GLI ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI"

Transcript

1 Torino, 13 maggio 2014 La dichiarazione dei redditi delle persone fisiche GLI ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI Dott.ssa Federica Balbo Dott. Salvatore Regalbuto

2

3 DEFINIZIONI o ONERI DEDUCIBILI: sono le spese che possono essere portate in diminuzione del reddito complessivo, su cui, successivamente, si calcola l imposta lorda. o ONERI DETRAIBILI: sono le spese che riducono l ammontare dell imposta lorda dovuta. 3

4 REDDITO COMPLESSIVO meno Oneri deducibili (ed eventuali altre deduzioni) uguale Reddito Imponibile IMPOSTA LORDA meno Detrazione per oneri (ed eventuali altre detrazioni) uguale Imposta Netta 4

5 QUADRO NORMATIVO Art. 10 TUIR D.P.R. 22/12/1986 n. 917 disciplina gli oneri deducibili; Art. 15 TUIR D.P.R. 22/12/1986 n. 917 disciplina gli oneri detraibili; Art. 16 TUIR D.P.R. 22/12/1986 n. 917 disciplina le detrazioni per canoni di locazione. Art. 16 bis TUIR D.P.R. 22/12/1986 n. 917 disciplina le detrazioni per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici. 5

6 REQUISITI: ONERI DETRAIBILI E DEDUCIBILI Sono spese personali e possono essere usufruite solo da parte del contribuente cui spettano. La parte di detrazione eventualmente eccedente rispetto all imposta lorda non è riportabile all esercizio successivo (vedi C.M. n. 21/E del 23/04/2010 e C.M. n. 39/E del 01/07/2010). La detrazione spetta, generalmente, nella misura del 19% dell onere sostenuto. 6

7 segue Sia la deduzione sia la detrazione dell onere avvengono con riferimento all anno in cui il relativo costo è stato sostenuto (=pagato), ossia in base al c.d. principio di cassa. In linea generale, la detrazione o deduzione per gli oneri contenuti nel quadro RP del Modello Unico spettano al contribuente che li ha effettivamente sostenuti per conto proprio e che, quindi, risulta intestatario della documentazione. Tuttavia, il legislatore ha previsto che determinate tipologie di oneri possano essere portate in detrazione o deduzione anche se sostenuti nell interesse dei familiari. 7

8 FAMILIARI ART. 5 c.5 TUIR Possono essere considerati familiari: coniuge non legalmente ed effettivamente separato; i figli (naturali o adottivi); i discendenti dei figli; i genitori; ascendenti prossimi; generi e nuore; il suocero e la suocera; fratelli e sorelle germani o unilaterali. 8

9 segue In particolare, per verificare la possibilità o meno di portare in detrazione l importo sostenuto nell interesse dei familiari, è necessario verificare la tipologia di onere e si tratta di distinguere se sono spese sostenute nell interesse di familiari: fiscalmente a carico; fiscalmente non a carico. 9

10 SOGGETTO FISCALMENTE A CARICO Limite reddituale: REDDITO pari ad 2.840,51 al lordo degli oneri deducibili 10

11 ONERI SOSTENUTI PER FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO FISCALMENTE NON A CARICO DETRAIBILI Spese sanitarie Acq.veic.handicap Sp.mezzi per disabili Ass.vita/infortuni Sp.istruz/asilo nido Att.sport.ragazzi Can.loc.stud.univ. DEDUCIBILI Contr. Prev. ed assistenziali; Contr. Prev. complementare; Contr. Fondi Integrativi SSN DETRAIBILI Spese per patologie esenti; Spese per addetti all assistenza personale; Spese funebri DEDUCIBILI Spese sanitarie per portatori di handicap 11

12 DETERMINAZIONE DELL IMPOSTA In base alle norme in vigore dal 1 gennaio 2007, l imposta lorda è determinata applicando al reddito complessivo, al netto degli oneri deducibili indicati nell articolo 10 del D.P.R. 917/1986, le relative aliquote per scaglioni di reddito. 12

13 segue L imposta netta è determinata operando sull imposta lorda, fino alla concorrenza del suo ammontare, le detrazioni previste: articolo 12 (carichi di famiglia); articolo 13 (detrazioni per lavoro); artt. 15,16 (altre detrazioni per oneri e spese) e 16 bis. 13

14 REDDITO COMPLESSIVO - Oneri deducibili = REDDITO IMPONIBILE X Aliquote IRPEF = IMPOSTA LORDA - Detrazioni carichi di famiglia - Detrazioni per redditi lavoro - Altre detrazioni per spese - Crediti d imposta - Ritenute d acconto = IMPOSTA NETTA 14

15 ALIQUOTE IRPEF ART. 11 TUIR Fino ad ,00 23% Oltre ,00 e fino a ,00 27% Oltre ,00 e fino a ,00 38% Oltre ,00 e fino a ,00 41% Oltre ,00 43% 15

16 DETRAZIONI D IMPOSTA DEL 19% 16

17 MODELLO UNICO PERSONE FISICHE QUADRO RP Nel quadro RP sono indicati gli oneri sostenuti (cioè pagati) nell anno (ad es. Modello Unico 2014 anno 2013) che danno diritto ad una detrazione di imposta (in diminuzione dell imposta dovuta) oppure una deduzione dal reddito complessivo (in diminuzione del reddito complessivo). 17

18 Sezione quadro RP Descrizione Sezione I Spese per le quali spetta la detrazione d imposta del 19% e del 24% Sezione II Spese ed oneri deducibili dal reddito complessivo Sezione III Sezione III-A Sezione III-B Spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio per le quali spetta la detrazione di imposta del 36% - 41% - 50% - 65% Dati catastali identificativi degli immobili ed altri dati per fruire della detrazione del 36% - 50% - 65% Sezione III-C Spese arredo immobili ristrutturati 50% Sezione IV Sezione V Sezione VI Spese per le quali spetta la detrazione di imposta del 55% - 65% intervento di risparmio energetico Detrazione per inquilini con contratto di locazione Dati per fruire di altre detrazioni 18

19 DETRAZIONI DI IMPOSTA DEL 19% - SEZIONE I Gli oneri per i quali spetta una detrazione d imposta del 19% vanno indicati nella prima sezione del quadro RP di Unico, la quale è così strutturata: 19

20 Nella SEZIONE I trovano collocazione varie tipologie di spese per le quali è possibile richiedere la detrazione del 19% o del 24%: Righi Oneri detraibili Da RP1 a RP6 RP7 Da RP08 a RP14 - spese sanitarie - interessi passivi su mutui per abitazione principale - Altre detrazioni da individuare in base alla specifica codifica 20

21 SPESE SANITARIE SEZIONE I Le spese sanitarie, di qualunque tipo: generiche, specialistiche, farmaceutiche, chirurgiche, etc., sono tra loro cumulabili ai fini del calcolo della detrazione di imposta nella misura del 19%. L acquisto dei medicinali da banco è certificato, dal 01/01/08 da fattura o scontrino parlante, attestante la natura, qualità e quantità dei prodotti acquistati, nonché il CF del destinatario. 21

22 Acquisti di medicinali SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) Detrazione = 20,19 x 19% Nel Mod. UNICO 2014 per poter godere della detrazione fiscale, gli scontrini parlanti devono necessariamente riportare il codice AIC in luogo della denominazione specifica del farmaco/medicinale 22

23 PROVVEDIMENTO DEL GARANTE DELLA PRIVACY DEL 29 APRILE 2009: Lo scontrino fiscale parlante non deve più riportare la specifica denominazione commerciale del medicinale acquistato. E stata sostituita dal numero di autorizzazione all immissione in commercio (codice AIC) 23

24 PARAFARMACI ED INTEGRATORI ALIMENTARI Risoluzione 22 ottobre 2008, n. 396 NON POSSONO BENEFICIARE DELLA DETRAZIONE I PRODOTTI FARMACEUTICI QUALIFICABILI COME PARAFARMACI TRATTASI DI PRODOTTI QUALI: COLLIRI, POMATE, CEROTTI, GARZE, PRODOTTI FITOTERAPICI ED INTEGRATORI ALIMENTARI CHE, SECONDO L AE, NON POSSONO ESSERE ASSIMILATI AI FARMACI. 24

25 SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) PRESTAZIONI GENERICHE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PRESTAZIONI SANITARIE Rese da: medico-chirurgo generico; medico che opera in una branca diversa dalla sua specializzazione Rese da: un medico specialista nella particolare branca cui attiene la specializzazione 25

26 ANALISI, ESAMI E TERAPIE SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) Rientrano tra le prestazioni specialistiche i seguenti esami e terapie, purché prescritti da un medico, anche se privo di specializzazione: esami di laboratorio, elettrocardiogramma, encefalogramma e altri controlli ordinari; particolari terapie quali cobaltoterapia, neuropsichiatria, ecc.; esami complessi come TAC, ecografia, indagine laser, ecc.; psicoterapia resa da medici specialistici; Anestesia epidurale, inseminazione artificiale, diagnosi prenatale; altri esami complessi e particolari terapie. 26

27 SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) AFFITTO O ACQUISTO DI DISPOSITIVI MEDICI Rientrano tra gli oneri detraibili anche le spese sostenute per l affitto o l acquisto di dispositivi medici quali, ad esempio: macchine per aerosol e macchine per la misurazione della pressione sanguigna; siringhe e relativi aghi 27

28 segue L AE, ricordando la definizione dispositivi medici, anche in base al parere acquisito dal Ministero della Salute, afferma che la generica dicitura dispositivo medico riportata sul documento non è sufficiente. E bensì necessario: nello scontrino/fattura risultino il soggetto che sostiene la spesa e la descrizione del dispositivo medico; per ciascuna tipologia di prodotto, il contribuente sia in grado di provare che la spesa riguarda dispositivi medici contrassegnati dalla marcatura CE, attestante la conformità alle Direttive europee 93/42/CEE, 90/385/CEE e 98/79/CE. 28

29 SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) SPESE SANITARIE PER FAMILIARI NON A CARICO (RIGO RP2) Il contribuente che ha sostenuto le spese sanitarie relative a patologia esenti dalla partecipazione sanitaria pubblica per conto di familiari non fiscalmente a carico, per le quali le relative detrazioni non trovano capienza nell imposta da questi ultimi dovuta possono compilare il rigo RP2. La parte di detrazione che non ha trovato capienza nell imposta del familiare è desumibile dalle annotazioni del Mod.730 o dal quadro RN, rigo RN43, col.1, del Mod.Unico 2014 dello stesso. L ammontare massimo, nella misura del 19%, non può superare 6.197,48. 29

30 SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) SPESE SANITARIE PER I PORTATORI DI HANDICAP (RIGO RP3) Le spese sostenute per: I mezzi necessari all accompagnamento, alla deambulazione, locomozione e sollevamento di portatori di menomazioni funzionali permanenti, con ridotte o impedite capacità motorie, incluse le autovetture adattate alla deambulazione dei portatori di handicap; Sussidi tecnici e informatici tali da agevolare l autosufficienza e la possibilità di integrazione dei portatori di handicap. 30

31 SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) Spese sanitarie per i portatori di handicap (rigo RP3) 1. acquisto di poltrone per inabili e minorati non deambulanti e apparecchi per il contenimento di fratture, ernie e per la correzione di difetti della colonna vertebrale; 2. acquisto di arti artificiali per la deambulazione; 3. trasformazione dell ascensore adattato al contenimento della carrozzella; 4. costruzione di rampe per eliminare barriere architettoniche interne ed esterne all abitazione; 31

32 SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) Spese sanitarie per i portatori di handicap (rigo RP3) 5. installazione e/o manutenzione di pedana di sollevamento per portatore di handicap. 6. trasporto in autoambulanza del soggetto portatore di handicap. Le eventuali prestazioni specialistiche o generiche effettuate durante il predetto trasporto costituiscono spese sanitarie (RP1) con franchigia di 129,11; 7. sussidi tecnici informatici (fax, modem, computer) rivolti a facilitare l autosufficienza e la possibilità di integrazione dei portatori di handicap. 8. installazione di pedana sollevatrice su veicolo per portatore di handicap. 32

33 SPESE SANITARIE (RIGHI RP1 A RP6) IMPOSTA DI BOLLO SU FATTURE RELATIVE A VISITE MEDICHE Risoluzione 18 novembre 2008, n. 444/E In particolare va precisato che, nel caso tale imposta (pari ad 2,00 per importi > 77,47) sia stata esplicitamente traslata sul cliente ed evidenziata a parte nella fattura, è detraibile quale onere accessorio in dichiarazione dei redditi. Diversamente, qualora l imposta di bollo non sia stata addebitata al cliente, l importo non può essere detratto, in quanto è rimasto a carico del professionista. 33

34 INTERESSI PASSIVI SU MUTUI Il rigo RP7, nonché le altre detrazioni distinte dai codici da 7 a 11, sono riservati all indicazione degli interessi passivi, degli oneri accessori (relativi al contratto di mutuo per il capitale preso a prestito), delle quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione, pagati nel 2013 indipendentemente dalla scadenza della rata (secondo il principio di cassa) in relazione a mutui per i quali spetta una detrazione d imposta pari al 19%. 34

35 INTERESSI PASSIVI SU MUTUI PER ABITAZIONE PRINCIPALE RIGO RP 7: Gli importi relativi ad interessi passivi e relativi oneri accessori, pagati in dipendenza di mutui ipotecari su immobili contratti per l acquisto dell unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, sono detraibili nella misura del 19% calcolato su un importo massimo di 4.000,00. Se il mutuo eccede il costo sostenuto per l acquisto dell immobile si possono portare in detrazione solo gli interessi relativi alla parte del mutuo che copre detto costo. 35

36 INTERESSI PASSIVI SU MUTUI PER ABITAZIONE PRINCIPALE Gli interessi passivi risultano detraibili in base al rapporto tra: COSTO DI ACQUISTO DELL IMMOBILE RIENTRANO ANCHE TALUNI ACCESSORI DIRETTAMENTE IMPUTABILI ALL OPERAZIONE DI ACQUISTO E CAPITALE PRESO A MUTUO 36

37 INTERESSI PASSIVI SU MUTUI PER ABITAZIONE PRINCIPALE Costo di acquisto Il costo da considerare ai fini della detraibilità degli interessi non deve essere rapportato alla quota di proprietà dell immobile Il contribuente unico intestatario del contratto di mutuo stipulato per l acquisto dell abitazione principale in comproprietà con l altro coniuge, può: esercitare la detrazione in relazione a tutti gli interessi pagati e non solo sul 50%; considerare, ai fini del calcolo dell ammontare degli interessi detraibili, l intero prezzo pattuito (e non il 50%) per l acquisto dell immobile come risulta dall atto di acquisto. 37

38 ABITAZIONE PRINCIPALE RISPETTO DEI REQUISITI Una definizione generale di abitazione principale è data dall articolo 10 c. 3 bis del TUIR SI INTENDE QUELLA IN CUI IL CONTRIBUENTE O I SUOI FAMILIARI DIMORANO ABITUALMENTE 38

39 ONERI ACCESSORI: INTERESSI PASSIVI SU MUTUI Circolare n. 26/2005 e Risoluzione n. 128/2005 SPESE ACCESSORIE CONNESSE ALL ACQUISTO l onorario del notaio relativo all atto acquisto spese di mediazione immobiliare; Imposte di registro, ipotecarie e catastali; Spese sostenute per eventuali autorizzazioni del giudice tutelare e quelle per acquisto nell ambito di una procedura concorsuale. 39

40 Oneri accessori relativi al contratto di mutuo INTERESSI PASSIVI SU MUTUI Sono da considerarsi oneri accessori al contratto di mutuo l onorario del notaio relativo alla stipula del contratto di mutuo; la commissione spettante agli istituti per la loro attività di intermediazione bancaria; le spese di istruttoria e perizia tecnica; gli oneri fiscali (compresa iscrizione/cancellazione di ipoteca, imposta sostitutiva sul capitale prestato); la cosiddetta provvigione per scarto rateizzato nei mutui in contanti; maggiori somme corrisposte a causa delle variazioni di cambio relative a mutui stipulati in ECU o altra valuta estera. 40

41 INTERESSI PASSIVI SU MUTUI Oneri accessori relativi al contratto di mutuo PERCENTUALE DI DETRAIBILITÀ Nel costo di acquisto rientrano anche alcuni oneri accessori collegati al contratto di mutuo, sebbene gli stessi non afferiscano direttamente all atto d acquisto dell immobile D = Costo di acquisto dell immobile + oneri accessori relativi all acquisto e alla stipula del mutuo / Capitale preso a mutuo 41

42 INTERESSI PASSIVI SU MUTUI Oneri accessori relativi al contratto di mutuo Il coefficiente di detraibilità (D): PERCENTUALE DI DETRAIBILITÀ dovrà essere quindi moltiplicato per l ammontare degli interessi passivi aumentato, eventualmente, degli oneri accessori relativi al contratto di mutuo corrisposti nel corso dell anno. L ammontare degli interessi passivi effettivamente detraibili sarà pari a: Interessi passivi effettivamente detraibili = D x (interessi passivi + oneri accessori contratto di mutuo) 42

43 ALTRI ONERI PER I QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DEL 19% (RIGHI DA RP08 A RP14) PREMI DI ASSICURAZIONE (CODICE12) La detrazione relativa ai premi di assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni stipulate o rinnovate entro il 31/12/2000 è pari al 19% per un importo complessivo non superiore ad 630,00 (Dal 2014 ridotto a 530,00). Per i contratti stipulati dal 01/01/2001, ai sensi del D.Lgs. n. 47/2000, la detrazione è ammessa, entro lo stesso limite, a condizione che il contratto abbia per oggetto il rischio di morte o invalidità permanente 5% ovvero di non autosufficienza. 43

44 Assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni PREMI ASSICURATIVI PREMI ASSICURATIVI corrisposti nel 2013 VECCHIE REGOLE NUOVE REGOLE Polizze vita e contro gli infortuni Polizze rischi: morte invalidità permanente 5% non autosufficienza Se stipulate o rinnovate entro il SE stipulate o rinnovate a partire dall

45 SPESE DI ISTRUZIONE (CODICE 13) Sono detraibili, nel limite del 19%, le spese di istruzione sostenute nel 2013 dal contribuente nell interesse proprio e dei propri familiari a carico per la frequenza di corsi di istruzione: secondaria; universitaria e di specializzazione universitaria PRESSO ISTITUTI O UNIVERSITA ITALIANE O STRANIERE, PUBBLICHE O PRIVATE, IN MISURA NON SUPERIORE A QUELLA STABILITA PER LE TASSE ED I CONTRIBUTI DEGLI ISTITUTI STATALI ITALIANI 45

46 SPESE FUNEBRI (CODICE 14) Cerimonia funebre; Necrologi; Loculi o lapidi; Ecc. NEL LIMITE DI 1.549,37 PER DECESSO La detraibilità della spesa, nel limite del 19%, è in capo al soggetto che l ha effettivamente sostenuta; può essere ripartita tra più aventi diritto qualora il documento riporti una dichiarazione di ripartizione delle spese. 46

47 SPESE PER ADDETTI ALL ASSISTENZA PERSONALE CODICE15: La detrazione, pari al 19% compete, per un importo non superiore ad 2.100,00, per le spese sostenute per gli addetti all assistenza personale nei casi di non autosufficienza; è possibile fruire della detrazione solo se il reddito complessivo non supera ,00. SPESE PER ATTIVITA SPORTIVE PRATICATE DA RAGAZZI CODICE 16: Le spese per un importo non superiore a 210,00 per ciascun ragazzo di età compresa tra i 5 e i 18 anni, sostenute per l iscrizione annuale e l abbonamento ad associazioni sportive, palestre, piscine ed altre strutture ed impianti dilettantistici, hanno diritto alla detrazione del 19%. 47

48 SPESE PER INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE CODICE 17: La detrazione è relativa ai compensi pagati ai soggetti di intermediazione immobiliare per l acquisto dell immobile da adibire ad abitazione principale; l importo massimo su cui calcolare la detrazione del 19% ammonta ad 1.000,00. SPESE PER CANONI DI LOCAZIONE STUDENTI FUORI SEDE CODICE 18: Le spese sostenute da studenti universitari iscritti presso Università situate in un Comune diverso da quello di residenza per canoni di locazione stipulati o rinnovati ai sensi della L. 431/98, se il comune dista almeno 100 km. L importo massimo detraibile è pari al 19% di 2.633,00. 48

49 ALTRI ONERI DETRAIBILI CODICI DA 20 A 99 EROGAZIONI LIBERALI A POPOLAZIONI COLPITE DA CALAMITA CODICE 20: Le erogazioni liberali in denaro sono detraibili, nella misura del 19%, per un importo non superiore ad 2.065,83 a favore delle iniziative umanitarie, gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con decreto del Presidente del CdM nei paesi non appartenenti all OCSE, danno diritto alla detrazione. 49

50 segue EROGAZIONI LIBERALI ALLE SOCIETA E ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE CODICE 21 Sono detraibili, nella misura del 19%, le erogazioni liberali in denaro per un importo non superiore ad 1.500,00. EROGAZIONI LIBERALI ALLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO CODICE 22: Sono detraibili, nella misura del 19%, i contributi associativi versati dai soci fino ad 1.291,14. 50

51 segue EROGAZIONI LIBERALI ALLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE CODICE 23 Le erogazioni liberali sono detraibili, nella misura del 19%, per un importo non superiore ad 2.065,83. Tali oneri, in alternativa, possono essere dedotti dal reddito complessivo. EROGAZIONI ALLA BIENNALE DI VENEZIA CODICE 24: Sono detraibili, nella misura del 19%, per un importo non superiore al 30% del reddito complessivo dichiarato. 51

52 segue SPESE SOSTENUTE SUI BENI SOGGETTI A REGIME VINCOLISTICO CODICE 25: Sono detraibili, nella misura del 19%, dell intero importo rimasto a carico del contribuente. La detrazione spetta solo se la spesa è conseguenza di un espressa previsione legislativa ovvero in quanto risulti da apposita dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà da presentare al Ministero per i beni e le attività culturali. EROGAZIONI PER ATTIVITA CULTURALI ED ARTISTICHE CODICE 26: Sono detraibili, nella misura del 19%, senza alcun limite di spesa a favore dello Stato, Regioni, Enti Locali ed Istituzioni pubbliche, che svolgono o promuovono attività di studio, ricerca e documentazione di rilevante valore culturale ed artistico. 52

53 segue EROGAZIONI AD ENTI OPERANTI NELLO SPETTACOLO CODICE 27: Sono detraibili, nella misura del 19%, per un importo non superiore al 2% del reddito complessivo dichiarato, le erogazioni a favore di Enti o Istituzioni pubbliche, Fondazioni e Associazioni legalmente riconosciute e senza scopo di lucro, che svolgono esclusivamente attività nello spettacolo. EROGAZIONI A FONDAZIONI DEL SETTORE MUSICALE CODICE 28: Sono detraibili, nella misura del 19%, per un importo non superiore al 2% (elevabile al 30% in specifici casi) del reddito complessivo dichiarato, le erogazioni a favore di Enti di prioritario interesse nazionale operanti nel settore musicale per i quali è prevista la trasformazione in Fondazioni di diritto privato. 53

54 segue SPESE VETERINARIE CODICE 29: Sono detraibili, nella misura del 19%, le spese sostenute per la cura di animali legalmente detenuti per la parte eccedente l importo di 129,11 nel limite massimo di 387,34. SERVIZI DI INTERPRETARIATO PER SORDI CODICE 30: Sono detraibili, nella misura del 19%, senza alcun limite di spesa. EROGAZIONI A FAVORE DI ISTITUTI SCOLASTICI COD.31: Sono detraibili, nella misura del 19%, senza alcun limite di spesa, le erogazioni liberali a favore di istituti scolastici (sia statali che paritari) finalizzati all innovazione tecnologica, all edilizia scolastica o all ampliamento dell offerta formativa. 54

55 segue RISCATTO CONTRIBUTI ANNI DI LAUREA PER FAMILIARI A CARICO CODICE 32: Sono detraibili, nella misura del 19%, senza alcun limite di spesa, le spese relative ai contributi versati per il riscatto degli anni di laurea per i familiari a carico non iscritti ad alcuna forma di previdenza obbligatoria e che non abbia iniziato l attività lavorativa. 55

56 segue SPESE PER ASILI NIDO CODICE 33 La detrazione, nella misura del 19%, per le spese relative alla retta dell asilo nido dei figli di età compresa tra i 3 mesi e i 3 anni, sia pubblico che privato. LIMITE DI SPESA 632,00 56

57 segue EROGAZIONI LIBERALI AL FONDO AMMORTAMENTO TITOLI DI STATO CODICE 35: Sono detraibili, nella misura del 19%, senza alcun limite, le somme versate al fondo per l ammortamento dei titoli di Stato. EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE ONLUS COD. 41: Sono detraibili, nella misura del 24% (26% DAL 2014), le erogazioni liberali a favore delle Onlus per un importo non superiore ad 2.065,00 annui. EROGAZIONI LIBERALI AI PARTITI POLITICI CODICE 42: Sono detraibili, nella misura del 24%, le erogazioni liberali a favore di partiti politici, per importi compresi tra 50,00 ed ,00 annui. 57

58 ONERI DEDUCIBILI DAL REDDITO COMPLESSIVO SEZIONE II 58

59 Nella Sezione II del quadro RP, si indicano: gli oneri per i quali è prevista la deducibilità dal reddito complessivo; le somme che non avrebbero dovuto concorrere a formare i redditi di lavoro dipendente e assimilati e che, invece, sono state assoggettate a tassazione. 59

60 CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI (RP 21): Al rigo RP21, si devono riportare i contributi previdenziali ed assistenziali (ex art. 10, comma 1, lett. e, TUIR), versati nel corso del 2013: OBBLIGATORIAMENTE FACOLTATIVAMENTE In ottemperanza a disposizioni di legge (ad es. i contributi IVS) Alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza 60

61 segue CONTRIBUTI FACOLTATIVI GESTIONE PENSIONISTICA OBBLIGATORIA DI APPARTENENZA: ricongiunzione di differenti periodi assicurativi; riscatto di laurea; prosecuzione volontaria. CONTRIBUTI VERSATI ALLE RISPETTIVE CASSE: cassa forense; cassa dottori commercialisti, consulenti del lavoro, ragionieri; cassa geometri; Inarcassa; ENPAM 61

62 ASSEGNO PERIODICO CORRISPOSTO A CONIUGE (RP 22) AL RIGO RP22, VANNO INDICATI GLI ASSEGNI PERIODICI CORRISPOSTI ALL EX CONIUGE, IN CONSEGUENZA DI SEPARAZIONE LEGALE ED EFFETTIVA, DI SCIOGLIMENTO OD ANNULLAMENTO DELL AUTORITA GIUDIZIARIA (CON L ESCLUSIONE DELLA QUOTA DESTINATA AL MANTENIMENTO DEI FIGLI). 62

63 CONTRIBUTI PER ADDETTI AI SERVIZI FAMILIARI (RP 23) AL RIGO RP23, POSSONO ESSERE INDICATI I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI VERSATI NEL 2013 PER GLI ADDETTI DOMESTICI E FAMILIARI ( AD ESEMPIO: COLF, BABY- SITTER, E ASSISTENTI DELLE PERSONE ANZIANE) PER LA PARTE RIMASTA A CARICO DEL DATORE DI LAVORO, NEL LIMITE DI 1.549,37. 63

64 CONTRIBUTI ED EROGAZIONI A FAVORE DELLE ISTITUZIONI RELIGIOSE (RP 24) AL RIGO RP24, DEVONO ESSERE INDICATE LE EROGAZIONI LIBERALI IN DENARO A FAVORE DI ENTI RELIGIOSI ITALIANI (ELENCO DEFINITO) FINO A UN IMPORTO MASSIMO DI E 1.032,91 PER ENTE RELIGIOSO. 64

65 SPESE MEDICHE E DI ASSITENZA SPECIFICA DEI PORTATORI DI HANDICAP (RP 25) AL RIGO RP25, IL CONTRIBUENTE PORTATORE DI HANDICAP INDICA LE SPESE MEDICHE GENERICHE E QUELLE DI ASSISTENZA SPECIFICA SOSTENUTE NEL IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA DEL SOGGETTO PORTATORE DI HANDICAP DEVE AVVENIRE ATTRAVERSO: Una commissione medica istituita ai sensi dell art. 4,L. 104/92. Altre Commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell invalidità civile, di lavoro, di guerra, ecc. 65

66 segue TIPOLOGIE DI SPESE Possono beneficiare della deduzione le: Spese mediche generiche: ossia quelle prestazioni rese dal medico generico; l acquisto di medicinali deve essere certificato da fattura o da scontrino fiscale parlante. Spese per l assistenza specifica dei portatori di handicap: riconosciuti tali ai sensi della Legge n. 104/

67 PREVIDENZA COMPLEMENTARE (RIGHI DA RP27 A RP 31) Righi da RP27 a RP31 - Vanno indicati i contributi versati alle forme pensionistiche complementari ed individuali, la cui disciplina è stata oggetto di un importante riforma ad opera del D.Lgs. n. 252/2005 (come modificato dalla Finanziaria 2007) a decorrere dal 1 gennaio

68 COMUNICAZIONE AL FONDO PENSIONE DEGLI IMPORTI NON DEDOTTI Qualora in dichiarazione dei redditi non sia stato possibile dedurre l intero ammontare versato, il contribuente è tenuto ad effettuare una comunicazione al proprio fondo pensione o alla compagnia di assicurazione, al fine di specificare gli importi non dedotti. CONTRIBUTI A DEDUCIBILITÀ ORDINARIA (RIGO RP27) Al rigo RP27, vanno indicati i contributi ed i premi versati nel corso del 2013 alle forme pensionistiche complementari per le quali il limite massimo di deducibilità è fissato, in misura ordinaria, ad 5.164,57. 68

69 DETRAZIONE 36%-41%-50%-65% SEZIONE III 69

70 DETRAZIONE PER INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO SEZIONE III A PREMESSA DECORRENZA: 1 GENNAIO 2012 LA DETRAZIONE FISCALE DEL 36% SULLE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE, INTRODOTTA NEL 1998 E PROROGATA PIU VOLTE, E STATA RESA PERMANENTE DAL DECRETO SALVA ITALIA CHE HA PREVISTO IL SUO INSERIMENTO TRA GLI ONERI DETRAIBILI AI FINI IRPEF (art. 16 Bis TUIR). 70

71 segue Le spese per le quali è possibile fruire della detrazione sono: manutenzione straordinaria sulle singole unità immobiliari; manutenzione ordinaria e straordinaria sulle parti comuni di edifici residenziali; restauro e risanamento conservativo; altre spese di ristrutturazione edilizia. Il limite massimo di spesa è di ,00 riferito alla singola unità immobiliare e la detrazione é pari al 36% deve essere ripartita in 10 anni. 71

72 Con il D.L. 70 del 13/05/2011: segue è stato abolito l invio della comunicazione di inizio lavori al Centro Operativo di Pescara; non è più necessario evidenziare in fattura il costo della manodopera; facoltà per il venditore, nel caso di vendita dell unità immobiliare, di scegliere se trasferire il diritto all acquirente; obbligo di ripartire l importo detraibile in 10 quote annuali e dal 2012 non è più prevista la ripartizione in 3 o 5 anni, per i contribuenti tra i 75 e gli 80 anni. Dal 6 luglio riduzione della percentuale (dal 10% al 4%) della ritenuta d acconto sui bonifici, che banche e poste hanno l obbligo di operare. 72

73 segue CHI PUO USARE LA DETRAZIONE Oltre ai proprietari, l agevolazione spetta anche ai titolari di diritti reali sugli immobili oggetto degli interventi e che sostengono le spese ad esempio: proprietari o nudi proprietari; titolari di diritti reali di godimento; locatari o comodatari; soci società semplici; imprenditori individuali, per gli immobili non strumentali. 73

74 Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario o postale e dallo stesso devono risultare: la causale del versamento; il CF del soggetto che paga; il CF o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento. Ritenute sui bonifici Al momento del pagamento del bonifico, banche e poste devono operare una ritenuta a titolo di acconto dell imposta dovuta dall impresa che effettua i lavori. Dal 6 luglio 2011 questa ritenuta è pari al 4%. 74

75 La detrazione non è riconosciuta, e l importo eventualmente fruito viene recuperato dagli uffici, quando: non è stata effettuata la comunicazione preventiva all ASL, se obbligatoria; il pagamento non è stato eseguito tramite bonifico; non sono esibite le fatture o le ricevute che dimostrano le spese effettuate; non è esibita la ricevuta del bonifico o questa è intestata a persona diversa da quella che richiede la detrazione; le opere edilizie eseguite non rispettano le norme urbanistiche ed edilizie comunali; sono state violate le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e quelle relative agli obblighi contributivi. 75

76 DETRAZIONE PER INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO SEZIONE III B VANNO INDICATI I DATI CATASTALI IDENTIFICATIVI DEGLI IMMOBILI E ALTRI DATI PER FRUIRE DELLA DETRAZIONE DEL 36% In seguito all eliminazione, con il D.L. 70 del 13/05/2011, della comunicazione al Centro Operativo di Pescara. solo per i lavori iniziati dal 2011; per i lavori effettuati dal conduttore, occorre indicare anche gli estremi di registrazione del contratto di locazione (o comodato). 76

77 BENEFICI NON CUMULABILI La detrazione del 36% per gli interventi di recupero edilizio non è cumulabile con l agevolazione fiscale prevista per i medesimi interventi dalle disposizioni finalizzate al risparmio energetico (detrazione Irpef del 55% per interventi di riqualificazione energetica negli edifici realizzati entro il 31 dicembre 2012 prorogata al 30/06/2013). Pertanto, nel caso in cui gli interventi realizzati rientrino sia nelle agevolazioni previste per il risparmio energetico che in quelle previste per le ristrutturazioni edilizie, il contribuente potrà fruire, per le medesime spese, soltanto dell uno o dell altro beneficio fiscale, rispettando gli adempimenti specificamente previsti in relazione a ciascuna di esse. 77

78 Dal 1 gennaio 2012, la detrazione del 36% non ha più scadenza Articolo 4 del D.L. 201/2011 E stato inserito nel Testo Unico delle Imposte sui Redditi (D.P.R. 917/86): l articolo 16 bis Detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici. 78

79 INCREMENTI TEMPORANEI DELLA PERCENTUALE DI DETRAZIONE Dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014, la detrazione del 36% passa al 50% e raddoppia il limite massimo di spesa: ,00. Dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2015, la detrazione del 36% passa al 40% e raddoppia il limite massimo di spesa: ,00. L. 147 del 27 dicembre 2013, articolo 1, comma 139 (Legge di Stabilità per il 2014) 79

80 DETRAZIONE 50% SEZIONE III C SPESE ARREDO IMMOBILI RISTRUTTURATI 80

81 Il D.L. 63/2013 e successivamente la L. 147/2013 hanno previsto, per i contribuenti che eseguono interventi di ristrutturazione edilizia, la possibilità di detrarre il 50% delle ulteriori spese per l acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, finalizzati all arredo dell immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione compete, in 10 rate annuali, per le spese sostenute a partire dal 6 giugno 2013 e fino al 31 dicembre 2014, per un ammontare complessivo di spesa non superiore ad ,00. 81

82 LA DETRAZIONE FISCALE DEL 55% - 65% SEZIONE IV 82

83 DETRAZIONE PER INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO QUADRO NORMATIVO La detrazione d imposta del 55% è stata introdotta dalla Legge 27 dicembre 2006 n. 296 (Legge Finanziaria per il 2007), essa riguarda le spese sostenute a partire dal 1 gennaio 2007 per la realizzazione di interventi volti al contenimento dei consumi energetici degli edifici esistenti. 83

84 IN COSA CONSISTE L AGEVOLAZIONE Consiste nel riconoscimento della detrazione d imposta nella misura del 55% - 65% delle spese sostenute, da ripartire in 10 rate annuali di pari importo, entro un limite massimo di detrazione, diverso in relazione a ciascuno degli interventi previsti. 84

85 IN COSA CONSISTE L AGEVOLAZIONE Si tratta di riduzioni dall Irpef e dall Ires concesse per interventi che aumentino il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti e che in particolare riguardano, le spese sostenute per: la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento; il miglioramento termico dell edificio (finestre, comprensive di infissi, coibentazioni, pavimenti); l installazione di pannelli solari; la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale. 85

86 QUALI SONO GLI EDIFICI INTERESSATI ALLE AGEVOLAZIONI Fabbricati interessati L agevolazione per la riqualificazione energetica a differenza di quella per le ristrutturazioni, riservata ai soli edifici residenziali - interessa i fabbricati esistenti di tutte le categorie catastali (anche rurali) compresi quelli strumentali. Sono esclusi quindi gli interventi effettuati durante la costruzione dell immobile. 86

87 I SOGGETTI BENEFICIARI Possono usufruire dell agevolazione tutti i contribuenti che sostengono spese per interventi su edifici esistenti, su loro parti o su unità immobiliari esistenti posseduti o detenuti. Sono ammessi all agevolazione: le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni; i contribuenti che conseguono reddito d impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali); le associazioni tra professionisti; gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale. 87

88 INTERVENTI SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI La detrazione del 55% - 65% è prevista anche per le spese sostenute per interventi sull involucro dell edificio, riguardanti: le strutture opache verticali; le strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti) e le finestre, comprensive di infissi, che consentano di ottenere una riduzione della trasmittanza termica U, in base ai valori determinati dalla normativa. 88

89 Spese detraibili INTERVENTI SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI Fornitura e installazione di materiale coibente sulle pareti esterne e di materiali per migliorare le caratteristiche termiche delle strutture esistenti. Fornitura e installazione in opera di nuove finestre e infissi. Integrazioni e sostituzioni dei componenti vetrati e accessori. Demolizione e ricostruzione degli elementi costruttivi. 89

90 Sostituzione impianti per la climatizzazione invernale Intervento Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale, integrale o parziale, con impianti dotati di caldaie a condensazione Requisiti da rispettare Requisiti previsti dall art. 9, comma 2, del DM 19 febbraio 2007 Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, integrale o parziale, con impianti con pompe di calore ad alta efficienza, o con impianti geotermici a bassa entalpia. Requisiti individuati dall art. 9, commi 2-bis e 2-ter del DM 19febbraio 2007 e nel relativo Allegato H. Per i lavori realizzati a partire dal periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2009, Allegato I al DM 6 agosto

91 Limiti massimi delle detrazioni Riqualificazione energetica. Tipologia di intervento Interventi sull involucro di edifici esistenti, riguardanti strutture opache orizzontali, verticali, finestre comprensive di infissi. Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda. Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, integrale o parziale, con impianti dotati di caldaie a condensazione, con impianti con pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia. Tetto massimo della detrazione euro (55%-65% di , ,15 euro) euro (55%-65% di , ,69 euro) euro (55%-65% di , ,69 euro) euro (55%-65% di , ,84 euro) 91

92 COME FUNZIONA L AGEVOLAZIONE DEL 55% - 65% Ritenute sui bonifici A decorrere dal 1 luglio 2010, viene operata una ritenuta d acconto sui bonifici versati dai clienti che usufruiscono della detrazione alle imprese che hanno realizzato gli interventi. La ritenuta, in origine fissata al 10% del totale del bonifico, al netto dell Iva, è stata ridotta al 4% a decorrere dal 6 luglio

93 CUMULABILITA CON ALTRE AGEVOLAZIONI La detrazione d imposta del 55%-65% non è cumulabile con altre agevolazioni previste per gli stessi interventi (come, ad esempio, la detrazione del 36% per il recupero del patrimonio edilizio). La detrazione d imposta del 55%-65% non è cumulabile con la tariffa incentivante prevista per impianti fotovoltaici (c.d. Conto Energia) 93

94 NOVITA La detrazione fiscale compete nelle seguenti misure: 55% per le spese sostenute dal 1 gennaio 2013 al 05 giugno 2013; 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014; 50% per le spese sostenute dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre

95 LA DETRAZIONE PER CANONI DI LOCAZIONE SEZIONE V 95

96 Nella Sezione V del quadro RP, trovano collocazione le detrazioni forfetarie previste per i titolari di contratti di locazione di immobili, di cui all art. 16, TUIR. Rigo RP71 - Canone di locazione riconosciute agli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale In tale rigo va indicata la: detrazione generica per inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale (cod. 1); detrazione relativa ad immobili locati con contratti a canone convenzionale (cod. 2); detrazione spettante ai giovani di età compresa tra i 20 e 30 anni (cod. 3). 96

97 Rigo RP71 - Canone di locazione riconosciute agli inquilini di alloggi adibiti ad abitazione principale Le detrazioni per canoni di locazione in esame sono riconosciute: per un importo forfetario che varia a seconda del reddito complessivo del dichiarante; solo qualora l immobile in affitto sia utilizzato dal contribuente come propria abitazione principale (cioè quella in cui il soggetto o i suoi familiari hanno la dimora abituale). 97

98 DOCUMENTAZIONE NECESSARIA Copia del contratto di affitto, da cui risulti che lo stesso sia stato stipulato/rinnovato Autocertificazione o le risultanze dei registri anagrafici, che dimostrino che l immobile locato è utilizzato dal contribuente come propria abitazione principale. 98

99 REGIME DI DETRAIBILITA CONTRATTI DI LOCAZIONE DI UNITA IMMOBILIARI ADIBITE AD ABITAZIONE PRINCIPALE 300,00 se il reddito complessivo non supera ,71 150,00 se il reddito complessivo supera ,71, ma non ,41 99

100 REGIME DI DETRAIBILITA CONTRATTI EX ART.2, co 3 e 4, L. 431/98 CONTRATTI ASSISTITI (3+2) 495,80 se il reddito complessivo non supera ,71 247,90 se il reddito complessivo supera ,71, ma non ,41 100

101 REGIME DI DETRAIBILITA LAVORATORI DIPENDENTI CHE TRASFERISCONO LA RESIDENZA PER LAVORO 991,60 se il reddito complessivo non supera ,71 495,80 se il reddito complessivo supera ,71, ma non ,41 101

102 ALTRE DETRAZIONI SEZIONE VI 102

103 INVESTIMENTI IN START UP, MANTENIMENTO CANI GUIDA, BONUS ARREDO 2009 ED ALTRE DETRAZIONI La sezione dedicata ai Dati per fruire di altre detrazioni, è formata da quattro righi (da RP80 a RP83) dedicati rispettivamente, alle detrazioni spettanti per: Detrazione 19% (25%) della somma investita in start up innovative nel limite di ,00 (rigo RP80); Mantenimento dei cani da guida (rigo RP 81) il c.d. bonus arredo 2009, ovvero l acquisto di mobili, elettrodomestici, tv e computer dal 7.2 al (rigo RP82); borse di studio delle Regioni o Province autonome di Trento o Bolzano e donazioni all Ente Ospedaliero Galliera di Genova (rigo RP83). 103

104 MANTENIMENTO CANI GUIDA L unica casella del rigo RP81 va barrata nel caso in cui il contribuente: sia un soggetto non vedente; possieda un cane guida, provvedendo al suo mantenimento. Il soggetto ha infatti diritto ad una detrazione forfetaria dall imposta lorda pari a 516,46. Detrazioni cani guida Spese per l acquisto Spese per mantenimento Detrazione soggetti fiscalmente a carico Detrazione solo per il non vedente 104

105 SPESE ACQUISTO MOBILI, ELETTRODOMENSTICI, TV COMPUTER (ANNO 2009) - RIGO RP82 Il rigo RP82 va compilato al fine di fruire della quinta quota della detrazione del 20% spettante sulle spese sostenute nel periodo , nel limite di spesa massima di ,00, per l acquisto di: mobili; elettrodomestici ad alta efficienza energetica; apparecchi televisivi; personal computer, destinati all arredo dell immobile oggetto di interventi di recupero del patrimonio edilizio per i quali si è richiesta la detrazione fiscale del 36%. 105

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2014) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Gli aggiornamenti più recenti proroga detrazione del 65% estensione dell agevolazione ad altri interventi aumento della ritenuta d acconto sui bonifici

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI AGGIORNATA CON LA NORMATIVA IN VIGORE A MAGGIO 2008 INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento gennaio 2014 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f giugno 2010 orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma novembre 2011 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2.

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento ottobre 2013 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità ANNA MARIA DAPPORTO Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna Sono lieta di presentare la seconda edizione di questa guida informativa

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Modello 730/2015 CHECK LIST REPARTO AUDIT [DOCUMENTI DA CONSEGNARE PER L ELABORAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI]

Modello 730/2015 CHECK LIST REPARTO AUDIT [DOCUMENTI DA CONSEGNARE PER L ELABORAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI] Modello 730/2015 CHECK LIST REPARTO AUDIT [ DA CONSEGNARE PER L ELABORAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI] Sommario FRONTESPIZIO... 5 Dati del contribuente... 5 Dati generali... 5 QUADRO A - REDDITI

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli