - I SEMESTRE

Dettagli

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO

Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 3 RAPPORTO Bologna, 26 Novembre 2009 Aula Magna Facoltà di Agraria OSSERVATORIO SULL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE AGRICOLE 2009 3 RAPPORTO OGGETTO E SOGGETTO DELL OSSERVATORIO OGGETTO Ciò che è nuovo per l azienda che,

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

a cura di Raffaella Massaro e Sandro Sanseverinati

a cura di Raffaella Massaro e Sandro Sanseverinati Elaborazione promossa dalla Sezione Servizi Innovativi e Tecnologici di CONFINDUSTRIA PADOVA IL RUOLO DEI SERVIZI INNOVATIVI E TECNOLOGICI NELLA STRUTTURA ECONOMICA DI PADOVA E DEL VENETO Settembre 2010

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO "COMINCIO... DA TRE!" A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ

ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO COMINCIO... DA TRE! A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ ANALISI DEI PARTECIPANTI AL PROGETTO "COMINCIO... DA TRE!" A cura di Giuseppe Landro Responsabile ACQ Pagina 1 PREMESSA Manageritalia, Confcommercio e le altre organizzazione datoriali (Confetra, Assologistica

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

primo trimestre 2012

primo trimestre 2012 osservatorio congiunturale sulle imprese della provincia di Latina primo trimestre 2012 Pierluigi Ascani Format Research Sala Conferenze Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza, Sede di Latina

Dettagli

Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane

Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane Workshop Nuove informazioni statistiche per misurare la struttura e la performance delle imprese italiane Aumento di qualità dei dati economici aggregati e nuovi indicatori sulle eterogeneità interne al

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia INTRODUZIONE EXECUTIVE SUMMARY Il cloud computing nelle strategie aziendali Cresce il numero di aziende che scelgono infrastrutture cloud Perché

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica

INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI. 1 trimestre 2015 Allegato Statistico. Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica INDAGINE TRIMESTRALE SETTORE SERVIZI 1 trimestre 201 Allegato Statistico Unioncamere Lombardia Funzione Informazione economica Maggio 201 1. Gli indicatori congiunturali Nel primo trimestre 201 le imprese

Dettagli

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1%

I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO L ANDAMENTO DELLE VENDITE AL DETTAGLIO:-1% Venezia, 26 dicembre 2008 COMUNICATO STAMPA Indagine congiunturale Unioncamere del Veneto sulle imprese del commercio e dei servizi III trimestre 2008 I SERVIZI MANTENGONO IL TREND DI CRESCITA :+0,6% NEGATIVO

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*)

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*) Il settore delle telecom, tra crescita e creazione di valore di Massimo Lazzari (*) Prosegue con questo contributo il filone dedicato all analisi di una serie di settori industriali tipicamente Business

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia

13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia Febbraio 2012 13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia Il 13 Rapporto sulle retribuzioni in Italia 2012 fornisce nel dettaglio le informazioni sul mercato delle professioni ed offre una rappresentazione

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE

EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE EXCELSIOR INFORMA I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE RILEVATI DA UNIONCAMERE Provincia di Cremona 1 2015 Nel primo 2015, le imprese italiane prevedono di stipulare quasi 210.000 nuovi contratti di

Dettagli