A FONDAZIONE INSIEME

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A002264 FONDAZIONE INSIEME"

Transcript

1 A002264, 1 A FONDAZIONE INSIEME onlus. Da ILSOLE24ORE, del 17/1/2012, pag 9 <<L AFFIDO CONDIVISO OLTRE I CONFLITTI>> di Carmelo Padalino, giornalista. (perché correlati a questo argomento generale, suggeriamo di vedere da A a A compresi) Per la lettura completa del pezzo si rimanda al quotidiano citato. Affidamento condiviso per i figli di genitori separati e divorziati, con qualche eccezione. La legge 54 del 2006 ha voluto garantire il diritto dei ragazzi alla bigenitorialità, ossia a continuare ad avere un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori. Per tale motivo la regola generale è quella dell affidamento condiviso, che non significa, tuttavia, 50% del tempo del figlio con ciascun genitore (come in una sorta di ping pong trai due), ma continuità di condivisione educativa in ordine alle decisioni attinenti alla sfera personale patrimoniale della prole, anche nella crisi familiare. La Cassazione (10 maggio 2011, n ) parla di una più intensa e comune attribuzione di responsabilità nell educazione dei figli. Ciò significa che i figli dovranno essere collocati in via prevalente presso uno dei genitori (collocatario), al fine di garantire la loro stabilità emotiva e di vita, pur dovendosi prevedere ampie possibilità di frequentazione con l altro genitore, senza ridurre il rapporto al tradizionale diritto di visita. È evidente che la vicinanza dell abitazione del genitore non collocatario rispetto a quella dei figli consente a questi ultimi di fruire di una particolare consuetudine di vita con lui (Cassazione. 29 luglio 2011, n ). Per individuare il genitore collocatario, che meglio potrà occuparsi della cura, dell educazione e dell assistenza quotidiana del minore, occorre considerare: le modalità con cui ciascun genitore ha svolto il proprio ruolo prima della crisi familiare; l età dei figli, tenuto conto che mentre i bambini in tenera età non possono che essere affidati alla madre trattandosi di figura essenziale per la loro crescita (così come affermato nel sesto principio della Convenzione dei diritti del fanciullo di New York del 1959, secondo cui, <<salvo circostanze eccezionali, il bambino in tenera età non deve essere separato dalla madre>>) viceversa il figlio in età scolare non è più particolarmente bisognoso -di cure materne nel quotidiano; gli orari di lavoro dei genitori, per verificare se il genitore che si propone come collocatario, a causa degli impegni lavorativi di una certa consistenza durante l arco della giornata, dovrà delegare a terzi la cura quotidiana dei figli; le consuetudini di vita dei figli (Cassazione, 4 giugno 2010, n.13169). L affidamento condiviso è derogabile quando la sua applicazione risulti pregiudizievole all interesse dei figli. Il legislatore non ha previsto un elenco preciso di circostanze ostative all affidamento condiviso, rimettendone

2 A002264, 2 l individuazione alla decisione del giudice (Cassazione. 19 maggio 2010, n ), dovendosi trattare in ogni caso di fatti riguardanti il rapporto genitoriale e non situazioni interpersonali tra i due genitori (Cassazione, 7 dicembre n ). Tuttavia, per disporre l affidamento esclusivo dei figli è necessario motivare, non più solo in positivo sulla idoneità del genitore affidatario, ma anche in negativo sulla <<inidoneità educativa>> o sulla <<manifesta carenza>> dell altro genitore, che, in tal modo, viene escluso dal pari esercizio della potestà genitoriale. L elevata conflittualità tra i coniugi (che semmai potrebbe giustificare una minuziosa regolamentazione, da parte del giudice, degli incontri tra genitori e figli) e l oggettiva distanza esistente tra i luoghi di residenza dei genitori in non precludono l impossibilità dell affidamento condiviso, potendo tale distanza incidere soltanto sulla disciplina dei tempi e delle modalità della presenza del minore presso ciascun genitore (Cassazione, 2/12/2010, n ). È questa la regola generale anche nell ipotesi in cui la conflittualità sia generata dall uso di sostanze alcoliche da parte del marito sfociata in procedimenti penali che hanno visto come persona offesa solo l altro coniuge (Tribunale di Pisa, 25/2/2011, n.187). Viceversa sono stati ritenuti motivo di ostacolo all affidamento condiviso il mancato pagamento dell assegno di mantenimento per i figli e la discontinuità nell esercizio del diritto di visita degli stessi trattandosi di comportamenti altamente sintomatici della inidoneità del genitore inadempiente ad affrontare le maggiori responsabilità che discendono dall affidamento condiviso (Cassazione, 17 dicembre 2009, n ; 14 aprile 2011, n.8548, 30 settembre 2011, n ). Allo stesso modo e stato ritenuto pregiudizievole per l interesse del minore il comportamento gravemente denigratorio assunto dal padre e dalla sua famiglia nei confronti della madre (Cassazione 11 agosto 2011, n 17191). Un altra ragione ostativa all affidamento condiviso è stata ritenuta la cura eccessiva del padre, idonea a sottoporre la figlia minore a uno stress continuo, non funzionale a uno sviluppo armonico e sereno, con conseguente suo interesse primario a essere sottratta a tali pressioni (Cassazione, 19 maggio. 2011, n ). Allo stesso modo è stata considerata la volontà della figlia quattordicenne,che, in sede di sua doverosa audizione, si era nettamente opposta all affidamento anche alla madre (Cassazione 15 settembre 2011, n 18867).

3 A002264, 3 IL BIVIO. Le due modalità di affidamento dei figli previste dalla legge 54/2006 in caso di separazione o divorzio dei genitori CONDIVISO. È la regola generale, al fine di mantenere, anche nella crisi familiare, la continuità nella condivisione educativa dei genitori in relazione alle decisioni legate alla sfera personale e patrimoniale della prole 01 GENITORE COLLOCATARIO Presso di lui vengono collocati stabilmente i figli al fine di garantire la loro stabilita emotiva di vita Scelto in base: alle modalità con cui ciascun genitore ha svolto il proprio ruolo prima della crisi familiare; all età dei figli, tenuti conto che i bambini in tenera età non possono che essere collocati presso la madre, agli orari di lavoro dei genitori; alle consuetudini di vita dei figli 02 L ALTRO GENITORE Con ampie possibilità di frequentazione della prole (non è possibile ridurre il rapporto al tradizionale diritto di visita) ESCLUSIVO. Quando l applicazione dell affido condiviso risulta pregiudizievole per l interesse dei figli, rimettendo la decisione al giudice. 01 LE CONDIZIONI La scelta del giudice va motivata. in positivo: sull idoneità del genitore affidatario in negativo sulla inidoneità educativa o sulla manifesta carenza dell altro genitore che in tal modo, viene escluso dal pari esercizio della potestà genitoriale. 02 LE MOTIVAZIONI Sono stati ritenuti motivo di esclusione dall affidamento condiviso il mancato pagamento dell assegno di mantenimento e la discontinuità nell esercizio del diritto di visita, ma non l elevata conflittualità tra i coniugi o la distanza oggettiva tra i luoghi di residenza dei genitori.

4 A002264, 4 I FAMILIARI I DIRITTI DEI NONNI. L art. 155 del Codice civile non ha attribuito ai nonni un autonomo diritto a vedere e a incontrare i nipoti di età minore (Cassazione 11 agosto 2011 n ). Pertanto i nonni non hanno alcun diritto di partecipare al giudizio di separazione o di divorzio dei coniugi, né a quello di affidamento dei figli naturali, al fine di rivendicare un preteso diritto di visita dei nipoti. È stato previsto, invece, che il giudice nella concreta regolamentazione dell affidamento dei figli, garantisca, nell ambito del mantenimento di un rapporto assiduo e continuo con entrambi i genitori anche il diritto del minore di conservare rapporti significativi con gli ascendenti, al fine di evitargli, per quanto possibile, che la separazione dei genitori produca traumi nello sviluppo della sua personalità. GLI INCONTRI CON I NIPOTI Spetterà al giudice, quindi, regolare l attuazione di tali incontri, tenendo conto dell interesse del minore (Cassazione. 26 sett n.19594); a esempio, stabilendo la possibilità di incontrare i nonni paterni in occasione delle visite al padre. LIMITAZIONI LEGITTIME In attuazione di tali principi,il Tribunale di Campobasso ha sospeso, senza limiti d tempo, gli incontri tra il nipote e la nonna paterna, poiché la presenza di quest ultima avrebbe avuto una funzione destabilizzante per la crescita emotiva e relazionale del minore. Infatti, la nonna avrebbe proposto al nipote una persistente ed irrealistica idealizzazione del padre, senza dubbio fuorviante in quanto quest ultimo era stato condannato all ergastolo,con pena definitiva, per l omicidio volontario del nonno paterno e della nonna materna (tribunale Campobasso, 15 luglio 2010). Ne consegue che i genitori, anche se separati, possono, legittimamente impedire i contatti con uno dei nonni, purché sussista una plausibile ragione fondata sull interesse dei minori (per esempio,i nipoti potrebbero nutrire un forte sentimento di timore del nonno a causa della profonda contrapposizione e animosità da lui manifestata nei confronti dei genitori). L AZIONE LEGALE DEI PARENTI Viceversa, se i rapporti tra nonni e nipoti sono significativi ed il genitore collocatario senza un plausibile motivo,frapponga ostacoli a tali incontri, i nonni stessi potranno proporre dinanzi al Tribunale per i minorenni, una domanda di limitazione della potestà in danno del genitore; i sensi dell articolo 333 del Codice civile al fine di garantire

5 A002264, 5 e tutelare il diritto del minore alla fre4uentazione con loro (Tribunale per i minorenni di Palermo,15 novembre 2010). Tuttavia, se i genitori permettono ai figli di frequentare tutti i fine settimana i nonni, la domanda di questi ultimi di avere in affidamento i minori previo allontanamento dalla madre, non può essere accolta, in assenza di concreti pregiudizi subiti dai bambini, perché contrasta con il loro interesse a convivere con la primaria figura affettiva (Tribunale per i minorenni di Catania 30 aprile 2010). OBBLIGHI DI MANTENIMENTO L obbligo dei nonni di contribuire al mantenimento dei nipoti fornendo ai genitori i mezzi economici necessari, per adempiere ai loro doveri nei confronti dei figli e eccezionale e circoscritto entro ben precisi limiti (Cassazione, 5 marzo 2010, n.5364). È necessario non solo che uno dei due genitori sia rimasto inadempiente al proprio obbligo di mantenimento dei figli, ma che anche l altro genitore non abbia le possibilità economiche di provvedervi da solo con tutte le sue risorse patrimoniali e reddituali, nonché sfruttando la sua capacità di lavoro (Cassazione, 30 settembre 2010, n ).

La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO

La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO La Legge n. 54/2006 ha disposto che, in caso di separazione o divorzio, il giudice disponga, come regola generale, l AFFIDAMENTO CONDIVISO in base al quale i figli restano affidati ad entrambi i genitori

Dettagli

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione.

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. di Carmelo Padalino SOMMARIO: 1. Presupposto immanente. 2. Proposte di modifica. 3. Profili processuali. 1. Presupposto immanente.

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI. In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e

CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI. In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO: DIRITTI E DOVERI In tema di cessazione del matrimonio, l elevato numero di separazioni e divorzi che si registrano nel nostro Paese ogni anno, considerando

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2183 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOLTENI, GIANCARLO GIORGETTI, FEDRIGA, ALLASIA, ATTA- GUILE, BORGHESI, BOSSI, MATTEO BRAGANTINI,

Dettagli

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1

AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori. Avvocato Cristina Ceci 1 AFFIDO CONDIVISO Diversamente genitori 1 Legge n. 54 del 2006 Diritto alla bigenitorialità Tipi di affidamento Esercizio della potestà I tempi dei figli Assegnazione della casa familiare Assegno di mantenimento

Dettagli

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati. dr Giovanni Dipietro

TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile. Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati. dr Giovanni Dipietro TRIBUNALE DI CATANIA Prima Sezione Civile Il Tribunale, riunito in camera di consiglio e composto dai magistrati dr Elio Morgia Presidente dr Giovanni Dipietro Giudice dr Massimo Escher Giudice rel. letti

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE

FABBRI, GRANAIOLA, IDEM, LO GIUDICE, MANASSERO, PADUA, PAGLIARI, PEZZOPANE, PIZZETTI, PUPPATO, SANTINI, SCALIA, SOLLO, SPILABOTTE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1209 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PUGLISI, FEDELI, MATTESINI, LUMIA, AMATI, ASTORRE, BERTUZZI, CIRINNÀ, COLLINA, D ADDA, Stefano ESPOSITO, FABBRI,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario... INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...» XIII CAPITOLO I DALLA RIFORMA DEL 1987 ALLA RIFORMA DEL 2006 1. Breve

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3338 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BISCARDINI, CASILLO, CREMA, LABELLARTE e MARINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 MARZO 2005 Modifiche alla legge

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2011, n 29468 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo) Assegnazione della casa familiare Box auto Assenza del vincolo pertinenziale-

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

ASPETTI GIURIDICI DEI CONFLITTI DEI GENITORI E TUTELA DEL MINORE. Cento, 14 marzo 2012

ASPETTI GIURIDICI DEI CONFLITTI DEI GENITORI E TUTELA DEL MINORE. Cento, 14 marzo 2012 ASPETTI GIURIDICI DEI CONFLITTI DEI GENITORI E TUTELA DEL MINORE Cento, 14 marzo 2012 I doveri-diritti dei genitori Art.30 Cost.: E' dovere e diritto dei genitori mantenere istruire ed educare i figli...

Dettagli

PAGA LE SPESE EXTRA PER I FIGLI? NELLE SENTENZE IL CATALOGO DEI COSTI STRAORDINARI DA DIVIDERE TRA GLI EX CONIUGI

PAGA LE SPESE EXTRA PER I FIGLI? NELLE SENTENZE IL CATALOGO DEI COSTI STRAORDINARI DA DIVIDERE TRA GLI EX CONIUGI A002443,1 A002443 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole 24 ore del 10/9/2012, pag.9

Dettagli

Censurabile l ostruzionismo verso l altro genitore per il diritto di visita ai figli

Censurabile l ostruzionismo verso l altro genitore per il diritto di visita ai figli FAMIGLIA E MINORI GUIDA AL DIRITTO - Il Sole-24 ORE Tribunale per i minorenni di Potenza Decreto 18-23 aprile 2008 Presidente Andria; Relatore Mistrulli Censurabile l ostruzionismo verso l altro genitore

Dettagli

ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione

ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione ASPETTI PATRIMONIALI ED ASPETTI RELAZIONALI NELLA LORO INTERSEZIONE (Relazione tenuta dall Avv. Vincenzo Teresi in occasione del Convegno Separazione e Divorzio, organizzato dall Associazione DueCon, tenutosi

Dettagli

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI

L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI L AUDIZIONE DEL M INORE IL VALORE PROBATORIO DELLE DICHIARAZIONI SOMMARIO: 1. Il valore probatorio delle dichiarazioni del minore in ambito civile e, in particolare, nei procedimenti di separazione e divorzio

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 16 febbraio 8 aprile 2016, n. 6919 Presidente Di Palma Relatore Lamorgese

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 16 febbraio 8 aprile 2016, n. 6919 Presidente Di Palma Relatore Lamorgese Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 16 febbraio 8 aprile 2016, n. 6919 Presidente Di Palma Relatore Lamorgese Svolgimento del processo La causa ha ad oggetto le modalità di affidamento e mantenimento

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Di Palma; Rel. Acierno) Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della separazione Ripresa della convivenza

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 3 febbraio 26 marzo 2015, n. 6132 Presidente Forte Relatore Lamorgese Svolgimento del processo Alla fine dell'unione tra P.M. e Pa.Mi., il Tribunale di Milano

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

I - Le radici dell affido. L albero dell affido Attività formativa dell Associazione Murialdo gennaio-giugno 2006

I - Le radici dell affido. L albero dell affido Attività formativa dell Associazione Murialdo gennaio-giugno 2006 I - Le radici dell affido L albero dell affido Attività formativa dell Associazione Murialdo gennaio-giugno 2006 Cosa è affidamento? L affidamento familiare, previsto dalla legge 184/1983 così come modificata

Dettagli

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Giorgio Aldo Maccaroni Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Alcune riflessioni alla luce della nuova normativa AIDIF Copyright edizione e-book 2015 di Pro Aidif s.a.s. Via Salaria,

Dettagli

Nonni e nipoti: quali diritti e doveri?

Nonni e nipoti: quali diritti e doveri? Nonni e nipoti: quali diritti e doveri? L argomento in sé ha una rilevanza sociale ancor prima che giuridica: è di questi ultimi giorni la notizia emersa dagli archivi dell Associazione Matrimonialisti

Dettagli

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi?

D.- Sono puniti per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi familiari i conviventi? D.- In caso di separazione, in assenza dei figli, può essere disposta dal giudice l assegnazione della casa coniugale? R.- Ove non vi sia prole convivente, questo tipo di tutela non ha più ragione di sussistere

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 684 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GRASSI, BIONDELLI, CARNEVALI Riconoscimento giuridico di diritti, responsabilità e facoltà

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XXI XXIII CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE Guida bibliografica... 3 1. I rapporti di filiazione.... 5 2. I

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e

LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e + LA VIOLENZA SULLE DONNE E SUI MINORI, Riconoscere proteggere intervenire - Ancona, 9 ottobre 2015 OLGA ANASTASI Abusi e falsi abusi: quale tutela e quali garanzie per i minori + Ruolo sociale dell avvocato

Dettagli

Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero

Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero Decisioni del Consiglio nazionale del 19.6.2014 Codice civile svizzero (Mantenimento del figlio) e-parl 26.06.2014 11:15 Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio

Dettagli

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA

ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA Roma 19/04/2012 ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI (ANF) E ASSEGNO DI MATERNITA' (MAT) EROGATI DAI COMUNI ASPETTI PRINCIPALI DELLA NORMATIVA La normativa nazionale ha introdotto

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE?

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? Legittimati a ricorrere al Giudice Tutelare, cioè le persone che possono richiedere al giudice l eventuale apertura di un procedimento di amministrazione di sostegno,

Dettagli

I DIRITTI DEI FIGLI E LE RESPONSABILITA DEIGENITORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA: DAL CONFLITTO ALLA MEDIAZIONE? Avv. Serena Moroni

I DIRITTI DEI FIGLI E LE RESPONSABILITA DEIGENITORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA: DAL CONFLITTO ALLA MEDIAZIONE? Avv. Serena Moroni I DIRITTI DEI FIGLI E LE RESPONSABILITA DEIGENITORI NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA: DAL CONFLITTO ALLA MEDIAZIONE? Avv. Serena Moroni IL RUOLO DELL AVVOCATO NELLA CRISI DELLA FAMIGLIA Parlare del ruolo dell

Dettagli

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali

Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali PROVINCIA DI POTENZA Centro Affidi Provincia di Potenza Politiche Sociali Protocollo d Intesa tra : Provincia di Potenza - Tribunale per i Minori- Comuni del territorio provinciale PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso

Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso Brescia 20 settembre 2011 Osservazioni al DDL S 957 in tema di affidamento condiviso - Maria Carla Gatto, presidente del Tribunale per i Minorenni di Brescia - Nel ringraziare la Commissione Giustizia

Dettagli

Codice civile svizzero

Codice civile svizzero Codice civile svizzero (Mantenimento del figlio) Disegno Modifica del L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto il messaggio del Consiglio federale del 29 novembre 2013 1, decreta: I Il

Dettagli

Giulia Facchini studio@facchini.org

Giulia Facchini studio@facchini.org Un modello matematico per la determinazione dell assegno di mantenimento? Torino 18/07/2008 DI COSA CI OCCUPIAMO 1 Vado dall avvocato!!!!! E l atto che segna la presa di coscienza della crisi matrimoniale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XVII CAPITOLO PRIMO PROFILI GENERALI Guida bibliografica... 3 1. Premessa... 7 2. La famiglia come formazione sociale... 9 2.1. Il precedente sistema giusfamiliare...

Dettagli

L acquisto della cittadinanza italiana

L acquisto della cittadinanza italiana Approfondimento L acquisto della cittadinanza italiana Nella prima edizione di ImmigrazioneOggi del 5 ottobre abbiamo dato notizia della proposta presentata dal Governo al Parlamento per modificare l attuale

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour.

Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Centro di Solidarietà di Reggio Emilia/Italy Leonardo da Vinci Tra-Pre-Vi Training for the Prevention and Treatment of Youth Violent Behaviour. Relazione 1: Il sistema della protezione di minori con problemi

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag.

INDICE-SOMMARIO. Indice sommario... pag. Premessa alla prima edizione... pag. XIX. Premessa alla seconda edizione... pag. INDICE-SOMMARIO Indice sommario... pag. V Premessa alla prima edizione... pag. XIX Premessa alla seconda edizione... pag. XXIII CAPITOLO I IL MATRIMONIO 1. Cenni storici... pag. 1 2. Teorie sulla natura

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI

RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI Prefazione... Introduzione... 1 1 LA CESSAZIONE DELLA CONVIVENZA: L AFFIDAMENTO CONDIVISO DELLA PROLE La questione... 11 Analisi dello scenario... 11 Inquadramento

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI TUTELA DELLA DONNA E DEL FANCIULLO: LEGGE 242/1902 CARCANO Riveste un importanza notevole per aver introdotto il congedo di maternità di un mese dopo il parto, riducibile

Dettagli

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori DirittideicittadinieresponsabilitàdellaPubblicaAmministrazioneneiservizidellaFamigliae dellatutelaminori Milano,17Novembre2011 L assistentesocialetradeontologia,dirittievincoli MargheritaGallina Il codice

Dettagli

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA

PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA PRESENTAZIONE Mostra VIOLENZA ASSISTITA La nostra Associazione Mariposa si pone come obiettivo quello di approfondire la percezione ed il grado di conoscenza del tema della violenza assistita dai minori

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 11 Giugno 2014, n 13217 (Pres. Luccioli; Rel. Mercolino) Famiglia Fecondazione artificiale eterologa Morte del coniuge prima della nascita Disconoscimento

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato?

Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Perché è importante, parlando di adolescenza, introdurre il tema del rapporto tra adolescenza e reato? Innanzitutto perché l adolescenza è un periodo della vita in cui, rispetto a quello precedente dell

Dettagli

DICHIARANO DI ESSERE DISPONIBILI ALL ADOZIONE DI UN MINORE STRANIERO (adozione internazionale)

DICHIARANO DI ESSERE DISPONIBILI ALL ADOZIONE DI UN MINORE STRANIERO (adozione internazionale) Al Tribunale per i minorenni di Trento I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato a il cognome e nome (moglie) nato a il residenti in prov. via Cap. tel. ASL n. di coniugati (data) luogo prov.

Dettagli

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando.

i limiti di età dei coniugi adottanti L'età degli adottanti deve superare di almeno 18 anni e di non più di 45 l età dell'adottando. CHE COS' E' L'ADOZIONE? E' l'istituto giuridico che tende a garantire al bambino in stato di abbandono il diritto a vivere serenamente all'interno di una famiglia. La legge n. 476 del 31 dicembre 1998

Dettagli

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO

L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO L istruttoria per il decreto di idoneità genitoriale nei casi di adozione. Il ruolo del G.O. Dott.ssa Germana Ajraldi 5 maggio 2014 2 ANNO LA PSICOLOGIA GIURIDICA Funzione diagnostica conoscitiva e di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico

Comune di Comune di Comune di Comune di. San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico Comune di Comune di Comune di Comune di San Marco in Lamis San Giovanni Rotondo Rignano Garganico San Nicandro Garganico PRESENTAZIONE L art. 1 della legge 149 del 2001 Diritto del minore ad una famiglia

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. E. Geraci dott. M.F. Pricoco dott S. Coco Presidente Giudice Comp. priv. dott. R. Savoca visti gli atti relativi alla procedura ex art. 317 bis

Dettagli

L affido condiviso: la potestà dei genitori e l esercizio della stessa secondo la nuova legge. Avv. A. Fissore

L affido condiviso: la potestà dei genitori e l esercizio della stessa secondo la nuova legge. Avv. A. Fissore Corso di formazione dell avvocato della famiglia e del minore. Lunedì 12 febbraio 2007 L affido condiviso: la potestà dei genitori e l esercizio della stessa secondo la nuova legge. Avv. A. Fissore Art.

Dettagli

Affido condiviso. Affidamento condiviso del minore anche se uno dei genitori manifesta scarso interesse alla relazione. Massima :

Affido condiviso. Affidamento condiviso del minore anche se uno dei genitori manifesta scarso interesse alla relazione. Massima : Affido condiviso Massima : Affidamento condiviso del minore anche se uno dei genitori manifesta scarso interesse alla relazione. Corte di Cassazione, I Sez. Civile, Sentenza del dell 8 febbraio 2012, n.1777.

Dettagli

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie?

1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? 1. Come si articola e come si gestisce la DIMENSIONE DEL CONTROLLO nell intervento educativo domiciliare presso le famiglie affidatarie? Il tema del controllo è trasversale a tutti gli operatori (assistenti

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

Legge 19 ottobre 2015 n. 173

Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Legge 19 ottobre 2015 n. 173 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, sul diritto alla continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare. (G.U. n. 252 del 29 ottobre 2015) Entrata

Dettagli

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO Relatore: avv. Maria Teresa Saporito CAMERA PER I MINORI DI SALERNO ANNA AMENDOLA Salerno, 27 maggio 2010 LA FILIAZIONE NATURALE L acquisto dello status di figlio naturale

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

Nel nome dei Figli. Seconda edizione

Nel nome dei Figli. Seconda edizione Nel nome dei Figli Seconda edizione Questo libro è come un seme. Se ne condividi il senso aiutaci a diffonderlo. Contatto Autore: info@figlipersempre.com www.nelnomedeifigli.it Vittorio Vezzetti NEL NOME

Dettagli

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv.

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv. Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014 Laura Landi Il testo approvato definitivamente dalla Camera il 27 NOVEMBRE 2012 È

Dettagli

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori.

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE Titolo IX Della potestà dei genitori Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. Il figlio deve rispettare i genitori e deve contribuire, in relazione alle proprie sostanze

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa

Regolamento per l Affidamento familiare dei minori. Premessa Regolamento per l Affidamento familiare dei minori Premessa L Affido familiare è regolamentato dalla Legge 4 maggio 1983n.184 Disciplina dell Adozione e dell Affidamento dei Minori, modificata dalla Legge

Dettagli

Sommario. I La formazione della coppia... 13. Presentazione...9

Sommario. I La formazione della coppia... 13. Presentazione...9 Presentazione...9 I La formazione della coppia... 13 1 Le scelte possibili...15 1 Come ufficializzare un unione...15 2 I tipi di matrimonio...15 Matrimonio civile o religioso? Il matrimonio concordatario

Dettagli

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori

Città di Busto Arsizio. Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Città di Busto Arsizio Regolamento inerente il Servizio per l affidamento familiare di minori Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 89 del 25.07.2008 Premessa L affido familiare è regolamentato

Dettagli

TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE

TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE TRUST E DIRITTO DI FAMIGLIA: APPLICAZIONI PRATICHE MILANO, 19 giugno 2007 Avv. Mariagrazia Monegat Autonomia negoziale dei coniugi Convenzioni matrimoniali Separazione consensuale Divorzio congiunto Garanzia

Dettagli

IMMIGRAZIONE E ASILO

IMMIGRAZIONE E ASILO Diritti umani e diritto internazionale, vol. 4 n. 2 2010 IMMIGRAZIONE E ASILO Sviluppo psicofisico del minore e controllo dell immigrazione clandestina: il bilanciamento operato dalla Corte di cassazione

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres.

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. I civ. 30 Marzo 2012, n 5177 (Pres. Vitrone; Rel. Didone) Famiglia Matrimonio Cessazione degli effetti civili del matrimonio- Assegno divorzile Quantum

Dettagli

La culpa in educando e la culpa in vigilando

La culpa in educando e la culpa in vigilando La culpa in educando e la culpa in vigilando Art. 30 della Costituzione E dovere e diritto dei genitori (mantenere, istruire ed) educare i figli. Art. 147 del Codice Civile prevede ( )l obbligo di (mantenere,

Dettagli

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti

Resta pertanto da vedere quale competenza rimanga al giudice tutelare in seguito alla riferita norma. Non sembra possa dubitarsi che siano rimasti L ESECUZIONE DEI PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI MINORI Relatore: dott. Antonino Luigi SCARPULLA pretore della Pretura circondariale di Palermo Premessa. I. Nel nostro ordinamento giuridico non esiste una

Dettagli

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano Coordinamento Pari Opportunità e Politiche di Genere Bolzano Landeskomitee für Chanchengleichheit Bozen Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano L Alto Adige

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI.. Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse del Sig. XXX, nato a il.

TRIBUNALE CIVILE DI.. Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse del Sig. XXX, nato a il. TRIBUNALE CIVILE DI.. Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse del Sig. XXX, nato a il., residente in..., via., n..., c.f.:, rappresentato e difeso, come da

Dettagli

Alternanza dei genitori con cadenza settimanale nella casa familiare

Alternanza dei genitori con cadenza settimanale nella casa familiare Alternanza dei genitori con cadenza settimanale nella casa familiare Tribunale per i minorenni di Milano Decreto provvisorio 30 maggio 4 giugno 2008 n. 4380 Presidente e relatore Aliverti La massima -

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI CIVILE. Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE VI CIVILE. Ordinanza 2 dicembre 2010, n. 24526 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SESTA SEZIONE CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. Paolo VITTORIA Dott. Francesco Maria FIORETTI Dott. Francesco FELICBTTI Dott. Renato RORDORF Dott. Stefano

Dettagli

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE

*** IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE «Minori: ricorre lo stato di abbandono quando la vita offerta al minore non è in grado di assicurargli un normale sviluppo psico-fisico» (Cassazione civile sez. I, 25 giugno 2014, numero: 14448) Minore-

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il...

TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il... TRIBUNALE CIVILE DI PRATO Ricorso congiunto per la cessazione degli effetti civili del matrimonio Nell interesse della Sig.ra YYY, nata a..., il... e residente a Prato, Via... n..., C.F...., del Sig. XXX,

Dettagli

LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI

LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI TESI DI LAUREA LA CRISI DELLA GENITORIALITÁ. IL CASO DEI PADRI SEPARATI

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA

IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA IL TRIBUNALE PER I MINORENNI DI CATANIA Così composto: dott. M.F.Pricoco Presidente dott. U. Zingales Giudice est. dott. L. Di Natale Componente privato dott. G. Armenia Componente privato riunito in camera

Dettagli

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP

RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP RIPOSI E PERMESSI PER LAVORATORI PORTATORI DI HANDICAP E PER FAMILIARI CHE ASSISTONO PORTATORI DI HANDICAP LAVORATORE PORTATORE DI HANDICAP La persona handicappata maggiorenne in situazione di gravità

Dettagli

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01

TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 TRIBUNALE PER I MINORENNI DEL PIEMONTE E VALLE D AOSTA 10135 TORINO- Corso Unione Sovietica, 325 Tel. 011.619.57.01 N. Reg. Adozioni I sottoscritti coniugi: cognome e nome (marito) nato cognome e nome

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli