REGOLAMENTO DEI CENTRI INTERDIPARTIMENTALI DI RICERCA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEI CENTRI INTERDIPARTIMENTALI DI RICERCA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA"

Transcript

1 Area per la Ricerca Rif. GG/ad IL RETTORE VISTO VISTO VISTO PRESO ATTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca, approvato con Decreto Rettorale n del e modificato con Decreto Rettorale n del ; il Regolamento d Ateneo per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità, emanato con Decreto Rettorale n del ; il Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti aventi ad oggetto prestazioni di ricerca, consulenza e di formazione da svolgersi a favore di committenti esterni pubblici e privati e delle convenzioni di collaborazione scientifica e/o di supporto alla didattica, emanato con Decreto Rettorale n del ; delle deliberazioni con le quali il Senato Accademico, nella seduta del e il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del , hanno approvato il Regolamento dei Centri Interdipartimentali di Ricerca dell Università degli Studi di Milano Bicocca ; DECRETA è emanato il seguente: REGOLAMENTO DEI CENTRI INTERDIPARTIMENTALI DI RICERCA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Art. 1 (Natura, Finalità e Attività) Presso l Università degli Studi di Milano Bicocca possono istituirsi, con Decreto Rettorale, su deliberazione del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione, nel rispetto della procedura prevista dall art. 2 del presente Regolamento, Centri di Ricerca Interdipartimentali finalizzati a svolgere attività di ricerca di rilevante impegno su progetti permanenti o di durata almeno triennale che coinvolgano due o più Dipartimenti dell Ateneo. Il Centro, oltre a svolgere l attività di ricerca per cui è stato costituito, potrà promuovere e realizzare iniziative editoriali, organizzare seminari, attività di aggiornamento e convegni di studio attinenti alle aree di ricerca indicate, nell ambito delle norme di Ateneo che disciplinano tali attività.

2 Tutte le attività sopra indicate e ogni altra attività volta al perseguimento delle finalità, potranno essere svolte anche in collaborazione con Enti pubblici e imprese private e con associazioni scientifiche che abbiano interessi convergenti, nel rispetto delle disposizioni in vigore per l Amministrazione universitaria. Art. 2 (Procedura di costituzione) La proposta di istituzione del Centro, corredata dalla bozza dello Statuto elaborato nel rispetto di quanto previsto dal presente Regolamento, dovrà indicare quanto segue: gli ambiti e gli obiettivi di ricerca comportanti un programma almeno triennale di attività, con il piano di ricerca nelle sue fasi annuali; i Dipartimenti partecipanti all iniziativa; i nominativi dei professori e ricercatori che intendono afferire al Centro secondo quanto previsto dall art. 8 del presente Regolamento; gli spazi, le risorse finanziarie, le attrezzature, il materiale inventariabile e il personale tecnico amministrativo che i Dipartimenti metteranno a disposizione per il funzionamento del Centro ai sensi di quanto previsto dagli articoli 5, 6 e 7 del presente Regolamento; gli eventuali enti e soggetti esterni disponibili a collaborare e a fornire risorse anche sulla base di contratti e convenzioni. La suddetta proposta dovrà essere sottoposta al preventivo parere degli organi collegiali competenti dei Dipartimenti aderenti al Centro e successivamente trasmessa al Rettore per la relativa approvazione del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione. Il Decreto Rettorale di istituzione del Centro approva anche il relativo Statuto. Art. 3 (Sede) Il Centro avrà sede amministrativa presso uno dei Dipartimenti proponenti l istituzione, a cui competerà la gestione amministrativo contabile e programmazione finanziaria di cui all art. 16 del presente Regolamento. Art. 4 (Durata del Centro) Il Centro ha la durata stabilita all atto della sua istituzione, non inferiore a 3 anni e non superiore a 6 anni, rinnovabile. La durata in anni viene computata a partire dalla completa costituzione degli organi del Centro, da effettuarsi entro tre mesi dalla data di emanazione del decreto istitutivo del Centro, pena lo scioglimento del Centro stesso. La domanda motivata di rinnovo, corredata dalla relazione scientifica a conclusione del primo periodo di attività del Centro e dalla presentazione del nuovo programma di attività di ricerca, viene avanzata dall Assemblea in carica, sentito il Comitato Scientifico del Centro, almeno tre mesi prima della

3 scadenza, approvata dai Consigli delle Strutture di riferimento e deliberata dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione. Art. 5 (Finanziamenti) Le risorse finanziarie necessarie allo svolgimento delle attività dovranno essere garantite sin dall atto della costituzione del Centro dai Dipartimenti aderenti al Centro stesso. I Dipartimenti non possono attingere le suddette risorse finanziarie dalla dotazione ordinaria di funzionamento, da fondi soggetti a rendicontazione o da fondi specificatamente destinati per legge o per disposizioni del Consiglio di Amministrazione all attività del Dipartimento. Ulteriori risorse per il funzionamento del Centro potranno provenire anche da soggetti esterni, pubblici o privati. Nell ambito delle proprie finalità e competenze scientifiche, il Centro può svolgere attività di ricerca commissionate da Enti pubblici e privati su contratto e convenzione, secondo le disposizioni stabilite al riguardo dal Consiglio di Amministrazione, in conformità con le norme di legge e regolamentari vigenti. Il contributo di funzionamento proveniente da finanziatori esterni all'università, al netto dei fondi specificamente destinati al finanziamento di borse di dottorato, di assegni di ricerca e di premi di ricerca, è assoggettato alla ritenuta del 5% a favore del Dipartimento sede amministrativa del Centro e di un ulteriore 5% a favore del bilancio universitario per spese generali. L apporto dei Dipartimenti aderenti al Centro in materia di risorse non dovrà essere necessariamente di uguale entità e natura, tuttavia ogni Dipartimento dovrà destinare al suo funzionamento un contributo finanziario minimo di 1.000,00=, a meno che non dimostri di avere un contributo proveniente da finanziatori esterni di eguale misura. Art. 6 (Attrezzature, Materiale Inventariabile e Spazi) Il funzionamento del Centro è assicurato dall utilizzo dei locali, delle attrezzature e del materiale inventariabile che i Dipartimenti aderenti al Centro si impegnano a dare in uso al Centro stesso per la durata delle sue attività. I locali universitari messi a disposizione del Centro potranno essere solo ed esclusivamente quelli già di pertinenza dei Dipartimenti aderenti. Successivamente il Centro, sulla base delle risorse acquisite, potrà acquistare del materiale inventariabile che verrà preso in carico dal Dipartimento ospitante, secondo le modalità stabilite dalla normativa di Ateneo. Il materiale bibliografico, eventualmente acquisito dal Centro, verrà anch esso preso in carico dal Dipartimento ospitante, ad eccezione di collane o libri di pregio che potranno essere inventariati presso la Biblioteca di Ateneo. Art. 7 (Personale Tecnico - Amministrativo)

4 Allo svolgimento dei programmi di ricerca e delle altre attività realizzate presso il Centro può collaborare anche il personale tecnico amministrativo in servizio presso i Dipartimenti aderenti, previo consenso degli interessati, d intesa con i Direttori dei Dipartimenti aderenti, nei limiti delle disponibilità esistenti e in modo da non condizionare l attività istituzionale di ciascun Dipartimento. Il Centro non può disporre di una pianta organica propria. Il Direttore del Centro, sentito il Comitato Scientifico, può proporre al Consiglio di Amministrazione di assumere personale a tempo determinato ai sensi di quanto previsto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto Università vigente nonchè di quanto stabilito dal Regolamento di Ateneo relativo alla costituzione di rapporti di lavoro a tempo determinato. Art. 8 (Afferenze al Centro) Al Centro possono afferire: 1. Professori e ricercatori dell Università degli Studi di Milano - Bicocca appartenenti ai Dipartimenti che aderiscono al Centro che dichiarano la loro volontà di partecipare al programma di ricerca del Centro stesso; 2. Professori e ricercatori dell Università degli Studi di Milano - Bicocca appartenenti anche a Dipartimenti diversi da quelli aderenti al Centro che dichiarano la loro volontà di partecipare al programma di ricerca del Centro stesso. 3. Esperti di chiara fama nazionale e/o internazionale negli ambiti scientifici di interesse del Centro, in numero non superiore a tre. Al momento dell istituzione del Centro devono essere indicati i nominativi dei professori e ricercatori che intendono afferire al Centro stesso. Organi del Centro sono: - l Assemblea; - il Comitato Scientifico; - il Direttore Scientifico. Art. 9 (Organi) La durata degli organi decorre dall anno accademico successivo alla loro completa costituzione. La cessazione anticipata dalla carica per dimissioni, trasferimento, perdita di requisiti soggettivi o altro di un rappresentante di uno degli organi del Centro non pregiudica la durata ordinaria dell organo stesso. Art. 10 (Assemblea) L Assemblea è costituita da tutti gli studiosi di cui al precedente art. 8 che afferiscono al Centro. L Assemblea svolge le seguenti funzioni: 1. elegge il Comitato Scientifico; 2. elegge il Direttore Scientifico;

5 3. approva le modifiche di Statuto; 4. propone ed approva le proposte di scioglimento del Centro, sentito il Comitato Scientifico. 5. delibera il rinnovo del Centro, sentito il Comitato Scientifico; 6. esamina e approva la relazione annuale sull attività svolta dal Centro e l associato rendiconto economico annuale predisposti dal Direttore del Centro; 7. vaglia e approva le richieste di nuove adesioni al Centro; 8. delibera sul programma annuale delle attività proposto dal Comitato scientifico, approvandone il piano finanziario. L Assemblea è convocata dal Direttore Scientifico in riunione straordinaria quando la convocazione sia richiesta da almeno un terzo degli afferenti al Centro o dalla maggioranza dei membri con voto deliberante del Comitato. Per la validità delle riunioni ordinarie o straordinarie dell Assemblea è richiesta la partecipazione di non meno della metà più uno degli afferenti al Centro, detratti gli assenti giustificati ai sensi dell art. 42 dello Statuto dell Università degli Studi di Milano - Bicocca. Le deliberazioni dell Assemblea sono prese a maggioranza assoluta dei presenti. In caso di parità nelle votazioni si adotta la deliberazione alla quale aderisca il Direttore Scientifico. In occasione di ogni riunione viene nominato un Segretario che provvede a verbalizzare le sedute. Art. 11 (Comitato Scientifico) Del Comitato Scientifico fanno parte di diritto: - il Direttore Scientifico del Centro, che lo presiede; - Il Direttore del Dipartimento ospitante (in caso di assenza o impedimento il Vice Direttore); - Un eventuale membro di ciascun Dipartimento aderente al Centro, nominato dal Consiglio di Dipartimento. L'Assemblea elegge, con le modalità di cui al successivo art. 12, i membri elettivi del Comitato Scientifico. Il numero dei membri elettivi è pari a cinque. I membri elettivi del Comitato Scientifico partecipano con voto deliberante alle riunioni del Comitato, durano in carica tre anni accademici e sono rieleggibili non più di una volta consecutivamente. La rielezione dopo due mandati consecutivi può avvenire solo dopo che sia trascorso un periodo almeno pari alla durata di un intero mandato. Il Comitato Scientifico può anche cooptare un rappresentante per ciascuno degli Enti finanziatori esterni. Tali rappresentanti partecipano alle riunioni del Comitato con voto consultivo. Il Comitato Scientifico può altresì invitare studiosi ed esperti delle materie di interesse del Centro, oltre a quelli già afferenti al Centro, a partecipare a una o più riunioni del Comitato con voto consultivo. Il Direttore Scientifico convoca il Comitato Scientifico almeno una volta all anno e quando non meno di un terzo dei membri ne faccia richiesta motivata. Per la validità delle riunioni del Comitato Scientifico è richiesta la partecipazione della metà più uno dei membri con voto deliberante, detratti gli assenti giustificati ai sensi dell art. 42 dello Statuto dell Università degli Studi di Milano - Bicocca. Le deliberazioni del Comitato Scientifico sono prese a maggioranza assoluta dei presenti. In caso di parità nelle votazioni si adotta la deliberazione alla quale aderisca il Direttore Scientifico del Centro. In occasione di ogni riunione viene nominato un Segretario che provvede a verbalizzare le sedute. Il Comitato Scientifico:

6 - esprime il parere sul programma annuale delle attività; - formula proposte sulle questioni riguardanti l amministrazione dei fondi del Centro; - formula proposte sulle forme di collaborazione con altri enti e organismi pubblici e privati e richieste di finanziamento; - valuta e approva progetti di ricerca svolti in collaborazione con enti privati o da questi finanziati in tutto o in parte; - esprime parere su proposte di scioglimento e rinnovo del Centro. Art. 12 (Elezioni del Comitato Scientifico) I membri elettivi del Comitato Scientifico sono eletti dagli afferenti al Centro, tra coloro che presentano la candidatura, con votazione a scrutinio segreto, per corrispondenza o per via telematica, con voto limitato a un terzo degli eligendi (con arrotondamento all'unità superiore). Le dichiarazioni di disponibilità devono pervenire al Direttore del Dipartimento ospitante, anche per via telematica, almeno quattro mesi prima della scadenza del mandato del Comitato Scientifico. Le elezioni devono essere indette dal Direttore Scientifico in carica, anche per via telematica, almeno due mesi prima della scadenza del mandato. Effettuate le elezioni, viene stilata una graduatoria dei candidati in base al numero dei suffragi ricevuti. Risultano eletti i candidati che occupano le prime posizioni in graduatoria, fino ad esaurimento dei posti disponibili, fatta eccezione per il candidato che risulti simultaneamente eletto come Direttore Scientifico del Centro, secondo quanto previsto dal successivo art. 14. In questo caso subentra al suo posto il candidato che sarebbe altrimenti risultato il primo fra i non eletti. Per determinare l eletto, in caso di parità di voti ottenuti, si farà riferimento all anzianità nel ruolo di appartenenza. A parità di anzianità nel ruolo di appartenenza si farà riferimento all anzianità anagrafica. Il Direttore Scientifico in carica comunica i risultati delle elezioni al Rettore, che provvede a nominare i membri del Comitato Scientifico con proprio decreto e al Direttore del Dipartimento sede del Centro. Qualora per qualsiasi motivo si renda vacante un posto nel Comitato Scientifico, il Direttore Scientifico sollecita le dichiarazioni di disponibilità alla candidatura, anche per via telematica, entro quindici giorni dalla dichiarazione di vacanza e si indice una nuova elezione per la copertura del posto vacante, anche per via telematica, entro trenta giorni dalla dichiarazione di vacanza. I nuovi eletti cessano dall'ufficio quando sarebbero scaduti coloro ai quali succedono. Art. 13 (Direttore Scientifico) Il Direttore Scientifico del Centro è eletto dall Assemblea tra i professori di I e II fascia dell Università degli Studi di Milano - Bicocca che afferiscono al Centro stesso, con le modalità di cui al successivo art. 14. Il Direttore Scientifico dura in carica tre anni accademici e può essere rieletto non più di una volta consecutivamente. La rielezione dopo due mandati consecutivi può avvenire solo dopo che sia trascorso un periodo almeno pari alla durata di un intero mandato. Il Direttore Scientifico:

7 a) rappresenta il Centro nei limiti delle norme vigenti; b) convoca e presiede il Comitato Scientifico; c) convoca e presiede le riunioni dell Assemblea; d) presenta all Assemblea per l esame e l approvazione la relazione annuale sull attività svolta dal Centro e l associato rendiconto economico annuale; e) presenta all Assemblea per l esame e l approvazione il programma annuale dell attività del Centro e l associato piano finanziario annuale di utilizzazione dei fondi; f) sovrintende al funzionamento generale del Centro ed esercita tutte le attribuzioni che comunque interessano il Centro. Per ogni altro compito e attribuzione non esplicitamente previsti da questo articolo si applicano al Direttore Scientifico, in quanto pertinenti e compatibili con il Regolamento, le disposizioni relative ai compiti e alle attribuzioni dei Direttori di Dipartimento. Il Direttore Scientifico nomina un Vicedirettore, scelto fra i membri elettivi del Comitato scientifico. Il Vicedirettore scade dall ufficio assieme al Direttore Scientifico che l ha nominato, tranne che nel caso in cui il Direttore Scientifico cessi dal proprio ufficio prima della scadenza del mandato. In questo caso il Vicedirettore cessa dal proprio ufficio al momento della nomina del nuovo Direttore scientifico. Il Direttore Scientifico può delegare alcune delle proprie funzioni, anche per periodi di tempo specificati, al Vicedirettore o ad altri membri del Comitato scientifico. In caso di impedimento temporaneo del Direttore Scientifico, per un periodo non superiore a quattro mesi, le sue funzioni sono esercitate dal Vicedirettore. In caso di impedimento prolungato, oltre tale termine, il Comitato Scientifico, convocato dal Vicedirettore, dichiara la vacanza del posto di Direttore scientifico e si provvede quindi alla elezione di un nuovo Direttore. Art. 14 (Elezioni del Direttore Scientifico) Il Direttore Scientifico è eletto dagli afferenti al Centro, tra i professori di I e II fascia afferenti al Centro che presentano la propria candidatura, con votazione a scrutinio segreto, con voto limitato ad un solo nominativo. Le dichiarazioni di disponibilità devono essere sollecitate dal Direttore Scientifico in carica almeno quattro mesi prima della scadenza del mandato del Direttore Scientifico e devono pervenire al all Assemblea in carica almeno tre mesi prima della scadenza del mandato. Le elezioni devono essere indette dal Direttore Scientifico in carica almeno due mesi prima della scadenza del mandato. Risulta eletto il candidato che riceve il maggior numero di suffragi. Per determinare l eletto, in caso di parità di voti ottenuti, si farà riferimento all anzianità nel ruolo di appartenenza. A parità di anzianità nel ruolo di appartenenza si farà riferimento all anzianità anagrafica. Il Direttore Scientifico in carica comunica i risultati delle elezioni al Rettore, che provvede a nominare il nuovo eletto con proprio Decreto e al Direttore del Dipartimento sede del Centro. Qualora per qualsiasi motivo si renda vacante il posto di Direttore Scientifico, il Direttore del Dipartimento ospitante sollecita le dichiarazioni di disponibilità alla candidatura, anche per via telematica, entro quindici giorni dalla dichiarazione di vacanza e si indice una nuova elezione per la copertura del posto vacante, anche per via telematica, entro trenta giorni dalla dichiarazione di

8 vacanza. Il Direttore del Dipartimento sede del Centro comunica i risultati delle elezioni al Rettore, che provvede a nominare il nuovo eletto con proprio Decreto. Il nuovo eletto assume il proprio ufficio dal momento dell emanazione del Decreto Rettorale di nomina. Art. 15 (Disposizioni amministrative) Qualora il Centro si avvalga dell opera di borsisti o ricercatori esterni all Università, è fatto obbligo al Direttore Scientifico di far contrarre idonee polizze di assicurazione per l attività svolta presso le strutture dell Università stessa. Il Centro può ospitare studiosi e ricercatori stranieri o di altre istituzioni o enti di ricerca, con possibilità di scambi. Anche in questo caso è fatto obbligo al Direttore Scientifico di far contrarre idonee polizze di assicurazione, nel caso in cui gli studiosi o i ricercatori ospitati non godano già di adeguata copertura assicurativa da parte delle istituzioni o enti di provenienza. Rimborsi spese per la partecipazione alle riunioni degli organi del Centro possono essere corrisposti agli afferenti al Centro nel rispetto delle disposizioni di legge e regolamentari vigenti. L eventuale attribuzione al personale docente e non docente di compensi relativi allo svolgimento, nell ambito del Centro, di attività di ricerca commissionate da Enti esterni pubblici e privati su contratto e convenzione può aver luogo secondo le disposizioni stabilite al riguardo dal Consiglio di amministrazione, in conformità alle norme di legge e regolamentari vigenti. Art. 16 (Gestione amministrativo - contabile e programmazione finanziaria) L autonomia finanziaria e amministrativa dei Centri Interdipartimentali è equiparata a quella dei Dipartimenti. La gestione amministrativa e contabile dei Centri è affidata ad uno dei Dipartimenti che contribuiscono alla costituzione del Centro, di norma al Dipartimento presso cui ha sede amministrativa il Centro. Il Dipartimento in questione opera attraverso i propri organi amministrativo - contabili, d intesa con il Direttore Scientifico del Centro, il quale si impegna a presentare al Dipartimento tutta la documentazione contabile del Centro in tempo utile affinchè il medesimo Dipartimento possa predisporre il bilancio rispettando le scadenze stabilite dalla normativa d'ateneo. Art. 17 (Nuove adesioni) Successivamente alla costituzione possono aderire al Centro altri Dipartimenti dell Università degli Studi di Milano Bicocca interessati alle finalità e alle attività di ricerca proprie del Centro medesimo. La richiesta di adesione dovrà essere approvata dal Consiglio di Dipartimento interessato, con delibera che indichi i nominativi dei docenti che intendono afferire al Centro e le risorse messe a disposizione del Centro stesso e, successivamente, inviata al Direttore Scientifico del Centro affinché la sottoponga all esame dell Assemblea, che si pronuncerà in merito.

9 La delibera adottata sarà comunicata al Rettore a cura del Direttore Scientifico del Centro. La conseguente modifica dello Statuto, approvata dall Assemblea, entrerà in vigore solo dopo essere stata ratificata dagli organi competenti dell Università degli Studi di Milano - Bicocca con le stesse procedure previste per l istituzione dei Centri. Art. 18 (Recesso e Scioglimento) 1. Ciascun Dipartimento, con delibera motivata dei rispettivi consigli, qualora non abbia interesse a far parte del Centro, invia al Direttore Scientifico del Centro e, per conoscenza al Rettore, comunicazione scritta di recesso. Qualora rimanga un solo Dipartimento il Centro si estinguerà, con Decreto del Rettore, e tutto il patrimonio sarà devoluto d intesa tra tutti i Dipartimenti aderenti oppure si potrà trasformare in Centro Convenzionato, disciplinato dalle norme previste dal Regolamento per l istituzione e il funzionamento dei Centri di studio o di ricerca dell Ateneo, o eventualmente in Centro Interuniversitario. Il patrimonio del Centro Interdipartimentale, che resta di proprietà dell Università, sarà devoluto d intesa tra tutti i Dipartimenti aderenti o eventualmente messo a disposizione della nuova struttura identificata. Nel caso in cui rimangano due o più Dipartimenti essi dovranno dimostrare di poter portare avanti i progetti che hanno portato alla costituzione del Centro Interdipartimentale o, in alternativa, il Centro si potrà estinguere, con Decreto Rettorale, previa delibera degli organi accademici competenti, e tutto il patrimonio sarà devoluto d intesa tra tutti i Dipartimenti aderenti. 2. Qualora l Assemblea, su proposta conforme del Comitato Scientifico, rilevasse l impossibilità o l inopportunità del funzionamento del Centro esso verrà soppresso con Decreto Rettorale, su deliberazione del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione e tutto il patrimonio sarà devoluto d intesa tra tutti i Dipartimenti aderenti. Art. 19 (Modifiche Statutarie) Le proposte di modifica dello Statuto del Centro sono proposte dall Assemblea o da almeno un terzo dei componenti del Centro, sentito il Comitato Scientifico. Le proposte di modifica statutaria vengono approvate dall Assemblea e risultano approvate se ricevono il voto favorevole della maggioranza assoluta dei componenti del Centro. Le proposte di modifica dello Statuto, una volta approvate dall Assemblea, sentito il Comitato Scientifico, entrano in vigore solo dopo essere state ratificate dagli organi competenti dell Università degli Studi di Milano - Bicocca con le stesse procedure previste per l istituzione dei Centri. Art. 20 (Norma di prima applicazione) In prima applicazione le elezioni dei membri elettivi del Direttore Scientifico e del Comitato Scientifico del Centro avranno luogo con le procedure indicate nel presente articolo.

10 Il Direttore del Dipartimento ospitante sollecita le candidature a Direttore scientifico e dei membri elettivi del Comitato Scientifico entro trenta giorni dall'emanazione del Decreto Rettorale di istituzione del Centro. Le candidature a Direttore Scientifico possono essere avanzate dai Professori di I e II fascia dell'università degli Studi di Milano - Bicocca che afferiscono al Centro. Le candidature a membro del Comitato Scientifico possono essere avanzate da ogni afferente al Centro. Le candidature devono essere fatte pervenire al Direttore del Dipartimento sede del Centro entro sessanta giorni dall'emanazione del Decreto Rettorale di istituzione del Centro. Il Direttore del Dipartimento sede del Centro convoca e presiede una riunione straordinaria dell'assemblea al Centro per procedere all'elezione del Direttore scientifico e anche dei membri elettivi del Comitato Scientifico. La riunione straordinaria è valida se è presente la metà più uno degli afferenti al Centro, esclusi gli assenti giustificati. In tal caso si vota dapprima per il Direttore scientifico, con voto limitato a un solo nominativo. Godono dell'elettorato passivo i Professori di I e II fascia dell'università degli studi di Milano - Bicocca che afferiscono al Centro e che hanno manifestato la propria disponibilità a candidarsi con le modalità suindicate. Risulta eletto il candidato che riporta il maggior numero di suffragi. Quindi si vota per i membri elettivi del Comitato Scientifico, con voto limitato a un terzo degli eligendi (con arrotondamento all unità superiore). Godono dell'elettorato passivo gli afferenti al Centro che hanno manifestato la propria disponibilità a candidarsi. Effettuate le elezioni, viene stilata una graduatoria dei candidati in base al numero dei suffragi ricevuti. Risultano eletti i candidati che occupano le prime posizioni in graduatoria, fino ad esaurimento dei posti disponibili, fatta eccezione per il candidato che risulti simultaneamente eletto come Direttore scientifico del Centro. In questo caso subentra al suo posto il candidato che sarebbe altrimenti risultato il primo fra i non eletti. Il Direttore del Dipartimento sede del Centro comunica i risultati delle elezioni al Rettore, che provvede a nominare il Direttore Scientifico e i membri del Comitato Scientifico con proprio decreto. Il Direttore Scientifico assume il proprio ufficio dal momento dell'emanazione del Decreto Rettorale di nomina. Dallo stesso momento inizia ad operare il Comitato Scientifico. Art. 21 (Norma transitoria) Entro tre anni dall'entrata in vigore del presente Regolamento è fatto obbligo ai Centri Interdipartimentali attualmente esistenti di adeguare il proprio Statuto alle norme contenute nel Regolamento stesso, con le procedure previste dall'art. 19. Decorso detto termine, tutti i Centri, i cui Statuti non risultino corrispondenti alle norme previste dal presente Regolamento, verranno soppressi con Decreto Rettorale, su deliberazione del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione dell Università degli Studi di Milano - Bicocca. Art. 22 Norme finali Il presente Regolamento è deliberato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione dell Università degli Studi di Milano - Bicocca. Le eventuali modifiche al presente Regolamento sono deliberate secondo le medesime modalità.

11 Il presente Regolamento entra in vigore dal giorno in cui è emanato con Decreto del Rettore. Milano, Prof. Marcello Fontanesi Reg. al n In data

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI

UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI UNIVERSITA DEGLI STUDI ROMA TRE CENTRO DI STUDI ITALO-FRANCESI REGOLAMENTO Art. 1 - Istituzione del Centro Il presente Regolamento concerne le attribuzioni, la gestione e il funzionamento del Centro di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PRODUZIONE VEGETALE (DI.PRO.V.) Art. 1 1. Il presente Regolamento concerne attribuzioni, gestione e funzionamento del Dipartimento di Produzione Vegetale dell Università

Dettagli

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE CONVENZIONE PER L ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI RICERCA SUL TURISMO (CIRT) L anno 201X il giorno 15 del mese di dicembre tra: L'Università degli Studi di Firenze, con sede a Firenze, Piazza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO STUDI INTERDIPARTIMENTALE SULLA CRIMINALITÁ INFORMATICA (CSICI)

REGOLAMENTO DEL CENTRO STUDI INTERDIPARTIMENTALE SULLA CRIMINALITÁ INFORMATICA (CSICI) REGOLAMENTO DEL CENTRO STUDI INTERDIPARTIMENTALE SULLA CRIMINALITÁ INFORMATICA (CSICI) Art. 1 (Costituzione) Il Centro Studi Interdipartimentale sulla Criminalità Informatica (CSICI) è costituito con Deliberazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA REGOLAMENTO CENTRO DI SICUREZZA STRADALE (DISS) (Centro Universitario ai sensi dell art.6 del Regolamento per l Istituzione ed il funzionamento dei Centri Universitari,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9- Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro

REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE. Articolo 1 Costituzione del Centro UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Centro Universitario di Mediazione n. 209 registro Ministero della Giustizia REGOLAMENTO del CENTRO UNIVERSITARIO di MEDIAZIONE Articolo 1 Costituzione del Centro Il presente

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT)

CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT) CENTRO DI RICERCA SUL MADE IN ITALY (MADEINT) Presso l Università degli Studi internazionali di Roma (Facoltà di Economia) è istituito il Centro di Ricerca sul Made In Italy (MADEINT). A tal fine, onde

Dettagli

4.5) ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA SULLE FIBROSI POLMONARI E MALATTIE RARE DEL POLMONE. ESPRIME

4.5) ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA SULLE FIBROSI POLMONARI E MALATTIE RARE DEL POLMONE. ESPRIME I DIVISIONE 4.5) ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI RICERCA SULLE FIBROSI POLMONARI E MALATTIE RARE DEL POLMONE. OMISSIS ESPRIME parere favorevole alla istituzione del Centro Interdipartimentale

Dettagli

STATUTO CENTRO INTERDIPARTIMENTALE CENTRO STUDI E RICERCHE DONNE E DIFFERENZE DI GENERE

STATUTO CENTRO INTERDIPARTIMENTALE CENTRO STUDI E RICERCHE DONNE E DIFFERENZE DI GENERE STATUTO CENTRO INTERDIPARTIMENTALE CENTRO STUDI E RICERCHE DONNE E DIFFERENZE DI GENERE Art. 1 (Natura) Il centro interdipartimentale di ricerca Centro di studio e ricerca sulle donne e le differenze di

Dettagli

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 - Il Dipartimento Art. 1.1 Generalità e obiettivi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO CONVENZIONE PER L'ISTITUZIONE DEL CENTRO INTERUNIVERSITARIO DI EPIDEMIOLOGIA E FARMACOLOGIA PREVENTIVA TRA L Università degli Studi di Milano, rappresentata dal Rettore Prof. Enrico Decleva, debitamente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) Art. 1 Oggetto, denominazione e sede Il presente regolamento

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione SENATO ACCADEMICO 20/04/206 CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 27/04/2016 DECRETO RETTORALE Rep. n. 873/2016 Prot. n. 45381 del 01/06/2016 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Dottorato di Ricerca Pubblicato all Albo informatico

Dettagli

Articolo 2 Finalità e ambiti di intervento

Articolo 2 Finalità e ambiti di intervento DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9 Fax 0161 210 289 progetti.didattica@unipmn.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE PER LA RICERCA E LA

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba

Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba Comitato Unito - America Latina e Caraibi già Uni-Cuba dell Università degli Studi di Torino STATUTO ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE È costituito il Comitato Unito - America Latina e Caraibi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI AGRARIA E MEDICINA VETERINARIA (SAMeV) Regolamento Art. 1 1. La Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria (SAMeV) è istituita ai sensi dello Statuto dell'università di Torino, artt. 24 e sgg.

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA. Indice REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI AGRARIA Indice TITOLO I PRINCIPI GENERALI...2 Art. 1 - Ambito di applicazione...2 Art. 2 - Sede, personale e assetto organizzativo...2

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA E FARMACIA Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l'organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

Regolamento gruppo giovani

Regolamento gruppo giovani Regolamento gruppo giovani Art.1 Costituzione E costituito presso l Associazione Costruttori Salernitani, con sede presso la stessa, il Gruppo Giovani Imprenditori Edili della Provincia di Salerno. Art.2

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DEL LABORATORIO UNIVERSITARIO DI RICERCA MEDICA TITOLO I Costituzione e Finalità Art. 1 - Denominazione e sede Art. 2 - Finalità TITOLO II Organizzazione Art.

Dettagli

STATUTO ANCI CALABRIA

STATUTO ANCI CALABRIA STATUTO ANCI CALABRIA 1 Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1. E'costituita l'associazione Regionale dei Comuni della Calabria nello spirito di unità nazionale e nella peculiare tradizione democratica

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATUTO DEL CENTRO UNIVERSITARIO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULL ATTIVITÀ MOTORIA (C.U.R.I.A.MO.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATUTO DEL CENTRO UNIVERSITARIO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULL ATTIVITÀ MOTORIA (C.U.R.I.A.MO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATUTO DEL CENTRO UNIVERSITARIO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULL ATTIVITÀ MOTORIA (C.U.R.I.A.MO.) Art. 1 E costituito il Centro Universitario di Ricerca Interdipartimentale

Dettagli

Regolamento della Biblioteca di Filosofia

Regolamento della Biblioteca di Filosofia Regolamento della Biblioteca di Filosofia (Proposta approvata dal Consiglio di Dipartimento nella seduta del 28 marzo 2000) La Biblioteca di Filosofia dell'università degli Studi di Milano, sita in Via

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE STRANIERE E COMUNICAZIONE Emanato con DR. Rep. n. 548/2012 prot. n. 22878/XII/1 del 15.11.2015 Art. 1 Composizione 1. Il Dipartimento

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA

STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA STATUTO della SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA Art. 1 La SOCIETA ITALIANA DI CHEMIOTERAPIA costituitasi in Milano nell anno 1953 è una Associazione scientifica. Art. 2 Scopi dell Associazione La Società

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata..

ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. Denominata. È costituita l Associazione senza scopo di lucro denominata.. ATTO COSTITUTIVO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE Denominata.. L anno (in lettere), il mese, il giorno. (in lettere), i Signori: 1. (Cognome, Nome, luogo e data di nascita, residenza, attività svolta

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI UNIVERSITARI DI DISCIPLINE IGIENISTICHE

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI UNIVERSITARI DI DISCIPLINE IGIENISTICHE REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI UNIVERSITARI DI DISCIPLINE IGIENISTICHE REGOLAMENTO APPROVATO DALL ASSEMBLEA GENERALE DEL COLLEGIO DEI DOCENTI A CAGLIARI IL 4 OTTOBRE 2012 E RATIFICATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University

Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University Regolamento della Scuola di Ateneo per le attività undergraduate e graduate dell Università degli Studi Link Campus University TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE E FUNZIONI Art. 1 Ambito di applicazione 1.

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il vigente Regolamento Associazione Laureati del Politecnico di Bari emanato in data 13/2/2003 con DR n. 91;

IL RETTORE. VISTO il vigente Regolamento Associazione Laureati del Politecnico di Bari emanato in data 13/2/2003 con DR n. 91; D.R. n 148/2016 IL RETTORE VISTO il vigente Regolamento Associazione Laureati del Politecnico di Bari emanato in data 13/2/2003 con DR n. 91; VISTA la delibera del Senato Accademico del 28/10/2015 con

Dettagli

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede)

STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE. Articolo 1 (Denominazione e sede) STATUTO TIPO PROMOZIONE SOCIALE Articolo 1 (Denominazione e sede) E costituita, ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n.383 e della legge regionale 6 dicembre 2012, n.42, l Associazione di Promozione Sociale

Dettagli

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL

Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE. 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE Art. 1 DENOMINAZIONE E SEDE 1. È istituita L Associazione denominata CONSULTA DEL VOLONTARIATO VIADANESE. 2. L attività dell Associazione

Dettagli

- Capo 1 - Disposizioni generali. - Art.1 - Finalità

- Capo 1 - Disposizioni generali. - Art.1 - Finalità Regolamento recante la disciplina per la copertura dei posti di ruolo di professori di I e II fascia, nonché dei ricercatori universitari mediante trasferimento. - Capo 1 - Disposizioni generali - Art.1

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI.

STATUTO. Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI. STATUTO Art. 1 Costituzione, denominazione, sede 1) E costituito il COMITATO REGIONALE PIEMONTESE DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI. 2) Il Comitato non ha fini di lucro. 3) La sede è in Torino, Corso

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

Statuto dell Associazione ALUMNI UNIVDA

Statuto dell Associazione ALUMNI UNIVDA Statuto dell Associazione ALUMNI UNIVDA Art. 1 Costituzione, denominazione, sede e durata 1. E costituita in Aosta, ai sensi dell art. 36 del Codice Civile, un Associazione denominata Associazione Alumni

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO IN MATERIA DI: CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E DI SECONDA FASCIA; DI CHIAMATA DIRETTA DI STUDIOSI STABILMENTE IMPEGNATI ALL ESTERO O DI CHIARA FAMA; DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO

Dettagli

Convenzione per l'istituzione del Centro Interateneo di Studi per la Pace

Convenzione per l'istituzione del Centro Interateneo di Studi per la Pace Statuto Convenzione per l'istituzione del Centro Interateneo di Studi per la Pace Tra l'università degli Studi di Torino, rappresentata dal Rettore pro-tempore prof. Rinaldo Bertolino debitamente autorizzato

Dettagli

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

ASSOCIAZIONE NEXTO. Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10. Codice fiscale n. 97798460016 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE NEXTO Sede in Torino (TO) Via Ottavio Assarotti, 10 Codice fiscale n. 97798460016 * * * * * * * * * * * * * * * * STATUTO DELL ASSOCIAZIONE come modificato dall Assemblea Straordinaria dei

Dettagli

DEAFETY Project Associazione di Promozione Sociale

DEAFETY Project Associazione di Promozione Sociale DEAFETY Project Associazione di Promozione Sociale 1 Articolo 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione di promozione sociale

Dettagli

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA

Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Statuto SOCIETÀ ITALIANA DI DIRITTO ED ECONOMIA Art. 1 Denominazione - Oggetto e scopi E costituita la associazione denominata Società Italiana di Diritto ed Economia - SIDE (Italian Society of Law and

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Servizio Protezione Civile REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ORGANIZZAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI

Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Statuto Associazione Nazionale culturale e Professionale Scuola e Dintorni- Professionalità in Progress COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI 1 - Costituzione e Sede E costituta l Associazione Culturale

Dettagli

STATUTO di ASAI. Art. 1 Costituzione

STATUTO di ASAI. Art. 1 Costituzione STATUTO di ASAI Art. 1 Costituzione È costituita l ASSOCIAZIONE PER GLI STUDI AFRICANI IN ITALIA (ASAI), con durata illimitata e con sede legale presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Università

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data

STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI. Approvato Dall Assemblea dei soci in data STATUTO G.F. IL CUPOLONE DLF-BFI Approvato Dall Assemblea dei soci in data 29-05 - 2008 Art. 1 Costituzione e denominazione 1. E costituita in Firenze nel 1961, una associazione denominata Gruppo Fotografico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Direzione Funzione Assistenziale, Scuole e Dipartimenti Staff Atti e convenzioni con il SSN Decreto Rettorale D. ~~4 del ~.b/.fbl~ IL RETTORE Vista la legge 30.12.2010

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA

REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA REGOLAMENTO CENTRI DI RICERCA (con la modifiche proposta al Senato Accademico nella seduta del 25 novembre 2014 e deliberate dal Comitato Esecutivo nella seduta del 10 dicembre 2014) Regolamento del Centro

Dettagli

STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa

STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa STATUTO NAZIONALE Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa Art. 1 Composizione e sede L Associazione Italiana Gestori Ospitalità e Ricettività diffusa (AIGO) ha sede in Roma, via

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Art. 1 - Definizione

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA. Art. 1 - Definizione REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Art. 1 - Definizione 1. Il Dipartimento di Chimica, istituito con decreto rettorale, previa deliberazione del Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI ART. 1 Istituzione È istituito presso l'università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 47 dello

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SOCIETÀ ITALIANA DI INFORMATICA GIURIDICA * * * Art. 1 - Denominazione, sede e scopo sociale. 1.1 È costituita fra essi comparenti l Associazione Società italiana di Informatica

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

STATUTO. dell Associazione Società Italiana dei Docenti e Ricercatori di. Automatica (SIDRA) TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO. dell Associazione Società Italiana dei Docenti e Ricercatori di. Automatica (SIDRA) TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO dell Associazione Società Italiana dei Docenti e Ricercatori di Automatica (SIDRA) TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) E costituita, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile una

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE

Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE Statuto e Regolamento dell Associazione Culturale VIOLA VIVE Art. 1 Costituzione, denominazione e sede E costituita l Associazione Culturale VIOLA VIVE con sede legale nel Comune di Viola in via Martini

Dettagli

(delibera n 5 adottata dal Senato Accademico nella seduta del 13 marzo 2000 del 5 settembre 2000)

(delibera n 5 adottata dal Senato Accademico nella seduta del 13 marzo 2000 del 5 settembre 2000) Regolamento per la disciplina delle procedure di trasferimento per la copertura dei posti vacanti di professore ordinario, di professore associato e di ricercatore, nonché per la disciplina delle procedure

Dettagli

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 2 del 25/02/2014 Art. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1. In attuazione dei principi enunciati nell art. 8 dello

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi

STATUTO. Art. 1 Costituzione e scopi STATUTO Art. 1 Costituzione e scopi Il CLUB FORZA SILVIO..., costituito in data... ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, è una associazione di cittadini che si propongono di sviluppare

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. N. 855 Prot. n. 6127 Data 25 marzo 2009 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTO il D.P.R. dell 11 luglio 1980, n. 382, e in particolare l art. 74; VISTA la Legge del 30 novembre

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA DENOMINATA SOCIETA ITALIANA DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA Costituzione e denominazione dell Associazione art. 1 E costituita una Associazione scientifico-culturale

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER. Titolo I Costituzione e scopi

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER. Titolo I Costituzione e scopi STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE OPTION PLAYER Titolo I Costituzione e scopi Art. 1 - E' costituita un'associazione culturale denominata OPTION PLAYER. L Associazione ha sede in Massa, Via Beatrice

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA AREA LEGALE E GENERALE Pubblicato in albo web 17.7.2015 Decreto n. 5864 I L R E T T O R E Vista la L. del 9.5.1989, n. 168 e s.m.i.; Vista la L. del 30.12.2040, n. 240

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO TITOLO I Principi generali Art. 1 Finalità e definizioni 1. L Accademia di Belle Arti di Palermo, di seguito denominata Accademia, è un istituzione pubblica di

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI

AMMINISTRAZIONE AREA AFFARI GENERALI SETTORE STRUTTURE ISTITUZIONALI ALLEGATO N. 1 al DR n. 344/19026 del 30/04/2013 Regolamento di funzionamento della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria PARTE I ELEMENTI GENERALI Art. 1 (Oggetto del Regolamento, denominazione, sedi)

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

Art. 6 - Sono Soci dell Associazione: Soci fondatori: coloro che hanno sottoscritto l atto costitutivo.

Art. 6 - Sono Soci dell Associazione: Soci fondatori: coloro che hanno sottoscritto l atto costitutivo. TITOLO I COSTITUZIONE - DENOMINAZIONE E SEDE Art. 1 E costituita in Padova, da un gruppo di studiosi di storia ed oplologia l Associazione Culturale apolitica e senza fini di lucro denominata Il Morione

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITÀ

C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITÀ C.N.E.C. CENTRO NAZIONALE ECONOMI DI COMUNITÀ STATUTO Roma, 24 ottobre 2012 TITOLO I - FINALITÀ COMPITI E MEMBRI DEL CNEC ART. 1 - E costituita, con sede legale in Roma, l Associazione denominata Centro

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA. Articolo 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CIRCOLO RICREATIVO DELLA COOPERAZIONE TRENTINA Articolo 1 Si costituisce il Circolo Dipendenti della Federazione Trentina della Cooperazione con sede sociale presso la Federazione

Dettagli

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito.

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito. ALLEGATO A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE E CULTURALE CARPE DIEM. Art. 1 - DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione sociale

Dettagli