SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. ARNULFI VALPERGA DOCUMENTO DELLA SICUREZZA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. ARNULFI VALPERGA DOCUMENTO DELLA SICUREZZA"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. ARNULFI VALPERGA Comune di Valperga DOCUMENTO DELLA SICUREZZA VALUTAZIONE DEI RISCHI Decreto Legislativo n.81/2008 art.28 AGGIORNAMENTO Anno Scolastico 2008/2009

2 SOMMARIO SCOPI DEL DOCUMENTO 5 1. DATI DI IDENTIFICAZIONE DATORE DI LAVORO PREPOSTI 7 2. COSTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 8 ORGANIGRAMMA ELENCO DIPENDENTI A.S. 2006/ Docenti Collaboratori scolastici RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ALTRI COMPONENTI ADDETTI AL SERVIZIO MEDICO COMPETENTE INCARICATI DEL PRONTO SOCCORSO 10 Nominativo INCARICATI PREVENZIONE INCENDI 11 Nominativo ASPETTI GENERALI DELLA STRUTTURA SCOLASTICA DESCRIZIONE GENERALE CICLO LAVORATIVO LOCALI E AMBIENTI DELLA SCUOLA Planimetria generale Piano Seminterrato Piano Terreno Primo Piano IMPIANTI 18 Impianto di riscaldamento 18 Impianto elettrico 18 Impianto antincendio INFORMAZIONE INFORMAZIONE PER LE LAVORATRICI GESTANTIERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO MANUALI DELLA SICUREZZA FORMAZIONE CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI E DI MIGLIORAMENTO RICOGNIZIONE DEI RISCHI E DEI RELATIVI INTERVENTI DI PREVENZIONE A. RISCHI PER LA SICUREZZA B. RISCHI PER LA SALUTE 25 Agenti chimici 25

3 Agenti fisici 27 Agenti biologici C. RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE 28 Organizzazione del lavoro 28 Fattori psico-sociali mobbing burn out 32 Fattori psicologici 28 Fattori ergonomici 29 Condizioni di lavoro difficili DOCUMENTO ANTINCENDIO ED EMERGENZA DESIGNAZIONE ADDETTI ANTINCENDIO PIANO DI EMERGENZA REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO LA GESTIONE DEGLI APPALTI PRESIDI SANITARI E DI PRONTO SOCCORSO DESIGNAZIONE ADDETTI PRONTO SOCCORSO SORVEGLIANZA SANITARIA CASSETTA PRONTO SOCCORSO Contenuto della cassetta Codice di comportamento del soccorritore Obblighi dei lavoratori STATISTICHE DEGLI INFORTUNI E CALCOLO DEL RISCHIO ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 11 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI MODALITA DI ACQUISTO E DI CONSEGNAERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 12. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI NORME DI COMPORTAMENTO VIDEO TERMINALI ATTREZZATURE 48 Schermo 48 Tastiera 48 Piano di lavoro 48 Sedile di lavoro AMBIENTE 49 Interfaccia elaboratore - uomo AGENTI CANCEROGENI RISCHIO CHIMICO AGENTI BIOLOGICI PERSONALE E MANSIONI LA SICUREZZA DELLE PERSONE RISCHI LEGATI ALLA MANSIONE 54 Affaticamento visivo 54 Dermatiti irritative allergiche 54 Disturbi da stress 54

4 Esposizione a radiazioni non ionizzanti 54 Esposizione al rumore 54 Esposizione a videoterminale 54 Illuminazione 54 Inadeguatezza spogliatoi e servizi igienici 55 Inquinamento dell aria 55 Insalubrità della postazione di lavoro 55 Microclima 55 Movimentazione manuale dei carichi 55 Rishio radon 67 Rischio amianto 55 Rischio biologico 55 Rischio chimico 55 Rischio commesso all uso di macchine e attrezzature 56 Rischio postulare RISCHI NEI LUOGHI DI LAVORO 56 Luoghi di lavoro con rischi specifici 56 Lavori specifici nella scuola RISCHI SPECIFICI DELLA SCUOLA 56 Mansioni specifiche 56 Movimentazione manuale dei carichi 57 NORMATIVA ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 17. SOTTOSCRIZIONE DEL DOCUMENTO 58 ALLEGATI 59 ALLEGATO 1 CAP. N 2 / SEZ ALLEGATO 2 CAP. N 2 / SEZ ALLEGATO 3 CAP. N 2 / SEZ ALLEGATO 4 CAP. N 3 / SEZ ALLEGATO 5 CAP. N 3 / SEZ ALLEGATO 6 CAP. N 4 59 ALLEGATO 7 CAP. N 5 59 ALLEGATO 8 CAP. N 6 / SEZ ALLEGATO 9 CAP. N 6 / SEZ ALLEGATO 10 CAP. N 7 60

5 SCOPI DEL DOCUMENTO Questo Documento, sulla valutazione dei rischi, redatto ai sensi dell art. 4 del D. Lgs. 626/94, e successive modifiche, obbliga il datore di lavoro a valutare, nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti i gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari. Il Documento viene redatto in quanto sia la scuola che i lavoratori, intesi come personale docente e amministrativo, nonché gli allievi equiparati ai lavoratori rientrano nel campo di applicazione delle norme riguardanti la sicurezza sul luogo di lavoro. All'esito della valutazione il datore di lavoro elabora un documento contenente: 1. una relazione sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; 2. l'individuazione delle misure di prevenzione e di protezione e dei dispositivi di protezione individuale, conseguente alla valutazione di cui al punto 1; 3. il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza. Nel presente documento i tre aspetti non sono separati ma vengono individuati specifici capitoli che costituiscono la base del sistema della sicurezza. Le diverse azioni attuative, essendo ricorrenti nel tempo, verranno successivamente documentate attraverso una apposita sezione di ALLEGATI che, di fatto, costituiscono il processo di aggiornamento delle misure di prevenzione e di protezione. Per l effettuazione della valutazione dei rischi e l elaborazione del Documento Il Datore di Lavoro si è avvalso della collaborazione del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione e degli addetti al Servizio, previa consultazione con il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza. La valutazione e il documento devono essere rielaborati o integrati ogni qualvolta verranno effettuate nuove attività lavorative, utilizzati nuovi macchinari o modificati i livelli di

6 esposizione; sarà inoltre aggiornato in funzione delle variazioni del personale (nuove assunzioni/licenziamenti). Il documento viene custodito presso la Presidenza della Scuola situata al piano primo.

7 1. DATI DI IDENTIFICAZIONE Denominazione della Scuola SCUOLA MEDIA A. ARNULFI Sede P.zza Pastore, 11 Cap Tel. Fax Prov. TO Comune di VALPERGA Codice Fiscale n posizione INAIL n posizione INPS Addetti totali relativo all anno N 20 Direzione Docenti Amministrativi Collaboratori 1 29 / DATORE DI LAVORO Nome e Cognome BERTOLDO Lorenzo Nella sua qualità di Dirigente Scolastico Datore di lavoro Nata il a Prov. Residente St. Cap. Tel. Prov. TO Note 1.2. PREPOSTI I preposti sono designati dal Datore di Lavoro ai sensi dell art. 1, comma 4 bis e possono essere il Vice Preside, responsabili di sedi o sezioni staccate, docenti coordinatori di aree, responsabili di laboratorio, ecc. Nome e Cognome Novaria Margherita Nella sua qualità di FIDUCIARIA Nome e Cognome Foglia Livia Nella sua qualità di VICEFIDUCIARIA

8 2. COSTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Articolo 4, comma 4, lettera b): designazione da parte del Datore di Lavoro degli addetti al Servizio di Prevenzione e protezione. Attuazione dell art. 8 in ordine alla costituzione del Servizio di Prevenzione e Protezione. Organigramma DIRIGENTE SCOLASTICO Prof Bertoldo Lorenzo RESPONSABILE SERVIZIO Prevenzione e Protezione Prof. Ciambella Giovanni MEDICO COMPETENTE (non obbligatorio) ASL TO4 CONSULENTE ESTERNO COLLABORAT. R.S.P.P. Prof Foglia Livia Coll..Scol Genta Neva Prof Cavaciuti Cristiano INCARICATO PREV. INCENDI Prof Foglia Livia C S Genta Neva INCARICATO PRONTO SOCCORSO Prof.Novaria Margherita RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI Prof.essa Amati Giuliana LAVORATORI DIPENDENTI N 29 docenti+3 collaboratori scolastici

9 2.0. ELENCO DIPENDENTI A.S. 2008/ Docenti 1. Amerio Aldo 2. Amosso Gabriella 3. Beruatto Franca 4. Bruno Pietro 5. Caperonie Cinzia 6. Cavaciuti Cristiano 7. Chiaromonte Rosa 8. Foglia Livia 9. Gaudi Enrica 10. Geminiani Rossella Carla 11. Iorio Luigi 12. Lorenzatti Anita Caterina 13. Lupo Angela 14. Mangiullo Francesca 15. Mattioda Patrizia 16. Mellano Silvana 17. Minello Patrizia 18. Morgando Valeria 19. Novaria Margherita 20. Raimonda Maria Rosa 21. Redavid Angela Maria 22. Roletto Moreno Severino 23. Rosboch Gloria 24. Rosselli Maria Rosa 25. Rossi Enrica 26. Sereno Monica 27. Vacchero Maria Grazia 28. Vittone Danilo 29. Zanolo Massimiliano Collaboratori scolastici 1. Genta Neva 2 Bianco Teresa 3 Raitero Paolo

10 2.1. RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Articolo 4, comma 4, lettera a): designazione da parte del Datore di Lavoro del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione. Cognome e Nome Ciambella Giovanni Nella sua qualità di Docente Nato il a Prov. Residente Via Cap. Tel Fax Prov. TO Note In allegato vi è copia della lettera raccomandata inviata all A.S.L. e all Ispettorato del Lavoro con la comunicazione dell avvenuta nomina (all. n 1) ALTRI COMPONENTI ADDETTI AL SERVIZIO Cognome e Nome Prof.ssa Novaria Margherita Prof.ssa Foglia Livia Prof.Vacchero Maria Grazia Prof. Cavaciuti Cristiano Coll Genta Neva 2.3. MEDICO COMPETENTE Articolo 4, comma 4, lettera c): nomina da parte del Datore di Lavoro del Medico competente: figura non obbligatoria. A.S.L. competente: n 9 IVREA (TO) 2.4. INCARICATI DEL PRONTO SOCCORSO Si tratta dei lavoratori designati dal Datore di lavoro a svolgere tali compiti in attuazione di quanto previsto dall art. 4, comma 5, lettera a. In apposito allegato deve essere conservata la relativa documentazione comprovante che i lavoratori designati abbiano frequentato un apposito corso di formazione (all. n 2).

11 Nominativo Cognome e Nome Prof.ssa Novaria Margherita Prof.essa Vacchero Maria Grazia 2.5. INCARICATI PREVENZIONE INCENDI Si tratta dei lavoratori designati dal Datore di lavoro a svolgere tali compiti in attuazione di quanto previsto dall art. 4, comma 5, lettera a. In apposito allegato deve essere conservata la relativa documentazione comprovante che i lavoratori designati abbiano frequentato un apposito corso di formazione (all. n 3). Nominativo Cognome e Nome Prof.essa Foglia Livia Coll. Scol Genta Neva In merito alle designazioni dei lavoratori addetti alla lotta antincendio vedi il successivo capitolo 8. Pertanto i nominativi dei lavoratori sono elencati in altra parte del documento. 3. ASPETTI GENERALI DELLA STRUTTURA SCOLASTICA 3.1 DESCRIZIONE GENERALE L edificio scolastico è ubicato nel centro del Comune di Valperga, in P.zza Pastore n 11. Il progetto originario dell edificio, nel corso degli anni, è stato, in parte modificato, in relazione alle esigenze scuola, si sono risistemati gli ambienti per recuperare nuovi locali. Il fabbricato, costruito alla metà degli anni Settanta, è articolato su tre piani: piano seminterrato, piano terreno e primo piano. La scuola è situata su un terreno avente superficie pari a m 2 di cui 1375 m 2 di superficie coperta. Nel piano seminterrato, che si estende solo per una minima parte rispetto ai piani superiori, è ubicata un area in cui fino a prima del 1989 era presente la centrale termica dell edificio ora adibita a locale pompe e a locale caldaia per la sola produzione di acqua calda sanitaria. Il locale caldaia per il solo riscaldamento è adiacente l edificio scolastico al piano seminterrato. La rimanente parte di piano seminterrato, non agibile, funge solo da intercapedine di altezza compresa tra 1.80 e 1.85 m.

12 Al piano terreno trovano spazio le aule, i servizi igienici, la palestra, l aula magna, la mensa e la nuova cucina costruita alla fine del Al primo piano sono ubicate le aule, la presidenza ed i servizi igienici. I tre piani sono collegati internamente da una scala con struttura in cemento armato. Esistono inoltre due scale esterne in ferro, al fine di garantire il deflusso degli occupanti il piano primo in caso di necessità. La struttura portante è in calcestruzzo armato fino al solaio del piano terreno. La parte emergente (piano terreno e piano primo) presenta una struttura portante in acciaio. Il tamponamento perimetrale è realizzato con doghe metalliche rivestite in PVC. Le pareti divisorie interne sono costituite da pannelli in cartongesso. La copertura è piana e l altezza utile dell edificio è di 7.50 m. L intera area di pertinenza risulta completamente recintata. Al fine della sicurezza e della prevenzione incendi, in data 14/03/2002 è stato redatto progetto per l ottenimento del C.P.I. inoltrato ai Vigili del Fuoco di Torino. Il Comando ha dato parere favorevole in data 02/04/2002 pratica n , con protocollo n 3551 (vedere allegato n 4). Ad oggi la scuola è in attesa del sopralluogo dei Vigili del fuoco che effettueranno il collaudo definitivo e rilasceranno il C.P.I.. In base alle esigenze descritte nell esame progetto sono stati eseguiti i seguenti interventi: - realizzazione dell impianto di rilevazione fumi costituito da una centralina elettronica di comando ubicata al piano primo nel locale presidenza. In tutte le aule, in presidenza, nell aula magna, nei corridoi e nel locale mensa sono stati installati rivelatori di fumo a soffitto - compartimentazione REI 120 del locale biblioteca (piano primo) con sostituzione della porta di ingresso con un serramento avente caratteristiche REI 120 e controtamponamento in pannelli di cartongesso delle pareti perimetrali esistenti e del controsoffitto - adeguamento della rete idranti interna con sostituzione delle tubazioni di diametro non sufficiente a garantire la pressione e la portata di acqua richieste con tubazioni in acciaio da 3 (sia la rete ad anello situata nel piano interrato, sia le colonne montanti a servizio degli idranti ai piani). E stata inoltre sostituita la tubazione di collegamento della rete ad anello interna alla scuola con la tubatura dell acquedotto situata in Piazza Pastore. Tale collegamento è satto effettuato a mezzo di una tubazione in PEAD PN10

13 - compartimentazione della scala interna al fine di renderla protetta ; sono state realizzate strutture fisse di compartimentazione al piano primo in muratura avente caratteristiche REI 120. La porta è ad un battente con apertura verso l interno della scale in lamiera di acciaio a doppio pannello con isolante termico, ignifugo, completa di serratura e maniglia di tipo antipanico, controtelaio con zanche, cerniera con molla regolabile per la chiusura automatica e profilo di guarnizione antifumo. Di caratteristiche analoghe è la porta posta al piano terreno (a doppio battente con apertura verso l esterno) ed al piano seminterrato (ad un battente con apertura verso l esterno) - compartimentazione con contropareti in catorngesso e muratura aventi caratteristiche REI 120 della palestra, dell archivio e della zona di ingresso al piano terreno - realizzazione all esterno dell edificio di una nuova scala metallica di sicurezza ai fini di agevolare le operazioni di evacuazione del piano primo in caso di pericolo: la scala ha una pedata ed un alzata costante rispettivamente di 0.30 e 0.17 cm, con una larghezza di 120 cm, ed un pianerottolo intermedio di dimensioni adeguate al fine di rientrare nei parametri previsti dalla normativa antincendio - su tutte le vetrate sono state applicate pellicole trasparenti in poliestere al fine di evitare situazioni di pericolo in caso di urto: la pellicola è di tipo adesivo in poliestere, trasparente antisfondamento e metallizzata in modo da ottenere un assorbimento (minimo 97%) dei raggi ultravioletti, rifrazione del calore (minimo 54%) e maggiore resistenza agli urti - sostituzione a Giugno 2004 del boiler elettrico per la produzione dell acqua calda sanitaria con caldaia e relativo bollitore ubicati al piano seminterrato nel locale pompe - aula magna: tale locale è stato adeguato sia in relazione all accesso interno, prima pericolosissimo (in quanto aprentesi direttamente sulla scalinata) sia in relazione alle uscite di sicurezza prima in numero non sufficiente a garantire il deflusso in sicurezza degli occupanti in caso di pericolo. La gradinata è stata demolita ed il vascone centrale è stato riempito in modo tale da portare il piano pavimento al piano pavimento dei locali e corridoi adiacenti. Ai fini della prevenzione incendi, è stata aperta una nuova uscita di sicurezza verso il cortile. Internamente sono stati demoliti i portoni scorrevoli che separavano l aula magna dalla rimanente parte di edificio e, con opportune opere murarie, sono stati sostituiti da due porte a doppio battente REI 120, aprentesi verso l interno del locale. La pavimentazione dell intero locale è in PVC antisdrucciolo, e classe 0 di reazione al fuoco.

14 - Alla sommità del vano scala è stato installato un evacuatore di fumo e calore. Tale evacuatore è stato realizzato in conformità alla norma UNI 9494, costituito da telaio e controtelaio, completo di guarnizioni in alfaprene, cerniere in alluminio, rivetti e viterie in acciaio inox. Il lucernaio prima esistente è stato sostituito con un lucernaio monolitico duplex in policarbonato con elevata resistenza agli urti e alla grandine. E stato realizzato in conformità alla norma UNI 9494, con angolo di apertura 120, costituito da telaio (con configurazione tubolare) e controtelaio (con configurazione a Z) in alluminio estruso naturale lega (UNI 6060), assemblato per cianfrinatura, completo di guarnizioni in alfaprene, cerniere in alluminio, rivetti e viterie in acciaio inox. La posizione di apertura è garantita, anche in presenza di vento contrario, da arresti meccanici posti sui lati normali al lato delle cerniere. La possibilità di sgancio manuale dall esterno è data da un perno (asportabile) associato all estremità del chiavistello. Tutti i tubi preposti all alimentazione del cilindro sono in teflon protetto da doppia calza in acciaio inox. Il dispositivo potrà essere collegato ad un impianto di apertura a distanza di tipo pneumatico senza altro alcun accessorio. - adeguamento alle normative vigenti dell impianto elettrico e di illuminazione - Nell estate 2008, è stato realizzato un ascensore che ha sostituito ed eliminato il montascale. - L ascensore è stato costruito nella struttura in c.a già esistente, fin dalla costruzione della scuola. E sito nel corridoio a destra dell entrata principale, collega il P.T al 1 P, il suo uso è riservato al personale addetto e agli alunni diversamente abili non autonomi, si attiva mediante chiave, ha una capienza di 9 persone ed una portata da 667 Kg. (Saranno richiesti al Comune le dichiarazioni di conformità alle norme di sicurezza vigenti ) In allegato n 4 vengono riportate le dichiarazioni di conformità degli impianti realizzati a regola d arte (impianti elettrici, idro-termo-sanitari ed antincendio) CICLO LAVORATIVO La scuola svolge attività educativa e scolastica. Anno scolastico 2007/2008: - numero totale allievi numero totale docenti: 29 - numero totale collaboratori scolastici: 3

15 Afflusso persone/giorno a scuola: 234 Possono entrare nell edificio: fornitori, addetti alla manutenzione dei laboratori, impiegati del comune, genitori, personale della cooperativa andirivieni, personale mensa, addetti alle macchine di caffetteria, relatori di corsi di formazione, rappresentanti libri e materiale didattico LOCALI E AMBIENTI DELLA SCUOLA In questo capitolo sono identificati tutti gli ambienti del plesso scolastico inteso come luogo di lavoro. I relativi rischi, in relazione alle specifiche attività lavorative, sono evidenziati nel Capitolo 7 con singole schede contrassegnate da un numero. Il numero relativo è riportato nella colonna A. (esempio) CODICE DESTINAZIONE LOCALI A RISCHIO TIPO DI SI NO RISCHIO Planimetria generale In allegato n 5 vengono riportati tutti gli ambient i con l indicazione numerica di ogni locale: - piano seminterrato: numeri identificativi - piano terreno: numeri identificativi - piano primo: numeri identificativi Piano Seminterrato CODICE DESTINAZIONE dei locali LOCALI A RISCHIO TIPO DI RISCHIO SI NO P.S.1 Centrale termica P>116 KW x - fughe gas P.S.2 Centrale termica P<35 KW x - fughe gas P.S.3 Locale non agibile da persone X P.S.4 Locale non agibile da persone X

16 Piano Terreno CODICE DESTINAZIONE dei locali LOCALI A RISCHIO TIPO DI RISCHIO SI NO P.T.0 CUCINA x - fughe gas - incendio P.T.1 SPOGLIATOIO/W.C. X P.T.2 ANTIBAGNO X P.T.3 SPOGLIATOIO/W.C. X P.T.4 MENSA X P.T.5 AULA X P.T.6 AULA MAGNA x P.T.7 AULA SPECIALE X P.T.8 SALA TV X P.T.9 ANTIBAGNO/W.C. X P.T.10 ARCHIVIO X P.T.11 W.C. X P.T.12 W.C. X P.T.13 W.C. DISABILI X P.T.14 AULA X P.T.15 BIBLIOTECA - MUSICA x - Incendio - Urto per spostamento arredi P.T.16 AULA ED. ARTISTICA X P.T.17 SPOGLIATOIO X P.T.18 W.C./DOCCE X P.T.19 DEPOSITO ATTREZZI X PALESTRA P.T.20 SPOGLIATOIO X P.T.21 W.C./DOCCE X P.T.22 W.C. X P.T.23 W.C. X

17 P.T.24 INFERMERIA X P.T.25 W.C. X P.T.26 PALESTRA x Primo Piano CODICE DESTINAZIONE LOCALI A RISCHIO dei locali SI NO TIPO DI RISCHIO P.1.1 SALA VIDEO X P.1.2 AULA X P.1.3 AULA X P.1.4 AULA X P.1.5 AULA X P.1.6 AULA X P.1.7 AULA X P.1.8 W.C. X P.1.9 W.C. DISABILI X P.1.10 W.C. X P.1.11 AULA X P.1.12 RIPOSTIGLIO X P.1.13 RIPOSTIGLIO X P.1.14 AULA X P.1.15 AULA COMPUTER X - incendio P.1.16 PRESIDENZA SALA INS. X P.T.17 RIPOSTIGLIO X P.T.18 SPOGLIATOIO X P.T.19 W.C. X P.T.20 W.C. X

18 3.4 IMPIANTI Impianto di riscaldamento Tipo di impianto Alimentazione Potenzialità Max (Kcal/h) Centralizzato Metano N 2 caldaie da Autonomo per locale o reparto VV.F. si no in corso non previsto Certificato Prevenzione Incendi X Stoccaggio combustibile: NON PREVISTO Impianto elettrico Tipo di allaccio cabina B.T. ENEL Potenza (Kw) Allaccio X 30 Impianto di messa a terra / scariche atmosferiche / collegamenti si no verifiche periodiche ultima verifica Schema elettrico Impianto di terra. X X X Protezione scariche X atmosferiche. Coll. a terra imp. X distrib. in B.T. Messa a terra depositi interrati.

19 Impianti elettrici aggiuntivi Impianto di rifasamento Illumin. esterna autonoma Insegne luminose esterne si no Pot. (KW) X (KVar) X X verifiche periodiche ultima verifica Schema elettrico Generatori di corrente supplementari: NON PREVISTI L impianto elettrico della scuola media Arnulfi è costituito dai circuiti di distribuzione dell illuminazione, delle prese di corrente e delle singole utenze, dai quadri di distribuzione, dai corpi illuminanti, ecc. L impianto ha origine dal piano seminterrato dove è ubicato il quadro elettrico generale e i contatori Enel (trifase e monofase). Le linee di distribuzione sono realizzate con cavi contenuti entro tubazioni posate in canaline a parete/soffitto a vista o sottotraccia. I corpi illuminanti sono costituiti da plafoniere, lampade e proiettori installati a soffitto e a parete. Le masse dell impianto e le masse estranee sono collegate ad un impianto di terra. Oltre all illuminazione normale è installata l illuminazione di sicurezza; i corpi illuminanti di emergenza sono 1x18 W ad interdizione e in modalità sempre accesa sulle uscite di sicurezza. Essa è realizzata con l installazione di gruppi di illuminazione autonomi provvisti di accumulatore incorporato che entrano automaticamente ed istantaneamente in funzione al mancare della normale alimentazione. L illuminazione di sicurezza è prevista per assicurare un sufficiente livello di illuminazione; essa entrerà in funzione automaticamente al mancare della tensione di rete e sarà in grado di funzionare per almeno 60 minuti, garantendo un livello di illuminazione non inferiore a 5 lux ad 1 metro da terra.

20 L impianto è realizzato nel rispetto della normativa vigente (legge n. 186/68) e tale conformità è attestata secondo le procedure previste dalla legge n 46 del 5 Marzo La scuola è inoltre munita di un sistema di allarme in grado di avvertire gli alunni ed il personale presenti in caso di pericolo. Il sistema di allarme ha caratteristiche atte a segnalare il pericolo a tutti gli occupanti il complesso scolastico ed il suo comando è posto in locale costantemente presidiato durante il funzionamento della scuola (la centralina d allarme antincendio à posizionata in presidenza al primo piano). Il sistema di allarme è costituito dallo stesso impianto a campanelli usato normalmente per la scuola, con un particolare suono. Impianto antincendio Impianto idrico antincendio di tipo fisso: ANELLO COLLEGATO ACQUEDOTTO COMUNE Impianto automatico antincendio: NON PREVISTO Impianti per lo scarico del fumo e del calore (EFC): Tipo di EFC Lucernai a soffitto Ventilat. statici continui Aperture a Shed Sfoghi di calore e fumo x Tipo di comando dell EFC: Pneumatico Elettrico Altro Tipo di EFC x x Rivelazione di incendio e allarme: Rivelazione di incendio ed allarme Fumo Termico Ottico Gas x Nell edificio scolastico è installato un impianto di rilevazione automatica d'incendio a zone. I rilevatori di fumo sono posizionati in tutti gli ambienti tranne in palestra. La centralina è ubicata in luogo presidiato e precisamente in presidenza al piano primo. La distribuzione della linea elettrica per i rilevatori di fumo è nella stessa canalina delle prese/illuminazione/dati. Tale canalina è di dimensioni 100x80 mm per la dorsale principale a parete/soffitto con setti separatori.

21 LIVELLO DI RISCHIO DOVUTO AGLI IMPIANTI ESISTENTI NELL ATTIVITÀ X Lieve Medio Alto Indicazioni delle misure da adottare 1. Richiedere tutte le dichiarazioni di conformità; 2. Completare le denunce presso gli organi di controllo; 3. Organizzare una revisione periodica e documentata; 4. Aggiornare l adeguamento alle Norme 4. INFORMAZIONE In uno specifico allegato (all. n 6) sono contenute, in ordine cronologico, e documentate tutte le azioni informative riferite ai lavoratori ed agli allievi della scuola. L allegato contiene programmi dei corsi, nominativi dei docenti, registi firma dei partecipanti, il tipo di informazione ricevuta ed ogni altra notizia utile ai fini dell informazione. Al responsabile del Servizio vengono affidati i compiti organizzativi ed operativi anche in relazione alle decisioni stabilite nella Riunione Periodica. Ciascun lavoratore ha diritto di ricevere un informazione adeguata in materia di prevenzione e protezione. Il Responsabile del servizio si assicura che, ai sensi dell art. 21 del D.lgs. n 626/94, l informazione deve essere resa in forma agevolmente comprensibile, e riferita: a) ai rischi per la sicurezza e la salute connessi all'attività dell'impresa in generale; b) alle misure ed alle attività di protezione e prevenzione adottate; c) ai rischi specifici, cui è esposto il lavoratore in relazione all'attività svolta ed alle normative di sicurezza ed alle disposizioni aziendali in materia; d) ai pericoli connessi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi; e) alle procedure ed ai nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio e l'evacuazione dei lavoratori; f) al nominativo del responsabile del Servizio di prevenzione e protezione e del medico competente (ove nominato).

22 La formazione riguarda specifiche categorie di lavoratori a seconda delle mansioni svolte e del luogo di lavoro. Per i neo assunti o per coloro che vengono incaricati di un nuovo lavoro o quando avvengono modifiche rilevanti, al lavoratore deve essere garantita la possibilità di svolgere la propria mansione in condizioni di salubrità e sicurezza MANUALI DELLA SICUREZZA Possono essere predisposti, in allegato al Documento di Valutazione, a cura del Datore di Lavoro, specifici manuali della sicurezza sul lavoro. Ogni specifico Manuale integra e completa le misure di prevenzione previste nel Documento e viene consegnato ed illustrato ad ogni lavoratore quale informazione di base per la sicurezza e quale primo adempimento agli obblighi di cui all art. 21. Ciò non assolve gli specifici adempimenti previsti dai commi a), b). f) e g) ma non i commi c), d), ed e) dell art FORMAZIONE In uno specifico allegato (all.n 7) sono contenute, in ordine cronologico, e documentate tutte le azioni formative riferite ai dipendenti dell azienda. L allegato contiene programmi dei corsi, nominativi dei docenti, registri firma dei partecipanti, il tipo di formazione ricevuta ed ogni altra notizia utile ai fini della formazione. Al responsabile del Servizio vengono affidati i compiti organizzativi ed operativi anche in relazione alle decisioni stabilite nella Riunione Periodica. La formazione riguarda specifiche categorie di lavoratori a seconda delle mansioni svolte e del luogo di lavoro. In modo specifico la formazione deve avvenire: all assunzione, ovvero al momento della presa in servizio in occasione di trasferimento o cambiamento di mansioni nell introduzione di nuove attrezzature di lavoro o nuove tecnologie, sostanze o preparati pericolosi. Questo enunciato è, di fatto, il contenuto di numerosi articoli del D. Lgs. 626/94 nei quali è richiamato l'obbligo di formazione dei lavoratori.

23 Gli articoli, nonchè gli oggetti della formazione a cui fanno riferimento, sono di seguito elencati per maggior chiarezza: art. 22 comma 1 sicurezza e salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alla propria mansione art. 38 comma 1 lett. a attrezzature di lavoro art. 38 comma 1 lett. b: attrezzature di lavoro il cui impiego richieda conoscenze o responsabilità particolari art. 43 comma 4 lett. g uso appropriato dei Dispositivi di Protezione Individuali art. 43 comma 5 DPI ed eventuale addestramento all'uso art. 49 comma 2 movimentazione carichi art. 56 comma 1 uso di VDT art. 66 comma 1 uso di agenti cancerogeni art. 85 comma 1 uso di agenti biologici 6. CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE 6.1. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI R.L.S Cognome e nome Sig.ra Amati Giuliana Nata il A Prov. Residente Via Cap. Tel. Fax Prov. Note In apposito allegato deve essere conservata la relativa documentazione comprovante che il lavoratore designato abbiano frequentato un apposito corso di formazione (all. n 8).

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazione DLgs 3 agosto 2009, n. 106 ) Allegato 06 REGISTRO CONTROLLI PRESIDI E SISTEMI ANTINCENDIO CASSETTA DI PRIMO SOCCORSO DLgs 9 aprile 2008, n. 81 ed integrazioni DLgs 3 agosto 2009, n. 106 PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2

19/06/2013. Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione. Corso lavoratori - CAA Dott. Palumbo 2 CORSO di formazione per lavoratori ai sensi dell art. 37 del D.Lgs 81/08 e Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 Relatore: : Dott. Lazzaro Palumbo Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione Durata

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 SOMMARIO PREMESSA... 2 INFORMAZIONE...2 FORMAZIONE...2 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 07 PAGINA 1 di 3 SOMMARIO PREMESSA... 2 INFORMAZIONE...2 FORMAZIONE...2 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese

MASSIMO RAMASCO - Sede A.N.CO.R.S. Varese Il concetto di sicurezza a scuola è quasi sempre associato a situazioni di rischio connesse alla vulnerabilità degli edifici scolastici e alle questioni inerenti la loro sicurezza strutturale, igienica

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.

LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero. LICEO SCIENTIFICO STATALE TITO LUCREZIO CARO Via A. Manzoni, 53 80123 NAPOLI Tel.: 0817144396 fax: 081649021 e-mail lucreziocaro@libero.it INFORMAZIONE AGLI STUDENTI (ai sensi D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008)

ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO TORTONA A FUNZIONIGRAMMA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE SUI LUOGHI DI LAVORO (D.Lgs. 81/2008) Ruoli Identità Funzioni Datore di lavoro (DdL) Dirigente scolastico Cfr. art.18

Dettagli

La sicurezza nelle attività di volontariato

La sicurezza nelle attività di volontariato La sicurezza nelle attività di volontariato 1 Il D. Lgs. 81/08 Articolo 3 Campo di applicazione Il presente decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998

REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 Timbro scuola PLESSO: SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO D.P.R. 37 del 12.1.1998 CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE - IMPIANTI ANTINCENDIO CASSETTE DI

Dettagli

Gli attori della sicurezza

Gli attori della sicurezza Gli attori della sicurezza Materiali didattici elaborati CHANGE srl Ente di Formazione Accreditato dalla Regione Emilia Romagna DG n 1182 e 255/08 Certificato UNI EN ISO 9001:2008 n 10270 20/12/05 Organizzare

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI CENNI SULLA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED IL PIANO DI EMERGENZA DOCUMENTI DA PREDISPORRE E CONSERVARE Relatore: Ing.

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Azione Pegaso 2015. del D.Lgs. 81/08. Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Applicazione del D.Lgs. 81/08 nella scuola Corso di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Cosa deve fare il Dirigente Scolastico (misure generali di tutela, art 15) Individuare

Dettagli

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità

I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità I Soggetti della prevenzione in azienda: compiti, obblighi, responsabilità Perché e come implementare un SGSL nei luoghi di lavoro Seminario del 10 marzo 2010 1 COMPITI DEL D.d.L. E DEL DIRIGENTE (art.18,

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art. 26 del D.Lgs. 81/2008 Art. 26 del D.Lgs. 81/08 - Obblighi connessi al contratto di appalto" (D.U.V.R.I.Documento unico di Valutazione dei rischi da interferenze) relativo alle sedi di lavoro. N.B: il suddetto documento è allegato

Dettagli

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro

NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro NOTE INDICATIVE sugli obblighi di formazione sulla sicurezza sul lavoro Chi svolge l attività in forma individuale, e senza avere dipendenti subordinati, non ha obblighi in materia di formazione sulla

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni.

CIRCOLARE N. 61. 1. Assegnazione nomine Piano di Emergenza: Ruoli e Funzioni. N Prot.: 0002376 C.I. del 08/04/2015 Uscita A TUTTO IL PERSONALE SCOLASTICO All AA L. RENNA SEDE AL SITO WEB www.icpresicceacquarica.gov.it CIRCOLARE N. 61 Oggetto: Piano di Gestione delle Emergenze In

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Dal 2008 è entrata in vigore una nuova legge, il Decreto Legislativo 81/2008 o TESTO UNICO SULLA SICUREZZA SUL LAVORO. IL D.Lgs. 81/08 ha introdotto anche in Italia

Dettagli

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008

Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Dlgs N 81 del 9 aprile 2008 Definizioni -Datore di Lavoro: il titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore. Ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva in quanto esercita i poteri

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FORMAZIONE INFORMAZIONE PER STUDENTI E SIMILARI AFFERENTI ALLA FACOLTA DI VETERINARIA IN MATERIA DI Sicurezza e Salute dei Lavoratori sul Luogo di Lavoro UNIVERSITA DEGLI

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA

ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA ing. Domenico Mannelli ESPERIENZA METODOLOGICA PER GESTIRE LA SICUREZZA NELLA SCUOLA PRINCIPALI ADEMPIMENTI del Dirigente scolastico 1.Organizzativi 2.Tecnici 3.Procedurali 2008 2/45 Adempimenti organizzativi

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO

GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO GUIDA ALLA SICUREZZA SUL POSTO DI LAVORO Il presente opuscolo vuole essere un utile guida per lavoratori, lavoratrici, datori di lavoro e i soggetti collegati al mondo del lavoro. Le informazioni contenute

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE

INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE Datore di Lavoro Unico Sicurezza Lavoro CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO INFORMAZIONE E FORMAZIONE ANTINCENDIO DEL PERSONALE Registro antincendio scuola

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi del D.Lgs 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Azienda: I.I.S. A. GENTILESCHI DI CARRARA via: Sarteschi n. 1 città: Carrara

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08

Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 Quadro normativo e organizzazione della sicurezza D.LGS. 81/08 rev. 15/10/08 Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Perché Sicurezza e Igiene del Lavoro? Tutela della salute dei lavoratori La salute,

Dettagli

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE

BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE BUONE PRATICHE PER UNO SPORT SICURO E CONSAPEVOLE LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Bologna, 28 marzo 2015 LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALL INTERNO DI UN IMPIANTO SPORTIVO Gestione della

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

LE FIGURE PER LA SICUREZZA

LE FIGURE PER LA SICUREZZA La Sicurezza in azienda LE FIGURE PER LA SICUREZZA 1 La Sicurezza in azienda Sommario 1. Organigramma per la sicurezza 2. Definizioni 3. Obblighi e compiti delle figure per la sicurezza 2 La Sicurezza

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE 1. autorizzazioni edilizie planimetrie aggiornate (sede dell impresa) certificato di Licenza d Uso o Agibilità (sede dell

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA. corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza IL DIRIGENTE SCOLASTICO E L ENTE PROPRIETARIO: GLI ATTORI PRIMARI DELLA SICUREZZA SCU NELLA SCUOLA Procedure operative per la gestione del corretto rapporto tra Scuole, Enti Locali e Organi di Vigilanza

Dettagli

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003)

CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) CORSO di FORMAZIONE per ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO in attività classificate nei Gruppi A, B o C (D.M. 388/2003) Corso di Formazione conforme ai criteri prescritti dal D.M. 388/2003 1/21 INQUADRAMENTO NORMATIVO

Dettagli

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i

quanto soggetto titolare del che ha la responsabilità dell impresa o dell unità produttiva con poteri È necessario che il RLS abbia chiaro chi sono i CONOSCERE E PREVENIRE per lavorare SENZA pericoli Modulo Formativo per RLS I SOGGETTI della PREVENZIONE e le RELAZIONI ultimo aggiornamento - ottobre 2008 Chi sono i SOGGETTI della prevenzione in azienda?

Dettagli

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento

Salute e Sicurezza sul lavoro - 2. Informazione Formazione Addestramento Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 2 Informazione

Dettagli

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI

ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI ELENCO DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE IN AZIENDA A SUPPORTO DELL AUTOCERTIFICAZIONE DEI RISCHI LAVORATIVI Premessa Il presente documento contiene l elenco esemplificativo della documentazione aziendale, eventualmente

Dettagli

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Verbale 1: Incarico del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione 8Verbali per la gestione della sicurezza nelle aziende agricole V1. Verbale di nomina Rspp V2. Verbale di nomina del Medico Competente V3. Verbale di elezione RlS V4. Verbale di nomina addetto gestione

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa)

LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA. (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA

Dettagli

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL

L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL L applicazione del D.lgs. 81/08 e s. m. i. nella scuola SGSSL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO IL 1 Servizio di Prevenzione e Protezione (art. 31) Che cos

Dettagli

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94

Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 INFORMAZIONE 99 SICUREZZA. Le registrazioni documentali necessarie per l attuazione del decreto 626/94 UN DOCUMENTO PRODOTTO DAL GRUPPO 3 ALL INTERNO DELLA COMMISSIONE SICUREZZA Con l'emissione della documentazione

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

PIANO DI PRONTO SOCCORSO

PIANO DI PRONTO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI PORTO S. STEFANO PIANO DI PRONTO SOCCORSO ( D.M. 15 luglio 2003, n.388 ) 1 INDICE PAG. 1. GENERALITA 3 2. PRESIDI SANITARI 4 3. ADDETTI AL PRONTO SOCCORSO 5 4. IL MEDICO

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA

INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA INFORMAZIONI GENERALI ELENCO MODULISTICA 1) Comunicazione da apporre in bacheca aziendale per informare i lavoratori della possibile figura di RLS 2) Verbale di elezione del RLS 3) Anagrafica RLS 4) Lettera

Dettagli

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08)

D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) D.U.V.R.I. ( Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze ) ( D.Lgs. art. 26 D.Lgs. 81/08) Impresa appaltatrice: Appaltatore: Amministrazione Comunale di San Romano In Garfagnana Affidamento

Dettagli

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden

PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA. Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden PREVENZIONE E SOGGETTI COINVOLTI: LA SORVEGLIANZA SANITARIA Assistente Sanitaria dr.ssa R. Coden SOGGETTI COINVOLTI DATORE DI LAVORO DIRIGENTI PREPOSTI R.S.P.P. Medico Competente LAVORATORI R.L.S. Obblighi

Dettagli

Verifica della conformità normativa 2

Verifica della conformità normativa 2 Verifica della conformità normativa 2 Per una corretta gestione della sicurezza è necessario predisporre (vedi allegato 2.A.) e archiviare l apposita documentazione. 2.1 Elenco documentazione Certificato

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Il Decreto Legislativo 81/2008 (noto anche come Testo Unico della Sicurezza del Lavoro ) ha maggiormente sottolineato rispetto al vecchio D.Lgs. 626/94 l importanza

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i

FORMAZIONE GENERALE. Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i FORMAZIONE GENERALE Ai sensi dell art. 36/37 D.Lgs 81/08 e s.m.i Indice 1. PREMESSA... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. VALUTAZIONE DEI RISCHI (ART. 28)... 2 4. I SOGGETTI DELLA PREVENZIONE IN AZIENDA...

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA

DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Confederazione italiana agricoltori DOCUMENTAZIONE MINIMA CHE DEVE ESSERE PRESENTE IN AZIENDA E TENUTA A DISPOSIZIONE DEGLI ORGANI DI VIGILANZA Elenco non esaustivo, ma esemplificativo delle principali

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O

GARA PNEUMATICI ALLEGATO AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE I Obblighi in materi di sicurezza ed igiene del lavoro S O M M A R I O 1 di 5 S O M M A R I O 1 OBBLIGHI DITTA AGGIUDICATARIA... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 1.2 OBBLIGHI IN FASE DI GARA... 2 1.3 OBBLIGHI DOPO L AGGIUDICAZIONE... 3 2 RISCHI INTERFERENTI... 4 3 FORMAZIONE OBBLIGATORIA...

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18)

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) SEZIONE A RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEL PROCESSO INFORMATIVO RELATIVO ALLA SICUREZZA

Dettagli

IDENTIFICAZIONE AZIENDA. FIGURE PREPOSTE ALLA SICUREZZA SUI LUGHI DI LAVORO (indicare solo se sono presenti)

IDENTIFICAZIONE AZIENDA. FIGURE PREPOSTE ALLA SICUREZZA SUI LUGHI DI LAVORO (indicare solo se sono presenti) IDENTIFICAZIONE AZIENDA Ragione Sociale Azienda Nome del Datore di lavoro/legale Rappresentante (identificato con chi ha il potere di spesa e decisionale) P.Iva Azienda Codica Fiscale Azienda Tel Azienda

Dettagli

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2)

D.Lgs. 81/08: DEFINIZIONI (art. 2) SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Informazione e formazione in ambito scolastico CORSO DI FORMAZIONE PER 8.1a DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP)

CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) CORSO DI FORMAZIONE MODULO A PER RESPONSABILI E ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP E ASPP) Premessa Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), come definito nel D.Lgs.

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi a pag. 3-11 II. Modulistica per la redazione del documento di valutazione

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri

Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Il nuovo codice della sicurezza nei cantieri Indice della modulistica presente nel CD-Rom SICUREZZA 1. Documento di valutazione dei rischi Come calcolare il rischio Valutazione del rischio/figure professionali

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili)

1. Nomina delle figure preposte alla sicurezza e gli addetti all emergenza (figure sensibili) SiRVeSS LINEE DI INDIRIZZO E CRITERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE A SCUOLA a cura del gruppo di lavoro Gestione della sicurezza del SiRVeSS (in corsivo le indicazioni non previste dalla normativa) Il Dirigente

Dettagli

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro Ascom Vittorio Veneto Servizio Corsi e Formazione Corso Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione - a cura di Giovanni Benincà La nuova normativa di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA L ORGANIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE AZIENDALE DIRITTI, DOVERI E SANZIONI PER I VARI SOGGETTI AZIENDALI protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL

Dettagli

PROCEDURA DI SICUREZZA

PROCEDURA DI SICUREZZA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI Pagina 1 di 5 PROCEDURA DI SICUREZZA 1. NORME DI COMPORTAMENTO GENERALI 2. Revisione numero Data emissione e/o ultima modifica Approvata da Emessa da S.P.P.R.

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo TALIERCIO Via Commercio, 1 Marina di Carrara SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE REGISTRO ANTINCENDIO CONTROLLI E MANUTENZIONE DI SISTEMI, DISPOSITIVI, ATTREZZATURE ED IMPIANTI ANTINCENDIO

Dettagli

Assunzione di responsabilità nell ambito del Servizio Prevenzione e Protezione in collaborazione con le figure istituzionali coinvolte.

Assunzione di responsabilità nell ambito del Servizio Prevenzione e Protezione in collaborazione con le figure istituzionali coinvolte. CONSULENZE E CORSI CONSULENZA SICUREZZA VALUTAZIONE DEI RISCHI Individuazione e valutazione dei rischi derivanti dallo svolgimento dell attività lavorativa (D.Lgs 81/08); Redazione del Documento di Valutazione

Dettagli

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO

LA SCUOLA E UN LUOGO DI LAVORO IL D.Lgs. 81/08 Si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le tipologie di rischio. Nei riguardi degli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado. LA SCUOLA

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi del D.Lgs 81/08 e s. m. i., art. 36 e 37 AGENFORM Centro di Formazione Professionale Viale Amendola Eboli(SA) Consulente Dott. Ing. Elena Chiappa FORMAZIONE:

Dettagli

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare

Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Progetto Labor - Linea 4 Emersì Sicurezza nei luoghi di lavoro ed Emersione del lavoro irregolare Prevenzione e promozione della sicurezza Lavoro sicuro 1 LAVORO SICURO 2 1. Sicurezza: i provvedimenti

Dettagli

RSPP DATORE DI LAVORO

RSPP DATORE DI LAVORO RSPP DATORE DI LAVORO RSPP RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il corso si propone la finalità di fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08)

ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) ESTRATTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (Applicazione disposizioni Art. 26 del D.Lgs. 81/08) Appalto per RISTORAZIONE SCOLASTICA COMMITTENTE COMUNE DI CREAZZO DITTA APPALTATRICE

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli