settimanale diretto da luigi amicone numero luglio ,00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "settimanale diretto da luigi amicone numero 30 30 luglio 2014 2,00"

Transcript

1 Poste italiane spa - spedizione in a. p. D.L. 353/03 (conv. L. 46/04) art. 1 comma 1, ne/vr settimanale diretto da luigi amicone numero luglio ,00

2

3 EDITORIALE La tragedia di gaza e degli infiniti lutti Solo leader che esaminano l esperienza possono salvare due popoli dall abisso Caratteristico della follia è continuare a ripetere le stesse azioni aspettandosi un risultato diverso. Questa definizione dell infermità mentale, spesso citata da Einstein, descrive perfettamente quello che sta succedendo fra Israele e Gaza da tre settimane, fra israeliani e palestinesi da quasi ottant anni. Né il terrorismo né la sua repressione indiscriminata producono la resa dell avversario e quindi la vittoria definitiva. Producono invece i risultati che, nel conflitto israelo-palestinese, ricorrono ormai da 80 anni: lutti, dolore, rabbia, odio, desiderio di vendetta, frustrazione, angoscia, depressione, nuova violenza. L eterno ritorno del medesimo orrore, solo con vittime sacrificali sempre nuove. Anche se per ipotesi, grazie a questa operazione militare voluta dal governo Netanyahu, Israele riuscisse a schiacciare la testa del serpente Hamas, la fiaccola della lotta armata verrebbe ripresa da altri soggetti politico-militari che capitalizzerebbero l umiliazione e la rabbia di centinaia di migliaia di palestinesi che hanno perso case e parenti a causa della guerra. Anche se ottenesse la riapertura del valico di Rafah e dei tunnel sul versante egiziano attraverso i quali si rifornisce di armi, infliggesse perdite significative all esercito israeliano e riuscisse Né israele, né i palestinesi a colpire coi suoi razzi Tel Aviv e altre hanno IL potere DI piegare la REsisTEnza DELL ALTRO. città, Hamas non piegherebbe di un È evidente che servirebbe millimetro l istinto e la forza di autodifesa che dai giorni dell Olocausto det- un modo nuovo DI pensare ta i comportamenti dello Stato ebraico e prima di esso dei suoi fondatori. Con tutta evidenza, servirebbe un modo nuovo di pensare, da una parte e dall altra. Una discontinuità con la coazione a ripetere. Un popolo palestinese che lotta per i suoi diritti solo con metodi non violenti e un popolo israeliano che crede talmente nelle sue ragioni da assumersi il rischio di dare fiducia ai palestinesi con gesti politici coraggiosi sono oggi solo immagini ideali, etichettabili come utopia, ma apparirebbero opzioni di puro realismo se gli uni e gli altri decidessero di intraprendere una revisione critica ciascuno della propria storia. Fino a quando israeliani e palestinesi continueranno in prima battuta a giustificare i propri comportamenti, e non a giudicarli alla luce delle loro conseguenze nel tempo, nessuna soluzione reciprocamente accettabile sarà possibile: questo lo sanno bene tutti coloro che, per molti anni, hanno inutilmente cercato di favorire trattative fra le parti. Il cambiamento di prospettiva deve venire dai protagonisti del conflitto: il ruolo di chi sta fuori deve essere quello di incoraggiare e favorire tutte le leadership e le figure morali, nei due campi, che incarnano un approccio diverso. Come Izzeldin Abuelaish, il medico e padre palestinese che perse tre figlie e una nipote a causa dell Operazione Piombo Fuso, autore del libro Io non odierò e promotore della fondazione Daughters for Life per l educazione delle ragazze arabe. È lui che ha scritto su un giornale britannico, a commento degli orrori di Gaza, «La follia, come diceva Einstein, è continuare a rifare la stessa cosa aspettandosi un risultato diverso». MINUTI Che benedizione è il lavoro Una casa di cure per malattie nervose. Nella sala di soggiorno già di mattina è accesa una tv: un malato le sta davanti senza guardarla. Due pazienti in pigiama affacciati a un balconcino fumano, aspirando avidamente. Una bella donna col viso devastato da un ignoto dolore se ne sta seduta in un angolo, come ripiegata su se stessa, assente. Tutti si trascinano con passi pigri, strascicando le scarpe, come gente che non ha alcun luogo in cui andare. Dalla cucina arriva rumore di piatti, e odore di minestra di verdura. Sull orologio sul muro le lancette avanzano con esasperante lentezza. Improvvisamente nella sala entra uno sconosciuto e svelto la traversa, con una cassetta degli attrezzi in mano. A un infermiere chiede dove si trova il locale caldaia: è un operaio, addetto a una qualche riparazione. Ma in questo luogo di destini sospesi, di passi spenti che tornano sempre nel medesimo punto, la rapida andatura di un uomo che va a lavorare sembra un evento eccezionale. Gli sguardi dei malati lo seguono con un ombra di nostalgia: anche loro, in un tempo che adesso sembra remoto, andando a lavorare camminavano a quel modo. Che benedizione è, pensi, per gli uomini il lavoro, che li trae fuori da sé, che li costringe ad alzarsi e a fare e a essere insieme agli altri. E che benedizione è averlo, un lavoro, anche uno qualunque: nei passi certi di un operaio in mezzo all andirivieni opaco dei malati, lo ho riconosciuto. Marina Corradi 30 luglio

4 settimanale diretto da luigi amicone numero luglio ,00 SOMMARIO 08 PRIMALINEA L OGGI E IL DOMANI DELL ARCINEMICO AMICONE NUMERO 30 Poste italiane spa - spedizione in a. p. d.l. 353/03 (conv. l. 46/04) art. 1 comma 1, ne/vr Può non piacere ma l assoluzione di Silvio Berlusconi rafforza un alleanza riformatrice di cui l Italia ha bisogno LA SETTIMANA 16 ESTERI IL CALIFFATO AVANZA E OBAMA TACE CASADEI 22 SOCIETà PERIFERIE. LE MOHICANE DI EBOLI RINALDI Minuti Marina Corradi...3 Foglietto Alfredo Mantovano...7 L ascia nel cuore Emanuele Boffi...15 Mamma Oca Annalena Valenti...41 Acta Martyrum C. Martini Grimaldi...44 Sport über alles Fred Perri...46 Cartolina dal Paradiso Pippo Corigliano...47 Mischia ordinata Annalisa Teggi...50 RUBRICHE 30 CULTURA LA SCUOLA DI FABRIANO MOJANA 36 CULTURA SUL MATRIMONIO SPAEMANN Stili di vita...40 Per Piacere...41 Motorpedia...42 Lettere al direttore...46 Taz&Bao...48 Foto: Ansa; AP/LaPresse; Sintesi Reg. del Trib. di Milano n. 332 dell 11/6/1994 settimanale di cronaca, giudizio, libera circolazione di idee Anno 20 N. 30 dal 24 al 30 luglio 2014 DIRETTORE RESPONSABILE: LUIGI AMICONE REDAZIONE: Laura Borselli, Rodolfo Casadei (inviato speciale), Caterina Giojelli, Daniele Guarneri, Pietro Piccinini IN COPERTINA: Foto Ansa PROGETTO GRAFICO: Enrico Bagnoli, Francesco Camagna UFFICIO GRAFICO: Matteo Cattaneo (Art Director), Davide Viganò FOTOLITO E STAMPA: Elcograf Via Mondadori Verona DISTRIBUZIONE a cura della Press Di Srl SEDE REDAZIONE: Corso Sempione 4, Milano, tel. 02/ , fax 02/ , EDITORE: Tempi Società Cooperativa, Corso Sempione 4, Milano La testata fruisce dei contributi statali diretti di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 250 CONCESSIONARIA PER LA PUBBLICITà: Editoriale Tempi Duri Srl tel. 02/ , fax 02/ GESTIONE ABBONAMENTI: Tempi, Corso Sempione Milano, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 tel. 02/ , fax 02/ Abbonamento annuale cartaceo + digitale 60 euro. Abbonamento annuale digitale 42,99 euro. Per abbonarti: GARANZIA DI RISERVATEZZA PER GLI ABBONATI: L Editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dagli abbonati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione scrivendo a: Tempi Società Cooperativa, Corso Sempione, Milano. Le informazioni custodite nell archivio elettronico di Tempi Società Cooperativa verranno utilizzate al solo scopo di inviare agli abbonati la testata e gli allegati, anche pubblicitari, di interesse pubblico (D.LEG. 196/2003 tutela dati personali).

5

6

7 FOGLIETTO NUOVA INDAGINE PRELIMINARE CONTRO L ITALIA L Europa ci ricorda le priorità e il Pd si allinea. «Rispettate gli uccelli» DI ALFREDO MANTOVANO Foto: Ansa Q uando (Tempi del 2 luglio), in avvio di presidenza italiana del semestre europeo, auspicavamo che le nostre istituzioni facessero occupare l Unione Europea di questioni serie, non immaginavamo che la faccenda avesse un profilo ben poco paradossale. Un mese fa la riflessione era concentrata sull allargamento delle gabbie per l allevamento delle galline da uova: una sentenza della Corte di giustizia europea aveva dichiarato l Italia inadempiente per non avervi provveduto per tempo e la Commissione aveva aperto una procedura di infrazione; il governo italiano era corso ai ripari, e la Commissione aveva arcignamente garantito che avrebbe vigilato perché i pennuti avessero maggiori spazi a disposizione. Neanche il tempo di prendere fiato. Il 16 luglio la senatrice del Pd Monica Cirinnà informa che nei confronti dell Italia vi è una in- DOPO LE GABBIE PER GALLINE, ARRIVA LA PROCEDURA CONTRO LA CATTURA DI PENNUTI PER FARNE RICHIAMI VIVI. «UNA PRATICA ABERRANTE. QUESTO SEMESTRE DEVE ESSERE UN OCCASIONE DI CIVILTà» chiesta preliminare all avvio di una nuova procedura di infrazione perché sul patrio suolo è in atto «da anni (la) cattura (di) uccelli selvatici per farne richiami vivi»; «una pratica vietata dalla direttiva Uccelli» (maiuscola inclusa) spiega la parlamentare, secondo cui «l Europa ci dice che si può fare a meno dei richiami vivi, ad esempio cacciando senza richiami o con richiami a bocca, o al limite con richiami di allevamento». Per questo il governo Renzi sul punto ha «abbandonato il testo della legge Europea prevedendo, nel decreto 91, il cosiddetto Dl competitività, un nuovo testo, che vieta la cattura»; l auspicio di Cirinnà è che il Senato voglia «attenersi rigorosamente al testo del governo»; ciò in quanto «i richiami vivi sono veramente una pratica aberrante e inaccettabile. Futile, superflua e veramente violenta nei confronti di animali selvatici che vivono viaggiando per decine di migliaia di chilometri. Io penso che ( ) l Italia, nel semestre della sua presidenza europea, possa cogliere una importante occasione di civiltà attesa da decenni». La senatrice Pd non è un personaggio marginale: con una lunga esperienza al consiglio comunale di Roma, è relatrice del disegno di legge sulle unioni civili, e da circa un mese ha elaborato un testo-base che, esclusa solo la possibilità di adottare, individua un regime paramatrimoniale per le Monica Cirinnà ha informato il Parlamento della nuova indagine europea. La senatrice Pd è relatrice del ddl sulle civil partnership coppie dello stesso sesso. Alla direzione Pd di giugno, Renzi ha congelato (per il momento?) il ddl Scalfarotto, e ha puntato sul ddl Cirinnà sulle civil partnership, da mandare avanti con priorità. Ella è dunque una esponente Pd così qualificata da essere incaricata di condurre all approvazione una legge ritenuta importante dal suo partito; per lei non sono «aberranti e inaccettabili» i cadaveri accumulati in una carrozza ferroviaria nella campagna ucraina, esito della follia del conflitto fra Kiev e Mosca e della ritrosia dell Unione Europea a chiamarla col nome di guerra; e neanche la merce umana pestata mortalmente in un fondale di imbarcazione nell illusione di arrivare a Lampedusa, nell indifferenza europea e con Mare nostrum a garantire la tranquillità della coscienza nazionale; e nemmeno i missili di Hamas e le centinaia di vittime civili di Gaza. Nessuna generalizzazione, ma è questa la sensibilità media della Commissione europea e del nostro Parlamento. Impegnati a distruggere quel poco che resta di famiglia, non curanti delle tragedie che colpiscono i propri figli o vicino casa propria, attenti alle galline ovaiole e agli uccelli da richiamo. È una ragione per rassegnarsi, o perché con decisione ancora più forte chi ha a cuore la centralità dell uomo cambi verso realmente, nella cultura e nell azione politica? 30 luglio

8 Ketty 8 30 luglio 2014 Foto: Ansa Chi ha fatto caso che nel collegio che ha assolto Berlusconi c era una toga rossa? Chi ha saputo che qualche sera prima della sentenza il leader di Fi ha confidato di voler mollare tutto? Ed ecco il domani DI LUIGI AMICONE salva

9 COPERTINA l Arcinemico 30 luglio

10 Può piacere o no. Ma anche se l anagrafe è lì a certificare che il futuro non si chiamerà Silvio Berlusconi, oggi l Italia ha ancora bisogno di lui e del suo spirito pugnace. Matteo Renzi, che di Berlusconi ha il carattere, trent anni in meno e il vantaggio di essere dalla parte giusta, si è preso un bel rischio convocandolo al tavolo delle riforme e scegliendolo come partner nell impresa di cambiare le carte fino ad oggi distribuite nelle segrete stanze delle procure e dei gazzettini di complemento. Da venerdì 18 luglio, data della sentenza di assoluzione che dopo anni di ordalia giudiziaria (e chi ripaga il malcapitato? E l Italia dal bombardamento speculativo in grazia della pessima reputazione del malcapitato? E gli italiani scippati del voto e dal governo del malcapitato?) restituisce al leader di Forza Italia le redini della politica attiva, i giudici della Corte di Appello di Milano confermano che Renzi ha visto giusto. «Con Forza Italia che rappresenta milioni di voti non c è un accordo di governo ma istituzionale perché in un paese civile le regole si fanno insieme. Dal punto di vista istituzionale mantenevo la parola anche se Berlusconi fosse stato condannato», dice commentando il verdetto the boss, lo Springsteen fiorentino. Risultato? Le riforme vanno avanti. Un certo spirito di unità nazionale può prendere corpo. La maggioranza trasversale tiene. M5S è costretto a rincorrere. Gli sfascisti a rosicare. E così, anche il centrodestra riprende a respirare sotto il solleone del 40,8 per cento del rottamatore. Un processo che ha dunque scritto la parola fine sulla guerra dei vent anni, come ha titolato in prima pagina il quotidiano torinese perbene? È così. C è un giudice (rosso) a Berlino Non solo. Nessuno ad esempio ha colto il dettaglio minuscolo, ma di simbolica fascinazione, consistente nel fatto che accanto al presidente Enrico Tranfa, il secondo giudice di Corte che ha mandato assolto l ex Cavaliere, c è una cosiddetta toga rossa come la mitica Ilda Boccassini, regina dell accusa. Accanto al galantuomo Tranfa, che al Palazzo di Giustizia di Milano gode di reputazione per il suo equilibrio e idiosincrasia al protagonismo da riflettori, a sentenziare che la concussione non sussiste (e non costituisce reato neppure l ipotesi che una ragazza che all epoca dei fatti era minorenne ma si spacciava come 24-25enne sia stata ospite consenziente in villa ad Arcore), c era infatti il giudice Ketty Locurto, tessera di Magistratura Democratica e facente capo alla medesima corrente della folta schiera togata che, con o senza Ilda la Rossa, da Milano a Palermo, da Napoli a Bari, si contendono fin dal 1994 anche solo momenti di gloria di inchieste sul Re leone della politica italiana di Seconda Repubblica. Altra noticina in margine a una storica sentenza: nessuno ha notato luglio 2014

11 COPERTINA PRIMALINEA Nel processo d appello sul caso Ruby, Silvio Berlusconi è stato giudicato non colpevole per entrambi i capi di imputazione. Nella foto, i giudici durante la lettura della sentenza. Al centro, Enrico Tranfa se IL verdetto ha RISPosto ALLE RIchIESte della difesa IL capo della PRocuRA non ha MAI SPIEgato PERché ha dato un caso di concussione AL capo dell ANtIMAfIA Foto: Fotogramma che, visto il sorprendente cappotto rispetto al verdetto di primo giudizio, e considerato che la difesa degli avvocati Coppi e Dinacci ha ottenuto dai giudici di secondo grado risposta oltre ogni aspettativa, nessuna risposta è invece venuta dal capo della Procura di Milano all accusa una delle tante mossagli da un suo sostituto di avergli sottratto fascicoli di sua pertinenza. Nel caso, Edmondo Bruti Liberati non ha ancora detto una parola sul perché ha girato il faldone riguardante la concussione del caso Ruby (capitolo che in primo grado ha pesato per sei anni sui sette di pena comminati all imputato B.) a Ilda Boccassini, direttrice dell ufficio distrettuale antimafia, invece che a Alfredo Robledo, responsabile dell ufficio per i reati contro la pubblica amministrazione. Come buon senso e regola che si è data la stessa Procura di Milano avrebbero esigito, essendo appunto la concussione un reato contro la pubblica amministrazione. Ma insomma, comprensibile è errori, delle sue follie, della sua condanna passata in giudicato e perfino delle miserie che condivide con tutti noi mortali, sussiste in una misura civilmente e umanamente superiore a quella di questi presunti gesuiti della Repubblica dalle mani pulite e i guanti prensili. Prendi un altro papa alla Scalfari. L abbiamo davanti come se fosse qui, adesso, con il suo profilo aquilino, il naso adunco, la mansuetudine che muta improvvisamente in ira, Mr. Hyde in Dr. Jekyll. «Guai alla chiesa se appoggerà Berlusconi». Così disse Norberto Bobbio e lo scrivemmo in tempi non sospetti, di ritorno dalla sua casa torinese dove fummo suoi graditi ospiti agli inizi del 94, quando l uomo di Arcore aveva annunciato la sua discesa in campo. Allora il filosofo della politica si interrogava sul male dell universo, sembrava un Socrate, ma dentro di sé rosicava per l inquilino privo del supposto pedigree istituzionale, da cui in seguito scaturì il famoso giudizio di Unfit sentenziato su Berlusconi da quei così tanto fit e fighi dell Economist che finirono con la loro corrispondente da Roma tale Tana de Zolueta a farsi rappresentare in parlamento italiano nella lista di quel fine esponente di pedigree istituzionale, common low e diritto britannico, che fu Tonino Di Pietro da Montenero della Bisaccia. Ecco, i vent anni della persecuzione giudiziaria su mandato dell antiberlusconismo da regimetto dei parrucconi e della lunga lista dei Picone da complemento, sta dentro quest arco tra il Bobbio del 94 e lo Scalfari di domenica 20 luglio L arco che va dall avviso di garanzia consegnato dal Corriere della Sera con un titolo a nove colonne nel luglio del 1994 a Silvio Berlusconi presidente del Consiglio e scintillante capotavola al summit dei grandi a Napoli, al titolo più sommesso, ma chirurgicamente devastante con cui lo scriba del Corriere della Sera del giugno 2013 rifaceva i conti della prescrizione e, sbaglianstata la delusione dei bastian contrari a una sentenza che concettualmente libera il paese dai tutori delle manette e dai parrucconi di palazzo. L addio all Italia dei poveri Scalfari E infatti, per maramaldeggiare su un affare che dopo tutto riguarda solo i fanti, c è stato addirittura uno che ha scomodato i santi. «Nessuno è infallibile, papa Bergoglio sa che non lo è neppure il papa». Se la presunzione fosse dio, Eugenio Scalfari sarebbe l Altissimo. Come si fa ad avere il dono della lingua retorica biforcuta e disprezzarlo al punto da farsi accecare dal più gretto dei sentimenti umani, il pregiudizio per la persona? O odioso errore, figlio della malinconia, perché mostri agli impressionabili pensieri degli uomini le cose che non sono? Avesse evocato il drammatico dilemma shakespeariano, perfino Scalfari avrebbe avuto un lampo di genio. E invece, neghittoso e avaro oltre ogni Narciso quale egli è, scrive e fa titolare l omelia domenicale Sentenza forse giusta ma che disonora il paese. Ora, a parte lo sbilenco non senso dell affermazione (poiché è evidente che ristabilire giustizia è per definizione un rendere onore), con questo suo patente rachitismo interiore incapace di riconoscere l onore delle armi anche all avversario più ostico da atterrare nella polvere e perfino dinnanzi alla legge di cui lo Scalfari- Repubblica pensiero mena vanto di essere sommo baluardo, il Fondatore non solo riesce a fallire l incredibile opportunità di tre, dicasi tre colloqui a tu per tu con il Sommo Pontefice, ma si candida a fallire anche l ultimo miglio della sua predica terrena. Ma passando dal mal di vivere che si nutre del vissuto altrui, all altro capo del mondo dove il mondo si specchia nel tipo venuto dalla imprenditoria alla politica a miracolo mostrare, la sentenza di Milano fa ritrovare uno che con tutta la somma dei suoi difetti, dei suoi 30 luglio

12 PRIMALINEA COPERTINA Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento doli, sottraeva Silvio Berlusconi al suo giudice naturale per consegnarlo in fretta e furia alla condanna del famoso giudice feriale Ferdinando Esposito. In entrambi i casi le veline hanno avuto effetti pesantemente distorsivi nel gioco della democrazia. In entrambi i casi non si conoscono gli architetti dell operazione che, nella prima circostanza minò e quindi ribaltò gli esiti del primo trionfo elettorale di Berlusconi. Nella secondamise una pietra sopra alla sopravvivenza anche solo in laticlavio del leader che nel suo quarto mandato da premier aveva ottenuto il plebiscito degli italiani. Si fa presto a dire promesse non mantenute. In tutti gli altri casi, miriadi nell arco dei due sopra citati, forse perché ben tre presidenti della Repubblica hanno giocato contro o si sono sempre voltati dall altra parte quando c è stato di mezzo Berlusconi, il sistema delle corporazioni e dello Stato profondo gli hanno mosso guerra usando ogni leva. Altro che Commissione di inchiesta. Toccherà agli storici misurare l infinita pochezza di un regimetto e la grandezza di un carisma controverso ma autentico. D accordo, se nel 1997 ci fu almeno un Paolo Mieli a fare mea culpa su quel primo titolo (di cui mai ha voluto rivelare la fonte) e sull accanimento mediatico-giudiziario che ne seguì, per quei paradossi e nemesi della Storia, oggi tocca a un giudice e perfino militante di Md, sentenziare che non solo la gloria di un passato, ma che il presente è ancora lì, politicamente a disposizione di colui che solo due settimane or sono fu a un passo al darsi per vinto. «l ho invitata per darle una notizia in esclusiva». ora ci sono le basi perché renzi, berlusconi e chi ci sta, compiano l impresa del riscatto nazionale Quella tentazione di mollare tutto «L ho invitata a cena, caro direttore, per regalarle una notizia in esclusiva: Berlusconi si ritira dalla scena politica». Succedeva quindici giorni fa, la sentenza non era alle viste, men che meno il sette a uno della Germania sul Brasile. Ebbene sì, quella sera ci parve che l inquilino di Arcore ne avesse abbastanza. Tanto gli sembravano soverchianti le forze avverse e gli anni addosso, sembrava volesse mollare il colpo. Così, seduto al desco di un tardo lunedì in cui la mestizia si mescola al vuoto di prospettiva di un altra settimana divisa tra Roma e Cesano, Berlusconi passava e ripassava per le mani le agenzie di giornata. «Sì, perché leggi qui, Renzi dice le cose bene, le dice meglio di me, ed è più giovane di me». Naturalmente la malinconia era per farsi dire che no sono testimoni al tavolo una deputata e una collaboratrice della comunicazione è impossibile immaginare un centrodestra senza Berlusconi. Più semplicemente, gli consigli, «Presidente, non le conviene. Fare politica è l unico modo che lei ha per difendersi e per difendere una grande azienda che dà lavoro. Quanti italiani sono? Cinquantacinque, sessantamila? Ecco. Naturalmente la serata si concluse con un «naturalmente caro direttore scherzavo». E da copione burlesque come si conviene a un genio burlone, «ma non troppo». Ce la faranno a compiere l impresa? Il resto è storia del week-end più felice a casa Arcore. E del capo di Forza Italia che raccomanda ai suoi di non attestarsi nelle grida di giubilo e di cortigianeria, rimettersi a fare politica, togliersi dai binari a far da massi in compagnia dei frenatori del treno Renzi. E del tam tam, pepe sulla sciapita cronaca politica estiva, intorno alle telefonate ad Alfano e agli altri di Ncd che restano sulla difensiva ma capiscono che alternativa non c è al tornare insieme o al marciare separati con le stampelle sotto il solleone. Molti sostengono che Berlusconi sia il suo doppio. Invece Berlusconi è, almeno nel punto sorgivo, sempre e solo Berlusconi. Libertà. Adesso, in piena continuità con l Italia dei liberi, e perciò veramente laici, da De Gasperi a Einaudi a Craxi, da Amendola a Giussani a Ferrara, il resuscitato anche grazie a Ketty la Rossa può e deve offrire l ultima parte della sua impressionante durata politica a cause impossibili e perciò degne. La causa delle riforme condivise col Pd di Renzi e con chiunque ci sta. La causa della rimessa in carreggiata dell Italia di fronte alla disintegrazione del mondo europeo. La causa di un nuovo centrodestra. Ce la farà? Ce la farà, se si farà almeno sui fondamentali, la grosse koalition all italiana? Ce la farà il giovane alla Boschi e Toti a dar torto ai menagramo? Non lo sappiamo. Sappiamo però che l Italia ha bisogno di loro, e non dei gufi. n Foto: Ansa luglio 2014

13

14

15 l ascia nel cuore la pretesa dell amicizia Cosa si vede quando si guarda in faccia Susanna DI emanuele BOFFI Susanna Campus, malata di Sla (sclerosi laterale amiotrofica) circondata a casa sua dallo staff e dai giocatori della Dinamo Sassari, che quest anno ha vinto la Coppa Italia di basket. Susanna ha un blog su tempi.it, Scritto con gli occhi In un testo di Flannery O Connor (Il mistero di Mary Ann) si riporta un passo di un racconto di Nathaniel Hawthorne, intitolato La voglia. Alymer, dopo anni di matrimonio, per la prima volta, nota sulla faccia della moglie Giorgiana un leggero segno. «Hai mai pensato che la macchia che hai sulla guancia potrebbe essere tolta?». Da quell osservazione, lei capisce che lui non l ama più. L amore che, fino a quel momento, l ha preservato dal ritenere degna di nota quell imperfezione, è svanito. Alymer non le dice che non l ama. Le dice di rimuovere quella voglia, così da essere «perfetta». Ma, appunto, Giorgiana, con intuito, diciamo così, assai femminile, comprende anche il non detto. Amore e perfezione sono nemici. Non stanno assieme. Cozzano. Il passo di Hawthorne mi è tornato alla mente settimana scorsa quando la mia amica Susanna Campus mi ha comunicato che la Dinamo Sassari, squadra di basket sarda che quest anno ha strabiliato tutti per i suoi risultati sul campo, la prossima stagione porterà sulla maglia il logo di Aisla, l associazione dei malati di Sla (sclerosi laterale amiotrofica). Susanna l ho conosciuta nell estate del Ero in Sardegna per occuparmi del caso di Giovanni Nuvoli, un ex arbitro di calcio, malato di Sla che aveva chiesto l eutanasia. A un certo punto, Demetrio Vidili, il primario del reparto di anestesia di Sassari, mi portò a casa di un altra malata di Sla, sua paziente e amica. Susanna aveva fatto posizionare un vaso di fiori sotto la finestra, «in modo tale che posso vederli crescere», mi disse dettando con gli occhi un pensiero sul cartello delle lettere. Chi è costretto a letto e non può nemmeno muovere una mano, deglutire, grattarsi il naso quando più ne ha voglia, ha un senso del tempo assai diverso da chi può muoversi liberamente. Susanna vede crescere le piante, non so se capite. È una sorta di privilegio divino, se ci pensate. Susanna percepisce ogni istante come definitivo, assapora ogni secondo come quello conclusivo. Ogni respiro è una battaglia, letteralmente. Per tutti è così. Ma solo chi è sul ciglio del burrone sa che non è solo un pensierino della sera. In verità, quella fu solo la prima lezione che mi impartì quel giorno. Infatti la seconda frase che mi rivolse fu un rimprovero perché la madre mi aveva offerto un caffè e io lo stavo sorseggiando in piedi. «Siediti!», mi ordinò dettando con gli occhi. «È maleducazione bere il caffè in piedi a casa di amici». E due. Ero lì da cinque minuti e già m aveva dato due belle lezioni. Così siamo diventati amici. Due anni fa, Tempi le ha chiesto di tenere un blog sul sito. Si chiama Scritto con gli occhi ed è un diario non piagnucoloso né edulcorato di quella che è la quotidianità di un malato di Sla. È piena di cose la giornata di Susanna. Ci sono le rondini alla finestra che ballano per lei, le rare passeggiate all aria aperta, le visite di amici e infermieri, il quotidiano e ammirevole sacrificio della madre e della sorella Immacolata, il cambio cannula, la sbobba sorbita tramite Peg, i guai di una malattia che non lascia tregua, le imprecazioni da querela per il montascale rotto. Ci sono, soprattutto, le passioni sportive per la Torres Calcio e la Dinamo Sassari Basket. Susanna è talmente cocciuta che, non solo è riuscita ad andare a vedere qualche partita delle due squadre, stressando oltremodo presidenti, dirigenti e giocatori, ma è anche riuscita a portarli a casa sua. Non uno o due giocatori: tutte e due le squadre al gran completo. La Dinamo quest anno ha vinto la Coppa Italia e la prima uscita ufficiale è stata a casa di Susanna. Una dozzina di marcantoni hanno invaso la sua stanzetta per consegnare simbolicamente la coppa alla loro «tifosa numero uno». La passione di Susanna per i suoi beniamini non ha nulla di composto e accomodante. È esagerata, selvaggia, cieca, importuna, come solo i grandi amori sanno esserlo. Non ho mai visto nessuno essere così fedele alla propria pretesa di amicizia. È una pretesa viscerale, che non ammette ritirate e sotterfugi. Se bevi il caffè in piedi a casa mia dai già l idea che sei sulla porta. Invece, se sei un amico, devi stare. Impressiona vedere quanta frenesia si crei attorno a un motore immobile. E si potrebbe quasi dire che tutta questa gente che le si avvicina e la vuole conoscere, intuisca dal contraccolpo con una vita tanto fisicamente ammaccata, quanto sia simile alla propria vita apparentemente intonsa. Soprattutto, a differenza dell Alymer di Hawthorne, tutta questa gente quando la guarda in faccia non vede più la macchia della Sla. Vede Susanna. 30 luglio

16 ESTERI LO STATO ISLAMICO

17 L espansione indisturbata Il califfato avanza, l America tace. I jihadisti hanno sottratto armi e munizioni all esercito iracheno e ora tornano in Siria per riconquistare Aleppo. Qual è la strategia di Obama? Qualche ragionevole dubbio sul suo silenzio interessato DI RODOLFO CASADEI

18 ESTERI LO STATO ISLAMICO no creato fra i due gruppi terroristici un antagonismo che dall inizio di quest anno si è trasformato in scontro armato per la supremazia. Nonostante tutti gli altri gruppi della ribellione (principalmente il fatiscente Libero esercito siriano e i salafiti del Fronte Islamico) si siano schierati con Jabhat al Nusra, Isil sta avendo la meglio. Da gennaio ad oggi 8 mila ribelli sono caduti in battaglie fra gli uomini di al Baghdadi e combattenti di tutti gli altri gruppi, per la grande soddisfazione del governo di Damasco. Che ha facilitato il compito di Isil continuando a contrattaccare le posizioni del Libero esercito siriano (Les), di Jabhat al Nusra e del Fronte islamico, ma non quelle dello Stato islamico in Iraq e Levante. Tattica politico-militare molto facile da comprendere: Isil è l unico gruppo armato di oppositori del regime stabilmente impegnato a combattere gli altri gruppi ribelli per sottrarre loro territorio e risorse; non c è bisogno di nessuna ipotesi complottistica per spiegare la reticenza delle forze governative a colpire i più estremisti dei jihadisti: il nemico del mio nemico è il mio amico. Fino a quando non diventa troppo forte. L aviazione di Damasco ha dedicato alcuni dei suoi più recenti raid alle postazioni dell Isil nella provincia di Der Ezzor dopo la caduta di Mosul. Un attrazione irresistibile Non c è bisogno di ipotesi complottistiche nemmeno per spiegare la guerra pendolare di Isil, prima in Iraq e adesso in Siria. Fermo restando che l obiettivo dell organizzazione è uno Stato islamico che abbracci i due paesi, Isil ha bisogno di dare la priorità al rafforzamento del suo insediamento in Siria, dove ha ampi margini di espansione. Con le forze attuali non è in grado di impadronirsi di Baghdad, anche se potrebbe da subito precipitare la capitale in una condizione di anarchia. Il problema di Isil in Iraq sono le alleanze: le hanno permesso di cacciare le forze governative da molte località del paese, ma non le permetterebbero di vincere e dominare incontrastata. I successi iracheni di Isil sono stati resi possibili dall esasperazione della minoranza sunnita, emarginata, oppressa e mal governata dagli esecutivi a egemonia sciita di Nouri al Maliki soprattutto dopo il ritiro delle truppe americane nel L antenato dell Isil, che dopo aver cambiato vari nomi si chiamava Al Qaeda in Mesopotamia, fu messo alle corde nel dal movimento del Risveglio Qualche dubbio che la deriva verso l instabilità permanente di due paesi (Siria e Iraq) retti da governi in ottimi rapporti con l Iran non dispiaccia affatto ad Obama si fa sempre più forte. Sotto, il presidente iracheno al Maliki. Nella foto grande, la città di Aleppo, devastata dalla guerra di questi anni PER GODERE DEL SOSTEGNO DEGLI STATI UNITI BAGhDAD DEVE cambiare LE POLITIche DI AL maliki, A PARTIRE DALLA VIcINANza con l IRAN, NEmico GIURATO DEL GOVERNO americano cresce e avanza, l America non fa nulla. Si riassume così quello che è accaduto nel vasto campo di battaglia che L Isil va da Aleppo nel nord della Siria a Tikrit nel centro dell Iraq sei settimane dopo la presa di Mosul e di altre località irachene da parte degli uomini di Abu Bakr al Baghdadi e di altri gruppi armati antigovernativi. E il dubbio che all amministrazione Obama la deriva verso l instabilità permanente di due paesi retti da governi centrali in ottimi rapporti con l Iran non dispiaccia affatto si fa sempre più forte. I notiziari hanno dato l impressione che, a parte l enfatica dichiarazione con cui è stata annunciata la rinascita del califfato il 12 luglio scorso sotto forma di Stato islamico governato dall emiro dell Isil, niente di rilevante dal punto di vista militare sia accaduto negli ultimi tempi e che l offensiva jihadista si sia arrestata a rispettabile distanza da Baghdad. Non è affatto così. Mentre il fronte iracheno è quasi immobile, quello siriano risuona di battaglie. I jihadisti hanno spostato uomini e mezzi da ovest verso est, riattraversato la vecchia frontiera fra Iraq e Siria carichi delle armi leggere e pesanti che hanno sottratto alle truppe irachene in fuga, e stanno combattendo per riportarsi su Aleppo, da dove erano stati cacciati nel gennaio scorso non dalle truppe governative, ma da una coalizione di forze ribelli. In questo momento stanno combattendo contro le milizie armate curde del Pyd nella regione di Ain al Arab al confine con la Turchia, dopo avere strappato la città di Der Ezzor (tranne alcuni quartieri e un aeroporto militare ancora controllati dalle forze di Damasco) e l intera omonima provincia agli alqaedisti di Jabhat al Nusra che da due anni le avevano occupate in grandissima parte. L obiettivo sembra essere quello di creare una continuità logistica che permetta di muovere le forze dell organizzazione lungo una direttrice est-ovest da Mosul fino ad Aleppo. Il Pyd è il principale partito curdo siriano dotato di un ala armata, e politicamente si mantiene in equilibrio non essendo schierato con nessuno dei protagonisti del conflitto siriano: né col governo, né coi ribelli. Jabhat al Nusra è la filiale locale di Al Qaeda, riconosciuta da Ayman al Zawahiri in persona. Inizialmente in Siria operava in sintonia con Isil, ma la pretesa di al Baghdadi, nell aprile del 2013, di fondere le due organizzazioni, il rifiuto di Jabhat al Nusra di sottomettersi e il sostegno di al Zawahiri alla linea di quest ultima hansunnita, chiamato anche Figli dell Iraq, coltivato dagli americani che fornirono armi, addestramento e denaro a decine di migliaia di elementi delle tribù della provincia di Anbar e poi delle altre province a forte presenza sunnita. Al momento del ritiro degli americani, al Maliki si è trovato con 100 mila civili sunniti in armi da stipendiare. Ha deciso di assorbirne 20 mila nella funzione pubblica e di mandare gli altri al diavolo. Nello stesso periodo sono iniziate le manifestazioni di piazza e gli accampamenti di protesta dei sunniti contro il governo centrale: repressi con la violenza e gli arresti. Assieme all Isil hanno luglio 2014

19 Jabhat al Nusra è la filiale locale di Al Qaeda IN siria. inizialmente operava in sintonia con Isil ma NEGli ultimi tempi fra i due gruppi terroristici si è creato UN antagonismo che si è trasformato in scontro armato per la supremazia Foto: AP/LaPresse; Sintesi/Photoshot; Pete Souza/White House ripreso vitalità tutte le guerriglie sunnite che avevano sfidato gli americani dopo l occupazione del 2003: l Esercito islamico dell Iraq, l Esercito dei Mujaheddin dell Iraq, i nostalgici di Saddam Hussein riuniti negli Uomini dell esercito dell Ordine di Naqshbandia Tutti costoro e una parte dei ricostituiti tribali Consigli del Risveglio sunnita hanno dato vita a un alleanza tattica con Isil che ha permesso di mettere in crisi il controllo delle forze armate governative sull insieme del territorio nazionale nel giugno scorso. Gli stessi gruppi sunniti che in passato avevano disarticolato l Isil, oggi appoggiano la sua sfida al governo di Baghdad. Ma gli uni e gli altri sanno che si tratta di un alleanza fragile e opportunistica, già esposta a tensioni a Mosul e altrove. In Siria è diverso, l Isil sembra esercitare un attrazione irresistibile: un anno fa i suoi combattenti sul posto erano circa 3 mila, oggi sono stimati in 10 mila, risultato non solo della campagna di reclutamento mondiale lanciata sui social media, ma di migliaia di defezioni dagli altri gruppi ribelli verso quello che appare meglio dotato di armi e denaro in contanti. Mentre i 500 milioni di dollari che Obama ha decretato di spendere per alimenta- re ribelli filo-occidentali contro il regime di Bashar el Assad non si sa se e quando saranno erogati: il Pentagono ha fatto sapere al Congresso (che deve approvare l iniziativa presidenziale) che con quella cifra può addestrare al massimo uomini nell arco di 18 mesi, che ci vorrà molto tempo a trovare aspiranti guerriglieri sicuramente refrattari alle sirene jihadiste e che la Giordania non è più disponibile a ospitare campi di addestramento americani per ribelli siriani da quando Jabhat al Nusra si è insediata nella regione di confine. Tutti sono d accordo che per un anno almeno non succederà niente. 30 luglio

20 ESTERI LO STATO ISLAMICO Se tattica e strategia dell Isil sono chiare, quelle degli Stati Uniti sono oggetto di speculazioni. A sei settimane dalla conquista di Mosul e altre località da parte dell Isil e compagni, i droni americani che potrebbero colpire le piazzeforti ribelli restano nei loro hangar. In precedenza le autorità irachene avevano chiesto più volte a quelle americane di intervenire con bombardamenti mirati delle forze ribelli. La prima volta era stata nel dicembre scorso, l ultima, per bocca del premier al Maliki in persona, l 11 maggio scorso. Obama, che nel corso dei suoi due mandati ha ordinato circa 450 attacchi di droni che hanno causato vittime in Pakistan, Yemen e Somalia (paesi che non sono in guerra con gli Stati Uniti), aveva fatto rispondere che l intervento diretto americano in Iraq doveva considerarsi esaurito e che i droni vengono utilizzati contro gruppi terroristici che complottano contro gli Stati Uniti. Che era un po come inviare all Isis il messaggio che non doveva temere nulla dagli Stati Uniti finché si concentrava a colpire obiettivi iracheni. Discorso speculare ha tenuto l Isil quando, dopo la presa di Mosul, commentatori ed esponenti politici americani hanno cominciato a invocare un intervento muscolare da parte di Washington contro i jihadisti vittoriosi: i social media si sono riempiti di messaggi che avvertivano che l Isil avrebbe reagito a un intervento diretto in Iraq contro le sue posizioni con attacchi terroristici sul suolo americano. Che è come dire: continuate a non fare niente contro di noi come avete fatto finora, e non vi succederà niente. Dopo la presa di Mosul e le voci di un imminente assalto a Baghdad, gli Stati Uniti hanno dovuto architettare nuove scuse per giustificare la loro inazione. Che si affacciano sulla pubblica piazza attraverso le colonne del New York Times: il 14 luglio in un articolo di prima pagina si poteva leggere che «senza un controllo aereo avanzato americano sul terreno, attacchi aerei potrebbero accidentalmente uccidere i leader tribali di cui ci potrebbe esser bisogno» per arrivare a una soluzione politica della crisi; il giorno dopo un altro articolo di prima pagina spiegava che «Un documento riservato sulle forze di sicurezza irachene conclude che molte unità sono così profondamente infiltrate da informatori dei gruppi sunniti estremisti o da personale sciita al soldo dell Iran, che consiglieri americani incaricati di assistere le forze di Baghdad potrebbero correre rischi per la loro sicurezza». Sarebbero queste le ragioni per le quali l amministrazione ha inviato finora soltanto 500 uomini in due SE L IRAN INTERVENISSE IN IRAQ SI IMPANTANEREBBE IN UN CONFLITTO SENZA VIE D USCITA E SI RITROVEREBBE CONTRO TUTTI I PAESI ARABI A MAGGIORANZA SUNNITA tranches, sei elicotteri, alcuni droni da sorveglianza e qualche missile Hellfire. Ma i veri motivi sono di natura politica: gli Stati Uniti non interverranno seriamente in difesa del governo di Baghdad fino a quando esso non cambierà le politiche decise da al Maliki negli ultimi anni. E cioè: il rifiuto di un alleanza strategica con Washington, l avvicinamento all Iran (grande sponsor del primo ministro sciita), l emarginazione dei sunniti dai posti di potere e la repressione delle loro proteste. Quest ultimo punto gli Stati Uniti l hanno in comune coi capi delle tribù sunnite che avevano dato vita ai Consigli del Risveglio. Costoro sono disposti a rompere le loro recenti alleanze con l Isil o a uscire dalla neutralità e combattere contro i terroristi, ma non prima che il governo centrale di Baghdad abbia accolto le principali richieste dei partiti sunniti: federalismo, autonomie regionali, posti di potere nella pubblica amministrazione e nell esercito. Né gli americani né le tribù sunnite chiedono ufficialmente la testa di al Maliki, ma lasciano intendere che la sua uscita di scena faciliterebbe le cose. Chi farà la prima mossa? La risposta del primo ministro uscente non si è fatta attendere: il 16 luglio attraverso un portavoce ha fatto sapere che non accettava che un intervento aereo americano fosse condizionato alle sue dimissioni. Tre giorni prima sempre sul New York Times l ex ambasciatore americano in Iraq Zalmay Khalilzad aveva scritto: «Da ambasciatore ho avuto rapporti diretti con al Maliki, e so che resisterà ostinatamente a ogni tentativo di rimozione. ( ) Washington non deve abbandonare i suoi sforzi per aiutare l Iraq a formare un governo di unità nazionale, ma deve anche lavorare ad alternative realistiche nel caso che l Iraq si disintegri». Da come si stanno muovendo, gli americani sembrano essersi convinti che al Maliki e i suoi non cambieranno politica. Danno per finito l Iraq e si ingegnano di trasformarlo in una trappola per gli iraniani. Agiscono in modo da precipitare un intervento militare di Teheran in Iraq in soccorso del governo ultrasciita di al Maliki. I contraccolpi per l Iran sarebbero tutti negativi: si impantanerebbe in un conflitto senza vie di uscita e si ritroverebbe contro tutti i paesi arabi a maggioranza sunnita. La Repubblica islamica è consapevole di queste prospettive, e infatti fino ad ora ha inviato in Iraq solo un numero limitato di consiglieri militari presi dalla Forza Qods, l unità delle forze speciali iraniane incaricata delle missioni all estero. In questo momento America e Iran ricordano due ciclisti su pista impegnati in un surplace, il gesto tecnico che vede le biciclette immobili in equilibrio. Il primo che si muove perde di sicuro la volata. n luglio 2014

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Non sapevo veramente cosa aspettarmi Pensavo sarebbe stato qualcosa di simile a quello che avevo fatto a casa mia a Briarwood. Pensavo di trovare famiglie senza casa, gente povera, e senso di isolamento.

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 SPEDIRE UNA LETTERA A.: Con queste telefonate internazionali spendo un sacco di soldi. B.: A.: B.: A.: B.: A.: B.: Perché non scrivi una lettera? Così hai la possibilità di dire tutto quello che vuoi.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto.

2. Il Denaro è la radice di ogni sorta di cose dannose. Per questo i capi religiosi e le organizzazioni religiose lo tengono stretto. 1. La Mafia ormai sta nelle maggiori città italiane dove ha fatto grossi investimenti edilizi, o commerciali e magari industriali. A me interessa conoscere questa accumulazione primitiva del capitale mafioso,

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Vuoi Essere Padrone della tua vita?

Vuoi Essere Padrone della tua vita? Vuoi Essere Padrone della tua vita? Ti servono 3 cose! Caro Amico/a, con queste pagine vorrei condividere con te un sistema semplice per tutti, per poter diventare padrone della propria vita! Vuoi diventare

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali

Attentato di Parigi. 13 novembre 2015. Documento del corso Relazioni Internazionali Attentato di Parigi 13 novembre 2015 Documento del corso Relazioni Internazionali Il lavoro della sezione RIM è finalizzato a sostenere la Pace tra i Popoli PEACE NOT WAR I FATTI Gli attentati del 13 novembre

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza

Uscire dalla violenza si può. Centro Antiviolenza. Thamaia. Guida per le donne che subiscono violenza Uscire dalla violenza si può Centro Antiviolenza Thamaia Guida per le donne che subiscono violenza SUCCEDE ANCHE A TE? Ti dice continuamente che è tutto suo perchè è lui che guadagna i soldi? Devi giustificare

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Nota importante all'articolo!

Nota importante all'articolo! Nota importante all'articolo! In seguito alla pubblicazione della seguente intervista ci sono giunte diverse segnalazioni attendibili che, contrariamente a quanto lasciato intendere nell intervista stessa,

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

LUCA CHIANCA Perché non avete accettato il finanziamento pubblico?

LUCA CHIANCA Perché non avete accettato il finanziamento pubblico? Perché non avete accettato il finanziamento pubblico? Si è deciso di completamente essere liberi innanzitutto nei confronti di qualsiasi partito politico. E anche di non avere l atteggiamento classico

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore

Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore 13 Maggio Tutti i diritti letterari di quest opera sono di esclusiva proprietà dell autore Raffaella Nassisi 13 MAGGIO Romanzo Milano,Giugno 2011 Settembre 2011 Per te, Alberto Prefazione 13 Maggio è

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Claudia, Diario dal Camerun

Claudia, Diario dal Camerun Claudia, Diario dal Camerun Ciao, mi chiamo Claudia e ho fatto un esperienza di vita meravigliosa in Camerun che è iniziata così Non appena laureata cerco sul web la possibilità di fare un esperienza di

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli