SORA L AGA. Numer tredesc Dezember 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SORA L AGA. Numer tredesc Dezember 2013"

Transcript

1 SORA L AGA COMUN DE SORAGA COMUNE DI SORAGA Numer tredesc Dezember 2013 Ve sporjon con piajer na neva edizion del boletin Sora l Aga. Con chest numer volon ve meter en consaputa soraldut de che che l é stat fat te chest ùltim temp da man de l Aministrazion de Comun e ve dar cont de coche va inant i lurieres e i maores intervenc de nosc paìsc. L an 2013 l é dò che l va pian pian a piz e col fenir del calandar, ogne grop, ogne sociazion, ogne aministrazion tira le some per saer coche la é jita. Ence noi, te nosc cher, fajon nosc bilanz personal. Noi se auguron de cher che sie n bilanz positif e speron che l An Nef porte a duc chenc neva gaissa, spirit gaert e condivijion de idee e sentimenc. Percheche far part de na Comunità vel dir ence condivider valores, tradizion e comportamenc. Tolon l ocajion ence per ve augurar n Bon Sènt Nadal che sgalizee de lum e de amor. Augures!

2 In questo numero / Te chest numer CONSIGLIO COMUNALE E VARIE pag. ATTIVITÀ VARIE 3 LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA pag. STATO LAVORI PLURIUSO 10 LAVORI DI RIORDINO DELL AREA CIMITERIALE 12 RESTAURO DELLA CHIESA SS. PIETRO E PAOLO 13 MALGA BOER 14 NUOVA SEGNALETICA STRADALE 15 COMUN GENERAL DE FASCIA PIANO STRALCIO DELLA MOBILITÀ 16 UNA VALLE IN RETE 17 pag. SOCIAZION E VOLONTARIAT pag. PRO LOCO SORAGA 19 Per le Associazioni e cittadini interessati a pubblicare articoli sulla prossima uscita del periodico Sora l aga contattare Josè Sommariva o il Comitato di Redazione all indirizzo o telefonicamente al Si ringrazia per la collaborazione

3 CONSIGLIO COMUNALE E VARIE ATTIVITÀ 2013 Dalla relazione in ordine alla verifica dello stato di attuazione dei programmi dell anno in corso, approvata dal Consiglio Comunale il 25 novembre scorso riporto alcune considerazioni. Purtroppo il perdurare della recessione e della situazione di pesante debito pubblico del nostro paese condiziona profondamente ed inesorabilmente la finanza della pubblica amministrazione. Come già riferito anche lo scorso autunno lo stato di crisi e di congiuntura non saranno purtroppo superati in pochi anni ed il governo centrale chiede continuamente alla nostra Provincia sacrifici finanziari per tentare di tamponare la voragine della spesa pubblica, per la quale nessuno ha il coraggio di prendere decisioni definitive, utili ad evitare lo stato di insolvenza. In questo contesto di pesante incertezza, l Amministrazione della nostra Comunità è fortemente impegnata nel seguire, selezionare ed organizzazione l attività di programma, soprattutto ed anche quella pianificata e prevista dal nostro bilancio con le risorse disponibili. Ricordo le note minori risorse a disposizione di questa legislatura, che però, grazie al reperimento di finanziamenti adeguati, ricercati a suo tempo, ci consentono di proseguire nella realizzazione del programma. Sono senz altro state colte alcune opportunità venutesi a creare e delle quali troviamo descrizione negli argomenti a seguire. In questo contesto al limite del drammatico dove le nostre famiglie e le nostre imprese superano ogni giorno miriadi di difficoltà, abbiamo potuto finalmente annunciare la soluzione politica che permetterà il trasferimento della rete elettrica della Set al Consorzio Elettrico di Pozza; ad operazione conclusa la nostra Comunità potrà trarne importanti risparmi. È in avanzata fase di progettazione l opera di rifacimento della condotta dell acquedotto di Soraga alta e dell opera di presa a Molin, che sarà realizzata sempre attraverso il Fondo unico territoriale. 3

4 Per il finanziamento dell intervento di manutenzione straordinaria alla nostra scuola, che ricordo prevede anche l adeguamento dell edificio alla normativa antisismica ed al risparmio energetico, la nostra Provincia non dispone al momento di risorse adeguate. Viene riconosciuta la particolare importanza dell opera che è all attenzione dei competenti organi provinciali. Il nostro agire trova quindi coerenza e continuità e segue le ormai note cinque leve principali che favoriscono lo sviluppo del nostro paese: 1. una politica urbanistica attenta e coerente; 2. un giusto equilibrio tra servizi prestati e tributi; 3. un corretto utilizzo delle risorse del territorio (bosco, acqua, natura) e delle proprietà immobiliari comunali; 4. un attento operato nello sfruttamento di opportunità che si presentano nel tempo; 5. un peso politico che ci permetta di essere il primo interlocutore con le istituzioni superiori. Appare sempre più evidente la necessità di fare rete all interno della Comunità Fassana e quindi attraverso il Comun general de Fascia. In questa direzione hanno preso il via le Gestioni associate dei servizi entrate e tributi a cui seguiranno quelle della gestione delle risorse informatiche e delle segreterie comunali. Siamo in attesa di conoscere gli intendimenti migliorativi della nuova amministrazione provinciale trentina sul proseguimento di quanto ad oggi impostato ed in fase di realizzazione sull istituzione del Comun general de Fascia. Sono stati mantenuti i 4 indirizzi promossi negli anni scorsi, la prosecuzione delle opere messe in cantiere negli anni precedenti, la realizzazione degli investimenti programmati nel bilancio in corso, la pianificazione di una strategia di medio-lungo periodo, e non ultimo, l aspetto sociale. 1. La realizzazione e il coordinamento di opere programmate ed avviate in anni precedenti. Tra queste, il completamento dell edificio Pluriuso e la ristrutturazione della Malga Boer. 2. Il proseguimento dell iter burocratico, normativo e operativo rispetto alle opere presenti nel bilancio 2013, con particolare attenzione alle opportunità che si sono presentate nell anno. Accanto ad opere già programmate da tempo, e per le quali è stato fatto l appalto, come la realizzazione del nuovo centro raccolta materiali, sono state inserite opere di somma urgenza finanziate quasi per intero dalla Provincia, come la manutenzione straordinaria alla strada de Ciampac e la regimazione e messa in sicurezza del Ruf de Toalac, finanziate a seguito di eventi atmosferici che hanno colpito il nostro paese. 3. Sono state messe le basi per opere che verranno proposte o riproposte nel bilancio 2014, per le quali si sono avviati passi importanti; siamo in attesa di progetto definitivo per realizzare un nuovo acquedotto (finanziato al 80% dal Fondo unico territoriale); è stata avviata la progetta- 4

5 zione che consentirà il miglioramento della canalizzazione delle acque piovane in Piaza Cioch, con relativa nuova pavimentazione. 4. Il perseguimento continuo di politiche sociali e giovanili efficaci a sostegno della nostra Comunità. A seguito del nubifragio del , il progetto di regimazione e messa in sicurezza del Ruf de Toalac è stato riconosciuto come intervento di somma urgenza e in quanto tale finanziato al 95% dalla Provincia Autonoma di Trento. L opera è stata realizzata con una spesa complessiva di e Il finanziamento per la realizzazione del nuovo centro raccolta materiali, che prevede una spesa complessiva di e , è stato confermato dalla Provincia per una cifra pari a e I lavori sono stati appaltati al Consorzio Costruttori Trento - Impresa Costruzioni Carraro. Si prevede l inizio dell opera per la primavera Si riportano in dettaglio i progetti sociali proseguiti quest anno. Famiglie Durante tutto l anno è proseguito il progetto dello Sportello di ascolto formativo aperto a tutta la Comunità. La pedagogista Paini ha sottolineato che parecchie persone del nostro paese fruiscono di questo servizio. Questo fa riflettere sul bisogno che le persone hanno di essere ascoltate. Il servizio è svolto tre volte all anno insieme al Comune di Moena. Tagesmutter Il sostegno alle famiglie per la fruizione del servizio Tagesmutter è proseguito anche nel corso del Tre sono le famiglie che hanno chiesto ed ottenuto il sussidio. Giovani Il 2013 per la Risola è stato il primo anno di attuazione delle nuove modalità di svolgimento dei progetti a seguito della parziale scissione con la Provincia. Quest anno il piano si è svolto in due direzioni perché è stato portato avanti un progetto con la Provincia che ha seguito le regole previste dalla stessa e l altro in autonomia. Per quanto riguarda la parte finanziaria è stata prevista una modalità di rendicontazione più snella ed efficace. Il piano giovani La Risola 2013 è stato finanziato dai Comuni, dalla Cassa Rurale Val di Fassa e Agordino, dalla Famiglia Cooperativa Val di Fassa, dal Consorzio Elettrico di Pozza e da altri sponsor locali. Nel 2013 sono stati fatti 6 progetti che spaziano in diversi ambiti: formazione professionale, teatro, cucina, tutti con lo scopo di dare ai partecipanti degli strumenti funzionali per 5

6 se stessi e per la comunità. Quest anno di cambiamento nelle modalità operative non è stato sicuramente facile e molte cose sono ancora da perfezionare, ma il tavolo di lavoro ha deciso di continuare in questo modo anche per l anno 2014 perché crede che la RISOLA potrà girare solo se il territorio sarà ascoltato, incentivato e se le modalità operative saranno più semplici. Estate ragazzi e Universita terza età Anche quest anno durante i mesi estivi è proseguita l iniziativa Estate Ragazzi. Proposta rivolta ai ragazzi di Soraga, Vigo e Pozza. Sono stati 10 i ragazzi iscritti e frequentanti durante l estate mentre per l attività proposta da l Gust de la Lum i ragazzi iscritti erano 2. Grazie all operato del Comune di Pozza di Fassa, ente capo fila dell Università della Terza Età, abbiamo provveduto a sostenere economicamente e promuovere le attività proposte. Durante l anno accademico 2012/2013 gli iscritti furono 10 come per l anno in corso. Scuola-Asilo È stato proposto dalla Scola Ladina de Fascia nei comuni di Canazei, Pera e Soraga il progetto Italiano, ladino, tedesco: più lingue, più bello!, dove, nei mesi di luglio e agosto, alla scuola dell infanzia era presente un educatrice di madrelingua tedesca. Un progetto educativo importante che ha ottenuto esiti molto positivi nei bambini che hanno partecipato. Come gli anni scorsi è stata promossa l iniziativa Euro/bambino per le gite scolastiche. È il quarto anno che a Soraga prosegue il progetto Ladino veicolare : i vantaggi li colgono sicuramente i nostri scolari. Come ogni anno si è organizzata in primavera la Festa degli Alberi. Cultura ladina Quest anno abbiamo presentato alla nostra comunità i due DVD, raccolta di video storici relativi al nostro paese, per mantenere vivi i ricordi della nostra gente. Altro Tutti i comuni hanno proposto anche quest anno le giornate del Riuso. Inoltre in collaborazione con la Proloco sono state presentate nel corso dell estate parecchie manifestazioni legate al nostro territorio e alla nostra cultura. Collaboratori Dal 02 maggio al 30 novembre è stato assunto il sig. Ettore Rossi in qualità di addetto alla conservazione del patrimonio. Nel mese di luglio ha cessato definitivamente il servizio per quiescenza la ragioniera sig.ra Alice Ghetta. In mobilità è giunta dal Comune di Moena per svolgere mansioni di segreteria la sig.ra Cristina Brigadoi. In ordine alle spese di investimento sono stati avviati altri ulteriori investimenti che di seguito riportiamo. Manutenzione straordinaria edifici comunali È in fase di predisposizione il preventivo per i nuovi arredi dell Ufficio Ragioneria. 6

7 Completamento rete informatica È stata acquistata attrezzatura informatica per complessivi e È previsto l acquisto di due PC nuovi per l Ufficio Ragioneria e l Ufficio Tributi. Arredo urbano È stata acquistata e collocata una pensilina per la fermata dell autobus in Strada de Pont per e 8.470,00 e il conseguente lavoro per creare il basamento in cemento per e 6.715,50. Sono stati spesi per la potatura straordinaria piante e 2.371,60; per l acquisto di gruppi tavolo-panche per la località Fuciade e n. 2 portabiciclette e 2.339,89; per lavori relativi al nuovo percorso sensoriale: e 3.905,88; e 1.476,20 per alcuni interventi urgenti sostenuti a seguito del nubifragio del Sistemazione parco giochi Sono stati acquistati n. 2 giochi nuovi per il parco giochi per e 9.007,86 e la corteccia per la sicurezza alla base dei giochi per e 990,00. Contributo straordinario associazione cacciatori È stato assegnato un contributo straordinario all Associazione Cacciatori di Soraga di e Servizio skibus Si è provveduto al pagamento,della quota di e ,72 posta a carico del Comune per la stagione invernale 2012/2013 del servizio skibus ed è stata erogata la cifra di e 2.502,63 all Azienda promozione turismo della Val di Fassa quale quota/parte spese in conto esercizio per l anno Contributo Pro Loco Sono stati liquidati e ,00 quale acconto del contributo per attività anno Somma urgenza strada de Ciampac A seguito delle incessanti precipitazioni piovose del mese di maggio 2013, lungo la Strada de Ciampac in prossimità dell imbocco con la strada Statale 48, si riscontravano alcuni evidenti cedimenti all accesso ad alcune case di civile abitazione ed inoltre, lungo la strada intercomunale che collega Soraga a Vigo di Fassa, all uscita della zona artigianale in loc. Molin, si rilevava la presenza di un masso ciclopico sul pendio soprastante la strada con pericolo di rotolamento verso valle. Per questo l Amministrazione comunale ha chiesto alla Provincia il finanziamento delle opere a prova della situazione di pericolo verificatasi ai sensi dell art. 53 della L.P. n. 26/1993 e alla loro realizzazione per un importo di e

8 Somma urgenza strada de Riva Spesi e 3.146,00 per la perizia geologica ed e 4.429,16 per il completamento dell intervento. Sono stati investiti complessivamente e ,06 finanziati completamente dalla Provincia. Sistemazione strade, piazze, ponti Sono stati spesi e per l asfaltatura di Strada de Palua; e 5.485,54 per l acquisto di materiale per la sistemazione della Strada Fuciade; e 7.807,83 per la sistemazione della strada forestale Le Soraghe; e 1.218,64 per alcuni interventi urgenti a seguito del nubifragio del 26/07/2013; e ,75 per l asfaltatura della Strada de Lgejia; e 7.027,20 per la pavimentazione della zona chiesa. Si stanno definendo le modalità di passaggio di tubature per lo scarico di acque bianche nei pressi dell Hotel Avisio per poter impegnare la spesa per il rifacimento della Piaza Cioch, compresi i sottoservizi, come da progetto a firma dell ing. Alessandro Pederiva. Acquisto attrezzature servizio viabilità e ,00 per l acquisto del nuovo automezzo per il custode forestale; e 1.189,91 per l acquisto di un moltiplicatore per fresa neve; e 1.042,29 per l acquisto di catene da neve per l automezzo Belos. Contributi al corpo Vigili del fuoco È stato erogato al corpo dei Vigili del fuoco i Soraga un contributo straordinario di e Oltre a tale contributo il corpo ha beneficiato del consueto contributo ordi- 8

9 nario per le spese correnti pari ad e Infine, su personale interessamento del nostro Vice Sindaco Francesco Dellantonio, in qualità di rappresentante dei Comuni della Valle di Fassa in seno al Consiglio Direttivo del Consorzio BIM dell Adige, i nostri pompieri beneficeranno di due ulteriori contributi di e per l acquisto di nuova motopompa ed ulteriori e finalizzati all acquisto di nuovi arredi ad integrazione di quelli già esistenti, necessari a seguito dell ampliamento e ristrutturazione della caserma in fase di completamento da parte dell Amministrazione comunale. Manutenzione straordinaria acquedotto comunale Eseguiti lavori di sostituzione di un tratto dell acquedotto in Piaza Cioch per e 1.300,75. Nuova opera di presa acquedotto loc. Molin Incaricato della progettazione lo studio di ingegneria Alberto Salizzoni per e ,03 per l incarico di progettazione e la somma di e 4.604,28 per la perizia geologica. Manutenzione straordinaria fognatura Sono stati spesi e 1.660,58 per la fornitura di materiale edile per la sistemazione straordinaria dei tombini; e 3.500,00 per il servizio di pulizia straordinaria delle caditoie comunali; e 1.645,60 per la sostituzione di un pozzetto acque bianche presso il bivio di strada Troi de Pala. Lavori realizzazione nuovo centro raccolta materiali È stato approvato il progetto esecutivo dei lavori di realizzazione del nuovo centro. I lavori sono stati affidati alla ditta Consorzio Costruttori Trento - ditta Impresa Costruzioni Carraro con un ribasso percentuale del 35,18%. Trasferimenti al comun general per progetto intervento 19 La quota stimata a carico del Comune di Soraga per l anno 2013 è pari ad e 3.761,06. Il Sindaco Roberto Pellegrini 9

10 LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA STATO LAVORI PLURIUSO Sono in corso di ultimazione le opere di ristrutturazione ed ampliamento dell edificio comunale pluriuso. Ricordo brevemente che il verbale di consegna dei lavori del prevedeva 450 giorni di lavori e quindi termine degli stessi per il 7 luglio di quest anno. Quindi poco meno di 15 mesi di lavori. Come normalmente succede anche per gli interventi nelle nostre case o nelle nostre aziende, nel corso dei lavori stessi si individuano modifiche e miglioramenti da apportare alla struttura. Nel corso dell autunno 2012 la ditta subappaltante dei lavori degli impianti elettrici ed idraulici Solarplus veniva sostituita dalla società appaltatrice Segesti costruzioni con le ditte Giacca e Obrelli s.r.l. La congiuntura che stiamo attraversando comporta dei rischi legati alla solidità e competenze delle imprese che, in caso di inadempimenti, ritardi nella tempistica di esecuzione dei lavori, mancato pagamento degli oneri contributivi ed altro, può causare rallentamenti significativi nella realizzazione di opere pubbliche. Così è stato in questo caso. Inoltre l inverno particolarmente rigido non ha certamente favorito le nuove ditte incaricate nella ripresa del cantiere. L Amministrazione comunale ed il nostro Corpo volontario dei Vigili del fuoco, per gli spazi che saranno occupati dallo stesso, hanno dato indicazioni migliorative alla direzione lavori, studio associato Keller. Quindi con la prima perizia di variante i tempi di consegna dell edificio si allungavano di 15 giorni ed il termine veniva spostato al 22 luglio. 10

11 Con la seconda perizia di variante si sono concessi ulteriori 45 giorni per la consegna dei lavori che sarebbe così stata prevista per il 5 settembre. Con la terza perizia i lavori sono stati prorogati al 13 dicembre. Nel contempo la direzione lavori ha predisposto i capitolati per arredi, impianti audio e fono, sedie, tendaggi e montascale. Sono state inviate le richieste ai fornitori per le quali attendiamo riscontro nel corrente mese. È stato concesso un finanziamento a fondo perduto dal Consorzio Bim Adige di e per la realizzazione dei nuovi arredi dell ufficio turistico e di una bussola esterna; recepito nella variazione di bilancio approvata in data 25 novembre dal Consiglio comunale. L impianto fotovoltaico installato sul tetto del nostro edificio ha avuto un costo complessivo di e ; ha una resa di circa kw/ora all anno. Il contributo assegnatoci dal Gestore Servizi Energetici è pari ad e 0,41 per kw/ora prodotto per un totale di circa e all anno. A questo uniamo e 0,10 ogni kw/ora prodotto per lo scambio di energia sul posto che consentirà un ulteriore entrata di circa e per anno. È stato inoltre ampliato il tratto di strada che da Stradon de Fascia porta alla nostra chiesa. Inoltre è stata riorganizzata la dislocazione dei parcheggi su tutta l area. Ricordo che l importo complessivo per la ristrutturazione ed ampliamento dell edificio è di e con una spesa ammessa a contributo provinciale pari al 95% della stessa. Si attendono inoltre le certificazioni di conformità degli impianti per poter consentire al Corpo volontario dei vigili del fuoco i poter prendere possesso dei locali a loro assegnati. Nel corso della primavera 2014 si prevede quindi il completamento definitivo della struttura. Il Sindaco Roberto Pellegrini 11

12 Lavori di riordino dell area cimiteriale Dopo l importante intervento di riesumazione dei nostri cari nella parte storica del cimitero i lavori si sono ormai conclusi. È stata realizzata la nuova pavimentazione in porfido e granito esterna, l asfaltatura di parte del piazzale, l illuminazione e la predisposizione dell impianto fono che dovrà essere installato. Con l occasione sono state collocate alcune fioriere per impedire il parcheggio dei veicoli nella zona immediatamente prospiciente l entrata della chiesa. È stato negoziato con la Provincia Autonoma di Trento l importo necessario a completare l intervento. Diversamente da quanto previsto in un primo tempo la richiesta di e è stata indirizzata sul Fondo Unico Territoriale. Questo ha comportato un allungamento dei tempi richiesti normalmente per il completamento dell opera, motivati da un attenta analisi tecnica da parte degli organi provinciali di quanto chiesto nuovamente, in eccedenza rispetto alle previsioni iniziali. L ing. Pietro Vanzo dello studio Pedrolli e Vanzo, già progettista e direttore dei lavori, ha redatto una perizia suppletiva e di variante al progetto esecutivo dove sono state spiegate le motivazioni della richiesta dell ulteriore finanziamento. Tra queste: l importante intervento di sottomurazione e consolidamento della muratura perimetrale che separa il camposanto dal piazzale; operazione resasi necessaria dalla mancanza di fondazioni del muro stesso e dalla presenza di una fontana di acqua; ed inoltre la sistemazione del camminamento della scalinata esistente alle spalle della cappella, con il rifacimento della rete di raccolta delle acque piovane. Si sono realizzati i collegamenti dei pluviali della chiesa, del tunnel di drenaggio esistente dietro la chiesa, nonché delle caditoie poste nella zona tra la chiesa ed il cimitero. L ammissione tecnica al finanziamento è stata confermata solo nel febbraio di quest anno. A questa è seguito l iter amministrativo sul Fondo Unico Territoriale in capo al Comun general che peraltro in breve tempo ha deliberato e confermato il finanziamento che sarà girato direttamente alle casse comunali senza dover passare preventivamente dal Comun general. Il collocamento delle lapidi tutelate dalla Sopraintendenza per i beni architettonici della Provincia di Trento ha subito notevoli ritardi. Questi sono principalmente dovuti all individuazione di un giusto posizionamento che riteniamo non può essere quello richiesto dalla Soprintendenza per alcune di queste che sarebbero poste a ridosso di altre tombe, ma in un punto più comodo e confacente, anche nella parte esterna del muro di recinzione. Si conta di definire quest ultimo intervento nella prossima primavera. L importo complessivo per la completa realizzazione dell opera è di e e la spesa ammessa a contributo provinciale è di e Il Sindaco Roberto Pellegrini 12

13 Restauro della chiesa ss. pietro e paolo Riportiamo un breve sunto dell articolo apparso su la Campana della Pieve a cura del nostro Parroco Don Erminio. Il 13 maggio 2013 sono iniziati i delicati interventi di restauro che hanno interessato la nostra chiesa, annerita e oscurata all interno da una patina di fuliggine addossatasi negli ultimi 50 anni. Per prima cosa si è rimossa la pellicola pittorica decorsa e ripristinate le tinte originali evidenziate da un indagine critico-stratigrafica, secondo il progetto degli architetti Ghetta Franco e Tamion Alessandro. Tale intervento ha avuto la necessaria autorizzazione della Soprintendenza per i Beni Architettonici della Provincia Autonoma di Trento. La pulitura della magnifica pala d altare di legno scolpito e dorato e della balconata della cantoria ha richiesto l autorizzazione da parte della Soprintendenza dei Beni storico- artistici della Provincia. Queste sono state le prescrizioni: Concordare con il funzionario provinciale materiali e la cromia delle previste tinteggiature che dovranno essere eseguite da ditta od operatori con comprovata esperienza nel settore del restauro. Pure quello degli elementi stucchivi dovrà essere eseguito da operatori qualificati. Alla stessa Soprintendenza dovrà essere inviata copia della relazione finale d intervento che individui le operazioni effettivamente svolte nel corso del restauro, descrizioni delle modalità e dei tempi, schede tecniche dei materiali usati, documentazione fotografica prima, durante e dopo l intervento. Questo delicato lavoro è stato curato dal restauratore Mayr Hubert & Co.Kg di Perca (BZ) coadiuvato dai pittori di Soraga Pederiva Paolo e Lorenzo, e Decrestina Giuseppe. Si è imposto inoltre il rinnovo del sistema di illuminazione e la sua messa a norma, secondo lo studio dell elettro-tecnico Isma Enrico. Questo è stato realizzato dai fratelli Roberto e Rodolfo Pederiva. I corpi illuminanti sono quelli che erano presenti nella pieve di Vigo, prima del suo restauro. La chiesa è stata riaperta domenica 11 agosto alla presenza del nostro Vescovo, Monsignor Luigi Bressan, che in occasione della sua venuta in Valle di Fassa per un periodo di riposo, ha voluto onorare Soraga con la celebrazione della SS. Messa. Si sono quindi potuti ammirare gli interventi eseguiti in questi mesi di lavoro. La pulizia della pala dell altare è da terminare così come è da dipingere la balconata della cantoria. In autunno è stato rifatto anche il manto di copertura a scandole della cuspide a cipolla del campanile ed in primavera si provvederà alla sua verniciatura. Il Consorzio Bim Adige ha parzialmente sostenuto la spesa di quasi e con un finanziamento di e Anche la Cassa Rurale Val di Fassa e Agordino ha contribuito con e Per il periodo dei lavori i banchi della chiesa sono stati collocati nel nuovo magazzino comunale presso l edificio pluriuso. 13

14 MALGA BOER Di questo intervento si parla ormai da tempo e ne avevamo già scritto. La possibilità di compartecipazione all importante intervento da parte della Società Malghe e Pascoli è limitata e quanto proposto alla stessa in termini economici da parte dell Amministrazione comunale si è dovuto rivedere. Si è valutata con attenzione anche la realizzazione di un opera di minore impegno finanziario. Questo avrebbe comportato, oltre ad una rivisitazione progettuale, una diversa imputazione ai contributi il cui importante beneficio si sarebbe proporzionalmente ridotto senza poterne trarre un adeguato vantaggio finale in termini di rivalutazione della malga. Riconsiderate le risorse finanziarie a disposizione si è deciso di proseguire con la realizzazione del progetto iniziale. La Provincia di Trento ha confermato i contributi a valere di più leggi di settore per una cifra complessiva di e a fronte di un investimento di e e quindi si potrà procedere quanto prima nell iter burocratico per la gara di appalto. Il contributo della Società Malghe e Pascoli si concretizzerà nella rinuncia all incasso del premio provinciale di alpeggio di e 50 per capo allevato sul territorio comunale per 10 anni pari a complessivi e La Società Malghe e Pascoli dovrà attivarsi per l acquisto dell attrezzatura della quale la nuova struttura dovrà dotarsi per la produzione e commercializzazione del prodotto fresco. Si ritiene che i lavori potranno iniziare nella primavera del prossimo anno. 14

15 NUOVA SEGNALETICA STRADALE L Amministrazione Comunale ha voluto sistemare e riordinare la segnaletica stradale del paese, ormai vecchia e scaduta. L intervento è stato curato dal Consigliere Josè Sommariva. L intero progetto era stato presentato il 17 maggio 2013 nella sala consiliare. Per prima cosa era stato verificato lo stato della segnaletica attuale, sia pubblica che privata. Un nuovo regolamento comunale dedicato esclusivamente alla segnaletica stradale per attività commerciali era stato approvato in Consiglio Comunale nel maggio Il regolamento consta di un insieme di 10 articoli, chiari e semplici nel rispetto delle norme del regolamento di esecuzione e attuazione del Codice della Strada DPR 495/92. Si è voluto dare ordine, chiarezza e uniformità alla segnaletica stradale in ambito comunale per tutte le aziende presenti sul territorio. Sono state identificate tre categorie: alberghiera, commerciale e aziendale/industriale. La posa di nuova segnaletica stradale per le suddette categorie deve essere preventivamente richiesta e successivamente concessa dall Amministrazione. Per la modulistica ed informazioni ci si deve rivolgere alla locale Polizia Municipale. Si è provveduto inoltre alla sostituzione di numerosi cartelli comunali, ormai vecchi e deteriorati. Il Consigliere Josè Sommariva 15

16 COMUN GENERAL DE FASCIA PIANO STRALCIO DELLA MOBILITÀ Lo strumento che si pone oltre il piano urbanistico provinciale e che una volta adottato consente in particolare alla finanza pubblica di dedicare adeguate risorse agli interventi previsti e quindi avere un programma di realizzazione delle opere è stato approvato dalla Giunta provinciale lo scorso 26 luglio. L iter per giungere all approvazione dell importante documento, di notevole rilevanza anche strategica e previsionale per tutta la Valle di Fassa e per il nostro paese di Soraga, è stato complesso e soprattutto lungo, caratterizzato dalle proposte dei singoli paesi coordinate a livello di Comun General de Fascia dall Ombolt di Procura e Sindaco di Moena Riccardo Franceschetti coordinatore della Commissione mobilità costituita quale organo consultivo e di indirizzo per lo specifico tema. L approvazione del piano stralcio della mobilità della Valle di Fassa è stato portato all ordine del giorno del Consiglio Comunale il 19 settembre scorso. L argomento è stato sospeso a seguito di una comunicazione provinciale che non ne consentiva un adeguata valutazione. 16

17 UNA VALLE IN RETE Fin dall avvio il Comun general de Fascia si è posto tra gli altri, l obiettivo di organizzare in modo più efficiente e moderno gli uffici della Comunità e dei Comuni. Si tratta di una scelta precisa e consapevole finalizzata non solo a realizzare delle minori spese, ma soprattutto a riorganizzare i servizi in modo più moderno. A queste stesse conclusioni è giunta la Provincia varando una serie di norme finalizzate all avvio delle gestioni associate dei servizi. In questi giorni è stato avviato il Servizio Entrate - Comun general de Fascia; si tratta di un progetto a cui abbiamo lavorato con i rappresentanti degli uffici tributi comunali per rendere più efficiente il sistema di gestione dei tributi comunali (IMU, ICI, Tosap, Imposta di Pubblicità) e della fatturazione (sevizio idrico e la Tassa di igiene ambientale). La gestione associata punta a tre obiettivi: ridurre la spesa, fornire alla cittadinanza un servizio altamente specializzato e permettere agli utenti un accesso facilitato alle proprie posizioni attraverso il web (sarà possibile presentare domande, verificare le posizioni, stampare i conteggi). Tali obiettivi saranno raggiunti in poco più di due anni. In questo periodo l ufficio sarà impegnato nella gestione dell ordinario, nell allienamento delle banche dati e nel recupero dell arretrato. L ambizione di tutti noi, che abbiamo collaborato alla definizione del progetto, è di fornire alla valle il primo servizio gestito in maniera innovativa. Funzionario responsabile del servizio è la dott.ssa Alessandra Bugarini attualmente responsabile dell ufficio di Pozza di Fassa. La dott.ssa Bugarini avrà a disposizione uno staff composto dal personale che opera negli uffici tributi dei diversi comuni della valle. Tutti gli addetti si specializzeranno in una materia specifica e diventeranno i referenti per il loro settore. Al posto degli attuali sette uffici ne rimarranno aperti tre e precisamente Canazei, Pozza e Moena. In tutti i comuni sono previsti sportelli settimanali e bisettimanali nei paesi sopramenzionati. Gli sportelli saranno potenziati in occasione dell uscita di fatture o accertamenti. Saranno garantiti gli sportelli per permettere a chi non ha accesso a internet o a chi voglia un contatto personale con lo staff. 17

18 Scegliere di avviare questo processo di innovazione non è stato facile, ma siamo consapevoli che in futuro la sfida sarà fornire servizi uguali e migliori di quelli che abbiamo adesso, potendo però contare su minori risorse. Questa sfida sarà vinta solo se potremmo sfruttare tutte le potenzialità che ci offre la tecnologia e se valorizzeremo al meglio le nostre risorse attraverso la specializzazione. Per questo motivo stiamo lavorando con impegno per varare un sistema innovativo per tutti i nostri enti, acquistando gli stessi programmi, uniformando le procedure e dove possibile i regolamenti. Gli enti potranno in questo modo migliorare il proprio modo di lavorare e di relazionarsi tra di loro e con i cittadini. Il Sindaco Roberto Pellegrini 18

19 SOCIAZION E VOLONTARIAT PRO LOCO DE SORAGA Se dar jù per i autres e far volontariat l é semper bel. Se sà begn che se cogn dedicar temp, empegn, ge meter competenza, ma canche se à gaissa e amor dut doventa. L é chel che aon proà a far te chisc egn canche aon dezedù de se meter tel diretif de la Pro Loco, per endrezar zeche per nesc ghesc e noscia jent. L é stat na beliscima esperienza che à fat nascer de bele amicizie, che à sapù endrezar manifestazion de musega, de cultura, leade a nosce tradizion e a nosc teritorie. De segur se à na gran responsabilità e se à belebon da far via per dut l an, ma se à ence de gran sodisfazion, canche se veit che la jent la é contenta e tinùltima se se got ence noi. Zenz auter zeche sarà jit stort o no coche se aesse volù, ma se cogn dir che duc ge à metù amor e na gran pascion, percheche dut vae dò si pie. La neva de chest an l é che, en ocajion de l adunaza anuala, béleche duc chi che fasc part del diretif à dat le dimiscion. Chest diretif vel ge sporjer n fort divelpai a duc i volontadives e le sociazion de volontariat che te chisc egn à dat na gran man a endrezar dute le manifestazion. Zenza de ic n diretif pel far pech, enveze Ilario premià desche Mior volontadif de chisc egn te n paìsc pìcol desche Soraga l é ogni an béleche 150 volontadives che se dasc jù con gran gaissa e voa de far. Volon rengraziar duc i sponsor che ne à didà con so contribut e no da ùltim duc i albergatores de Soraga, e cognon dir che con chisc l é nasciù na beliscima colaborazion e no i se tira mai endò canche se ge domana na man. Volesse rengraziar duc chi che te chisc egn é stac tel diretif e soraldut Rita, noscia Presidenta, che l é chela che à sapù tegnir ensema e rejer chest bel grop per n bon pec de egn. Ades preassane a chi che à a cher nosc paìsc, de se far enavant per ciapar te man chesta sociazion. A duc ge fajon de bie augures per le feste de Nadal. Manuela del Baila 19

20 L Aministrazion de Comun ve sporc i più bie augures de n Bon Nadal e che l An Nef porte sanità, pasc e amor te dute le familie. L Amministrazione Comunale porge i migliori auguri di un Buon Natale e che l Anno Nuovo porti salute, pace e amore in tutte le famiglie. SORA L AGA è stato curato dai consiglieri Gianluigi De Sirena, Martina Pederiva, Lucia Pellegrin, Josè Sommariva. Direttore responsabile: Monica Cigolla Autorizzazione del Tribunale di Trento n 1325 del project areagrafica.tn.it stampa Nuove Arti Grafiche

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 94 di data 6 marzo 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 94 di data 6 marzo 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 94 di data 6 marzo 2015 OGGETTO: Lavori di sistemazione e risanamento della Malga Guì p.ed. 293

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. 15 dicembre 2008 VERBALE N. 52

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. 15 dicembre 2008 VERBALE N. 52 Via Guido da Castello 12 42100 Reggio Emilia tel. /fax 0522 456253 segreteria: erica.iotti@municipio.re.it CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 15 dicembre 2008 VERBALE N. 52 Il Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi.

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi. LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 27-08-1992 REGIONE LIGURIA Interventi a tutela delle popolazioni zingare e nomadi. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 16 del 9 settembre 1992 Il Consiglio Regionale

Dettagli

GESTIONE DELLE STRUTTURE CIMITERIALI, DELLA CASA SOCIALE E DELLE AREE

GESTIONE DELLE STRUTTURE CIMITERIALI, DELLA CASA SOCIALE E DELLE AREE COMUNE DI VIGO RENDENA PROVINCIA DI TRENTO N. 153 REP. ATTI PRIVATI OGGETTO: CONVENZIONE TRA I COMUNI DI VIGO RENDENA E DI DARE PER LA GESTIONE DELLE STRUTTURE CIMITERIALI, DELLA CASA SOCIALE E DELLE AREE

Dettagli

ALLEGATO b) ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 21 DEL 02.04.2015

ALLEGATO b) ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA COMUNALE N. 21 DEL 02.04.2015 ATTO DI INDIRIZZO ANNO 2014 PER LA GESTIONE SPESE INVESTIMENTO E DI ALCUNI CAPITOLI DI SPESA CORRENTE 100 Segretario comunale Stampati, cancelleria ufficio segreteria 1221.049 1010202 100 Cassan Magda

Dettagli

PIANO INVESTIMENTI 2015 (aggiornato con variazione C.C. 44 /07.09.2015)

PIANO INVESTIMENTI 2015 (aggiornato con variazione C.C. 44 /07.09.2015) PIANO INVESTIMENTI 2015 (aggiornato con variazione C.C. 44 /07.09.2015) Oggetto: Acquisto attrezzatura per uffici. 2015 2.01.02.05 3035/3 Iniziale 5.000,00 Attuale 5.000,00 Nel corso del 2014 sono stati

Dettagli

Rep. n. Atti Privati All. B) * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra il Comune di Moena, quale

Rep. n. Atti Privati All. B) * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra il Comune di Moena, quale COMUNE DI MOENA PROVINCIA DI TRENTO Rep. n. Atti Privati All. B) * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra il Comune di Moena, quale capofila dell accordo tra i Comuni della Valle di Fassa, e

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 371 di data 18 agosto 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 371 di data 18 agosto 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 371 di data 18 agosto 2015 OGGETTO: Lavori di manutenzione straordinaria alla copertura ed alle

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Rep. n. Atti Privati All. B) * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra il Comune di Moena, quale

Rep. n. Atti Privati All. B) * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra il Comune di Moena, quale COMUNE DI MOENA POVINCIA DI TRENTO Rep. n. Atti Privati All. B) * * * * * OGGETTO: Disciplinare di affidamento tra il Comune di Moena, quale capofila dell accordo tra i Comuni della Valle di Fassa, e Società

Dettagli

B1 imprevisti 1.057,84 B2 I.V.A. su lavori e imprevisti 22% 4.967,60

B1 imprevisti 1.057,84 B2 I.V.A. su lavori e imprevisti 22% 4.967,60 Deliberazione della Giunta comunale n. 71 dd. 21.07.2014. Oggetto: LAVORI PER RICAVO DI MENSA E CUCINA ALL INTERNO DELLA SCUOLA ELEMENTARE - APPROVAZIONE A TUTTI GLI EFFETTI DEL PROGETTO ESECUTIVO. AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9001 2013 /2014

COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9001 2013 /2014 COMUNICAZIONE ALLA GIUNTA COMUNALE SUI RISULTATI DEL SISTEMA QUALITA CERTIFICATO ISO 9 /4 Si presentano all attenzione della Giunta comunale i principali risultati della gestione del Sistema Qualità certificato

Dettagli

COMUNE DI BRENTONICO

COMUNE DI BRENTONICO COMUNE DI BRENTONICO Provincia di Trento SERVIZIO TECNICO URBANISTICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE UFFICIO LAVORI PUBBLICI DETERMINAZIONE nº 421 di data 31-12-2015 OGGETTO: Affidamento lavori per la

Dettagli

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 Allegato e parte integrante della relazione previsionale e programmatica approvata dal consiglio comunale con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI COMUNE DI CASTELLO - MOLINA DI FIEMME Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER L'INCENTIVAZIONE DI OPERE CHE CONCORRONO ALLA VALORIZZAZIONE ESTETICA DEI CENTRI ABITATI Approvato con deliberazione del

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

Comune di Dicomano Provincia di Firenze SERVIZIO LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA ED AMBIENTE

Comune di Dicomano Provincia di Firenze SERVIZIO LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA ED AMBIENTE SERVIZIO LAVORI PUBBLICI, URBANISTICA ED AMBIENTE Piazza Della Repubblica, n. 3 50062 Dicomano (FI) Tel. 055.83.85.41 Fax. 055.83.85.423 Prot.7572 Dicomano, lì 07/08/2015 Al SINDACO ALLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

R E G I O N E L A Z I O

R E G I O N E L A Z I O R E G I O N E L A Z I O DIREZIONE REGIONALE AMBIENTE AREA DIFESA DEL SUOLO O.P.C.M. n. 3907 del 13 novembre 2010 Programma degli Interventi su Edifici Strategici ai fini di Protezione Civile ai sensi dell

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO)

Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) Città di Medicina Via Libertà, 103 40059 Medicina (BO) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LL.PP. E PROT.CIV. NUMERO 191 DEL 31/03/2010 OGGETTO: RISTRUTTURAZIONE EX CASA COLONICA AREA PASI AMPLIAMENTO

Dettagli

ficazione e valorizzazione

ficazione e valorizzazione RV GROUP RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE ficazione e valorizzazione RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PROJECT MANAGEMENT IMPRESA DI COSTRUZIONE impianti di climatizzazione e idrosanitari CHI SIAMO CHI

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX ART. 93, D.LGS. N. 163 DEL 12/04/2006 e s.m.i. Premessa Ai sensi dell art. 93, comma 7 bis del D.Lgs. 163/2006, l Università

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

E.S.E. Environment Sun and Energy S.r.l. impresa etica di compatibilità ambientale Azienda organizzata con Sistema di Gestione per la Qualità

E.S.E. Environment Sun and Energy S.r.l. impresa etica di compatibilità ambientale Azienda organizzata con Sistema di Gestione per la Qualità La Società E.S.E. s.r.l. Environment Sun and Energy, è nata nel 2005 e attualmente è composta da 7 soci fondatori, ognuno dei quali con la propria professionalità ed esperienza ventennale collabora al

Dettagli

COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo) COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINIO, CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI, VANTAGGI ECONOMICI, AGEVOLAZIONI E PER L'ISCRIZIONE ALL'ALBO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 58 di data 12 febbraio 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 58 di data 12 febbraio 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 58 di data 12 febbraio 2015 OGGETTO: Lavori di ripristino del danno causato da un veicolo ad un

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

Totale programma 1 - servizi generali 813.500,00 220.500,00 220.500,00

Totale programma 1 - servizi generali 813.500,00 220.500,00 220.500,00 PROGRAMMA DI INVESTIMENTO 2008-2010 Intervento Cap. descrizione 2008 2009 2010 Programma 1: Servizi generali 2010501 7260 Manutenzione straordinaria immobili di proprietà comunale 40.000,00 40.000,00 40.000,00

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott.,.. in qualità di dirigente del Settore Gestione del

REPUBBLICA ITALIANA. Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott.,.. in qualità di dirigente del Settore Gestione del Allegato alla D.G. n. 144 del 19/11/2010 REP. REPUBBLICA ITALIANA CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI UNA FATTORIA DIDATTICA Il giorno del mese di dell anno avanti a me dott., Notaio iscritto sono comparsi..

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 142 di data 29 ottobre 2013.

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 142 di data 29 ottobre 2013. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 142 di data 29 ottobre 2013. Oggetto: Liquidazione all A.S.U.C. di Stenico della quota a carico dell Ente Parco in merito all intervento presso Malga Val d Agola.

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 49/2015 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 49/2015 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E COMUNE DI ZAMBANA PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 49/2015 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E Oggetto: Convenzione tra Comune ed AIR S.p.A per gestione interventi di manutenzione straordinaria

Dettagli

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81 COPIA COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 81 OGGETTO: CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SOMMARIVA PERNO, LA ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI-SEZIONE

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO C O P I A SERVIZI TECNICI GESTIONALI PROGRAMMA N. 4 (DETERMINAZIONE N. 48 DEL PROGRAMMA N. 4) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEI SERVIZI TECNICI GESTIONALI N.

Dettagli

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e Quali sono i possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda di ammissione presentata per il Bando? I possibili motivi che possono

Dettagli

FASE A1: INTERVENTO DI FORNITURA E POSA IN OPERA DI FIBRA OTTICA NELLE CONDUTTURE DELL IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE

FASE A1: INTERVENTO DI FORNITURA E POSA IN OPERA DI FIBRA OTTICA NELLE CONDUTTURE DELL IMPIANTO DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE OGGETTO: interventi di adeguamento al Piano Regolatore dell illuminazione comunale (P.R.I.C.). Realizzazione di un sistema eco-smart grid, di rete di videosorveglianza di aree critiche, di una rete di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI MURO LECCESE (Provincia di LECCE) Lavori di COMPLETAMENTO E MIGLIORAMENTO INFRASTRUTTURALE DELLA ZONA PIP CUP: CIG: RELAZIONE TECNICA GENERALE PREMESSA Premesso che: con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012

COMUNE DI CRESPELLANO PROVINCIA DI BOLOGNA CONTO DEL BILANCIO - ELENCO RESIDUI ATTIVI E PASSIVI PER L'ANNO 2012 PARTE ENTRATA E 00160 000 2012 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 7.603,02 E 00191 000 2008 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI PRECEDENTI 53.301,95 E 00191 000 2009 IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI ANNI

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna

Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE DEL FONDO INCENTIVANTE PER LA PROGETTAZIONE NONCHE MODALITA E CRITERI DI ATTRIBUZIONE AL PERSONALE Approvato con delib.

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 (Approvato dal Consiglio comunale con delibera n. 108 del 27 maggio 2011) Anno 2011 Protezione e valorizzazione dell

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO C O P I A COMUNE DI COMMEZZADURA PROVINCIA DI TRENTO SERVIZIO SEGRETERIA COMUNALE PROGRAMMA N. 5 (DETERMINAZIONE N. 81 DEL PROGRAMMA N. 5) DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 213 di data 21 ottobre

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

ALLEGATO D. Procedure operative

ALLEGATO D. Procedure operative Commissario Delegato per il superamento dell emergenza che ha colpito i territori delle province di Varese, Como, Lecco e Bergamo nei giorni dal 15 al 18 luglio 2009 O.P.C.M. 20 aprile 2010 n. 3867 e O.P.C.M.

Dettagli

~ Palazzo Cevoli Via. S. Martino 108 56125 Pisa SERVIZIO ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI PISA

~ Palazzo Cevoli Via. S. Martino 108 56125 Pisa SERVIZIO ILLUMINAZIONE PUBBLICA COMUNE DI PISA COMUNE DI PISA DIREZIONE COORDINATORE LAVORI PUBBLICI EDILIZIA PUBBLICA ~ Palazzo Cevoli Via. S. Martino 108 56125 Pisa Tel: 050 910111 PEC comune.pisa@postacert.toscana.it SERVIZIO ILLUMINAZIONE PUBBLICA

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI

REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI REGOLAMENTO PER LA RIPARTIZIONE DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE DI CUI AL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI Art. 1: Ambito di applicazione. CAPO 1 Oggetto e soggetti Il presente Regolamento definisce

Dettagli

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA Provincia di Firenze CONVENZIONE TRA COMUNI E CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL LOTTO UNICO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici;

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici; REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO ESTETICO ED IL RISANAMENTO DEI CENTRI STORICI DI SCANZO E ROSCIATE ART. 1 - CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Il Comune

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI TECNICI E DEL TERRITORIO PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO C SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI TECNICI E DEL TERRITORIO PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO C SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO C SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI TECNICI E DEL TERRITORIO UNITA' ORGANIZZATIVA PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIO Autorizzazioni di abitabilità relativa a

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009 COMUNE DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO AL GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI STORICI DI ALZANO LOMBARDO Approvato con Deliberazione

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

COMUNE DI SPILAMBERTO

COMUNE DI SPILAMBERTO COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE LAVORI PUBBLICI C O P I A SERVIZIO MATERIA DI LAVORI PUBBLICI APPALTI, LICITAZIONI, TRATTATIVE PRIVATE LAVORI DI RECUPERO E RESTAURO DELLA CHIESA

Dettagli

Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias

Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias Gestione Commissariale Ex Provincia di Carbonia Iglesias Legge Regionale 28.06.2013, n. 15 Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Gestione Commissariale - D.P.G.R. N. 90 del 02.07.2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI LAMPORECCHIO Piazza Berni, n. 1 51035 LAMPORECCHIO (PT) C.F. 00300620473 Fax 0573/81427 @mail info@comune.lamporecchio.pt.it Area Tecnica Lavori Pubblici REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 496 di data 4 novembre 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 496 di data 4 novembre 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 496 di data 4 novembre 2015 OGGETTO: Lavori di ristrutturazione dell acquedotto del centro abitato

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento

PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento PIANO DEGLI INTERVENTI PER L'ANNO 2013-2015 - 3^ variazione al bilancio - assestamento INVESTIMENTO OGGETTO ANNO 2013 RISORSA ENTRATA CAPITOLO ENTRATA DESCRIZIONE IMPORTO FUNZIONI GENERALI DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE

ASSESSORADU DE S IGIENE E SANIDADE E DE S ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITÀ E DELL ASSISTENZA SOCIALE Allegato alla Determinazione n. 538/18555 del 17.12.2013 Piano straordinario per lo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia Finanziamenti ai nidi e micronidi privati, già esistenti e

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO

SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO SETTORE ATTIVITA' INTERFUNZIONALI - SERVIZI AMMINISTRATIVI ED ESPROPRI PROGRAMMAZIONE CONTROLLO AP/ap Determinazione n. DD-2015-743 esecutiva dal 11/05/2015 Protocollo Generale n. PG-2015-45260 del 06/05/2015

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 92 di data 5 marzo 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 92 di data 5 marzo 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 92 di data 5 marzo 2015 OGGETTO: Incarico per il servizio di rimozione e smaltimento di materiale

Dettagli

PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE)

PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE) 1 BANDO N. 2 ANNO 2014 PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE) SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE EDUCAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 323 di data 23 luglio 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 323 di data 23 luglio 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 323 di data 23 luglio 2015 OGGETTO: Lavori straordinari di tinteggiature interne degli edifici

Dettagli

MAS APPALTI s.r.l. PRESENTAZIONE AZIENDALE

MAS APPALTI s.r.l. PRESENTAZIONE AZIENDALE PRESENTAZIONE AZIENDALE 00173 Roma, Via S. Oberto, 69 Tel 06.7212419 fax 06.99938446 email: masappaltisrl@gmail.com CF/P.IVA 11362571009 PRESENTAZIONE AZIENDALE CHI SIAMO MAS APPALTI s.r.l. è un impresa

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA. DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 233 di data 20 maggio 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA. DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 233 di data 20 maggio 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SEGRETERIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO COMUNALE n. 233 di data 20 maggio 2015 OGGETTO: affido incarico a trattativa privata di stampa e rilegatura pubblicazioni

Dettagli

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI)

COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) COMUNE DI FIAMIGNANO P.ZZA G. D Annunzion. 2, Fiamignano (RI) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO OGGETTO: Procedura aperta per la progettazione, fornitura e installazione di impianti solari termici e fotovoltaici,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Adottato con delibera del Consiglio Comunale n. 18 del 21/07/2010 1/7 TITOLO PRIMO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA.. pag.3 Art. 1 - FINALITA' DEL SERVIZIO

Dettagli

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 Nell ambito di un orientamento strategico fortemente indirizzato all innovazione e allo sviluppo

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Nell efficienza la differenza

Nell efficienza la differenza Nell efficienza la differenza - Fotovoltaico - Installazioni elettriche - Impianti di sicurezza - Automazione - Illuminazione L impresa 2 Chi siamo Quello che offriamo Dal 1980 Wilhelm Holzmann è alla

Dettagli

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 05270/034 Servizio Ponti, Vie d Acqua e Infrastrutture CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 05270/034 Servizio Ponti, Vie d Acqua e Infrastrutture CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Infrastrutture e Mobilità 2015 05270/034 Servizio Ponti, Vie d Acqua e Infrastrutture CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 667 approvata il 30 ottobre 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 318 di data 24 giugno 2014

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 318 di data 24 giugno 2014 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE TECNICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE TECNICO n. 318 di data 24 giugno 2014 OGGETTO: Affidamento alla ditta Ser. Cim. Ledrense del servizio di

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

L applicazione nel settore pubblico

L applicazione nel settore pubblico L applicazione nel settore pubblico Gli obiettivi di efficienza energetica nel settore pubblico sono individuati dal capo IV del Decreto Legislativo 115/2208 che all art.12 individua nella persona del

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ

DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ DISPOSIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NECESSARI A RISOLVERE SITUAZIONI DI EMERGENZA O CRITICITÀ Articolo 1 - Oggetto delle disposizioni 1. Le presenti disposizioni

Dettagli

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SERVIZI. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI n. 105 di data 20 marzo 2015

COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SERVIZI. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI n. 105 di data 20 marzo 2015 COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SETTORE SERVIZI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI n. 105 di data 20 marzo 2015 OGGETTO: Affidamento incarico a trattativa privata alla Ditta BDM Hotel

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA FAQ

PROVINCIA DI CASERTA FAQ PROVINCIA DI CASERTA BANDO per la concessione di contributi per il risparmio energetico, l utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili e il miglioramento della prestazione energetica degli edifici ai

Dettagli

Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma

Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma Situazione finanziamenti edilizia al settembre 2004 e proposta di revisione programma premessa Il programma triennale 2004-2006 è stato impostato confidando nella stima della concessione dei finanziamenti

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE

FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE FONDO DI GARANZIA PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA EX LEGE 289/2002, ARTICOLO 90, COMMA 12 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI CRITERI DI GESTIONE Definizioni Ai fini di quanto disciplinato dai presenti

Dettagli

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-14 / 170 del 31/01/2013 Codice identificativo 869175

COMUNE DI PISA. TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-14 / 170 del 31/01/2013 Codice identificativo 869175 COMUNE DI PISA TIPO ATTO DETERMINA CON IMPEGNO con FD N. atto DN-14 / 170 del 31/01/2013 Codice identificativo 869175 PROPONENTE Manutenzioni - Manifestazioni storiche - Sport OGGETTO PPI/2013/22 LAVORI

Dettagli

Verso l ottimizzazione della differenziata

Verso l ottimizzazione della differenziata COMUN GENERAL DE FASCIA PROPOSTA PROGETTUALE Verso l ottimizzazione della differenziata BANDO PER LE INIZIATIVE E GLI INTERVENTI DI PROMOZIONE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE DELL AMBIENTE a.2012 RIVOLTO ALLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli