FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)"

Transcript

1 FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione dei flussi finanziari che permette alle aziende di anticipare di tre quattro/mesi i flussi delle entrate e delle uscite, gestendo in modo ottimale i fidi e gli anticipi. Le aziende così formate non si saranno impreparate di fronte a situazioni di minor liquidità, perché ne anticiperanno gli effetti. 1 b) Riduzione degli oneri finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per analizzare e verificare sistematicamente la documentazione bancaria, e per negoziare con le banche la disposizione di affidamenti calibrati in base alle proprie reali esigenze. Si daranno gli strumenti conoscitivi al fine della verifica costante de l corretto rapporto tra finanziamenti a breve e medio lungo termine, oltre che delle opportunità di ricevere contributi pubblici a riduzione del peso finanziario e degli oneri conseguenti. 1 c) Miglioramento rating e accesso al credito bancario Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per analizzare e monitorare costantemente i propri rating bancari con le banche con cui operano. Si approfondiranno le variabili maggiormente influenti ed i meccanismi su cui agire per mirare a rating eccellenti, attraverso la predisposizione di documentazione programmatica (business plan, piani commerciali ed altre notizie) in grado di elevare il rating. Si vedrà come il bilancio possa essere costruito in modo da rendere evidenti i progressi e ottimizzare gli indicatori in grado di favorire la valutazione bancaria. 2. PRICING 2 a) Capacità di analizzare i costi dei propri prodotti servizi Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire una contabilità analitica che permette alle imprese di monitorare il costo dei propri prodotti (sia a livello di costi diretti che indiretti). Saranno dati gli strumenti conoscitivi per definire con precisione e affidabilità la marginalità percentuale apportata da ciascun prodotto/servizio. 2 b) Eliminazione del prodotto in perdita Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per monitorare costantemente i presentano margini di contribuzione (lordi e semilordi) negativi, oltre che risultati netti negativi. prodotti che

2 Nei casi nei quali non è possibile operare revisioni dei prezzi e in cui le sinergie con altri prodotti a maggiore marginalità sono scarse, è possibile procedere con l eliminazione di tali prodotti al fine di salvaguardare l economicità complessiva. 2 c) Ottimizzazione dei propri listini e prezzi di riferimento Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per l aggiornamento costante dei propri listini e prezzi di riferimento, al fine di tenere conto delle nuove marginalità che si rilevano. Un listino costruito con accuratezza è un asset fondamentale per garantire margini affidabili dal singolo prodotto/servizio. 3. PIANO E BUDGET 3 a) Capacità di costruire piani e budget aziendali Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire e comunicare piani aziendali di medio termine e budget. Queste attività coinvolgono nel processo tutti i responsabili di funzione aziendale (è un processo che non impegna la sola area amministrativa, ma coinvolge tutta l azienda). I singoli budget (commerciale, di produzione, degli investimenti, budget economico e finanziario) sono alla base delle strategie operative aziendali, insieme all analisi periodica degli scostamenti tra risultato e programma. 3 b) Miglioramento della guida e controllo dell azienda Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per disporre di una chiara vision finanziaria a medio termine. Esiste un processo a cascata che traduce tale meta in piani strategici e influenza il sistema budgetario. Una buona performance aziendale in tal senso è caratterizzata da obiettivi non solo economico-finanziari, ma anche di miglioramento di processi, quali la riduzione degli sprechi o i l m i g l i o r a m e n t o delle performance della rete di vendita. E fondamentale instaurare una profonda cultura del controllo e della ripianificazione continua. 3 c) Controllo e riduzione dei costi interni Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per la verifica costante di tutti i propri costi interni, al fine di individuare eventuali sprechi e possibili efficientamenti. Tra le possibili strategie da applicare: azioni di cost reduction e premi al personale per le azioni di miglioramento intraprese in tale direzione.

3 LEAN PRODUCTION 1. LEAN PRODUCTION 1 a) Riduzione errori, scarti, sprechi e rischi Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per favorire un miglioramento continuo dei processi produttivi, attraverso la misurazione costante degli errori e de gli sprechi, e la condivisione con tutta l azienda di tali indicatori tramite rappresentazione grafica dei relativi dati. E fondamentale costruire la cultura dell attenzione alla sicurezza e alla riduzione dei rischi per i propri dipendenti, insieme a un percorso di ordine e semplificazione della produzione. 1 b) Eliminazione processi senza valore aggiunto Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per rimettere costantemente in discussione i propri processi interni, alla ricerca di procedure o fasi che non generano valore aggiunto per l impresa. Si daranno gli strumenti per l individuazione di semplificazioni e metodi operativi più efficaci con l obbiettivo di creare efficienza interna e nel contempo massimo valore per l azienda cliente. 1 c) Incremento produttività per addetto Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per conquistare massimizzare l efficienza nei propri processi interni. Attraverso la riduzione di tempi morti (ad es. semplificazione attrezzaggio macchine) le imprese guadagnano costantemente punti percentuali in termini di efficienza e di conseguenza incrementano la produttività per addetto. Tale parametro è considerato strategico e costantemente monitorato. 2. ACQUISTI E MAGAZZINO 2 a) Ottimizzazione prezzi e condizioni di fornitura Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per sviluppare un processo interno di confronto costante delle condizioni e performance dei propri fornitori. Chi ha responsabilità sugli acquisti ha sviluppato tecniche di negoziazione che gli permettono nel corso dell anno eccellenti economie nei costi di approvvigionamento e nel contempo una misura costante (espressa con indicatori numerici) delle risposte che i singoli fornitori forniscono all azienda (analisi difformità, tempi di consegna, ecc). Verrà inoltre analizzata la procedura di analisi della convenienza degli sconti con pagamento pronta cassa, che permette ulteriori economie.

4 2 b) Creazione processo di qualificazione fornitori Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire una procedura di qualificazione fornitori che porta le imprese a servirsi di pochi fornitori qualificati e costantemente monitorati a condizioni economiche estremamente vantaggiose. Il fornitore deve essere un partner che garantisce priorità all azienda cliente (su condizioni economiche, tempistica, gestione reclami di fornitura etc.). Nei processi di acquisto di maggior rilievo l azienda imparerà a sviluppare modalità di confronto tra i propri fornitori qualificati, che permetteranno in tempi rapidi di individuare la migliore offerta di servizi e prodotti. 2 c) Riduzione giacenze magazzino Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per mantenere dimensioni del magazzino estremamente ridotte, grazie alla costruzione di partnership con i fornitori/partner, per garantirsi tempi di consegna affidabili e sufficientemente rapidi. Allo stesso modo definiranno un meccanismo di dimensionamento del loro ottimale di riordino (per eventuali giacenze eccessive e rischi di sottoscorta). Si introdurranno conoscenze dei sistemi di gestione in tempo reale del magazzino, che permettono di monitorare in tempo reale le proprie giacenze al fine di determinare il momento esatto del riordino. Si definirà anche il concetto di space management per la corretta allocazione dei materiali in magazzino. 3. ORGANIZZAZIONE 3 a) Perfezionamento dei processi interni Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per codificare in modo efficace i loro processi interni (acquisti, produzione, progettazione,amministrazione, sviluppo personale etc.) e creare una cultura interna dell ordine e del rispetto dei processi. La capacità di lasciare spazio e iniziativa ai propri collaboratori (senso di imprenditorialità) nei limiti e confini del rispetto dei processi, si accompagna alla misurazione costante degli errori rispetto ai processi codificati (non conformità) e alla analisi delle possibili azioni di miglioramento. 3 b) Definizione di funzioni e ruoli Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire con accuratezza le funzioni interne ed i ruoli mediante la rappresentazione di un organigramma con job description dettagliate. E strategico il corretto rispetto e presidio delle singoli funzioni aziendali, oltre che la conseguente maggior facilità di collaborazione tra funzioni in un ottica di team. E fondamentale monitorare tutti i casi nei quali la singola funzione non sia stata presidiata (responsabilità disattese) o si siano verificate sovrapposizioni (responsabilità non chiara) intervenendo immediatamente a migliorare il sistema. 3 c) Consapevolezza interna di ruoli e responsabilità Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per dedicano trasferire consapevolezza e comprensione dei singoli ruoli e responsabilità da parte del personale interno. Tale consapevolezza si acquisisce misurando le situazioni di sovrapposizione o di non copertura di funzioni e intervistando periodicamente il personale per accertarsi che le singole funzioni e responsabilità siano chiare ed

5 accettate. E necessaria la corretta comprensione dei ruoli degli altri, ossia della capacità del singolo collaboratore di conoscere ed apprezzare il lavoro di altre funzioni cogliendone le complessità e le relazioni con la propria attività. 3 d) Rispetto normativa obbligatoria SICUREZZA 3 e) Ottimizzazione competenze informatiche 3 f) Migliore conoscenze lingue straniere AREA SALES 1. SVILUPPO NUOVI CLIENTI 1 a) Incremento dei contatti con potenziali clienti Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire strumenti di marketing strategico e operativo in grado di generare costantemente nuovi contatti potenziali, che possono originare nuove opportunità commerciali. Nei propri obiettivi strategici è vincente definire tassi di incremento del parametro nuovo contatto potenziale, monitorarli premiarli o incentivarli. Diventa fondamentale disporre di strumenti di CRM (Customer Relationship Management) e di SFA (Sales Force Automation) in grado di misurare il parametro con assoluta precisione. 1 b) Incremento delle opportunità commerciali Il modulo formativo attribuisce estrema importanza alla misurazione del numero di opportunità commerciali attive (non ordini o vendite che ne sono una conseguenza) e al monitoraggio del loro tasso di crescita. La centralità di tale parametro porta le imprese a lavorare sull incremento dei contatti a monte, sulla modifica del listino o anche sulla capacità del venditore o del Customer Care di fare marketing sui clienti esistenti e sui nuovi clienti. 1 c) Incremento della rete di segnalatori Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire una efficace rete di segnalatori, ossia un network di persone vicine al proprio business (architetti per azienda di impiantistica, commercialisti per prodotti finanziari etc) che svolgono un preziosissimo ruolo di apripista alle figure tecniche, che svolgono poi di fatto un ruolo commerciale. Le imprese devono monitorare il lavoro del network di segnalatori mediante strumenti di CRM (Customer Relationship Management) e di SFA (Sales Force Automation) e incentivare correttamente tale lavoro.

6 2. PIANIFICAZIONE DELLE VENDITE 2 a) Sviluppo capacità di chiusura delle vendite della rete Il modulo formativo pone l accento sull importanza di inserire nei propri obbiettivi strategici la crescita costante del tasso di chiusura delle vendite della propria rete (venditore, ma anche addetto alle vendite presso il punto vendita). Per questo scopo le imprese devono attuare percorsi formativi mirati alle risorse dedicate alla vendita e misurarne in parallelo i miglioramenti, facendo riferimento al suddetto parametro. 2 b) Sviluppo capacità di fidelizzazione dei clienti Il modulo formativo pone l accento sull importanza di misurare costantemente il tasso di fidelizzazione dei propri clienti attuali (tramite misurazioni di customer satisfaction e customer loyalty mediante ad esempio indicatori quali il rapporto tra vendite dell anno in corso e degli anni precedenti riferite agli stessi clienti). Diviene fondamentale dedicare risorse ad azioni di marketing tese a rafforzare il legame con i propri clienti attuali e adottare sistemi incentivanti che premiano la fedeltà e l incremento di penetrazione sulla clientela già acquisita. 2 c) Incremento produttività della rete vendita Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire percorsi di crescita della rete di vendita (sia interna che esterna). Ciò vale sia per vendite presso il cliente che presso il punto vendita. Le aziende dispongon di mappe delle competenze del ruolo del venditore e sviluppano percorsi di coaching e affiancamento ai venditori, monitorando costantemente lo sviluppo delle loro capacità e le conseguenti ricadute in termini di produttività (ricavi per venditore e margini di contribuzione del venditore). 3. SALES MANAGEMENT 3 a) Sviluppo flusso informativo delle vendite e della rete Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per organizzare sistemi di scambio di informazioni tra azienda e rete vendita, che permettono alla direzione commerciale di ricevere informazioni in tempo reale dai venditori (normalmente mediante strumenti su web) in merito a nuovi clienti, nuovi appuntamenti, nuove opportunità commerciali, reclami etc. Imparare ad organizzare una knowledge di base (base informativa) su web che permette alla rete di avere costantemente a disposizione listini aggiornati, cataloghi ed ogni altro ausilio alla vendita. Le imprese possono così condividere in modo bidirezionale dati tra rete e responsabili aziendali, semplificando le modalità comunicative ed eliminando le resistenze da parte dei ruoli commerciali alla condivisione delle informazioni.

7 3 b) Ottimizzazione strategie di gestione del portafoglio clienti Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per operare micro segmentazioni del portafoglio clienti sulla base di parametri quali attuale fidelizzazione, potenziale, propensione all acquisto etc. Definire regole di contatto con il cliente e approcci differenziati per gruppo per massimizzare le vendite e la percentuale di mantenimento. Per attuare ciò è fondamentale disporre di strumenti di monitoraggio dei flussi informativi (CRM e Sales Force Automation) che permettono una gestione attiva del portafoglio. 3 c) Incremento di efficacia delle campagne Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per impostare strumenti di misurazione delle proprie campagne di marketing, che permettono di misurare e confrontare il ritorno di ogni azione commerciale. Per attuare ciò è fondamentale utilizzare strumenti interni di mass-marketing (quali i software per marketing, integrazione con social network, ecc.) e pianificare costantemente le azioni verificandone i ritorni. AREA TEAMWORK 1. TEAMWORK 1 a) Incremento efficacia lavori di gruppo e progetti Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per introdurre metodologie di gestione delle attività di gruppo (problem solving, brain storming, project management) e presentare approcci coordinati alla gestione delle attività, che permettono il costante rispetto degli obbiettivi, dei tempi e dei costi preventivati. Tutto il personale coinvolto in lavori di gruppo deve adottare un approccio strutturato alle attività e coerente nella metodologia. 1 b) Incremento azioni reciproche di supporto tra colleghi Il modulo formativo pone l accento sull importanza di creare un forte spirito collaborativo tra le risorse umane aziendali, misurabile dal numero di azioni di supporto tra colleghi. Il personale, pur se inquadrato in ruoli definiti, dovrà acquisire forte flessibilità e disponibilità a dare supporto ai colleghi in un autentico spirito di squadra.

8 1 c) Incremento efficacia meeting Il modulo formativo attribuisce estrema importanza all utilizzazione del meeting, considerato un efficace strumento per incrementare l efficacia dei gruppi di lavoro. Le riunioni vanno convocate solo quando serva effettivamente il coinvolgimento contemporaneo di più persone. Devono essere organizzate e preparate con cura, condotte con capacità dal leader e assolutamente efficaci nella definizione e successiva attuazione del piano di lavoro condiviso. 2. CLIMA AZIENDALE 2 a) Incremento senso di appartenenza all azienda Il modulo formativo pone l accento sull importanza di infondere nel personale l orgoglio di appartenere all azienda, di creare saper generare quindi un forte senso di appartenenza. Il livello di etica e correttezza verso l azienda diverrà altissimo ed il turnover molto basso. Il personale interno è il primo veicolo di passaparola positivo sull azienda. 2 b) Incremento livello di soddisfazione sul lavoro Il modulo formativo attribuisce estrema importanza al livello medio di soddisfazione sul lavoro. Ciò che fa crescere questo parametro, oltre alle condizioni oggettive del lavoro, è l attenzione che l azienda rivolge alla singola persona ed alla sua crescita professionale. E strategico quindi disporre di elementi di premio e celebrazione delle best practices interne, senza per questo rinunciare ad un rigore di fondo nella definizione di regole ed etica di comportamento. 2 c) Riduzione assenteismo e improduttività Le aziende che pongono in essere modalità operative che favoriscono la soddisfazione sul lavoro, sono caratterizzate da livelli di assenteismo e improduttività del personale estremamente ridotti. Ciò in conseguenza di grande attenzione alla singola persona, alla sua crescita ed ai suoi elementi di insoddisfazione interna. Tali aziende dispongono di frequente di figure istituzionali interne di supporto (coach o mentor) che incidono in modo decisivo nel miglioramento dei parametri misurabili di cui sopra. 3. LEADERSHIP E DELEGA 3 a) Incremento numero deleghe realizzate in tempi e modi stabiliti Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per imparare ad usare lo strumento della delega delle competenze.

9 La delega è vista non solo come strumento di focalizzazione dei livelli superiori verso attività a maggior priorità, ma anche come eccellente strumento di crescita professionale per il delegato. I responsabili devono essere esperti nell utilizzo corretto della leadership, flessibile in funzione del livello di competenza e di volontà di motivazione che si vuol perseguire. 3 b) Sviluppo metodi a regime di selezione, supporto e crescita del personale Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire processi codificati ed efficaci di selezione, supporto e successiva crescita del personale (non necessariamente carriera). Si daranno gli strumenti conoscitivi per definire precise mappe delle competenze a supporto del processo di selezione del personale, per predisporre un processo di valutazione delle competenze e performance ed instillare nei livelli superiori la capacità di osservazione oggettiva dei comportamenti, al fine di procedere a valutazioni del personale corrette ed orientate alla crescita. 3 c) Incremento obiettivi pianificati e poi realizzati nei tempi Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire sistemi interni di gestione per obiettivi chiari e trasparenti, che portano il dipendente a conoscere gli elementi strategici del proprio ruolo su cui focalizzare prioritariamente le proprie energie. Il personale, pur se costantemente pressato dalla operatività quotidiana, acquisirà la capacità di organizzare ogni giorno il proprio tempo con lo sguardo rivolto verso gli obbiettivi strategici di ruolo condivisi. In generale si promuoverà lo sviluppo della capacità di gestione del tempo di lavoro in ottica di vantaggio aziendale.

Osservazioni: QUESTIONARIO PROXIMA

Osservazioni: QUESTIONARIO PROXIMA QUESTIONARIO PROXIMA Impiego del questionario. Il questionario è articolato in varie macro aree, a loro volta suddivise in aree specifiche di miglioramento. E' possibile esprimere l'importanza e le Vostre

Dettagli

Web Solution. Advertising. Promozione del territorio. Servizi avanzati per internet. Servizi avanzati per l Advertising

Web Solution. Advertising. Promozione del territorio. Servizi avanzati per internet. Servizi avanzati per l Advertising ANALISI DI FATTIBILITÀ AI SERVIZI QUALIFICATI E SPECIALIZZATI Servizi avanzati per internet Sito web professionali con: Booking online, E-commerce, CMS, Live Chat, Comunicazione digitale, mobile marketing

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE

ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE ALLEGATO 2 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE IMPRESE INDICE Direttore di Filiale Imprese... 3 Coordinatore... 4 Gestore Imprese... 5 Addetto Imprese... 6 Specialista Estero Merci... 7 Specialista Credito

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA SEGRETERIA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

TorreBar S.p.A. Svolgimento

TorreBar S.p.A. Svolgimento TorreBar S.p.A. Svolgimento 2. Partendo dalle informazioni sopra esposte, si costruisca la mappa strategica specificando le relazioni di causa effetto tra le diverse prospettive della BSC. Azioni Crescita

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

IL CATALOGO VERDE: I SERVIZI DI LEN SOC. COOP.

IL CATALOGO VERDE: I SERVIZI DI LEN SOC. COOP. IL CATALOGO VERDE: I SERVIZI DI LEN SOC. COOP. ARGOMENTO: Gestione, economia e finanza IL VALORE DELLE PERSONE: GESTIRE I RUOLI PRESENTI IN AZIENDA Contratto n. 851 Pagina del Catalogo Verde: 98 DESCRIZIONE:

Dettagli

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche legale: Corso Mazzini 151, Ascoli Piceno operativa: C.da S. Giovanni Scafa, San Benedetto del Tronto (centro

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

Dalla qualità alla fidelizzazione: soddisfazione clienti e dipendenti

Dalla qualità alla fidelizzazione: soddisfazione clienti e dipendenti Le norme UNI 11097:2003 e 11098:2003 Dalla qualità alla fidelizzazione: soddisfazione clienti e dipendenti Giuseppe Cao APCO Associazione Consulenti di Direzione Le Norme alla base della fidelizzazione

Dettagli

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo.

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. Il perfezionamento delle relazioni operative tra grandi

Dettagli

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE

ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE ALLEGATO 1 FIGURE PROFESSIONALI DI FILIALE INDICE Direttore di Filiale... 3 Modulo Famiglie... 4 Coordinatore Famiglie... 4 Assistente alla Clientela... 5 Gestore Famiglie... 6 Ausiliario... 7 Modulo Personal

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1

Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 Modulo 1 Parte 1 Corso EQDL 2013 soluzioni delle domande sui lucidi Modulo 1 1.1.1.1 pag. 21 Quale, tra le affermazioni che seguono relative al concetto di qualità, è la più corretta? A. Il termine qualità

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management

corsi di formazione 2006-07 Organizzazione e Management Al Polo Lionello Bonfanti corsi di formazione 2006-07 OM Organizzazione e Management OM ORG-MNG 01 Comunicazione aziendale Destinatari Durata ore / giornate Apprendere un modello della comunicazione non

Dettagli

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance

Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN QUALITÀ La valutazione delle prestazioni basata sulle competenze Dalla valutazione alla valorizzazione delle performance Lo strumento che verrà illustrato nelle pagine

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

INFORMAZIONI e ISCRIZIONI www.100corsi.it

INFORMAZIONI e ISCRIZIONI www.100corsi.it VITAMINE CREATIVE... per l industria culturale Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI CODICE PG.12.02.4I.048 Il progetto Vitamine Creative è finalizzato a rendere disponibile un ampia e diversificata offerta

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento

Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento > Gruppo Q&O MCS consulting Chi siamo Vision, Mission Gli ambiti di intervento Gli obiettivi per il Cliente Approccio metodologico www.qeoconsulting.com www.mcs-tv.com Chi siamo Con base a Reggio Emilia

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE ENTE BILATERALE CONFESERCENTI MODENA CORSI GRATUITI PER CHI VERSA I CONTRIBUTI ALL ENTE BILATERALE CESCOT MODENA

CORSI DI FORMAZIONE ENTE BILATERALE CONFESERCENTI MODENA CORSI GRATUITI PER CHI VERSA I CONTRIBUTI ALL ENTE BILATERALE CESCOT MODENA 2012 CORSI DI FORMAZIONE ENTE BILATERALE CONFESERCENTI MODENA CORSI GRATUITI PER CHI VERSA I CONTRIBUTI ALL ENTE BILATERALE CESCOT MODENA COMPOSIZIONI DECORATIVE SPONTANEE SVILUPPO ULTIME TENDENZE FLOREALI

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano. Condivisione dell Autovalutazione

Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano. Condivisione dell Autovalutazione 28 Gennaio 2003 Sistema di Gestione per la Qualità del Comune di Bolzano Condivisione dell Autovalutazione Confronti 60 50 PERCENTUALI DIRETTORI PERCENTUALI DIRIGENTI PERCENTUALI DG PERCENTUALI VALIDATOR

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÁ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Aziendale Esame di Laurea CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE Tutore: Prof. Maria Chiarvesio

Dettagli

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7

UN CASO AZIENDALE CASI AZIENDALI: N 00103/2008. Value Management System Un caso aziendale. Pagina n 1 Pagine totali 7 Pagina n 1 CASI AZIENDALI: N 00103/2008 UN CASO AZIENDALE SETTORE: COMMERCIO FORMA GIURIDICA: SNC PROBLEMA: SITUAZIONE DI INDEBITAMENTO FINANZIARIO OBIETTIVO: RIORGANIZZAZIONE SISTEMA DI GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4

INDICE COME DOVREBBE EVOLVERSI LA NOSTRA STRUTTURA PER RAGGIUNGERE LA NOSTRA VISIONE... 4 IV- LE NOSTRE PRIORITÀ STRATEGICHE...4 Consiglio di amministrazione CENTRO DI TRADUZIONE DEGLI ORGANISMI DELL UNIONE EUROPEA STRATEGIA 2008-2012 CT/CA-017/2008IT INDICE I- LA RAISON D ÊTRE DEL CENTRO...3 I-1. LA NOSTRA MISSIONE... 3 I-2. IL

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company

La nuova voce del verbo CRM. La soluzione ideale per il marketing e le vendite. A WoltersKluwer Company La nuova voce del verbo CRM La soluzione ideale per il marketing e le vendite A WoltersKluwer Company Player il cliente al centro della nostra attenzione. Player: la Soluzione per il successo nelle vendite,

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

per l Azienda Turistica

per l Azienda Turistica Marketing Comunicazione e Internet per l Azienda Turistica Rurale GATEWAY TO LEARNING Il corso è inserito nel Catalogo Interregionale di Alta Formazione www.altaformazioneinrete.it Titolo del corso: Marketing,

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 CONFINDUSTRIA ALESSANDRIA Unione Industriale della provincia di Asti FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 Corsi di alta formazione per dirigenti 1 LEAN MANUFACTURING L intervento formativo persegue l obiettivo

Dettagli

Corsi E-Learning a catalogo

Corsi E-Learning a catalogo E-Learning a catalogo Indice documento gratuiti (12 titoli)... "compliance" (7 titoli)... software & IT (16 titoli)... di lingua (36 titoli)... (136 titoli)... Caratteristiche e modalità di acquisto...

Dettagli

L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane

L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane L Integrazione dei Processi di Gestione delle Risorse Umane 1 L integrazione dei processi della gestione delle Risorse Umane 3 2 Come i Modelli di Capacità consentono di integrare i processi? 5 pagina

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI COMMERCIALI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE ing. Michele Boscaro LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

MODULO 1 EVOLUZIONE DEI PRINCIPI E DEGLI STRUMENTI PER FARE QUALITÀ 1970 - LA QUALITÀ COME SISTEMA. Prima parte:

MODULO 1 EVOLUZIONE DEI PRINCIPI E DEGLI STRUMENTI PER FARE QUALITÀ 1970 - LA QUALITÀ COME SISTEMA. Prima parte: MODULO 1 Prima parte: Concetti generali introduttivi. Soddisfazione del cliente. Gli 8 principi della Qualità. Seconda parte: I Sistemi di Gestione Normazione, Certificazione e Accreditamento 1 EVOLUZIONE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE

LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE LA VALUTAZIONE DELLE RISORSE UMANE NEI SISTEMI DI SVILUPPO E GESTIONE AZIENDALE Schema legami fra strumenti di gestione r.u. e strategie/obiettivi aziendali ECOSISTEMA AMBIENTALE AZIENDALE Economico; Politico;

Dettagli

Distribuzione fisica. Acquisti forniture. Organizzazione commerciale. Produzione. Marketing. Tecnologia Informatica.

Distribuzione fisica. Acquisti forniture. Organizzazione commerciale. Produzione. Marketing. Tecnologia Informatica. Il contributo strategico dei Sistemi Informativi e la BSC DANILO SCARPONI Partner Sint Docente Università Politecnica delle Marche Dicembre 2006 ANCONA - ITALY 1 Relazioni umane Tecnologia Informatica

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

APPROFONDIMENTO FINANZA

APPROFONDIMENTO FINANZA APPROFONDIMENTO FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LE SCELTE DI STRUTTURA FINANZIARIA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LE SCELTE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO Gestire la relazione di vendita con efficacia 1 Corso base in commercio estero 2 L efficacia commerciale: corso per operatori al servizio vendita 3

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento.

Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Il turismo evolve; come gestire il cambiamento. Mario Solerio Partner D.O.C. marketing Di cosa parleremo Cosa intendiamo con cambiamento e le relative dinamiche Come comportarsi nei percorsi di cambiamento

Dettagli

Randstad HrUp shaping the world of work

Randstad HrUp shaping the world of work Randstad HrUp shaping the world of work Randstad HrUp striving for perfection Per migliorare la performance, la soddisfazione e la crescita delle aziende e dei loro dipendenti, sviluppiamo progetti eccellenti

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

PROGETTO FONDIMPRESA - AVVISO n. 4/2012 - Scadenza 22/07/2013 TITOLO: SORGENTE: Sviluppo ORGanizzatvo E Nuove TEcnologie nelle imprese (emiliane)

PROGETTO FONDIMPRESA - AVVISO n. 4/2012 - Scadenza 22/07/2013 TITOLO: SORGENTE: Sviluppo ORGanizzatvo E Nuove TEcnologie nelle imprese (emiliane) Documento da inviare via fax al numero (059247900) oppure via mail all indirizzo (fontana@nuovadidactica.it ) entro e non oltre l 11 giugno 2013 AZIENDA (Ragione Sociale) Sito: www. Matricola INPS Codice

Dettagli

Q&Oconsulting s.r.l. Chi siamo Gli ambiti di intervento La struttura divisionale Alcune referenze 2013 > www.qeoconsulting.com

Q&Oconsulting s.r.l. Chi siamo Gli ambiti di intervento La struttura divisionale Alcune referenze 2013 > www.qeoconsulting.com 2013 > Q&Oconsulting s.r.l. Chi siamo Gli ambiti di intervento La struttura divisionale Alcune referenze www.qeoconsulting.com La nostra vision Dal 1996 operiamo nella Consulenza di Direzione Il comportamento

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Academy of Excellence

Academy of Excellence Academy of Excellence Le Aziende di successo hanno una straordinaria focalizzazione sull'organizzazione, la definizione, l'esecuzione e la comunicazione delle proprie strategie. Il nostro obiettivo non

Dettagli