FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)"

Transcript

1 FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione dei flussi finanziari che permette alle aziende di anticipare di tre quattro/mesi i flussi delle entrate e delle uscite, gestendo in modo ottimale i fidi e gli anticipi. Le aziende così formate non si saranno impreparate di fronte a situazioni di minor liquidità, perché ne anticiperanno gli effetti. 1 b) Riduzione degli oneri finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per analizzare e verificare sistematicamente la documentazione bancaria, e per negoziare con le banche la disposizione di affidamenti calibrati in base alle proprie reali esigenze. Si daranno gli strumenti conoscitivi al fine della verifica costante de l corretto rapporto tra finanziamenti a breve e medio lungo termine, oltre che delle opportunità di ricevere contributi pubblici a riduzione del peso finanziario e degli oneri conseguenti. 1 c) Miglioramento rating e accesso al credito bancario Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per analizzare e monitorare costantemente i propri rating bancari con le banche con cui operano. Si approfondiranno le variabili maggiormente influenti ed i meccanismi su cui agire per mirare a rating eccellenti, attraverso la predisposizione di documentazione programmatica (business plan, piani commerciali ed altre notizie) in grado di elevare il rating. Si vedrà come il bilancio possa essere costruito in modo da rendere evidenti i progressi e ottimizzare gli indicatori in grado di favorire la valutazione bancaria. 2. PRICING 2 a) Capacità di analizzare i costi dei propri prodotti servizi Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire una contabilità analitica che permette alle imprese di monitorare il costo dei propri prodotti (sia a livello di costi diretti che indiretti). Saranno dati gli strumenti conoscitivi per definire con precisione e affidabilità la marginalità percentuale apportata da ciascun prodotto/servizio. 2 b) Eliminazione del prodotto in perdita Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per monitorare costantemente i presentano margini di contribuzione (lordi e semilordi) negativi, oltre che risultati netti negativi. prodotti che

2 Nei casi nei quali non è possibile operare revisioni dei prezzi e in cui le sinergie con altri prodotti a maggiore marginalità sono scarse, è possibile procedere con l eliminazione di tali prodotti al fine di salvaguardare l economicità complessiva. 2 c) Ottimizzazione dei propri listini e prezzi di riferimento Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per l aggiornamento costante dei propri listini e prezzi di riferimento, al fine di tenere conto delle nuove marginalità che si rilevano. Un listino costruito con accuratezza è un asset fondamentale per garantire margini affidabili dal singolo prodotto/servizio. 3. PIANO E BUDGET 3 a) Capacità di costruire piani e budget aziendali Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire e comunicare piani aziendali di medio termine e budget. Queste attività coinvolgono nel processo tutti i responsabili di funzione aziendale (è un processo che non impegna la sola area amministrativa, ma coinvolge tutta l azienda). I singoli budget (commerciale, di produzione, degli investimenti, budget economico e finanziario) sono alla base delle strategie operative aziendali, insieme all analisi periodica degli scostamenti tra risultato e programma. 3 b) Miglioramento della guida e controllo dell azienda Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per disporre di una chiara vision finanziaria a medio termine. Esiste un processo a cascata che traduce tale meta in piani strategici e influenza il sistema budgetario. Una buona performance aziendale in tal senso è caratterizzata da obiettivi non solo economico-finanziari, ma anche di miglioramento di processi, quali la riduzione degli sprechi o i l m i g l i o r a m e n t o delle performance della rete di vendita. E fondamentale instaurare una profonda cultura del controllo e della ripianificazione continua. 3 c) Controllo e riduzione dei costi interni Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per la verifica costante di tutti i propri costi interni, al fine di individuare eventuali sprechi e possibili efficientamenti. Tra le possibili strategie da applicare: azioni di cost reduction e premi al personale per le azioni di miglioramento intraprese in tale direzione.

3 LEAN PRODUCTION 1. LEAN PRODUCTION 1 a) Riduzione errori, scarti, sprechi e rischi Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per favorire un miglioramento continuo dei processi produttivi, attraverso la misurazione costante degli errori e de gli sprechi, e la condivisione con tutta l azienda di tali indicatori tramite rappresentazione grafica dei relativi dati. E fondamentale costruire la cultura dell attenzione alla sicurezza e alla riduzione dei rischi per i propri dipendenti, insieme a un percorso di ordine e semplificazione della produzione. 1 b) Eliminazione processi senza valore aggiunto Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per rimettere costantemente in discussione i propri processi interni, alla ricerca di procedure o fasi che non generano valore aggiunto per l impresa. Si daranno gli strumenti per l individuazione di semplificazioni e metodi operativi più efficaci con l obbiettivo di creare efficienza interna e nel contempo massimo valore per l azienda cliente. 1 c) Incremento produttività per addetto Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per conquistare massimizzare l efficienza nei propri processi interni. Attraverso la riduzione di tempi morti (ad es. semplificazione attrezzaggio macchine) le imprese guadagnano costantemente punti percentuali in termini di efficienza e di conseguenza incrementano la produttività per addetto. Tale parametro è considerato strategico e costantemente monitorato. 2. ACQUISTI E MAGAZZINO 2 a) Ottimizzazione prezzi e condizioni di fornitura Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per sviluppare un processo interno di confronto costante delle condizioni e performance dei propri fornitori. Chi ha responsabilità sugli acquisti ha sviluppato tecniche di negoziazione che gli permettono nel corso dell anno eccellenti economie nei costi di approvvigionamento e nel contempo una misura costante (espressa con indicatori numerici) delle risposte che i singoli fornitori forniscono all azienda (analisi difformità, tempi di consegna, ecc). Verrà inoltre analizzata la procedura di analisi della convenienza degli sconti con pagamento pronta cassa, che permette ulteriori economie.

4 2 b) Creazione processo di qualificazione fornitori Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire una procedura di qualificazione fornitori che porta le imprese a servirsi di pochi fornitori qualificati e costantemente monitorati a condizioni economiche estremamente vantaggiose. Il fornitore deve essere un partner che garantisce priorità all azienda cliente (su condizioni economiche, tempistica, gestione reclami di fornitura etc.). Nei processi di acquisto di maggior rilievo l azienda imparerà a sviluppare modalità di confronto tra i propri fornitori qualificati, che permetteranno in tempi rapidi di individuare la migliore offerta di servizi e prodotti. 2 c) Riduzione giacenze magazzino Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per mantenere dimensioni del magazzino estremamente ridotte, grazie alla costruzione di partnership con i fornitori/partner, per garantirsi tempi di consegna affidabili e sufficientemente rapidi. Allo stesso modo definiranno un meccanismo di dimensionamento del loro ottimale di riordino (per eventuali giacenze eccessive e rischi di sottoscorta). Si introdurranno conoscenze dei sistemi di gestione in tempo reale del magazzino, che permettono di monitorare in tempo reale le proprie giacenze al fine di determinare il momento esatto del riordino. Si definirà anche il concetto di space management per la corretta allocazione dei materiali in magazzino. 3. ORGANIZZAZIONE 3 a) Perfezionamento dei processi interni Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per codificare in modo efficace i loro processi interni (acquisti, produzione, progettazione,amministrazione, sviluppo personale etc.) e creare una cultura interna dell ordine e del rispetto dei processi. La capacità di lasciare spazio e iniziativa ai propri collaboratori (senso di imprenditorialità) nei limiti e confini del rispetto dei processi, si accompagna alla misurazione costante degli errori rispetto ai processi codificati (non conformità) e alla analisi delle possibili azioni di miglioramento. 3 b) Definizione di funzioni e ruoli Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire con accuratezza le funzioni interne ed i ruoli mediante la rappresentazione di un organigramma con job description dettagliate. E strategico il corretto rispetto e presidio delle singoli funzioni aziendali, oltre che la conseguente maggior facilità di collaborazione tra funzioni in un ottica di team. E fondamentale monitorare tutti i casi nei quali la singola funzione non sia stata presidiata (responsabilità disattese) o si siano verificate sovrapposizioni (responsabilità non chiara) intervenendo immediatamente a migliorare il sistema. 3 c) Consapevolezza interna di ruoli e responsabilità Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per dedicano trasferire consapevolezza e comprensione dei singoli ruoli e responsabilità da parte del personale interno. Tale consapevolezza si acquisisce misurando le situazioni di sovrapposizione o di non copertura di funzioni e intervistando periodicamente il personale per accertarsi che le singole funzioni e responsabilità siano chiare ed

5 accettate. E necessaria la corretta comprensione dei ruoli degli altri, ossia della capacità del singolo collaboratore di conoscere ed apprezzare il lavoro di altre funzioni cogliendone le complessità e le relazioni con la propria attività. 3 d) Rispetto normativa obbligatoria SICUREZZA 3 e) Ottimizzazione competenze informatiche 3 f) Migliore conoscenze lingue straniere AREA SALES 1. SVILUPPO NUOVI CLIENTI 1 a) Incremento dei contatti con potenziali clienti Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire strumenti di marketing strategico e operativo in grado di generare costantemente nuovi contatti potenziali, che possono originare nuove opportunità commerciali. Nei propri obiettivi strategici è vincente definire tassi di incremento del parametro nuovo contatto potenziale, monitorarli premiarli o incentivarli. Diventa fondamentale disporre di strumenti di CRM (Customer Relationship Management) e di SFA (Sales Force Automation) in grado di misurare il parametro con assoluta precisione. 1 b) Incremento delle opportunità commerciali Il modulo formativo attribuisce estrema importanza alla misurazione del numero di opportunità commerciali attive (non ordini o vendite che ne sono una conseguenza) e al monitoraggio del loro tasso di crescita. La centralità di tale parametro porta le imprese a lavorare sull incremento dei contatti a monte, sulla modifica del listino o anche sulla capacità del venditore o del Customer Care di fare marketing sui clienti esistenti e sui nuovi clienti. 1 c) Incremento della rete di segnalatori Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire una efficace rete di segnalatori, ossia un network di persone vicine al proprio business (architetti per azienda di impiantistica, commercialisti per prodotti finanziari etc) che svolgono un preziosissimo ruolo di apripista alle figure tecniche, che svolgono poi di fatto un ruolo commerciale. Le imprese devono monitorare il lavoro del network di segnalatori mediante strumenti di CRM (Customer Relationship Management) e di SFA (Sales Force Automation) e incentivare correttamente tale lavoro.

6 2. PIANIFICAZIONE DELLE VENDITE 2 a) Sviluppo capacità di chiusura delle vendite della rete Il modulo formativo pone l accento sull importanza di inserire nei propri obbiettivi strategici la crescita costante del tasso di chiusura delle vendite della propria rete (venditore, ma anche addetto alle vendite presso il punto vendita). Per questo scopo le imprese devono attuare percorsi formativi mirati alle risorse dedicate alla vendita e misurarne in parallelo i miglioramenti, facendo riferimento al suddetto parametro. 2 b) Sviluppo capacità di fidelizzazione dei clienti Il modulo formativo pone l accento sull importanza di misurare costantemente il tasso di fidelizzazione dei propri clienti attuali (tramite misurazioni di customer satisfaction e customer loyalty mediante ad esempio indicatori quali il rapporto tra vendite dell anno in corso e degli anni precedenti riferite agli stessi clienti). Diviene fondamentale dedicare risorse ad azioni di marketing tese a rafforzare il legame con i propri clienti attuali e adottare sistemi incentivanti che premiano la fedeltà e l incremento di penetrazione sulla clientela già acquisita. 2 c) Incremento produttività della rete vendita Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire percorsi di crescita della rete di vendita (sia interna che esterna). Ciò vale sia per vendite presso il cliente che presso il punto vendita. Le aziende dispongon di mappe delle competenze del ruolo del venditore e sviluppano percorsi di coaching e affiancamento ai venditori, monitorando costantemente lo sviluppo delle loro capacità e le conseguenti ricadute in termini di produttività (ricavi per venditore e margini di contribuzione del venditore). 3. SALES MANAGEMENT 3 a) Sviluppo flusso informativo delle vendite e della rete Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per organizzare sistemi di scambio di informazioni tra azienda e rete vendita, che permettono alla direzione commerciale di ricevere informazioni in tempo reale dai venditori (normalmente mediante strumenti su web) in merito a nuovi clienti, nuovi appuntamenti, nuove opportunità commerciali, reclami etc. Imparare ad organizzare una knowledge di base (base informativa) su web che permette alla rete di avere costantemente a disposizione listini aggiornati, cataloghi ed ogni altro ausilio alla vendita. Le imprese possono così condividere in modo bidirezionale dati tra rete e responsabili aziendali, semplificando le modalità comunicative ed eliminando le resistenze da parte dei ruoli commerciali alla condivisione delle informazioni.

7 3 b) Ottimizzazione strategie di gestione del portafoglio clienti Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per operare micro segmentazioni del portafoglio clienti sulla base di parametri quali attuale fidelizzazione, potenziale, propensione all acquisto etc. Definire regole di contatto con il cliente e approcci differenziati per gruppo per massimizzare le vendite e la percentuale di mantenimento. Per attuare ciò è fondamentale disporre di strumenti di monitoraggio dei flussi informativi (CRM e Sales Force Automation) che permettono una gestione attiva del portafoglio. 3 c) Incremento di efficacia delle campagne Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per impostare strumenti di misurazione delle proprie campagne di marketing, che permettono di misurare e confrontare il ritorno di ogni azione commerciale. Per attuare ciò è fondamentale utilizzare strumenti interni di mass-marketing (quali i software per marketing, integrazione con social network, ecc.) e pianificare costantemente le azioni verificandone i ritorni. AREA TEAMWORK 1. TEAMWORK 1 a) Incremento efficacia lavori di gruppo e progetti Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per introdurre metodologie di gestione delle attività di gruppo (problem solving, brain storming, project management) e presentare approcci coordinati alla gestione delle attività, che permettono il costante rispetto degli obbiettivi, dei tempi e dei costi preventivati. Tutto il personale coinvolto in lavori di gruppo deve adottare un approccio strutturato alle attività e coerente nella metodologia. 1 b) Incremento azioni reciproche di supporto tra colleghi Il modulo formativo pone l accento sull importanza di creare un forte spirito collaborativo tra le risorse umane aziendali, misurabile dal numero di azioni di supporto tra colleghi. Il personale, pur se inquadrato in ruoli definiti, dovrà acquisire forte flessibilità e disponibilità a dare supporto ai colleghi in un autentico spirito di squadra.

8 1 c) Incremento efficacia meeting Il modulo formativo attribuisce estrema importanza all utilizzazione del meeting, considerato un efficace strumento per incrementare l efficacia dei gruppi di lavoro. Le riunioni vanno convocate solo quando serva effettivamente il coinvolgimento contemporaneo di più persone. Devono essere organizzate e preparate con cura, condotte con capacità dal leader e assolutamente efficaci nella definizione e successiva attuazione del piano di lavoro condiviso. 2. CLIMA AZIENDALE 2 a) Incremento senso di appartenenza all azienda Il modulo formativo pone l accento sull importanza di infondere nel personale l orgoglio di appartenere all azienda, di creare saper generare quindi un forte senso di appartenenza. Il livello di etica e correttezza verso l azienda diverrà altissimo ed il turnover molto basso. Il personale interno è il primo veicolo di passaparola positivo sull azienda. 2 b) Incremento livello di soddisfazione sul lavoro Il modulo formativo attribuisce estrema importanza al livello medio di soddisfazione sul lavoro. Ciò che fa crescere questo parametro, oltre alle condizioni oggettive del lavoro, è l attenzione che l azienda rivolge alla singola persona ed alla sua crescita professionale. E strategico quindi disporre di elementi di premio e celebrazione delle best practices interne, senza per questo rinunciare ad un rigore di fondo nella definizione di regole ed etica di comportamento. 2 c) Riduzione assenteismo e improduttività Le aziende che pongono in essere modalità operative che favoriscono la soddisfazione sul lavoro, sono caratterizzate da livelli di assenteismo e improduttività del personale estremamente ridotti. Ciò in conseguenza di grande attenzione alla singola persona, alla sua crescita ed ai suoi elementi di insoddisfazione interna. Tali aziende dispongono di frequente di figure istituzionali interne di supporto (coach o mentor) che incidono in modo decisivo nel miglioramento dei parametri misurabili di cui sopra. 3. LEADERSHIP E DELEGA 3 a) Incremento numero deleghe realizzate in tempi e modi stabiliti Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per imparare ad usare lo strumento della delega delle competenze.

9 La delega è vista non solo come strumento di focalizzazione dei livelli superiori verso attività a maggior priorità, ma anche come eccellente strumento di crescita professionale per il delegato. I responsabili devono essere esperti nell utilizzo corretto della leadership, flessibile in funzione del livello di competenza e di volontà di motivazione che si vuol perseguire. 3 b) Sviluppo metodi a regime di selezione, supporto e crescita del personale Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire processi codificati ed efficaci di selezione, supporto e successiva crescita del personale (non necessariamente carriera). Si daranno gli strumenti conoscitivi per definire precise mappe delle competenze a supporto del processo di selezione del personale, per predisporre un processo di valutazione delle competenze e performance ed instillare nei livelli superiori la capacità di osservazione oggettiva dei comportamenti, al fine di procedere a valutazioni del personale corrette ed orientate alla crescita. 3 c) Incremento obiettivi pianificati e poi realizzati nei tempi Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per definire sistemi interni di gestione per obiettivi chiari e trasparenti, che portano il dipendente a conoscere gli elementi strategici del proprio ruolo su cui focalizzare prioritariamente le proprie energie. Il personale, pur se costantemente pressato dalla operatività quotidiana, acquisirà la capacità di organizzare ogni giorno il proprio tempo con lo sguardo rivolto verso gli obbiettivi strategici di ruolo condivisi. In generale si promuoverà lo sviluppo della capacità di gestione del tempo di lavoro in ottica di vantaggio aziendale.

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA

3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA Regione Siciliana Azienda Ospedaliera 17 3. POLITICA, OBIETTIVI E ATTIVITA 3.3 18 Le attività da svolgere per soddisfare i requisiti relativi alla politica, obiettivi ed attività consistono nella definizione:

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1

AREA PROFESSIONALE FINANZIARI, CREDITIZI, ASSICURATIVI. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE PROMOZIONE ED

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli