I SISTEMI GESTIONALI PER LA PMI I RISULTATI DI UNA RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I SISTEMI GESTIONALI PER LA PMI I RISULTATI DI UNA RICERCA"

Transcript

1 I SISTEMI GESTIONALI PER LA PMI I RISULTATI DI UNA RICERCA Di Riccardo Peggi e Valeria Tonella In collaborazione con

2 Tavola dei contenuti Premessa Alcune indicazioni del mercato I risultati di una ricerca Informazioni generali sui sistemi informativi Le soluzioni gestionali Le aree coperte dal gestionale Obiettivi perseguiti con Internet I servizi offerti via web Progetti ebusiness I fornitori di ICT Gli investimenti in ICT I freni all investimento...22 Glossario Indice delle figure Figura 1 Suddivisione del campione in base alla propensione dell azienda all investimento rispetto all innovazione tecnologica... 8 Figura 2 Presenza di sito Web, Intranet, Extranet... 9 Figura 3 - Il sistema informativo Figura 4 - La presenza del gestionale Figura 5 - Tipologia di soluzioni SW Figura 6 - La personalizzazione del software Pagina 2 di 24

3 Figura 7 - Le aree coperte dal gestionale Figura 8 - I servizi offerti tramite sito Figura 9 - L attività ecommerce Figura 10 - Gli obiettivi perseguiti dalle PMI tramite sito Figura 11 - L impatto di Internet sulle aree aziendali Figura 12 - Progetti ebusiness implementati Figura 13 - Il ruolo del fornitore di ICT Figura 14 - Il fornitore di soluzioni ebusiness Figura 15 - I problemi riscontrati con i fornitori di ICT Figura 16 - La previsione degli investimenti IT Figura 17 - I freni all investimento dichiarati dai clienti Pagina 3 di 24

4 Premessa Il mercato dell ICT ha spesso vissuto momenti altalenanti e, a livello mondiale, si assiste ad un progressivo allargamento del divario esistente tra Europa e USA. Alla fine del 2003 infatti, l ICT costituiva il 6,9% dell economia europea rispetto al 9,6% degli USA rispetto una media mondiale del 7%. A livello europeo, si registrano importanti differenze, in quanto, per esempio il Regno Unito presenta valori molto prossimi agli Stati Uniti: il 9,4% del PIL, mentre in Italia il settore dell ICT rappresenta il 5,9% del PIL. Per quanto riguarda la crescita nell ultimo anno solare, a livello mondiale si è assistito ad un aumento del 3,2% degli investimenti nel settore ICT nel suo complesso. A trainare sono ancora una volta gli Stati Uniti (il cui livello di adozione ICT è già superiore a quello italiano), che hanno registrato un +3,5%, mentre per l Italia i dati sono negativi: infatti, la crescita è stata pressoché nulla (0,1%). È necessario però fare dei distinguo valutando i singoli comparti dell ICT. Il comparto IT ha subito una frenata del 3,2% così suddivisa: -5,6% in hardware, -3,1% dell assistenza tecnica e 2,2% per i software e servizi. Il comparto TLC, invece, ha avuto una crescita dell 1,8% grazie al +5,1% dei servizi che ha più che compensato il -8,4% degli apparati. Nel primo trimestre 2004 si intravedono alcuni segnali positivi, in quanto il mercato ha già fatto registrare un +1,5%, ma sembra che questo non sia ancora sufficiente per avere una effettiva inversione di tendenza di tutto il settore ICT. Nel contesto italiano, per quanto riguarda il comparto IT, è necessaria una distinzione dei potenziali acquirenti di applicativi software sulla base della dimensione dell azienda: infatti, accanto al segmento ormai saturo della grande azienda, esiste una parte del mercato, costituita dalle PMI, più attiva negli investimenti sia in sistemi gestionali, sia in applicazioni per specifiche aree aziendali che possono trarre il maggior beneficio dalle Pagina 4 di 24

5 nuove tecnologie (tra cui il Datawarehouse e la Business Intelligence, legate entrambe alla possibilità di effettuare l analisi dei dati aziendali). Negli ultimi tempi, ingenti parti di budget sono state assorbite dal CRM, soprattutto per call center e contact center. L aspetto maggiormente sfruttato dalle PMI è quello di relazione con il cliente, con lo scopo di aumentare la redditività del cliente stesso e conseguentemente quella complessiva dell'azienda. La PMI seppur tendenzialmente più prudente, è molto attenta alle leve per mantenere e accrescere la propria posizione competitiva. L integrazione sui mercati esteri e la conseguente necessità di scambio di dati e informazioni con partner nazionali e internazionali stanno facendo maturare il ruolo che l'it viene ad assumere nell'azienda e la tecnologia comincia ad essere percepita come fattore critico di successo per il cambiamento organizzativo. Il dossier presenta il mercato della piccola e media impresa italiana, attraverso i risultati di una ricerca condotta su circa PMI. In particolare, vengono esplorati gli aspetti di adozione di sistemi gestionali, evidenziandone le aree aziendali coinvolte, l impatto di Internet sull integrazione tra l azienda e i propri partner, nonché la presenza di altri applicativi ebusiness. 1. Alcune indicazioni del mercato Prima di analizzare il mercato della PMI, si ritiene rilevante una breve sintesi dei principali fatti di mercato, visto dal lato dell offerta, per evidenziare le tendenze in atto nelle principali aree applicative. Vengono pertanto analizzati: Supply chain management; Sales Force Automation; CRM; ERP; Pagina 5 di 24

6 Datawarehouse e Business Intelligence; Corporate portal; elearning. Secondo i principali fornitori di soluzioni per la supply chain, molte aziende nel 2004 implementeranno software per il Supply Chain Management, in quanto avranno percepito gli effettivi benefici derivanti da una migliore gestione di tutta la supply chain. A livello mondiale questo mercato raggiungerà i 12,5 miliardi di dollari alla fine del , con un tasso di crescita medio annuo del 28%. Il mercato più importante sarà sempre l America settentrionale, mentre quello con i maggiori tassi di crescita è rappresentato dall Europa. Anche per il mercato italiano le previsioni sono ottimistiche, in quanto quest'area applicativa non ha ancora ricevuto sufficiente attenzione dopo l adeguamento dei sistemi informativi all Euro. L area aziendale maggiormente coinvolta sarà la produzione, in quanto l impresa italiana sente l'esigenza di aumentare la propria competitività legata ai processi interni. Per quanto riguarda la Sales Force Automation, tra le medie aziende italiane il livello di diffusione di applicazioni dedicate a quest area non supera il 5%, ma con buone previsioni di crescita nel breve periodo. Il principale ostacolo alla diffusione di soluzioni legate alla sales force automation è ricollegabile alla mancanza di infrastrutture idonee a supportare gli scambi di dati in tempo reale necessari per ottenere un effettivo beneficio dall'investimento. Ma a partire dal 2003, sia con l UMTS che con l introduzione dei primi hot spot pubblici per la connettività wireless, questi problemi sembrano prossimi alla soluzione. Il CRM ha registrato un -25% 2 a livello mondiale e le previsioni sono di un ritorno, per il 2005, ai valori di fatturato del La forza trainante di questa crescita è la PMI, che negli USA crescerà il triplo della grande impresa, mentre in Europa il doppio. 1 2 Fonte: Datamonitor. Fonte: Datamonitor. Pagina 6 di 24

7 L area con la maggior crescita nei prossimi anni sarà quella dell'erp. Le previsioni europee indicano che sarà la priorità per la maggior parte degli IT manager, soprattutto per quelli delle grandi aziende, mentre in Italia, le stesse indicazioni sono state fornite relativamente alla media impresa 3. L importanza dell informazione e la necessità di una sua gestione strutturata sono le principali motivazioni per la larga diffusione assunta negli ultimi tempi dal Datawarehouse e dal Business Intelligence. Queste soluzioni sono soprattutto prerogativa delle grandi e medie aziende, nelle quali sono adottate da circa un'azienda su sei. Anche il Corporate Portal consente la condivisione delle informazioni e può supportare contemporaneamente tecnologia e processi, abilitando l organizzazione allo scambio di informazioni fuori e dentro il firewall. Come è noto, in Italia, la formazione a livello di PMI è considerata un costo e non un investimento. Le tecnologie di rete mettono a disposizione, attraverso l elearning, una modalità di erogazione/fruizione della formazione che permette di contenere i costi con un efficacia elevata. Ad oggi, però, si tratta di una modalità formativa poco diffusa tra le piccole e medie imprese (solo il 2% ne fa uso), mentre la situazione è leggermente migliore (7%) presso la media azienda con un numero di addetti compreso tra 200 e I risultati di una ricerca La ricerca ha come scopo l analisi del comportamento delle PMI 4 relativamente alle soluzioni gestionali e di ebusiness presenti in azienda, approfondendo, in particolare, i temi relativi alle aree coperte, i benefici raggiunti e i fattori che rallentano gli investimenti. Si è inoltre cercato di comprendere, in un ottica di relazione tra domanda e offerta, quali sono le aspettative della PMI nei confronti dei propri fornitori, sia per l ebusiness sia per le soluzioni gestionali, mettendole poi a confronto con le convinzioni dei fornitori stessi. 3 4 Fonte: Forrester Research Il campione è composto da circa PMI stratificate per settore e dimensione secondo dati del censimento delle imprese condotto dall Istat. Pagina 7 di 24

8 Alcune considerazioni sul campione analizzato sono rilevanti per la successiva analisi. In primo luogo la propensione all investimento in innovazione tecnologica, distinguendo tra innovatori (aziende che affermano di essere orientate alla sperimentazione e all utilizzo di nuove tecnologie), prudenti (aziende che fanno proprie le innovazioni tecnologiche in ambito IT solo quando si sono dimostrate adatte alla soluzione di specifici problemi dell azienda) e follower (aziende che adottano una tecnologia IT solo quando questa è diventata di uso comune). Come evidenziato nella Figura 1, il campione è composto dal 21% di aziende che si sono dichiarate innovatrici, dal 31% di prudenti e dal 48% di follower. Come si vedrà in seguito, a diverse attitudini nei confronti della tecnologia corrispondono comportamenti differenti per quanto riguarda gli investimenti. Figura 1 Suddivisione del campione in base alla propensione dell azienda all investimento rispetto all innovazione tecnologica Innovatori 21% Prudente 31% Follower 48% Fonte MATE Il secondo elemento rilevante, a cui corrisponde un maggiore o minore livello di investimenti nell area ICT, è la presenza di un sito Web, di una rete Intranet o di una Extranet. Pagina 8 di 24

9 Figura 2 Presenza di sito Web, Intranet, Extranet Extranet Intranet Sito web 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Fonte: MATE Il 61% delle aziende del campione ha un proprio sito Web, il 31% dispone di una Intranet mentre solo il 7% adotta una rete Extranet Informazioni generali sui sistemi informativi Il sistema informativo principale utilizzato risulta essere costituito essenzialmente da PC in Rete per il 46% delle PMI, mentre il 40% utilizza uno o più server dedicati su cui girano programmi particolari quali i gestionali. Pagina 9 di 24

10 Figura 3 - Il sistema informativo Server dedicati 40,0% Unico Mini e/o Mainframe 5,7% PC non in rete 8,3% PC in rete 46,0% Fonte: MATE Le soluzioni gestionali Nel corso dell analisi si è valutato se vi fosse un sistema gestionale in uso presso le PMI e le aree coperte da questo. Figura 4 - La presenza del gestionale No 7,2% Sì 92,8% Fonte: MATE Pagina 10 di 24

11 Il 92,8% delle imprese ha affermato di avere un software gestionale. Di queste il 40,7% ha soluzioni a pacchetto e un ulteriore 32,2% adotta soluzioni a pacchetto, ma sulle quali sono state effettuate delle personalizzazioni. Le soluzioni pacchettizzate rispondono principalmente alle esigenze delle imprese follower, in cui si registra una percentuale di penetrazione pari al 45% (5 punti superiore alla media), quindi in perfetto accordo con la loro propensione alla tecnologia. Di fatto le imprese follower introducono nuove soluzioni IT in azienda solo dopo che sono divenute di uso comune. Figura 5 - Tipologia di soluzioni SW Pacchetto Pacchetto personalizzato Sviluppo custom Pacchetto + moduli ad hoc 0% 10% 20% 30% 40% Fonte: MATE Da notare che solo nel 13,55% delle aziende esistono soluzioni sviluppate internamente. Questa percentuale sale al 28% per quanto riguarda le aziende innovatrici, le quali essendo più propense ad investire nelle nuove tecnologie, sono mediamente al loro interno più attrezzate. Pagina 11 di 24

12 Figura 6 - La personalizzazione del software In house ma col supporto di terzi 16,4% Internamente 13,5% Da terzi 70,1% Fonte MATE Le aree coperte dal gestionale Interessante è stato capire quali aree aziendali fossero coperte dal gestionale in uso e se esistesse la possibilità di accedervi tramite la Rete. Quest ultimo dato rappresenta il grado di apertura verso l esterno, vale a dire quanto la Rete sia utilizzata nella gestione delle relazioni con gli stakeholder. La possibilità di accedervi dall esterno è effettivamente disponibile nel 18,8% delle PMI. Pagina 12 di 24

13 Figura 7 - Le aree coperte dal gestionale Amministrazione Acquisti e Logistica Commerciale e Marketing Produzione Personale e Organizzazione 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: MATE (Base: PMI che hanno installato un software gestionale) L area aziendale maggiormente coperta dal software gestionale è il comparto amministrativo contabile. Il 96,4% delle PMI afferma di avere una soluzione gestionale specifica per questa area, indipendentemente dalla classe dimensionale e dal settore in cui opera. La principale motivazione è data dall obbligatorietà della tenuta dei dati contabili. Una soluzione per la gestione degli acquisti e della logistica è presente nel 73,6% dei casi ed interessa in particolare le aziende appartenenti al settore Commercio dove la percentuale arriva all 88%. Il 63,1% delle PMI e soprattutto quelle operative nel settore Commercio (82,9%) hanno implementato un gestionale per l area commerciale e marketing. Sono accessibili via Rete sopratutto la gestione delle vendite (70,0%) e quella dei servizi post vendita (65,0%). La produzione è coperta da un gestionale nel 60,4% dei casi. L accessibilità via Rete serve soprattutto per la gestione dell entrata e uscita dei materiali e prodotti finiti (80,0%) ed è principalmente diffusa nel settore Industria (72,8%). Pagina 13 di 24

14 Ultima area interessata dal gestionale è quella dell organizzazione del personale. In questo caso solo il 36,8% delle PMI copre quest area, che viene resa accessibile via Rete quasi esclusivamente per la rilevazione delle presenze (80,0%). Valutando le aziende che ancora non possiedono un gestionale si evince che nel 7% dei casi sono intenzionate ad installarlo nel breve periodo, e l area che sarà più interessata è quella contabile amministrativa (81,8%) Obiettivi perseguiti con Internet Parte dell analisi è stata dedicata alla diffusione e all impatto che Internet ha sui processi di business, oltre alle funzionalità di ecommerce presenti. Il 25,4% degli intervistati afferma di consentire l accesso alle informazioni aziendali da parte di clienti, fornitori e partner in generale attraverso la Rete e per un 5,3% di conseguire questo obiettivo nel breve periodo. Le percentuali si riducono sia considerando l accesso dalla rete Intranet (15,8%) sia dalla Extranet (6,7%) I servizi offerti via web Quasi l 80% delle PMI ha ormai un sito, ma le funzionalità in esso contenuti sono molto diverse sia per quanto riguarda le tipologie che il loro livello. Figura 8 - I servizi offerti tramite sito Presentazione dell'azienda Catalogo statico Catalogo dinamico Servizio Clienti Customer care Ricerca Personale Area riservata dipendenti ecommerce B2B Area riservata fornitori ecommerce B2C Area riservata partner Comunità virtuale 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% Pagina 14 di 24

15 Fonte: MATE Tra le funzionalità tradizionali si registra la presenza quasi totale della presentazione dell azienda (90%), mentre la presenza di un catalogo statico è rilevata per il 69,6% delle PMI (si noti che sarà pubblicato a breve per un ulteriore 8,8%). Per quanto concerne il catalogo dinamico, si evince che la sua più bassa diffusione (22,6%) sia da imputare alla necessità di una tecnologia più complessa per la sua realizzazione (o comunque di un progetto più articolato), tecnologia ancora lontana da essere adottata dalla maggior parte delle PMI. Inoltre è da tenere presente la difficoltà delle piccole e medie imprese di integrare all interno del sito Web i processi aziendali. Una delle utilizzazioni possibili di un sito Web è l interscambio delle informazioni con più attori (dipendenti, clienti, fornitori o altri partner), mediante un accesso ad un area riservata. Questa funzione è possibile solo nel 12,4% dei casi per i dipendenti mentre sale al 17% per i clienti (anche se il Web viene visto come un mezzo idoneo per fornire il Servizio Clienti solo dal 13,9% delle PMI) ma scende ad un 4% per i fornitori o altri partner. I servizi correlati all ecommerce sono esposti in Figura 9. Figura 9 - L attività ecommerce Ordine online Personalizzazione offerta Tracking dell'ordine Pagamenti online Consegna beni digitalizzabili 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Fonte: MATE (Base: PMI con un sito web o che lo avranno a breve) Pagina 15 di 24

16 Tre le PMI che hanno affermato di avere un sito web che permette di fare attività di ecommerce, il 42% supporta la possibilità di effettuare ordini online, mentre il tracking dell ordine è consentito nel 33,6% dei casi. Un attività maggiormente utilizzata è la personalizzazione dell offerta, funzione garantita dal 48,3% delle PMI, mentre molto meno utilizzate sono la consegna di beni digitalizzabili e i pagamenti online. Figura 10 - Gli obiettivi perseguiti dalle PMI tramite sito Comunicazione / Promozione offerta Miglior servizio alla clientela Accesso a nuovi mercati Miglioramento efficienza del processo di vendita Reazione a comportamenti dei concorrenti 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% Fonte: MATE (Base: PMI con un sito web o che lo avranno a breve) Tra i principali obiettivi perseguiti dalle PMI tramite il sito aziendale si registrano la comunicazione e la promozione della propria offerta (71%), il miglioramento del servizio alla clientela (34,3%), e l accesso a nuovi canali (29,4%). Se si valuta il livello di soddisfazione rispetto all uso del web nel perseguimento degli obiettivi dell azienda si riscontra che il 46,5% ne è soddisfatto, ma contestualmente una su tre afferma indifferenza dichiarandosi né soddisfatta né insoddisfatta. Questo è principalmente riconducibile alle difficoltà legate la misurazione e l attribuzione dei risultati ottenibili da azioni via Web. Un ulteriore importante aspetto da valutare è l impatto di Internet nelle varie aree aziendali, per capire in che modo influisce sulla gestione dell impresa. Pagina 16 di 24

17 Figura 11 - L impatto di Internet sulle aree aziendali Logistica Produzione Acquisti Amministrazione, finanza Servizio al cliente Vendite 0% 10% 20% 30% 40% 50% Fonte: MATE (Base: PMI Totale intervistate) L area aziendale maggiormente coinvolta è quella delle vendite con quasi il 50% dei casi, seguito dal servizio al cliente per il 34%. Questo sta a significare come Internet sia sempre più considerato un ulteriore mezzo con il quale dialogare con il mercato e captare nel miglior modo possibile le sue esigenze Progetti ebusiness Figura 12 - Progetti ebusiness implementati elearning SCM KM Reti wireless Corporate portal CRM DW e BI 0% 5% 10% 15% 20% Fonte: MATE Pagina 17 di 24

18 Tra i progetti implementati dalle PMI in area ebusiness, l area del Datawarehouse e della Business Intelligence è stata implementata nel 13,7% dei casi, risultando la più diffusa. I principali obiettivi perseguiti sono inerenti la possibilità di comprendere i dati aziendali (48,5%), migliorare il servizio al cliente (45,5%) e avere una visione d insieme dell attività aziendale (42,4%). Per contro, solo il 12,1% pensa di sfruttare queste soluzioni per una miglior segmentazione dei clienti sulla base dei dati comportamentali raccolti. Il CRM ha una penetrazione del 9,6%. Lo scopo è di migliorare il servizio offerto al cliente (nell 84,6% dei casi), così come di migliorarne la redditività (42,3%). Per quanto riguarda il Corporate Portal questo è presente nel 9,2% dei casi, raggiungendo il 25,6% solo nelle imprese di maggiori dimensioni. L obiettivo principalmente perseguito con il Corporate Portal è creare un unico punto di accesso ai documenti aziendali che sono di interesse comune. Analizzando il dato in base alla propensione verso le nuove tecnologie si evince come gli innovatori siano i maggiori utilizzatori rappresentando il 60% delle aziende che hanno implementato soluzioni di Corporate Portal 5, seguite da quelle prudenti (34%) e dai follower (26%). Le Reti Wireless sono state implementate dall 8,9% delle PMI e sono principalmente realizzate in sostituzione di cablature interne a breve raggio (76,2%) Il Knowledge Management è presente nel 6,2% delle PMI. La gestione della complessità aziendale è l obiettivo principalmente perseguito (46,0%), seguito dalla ricerca di minore dispersione delle informazioni (39,0%). Il 4,6% delle PMI ha implementato una soluzione di Supply Chain Management. L obiettivo è quello di ottenere un miglior controllo dei costi (60,%) ed un miglioramento nell efficienza dei processi (53,3%). Ponderando il dato in base alla propensione verso le nuove tecnologie della PMI, si evince che le aziende innovatrici sono più propense al miglioramento dell efficienza dei processi, mentre le prudenti e le follower sono più orientate verso il controllo dei costi. La soluzione implementata dal più basso numero di PMI è l elearning, che raggiunge una penetrazione del 4,1%. Sono due le aree interessate a progetti di elearning: la 5 Si ricordi che le aziende innovatrici rappresentano il 25% del campione. Pagina 18 di 24

19 tecnica e il marketing, senza che nessuna delle due prevalga sull altra. Anche in questo caso si registrano differenze tra le tre categorie di aziende: gli innovatori prediligono la formazione tecnica, i prudenti e i follower l area marketing. Da segnalare, comunque, che il 66,5% delle PMI dichiara di non essere interessato ad implementare alcuno dei progetti di ebusiness sopra evidenziati I fornitori di ICT Il ruolo che la PMI riconosce al proprio fornitore ICT è essenzialmente consulenziale. Figura 13 - Il ruolo del fornitore di ICT Partner strategico 17,0% Outsourcer 4,0% Esecutore 20,0% Consulente 59,0% Fonte: MATE Infatti il 59% lo vede come consulente esterno per la propria azienda. Per il 20% è invece una figura di esecutore mentre per il 17% è un partner strategico. Solo per il 4% delle PMI italiane il fornitore di ICT è un outsourcer, e questo conferma come l outsourcing non abbia una diffusione rilevante presso la PMI italiana. Pagina 19 di 24

20 Figura 14 - Il fornitore di soluzioni ebusiness Web agency 21,6% Altro 8,0% Fornitore del gestionale 39,0% Swhouse già fornitrici 31,4% Fonte: MATE Per quanto riguarda le soluzioni di ebusiness, il fornitore è per lo più riconducibile alla figura della software house. Nel 39% dei casi esso è già fornitore del gestionale, mentre nel 31,4% fornisce altre soluzioni software. Poco utilizzato invece il ricorso a web agency (21,6%). Figura 15 - I problemi riscontrati con i fornitori di ICT Training Risultati vs aspettative Chiarezza obiettivi Rispetto budget Rispetto tempi Fonte: MATE (valutazione 1= poco rilevante; 5= molto rilevante) Pagina 20 di 24

21 Come si evince dalla Figura 15, non si sono registrati particolari problemi nel rapporto delle PMI italiane con i propri fornitori di soluzioni ICT Gli investimenti in ICT Per confermare o confutare le aspettative del mercato per gli investimenti nel settore ICT, è stato chiesto alle aziende del campione di prevedere il budget di spesa del 2004 rispetto al Figura 16 - La previsione degli investimenti IT Uguali rispetto al ,6% Maggiori 27,0% Minori 27,4% Fonte: MATE Quasi metà del campione (45,6%) dichiara di non modificare i propri livelli di spesa, lasciandoli invariati rispetto al Tra le aziende rimanenti metà dichiara di aumentare gli investimenti ICT, mentre l altra metà di diminuirli. Analizzando il dato rispetto alla propensione verso le nuove tecnologie si evince che le aziende maggiormente propense ad aumentare gli investimenti in ICT sono le imprese innovatrici mentre le prudenti sono più propense a diminuirli. Questi risultati sono in linea con i trend di mercato previsti e non sono molto incoraggianti per la ripresa del settore ICT in Italia. Pagina 21 di 24

22 2.5. I freni all investimento I principali freni agli investimenti per quanto riguarda il lato della domanda (PMI) sono riconducibili alle motivazioni presentate in Figura 17. Figura 17 - I freni all investimento dichiarati dai clienti Scarso supporto dei fornitori Mancanza skill interne Ristrutturazione interna Revisioneprocessi Tempi lunghi Difficoltà a misurare il ROI Complessità progetto Tecnologia immatura Costi elevati Resistenze culturali Non preso in considerazione Nessun valore 0% 10% 20% 30% 40% 50% Fonte: MATE (Base: PMI che non hanno implementato tutti i progetti sottoposti) La ragione principale che motiva il mancato investimento è la non percezione di un effettivo valore di qualsiasi applicazione. Quasi la metà delle aziende che non investe giustifica così la propria scelta. Un altro 25% poi non ha ancora preso in considerazione l applicativo. Da questi primi risultati si evince che è proprio la mancanza di percezione della loro utilità a frenare l adozione di nuove tecnologie. Infatti, le altre motivazioni non raggiungono nemmeno il 10% di PMI, e solo 2 (Costi elevati, Resistenza culturale) superano il 5%. Questo significa che l offerta ha grandi spazi per espandere il proprio mercato. Ma per far questo deve attrezzarsi: far percepire il valore di un applicazione richiede, infatti, capacità di analisi e conoscenza del settore in cui opera il cliente, per poter argomentare ROI credibili per l investimento proposto. Pagina 22 di 24

23 Glossario Business Intelligence Corporate Portal CRM Datawarehouse elearning Extranet Tutti i processi, le tecnologie e i tool grazie ai quali è possibile trasformare i dati in informazioni necessarie per creare conoscenza e quindi piani d azione. Un ambiente Web personalizzato e sicuro in cui vengono aggregati e condivisi contenuti (informazioni, servizi e applicazioni) con colleghi, clienti, partner e fornitori. In questo caso è possibile utilizzare una singola URL per accedere alle informazioni. Insieme delle funzioni dell'impresa che mirano a conquistare ed a conservare la propria clientela. Questo termine, che si è sostituito a quello del front office, raggruppa la gestione delle operazioni di marketing, aiuto alla vendita, servizio clienti, call center ed help desk. È il deposito dove vengono raccolte tutte le informazioni provenienti da varie fonti. Formazione a distanza online. Tale sistema di formazione può essere parte di una strategia interna all'azienda, rivolta all'aggiornamento professionale dei propri dipendenti; o costituire, invece, essa stessa il core-business di una nuova azienda dedita alla formazione remota. Rete che collega diversi sistemi di rete aziendali sviluppati sulla base delle tecnologie Internet, ma è protetta da accessi incontrollati ed indesiderati. Mediante una Extranet, un'azienda è collegata a un numero ristretto e selezionato di reti esterne ad accesso regolato, appartenenti a soggetti con cui ha stabilito di condividere alcune informazioni. Pagina 23 di 24

24 Intranet Knowledge Management Rete ad accesso regolato progettata per la gestione e lo scambio di informazioni all'interno di un'organizzazione, sviluppata sulla base delle tecnologie Internet. E finalizzata a consentire la condivisione delle risorse e delle informazioni tra tutti i collaboratori interni che dispongono di un accesso. Approccio integrato per identificare, catturare, recuperare, condividere, e valutare tutto il patrimonio informativo presente in un azienda. Questo patrimonio informativo include i database, documenti, le procedure ma anche le competenze e l esperienza presente nella testa dei singoli che vi lavorano Stakeholder Tutti quei soggetti che hanno un interesse nei confronti di un'organizzazione e che con il loro comportamento possono influenzarne l'attività. Supply Chain Wireless Catena della fornitura". Include tutta la catena o filiera della produzionedistribuzione in un'ottica di collaborazione tra tutti gli attori della catena (produttori/fornitori e intermediari) allo scopo di migliorare i modelli organizzativi, di ridurre i costi di gestione e ottimizzare le risorse. Tipo di trasmissione senza supporto filare (rame o fibra ottica). si distinguono quattro grandi categorie di utilizzo. La prima riguarda gli scambi a lunga distanza: satelliti, ponti radio, o ancora, più recentemente, le soluzioni di radio local loop (da 2 a 30 GHz). Seguono poi le reti locali senza filo basate sulla norma (2.4 GHz). Le reti telefoniche cellulari costituiscono la terza classe. Infine, da pc a pc o da periferiche a pc, si utilizza l'infrarosso (specifiche definita dall'irda o Infrared Data Association). Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza di MATE - IT RESEARCH AND CONSULTING Copyright MATE - IT RESEARCH AND CONSULTING Fonte: Osservatorio Net Economy - Commercio Elettronico Italia - MATE

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

Strumenti ICT per l innovazione del business

Strumenti ICT per l innovazione del business 2012 Strumenti ICT per l innovazione del business Progetto finanziato da Forlì 12-04-2012 1 Sommario Gli strumenti ICT a supporto delle attività aziendali Le piattaforme software Open Source per le piccole

Dettagli

Osservatorio CRM 2015

Osservatorio CRM 2015 Con il patrocinio di: Osservatorio CRM 2015 CRM: qual è il grado di maturità strategica, operativa e tecnologica nelle aziende italiane? www.cdirectconsulting.it La ricerca CONTESTO E OBIETTIVI: L Osservatorio

Dettagli

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT)

CONSIP SpA. Gara per l affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) CONSIP S.p.A. Allegato 6 Capitolato tecnico Capitolato relativo all affidamento dei servizi di supporto strategico a Consip nel campo dell Information & Communication Technology (ICT) Capitolato Tecnico

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

La scadenza del 6 giugno 2014: siamo pronti?

La scadenza del 6 giugno 2014: siamo pronti? S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La scadenza del 6 giugno 2014: siamo pronti? ICT, dematerializzazione, Professionisti e Imprese: ruoli, sinergie e nuove prospettive per una rivisitazione

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

L ICT IN EMILIA-ROMAGNA Uno sguardo sulle imprese. Carlo Lombardi Responsabile Relazioni istituzionali e Lobby

L ICT IN EMILIA-ROMAGNA Uno sguardo sulle imprese. Carlo Lombardi Responsabile Relazioni istituzionali e Lobby L ICT IN EMILIA-ROMAGNA Uno sguardo sulle imprese Carlo Lombardi Responsabile Relazioni istituzionali e Lobby Seminario CINECA Bologna 28 maggio 2009 Alcuni dati generali sull Emilia-Romagna 475.000 imprese

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.

La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi. La visione di SIRMI: qualche commento ai risultati della ricerca; l ASP che non c è? Maurizio Cuzari Amm. Delegato maurizio.cuzari@sirmi.it 1 La gestione delle Soluzioni IT/IP - cose da fare Acquisizione

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

Omnicanalità e negozio del futuro: ecco cosa guiderà l innovazione digitale nel Retail

Omnicanalità e negozio del futuro: ecco cosa guiderà l innovazione digitale nel Retail Omnicanalità e negozio del futuro: ecco cosa guiderà l innovazione digitale nel Retail Le innovazioni di back-end sono le più diffuse e consolidate tra i top retailer; omnicanalità e customer experience

Dettagli

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO.

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. Jim Morrison Società Algol Consulting: il partner per i progetti ERP Fin dall inizio della sua attività, l obiettivo di Algol Consulting è stato quello

Dettagli

Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano

Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano Architetture IT nelle imprese della Puglia: stato di adozione e principali trend in atto Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 1 Gli obiettivi e la metodologia della Ricerca Gli obiettivi

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

Le imprese Web Active in Italia

Le imprese Web Active in Italia Le imprese Web Active in Italia per settore di attività Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 2 La classifica p. 4 Analizziamo i dati p. 5 Metodologia p. 9 1 Le imprese Web Active in Italia

Dettagli

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE 10 9 8 7 74% 10 88% 74% 91% 67% 74% 10 89% 82% 25% 6 57% 75% 5 4 44% SI NO Base: totale aziende Fonte: EY-TOW, 2015 Il livello di informatizzazione delle aziende Piemontesi

Dettagli

INDICE. Domande di riepilogo... 28 Esercizi di riepilogo... 28 Domande tematiche... 29. Prefazione... XI

INDICE. Domande di riepilogo... 28 Esercizi di riepilogo... 28 Domande tematiche... 29. Prefazione... XI 1138A_03 Prime pagine 1-03-2004 17:16 Pagina v INDICE Prefazione.......................................................................... XI Capitolo 1 L era dell informazione in cui viviamo. Il nuovo

Dettagli

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014

Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 2014 Cloud Computing 2014: mercato, adozione, scenario competitivo Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Elena Vaciago Aprile 2014 INDICE INDICE DELLE FIGURE 2 INDICE DELLE TABELLE

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

IRTUALW. Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere PORTAL FORNITORI CLIENTI PROTOCOLLAZIONE KNOWLEDGE BASE CLASSIFICAZIONE VERSIONING I N F I N I T Y Z U C C H E T T I Infinity Portal Infinite possibilità di farti raggiungere MARKETING SALES SUPPORT CMS KNOWLEDGE BASE E COMMERCE B2B E COMMERCE B2C AD HOC INFINITY ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE

Dettagli

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo I trend tecnologici che influenzano le nostre imprese? Collaboration Sentiment

Dettagli

RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE

RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE RIORGANIZZARSI PER CRESCERE CON IL SOFTWARE GESTIONALE Con Passepartout Mexal le aziende possono migliorare in modo significativo l organizzazione e l operatività. Ingest è a fianco delle aziende con servizi

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it

SCENARI DEL TURISMO. 11-12 2015 www.mastermeeting.it Smartphone e Tablet hanno registrato tassi di crescita in termini di acquisti turistici pari rispettivamente al 70% e al 20%. Credit: Sony Xperia Cresce il turismo in Italia, giunto ormai nel 2015 a un

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee

Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europee Il Customer e Il Customer Contenuti marketing e per le per il CRM 2 Il Customer I punti principali: L attività bancaria sta sperimentando una serie di profondi mutamenti a causa dell accentuarsi delle

Dettagli

Se parliamo di Professionisti, in realtà, parliamo di imprese!

Se parliamo di Professionisti, in realtà, parliamo di imprese! Se parliamo di Professionisti, in realtà, parliamo di imprese! Osservatorio ICT & Professionisti 4 Marzo 2014 L Osservatorio ICT & Professionisti 2010 2012 2013 Obiettivi: valutare la diffusione delle

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net

L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta 23 ottobre 2009. www.osservatori.net L'evoluzione dei Sistemi Informativi e i nuovi modelli di offerta: opportunità e sfide in un momento di crisi Mariano Corso School of Management Politecnico di Milano Milano, 23 ottobre 2009 Ricerca ALCUNI

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI

MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI MICROSOFT DYNAMICS NAV: MISURAZIONE DEI BENEFICI Indagine su un campione di PMI che utilizzano Microsoft Dynamics NAV A cura di: consulting Quali sono i principali vantaggi di Microsoft Dynamics NAV? CARATTERISTICHE

Dettagli

GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL

GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL 66% Una survey del Politecnico di Milano mostra dati positivi sia per la rilevanza percepita sia per la diffusione dei progetti.

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO ICT SCG-L03 Pagina 1 di 45 La segmentazione del mercato in area ICT Esistono organismi

Dettagli

COSA STANNO FACENDO LE AZIENDE ITALIANE

COSA STANNO FACENDO LE AZIENDE ITALIANE KNOWLEDGE MANAGEMENT: COSA STANNO FACENDO LE AZIENDE ITALIANE Di Riccardo Peggi In collaborazione con Tavola dei contenuti Premessa... 4 Premessa... 4 1. Il knowledge Management... 6 2. Lo scenario economico...

Dettagli

Kybernes. Group. Profilo Aziendale. www.kybernes.it

Kybernes. Group. Profilo Aziendale. www.kybernes.it www.kybernes.it Kybernes Group Profilo Aziendale About Kybernes Group KYBERNES Group srl è un'azienda Certificata UNI EN ISO 9001:2000 (ISO9001:2000) nell'ambito della Erogazione di Servizi di Fornitura,

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

Anteprima del Rapporto 2014

Anteprima del Rapporto 2014 Anteprima del Rapporto 2014 Conferenza Stampa Elio Catania - Presidente di Assinform Giancarlo Capitani - Presidente NetConsulting Milano, 2 Aprile 2014 Milano, 2 Aprile 2014 0 Anteprima del Rapporto 2014

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

La Regione Puglia finanzia il 50% degli investimenti in Hardware e Software

La Regione Puglia finanzia il 50% degli investimenti in Hardware e Software La Regione Puglia finanzia il 50% degli investimenti in Hardware e Software Nuovo bando TIC 2011 (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) Obiettivi del bando Diffondere le Tecnologie dell Informazione

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013. Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013

Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013. Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013 Presentazione della ricerca AZIENDE ITALIANE E SOCIAL MEDIA EDIZIONE 2013 Spazio Eventi Mondadori Multicenter Milano, 20 Febbraio 2013 INDAGINE Introduzione: obiettivi

Dettagli

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO)

Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING. Ousourcing, origine. Classificazione, due coordinate. Information Technology Outsourcing (ITO) Outsourcing, possibile definizione OUTSOURCING Paolo Atzeni Dipartimento di Informatica e Automazione Università Roma Tre 15/01/2004 Delega operativa dei servizi connessi all informatica che un Cliente

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

ALYANTE Start Le grandi prestazioni di POLYEDRO arrivano alle piccole imprese

ALYANTE Start Le grandi prestazioni di POLYEDRO arrivano alle piccole imprese ALYANTE Start Le grandi prestazioni di POLYEDRO arrivano alle piccole imprese 1 Indice TeamSystem 2 POLYEDRO 4 ALYANTE Start 8 Accessibilità, collaboration e funzionalità condivise 11 Aree funzionali

Dettagli

CBI 2003 - Roma 20 febbraio 2003

CBI 2003 - Roma 20 febbraio 2003 Tecnologie, Prodotti e Servizi per l Electronic Banking Dott.. Fausto Bolognini - Direttore Generale Punti chiave NECESSITÀ del mercato Cosa vogliono le aziende? Cosa offre il mondo web? Limiti dell attuale

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

POLYEDRO. La migliore piattaforma tecnologica di sempre

POLYEDRO. La migliore piattaforma tecnologica di sempre POLYEDRO La migliore piattaforma tecnologica di sempre 1 Indice Chi siamo La tecnologia POLYEDRO LYNFA Studio LYNFA Azienda ALYANTE Start ALYANTE Enterprise 4 8 12 16 20 24 Siamo nati in Italia, siamo

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

ISIS Giordano Bruno Sistemi Informativi Aziendali. Lezione del Prof. Gianluigi Roveda

ISIS Giordano Bruno Sistemi Informativi Aziendali. Lezione del Prof. Gianluigi Roveda ISIS Giordano Bruno Sistemi Informativi Aziendali Lezione del Prof. Gianluigi Roveda Sommario 1. Sistema Informativo e Sistema Informatico 2. Professionalità 3. Applicazioni aziendali 4. Problemi di sicurezza

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Partner nell Organizzazione della Tua Azienda

Partner nell Organizzazione della Tua Azienda Partner nell Organizzazione della Tua Azienda la potenza della rete, la competenza Spider 4 Web: molto più di un software web-based, un vero e proprio partner nell organizzazione aziendale, che segue il

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

ENTERPRISE SOLUTION CROSS SOLUTION PROFESSIONAL SOLUTION SERVIZI E FORMAZIONE

ENTERPRISE SOLUTION CROSS SOLUTION PROFESSIONAL SOLUTION SERVIZI E FORMAZIONE 1 ENTERPRISE SOLUTION 2 CROSS SOLUTION PROFESSIONAL SOLUTION 3 4 SERVIZI E FORMAZIONE CHI SIAMO Flor Informatica S.r.l. nasce nel 1980 con l obiettivo di fornire soluzioni professionali a Studi e piccole

Dettagli

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa

OSSERVATORIO CRM. Milano, Circolo della Stampa OSSERVATORIO CRM Milano, Circolo della Stampa E la parola di pietra è caduta Sul mio petto ancora vivo. Non è nulla, ecco, ero preparata. In qualche modo la supererò. Ho molto lavoro oggi: occorre uccidere

Dettagli

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA PRESENTAZIONE Marco Mena - Between 1 CONTENUTI 1. ANALISI DELLA DOMANDA NELLA PROVINCIA DI ROMA 2. INFRASTRUTTURE E SERVIZI A BANDA LARGA NELLA PROVINCIA

Dettagli

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting

La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting La Business Intelligence per competere e governare il cambiamento Vittorio Arighi Practice Leader Netconsulting 9 ottobre 2014 L andamento del PIL a livello mondiale: l Italia continua ad arretrare Mondo

Dettagli

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani

Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM. Alice Pavarani Integrazione dei processi aziendali Sistemi ERP e CRM Alice Pavarani Un ERP rappresenta la maggiore espressione dell inseparabilità tra business ed information technology: è un mega-package di applicazioni

Dettagli

CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti

CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti I. Il CRM Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda ed i suoi

Dettagli

Situazione al quarto trimestre 2003

Situazione al quarto trimestre 2003 IL TERMOMETRO DELLA NET ECONOMY Situazione al quarto trimestre 2003 In collaborazione con Tavola dei contenuti 1. Temperatura Sistema Italia... 5 2. La situazione al 4 trimestre 2003... 6 2.1. L audience

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

La vostra azienda è pronta per un server?

La vostra azienda è pronta per un server? La vostra azienda è pronta per un server? Guida per le aziende che utilizzano da 2 a 50 computer La vostra azienda è pronta per un server? Sommario La vostra azienda è pronta per un server? 2 Panoramica

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

Programma per le soluzioni dei Partner di Altair HyperWorks

Programma per le soluzioni dei Partner di Altair HyperWorks Programma per le soluzioni dei Partner di Altair HyperWorks Domande frequenti (FAQ) Introduzione ad Altair Altair Engineering, Inc. promuove processi di innovazione tecnologica e di decision-making proponendo

Dettagli

Introduzione al Commercio elettronico

Introduzione al Commercio elettronico Introduzione al Commercio elettronico Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Cos'è il commercio elettronico

Dettagli