I diritti del contribuente: come risparmiare le imposte e tutelarsi nei confronti del fisco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I diritti del contribuente: come risparmiare le imposte e tutelarsi nei confronti del fisco"

Transcript

1 I diritti del contribuente: come risparmiare le imposte e tutelarsi nei confronti del fisco 1

2 Presentazione 1. Lo Statuto dei diritti del contribuente 2. Il primo controllo dell Agenzia delle Entrate sulla dichiarazione 2.1. La comunicazione di irregolarità 2.2. I preavvisi telematici al Caf 3. Dalla A alla Z il dizionario del bravo risparmiatore fiscale 2

3 Presentazione E opinione ampiamente condivisa che fra gli elementi per valutare la bontà di un sistema fiscale, il grado di semplicità, trasparenza, e correttezza della sua applicazione pratica occupi un posto di sicuro rilievo. A differenza di quanto avviene negli altri Paesi europei, in Italia l amministrazione dei tributi è stata a lungo trascurata ed ha camminato di pari passo con la continua complicazione dell ordinamento tributario. Il combinarsi di questi due elementi normativa fiscale caotica e spesso incomprensibile ai più e prassi applicativa ancora più confusa ha favorito il continuo espandersi fra le maglie del sistema del fenomeno dell evasione fiscale, che ha raggiunto ormai livelli intollerabili. E questa la ragione per la quale la UIL, a partire dagli anni ottanta, ha posto in essere varie iniziative anche di denuncia ( Io pago le tasse e tu? Il fisco? Un fiasco! ecc.) che hanno poi contribuito alla nascita dello Statuto del Contribuente ed alla riforma dell Amministrazione Finanziaria, culminata nel 2000 nella trasformazione della stessa in Agenzie Fiscali. In questo processo di profondo cambiamento, lo Statuto del Contribuente rappresenta una tappa importante in quanto per il suo tramite sono stati recepiti e disciplinati nell ordinamento tributario i principi costituzionali di trasparenza, imparzialità e correttezza dell azione amministrativa. La sua applicazione, però, non è né scontata né semplice, come dimostrano le relazioni dei Garanti dei contribuenti, nelle quali vengono evidenziati come punti di maggior criticità ad esempio le procedure relative, all esecuzione dei rimborsi, alle verifiche fiscali o all applicazione dell autotutela, spesso disattesa dall Amministrazione. In ogni caso, significativi passi avanti sono stati fatti, basti pensare al cambiamento delle regole per il controllo delle dichiarazioni ed al ruolo riconosciuto al contribuente come titolare di diritti, oltre che di doveri. Ma la strada da percorrere per dare attuazione concreta ai principi dello Statuto è ancora lungi dall esser completata. Una significativa spinta in tal senso può venire sicuramente dalla conoscenza che ogni contribuente deve avere dei propri diritti per poterne esigere il rispetto, restituendo in tal modo tutta la sua dignità ad uno strumento di civiltà giuridica introdotto per semplificare e rendere trasparente l intero sistema tributario, in coerenza con i principi costituzionali della solidarietà e dell equità. Questo lavoro ha proprio l obbiettivo di migliorare la conoscenza dei diritti ormai riconosciuti a tutti i contribuenti, partendo da quelli che consentono di risparmiare legalmente le imposte, fino ai 3

4 comportamenti da tenere e da pretendere nella fase di controllo delle dichiarazioni da parte del Fisco. Servizio Politiche Fiscali 4

5 1. Lo statuto dei diritti del contribuente. Agli inizi degli anni ottanta un Ministro delle Finanze paragonò il rapporto Fisco/contribuente a quello che esisteva in passato fra il Re e i propri sudditi. Si trattava ovviamente di una provocazione che, però, fotografava la situazione di quegli anni. Una situazione che occorre tener presente per comprendere le difficoltà di un percorso durato oltre un decennio che ha portato a recepire nel nostro ordinamento, con lo Statuto dei diritti del Contribuente, i principi di trasparenza, correttezza ed imparzialità previsti dagli articoli 3, 23, 53 e 97 della Costituzione, spostando, finalmente, il centro dell attenzione dalla superiorità assoluta riconosciuta alla Pubblica Amministrazione alle attese del comune cittadino, titolare di diritti e doveri suscettibili di tutela da parte dell ordinamento. La compliance su cui si basano oggi i rapporti cittadino/amministrazione è il frutto di questo radicale cambiamento iniziato con la legge n. 241 del 1990, con la quale da un lato vengono introdotti in capo all Amministrazione obblighi quali la motivazione dei provvedimenti, la conclusione del procedimento entro termini prefissati, la pre-determinazione dell unità organizzativa responsabile dell istruttoria, dall altro vengono riconosciuti diritti degni di tutela a vantaggio del cittadino/utente come il diritto di accesso agli atti o quello di partecipazione al procedimento. Un secondo fondamentale passaggio, avvenuto a distanza di oltre venti anni dalla riforma fiscale del 1971 e fortemente voluto dalle Confederazioni Sindacali, è rappresentato dalla legge n.358 del 29 0ttobre 1991, con la quale si poneva finalmente mano alla ristrutturazione del Ministero delle Finanze, e si introducevano principi generali come la semplificazione e la trasparenza dei rapporti con i contribuenti. Mentre con il relativo decreto attuativo 1, si configuravano le regole per l applicazione dell autotutela in campo tributario e le modalità per assicurare trasparenza all attività dell Amministrazione Finanziaria. Regole che hanno successivamente ispirato tutti i cambiamenti strutturali intervenuti a cominciare dagli Uffici di Relazione con il Pubblico, dai Call Center fino all ultima più recente riforma che ha visto la nascita delle Agenzie fiscali. Lo Statuto costituisce, dunque, l approdo di un percorso iniziato nei primi anni novanta allorché da più parti venne avvertita l esigenza, in presenza di una legislazione tributaria confusa e farraginosa, di una legge di carattere generale che rafforzasse il principio della certezza giuridica e, conseguentemente, desse attuazione, anche nel nostro Paese, ai diritti fondamentali del contribuente. 1 D.P.R. n. 287 del 27 marzo

6 A differenza degli altri Statuti vigenti nei Paesi Ocse, il nostro ha la particolarità di disciplinare anche il modo di produzione delle leggi in materia tributaria, prevedendo regole per migliorare l accessibilità e la comprensibilità delle norme fiscali, e ponendo anche un freno ad una ipertrofia legislativa che ha reso il nostro sistema tributario sempre meno trasparente e conoscibile. Sotto quest aspetto, lo Statuto prevede, in particolare, la irretroattività delle norme fiscali, il divieto di prorogare i termini di prescrizione e di decadenza per gli accertamenti, il divieto di istituire nuovi tributi e quello di estendere l applicazione dei tributi esistenti ad altri soggetti con decreto legge. Purtroppo, questo primo gruppo di norme fondamentali ha il suo punto di maggiore criticità nella possibilità di deroghe da parte di leggi successive: solo in materia di efficacia temporale delle norme tributarie (vedi proroga dei termini per l accertamento) abbiamo contato 10 deroghe in poco più di tre anni! La prima è contenuta nella legge n.388 del 23 dicembre 2000 (lo Statuto è del Luglio del 2000), l ultima nella legge n. 350 del 24 dicembre del Un secondo gruppo di norme è volto a tutelare la posizione del contribuente nei confronti dell Amministrazione, riducendone le aree di discrezionalità ed introducendo un vero e proprio codice di comportamento. E previsto, infatti, da un lato l obbligo dell Amministrazione di organizzarsi per assicurare al contribuente una completa ed agevole conoscenza delle disposizioni legislative e amministrative in materia tributaria, e dall altro, il diritto del contribuente alla più ampia conoscenza degli atti che lo riguardano. L Amministrazione viene, inoltre, richiamata al rispetto dei generali doveri previsti dalla legge n. 241 del 1990 in tema di motivazione degli atti, di individuazione dei responsabili del procedimento e di comunicazione informativa al destinatario dei provvedimenti. Conseguentemente, si stabilisce che i rapporti fra fisco e contribuente debbano essere improntati al principio della collaborazione e della buona fede. E un principio innovativo nel terreno tributario, inserito tra gli obbiettivi strategici dell Amministrazione con il termine di tax compliance, che indica la necessità di un rapporto fiscale di semplice attuazione, trasparente e condiviso. L affidamento e la buona fede impongono, poi, un vincolo comportamentale all Amministrazione, in base al quale il contribuente che si è comportato secondo le indicazioni contenute negli atti dell Amministrazione, anche se successivamente modificate o disattese dalla stessa, non può vedersi irrogare sanzioni, né richiedere interessi moratori; né l Amministrazione può irrogare sanzioni in presenza di violazioni meramente formali o quando la violazione sia stata causata da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull ambito di applicazione della norma. 6

7 Ma sanzioni non possono essere irrogate neanche quando il contribuente ha sfruttato un altro strumento che lo Statuto gli pone a disposizione, cioè la possibilità di interpellare in anticipo l Amministrazione sulla correttezza tributaria di determinati atti o comportamenti che intende porre in essere e l Amministrazione non gli abbia dato alcuna risposta entro centoventi giorni dall istanza d interpello. La mancata risposta, in questo caso, equivale, infatti, ad un autorizzazione al contribuente a comportarsi così come da lui prospettato nell istanza. Precisi diritti e garanzie sono previsti, infine, per il contribuente assoggettato a verifica fiscale, che ha diritto di essere informato delle ragioni e dell oggetto della stessa, di farsi assistere, se lo ritiene, da un professionista abilitato, di veder riportate, nel processo verbale, le osservazioni e i rilievi che lui stesso o il professionista che lo assiste ritengono di dover fare. A vigilare sul corretto rispetto delle norme dello Statuto è stato istituito il Garante del contribuente, un organo collegiale che è presente in tutte le regioni e nelle province autonome ed ha il compito di verificare, attraverso accessi agli uffici ed esame della documentazione, le irregolarità, le scorrettezze e le disfunzioni dell attività fiscale segnalate dai contribuenti. I poteri attribuiti al Garante dallo Statuto, tuttavia, si fermano qui. Quest organo, infatti, non può intervenire direttamente sull amministrazione in caso di disfunzioni, ma deve limitarsi a segnalare le stesse nelle relazioni semestrali sull andamento dell attività, relazioni che fino ad oggi hanno evidenziato senz altro la bontà del percorso fatto, ma hanno sottolineato, altresì, le criticità riscontrate, ad esempio nell applicazione dell autotutela, nell esecuzione dei rimborsi, nelle verifiche fiscali ecc. Come si può notare, dunque, passi avanti nella considerazione del contribuente come titolare di diritti oltre che di doveri nei confronti dell amministrazione finanziaria ne sono stati fatti, ma è ancora lunga la strada per garantire la conoscenza e soprattutto la piena applicazione dei diritti riconosciuti dallo Statuto a tutti i contribuenti, a partire dai più deboli come i pensionati e i lavoratori dipendenti. Il contributo che si vuole dare, allora, nelle pagine che seguono è proprio questo: aiutare il contribuente a migliorare la conoscenza dei propri diritti, da quello al risparmio d imposta con l utilizzo pieno e legittimo delle detrazioni e delle deduzioni in sede di dichiarazione, a quelli previsti nella successiva fase di controllo da parte del Fisco, per poter recuperare a pieno la dignità di persone che contribuiscono con i propri soldi alle spese pubbliche. 7

8 2. Il primo controllo dell Agenzia delle Entrate sulla dichiarazione La comunicazione di irregolarità L approvazione dello Statuto dei diritti del contribuente ha inciso anche sulle modalità di esecuzione dei controlli da parte dell amministrazione finanziaria sulle dichiarazioni dei redditi. Sotto quest aspetto, la novità più importante, ma di cui ancora non si è avvertita a pieno la portata, è rappresentata dalla comunicazione di irregolarità, l atto che l Agenzia delle Entrate invia al contribuente quando il risultato della liquidazione della dichiarazione non corrisponde al risultato dei calcoli da lui fatti. Si tratta di un grosso passo avanti nella civiltà giuridica dei rapporti con il contribuente, al quale viene riconosciuto il diritto alla trasparenza dei risultati del controllo prima dell invio della cartella esattoriale e la possibilità di confrontarsi in maniera collaborativa con l amministrazione. Quali controlli può esercitare l amministrazione sulle dichiarazioni I controlli che l amministrazione (l Agenzia delle Entrate, in questi casi) può effettuare sulle dichiarazioni presentate dai contribuenti sono di tre diversi livelli, l uno via via più approfondito dell altro. Il primo livello (controllo automatizzato o liquidazione della dichiarazione) è un semplice controllo aritmetico e di abbinamento di versamenti: in pratica si verifica se i conti fatti dal contribuente in dichiarazione presentano o meno errori e se sono stati effettuati i versamenti dovuti. Questo livello di controllo riguarda in genere tutte le dichiarazioni e quindi la generalità dei contribuenti e dei diversi tipi di reddito (da lavoro dipendente, da pensione, da fabbricati, da lavoro autonomo, d impresa, ecc.). Il secondo livello (controllo formale) è un po più approfondito e riguarda l esistenza o meno della documentazione che giustifica costi e eventuali agevolazioni fiscali utilizzata dal contribuente nel calcolo dell imposta e per i dati da lui esposti in dichiarazione. Questo tipo di controllo si applica anche alle dichiarazioni corredate di visto di conformità per le quali, pur tenendo conto del fatto che la documentazione è stata controllata dall intermediario per apporre il visto, si procede al controllo per verificare la correttezza del visto rilasciato. Per questo motivo, della richiesta di documenti e chiarimenti inviata al contribuente, l Agenzia delle Entrate dovrà informare anche il responsabile dell assistenza fiscale o il professionista che ha rilasciato il visto di conformità, in modo che sia assicurata al contribuente l assistenza tecnica di cui necessita e l intermediario possa essere messo in condizione di conoscere 8

9 l avvio di un attività istruttoria dalla quale potrebbe anche discendere la contestazione della infedeltà del visto rilasciato (con le conseguenti sanzioni a suo carico). Il terzo livello, l ultimo (controllo sostanziale o accertamento) va oltre la sola esistenza formale della documentazione e scende nel merito dei contenuti. Il secondo ed il terzo livello non riguardano tutte le dichiarazioni, ma solo quelle che rispondono a determinati criteri di selezione di anno in anno definiti. Proprio per le caratteristiche di successivo approfondimento di questi tre livelli di controllo, il fatto di aver superato senza intoppi il primo non mette al sicuro il contribuente dai livelli successivi e dunque non lo autorizza a disfarsi della documentazione, che andrà comunque conservata fino alla scadenza del quarto anno successivo alla presentazione della dichiarazione (quando, salvo proroghe che allungano il periodo, scade il potere di controllo del fisco. V. capitolo terzo, documentazione da conservare ) Nelle pagine che seguono ci occupiamo del primo livello di controllo, che per la sua caratteristica di riguardare tutte le dichiarazioni è sicuramente quello maggiormente avvertito dai contribuenti e quello che fa maggior rumore (ricordiamo tutti i titoli dei giornali sull invasione delle cartelle pazze o sulle file agli uffici per la correzione degli errori). Il controllo sui conti della dichiarazione Il controllo generalizzato è definito liquidazione delle imposte, dei contributi e dei premi dovuti, nonché dei rimborsi spettanti in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti e dai sostituti d imposta. I poteri riconosciuti all Amministrazione finanziaria a questo proposito consistono nel: correggere gli errori materiali e di calcolo commessi nella determinazione del reddito imponibile, delle imposte, dei contributi e dei premi, e nel riporto delle eccedenze provenienti dalle precedenti dichiarazioni ridurre l ammontare di deduzioni, detrazioni e crediti d imposta, quando questi siano stati indicati in misura superiore ai limiti previsti per legge ovvero siano d importo più elevato rispetto a quanto risulta dal complesso dei dati esposti in dichiarazione controllare che i versamenti dovuti a titolo di acconto e di saldo e le ritenute operate dal sostituto d imposta siano stati fatti nei termini e corrispondano a quanto indicato in dichiarazione. Il controllo prende in considerazione esclusivamente i dati e gli elementi direttamente desumibili dalle dichiarazioni presentate confrontandoli altresì con elementi già in possesso dell anagrafe tributaria. 9

10 Se, al termine del controllo, il risultato della liquidazione è diverso da quello esposto in dichiarazione l amministrazione ha l obbligo di comunicarlo al contribuente (o al sostituto d imposta per quanto riguarda le ritenute) provvedendo ad inviargli una comunicazione di irregolarità. Quando viene spedita la comunicazione di irregolarità e cosa contiene La liquidazione della dichiarazione viene eseguita in modo automatico. Le dichiarazioni, infatti, vengono passate al vaglio di un programma informatizzato che verifica la regolare corrispondenza fra quanto dichiarato nei righi dei diversi quadri della dichiarazione e la correttezza dei calcoli eseguiti dal contribuente per arrivare a determinare l imposta (per esempio viene messa in relazione la presenza del coniuge o dei figli a carico con la relativa detrazione e l ammontare dell imposta dichiarata, che deve corrispondere all ammontare dell imposta dovuta meno la detrazione alla quale si ha diritto per legge in presenza di coniuge o di figli a carico). L obbligo di comunicare il risultato del controllo sussiste solo nel caso in cui i conti dell amministrazione non coincidono con quelli del contribuente. Tuttavia è buona prassi dell amministrazione inviare una comunicazione con il risultato anche quando il controllo abbia rilevato la regolarità di tutti i dati e tutti gli elementi della dichiarazione. Attenzione: la comunicazione di regolarità indica solo che la nostra dichiarazione ha superato correttamente il primo livello di controllo, quello sui calcoli, che non presentano errori! Ma potrà sempre essere oggetto di un altro dei successivi livelli di controllo, o sull esistenza della documentazione o sul contenuto della stessa. A seconda del risultato che ha avuto il controllo automatico, dunque, la comunicazione può essere: - di regolarità: quando dai calcoli eseguiti in modo automatico dall Agenzia risulta che il contribuente non ha commesso nessun errore nella compilazione della dichiarazione; - di irregolarità: 1) quando dai calcoli eseguiti in modo automatico dall Agenzia risulta che il contribuente ha commesso degli errori; 2) quando non ci sono errori nei conteggi fatti dal contribuente, ma risulta che alcuni (o tutti) i versamenti non sono stati effettuati, oppure sono stati fatti in ritardo o che sono state versate somme più basse di quelle dovute. - di maggior credito: quando la correzione degli errori commessi in dichiarazione attribuisce al contribuente il diritto a vedersi riconosciuto un credito d imposta maggiore rispetto a quello che lui aveva esposto in dichiarazione; 10

11 - di minor rimborso: quando, a seguito della correzione degli errori commessi in dichiarazione, il contribuente, pur non dovendo pagare un imposta, ha diritto ad un rimborso più basso rispetto a quello richiesto. Quali sono gli scopi della comunicazione di irregolarità La comunicazione di irregolarità ha un doppio scopo: a) far conoscere al contribuente gli errori commessi nella compilazione della dichiarazione in modo che non li ripeta; b) creare una collaborazione fra contribuente e Agenzia attraverso la quale il contribuente non solo può dare dei chiarimenti sul perché ha compilato determinati righi o quadri della dichiarazione, fornendo le sue ragioni ed eventualmente dimostrandole con documenti, ma può anche far presente all Agenzia gli errori da questa commessi nella liquidazione in modo che l Agenzia, se le ragioni fornite sono valide, possa correggere i risultati del controllo, diminuendo o addirittura annullando le richieste di pagamento fatte con la comunicazione di irregolarità. Cosa deve fare il contribuente che riceve la comunicazione di irregolarità Trattandosi di una conquista importante nella civiltà giuridica dei rapporti fisco/contribuente, il comportamento più corretto (ma anche il più vantaggioso) per il contribuente è quello di rispondere all invito contenuto nella comunicazione di irregolarità e contattare l Agenzia per chiarire gli errori se di errori si tratta commessi da lui nella compilazione della dichiarazione ovvero dal programma di controllo nella fase di liquidazione. Questo comportamento, infatti, ha il doppio vantaggio di regolarizzare la propria posizione nei confronti del fisco ed evitare una serie di fastidi successivi (v. appresso conseguenze collegate alla mancata risposta all invito ). Conseguenze collegate alla mancata risposta all invito Se si smarrisce o si cestina, anche involontariamente, la lettera con la comunicazione cosa succede? Se il contribuente non risponde all invito nei trenta giorni successivi al ricevimento della comunicazione si avranno le seguenti conseguenze: 11

12 - l Agenzia procederà all iscrizione a ruolo delle somme il cui pagamento era stato richiesto con la comunicazione di irregolarità e al successivo invio del ruolo al Concessionario della riscossione; - il Concessionario, ricevuto il ruolo da parte dell Agenzia, notificherà al contribuente una cartella esattoriale con la quale richiederà oltre al pagamento delle somme che erano già contenute nella comunicazione, anche gli interessi ed il compenso dovuto al Concessionario stesso. Cosa potrà fare il contribuente a questo punto? Quali diritti gli sono riconosciuti? Dopo la notifica della cartella, è, comunque, riconosciuto al contribuente il diritto a contattare l Agenzia per ottenere, se del caso, la correzione della cartella (lo sgravio) attraverso una richiesta di intervento in autotutela. In alternativa potrà, entro sessanta giorni dalla notifica della cartella, presentare un ricorso all autorità giudiziaria con tutti i costi e le conseguenze correlate. Attenzione: l Agenzia non ha l obbligo di effettuare lo sgravio in autotutela entro il termine di scadenza prefissato per la presentazione del ricorso (60gg. Dalla notifica della cartella). Pertanto è indispensabile, una volta presentata l istanza di sgravio, tener presente la data di scadenza per la presentazione del ricorso, in modo da non perdere il diritto a ricorrere alla Commissione Tributaria se la risposta dell Agenzia sullo sgravio non si è avuta in tempo utile. Come fare per rispondere all invito e contattare l Agenzia Il contribuente che sceglie di aderire all invito dell Agenzia può contattarla direttamente o anche ricorrendo all ausilio dell intermediario che ha inviato la dichiarazione in diversi modi: a) per telefono, contattando il numero verde dei Centri di assistenza telefonica i quali possono, nei casi in cui la correzione degli errori è di facile risoluzione, anche provvedere a correggere la comunicazione direttamente per via telefonica. La valutazione in ordine alla possibilità di effettuare la correzione per via telefonica spetta, logicamente, all operatore del Call Center. In linea generale, tuttavia, questa possibilità si ha in tutte quelle ipotesi in cui non è necessario il controllo di documentazione per la correzione dell errore, ma sono sufficienti i chiarimenti forniti dal contribuente: per esempio nelle ipotesi in cui la comunicazione di irregolarità è stata inviata a causa di un errore fatto dal contribuente nel riportare sulla dichiarazione il proprio codice fiscale; oppure quando ci si è sbagliati nel compilare un rigo (bisognava compilare il rigo immediatamente successivo e invece ho compilato quello precedente e viceversa); oppure ancora quando ci si è sbagliati nell indicare qualche cifra, perché per esempio nello scrivere si sono invertiti dei numeri (dovevo scrivere 123, ho scritto 132; dovevo scrivere 20, ho scritto inavvertitamente 200; ecc.). 12

13 b) recandosi presso un qualsiasi ufficio locale dell Agenzia, dove ci si può rivolgere ad uno degli sportelli appositamente dedicati al servizio dei contribuenti. c) collegandosi al sito dell Agenzia delle Entrate si può, inoltre, attraverso il servizio di richiamata telefonica prenotare la richiamata da parte del call center oppure fissare un appuntamento con un funzionario dell ufficio locale presso cui ci si intende recare (La prenotazione dell appuntamento può essere effettuata anche per telefono.) Documentazione utile Il contribuente che contatta l Agenzia telefonicamente o anche di persona deve avere con sé almeno la copia della dichiarazione inviata e le ricevute dei versamenti effettuati. E consigliabile eventualmente, prima di recarsi in ufficio, contattare telefonicamente il Call Center in modo da sapere se e quali altri documenti sia opportuno avere con sé nel caso specifico. Cosa deve aspettarsi il contribuente che contatta l Agenzia Se il contribuente chiarisce che la comunicazione di irregolarità contiene degli errori (perché per esempio al controllo automatizzato risultava che avevo diritto alla detrazione per due figli a carico, mentre in realtà nel corso dell anno cui si riferisce la dichiarazione mi è nato il terzo figlio e quindi è giusta la cifra totale da me indicata; oppure perché al controllo automatizzato risultava che avevo pagato con ritardo perché avevo sbagliato ad indicare la data del versamento ecc) l impiegato addetto al servizio (o l operatore del call center) corregge a vista la dichiarazione e provvede a stampare una nuova comunicazione con la quale vengono resi noti al contribuente i nuovi risultati. Attenzione: è un diritto del contribuente aver consegnata la nuova comunicazione, quindi bisogna ricordarsi eventualmente di richiederla. Per le correzioni effettuate telefonicamente dal call center il contribuente potrà ricevere la nuova comunicazione via fax o per posta ordinaria. Se non è possibile correggere immediatamente la dichiarazione (per vari motivi: o perché c è troppa folla allo sportello e smaltire la fila costerebbe al contribuente troppe ore di attesa; o perché sono momentaneamente saltati i collegamenti in rete con la banca dati; oppure perché il controllo della documentazione prodotta dal contribuente richiede un esame più approfondito) l impiegato addetto al servizio di assistenza invita il contribuente a presentare un istanza per la correzione della comunicazione, alla quale va allegata tutta la documentazione necessaria per dimostrare l errore fatto dallo stesso contribuente nella compilazione della dichiarazione o dall Agenzia nel corso del controllo automatizzato. 13

14 In questi casi l ufficio esamina l istanza in un secondo momento provvedendo, se del caso, alla correzione degli errori. Attenzione: anche in questa ipotesi il contribuente ha diritto ad avere la comunicazione con i nuovi risultati del controllo che sostituisce la comunicazione originale con la richiesta di pagamento. Come si operano le correzioni Le correzioni che siano eventualmente necessarie a seguito dei chiarimenti e/o della documentazione portati dal contribuente a sostegno delle proprie ragioni vengono eseguite dall impiegato addetto all assistenza o dall operatore del call center direttamente sulla dichiarazione presente nella banca dati dell Agenzia (cioè sull originale della dichiarazione all epoca inviata dal contribuente). Cosa contiene la nuova comunicazione La comunicazione che l Agenzia deve stampare e consegnare al contribuente dopo aver effettuato le eventuali correzioni può essere: - definitiva di regolarità: quando i chiarimenti e/o la documentazione che il contribuente ha fornito quando ha contattato l Agenzia hanno permesso la correzione di tutti gli errori; - di irregolarità solo parzialmente corretta: quando l esame dei chiarimenti e/o della documentazione fornita dal contribuente non ha permesso di correggere tutti gli errori indicati nella prima comunicazione; - con conferma totale di irregolarità: quando il contribuente non ha fornito chiarimenti o documentazione utili per giustificare la correttezza dei dati da lui dichiarati. Perché è così importante avere la comunicazione con i nuovi risultati del controllo Con l entrata in vigore dello Statuto dei diritti del contribuente, vi sono stati dei riflessi anche sulle sanzioni dovute dal contribuente nei confronti del quale il controllo automatizzato della dichiarazione si è concluso con l invio di una comunicazione di irregolarità. Se, infatti, il contribuente che riceve la comunicazione, corredata di modulo per il pagamento delle cifre dovute a causa degli errori commessi, si rende conto di dover pagare perché ha effettivamente sbagliato, lo Statuto dei diritti del contribuente gli permette di beneficiare di una riduzione delle sanzioni. Pagando entro trenta giorni da quello in cui ha ricevuto la 14

15 comunicazione, il totale delle sanzioni da versare è ridotto ad un terzo. Pertanto, se le sanzioni dovute secondo la comunicazione ammontano per esempio a 100, pagando entro trenta giorni dalla comunicazione, si ha diritto a pagare solo 33 (un terzo di quanto richiesto). Lo stesso diritto alla riduzione delle sanzioni ad un terzo di quelle richieste è riconosciuto al contribuente che rispondendo all invito dell Agenzia, si reca presso un ufficio (o contatta telefonicamente un call center) e ottiene la stampa di una nuova comunicazione di irregolarità. Quando, infatti, i chiarimenti o la documentazione portata dal contribuente non sono stati sufficienti per correggere totalmente gli errori e la procedura di riesame si è conclusa con la conferma totale delle irregolarità comunicate (cioè avevo effettivamente commesso degli errori, perché, per esempio, veramente avevo fatto il versamento con ritardo rispetto alle scadenze) oppure con una correzione solo parziale (perché per alcuni errori ho potuto dare dei chiarimenti e per altri no: esempio, pur avendo solo due figli ho fatto i conti male e ho calcolato le detrazioni come se ne avessi quattro, perché non mi sono accorto che avevo già fatto la somma) la nuova comunicazione contiene anch essa la richiesta di sanzioni. Grazie ai principi introdotti dallo Statuto dei diritti del contribuente, la possibilità di pagare con le sanzioni ridotte ad un terzo è riconosciuta di nuovo e i trenta giorni per farlo partono proprio dalla data di consegna della nuova comunicazione. La data di consegna della nuova comunicazione è, dunque, fondamentale per non perdere il diritto a pagare le sanzioni ridotte ad un terzo. Quali le conseguenze se non si paga spontaneamente Al contribuente che non provvede a pagare spontaneamente neanche entro i trenta giorni dalla nuova comunicazione, sarà in seguito notificata una cartella di pagamento con l iscrizione a ruolo delle somme dovute, comprensive delle somme contenute nella comunicazione, degli interessi, delle sanzioni per intero nonché del compenso dovuto al Concessionario. (v. sopra Conseguenze collegate alla mancata risposta all invito ) 2.2. I preavvisi telematici al Caf Cosa sono e quando sono inviati I preavvisi telematici sono degli avvisi che precedono l invio della comunicazione di irregolarità al contribuente. Partendo dal presupposto che il contribuente che si è fatto assistere dal Caf (o da un professionista) per la compilazione e/o l inoltro della dichiarazione debba avere minori fastidi 15

16 possibili in caso di errori riscontrati sulla dichiarazione, l Agenzia, prima dell invio della comunicazione al contribuente tramite posta, ha previsto la possibilità che la stessa comunicazione venga anticipata per via telematica all intermediario che ha trasmesso la dichiarazione. I preavvisi telematici, dunque, hanno lo stesso contenuto e gli stessi fini delle comunicazioni di irregolarità, ma un destinatario diverso. Cosa può fare il Caf che riceve il preavviso telematico Il Caf, sulla base dei dati e documenti in suo possesso, può, al posto del contribuente, segnalare all Agenzia: - i versamenti eseguiti dal contribuente, ma non conteggiati; - i versamenti eseguiti eventualmente con dati errati; - gli eventuali errori di trasmissione e/o di ricezione dei dati; - i dati e gli elementi non considerati o valutati erroneamente nel controllo automatizzato. Cosa deve fare il contribuente quando il Caf gli comunica che sono corretti i rilievi contenuti nel preavviso telematico Quando il Caf verifica che l esito della liquidazione comunicato con il preavviso telematico è corretto (e quindi il contribuente deve versare la somma richiesta dall Agenzia), lo comunica al contribuente, fornendogli anche l allegato Mod.F24 già pre-compilato, in modo da permettergli, se vuole, di pagare le somme dovute beneficiando della riduzione della sanzione. I termini per beneficiare correttamente della riduzione della sanzione ad un terzo scadono, in questa fase, il sessantesimo giorno dall invio del preavviso al Caf. Sarà, dunque, cura del Caf far presente al contribuente la data entro cui poter effettuare il pagamento ridotto. Se il versamento copre l intera cifra richiesta nel preavviso, il debito si estingue e il contribuente non riceverà, ovviamente, né comunicazioni né cartelle di pagamento. Se, invece, il versamento non soddisfa interamente il debito richiesto (può succedere per esempio che verso, per le sanzioni, una cifra corrispondente ad un terzo del richiesto quando tuttavia non sono più nei termini per beneficiare della riduzione), l Agenzia provvederà ad inviare al contribuente, con raccomandata, una richiesta di chiarimenti e di pagamento per l importo mancante. Cosa succede se il Caf non tiene conto del preavviso telematico 16

17 Se, entro 60 giorni dall invio del preavviso, all Agenzia non risultano né segnalazioni di errori da parte del Caf, né versamenti da parte del contribuente delle somme dovute in base alle richieste contenute nel preavviso, l Agenzia provvederà a spedire, tramite posta, direttamente al contribuente stavolta, la comunicazione di irregolarità con la richiesta di chiarimenti e di pagamento. In questa ipotesi il percorso che il contribuente dovrà seguire è quello che abbiamo già visto nelle pagine precedenti, con tutti i diritti e gli obblighi ad esso collegati. 17

18 3. Dalla A alla Z il dizionario del bravo risparmiatore fiscale. Pagare le tasse è un dovere per tutti i contribuenti. La nostra Costituzione finalizza il pagamento delle imposte alla partecipazione da parte di ognuno alle spese pubbliche. La misura di questa partecipazione è diversa da persona a persona e dipende dalla cd. capacità contributiva, cioè, possiamo dire, dal reddito complessivo di ognuno di noi. Molte spese che di norma si affrontano nella vita quotidiana danno, tuttavia, diritto ad un risparmio d imposta, ad uno sconto nel pagamento, il più delle volte in misura percentuale rispetto al costo da noi sopportato, in altri casi in misura fissa, prestabilita. E chiaro che per aver diritto allo sconto, le spese devono essere state da noi effettivamente affrontate nel corso dell anno. Di conseguenza ne va provato il pagamento. La documentazione da conservare in caso di controllo consiste, dunque, in linea generale, in tutte quelle fatture, ricevute o quietanze di pagamento che ci sono state rilasciate da coloro che hanno ricevuto il pagamento. Per poterli utilizzare come prova questi documenti devono essere completi di codice fiscale o partita Iva di chi ha percepito le somme e devono contenere l indicazione del tipo di spesa (es. ristrutturazione edile visita medico-specialistica ricovero, ecc.) e il nome del contribuente o di un suo familiare a carico. Fra la documentazione da conservare in caso di controllo rientra altresì la copia della dichiarazione (relativa sia all anno cui si riferisce il controllo che eventualmente alle annualità precedenti in caso di utilizzo di credito d imposta) e le ricevute dei versamenti effettuati per il pagamento dell imposta relativa all anno cui si riferisce il controllo. Questo tipo di documentazione non può essere sostituita da autocertificazione (Per maggiori dettagli v. documentazione da conservare in calce alle diverse voci di detrazioni o deduzioni). Importante: i documenti che provano una condizione (es. lo stato di famiglia per provare la presenza del familiare a carico a favore del quale sono state sostenute certe spese o sono ammesse certe detrazioni; il certificato di residenza per dimostrare che la casa comprata con il mutuo sia stata adibita ad abitazione principale), ma anche altra documentazione specificamente indicata in queste pagine a proposito per esempio di spese per la ristrutturazione di immobili, sono sostituibili con un autocertificazione del contribuente. La documentazione va conservata, per regola generale, fino al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, quando viene meno il potere di controllo da parte dell amministrazione. Va tenuto presente, in ogni caso, che il predetto termine potrebbe essere allungato con espressa previsione di legge, in deroga ai principi sanciti dallo Statuto dei diritti del contribuente, 18

19 (v. paragrafo intitolato Statuto dei diritti del contribuente ) come è accaduto per esempio con l ultima legislazione in materia di condoni. Il risparmio fiscale può assumere due diverse forme: quella della detrazione e quella della deduzione. Se una spesa da diritto al risparmio sotto forma di deduzione dal reddito vuol dire che ci è riconosciuta la possibilità di sottrarla (per tutto l importo o parzialmente, dipende dai singoli casi) dal reddito da assoggettare a tassazione, cioè contribuisce a ridurre il reddito su cui dobbiamo calcolare l irpef. Se, invece, la spesa da noi sostenuta da diritto al risparmio sotto forma di detrazione vuol dire che ci è riconosciuta la possibilità di sottrarne una determinata percentuale dall imposta corrispondente al nostro reddito. In questo caso, dunque, non si riduce il reddito su cui calcolare l irpef, ma l irpef stessa, che gode di uno sconto rispetto al totale che dovremmo pagare in base al nostro reddito. Per esemplificare consideriamo di avere un reddito di ,00 euro. E spese per 1.500,00 euro. Di queste 500,00 euro danno diritto a deduzioni, 1.000,00 a detrazioni 2. Come si procede: si comincia con il sottrarre dal reddito la parte riconosciuta come deduzione ,00 500,00 = ,00. Si calcola l imposta sulla parte di reddito che dobbiamo assoggettare a tassazione: ,00x23% = 4.600,00. Dall imposta si sottrae la percentuale di detrazione, nel nostro esempio 1.000,00 e si arriva all imposta che effettivamente dobbiamo versare: in quest esempio 3.600,00 euro. Può succedere, anche, che dal risultato dei calcoli per il pagamento delle imposte emerga che o il reddito sia più basso dell importo delle deduzioni cui abbiamo titolo oppure che la percentuale di spesa da utilizzare come detrazione sia più elevata dell imposta calcolata sul reddito. In queste ipotesi, sugli importi già versati e/o sulle ritenute già subite a titolo d acconto sul pagamento dell imposta relativa all anno cui si riferisce la dichiarazione, si ha diritto ad un credito d imposta, che, a scelta del contribuente verrà o rimborsato dall erario (la via più immediata è il rimborso che si può chiedere con il mod. 730) oppure utilizzato dal contribuente per il pagamento di successive imposte. Nelle pagine che seguono sono illustrate le tipologie di spesa ( Assicurazioni ; Spese sanitarie ; Spese per mutui ecc.) che maggiormente ci troviamo ad affrontare nella vita di tutti i giorni e che permettono ad ognuno di noi di risparmiare sull imposta da versare. 2 attenzione: l esempio è fatto al solo scopo di chiarire come giocano deduzioni e detrazioni e non tiene conto delle altre voci che interessano il calcolo dell imposta, come per esempio le deduzioni introdotte dal primo modulo di riforma dell imposta sul reddito 19

20 Agevolazioni irpef a favore dei disabili Sono considerati soggetti portatori di handicap ai fini delle seguenti agevolazioni coloro che sono stati riconosciuti tali ai sensi dell art.3 della l.104/1992 (anche se non fruiscono dell assegno di accompagnamento), i grandi invalidi di guerra di cui all art.14 del T.U. n.915/1978 e i soggetti equiparati, nonché tutti coloro che sono stati ritenuti invalidi da altre commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell invalidità civile, di lavoro o di guerra, purché presentino minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali, stabilizzate o progressive, che provocano problemi di apprendimento, relazione o integrazione lavorativa, di livello tale da determinare svantaggio sociale o emarginazione. Le agevolazioni (detrazioni e deduzioni) a fini irpef previste dalla legge per i disabili riguardano: i figli a carico: per ogni figlio portatore di handicap fiscalmente a carico spetta una speciale detrazione dall Irpef pari a 774,69 euro a prescindere dall ammontare del reddito complessivo del genitore i veicoli: l acquisto di un mezzo di locomozione (nuovo o usato) da diritto al disabile ad una detrazione di imposta pari al 19% della spesa sostenuta. La detrazione spetta nei limiti di una spesa di importo pari a ,99 euro per un solo veicolo nel corso di un quadriennio. I quattro anni cominciano a decorrere dalla data di acquisto del veicolo e, a scelta, si può utilizzare l intera detrazione nel primo anno oppure ripartirla in quattro quote annuali di pari importo. Danno diritto alla detrazione anche le spese sostenute per le riparazioni, escluse quelle di ordinaria manutenzione. Non rientrano invece fra le spese che danno diritto alla detrazione i costi di esercizio (per esempio il premio assicurativo, il carburante e il lubrificante). Se per qualsiasi motivo, nel corso del quadriennio, il veicolo per il cui acquisto si è fruito della detrazione è stato cancellato dal Pra, l acquisto di un nuovo mezzo di locomozione darà di nuovo diritto alla detrazione anche se non sono passati i quattro anni da quello precedente. Se invece il veicolo viene rubato, nel corso dei quattro anni dall acquisto, spetta sicuramente la detrazione per il nuovo veicolo, ma il limite di ,99 euro va considerato al netto dell eventuale rimborso assicurativo. A chi deve essere intestata la documentazione da conservare La documentazione che prova la spesa deve essere intestata direttamente al disabile se questi è titolare di redditi propri per un importo superiore a 2.840,51 euro. Va intestata, invece, indifferentemente al disabile o alla persona di famiglia della quale egli risulta a carico se il disabile è fiscalmente a carico. 20

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI AGGIORNATA CON LA NORMATIVA IN VIGORE A MAGGIO 2008 INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f giugno 2010 orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma novembre 2011 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2.

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità ANNA MARIA DAPPORTO Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna Sono lieta di presentare la seconda edizione di questa guida informativa

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli