Sistemi d allarme vocale. Edizione La soluzione d evacuazione intelligente. Answers for infrastructure.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi d allarme vocale. Edizione 2014. La soluzione d evacuazione intelligente. www.siemens.ch/fss. Answers for infrastructure."

Transcript

1 Massima sicurezza grazie all allarme vocale Edizione 2014 Sistemi d allarme vocale La soluzione d evacuazione intelligente Answers for infrastructure.

2 La sicurezza degli edifici parla chiaro In caso d emergenza, evacuare un edificio di grandi dimensioni o dall architettura complessa è un impresa tutt altro che facile. Gli edifici hanno spesso più destinazioni d uso, oppure ospitano persone provenienti da culture diverse. Un sistema elettroacustico d emergenza offre un prezioso aiuto per informare tutti simultaneamente: le persone vengono sollecitate a mettersi in salvo in modo ordinato e scaglionato, allontanandosi dalla zona di pericolo. Ciò permette di evitare situazioni di panico e ingorghi. 2

3 Più alti, più grandi, più complessi Non è solo negli USA e in Asia che si costruiscono edifici sempre più alti, più grandi e soprattutto più complessi questa tendenza è presente anche in Svizzera. Oltre a costruire ex novo, si riattano e s interconnettono edifici già esistenti: nascono così estesi complessi multipiano destinati a diversi usi. Soggetti a frequenti cambiamenti, gli edifici hanno al giorno d oggi destinazioni d uso vieppiù multifunzionali. Architetture complesse e un occupazione intensiva sono fattori che accrescono notevolmente i rischi in situazioni d emergenza. Siemens offre apparecchiature e soluzioni adatte per realizzare impianti d allarme vocale e sistemi elettroacustici d emergenza compatti o decentralizzati. Con vantaggi evidenti: le nostre soluzioni globali, dalla sonorizzazione di sottofondo fino all evacuazione progressiva degli edifici, contribuiscono sensibilmente alla sicurezza e ad un ambiente di benessere. È rassicurante sapere che, in caso di pericolo, il sistema normalmente impiegato per infondere un atmosfera di benessere svolgerà con la massima affidabilità funzioni d emergenza a prova di guasti. Grandi folle di clienti, avvicendamenti di personale, specialisti esterni e fornitori: la routine quotidiana è un continuo viavai. Gli edifici sono frequentati da molta gente che non conosce né la configurazione degli immobili né l ubicazione delle uscite di sicurezza. Pericolo Riconoscimento Reazione Evento Allarme Udire, vedere, capire Autosalvataggio riuscito 3

4 Destinazione d uso degli edifici e caratteristiche delle persone Segnale sonoro Messaggi preregistrati Messaggi dal vivo Uffici, stabili amministrativi, scuole, industrie (luoghi familiari alle persone presenti) >4 min 3 min <1 min Negozi, musei, luoghi di adunanza (luoghi non familiari alle persone presenti) >6 min 3 min <2 min Alloggi, internati (luoghi familiari alle persone che vi dormono) >5 min 4 min <2 min Alberghi (luoghi non familiari alle persone che vi dormono) >6 min 4 min <2 min Ospedali, case per anziani e istituti di cura (le persone in parte hanno bisogno di assistenza) >8 min 5 min <3 min Riduzione dei tempi di reazione (Studio BS DD 240-1) Messaggi vocali anziché segnali acustici Le segnalazioni d allarme effettuate con strumenti tradizionali vengono spesso ignorate o interpretate erroneamente. Se il segnale di una sirena o di un avvisatore acustico non risulta intelligibile, si tende a riprendere le proprie attività senza indagare oltre. In più, chi si trova all interno di un edificio pubblico parte dal presupposto che in caso di un evento davvero importante venga avvisato in modo chiaro e diretto. Si perdono così secondi e minuti cruciali, mentre il pericolo cresce. Quando la folla si rende conto di essere di fronte a una reale emergenza e di non aver reagito tempestivamente, inizia una fuga dettata dal panico. Quasi sempre, però, questa reazione incontrollata, che spinge a correre per mettersi in salvo il più rapidamente possibile, sfocia nel caos o nell isterismo senza far recuperare il tempo perso. Le conseguenze possono essere fatali. Per proteggere le vite umane, in caso d emergenza è necessario procedere a un evacuazione ordinata che permetta di portare tutti al sicuro in tempi brevissimi. I vantaggi degli annunci vocali In tali circostanze, i messaggi parlati presentano un netto vantaggio. Gli innovativi impianti di sonorizzazione elettroacustici si rivolgono direttamente alle persone presenti nell edificio, evitando sin dal principio interpretazioni errate. Indicazioni chiare sollecitano la folla a mettersi in salvo e guadagnare minuti preziosi ancora prima dell arrivo delle forze di salvataggio. Ciò comporta un ulteriore guadagno di tempo: il fatto di trovare l edificio già quasi vuoto agevola notevolmente i soccorsi e la neutralizzazione dei rischi. Va da sé che i pompieri possono anche intervenire in qualsiasi momento con messaggi vocali specifici. Negli USA, i sistemi elettroacustici d emergenza sono impiegati da anni con successo. Sempre più diffusi anche in Europa e in Svizzera in particolare, essi contribuiscono ad aumentare sensibilmente la sicurezza degli edifici. 4

5 Gli edifici molto frequentati, come alberghi, stabili amministrativi, centri commerciali, scuole o università, pongono esigenze d evacuazione particolari: requisiti cui rispondono alla perfezione i moderni sistemi d allarme vocale, diffondendo messaggi volti a fornire informazioni inequivocabili sui pericoli e istruzioni chiare che possono essere comprese e seguite all istante. Annunci vocali tranquillizzanti contribuiscono inoltre a evitare il panico. Le vie di fuga sono fin troppo spesso anche delle strettoie. Soprattutto negli edifici di grandi dimensioni, le persone non riescono ad abbandonare tutte insieme l immobile nel medesimo momento. È quindi utile procedere ordinatamente a tappe per consentire un evacuazione progressiva. I moderni sistemi d allarme vocale operano secondo diverse priorità e con scenari preprogrammati, attivabili automaticamente in funzione della situazione specifica: dapprima vengono evacuate le persone che si trovano nel settore esposto al pericolo; in seguito le persone nelle zone adiacenti; infine, se necessario, vengono fatti sgombrare i rimanenti settori dell immobile. 5

6 Benessere quotidiano soccorso nell urgenza I vantaggi di un allarme vocale volto a favorire l autosalvataggio sono evidenti: le persone reagiscono praticamente all istante; motivando l allarme, si convincono i presenti a reagire come richiesto; le persone coinvolte ricevono istruzioni specifiche; messaggi dal vivo mirati permettono di attirare l attenzione su situazioni o pericoli particolari; i messaggi vocali possono anche essere multilingue. Nel regime ordinario, un impianto d allarme vocale consente di diffondere messaggi generici o di ricerca persone, annunci pubblicitari o un piacevole sottofondo musicale d accompagnamento. Ciò favorisce un sentimento di benessere nei clienti, incrementa il fatturato dei centri commerciali e migliora la motivazione del personale sul posto di lavoro. I moderni sistemi d altoparlanti offrono un eccellente riproduzione musicale con uno spettro acustico equilibrato anche a basso volume. È possibile definire diverse zone di diffusione, regolarle individualmente e adattare il volume alle condizioni ambientali. Ovunque si trovino, molte persone utilizzano ormai quasi ininterrottamente il cellulare o gli auricolari ecco perché s impone un sistema d allarme vocale a volume variabile, più alto nei casi d emergenza. Oltre a offrire un risultato estetico in armonia con la struttura architettonica dell edificio, la scelta corretta dei modelli d altoparlanti permette di migliorare sensibilmente l intelligibilità dei messaggi negli ambienti caratterizzati da un acustica problematica. 6

7 Situazione normativa attuale Norme di prodotti per impianti d allarme vocale Norma applicativa per impianti d allarme vocale Norma di sistema EN 54-4: Impianti di rivelazione d incendio Apparecchiature d alimentazione. L impianto d allarme vocale dev essere dotato di un alimentazione certificata secondo EN EN 54-16: Impianti di rivelazione d incendio Centrali d allarme vocale, in vigore dall La centrale d allarme vocale dev essere certificata secondo EN EN 54-24: Impianti di rivelazione d incendio Altoparlanti, in vigore dall L altoparlante dell impianto d allarme vocale dev essere certificato secondo EN VDE : Impianti di rivelazione pericoli Allarme vocale in caso d incendio. L impianto d allarme vocale è asservito da un impianto di rivelazione d incendio. Per l impianto d allarme vocale va applicata la norma VDE EN (VDE ): Sistemi elettroacustici d emergenza Il sistema elettroacustico d emergenza non è asservito da alcun impianto di rivelazione d incendio. Esso dev essere omologato secondo EN Sistemi d allarme vocale normati Nell ambito della tecnica della sicurezza, i sistemi sono configurati sin dalle prime fasi di sviluppo in modo da garantire un elevata sicurezza contro i guasti, l automonitoraggio e la massima ridondanza possibile. Rispetto alle comuni installazioni di sonorizzazione negli edifici, gli impianti d allarme vocale e i sistemi elettroacustici d emergenza professionali si distinguono con prestazioni superiori. I sistemi d allarme vocale associati a un impianto antincendio e attivati automaticamente in caso d incendio devono soddisfare diverse norme, come EN 60849, EN 54-4, EN ed EN Pertanto, sono un elemento fondamentale in qualsiasi concetto di protezione antincendio. Se l evacuazione non viene attivata in automatico da una centrale di rivelazione d incendio, subentra il sistema elettroacustico d emergenza. La conformità con le norme EN e VDE garantisce la totale disponibilità e funzionalità del sistema anche in caso d emergenza. L automonitoraggio continuo permette di riconoscere e segnalare eventuali difetti o anomalie: dalla capsula del microfono all altoparlante, passando per i cavi e i componenti del sistema, tutto è monitorato senza interruzioni. Per poter diffondere messaggi anche in mancanza di corrente, l impianto d allarme vocale deve essere dotato di un unità UPS conforme EN 54-4 e supportata da batterie. 7

8 Livello di sicurezza I Livelli di sicurezza II e III Centrale d allarme vocale Compartimento tagliafuoco 1 (max m 2 ) Centrale d allarme vocale A B Compartimento tagliafuoco 1 (max m 2 ) A Compartimento tagliafuoco 2 (max m 2 ) B Compartimento tagliafuoco 2 (max m 2 ) Cavo con mantenimento funzionale E 30 secondo DIN fino al primo altoparlante o fino al punto di fissaggio/ distributore Cavo standard, ad es. J-Y(St)Y 2 x 0,8 Punto di fissaggio/distributore Cavo con mantenimento funzionale E 30 secondo DIN fino al primo altoparlante o fino al punto di fissaggio/ distributore Cavo standard, ad es. J-Y(St)Y 2 x 0,8 Punto di fissaggio/distributore Livelli di sicurezza I, II e III Sicurezza con la S maiuscola Livello di sicurezza I In caso di guasto su un canale di trasmissione (interruzione, cortocircuito o simile), la sonorizzazione può venire a mancare al massimo in un settore d allarme per piano. La norma VDE raccomanda questo livello di sicurezza per edifici con una superficie inferiore a 2000 m² e capaci di contenere fino a 200 persone. Livello di sicurezza II In caso di guasto a un distributore o su un canale di trasmissione (interruzione, cortocircuito o simile), la sonorizzazione nel campo d azione va assicurata in modo che il volume non si abbassi più di 3 db (A) e che l indice d intelligibilità dei messaggi vocali STI (Speech Transmission Index) non sia inferiore a 0,45. Ciò corrisponde a un valore di 0,65 sulla scala comune d intelligibilità (Common Intelligibility Scale, CIS). La norma VDE raccomanda questo livello di sicurezza per edifici con una superficie superiore a 2000 m² e capaci di contenere più di 200 persone. Livello di sicurezza III Oltre ai requisiti del livello di sicurezza II, il livello di sicurezza III esige una realizzazione completamente ridondante della centrale. La norma VDE raccomanda questo livello per edifici che richiedono la massima sicurezza contro i guasti. Requisiti acustici conformemente a DIN VDE Livello sonoro d allarme minimo 65 db (A) 75 db (A) nelle zone notte o di riposo almeno 10 db (A) al disopra del livello d interferenza; quest ultimo va accertato preliminarmente Intelligibilità dei messaggi vocali Valore medio d intelligibilità richiesto: CIS 0,7; STI 0,5 8

9 Sorgente sonora db Conversazione a bassa voce Rumore di carta stracciata Conversazione normale Ufficio Automobile Speaker Aspirapolvere Piccola orchestra Musica in radiodiffusione al ristorante Rumori stradali Grande orchestra ( 105) Fabbrica Metropolitana Tipografia Aereo a 3 m di distanza Sorgenti d interferenza e livello sonoro Intelligibilità L intelligibilità di un messaggio vocale è fondamentale. Se il messaggio risulta incomprensibile o poco chiaro, diventa inutile anche il migliore degli impianti elettroacustici. Affinché le istruzioni vengano diffuse a un volume sufficientemente alto e udibile, quest ultimo va impostato ad almeno 10 db (A) in più rispetto ai rumori presenti nell ambiente circostante (livello d interferenza sonora). Per misurare l intelligibilità, si determina il valore STI (Speech Transmission Index) sulla scorta di 98 misurazioni e lo si esprime su una scala numerica da 0 a 1. Conformemente alle normative EN, per gli impianti d allarme vocale è richiesto un valore STI di almeno 0,5. Alta tecnologia pionieristica Gli impianti elettroacustici con moduli a innesto e schede di misurazione appartengono ormai al passato: a causa della sua costruzione e dei numerosi contatti interni, questa tecnologia è soggetta a interruzioni e contatti allentati. Col passare degli anni, molti sistemi modulari a innesto hanno evidenziato una ridotta affidabilità e al contempo una crescente necessità di manutenzione. Dotati di una tecnologia dei microprocessori perfezionata, i più recenti e avanzati sistemi elettroacustici sono altamente integrati, perfettamente digitali ed estremamente compatti. Le interfacce e i chip DSP integrati permettono di impostare agevolmente qualsiasi numero di parametri mediante menu, mentre in passato erano necessari appositi regolatori meccanici sugli apparecchi. Compattezza tuttavia non significa perdita di flessibilità, anzi: poco ingombranti e programmabili individualmente, questi sistemi sono configurabili in modo decentralizzato attraverso le interfacce. Gli apparecchi sono interconnessi in rete grazie a una tecnologia digitale priva di perdite che consente di trasmettere senza interruzioni più canali audio tramite un collegamento Ethernet. Forte di 150 anni d esperienza nella tecnica di protezione antincendio, Siemens è sinonimo non solo di soluzioni innovative e componenti affidabili, ma anche di una consulenza e di una progettazione all insegna della competenza. 9

10 Ambienti piacevoli e sicuri Un ambiente di benessere In negozio o al ristorante, una gradevole musica di sottofondo favorisce il benessere dei clienti. È dimostrato che brani musicali e messaggi pubblicitari adeguati al momento della giornata contribuiscono a incrementare le vendite. Nei ristoranti, il sottofondo musicale crea un atmosfera d intimità che impedisce di sentire le conversazioni ai tavoli vicini. I fornitori di servizi musicali VoIP allestiscono su richiesta programmi musicali digitali senza interruzioni pubblicitarie, adatti alla diffusione nell intero edificio attraverso un impianto elettroacustico. Per trasmettere i brani preferiti, gli apparecchi dei nostri sistemi naturalmente consentono anche la connessione di lettori MP3 o CD, ricevitori radio o smartphone. Nei grandi centri commerciali, l impianto d allarme vocale permette di diffondere musica in ogni singolo negozio. L installazione può anche essere equipaggiata con un sistema hi-fi separato ad alta potenza. In caso d emergenza, il programma musicale viene interrotto dall impianto d allarme vocale per trasmettere i messaggi d allerta nei rispettivi negozi. Negli autosili s impiegano invece perlopiù altoparlanti a tromba: i clienti vengono così avvertiti di un eventuale situazione di pericolo nel momento stesso in cui scendono dall auto. Affinché i messaggi d emergenza siano capiti anche dai clienti stranieri, è possibile registrare gli annunci in svariate lingue nella memoria digitale integrata. Inoltre, per raggiungere le persone deboli di udito, si possono realizzare concetti d allarme che diffondono gli annunci d emergenza attivando simultaneamente la visualizzazione di messaggi d allerta lampeggianti ben leggibili su tutti gli schermi presenti nell edificio. 10

11 Sicurezza nelle scuole La soluzione d evacuazione variabile Negli istituti scolastici e universitari si punta sulla prevenzione con misure organizzative e/o strutturali volte a impedire l accesso agli intrusi. Anche la videosorveglianza e zone ben strutturate e illuminate possono avere un effetto deterrente. Purtroppo non sempre è sufficiente, come dimostrano i vieppiù frequenti casi di follia omicida all interno di istituti scolastici negli ultimi anni. Se non vengono avvertiti per tempo del pericolo in tutto lo stabilimento, allievi e insegnanti possono facilmente cadere in balìa di un folle criminale. Un impianto d evacuazione li sollecita ad abbandonare il più rapidamente possibile lo stabile, oppure a rinchiudersi nelle aule per proteggersi da un eventuale attacco. In più, appositi pulsanti dissimulati nelle aule permettono al personale docente di dare l allarme. dell edificio, trasmettendo messaggi dal vivo. Impianti citofonici se necessario supportati da immagini video consentono altresì di comunicare con l interno dei locali per valutare la situazione oppure ordinare l evacuazione. Nell ambito delle normali attività scolastiche, il sistema d allarme elettroacustico diffonde ad esempio il gong della pausa o permette ai professori di utilizzare un microfono per facilitare l ascolto delle lezioni nelle aule universitarie. In caso d incendio o di un allarme bomba, l edificio va evacuato immediatamente per allontanare le persone dalla zona di pericolo. L impianto elettroacustico può diffondere a tale scopo istruzioni in chiaro o in codice in tutti i locali. I messaggi in codice impediscono al criminale di capire che è stato scoperto e che la polizia è già allertata. Le forze di salvataggio possono intervenire attivamente dall esterno 11

12 Allarme nelle aree industriali Integrazione per una copertura su vasta scala Le grandi aree industriali comprendenti diversi edifici costituiscono una sfida particolare: le loro vaste dimensioni e la conseguente necessità di sonorizzare tutti i locali richiedono un sistema complesso con numerosi altoparlanti. Componenti decentralizzati, capaci di comunicare tra loro mediante connessioni LAN, permettono di realizzare e gestire elegantemente anche questo tipo d installazione molto estesa. Senza un sistema d allarme vocale, la complessità degli spazi industriali impedisce sovente di raggiungere tempestivamente ogni persona. Soprattutto a chi non è pratico dell edificio (ad es. clienti, personale di ditte esterne incaricate della manutenzione o società in affitto), l allarme vocale offre un prezioso aiuto per l autosalvataggio in caso d emergenza. speciali altoparlanti ad alta pressione sonora. Associabili a lampeggianti anch essi in grado di attirare l attenzione dei presenti, segnalano efficacemente le emergenze negli ambienti rumorosi. All interno di edifici amministrativi o locali caratterizzati da un normale livello di rumorosità, il segnale d allarme viene adeguato alle circostanze ambientali e il messaggio d emergenza diffuso a un volume più basso. Il volume è regolabile in ogni zona per garantire una sufficiente intelligibilità dell annuncio vocale. Nell esercizio normale, l impianto d allarme vocale consente anche qui di diffondere una gradevole musica di sottofondo per favorire un clima aziendale stimolante. Un ulteriore sfida posta dai complessi industriali è quella dell elevato livello di rumorosità locale. Occorre infatti garantire un volume e un intelligibilità tali da far capire gli annunci vocali nelle situazioni d urgenza. In questi casi sono indicati 12

13 Alberghi, ospedali, case per anziani Tante camere una sola soluzione In caso d emergenza, nei grandi complessi con centinaia di posti letto in stanze ad occupazione variabile risulta difficile informare tempestivamente tutti i presenti. Senza un impianto d allarme vocale, si perderebbero molti minuti d importanza vitale. Non sempre però è necessario far sgombrare l intero stabile: un evacuazione ordinata per piani si rivela spesso la soluzione migliore, poiché evita situazioni d ingorgo sulle scale. Occorre anche considerare che la presenza di ospiti internazionali rende più difficile la comunicazione. Nelle zone comuni, ad esempio atri o sale d aspetto, è inoltre gradito un sottofondo musicale che influisca positivamente sul benessere delle persone presenti. Negli ospedali, il personale può essere allertato con apparecchi pager e intervenire così attivamente presso i pazienti che hanno bisogno di aiuto. In caso d emergenza, la musica di sottofondo nelle zone comuni viene interrotta da messaggi vocali preregistrati nella memoria digitale. L impianto elettroacustico naturalmente è utilizzabile anche per annunci generali, pubblicitari o di ricerca persone. Se viene a crearsi una situazione d emergenza, l impianto elettroacustico è un prezioso alleato per informare tutti gli ospiti. Gli annunci che invitano a recarsi alle uscite di sicurezza possono essere diffusi in più lingue in ogni singola camera. L attivazione degli avvolgibili elettrici, dell illuminazione o della visualizzazione di testi sugli schermi dei televisori contribuisce a enfatizzare l urgenza della situazione. 13

14 Allarme vocale nelle gallerie stradali L incendio di un veicolo in una galleria stradale può degenerare rapidamente in una catastrofe con molte vittime. Pur trasmettendo adeguate istruzioni via radio, in tali situazioni si raggiungono solo quelle persone che sono effettivamente all ascolto. Spesso i conducenti non abbandonano subito i propri veicoli, ciò che crea un notevole potenziale di pericolo: anziché cercare a piedi la più vicina via di fuga, tentano sovente di invertire la marcia per uscire dalla galleria, provocando ancora più caos e ingorghi che rischiano di bloccare l accesso ai pompieri. Adeguati concetti d allarme vocale permettono di sollecitare efficacemente gli occupanti dei veicoli a mettersi in salvo attraverso le vie di fuga. Diventa così anche molto più facile per i pompieri raggiungere il focolaio d incendio. A causa dell eco e degli effetti di riverbero in strutture di notevole lunghezza come i tunnel, le installazioni audio devono soddisfare requisiti severissimi. Gli studi mostrano due diversi concetti di soluzioni possibili per facilitare l evacuazione di una galleria. Speciali altoparlanti a tromba montati a soffitto consentono di rivolgersi direttamente agli occupanti dei veicoli. Questi dispositivi presentano una radiazione acustica estremamente mirata e una pressione sonora molto elevata. Ciò riduce le riflessioni sulle pareti della galleria e di conseguenza migliora l intelligibilità dei messaggi parlati. L elevata pressione sonora permette di sovrastare i rumori del traffico e della ventilazione, affinché i messaggi siano udibili anche all interno delle auto. L effetto di ritardo o d eco dovuto alla posizione sfalsata degli altoparlanti è ampiamente attenuato dalla diffusione leggermente differita degli annunci. Un ulteriore possibilità volta a promuovere l autosalvataggio consiste nella collocazione mirata di altoparlanti ad alta pressione sopra le uscite di sicurezza. In caso d emergenza, questi apparecchi diffondono dei richiami (ad es. «da questa parte» oppure «l uscita di sicurezza è qui») che aiutano gli automobilisti a mettersi in salvo: la localizzazione acustica del segnale di richiamo più vicino consente di trovare l uscita di sicurezza anche se la galleria è già invasa dal fumo. 14

15 Glossario Suono Acustica dei locali Eco Riverbero Tecnica 100 V Il suono viene percepito dall orecchio in seguito a oscillazioni meccaniche nella materia, le quali possono propagarsi nell aria, nell acqua, nel gas, nel legno o ad esempio nel cemento. Nel vuoto ciò non è possibile. Le onde sonore si propagano concentricamente; la frequenza corrisponde al numero di oscillazioni al secondo e determina l altezza del suono percepito. L acustica dei locali ha un influsso decisivo sull intelligibilità del suono, risp. del parlato. Riflessioni multiple all interno di un locale generano un riverbero o addirittura un eco. Eventuali ostacoli nel campo sonoro influiscono sulla trasmissione: il suono giunge distorto all ascoltatore e potrebbe risultare incomprensibile. In determinate strutture, ad esempio teatri o conservatori musicali, una buona acustica richiede comunque un certo grado di riverbero percepito come gradevole. Se un segnale audio riflesso giunge all orecchio con un ritardo di almeno 35 ms, viene percepito come eco. Ciò può risultare fastidioso e ridurre sensibilmente l intelligibilità. Una corretta collocazione degli altoparlanti, atta ad assicurare un suono possibilmente diretto, permette di contrastare questo fenomeno. Il riverbero consiste di molte riflessioni che giungono ritardate all ascoltatore. Il tempo di riverbero è definito come l intervallo di tempo necessario perché il livello sonoro diminuisca di 60 db. L effetto può essere minore o maggiore a seconda delle dimensioni del locale e dei materiali ivi contenuti: materiali a bassa impedenza acustica, ad es. mobili imbottiti e tendaggi, influiscono positivamente sull acustica in quanto fonoassorbenti. Per trasmettere i segnali degli altoparlanti negli impianti d allarme vocale e nei sistemi elettroacustici d emergenza si impiega la tecnica 100 V. Questa permette di coprire grandi distanze, ossia in un edificio fino a diverse centinaia di metri. Inoltre, si possono collegare sulla stessa linea i più svariati tipi d altoparlanti: anche più di 50 apparecchi, senza grandi adattamenti d impedenza. È altresì possibile raggruppare i singoli altoparlanti (secondo la compartimentazione tagliafuoco) e inserirli o disinserirli facilmente in caso di bisogno. Prevenzione Rivelazione Reazione Intervento 15

16 Distretto ovest Distretto centrale Contatti centrali Succursale de Lausanne Avenue des Baumettes 5 Case postale Renens 1 Suisse Vente Tél Service Center Tél Succursale de Genève Chemin du Pont-du-Centenaire Plan-les-Ouates Suisse Vente Tél Service Center Tél Distretto est Niederlassung Zürich Industriestrasse Volketswil Verkauf Gebäudesicherheit Tel Verkauf Gebäudeautomation Tel Service Center Tel Niederlassung St. Gallen Industriestrasse 149 Postfach Gossau Verkauf Tel Service Center Tel Niederlassung Basel Duggingerstrasse Reinach Verkauf Tel Service Center Tel Niederlassung Bern Obere Zollgasse Ostermundigen Verkauf Tel Service Center Tel Niederlassung Luzern D4 Platz Root Längenbold Verkauf Tel Service Center Tel Distretto sud Succursale Ticino In Tirada Camorino Svizzera Vendita Tel Service Center Tel Le informazioni contenute in questo documento riportano una descrizione generale delle possibilità tecniche, le quali tuttavia non sono necessariamente realizzate in ogni caso specifico. Le caratteristiche prestazionali desiderate vanno quindi stabilite nei singoli casi al momento della stipulazione del contratto. Siemens AG Infrastructure & Cities Sector Building Technologies Freilagerstrasse Zürich Tel Gebäudesicherheit Siemens AG Infrastructure & Cities Sector Building Technologies Fire Safety and Security Industriestrasse Volketswil Tel Security Products Produkte für Wiederverkäufer und Systemhäuser Siemens AG Infrastructure & Cities Sector Building Technologies Security Products Industriestrasse Volketswil Tel Gebäudeautomation Siemens AG Infrastructure & Cities Sector Building Technologies Building Automation Sennweidstrasse Steinhausen Tel HLK/KNX für Systemhäuser und Integratoren, Planer, Wiederverkäufer und OEM Siemens AG Infrastructure & Cities Sector Building Technologies Control Products & Systems Sennweidstrasse Steinhausen Tel Siemens Svizzera SA, 2013 N d ordinazione BT-10795I/CH-SO Con riserva di modifiche Answers for infrastructure. Il mondo che ci circonda sta affrontando trasformazioni che ci obbligano a pensare in modo diverso: cambiamenti demografici, urbanizzazione, riscaldamento globale e riduzione delle risorse a disposizione. La massima efficienza diventa un fattore di priorità assoluta non solo per quello che concerne l energia. Dobbiamo anche migliorare il comfort per il benessere degli utenti. Il successo dei nostri clienti è determinato da come riescono ad affrontare queste sfide. Abbiamo tutte le risposte. «Siamo il partner tecnologico e affidabile, per edifici e infrastrutture sicure, protette e efficienti a livello energetico.»

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto.

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. 2 Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Compatto, dalla qualità e copertura senza uguali Ampio angolo di apertura per

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00 Istruzioni di montaggio e per l'uso Altoparlante ad incasso 1258 00 Descrizione dell'apparecchio Con l'altoparlante ad incasso, il sistema di intercomunicazione Gira viene integrato in impianti di cassette

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso Avena 135/135 Duo T elefono cordless analogico DECT Istruzioni per l uso Attenzione: istruzioni per l uso con avvertenze di sicurezza! Leggerle attentamente prima di mettere in funzione l apparecchio e

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo)

Fonica: Scheda 2. Il suono. Il rumore. (a cura di Pietro Di Mascolo) Fonica: Scheda 2 (a cura di Pietro Di Mascolo) Il suono Possiamo definire il suono come una particolare sensazione percepita dall organo dell udito eccitato da un agente esterno. Esso ha origine dal movimento

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH Manuale DA-10287 Grazie per aver acquistato l'altoparlante portatile Super Bass Bluetooth DIGITUS DA-10287! Questo manuale d'istruzioni vi aiuterà ad iniziare

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Phonak ComPilot. Manuale d uso

Phonak ComPilot. Manuale d uso Phonak ComPilot Manuale d uso Indice 1. Benvenuto 5 2. Per conoscere il dispositivo ComPilot in uso 6 2.1 Legenda 7 2.2 Accessori 8 3. Come cominciare 9 3.1 Impostazione dell alimentatore 9 3.2 Come caricare

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Materiale di radiocomunicazione

Materiale di radiocomunicazione BevSTitelSeite PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Materiale di radiocomunicazione Ricetrasmittente SE-125 UFFICIO FEDERALE DELLA PROTEZIONE DELLA POPOLAZIONE Febbraio 2004 1503-00-1-02-i.doc Indice Ricetrasmittente

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ipod nano Guida alle funzionalità

ipod nano Guida alle funzionalità ipod nano Guida alle funzionalità 1 Indice Capitolo 1 4 Nozioni di base di ipod nano 5 Panoramica su ipod nano 5 Utilizzare i controlli di ipod nano 7 Disabilitare i controlli di ipod nano 8 Utilizzare

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Alto II Telefono Mobile. Manuale d'utilizzazione

Alto II Telefono Mobile. Manuale d'utilizzazione Alto II Telefono Mobile Manuale d'utilizzazione 1 Preambolo Copyright 2011 Gold GMT SA Tous droits réservés momento senza notificazione preliminare. La riproduzione, il trasferimento o lo stoccaggio del

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT

EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI VOLT EQUIPAGGIAMENTI E PREZZI LUGLIO 2012 LISTINO PREZZI Volt CHIAVI IN MANO CON IVA MESSA SU STRADA PREZZO DI LISTINO CON IVA PREZZO LISTINO (IVA ESCLUSA) 44.350 ALLESTIMENTI 1.400,00 42.950,00 35.495,87 SPECIFICHE

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter

User Manual ULTRA-DI DI20. Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter User Manual ULTRA-DI DI20 Professional Active 2-Channel DI-Box/Splitter 2 ULTRA-DI DI20 Indice Grazie...2 1. Benvenuti alla BEHRINGER!...6 2. Elementi di Comando...6 3. Possibilità Di Connessione...8 3.1

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE E ALLA INSTALLAZIONE DEI SISTEMI DI DIFFUSIONE SONORA

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE E ALLA INSTALLAZIONE DEI SISTEMI DI DIFFUSIONE SONORA GUIDA ALLA PROGETTAZIONE E ALLA INSTALLAZIONE DEI SISTEMI DI DIFFUSIONE SONORA UNLIMITED SOUND SISTEMA QUALITÀ CERTIFICATO U N I E N I S O 9 0 0 1 P EDITO DA: RCF SPA 3 a EDIZIONE - GENNAIO 2000 A NORMA

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA

ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA ANTINTRUSIONE - ANTINCENDIO - DIFESE PASSIVE - HOME & BUILDING AUTOMATION - INTELLIGENCE E ANTITERRORISMO - POLIZIA LOCALE E VIGILANZA PRIVATA RHO, DAL 25 AL 28 NOVEMBRE 2008 Un quarto di secolo di storia,

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera

Diffusore a pavimento modello SOL. per convezione libera Diffusore a pavimento modello SOL per convezione libera Indice Campo di impiego... 5 Panoramica sui prodotti.... 6 Descrizione dei prodotti Modello SOL96... 8 Modello SOL... 9 Modello SOL...10 Modello

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Dichiarazione di conformità alle normative FCC SAR 1. Informazioni sul certificato (SAR) 6. Disimballaggio di SO-2510 7

Dichiarazione di conformità alle normative FCC SAR 1. Informazioni sul certificato (SAR) 6. Disimballaggio di SO-2510 7 SO-2510 01 Prima di usare il dispositivo Dichiarazione di conformità alle normative FCC SAR Dichiarazione di conformità alle normative FCC SAR 1 Dichiarazione di conformità FCC in materia di interferenze

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

ipod shuffle Manuale Utente

ipod shuffle Manuale Utente ipod shuffle Manuale Utente 1 Indice Capitolo 1 3 Informazioni su ipod shuffle Capitolo 2 5 Nozioni di base di ipod shuffle 5 Panoramica su ipod shuffle 6 Utilizzare i controlli di ipod shuffle 7 Collegare

Dettagli

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo

METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Manuale operativo METODOLOGIE E INTERVENTI TECNICI PER LA RIDUZIONE DEL RUMORE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO PRESENTAZIONE Le malattie professionali e in particolare le ipoacusie, che costituiscono in Italia ancora una delle

Dettagli

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione

Acustica: La qualità del suono. Tempo di riverberazione Rita D Ostuni matr. 13918, Anastasia Porcu matr. 03410 Lezione del 1/05/014 ora 09:30-1:30 Acustica: La qualità del suono INDICE della lezione del 1/05/014 - Tempo di riverberazione 1 - La risposta all

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 1 2 3 4 Elementi di comando e visualizzazione Elementi di comando e visualizzazione 11 12

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Maggior comfort e sicurezza in movimento. Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus

Maggior comfort e sicurezza in movimento. Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus Maggior comfort e sicurezza in movimento Sistemi di riscaldamento e di condizionamento per veicoli speciali, mini e midibus Comfort e sicurezza ti accompagnano in ogni situazione. Ecco cosa significa Feel

Dettagli