n dal 1 al 13 giugno tel GRATUITO di LATINA Metrolatina, il Ministero blocca i fondi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "n. 243 - dal 1 al 13 giugno 2012 - tel. 06.92.76.222 - ilcaffe@mediumsrl.it - GRATUITO di LATINA Metrolatina, il Ministero blocca i fondi"

Transcript

1 n dal 1 al 13 giugno tel GRATUITO di LATINA Metrolatina, il Ministero blocca i fondi Pdl pontino: tante tessere, poca identità Partito in stato confusionale. Di Giorgi si fa il suo movimento, arrivano gli azzeratori Il progetto forse si spegnerà dopo il vaglio della Commissione di Alta Vigilanza A differenza del Comune, il Ministero dei Trasporti risponde ai cittadini che denunciano l inutilità e l insostenibilità economica del tram chiamato metro leggera : abbiamo sospeso l erogazione dei finanziamenti, scrive il Dipartimento per i Trasporti al Comitato Metro Bugia. E poiché «la situazione di stallo permane», precisa la dirigente ministeriale, a pag. 11 Strisce blu e debiti hanno passato il fantasioso appaltone alla Commissione di Alta Vigilanza. In base al parere di quest organo, il Cipe deciderà se finanziare o no il tram. Intanto sono stati pagati oltre 251mila a vari consulenti esterni, arruolati dal capo tecnico comunale, e in Francia ammuffiscono le vetture pagate quasi 6 milioni di a pag. 8 SARTORI NELLA STORIA: PER LUI LA 5 a OLIMPIADE ECCELLENZE Latina, ecco come si supera la crisi Salvatore La Valle della Esco Lazio La centrale che trasforma in gas gli scarti agricoli. Un successo a pag e 118 In prima linea, ma senza stipendio ogni mese Pompieri e Sanitari in emergenza per le difficoltà economiche a pag. 30 SANITÀ Galetto: «Fuori la politica dagli ospedali pontini» Stefano Galetto POSTE ITALIANE S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale 70% - tassa pagata - DCB Latina Consiglio unanime: risolvere con Urbania a pag. 22 Il doppio del canottaggio formato da Alessio Sartori di Terracina e Romano Battisti di Priverno sarà ai Giochi di Londra: una qualificazione ottenuta contro ogni pronostico a pag. 31 SOS dei lavoratori dell Arpa: «Da giugno niente più analisi sull inquinamento» Balneabilità: controlli a rischio Mancano soldi e personale. Il Vicesindaco Cirilli: «Pretenderemo che la Regione Lazio risolva» a pag. 2, 3 e 6 14 milioni per la marina di Latina Finanziamento peo in arrivo, ma anche questa estate passerà senza interventi sul litorale (e le solite polemiche) a pag. 24 Comuni insieme si organizzano Rifiuti, parte la secessione anti-lobby Aprilia, Cisterna, Sermoneta, Cori, Rocca Massima, Anzio e Ardea vogliono fare da sé a pag. 15 a pag. 23 LATINA CROCIATA DEL COMUNE CONTRO LE PROSTITUTE a pag. 28 SABAUDIA FOTOVOLTAICO SUL LAGO, IL PROGETTO C È a pag. 35

2 2 BALNEABILITÀ n dall 1 al 13 giugno 2012 I dipendenti dell Arpa Lazio dichiarano lo stato di agitazione: non sarà più garantita la qualità dell acqua e dell aria Estate, senza analisi mare non balneabile Senza le analisi delle acque e dell aria è a rischio la salute di quasi 6 milioni di cittadini del Lazio Riccardo Angelo Colabattista L Arpa Lazio, l'agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, è al collasso e la balneazione su tutto il litorale, romano e pontino, è a forte rischio. Sono queste le pericolose conseguenze della battaglia intrapresa dai lavoratori dell Agenzia. «Lo stato di agitazione commenta Domenico Teodori, Segretario responsabile UIL FPL dell Arpa Lazio mette in pericolo la salute di quasi 6 milioni di cittadini di tutto il Lazio. La nostra azione consisterà nel so- Il braccio di ferro dei sindacati Per cercare di fare pressione sullʼente Regionale le tre sigle sindacali, CGIL, CISL e UIL, rappresentative dellʼarpa Lazio, hanno dichiarato lo stato di agitazione dei lavoratori a partire dal primo giugno. Il rischio di non avere controlli ambientali adeguati affermano Claudio Lauretti (CGIL), Marco Giobbi (CISL) e Sandro Biserna (UIL) - arriva in un momento particolarmente delicato per tutte le province laziali, a partire da quella di Roma dove si sta dibattendo sul collocamento della nuova discarica. In queste condizioni, considerato anche lʼirrisolto problema dello smaltimento dei rifiuti, la Regione Lazio rischia di diventare una polveriera ecologica». spendere ogni attività straordinaria. Con le sole sei ore quotidiane lavorative sarà impossibile effettuare tutti i controlli previsti sull aria e sulle acque laziali. Senza controlli e senza dati certi, rilevati dall Arpa, i comuni e le province saranno costretti a dichiarare le loro spiagge non balneabili». ANALISI GARANTITE SOLO FINO A MAGGIO L Arpa è un ente pubblico, operativo dal 2000, che svolge le attività di monitoraggio di acque e aria fondamentali ai fini della prevenzione primaria. Fino al mese di maggio sono stati garantiti tutti i controlli del caso, con prelievi e analisi quotidiane su tutto il territorio regionale. Il problema ora arriva a giugno in piena stagione estiva. «In queste condizioni l Arpa Lazio non può più controllare e, di conseguenza, garantire la qualità dell aria e dell acqua continua Teodori -. Abbiamo più volte sollecitato l assessore Regionale all Ambiente Marco Mattei ad affrontare il problema ma, ad oggi, nulla è stato fatto. Senza le dovute analisi ci saranno dei seri problemi di salute per tutti i cittadini del Lazio e, di contro, delle ripercussioni economiche e di immagine per tutto il lungomare regionale». MANCANO SOLDI E PERSONALE Le problematiche sollevate dagli operatori dell Arpa sono diverse: dal commissariamento, che dura ormai da sette anni, ai finanziamenti che non arrivano, fino a giungere alla situazione di alcune persone che, nonostante abbiano passato il concorso, restano in attesa di essere integrate. «Per capire in che situazione ci troviamo, basta pensare che la Regione Lazio ha approvato un organico di circa 750 unità di personale conclude Teodori, mentre l Agenzia oggi dispone di meno di 400 lavoratori, che per un quarto sono impiegati a tempo determinato». La stagione estiva è ormai alle porte e, nonostante l assegnazione delle numerose e importanti Bandiere Blu, il litorale, senza i continui controlli, potrebbe riservare delle brutte sorprese. Il divieto di balneazione significherebbe incertezza della qualità delle acque e, quindi, pericolo per tutti gli spiaggianti laziali. DOMENICO TEODORI Segretario responsabile UIL FPL dell Arpa Lazio I Comuni e le Province saranno costretti a dichiarare le loro spiaggie non balneabili

3 BALNEABILITÀ n dall 1 al 13 giugno Le ultime analisi dell Arpa disponibili segnalano valori vicini ai limiti consentiti per il mare da Pomezia a Nettuno Mare, Latina Ok, Roma qualche problema Torvaianica ARDEA Tor San Lorenzo LATINA L inquinamento registrato ad aprile può avere cause naturali. Ma ora cosa succede con l apertura delle seconde case? I RISULTATI DELLE ANALISI Lavinio ANZIO NETTUNO Poligono militare Borgo Sabotino Foceverde Valori massimi previsti per legge Enterococchi intestinali: 200 n /100ml - Escherichia Coli 500 n /100ml SABAUDIA SAN FELICE CIRCEO TERRACINA Data prelievo Località punto del prelievo Enterococchi intestinali (n /100ml) Escherichia Coli (n /100ml) POMEZIA 11/04/12 Foce Fosso Campo Ascolano /04/12 Stabilimento Tre Delfini /04/12 mt 250 sx Fosso Crocetta /04/ mt dx Foce Fosso Crocetta /04/ mt sx Foce Fosso Orfeo /04/ mt dx Fosso Orfeo /04/ mt sx Fosso Rio Torto 8 0 ARDEA 07/04/ mt dx Foce Rio Torto /04/ mt sx Rio Grande /04/ mt sx Fosso Grande /04/ mt dx Foce Fosso Moletta /04/ mt sx Foce Canale Biffi /04/ mt dx Canale Biffi /04/ mt sx Fosso Caffarella /04/ mt dx Foce Fosso Caffarella 1 0 ANZIO 12/04/ mt sx Fosso Cavallo Morto /04/ mt dx Fosso Cavallo Morto /04/ mt dx Foce Fosso Schiavo /04/12 Foce Tor Caldara /04/12 Colonia Marina /04/ mt dx Colonia Marina /04/12 Località Grotte di Nerone /04/ mt sx Molo est. Anzio /04/12 50 mt dx Molo Porto Anzio 47 1 NETTUNO 11/04/ mt dx Confine di Anzio /04/12 mt 300 dx Fosso Loricina /04/ mt dx Fosso Loricina Data prelievo Località punto del prelievo Enterococchi intestinali (n /100ml) Escherichia Coli (n /100ml) LATINA 03/05/ mt dx Acque Alte Foce Verde /05/12 Foce Idrovora Capoportiere /05/ mt dx Idrovora Capoverde /05/12 Foce del Duca /05/12 Foce Rio Martino SABAUDIA 02/05/ mt dx Rio Martino /05/12 Foce idrovora lavorazione /05/ mt dx Foce lago Caprolace /05/ mt dx Cateratino Idrovora /05/12 Villa Volpi 0 0 SAN FELICE 26/04/ mt dx Grotta della Maga Circe /04/ mt sx Faro di Torre Cervia /04/12 Spiaggetta sx Porto /04/12 Spiaggetta Hotel Circe /04/12 Spiaggetta libera sotto Torre Vitto /04/12 Foce Rio Torto /04/12 50 mt dx Canale Rio Torto /04/12 Colonia Marina 0 0 TERRACINA 16/04/ mt sx fiume Sisto /04/12 Scafa di Ponte /04/ mt sx Foce fiume Portatore /04/ mt dx Canale Portatore /04/12 Viale Europa /04/12 Foce Fosso Acque Alte Della Valle /04/12 Foce Canneto Stefano Carugno Gli ultimi dati sull inquinamento delle nostre acque, visibili sul sito dell Arpa, arrivano fino ai primi di maggio. E, se l Arpa non risolve i suoi problemi, potrebbero essere gli ultimi che vedremo quest anno. Come faremo a sapere allora se ci stiamo facendo il bagno in una acqua pulita o in un brodo inquinato da chissà quali scarichi? Probabilmente ce ne accorgeremo solo se fossimo colpiti da particolari dermatiti o dolori di pancia e alle seguenti denunce inizierebbe il solito scaricabarile tra istituzioni varie. I Sindaci a questo punto sono i primi chiamati in causa (e con loro ne parliamo a pagina 6). Intanto teniamo d occhio il sito dell Arpa e cerchiamo di capire come leggere i risultati delle analisi. Aprile storicamente è un mese in cui è facile si possano impennare per cause naturali i valori di Enterococchi intestinali ed Escherichia Coli, i due microorganismi che individuano il grado d inquinamento delle acque. Il problema è che i dati di questo aprile non sono buoni per il litorale romano, con ampie zone di costa che presentano valori allarmanti. E, considerando che le seconde case in quel periodo sono ancora quasi tutte vuote, cosa succederà quando i villeggianti riempiranno le loro case al mare? Senza le analisi dell Arpa chi si prende la responsabilità di non vietare la balneazione a scopo precauzionale?

4 4 CAMPAGNA IL CAFFÈ PER LA SICUREZZA STRADALE n dall 1 al 13 giugno 2012 Se il gestore non interviene, finisce in tribunale Denunciate le strade pericolose Le insidie DA SEGNALARE Al Sindaco del Comune di (per strade comunali) Al Presidente della Provincia di (per strade provinciali) Al Presidente della Regione (per strade regionali) Al Direttore Centrale ANAS SpA (per strade statali) Via Monzambano, Roma o fax al n All Amministratore Delegato Autostrade per l'italia SpA Via Bergamini, Roma - o fax al n Condizioni della strada Asfalto o pavimentazione dissestati, cunette non segnalate, pietrisco, dosso pericoloso, solchi, buca, frana, fondo sdrucciolevole, illuminazione e/o pubblicità confondente, effetto aquaplaning, liquidi scivolosi o oggetti abbandonati sulla sede stradale. Dissuasori Troppo alti, troppo ripidi, deformati, mal segnalati, illuminazione confondente, pubblicità laterale confondente. Cordoli Deformati, mal segnalati, poco visibili, sdrucciolevoli, illuminazione confondente, pubblicità confondente. Segnaletica stradale orizzontale Poco visibile e percepibile, realizzata con materiale sdrucciolevole, sporgente per più di 3cm. dal piano della pavimentazione stradale, troppo spessa, confondente, non prevista dal Codice della Strada, in zona non o scarsamente illuminata, con illuminazione confondente, in zona con pubblicità confondente. Segnaletica stradale verticale Poco visibile, coperta da vegetazione, con supporto inadeguato, in posizione errata, confondente, priva sul retro dei dati previsti all articolo 77 del Regolamento di esecuzione del Codice della Strada e in particolare degli estremi dell ordinanza istitutiva, non prevista dal Codice della Strada, con illuminazione confondente, in zona con pubblicità confondente. Barriere stradali di sicurezza Inesistente, danneggiata, pericolante, inutile, in zona non o poco illuminata, con illuminazione laterale confondente, con pubblicità confondente. Curva Poco visibile e percepibile, non segnalata, in zona non o poco illuminata, con illuminazione confondente, con sede stradale con poca aderenza, in zona con pubblicità confondente. Incrocio Difficile da percepire, con segnaletica confondente, con scarsa visibilità, in zona con illuminazione scarsa e/o confondente, in zona con pubblicità confondente. Tombino Deformato, sprofondato, scivoloso, sdrucciolevole, con illuminazione confondente, in zona con pubblicità confondente. Spartitraffico Poco visibile e percepibile, con catarifrangenti poco visibili, con vegetazione invadente, segnaletica scarsamente visibile, in zona con illuminazione scarsa, con illuminazione confondente, con pubblicità confondente. Lavori in corso Poco visibili e percepibili, sospesi ma con limitazioni in atto, mal segnalati, con illuminazione e/o pubblicità confondente, con indicatori di velocità non previsti dal Codice della Strada, cunette non segnalate, pietrisco, dosso pericoloso, solchi, buca, frana. Rotatoria Mal segnalati, con illuminazione laterale confondente, con pubblicità laterale confondente, con dimensioni tali da impedire la corretta immissione del veicolo. Io sottoscritto nato/a a il e residente in via Tel. / DICHIARO che in data alle ore percorrevo la strada proveniente da e diretto a all altezza del km RISCONTRAVO quanto segue... Per tutto quanto qui indicato CHIEDO di intervenire tempestivamente al fine di: Accertare l esistenza dell insidia stradale segnalata - Ripristinare tempestivamente le condizioni di sicurezza - Adottare i provvedimenti previsti dall art. 45 del Codice della Strada affinché l ente proprietario della strada e/o il concessionario provveda alla tempestiva eliminazione dell insidia segnalata Si avvisa che, mancando i tempestivi accertamenti e interventi di ripristino, saranno informate le competenti autorità giudiziarie con aggravio di responsabilità a Vostro esclusivo carico essendo a conoscenza dello stato di fatto con la presente reso noto e avendo trascurato gli obblighi di intervento a Vostro carico. Luogo, data e firma Allego n fotografie - n disegni - n pagine relazione tecnica

5 ACQUA n dall 1 al 13 giugno Migliaia di utenti stanno aderendo alla campagna per togliere il guadagno fisso ai gestori abrogato dal referendum Successo per le autoriduzioni delle bollette Per applicare la legge, come stabilito dal Capo dello Stato e dai giudici. Per la legalità Francesco Buda 7,95% I RICAVI FISSI DI ACQUALATINA NEL 2012 MA VIETATI DALLA LEGGE 18,24% I RICAVI FISSI DI ACEA ATO2 NEL 2012 MA VIETATI DALLA LEGGE Per farsi una bolletta giusta Per informazioni su come farsi una bolletta a norma di legge Gli utenti di Acqualatina possono rivolgersi a: acquapubblica.altervista.org Tel: Tutti i giovedì presso la Bottega del commercio equo e solidale in via XXIV Maggio n. 27, a Nettuno, dalle 16 alle 19 e in via Oberdan Fratini n. 8, ad Anzio, dalle 16,30 alle 19,30. Gli utenti di Acea Ato 2 a: acquabenecomunecastelliromani.com Tutti i mercoledì al dopolavoro ferroviario presso la stazione di Velletri dalle 16,30 alle 19. ASTRID LIMA Comitato Acqua Pubblica Castelli Romani I cittadini possono rivolgersi ai Comitati Acqua Pubblica TONINO MANCINO Comitato provinciale Acqua Pubblica Latina «Abbiamo consegnato centinaia e centinaia di reclami e richieste di rimborso del ricavo garantito ai gestori idrici», annunciano i Comitati per l'acqua Pubblica dei Castelli Romani e della provincia di Latina. Politici, istituzioni e lobby non rispettano la legge? La casta al guinzaglio dei mercanti continua a tartassare la gente con ingiuste gabelle a favore di pochi affaristi che fanno business con soldi e sacrifici altrui? No problem: i cittadini fanno da sé. E non contro la legge, ma proprio per osservare la legge e quanto sentenziato dalla Corte Costituzionale, supremi giudici chiamati a stabilire ciò che rispetta le fondamenta del nostro Stato e del nostro vivere in comune. Si concretizza sempre più la campagna di Obbedienza civile sull'acqua: un'operazione in massima legalità, per eliminare quelle scandalose percentuali di ricavo fisso per i mercanti dell'acqua. I cittadini chiedono di eliminare dalle loro bollette, successive al 21 luglio 2011, quel guadagno da favola prima assicurato ai gestori ma abrogato da uno dei referendum dell'anno scorso. Dal 21 luglio 2011 quel profitto è vietato dalla legge italiana. Parliamo di guadagni fissi che dovevano essere del 7%, poi lievitati: tra 17,5 e il 18,2% nel caso di Acea Ato2 e tra il 7,95% e il 10,29% per Acqualatina. Nessun investimento assicura tanto a chi fa impresa, nessun italiano che investa, ad esempio, in Bot o Btp potrà mai guadagnare tanto e in modo così sicuro. Togliere dalle fatture dell'acqua quel lucro a scrocco è un atto dovuto e immediatamente realizzabile. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare, stabilisce il decreto con cui il presidente Napolitano ha promulgato l'esito dei referendum del 12 e 13 giugno 2011, che hanno deciso che l'acqua non va trattata come una qualsiasi merce e che con l'acqua non ci si fanno profitti. Anche il Ministro dell'ambiente Corrado Clini lo ha confermato in una lettera al presidente dell'autorità dell'energia e del gas, mentre il Garante regionale del servizio idrico integrato del Lazio lo ha ribadito nel suo Rapporto annuale: ciò che gli italiani hanno deciso con il referendum è già applicabile e va attuato. Non ci sono più scuse. «Acqualatina risponde che il taglio della bolletta non si può fare perché manca il decreto attuativo spiega Tonino Mancino, del Comitato provinciale Acqua Pubblica di Latina - e noi gli inviamo la lettera del Ministro Clini che dice l'esatto contrario. La maggior parte delle oltre richieste di rimborso che abbiamo inoltrato sono di utenze domestiche, ma ci sono anche diverse aziende». Questo è importante, perché spesso per evitare grane si preferisce Il gestore risponde che il lucro abrogato non può essere tolto subito... e noi gli spediamo la lettera del Ministro che dice l esatto contrario Stiamo attivando banchetti e sportelli per i cittadini in tutti i Castelli Romani. È ora che anche i Sindaci alzino la testa FIORENZO TESTA Comitato Acquapubblica Anzio Nettuno lasciar correre. Ma la legge, i giudici di Pace e i Tribunali e quelli costituzionali, il governo, l'autorità di garanzia, hanno già chiarito tutto: dalle bollette si deve eliminare quel guadagno fisso. «Stiamo continuando ad informare e supportare con banchetti e stand i cittadini dice Fiorenzo Testa dell'attivissimo Comitato Acquapubblica Anzio - Nettuno -, compresi i condomìni. Abbiamo tre sportelli, a Nettuno, Anzio e Lavinio, e possono venire anche dalle altre città dell'ato di Acqualatina. Siamo aperti a tutti. Stiamo anche Il provvedimento sulle bollette va adottato anche nelle more dell emanazione del decreto attuativo CORRADO CLINI Ministro dell'ambiente preparando una mossa a sorpresa che è bene non annunciare ora». Entusiasti anche al Comitato Acqua Pubblica dei Castelli Romani, che sta facendo una grande opera di informazione tra gli amministratori locali cercando di far ragionare i Sindaci. «La campagna di obbedienza civile sta riscuotendo un grande successo, abbiamo già raccolto centinaia di reclami, alcuni con la legittima autoriduzione delle bollette racconta Maria Luisa Di Bartolomei, che insieme ad altri ha consegnato i reclami presso la sede di Acea a Roma il 17 maggio -. Continueremo ad informare nelle piazze per informare a raccogliere adesioni. Continueremo fino a quando questa cosa non verrà risolta e, se non ci risponderanno come si deve, procederemo alle autoriduzioni. Abbiamo tutte le carte in regola per fare importanti ricorsi». «Stiamo attivando banchetti e sportelli in tutti i Castelli Romani spiega Astrid Lima, oltre che a Velletri, ad Albano, Ariccia, Ciampino, Frascati, Genzano, Grottaferrata, Lanuvio, Lariano, Marino, Rocca Priora, Palestrina e Cave. È importante anche la nascita del coordinamento dei Sindaci dell'ato 2, per decidere insieme ed in autonomia sull'acqua e sui problemi della disastrosa gestione Acea. È ora che i Sindaci alzino la testa». Leggi l inchiesta su ilcaffe.tv Leggi la nostra inchiesta che spiega come e perché ricalcolarsi la bolletta idrica a norma di legge su a pagina 2 e 3 del numero 241.

6 6 BALNEABILITÀ n dall 1 al 13 giugno 2012 Che faranno i Sindaci costieri se l Agenzia Regionale Protezione Ambiente, senza soldi e personale, non fa più le analisi? E se il mare lo controllassero i Comuni? «Il problema nasce nel bilancio regionale. Le analisi le devono fare» Francesco Buda I sindacati dei lavoratori dell'arpa ci vanno giù pesante: aria e acqua nel Lazio non verranno più controllate. L'Agenzia regionale per la protezione ambientale non è più in grado di farlo e così alla vigilia dell'estate sempre secondo Cgil, Cisl e Uil Comuni marittimi e Province dovranno vietare ai cittadini di farsi il bagno. LUCIANO BRUSCHINI Sindaco di Anzio CIRILLI: «È LA REGIONE CHE DEVE RISOLVERE» «Chi deve risolvere è la Regione Lazio e l Arpa deve fare le analisi». Punto e basta. Linea dura per Fabrizio Cirilli, Assessore all'ambiente e vicesindaco di Latina. «I problemi sono ben più grossi. Paradossalmente sarebbe il danno minore quello del mancato monitoraggio delle acque, che avviene per garantire quasi d'ufficio la balneabilità. Mettere in discussione il ruolo dell'arpa va ben al di là della balneabilità. Era una morte annunciata: nel bilancio regionale, mi risulta che tutta una serie di somme non si sapeva se erano riconfermate, il problema nasce nel bilancio regionale e i Comuni non possono fare altro che subire questa situazione. Noi andremo in Regione a chiedere lumi su quello che prevede la legge e a chiedere che ci garantiscono i servizi, l'arpa non è un istituto chimico privato, deve garantire il monitoraggio del territorio e deve essere messa in condizione di lavorare. Lo stesso vale per la discarica e l'invaso SZero (quello con presunti interramenti di fusti tossici segnalati da un pentito di camorra, ndr). Che faremo? È strana la domanda. Si potrebbe ipotizzare anche il Solo 6 analisi l anno e solo 2 parametri verificati Controlli ridotti all osso e informazione scarsa non è dei più rassicuranti anche per altri fatti. A Ilcontesto maggio 2010 il governo aveva lanciato il Portale acque del Ministero della Salute. Un sito internet che stando agli annunci dovrebbe essere aggiornatissimo e fornire in tempo reale informazioni sulla qualità delle nostre acque, con tutti i dati provenienti dalle Arpa regionali sui parametri microbiologici, foto e mappe satellitari, ma anche spazi ad hoc per le segnalazioni dei cittadini. Ma al momento in cui scriviamo - per le spiagge laziali si limita a indicare le zone classificate come balneabili e quelle vietate. Per le spiagge del Lazio non dà alcun risultato su enterococchi ed escherichia coli, cioè gli unici due parametri lasciati in piedi dalla normativa per decidere se in un tratto di costa ci si possa fare il bagno o no. Alle voci analisi e prelievi, per l'intera costa del Lazio, il sito ministeriale riporta degli specchietti vuoti e con data primo gennaio 1970, informando che non ci sono analisi e prelievi nelle varie arie selezionate. Restano solo i dati sul sito internet dell'arpa Lazio. Fino a quando? Già dal luglio 2010, in applicazione della normativa pea, avevano dimezzato i controlli in estate: un prelievo al mese anziché ogni due settimane, e solo su due parametri, mentre prima erano 19. Analisi previste solo tra aprile e settembre e solo lontano dalle foci dei fossi con inquinamento conclamato e duraturo. Non si analizza più la torbidità, il ph, i residui di detersivi e saponi, gli oli minerali, ecc. e poi, se un campione risulta fuori norma, l'inquinamento dev'essere confermato da una successiva analisi. Nel frattempo alla gente nessuno dice nulla. Quindi può capitare che ci si faccia il bagno in acque contaminate oltre il limite di legge, senza essere informati, in attesa dei nuovi campionamenti e dei nuovi risultati di laboratorio. CHI FA DA SÉ FA... COME GLI PARE danno erariale se, io Comune uso i soldi per fare ciò che deve fare l'arpa». Insistiamo: se dovesse accadere che l'arpa non è più in grado di garantire ciò che la legge prevede? Chi monitorerà il mare ed informerà la popolazione e la gente che porta i bambini al mare? «Nel momento in cui cominceranno a concretizzarsi questi disservizi, i Comuni, noi in primis, saremo parte lesa e - afferma Cirilli - dovremo pretendere che tutto ciò venga ripristinato. Noi intanto stiamo lavorando per riportare nella norma le acque del depuratore a Borgo Sabotino, che è sotto infrazione comunitaria, e per mettere in funzione la rete fognante del Piscicelli (quello che durante il terremoto a L'Aquila rideva immaginando gli appalti, ndr) sempre a Sabotino mai attivata perché realizzata male e non in grado di funzionare». ANZIO: «SE ARPA CHIUDE; FAREMO NOSTRE ANALISI» Anche Luciano Bruschini, Sindaco di Anzio, rispedisce l allarme all Arpa: «Non sarà così, non è che, siccome l'arpa non fa i controlli, io dichiaro la non balneabilità delle acque! Se non ci sono le analisi che dimostrano il contrario, come era prima, per me l'acqua è buona. E comunque è un obbligo di legge per l'arpa fare le analisi, è nata per quello, al di là delle strumentalizzazioni che possano fare i sindacati. Magari ne faranno meno di controlli, ma devono farli, magari ogni 60 giorni invece che ogni 30». Cioè solo due volte in piena stagione balneare quando tra Anzio e Nettuno si riempiono di bagnanti. Quindi, diciamo a Bruschini, lei ribalta il principio di precauzione: in assenza di certificati che dicano che l'acqua è non balneabile, lei la ritiene balneabile. «Certo, anche perché noi abbiamo la Bandiera blu e quindi l'acqua è da considerare buona. Dalle ultimi analisi Arpa risulta eccellente, e Se smettono di monitorare l acqua e l aria, pretenderemo che la Regione ripristini i controlli non è che il giorno dopo non è più buona. Io mi attengo a quello che di ce la legge non alla filosofia». In realtà i parametri possono cambiare - e di molto - anche nel giro di pochissimo tempo, da un giorno all'altro. «Certo... comunque io non mi faccio fare pressioni dall'arpa che fa sciopero, è un problema loro! - tuona Bruschini -: la Regione è deputata a fare questo e deve mettere in moto un procedimento diverso per fare questi controlli. Sennò me li faccio da solo i controlli e ognuno se li fa per conto suo, come si faceva una volta!». ARDEA: «UNIAMOCI TRA COMUNI» Se tale scenario dovesse verificarsi, che faranno le amministrazioni comunali costiere? Chi controllerà? «Bella domanda! Apprendo da voi che c'è questa situazione. Francamente in qualche modo gli enti preposti per il controllo delle acque dovranno prendere provvedimenti, sarà impensabile lasciare all'autogestione una cosa così importante», dice meravigliato il neo Sindaco di Ardea Luca Di Fiori, che per risolvere non esclude di fare un monitoraggio in proprio, se l'arpa non sarà più in grado di controllare la qualità dell'aria e dell'acqua. «Certo, una volta che è conclamato questo fatto, in qualche modo dovremo fare, dovremo trovare delle soluzioni per forza e nelle pieghe di bilancio dovremo trovare delle soluzioni alternative». I sindacati ricordano che senza i controlli dell'arpa e senza dati certi Comuni e Province saranno costretti a dichiarare le spiagge non balneabili. «Non è che noi in automatico dichiariamo non balneabili le nostre acque, ma bisogna fare una verifica prima ricorda Di Fiori ed io fino ad oggi ho dei certificati che mi garantiscono che le spiagge sono a posto e mi baso su questo, dopodiché dovremo intervenire noi se l'arpa non lo fa». Appunto: senza riscontri certi, come faranno? FABRIZIO CIRILLI Vicesindaco e assess. all ambiente di Latina La balneabilità ormai viene data d ufficio e il mancato monitoraggio della costa sarebbe il male minore «Sarà motivo di un incontro coi Comuni del litorale per decidere una strategia insieme». Quindi da Ardea vuole lanciare questa iniziativa, magari un tavolo di confronto? «Certo, senza dubbio è una cosa interessante». Del resto le condizioni della costa cambiano, con impennate dei parametri inquinanti, anche da un giorno all'altro: basta che piova, ad esempio, e a mare arrivano molti più scarichi attraverso i fossi, spesso anche per le fogne insufficienti e i depuratori sovraccarichi. E proprio sul litorale di Ardea si riversano moltissimi scarichi dai Castelli Romani; mentre a Terracina, sempre ad esempio, confluiscono gli scarichi anche dai Monti Lepini. Questo accade già nei mesi freddi, figuriamoci con la bella stagione, quando sul litorale la popolazione aumenta vertiginosamente. Quindi le analisi devono essere certe, ma anche frequenti e costanti. E soprattutto rese pubbliche. E invece lo scenario è abbastanza nebuloso in fatto di trasparenza dei dati. «Dovremmo a questo punto fare una conferenza dei servizi coi sindaci di tutto il litorale e vedere di organizzarci in autotutela... per forza», conclude il sindaco di Ardea, che pone al centro il principio di precauzione: se non posso escludere che una cosa non faccia male alla salute, devo intervenire e vietarla. «Ci rifaremo a tale principio, ma devo capire esattamente cosa possiamo fare insieme con gli altri Comuni». LUCA DI FIORI Sindaco di Ardea

7 il Caffè n dall 1 al 13 giugno pag. 7

8 8 TRAM BUFALA n dall 1 al 13 giugno 2012 Il Ministero dei Trasporti ferma l erogazione del finanziamento per il folle progetto del tram, dopo il dossier dei cittadini Metrolatina, il Ministero blocca i fondi L opera è al vaglio della Commissione di Alta Vigilanza, il cui parere può fermare definitivamente i finanziamenti statali Francesco Buda Si annuncia un'estate rovente per il tram più chiacchierato d'italia, la cosiddetta metro leggera di Latina. L'opera da 126 milioni di non si vede. Ma la leggerezza c'è tutta, e pesa sulle casse comunali, tra vagoni pronti che ammuffiscono in Francia e ghiotte consulenze in parte già pagate. Una bufala blindata da un indecente silenzio istituzionale del Comune ma meticolosamente raccontata nel dossier inviato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dal Comitato Metro Bugia, stanco dell'omertà municipale su questo project financing, come lo chiamano i prestigiatori del settore. SOLDI BLOCCATI A ROMA L improbabile tram, però, è su un binario morto e l'omertà è stata squarciata: «Fino ad oggi il Comune non ha mai fornito riscontro [ ], la situazione di stallo permane», scrive il 27 aprile ai Metro Bugia l'ingegner Elena Molinaro, dirigente ministeriale incaricata del caso metrolatina, e quindi il Ministero «ha disposto la sospensione dell'erogazione del finanziamento statale e la stessa ha avuto effetto sin dal 2 certificato di pagamento sul quale 126 milioni DI EURO IL COSTO COMPLESSIVO PREVISTO PER IL TRAM DI LATINA non è stato liquidato l'importo relativo al finanziamento statale». Soldi bloccati «proprio nella preoccupazione che i lavori di realizzazione dell'infrastruttura di Latina non potessero essere ultimati in concomitanza con la fornitura dei veicoli». Esattamente Per i tecnici comunali ed esterni incentivati Opera fantasma e tanti consulenti Una pagina molto curiosa del caso metrolatina riguarda gli incentivi dell'1,5% sul costo complessivo del progetto a favore dei tecnici comunali. Un tesoretto di un milione 610 mila (iva esclusa), di cui 731 mila al responsabile unico del procedimento, l'ingegnere comunale Lorenzo Le Donne, e un milione e 54 mila (iva inclusa) ad una struttura di supporto formata da una associazione temporanea di imprese composta dalla VIA Ingegneria Srl, dalla francese Systra S.A. e dagli ingegneri Angelo Cimini e Massimo Panini, ex vicesindaco ed ex assessore comunale a Latina. I favolosi consulenti esterni hanno chiesto ed ottenuto dal Tribunale di Latina dei decreti ingiuntivi contro il Comune di Latina, che ha sborsato , di cui alla Systra e alla VIA Ingegneria. Anche se una parte, per contratto, andava corrisposta solo dopo l'inizio dei lavori. Il Comitato Metro Bugia aveva sollevato la questione: un evidente 1,6 milioni DI EURO (IVA ESCLUSA) DI INCENTIVI A CONSULENTI ESTERNI E TECNICI COMUNALI COINVOLTI IN METROLATINA conflitto di interessi tra chi, in precedenza responsabile del procedimento dell'opera e beneficiario del riconoscimento dovuto all'incentivo economico, ora firma egli stesso le relative determinazioni di pagamento, si legge nel dossier inviato al Ministero dei Trasporti a proposito della determina con cui l'ingegnere del Comune, Le Donne, aveva dato atto che quegli oltre 251 mila sarebbero stati pagati entro il Ma quel denaro doveva arrivare dal Cipe, però il Ministero li ha bloccati e quindi ha provveduto il generoso Comune targato Di Giorgi. «Dalla documentazione in nostro possesso scrivono i Metro Bugia al governo rimane piuttosto oscuro il lavoro svolto da tale raggruppamento (i consulenti esterni, ndr)». Cioè cosa hanno fatto? Resta poi la domanda: che interesse può avere un tecnico comunale a bocciare un progetto-bufala quando la legge gli garantisce un incentivo proprio sul costo dell'opera che è chiamato a valutare? Il progetto ormai imbarazza quasi tutti in Comune, ma aspettano che decida il Ministero quello che lamentava, tra l'altro, il Comitato: ci sono ben 7 vetture, di cui 6 complete di motore, parcheggiate in un deposito francese. Mezzi fermi per i quali sono già stati pagati 5 milioni e 737 mila, ma i cantieri non partono. Che senso ha? MASSIMO DE SIMONE Presidente del Comitato Metro Bugia La scelta del Ministero lascia ben sperare per la fine di questo inutile progetto IL MINISTERO SVENTA IL CRAC? «Siamo davvero preoccupati, il problema grande è la gestione dell'opera, perché i soldi dei biglietti non ripagano mai le spese, la Regione non può finanziare un piano economico simile e tutto ricadrebbe sul Comune di Latina: un articolo del contratto ricorda Massimo De Simone, presidente di Metro Bugia - prevede che, se la Regione non paga, quei soldi ce li deve mettere il Comune di Latina, ciò significa non poter fare più nulla, nemmeno per l'ordinaria amministrazione». Del resto la Regione oggi dà al capoluogo 1,2 milioni di l'anno per il 5 milioni e EURO PAGATI PER LE VETTURE REALIZZATE E PARCHEGGIATE IN FRANCIA AD AMMUFFIRE trasporto pubblico locale e non ha mai risposto alle varie interrogazioni dei Consiglieri regionali latinensi Fabrizio Cirilli e Claudio Moscardelli, che chiedevano se la Regione ha la possibilità di dare 7,5 milioni di ogni anno per 29 anni, e addirittura 12 milioni e mezzo per il trentesimo anno. Di sicuro tutti quei soldi il Comune di Latina non ce li ha. Gara d appalto sospetta: l Antitrust conferma Perché è una bufala? Non si regge economicamente Prevede incassi irraggiungibili in Italia per simili opere Il contratto è nullo LA VERIFICA DELL ALTA VIGILANZA «Le risposte da parte del Ministero ci fanno ben sperare che la realizzazione di quest'opera inutile, con le sue disastrose conseguenze finanziarie, verrà scongiurata», spiega Massimo De Simone, presidente del Comitato Metro Bugia nonché ingegnere dei trasporti che sa di cosa parla. Il Ministero, stufo e infastidito dall'immobilismo dell'amministrazione comunale, ha passato l'imbarazzante pratica alla Commissione di Alta Vigilanza, che esprimerà un parere nel merito e c'è da credere che farà le pulci al progetto. Da tale parere dipenderà lo sblocco del finanziamento e l'arrivo dei soldi statali, attraverso delibera del Cipe (il Comitato interministeriale per la programmazione economica). Sembra questa ormai la via per avviare al capolinea questo fantasioso appaltone al quale, anche nella maggioranza attualmente al comando del capoluogo, nessuno crede più. Ma nessuno ha il coraggio di dirlo e staccare la spina al tram zombie è troppo scomodo e imbarazzante. Il lavoro che non sono capaci di fare i pusillanimi patrioti, uomini d'ordine, quelli dello slogan sui manifesti finiani chi sbaglia deve pagare, toccherà farlo agli uffici statali. Doveva essere un tram, e somiglia sempre più al Titanic. Sarà per questo che in piazza del Popolo stanno tutti con l'acqua in bocca. Forse aspettano l altro mirabolante project financing, quello del porto. 25 LE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE IN CUI È STATA RINVIATA LA DISCUSSIONE DEL PROGETTO METROLATINA LA BUFALA INAUGURATA DUE VOLTE Striscione per la seconda inaugurazione (fasulla) a dicembre 2009 Anche l'autorità Garante della concorrenza e del mercato ha espresso gravi perplessità sul tram chiamato Metrolatina, in particolare rispetto della libera concorrenza. «A prescindere dalle questioni penali ed amministrative oggetto di eventuali accertamenti presso le competenti sedi giurisdizionali, la decisione di apporre varianti al progetto dell'opera successivamente alla sua aggiudicazione [ ] appare in contrasto con il principio più volte affermato in sede giurisdizionale, secondo il quale la previa definizione dell'oggetto di gara è un preciso dovere delle stazioni appaltanti, volto a garantire la posizione dei partecipanti alle pubbliche gare. [ ] Sembra opportuno sottolineare come, nel caso di specie, le numerose modifiche intervenute sul progetto originario potrebbero non aver consentito la partecipazione alla gara a tutte le imprese interessate alla realizzazione della metro leggera». In sostanza, hanno cambiato le carte in tavola a giochi fatti.

9 il Caffè n dall 1 al 13 giugno pag. 9

10 il Caffè n dall 1 al 13 giugno pag. 10

11 POLITICA Il Popolo della Libertà esiste ancora? E chi lo guida? Il congresso a Latina slitta ancora: sarà il 23 e 24 giugno n dall 1 al 13 giugno Pdl pontino, un fantasma pieno di tessere Convegni e tanta voglia di ricominciare. Di Giorgi si fa il suo movimento Pierfederico Pernarella Uno, nessuno e centomila. Il Pdl pontino si avvia al congresso provinciale con il fardello del più classico e problematico dei dilemmi pirandelliani. L appuntamento fatidico, per la cronaca, è stato rinviato ancora una volta: si terrà (dicono) il 23 e il 24 giugno anziché il 9 e il 10, come era stato annunciato prima delle elezioni. Date a parte, il problema con il passare dei giorni non sembra essere di forma, ma di sostanza. Meglio ancora, d identità. Il Popolo della Libertà esiste ancora? E se esiste ancora, quale sarà la sua leadership? Interrogativi che si aggirano da tempo nelle stanze La Polverini sempre più distante e gli ex An scalpitano. Silvano Spagnoli: siamo fermi IN CERCA DI IDENTITÀ Da sin. il segretario nazionale del Pdl Angelino Alfano, Silvano Spagnoli, Andrea Augello e Giovanni Di Giorgi di un partito che in realtà non è mai nato. Interrogativi che ora sono diventati più pressanti con l avvicinarsi dell appuntamento congressuale e soprattutto dopo la scoppola che il Pdl ha preso alle elezioni amministrative. IL NODO POLVERINI E L'UDC Per la verità, in provincia di Latina le cose non sono andate poi così male. Il Pdl si è affermato nel sud pontino, ma ha perso una delle sue roccaforti storiche, il Comune di San Felice Circeo, dove l ex sindaco e attuale assessore provinciale Giuseppe Schiboni ha ceduto il passo a Gianni Petrucci, il presidente del Coni appoggiato dagli amici (del Pdl) dell Udc e Città Nuove. La sconfitta è passata quasi inosservata. E il silenzio, in certi casi, vale più di mille parole. È la prova di un partito che non può permettersi il lusso di richiamare all ordine una propria corrente (Città Nuove, guidata da Renata Polverini, che ha annunciato una propria costituente) e parlare chiaro con quello che fino a qualche tempo fa era l alleato di fiducia (l Udc). MALCONTENTO STRISCIANTE Segno di debolezza e insicurezza che può essere rintracciato altrove, nelle manifestazioni di un malcontento che per il momento si manifesta in maniera garbata e dissimulata attraverso convegni, simposi, happening, ma tra qualche settimana chissà. Appuntamenti di politica varia in cui la parola d ordine è ricominciamo. I protagonisti non lo gridano a squarciagola, come il mitico Pappalardo, ma, sebbene il tono sia sommesso, la sostanza non cambia. DA ROMA: «EVITARE CHE CI CROLLI ADDOSSO» E a più di qualcuno saranno fischiate le orecchie quando la scorsa settimana dal palco del teatro Cafaro di Latina il senatore del Pdl Andrea Augello (ex AN) non le ha mandate a dire pur senza fare nomi: «Siamo qui soprattutto per dire che anche a Latina intendiamo diffondere un progetto nuovo. La nostra è una chiara, ferma volontà di dire che in questa provincia ci sono le forze e le risorse umane per voltare pagina prima che ci crolli in testa il tetto del Pdl e del centrodestra. Vedo un enorme potenziale sacrificato in questa provincia e avverto il bisogno di una nuova classe dirigente. Tutti temi che dobbiamo portare al centro di congressi che da qui a breve saremo chiamati a tenere». Appunto. SPAGNOLI E GLI AZZERATORI Stesso concetto ripetuto nel corso della mobilitazione Ripartire da zero, che ha visto in prima fila personaggi come l ex ministro Giorgia Meloni (ex AN) e l deputato Marco Scurria (ex An, il 31 maggio ha in programma una visita ad Aprilia). Iniziativa di carattere nazionale che ha fatto tappa sabato scorso anche a Latina con il consigliere provinciale del Pdl Silvano Spagnoli che ha preso la palla al balzo e nel corso del comizio ha tuonato: «Invertiamo un processo. Il partito è fermo, non riesce neanche ad arrivare ai congressi. Siamo fermi». Deve essere per questo che il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi, ad un anno dalle elezioni, ha scelto proprio questi giorni di fase precongressuale per trasformare la propria lista civica in un movimento politico, Identità per Latina. L ennesimo di un partito che a poche settimane dall atteso congresso continua a chiedersi se sia uno, nessuno o centomila. Il vicesindaco, allergico ai partiti: congressi di circostanza? No, grazie Cirilli: «Il Pdl impari a fare ciò che dice» «No grazie, i congressi di circostanza non c interessano». Sembra avere posizioni chiare Fabrizio Cirilli, influente esponente dell amministrazione Di Giorgi e leader del movimento civico L altra faccia della politica. Quando gli chiediamo quale idea si sia fatta del partito che si avvicina al congresso, il vicesindaco di Latina, diciamo così, si pavoneggia e ricorda che «noi un idea ce la siamo fatta cinque anni fa, quando in tempi non sospetti avevamo capito prima degli altri che erano venuti meno i presupposti per stare nei partiti. Siamo stati profeti». E Cirilli, a distanza di tempo, non ha difficoltà ad ammettere che quelle convinzioni in qualche modo sono ancora intatte: «Lo dico da osservatore, da chi è estraneo ai quadri dirigenti, ma credo che il Pdl dovrà cercare un altra strada per tornare ad essere un partito... ammesso che lo sia mai stato». Secondo il leader de L altra faccia della politica una strada maestra c è ed è stata in parte già tracciata dall attuale sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi: «Alle passate elezioni, teoricamente Moscardelli partiva da una posizione di vantaggio per quello che in città aveva fatto il centrodestra. Ma la nostra coalizione è riuscita a ribaltare la situazione di partenza prendendo tutti di sorpresa, riconoscendo il fallimento e gli errori del passato. FABRIZIO CIRILLI E GIOVANNI DI GIORGI Da sin. il Vicesindaco e il Sindaco Un operazione di autocritica per nulla scontata e facile in una campagna elettorale, ma il voto ci ha poi dato ragione». Ecco, secondo Cirilli, il Pdl dovrebbe partire proprio da qui, «non avere paura di fare nomi e cognomi quando si presenterà l occasione». Gli chiediamo di farli ora, ma risponde che «il percorso da compiere è talmente importante e radicale che il problema non è Fazzone, Cusani o che so Zaccheo. Il problema è a monte, non è la strategia del singolo, ma un azione di contenuti che se mancherà priverà di ogni importanza il congresso. Spero che i dirigenti del partito stiano lavorando in questo senso e comunque l impegno del nostro movimento è vincolato a questo cambiamento». Cirilli suggerisce anche una sorta di formula magica per aprire il nuovo corso: «Mi rendo conto che la ricetta può sembrare banale, ma io credo che a pensarci bene non è poi così semplicistico: secondo noi la politica deve fare ciò che dice. Mi riferisco a grandi questioni come il taglio dei rimborsi elettorali oppure della riforma elettorale, ma anche a quelle più particolari che riguardano il nostro territorio. Ecco, se il Pdl imparasse a fare ciò che dice, potremmo senz altro dire che il partito ha imboccato la strada giusta». P. P. Alleanze fragili del Pdl con Udc e Città Nuove I casi Schiboni e Stefanelli, aquandola resa deiconti? 'o passato? Chissà se in Provincia se la vogliono Scurdammoce cantare per dimenticare quello che è successo con le ultime elezioni amministrative. I casi degli assessori Giuseppe Schiboni e Gerardo Stefanelli, candidati a sindaci nei rispettivi Comuni San Felice Circeo e Minturno e sconfitti dagli alleati sono forse l esempio più emblematico dello stato confusionale, liquido, per dirla con il sociologo Zygmunt Bauman, del panorama politico provinciale. Si può far parte di un amministrazione sorretta da una maggioranza che quando si presenta il dunque, con il voto, si disintegra in mille pezzi facendosene di tutti i colori? Pare proprio di sì e, anche se la coerenza non è mai stato il piatto forte della politica, pontina e non, di questo passo, con il vizio del tutti contro tutti assurto a regola, si rischia davvero l indigestione. La batosta sanfeliciana sembra sia stata già archiviata. Il Pdl ha preso gli schiaffi da Udc e Città Nuove e s è ritirato nel cantuccio senza fiatare. Continua a far parlare di sé invece il caso IL VECCHIO E IL NUOVO Da destra Michele Forte e G. Stefanelli Stefanelli. L assessore provinciale all ambiente, anche se per ragioni elettorali e dunque strettamente contingenti, è stato di fatto sfiduciato dai colleghi della Provincia, che hanno invitato apertamente a votare lo sfidante Paolo Graziano. Parentesi chiusa? Forse, anche se è più probabile che la resa dei conti, in vista del congresso Pdl e dei prossimi appuntamenti elettorali, potrebbe essere solo rinviata. Scurdammoce 'o passato, dunque, ma solo per il momento.

12 12 CISTERNA SPRECHI n dall 1 al 13 giugno 2012 L'amministrazione comunale dovrebbe rimodulare le sue spese, evitando di avvantaggiare sempre i soliti Cisterna Comune sprecone: spese... strane Associazioni che beneficiano di locali pubblici: manca un regolamento Francesco De Angelis Altro che città dei butteri, altro che patria dei kiwi : Cisterna di Latina si può a pieno titolo definire comune supersprecone. Sì, perché da anni ormai, parecchi anni, dalle casse del Palazzo comunale escono fior di quattrini che l'ente stesso potrebbe tenersi tranquillamente in tasca (considerando oltretutto gli attuali 'tempi magri'), magari per investire su beni e servizi rivolti all'intera collettività, invece che favorire pochissime persone, i soliti 'amici degli amici'. Prendi per esempio l'immobile di via Provinciale per Latina, dove da oltre 40 anni è ubicata la scuola materna di Cerciabella: ogni mese il Comune paga l'affitto al proprietario privato (ovviamente parente di persona che conta assai in quel del palazzo comunale) per dei locali che a detta di alcune mamme oltretutto Risposte lumaca in Consiglio «L'interrogazione sugli sprechi è stata protocollata il 23/9/2010 in Comune. Nel primo consiglio comunale del 2011 (gennaio) in Consiglio Comunale ha risposto all'interrogazione in modo evasivo dicendo che gli uffici stavano effettuando una ricognizione per preparare poi una risposta scritta dettagliata. La stiamo ancora aspettando...», dice Sandro Di Mario (Pd). CORSO DELLA REPUBBLICA Sanpietrini e manutenzione: si risolve con colate di asfalto ASILO DI CERCIABELLA Come vengono affidati i locali alle associazioni? 7,8 milioni dall Europa per Cisterna 7 milioni e 888 mila arriveranno a Cisterna grazie al Plus, il Piano Locale e Urbano di Sviluppo inserito nel Programma Operativo Regionale del Lazio. Ad essere finanziato è una composizione organica di progetti destinata ad un rilevante cambiamento della qualità della vita della città e del territorio. I progetti principali riguardano la riqualificazione urbana, la mobilità sostenibile, gli aiuti alle piccole e medie imprese, lo sviluppo di tecnologie innovative. In particolare sono previsti la valorizzazione del patrimonio monumentale con interventi sullo storico Palazzo Caetani come la corte porticata, il museo, lʼaccessibilità alle grotte; la realizzazione di una pista ciclabile di collegamento tra il centro città ed il quartiere San Valentino; lʼampliamento della pavimentazione urbana con maggiori percorrenze pedonali; due parcheggi di scambio rispettiva- LE GROTTE DI PALAZZO CAETANI Sarà riqualificato l accesso mente su via Monti Lepini altezza via Oberdan, e via Appia Nord nei pressi del Monumento ai Caduti sul lavoro. Inoltre, la creazione di una rete WiFi pubblica e la sperimentazione di un sistema integrato e intermodale a zero emissione con una flotta comunale di mezzi a trazione elettrica utilizzabile anche in car-sharing. - quali criteri sono stati seguiti dall'amministrazione nell'erogazione dei contributi in modo da garantire a tutte le Associazioni pari opportunità, come previsto dallo Statuto Comunale. sarebbero anche pressoché inadeguati per accogliere ben due sezioni di tale scuola, sia dal punto di vista igienico-sanitario, che pedagogicodidattico, oltre che della sicurezza di bambini e personale impiegato. Ma con i soldi spesi in quarant'anni d'affitto il Comune non avrebbe potuto costruirsi da solo una 'piccola' materna? Un vero e proprio giallo. Così come rimane il mistero dei numerosi patrocini che l'amministrazione concede ai vari eventi e manifestazioni. Non c'è riunione di giunta (basta dare un'occhiata sul sito comunale, nella sezione 'albo pretorio' dove ci sono le delibere on line) in cui sindaco e assessori non si riuniscono per concedere due, tre patrocini a botta. Ma con quale criterio si svolge la pratica? Viene concesso a tutti, indipendentemente dall'evento, o vale sempre la regola degli 'amici degli amici'? Un altro giallo irrisolto (anche se in questo caso c'è poco di misterioso) riguarda la manutenzione di Corso della Repubblica: i sampietrini Sotto accusa la manutenzione dei sanpietrini di Corso della Repubblica rattoppati con l asfalto che saltano di continuo e l'amministrazione che spende soldi su soldi per riposizionarli. Anche se va detta una cosa: l'ente, stanco di sperperare migliaia di con frequenza assidua per rimettere i selci al loro posto, ultimamente ha ben pensato di rattoppare i buchi con l'asfalto. Risultato è che almeno in questo caso il Comune, sì, risparmia, ma di certo ciò non giova al decoro e al bell aspetto del centro urbano: davvero un pessimo bigliettino da visita per la città....e ce ne sarebbero tante altre di 'stranezze' da raccontare. Restano in alto mare un mare di anomalie che i più non riescono a spiegarsi, ma che a ben guardare fanno invece riflettere. E pensare. Della serie: in un periodo così tanto arido per l'economia locale, in un periodo in cui la città necessita di 'tetti' per dare riparo ai cittadini più in difficoltà... perché non si decide a rimodulare le spese in uscita per cercare di tamponare tutte quelle situazioni che potrebbero migliorare la qualità di vita di numerosi (o almeno una parte) dei cittadini? Non c'è dubbio: la palla passa all'amministrazione comunale. Rescisso contratto per il parcheggio in v. Manzoni Spese superflue: prove di tagli quel che è di Cesare. Che tradotto in soldoni significa: quel che è ACesare giusto, è giusto. Se è vero che per certi versi il Comune di Cisterna è un Comune sprecone, perché di fatto alcune spese se le potrebbe davvero risparmiare, dall'altra parte è pur giusto ammettere che con un po' di lucidità l'ente ha provveduto a tagliare alcune uscite superflue. Per esempio, già da qualche anno ha rescisso il contratto con il privato per l'utilizzo del parcheggio in via Manzoni (di fronte l'ex sede della Polizia). Che senso aveva infatti pagare il privato per un parcheggio, neanche così tanto grande, dal momento che a due passi da lì c'è il maxi parcheggio dell'ex Mulino Luiselli? Come pure, sempre l'ente, sarebbe in procinto di smettere di pagare l'affitto dell'immobile di via Ugo Foscolo, dove è attualmente allocato il centro anziani Augusto Leonardi. Il centro dovrebbe infatti trasferirsi nella struttura esterna alla scuola media Plinio il Vecchio, libera da quando è stato inaugurato il Campus dei Licei, visto che proprio lì insistevano alcune classi del liceo. Dunque, a conti fatti: il Comune di Cisterna, se da una parte riesce a contenere le spese, dall'altra non bada ai costi. Forse perché prevale il desiderio di accontentare i 'soliti amici'. Come vengono assegnati i fondi? Se lo chiede l opposizione con Di Mario Contributi ad associazioni, servono regole SANDRO DI MARIO Consigliere comunale Pd Aproposito di spese superflue del Comune: nel settembre del 2010 il Pd ha protocollato un'interrogazione (presentata poi in Consiglio a gennaio 2011) per conoscere il nome delle associazioni, i circoli, i comitati e gli enti simili che nel 2009 e 2010 hanno ricevuto contributi economici e contributi in natura; la misura di tali contributi economici e la natura dei contributi in natura; l'elenco delle strutture (immobili) messe a disposizione delle associazioni e dei comitati con il relativo titolo. Ancora se le associazioni, circoli e comitati, che hanno ricevuto nel 2009 e 2010 un contributo economico e/o in natura, hanno preventivamente depositato in Comune copia dello statuto ed il nominativo del legale rappresentante ; per finire se le associazioni, circoli e comitati, che hanno ricevuto nel 2009 e 2010 un contributo economico e/o in natura hanno presentato il loro bilancio e/o rendicontazione relativamente all'anno La richiesta è sopraggiunta in virtù di alcune anomalie, dubbi e timori del gruppo consiliare del Pd, tenendo conto che lo statuto comunale prevede che il Comune possa erogare alle associazioni contributi economici o a mettere a disposizione delle stesse strutture, beni o servizi in modo gratuito. «Resta il fatto che a distanza di più di un anno e mezzo ancora non abbiamo ricevuto nessuna risposta dal sindaco bacchetta il capogruppo del Pd Sandro Di Mario -, come pure è bene sottolineare che l'amministrazione finora non ha mai provveduto ad approvare il regolamento per disciplinare l'erogazione in denaro o natura a favore delle associazioni».

13 il Caffè n dall 1 al 13 giugno pag. 13

14 14 In casa si vive una parte troppo importante della propria vita per non pretendere, nel momento dell acquisto, tutta una serie di requisiti che ne incrementano il valore e la vivibilità. Perché una casa deve essere sì bella, ma anche con bassi costi di mantenimento. Il Quartiere Trentastelle offre, ad un prezzo conveniente, una serie di caratteristiche che qualificano un appartamento, aumentandone non solo la bellezza, ma anche il valore d uso. LE AZIENDE INFORMANO n dall 1 al 13 giugno 2012 Al di là dei gusti, ci sono alcuni requisiti che migliorano notevolmente il valore e la vivibilità di una abitazione UNA CASA È BELLA DAVVERO SE... Sta sorgendo ad Aprilia un nuovo elegante quartiere con molto verde e appartamenti di grande qualità LUMINOSITÀ Ogni appartamento ha un grande finestrone nel soggiorno che dà sul terrazzo e permette di vivere in una Veduta aerea dell area in cui sta sorgendo il nuovo quartiere casa piena di luce, in palazzine distanziate in modo da lasciare sempre ottime vedute. GRANDE TERRAZZO Oltre alle luminose finestre ogni appartamento è dotato di un terrazzo particolarmente grande, coperto e riparato ai lati così da poterlo vivere per tutto l anno come fosse una stanza in più della casa e in cui è possibile pranzare comodamente in almeno otto persone. Inoltre è dotato di vani chiusi che fungono da ripostiglio e, lungo tutto il suo sviluppo, è corredato da fioriere dotate di impianto di irrigazione. FINITURE DI QUALITÀ Le vasche idromassaggio sono Jacuzzi, le caldaie sono Vaillant, i condizionatori Daikin, i pavimenti Impronta Ceramiche, i parquet Corà, i sanitari Hatria, le rubinetterie Mamoli, le finestre in Douglas massello sono Fratoni Serramenti, le porte interne Cormo, i portoncini blindati Dierre ELEGANTE QUARTIERE Un quartiere nuovo con molto verde, IL PALAZZETTO DELLO SPORT All interno del Quartiere Trentastelle si sta realizzando uno splendido Palazzetto dello Sport da 1800 posti omologato per quasi tutti gli sport (basket, pallavolo, ginnastica, calcetto, boxe, ecc ) parcheggi, belle palazzine, servizi a portata di mano: supermercato, scuole, parco pubblico, chiesa, stadio, fermata autobus, stazione ferroviaria, impianti sportivi e con una magnifica area di parco pubblico, tutto raggiungibile senza usare l auto!! IN UNA CITTÀ CON TUTTI I SERVIZI Aprilia è la quarta città del Lazio per dimensioni, non troppo grande né troppo piccola, perché offre tutti i servizi caratteristici di un capoluogo di provincia. Il mare ed i Castelli Romani distano 15 Km ed il centro di Roma è raggiungibile in 30 minuti con un comodo servizio ferroviario. Il Quartiere Trentastelle è realizzato all interno della città e risponde per caratteristiche costruttive e rifiniture alle esigenze di chi cerca una splendida sistemazione ad un prezzo conveniente. LA TERZA PALAZZINA È iniziata la costruzione del terzo edificio (nella foto le prime 2 già ultimate) in cui è possibile personalizzare gli appartamenti a proprio gusto con i materiali e le soluzioni abitative preferite (porte a scrigno, armadi a muro, piastrelle, pavimenti, tende da sole, zanzariere, ecc ) APPARTAMENTO MEDIO ALTRE CARATTERISTICHE Facciata in cortina di prima qualità per evitare costose manutenzioni, doppio isolamento termico e acustico, infissi esterni ad elevata classe di isolamento, doppi ascensori, soffitte e box privati, spazi condominiali attrezzati e zone verdi comuni recintate, servizio di portineria. ATTICO + ISTITUTO DI CREDITO CONVENZIONATO APPARTAMENTO GRANDE Contatti Per ulteriori informazioni oppure TEL STRAORDINARIE OFFERTE PER LE GIOVANI COPPIE APPARTAMENTO PICCOLO

15 n dall 1 al 13 giugno 2012 AMBIENTE & POLITICI 15 Proposta per smarcarsi dai boss dell immondizia e poter liberare i Comuni da ricatti e salassate a favore di cittadini e ambiente Rifiuti, sindaci uniti per una gestione sana Il progetto può far superare discariche e inceneritori. Perché ai Castelli Romani non fanno lo stesso? Ora si apre la faida politica Roberto Lessio È una vera e propria guerra dei rifiuti quella che si profila all orizzonte anche a sud di Roma. Una sorta di propaggine di quella in corso per individuare la discarica provvisoria a seguito della chiusura della discarica di Malagrotta. Si tratta della possibilità, chiara e realizzabile, di liberare i Comuni e i cittadini dalla prepotenza dei monopolisti del settore. I Sindaci di Aprilia, Anzio, Ardea, Cisterna, Sermoneta, Cori e Rocca OTTIMI IMPIANTI COSTRETTI FINORA A LAVORARE POCO Alcune fasi della lavorazione dei materiali da riciclare alla Progetto Ambiente di Aprilia ANTONIO TERRA Sindaco di Aprilia, promotore dell idea LUCIANO BRUSCHINI Sindaco di Anzio LUCA DI FIORI Sindaco di Ardea ANTONELLO MEROLLA Sindaco di Cisterna Massima hanno siglato un intesa per creare un sub ambito ottimale ed omogeneo per gestire in proprio e nell'interesse della collettività il ciclo dei rifiuti. A loro sembrava dovesse aggiungersi Lanuvio, ma alla prova dei fatti il neo Sindaco Galieti si è tirato indietro. Da voci di palazzo, risulta che anche Norma fosse interessata. L'accordo con tanto di richiesta è stato inviato all Presidente della Regione Polverini e all'assessore regionale ai rifiuti Di Paolantonio detto Di Paolo. La mossa, più politica che amministrativa in questa fase, tende a scompaginare i soliti disegni e ordini dettati dalla lobby del settore e puntualmente eseguiti dai nostri amministratori. Mossa che poteva essere attuata anche dai Sindaci dei Castelli Romani. Se solo volessero. LUIGI GALIETI, IL GRAN RIFIUTO Sindaco di Lanuvio, dopo un iniziale interessamento, non ha firmato SORPRESA PER LA REGIONE Il documento sottoscritto dai Sindaci del comprensorio a sud della Provincia di Roma e a nord della Provincia di Latina, con una popolazione di almeno 200 mila persone, punta proprio a questa liberazione e sarà molto difficile ignorare tale richiesta. Infatti l attuale amministrazione regionale ha approvato il Piano Rifiuti che prevede l istituzione di un ATO, ossia un bacino di gestione, unico nell intera Regione, suddiviso in sub-ambiti che coincidono con le cinque province laziali. Ma le attuali norme prevedono la possibilità di creare altri sub-ambiti omogenei a prescindere dai confini amministrativi provinciali. Contro questa ipotesi si è scagliato il Presidente della Provincia di Latina Armando Cusani, alimentando ulteriormente un indecoroso e costoso conflitto istituzionale con la Regione, presentando l ennesimo ricorso al TAR. LIBERARSI DAI MONOPOLISTI L obiettivo dell'iniziativa di Cusani Utilizzerebbero impianti già presenti e operativi per differenziare i materiali non sfugge ad una attenta osservazione. Con gli ATO controllati e governati dalle Province, non solo si attenuerebbe la necessità di eliminarle, ma soprattutto si creerebbe una situazione pressoché identica a quella degli ATO per il servizio idrico integrato, dove le scelte vengono imposte ai Sindaci dall alto per via politica, previo sistematico accordo con il gestore. Una logica nella quale i Comuni hanno in mano la maggioranza della società di gestione formalmente, ma non contano praticamente nulla. HANNO GIÀ TUTTO PRONTO I Sindaci così possono evitare la privatizzazione forzata È evidente che i Sindaci sottoscrittori della lettera alla Polverini, a prescindere dal colore politico di appartenenza, intendono svincolarsi da questa logica, visto che, come si sottolinea nel documento, presso i predetti territori comunali sono presenti siti di stoccaggio e compostaggio che chiudono il ciclo dei rifiuti (li hanno pure specificati in un apposito allegato). Soprattutto perché i predetti siti sono attualmente sottoutilizzati, anche se posseggono ampie potenzialità di utilizzo. Infatti con l ampliamento dell utenza sarebbero gestiti più efficacemente e con una maggiore economia di scala. In pratica, si punta tutto sulla raccolta differenziata con il sistema porta a porta. In tal modo i Comuni insieme possono davvero governare il delicato settore senza essere più schiavi Nonostante il referendum dello scorso anno abbia eliminato lʼobbligo di privatizzare tutti i servizi pubblici (non solo quelli idrici), la nuova normativa voluta dal governo Berlusconi prima e perfezionata dal governo Monti poi (art. 25 e 26 del cosiddetto decreto sulle liberalizzazioni, trasformato nella legge 27/2012) impone di fatto proprio la stessa cosa, cioè la privatizzazione, ma con una manovra più complessa rispetto a quella abrogata. Per tutelare la concorrenza e lʼambiente - dice la nuova legge - sostanzialmente sono stati reintrodotti anche nel settore dei rifiuti, ribattezzandoli come bacini ottimali, gli Ato (Ambiti Teritoriali Ottimali), aboliti dal precedente governo. L'individuazione di questi Ato deve essere compiuta dalle Regioni entro il prossimo 30 giugno, altrimenti decide il governo nazionale in via sostitutiva. La dimensione di tali Ato di norma non deve essere inferiore a quella delle Province (le stesse che a loro volta dovrebbero essere eliminate). Ma le Regioni hanno facoltà di individuare Ato diversi da quelli provinciali, in base a criteri economici e di efficienza del servizio, anche su proposta dei Comuni interessati, purché la lettera di adesione sia notificata entro il 31 maggio del corrente anno. dei boss dell'immondizia, assicurando magari più entrate alle casse municipali con il riciclaggio vero e scongiurando altri folli impianti di incenerimento e discariche che fanno solo aumentare le bollette e inquinano. L UNIONE FA LA FORZA Non a caso l'accordo dei Sindaci di Aprilia, Anzio, Cori, Ardea e Cisterna punta a svincolarsi dall obbligo occulto di privatizzare il servizio di smaltimento dei rifiuti, reintrodotto dal governo Monti (vedi riquadro in basso a sinsitra). Il decreto sulle liberalizzazioni infatti impone che al 31 dicembre 2012 cessino tutte quelle gestioni affidate in house, cioè senza gara d'appalto, a società controllate da enti pubblici: bisognerà affidare il servizio tramite bando con apposito parere favorevole dell Antitrust (guidata ora da un avvocato che davanti alla Corte Costituzionale, lo scorso anno, ha rappresentato gli oppositori ai referendum sulle privatizzazioni). Questo nuovo obbligo di privatizzare non sussiste per quelle società che hanno ottenuto il servizio in house, ma che diano vita ad un unico gestore nell intero ATO, mettendo insieme più Comuni. Giusto il caso della Progetto Ambiente di Aprilia. Fatto questo passaggio, scatta una proroga di tre anni delle attuali gestioni, che verranno passate automaticamente al nuovo gestore. E nel caso dei Comuni citati, questo nuovo gestore potrebbe essere un consorzio autonomo, formato dalle società pubbliche e private che attualmente gestiscono i rifiuti nei vari Comuni. SCONTRO DECISIVO Si apre così uno scontro decisivo tra un'impostazione politica che garantisce lauti affari ai soliti noti sulla pelle dei cittadini e chi invece intende tutela- Si punta al porta a porta, l unica vera raccolta differenziata davvero a vantaggio di tutti re effettivamente gli utenti, eliminando ulteriori sprechi di risorse e di soldi. Cosa aspettano i Sindaci dei Castelli Romani per valutare iniziative come quella qui descritta? Tutti insieme, con Ardea e il timido e silenzioso sindaco De Fusco di Pomezia, hanno sostenuto il ricorso contro l'inceneritore a Cecchina, attaccato ad Ardea e Pomezia. Se è vera questa loro intenzione, con una mossa del genere mettendosi insieme potevano realmente arrivare ad una gestione sana dei rifiuti ed evitare altre discariche e inceneritori. Con il porta a porta i Comuni incassano I bilanci delle società partecipate dagli enti locali dal 2013 saranno vincolati al patto di stabilità degli stessi enti; viste le ristrettezze economiche, per tutti i Comuni che possiedono partecipazioni in società di gestione di servizi pubblici si aprono due strade: o cedere ad altri quote azionarie di tali società (è la strada che ha intrapreso il Comune di Roma con ACEA), oppure realizzare risparmi e nuovi incassi di scala (vedi contributi CONAI sui materiali riciclati). La raccolta differenziata porta a porta in questa seconda ipotesi diventa irreversibile: basta un po' di intelligenza amministrativa per capirlo.

16 16 ECONOMIA SANA n dall 1 al 13 giugno 2012 A Latina l impianto a biomasse più grande del Lazio: trasforma in gas, elettricità e calore i residui agroalimentari e lo sterco Dagli scarti agricoli, ricchezza e natura La corrente la vendono alla rete e con il calore ci riscaldano le serre Roberto Lessio Risparmiati circa 250mila nell acquisto di combustibile. Rimessi a coltura 140 ettari di terreno abbandonato. Prodotti migliaia di megawatt sotto forma di calore e di energia elettrica. Eliminate migliaia di tonnellate di anidride carbonica che sarebbe stata immessa in atmosfera. È bastato un solo inverno, l ultimo trascorso, per capire che l idea, una volta realizzato il progetto, funziona benissimo; soprattutto dal punto di vista economico, oltre che da quello ecologico. Tanto che adesso è già in programma il raddoppio della struttura appena costruita, la quale, grazie ai risparmi già ottenuti, consentirà di riassorbire, garantire e possibilmente incrementare nuovi posti di lavoro. SALVATORE LA VALLE Direttore generale di Esco Lazio In un solo inverno ha prodotto un risparmio di 250mila per il combustibile ed ha fatto evitare licenziamenti ECONOMIA VERDE CHE FUNZIONA Stiamo parlando dell impianto a biogas voluto e realizzato a Latina, in località Borgo Bainsizza, dalla Esco Lazio Srl attraverso la società Agri Power Plus Srl, presso l azienda floro-vivaistica Selecta, i cui proprietari (tedeschi della zona di Stoccarda) hanno creduto fin da subito all iniziativa, mentre altre grandi aziende agricole della zona in precedenza avevano snobbato l idea. «Grazie ai risparmi sulla bolletta elettrica e sul gasolio ottenuti con questa idea racconta l'ingegnere Salvatore La Valle, che ha progettato la struttura questa azienda di piante e fiori ha potuto evitare licenziamenti dei propri lavoratori». Un classico esempio di che cos è la cosiddetta Green Economy, perché produce contemporaneamente energia elettrica e calore (la cosiddetta cogenerazione), utilizzando come materia prima una fonte rinnovabile: le biomasse. La produzione e il risparmio realizzato nei primi 5 mesi di funzionamento MWh (megawattora termici) prodotti sotto forma di calore MWh (megawattora elettrici) immessi nella rete elettrica nazionale tonnellate, il risparmio di anidride carbonica immessa in atmosfera le famiglie potenziali i cui consumi elettrici possono essere alimentati dallʼimpianto L energia ricavata dalle biomasse Il sistema utilizza lʼenergia prodotta dalla fotosintesi clorofilliana delle biomasse (piante erbacee ed arboree) sotto forma di carbonio. Infatti, lʼanidride carbonica emessa dalla combustione del biogas è la stessa accumulata dalle piante. Per tale motivo il processo si definisce carbon neutral. Si stima che lʼenergia,convertita dal Sole con la fotosintesi clorofilliana ogni anno sul pianeta Terra, è 17 volte superiore agli attuali consumi energetici (elettricità, trasporti, riscaldamento, ecc.) a livello mondiale. Le fonti fossili attualmente utilizzate (petrolio, gas e carbone) derivano proprio da questa capacità di accumulo dellʼeco-sistema. DA PIANTE E STERCO IL METANO «L impianto - spiega l'ingegner La Valle - funziona grosso modo come lo stomaco di una mucca: utilizzando produzioni agricole appositamente coltivate, quali gli insilati di mais, ma abbiamo già in progetto l utilizzo di scarti di lavorazione delle industrie agroalimentari, tipo la sansa esausta degli oleifici, i residui degli ortaggi usati per i surgelati, oppure deiezioni animali e altre sostanze organiche, attraverso una fermentazione anaerobica controllata (cioè in assenza di ossigeno), viene prodotto un gas ad alto contenuto di metano». Questo gas poi diventa un combustibile che alimenta una piccola centrale che produce energia termica, ossia calore con il quale l'azienda ci riscalda le sue serre in inverno, ed elettricità che viene immessa nella rete. «L impianto ha la capacità produttiva di un Megawatt», sottolinea Lamberto Gravina, presidente e amministratore delegato di Esco Lazio. Ossia è la potenza elettrica richiesta da oltre 300 abitazioni. Questo è l impianto del genere più grande del Lazio. I RESIDUI FERTILIZZANO I CAMPI «Il ciclo poi si chiude restituendo alla terra il cosiddetto digestato» aggiunge Gravina. Cioè i residui del processo di fermentazione, che vengono utilizzati come ammendante nei terreni coltivati. Un ciclo chiuso che determina anche costi e guadagni certi dell investimento, perché, in sostanza, si ottiene un considerevole risparmio nell acquisto di quei combustibili fossili (petrolio in primo luogo), il cui prezzo è destinato a salire sempre di più nel tempo, dato il loro progressivo esaurimento. Per far in modo che il guadagno Favorisce la rinascita dei terreni abbandonati. A Lanuvio ne hanno recuperati 140 ettari complessivo (energetico, ecologico ed economico) sia effettivo e non solo grazie agli incentivi previsti per l incremento delle fonti energetiche alternative, è stato previsto l approvvigionamento della materia prima in un raggio ristretto rispetto all ubicazione dell impianto. In particolare sono stati piantati con mais 140 ettari di terreno dalle parti di Lanuvio; campi che erano incolti da circa dieci anni e rimessi in produzione. COSÌ SI RILANCIA L AGRICOLTURA Dunque si tratta di un iniziativa che può rilanciare anche la nostra malandata agricoltura. Non a caso le produzioni agricole cosiddette no-food, non destinate cioè all alimentazione umana ma ad utilizzazioni energetiche ed industriali, da tempo sono ritenute le uniche in grado di favorire il rilancio di un settore di vitale importanza per la nostra economia. In questo modo si sottrae terreno alla produzione di cibo? No. Basta smetterla di continuare a consumare suolo con quel cemento e ENERGIA DAI RIFIUTI L impianto di Latina è partito utilizzando mais e letame L IMPIANTO A BORGO BAINSIZZA La nuovissima struttura è partita a novembre quell asfalto inutile che nel nostro Paese, negli ultimi 30 anni, ha fatto sparire un territorio grande quanto la Lombardia e il Veneto messi insieme; milioni e milioni di ettari di SAU (Superfice Agricola Utilizzata), cioè una quantità di terreno che potrebbe permettere il rifornimento di migliaia di impianti come quello realizzato a Borgo Bainsizza. LAMBERTO GRAVINA Presidente della Esco Lazio La contraddizione Così si può risolvere il problema dei rifiuti Impianti come quello qui descritto sono in grado di utilizzare anche la frazione organica dei nostri rifiuti domestici (circa il 20-30% del totale), ma non lo possono fare per via di un vizio legislativo. In base allʼattuale norma gli impianti a biogas formalmente sono aziende agricole (anche se sono costituite per lo più da ingegneri e periti industriali), mentre la frazione organica dei rifiuti può essere conferita solo ad apposite ditte iscritte allʼalbo nazionale degli smaltitori. Un modo come un altro per non intaccare gli interessi delle lobby dellʼimmondizia, tanto care ai nostri politici.

17 il Caffè n dall 1 al 13 giugno pag. 17

18 NOTIZIE DALLA REGIONE SCUOLA Le lezioni iniziano il 13 settembre e finiscono il 12 giugno Approvato il calendario scolastico 2012/2013 n dall 1 al 13 giugno 2012 ALIMENTAZIONE Educare i bambini a mangiare sano Frutta nelle scuole della regione Lazio Èstato approvato dalla Giunta della Regione Lazio il calendario scolastico regionale per l anno 2012/2013. Le lezioni nelle scuole primarie e secondarie di I e II grado cominceranno il 13 settembre 2012 e termineranno il 12 giugno 2013, per un totale di 209 giorni di attività didattica. Nelle scuole dell infanzia invece le attività educative inizieranno il 13 settembre 2012 e si concluderanno il 29 giugno La sospensione delle lezioni è stabilita il 2 e 3 novembre per il Ponte del 1 novembre, dal 24 dicembre al 5 gennaio per le vacanze di Natale, dal 28 marzo al 2 aprile per quelle di Pasqua e il 26 e 27 aprile 2013 per il ponte del 25 aprile. Fermo restando l obbligo di destinare allo svolgimento delle lezioni almeno 200 giorni, le istituzioni scolastiche nell esercizio del autonomia organizzativa e didattica, hanno la facoltà di adattare il calendario scolastico regionale alle esigenze specifiche derivanti dal Piano dell Offerta formativa.il calendario scolastico adattato per l anno 2012/2013 deve essere comunicato dalle Istituzioni scolastiche entro il 30 giugno 2012 alla Direzione regionale Istruzione, Programmazione dell offerta scolastica, formativa, diritto allo studio e politiche giovanili della Regione Lazio, all Ufficio scolastico regionale e all assessorato competente a fornire i servizi per il diritto allo studio del proprio Comune. ENOLOGIA Il sostegno della Regione alle piccole e medie imprese Fondi per promuovere il vino di qualità La Regione Lazio sostiene la promozione dei vini laziali nei mercati extra pei: questo ha stabilito una delibera approvata dalla Giunta Polverini che dà avvio al bando per la presentazione delle domande di contributo in ordine alla misura dell Organizzazione Comune di Mercato (OCM) vino Promozione sui mercati dei Paesi terzi per l annualità 2012/2013. I migliori progetti di informazione e promozione dei vini DOP, IGP e Spumanti del Lazio verso i Paesi extrapei saranno sostenuti attraverso un fondo regionale di circa 2milioni 600mila : una grande opportunità per le piccole e medie imprese del Lazio che si stanno impegnando per il miglioramento della qualità del vino. Potranno presentare progetti tutte le aziende ed i produttori che procedono al confezionamento del vino di una percentuale di almeno il 25% della loro produzione, oppure all imbottigliamento di almeno bottiglie e abbiano esportato almeno il 5% del totale prodotto. Le attività che verranno scelte saranno sostenute in processi di promozione e pubblicità come fiere ed esposizioni internazionali, degustazioni guidate. I progetti dovranno essere presentati entro l 11 giugno ed il bando sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio ed è consultabile sul sito dell assessorato alle Politiche agricole RIFIUTI Dopo l annullamento del progetto della discarica a Corcolle Si dimette il prefetto Pecoraro Il commissario all'emergenza rifiuti di Roma Giuseppe Pecoraro ha presentato le proprie dimissioni. Questo è accaduto dopo l'annullamento del progetto relativo alla costruzione di una nuova discarica a Corcolle, non lontano dal sito Unesco di Villa Adriana. Sarà il prefetto Goffredo Sottile a sostituire Pecoraro vista «l'estrema urgenza di procedere all'individuazione del sito della discarica necessaria a dare soluzione al problema della gestione del ciclo integrato dei rifiuti della Capitale», come si legge in una nota del Consiglio dei Ministri. Il ministero dell'ambiente aveva già bocciato la scelta di Corcolle per il forte rischio di inquinamento della falda idrica. Così il Governo sembrerebbe disposto a mettersi al lavoro per individuare un nuovo sito, dove realizzare la discarica per il territorio di Roma. Èpartito il progetto Frutta nelle scuole Se la mangi ti frutta, programma di educazione alimentare per gli alunni delle scuole primarie promosso dall'unione Europea e dal Ministero delle Politiche Agricole. Viene distrubuita gratuitamente della frutta e verdura rigorosamente di origine italiana nelle scuole elementari del Lazio: il progetto coinvolge studenti di 396 scuole primarie, per un totale di 493 mila kg di frutta e verdura elargita. Nella provincia di Latina Frutta nelle scuole è rivolto a 60 Tanti i bambini in sovrappeso 22,9% dei bambini sovrappeso 11,1% dei bambini è obeso 9% dei bambini salta la prima colazione 30% fa una colazione sbilanciata in termini di carboidrati e proteine 68% fa una merenda di metà mattina troppo abbondante (superiore alle 100 Kcal) 23% dei genitori dichiara che i propri figli non consumano frutta e verdura 48% consuma abitualmente bevande scuole per alunni delle Primarie tra cui Aprilia, Fondi, Minturno, Sabaudia, Sezze, S. Felice Circeo, Terracina, Latina, Cisterna, Sonnino, Priverno. La Regione Lazio ha aderito per il secondo anno al progetto Frutta nelle Scuole con la volontà di incoraggiare i ragazzi al consumo di frutta fresca di stagione al posto delle merendine. Il progetto mette così a disposizione frutta e verdura sana e di stagione subito per i ragazzi per abituarli ad un'alimentazione sana e nutriente. zuccherate e gassate 22% dei bambini pratica sport per non più di unʼora a settimana 38% guarda la tv e/o gioca con i videogiochi per 3 ore o più al giorno 68% delle scuole possiede una mensa 38% delle scuole prevede la distribuzione di alimenti sani (frutta, yogurt) per la merenda 34% delle classi svolge meno di due ore di attività motoria a settimana MARE Legambiente raccoglie i rifiuti sul litorale Spiagge e fondali puliti 2012 Legambiente Lazio fa sapere che gli aumenti dei biglietti e degli abbonamenti del sistema Metrebus faranno entrare nelle casse delle società ATAC, COTRAL e TRENITA- LIA oltre 95 milioni di all anno. A Legambiente Lazio ha organizzato anche quest'anno l'iniziativa "Spiagge e Fondali Puliti 2012" per difendere il mare, le spiagge e i fondali del territorio. Tra i Comuni coinvolti nell'iniziativa anche Castel Gandolfo, Ostia, Sabaudia. I volontari di Legambiente in collaborazione con il Circolo Legambiente Appia Sud si sono riuniti armati di rastrello e sacchetti per ripulire il lungolago castellano ed una fetta del litorale romano. Si sono svolti anche laboratori di educazione ambientale per ragazzi su analisi chimica delle acque del lago, scomparsa di specie faunistiche e abbassamento del livello del lago. TRASPORTI Oltre 95 milioni di l anno per le società Falce sui pendolari, bus più cari rimetterci saranno, come sempre, i cittadini utenti che dovranno sborsare ancora soldi per i trasporti in questo momento in cui la crisi non sta dando tregua al portafogli.

19 n dall 1 al 13 giugno Ad Ardea la famiglia Manni ha adottato un bambino a distanza con Italia Solidale: una carità che salva anche loro! Quando l amore salva veramente i bimbi Sopra, Alessandro Manni, Luisa Bartolomeo ed Eleonora Manni. A sin., il bambino adottato in Colombia Deiner Alberto Gonzales Ramos, con la mamma Altro che crisi! Quando si salva la vita ad un bambino non c'è paura che tenga! E così, al costo di un caffè al giorno, la solidarietà da Ardea arriva fino in Sud America, per la precisione in Colombia, dove la famiglia Manni, composta da papà Alessandro, mamma Luisa e la giovane figlia Eleonora, ha adottato un bambino a distanza con Italia Solidale, il bellissimo Deiner Alberto Gonzales Ramos. «Ho attivato l'adozione a distanza grazie alla testimonianza di mia figlia Alessandra - spiega Luisa -, anche lei ne aveva attivata una poco prima con Italia Solidale, diventandone anche una volontaria, e ciò ha spinto anche me a farlo. Ormai sono due anni che la porto avanti e sento che, oltre a salvare un bambino, questa carità fa bene prima di tutto a me. Italia Solidale Onlus ha 114 missioni nel Sud del mondo, in Africa, India e Sud America. Attraverso l'adozione si arriva ad aiutare direttamente la famiglia del bambino adottato, la quale viene sostenuta ad impegnare il prestito solidale ricevuto nell'avviare una propria attività lavorativa, dall'agricoltura all'allevamento, diventando così sussistenti. L'adozione fatta in questo modo non è né assistenzialismo né beneficienza, ma risolve veramente la povertà del corpo, perché prima di tutto la persona viene sostenuta a credere e sperimentare le proprie forze, e così prendersi cura di sé, della propria famiglia, del proprio bambino. Ho partecipato anch'io all'adozione a distanza con Italia Solidale afferma Sandro -, perché ho visto come Padre Angelo Benolli, fondatore L adozione fatta in questo modo non è beneficenza o assistenzialismo, ma risolve veramente della Onlus, e i suoi volontari siano seri e come nelle missioni si risolva veramente la fame fisica. Alla base di questo nuovo modo di far missione, c'è l'esperienza missionaria ultra-cinquantennale di Padre Angelo Benolli che, avendo a che fare ogni giorno in prima persona con tutte le sofferenze dell'anima delle persone, sia nel Sud del mondo che qui, ha portato alla luce una vera proposta culutrale di vita e missione che parte dalla grandezza del bambino, dalle forze meravigliose L adozione con Italia Solidale che per natura ogni persona ha dentro di sé, sostenendole a farle venire fuori per riuscire a vivere ed amare veramente. Prosegue Sandro: Questa concretezza mi ha fatto andare oltre ai miei dubbi immensi sulle adozioni a distanza, a causa delle cose strane che si sentono in giro, e mi sono fidato della limpidezza di P. Angelo. Inoltre, penso che servirebbe anche a me e agli italiani capirci un po' di più di questa proposta culturale che aiuta veramente le persone e per questo ho comparato i suoi libri. Proprio per il bene che fa a me salvare i bambini - afferma Luisa -, cerco di far conoscere questa realtà alle persone che mi stanno vicino, specialmente in ufficio ne parlo con i colleghi, qualcuno la coglie, qualcun altro no, ma io sono veramente soddisfatta di quest'esperienza. Alessandra Manni Chi attiva un'adozione a distanza con Italia Solidale si unisce ad un grande movimento di vita, innanzitutto per sé. Non salva solo un bambino, ma dà una mano a tutta la famiglia e alla comunità in cui il piccolo è inserito. Questa relazione a distanza vuol dire anche una relazione diretta, personale e in spirito con il bambino. Vi scriverà insieme al missionario e ai laici volontari del posto e ne potrete seguire lo sviluppo. Italia Solidale: 06/ Con le innovative tecniche si possono riavere denti fissi senza ricorrere ai ponti Implantologia e rigenerazione ossea La competenza non s improvvisa Tutte le volte che in bocca mancano dei denti è necessario rimetterli per non perdere funzione masticatoria ed estetica masticatoria. Per rimettere i denti si può ricorrere alla protesi fissa o alla protesi mobile o dentiera. La protesi fissa si occupa di rimettere i denti fissi: con i ponti dentali oppure con gli impianti dentali. Per fare i ponti bisogna però limare dei denti sani presenti in bocca, che fungeranno da supporto per mettere i denti mancanti. La tecnica che invece ci permette di rimettere i denti senza limare i denti sani presenti in bocca è l implantologia. Con l implantologia basta infatti ESEMPIO DI PROTESI SU IMPIANTI Affidarsi ad un abusivo significa mettere a rischio la propria salute Conosci davvero chi ti mette le mani in bocca? Dietro offerte, sconti e promozioni spesso si possono nascondere degli operatori abusivi. Questi infatti per attrarre o invogliare alle cure fanno dei preventivi e poi applicano degli sconti spesso usando come scusante lʼiva. Le prestazioni odontoiatriche sono prestazioni sanitarie che sono esenti da IVA. Infatti lʼiva non compare mai nelle ricevute sanitarie rilasciate al paziente. Per difendere la propria salute orale è sempre più importante conoscere bene il professionista che opera nella bocca dei pazienti e che prima di operare venga fatto e spiegato bene e in modo comprensibile il piano di cure. La prima visita quindi è importantissima ed è la base da cui si parte per una corretta diagnosi e pianificazione: deve essere attenta e accurata e non veloce e superficiale. Il professionista che opera deve essere iscritto allʼalbo professionale e dovrebbe necessariamente aggiornarsi di continuo per essere al passo con i tempi e poter svolgere al meglio la Professione di Dottore Dentista. Attenzione quindi a chi si finge dentista, agli abusivi, e soprattutto agli amici finti dentisti o agli amici che hanno preso lauree estere. Fidarsi degli amici è bene salvaguardare la salute della bocca è meglio. E prendersi cura di se stessi vuol dire solo farsi del vero bene. Tra lʼaltro gli abusivi o i finti dentisti non possono restare al passo con i tempi perché non possono frequentare i corsi di aggiornamento, che invece sono riservati esclusivamente ai Dottori Laureati, iscritti regolarmente allʼordine. Comunicare allʼordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri provinciale il nome del falso dentista è importante, per evitare ulteriori danni alla salute delle persone che, oltre ad impegnarsi fisicamente e psicologicamente, troppo spesso vengono derubate di molti soldi. Per i danni alla persona da parte del falso dentista ci si può rivolgere anche ad un legale. Con la rigenerazione ossea si può ricostruire l osso per reimpiantare i denti fissi Dr. ANDREA PANDOLFI Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria cum laude presso lʼuniversità degli Studi di Siena. Iscritto allʼordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Latina al n In Italia la Laurea per diventare Dottori Odontoiatri esiste dal posizionare delle radici sintetiche in titanio che fungono da base per poter rimettere i denti mancanti. In questo modo non è necessario andare a toccare gli altri denti presenti in bocca, che possono continuare a funzionare in modo naturale. Oltre a mettere l impianto, spesso, anzi quasi sempre, è necessario anche rigenerare l osso e la gengiva o la mucosa mancante. Per fare tutto questo occorre necessariamente, sempre, una chirurgia eseguita in ambiente perfettamente sterile (vedi articolo in basso). Ma tutti possono inserire impianti e fare rigenerazioni ossee e gengivali? La moderna implantologia e le tecniche di rigenerazione ossea e mucogengivale consentono a tutte le persone che hanno uno stato di salute generale buono o che sono sotto stretto controllo medico, di poter ricevere interventi di implantologia e di rigenerazione anche per interventi con ricostruzioni ossee importanti, che richiedono un certo impegno professionale. È importante conoscere a chi stiamo affidando la nostra salute, rivolgendosi sempre a un professionista serio che sia in grado di studiare la situazione generale e specifica del paziente per fare una diagnosi accurata e per scegliere la tecnica riabilitativa più idonea al singolo caso. Per approfondire: INFÒRMATI SU INTERNET Digitando il nome sui motori di ricerca si può sapere se il professionista è regolarmente iscritto allʼ Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, dove e quando si è laureato: si può conoscere il suo curriculum vitae e la sua formazione professionale: cliccando in alto a destra su ricerca anagrafica si può digitare il nome del dentista per sapere se ha una regolare iscrizione allʼalbo professionale, lʼanno e dove si è laureato. compilando la scheda apposita compilando gli appositi spazi cliccando su trovare il dentista ANDI più vicino digitando anche solo nome e cognome è sufficiente per sapere se la persona con cui si ha a che fare è o no un vero dentista laureato. PUBBLIREDAZIONALE

20 20 Olimpiadi, sigla pontina per la Bbc C'è anche un italiano tra le firme della sigla delle Olimpiadi di Londra 2012 che sarà trasmessa dalla BBC, la televisione nazionale britannica. Augusto Lombardi, genio dell'informatica originario di Sermoneta, con la casa di produzione Passion Pictures ha realizzato un cortometraggio animato, che verrà usato come sigla per le Olimpiadi di agosto. Con tutta probabilità questa sigla sarà trasmessa anche dalle tv di tutto il mondo: un bel vanto per Lombardi, che a fine febbraio ha indirettamente vinto il Premio Oscar per aver lavorato agli effetti in 3D del film di Martin Scorsese Hugo Cabret. Augusto, a soli 38 anni, rappresenta la vera essenza della gioventù moderna: per inseguire la sua passione ha lasciato la tranquillità di Sermoneta per lavorare in Spagna, Germania e ora Inghilterra, a Londra, dove vive da un anno. «Noi italiani sappiamo distinguerci per intraprendenza e passione, e siamo anche più preparati dei nostri colleghi stranieri. Solo che in Italia non riusciamo ad emergere: qui prevale la raccomandazione ed il nepotismo, all'estero regna invece la meritocrazia. Farei carte false per tornare a fare il mio mestiere in Italia: purtroppo non è possibile ammette Augusto. Ora mi sono stabilito a Londra, mi trovo bene e la Passion Pictures valuta molto positivamente il mio lavoro». Un talento nostrano che forse l'italia ha perso. Nel cuore tuttavia porta sempre il suo paese: «Faccio vedere a tutti i miei colleghi le immagini di Sermoneta, gli inglesi sono innamorati dell'italia». Una curiosità: Augusto è l'autore di una delle pubblicità più celebri della tv italiana, la particella di sodio dell'acqua Lete. IL CAFFÈ DEGLI ARTISTI n dall 1 al 13 giugno 2012 Luca Salvaggio è l autore dei francobolli celebrativi del 150 della Lira italiana Francobolli targati Aprilia Sono firmati da un artista di Aprilia due dei tre francobolli commemorativi del 150 anniversario dell'unificazione monetaria nazionale. Luca Rosario Salvaggio, vincitore di una borsa di studio biennale presso l'istituto Poligrafico e Zecca dello Stato- Scuola dell'arte della Medaglia, ha impresso il proprio nome in una delle produzioni filateliche più prestigiose di questo 2012, anno in cui ricade proprio il 150 della Lira. I tre francobolli - valore nominale di 60 centesimi - riportano su ogni vignetta una moneta da una lira sempre differente nell'esplicito tentativo di cogliere tre momenti significativi che hanno contribuito alla sua evoluzione grafica e storica. Sono stati gli allievi della scuola dell Arte della Medaglia dell Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. ad eseguire le illustrazioni: tra questi, anche l'apriliano Salvaggio. Il primo francobollo riporta il disegno di Elisa Rizzo che rappresenta una "Italia Turrita" recante in mano una Lira del 1863 che fu la prima ad essere coniata dopo che Vittorio Emanuele II fu eletto Re del Regno d'italia. In quello centrale, disegnato a quattro mani da Rosario Luca Salvaggio e Serena Macaluso, troviamo il numero 150 con lo zero formato da una moneta da una lira del 1946: importante questa scelta che ricorda la prima lira realizzata dalla Repubblica Italiana dopo che il referendum costituzionale si espresse contro la monarchia. Infine il terzo francobollo firmato di nuovo Salvaggio, rappresenta una Lira del 1862, sottolineando la moneta in corso nel momento in cui, crollando il Regno delle Due Sicilie, fu completata l'unificazione. Luca Salvaggio è un eccelso incisore, scultore e attento ricercatore delle tecniche classiche di cesellatura, un artista unico nel suo genere, che ha deciso di fare della sua passione un vero e proprio mestiere. Dovrà lottare per emergere, ma ha una marcia in più: la determinazione. Lo scrittore vive da anni ad Albano Esce Il romanzo di Mimì di Ghisellini Vive da anni ad Albano, nei Castelli Romani, Giuseppe Ghisellini, l'autore del nuovo libro in uscita nelle librerie Il romanzo di Mimì edito da Sovera Edizioni. Dopo Un'idea della vita del 2005 e Anime a confronto del 2010, con questa ultima opera Ghisellini chiude la triade dei romanzi della speranza. Con l'espediente del diario ritrovato, l'autore racconta le esperienze di tre donne, Anna, Silvia e Mimì, diverse per estrazione sociale, per cultura, per aspirazioni, accomunate dall'impegno costante a scoprire se stesse. Laureato in Lettere classiche presso l Università La Sapienza di Roma, ha pubblicato anche La sua parte di tempo (1995); In pace con te stesso (1996); Viaggio in Africa (2007), I sacri vasi (2007), Misteri svelati (2008). È di Ciampino il vincitore del concorso letterario Lo scrittore Viceconti vince il premio Inedito Èdi Ciampino lo scrittore di romanzi Nicola Viceconti, che ha ricevuto il premio letterario InediTO, giunto alla XI edizione, Premio Colline di Torino 2012 al Salone del Libro di Torino per il suo Nora Lopez, detenuta N84. Questo prestigioso riconoscimento si aggiunge al premio ricevuto dallo stesso autore nel 2010 con il romanzo Cumparsita al IV Concorso Nazionale di Poesia della Città di San Giorgio a Cremano. Pamela Scarponi di Anzio sul palco con la Amoroso Dai vicoli di Anzio al palcoscenico con Alessandra Amoroso. Pamela Scarponi ha 25 anni e nella sua città la conoscono tutti. Ha lavorato come shampista e come baby sitter per pagarsi le lezioni di canto. Nel 2006 tenta di entrare nella scuola di 'Amici di Maria De Filippi', ma non ha fortuna; ci riprova l'anno successivo, ma senza successo. Testarda, nel 2008 finalmente entra nella scuola televisiva più famosa d'italia. Viene eliminata ad un passo dalla fase serale a causa della sua bassa posizione in classifica. Nella scuola ha legato molto con la vincitrice Alessandra Amoroso. Nel gennaio 2009 esce la compilation 'Scialla' del programma 'Amici' contenente l'inedito di Pamela "Vivere a Mezz'Aria", entrato L attore già visto in tv con Amiche mie, è anche un ottimo ballerino Rossi, da Frascati alla tv Sono in corso le riprese della seconda serie di Un Passo dal cielo, 16 episodi da 50 minuti diretti da Riccardo Donna e prodotti da Lux Vide, con set tra Roma e l'alto Adige. Nella serie, insieme a Gaia Amaral e Terence Hill, c'è anche l'attore di Frascati Gabriele Rossi, classe 1988, già noto al grande pubblico televisivo: dopo aver debuttato nella parte del figlio di Margherita Buy nella miniserie televisiva Amiche mie (Canale 5), è stato coprotagonista in L'onore e il rispetto - Parte seconda del 2009 (anno in cui debutta sul grande schermo con Meno male che ci sei ) e parte terza del 2010, la serie televisiva Tutti pazzi per amore 2 e 3. Gabriele Rossi è anche un affermato ballerino: dall'età di sette anni muove i primi passi nel mondo della danza. All'età di 15 anni vince una borsa di studio con il maestro Mauro Astolfi; a settembre scorso a Miami, con la compagnia di danza contemporanea GRDC, di cui è il direttore artistico e coreografo, ha presentato uno spettacolo dal titolo Pictura Morta ispirato alla pittura del Tintoretto. Rossi da piccolo si è trasferito con la famiglia da Alatri a Frascati, diplomandosi presso il liceo scientifico della limitrofa Grottaferrata. Un castellano di cui andare fieri. INSIEME IN TV E NEI CONCERTI Pamela canta in tutta Italia con l amica Alessandra nella Top40 della classifica ufficiale dei singoli italiana direttamente alla posizione 35. Continua a scrivere canzoni, intanto dalla primavera 2009 ha tenuto il suo tour in giro per l'italia tra locali, discoteche e piazze. Da dicembre 2010 lavora con la grande amica Alessandra Amoroso, partecipando nella band come corista nel tour ufficiale della cantante salentina. Nel frattempo tiene lezioni di canto. La voce ce l'ha, il carattere pure. Con un pizzico di fortuna potrà arrivare lontano.

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Partenze Da Laurentina [Metro B]

Partenze Da Laurentina [Metro B] Orario in vigore dal 27 Apr 2015 al 08 Jun 2015 pag. 1/28 Laurentina Metro B, Roma Partenze Da Laurentina [Metro B] DESTINAZIONE FERIALE FESTIVO per Albano Laziale p.zza Mazzini 14:40 NS 14:50 a 16:40

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO

TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO TUTTO QUELLO CHE SAI SUGLI ZINGARI È FALSO L ITALIA È PIENA DI ZINGARI FALSO. In Italia rom, sinti e camminanti sono circa 170mila cioè lo 0,25% della popolazione complessiva, UNA DELLE PERCENTUALI PIÙ

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Mario FALCUCCI. Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3;

Mario FALCUCCI. Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; Corte dei Conti N. 12/SEZAUT/2015/QMIG Sezione delle autonomie Adunanza del 9 marzo 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento Composta dai magistrati: Presidenti

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli