VERONA GUIDA DICHIARAZIONE DEI REDDITI MOD. 730/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VERONA GUIDA DICHIARAZIONE DEI REDDITI MOD. 730/2014"

Transcript

1 CAAF FABI VERONA GUIDA DICHIARAZIONE DEI REDDITI MOD. 730/ LEGGERE ATTENTAMENTE IL FOGLIO NOTIZIE; 2. COMPILARE E FIRMARE UN MODULO PER OGNI CONTRIBUENTE, ANCHE SE LA DICHIARAZIONE E' CONGIUNTA; 3. INSERIRE NELLA BUSTA I RELATIVI DOCUMENTI; DI OGNI DOCUMENTO ALLEGARE SOLAMENTE LA FOTOCOPIA APPONENDO UN FIRMA PER CONFERMARNE L'AUTENTICITA'. SCELTA 8 E 5 PER MILLE: IL DATORE DI LAVORO INSIEME AL MOD. CUD, CONSEGNA ANCHE LA SCHEDA PER LA SCELTA DELL'8 E 5 PER MILLE. RICORDIAMO CHE TALE SCHEDA E' DA ALLEGARE FIRMATA, INSIEME ALLA DOCUMENTAZIONE PER IL 730. UNA VOLTA CONSEGNATA LA DOCUMENTAZIONE AL CAAF NON SARA' PIU' POSSIBILE VARIARE LA SCELTA 8 E 5 PER MILLE! VISURE CATASTALI: 1. CONSIGLIAMO VISURE RECENTI DI CIASCUN IMMOBILE E TERRENO POSSEDUTO. RICORDIAMO CHE SUL SITO È POSSIBILE OTTENERE INFORMAZIONI GRATUITE, IN MODO SEMPLICE E VELOCE. E SUFFICIENTE INDICARE IL PROPRIO CODICE FISCALE, GLI IDENTIFICATIVI CATASTALI E LA PROVINCIA DI UBICAZIONE DEGLI IMMOBILI DI INTERESSE; 2. E' POSSIBILE RICHIEDERE IL SERVIZIO ANCHE AL NOSTRO CAAF UTILIZZANDO IL MODULO ALLEGATO RICHIESTA VISURE CATASTALI (VEDI TARIFFARIO).

2 IMMOBILI: PER COLORO CHE NEL 2013 AVESSERO ACQUISTATO O VENDUTO IMMOBILI: 1. ATTO DI COMPRAVENDITA 2. ATTO DI MUTUO E RELATIVA FATTURA NOTARILE INVALIDITA - HANDICAP: COPIA DELL ATTESTAZIONE AI SENSI DELLA LEGGE 104/92 ED EVENTUALE CERTIFICAZIONE MEDICA CHE ATTESTI LA NON AUTOSUFFICIENZA. SEPARAZIONE: COPIA DELLA SENTENZA DI SEPARAZIONE DEL TRIBUNALE, DALLA QUALE RISULTI L AMMONTARE DELL ASSEGNO CORRISPOSTO AL CONIUGE E RICEVUTE DI AVVENUTO PAGAMENTO; PER IL CONIUGE BENEFICIARIO DELL ASSEGNO, CODICE FISCALE E RICEVUTE DEI PAGAMENTI OTTENUTI. DECESSI: DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE. ONERI DETRAIBILI E DEDUCIBILI: VEDI LE INFORMAZIONI AL FOGLIO NOTIZIE DEL CONTRIBUENTE. SPESE RECUPERO EDILIZIO (36% - 50%): SPESE SOSTENUTE FINO AL 26/06/2012: DETRAZIONE AL 36%, CON LIMITE ,00.= SPESE SOSTENUTE DAL 26/06/2012 AL 31/12/2013: DETRAZIONE AL 50%, CON LIMITE ,00.= PROROGATA ANCHE PER IL SPESE ARREDO IMMOBILI RISTRUTTURATI: SPESE SOSTENUTE DAL 6 GIUGNO AL 31 DICEMBRE 2013 PER L'ACQUISTO DI MOBILI E GRANDI ELETTRODOMESTICI FINALIZZATO ALL'ARREDO DI IMMOBILI OGGETTO DI RISTRUTTURAZIONE. SPESE INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO (55% - 65%): SPESE SOSTENUTE FINO AL 05/06/2013: DETRAZIONE AL 55% SPESE SOSTENUTE DAL 06/06/2013 AL 31/12/2014: DETRAZIONE AL 65%. CHI AL 31/12/2013 NON AVESSE TERMINATO I LAVORI INIZIATI (CHE PROSEGUONO NEL 2014) ENTRO IL 31/03/ DEVE INVIARE ALL'AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMUNICAZIONE DELLA CONTINUAZIONE LAVORI. CHI NEL 2013 AVESSE CEDUTO IL FABBRICATO SUL QUALE ERANO PRESENTI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DEVE COMUNICARLO IN SEDE DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE AL FINE DI MANTENERE/TRASFERIRE LE RATE RESIDUE. SE NEL 2013 NON HAI PRESENTATO LA DICHIARAZIONE CON NOI: ULTIMA DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRESENTATA MOD. 730 O UNICO, COMPRESE EVENTUALI DICHIARAZIONI INTEGRATIVE; DELEGHE MOD. F24 PAGATE IN BANCA O POSTA (ATTESTANTI I VERSAMENTI DI ACCONTO E/O EVENTUALI COMPENSAZIONI NEL 2013); CUD 2013 PER I REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE, PENSIONE ED EVENTUALI ALTRI COMPENSI.

3 FOGLIO NOTIZIE DEL CONTRIBUENTE NOVITÀ: SARÀ GESTIBILE ANCHE PER COLORO CHE NON POSSIEDONO IL SOSTITUTO D IMPOSTA A GIUGNO/LUGLIO 2014 INDICA DI SEGUITO LA TUA SITUAZIONE: SOSTITUTO D IMPOSTA CHE EROGHERÀ LA RETRIBUZIONE /PENSIONE A LUGLIO 2014 NON POSSIEDO NESSUN SOSTITUTO D IMPOSTA QUINDI L AGENZIA DELLE ENTRATE PROVVEDERÀ ALLA LIQUIDAZIONE DEL 730 DA COMPILARE ED ALLEGARE OBBLIGATORIAMENTE ALLA DOCUMENTAZIONE CON LA FOTOCOPIA DEL DOCUMENTO DI IDENTITA', DEL CODICE FISCALE E FIRMARE DOVE RICHIESTO. IO SOTTOSCRITTO/A D I C H I A R O E' IL PRIMO ANNO CHE PRESENTO UNA DICHIARAZIONE DEI REDDITI SI NO DOMICILIO FISCALE: COMUNE VIA (se variato dal 01/01/201 indicare data variazione) STATO CIVILE: nubile/celibe coniugato separato divorziato vedovo NUCLEO FAMILIARE: TIPO PARENTELA COGNOME E NOME CODICE FISCALE MESI A CARICO % CARICO DISABILE CONIUGE LEGENDA TIPO PARENTELA: PRIMO FIGLIO, FIGLIO, ALTRO N.B. RICORDIAMO: sono fiscalmente a carico le persone con reddito non superiore a 2.840,51 (ATTENZIONE :i redditi dei fabbricati che hanno scontato IMU se non locati non incideranno più sul reddito per la verifica dei carichi famigliari). La detrazione per i figli a carico NON può più essere ripartita liberamente tra entrambe i genitori. Se il coniuge non è fiscalmente a carico la detrazione verrà suddivisa automaticamente da questo CAAF al 50% tra i genitori, salvo diversa segnalazione congiunta da parte dei coniugi che, accordandosi tra loro, potranno decidere di attribuire il 100% al genitore con il reddito più alto. Per i genitori separati la detrazione verrà attribuita al 100% al genitore affidatario e, in caso di affidamento congiunto, nella misura del 50% ciascuno (allegare SEMPRE sentenza di separazione). LA PRESENTE ATTESTAZIONE FA FEDE A TUTTI GLI EFFETTI E SGRAVA IL CAAF FABI srl DA OGNI CONSEGUENTE RESPONSABILITA. Per coloro che hanno più di 3 figli a carico (cioè almeno 4) è prevista un ulteriore detrazione di euro. La detrazione sarà sempre ripartita al 50% tra i genitori e non sarà possibile decidere di comune accordo una diversa ripartizione. Nel caso di coniuge a carico dell altro la detrazione spetta per intero. La detrazione non spetta per ciascun figlio ma è un importo complessivo e non varia se il numero dei figli è superiore a quattro. Importante: segnalare sempre il codice fiscale dei figli a carico anche quando la percentuale per la detrazione ordinaria è stata attribuita al 100% all altro genitore. I cittadini extracomunitari che richiedono le detrazioni per i familiari a carico residenti all estero devono essere in possesso e presentare documentazione idonea e attestante lo status di familiare: a) documentazione originale rilasciata dall autorità consolare del Paese di origine; b) documentazione validamente formata nel Paese e asseverata dal Consolato Italiano; c) documentazione con apposizione dell apostille, per i soggetti provenienti da Paesi che hanno sottoscritto la Convenzione dell Aia del 5 ottobre Tutta la documentazione deve essere tradotta in italiano. Se i familiari a carico sono residenti in Italia è sufficiente lo stato di famiglia.

4 Per i genitori con figli in affido PREADOTTIVO da quest anno è sufficiente indicare il nr dei figli in affido preadottivo senza indicare il codice fiscale al fine di salvaguardare la riservatezza delle informazioni ad essi relative. Ricordiamo anche le spese di adozione sono deducibili dal reddito complessivo (vedi Oneri Deducibili). CONFORMITA' DOCUMENTI Che i documenti, consegnati in fotocopia per la verifica della conformità dei dati esposti nel Mod. 730 o per la compilazione del Mod. Unico, sono conformi agli originali in mio possesso. SPESE SANITARIE Che le spese sanitarie per le quali viene chiesta la detrazione fiscale sono quelle effettivamente rimaste a mio carico. Firma del contribuente Da i l con sen so Nega i l con sen so all invio del modello 730 in formato Pdf, elaborato da SIS unipersonale srl Unità Locale VERONA collegata al CAAF FABI srl, al proprio indirizzo di posta elettronica come di seguito indicato: Firma del contribuente

5 QUADRO C - Barrare le caselle che interessano e allegare documentazione MODELLI CUD: nr. Redditi di lavoro dipendente ed equiparati (esempio Disoccupazione, CoCoCo e CocoPro,ecc.) nr. Pensione nr. Fondi Pensione nr. Compensi e indennità corrisposti dalle Amministrazioni nr. Altro DICHIARAZIONE O SENTENZA DI SEPARAZIONE:: Assegni periodici percepiti dal coniuge separato (esclusi quelli destinati al mantenimento dei figli) nr. QUADRO D - BARRARE LE CASELLE CHE INTERESSANO E ALLEGARE DOCUMENTAZIONE CERTIFICAZIONI: nr. Utili su titoli nr. Diritti Autore nr. Lavoro Autonomo Occasionale nr. Attività Sportive Dilettantistiche nr. Redditi Diversi (es. plusvalenza vendita immobili, affitto terreno per fini non agricoli ecc.) NR. REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA (ES.: ONERI RIMBORSATI NEL 2013 MA GIÀ DETRATTI NELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DELLO SCORSO ANNO, SPESE PER IL RECUPERO EDILIZIO CHE HANNO AVUTO POI UN RIMBORSO DA ENTE PUBBLICO, ECC.) NOVITÀ: ATTENZIONE, LEGGERE ATTENTAMENTE: sono da indicare tra i redditi diversi D4, codice 5 i canoni di locazione posseduti su fabbricati locati all estero Indicare l importo: indicare le eventuali imposte pagate all estero: Sono da indicare tra i redditi diversi D4, codice 8 i redditi degli immobili situati all estero NON LOCATI per i quali è dovuta l IVIE (questi NON saranno comunque assoggettati a IRPEF o Addizionali, ma proposti solo a livello espositivo). Indicare l importo della rendita del fabbricato definita allo stato estero: LA NUOVA COMPILAZIONE DI QUESTO RIGO NEL MOD. 730/2014 NON FA VENIR MENO L INTEGRAZIONE CON MODELLO UNICO QUADRO RW PER L IVIE (LO SCORSO ANNO QUADRO RM). QUADRO E ONERI DETRAIBILI AL 19% O 24% Barrare le caselle che interessano e allegare TUTTA la documentazione Nr. Descrizione Onere Rigo e % SPESE MEDICHE Tutti gli scontrini con o senza ricetta per essere detraibili devono riportare il codice fiscale del contribuente, la natura, qualità e quantità dei prodotti acquistati. Attenzione!! I dispositivi medici devono riportare la dicitura e il marchio CE. Spese sanitarie relative a patologie esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica, per conto di familiari non fiscalmente a carico, per le quali le relative detrazioni non trovano capienza nell imposta da questi ultimi dovuta. Spese sostenute per mezzi necessari per l accompagnamento, la deambulazione, la locomozione, il sollevamento e quelle per sussidi tecnici ed informatici rivolti a facilitare l autosufficienza e l integrazione dei portatori di handicap (allegare riconoscimento L. 104 o altra certificazione rilasciata da altre commissioni mediche pubbliche e prescrizione medica). Spese sostenute per l acquisto di motoveicoli e autoveicoli adattati per i portatori di handicap e per il trasporto di non vedenti e sordomuti (allegare riconoscimento L. 104 ovvero altra certificazione rilasciata da altre commissioni mediche pubbliche e prescrizione medica). Spese per l acquisto del cane guida (allegare riconoscimento L. 104 o altra certificazione rilasciata da altre commissioni). Spese sanitarie per le quali è stata richiesta la rateizzazione nella precedente dichiarazione. INTERESSI PASSIVI SU MUTUI per ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE. La detrazione spetta al contribuente proprietario ed intestatario del contratto di mutuo, anche se l immobile è adibito ad abitazione principale di un proprio familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo grado). Allegare copia contratti di acquisto e di mutuo. E1 al 19% (provvederà il CAF a sottrarre, dal totale delle spese, la franchigia di 129,11.= ) E2 al 19% (provvederà il CAF a sottrarre, dal totale delle spese, la franchigia di 129,11.= ) E3 al 19% (provvederà il CAF a sottrarre, dal totale delle spese, la franchigia di 129,11.= ) E4 al 19% con il limite di ,99.= E5 al 19% E6 E7 al 19% Con il limite di ,00.=

6 INTERESSI PASSIVI SU MUTUI diversi dall acquisto dell abitazione principale: Mutui stipulati su altri immobili stipulati prima del 31/12/92 (codice 8); Mutui, anche non ipotecari, stipulati nel 1997 per la ristrutturazione (codice9); Mutui ipotecari contratti dal 1998 per la costruzione e ristrutturazione (solo per interventi di cui alla legge del 5 agosto 1978 lettera d) quindi controllate la concessione edilizia) di fabbricati da adibire ad abitazione principale (codice 10) Mutui agrari (codice 11). ASSICURAZIONI VITA (stipulate entro il 31/12/2000 o il rischio morte e INFORTUNI). SPESE DI ISTRUZIONE SPESE FUNEBRI SPESE PER ADDETTI ALL ASSISTENZA PERSONALE (Allegare certificato medico per attestare lo stato di non autosufficienza, la documentazione sulle spese sostenute, che può consistere anche in una ricevuta, debitamente firmata, rilasciata dall addetto all assistenza contenente gli estremi anagrafici e il codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento e di quello che presta l assistenza. Se la spesa è sostenuta in favore di un familiare anche non a carico nella ricevuta devono essere indicati anche gli estremi anagrafici e il codice fiscale di quest ultimo). SPESE PER ATTIVITA SPORTIVE PRATICATE DAI RAGAZZI tra i 5 e 18 anni (allegare fattura, quietanza, ricevuta o bollettino postale o bancario dove devono risultare i dati del soggetto che ha reso la prestazione, la causale, l attività sportiva esercitata, l importo corrisposto, i dati anagrafici del praticante e il codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento). SPESE INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE (solo per acquisto abitazione principale). SPESE PER CANONI DI LOCAZIONE SOSTENUTE DA STUDENTI UNIVERSITARI FUORI SEDE contratti stipulati/rinnovati ai sensi della L. 431/1998, contratti di ospitalità o atti di assegnazione in godimento/locazione con: Enti per il diritto allo studio, Università, Collegi universitari legalmente riconosciuti, Enti senza fine di lucro e Cooperative; si precisa che per poter fruire della detrazione l Università deve essere distante almeno 100Km dal comune di residenza e comunque in una provincia diversa (allegare contratto e certificato di iscrizione all università). Dal 2012 sono previste le detrazioni anche per i canoni pagati all estero dagli studenti iscritti ad un corso di laurea presso università estera. EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI POPOLAZIONI COLPITE DA CALAMITÀ PUBBLICHE O EVENTI STRAORDINARI versate attraverso Onlus, Organizzazioni internazionali, Amministrazioni pubbliche, altre Fondazioni o Associazioni ecc. EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE (pagamento non in contanti). EROGAZIONI LIBERALI ALLE SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO (pagamento non in contanti). EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (pagamento non in contanti). EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DELLE SOCIETÀ DI CULTURA LA BIENNALE DI VENEZIA. SPESE RELATIVE A BENI SOGGETTI A REGIME VINCOLISTICO. EROGAZIONI LIBERALI PER ATTIVITÀ CULTURALI ED ARTISTICHE O A FAVORE DI ENTI OPERANTI NELLO SPETTACOLO O FONDAZIONI OPERANTI NEL SETTORE MUSICALE. Codice 8 Codice 9 Codice 10 Codice 11 Codice 12 NUOVO LIMITE DI 630,00.= Codice 13 Codice 14 Con limite di 1.549,37.= ad evento funebre Codice 15 Con limite di 2.100,00.= e redditi inferiori ai ,00.= Codice 16 Con limite di 210,00.= Codice 17 Con limite di 1.000,00.= Codice 18 Codice 20 Codice 21 Con limite di 1.500,00.= Codice 22 Con limite di 1.291,14,= Codice 23 Con limite di 2.065,83.= Codice 24 Codice 25 Codice SPESE VETRINARIE. Codice 29 Con limite di 387,34.= SPESE SOSTENUTE PER I SERVIZI DI INTERPRETARIATO DAI

7 SOGGETTI SORDOMUTI. Codice 30 EROGAZIONI LIBERALI AD ISTITUTI SCOLASTICI FINALIZZATI ALL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Codice 31 (con pagamento effettuato non in contanti). SPESE RELATIVE AI CONTRIBUTI VERSATI PER IL RISCATTO LAUREA DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO. Codice 32 SPESE FREQUENZA ASILI NIDO. Codice 33 Con limite di 632,00.= a figlio EROGAZIONI LIBERALI AL FONDO PER L AMMORTAMENTO DEI TITOLI DI STATO. EROGAZIONI LIBERALI ALLE ONLUS Alternativo alla compilazione negli oneri deducibili e pagati non in contanti. EROGAZIONI LIBERALI IN FAVORE DEI PARTITI POLITICI. Codice 34 Da E8 a E12 al 24% Codice 41 Con limite di 2.065,00.= Da E8 a E12 al 24% Codice 41 Con limite di ,00.= QUADRO E ONERI DEDUCIBILI - Barrare le caselle che interessano e allegare TUTTA la documentazione Nr. Descrizione Onere Rigo CONTRIBUTI PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI OBBLIGATORI 1= SSN RC AUTO E21 2= contributi previdenziali e assicurazioni. ASSEGNO PERIODICO CORRISPOSTO AL CONIUGE è obbligatorio indicare il C.F. del coniuge al quale sono corrisposti gli assegni periodici C.F. ; inoltre allegare la sentenza (ogni anno) e E22 tutta la documentazione relativa ai versamenti. CONTRIBUTI PREVIDENZIALI VERSATI PER GLI ADDETTI AI E23 SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI per la parte a carico del datore di lavoro. Con limite di 1.549,37.= E24 CONTRIBUTI A FAVORE DI ISTITUZIONI RELIGIOSE. Con limite di 1.032,91.= SPESE MEDICHE E DI ASSISTENZA SPECIFICA DEI PORTATORI DI HANDICAP. E25 ALTRI ONERI DEDUCIBILI 1 = CONTRIBUTI VERSATI AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE 2 = VERSAMENTI AD ONG 3 = EROGAZIONI AD ONLUS ASSOCIAZIONE PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONI (alternative agli oneri detraibili) 4 = EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI ENTI UNIVERSITARI E26 5 = SOMME RESTITUITE CHE IN ANNI PRECEDENTI SONO STATE TASSATE 6 = ALTRI ONERI DEDUCIBILI ad esempio spese per genitori adottivi per l espletamento delle pratiche di adozione, canoni livelli censi. PREVIDENZA COMPLEMENTARE DA E27 a E30 QUADRO E - SPESE PER IL RECUPERO EDILIZIO (allegare TUTTA la documentazione) RICORDA: SPESE SOSTENUTE FINO AL 26/06/2012: DETRAZIONE AL 36%, CON LIMITE ,00.= SPESE SOSTENUTE DAL 26/06/2012 AL 31/12/2013: DETRAZIONE AL 50%, CON LIMITE ,00.= PROROGATA ANCHE PER IL 2014 SPESE PER IL RECUPERO EDILIZIO GIÀ PRESENTI NEGLI ARCHIVI DEL CAAF FABI DA ANNI PRECEDENTI SPESE EFFETTUATE NEL 2013 RIFERITE AI LAVORI GIÀ INIZIATI IN ANNI PRECEDENTI Non si necessita di nessuna documentazione. Nuove fatture e bonifici.

8 SPESE EFFETTUATE NEL 2013 per nuovi lavori SPESE PER ACQUISTO IMMOBILI RISTRUTTURATI SPESE PER ACQUISTO GARAGE DI NUOVA REALIZZAZIONE DA IMPRESA O COOPERATIVA SPESE PER RECUPERO EDILIZIO CONDOMINIALE DIA o SCIA o Autocertificazione Fatture e Bonifici. Per gli immobili ristrutturati acquistati rogito notarile e data di inizio lavori se non espressamente indicata dal notaio e data di fine lavori per la verifica che non siano trascorsi 6 mesi tra quest ultima e la data di rogito. Per l acquisto di garage pertinenziali da impresa: Rogito o Preliminare registrato, fatture * con relativi bonifici e dichiarazione da parte dell impresa costruttrice dei costi di realizzazione. Per coloro che hanno eseguito lavori a livello condominiale lettera dell Amministratore e tabella millesimale di ripartizione delle spese indicando il codice fiscale del condominio. ATTENZIONE: Chi nel 2012 avesse ceduto il fabbricato sul quale erano presenti lavori di ristrutturazione DEVE comunicarlo in sede di presentazione della dichiarazione al fine di mantenere/trasferire la rate residue SPESE PER INTERVENTI ANTISISMICI IN ZONE AD ALTA PERICOLOSITA Spese sostenute dal 4 agosto al 31 dicembre 2013 per gli interventi relativi all adozione di misure antisismiche e all esecuzione di opere per messa in sicurezza statica. SOLO per questa tipologia di lavori è prevista una detrazione nella misura del 65% con il limite dei ,00.= QUADRO E SPESE PER L ARREDO DEGLI IMMOBILI RISTRUTTURATI SPESE PER L ACQUISTO DI MOBILI E GRANDI ELETTRODOMESTICI Spese sostenute dal 6 GIUGNO al 31 dicembre 2013 per l acquisto di mobili e grandi elettrodomestici finalizzati all arredo di immobili oggetto di ristrutturazione. Allegare fatture e bonifici (per i pagamenti con carte di credito o bancomat allegare estratto conto con l addebito). QUADRO E SPESE PER INTERVENTI FINALIZZATI AL RISPARMIO ENERGETICO RICORDA: SPESE SOSTENUTE FINO AL 5/06/2013: DETRAZIONE AL 55% SPESE SOSTENUTE DAL 06/06/2013 AL 31/12/2014: DETRAZIONE AL 65 % - Per coloro che entro il 31 dicembre 2013 NON hanno terminato i lavori iniziati (che quindi proseguono anche nel 2014) requisito per la detraibilità delle spese è che entro il 31 marzo 2014, venga inviata all Agenzia delle Entrate la comunicazione della continuazione lavori. Allegare quindi il modulo e la ricevuta telematica. - Chi nel 2013 avesse ceduto il fabbricato sul quale erano presenti lavori di ristrutturazione DEVE comunicarlo in sede di presentazione della dichiarazione al fine di mantenere/trasferire le rate residue. - La detraibilità di queste spese è stata prorogata per il SPESE PER IL RISPARMIO ENERGETICO GIÀ PRESENTI NEGLI ARCHIVI DEL CAAF FABI DA ANNI PRECEDENTI SPESE EFFETTUATE NEL 2013 RIFERITE AI LAVORI GIÀ INIZIATI IN ANNI PRECEDENTI SPESE EFFETTUATE NEL 2013 per nuovi lavori Non si necessita di nessuna documentazione. Nuove fatture e bonifici. DIA o SCIA o Autocertificazione Fatture e Bonifici.

9 DOCUMENTAZIONE da allegare SEMPRE: nr. LA PROVA DELL ESISTENZA DELL EDIFICIO CON L ISCRIZIONE AL CATASTO O DELLA RICHIESTA DI ACCATASTAMENTO; nr. ASSEVERAZIONE DEL TECNICO ABILITATO; nr. ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE/QUALIFICAZIONE ENERGETICA (AL TERMINE DEI LAVORI), SE PREVISTO; nr. SCHEDA INFORMATIVA SUGLI INTERVENTI REALIZZATI CHE ASSIEME ALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA (SE PREVISTO) DEVE ESSERE TRASMESSO ALL ENEA; nr. RICEVUTA DELL INVIO DELLA DOCUMENTAZIONE ALL ENEA (ENTRO 90GG DALLA DATA DI FINE LAVORI); nr. FATTURE; nr. BONIFICO DI PAGAMENTO ; nr. SE LE SPESE SONO STATE SOSTENUTE DAL CONDOMINIO ALLEGARE LA DELIBERA ASSEMBLEARE E LA TABELLA MILLESIMALE DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE E LETTERA AMMINISTRATORE CON ATTESTAZIONE AVVENUTO PAGAMENTO DA PARTE DEL CONTRIBUENTE. QUADRO E DETRAZIONI PER I CANONI DI LOCAZIONE - Barrare le caselle che interessano DETRAZIONE D IMPOSTA SPETTANTE AGLI INQUILINI DI IMMOBILI ADIBITI AD ABITAZIONE PRINCIPALE (Contratto + residenza); DETRAZIONE D IMPOSTA SPETTANTE AGLI INQUILINI DI IMMOBILI ADIBITI AD ABITAZIONE PRINCIPALE LOCATI CON CONTRATTI Legge 431/98 art. 2, comma 3 e art. 4, commi 2 e 3 (contratto + residenza); DETRAZIONI DI IMPOSTA PER CANONI STIPULATI SECONDO LA L. 431/98 SPETTANTE AI GIOVANI TRA I 20 E 30 ANNI PER L ABITAZIONE PRINCIPALE (contratto + residenza). La detrazione spetta per i primi 3 anni; DETRAZIONE D IMPOSTA PER CANONI DI LOCAZIONE SPETTANTE A LAVORATORI DIPENDENTI CHE TRASFERISCONO RESIDENZA PER MOTIVI DI LAVORO (contratto + residenza + certificazione del trasferimento per lavoro). La detrazione spetta per i primi 3 anni. QUADRO E - ALTRI ONERI DETRAIBILI - Barrare le caselle che interessano DETRAZIONE PER LE SPESE DI MANTENIMENTO DEI CANI GUIDA DETRAZIONI PER L ACQUISTO DI MOBILI, ELETTRODOMESTICI, ECC. PREVISTA NEL 2009 (Spese ripartite in 5 rate) DONAZIONI EFFETTUATE ALL ENTE OSPEDALIERO OSPEDALI GALLIERA DI GENOVA QUADRO F - Barrare le caselle che interessano ACCONTI VERSATI NEL 2013 (se si è presentato il Mod. UNICO 2013, allegare copia del Mod. F24 e del Modello UNICO) ACCONTI CEDOLARE SECCA VERSATI NEL 2013 ALTRE RITENUTE SUBITE ECCEDENZE RISULTANTI DA PRECEDENTI DICHIARAZIONI (se compensate per il pagamento di altre imposte/tributi, allegare copia del mod. F24) INTENDETE RATEIZZARE EVENTUALI DEBITI SCATURITI DAL 730/2014? INDICARE IL NR. DI RATE: N.B. È POSSIBILE, IN SEDE DI DICHIARAZIONE 730/2014, TOGLIERE GLI ACCONTI (PRIMO E SECONDO). LA RESPONSABILITÀ, IN QUESTO CASO, RICADE SEMPRE SUL CONTRIBUENTE; CONSEGUENTEMENTE CHI INTENDESSE PROCEDERE CON QUESTA SCELTA (IN QUANTO RITIENE CHE GLI ACCONTI NON SIANO DOVUTI PER IL PROSSIMO ANNO), DEVE SOTTOSCRIVERE L AUTOCERTIFICAZIONE PROPOSTA QUI DI SEGUITO. COLORO CHE, INVECE, INTENDESSERO TOGLIERE IL SOLO SECONDO ACCONTO E PAGARE IL PRIMO, LO POTRANNO DECIDERE ANCHE SUCCESSIVAMENTE, COMUNQUE ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2014, COMUNICANDOLO AL PROPRIO SOSTITUTO D IMPOSTA.

10 Autocertificazione Io sottoscritto, dopo un analisi sulla mia posizione fiscale per il 2014 e consapevole delle sanzioni previste dalla norma, richiedo assumendone ogni conseguente responsabilità che vengano tolti gli acconti scaturiti dal 730/2014 (redditi 2013). Data firma QUADRO G - Barrare le caselle che interessano CREDITO D IMPOSTA PER IL RIACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE CREDITO D IMPOSTA PER CANONI NON PERCEPITI CREDITO D IMPOSTA PER REINTEGRO ANTICIPAZIONI FONDI PENSIONI CREDITO D IMPOSTA PER REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO CREDITO D IMPOSTA PER IMMOBILI COLPITI DAL SISMA IN ABRUZZO CREDITO D IMPOSTA PER L INCREMENTO DELL OCCUPAZIONE CREDITO D IMPOSTA PER MEDIAZIONI QUADRO I - IMPOSTA DA COMPENSARE VOGLIO COMPENSARE CON IL CREDITO SCATURITO DAL 730 LUOGO E DATA E FIRMA DEL DICHIARANTE Il sottoscritto, autorizza fino a revoca il CAAF FABI srl, ovvero le società di servizi ad esso collegate, al prelievo dei dati contenuti nei propri CUD annuali giacenti presso le Banca Dati dei Sostituti d Imposta. (luogo, data e firma del Contribuente) Si rende al contribuente copia del presente modello, a valere quale formale RICEVUTA della documentazione ivi elencata e materialmente consegnata al CAAF FABI srl per la formazione della dichiarazione annuale dei redditi (luogo, data e firma dell operatore del CAAF FABI srl o di sua società di servizi collegata) In relazione alle previsioni di cui al D.Lgs 196/2003 con la firma apposta su questo modello confermo di aver ricevuto la dovuta informativa attinente al trattamento dei miei dati personali e sensibili ed esprimo formalmente il mio consenso al trattamento da parte di soggetti abilitati, così come individuati nella citata informativa (luogo, data e firma dell operatore del CAAF FABI srl o di sua società di servizi collegata)

11 Novità importante!! Tutte le dichiarazioni 730/2014 che presenteranno carichi di famiglia o eccedenze derivanti da anni precedenti per le quali si determinerà un credito superiore ai 4.000,00.= euro non saranno più liquidate dal Sostituto d Imposta nella retribuzione di luglio, ma direttamente dall Agenzia delle Entrate previo specifico controllo entro 6 mesi dalla trasmissione della dichiarazione (quindi entro il 2014).

12 FOGLIO EVIDENZA FABBRICATI 2013 del contribuente A FRONTE DELL INTRODUZIONE DELL IMU SUI FABBRICATI NON LOCATI PER I QUALI SI È PAGATA L IMU NON SI PAGHERANNO PIU IRPEF E ADDIZIONALI REGIONALE E COMUNALE.. IL I CONTRIBUENTE DOVRÀ CONTINUARE AD INDICARE IN DICHIARAZIONE GLI IMMOBILI ANCHE SE QUESTI NON CONCORRERANNO NELL REDDITO COMPLESSIVO (INCIDERANNO SOLO AI FINI ISEE E ALTRE AGEVOLAZIONI ASSISTENZIALI FORNIRE LE INFORMAZIONI CORRETTE. UTILI CATEGORIA RENDITA ZZO CATASTALE (A) % GG ASSISTENZIALI). PROVVEDERÀP IL CAAF ALLA CORRETTA IMPUTAZIONE DEI REDDITI, VOI DOVRETE SOLO AVER CURA DI CANONE PERCEPITO 2013 AL LORDO DELLA DEDUZIONE PREVISTA PER LEGGE opzione cedolare secca Casi particolari (B) note Barrare se invariato COMUNE IMU/MINI IMU DOVUTA 2013 (C) ESENZIONE (D) A = UTILIZZO 1= Abitazione principale (dove si dimora abitualmente) 2= Immobile a disposizione (vuoto, non locato e abitato) 3= Unità locata (canone libero o patti in deroga) 4= Unità locata ad equo canone 5= Pertinenze dell abitazione principale (garage, cantine ecc.) 8= Unità immobiliari locate a canone convenzionale (articoli 2 comma 3 e articolo 5 comma 2 Legge 431/98) 9= Altre unità immobiliari (che non rientrano nelle altre voci elencate) 10= se l immobile è abitazione o pertinenza data in uso gratuito ad un familiare con residenza nell immobile 11= abitazione principale parzialmente locata con contratto libero 12= abitazione principale parzialmente locata con contratto a canone convenzionale 14= immobile locato situati nella regione Abruzzo (in questo caso contattare la ns sede) 16 o 17 = reddito di fabbricati attribuito da società semplici (in questo caso contattare la ns sede) ATTENZIONE!! IMPORTANTE NOVITA : coloro che possiedono fabbricati ad uso abitativo NON LOCATI nello stesso comune dell abitazione principale dal 2013 anche se hanno pagato IMU sconteranno l Irpef e le Addizionali regionali e comunali sul 50% della rendita catastale rivalutata secondo la normativa. Quindi il Reddito Complessivo 2012 potrà essere diverso da quello che scaturirà nel Inoltre per le abitazioni principali è stata rintrodotta la deduzione per l abitazione principale. B = CASI PARTICOLARI 1= Fabbricati distrutti o inagibili a seguito di eventi sismici o altri eventi calamitosi Questo codice va utilizzato anche per gli immobili situati nelle zone colpite dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 distrutto o oggetto di ordinanze, in questo caso va indicato il codice 9 nella colonna utilizzo. 3= Fabbricati inagibili per i quali è stata richiesta la revisione della rendita. 4= Unità immobiliare per la quale non sono stati percepiti i canoni di locazione. 5= Se l immobile è posseduto in comproprietà da più persone e data in locazione ad una di queste, va indicato solo il canone spettante al contribuente. 6= se immobile locato a soggetti destinatari della sospensione della procedura di sfratto. In questo caso allegare autocertificazione del soggetto in locazione che dichiara di avere le caratteristiche per rientrare nella casistica. C = IMU DOVUTA 2013 Ricordiamo che deve essere indicato il valore dell IMU dovuta dal contribuente per il 2013 (che dovrebbe coincidere con quella pagata!) A questo calcolo provvederà il soggetto che fornisce l assistenza fiscale sulla base dei dati forniti per la dichiarazione dei redditi o per il calcolo dell IMU 2013 per vs conto. D = ESENZIONI IMU Barrare la casella se il fabbricato risulta essere esente IMU. In questo caso sul reddito del fabbricato risultano dovute l Irpef e le relative addizionali anche se non concesso in locazione. NOTA PER I FABBRICATI STORICO/ARTISTICO Fabbricati ad INTERESSE STORICO ARTISTICO: a partire dal 2012 (DL 2/3/2012 n.16) ha modificato il trattamento fiscale degli immobili riconosciuti di interesse storico/artistico. ATTENZIONE è importante segnalarci nelle note chi fosse in questa casistica per potervi informare e procedere sul corretto comportamento in sede di tassazione.

13 FOGLIO EVIDENZA TERRENI 2013 Del contribuente Barrare se invariato PARTITA A Reddito Domenicale Reddito agrario Giorni possesso Quota possesso Canone B Soggetto a IMU Valore Area Fabbricabile Comune/indirizzo A= UTILIZZO B= CASI PARTICOLARI Proprietario 1. Mancata coltivazione 2. Locata regime Legale 2. Perdita del prodotto 3. Locata regime non legale 3. conduzione associata 4. Conduttore o affittuario 4. terreno dato in affitto per usi agricoli a giovani imprenditori agricoli che non hanno compiuto i 40 anni 5. socio di società semplice 5. Se ricorrono contemporaneamente le condizioni 1 e 4 6. partecipante dell impresa agricola diverso dal titolare 6. Se ricorrono contemporaneamente le condizioni 2 e 4 7. titolare dell impresa agricola individuale non in forma di impresa familiari. NOTA BENE: L introduzione dell IMU ha previsto che tutti i terreni che hanno pagato questa imposta (purché non locati o non soggetti come ad esempio per i comuni montani) siano anche esonerati dall imposizione dell IRPEF e delle Addizionali. Tutti i soggetti che hanno pagato IMU sui terreni quindi si troveranno sgravati dalle imposte i redditi domenicali. La Legge di Stabilità (n.228 del 24/12/ in vigore dal 1 gennaio) ha previsto una rivalutazione dei terreni del 15% (5% per i coltivatori Iap) sia sul reddito domenicale che sul reddito agrario (per altro già rivalutati del 80% e 70%). Provvederemo direttamente noi a fare questo calcolo. RIVALUTAZIONE DEI TERRENI. Dal 1 gennaio 2013 al 30 giugno 2013 era possibile (con perizia giurata) rivalutare il valore dei terreni. Chi avesse colto questa possibilità ricordiamo che deve integrare il mod. 730/2014 redditi 2013 con il quadro RM del modello Unico2014 redditi Raccomandiamo a tutti coloro che possiedono aree fabbricabili di verificare presso il Comune di competenza il valore delle stesse. Quanti interessati al calcolo dell IMU 2014 o al calcolo ISEE sono pregati di segnalare il valore al di cui trattasi sul presente prospetto al fine di procedere ad un corretto calcolo.

14 IMPOSTA MUNICIPALE UNICA Richiesta IMU 2014 solo per le seconde proprietà Nome e Cognome RICORDIAMO CHE L IMU E' DOVUTA PER GLI IMMOBILI E I TERRENI DI PROPRIETA' ESCLUSA LA PRIMA CASA ED UNA PERTINENZA PER TIPO (C2 C6 C7). QUESTA STRUTTURA PROVVEDERA AL CALCOLO SECONDO LE ALIQUOTE PUBBLICATE SUI SITI DI RIFERIMENTO. RACCOMANDIAMO A TUTTI COLORO CHE POSSIEDONO TERRENI EDIFICABILI DI VERIFICARE I VALORI PRESSO I COMUNI TUTTI GLI ANNI. I CONTRIBUENTI DEVONO COMUNICARE AL CAAF QUALSIASI VARIAZIONE INTERVENUTA NEGLI ANNI IL CAAF SENZA LE DOVUTE SEGNALAZIONI DI CUI SOPRA, CONFERMERA' I DATI PRECEDENTEMENTE COMUNICATI DAL CONTRIBUENTE LIBERANDOSI DA QUALSIASI RESPONSABILITA' IN MERITO. FATTE QUESTE PREMESSE CHIEDIAMO QUAL E LA SITUAZIONE DEI FABBRICATI PER IL 2014 SUI QUALI CALCOLARE L IMPOSTA. I FABBRICATI SONO GLI STESSI DEL (dati già in ns/possesso e senza nessuna variazione) HO VARIAZIONI RISPETTO AL 2013 E PROVVEDO A SEGUITO LA MIA SITUAZIONE. COMPILARE DI NOTA BENE: TRA IL ROGITO D'ACQUISTO DELL'ABITAZIONE PRINCIPALE NEL 2014 E LA RICHIESTA DELLA RESIDENZA, IL FABBRICATO E' CONSIDERATO A DISPOSIZIONE E, CONSEGUENTEMENTE, E' SOGGETTO ALLE TASSAZIONI PREVISTE COMPRESA L'IMU. TERRENI REDDITO DOMINICALE O VALORE AREA EDIFICABILE POSSESSO % MESI DI POSSESSO (CON DATA DI VARIAZIONE) COMUNE VARIE E SITUAZIONI PARTICOLARI (ES. SE I TERRENI SONO COLTIVATORI DIRETTI/IMPRENDITORI AGRICOLI SOGGETTI IAP ALIQUOTA DA APPLICARE FABBRICATI CATEGORIA CATASTALE RENDITA CATASTALE POSSESSO % MESI DI POSSESSO (CON DATA DI VARIAZIONE) COMUNE E INDIRIZZO VARIE SITUAZIONI PARTICOLA RI

15 AUTOCERTIFICAZIONE (Rilasciata ai sensi degli articoli 46 e segg. del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445) Il/La sottoscritto/a C.F. consapevole delle sanzioni civili e penali conseguenti ad una falsa dichiarazione, sotto la propria responsabilità DICHIARA di aver diritto alla tassazione agevolata sulle somme erogate per premio per incrementi della produttività del lavoro, con riferimento al periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2013; RICHIEDE in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi 730/2014 l applicazione dell aliquota agevolata del 10% agli importi assoggettati a tassazione ordinaria nel CUD 2014, entro i limiti di euro 2.500,00 e con le modalità previsti dalla norma (Redditi riferiti al 2012 fino ad euro ,00.=) In fede Luogo e data

16 DELEGA AL RITIRO DEL MODELLO 730/2014 Il/la sottoscritto/a nato/a a il documento.n.(di cui allego copia) D E L E G O AL RITIRO DEL MIO Modello 730/2014 Il Sig./la Sig.ra Verona, lì In fede

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO Dal 2015 l Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il modello 730 parzialmente precompilato; conterrà infatti i dati del reddito da lavoro

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/2014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2014) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento gennaio 2014 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento ottobre 2013 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Modello 730/2015 CHECK LIST REPARTO AUDIT [DOCUMENTI DA CONSEGNARE PER L ELABORAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI]

Modello 730/2015 CHECK LIST REPARTO AUDIT [DOCUMENTI DA CONSEGNARE PER L ELABORAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI] Modello 730/2015 CHECK LIST REPARTO AUDIT [ DA CONSEGNARE PER L ELABORAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI] Sommario FRONTESPIZIO... 5 Dati del contribuente... 5 Dati generali... 5 QUADRO A - REDDITI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente D.P.C.M. 5 Dicembre 2013 n. 159 G.U n. 19 del 24 Gennaio 2014 LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI I QUESITI SONO STATI RACCOLTI DALLA CONSULTA

Dettagli

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali

EROGAZIONI LIBERALI: le agevolazioni fiscali le agevolazioni fiscali aggiornata con la normativa in vigore al 30 novembre 2007 INDICE 1. PREMESSA 2 2. LE LIBERALITÀ ALLE ONLUS 4 La deducibilità dal reddito delle erogazioni liberali alle ONLUS 4 La

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli