COMUNE DI CORNUDA Provincia di Treviso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CORNUDA Provincia di Treviso"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO (ATS) MONTELLO E COLLI ASOLANI ALLEGATO N. 6.5 SCHEDA INTERVENTO E LA SCHEDA PROGETTO RELATIVA ALL INTERVENTO A REGIA PER LA MISURA 313, AZIONE 4 CON BENEFICIARIO LA PROVINCIA DI TREVISO SCHEDA INTERVENTI A REGIA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO PROGETTO INTEGRATO D AREA RURALE (PIA-R) MONTELLO E COLLI ASOLANI id. N MISURA 313 Incentivazione delle attività turistiche AZIONE 4 Informazione intervento a regia Intervento regia a Intervento: Progetto d area relativo alla rete di accoglienza turistica nell area del Montello e Colli Asolani parte a Regia Beneficiario: Titolo: Progetto integrato e coordinato di informazione, promozione e pubblicità dell offerta turistica dell area del Montello e dei Colli asolani e calendario unico degli eventi, mostre e manifestazioni PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 3

2 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA/AZIONE 1.1 Descrizione generale L Azione interviene per contribuire a finanziare le attività informative, promozionali e pubblicitarie per favorire la comunicazione integrata del territorio nell area del Montello e Colli partendo dall attrattività delle zona che lo stesso PIA-R contribuisce a migliorare e valorizzare. Questa Azione è evidentemente in relazione non solo con le altre Azioni della Misura 313 ma anche con altre Misure del PIA-R, quelle legate all ospitalità in agriturismo (Mis. 311 Az. 2) o alla valorizzazione del patrimonio rurale (Mis. 323/A Azioni ). Il presente progetto si propone di sviluppare e ampliare le strategie di comunicazione relative al territorio nell area del Montello e Colli Asolani, in modo coordinato con la, in particolare con il Piano Turistico Provinciale al fine di promuovere all esterno un immagine coordinata ed integrata di valorizzazione del territorio trevigiano. L azione vuole sostenere sempre secondo un approccio di sistema, in grado di coordinare e mettere in rete l azione di tutti gli operatori interessati - attività informative e promozionali, consistenti nella realizzazione di campagne informative e pubblicitarie, nella realizzazione di workshop con gli operatori turistici, nella partecipazione a fiere specializzate, nella creazione di eventi dedicati e di educational tour per giornalisti e operatori, presentando l area come contesto omogeneo, caratterizzato dall offerta integrata di beni culturali, ambientali, storici e di attrazioni turistiche. Elemento caratterizzante l intervento proposto è la realizzazione di un unico progetto integrato di comunicazione gestito dall ATS e la realizzazione di un calendario unico degli eventi e delle mostre e manifestazioni dell area coordinato con la rete eventi della. Ciò rappresenta un salto di qualità rispetto al passato in quanto l unico progetto con immagine coordinata e diretto a proporre l offerta turistica dell area del PIA-R nella sua unitarietà appare condizione idonea ad evitare quei fenomeni di duplicazione di iniziative e dispersione di risorse che talvolta si sono registrati. 1.1 Obiettivi Complementare all azione di promozione e commercializzazione unitarie dell offerta turistica dell area del Montello e Colli Asolani risulta essere anche una più diffusa azione di informazione e comunicazione del territorio. In relazione all obiettivo specifico del PSR per il Veneto Incentivare le attività e i servizi turistici nelle aree rurali, l azione ha l obiettivo operativo, in termini di realizzazioni, di promuovere attività informative, promozionali e pubblicitarie, coordinate e integrate a livello di area, per accrescerne la conoscenza. Di seguito si indicano i principali obiettivi perseguiti dall Azione: - il miglioramento della qualità dell offerta di turismo rurale, in particolare sotto il profilo - dell informazione e della comunicazione ai potenziali fruitori della stessa; - il potenziamento dei servizi e delle infrastrutture finalizzati a promuovere e a qualificare PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 2

3 - l accesso dei turisti alle aree oggetto degli interventi; - la creazione e lo sviluppo di servizi e progetti finalizzati a promuovere, secondo criteri e - metodologie innovative, l incontro fra domanda e offerta di turismo rurale; - l integrazione fra l offerta turistico-enogastronomica delle aree rurali e l offerta turistica - tradizionale Ambito territoriale di applicazione L intero territorio degli 8 Comuni dell ambito territoriale designato del PIA-R Montello e Colli Asolani. L elenco dei Comuni ammissibili è il seguente: Asolo, Cornuda, Crocetta del Montello, Giavera del Montello, Maser, Montebelluna, Nervesa della Battaglia, Volpago del Montello. 2. SOGGETTI RICHIEDENTI 2.1. Soggetto richiedente Via Cal di Breda Treviso codice fiscale P.IVA Criteri di ammissibilità dei soggetti richiedenti Gli Enti locali territoriali ammissibili sono: Comuni, Province, Comunità Montane e altri Enti locali ai sensi del Decreto Legislativo 18/8/2000 n. 267, articolo 2, comma 1. Competenza territoriale sull area interessata all intervento Per i richiedenti ad esso assoggettati, rispetto del regime de minimis ai sensi del Reg (CE) n. 1998/ INTERVENTI AMMISSIBILI 3.1. Tipo di interventi Attività informative, promozionali e pubblicitarie. 3.2 Condizioni di ammissibilità degli interventi Gli interventi proposti devono soddisfare le seguenti condizioni di ammissibilità: 1. riferimento al territorio di competenza del soggetto richiedente. 2. Le iniziative devono essere volte ad incentivare la conoscenza dell offerta di turismo rurale presso operatori e turisti. PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 3

4 3. Integrazione e coordinamento con eventuali iniziative già realizzate da altri soggetti pubblici o privati nel settore del turismo e del turismo rurale. 4. Presentazione di un Piano delle attività informative, promozionali e pubblicitarie contenente i seguenti elementi: - descrizione degli obiettivi specifici con riferimento agli obiettivi e alle strategie del PIA-R; - descrizione delle motivazioni, anche in relazione alle esigenze di complementarietà, integrazione e coordinamento con iniziative già realizzate da altri soggetti pubblici o privati nel settore del turismo e del turismo rurale; - descrizione degli interventi previsti; - cronoprogramma delle attività/operazioni; - piano finanziario dettagliato delle spese - piano di gestione economica complessivo, fino alla conclusione del periodo di impegno Impegni e prescrizioni operative Tutte le iniziative e gli strumenti informativi attivati nell ambito e a supporto degli interventi finanziati dalla presente misura, anche in relazione agli eventuali obblighi specifici di informazione a carico dei soggetti beneficiari (cartelloni e targhe informative, materiali e supporti informativi.) o comunque alle attività informative messe in atto con le risorse del PSR, devono essere realizzate secondo le disposizioni previste dalla apposite Linee guida per l informazione e l utilizzo dei loghi approvate con Decreto n. 13 del 19 giugno 2009 della Direzione Piani e programmi settore primario, disponibili sul sito Internet della Regione, nella sezione (Economia > Agricoltura-Foreste > Sviluppo Rurale > Programmazione > Informazione e pubblicità). E obbligatorio l inserimento del marchio turistico regionale, di cui al paragrafo 9 del citato Decreto n. 13/2009. La quota di spesa a carico del beneficiario per la realizzazione degli interventi non potrà derivare da sponsorizzazioni Spese ammissibili Le spese ammissibili sulla base delle tipologie di interventi previste dal presente bando sono: 1. Attività informative, promozionali e pubblicitarie Acquisto di beni e servizi per iniziative di comunicazione, relativi a: progettazione, elaborazione tecnica e grafica, ideazione testi, traduzione, stampa, riproduzione e distribuzione supporti cartacei e multimediali; PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 4

5 realizzazione siti Web; acquisto spazi pubblicitari e pubbli-redazionali su riviste e carta stampata; realizzazione di cartellonistica; spazi e servizi radiotelevisivi Organizzazione di seminari, incontri e altri eventi. Organizzazione e partecipazione a manifestazioni fieristiche, con riferimento alle seguenti voci di spesa: quota di iscrizione alla manifestazione, affitto, allestimento e manutenzione dell area espositiva; trasporto ed assicurazione dei prodotti e dei materiali; interpretariato; compensi e rimborsi per personale a tempo determinato a supporto delle iniziative. Spese generali Sono ammissibili nei limiti e condizioni previsti dal documento di Indirizzi procedurali (Allegato A alla DGR 4083 del 29 dicembre 2009 e successive modifiche ed integrazioni, paragrafo 5.3.2) In tali limiti rientrano anche le eventuali spese per l acquisto di prodotti per attività di degustazione. Le spese per viaggi, vitto e alloggio relative al personale a tempo determinato sono ammesse nei limiti stabiliti per i dipendenti della Regione Veneto. Non sono ammissibili le spese relative al personale dipendente. 4. PIANIFICAZIONE FINANZIARIA 4.1 Importo totale di spesa L importo totale della spesa pubblica è di euro ,00. I nominativi dei beneficiari, il relativo codice fiscale/partita IVA, l importo di spesa pubblica destinata a ciascun beneficiario e il relativo totale complessivo sono indicati nella seguente tabella: N. Nominativo Codice fiscale/p. Spesa Costo totale (spesa beneficiario 1 Provincia di Treviso IVA CF P.IVA pubblica ammissibile)* , , Livello ed entità dell aiuto Il livello di aiuto è pari al 50% della spesa ammissibile. PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 5

6 Agli aiuti previsti a favore dei richiedenti ad esso assoggettati, si applicano le condizioni di cui al regime de minimis ai sensi del Regolamento (CE) n. 1998/ Termini e scadenze per l esecuzione degli interventi Sono eleggibili le spese che sono state effettuate successivamente alla data della presentazione di domanda di aiuto. Gli interventi devono essere realizzati entro 30 mesi con decorrenza dalla data di pubblicazione del decreto di finanziabilità delle operazioni sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto e comunque entro il DOMANDA DI AIUTO 5.1 Modalità e termini per la presentazione della domanda di aiuto Al fine di accedere agli aiuti previsti dalla presente Misura, la domanda di aiuto dovrà essere presentata ad AVEPA Sportello Unico Agricolo di Treviso Centro Direzionale Nautilus Via Castellana n Treviso entro il mese di marzo 2012, con allegata la documentazione elencata al successivo paragrafo 5.2. La domanda di aiuto deve essere presentata mediante la procedura telematica, accessibile via internet, resa disponibile da AVEPA sul sito Nei termini stabiliti dalla presente scheda intervento, la domanda di aiuto su supporto cartaceo e i relativi allegati vanno inviati con raccomandata A/R (fa fede la data del timbro postale) o consegnati a mano a: Avepa Sportello Unico Agricolo di Treviso Centro Direzionale Nautilus Via Castellana n Treviso 5.2 Documentazione da allegare alla domanda di aiuto 1. Copia documento d'identità in corso di validità del richiedente, qualora la sottoscrizione della domanda non avvenga con le altre modalità previste dal comma 3 dell'articolo 38 del DPR n. 445/ Copia del provvedimento che approva la presentazione della domanda. 3. Piano delle attività informative, promozionali e pubblicitarie. Tutti i documenti sopra indicati sono considerati essenziali e pertanto la loro mancata presentazione unitamente alla domanda di aiuto comporta la non ammissibilità della domanda 6. DOMANDA DI PAGAMENTO 6.1 Modalità e termini per la presentazione della domanda di pagamento AVEPA avrà cura di predisporre e rendere disponibile al singolo beneficiario la modulistica e le modalità per l erogazione dell aiuto. PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 6

7 6.2 Documentazione da allegare alla domanda di pagamento Alla domanda di pagamento dovrà essere allegata la seguente documentazione: Relazione tecnica finale che descriva fasi e modalità di esecuzione dell intervento ed il conseguimento degli obiettivi previsti Elenco della documentazione a giustificazione della spesa sostenuta (secondo la modulistica predisposta da AVEPA) Copia dei giustificativi di pagamento (fatture, bonifici, ricevute bancarie, assegni di c/c bancario o postale non trasferibili estratti conto bancari o postali...); Copia delle eventuali convenzioni sottoscritte Copia di tutto il materiale prodotto in formato cartaceo e digitale. 7. INFORMAZIONI E RIFERIMENTI La presente scheda intervento è disponibile sul sito internet del Comune di Cornuda nella sezione dedicata al PIA-R Montello e Colli Asolani. PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 7

8 SCHEDA PROGETTO A REGIA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO PROGETTO INTEGRATO D AREA RURALE (PIA-R) MONTELLO E COLLI ASOLANI id. N MISURA 313 Incentivazione delle attività turistiche AZIONE 4 Informazione intervento a regia Intervento regia a Intervento: Progetto d area relativo alla rete di accoglienza turistica nell area del Montello e Colli Asolani parte a Regia Beneficiario: Titolo: Progetto integrato e coordinato di informazione, promozione e pubblicità dell offerta turistica dell area del Montello e dei Colli Asolani e calendario unico degli eventi, mostre e manifestazioni 1. DESCRIZIONE DELLA AZIONE. 1.1 Descrizione generale. La creazione di un calendario unico degli eventi diffusi nell'area del Montello e dei Colli Asolani all'interno di un macrocartellone più ampio degli eventi del panorama provinciale rappresenta un'opportunità di valorizzazione e diffusione del patrimonio di una zona che si evidenzia per i seguenti tematismi: Grande guerra, arte, sport ed enogastronomia. Tematismi questi ultimi che fungono sempre più da attrattori motivazionali per una vacanza di nicchia. Il raggruppamento di un'offerta di proposte esperienziali, grazie alle quali il turista può assaggiare le potenzialità di un'area che necessita di una spinta motivazionale forte di riconversione, rappresenta un primo step verso la creazione di un'immagine rinnovata ed unitaria. L'analisi dei dati dei flussi turistici dell'area oggetto di intevento mostra come sia sempre più pressante la necessità di riconvertire e riqualificare l'intero comparto turistico per poter promuovere un nuovo prodotto che tenga fortemente in considerazione le tematiche storicoculturali, naturalistiche ed enogastronomiche dell'area in questione, in rete con i filoni tematici similari diffusi nel resto del territorio provinciale. La ha sviluppato, a partire dal 2003, il progetto RetEventi per svolgere le proprie funzioni di coordinamento, indirizzo e programmazione, comunicazione unitaria e PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 8

9 sostegno finanziario agli eventi culturali del territorio prodotti da organizzatori diversi (Associazioni e Comuni), disponibili a creare una rete di relazioni con la Provincia. RetEventi consente quindi, in un contesto caratterizzato da una grande effervescenza di iniziative, di costruire un'offerta macroculturale di qualità, accessibile al grande pubblico ed organica al territorio, nel periodo che va da fine primavera all'autunno inoltrato, nel quale maggiore è la propensione alla mobilità e alla partecipazione da parte dei turisti, interessati ad assistere ad eventi e a scoprire luoghi di valore storico e architettonico, e dei cittadini trevigiani. La Provincia nel corso degli anni ha provveduto a dare alcuni indirizzi di fondo al progetto e dal 2009 RetEventi si è trasformato in un vero e proprio Festival interdisciplinare. L obiettivo, in prospettiva futura è di creare un distretto culturale evoluto, dove l'offerta culturale da dimensione riservata al tempo libero si trasforma risorsa strategica per indirizzare e governare i processi di trasformazione in atto nella Marca Trevigiana riqualificando quindi il ruolo della cultura, da componente terminale della catena della produzione del valore a fattore che ne sta invece alla base, contribuendo a stimolare la diffusione delle idee, la creatività, la disposizione al confronto, l'integrazione sociale, ecc.., Tale evoluzione è in linea con l'impostazione fin qui seguita poiché RetEventi è nato come modello di interazione fra la Provincia, la Regione, i Comuni e le Associazioni Culturali, al fine di rispondere alla sfida della complessità posta dalla "città diffusa" veneta, nelle cui maglie è ricompresa anche la provincia di Treviso: un'enorme "area metropolitana" segnata dalla dialettica fra fattori locali e fattori internazionali e fra tradizione e innovazione. Ma forse più che metropolitana sarebbe corretto definirla area agropolitana, termine col quale si individua una fitta trama di centri abitati e di spazi rurali, in cui si riconosce ancora l antico disegno ma che supera nella sostanza la dicotomia città campagna a favore di un unica grande area urbanizzata; si osserva, così, un ulteriore diminuzione degli abitanti nelle maggiori città a favore delle cinture urbane andando ad affermare la vocazione ad una specifica forma di residenzialità diffusa che tuttora vede l intera Regione del Veneto con il tasso più elevato di case sparse nel nostro Paese. Questa ridefinizione dello spazio urbano in senso isoformico, dove ogni singola area, che sia centro o periferia, è composta da elementi uguali, sia rispetto ai classici luoghi di aggregazione sia rispetto a quelli più fortemente legati alla contemporaneità, è un tema strategico per lo sviluppo progettuale ed artistico di RetEventi. E questo perché l intera programmazione si costruisce attorno ai luoghi della rappresentazione, per far riemergere dal tessuto urbano, proponendoli al turista e alla comunità, palcoscenici inusuali quali piazze storiche, ville venete, palazzi, chiese, castelli e borghi antichi. La cultura, uscendo dai suoi luoghi deputati (ovvero i teatri tradizionali), va dunque sempre più verso il pubblico. RetEventi va inteso, quindi, come un'occasione, per tutti i soggetti che lo animano, per dare un contributo alla crescita culturale della comunità trevigiana e per promuovere il territorio. La formula di RetEventi conferisce pari dignità a tutti coloro che decidono di partecipare lasciando ad ognuno dei soggetti coinvolti autonomia di programmazione artistica e gestionale all'interno di una struttura di lavoro ove sono concertati indirizzi di programmazione, meccanismi di sussidiarietà, logiche di distribuzione, condivisione di risorse in un'ottica di economia di scala e finalità di democratizzazione dell'offerta culturale. Inoltre, dopo otto anni di sperimentazione della delega in materia di spettacolo (L.R. 11/2001, art. 147 lett. a), il modello organizzativo RetEventi si è rivelato essere a livello regionale il progetto PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 9

10 più organico e funzionale per gestire le risorse trasferite dalla Regione Veneto e, pertanto, è stato mutuato dalle altre Province che, con i necessari adeguamenti, hanno adottato il modello di RetEventi Cultura già per l anno 2011, approvando l Accordo di Programma "RetEventi Cultura Veneto". RetEventi, sul piano operativo, si traduce in ogni edizione nel coinvolgimento di Comuni e Associazioni nella programmazione degli eventi, selezionati sulla base di criteri condivisi: appartenenza ad una delle sezioni: Luoghi di Idee, Musica, Teatro, Danza, La Provincia dei bambini (spettacoli per i più piccoli), Cinema, Marca storica (manifestazioni di rievocazione in costume) e Etnoculture e Arte in rete ; rilevanza sovracomunale (quindi pertinente alle competenze della Provincia); qualità professionale (eccezion fatta per le sezioni Marcastorica e Etnoculture ove preminente è l aspetto del volontariato); locazione in palcoscenici di rilevanza turistica (palazzi e piazze storiche, castelli, abbazie, chiese, ville, edifici di archeologia industriale, parchi) e ancora location contrassegnate da un forte segno architettonico dove il passato dialoga con la contemporaneità; non vengono inseriti nel macrocartello gli eventi allocati in sedi non idonee; interazione fra risorse artistiche locali ed esterne (eccezion fatta per le sezioni Cinema e Marcastorica); rispetto della fascia temporale giugno/fine dell'autunno, periodo nel quale massima è la propensione alla partecipazione da parte dei turisti e delle famiglie trevigiane. Il progetto RetEventi ha portato, negli anni, al conseguimento di obiettivi importanti: promuovere, con un unica guida (e sul sito web della Provincia) le manifestazioni di qualità che si svolgono sul territorio, con referenti certi per le informazioni; migliorare la distribuzione territoriale e ampliare la circuitazione degli eventi più significativi, compensando lacune in alcuni segmenti di offerta (es. la danza) ed evitando altresì la parcellizzazione delle manifestazioni sul territorio; contribuire, attraverso la produzione e distribuzione di eventi culturali con valenza turistica (concerti, spettacoli di danza, teatro ), a promuovere i valori del territorio quali il paesaggio, il patrimonio storico architettonico ed artistico, le attività culturali, il folclore ecc.; creare un significativo indotto economico, raggiungendo un importante numero di presenze; sviluppare una rete dei numerosi luoghi degni di interesse sul piano storico artistico ed architettonico; valorizzare le tradizioni artistiche del territorio; conseguire un certo mix fra esperienze di artisti nazionali o internazionali ed artisti locali in diverse manifestazioni; aumentare con l azione di rete l appeal di numerose manifestazioni rispetto agli sponsor privati ed agli Enti Locali; realizzare economie di scala attraverso l integrazione reciproca delle risorse finanziarie e progettuali della Provincia, della Regione, dei Comuni, delle Associazioni e degli sponsor e razionalizzare la gestione dei contributi all'interno di un quadro programmatico condiviso con gli interlocutori territoriali. L edizione 2010 di RetEventi ha visto il coinvolgimento di 96 comuni (i trevigiani più Bassano del Grappa) e 192 associazioni impegnati in appuntamenti. Si è confermata un affluenza PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 10

11 agli appuntamenti pari alle presenze registrate nel Nel complesso, RetEventi 2010 ha visto un investimento circa ,00 Euro sul territorio di cui ,00 Euro tra Provincia (57%), Regione (36%) e Antonveneta (7%), circa ,00 Euro da parte dei Comuni, cui si aggiunge la logistica, e circa ,00 Euro dalle Associazioni che sviluppano a loro volta attività di fund raising. L indotto economico di RetEventi ha registrato, da quando è stato avviato il progetto, il +10% di presenze turistiche nei periodi in cui c è tale tipo di offerta rispetto agli anni precedenti, con circa 18/ Euro di indotto economico. 1.2 Obiettivi. Con il segmento RetEventi per l area del Montello e dei Colli asolani si intende rafforzare gli obiettivi raggiunti su scala provinciale, focalizzandoli su quest area. Si tratta pertanto, attraverso attività mirate di: - rafforzare la rete tra i numerosi luoghi degni di interesse sul piano storico artistico ed architettonico e promuovere il territorio; - migliorare la distribuzione territoriale e ampliare la circuitazione degli eventi più significativi, evitando la parcellizzazione delle manifestazioni sul territorio; - garantire in modo ancora più efficace un'offerta culturale certificata e di qualità che si svolge sul territorio in palcoscenici di prestigio, riconoscibile grazie ad una adeguata campagna promozionale e informativa; - valorizzare ancor più le tradizioni artistiche del territorio e sviluppare ulteriormente il mix fra esperienze di artisti nazionali o internazionali ed artisti locali in diverse manifestazioni; - aumentare con l azione di rete l appeal dell area da un punto di vista turistico; - realizzare economie di scala attraverso l integrazione reciproca delle risorse finanziarie e progettuali dei partner del progetto; - intercettare il target naturalistico-sportivo presente nell'area incentivando la loro partecipazione agli eventi storico-culturali organizzati al fine di aumentare la permanenza media; - diffondere la conoscenza dell'area e dei suoi prodotti tipici culturali, artigianali ed enogastronomici. 1.3 Localizzazione dell intervento. Area del Montello e Colli Asolani costituita dai seguenti Comuni: Asolo, Cornuda, Crocetta del Montello, Giavera del Montello, Maser, Montebelluna, Nervesa della Battaglia, Volpago del Montello. 1.4 Dati del soggetto richiedente. Via Cal di Breda Treviso codice fiscale P.IVA PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 11

12 2. INTERVENTI PREVISTI. INTERVENTO: CALENDARIO UNICO DEGLI EVENTI Il calendario unico dell area Montello e Colli Asolani costituirà uno specifico prodotto realizzato all interno di RetEventi. Si intende infatti inserire il calendario unico degli eventi dell area nel più ampio progetto RetEventi, amplificandone gli effetti e le ricadute turistiche con azioni mirate sul territorio. Si concretizzano nella realizzazione di un calendario unico degli eventi del territorio nel periodo da fine primavera all autunno nel quale maggiore è la propensione alla mobilità e alla partecipazione da parte dei turisti, interessati ad assistere ad eventi e a scoprire luoghi di valore storico e architettonico. Il calendario offre una programmazione certificata di eventi, frutto di una selezione ragionata su criteri condivisi con l obiettivo di proporre qualità ed eccellenza del territorio. È connotato graficamente e su cartografia all interno di RetEventi, offrendo così la possibilità al turista di fruire delle informazioni sugli eventi del territorio più agevolmente e di frequentare luoghi inconsueti o difficilmente fruibili. Si prevedono ogni anno le azioni le seguenti attività: incontri con i soggetti coinvolti/interessati per condividere le linee guida finalizzate alla realizzazione del progetto con relativa definizione delle risorse da assegnare; azione di filtro e selezione delle proposte presentate e di indirizzo alle programmazioni con il fine di riqualificare gli eventi favorendo anche le collaborazioni trasversali tra i diversi soggetti organizzatori orientandoli nelle loro programmazioni, in base ai criteri condivisi: le manifestazioni dovranno essere consolidate, di valenza sovracomunale, caratterizzate da qualità professionale per gli eventi culturali, in palcoscenici di rilevanza turistica (palazzi e piazze storiche, castelli, abbazie, chiese, ville, edifici di archeologia industriale, parchi, cantine, ecc.) e in location contrassegnate da un forte segno architettonico dove il passato dialoga con la contemporaneità ; gestione e aggiornamento del software on line appositamente per raccogliere i dati degli eventi; da parte dell U.O. Beni Culturali della, continuo monitoraggio dei dati inseriti dagli organizzatori degli eventi nell apposito software on-line, verifica della rispondenza dei dati con quanto selezionati, normalizzazione e correzione definitiva programmi inseriti; ideazione, progettazione, elaborazione e realizzazione grafica marchio/logo identificativo e relativo/i lay out del materiale promozionale; stampa di circa copie del materiale promozionale e relativa distribuzione; promozione degli eventi su web; attività dell ufficio stampa e realizzazione articoli per attivare il sistema di comunicazione e promozione e di pubbliche relazioni per far conoscere e informare sull offerta turistica e delle eccellenze del territorio di competenza; organizzazione di eventi e avvio programmazione; sostegno agli eventi programmati. PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 12

13 Le spese previste relative all intervento proposto sono indicate nella seguente tabella: Azioni Spese previste Attività informative, promozionali e pubblicitarie Progettazione/programmazione ,00 (azione di filtro e selezione e Progettazione, elaborazione conseguente azione di verifica tecnica e grafica, ideazione contenuti) e ideazione testi testi, traduzione, stampa, Elaborazione tecnica (gestione e 3.000,00 riproduzione e distribuzione aggiornamento del software on line) supporti cartacei e multimediali Elaborazione grafica 8.000,00 Stampa, riproduzione e distribuzione ,00 materiale promozionale su supporti cartacei e multimediali (su web) Organizzazione di seminari, incontri e altri eventi ,00 Totale ,00 3. PIANIFICAZIONE FINANZIARIA. 3.1 Importo totale di spesa Euro , Contributo richiesto Euro ,00 4. TERMINE PREVISTO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO (MESE E ANNO PREVISTO). Il termine previsto per la presentazione della domanda di contributo è il mese di marzo 2012 PIA-R MONTELLO E COLLI ASOLANI Scheda interventi a regia Misura 313 Azione 4 13

Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 41 del 28/03/2013*

Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 41 del 28/03/2013* FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 007-03 Asse 4 - LEADER - Attuazione Strategia di Sviluppo

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvato dal CDA del GAL della Pianura Veronese con delibera n. 5 del 0.08.03 PROGRAMMA

Dettagli

Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Azione 2 Cooperazione Transnazionale Progetto MeDIETerranea

Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Azione 2 Cooperazione Transnazionale Progetto MeDIETerranea Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 46 del 8/03/03 FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone

Dettagli

Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Azione 2 Cooperazione Transnazionale Progetto MeDIETerranea

Misura 421 Cooperazione interterritoriale e transnazionale Azione 2 Cooperazione Transnazionale Progetto MeDIETerranea Allegato alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione del GAL Polesine Adige n. 45 del 8/03/03* FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 ASSE 4 LEADER FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvato dal CDA del GAL della Pianura Veronese con delibera 42 del 05.07.2013 PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI CORNUDA Provincia di Treviso

COMUNE DI CORNUDA Provincia di Treviso ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO (ATS) MONTELLO E COLLI ASOLANI ALLEGATO 6.2: MISURA 313, AZIONE 3 SCHEDA INTERVENTO E SCHEDA PROGETTO A GESTIONE DIRETTA SCHEDA INTERVENTO A GESTIONE DIRETTA ATS PROGRAMMA

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI Approvato dal CDA del Gal SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Patavino con delibera n. 7 del 0/06/03 PROGRAMMA DI SVILUPPO

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI Approvato dal CDA del Gal SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Bassa Padovana con delibera n.14 del 10/06/013 PROGRAMMA

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI Approvato dal CDA del Gal SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Patavino con delibera n. 6 Del 0/06/03 PROGRAMMA DI SVILUPPO

Dettagli

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI

Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI Approvato dal CDA del Gal SCHEDA INTERVENTO A GESTIONE DIRETTA GAL Bassa Padovana con delibera n. del 09.. PROGRAMMA

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

COMUNE DI CORNUDA Provincia di Treviso

COMUNE DI CORNUDA Provincia di Treviso ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO (ATS) MONTELLO E COLLI ASOLANI ALLEGATO 6.1: MISURA 313, AZIONE 3 SCHEDA INTERVENTO E SCHEDA PROGETTO A GESTIONE DIRETTA SCHEDA INTERVENTO A GESTIONE DIRETTA ATS PROGRAMMA

Dettagli

LE VIE DELLA SERENISSIMA.

LE VIE DELLA SERENISSIMA. G.A.L. Antico Dogado Via C. Colombo, 4-30010 Lova di Campagna Lupia (VE) - Tel. 041 461157 Fax 041 5184086 mail: info@galdogado.it PEC: galdogado@pec.it www.galdogado.it C.F. 92152130289 Deliberazione

Dettagli

PIANO DELLE ATTIVITA INFORMATIVE, PROMOZIONALI E PUBBLICITARIE DI CUI AL PUNTO 4 DEL PARAGRAFO 3.2 DELLA SCHEDA INTERVENTO A REGIA

PIANO DELLE ATTIVITA INFORMATIVE, PROMOZIONALI E PUBBLICITARIE DI CUI AL PUNTO 4 DEL PARAGRAFO 3.2 DELLA SCHEDA INTERVENTO A REGIA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 PROGETTO INTEGRATO D AREA RURALE (PIA-R) MONTELLO E COLLI ASOLANI id. N. 1836457 MISURA 313 INCENTIVAZIONE DELLE ATTIVITÀ TURISTICHE AZIONE 4 INFORMAZIONE

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

mail reteventi@provincia.padova.it seguici su

mail reteventi@provincia.padova.it seguici su mail reteventi@provincia.padova.it seguici su _ il progetto Reteventi Cultura Veneto èil progetto a regia regionale definito con accordo di programma sottoscritto con le sette amministrazioni provinciali,

Dettagli

(cod. 03) GAL PATAVINO SCARL

(cod. 03) GAL PATAVINO SCARL FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale - L EUROPA INVESTE NELLE ZONE RURALI Approvato dal CDA del Gal BANDO PUBBLICO GAL Patavino con delibera n. 5 del 0 novembre 01 PROGRAMMA DI SVILUPPO

Dettagli

Proposta di Scheda intervento a regia GAL Allegato 1

Proposta di Scheda intervento a regia GAL Allegato 1 Proposta di Scheda intervento a regia GAL Allegato Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 007-03 Asse 4 Leader Cod. 09-VE-E - Venezia - GAL Venezia Orientale (VeGAL) Programma di Sviluppo Locale Itinerari,

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali

Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali UNIONE EUROPEA REGIONE DEL VENETO Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l Europa investe nelle zone rurali BANDO PUBBLICO GAL Approvato con Delibera del Cda del Gal della Pianura Veronese n. 51

Dettagli

ALLEGATO A alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 41 del 23 settembre 2013

ALLEGATO A alla Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 41 del 23 settembre 2013 Regione del Veneto Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 Asse 4 Leader GAL Terre di Marca Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 per Borghi e Campagne SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con deliberazione

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ).

categoria) e successive modificazioni e del Reg. (CE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (Regolamento de minimis ). Sostegno dei processi di internazionalizzazione delle Piccole e medie imprese del Lazio in forma aggregata Bando: L.R. n. 5 del 2008 Disciplina degli interventi regionali a sostegno Dell internazionalizzazione

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

mail reteventi@provincia.padova.it

mail reteventi@provincia.padova.it mail reteventi@provincia.padova.it _ il progetto Reteventi Cultura Veneto èil progetto a regia regionale definito con accordo di programma sottoscritto con le sette amministrazioni provinciali, nel comune

Dettagli

Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012

Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012 PSR 2007-2013 Asse 4 Leader Programma di Sviluppo Locale 2007-2013 (PSL) Il GAL incontra il territorio Presentazione dei bandi 2012 Lusia, 15 novembre 2011 Il PSL del GAL Polesine Adige PERCORSI RURALI

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI CUNEO BANDO RICERCA SCIENTIFICA 2015 SEZIONE RICERCA MEDICA SEZIONE RICERCA MEDICA 2015 INDICE Obiettivo... 3 Oggetto... 3 Durata dei progetti... 3 Enti ammissibili... 3 Partnership e rete... 3 Modalità di presentazione delle domande... 4 Contributo e cofinanziamento...

Dettagli

Manifestazione d interesse Progetti Chiave

Manifestazione d interesse Progetti Chiave PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE (PSL) 2014-2020 Manifestazione d interesse Progetti Chiave (Scheda SOLO per PRIVATI) Adesione ai Progetti Chiave nell ambito del Programma di Sviluppo Locale Leader 2014-2020

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008

AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 ALLEGATO D AVVISO PUBBLICO PER INIZIATIVE E MANIFESTAZIONI DI VALORIZZAZIONE E PROMOZIONE TURISTICA PICCOLE MANIFESTAZIONI LOCALI A VALENZA TURISTICA ANNO 2008 Dipartimento Attività Produttive, Politiche

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015. 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica

FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015. 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015 1. BANDI ATTIVI 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica FINALITA' Il bando ha l obiettivo di favorire lo sviluppo, il potenziamento

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO A GESTIONE DIRETTA

SCHEDA INTERVENTO A GESTIONE DIRETTA G.A.L. Antico Dogado Via C. Colombo, 4-30010 Lova di Campagna Lupia (VE) - Tel. 041 461157 Fax 041 5184086 mail: info@galdogado.it PEC: galdogado@pec.it www.galdogado.it C.F. 92152130289 SCHEDA INTERVENTO

Dettagli

mail reteventi@provincia.padova.it seguici su

mail reteventi@provincia.padova.it seguici su mail reteventi@provincia.padova.it seguici su _ il progetto Reteventi Cultura Veneto: progetto a regia regionale con le sette amministrazioni provinciali nel comune obiettivo di garantire un offerta culturale

Dettagli

Allegato 1 alla D.G.R. n. del

Allegato 1 alla D.G.R. n. del Allegato 1 alla D.G.R. n. del MISURA INVESTIMENTI Programma Nazionale di Sostegno (PNSV) FINALITÀ AMBITO DI APPLICAZIONE E DURATA DELLA MISURA SOGGETTI AMMISSIBILI AL SOSTEGNO COMUNITARIO TIPOLOGIE DI

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Assessore ai Beni e alle Attività culturali Pietro Marcolini - Servizio 3 - Internazionalizzazione, Cultura, Turismo, Commercio e Attività Promozionali P.F. Conservazione

Dettagli

Distretti agricoli in Regione Lombardia

Distretti agricoli in Regione Lombardia Distretti agricoli in Regione Lombardia Attività dei distretti (finalità, ruolo, opportunità), meccanismo di accreditamento in Regione Lombardia Roberto Daffonchio Distretti agricoli Distretti rurali >

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015

OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA VERSO EXPO 2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PROTOCOLLO D INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO L'ANFITEATRO MORENICO DI IVREA. PAESAGGIO E CULTURA" VERSO EXPO 2015 LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: la Regione Piemonte ha

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 140 79470 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 13 aprile 2012, n. 710 Approvazione dei criteri e modalità per il finanziamento dei

Dettagli

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015) Pag. 1 di 6 Spett. Le GAL L ALTRA ROMAGNA S.CONS.AR.L. Viale Roma, 24 47027 Sarsina (FC) AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE INVITO ALLA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTO PER LA SSL (termine ultimo: 25/09/2015)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA Puglia Promozione con sede legale in Piazza Moro 33/A 70121 Bari, C.F. 93402500727 e Consorzio Teatro Pubblico Pugliese (di seguito denominato TPP) con sede legale in via Imbriani,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DECENTRATA COFINANZIAMENTO DI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI -ANNO 2009-

PROGRAMMAZIONE DECENTRATA COFINANZIAMENTO DI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI -ANNO 2009- PROGRAMMAZIONE DECENTRATA COFINANZIAMENTO DI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI -ANNO 2009- Direzione Programmazione Regione Veneto DGR 1598 DEL 26 MAGGIO 2009 Al fine di rispondere alle esigenze di intervento

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

INDICE. 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA /AZIONE 1.1 Descrizione generale pag. 3 1.2 Obiettivi pag. 3 1.3 Ambito territoriale di applicazione pag.

INDICE. 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA /AZIONE 1.1 Descrizione generale pag. 3 1.2 Obiettivi pag. 3 1.3 Ambito territoriale di applicazione pag. REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 ASSE 4 LEADER ATTUAZIONE STRATEGIA DI SVILUPPO LOCALE GAL DELL ALTA MARCA TREVIGIANA Soc. Cons. a r.l. PROGRAMMA DI SVILUPPO LOCALE 2007-2013 SAPORI,

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale)

DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY. PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 5 DIREZIONE LAVORO SVILUPPO FONDI EUROPEI SMART CITY PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE ( la struttura progettuale) 1. FINALITA Torino Social Innovation (di seguito TSI) è un programma che

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

BANDO NEXT EDIZIONE 2015

BANDO NEXT EDIZIONE 2015 BANDO NEXT EDIZIONE 2015 Invito pubblico per la selezione di compagnie di spettacolo che parteciperanno alla manifestazione denominata NEXT edizione 2015. PREMESSO CHE La Regione Piemonte Direzione e Promozione

Dettagli

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero

Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Sezione Industria del Turismo e del Tempo Libero Programma di Attività 2011-2015 2015 ROBERTO N. RAJATA 12 maggio 2011 Introduzione Il turismo nella Regione Lazio è profondamente mutato nel corso degli

Dettagli

1. Chi può partecipare

1. Chi può partecipare ALLEGATO A BANDO DEL PREMIO PROSPETTIVA DANZA 2014, QUINTA EDIZIONE Settore attività culturali del Comune di Padova PROGETTO DI RESIDENZE COREOGRAFICHE PREMIO PROSPETTIVA DANZA 2014 (3 4 maggio 2014) Padova,

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

IV Edizione 2014-2015. Bando di Concorso

IV Edizione 2014-2015. Bando di Concorso IV Edizione 2014-2015 Bando di Concorso Soggetti promotori del bando Federgat (Federazione Gruppi Attività Teatrali) Fondazione Comunicazione e Cultura Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della

Dettagli

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER

GAL CONSORZIO SVILUPPO LUNIGIANA LEADER CODICE MISURA: 133 TITOLO: Sostegno alle associazioni di produttori per attività di informazioni e promozione riguardo ai prodotti che rientrano nei sistemi di qualità alimentari CONTRIBUTO: 200.000,00

Dettagli

P.O. FESR Puglia 2007-2013 ASSE VI INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO. pugliasviluppo. Puglia Sviluppo S.p.A. Azionista Unico Regione Puglia

P.O. FESR Puglia 2007-2013 ASSE VI INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO. pugliasviluppo. Puglia Sviluppo S.p.A. Azionista Unico Regione Puglia P.O. FESR Puglia 2007-2013 ASSE VI UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L INNOVAZIONE SERVIZIO

Dettagli

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO

DISPOSITIVO N. 1 INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO N.

Dettagli

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura

Provincia di Latina. Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Provincia di Latina Settore Politiche Sociali e Cultura Servizio Cultura Bando per gli interventi a sostegno delle attività culturali nella Provincia di Latina per gli anni 2014 e 2015, finanziati ai sensi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

in collaborazione con

in collaborazione con ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI E ASSESSORATO SCUOLA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, UNIVERSITA' E RICERCA, LAVORO DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA in collaborazione con ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.03/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Contributi per manifestazioni

Dettagli

SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI. Servizio Amministrativo. D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative

SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI. Servizio Amministrativo. D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative SETTORE TURISMO, CULTURA, POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI Servizio Amministrativo D. Lgs. 33/2013 Art. 35 - Schema di procedure amministrative per l ammissione ai contributi di cui alla L.R. 7/2003 Oggetto

Dettagli

REPORT BANDI PIEMONTE

REPORT BANDI PIEMONTE REPORT BANDI PIEMONTE INDICE FONDO LATTE. FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO E GARANZIA FINO ALL'80% PER SOSTENERE GLI INVESTIMENTI, IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITÀ E DEI DEBITI COMMERCIALI NEL SETTORE

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA

STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO DETERMINAZIONE. Estensore TIRATTERRA MARCO. Responsabile del procedimento MARCO TIRATTERRA REGIONE LAZIO STRUTTURE AMMINISTRATIVE GIUNTA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO PROGRAMMAZIONE TURISTICA DETERMINAZIONE N. G01236 del 29/10/2013 Proposta n. 16879 del

Dettagli

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF):

Premesso che il Sistema di e-learning federato per la pubblica amministrazione dell Emilia-Romagna (SELF): CONVENZIONE PER L ADESIONE AL SISTEMA DI E-LEARNING FEDERATO DELL EMILIA-ROMAGNA PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L UTILIZZO DEI SERVIZI PER LA FORMAZIONE Premesso che il Sistema di e-learning federato

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

IL RESPONABILE DEL SERVIZIO

IL RESPONABILE DEL SERVIZIO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI PROMOZIONE, TURISTICA, CULTURALE, SPORTIVA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DA PARTE DEL COMUNE DI LERICI ANNO 2016 IL RESPONABILE DEL SERVIZIO - Ritenuto

Dettagli

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa

AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa AIBE ED EXPO 2015 S.p.A. Protocollo d intesa Siglato a Milano il 17 Maggio 2010 PROTOCOLLO D INTESA TRA Associazione fra le Banche Estere in Italia (di seguito AIBE ), con sede in Milano in Piazzale Cadorna

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

ALLEGATO N. 6.4 SCHEDA INTERVENTO E SCHEDA PROGETTO RELATIVA ALL INTERVENTO A REGIA PER LA MISURA 323/A, AZIONE 4 CON BENEFICIARIO IL COMUNE DI

ALLEGATO N. 6.4 SCHEDA INTERVENTO E SCHEDA PROGETTO RELATIVA ALL INTERVENTO A REGIA PER LA MISURA 323/A, AZIONE 4 CON BENEFICIARIO IL COMUNE DI COMUNE DI CORNUDA Provincia di Treviso SOGGETTO CAPOFILA E RESPONSABILE AMMINISTRATIVO FINANZIARIO (RAF) DELLA ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO (ATS) MONTELLO E COLLI ASOLANI www.comune.cornuda.tv.it/ats-pia_r.htlm

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento

1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Priorità dei progetti ammessi a finanziamento ALLEGATO B Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione dei Progetti Sociali- artt. 7 e 8 l.r. 26/93 Interventi a favore della popolazione zingara 1) Obiettivi La Giunta

Dettagli

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia

Regolamento Comunale. per l Osservatorio Turistico di Destinazione. del Comune di Castiglione della Pescaia Regolamento Comunale per l Osservatorio Turistico di Destinazione del Comune di Castiglione della Pescaia CAPO I PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Articolo 1 Principi Ispiratori e Definizioni... 3 CAPO II - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Anni 2015 e 2016. Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014)

Anni 2015 e 2016. Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014) Allegato B Anni 2015 e 2016 Fondo per il riequilibrio territoriale dei Comuni del Lazio (Art. 2 L.R. 7 /2014) Modalità e criteri per la concessione delle risorse Art. 1 Finalità e risorse 1. La Regione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016

BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016 BOLLETTINO UFFICIALE N. 3 del 21 gennaio 2016 Accordi con soggetti privati o altre PA Determina dirigenziale 20 Ottobre 2015, n. 2670 Convenzioni regolanti i rapporti con le organizzazioni di volontariato

Dettagli

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati.

5. Il soggetto promotore, se costituito dai Comuni, deve prevedere la partecipazione degli enti privati. Regolamento concernente la concessione di finanziamenti a favore delle Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, dei Centri di assistenza tecnica alle imprese commerciali (CAT) autorizzati e

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Assessorato Attività Economiche Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006

15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 15. PIANO DI COMUNICAZIONE DEL CONSORZIO PER L ANNO 2006 Premessa Nell ambito della sperimentazione della Società della Salute della sono state individuate tre parole chiave cui riferirsi costantemente

Dettagli

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO

REGIONE LAZIO. Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO ALLEGATO 1 REGIONE LAZIO Agenzia Regionale del Turismo AVVISO PUBBLICO per la presentazione di progetti di comunicazione turistica da parte dei Comuni del Lazio (DGR n.718 del 28/10/2014) A titolo esemplificativo

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli