M CONTRIBUENTE DATA DI NASCITA COMUNE (O staio estero) DI NASCITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "M CONTRIBUENTE DATA DI NASCITA COMUNE (O staio estero) DI NASCITA"

Transcript

1 MODELLO 70/0 reddt 0 Md. N. ["T" dcharazne semplfcata de cntrbuent che s avvalgn dellassstenza fscale CONtRIBUENTE ntrate CODICE FISCALE DEL CONTRIBUENTE (bblgatr) Cnuge dcharante Sggett fscamente a carc d altr Dcharazne cngunta 70 ntegratv Stuazn (vedere struzn) partcar Gl mprt devn essere ndcat n untà d Eur Rappresentante tutre COOtCE FISCALE DEL RAPPRESEWTANTE O TUTORE.,^^. (per le dnne ndcare t cgnme da nuble) NOME SESSO (M F) DATI DEL VALENTI GIUSEPPE M CONTRIBUENTE DATA DI NASCITA (O sta ester) DI NASCITA PROVINCIA (sgla) -lnn j ANMO! 96 PALERMO ^ PA STATO CIVILE 5StSS.ell.)"^^-*E/NUBILEpl CONIUGHO/A I J{ veoovom j SEPARATOIA ] DIVORZIATO/Af 5 j ITUTELATO/Af?ì MINORE j a j [ RESIDENZA ANAGRAFICA PROVINCIA (sgla) C.A.P, Da cmplare sl se varata da! ;,0 alla data d presentazne della dcharazne TIPOLOGIA (Va, pazza, ecc.) DATA DELLA VARIAZIONE jrnc MESE, ANNO NUM. CIVICO TELEFONO E POSTA ELETTRONICA TELEFONO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA DOMICILIO FISCALE AL 0/0/0 OOMIClUO FISCALE AL //0 PALERMO (G7) PROVINCIA (sgla) PA PROVINCIA (sgla) Css pr(tl:la, addje reglras DOMICILIO FISCALE AL 0/0/0 PROVKCIA (sgla) FAMILIARI A CARICO BARRARE LA CASELLA C -- Cnuge FI - Prm fgl V = Fgle A - Altr D = Fg dsable Numer fgl resdent atrester CODICE FISCALE,,^,^ I cdce de cnuge va ndcat anche se CARICO DÌ nn fscalmente a carc) mm PERCENTUALE ULTERIORE DETRAZIONE PER FAMIGLIE CON ALMENO PÌGLI X A D F A D F A D DATI DEL SOSTITUTO DIMPOSTA CHE EFFETTUERÀ IL CONGUAGLIO COGNOME e NOME DENOMINAZIONE CODICE FlSCAsLE MANUTENCOOP FACILITY MANAGEM MANUTENCOO ZOLA PREDOSA (MI85) PROV. TIPOLOGIA CJIa.plaa,>cC-ì INDIRIZZO NUM. CIVICO C.A.P. BO VIA POLI 0069 FRAZIONE NUMERO DI TELEFONO/FAX INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA CODICE SEDE QUADRO A REDDITI DEI TERRENI 7 8 s N, POSSESSO CANONE DI AFFITTO ORD. TITOLO CASI rr!(\tnua7rw^>^ DOMINICALE AGF!ARIO < GIORNI 5 % PARTICOlAR;, IN REGIME VINCOLISTICO IMU A A A A A5 A6 n A7 A8 a caseta s fratta dell stess lerren (ìe rg precedente

2 B QUADRO B REDDITI DEI FABBRICATI SEZIONE I - REDDITI DEI FABBRICATI - TASSAZIONE ORDINARIA E CEDOLARE SECCA RENDITA ^UTILIZZO POSSESSO J GIORNI 5 COUICt CANONc CODICE FISCALE S CANONE D! LOCAZIONE 7 CA&Ì PARTICOLAR 8 MMMJffl». ^ ÌMUD0>^JTAPERL( cax!l*e SBXA fas 8 B B BS B6 B B0 B f ^ìt. hgl Md fterm- n- Estrem DATA l regst azne de cnfrsft SERIE Am cfear. 50 gg B Md. Estern d regts razne de cntratt Aln dtdf. fflerm. SERE NUMERO E SDTTQUM R0 lì» sa"!ci 6 7 B B QUADRO C REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI SEZIONE J - REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI C \ Tpdga reddt ndeterfha; DdetTrénat ^ C Tplc retìdt ; Tplga reddt C ; nde erm r a IO/ Del srmìnat C : PERÌODO DI LAVORO (grn per! qual spettan le detrazn) wfpoftn ASSOQG AWaSÌA ssrnutw Lavr pendente 65! Smme per ncrement della prduttvtà (cmplare sl ne cas prevst nelle struìnìì a«>c*m/u^t. s CONMAeUBR MOSTA ASSOGMPOSTA SOSTttWKA SEZIONE II - ALTRI REDBIIl ASSIMILATI A fluelu DI LAVORO DIPENDENTE Assegn de! cnuge C6.65 C7 C8 SEZIONE III - RITENUTE IRPÉF E ÀDDÌa^^ ALLRPÉF C9 RITENUTE IRPEF SEZIÓNE IV ^RlfENUfÉ ADOra T Wf ENUTE ÀCCÒNTO C ^ ADO.LE O.LECOMUN COMUNALE 0, ( xml0cudqr) SEZIONE y-^p^^^^ 5.75 DETRAZIONE RICONOSCIUTA C (punt 8 CJD 0) j QUADRO D ALTRI REDDITI RITENUTE C0 ADD.LE REGIONALE (Dum 6 CUD 0) 507 Cj ADD.LE COMUNALE 0 fpnt CUP 0.) SEZIONE VI-ALTRI DATI.^^rDATI IAL NETTO T * CONTaBUTD DEL CONTRIBUTO SOUDARIETA(punt 6 CUD 0); SEZIONE - REDDITI DI CAPITALE, LAVORO AUTONOMO E REDDITI DIVERSI TIPO DI P REDDITI RITENUTE IIPO DI " n ^ UTILI ED ALTRI _ ALTRI REDDITI " PROVENTI EQUIPARATI 0 Q CAPITALE 0 REDDITI DERIVANTI DA ATTIVITÀ ASSIMILATE AL LAVORO AUTONOMO TIPO DI RÈDDITO Assegn.dBfGnuge j Pensne, RITENUTE ACCONTO ea ADD.LE COMUNALE 0 (ptntcud0j 70 : cra-trat DI SOLlD>RO-A TRATTENUTO = «c a D \I DIVERSI I REDDITI DERIVANTI DA ATTIVITÀ OCCASIONALE "5 ; DA OBBLIGHI DI FARE, NON FARE E PERMETTERE I E SEZIONE II - REDDITI SOGGETTI A TASSAZIONE SEPARATA D6 Reddt percept da ered e legatar Reddjl.:, letale del decedut CHts ddle mpste sute successn D7 Impste ed ner rmbrsat nel 0 e altr reddt a tassazne separdta () Barrare a casella se s tratta della stessa untà mmblare del fg preced«te

3 CODICE FISCALE QUADRO E ONERI E SPESE SEZIONE I - SPESE PER LE QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DIMPOSTA DEL 9% DETERMINATE PATOLOGIE E SPESE SANITARIE E9 I INTERESSI PER muì CONTRATTI NEL 997 PER RECUPERO EDILIZIC E SPESE SANITARIE PER FAMILIARI NON A CARICO ( /Edere Istrudcm P n INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER LA COSTRUZIONE " DELL ABITAZIONE PRINCIPALE E SPESE SANITARIE PER DISABILI E INTERESSI PER PRESTITI 0 MUTUI AGRARI E SPESE VEICOLI PER DISABILI E ASSICURAZIONI SULLA VITA E CONTRO GLI INFORTUNI E5 SPESE PER LACQUISTO DI CANI GUIDA E SPESE DI ISTRUZIONE E6 SPESE SANITARIE RATEIZZATE IN PRECEDENZA E SPESE FUNEBRI E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER LACQUISTO DELLABITAZIONE PRINCIPALE E5 SPESE PER ADDETTI ALLASSISTENZA PERSONALE E8 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ALTRI IMMOBILI E6 SPESE PER ATTIVITÀ SPORTIVE PRATICATE DAI RAGAZZI E7 E8 ALTRE SPESE E9; ALTRE SPESE SEZIONE II - SPESE E ONERI PER I QUALI SPETTA LA DEDUZIONE DAL COMPLESSIVO CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ^ CSSN - RC.ecll Cn E ED ASSISTENZIALI! EscKjs dal sslrtut E E ASSEGNO AL CONIUGE Cdce fscale del cnuge CONTRIBUTI PER ADDETTI A SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI E7 DEDUCIBILITA ORDINARIA E8 LAVORATORI DI PRIMA OCCUPAZIONE N,escfasldalsllul E E5 E6 EROGAZIONI LBEIW.I A FAVORE DI ISTITUZIONI RELIGIOSE SPESE MEDICHE E D ASSISTENZA DEI PORTATORI DI HANDICAP ALTRI ONERI DEDUCÌBILI E9 FONDI IN SQUILIBRIO FINANZIARIO ESO FAIMILIARIA CARICO FONDO PENSIONE NEGOZIALE DIPENDENTI PUBBLICI Nn eadus dal asflut E SEZIONE III A - SPESE PER LE QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DEL 6% O % O 50% {INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO) Stusn parsclar Ann Perd Vedere cdca s^zìrj : Ann ^ àbts^ma^ne N. r!l= " Spesa N. tftdfe mrbte E; ; E E E SEZIONE III B - DATI CATASTALI IDENTIFICATIVI DEGLI IMMOBILI E ALTRI DATI PER FRUIRE DELLA DETRAZIONE DEL 6% O 50% N, rd. mmble Cndmn CODICE J!U SEZURB./ CATAST FOGLIO PARTICELLA E5 N. fd. mmble CODICE TU lp SEZ.URB./ CATAST. FOGLIO PARTICELLA E5I 6 7 ( CONDUTTORE (estrem regsraane cntratt) 00f.<AN0A ACCATASTAMENTO E5 ALTRI DATI DATA SERIIE E srtonu^^ DATA tjuwero SEZIONE IV - SPESE PER LE QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DIMPOSTA DEL 55% {INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO) E6 TIPO ÌNTERVENTO WNC CAS! PARTICOLARI RIDETcRMINAZIONE RATE RIPARTIZIONE RATE 5 NUMERO RATA 5 7 SPESA E6 E6 SEZIONE V - DATI PER FRUIRE DELLE DETRAZIONI DIMPOSTA PER CANONI DI LOCAZIONE TIPOLOGÌA N. D GIORNI PERCENTUALE E7 E SEZIONE VI - DATI PER FRUIRE DI ALTRE DETRAZIONI DMMPOSTA (Barrare la casella) DETRAZIONE PER SPESE r-ft SPESE ACQUISTO MOeLl.ELETTRODOMESTICl, E8 DI MANTENIMENTO DEI CANI GUIDA CO/;TV, CCAmUTER (ANNO QÙS) LAVORATOfìl DIPENDENTI CHE TRASFERISCONO LA RESIDENZA PER MOTIVI DI LAVORO jcodigé E8 ALTRE DETRAZIONI

4 CODICE FISCALE QUADRO F ACCONTLRITENUTE, ECCEDENZE E ALTRI DATI SEZIONE I - ACCONTI IRPEF, ADDIZIONALE COMUNALE E CEDOLARE SECCA RELATIVI AL 0 Prma raa A Trat!enulcMd,?0/0 5 Prma rata Dfferenza 9 mpnble add.le cmunale F Accnt IRPEF 0 Secnda 0 unca rata cedlare " Vefsa cn Md.F 0 Q Sscnca unca ra a Accnf r calclala mms strca Accnt IRPEF 0 Accnt a Id.eajnunale SEZIONE l - ALTRE RITENUTE SUBITE F I Addznale Regnale Addznae Cmunale IRPEF peravh scalfìenìe utl Addznale Regnale IRPEF attnta sprtve dettanlìstcfe I AddJznaSe Regnale IRPEF ; per avqt scalmente ÌM \ F F F5 F6 SEZIONE DI - ECCEDENZE RISULTANTI DALLE PRECEDENTI DICHIARAZIONI Cdce Regne I Addznale Regnale alli RPEF IRPEF 5 Cedlare Secca d ct gà cmpensata nf cmpssata nf d cu gà cmpensata nf SEZIONE IV - RITENUTE E ACCONTI SOSPESI PER EVENTI ECCEZIONAU ^ Impsta d cu gà ;>sttutv : cmpensata ; quar RT n Fr 6 Cdce Cc-mune A d t t z n a l e : d cu gà Cmunate cmpensata arrpef; ^00 n F [ 5 Q 7 lppds-a Event.AddJd Add,ìe S05t!tutwa cedlare cntnbtìl eccez. IRPEF Regraìfr: CfTìunale >rc<tlttvtà secca :00 sldaretà SEZIONE V - MISURA DEGLI ACCONTI PER LANNO 0 E RATEAZIONE DEL SALDO 0 Barrare a cases per nn effettuare versament d accnt RPEF Barrare la casella per nn efetìars versament d accnta ceddare sexa Versament d accntc IRPEF n msura mferre Versament d accnt cedare secca n msura SEZIONE VI - SOGLIE DI ESENZIONE ADDIZIONALE COMUNALE F7 Sgla estzne sald 0 F9 FIO tsenane Sgla tateatre ÌF8 esenzne \ acevlazn accnt M S!d0 0Ì SEZIONE VII - (DA COMPILARE SOLO NEL MOD. 70 INTEGRATIVO) mprt rmbrsat da ssttut dmpsta Credt utzzat cn l mdell F Credt per versament delim U ìrpef SEZIONE Vl-ALTRI DATI mprt Ulterre Fl rmbrsat detrazne ; da ssttut per "gl ; Gì G IRPEF Detrazn cann lcazne Addznale Regnale snrpef r Credt Addznae Regnale QUADRO G CREDITI DIMPOSTA SEZIONE I - CREDITI DIMPOSTA RELATIVI Al FABBRICATI Credt rst^ust prma casa resdu :^ precedente ; ddarazre ] a-edt ann 0 Barrare la casella per nn effettuare ; -, I versament dì accnt add.le cmunale : Adc!Ìna!e Cmunale alurpef Credt Addznale Cmunale F fscale Restl- ; zfe bnus SEZIONE II - CREDITO DIMPOSTA REINTEGRO ANTICIPAZIONI FONDI PENSIONE Ann t Rantegr ^ Resdu antc Ttale; Smma ^precedente pazne Parzale rentegrata! dcharaz, SEZIONE Ut CREDITO DIMPOSTA PER REDDITI PRODOTTI ALLESTERO sratdnac Versarr!ent d accnt addje cmufìse n msura nfsrfe : Muner rate (n cas d ddìarazne cngunta ndcare l dat sl nd mdell de! dcharante) Esenzne ttale/altre agevlazn accnt 0 F : ment press terz Cedlare secca Credt ced^are secca Tp reddt : d cu Credt cann d cntpensat G lcazne nn percep ^00 net md. F (vedere struzn) S lann Ì0Ì cnpes^t nd. F Ì 5 Cdce Stat Reddt ester Reddt ester trrìpstg estera cmplessv G Credt uzzat d Ol relatv Impsta mpsta nele precedent a Stat sster lrda netta dcnaraznì d C0Ì. SEZIONE IV - CREDITO DIMPOSTA PER GLI IMMOBILI COLPITI DAL SISMA IN ABRUZZO G5 Abtazne prncpale G6 Altr mmbl SEZIONE V - CREDITO DIMPOSTA PER INCREMENTO OCCUPAZIONE Resdu (57 precedente mpresa/ Prfessne QUADRO I IMU Cdce fscale \e fscale d cu : cmpensat nel md. F : Numer rata! Numer L ras! G8 Resìdu precedente dtìaraz. Ttale credt Rsìeazne j \ precedente dcharazne! Ttale j credl SEZIONE VI. CREDITO DIMPOSTA PER MEDIAZIONI Barrare a casella se s ntende utlzzare, cn! Md. F,!nter mprt del credt rsultante dala presente dcharazne per! versament delmu dvuta per lann 0; n tal cas lnter ammntare degl mprt a credt nn sarà rmbrsat da ssttut dmpsta OPPURE cmpensab nelmd.f! ndcare rammentare dellmu dvuta per lann 0 che s ntende versare cn! mdell F medante cmpensazne del credt nsutante dalla presente dcharazne; n tal cas l credt nn sarà rmbrsat dal ssttut dmpsta fn a cncnrenza detl^mpn ndcat nela casella " FIRMA DELLA DICHIARAZIONE Cn lappszne della frma s esprme anche l cnsens a trattament te dat sensbl ndcat nella dcharazne FIRMA DEL CONTRIBUENTE I Barrare la casela per rchedere d essere nfrmat drettamente dal sggett che N. mdeìt cmplat j presta lassstenza fscale d eventual cmuncazn defagenza dele Entrate ^ RALENTI GIUSEPPE 5 8 tu < O

5 CODICE FISCALE QUADRO E ONERI E SPESE SEZIONE I - SPESE PER LE QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DIMPOSTA DEL 9% E SPESE SANITARIE DETERMINATE PATOLOGIE E9 INTERESSI PER MUTUI CONTRATTI NEL 997 PER RECUPERO EDILIZIO E SPESE SANITARIE PER FAMILIARI NON A CARICO (/Bdere ìalftks E0 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER LA COSTRUZIONE DELLABITAZIONE PRINCIPALE E SPESE SANITARIE PER DISABILI E INTERESSI PER PRESTITI 0 MUTUI AGRARI E SPESE VEICOLI PER DISABILI E ASSICURAZIONI SULLA VITA E CONTRO GLI INFORTUNI E5 SPESE PER LACQUISTO DI CANI GUIDA E SPESE DI ISTRUZIONE E6 SPESE SANITARIE RATEIZZATE W PRECEDENZA E SPESE FUNEBRI E7 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER LACQUISTO DELLABITAZIONE PRINCIPALE E5 SPESE PER ADDETTI ALLASSISTENZA PERSONALE E8 INTERESSI PER MUTUI IPOTECARI PER ACQUISTO ALTRI IMMOBILI E6 SPESE PER ATTIVITÀ SPORTIVE PRATICATE DAI RAGAZZI E7 E6 ALTRI ONERI DEDUCIBILI :E8l ALTRE SPESE jl E E9; ALTRE SPESE SEZLQN! _-SPESE E ONERI P DEDUZIONE DAL COM^^ E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI CSSN - RC yelcl Ì Cntrbut per prevdenza cmphmenlare ED ASSISTENZIALI ; Lsc^js dal sstlla Nn gsdust dgl ssllul E Cdce fscale del cnuqe E7 DEDUCIBILITA ORDINARIA ASSEGNO AL CONIUGE E8 LAVORATORI DI PRIMA OCCUPAZIONE E CONTRIBUTI PER ADDETTI Al SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI.uu O : E9 FONDI IN SQUILIBRIO FINANZIARIO ED uj E EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI ISTITUZIONI RELIGIOSE J E0 FAMILIARI A CARICO E5 SPESE MEDICHE E DI ASSISTENZA DEI PORTATORI DI HANDICAP FONDO PENSIONE NEGOZIALE DIPENDENTI PUBBLICI Esclus da sstltc Qum TFR Nn esclus dal sslt < SEZIONE Il A - SPESE PER LE QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DEL 6% 0 % 0 50% (INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO) Stas-ìra paruclar Ann Perd 006( Cdce fscaìe yà-. ; CDdka Ann ft«er azn. ; s&tsfrj ra,b ; Sfjesa H. drdne E E E E : 5 B SEZIONE Il B - DATI CATASTALI IDENTIFICATIVI DEGLI IMMOBILI E ALTRI DATI PER FRUIRE DELLA DETRAZIONE DEL 6% O 50% 0 \. rd. mmble Cndmn CODICE T.TJ l.-p SEZ,URB CATAST FOGLIO PARTICELLA SUBALTERNO E5Ì N. rd, mmble Cndmn E5 N. drdne ALTRI mmble C5: DATI COOIGE CO«UNE TU l/p 6 StZ,URB., CATAST, 6 7 CONDUTTORE {estrem regstrazne cntratt) DATA SERIE «flésbk. FOGLIO."OOCe UFFICtO ASENZìA CNTRAÌE PARTICELLA SUBALTERNO 00t,ASDA ACCATASTAMENTO DATA NUyesO E6 E6 SEZIONE IV - SPESE PER LE QUALI SPETTA LA DETRAZIONE DIMPOSTA DEL 55% (INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO) TIPO INTERVENTO CASI PARTCOUR NUMERO RATA l; B I E6 -s E7 SEZIONE V - DATI PER FRUIRE DELLE DETRAZIONI DIMPOSTA PER CANONI DI LOCAZIONE TIPOLOGIA N. DI GIORNI INQULINì DI ALLOGGI AOÌBIT! ^ AD ABITAZIONE PRINCIPALE SEZIONE VI - DATI PER FRUIRE DI ALTRE DETRAZIONI DIMPOSTA (Banarela caselb PERCENTUALE N.OI GIORNI PERCENTUALE LAVORATORI DPENOENTt E7 CHE TRASFERSCONO LA RESIDENZA \ MOTIVÌ D LAVORO C-^! tol DETRAZIONE PER SPESE DI MANTENÌMENTO DEI CANI GUIDA C^ SPESE ACQUISTO MOBL!,ELETTRODOMESTICI, C.OZV-/, COMPUTER (ANNO 009) ;E8 ALTRE DETRAZtONì

6 MODELLO 70- reddt 0 Mdell N. prspett d lqudazne relatv alla assstenza fscale prestata * mpegn ad nfrmare! cntrbuente d eventual cmuncazn 70 dellagenza delle Entrate relatve alla presente dcharazne 70 r ntegratv j ntrate CODICE FISCALE COGNOME E NOME O DENOMINAZIONE rettfcatv [ N, SGRZICNE ALfALSO!E CAr= SOSTITUTO DIMPOSTA 0 C.A.F, 0 PROFESSIONISTA ABILITATO CAF SERVIZI FISCALI S.R.L. 9 RESPONSABILE ASSISTENZA FISCALE GNNGPP 6C0 5B 0Q GENNUSO GIUSEPPE DICHIARANTE VALENTI GIUSEPPE CONIUGE DICHIARANTE CARACAUSITERESA RIEPILOGO DEI REDDITI. DICHIARANTE CONIUGE REDDITI DOMINICALI REDDITI AGRARI REDDITI DEI FABBRICATI j. REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI 9. 5 ALTRI REDDITI 6 IMPONIBILE CEDOLARE SECCA M CALCOLO DEL IMPONIBILE E DELLIMPOSTA LORDA DICHIARANTE CONIUGE COMPLESSIVO ONERI DEDUCIBILI lyponlbile Cmpens per attvtà sprtve dlettantstche cn rtenuta a ttl dtnpsta 6 IMPOSTA LORDA 7.59 CALCOLO DETRAZIONI E CREDITI DIMPOSTA DICHIARANTE CONIUGE Detrazne per cnuge a carc _ Detrazne per fgl a carc.7 00 Ulterre detrazne per fgl a carc Detrazne per altr famlar a carc 5 Detrazne per reddt d lavr dpendente 859 OD 6 Detrazne per reddt d pensne 7 Detrazne per reddt assmlat a (juel d lavr dpendente e altr reddt 8 Detrazne per gl ner d cu alla sezne del quadr E 0 IO 9" Detrazne per gl ner d cu alla sezne III del quadr E 0 Detrazne per gl ner d cu alla sezne IV del quadr E Detrazn per cann d ìcazne dì cu alla sezne V de quadr E 0 Altre detrazn d cu alla sezne VI del quadr E Detrazne per l persnale del cmpart scurezza, dfesa e sccrs Credt dmpsta per l racqusl della prìta casa 5 Credt dmpsta per lncrement dellccupazne 6 Cnedt dmpsta rentegr antcpazn fnd pensne 7 Credt dmpsta per medazn! 8 TOTALE DETRAZIONI E CREDITI DIMPOSTA - : CALCOLO DELLIMPOSTA NETTA E DEL RIGO DIFFERENZA DICfflsRSfffÈ SONIUGE 5 IMPOSTA NETTA.56 5 Credt dmpsta per altr mmbl - Ssma Abntzz 5 Credt dmpsta per labtazne pnncpale - Ssma Abruzz 5 Credt dmpsta per mpste pagate allester 55 Credt dmpsta per cann nn percept 56 RITENUTE DIFFERENZA ECCEDENZA DELLIRPEF RISULTANTE DALLA PRECEDENTE DICHIARAZIONE 59 ACCONTI VERSATI 60 RESTITUZIONE BONUS DICHIARANTE -» gpniuge CALCOLO DELLE ADDIZIONALI REGIONALE E COMUNALE ALLIRPÉF 7 IMPONIBILE 9.: 7 ADDIZIONALE REGIONALE ALLIRPÉF DOVUTA ADDIZIONALE REGIONALE ALLIRPÉF RISULTANTE DALLA CERTIFICAZIONE "7 ECCEDENZADELLADDaONALE REGIONALE ALIRPEF RISULTANTE DALLA PRECEDENTE DOHIARAZONE 75 ADDIZIONALE COMUNALE ALLIRPÉF DOVUTA 5 76 ADDIZIONALE COMUNALE ALLIRPÉF RISULTANTE DALLA CERTIFICAZIONE E/O VERSATA 0 77 ECCEDENZADEIIADOIZIONALE COMUNALE ALLTJPEF RISULTANTE DALLA PRECEDENTE DICHtARAZCTC 78 ACCONTO ADDIZIONALE COMUNALE ALLIRPÉF PER IL ACCONTO PER LADDIZIONALE COMUNALE 0 RISULTANTE DALLA CERTIFICAZIONE 70 CEDOLARE SECCA LOCAZIONI / CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ DICHIARANTE. PgNIUG^ 8 CEDOLARE SECCA DOVUTA 8 ECCEDENZA CEDOLARE SECCA RISULTANTE DALLA PRECEDENTE OCHIARAZlONE

7 Mdell N. 8 j ACCONTI C E D O L A R E S E C C A VERSATI P E R IL 0 8 BASE Ì M P O N Ì B I L E CObmRIBUTO D SOLIDARIETÀ CONTRIBUTO DI SOUDARIETA D O V L I T O CONTRIBUTO 0 SOLIDARIETÀ RISULTANTE D A L L ^ C E R n F l C A Z I O N E n na7nmp np "- 5 p I M P O C Ì T F : ÌTfartìnn DEL DICHIARANTE dì cu da lllzzare n csttpetsa- : zecn Fp rvbr5tet9(u ; Credte t?!ttkysabs d cu de rmbrsare ft^x)ft dfl nn a cura de! ssttut versa, 89 9 IRPEF 9 ADDIZIONALE REGIONALE IRPEH 9 9 ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 95 % S E C O N D A O UNICA RATA DI ACCONTO IRPEF PER IL 0 97 ACCONfTO ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF PER I L Q 98 IMPOSTA SOSTITUTTVA SOMME P E R INCREMENTO DELLA PROOUTTlVrrA 99 CEOOlAfESECCALOCAZONI \ 00 0 PRIMA RATADI A C C O N T O 0 CONTRIBUTO DI SOUDARIETA PRIMA DESm CRBm I )mf0dfdatraltene9 m 89, l ; RATADI ACCOr^fTO IRPEF PER IL 0 ACCONTO 0% REDDITI TASSAZIONE SEPARATA C E D O A R E S E C C A P E R IL 0 SECONDA 0 UNICA RATADI ACCONTO CEDOLARE S E C C A PER IL 0,cc DEL CONIUGE DESm CRHjm l l O l l l D A Z I O N E D E L L E IMPOfSTE n^xxltxjn rtnbl^ dj cu da utlzzare n cftpensazfane cn F per vefsatnent ttóu Oedb IHMd- ADDIZIONALE REGIONALE IRPEF,l ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF PRIMA 5 S E C O N D A 0 UNICA RATA DI A C C O N T O I R P E F P E R IL 0 6 ACCONTO 0 % R E D D I T I TASSAZIONE SEPARATA 7 ACCONTO ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF P E R IL 0 8 IMPOSTA SOSTITUTTVA SOMME P E R INCREMENTO DELLAPRODUTTMTA 89,( dì cu da mprt da nn rmbrsare a cura de ssttut ìtnptldattattenefe acuadetsstul vefsae 5 6.M 00[ 89 00: 89,(X) 88 < È RATA DI ACCONTO IRPEF PER IL 0 9 CEDOLARE S E C C A LOCAZIOl^l 0 PRIMA RATADI ACCONTO CEDOLARE S E C C A PER IL 0 > LJ <,.. _.?...g S E C O N D A O UNICA R A T A D I ACCONTO CEDOLORE S E C C A P E R IL 0 CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÀ ALTRI DATI DICHIARANTE? CONIUGE H Resdu del credt dmpste per l racqust della prma casa da utlzzare n nnpensazne Resdu del credt dmpsta per lncrement dellccupazne da utlzzare n cmpensazne Resdu del credt dmpsta per labtazne prndpae - Ssma Abnjzz Resdu del dedt dmpsta rente grò antcpazn fnd pensne 5 Resdu del credt dmpsta per medazn y 6 Ttale spese santare ratezzate nella presente dcharazne (rgh E, E e E) 7 Reddt drfermentper agevlazn fscal (cmprensv dshlmpntle cedlare secca lcazn) 5, DICHIARANTE Credt lzzat sa _,q I pagale allester Reddt fndar nn mpnbl 8 Reddt abtazne prncpale e pertnenze 8 RISULTATO DELLA LIQUIDAZIONE - IMPORTI TRATTENUTI 0 RIMBORSATI DAL DATORE DI LAVORO 0 DALLENTE PENSIONISTICO IK BUSTA PAGA R I C H I E S T A DI R A T E I Z Z A Z D N E DEI V E R S A M E N T I DI S A L D O E D E G L I E V E N T U A L I A C C O N T I IN 5 Mesedtug!» d agst settembre per pesnat) RAFE Mese ( nvembre (secnda 0 unca rata d accnt «PEF e eeddae secca) {ww IMPORTO C H E S A R A T R A T T E N U T O DAL D A T O R E DI L A V O R O 0 D A L L E N T E PENSIONISTICO IN BUSTA P A G A (rsultante dalla smma d tutt g mprt da trattenere e da rmbrsare a cura del ssttut relatfl al dcharante ed al cnuge) Nel cas d rctesta d ratezzazne, lmprt d clnna sarà rpartt da datre d lavr n base al numer d rate rchest I M P O R T O C H E S A R A R I M B O R S A T O DAL D A T O R E DI L A V O R O 0 D A L L E N T E PEI>JSI0NSTC0 IN B U S T A P A G A (rsultante dalla s m m a d tlt gl mprt d a trattenere e da rmbrsare a cura del ssttut relatv a dcharante e d a c n u g e ) DATI COMPILAZIONE MODELLO F PER PAGAMENTO IMU craptìo rate m M seta se ntì qjad ^ M J s è fch^ A thrstp ì r-tprffr rafcrtervìr (Ì-+Jan7Wv^ npf n.-!fanpr*ff.f COOICETRIBUTO : ANNODIRFERWENTO w CONIWJE DICHIARANTE R^ÌÌ^M-,,^. ; CredD Cdce Reane.CrUnt ^ Creat 6 IRPEF ^ 6 ADDIZIONALE REGIONALE ALLIRPÉF ADDIZIONALE COMUNALE ALLRPEF 8 0 CEDOtARE SECCA LOCAZIONI 8 0 6S TOTALE MESSAGGI SEGUE FSftó D a D«C(«DI L * W O > D a RWPRBENTAKTE t m - B I T E StaWJIE 0 DB-ffSPOMSABIt tm.ass!stb<»rsca DaCAF.Otm.I*ROffSaOHSTAABIJ^ ^ CHìtutSzzat stat CONIUCSOC.. 9. Tt* dedt ulfezat ATTO 00 - :^ è - GENNUSO GIUSEPPE

8 AGENZIA DELLE ENTRATE MOD. 70- PER IL C.A.R O PER IL PROFESSIONISTA ABILITATO REDDITI 0 SI DICHIARA CHE Mdell 70 ntegratv RICEVUTA DELLAVVENUTA CONSEGNA DELLA DICHIARAZIONE MOD. 70 E DELLA BUSTA CONTENENTE IL MOD 70- pagna n. d pagne COGNOME VALENTI NOME GIUSEPPE CODICE FISC,«.E COGNOME CARACAUSI NOME TERESA CODICE FISCALE HA/HANNO CONSEGNATO IN DATA.0./.0.6./Q LA DICHIARAZIONE MOD. 70/0 PER I REDDITI 0, IL MOD. 70- PER LA SCELTA DELLA DESTINAZIONE DELLOTTO PER MILLE DELLIRPEF E PER LA SCELTA DELLA DESTINAZIONE DEL CINQUE PER MILLE DELLIRPEF. HA/HANNO INOLTRE ESIBITO I SOTTOELENCATI DOCUMENTI RELATIVI Al DATI ESPOSTI NELLA DICHIARAZIONE. IL C.A.F. O IL PROFESSIONISTA ABILITATO, SULLA BASE DEGLI ELEMENTI FORNITI E DEI DOCUMENTI ESIBITI, SI IMPEGNA AD ELABORARE LA DICHIARAZIONE E A TRASMETTERLA IN VIA TELEMATICA ALLAGENZIA DELLE ENTRATE, PREVIA VERIFICA, TRAMITE IL RESPONSABILE DELLASSISTENZA FISCALE, DELLA CORRETTEZZA E LEGITTIMITÀ DEI DATI E DEI CALCOLI ESPOSTI. IL CAF O IL PROFESSIONISTA ABILITATO INOLTRE, A SEGUITO DELLA RICHIESTA RISCONTRATA NEL MODELLO 70, SI IMPEGNA NON SI IMPEGNA AD INFORMARE DIRETTAMENTE IL CONTRIBUENTE DI EVENTUALI COMUNICAZIONI DELLAGENZIA DELLE ENTRATE RELATIVE ALLA PRESENTE DICHIARAZIONE. TIPOLOGIA ELENCO DEI DOCUMENTI ESIBITI IMPORTO DOCUMENTI RELATIVI AL DICHIARANTE: N. CUD lavr dpendente/assmlat cn rtenute IRPEF relatv a reddt per eur 9. N. CUD lavr dpendente/assmlat cn rtenute Add. Reg. per eur N. CUD lavr dp./assmlat cn rt. Add. Ct.-accnt 0 per eur N. CUD lavr dp./assmlat cn rt. acc. Add. Cm.-sald 0 per eur N. CUD lavr dp./assmlat cn rt. Add. Cm.-accnt 0 per eur N. dcument ANALISI CLINICHE ED ESAMI N. dcument VISITE SPECIALISTICHE N. dcument PRESTAZIONI SANITARIIE N. scntrn fscal per acqust medcnal per eur Dcumentazne attnente prem d asscurazne vta e nfrtun per eur Dcumentazne attnente le spese funebr relatve al (Gentr/Ascendent prssm) defunt d cu al rg E per eur Dcumentazne attnente le spese funebr relatve al (Gentr/Ascendent prssm) defunt d cu al rg E per eur Dcum. attestante la spettanza della detrazne per nquln d mmbl adbt ad abtazne prncpale DOCUMENTI RELATIVI AL CONIUGE: N. CUD lavr dendente/assmlat cn rtenute IRPEF relatv a reddt per eur N. CUD lavr dpendente/assmlat cn rtenute Add. Reg. per eur N. CUD lavr dp./assmlat cn rt. Add. Cm.-accnt 0 per eur N. CUD lavr dp./assmlat cn rt. acc. Add. Cm.-sald 0 per eur FIRMA DELLINCARICATO DEL C.A.F. 0 DEL PROFESSIONISTA ABILITATO FIRMA DEL CONTRIBUENTE RACCOGLIA DOMENICA VALENTI GIUSEPPE

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/2014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

NOVEMBRE 2013 -IN CORSO Regione Basilicata, Via Vincenzo Verrastro, 4 - Potenza. Presidente Regione Basilicata

NOVEMBRE 2013 -IN CORSO Regione Basilicata, Via Vincenzo Verrastro, 4 - Potenza. Presidente Regione Basilicata FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE,... I ~ INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo domicilio Telefono E-mail Nazionalità Data di nascita MAURIZIO MARCELLO CLAUDIO PITTELLA Rocco SCOTELLARO, 85 85044

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO

NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO NOVITA PRESENTAZIONE MOD. 730 AUTO-COMPILATO Dal 2015 l Agenzia delle Entrate metterà a disposizione dei contribuenti il modello 730 parzialmente precompilato; conterrà infatti i dati del reddito da lavoro

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2014) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2014) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA

CERTIFICAZIONE UNICA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CERTIFICAZIONE UNICA VITTORIA LETIZIA LEONE 06 Febbraio 2015 - ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Esempio 1 La Società Pollicino

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale

Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Fringe benefits e rimborsi spese ai lavoratori: trattamento fiscale Mauro Porcelli 1 I fringe benefits sono emolumenti aggiuntivi della retribuzione costituiscono vantaggi accessori servono a motivare

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente

I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente I.S.E.E. Indicatore della Situazione Economica Equivalente D.P.C.M. 5 Dicembre 2013 n. 159 G.U n. 19 del 24 Gennaio 2014 LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI I QUESITI SONO STATI RACCOLTI DALLA CONSULTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia

Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia Nuovo ISEE 2014: calcolo reddito e nuove soglie franchigia Nuovo ISEE 2014 calcolo reddito e nuove soglie e franchigia prima casa, figli e disabili, da quando e quali redditi sono inclusi, come e dove

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Ministero delle Finanze DIPARTIMENTO DELLE ENTRATE DIR.CENTRALE: AFFARI GIURIDICI E CONTENZ. TRIBUTARIO Circolare del 12/05/2000 n. 95 Oggetto: Videoconferenza modello 730/2000. Risposte a quesiti vari.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE DICHIARA- genzia ZIONE ntrate genzia ntrate DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE MOD. 4 Direzione Provinciale Direzione di Provinciale di Ufficio Territoriale di Ufficio Territoriale di PARTE RISERVATA ALL UFFICIO

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli