Che cosa è il P.O.F PIANO OFFERTA FORMATIVA. Che cosa è il P.O.F. Contesto socio-ambientale dell Istituto. Rapporti scuola-territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che cosa è il P.O.F PIANO OFFERTA FORMATIVA. Che cosa è il P.O.F. Contesto socio-ambientale dell Istituto. Rapporti scuola-territorio"

Transcript

1 PIANO OFFERTA FORMATIVA Che cosa è il P.O.F. Contesto socio-ambientale dell Istituto Rapporti scuola-territorio Progettazione educativa Progettazione curricolare e opzionale Progettazione didattico-organizzativa Regolamento d Istituto Che cosa è il P.O.F L Istituto Comprensivo di Crevalcore è nato il 1 settembre dell a.s. 2000/01. Esso accorpa 6 scuole, diversamente distribuite sul territorio comunale, che accolgono alunni lungo il percorso scolastico che va dai 3 ai 14 anni. L Autonomia scolastica (D.P.R. 8/3/99 n. 275) comporta maggiori libertà di scelta e di azione, ma anche compiti ed impegni nuovi, quali l espressione di una capacità progettuale specifica per l articolazione di un Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) qualificato e ben integrato. 1

2 Questo documento costituisce il P.O.F. dell Istituto pertanto: - ne rappresenta il documento fondamentale - ne esplicita il progetto educativo in tutte le sue componenti - riflette ed interpreta i bisogni formativi della realtà locale - è predisposto con la partecipazione di tutte le componenti scolastiche - è lo strumento per rendere trasparente, leggibile e verificabile ciò che l Istituto fa, come lo fa e perchè - costituisce la base per gli impegni reciproci assunti In particolare il P.O.F. è da noi inteso come strumento di documentazione e di progettazione comune, al fine di rendere più condivise possibile le scelte e le strategie adottate. E un documento in continua revisione, aperto al contributo di alunni, genitori, comunità locale, docenti ed operatori scolastici. Per questo è soggetto ad una verifica e ad un confronto annuale per essere costantemente migliorato. La scuola garantisce l'elaborazione, l'adozione e la pubblicizzazione del Piano dell'offerta Formativa ( P.O.F.). La Carta dei Servizi e il Regolamento di ogni ordine di scuola ne sono parte integrante Il Collegio Docenti In collaborazione con Lo elabora Il Consiglio di Istituto Lo adotta P.O.F CARTA D IDENTITA Contesto socio-ambientale dell Istituto DELL ISTITUTO Consiglio di Istituto Famiglie Ente Locale Caratteristiche del territorio: il capoluogo e le frazioni Reso pubblico Associazioni e Agenzie Culturali del territorio Altre Scuole del territorio 2

3 Contesto socio-ambientale dell Istituto Caratteristiche del territorio: il capoluogo e le frazioni L ambiente del Comune di Crevalcore, in cui l Istituto comprensivo opera, è molto esteso. Oltre a Crevalcore, che è il capoluogo amministrativo, comprende 6 frazioni: Caselle, Bevilacqua, Sammartini, Palata Pepoli, Galeazza Pepoli, Bolognina. Il territorio comunale ha la forma di un poligono irregolare di circa sette lati: Crevalcore si trova a SUD OVEST, e sei frazioni tutte a NORD. La collocazione decentrata del capoluogo, a 31 Km da Bologna, è tale che il centro si trova in posizione equidistante anche dalle città di Modena e di Ferrara, verso le quali si assiste ad un pendolarismo frequente per lavoro e per studio. Presenta un economia mista, agricola e industriale, a forte immigrazione interna ed esterna. Il fenomeno migratorio, in continuo aumento negli ultimi anni, dall Italia meridionale e dai paesi stranieri, soprattutto extracomunitari, ha trovato accoglienza all interno delle nostre scuole, dove ogni anno si registrano nuovi arrivi, sia nel capoluogo sia nelle frazioni. Crevalcore presenta un importante impianto urbanistico che si è sviluppato lungo l asse della via principale da Porta Modena a Porta Bologna; ha notevoli testimonianze storico artistiche, che documentano il suo sviluppo, dalle origini medievali ai giorni nostri. Le aree per gli insediamenti produttivi (industriali e artigianali) sono due: una situata nella zona dei Beni Comunali, l altra lungo la Persicetana. Sono presenti piccole aree industriali e artigianali anche nelle frazioni di Palata, Bevilacqua e Caselle. Attualmente la popolazione del Comune di Crevalcore è di abitanti; i nuclei familiari sono 5665 (dati aggiornati al 30/09/2010). Si rileva che il numero totale degli abitanti è, negli ultimi anni, in leggero aumento, probabilmente per movimenti migratori dal Sud Italia e da Paesi comunitari ed extracomunitari. Questi dati confermano l aumento dello sviluppo urbanistico con la richiesta di nuovi alloggi. Nella campagna circostante il capoluogo, bella e ricca dal punto di vista naturalistico, si trovano le frazioni, che racchiudono anch esse preziose memorie storiche e culturali, come ville e chiese. Tutte sono collegate a Crevalcore tramite apposite Linee di corriere. Sul territorio comunale sono presenti tutti gli ordini di scuola dell obbligo e per l istruzione secondaria di 2 grado un Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato ( I.P.I.A. ) 3

4 Le risorse Il Comune offre ai giovani diverse opportunità culturali, sportive e ricreative in genere. Sono presenti a Crevalcore: - Istituzione dei Servizi Culturali Paolo Borsellino al cui interno operano: 1. una biblioteca comunale che offre i seguenti servizi Attività di studio Attività di promozione lettura con le scuole Visite e attività delle scuole Prestito, reference, postazioni multimediali Archivio storico Sala lettura (presso la Scuola dell Infanzia Paltrinieri ) Sala Ilaria Alpi 2. una ludoteca che promuove attività centrate sull espressività, attraverso molteplici percorsi e linguaggi 3.il Teatro storico comunale G. Lodi che programma da vari anni una ricca e interessante attività teatrale. Inoltre nel territorio sono presenti: un Centro Culturale denominato Accademia Indifferenti e Risoluti che promuove lo studio e la conservazione dei beni storico artistici locali sportelli pedagogici gestiti dall Ente Locale, in convenzione con l Associazione La Bussola e La piccola carovana che operano in un ottica di prevenzione e di sostegno al disagio scolastico; la Casa dei giovani (Parrocchia); una sala cinematografica; la Pro Loco; il Centro Musicale Melò che promuove attività artistiche e culturali; il Centro Agricoltura Ambiente; un Centro Sportivo moderno e funzionale; un nuovo Centro socio-culturale punto di aggregazione dell associazionismo locale; il Centro Giochi; il Comitato Pace libera tutti ; la Casa Protetta Sandro Pertini ; l Associazione Palata e Dintorni l Associazione M.C.L. l Associazione Puci Farocia L Amministrazione locale offre inoltre numerose iniziative, alle quali l Istituto aderisce in vari momenti dell anno scolastico. 4

5 Rapporti scuola - territorio Enti e Associazioni Per elaborare il P.O.F. l Istituto ha sviluppato un importante collaborazione con il territorio, accogliendo proposte e pareri delle sue diverse componenti, nel rispetto delle funzioni e competenze specifiche di ognuno. Ciò ha permesso di progettare un offerta formativa che riflette le esigenze della realtà culturale, sociale ed economica in cui le scuole operano e nello stesso tempo di raccordarsi alla programmazione formativa territoriale. In primo luogo si evidenzia il rapporto tra Istituzione scolastica e Comune, che si esprime nell Accordo di Programma, il documento che definisce i reciproci impegni in un ottica di cooperazione per favorire il diritto all istruzione e all educazione quale diritto alla persona. Gli interventi del Comune riguardano principalmente 3 ambiti: - DIRITTO ALLO STUDIO/ interventi e servizi di QUALIFICAZIONE del sistema scolastico - DIRITTO ALLO STUDIO/ servizi per l ACCESSO SCOLASTICO - GESTIONE ed UTILIZZO delle STRUTTURE SCOLASTICHE Per promuovere molti dei progetti e delle attività che arricchiscono l offerta formativa l Istituto collabora con: - A.V.I.S - A.I.D.O. - A.U.S.L. - ARCI Caselle - ASSOCIAZIONE M.C.L. - ASSOCIAZIONE Palata e Dintorni - ASSOCIAZIONE Puci Farocia - CASA PROTETTA Sandro Pertini - C.D.L.E.I - CENTRO AGRICOLTURA AMBIENTE - CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE e SOSTENIBILITA di Nonantola - ISTITUZIONE P. Borsellino - CIOP /Informagiovani/CIP - COMITATO GENITORI - COMITATO Pace libera tutti - CONSORZIO INTERCOMUNALE per le Piscine - COOP Adriatica - COOPERATIVA G.Stoppani - GEOVEST - POLIZIA MUNICIPALE - SCUOLE e ISTITUTI SUPERIORI - SOCIETA SPORTIVE di Crevalcore - SOCIETA Tarnein - SORGEA - PUBBLICA ASSISTENZA - UNIVERSITA degli Studi di Bologna Famiglie L Istituto promuove e ricerca il rapporto con le famiglie dei propri alunni, la cui collaborazione considera fondamentale alla realizzazione del progetto educativo- didattico nel suo insieme. Come definito nei Regolamenti dei rispettivi Ordini di scuola, questo rapporto si basa su: 1) Incontri - del Consiglio di Istituto - dei Consigli di Intersezione e di Interclasse - del Consiglio di Classe - Assemblee - Colloqui individuali - Comitato dei genitori - G.L.I.S. 2) Comunicazioni scritte 3) Feste 4) Patto educativo di corresponsabilità 5

6 Patto EDUCATIVO di corresponsabilità (DPR n. 249 del , modificato con DPR n. 235 del ) Scuola Secondaria di 1 Grado M.Polo La scuola, le famiglie e gli studenti condividono e sottoscrivono un patto di corresponsabilità educativa, al fine di rendere più efficace e omogenea l azione educativa. La SCUOLA si impegna a La FAMIGLIA si impegna a Lo STUDENTE si impegna a OFFERTA FORMATIVA Promuovere negli studenti il benessere psico-fisico, la crescita personale e culturale, la capacità di relazioni attraverso la realizzazione di progetti, iniziative ed esperienze di carattere interdisciplinare e di volontariato. Conoscere l offerta formativa della scuola, informare i figli e collaborare alla sua realizzazione. Condividere con gli insegnanti e la famiglia le linee essenziali del piano formativo e della programmazione del Consiglio di classe. RELAZIONALITÀ Creare un clima sereno in cui stimolare il dialogo e la discussione, favorire l ascolto dell alunno (aspettative, interessi, progetti ecc.) per facilitare lo sviluppo della sua personalità, la conoscenza ed il rapporto reciproco tra studenti, l integrazione, l accoglienza, il rispetto di sé e dell altro. Favorire la consapevolezza che si fa parte di una comunità. Promuovere le capacità di ognuno, i comportamenti collaborativi e il rispetto consapevole delle regole sociali. Condividere con gli insegnanti linee educative comuni, supportando la scuola nella sua azione educativa e didattica. Percepire gli studenti come un Bene comune, favorendo la corresponsabilità fra i genitori. Mantenere costantemente, nelle diverse situazioni e attività, un comportamento positivo, corretto e collaborativo, rispettando se stessi, le persone, gli oggetti, gli ambienti e le regole della convivenza civile (riferimenti alla Costituzione) PARTECIPAZIONE Offrire alle famiglie momenti di incontro individuali e di classe (colloqui individuali mensili o su appuntamento, ricevimenti e assemblee) Mantenere aperto un dialogo sugli aspetti Essere presente con regolarità agli incontri di classe. Partecipare a questi incontri con la consapevolezza che essi vogliono favorire il bene comune. 6 Frequentare regolarmente la scuola. Impegnarsi con continuità nello studio e nei compiti. Partecipare in modo positivo allo svolgimento dell attività didattica e formativa.

7 educativi fondamentali per la crescita e per gli apprendimenti degli alunni. Garantire la propria attenzione e partecipazione alla vita della classe. INTERVENTI EDUCATIVI Individuare possibili strategie educative individuali o di gruppo, preventive agli interventi disciplinari. Contattare le famiglie in caso di infrazioni, per comunicare i provvedimenti disciplinari che si ritengono opportuni. Fare rispettare le norme di comportamento contenute nel regolamento d istituto, per favorire un ambiente sereno ed una migliore convivenza civile. Mantenere un dialogo costante con le famiglie, informandole sul percorso degli studenti, soprattutto mediante i colloqui ed il quaderno delle comunicazioni. Prendere visione di tutte le comunicazioni provenienti dalla scuola. Dialogare con i figli e seguire il loro percorso scolastico. Collaborare con la scuola per una riflessione costruttiva sugli episodi di conflitto e per l individuazione concreta di strategie e azioni per il superamento degli stessi. Riferire in famiglia le comunicazioni provenienti dalla scuola e dagli insegnanti. Favorire il rispetto reciproco, sviluppando la collaborazione, l integrazione e la solidarietà. Fare proposte costruttive su nuovi modi di risolvere i conflitti al fine di evitare provvedimenti disciplinari individuali e di gruppo. 7

8 Progettazione educativa Valori e principi fondamentali Questo Istituto si ispira ai seguenti valori e principi fondamentali che danno un significato educativo e formativo ai propri interventi: UGUAGLIANZA e IMPARZIALITA La scuola si adopera affinché le diversità di sesso, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni socio economiche, non possano in alcun modo limitare l esercizio effettivo del diritto all istruzione. Nel rispetto delle scelte della famiglia, ogni attività è rivolta alla totalità degli alunni e delle alunne. Gli utenti hanno diritto ad essere trattati in modo obiettivo e imparziale in ogni momento della vita scolastica. CONTINUITA EDUCATIVA La scuola garantisce il diritto dell alunno ad un percorso formativo organico e completo secondo una logica di sviluppo coerente che valorizzi le competenze già acquisite e riconosca la specificità e la pari dignità dell azione educativa di ciascun ordine di scuola. ACCOGLIENZA, INTEGRAZIONE e SOCIALIZZAZIONE La scuola si apre e si organizza per rendere partecipe ogni singolo alunno al proprio progetto educativo, coinvolgendo anche la famiglia, al fine di offrire una rete di relazioni stabili ed arricchenti, basate sul confronto e il rispetto delle diversità. Tale obiettivo viene raggiunto attraverso una metodologia inclusiva affinché il processo di integrazione innalzi la qualità dell esperienza scolastica e sociale di ciascun soggetto sotto il profilo educativo didattico e organizzativo. La scuola si adopera per attivare ogni forma di attenzione e di orientamento nel rispetto dei bisogni e dei diritti dei bambini in situazione di difficoltà. La scuola favorisce lo sviluppo della cultura dell integrazione nei servizi educativi, scolastici e formativi ; valorizza il coordinamento tra scuola e territorio e programma attività di gruppo e di laboratorio. PROMOZIONE DELL AGIO E DEL BENESSERE A PREVENZIONE DEL DISAGIO. La scuola promuove il rispetto dell alunno, come persona da conoscere, accogliere, valorizzare, prendendo in considerazione anche la sua storia. Inoltre pone questo valore come prioritario nell instaurare le relazioni al suo interno affinché la scuola stessa diventi uno spazio educativo dove i ragazzi imparino a stare bene, tra loro e con gli adulti, sviluppando competenze sociali come la collaborazione, l accoglienza, il rispetto, la fiducia, il senso di responsabilità nell ambito del comportamento e degli impegni assunti, la consapevolezza di sé e degli altri, migliorando la qualità della vita e facilitando gli apprendimenti. CREATIVITA La scuola evita di ridurre la creatività alle sole dimensioni espressive, ma ne favorisce lo sviluppo attraverso un azione integrata che mira tanto agli aspetti cognitivi, quanto a quelli fisici, affettivi e relazionali della personalità dell alunno. 8

9 Bisogni degli alunni Dalle osservazioni compiute sulle caratteristiche specifiche degli allievi di questo Istituto sono emersi i seguenti bisogni principali: 1. equilibrata crescita psico fisica 2. rapporti interpersonali costruttivi e stabili in ambienti qualificati e sereni 3. competenze adeguate alla complessa realtà sociale e culturale 4. bisogni educativi speciali degli alunni diversamente abili 5. formazione adeguata e sviluppo delle potenzialità degli alunni con D.S.A. Finalità educative L Istituto, tenendo presenti le finalità proprie della scuola di base, i valori a cui si ispira e i bisogni rilevati dall osservazione della sua utenza, si propone come : - scuola che Accoglie - scuola che Forma - scuola che Valorizza - scuola che Orienta facendo di Accoglienza Competenza Creatività le tre parole chiave della propria missione di scuola. 9

10 Progettazione curricolare Le discipline Per la Scuola dell Infanzia sono individuati i Campi di Esperienza, mentre per la Scuola Primaria e Secondaria di 1 Grado le singole discipline sono considerate nella loro specificità, proposte all interno di tre grandi Aree disciplinari (Area linguistico-artistico-espressiva, Area storico-geografico-sociale e Area matematico-scientifico-tecnologica) secondo le Nuove Indicazioni per la Scuola dell Infanzia e per il Primo Ciclo d Istruzione approvate col D. M. del 31 luglio INFANZIA PRIMARIA SEC. DI 1 GRADO Campi di esperienza Discipline Discipline Il sé e l altro Area Linguistico -Artistico - Espressiva Area Linguistico - Artistico - Espressiva Il corpo e il movimento Italiano Lingue comunitarie Italiano Lingue comunitarie Linguaggi,creatività, espressione Musica Arte e Immagine Musica Arte e Immagine I discorsi e le parole Corpo movimento e sport Scienze Motorie e Sportive La conoscenza del mondo Area Storico Geografica Storia Geografia Cittadinanza e Costituzione Area Storico - Geografica Storia Geografia Cittadinanza e Costituzione Area Matematico Scientifico - Tecnologica Matematica Scienze naturali e sperimentali Tecnologia Area Matematico Scientifico - Tecnologica Matematica Scienze naturali e sperimentali Tecnologia I.R.C. o Studio Individuale I.R.C. o Attività di Studio e/o Ricerca individuale o di gruppo con assistenza di personale docente I.R.C. o Attività formativa con Programmazione e Valutazione L insegnamento della Religione Cattolica si attiene ai programmi vigenti D.P.R.11 Febbraio 2010(nel mese di Settembre viene fornito alle famiglie il Modello ALLEGATO E per la facoltà di avvalersi o meno dell Attività di I.R.C. o Attività Alternativa o Uscita da Scuola). L Educazione alla Cittadinanza si concretizza in una offerta di attività educative e didattiche unitarie a cui concorrono i docenti contitolari del gruppo classe al fine di promuovere l acquisizione delle conoscenze e delle competenze relative a Cittadinanza e Costituzione come previsto dalla Legge 169 del Il nostro Istituto da anni promuove in prima persona esperienze e progetti sulla Educazione alla cittadinanza attiva e solidale e alla pace, sulla cultura dei diritti umani e dell infanzia. Inoltre aderisce a iniziative organizzate dalle istituzioni del territorio in cui opera, attraverso un rapporto di stretta collaborazione. 10

11 MONTE ORE DISCIPLINARE SCUOLA PRIMARIA (Decreto del Presidente della Repubblica N.89 del 20 Marzo2009 ) ORARIO OBBLIGATORIO 2^ a 27 ore Classi a Tempo Normale 1^ a 30 ore 2^ a 30 ore Classi ex Nuovo Ordinamento 3^ - 4^ - 5^ I.R.C. o alternativa LINGUE COMUNITARIE TECNOLOGIA ITALIANO MATEMATICA STORIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI GEOGRAFIA ARTE E IMMAGINE MUSICA CORPO MOVIMENTO SPORT Totale AMPLIAMENTO dell OFFERTA FORMATIVA Totale Classi Tempo Pieno ORARIO OBBLIGATORIO 1^ 2^ 3^ - 4^ - 5^ I.R.C. o alternativa LINGUE COMUNITARIE TECNOLOGIA ITALIANO MATEMATICA STORIA SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI GEOGRAFIA 1/2* 1/2* 1/2* ARTE E IMMAGINE MUSICA CORPO MOVIMENTO SPORT 1/2* 1/2* 1/2* Totale * Le classi che hanno scelto l Attività di nuoto faranno 1 ora di GEOGRAFIA nel quadrimestre durante il quale viene svolta la suddetta attività. Gli insegnamenti disciplinari possono essere integrati da percorsi progettuali che non rappresentano attività aggiuntive, ma che si inseriscono pienamente nella programmazione educativa e didattica annuale della classe (vedi Progetti di Macroarea Curricolare ). 11

12 MONTE ORE DISCIPLINARE SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO (Decreto del Presidente della Repubblica N.89 del 20 Marzo 2009) CLASSI 1^ - 2^ - 3^ a 30 ore ORARIO OBBLIGATORIO 1 e 2 quadrimestre curricolare approfondimento RELIGIONE / ALTERNATIVA 1 ITALIANO / STORIA/ 9 1 GEOGRAFIA INGLESE 3 FRANCESE 2 MATEMATICA / SCIENZE 6 TECNOLOGIA 2 ARTE E IMMAGINE 2 MUSICA 2 SCIENZE MOTORIE E 2 SPORTIVE Totale 29 1 CLASSI 3^ a 33 ore ORARIO OBBLIGATORIO 1 e 2 quadrimestre curricolare approfondimento RELIGIONE / ALTERNATIVA 1 ITALIANO / STORIA / 9 4 GEOGRAFIA INGLESE 3 FRANCESE 2 MATEMATICA / SCIENZE 6 TECNOLOGIA 2 ARTE E IMMAGINE 2 MUSICA 2 SCIENZE MOTORIE E 2 SPORTIVE Totale 29 4 Attività d Approfondimento: Italiano, Storia e Geografia Gli insegnamenti disciplinari possono essere integrati da percorsi progettuali che non rappresentano attività aggiuntive, ma che si inseriscono pienamente nella programmazione educativa e didattica annuale della classe (vedi progetti di Macroarea curricolare). 12

13 Organi di programmazione e di verifica Il Piano di Lavoro delle attività educativo-didattiche di ogni singola classe/sezione è il risultato di una programmazione collegiale, che nasce da incontri periodici dei docenti a vari livelli: - INFANZIA: gruppo di intersezione e/o sezioni parallele - PRIMARIA: gruppo classe/modulo e/o per classi parallele - SECONDARIA DI 1 GRADO: Consiglio di classe e/o incontro per Dipartimenti disciplinari Sia alla scuola Primaria sia alla scuola Secondaria di 1 grado si attuano regolarmente incontri tra docenti che insegnano la medesima disciplina o area. Nell ambito di questi incontri i docenti si confrontano principalmente su: programmazione delle attività e suo adeguamento in itinere scelte e percorsi disciplinari comuni interventi individualizzati e attività di interclasse obiettivi specifici di apprendimento prove di verifica quadrimestrali e modalità di valutazione Il metodo I docenti, nell articolare il loro intervento, tengono conto di alcune scelte metodologiche generali che costituiscono la base della collegialità educativa e didattica. AREA AFFETTIVA 1. Educazione ai principi fondamentali della convivenza civile e alla non violenza e alla pace. 2. Sviluppo di valori comuni, indipendentemente dall etnia, dalla religione, dallo stato sociale e dal sesso. 3. Impegno nell instaurare una corretta relazione. AREA COGNITIVA 1. Continuità e gradualità dell intervento. 2. Scelte qualitative e formative dei contenuti. 3. Sviluppo delle competenze e trasversalità dei saperi. 4. Attenzione ai tempi e agli stili di apprendimento individuali. 13

14 Valutazione alunni (Decreto del Presidente della Repubblica N.122 del 22 Giugno 2009) La valutazione è una componente dell apprendimento e rientra a pieno titolo nella programmazione delle attività educativo didattiche dell Istituto. Agli insegnanti compete la responsabilità della valutazione e la cura della documentazione didattica, nonché la scelta dei relativi strumenti nel quadro dei criteri deliberati dai competenti organi collegiali. La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari. Attiva le azioni da intraprendere, regola quelle avviate, promuove il bilancio critico su quelle condotte a termine. Assume una preminente funzione formativa, di accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo. Nella scuola Primaria le prove di verifica di fine quadrimestre sono concordate dai docenti delle classi parallele, negli incontri di programmazione. Nella scuola Primaria e nella scuola Secondaria di 1 grado la valutazione è riferita ai livelli di apprendimento conseguiti dagli alunni nelle attività obbligatorie ed in quelle opzionali e riguarda sia gli apprendimenti sia il comportamento. L'aspetto valutativo è documentato attraverso una scheda di valutazione adottata a livello nazionale, che riporta gli obiettivi generali desunti dalle Indicazioni per il curricolo ( D.M. del 31 Luglio 2007 ). In base al Decreto del Presidente della Repubblica la valutazione periodica e finale sarà espressa in decimi. Il primo ciclo, della durata di 8 anni (6-14 anni), si conclude con un esame di Stato il cui esito è espresso con valutazione in decimi e illustrato con una certificazione analitica dei traguardi di competenza e del livello globale di maturazione raggiunti dall alunno.. INVALSI Autovalutazione di Istituto Valutazione interna Efficacia ed efficienza del POF Efficacia della programmazione didattica Qualità dell insegnamento Grado di soddisfazione delle famiglie e del territorio Progetti speciali di ampliamento dell Offerta Formativa Competenza del Collegio dei Docenti e del Dirigente Scolastico Valutazione esterna Valutazione degli apprendimenti e del comportamento degli alunni Diagnosi (iniziale) Formativa(in itinere) Sommativa (annuale/biennale) registrata nella scheda VALUTAZIONE DELLA QUALITA COMPLESSIVA DELL OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA Competenza dei docenti di classe Competenza dell Ist. Nazionale Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione. L Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione (INVALSI) ha il compito di rilevare la qualità dell intero sistema scolastico nazionale, attraverso verifiche sulla qualità di conoscenze e abilità degli studenti. Fra gli obiettivi della Direttiva Ministeriale N.76 del 6 Agosto2009 assume particolare importanza la valutazione degli apprendimenti di Italiano e Matematica degli studenti della 2^ e 5^ classe della Scuola Primaria e della 1^ e 3^ classe della Scuola Secondaria di 1 Grado. Per quest ultima classe si terrà conto della valutazione degli apprendimenti cui sono sottoposti gli studenti in occasione della prova nazionale dell esame di Stato al termine del primo ciclo. Dall anno scolastico 2009/ 10 questa valutazione ha carattere obbligatorio per tutte le scuole statali e paritarie come specificato dalla C.M. N.86 del 22 Ottobre

15 Piano Annuale di Formazione e Aggiornamento Per l a.s.2010 /11 le tematiche proposte per la Formazione in servizio e l Aggiornamento del personale sono le seguenti: TITOLO/ARGOMENTO ENTE ORGANIZZATORE DATE NOTE INSEGNARE SCIENZE, COME UNIRE FORMAZIONE ED ETICA I INCONTRO ENERGIE E RISORSE FRA RICCHEZZE E POVERTA Prof. Vincenzo Balzani Università di Bologna IC Crevalcore 2/3 Settembre 2010 II INCONTRO METODOLOGIA D INSEGNAMENTO DELLA SCIENZA CON RIFERIMENTO ALLA FORMAZIONE DI UN ETICA DEL CITTADINO Prof.ssa Margherita Venturi Università di Bologna PROGETTARE PER COMPETENZE NELLA LOGICA DEL CURRICOLO VERTICALE SCREENING E DISLESSIA IC Crevalcore Azioni formative previste dal Protocollo di Intesa MIUR AID FONDAZIONE TELECOM, firmato in data 3 Marzo Formazione in tema di Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA). Settembre Novembre 2010 L ambiente di formazione Screening e dislessia sarà online a partire dal 15 ottobre 2010, all indirizzo dislessia. Le attività previste dall Ambiente avranno termine il 15 dicembre 2010 FORMATORI Prof.C.Dellucca Prof.E. Michelini Prof.A. Gulizia IRRE ENTE FORMATORE ANSAS (Agenzia nazionale Sviluppo Autonomia Scolastica) CORSO DI FORMAZIONE SUI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Alta formazione, rivolta ai docenti referenti e ai docenti di area (lingua, matematica e lingua straniera) della scuola secondaria di 1 e 2 grado, come approfondimento della didattica disciplinare specifica. Protocollo di Intesa MIUR AID FONDAZIONE TELECOM, firmato in data 3 Marzo Formazione in tema di Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA). Ottobre Novembre 2010 ELLE Emergenza lingua LIM Piano di diffusione Lavagne Interattive e Multimediali Progetto regionale USR ANSAS Aprile 2010 Maggio 2011 Date da definirsi ANSAS (Agenzia nazionale Sviluppo Autonomia Scolastica) INDICAZIONI PER IL CURRICOLO. UN MONDO DI NUMERI. CONSIDERAZIONI Ambito territoriale 1 Novembre 2010 Febbraio

16 DIDATTICHE IN AMBITO ARITMETICO. Giornata Pedagogica "QUALE DOCENTE CLIL?" ENGLISH TROUGH CREATIVE METHOD LEND lingua e nuova didattica, in collaborazione con: British Council Italy BCLA Ambassade de France Goethe-Institut Roma ACLE, Associazione Culturale Linguistica educational 25 Ottobre Novembre 2010 CORSO DI PRIMA ALFABETIZZAZIONE IC Calderara di Reno Novembre STORIE DA MANGIARE Matilde Ristorazione 21 Ottobre 2010 CORSO DI FORMAZIONE PER INSEGNANTI E GENITORI CORSO DI PERFEZIONAMENTO SULLA RIEDUCAZIONE POSTURALE DELLA SCRITTURA. Operatori ASL (Distretto Pianura Ovest) Nuovo Centro di ricerca Magni Crotti (Milano) Date da definirsi Febbraio Marzo 2011 Corso per docenti e genitori della Scuola Primaria U. Pizzoli di Palata Pepoli CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN TUTOR DELL APPRENDIMENTO Facoltà di Psicologia di Padova a.s. 2010/2011 HANDImatica 2010 VIII Mostra Rassegna nazionale su Tecnologia ICT e disabilità Ideazione, progettazione, direzione organizzativa a cura di Fondazione ASPHI onlus Avviamento e Sviluppo di Progetti per ridurre l Handicap mediante l Informatica Via Arienti Bologna tel Bologna novembre 2010 INCONTRI DI FORMAZIONE PER GENITORI. I.C. di Crevalcore in collaborazione con Ufficio Scolastico del Comune di Crevalcore e con la Cooperativa Il pettirosso 2 incontri (date da definirsi) Corso per genitori della Scuola Primaria U. Pizzoli di Palata Pepoli LA COLLABORAZIONE SCUOLA/FAMIGLIA: INSIEME PER PROMUOVERE BENESSERE A SCUOLA. STRUMENTI PER UNA COMUNICAZIONE EFFICACE E PER L ESERCIZIO DEL PROPRIO RUOLO NELLA RELAZIONE EDUCATIVA. I.C. di Crevalcore in collaborazione con Ufficio Scolastico del Comune di Crevalcore e con la Cooperativa Il pettirosso Dicembre 2010 Gennaio 2011 Corso per docenti e genitori della Scuola Secondaria di I grado M. Polo 16

17 Progettazione didattica e organizzativa Edifici SCUOLA dell INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA di 1 GRADO CREVALCORE G. Dozza Via Puccini 242 G. Lodi Via XXV Aprile 85 M. Polo Via Guisa 308 PALATA PEPOLI C.Paltrinieri Via Provanone 4964 U.Pizzoli Via Provanone 5016/A CASELLE G. Calanca Via del Papa 35 Spazi e orari Plessi Scuola dell Infanzia Nell'Istituto Comprensivo di Crevalcore sono presenti 3 plessi di scuola dell Infanzia, situati nel Comune di Crevalcore: - plesso "PALTRINIERI", frazione Palata Pepoli, 2 sezioni; orario plesso "CALANCA", frazione Caselle, monosezione; orario plesso "DOZZA", Crevalcore capoluogo, 6 sezioni; orario

Che cosa è il P.O.F PIANO OFFERTA FORMATIVA. Che cosa è il P.O.F. Contesto socio-ambientale dell Istituto. Progettazione educativa

Che cosa è il P.O.F PIANO OFFERTA FORMATIVA. Che cosa è il P.O.F. Contesto socio-ambientale dell Istituto. Progettazione educativa PIANO OFFERTA FORMATIVA Che cosa è il P.O.F. Contesto socio-ambientale dell Istituto Rapporti scuola-territorio Progettazione educativa Progettazione curricolare e opzionale Progettazione didattico-organizzativa

Dettagli

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma

Piano Offerta Formativa I.C. G.Montezemolo Via A. di Bonaiuto, 16 - Roma Linee programmatiche Pof 2013/2014 Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità della scuola è lo sviluppo armonico

Dettagli

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI PARTE SECONDA 5. LA SCUOLA PRIMARIA DELL'ISTITUTO 5.1. OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI La scuola Primaria promuove il benessere dei bambini e si impegna ad educarli tenendo conto delle diverse dimensioni

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT)

Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) Via Sismondi, 17 - tel. 0572 476298 51017 Pescia (PT) La Scuola Primaria di Valchiusa è situata in una zona verdeggiante meglio conosciuta come Valchiusa e occupa parte della sede centrale dell Istituto

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA 2014-2015 ISCRIZIONI

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA 2014-2015 ISCRIZIONI ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA - SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Porrettana 258 40037 SASSO MARCONI tel.051.841185 fax 051-843224 e-mail: ic.sassomarconi@libero.it -

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it

ISCRIZIONI a.s. 2015/16. Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it ISCRIZIONI a.s. 2015/16 Istituto Comprensivo Statale di Poppi www.poppi-scuola.it UGUAGLIANZA INCLUSIONE-ACCOGLIENZA BISOGNI EDUCATIVI STAR BENE CON SE E GLI ALTRI Il nostro istituto unisce infanzia, primaria

Dettagli

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme

scelte educative sostenere orientare attraverso percorsi significativi che mettono in gioco sapere saper fare saper essere saper stare insieme Lo sviluppo umano riguarda l essere di più e non l avere di più scelte educative La nostra Scuola si impegna per sostenere motivazione riflessione l imparare ad imparare orientare stili di vita buone pratiche

Dettagli

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa

Istituto Comprensivo Ugo Betti - Piano dell Offerta Formativa SCUOLA DELL INFANZIA Dimensione didattico - pedagogica La scuola dell infanzia, liberamente scelta dalle famiglie, si rivolge a tutti i bambini dai 2,5 ai 6 anni di età ed è la risposta al loro diritto

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Anno scolastico 2008/09

Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO AZZANO SAN PAOLO Il presente opuscolo, che racchiude le linee programmatiche essenziali utili ad identificare la nostra scuola, costituisce una sintesi del Piano dell Offerta Formativa;

Dettagli

Piano dell Offerta formativa anno scolastico 2011/12

Piano dell Offerta formativa anno scolastico 2011/12 Tipologia di scuola Circolo Didattico Codice CHEE01000C Città Atessa Via Luigi Cinalli, 1 C.A.P. 66041 Provincia Chieti Tel./Fax 0872 866223 Codice Fiscale 81001900695 E-mail chee01000c@istruzione.it Sito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE SCUOLA DELL'INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE SCUOLA DELL'INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE SCUOLA DELL'INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Distretto XV Via Olcese, 16 00155 ROMA Tel. 062301748 0623296321 Dirigente scolastico: prof.ssa Tiziana

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla

Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Istituto Comprensivo Karol Wojtyla Sintesi del Piano Dell offerta Formativa A.S. 2014-2015 16 gennaio 2015: presentazione delle scelte educativo-didattiche ai genitori (ore 18.00) 17 gennaio 2015: scuola

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013-2014

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013-2014 ISTITUTO COMPRENSIVO I. C. LEONARDO DA VINCI - BUSSOLENGO (VR) LEONARDO DA VINCI PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013-2014 Per una cultura della comunicazione, della cittadinanza e della flessibilità

Dettagli

Distretto XV Via Olcese, 16 00155 ROMA Tel. 062301748 0623296321 Dirigente scolastico: prof.ssa Tiziana Santoro

Distretto XV Via Olcese, 16 00155 ROMA Tel. 062301748 0623296321 Dirigente scolastico: prof.ssa Tiziana Santoro Distretto XV Via Olcese, 16 00155 ROMA Tel. 062301748 0623296321 Dirigente scolastico: prof.ssa Tiziana Santoro PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2013 2014 Via Lepetit Via dei Berio Via Tovaglieri

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Montebelluna 1

Istituto Comprensivo Statale Montebelluna 1 Istituto Comprensivo Statale Montebelluna 1 MONTEBELLUNA- TV SINTESI DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015-2016 scuola Primaria G. Marconi Via XXX Aprile, 28 31044 Montebelluna G. Pascoli Via Contea, 74 31044

Dettagli

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432

LE SCUOLE PRIMARIE. SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 LE SCUOLE PRIMARIE SCUOLA PRIMARIA B. FERRARI DI LANGHIRANO n. classi 20 n. alunni 432 La scuola primaria B. Ferrari è ospitata in un edificio storico di pregio la cui costruzione risale all anno 1927

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTENASO PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA CIALDINI di scuola dell infanzia, di scuola primaria, di scuola secondaria di primo grado Tel.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA CIALDINI di scuola dell infanzia, di scuola primaria, di scuola secondaria di primo grado Tel. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA CIALDINI di scuola dell infanzia, di scuola primaria, di scuola secondaria di primo grado Tel. 036272147 - Fax 0362333550 - E-mail: info@icviacialdini.it- CF:83010500151

Dettagli

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia

Istituto Comprensivo di Sedegliano. Tutti a scuola. Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia Istituto Comprensivo di Sedegliano Tutti a scuola Piccola guida alle nostre scuole dell infanzia gennaio 2009 Presentazione Istituto Comprensivo di Sedegliano Questo opuscolo contiene alcune informazioni

Dettagli

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it

OPEN DAY. Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico. Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it Istituto Comprensivo Luigi Settembrini via Sebenico OPEN DAY Sito web: luigisettembrini.gov.it E-Mail: rmic8ea00r@istruzione.it 1 Sede Operativa per la Formazione Continua e Superiore Attività conformi

Dettagli

A. MORO CERRO AL LAMBRO

A. MORO CERRO AL LAMBRO ISTITUTO COMPRENSIVO P. FRISI MELEGNANO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO A. MORO CERRO AL LAMBRO Iscrizioni a.s. 2015/2016 1 La proposta didattica e formativa della Scuola Secondaria di Primo Grado per le

Dettagli

Ha accolto negli anni ottanta le classi della scuola media che erano ospitate, dal loro nascere, presso l'oratorio "San Giovanni Bosco".

Ha accolto negli anni ottanta le classi della scuola media che erano ospitate, dal loro nascere, presso l'oratorio San Giovanni Bosco. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO - CREMENO La sede centrale, dell Istituto Comprensivo Statale San Giovanni Bosco, che ospita la Scuola Secondaria di Primo grado, si trova vicino a una pineta in una zona

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA CIALDINI di scuola dell infanzia, di scuola primaria, di scuola secondaria di primo grado Tel.

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA CIALDINI di scuola dell infanzia, di scuola primaria, di scuola secondaria di primo grado Tel. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VIA CIALDINI di scuola dell infanzia, di scuola primaria, di scuola secondaria di primo grado Tel. 036272147 - Fax 0362333550 - E-mail: info@icviacialdini.it- CF:83010500151

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

COMO - LORA SCUOLA DELL'INFANZIA

COMO - LORA SCUOLA DELL'INFANZIA COMO - LORA SCUOLA DELL'INFANZIA Presentazione / struttura scolastica Gli spazi Organizzazione oraria Organizzazione delle attività didattiche giornata tipo Finalità educative Metodologia didattica Iniziative

Dettagli

Istituto Comprensivo Montebelluna 1

Istituto Comprensivo Montebelluna 1 Istituto Comprensivo Montebelluna 1 MONTEBELLUNA- TV SINTESI DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014-2015 Scuola Secondaria di primo grado via Papa Giovanni XXIII, 5 31044 Montebelluna - 1 - PRESENTAZIONE DELL

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO LA CONOSCENZA

UN VIAGGIO VERSO LA CONOSCENZA IST. COMPRENSIVO BARLASSINA Scuola Secondaria G.Galilei ad INDIRIZZO MUSICALE Dirigente Scolastico Daniela Colombo UN VIAGGIO VERSO LA CONOSCENZA 19/01/2013 educare per istruire Presentazione POF Secondaria

Dettagli

A. IL CONTESTO. A1. Elementi caratterizzanti il contesto. A.1 Il territorio

A. IL CONTESTO. A1. Elementi caratterizzanti il contesto. A.1 Il territorio A. IL CONTESTO A1. Elementi caratterizzanti il contesto A.1 Il territorio L ambiente socio culturale dei quattro comuni che afferiscono alla Direzione Didattica di Codroipo mostra una generale omogeneità

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale MILANO SPIGA

Istituto Comprensivo Statale MILANO SPIGA Istituto Comprensivo Statale MILANO SPIGA PIANO dell OFFERTA FORMATIVA a.s. 2013-2014 Istituto Comprensivo Statale MILANO SPIGA documento identità Scuola crescere persone serenità attenzione culturale

Dettagli

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Donadoni via Torquato Tasso Bergamo. Scuole per l'infanzia - Scuola Primaria - Scuola Potenziata - Scuola Secondaria di 1 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA La scuola dell infanzia per bambini dai 3 ai 6 anni di età non è obbligatoria, ma è di fondamentale importanza per la promozione di competenze essenziali, quali:

Dettagli

LA SCUOLA DELL'INFANZIA

LA SCUOLA DELL'INFANZIA 1 LA SCUOLA DELL'INFANZIA I PLESSI Scuola dell infanzia di Lama di Reno Valter Cardi via Lama di Reno n. 20 tel. 051 931015 L edificio si sviluppa su due piani. Al piano terra sono ubicate 2 aule con servizi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE SILVIO PELLICO Piazza del Popolo, 4 21040 VEDANO OLONA (VA) P.IVA/C.F. 95045030129 Tel.n.0332400232 Fax n. 0332400737 e-mail scuolavo@libero.it C è qualcosa di più

Dettagli

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2014/2015

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2014/2015 PRESENTAZIONE Il Programma Annuale rappresenta lo strumento esecutivo fondamentale per il passaggio dalla fase programmatica all attuazione del Piano dell Offerta Formativa, attraverso l individuazione

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. MONTEMARCIANO MARINA di MONTEMARCIANO. 19 gennaio 2015 Incontro informativo Iscrizioni alla Scuola Primaria. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO. MONTEMARCIANO MARINA di MONTEMARCIANO. 19 gennaio 2015 Incontro informativo Iscrizioni alla Scuola Primaria. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEMARCIANO MARINA di MONTEMARCIANO 19 gennaio 2015 Incontro informativo Iscrizioni alla Scuola Primaria a.s. 2015-2016 Iscrizioni a.s. 2015-2016 Quando Dal 15 gennaio 2015 al 15

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO

LICEO ARTISTICO SCUOLA DEL LIBRO DI URBINO Parte I - PRINCIPI FONDAMENTALI CARTA DEI SERVIZI La carta dei servizi del Liceo Artistico Scuola del Libro di Urbino trae i suoi principi fondamentali dagli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

Dettagli

Anno Scolastico 2007-2008

Anno Scolastico 2007-2008 Tutti i bambini sono semi di luce che cercano ispirazione, guida, armonia e generosità Agli adulti spetta la grande responsabilità di offrire loro un terreno in cui far germogliare la luce che c è in ognuno

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

Istituto Sperimentale Rinascita - A. Livi - Milano Scuola statale secondaria di primo grado a indirizzo musicale

Istituto Sperimentale Rinascita - A. Livi - Milano Scuola statale secondaria di primo grado a indirizzo musicale Istituto Sperimentale Rinascita - A. Livi - Milano Scuola statale secondaria di primo grado a indirizzo musicale PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 AS 2014/2015 STRUTTURA E ORGANIZZAZIONE Attività opzionali

Dettagli

si presenta STAMPATO IN PROPRIO

si presenta STAMPATO IN PROPRIO Tutti i bambini sono semi di luce che cercano ispirazione, guida, la promessa di un mondo d armonia e generosità. Agli adulti spetta la grande responsabilità di offrire loro un terreno in cui fa germogliare

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

Istituto comprensivo M. Anzi di Bormio

Istituto comprensivo M. Anzi di Bormio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO M. ANZI DI BORMIO Piazza V Alpini, 5-23032 Bormio (SO) - Tel. e fax: 0342/901467 C.F. 93022020148 Sito web: http://www.comprensivobormio.gov.it/

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico

DPR275/1999 L107/2015. Durata Annuale Triennale-revisione annuale. Indirizzi Consiglio d Istituto Dirigente Scolastico Prot. 4828/A22 Surbo, 25/09/2015 LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2015/2018 PREMESSA La Legge 107/2015 di Riforma del sistema nazionale di istruzione e

Dettagli

SINTESI del PIANO dell OFFERTA FORMATIVA 2014-2015 Scuole secondarie Foscolo-Marconi

SINTESI del PIANO dell OFFERTA FORMATIVA 2014-2015 Scuole secondarie Foscolo-Marconi ISTITUTO COMPRENSIVO TITO SPERI CENTRO 2 VIA GALILEO GALILEI, 46 25128 BRESCIA Tel. 030304954 - FAX 0303700710 e-mail: bsic88200t@istruzione.it pec: bsic88200t@pec.istruzione.it Codice Fiscale 98156940177

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE

SCUOLA DELL INFANZIA STATALE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE CASTRO TOPOLOGIA A) SPAZIO INTERNO La scuola dell infanzia statale di Castro con la struttura razionale dei suoi spazi, corrisponde all esigenza di una organizzazione educativa

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI (approvata dal Consiglio di Istituto in data 8 febbraio 2013)

CARTA DEI SERVIZI (approvata dal Consiglio di Istituto in data 8 febbraio 2013) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIREZIONE DIDATTICA ELIO TONELLI DI PESARO Istituto Comprensivo Elio Tonelli di Pesaro dall'a.s. 2013/14 Strada Statale Adriatica, 151-61121 PESARO

Dettagli

Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014

Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA La scuola Primaria interna al Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II è situata nel Quartiere delle Vittorie, XVII Municipio 25 distretto,

Dettagli

Presentanzione delle Scuole dell Infanzia. Istituto comprensivo Massarosa 1 a.s. 2015/2016

Presentanzione delle Scuole dell Infanzia. Istituto comprensivo Massarosa 1 a.s. 2015/2016 Presentanzione delle Scuole dell Infanzia Istituto comprensivo Massarosa 1 a.s. 2015/2016 G.Pascoli Masssarosa Piano del Quercione Pieve a Elici Bozzano Quiesa IN OGNI PLESSO SI EFFETTUA IL SEGUENTE ORARIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI PLESSO

PROGRAMMAZIONE DI PLESSO ISTITUTO COMPRENSIVO VR 13 - CADIDAVID PRIMO LEVI SCUOLA PRIMARIA ANTONIO CESARI CADIDAVID PROGRAMMAZIONE DI PLESSO Anno scolastico 2011/2012 Presentazione della realtà del Plesso A. Cesari : - 5 classi

Dettagli

SCEGLIERE LA SCUOLA SECONDARIA: Incontro con le famiglie

SCEGLIERE LA SCUOLA SECONDARIA: Incontro con le famiglie X ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE STEFANINI Scuola secondaria di I grado Stefanini SCEGLIERE LA SCUOLA SECONDARIA: Incontro con le famiglie Venerdì 23 Gennaio 2015 IL X ISTITUTO COMPRENSIVO Quartiere n. 4

Dettagli

Scuola Primaria Arcivescovile Dame Inglesi

Scuola Primaria Arcivescovile Dame Inglesi Scuola Primaria Arcivescovile Dame Inglesi Che cosa offriamo? Il Progetto educativo d Istituto La Scuola si propone di contribuire alla formazione integrale dell alunno, accompagnandolo in una crescita

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA

LINEE DI INDIRIZZO PER LA STESURA DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19 PREMESSA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazza Volta 4/a 22077 OLGIATE COMASCO (CO) tel. 031-944033 / 947207 cod.min. COIC80700A - cod.fisc. 80013700135 e.mail

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA DON LUCIANO SARTI Segreteria: Via Palestro 38 40024 Castel San Pietro Terme 051 944590 www.scuoledonlucianosarti.it PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016

Istituto Comprensivo Kennedy Ovest 3 Brescia 2015-2016 Brescia 2015-2016 LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE definiscono nel POF le articolazioni del tempo-scuola le Famiglie potranno RICHIEDERE Uno dei modelli a richiesta Tempo 30 ore Tempo Pieno 40 ore Scuola primaria

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCANZOROSCIATE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCANZOROSCIATE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Scanzorosciate Scuola Primaria e Secondaria di 1 grado Scanzorosciate - Pedrengo Via degli Orti, n. 37-24020 Scanzorosciate

Dettagli

BENVENUTI nell Istituto Comprensivo A. GRAMSCI

BENVENUTI nell Istituto Comprensivo A. GRAMSCI BENVENUTI nell Istituto Comprensivo A. GRAMSCI L Istituto Comprensivo A. Gramsci è formato da: 2 scuole dell infanzia statali: Arvalia e Corviale 4 scuole primarie: Arvalia Collodi Corviale Perlasca 1

Dettagli

La scuola one time e i work shop

La scuola one time e i work shop 2 La scuola media del Collegio Rotondi si riconosce per un percorso culturale proiettato in una dimensione internazionale della form. La ricerca di nuove strade e nuove modalità del fare scuola coinvolge

Dettagli

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA

LA SCUOLA MEDIA DI PAINA 1 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto comprensivo don Rinaldo Beretta" Scuola secondaria di primo grado Salvo D Acquisto 20030 PAINA DI GIUSSANO - VIA A. MANZONI, 50 TEL.

Dettagli

Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15

Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 Questionario scuola 1 ciclo di istruzione Anno Scolastico 2014/15 INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini, 5 Villa Falconieri 00044

Dettagli

e-mail.: luic82400r@istruzione.it Fax:0583-730098-74010 Prot. n. Gallicano lì 29 settembre 2015

e-mail.: luic82400r@istruzione.it Fax:0583-730098-74010 Prot. n. Gallicano lì 29 settembre 2015 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O GALLICANO scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di I grado Via dei Cipressi, 55027 Gallicano (Lucca) 0583 74019 /74010 e-mail.: luic82400r@istruzione.it

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015

Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Scuola Secondaria di Primo Grado F. Montanari di Mirandola PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA P.A.I. Anno scolastico 2014/2015 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati inerenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE

SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE SCUOLA DELL INFANZIA DI CAPITONE PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO a. s. 2008/2009 INSEGNANTI DI SEZIONE : CANAL Chetti FRANCIA Meri VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE INIZIALE La scuola dell infanzia di Capitone

Dettagli

- 3 scuola media Supplenti annuali scuola elementare - Supplenti annuali scuola media 3 Docenti in compartecipazione

- 3 scuola media Supplenti annuali scuola elementare - Supplenti annuali scuola media 3 Docenti in compartecipazione Istituto Comprensivo «Dozza» DATI STRUTTURALI ANNO DI ISTITUZIONE 1998/1999 PERSONALE IN SERVIZIO NEL CTP 1998 1998 Docenti di ruolo scuola elementare 2 3 5 Docenti di ruolo scuola media 9 3 13 Docenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Vasto (CH) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO RAFFAELE PAOLUCCI P.O.F. Piano dell Offerta Formativa

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Vasto (CH) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO RAFFAELE PAOLUCCI P.O.F. Piano dell Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 Vasto (CH) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO RAFFAELE PAOLUCCI P.O.F Piano dell Offerta Formativa tenetevi pronti per un viaggio meraviglioso Circolarità della didattica nella nuova

Dettagli

"Falcone Borsellino" Istituto Comprensivo Statale di scuola primaria e secondaria di primo grado

Falcone Borsellino Istituto Comprensivo Statale di scuola primaria e secondaria di primo grado Istituto Comprensivo Statale di scuola primaria e secondaria di primo grado "Falcone Borsellino" Via Dante Alighieri 16-37011 Bardolino (VR)- Italia tel.045 7210155 - fax 045 6228114 - A tutti i docenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88

ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTA - SESTO SAN GIOVANNI Scuola dell'infanzia "E. Marelli 20099 SESTO SAN GIOVANNI (MI)- VIA CAVALLOTTI, 88 I nostri spazi 5 sezioni 2 bagni con servizi igienici

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 grado G. Marchetti. Scuola Secondaria di 1 grado G. Marchetti

Scuola Secondaria di 1 grado G. Marchetti. Scuola Secondaria di 1 grado G. Marchetti ISTITUTO COMPRENSIVO SENIGALLIA G. MARCHETTI Distretto Scolastico nº 6 60019 SENIGALLIA (Ancona) Viale dei Gerani, 1 - Tel. 071 79.22.289 Fax 071 79.26.774 e-mail: segreteria@istitutomarchetti.it sito

Dettagli

SCUOLA INFANIZA 2014-20152015

SCUOLA INFANIZA 2014-20152015 Istituto Comprensivo Statale Caprino veronese SCUOLA INFANIZA VIA SANDRO PERTINI, 22 37013 CAPRINO VERONESE - Tel. 045/7241026 Fax 045/6230723 E-mail: vric86300e@istruzione.it WWW.ICSCAPRINOVERONESE.IT

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI

SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI SCUOLA PRIMARIA G. MAZZINI Dove ci troviamo La scuola G. Mazzini si trova a Legnano in piazza Trento e Trieste. Si colloca in una zona strategica poiché comodamente raggiungibile dal centro di Legnano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2006/2007 Il V Circolo E. De Amicis, con l attuazione dell Autonomia, si rapporta al territorio nella prospettiva di un sistema formativo integrato, attrezzato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.MASCI Francavilla al mare SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.MASCI Francavilla al mare SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO F.MASCI Francavilla al mare SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Prot. 56 /A2 Francavilla al mare 03 settembre 204 Ai Docenti LORO SEDI Al DSGA. All Albo- sito web

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA primaria e secondaria Via G. Pascoli,10 42023 Cadelbosco Sopra (RE) PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA Adattamento indicazioni operative a cura della Commissione

Dettagli

Scuola Primaria Gramsci Via Motrassino, 10. Scuola Primaria Romero Via Guarini, 19

Scuola Primaria Gramsci Via Motrassino, 10. Scuola Primaria Romero Via Guarini, 19 Scuola Primaria Gramsci Via Motrassino, 10 Scuola Primaria Rigola Via G.Amati, 134 Scuola Primaria Romero Via Guarini, 19 a.s. 2015-2016 Scuola Primaria A.Gramsci Via Motrassino, 10 Scuola Primaria O.Romero

Dettagli

ISCRIZIONI a.s. 2014/15

ISCRIZIONI a.s. 2014/15 - 0652209322 ISCRIZIONI a.s. 2014/15 27/01/2014 ISCRIZIONI entro il 28 febbraio SCUOLA SECONDARIA I grado: on line 27/01/2014 Adempimenti delle famiglie - individuare la scuola d interesse (anche attraverso

Dettagli

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2013/2014

1.1. DIMENSIONE E COMPLESSITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA ORGANICO DI FATTO 2013/2014 PRESENTAZIONE Il Programma Annuale rappresenta lo strumento esecutivo fondamentale per il passaggio dalla fase programmatica all attuazione del Piano dell Offerta Formativa, attraverso l individuazione

Dettagli

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI

PROGETTI TRASVERSALI PROGETTO FINALITÀ DESTINATARI PROGETTI TRASVERSALI FINALITÀ DESTINATARI SCIENZE MOTORIE: 1. PSICOMOTRICITA 2. GIOCO-SPORT 3. SPORTIVAMENTE A SCUOLA Acquisire la conoscenza-coscienza del proprio Io corporeo e la capacità d interagire

Dettagli

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani

Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Insieme per crescere, pensare, formarsi al domani Tutto questo si traduce in : È lo sfondo in cui la scuola accompagna l alunno alla scoperta di se stesso, degli altri, nello spazio e nel tempo attività

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli