CAPITOLO I La configurazione delle categorie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO I La configurazione delle categorie"

Transcript

1 CAPITOLO I La configurazione delle categorie I/01 - Introduzione Per una buona gestione dei cespiti, il raggruppamento dei beni in categorie omogenee è molto importante: in primo luogo, il raggruppamento dei cespiti per categorie consente di sintetizzare il valore immobilizzazioni permettendo di riportarlo nello stato patrimoniale; in secondo luogo, il raggruppamento dei cespiti per categorie consente di razionalizzare il calcolo annuale degli ammortamenti, che così può essere effettuato applicando la medesima aliquota per i tutti beni che appartengono alla stessa categoria (anziché dover effettuare un ammortamento diverso per ogni bene). Come noto, l art.2426 del Codice civile stabilisce che il costo delle immobilizzazioni, materiali e immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo deve essere sistematicamente ammortizzato in ogni esercizio in relazione con la loro residua possibilità di utilizzazione". Tuttavia, è prassi ammortizzare i beni strumentali utilizzando i coefficienti stabiliti dal D.M. 31 dicembre 1988, ipotizzando implicitamente che i coefficienti del decreto rispecchino fedelmente il tasso di deperimento dei beni strumentali, e che quindi, applicandoli i cespiti vengano ammortizzati in funzione della loro residua possibilità di utilizzazione. Si tratta, ovviamente, di una forzatura, ma che consente di effettuare l'ammortamento in modo omegeneo ogni anno. Il D.M 31 dicembre 1988 prevede un elenco di attività, e per ciascuna di esse, stabilisce i coefficienti di ammortamento da applicare alle diverse categorie di cespiti. Ad esempio, gli alberghi, i bar, e le attività affini, devono raggruppare i beni strumentali posseduti nelle categorie qui di seguito specificate ed ammortizzarli utilizzando le corrispondenti aliquote di ammortamento. Edifici... 3% Costruzioni leggere (tettoie, baracche, ecc.)... 10% Mobili e arredamento... 10% Biancheria... 40% Attrezzatura (stoviglie, posate, attrezzatura da cucina, ecc.)... 25% Impianti generici (riscaldamento, condizionamento)... 8% Impianti specifici (igienici, cucina, frigorifero, ascensori, montacarichi, impianti telefonici, citofoni, campanelli e simili)... 12% Macchine d'ufficio elettromeccaniche ed elettroniche compresi i computers e i sistemi telefonici elettronici... 20% Autoveicoli da trasporto (autoveicoli pesanti in genere, carrelli elevatori, mezzi di trasporto interno, ecc.)... 20% Autovetture, motoveicoli e simili... 25% Qualora l'attività svolta non fosse riconducibile ad alcuna delle attività elencate dal decreto, allora si devono applicare i coefficienti previsti per la categoria residuale definita attività non precedentemente specificate - altre attività : Edifici... 3%

2 Fabbricati destinati alla grande distribuzione... 6% Costruzioni leggere (tettoie, baracche, ecc.)... 10% Impianti e mezzi di sollevamento, carico e scarico, pesatura, ecc.... 7,5% Macchinari, apparecchi e attrezzature varie (compreso frigorifero, impianto di condizionamento e distributore automatico)... 15% Stigliatura... 10% Arredamento... 15% Banconi blindati o con cristalli blindati... 20% Impianti di allarme, di ripresa fotografica, cinematografica e televisiva... 30% Impianti interni speciali di comunicazione e telesegnalazione... 25% Impianti destinati al trattamento ed al depuramento delle acque, fumi nocivi, ecc. mediante impiego di reagenti chimici... 15% Mobili e macchine ordinarie d'ufficio... 12% Macchine d'ufficio elettromeccaniche ed elettroniche compresi i computers e i sistemi telefonici elettronici... 20% Autoveicoli da trasporto (autoveicoli pesanti in genere, carrelli elevatori, mezzi di trasporto interno, ecc.)... 20% Autovetture, motoveicoli e simili... 25% I/02 - La configurazione automatica delle categorie cespiti Per visualizzare l'anagrafica delle categorie cespiti, dal menu CESPITI, selezioniamo il comando CATEGORIE CESPITI. Per impostazione predefinita, l'anagrafica delle categorie cespiti riporta le categorie, e le corrispondenti aliquote di ammortamento, previste da DM 31/12/1988 per la categoria residuale (attività non precedentemente specificate - altre attività). Pertanto, se l'attività svolta dall'azienda non dovesse essere riconducibile ad alcuna delle attività elencate dal DM 31/12/1988, allora non occorre apportare alcuna modifica. Diversamente, occorre impostare opportunamente l'anagrafica in esame. Ipotizziamo, a titolo di esempio, di dover gestire la contabilità di un ristorante. Poiché il decreto prevede espressamente questa tipologia di attività (gruppo XIX), dovremo procedere alla configurazione ad hoc dell'anagrafica delle categorie cespiti. Vediamo, come procedere utilizzando l'apposita procedura automatizzata: clicchiamo sul pulsante CONFIGURAZIONE AUTOMATICA CATEGORIE ; quindi, impostiamo i campi GRUPPO e SPECIE (sappiamo che, per ristoranti ed attività affini, le categorie ed i corrispondenti coefficienti, sono specificati nella sezione: gruppo XIX, specie 1 del decreto) infine, clicchiamo sul comando CONFIGURAZIONE AUTOMATICA CATEGORIE. Al termine della procedura, l'anagrafica delle categorie cespiti risulterà completamente reimpostata : riporterà le categorie (ed i corrispondenti coefficienti) specificamente previsti dal decreto per l'attività svolta. I/03 - La configurazione manuale delle categorie cespiti Sebbene sia presente una procedura automatizzata per configurare automaticamente l'anagrafica delle categorie, è bene sapere che è sempre possibile impostarle manualmente: è sempre possibile

3 modificare le categorie esistenti, o aggiungerne di nuove. Modifica delle categorie esistenti Le ragioni che potrebbero indurre l'utente ad apportare modifiche alle categorie sono essenzialmente due. In primo luogo, i coefficienti di ammortamento previsti dal decreto rappresentano la percentuale massima di ammortamento fiscalmente riconosciuta. Nulla ci vietà, però, di effettuare l'ammortamento utilizzando aliquote inferiori. Ipotizziamo, a titolo di esempio, di voler ammortizzare sistematicamente le attrezzature di un ristorante al 20% anziché all'aliquota ordinaria del 25%. Sarà sufficiente aprire la scheda anagrafica della categoria cliccando sul corrispondente pulsante di dettaglio (lente di ingrandimento). Quindi, dalla scheda anagrafica, potremo modificare il coefficiente di ammortamento. In secondo luogo, potremmo desiderare di modificare gli agganci delle categorie al piano dei conti. Nella scheda anagrafica di ogni categoria, infatti, troviamo 3 agganci : nel campo CONTO CESPITI, troviamo il codice del conto immobilizzazioni (conto patrimoniale attivo) che rappresenta maggiormente la categoria selezionata; nel campo FONDO AMMORTAMENTI, troviamo il codice del conto fondo ammortamenti (conto patrimoniale passivo) da incrementare ogni volta che procederemo alla contabilizzazione degli ammortamenti; nel campo QUOTA AMMORTAMENTI, troviamo il codice del conto (conto di natura economica) da movimentare oper la contabilizzazione del costo relativo. Come è facilmente intuibile, ciascuno degli agganci, qualora ritenuto opportuno, può essere modificato, selezionando un altro conto. Caricamento di nuove categorie Per ragioni gestionali, potrebbe essere opportuno creare delle categorie più specifiche. Per i ristoranti, ad esempio, il decreto prevede un'unica categoria per le attrezzature (stoviglie, posate, attrezzatura da cucina). Potremmo desiderare distinguere l'attrezzatura da cucina dalle posate, magari al fine di ammortizzarle con aliquote diverse. Per inserire una nuova categoria, è sufficiente cliccare sul pulsante INSERISCI UNA NUOVA CATEGORIA, e compilare opportunamente i campi proposti. I/04 - Il caricamento di una categoria specifica per i beni strumentali di valore inferiore ai 516,46 EURO Come noto, i beni strumentali di valore inferiore ai 516,46 EURO possono (NON devono) essere fiscalmente ammortizzati integralmente nell'esercizio in cui vengono acquistati. Questi beni possono essere gestiti in vari modi. Molti studi commerciali usano classificarli in una categoria a sé. Qualora si decidesse di adottare questa soluzione, occorre impostare l'anagrafica delle categorie cespiti, caricando una categoria ad hoc, operando come segue: clicchiamo sul comando INSERISCI UNA NUOVA CATEGORIA ; quindi, copiliamo opportunamente i campi della scheda anagrafica della categoria, digitando 100 nel campo ALIQUOTA ORDINARIA. ATTENZIONE: Per impostazione predefinita, il piano dei conti non contiene conti specificamente previsti per questa tipologia di beni, e pertanto, il piano dei conti deve essere preventivamente

4 personalizzato, inserendovi i conti da agganciare alla categoria cespiti. Precisazione Ad avviso di chi scrive, la soluzione illustrata in questo paragrafo, sebbene legittimo, non rappresenta il miglior modo per gestire i beni di valore inferiore ai 516,46 EURO. Nel corso del capitolo successivo, vedremo un altro modo per gestire questi beni.

5 CAPITOLO II - Il caricamento dei cespiti ammortizzabili II/01 - Introduzione Il caricamento dei cespiti in anagrafica può avvenire con due modalità: in fase di registrazione delle fatture di acquisto: quando registriamo una fattura comprovante l'acquisto di uno, o più, beni strumentali, è opportuno aggiornare l'anagrafica cespiti inserendovi i dati del bene (o dei beni) acquistato (acquistati); extracontabilmente, tramite la procedura "cespiti pregressi": solitamente, quando si inizia a gestire la contabilità di un'azienda che non sia di nuova costituzione, questa ha già in carico nel registro dei beni ammortizzabili diversi cespiti, che ovviamente, vanno riportati nella gestione cespiti del software Blustring. Nel corso di questo capitolo, esamineremo nel dettaglio le due procedure di caricamento. Con i primi paragrafi, passeremo in rassegna una serie di casistiche (partendo, ovviamente, dalle più comuni ed elementari). Di seguito, vedremo come caricare extracontabilmente i cespiti già presenti nel registro dei beni ammortizzabili di un'azienda già avviata, la cui contabilità viene presa in carico con il software Blustring. II/02 - La registrazione delle fatture di acquisto La registrazione di una fattura di acquisto comprovante l'acquisto di un bene strumentale avviene seguendo le consuete modalità di registrazione previste per le fatture fornitori, salvo una particolarità: nel rigo di tipo 2 occorre movimentare, come contropartita, un conto patrimoniale relativo ad una immobilizzazione. Nella slide, vediamo a titolo di esempio la registrazione di una fattura comprovante l'acquisto di mobili ed arredi per ,00 EURO. Oltre alle consuete informazioni, però, dobbiamo caricare una serie di altri dati, necessari per la corretta tenuta del registro dei beni ammortizzabili, ed il calcolo degli ammortamenti: prima di chiudere la registrazione della fattura, entriamo nella sezione CESPITI ed aggiorniamo l'anagrafica cespiti, inserendovi i dati del bene acquistato: clicchiamo sull'icona raffigurante un binocolo visualizzare l'anagrafica dei cespiti ; quindi, clicchiamo sul comando INSERISCI UN NUOVO CESPITE IN ANAGRAFICA ; infine, compiliamo la scheda anagrafica del bene acquistato, inserendovi le informazioni richieste. Come possiamo osservare dalla slide, ogni volta che viene acquistato un cespite, dobbiamo compilare la sua scheda anagrafica: una sorta di "carta di identità" del bene strumentale. Pertanto, ogni bene strumentale ha una propria scheda anagrafica, in cui vengono vengono riportate le informazioni fondamentali per la corretta tenuta del registro cespiti, vale a dire: il codice cespite: viene attribuito automaticamente dalla procedura e serve, fondamentalmente, ad identificare ogni bene in modo univoco;

6 la descrizione: per ogni bene caricato in anagrafica, occorre digitare una breve descrizione (esempi: Scrivania per ufficio modello Aurora, Smartphone Samsung Galaxy SII, Notebook Asus X5DIN, Fiat Punto 1.3 BG124HK; la categoria: per ogni bene acquistato, occorre selezionare la categoria di appartenenza; la percentuale di deducibilità: occorre indicare la percentuale di deducibilità fiscale degli ammortamenti. Normalmente, è pari al 100%, ma in alcuni casi potrebbe essere inferiore. Ad esempio, per i telefoni cellulari, occorre indicare la percentuale del 80%; il limite massimo ammortizzabile: come noto, il costo storico delle autovetture è ammortizzabile nella misura massima di ,99 euro. Pertanto, nelle schede anagrafiche relative alle autovetture, occorre digitare ,99; per tutti gli altri beni, invece, il campo va lasciato vuoto; l'anno di entrata in funzione: come noto, la procedura di ammortamento può essere iniziata a partire dall'anno di entrata in funzione del bene. In questo campo, occorre specificare l'anno in cui il bene è effettivamente entrato in funzione; il titolo del possesso: qui occorre indicare a quale titolo viene utilizzato il bene. Normalmente, i beni strumentali sono di proprietà, ma potrebbero essere anche in comodato, leasing, o in locazione. Quelli appena elencati sono i campi che contengono le informazioni fondamentali per la gestione cespiti. Degli altri campi presenti nella scheda anagrafica di ciascun cespite, ce ne occuperemo più avanti. Osservazione 1 Chiudendo la scheda anagrafica del bene, notiamo che il bene strumentale appena inserito in anagrafica, viene automaticamente abbinato alla registrazione in corso : infatti, il codice del cespite è stato riportato nell'apposito campo della sezione CESPITI della registrazione della fattura. Osservazione 2 Il codice cespite è univoco, viene attribuito automaticamente dalla procedura, e non è modificabile. Esso assolve fondamentalmente a 2 funzioni: identificare in modo univoco ogni cespite: in un'azienda vi potrebbero essere più cespiti identici, e pertanto, vi è la necessità di identificarli uno ad uno con un codice univoco che non possa essere duplicato per errore; inoltre, serve di raccordo tra la gestione contabile e la gestione cespiti: nell'esempio appena visto, il cespite con codice 1 è stato abbinato alla fattura con protocollo 4/2012. Detto altrimenti, la fattura con protocollo 4/2012 comprova l'acquisto del cespite identificato (in modo univoco) dal codice 1. Pertanto, il codice cespite NON è un protocollo, ma un codice univoco identificativo, e come tale, non è necessariamente progressivo. Peraltro, diversi programmi di contabilità in commercio, usano attribuire dei codici alfanumerici. Blustring Software ha preferito attribuire dei codici numerici, ma la funzione del codice cespite è sempre la medesima. II/03 - Casistiche ricorrenti Nel paragrafo precedente abbiamo visto, a titolo di esempio, come caricare la registrazione di una fattura comprovante l'acquisto di un mobile per ufficio. Nel corso di questo paragrafo, vedremo come registrare l'acquisto di altri cespiti che presentano alcune peculiarità. Operativamente, si procede in modo del tutto analogo, ma dobbiamo prestare attenzione nella compilazioni di alcuni campi della scheda anagrafica.

7 a) Acquisto di cespiti con ammortamento parzialmente deducibile L'ammortamento di alcuni beni strumentali, come ad esempio i telefoni cellulari, è parzialmente deducibile. Nella compilazione della scheda anagrafica, dobbiamo prestare attenzione ad indicare nel campo % DI DEDUCIBILITA la misura in cui la quota di ammortamento annuale viene riconosciuta fiscalamente. Il campo EVENTUALE LIMITE AMMORTIZZABILE va omesso. b) Acquisto di autovetture Per le autovetture, la normativa fiscale impone, in linea generale, due limiti: Il costo storico è ammortizzabile nella misura massima di EURO ,99. l'ammortamento annuale è deducibile nella misura massima del 40%. In questo caso, occorre impostare opportunamente sia il campo % DI DEDUCIBILITA, sia il campo EVENTUALE LIMITE AMMORTIZZABILE:. c) Acquisto di beni di valore unitario inferiore ai 516,46 EURO Come noto, i beni di valore inferiore ai 516,46 possono (non devono) essere ammortizzati completamente nell'esercizio in cui vengono acquistati. Se desideriamo avvalerci di questa facoltà, allora nel campo CATEGORIA, selezioneremo la voce BENI DI VALORE INFERIORE AI 516 EURO (precedentemente creata, come illustrato nel paragrafo I/4). In alternativa, possiamo optare anche per un'altra soluzione: selezionare la categoria che meglio rappresenta il bene (ad esempio, ATTREZZATURE), e poi attivare il flag AMMORTAMENTO INTEGRALE AUTOMATICO, togliendolo dall'opzione predefinita AMMORTAMENTO ORDINARIO AUTOMATICO. II/04 - La registrazione di fatture comprovanti l'acquisto di più beni strumentali. Fin qui, abbiamo visto come registrare le fatture che comprovano l'acquisto di un bene strumentale. E se una fattura comprovasse l'acquisto di 2, o più beni strumentali? Nessun problema: Si procede in modo analogo, salvo inserire nel dettaglio contabile della registrazione della fattura tanti righi quanti sono i beni strumentali acquistati. Ipotizziamo, a titolo di esempio, di dover procedere al caricamento di una fattura comprovante l'acquisto di 2 beni strumentali: un computer del valore di 1000 EURO, ed un mobile per ufficio del valore di 9000 EURO. Il dettaglio contabile della registrazione dovrà presentare due righi di tipo 2: uno relativo al computer, e l'altro relativo al mobile per ufficio. Passando alla sezione CESPITI, toveremo 2 righi, che come abbiamo visto nel corso del paragrafo 3, dovremo associare alla gestione cespiti. II/05 - L'acquisto di beni immateriali Fin qui, abbiamo visto come registrare le fatture che comprovano l'acquisto di un beni materiali. Per registrare l'acquisto di beni immateriali, si procede in modo analogo salvo 2 particolarità: come operazione preliminare, occorre impostare una categoria cespiti ad hoc, ad esempio: licenze software. Ovviamente, occorre impostare gli agganci ed il coefficiente di ammortamento. Se, ad esempio, intendiamo effettuare l'ammortamento in tre anni, nel campo ALIQUOTA ORDINARIA occorre inserire la percentuale del 33,33 ;

8 nella scheda anagrafica del cespite, oltre ovviamente a selezionare la categoria creata ad hoc, dobbiamo attivare il flag BENE IMMATERIALE. II/06 - Il caricamento dei cespiti pregressi Premessa Solitamente, quando si inizia a gestire una contabilità con un nuovo programma, l azienda ha già in carico diversi cespiti, che d ora in poi chiameremo cespiti pregressi. Nel proseguo della trattazione, ipotizzeremo di dover gestire la contabilità di un azienda a partire dall esercizio contabile Pertanto, i cespiti acquistati prima del 01/01/2009, verranno definiti CESPITI PREGRESSI. Il caricamento dei cespiti pregressi Per caricaricare in anagrafica i cespiti pregressi, dal menu CESPITI, selezioniamo il comando CESPITI PREGRESSI. Ipotizziamo di dover caricare in anagrafica un macchinario acquistato in data 25/03/06, al costo storico di 8.000,00 EURO, ed ammortizzato al 31/12/08 per 5.000,00 EURO. Clicchiamo sul pulsante INSERISCI UN NUOVO CESPITE PREGRESSO. Si apre la maschera per il caricamento di un cespite pregresso : in primo luogo, dobbiamo caricare la scheda anagrafica del cespite. Pertanto, clicchiamo sul binocolo collocato a fianco del campo CESPITE, e poi su INSERISCI UN NUOVO CESPITE IN ANAGRAFICA. Infine, compiliamo opportunamente la scheda anagrafica del cespite. Completata la digitazione, cliccando sul pulsante di chiusura, il codice del cespite verrà riportato automaticamente nella maschera per il caricamento del cespite pregresso; poi, occorre procedere con la compilazione dei campi per il caricamento del costo storico e del fondo ammortamento accantonato alla data della presa in carico della contabilità (nel nostro esempio: 31/12/2008). Come possiamo facilmente osservare dall'ultima slide: nel campo DATA abbiamo digitato da data di chiusura dell esercizio antecedente a quello in cui abbiamo iniziato a gestire la contabilità (31/12/2008); nel campo VALORE CESPITE abbiamo digitato il costo storico del bene (8.000); nel campo AMMORTAMENTO FISCALE abbiamo digitato l ammontare del fondo ammortamento accantonato al 31/12/2008 (5.000). Nota La compilazione del campo AMMORTAMENTO CIVILISTICO assume rilevanza SOLO nell ipotesi piuttosto rara in cui si desideri effettuare una gestione civilistica diversa da quella fiscale. Solitamente infatti, si tende a far coincidere la gestione fiscale con quella civilistica, assumendo che i coefficienti fiscali di ammortamento rappresentino fedelmente il coefficiente di deperimento fisico del bene.

9 CAPITOLO III Il caricamento dei beni di terzi III/01 - Il caricamento dei beni in leasing Introduzione Come noto, i beni in leasing presentano una particolarità: il costo storico (valore del bene) NON coincide con il valore ammortizzabile. Il valore del bene, infatti, è rappresentato dal costo sopportato dalla società di leasing. Invece, il valore ammortizzabile è rappresentato dal prezzo di riscatto pagato al termine del contratto. Si tratta di una distinzione piuttosto importante poiché: negli studi di settore occorre indicare il valore complessivo dei beni strumentali utilizzati dall'azienda. E' evidente che per i beni in leasing occorre considerare il costo sopportato dalla società di leasing; i beni in leasing non potranno essere ammortizzati fino al pagamento del prezzo di riscatto. Il caricamento dei beni in leasing nella gestione cespiti All inizio del contratto di leasing (data del collaudo), dobbiamo caricare in anagrafica il bene preso in leasing, valorizzandolo al costo pagato dalla società di leasing (costo storico), che come anticipato, non potrà venire ammortizzato. Procediamo nel seguente modo: in prima battuta, dobbiamo caricare il bene in anagrafica. Dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando SCHEDE CESPITI. Quindi, cliccando sul pulsante INSERISCI UN NUOVO CESPITE IN ANAGRAFICA, carichiamo il bene preso in leasing, valorizzando opportunamente i campi proposti, e facendo attenzione a selezionare la voce LEASING nel campo TITOLO DEL POSSESSO. in seconda battuta, dobbiamo specificare il valore del bene. Dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando GESTIONE BENI DI TERZI / GESTIONE ACQUISIZIONI BENI DI TERZI. Qui, inseriamo un rigo, digitando la data del collaudo del bene ed il costo sostenuto dalla società concedente, e selezionando il bene appena caricato in anagrafica. Verifica del lavoro svolto Per verificare i risvolti dell'operazione appena eseguita, visualizziamo la scheda del cespite: dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando SCHEDE CESPITI ; verrà visualizzato l'elenco di tutti i cespiti caricati in anagrafica. Clicchiamo sul pulsante di dettaglio (lente di ingrandimento) in corrispondenza del bene appena inserito ; così, verrà mostrata la scheda del cespite. Come possiamo notare dalla stampa, a seguito della sua acquisizione in leasing, il COSTO STORICO (che andrà indicato negli studi di settore) è pari al prezzo pagato dalla società concedente ( ,00 EURO). Invece, il VALORE AMMORTIZZABILE è pari a 0, poiché non vi è ancora alcun valore da poter ammortizzare. III/02 - Il riscatto dei beni in leasing

10 Con il riscatto del bene, questo diviene di proprietà e potrà venire ammortizzato il prezzo di riscatto pagato. Per registrare una fattura comprovante il riscatto di un bene in lesing, si procede in modo analogo a quanto visto nel corso del paragrafo II/02: dopo aver compilato il dettaglio contabile, si passa alla sezione CESPITI. Qui, dopo aver selezionato la voce RISCATTO (nel campo TIPO OPERAZIONE), occorre selezionare il codice del cespite riscattato. Verifica del lavoro svolto Per verificare i risvolti dell'operazione appena eseguita, visualizziamo la scheda del cespite. Come possiamo osservare dalla stampa, dopo la registrazione della fattura comprovante il pagamento del prezzo di riscatto, il COSTO STORICO è rimasto ovviamente invariato, mentre il VALORE AMMORTIZZABILE è passato da 0 al prezzo di riscatto pagato, che nel nostro esempio è pari a 2.000,00 EURO. III/03 - Il caricamento di informazioni relative il contratto di leasing Per ogni bene acquisito in leasing, il software Blustring consente di inserire i dati salienti del contratto di leasing (compagnia di leasing, numero del contratto, importo del maxicanone, numero di rate, importo delle rate, etc.). Il caricamento delle informazioni in oggetto assolve, fondamentalmente, a due necessità: poter accedere, in ogni momento, alle principali condizioni del contratto di leasing, senza doverlo ricercare tra mille contratti archiviati; consentire al programma di elaborare il calcolo della ripartizione temporale del costo dell operazione. Solitamente, infatti, il contratto di leasing inizia con il pagamento di un maxicanone e di oneri accessori, che per il principio della competenza economica, non possono gravare solo sull esercizio in cui sono stati pagati, ma vanno ripartiti per tutta la durata del contratto. Per inserire le informazioni in oggetto, dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando SCHEDE CESPITI. Quindi, apriamo la scheda anagrafica del cespite desiderato, e nella sezione ESTREMI CONTRATTO DI LEASING, potremo caricare i dati salienti del contratto di leasing. III/04 - Il caricamento di beni in locazione, o in comodato Il software Blustring consente di caricare in anagrafica anche i beni in locazione, o in comodato. Ovviamente, questi beni non potrammo mai essere ammortizzati, ma il caricamento in anagrafica consentirà di determinare il valore dei beni strumentali tenendo conto di tutti i beni utilizzati (anche di quelli di proprietà di terzi). Operativamente, si procede in modo analogo ai beni in leasing (paragrafo III/01), salvo valorizzare opportunamente il campo TITOLO DEL POSSESSO all'interno della scheda anagrafica del bene. Ovviamente, poiché questi beni non diverranno mai di proprietà (non verranno riscattati), il valore ammortizzabile sarà sempre pari a 0. III/05 - Il caricamento delle migliorie su beni di terzi Come noto, per "migliorie su beni di terzi", si intende il sostenimento di spese incrementative su beni strumentali NON di proprietà, ma di terzi, vare a dire, utilizzati in virtù di contratti di

11 comodato, locazione, o leasing. Nel corso di questo paragrafo, esamineremo come registrare una fattura di acquisto comprovante il sostenimento di costi per migliorie su beni di terzi. Dettaglio contabile Nel rigo di tipo 2 del dettaglio contabile della registrazione, come conto di contropartita, occorre selezionare il conto patrimoniale codificato come MIGTER (migliorie su beni di terzi). ATTENZIONE: nel rigo di tipo 1, nel campo RICLASSIFICAZIONE, occorre selezionare la voce BENI STRUMENTALI, e non BENI AMMORTIZZABILI (il costo sostenuto, infatti, va imputato ad un bene NON di proprietà, ma ad un BENE STRUMENTALE NON AMMORTIZZABILE). Sezione cespiti Nella sezione cespiti della registrazione della fattura, dobbiamo inserire 3 informazioni : nel campo TIPOLOGIA DI OPERAZIONE, occorre selezionare la voce MIGLIORIA SU BENI DI TERZI; nel campo CESPITE, occorre selezionare il bene a cui si riferisce la spesa sostenuta. nel campo ALIQUOTA MIGLIORIA dobbiamo specificare il coefficiente di ammortamento con cui andrà ammortizzata la spesa sostenuta. Se, ad esempio, intendiamo effettuare l'ammortamento in 5 anni, inseriremo l'aliquota del 20%. III/06 - Il caricamento di migliorie su beni di terzi pregresse Quando si inizia a gestire la contabilità di un'azienda che non sia di nuova costituzione, questa potrebbe avere in carico nel registro dei beni ammortizzabili una o più migliorie su beni di terzi, che ovviamente, vanno riportate nella gestione cespiti del software Blustring. Nel proseguo della trattazione, ipotizzeremo di dover gestire la contabilità di un azienda a partire dall esercizio contabile Pertanto, le spese per migliorie su beni di terzi sostenute prima del 31/12/2008, verranno definite MIGLIORIE PREGRESSE. Il caricamento delle migliorie pregresse Per caricare in anagrafica le migliorie pregresse, dal menu CESPITI, selezioniamo il comando GESTIONE BENI DI TERZI / GESTIONE MIGLIORIE SU BENI DI TERZI PREGRESSE. Ipotizziamo, a titolo di esempio, di dover caricare in anagrafica una miglioria sostenuta nel 2006 per un macchinario in leasing: spesa sostenuta 2.000,00 EURO, ammortamento già effettuato: 500,00 EURO. Procediamo come segue: clicchiamo sul comando INSERISCI UNA NUOVA MIGLIORIA PREGRESSA (in basso) ; quindi, compiliamo opportunamente i campi proposti, selezionando il bene a cui si riferisce la miglioria, e digitando l'ammontare della spesa incrementativa sostenuta (2.000,00 EURO), e l'ammontare dell'ammortamento già accantonato (500,00 EURO). Infine, clicchiamo sul comando REGISTRA. La miglioria pregressa è stata caricata in anagrafica, e potrà essere ammortizzata per il valore residuo.

12 CAPITOLO IV La gestione degli ammortamenti IV/01 - La rilevazione automatica degli ammortamenti Premessa A fine anno, occorre procedere alla rilevazione degli ammortamenti nel registro cespiti. Il programma dispone di una procedura automatizzata che consente di rilevare gli ammortamenti per tutti i cespiti. In linea generale, i beni verranno ammortizzati sulla base dell'aliquota ordinaria prevista per la categoria di appartenenza. I beni di valore inferiore ai 516,46 EURO verranno ammortizzati integralmente qualora siano stati caricati come illustrato nel corso del paragrafo II/03. Procedura Dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando GESTIONE AUTOMATICA. Quindi, digitiamo la data in cui desideriamo rilevare gli ammortamenti. Ipotizzando di doverli rilevare per l'esercizio 2011, digitiamo 31/12/2011. Ora possiamo procedere con la rilevazione automatica degli ammortamenti per tutti i cespiti caricati: selezioniamo la voce ammortamenti INTEGRALI, e clicchiamo sul pulsante GENERA AMMORTAMENTI: così verranno ammortizzati integralmente tutti gli eventuali cespiti di valore inferiore ai 516,46 EURO; poi, selezioniamo la voce sottostante (ammortamenti ORDINARI), e clicchiamo sul pulsante GENERA AMMORTAMENTI: così verranno ammortizzati tutti gli altri beni materiali (ad eccezione delle autovetture); poi, selezioniamo la terza voce, e clicchiamo sul pulsante GENERA AMMORTAMENTI: così verranno ammortizzati i beni materiali il cui costo storico può essere ammortizzato solo parzialmente (autovetture); saltiamo la voce ammortamenti ANTICIPATI poiché non è più possibile effettuarli; quindi, selezioniamo la voce IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI, e clicchiamo sul pulsante GENERA AMMORTAMENTI: così verranno ammortizzate tutte le immobilizzazioni immateriali; infine, selezioniamo l'ultima voce (MIGLIORIE SU BENI DI TERZI), e clicchiamo sul pulsante GENERA AMMORTAMENTI: così verranno ammortizzate le migliorie su beni di terzi. Nota Stiamo esaminando come rilevare gli ammortamenti nella gestione cespiti. Gli ammortamenti così rilevati compariranno nel registro cespiti, ma NON in contabilità. Detto altrimenti, affinché gli ammortamenti rilevati vengano evidenziati in bilancio, dobbiamo procedere alla contabilizzazione (travaso), ma di questo ce ne occuperemo più avanti, in un apposito paragrafo. IV/02 - La verifica degli ammortamenti rilevati

13 Dopo aver proceduto alla rilevazione degli ammortamenti, possiamo verificare il lavoro svolto per ogni singolo cespite, oppure eseguire una stampa riepilogativa di tutti gli ammortamenti registrati. Verifica per cespite Per ogni singolo cespite presente in anagrafica, possiamo verificarne la situazione dopo la rilevazione dell'ammortamento. Dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando SCHEDE CESPITI. Viene visualizzato l'elenco di tutti i cespiti caricati in anagrafica. Ipotizziamo, a titolo di esempio, di voler verificare la situazione del cespite MACCHIBNARIO ABC. Cliccando sul corrispondente pulsante di dettaglio (lente di ingrandimento), verrà visualizzata la scheda del cespite. Come possiamo osservare dalla slide, la scheda del cespite si compone di due parti: in alto, troviamo delle informazioni di carattere generale: descrizione, categoria di appartenenza, titolo del possesso, anno di entrata in funzione, aliquota ordinaria di ammortamento, etc... sotto, troviamo l'elenco delle movimentazioni. Nel nostro esempio, abbiamo solamente due righi: uno relativo all'acquisto (avvenuto in data 31/01/2011), e l'altro relativo all'ammortamento eseguito per l'esercizio Osserviamo, infine, che in fondo alla scheda, viene riportato il valore residuo del bene: dato dalla differenza tra il valore ammortizzabile e la sommatoria di tutti gli ammortamenti rilevati nel corso del tempo. Riepilogo degli ammortamenti effettuati nell'esercizio Se desideriamo visualizzare il riepilogo degli ammortamenti rilevati per un determinato esercizio, dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando RIEPILOGO AMMORTAMENTI. Ad esempio, per visualizzare il riepilogo degli ammortamenti rilevati nel 2011, digitiamo 2011 nel campo ANNO, e poi, clicchiamo sul pulsante sottostante. Verrà prodotta una stampa analoga alla seguente:. Come possiamo osservare dalla slide, i cespiti vengono raggruppati per categoria di appartenenza, e per ogni cespite, e per ogni categoria, viene visualizzato l'ammortamento rilevato. IV/03 - La verifica degli ammortamenti rilevati per le migliorie su beni di terzi Le migliorie su beni di terzi sono dei cespiti ammortizzabili molto particolari: esse infatti NON sono dei beni (né materiali, né immateriali), ma semplicemente delle spese sostenute per beni strumentali di terzi, utilizzati in virtù di contratti di locazione, leasing, o comodato. Pertanto, gli ammortamenti relativi alle migliorie su beni di terzi non vengono riportati nelle schede dei cespiti, ma in una sezione apposita del registro cespiti. Verifica per cespite Analogamente agli ammortamenti riguardanti i beni strumentali veri e propri, anche per le migliorie su beni di terzi, è possibile effettuare una verifica selettiva per ogni singolo cespite. Dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando REGISTRO CESPITI. Ipotizzando di voler verificare gli ammortamenti eseguiti nel 2011, impostiamo opportunamente il campo ANNO FISCALE, e dalla sezione DETTAGLIO MIGLIORIE SU BENI DI TERZI, clicchiamo sul pulsante STAMPA DETTAGLIO MIGLIORIE SU BENI DI TERZI. Verrà prodotto un prospetto analogo al seguente:. Per ogni cespite, vengono riportate le

14 migliorie, e per ciascuna miglioria, vengono visualizzati gli ammortamenti che sono stati effettuati. Nel nostro esempio, per il bene MACCHINARIO XYZ, è stata effettuata una miglioria di 3.000,00 EURO nel 2011, comprovata dalla fattura n.545, emessa in data 30/11/2011 da Rossi Mario. Per questa miglioria, risulta effettuato un ammortamento in data 31/12/2011 per 600,00 EURO. Riepilogo degli ammortamenti effettuati nell'esercizio Se desideriamo visualizzare il riepilogo degli ammortamenti rilevati per un determinato esercizio, dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando RIEPILOGO AMMORTAMENTI. Per visualizzare il riepilogo degli ammortamenti rilevati nel 2011, digitiamo 2011 nel campo ANNO, e poi, dalla sezione AMMORTAMENTO MIGLIORIE SU B.T., clicchiamo sul pulsante RIEPILOGO AMMORTAMENTI SU MIGLIORIE DI BENI DI TERZI. Verrà prodotto un prospetto analogo al segente:. Come possiamo osservare dalla slide, il prospetto mostra l'elenco degli ammortamenti relativi alle migliorie su beni di terzi che sono stati eseguiti nell'anno selezionato. Nel nostro esempio, è stato eseguito un unico ammortamento di 600,00 EURO, per una miglioria relativa al bene MACCHINARIO XYZ. IV/04 - La modifica ed il caricamento manuale degli ammortamenti Nel corso di questo capitolo, abbiamo visto come rilevare automaticamente gli ammortamenti. Nella generalità dei casi, la procedura di rilevazione automatica si rivela sufficiente poiché è prassi effettuare gli ammortamenti utilizzando le aliquote ordinarie. In alcune situazioni particolari, però, l'utente potrebbe avere l'esigenza di "personalizzare" gli ammortamenti. Si pensi, ad esempio, a politiche di bilancio volte ad esaltare la reddività di un'impresa, riducendo gli ammortamenti. La modifica manuale degli ammortamenti Dopo aver generato gli ammortamenti con la procedura automatizzata, possiamo modificarli manualmente. Dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando GESTIONE MANUALE AMMORTAMENTI CESPITI. Verrà visualizzato l'elenco di tutti gli ammortamenti eseguiti nel corso del tempo. Ipotizziamo, a titolo di esempio, di voler modificare l'ammortamento, eseguito nel 2011, relativo al cespite MACCHINARI ABC. Procediamo come segue: Come operazione preliminare, è opportuno ristringere la visualizzazione ai soli ammortamenti del Pertanto, clicchiamo sul pulsante SELEZIONA AMMORTAMENTI (in basso, a destra), digitiamo 2011 nel campo ANNO della finestra di dialogo, e clicchiamo sul pulsante SELEZIONA ; ora, vengono visualizzati solamente gli ammortamenti eseguiti nel 2011 e ritrovare l'ammortamento desiderato è molto facile! Una volta individuato, clicchiamo sul corrispondente pulsante di dettaglio (lente di ingrandimento); verrà visualizzata la scheda di dettaglio dell'ammortamento. Supponiamo di voler ammortizzare il bene per 700,00 EURO: sarà sufficiente impostare il valore scelto nei campi AMMORTAMENTO e DI CUI DEDUCIBILE. Ignoriamo il contenuto del campo AMMORTAMENTO CIVILISTICO poiché stiamo ipotizzando che l'ammortamento fiscale e quello civilistico coincidano. Il caricamento manuale degli ammortamenti

15 Se non desideriamo avvalerci della procedura automatizzata, possiamo decidere anche di caricare manualmente gli ammortamenti. Ovviamente si stratta di una soluzione praticabile solo se il numero di cespiti è ridotto. Per caricare un ammortamento, clicchiamo sul pulsante REGISTRA UN NUOVO AMMORTAMENTO (in basso, a destra). Quindi, compiliamo opportunamente i campi richiesti. Nell'esempio riportato, abbiamo caricato l'ammortamento del 2011 per il cespite MACCHINARIO ABC. Nota: i campi dei gruppi GESTIONE CIVILISTICA e GESTIONE FISCALITA' DIFFERITA possono essere tranquillamente ignorati poiché stiamo ipotizzando che l'aspetto fiscale coincida con quello civilistico. IV/05 - La cancellazione degli ammortamenti Dalla stessa procedura esaminata nel paragrafo precedente è possibile eliminare gli ammortamenti caricati. L'eliminazione può essere selettiva (per singolo bene), oppure cumulativa per tutti gli ammortamenti relativi ad un determinato esercizio. Cancellazione selettiva Ipotizziamo, a titolo di esempio, di voler eliminare l'ammortamento del 2011 relativo al cespite MACCHINARIO ABC. Per eliminarlo, è sufficiente: individuare il rigo dell'ammortamento desiderato, e cliccarvi per selezionarlo; cliccare sul pulsante ELIMINA AMMORTAMENTO SELEZIONATO (in basso, a sinistra), per eliminarlo. Cancellazione cumulativa Ipotizziamo, a titolo di esempio, di voler eliminare tutti gli ammortamenti del Procediamo come segue: in primo luogo, è necessario ristringere la visualizzazione ai soli ammortamenti del Pertanto, clicchiamo sul pulsante SELEZIONA AMMORTAMENTI (in basso, a destra), digitiamo 2011 nel campo ANNO della finestra di dialogo, e clicchiamo sul pulsante SELEZIONA. ora, possiamo procedere con l'eliminazione: sarà sufficiente cliccare sul pulsante ELIMINA TUTTI GLI AMMORTAMENTI (in basso, a sinistra). ATTENZIONE La procedura di cancellazione NON è reversibile. Pertanto, prima di procedere, è auspicabile effettuare una copia di sicurezza dell'archivio contabile. IV/06 - La gestione manuale degli ammortamenti su migliorie di beni di terzi Analogamente agli ammortamenti dei beni strumentali, anche gli ammortamenti relativi alle migiorie su beni di terzi possono essere gestiti manualmente. Per accedere alla procedura, dal menu cespiti, selezioniamo il comando GESTIONE MANUALE MIGLIORIE SU BENI DI TERZI. Non ci dilungheremo oltre su questa procedura poiché il funzionamento è speculare a quello della procedura per la gestione manuale degli ammortamenti dei beni strumentali.

16 IV/07 - La contabilizzazione (travaso) degli ammortamenti Gli ammortamenti rilevati seguendo le procedure fin qui descritte in questo capito verranno riportati nel registro cespiti, ma NON in bilancio. Pertanto, dobbiamo procedere alla contabilizzazione degli ammortamenti rilevati (travaso). Detto altrimenti, dobbiamo redigere una scrittura di assestamento con la quale registrare in contabilità il costo di competenza dell'esercizio relativo agli ammortamenti annuali. Questa operazione può essere eseguita manualmente, oppure in modo completamente automatico, grazie ad un'apposita procedura. Per le contabilità ordinarie Per le contabilità ordinarie, occorre redigere una scrittura di contabilità generale del tipo: ammortamento macchinari ammortamento attrezzature ammortamento... a fondo ammortamento macchinari a fondo ammortamento attrezzature a fondo ammortamento... Per redigere questa scrittura in modo automatico, dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando TRAVASO CONTABILE. Ipotizzando di dover contabilizzare gli ammortamenti del 2011, nel campo ANNO (in alto, a destra) digitiamo 2011, e clicchiamo sul pulsante SELEZIONA. Quindi, impostiamo opportunamente i campi collocati in fondo alla maschera : nel campo DATA REGISTRAZIONE, digitiamo: 31/12/2011; nel campo TIPO TRAVASO, selezioniamo CONTABILITA ORDINARIA. Infine, clicchiamo sul pulsante REGISTRA AMMORTAMENTI IN CONTABILITA. In contabilità generale, verrà generata una registrazione analoga alla seguente:. In questo esempio, è stata generata una scrittura di assestamento per l'ammortamento degli impianti. Nota: Tutto ciò che viene eseguito dalle procedure automatizzate, può essere fatto anche manualmente. Pertanto, anziché avvalersi della procedura automatizzata appena esaminata, è sempre possibile registrare gli ammortamenti manualmente, caricando una normale scrittura di contabilità generale, riportando i valori evidenziati dalla stampa riepilogativa degli ammortamenti dell'esercizio (paragrafo IV/02). Per le contabilità semplificate Come noto, per le contabilità semplificate TUTTI i costi devono transitare per il registro IVA acquisti. Pertanto, occorre caricare la registrazione di un "COSTO NON COMPROVATO DA FATTURA". Per il caricamento automatico della registrazione in contabilità, si segue la medesima procedura esaminata per le contabilità ordinarie, salvo selezionare la voce CONTABILITA SEMPLIFICATA nel campo TIPO TRAVASO. L'effetto sarà quello di generare una registrazione nel registro IVA acquisti analoga alla seguente:. Nota: Tutto ciò che viene eseguito dalle procedure automatizzate, può essere fatto anche manualmente. Pertanto, anziché avvalersi della procedura automatizzata appena esaminata, è sempre possibile caricare la registrazione manualmente, riportando i valori evidenziati dalla stampa riepilogativa degli ammortamenti dell'esercizio (paragrafo IV/02).

17 V/01 - Introduzione CAPITOLO V La gestione avanzata degli ammortamenti Nella prassi, si usa far coincidere la gestione civilistica degli ammortamenti con quella fiscale, assumendo che i coefficienti fiscali di ammortamento rappresentino fedelmente i tassi di usura dei beni. Pertanto, nella stragrande maggioranza dei casi, è sufficiente quanto esposto nel capitolo precedente. Quanto verrà detto nel proseguo della trattazione varrà SOLO nell ipotesi in cui, per particolari motivi, si decida di ammortizzare uno, o più beni, diversamente da un punto di vista civilistico e fiscale. Nei paragrafi seguenti, supporremo che la nostra società abbia in carico un macchinario del costo storico di ,00 EURO, soggetto all aliquota fiscale di ammortamento del 20%. Ipotizzeremo, che secondo la direzione dell azienda, il 20% di ammortamento annuo sia inadeguato data la forte usura a cui è soggetto il bene, e di volerlo ammortizzare al 40%. Detto altrimenti, il bene verrà ammortizzato al 40% (ammortamento civilistico), ma fiscalmente verrà riconosciuto solo il 20%. V/02 - L'impostazione della scheda anagrafica del cespite Per scindere in modo netto la gestione civilistica da quella fiscale, come operazione preliminare, occorre impostare opportunamente la scheda anagrafica dei cespiti: : in primo luogo, occorre compilare il campo ALIQUOTA SPECIFICA: qui, dobbiamo indicare l aliquota a cui desideriamo ammortizzare il bene (nel nostro esempio: 40%); in secondo luogo, attiviamo il flag AMMORTAMENTOPECIFICO AUTOMATICO, e disattiviamo il flag AMMORTAMENTO ORDINARIO AUTOMATICO. V/03 - La rilevazione automatica degli ammortamenti Alla chiusura dell esercizio, dobbiamo provvedere alla rilevazione degli ammortamenti. Dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo (come di consueto) il comando GESTIONE AUTOMATICA AMMORTAMENTI. Dopo aver provveduto alla rilevazione degli ammortamenti ordinari (come spiegato nel capitolo precedente), passiamo agli "ammortamenti specifici": dalla sezione AMMORTIZZA OGNI BENE SECONDO L'ALIQUOTA SPECIFICAMENTE PREVISTA, clicchiamo sul pulsante GENERA AMMORTAMENTI. Attenzione: prima di cliccare sul pulsante, verifichiamo che il flag GESTISCI AMMORTAMENTI CIVILISTICI/FISCALI sia attivato. V/04 - La verifica degli effetti della procedura automatizzata Per vedere gli effetti della procedura automatizzata appena eseguita, entriamo nella gestione manuale degli ammortamenti. Quindi, cliccando sul corrispondente pulsante di dettaglio, apriamo la scheda dell'ammortamento generato, che presenterà i seguenti dati:. Come possiamo osservare dalla slide, oltre ad essere stati compilati i campi con gli importi degli ammortamenti (fiscale a sinistra, civilistico a destra), sono stati compilati anche i campi utili ai fini della gestione della FISCALITA DIFFERITA. Infatti, la registrazione di ammortamenti civilistici in misura superiore a quella fiscalmente consentita, genera una DIFFERENZA TEMPORANEA PASSIVA, che verrà visualizzata assieme alle altre differenze temporanee (menu GESTIONI FISCALI / comando RETTIFICHE EXTRACONTABILI).

18 Nota: Qualora, per particolari motivi, non si intendesse far confluire la divergenza assieme alle altre differenze temporanee, è sufficiente cancellare il contenuto del campo CAUSALE. Ovviamente, in caso di necessità, è possibile anche apportare modifiche ai vari campi, nonché cancellare il movimento. V/05 - La stampa delle schede cespiti con le differenze civilistiche / fiscali Il software mette a disposizione dell utente la stampa delle schede dei singoli cespiti, con il confronto tra gestione civilistica e gestione fiscale. Dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando SCHEDE CESPITI. Quindi, attiviamo l opzione STAMPA DIFFERENZE CIVILISTICO / FISCALI (in basso). Infine, lanciamo l anteprima di stampa della scheda relativa al cespite desiderato. Verrà prodotta una stampa analoga alla seguente:.

19 VI/01 - La vendita di un cespite CAPITOLO VI La dismissione dei cespiti La vendita è sicuramente la modalità di dismissione più comune. Per registrare la vendita di un cespite, dobbiamo procedere al caricamento della registrazione di una normale fattura di vendita, con seguenti particolarità: nel rigo di tipo 1 del dettaglio contabile, dobbiamo attivare il flag STORNO IN VE; nel rigo di tipo 2 del dettaglio contabile, come conto di contropartita dobbiamo selezionare il conto TRANSITORIO CESPITI ; nel campo CESPITE della sezione CEPITI, dobbiamo selezionare il codice del cespite ventuto e cliccare sul pulsante AT (alienazione totale) ; VI/02 - Verifica del risultato Dalla stampa della scheda contabile del cespite, possiamo verificare se dall'operazione emerge una plusvalenza, o una minusvalenza. Dalla slide vediamo, a titolo di esempio, la stampa della scheda contabile di un cespite che ha avuto la seguente storia: è stato acquistato per 1.000,00 EURO; è stato ammortizzato per 100,00 EURO - pertanto, aveva un valore residuo di 900,00 EURO; è stato venduto a 500,00 EURO - pertanto, emerge una minusvalenza di 400,00 EURO (500,00-900,00), corretamente evidenziata dall'ultima colonna dell'ultimo rigo. Osserviamo, inoltre, che dopo la vendita il valore residuo del bene risulta pari a 0. VI/03 - Rilevazione contabile dell'operazione per le contabilità ordinarie Registrando la fattura di vendita, in contabilità, abbiamo redatto una registrazione del tipo: Cliente Rossi a diversi 605,00 a IVA 105,00 a Transitorio cespiti 500,00 Ora, dobbiamo completare la rilevazione dell'accadimento aziendale, rilevando la plusvalenza, o la minusvalenza, stornando il conto transitorio cespiti. Riprendendo l'esempio appena visto, dovremo procedere alla rilevazione della minusvalenza, caricando due scritture di contabilità generale del tipo: Fondo ammortamento macchine elettroniche per ufficio - a - Macchine elettroniche per ufficio ,00 Diversi - a - Macchine elettroniche per ufficio ,00 Transitorio cespiti ,00 Minusvalenze ,00

20 Queste due semplici scritture di contabilità generale possono essere caricare manualmente sulla base delle risultanze della scheda del cespite. In alternativa, è possibile caricarle in modo completamente automatico, sfruttando l'apposita procedura. Ipotizzando di optare per questa seconda soluzione, procediamo come segue: dal menu GESTIONE CONTABILE, selezioniamo il comando FATTURE CLIENTI ; quindi, sempre dalla barra multifunzione, selezioniamo il comando PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. A questo punto, viene visualizzato l'elenco di tutte le vendite di cespiti, ed in corrispondenza di ogni operazione, viene visualizzato il risultato (plusvalenza, o minusvalenza) ; per effettuare le rilevazioni contabili desiderate, non dovremo fare altro che cliccare sul pulsante CONTABILIZZA (raffigurante una bacchetta magica), corrispondente all'operazione da registrare. Effetti L'effetto di questa procedura automatizzata è, ovviamente, la generazione di due scritture di contabilità generale: con la prima scrittura, viene stornato il fondo ammortamento relativo al bene venduto ; con la seconda scrittura, viene rilevata la plusvalenza, o la minusvalenza, azzerando il saldo del conto TRANSITORIO CESPITI. VI/04 - Rilevazione contabile dell'operazione per le contabilità semplificate Per le contabilità semplificate, la rilevezione automatica del risultato di cessione avviene in modo analogo alle ordinarie, salvo una particolarità: prima di cliccare sul pulsante CONTABILIZZA, nel campo MODALITA DI CONTABILIZZAZIONE (in alto), dobbiamo selezionare la voce CONTABILITA SEMPLIFICATA. Effetti Come è facilmente immaginabile, nel registro IVA acquisti, viene caricata la registrazione di un "costo non comprovato da fattura", relativo alla minusvalenza rilevata a seguito della vendita del cespite ad un prezzo inferiore rispetto al valore residuo. VI/05 - Altre cause di dismissione Oltre alla vendita, vi sono altre cause di dismissione di un bene strumentale. Talvolta, l'imprenditore decide di dismettere un bene senza venderlo, poiché divenuto obsoleto. Altre volte, può capitare che un evento esterno, non voluto dall'imprenditore, renda il cespite inutilizzabile: si pensi, ad esempio, ad un incendio che distrugge uno o più beni strumentali, oppure ad un furto. Nel proseguo della trattazione, vedremo come operare in situazioni di questo tipo. Ipotizziamo, a titolo di esempio, che un incendio distrugga un macchinario. Procediamo come segue: dal menu GESTIONE CESPITI, selezioniamo il comando ALTRE DISMISSIONI ; poi, clicchiamo sul pulsante REGISTRA UNA NUOVA ALIENAZIONE (in basso, a destra); quindi, compiliamo opportunamente i campi proposti, cominciando con la selezione del codice del bene dismesso ;

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l)

GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) GESTIONE MANUTENZIONI SU BENI PROPRI (tipo conto=l) Le spese di manutenzione possono essere di diverse tipologie: Spese aventi natura periodica e contrattuale: (pulizia, verniciatura..) che servono per

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

PROGRAMMA ROMANO Versione Tricolore 12.8.14.100 Revisione 13.9.27.100

PROGRAMMA ROMANO Versione Tricolore 12.8.14.100 Revisione 13.9.27.100 Gestione degli Ordini Indice generale Gestione degli Ordini...1 Introduzione...1 Associare una Casa Editrice ad un Distributore...1 Creazione della scheda cliente nella Rubrica Clienti...2 Inserimento

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli