SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. ARNULFI VALPERGA DOCUMENTO DELLA SICUREZZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. ARNULFI VALPERGA DOCUMENTO DELLA SICUREZZA"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO A. ARNULFI VALPERGA Comune di Valperga DOCUMENTO DELLA SICUREZZA VALUTAZIONE DEI RISCHI Decreto Legislativo n.81/2008 art.28 AGGIORNAMENTO Anno Scolastico 2008/2009

2 SOMMARIO SCOPI DEL DOCUMENTO 5 1. DATI DI IDENTIFICAZIONE DATORE DI LAVORO PREPOSTI 7 2. COSTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE 8 ORGANIGRAMMA ELENCO DIPENDENTI A.S. 2006/ Docenti Collaboratori scolastici RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ALTRI COMPONENTI ADDETTI AL SERVIZIO MEDICO COMPETENTE INCARICATI DEL PRONTO SOCCORSO 10 Nominativo INCARICATI PREVENZIONE INCENDI 11 Nominativo ASPETTI GENERALI DELLA STRUTTURA SCOLASTICA DESCRIZIONE GENERALE CICLO LAVORATIVO LOCALI E AMBIENTI DELLA SCUOLA Planimetria generale Piano Seminterrato Piano Terreno Primo Piano IMPIANTI 18 Impianto di riscaldamento 18 Impianto elettrico 18 Impianto antincendio INFORMAZIONE INFORMAZIONE PER LE LAVORATRICI GESTANTIERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO MANUALI DELLA SICUREZZA FORMAZIONE CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI RIUNIONE PERIODICA DI SICUREZZA PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI E DI MIGLIORAMENTO RICOGNIZIONE DEI RISCHI E DEI RELATIVI INTERVENTI DI PREVENZIONE A. RISCHI PER LA SICUREZZA B. RISCHI PER LA SALUTE 25 Agenti chimici 25

3 Agenti fisici 27 Agenti biologici C. RISCHI PER LA SICUREZZA E LA SALUTE 28 Organizzazione del lavoro 28 Fattori psico-sociali mobbing burn out 32 Fattori psicologici 28 Fattori ergonomici 29 Condizioni di lavoro difficili DOCUMENTO ANTINCENDIO ED EMERGENZA DESIGNAZIONE ADDETTI ANTINCENDIO PIANO DI EMERGENZA REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO LA GESTIONE DEGLI APPALTI PRESIDI SANITARI E DI PRONTO SOCCORSO DESIGNAZIONE ADDETTI PRONTO SOCCORSO SORVEGLIANZA SANITARIA CASSETTA PRONTO SOCCORSO Contenuto della cassetta Codice di comportamento del soccorritore Obblighi dei lavoratori STATISTICHE DEGLI INFORTUNI E CALCOLO DEL RISCHIO ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 11 DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI MODALITA DI ACQUISTO E DI CONSEGNAERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 12. MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI NORME DI COMPORTAMENTO VIDEO TERMINALI ATTREZZATURE 48 Schermo 48 Tastiera 48 Piano di lavoro 48 Sedile di lavoro AMBIENTE 49 Interfaccia elaboratore - uomo AGENTI CANCEROGENI RISCHIO CHIMICO AGENTI BIOLOGICI PERSONALE E MANSIONI LA SICUREZZA DELLE PERSONE RISCHI LEGATI ALLA MANSIONE 54 Affaticamento visivo 54 Dermatiti irritative allergiche 54 Disturbi da stress 54

4 Esposizione a radiazioni non ionizzanti 54 Esposizione al rumore 54 Esposizione a videoterminale 54 Illuminazione 54 Inadeguatezza spogliatoi e servizi igienici 55 Inquinamento dell aria 55 Insalubrità della postazione di lavoro 55 Microclima 55 Movimentazione manuale dei carichi 55 Rishio radon 67 Rischio amianto 55 Rischio biologico 55 Rischio chimico 55 Rischio commesso all uso di macchine e attrezzature 56 Rischio postulare RISCHI NEI LUOGHI DI LAVORO 56 Luoghi di lavoro con rischi specifici 56 Lavori specifici nella scuola RISCHI SPECIFICI DELLA SCUOLA 56 Mansioni specifiche 56 Movimentazione manuale dei carichi 57 NORMATIVA ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. 17. SOTTOSCRIZIONE DEL DOCUMENTO 58 ALLEGATI 59 ALLEGATO 1 CAP. N 2 / SEZ ALLEGATO 2 CAP. N 2 / SEZ ALLEGATO 3 CAP. N 2 / SEZ ALLEGATO 4 CAP. N 3 / SEZ ALLEGATO 5 CAP. N 3 / SEZ ALLEGATO 6 CAP. N 4 59 ALLEGATO 7 CAP. N 5 59 ALLEGATO 8 CAP. N 6 / SEZ ALLEGATO 9 CAP. N 6 / SEZ ALLEGATO 10 CAP. N 7 60

5 SCOPI DEL DOCUMENTO Questo Documento, sulla valutazione dei rischi, redatto ai sensi dell art. 4 del D. Lgs. 626/94, e successive modifiche, obbliga il datore di lavoro a valutare, nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti i gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari. Il Documento viene redatto in quanto sia la scuola che i lavoratori, intesi come personale docente e amministrativo, nonché gli allievi equiparati ai lavoratori rientrano nel campo di applicazione delle norme riguardanti la sicurezza sul luogo di lavoro. All'esito della valutazione il datore di lavoro elabora un documento contenente: 1. una relazione sulla valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavoro, nella quale sono specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; 2. l'individuazione delle misure di prevenzione e di protezione e dei dispositivi di protezione individuale, conseguente alla valutazione di cui al punto 1; 3. il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza. Nel presente documento i tre aspetti non sono separati ma vengono individuati specifici capitoli che costituiscono la base del sistema della sicurezza. Le diverse azioni attuative, essendo ricorrenti nel tempo, verranno successivamente documentate attraverso una apposita sezione di ALLEGATI che, di fatto, costituiscono il processo di aggiornamento delle misure di prevenzione e di protezione. Per l effettuazione della valutazione dei rischi e l elaborazione del Documento Il Datore di Lavoro si è avvalso della collaborazione del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione e degli addetti al Servizio, previa consultazione con il Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza. La valutazione e il documento devono essere rielaborati o integrati ogni qualvolta verranno effettuate nuove attività lavorative, utilizzati nuovi macchinari o modificati i livelli di

6 esposizione; sarà inoltre aggiornato in funzione delle variazioni del personale (nuove assunzioni/licenziamenti). Il documento viene custodito presso la Presidenza della Scuola situata al piano primo.

7 1. DATI DI IDENTIFICAZIONE Denominazione della Scuola SCUOLA MEDIA A. ARNULFI Sede P.zza Pastore, 11 Cap Tel. Fax Prov. TO Comune di VALPERGA Codice Fiscale n posizione INAIL n posizione INPS Addetti totali relativo all anno N 20 Direzione Docenti Amministrativi Collaboratori 1 29 / DATORE DI LAVORO Nome e Cognome BERTOLDO Lorenzo Nella sua qualità di Dirigente Scolastico Datore di lavoro Nata il a Prov. Residente St. Cap. Tel. Prov. TO Note 1.2. PREPOSTI I preposti sono designati dal Datore di Lavoro ai sensi dell art. 1, comma 4 bis e possono essere il Vice Preside, responsabili di sedi o sezioni staccate, docenti coordinatori di aree, responsabili di laboratorio, ecc. Nome e Cognome Novaria Margherita Nella sua qualità di FIDUCIARIA Nome e Cognome Foglia Livia Nella sua qualità di VICEFIDUCIARIA

8 2. COSTITUZIONE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Articolo 4, comma 4, lettera b): designazione da parte del Datore di Lavoro degli addetti al Servizio di Prevenzione e protezione. Attuazione dell art. 8 in ordine alla costituzione del Servizio di Prevenzione e Protezione. Organigramma DIRIGENTE SCOLASTICO Prof Bertoldo Lorenzo RESPONSABILE SERVIZIO Prevenzione e Protezione Prof. Ciambella Giovanni MEDICO COMPETENTE (non obbligatorio) ASL TO4 CONSULENTE ESTERNO COLLABORAT. R.S.P.P. Prof Foglia Livia Coll..Scol Genta Neva Prof Cavaciuti Cristiano INCARICATO PREV. INCENDI Prof Foglia Livia C S Genta Neva INCARICATO PRONTO SOCCORSO Prof.Novaria Margherita RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI Prof.essa Amati Giuliana LAVORATORI DIPENDENTI N 29 docenti+3 collaboratori scolastici

9 2.0. ELENCO DIPENDENTI A.S. 2008/ Docenti 1. Amerio Aldo 2. Amosso Gabriella 3. Beruatto Franca 4. Bruno Pietro 5. Caperonie Cinzia 6. Cavaciuti Cristiano 7. Chiaromonte Rosa 8. Foglia Livia 9. Gaudi Enrica 10. Geminiani Rossella Carla 11. Iorio Luigi 12. Lorenzatti Anita Caterina 13. Lupo Angela 14. Mangiullo Francesca 15. Mattioda Patrizia 16. Mellano Silvana 17. Minello Patrizia 18. Morgando Valeria 19. Novaria Margherita 20. Raimonda Maria Rosa 21. Redavid Angela Maria 22. Roletto Moreno Severino 23. Rosboch Gloria 24. Rosselli Maria Rosa 25. Rossi Enrica 26. Sereno Monica 27. Vacchero Maria Grazia 28. Vittone Danilo 29. Zanolo Massimiliano Collaboratori scolastici 1. Genta Neva 2 Bianco Teresa 3 Raitero Paolo

10 2.1. RESPONSABILE SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Articolo 4, comma 4, lettera a): designazione da parte del Datore di Lavoro del Responsabile del Servizio di Prevenzione e protezione. Cognome e Nome Ciambella Giovanni Nella sua qualità di Docente Nato il a Prov. Residente Via Cap. Tel Fax Prov. TO Note In allegato vi è copia della lettera raccomandata inviata all A.S.L. e all Ispettorato del Lavoro con la comunicazione dell avvenuta nomina (all. n 1) ALTRI COMPONENTI ADDETTI AL SERVIZIO Cognome e Nome Prof.ssa Novaria Margherita Prof.ssa Foglia Livia Prof.Vacchero Maria Grazia Prof. Cavaciuti Cristiano Coll Genta Neva 2.3. MEDICO COMPETENTE Articolo 4, comma 4, lettera c): nomina da parte del Datore di Lavoro del Medico competente: figura non obbligatoria. A.S.L. competente: n 9 IVREA (TO) 2.4. INCARICATI DEL PRONTO SOCCORSO Si tratta dei lavoratori designati dal Datore di lavoro a svolgere tali compiti in attuazione di quanto previsto dall art. 4, comma 5, lettera a. In apposito allegato deve essere conservata la relativa documentazione comprovante che i lavoratori designati abbiano frequentato un apposito corso di formazione (all. n 2).

11 Nominativo Cognome e Nome Prof.ssa Novaria Margherita Prof.essa Vacchero Maria Grazia 2.5. INCARICATI PREVENZIONE INCENDI Si tratta dei lavoratori designati dal Datore di lavoro a svolgere tali compiti in attuazione di quanto previsto dall art. 4, comma 5, lettera a. In apposito allegato deve essere conservata la relativa documentazione comprovante che i lavoratori designati abbiano frequentato un apposito corso di formazione (all. n 3). Nominativo Cognome e Nome Prof.essa Foglia Livia Coll. Scol Genta Neva In merito alle designazioni dei lavoratori addetti alla lotta antincendio vedi il successivo capitolo 8. Pertanto i nominativi dei lavoratori sono elencati in altra parte del documento. 3. ASPETTI GENERALI DELLA STRUTTURA SCOLASTICA 3.1 DESCRIZIONE GENERALE L edificio scolastico è ubicato nel centro del Comune di Valperga, in P.zza Pastore n 11. Il progetto originario dell edificio, nel corso degli anni, è stato, in parte modificato, in relazione alle esigenze scuola, si sono risistemati gli ambienti per recuperare nuovi locali. Il fabbricato, costruito alla metà degli anni Settanta, è articolato su tre piani: piano seminterrato, piano terreno e primo piano. La scuola è situata su un terreno avente superficie pari a m 2 di cui 1375 m 2 di superficie coperta. Nel piano seminterrato, che si estende solo per una minima parte rispetto ai piani superiori, è ubicata un area in cui fino a prima del 1989 era presente la centrale termica dell edificio ora adibita a locale pompe e a locale caldaia per la sola produzione di acqua calda sanitaria. Il locale caldaia per il solo riscaldamento è adiacente l edificio scolastico al piano seminterrato. La rimanente parte di piano seminterrato, non agibile, funge solo da intercapedine di altezza compresa tra 1.80 e 1.85 m.

12 Al piano terreno trovano spazio le aule, i servizi igienici, la palestra, l aula magna, la mensa e la nuova cucina costruita alla fine del Al primo piano sono ubicate le aule, la presidenza ed i servizi igienici. I tre piani sono collegati internamente da una scala con struttura in cemento armato. Esistono inoltre due scale esterne in ferro, al fine di garantire il deflusso degli occupanti il piano primo in caso di necessità. La struttura portante è in calcestruzzo armato fino al solaio del piano terreno. La parte emergente (piano terreno e piano primo) presenta una struttura portante in acciaio. Il tamponamento perimetrale è realizzato con doghe metalliche rivestite in PVC. Le pareti divisorie interne sono costituite da pannelli in cartongesso. La copertura è piana e l altezza utile dell edificio è di 7.50 m. L intera area di pertinenza risulta completamente recintata. Al fine della sicurezza e della prevenzione incendi, in data 14/03/2002 è stato redatto progetto per l ottenimento del C.P.I. inoltrato ai Vigili del Fuoco di Torino. Il Comando ha dato parere favorevole in data 02/04/2002 pratica n , con protocollo n 3551 (vedere allegato n 4). Ad oggi la scuola è in attesa del sopralluogo dei Vigili del fuoco che effettueranno il collaudo definitivo e rilasceranno il C.P.I.. In base alle esigenze descritte nell esame progetto sono stati eseguiti i seguenti interventi: - realizzazione dell impianto di rilevazione fumi costituito da una centralina elettronica di comando ubicata al piano primo nel locale presidenza. In tutte le aule, in presidenza, nell aula magna, nei corridoi e nel locale mensa sono stati installati rivelatori di fumo a soffitto - compartimentazione REI 120 del locale biblioteca (piano primo) con sostituzione della porta di ingresso con un serramento avente caratteristiche REI 120 e controtamponamento in pannelli di cartongesso delle pareti perimetrali esistenti e del controsoffitto - adeguamento della rete idranti interna con sostituzione delle tubazioni di diametro non sufficiente a garantire la pressione e la portata di acqua richieste con tubazioni in acciaio da 3 (sia la rete ad anello situata nel piano interrato, sia le colonne montanti a servizio degli idranti ai piani). E stata inoltre sostituita la tubazione di collegamento della rete ad anello interna alla scuola con la tubatura dell acquedotto situata in Piazza Pastore. Tale collegamento è satto effettuato a mezzo di una tubazione in PEAD PN10

13 - compartimentazione della scala interna al fine di renderla protetta ; sono state realizzate strutture fisse di compartimentazione al piano primo in muratura avente caratteristiche REI 120. La porta è ad un battente con apertura verso l interno della scale in lamiera di acciaio a doppio pannello con isolante termico, ignifugo, completa di serratura e maniglia di tipo antipanico, controtelaio con zanche, cerniera con molla regolabile per la chiusura automatica e profilo di guarnizione antifumo. Di caratteristiche analoghe è la porta posta al piano terreno (a doppio battente con apertura verso l esterno) ed al piano seminterrato (ad un battente con apertura verso l esterno) - compartimentazione con contropareti in catorngesso e muratura aventi caratteristiche REI 120 della palestra, dell archivio e della zona di ingresso al piano terreno - realizzazione all esterno dell edificio di una nuova scala metallica di sicurezza ai fini di agevolare le operazioni di evacuazione del piano primo in caso di pericolo: la scala ha una pedata ed un alzata costante rispettivamente di 0.30 e 0.17 cm, con una larghezza di 120 cm, ed un pianerottolo intermedio di dimensioni adeguate al fine di rientrare nei parametri previsti dalla normativa antincendio - su tutte le vetrate sono state applicate pellicole trasparenti in poliestere al fine di evitare situazioni di pericolo in caso di urto: la pellicola è di tipo adesivo in poliestere, trasparente antisfondamento e metallizzata in modo da ottenere un assorbimento (minimo 97%) dei raggi ultravioletti, rifrazione del calore (minimo 54%) e maggiore resistenza agli urti - sostituzione a Giugno 2004 del boiler elettrico per la produzione dell acqua calda sanitaria con caldaia e relativo bollitore ubicati al piano seminterrato nel locale pompe - aula magna: tale locale è stato adeguato sia in relazione all accesso interno, prima pericolosissimo (in quanto aprentesi direttamente sulla scalinata) sia in relazione alle uscite di sicurezza prima in numero non sufficiente a garantire il deflusso in sicurezza degli occupanti in caso di pericolo. La gradinata è stata demolita ed il vascone centrale è stato riempito in modo tale da portare il piano pavimento al piano pavimento dei locali e corridoi adiacenti. Ai fini della prevenzione incendi, è stata aperta una nuova uscita di sicurezza verso il cortile. Internamente sono stati demoliti i portoni scorrevoli che separavano l aula magna dalla rimanente parte di edificio e, con opportune opere murarie, sono stati sostituiti da due porte a doppio battente REI 120, aprentesi verso l interno del locale. La pavimentazione dell intero locale è in PVC antisdrucciolo, e classe 0 di reazione al fuoco.

14 - Alla sommità del vano scala è stato installato un evacuatore di fumo e calore. Tale evacuatore è stato realizzato in conformità alla norma UNI 9494, costituito da telaio e controtelaio, completo di guarnizioni in alfaprene, cerniere in alluminio, rivetti e viterie in acciaio inox. Il lucernaio prima esistente è stato sostituito con un lucernaio monolitico duplex in policarbonato con elevata resistenza agli urti e alla grandine. E stato realizzato in conformità alla norma UNI 9494, con angolo di apertura 120, costituito da telaio (con configurazione tubolare) e controtelaio (con configurazione a Z) in alluminio estruso naturale lega (UNI 6060), assemblato per cianfrinatura, completo di guarnizioni in alfaprene, cerniere in alluminio, rivetti e viterie in acciaio inox. La posizione di apertura è garantita, anche in presenza di vento contrario, da arresti meccanici posti sui lati normali al lato delle cerniere. La possibilità di sgancio manuale dall esterno è data da un perno (asportabile) associato all estremità del chiavistello. Tutti i tubi preposti all alimentazione del cilindro sono in teflon protetto da doppia calza in acciaio inox. Il dispositivo potrà essere collegato ad un impianto di apertura a distanza di tipo pneumatico senza altro alcun accessorio. - adeguamento alle normative vigenti dell impianto elettrico e di illuminazione - Nell estate 2008, è stato realizzato un ascensore che ha sostituito ed eliminato il montascale. - L ascensore è stato costruito nella struttura in c.a già esistente, fin dalla costruzione della scuola. E sito nel corridoio a destra dell entrata principale, collega il P.T al 1 P, il suo uso è riservato al personale addetto e agli alunni diversamente abili non autonomi, si attiva mediante chiave, ha una capienza di 9 persone ed una portata da 667 Kg. (Saranno richiesti al Comune le dichiarazioni di conformità alle norme di sicurezza vigenti ) In allegato n 4 vengono riportate le dichiarazioni di conformità degli impianti realizzati a regola d arte (impianti elettrici, idro-termo-sanitari ed antincendio) CICLO LAVORATIVO La scuola svolge attività educativa e scolastica. Anno scolastico 2007/2008: - numero totale allievi numero totale docenti: 29 - numero totale collaboratori scolastici: 3

15 Afflusso persone/giorno a scuola: 234 Possono entrare nell edificio: fornitori, addetti alla manutenzione dei laboratori, impiegati del comune, genitori, personale della cooperativa andirivieni, personale mensa, addetti alle macchine di caffetteria, relatori di corsi di formazione, rappresentanti libri e materiale didattico LOCALI E AMBIENTI DELLA SCUOLA In questo capitolo sono identificati tutti gli ambienti del plesso scolastico inteso come luogo di lavoro. I relativi rischi, in relazione alle specifiche attività lavorative, sono evidenziati nel Capitolo 7 con singole schede contrassegnate da un numero. Il numero relativo è riportato nella colonna A. (esempio) CODICE DESTINAZIONE LOCALI A RISCHIO TIPO DI SI NO RISCHIO Planimetria generale In allegato n 5 vengono riportati tutti gli ambient i con l indicazione numerica di ogni locale: - piano seminterrato: numeri identificativi - piano terreno: numeri identificativi - piano primo: numeri identificativi Piano Seminterrato CODICE DESTINAZIONE dei locali LOCALI A RISCHIO TIPO DI RISCHIO SI NO P.S.1 Centrale termica P>116 KW x - fughe gas P.S.2 Centrale termica P<35 KW x - fughe gas P.S.3 Locale non agibile da persone X P.S.4 Locale non agibile da persone X

16 Piano Terreno CODICE DESTINAZIONE dei locali LOCALI A RISCHIO TIPO DI RISCHIO SI NO P.T.0 CUCINA x - fughe gas - incendio P.T.1 SPOGLIATOIO/W.C. X P.T.2 ANTIBAGNO X P.T.3 SPOGLIATOIO/W.C. X P.T.4 MENSA X P.T.5 AULA X P.T.6 AULA MAGNA x P.T.7 AULA SPECIALE X P.T.8 SALA TV X P.T.9 ANTIBAGNO/W.C. X P.T.10 ARCHIVIO X P.T.11 W.C. X P.T.12 W.C. X P.T.13 W.C. DISABILI X P.T.14 AULA X P.T.15 BIBLIOTECA - MUSICA x - Incendio - Urto per spostamento arredi P.T.16 AULA ED. ARTISTICA X P.T.17 SPOGLIATOIO X P.T.18 W.C./DOCCE X P.T.19 DEPOSITO ATTREZZI X PALESTRA P.T.20 SPOGLIATOIO X P.T.21 W.C./DOCCE X P.T.22 W.C. X P.T.23 W.C. X

17 P.T.24 INFERMERIA X P.T.25 W.C. X P.T.26 PALESTRA x Primo Piano CODICE DESTINAZIONE LOCALI A RISCHIO dei locali SI NO TIPO DI RISCHIO P.1.1 SALA VIDEO X P.1.2 AULA X P.1.3 AULA X P.1.4 AULA X P.1.5 AULA X P.1.6 AULA X P.1.7 AULA X P.1.8 W.C. X P.1.9 W.C. DISABILI X P.1.10 W.C. X P.1.11 AULA X P.1.12 RIPOSTIGLIO X P.1.13 RIPOSTIGLIO X P.1.14 AULA X P.1.15 AULA COMPUTER X - incendio P.1.16 PRESIDENZA SALA INS. X P.T.17 RIPOSTIGLIO X P.T.18 SPOGLIATOIO X P.T.19 W.C. X P.T.20 W.C. X

18 3.4 IMPIANTI Impianto di riscaldamento Tipo di impianto Alimentazione Potenzialità Max (Kcal/h) Centralizzato Metano N 2 caldaie da Autonomo per locale o reparto VV.F. si no in corso non previsto Certificato Prevenzione Incendi X Stoccaggio combustibile: NON PREVISTO Impianto elettrico Tipo di allaccio cabina B.T. ENEL Potenza (Kw) Allaccio X 30 Impianto di messa a terra / scariche atmosferiche / collegamenti si no verifiche periodiche ultima verifica Schema elettrico Impianto di terra. X X X Protezione scariche X atmosferiche. Coll. a terra imp. X distrib. in B.T. Messa a terra depositi interrati.

19 Impianti elettrici aggiuntivi Impianto di rifasamento Illumin. esterna autonoma Insegne luminose esterne si no Pot. (KW) X (KVar) X X verifiche periodiche ultima verifica Schema elettrico Generatori di corrente supplementari: NON PREVISTI L impianto elettrico della scuola media Arnulfi è costituito dai circuiti di distribuzione dell illuminazione, delle prese di corrente e delle singole utenze, dai quadri di distribuzione, dai corpi illuminanti, ecc. L impianto ha origine dal piano seminterrato dove è ubicato il quadro elettrico generale e i contatori Enel (trifase e monofase). Le linee di distribuzione sono realizzate con cavi contenuti entro tubazioni posate in canaline a parete/soffitto a vista o sottotraccia. I corpi illuminanti sono costituiti da plafoniere, lampade e proiettori installati a soffitto e a parete. Le masse dell impianto e le masse estranee sono collegate ad un impianto di terra. Oltre all illuminazione normale è installata l illuminazione di sicurezza; i corpi illuminanti di emergenza sono 1x18 W ad interdizione e in modalità sempre accesa sulle uscite di sicurezza. Essa è realizzata con l installazione di gruppi di illuminazione autonomi provvisti di accumulatore incorporato che entrano automaticamente ed istantaneamente in funzione al mancare della normale alimentazione. L illuminazione di sicurezza è prevista per assicurare un sufficiente livello di illuminazione; essa entrerà in funzione automaticamente al mancare della tensione di rete e sarà in grado di funzionare per almeno 60 minuti, garantendo un livello di illuminazione non inferiore a 5 lux ad 1 metro da terra.

20 L impianto è realizzato nel rispetto della normativa vigente (legge n. 186/68) e tale conformità è attestata secondo le procedure previste dalla legge n 46 del 5 Marzo La scuola è inoltre munita di un sistema di allarme in grado di avvertire gli alunni ed il personale presenti in caso di pericolo. Il sistema di allarme ha caratteristiche atte a segnalare il pericolo a tutti gli occupanti il complesso scolastico ed il suo comando è posto in locale costantemente presidiato durante il funzionamento della scuola (la centralina d allarme antincendio à posizionata in presidenza al primo piano). Il sistema di allarme è costituito dallo stesso impianto a campanelli usato normalmente per la scuola, con un particolare suono. Impianto antincendio Impianto idrico antincendio di tipo fisso: ANELLO COLLEGATO ACQUEDOTTO COMUNE Impianto automatico antincendio: NON PREVISTO Impianti per lo scarico del fumo e del calore (EFC): Tipo di EFC Lucernai a soffitto Ventilat. statici continui Aperture a Shed Sfoghi di calore e fumo x Tipo di comando dell EFC: Pneumatico Elettrico Altro Tipo di EFC x x Rivelazione di incendio e allarme: Rivelazione di incendio ed allarme Fumo Termico Ottico Gas x Nell edificio scolastico è installato un impianto di rilevazione automatica d'incendio a zone. I rilevatori di fumo sono posizionati in tutti gli ambienti tranne in palestra. La centralina è ubicata in luogo presidiato e precisamente in presidenza al piano primo. La distribuzione della linea elettrica per i rilevatori di fumo è nella stessa canalina delle prese/illuminazione/dati. Tale canalina è di dimensioni 100x80 mm per la dorsale principale a parete/soffitto con setti separatori.

21 LIVELLO DI RISCHIO DOVUTO AGLI IMPIANTI ESISTENTI NELL ATTIVITÀ X Lieve Medio Alto Indicazioni delle misure da adottare 1. Richiedere tutte le dichiarazioni di conformità; 2. Completare le denunce presso gli organi di controllo; 3. Organizzare una revisione periodica e documentata; 4. Aggiornare l adeguamento alle Norme 4. INFORMAZIONE In uno specifico allegato (all. n 6) sono contenute, in ordine cronologico, e documentate tutte le azioni informative riferite ai lavoratori ed agli allievi della scuola. L allegato contiene programmi dei corsi, nominativi dei docenti, registi firma dei partecipanti, il tipo di informazione ricevuta ed ogni altra notizia utile ai fini dell informazione. Al responsabile del Servizio vengono affidati i compiti organizzativi ed operativi anche in relazione alle decisioni stabilite nella Riunione Periodica. Ciascun lavoratore ha diritto di ricevere un informazione adeguata in materia di prevenzione e protezione. Il Responsabile del servizio si assicura che, ai sensi dell art. 21 del D.lgs. n 626/94, l informazione deve essere resa in forma agevolmente comprensibile, e riferita: a) ai rischi per la sicurezza e la salute connessi all'attività dell'impresa in generale; b) alle misure ed alle attività di protezione e prevenzione adottate; c) ai rischi specifici, cui è esposto il lavoratore in relazione all'attività svolta ed alle normative di sicurezza ed alle disposizioni aziendali in materia; d) ai pericoli connessi all'uso delle sostanze e dei preparati pericolosi; e) alle procedure ed ai nominativi dei lavoratori incaricati di applicare le misure che riguardano il pronto soccorso, la lotta antincendio e l'evacuazione dei lavoratori; f) al nominativo del responsabile del Servizio di prevenzione e protezione e del medico competente (ove nominato).

22 La formazione riguarda specifiche categorie di lavoratori a seconda delle mansioni svolte e del luogo di lavoro. Per i neo assunti o per coloro che vengono incaricati di un nuovo lavoro o quando avvengono modifiche rilevanti, al lavoratore deve essere garantita la possibilità di svolgere la propria mansione in condizioni di salubrità e sicurezza MANUALI DELLA SICUREZZA Possono essere predisposti, in allegato al Documento di Valutazione, a cura del Datore di Lavoro, specifici manuali della sicurezza sul lavoro. Ogni specifico Manuale integra e completa le misure di prevenzione previste nel Documento e viene consegnato ed illustrato ad ogni lavoratore quale informazione di base per la sicurezza e quale primo adempimento agli obblighi di cui all art. 21. Ciò non assolve gli specifici adempimenti previsti dai commi a), b). f) e g) ma non i commi c), d), ed e) dell art FORMAZIONE In uno specifico allegato (all.n 7) sono contenute, in ordine cronologico, e documentate tutte le azioni formative riferite ai dipendenti dell azienda. L allegato contiene programmi dei corsi, nominativi dei docenti, registri firma dei partecipanti, il tipo di formazione ricevuta ed ogni altra notizia utile ai fini della formazione. Al responsabile del Servizio vengono affidati i compiti organizzativi ed operativi anche in relazione alle decisioni stabilite nella Riunione Periodica. La formazione riguarda specifiche categorie di lavoratori a seconda delle mansioni svolte e del luogo di lavoro. In modo specifico la formazione deve avvenire: all assunzione, ovvero al momento della presa in servizio in occasione di trasferimento o cambiamento di mansioni nell introduzione di nuove attrezzature di lavoro o nuove tecnologie, sostanze o preparati pericolosi. Questo enunciato è, di fatto, il contenuto di numerosi articoli del D. Lgs. 626/94 nei quali è richiamato l'obbligo di formazione dei lavoratori.

23 Gli articoli, nonchè gli oggetti della formazione a cui fanno riferimento, sono di seguito elencati per maggior chiarezza: art. 22 comma 1 sicurezza e salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alla propria mansione art. 38 comma 1 lett. a attrezzature di lavoro art. 38 comma 1 lett. b: attrezzature di lavoro il cui impiego richieda conoscenze o responsabilità particolari art. 43 comma 4 lett. g uso appropriato dei Dispositivi di Protezione Individuali art. 43 comma 5 DPI ed eventuale addestramento all'uso art. 49 comma 2 movimentazione carichi art. 56 comma 1 uso di VDT art. 66 comma 1 uso di agenti cancerogeni art. 85 comma 1 uso di agenti biologici 6. CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE 6.1. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI R.L.S Cognome e nome Sig.ra Amati Giuliana Nata il A Prov. Residente Via Cap. Tel. Fax Prov. Note In apposito allegato deve essere conservata la relativa documentazione comprovante che il lavoratore designato abbiano frequentato un apposito corso di formazione (all. n 8).

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

ELABORA IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL DATORE DI LAVORO DEVE VALUTARE TUTTI I RISCHI PRESENTI NEL LUOGO DI LAVORO con la collaborazione di: RSPP MEDICO COMPETENTE nei casi in cui c è obbligo di sorveglianza sanitaria PREVIA CONSULTAZIONE

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea..

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS) Ai sensi del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. Realizzazione della Metropolitana di., Linea.. Sottosistema di Impianti presso la stazione di.. Committente:.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Università degli studi di Parma MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO A cura di Maria Concetta Arena Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Via S. Michele, 9 43100 PARMA Tel. 0521 034713

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari

COMUNE DI SASSARI. Provincia di Sassari COMUNE DI SASSARI Provincia di Sassari Azienda ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE ROSELLO ALTO VIA MANZONI N. 1/A 07100 SASSARI TEL 079/244074 FAX 079/2590926 Email: ssic84900t@istruzione.it Datore di Lavoro Dott.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli