SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE"

Transcript

1 SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

2 SOMMARIO PREMESSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO ALIMENTAZIONE QUADRI ELETTRICI DISTRIBUZIONE DORSALE FORZA MOTRICE ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA DESTINAZIONE D USO E CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI DI PROGETTO SGANCIO DI EMERGENZA IMPIANTO TRASMISSIONE DATI E TELEFONICO IMPIANTO TV IMPIANTO DI MESSA A TERRA GENERALE E PREDISPOSIZIONE PER IMPIANTO DI SCARICHE ATMOSFERICHE IMPIANTO AUTOMAZIONE APERTURE VIDEOCITOFONO ANTINTRUSIONE RIVELAZIONE INCENDI IMPIANTO DI CHIMATA CITOFONICO TRA LE AULE E LA BIDELLERIA IMPIANTO ALTOPARLANTI DIFFUSIONE MESSAGGI DI ALLARME Pag. 2

3 PREMESSA Il presente progetto riguarda gli impianti elettrici e speciali a servizio di un nuovo insediamento scolastico. Gli impianti elettrici in una struttura scolastica devono essere progettati e realizzati secondo la regola dell arte ed in osservanza alle disposizioni legislative e normative vigenti. Realizzare gli impianti elettrici a regola d arte vuol dire osservare la legislazione tecnica vigente in materia. La legge citata afferma che rispettando quanto prescritto dalle norme tecniche CEI e dell UNI si possono realizzare impianti a regola d arte. Si ricorda infine che gli edifici scolastici di qualsiasi ordine, grado e tipo, purchè siano presenti più di 100 persone, rientrano nelle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco (DM 16/02/82) e quindi, secondo Norma CEI 64-8/7 Sez. 751, risultano essere AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO D INCENDIO. 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO Tutti gli impianti elettrici che costituiscono l'oggetto del presente capitolato dovranno essere eseguiti secondo i più moderni criteri della tecnica impiantistica, a regola d'arte, nel costante scrupoloso rispetto di tutte le leggi e normative vigenti in materia all'atto della esecuzione. In particolare si fa riferimento alle disposizioni seguenti: 1.1.a Leggi e decreti Riferimenti legislativi e normativi Legge 186/68 DL 37/08 Obbligo dell esecuzione a regola d arte degli impianti (CEI) Norme per la sicurezza degli impianti D. L. 81/08 Relativo alla Sicurezza nei luoghi di lavoro Testo Unico Legge 791/77 Legge 109/94 DM DPR 224/88 DPR 554/99 Miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori Responsabilità del costruttore Legge Quadro in materia di lavori pubblici con le modifiche introdotte dalla legge n 216 del e dalla legge n 415 del ; Attività soggette alle visite ed ai controlli di prevenzione incendi Responsabilità del costruttore Regolamento di attuazione della citata Legge 109/94 Legge Quadro in materia di lavori pubblici e s.m. 1.1.b Direttive CEE recepite dalla legislazione nazionale con particolare riferimento alle direttive quadro 89/391 e 92/57. Caratteristiche generali dell impianto: CEI 11-1 Impianti di produzione di energia elettrica Norme generali Pag. 3

4 CEI 64-8 CEI 70-1 Cavi energia B.T.: CEI Impianti elettrici utilizzatori per tensioni non superiori a 1000 V Gradi di protezione degli involucri (Codice IP) Calcolo delle portate dei cavi elettrici in regime permanente CEI CEI Prova dei cavi non propaganti l incendio Prova di resistenza al fuoco dei cavi elettrici Grosse apparecchiature CEI 17-5 Apparecchiature a bassa tensione. Interruttori automatici CEI Interruttori di manovra, sezionatori per tensioni inferiori a 1000 V CEI Apparecchiature costruite in fabbrica (quadri elettrici) CEI Apparecchiature B.T.. Contattori e avviatori elettromeccanici Altre apparecchiature in bassa tensione CEI 23-3 Interruttori automatici e sovracorrente per usi domestici e similari CEI 23-5 Prese a spina per usi domestici e similari CEI 23-8 Tubi protettivi in PVC e loro accessori CEI 23-9 Apparecchi di comando non automatici (interruttori) fissi CEI Prese a spina per usi industriali CEI Tubi protettivi flessibili in PVC e loro accessori CEI Prese a spira di tipi complementari per usi domestici e similari CEI Interruttori differenziali per usi domestici e similari CEI Canali portacavi in materiale plastico e accessori ad uso battiscopa CEI Tubi per le installazioni elettriche. Tubi metallici CEI Sistemi di canali metallici ad uso portacavi e portapparecchi CEI Sistemi di canali in materiale plastico isolante per soffitto e parete Fusibili CEI 32-1 CEI 32-4 Fusibili a tensione inferiore a 1000 V. Prescrizioni generali Fusibili a tensione inferiore a 1000 V. Prescrizioni supplementari Apparecchiature di illuminazione: CEI Apparecchi di illuminazione. Prescrizioni generali e prove CEI Apparecchi di illuminazione. Apparecchi di emergenza CEI relativa a costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas Parte 10: Classificazione dei luoghi pericolosi Apparecchi di illuminazione. Apparecchi di emergenza CEI relativa a costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas Parte 10: Classificazione dei luoghi pericolosi Apparecchi di illuminazione. Apparecchi di emergenza CEI relativa a costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas Parte 17: Verifica e manutenzione degli impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione per la presenza di gas (diversi dalle miniere). Pag. 4

5 CEI Impianti di terra: CEI 64-8/6 Costruzioni elettriche per atmosfere esplosive per la presenza di gas Guida alla classificazione dei luoghi pericolosi. Impianti elettrici utilizzatori per tensioni non superiori a 1000 V Circolari, raccomandazioni, ecc.. Raccomandazioni ASL e ISPESL;. Norme e prescrizioni delle Società erogatrici dei servizi elettrico e telefonico;. Norme e prescrizioni del Comando dei Vigili del Fuoco territorialmente competente;. Tabelle di unificazione UNI - CEI - UNEL;. Le prescrizioni dell Istituto Italiano per il marchio di Qualità per i materiali e le apparecchiature ammesse all ottenimento del Marchio;. Ogni altra prescrizione, regolamentazione o raccomandazione emanata da eventuali Enti ed applicabile agli impianti elettrici ed alle loro parti componenti; 2. ALIMENTAZIONE La fornitura di energia elettrica del nuovo insediamento scolastico sarà effettuata da parte dell ente fornitore in bassa tensione a partire da un apposito vano contatori sul muro di cinta e si presume una potenza impiegata di circa 100/120KW. Il sistema di alimentazione sarà trifase a 380 V con tolleranza ±5% frequenza 50 Hertz. Il sistema è classificato pertanto di tipo TT e data la tensione di alimentazione gli impianti elettrici si considerano di categoria "Iª". La caduta di tensione massima ammessa ai morsetti delle utenze è pari al 4%. Si presume che la corrente di cortocircuito nel punto di consegna dell Enel sia circa 6 ka. 3. QUADRI ELETTRICI In apposito locale sarà installato un quadro elettrico denominato generale. Sarà realizzato con carpenteria metallica di tipo ad armadio. Da quest ultimo partiranno le linee di alimentazione ai sottoquadri di zona. I sottoquadri saranno: - quadro piano terra 1 - quadro piano terra 2 - quadro mensa - quadro segreteria - quadro aule 1 piano - quadro centrale termica - 4. DISTRIBUZIONE DORSALE La distribuzione dorsale sarà realizzata mediante canali metallici posati nel controsoffitto dei vari corridoi. Pag. 5

6 Dai canali partiranno le tubazioni sino all interno dei vari locali. All interno dei vari locali la distribuzione sarà realizzata mediante la posa di tubazioni sottotraccia. Nella centrale termica, nella cucina della mensa la distribuzione sarà realizzata mediante tubazioni in PVC a vista. All interno dei canali saranno posati cavi di tipo FG7O-R, mentre nelle tubazioni in PVC a vista oppure sottotraccia saranno posati cavi di tipo N07V-K. Nelle aule d informatica sarà invece posata una canalina battiscopa per rendere agevole lo spostamento di eventuali prese elettriche o trasmissione dati. 5. FORZA MOTRICE Nelle aule la dotazione e la posizione delle apparecchiature è sempre la medesima. Ovviamente sono escluse le aule di tipo speciale dove le dotazioni aumentano. Nelle aule saranno posate prese di tipo civile 10/16A, sistema di chimata bidello, la presa Tv e la predisposizione presa trasmissione dati ed il punto termostato. Nelle aule informatica le prese saranno in numero corrispondente alle postazioni PC che andranno installate. Nella cucina della mensa saranno installati quadri prese dotati di prese interbloccate nel numero necessario. Al momento attuale non si ha ancora il layout delle macchine necessarie. Nella centrale termica saranno alimentate tutte le apparecchiature necessarie al funzionamento del riscaldamento secondo le logiche fornite dal termotecnica. Saranno alimentate anche le macchine per il trattamento aria presenti. Le prese elettriche nei corridoi, nella mensa saranno fornite di interruttore di protezione locale. Nei bagni handicappati saranno realizzati tutti gli utilizzatori richiesti come il pulsante a tirante di chiamata, il pulsante di azzeramento e la segnalazione ottico acustica. 6. ILLUMINAZIONE NORMALE E D EMERGENZA In tutti i locali saranno utilizzati dei corpi illuminanti dotati di lampade fluorescenti in numero sufficiente per garantire i livelli d illuminaizone previsti dalla norma UNI. All esterno perimetralmente saranno posati dei corpi illuminanti dotati di lampade fluorescenti a parete. Per illuminare i viali di accesso saranno invece posati dei corpi illuminanti dotati di lampade ioduri metallici su palo 5-7m fuori terra. Si rende necessario dotare tutti i luoghi di lavoro di illuminazione di sicurezza che garantisca il minimo livello sui passaggi sino alle vie di fuga opportunamente contrassegnate utilizzando lo stesso criterio di illuminazione. L illuminazione di emergenza dovrà essere installata anche nelle aule. L illuminazione d emergenza dovrà intervenire automaticamente al mancare dell illuminazione principale e quindi sarà dotata di autoalimentazione. Corpi illuminanti di emergenza dovranno anche essere installati in tutti i locali tecnici, in prossimità dei quadri di comando e lungo le vie di fuga. In alcuni casi, come visibile nelle tavole allegate, all interno dei corpi illuminanti sono presenti dei gruppi inverter. Pag. 6

7 7. DESTINAZIONE D USO E CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI DI PROGETTO. Nella cucina della mensa, nella centrale termica saranno installate apparecchiature alimentate a gas metano con potenzialità al focolare superiore alle kCal ma inferiore alle kCal. I locali saranno classificati secondo la norma CEI La scuola ospiterà un numero di persone superiore a SGANCIO DI EMERGENZA L alimentazione della scuolaè derivata da un unica fornitura di energia elettrica e quindi formata da un solo circuito, l interruzione di emergenza si può realizzare con un interruttore o altro dispositivo idoneo, installato all inizio della linea. L azionamento del pulsante di sgancio deve aprire con una unica manovra tutte le alimentazioni. E consigliabile, ma non obbligatorio, alimentare il circuito di comando (sgancio) con un trasformatore di sicurezza (circuito SELV). Ovviamente il comando di emergenza non deve interrompere i circuiti di sicurezza, ad esempio l illuminazione di sicurezza centralizzata o l alimentazione delle pompe antincendio. Nel nostro caso solo l illuminazione di sicurezza. Se non è possibile evitare il transito di condutture elettriche non facenti parte dell impianto elettrico dell autorimessa è necessario che anche questa conduttura venga disalimentata dal comando d emergenza; in alternativa, o se ciò non fosse possibile, come, ad esempio, per le condutture del distributore di energia elettrica, è necessario proteggere tali condutture dall incendio, ad esempio mediante muratura, con caratteristiche di resistenza al fuoco almeno uguali a quelle previste per la struttura del locale. Nel caso appena descritto si considera come se la conduttura fosse esterna all autorimessa. Il pulsante di sgancio sarà dotato di due spie con le seguenti funzioni: Spia verde per testare che il circuito di emergenza sia attivo; Spia rossa per indicare la presenza di tensione all interno della centrale termica. Il pulsante di sgancio sarà installato nei pressi dell ingresso della scuola. 9. IMPIANTO TRASMISSIONE DATI E TELEFONICO. Per il momento si è preferito predisporre solamente l impianto con tubazioni e scatole. Questi tipi d impianto sono frequentemente migliorati, con conseguente variazione dei prezzi. Inoltre non si conoscono le vere esigenze ed il numero delle postazioni delle due aule informatica. La predisposizione di un punto tramissione dati è stata inserita in ogni aula. Pag. 7

8 10. IMPIANTO TV Sarà installato un impianto adatto di ricezione formato da un antenna terrestre e una parabola per i programmi satellitari. Nel locale quadri sarà installato il centralino TV SAT atto a ricevere le trasmissioni dei canali principali terrestri e dal satellite i canali video delle principali stazioni europee. I segnali saranno di tipo digitale. L impianto, del tipo in derivazione, sarà in grado di distribuire all utenza tutti i segnali ricevibili dal luogo di installazione. E prevista l installazione di amplificatori in caso i segnali captati non risulteranno sufficientemente forti. Gli eventuali amplificatori saranno alimentati dai quadri locali e protetti adeguatamente. L installazione di tutto il materiale sarà eseguito a cura di tecnici specialisti, e risponderà alle vigenti norme in materia. La rete di distribuzione sarà costituita da: - cavo coassiale a basso coefficiente di invecchiamento ed alto coefficiente di schermatura - derivatori di colonna di tipo induttivo direzionale a basse perdite. - prese di utenza della stessa serie civile componibile prevista nell unita abitativa La tensione utile ammessa sulle prese terminali, non dovrà risultare inferiore inferiore a 66 db (su 75 Ω di impedenza) I supporti metallici delle antenne saranno collegati a terra a fini della protezione contro i fulmini soltanto se questa protezione risulta necessaria in relazione a quanto disposto dalle norme CEI 81-1; in caso contrario si realizzerà un collegamento equipotenziale fra detti supporti e il conduttore di protezione principale con conduttore in rame avente sezione non inferiore a 6mmq. Il centralino elettronico di amplificazione (se non a doppio isolamento) e lo schermo del cavo coassiale TV dovranno essere collegati a terra mediante il conduttore di protezione. Fermo restante il raggiungimento delle prestazioni indicate sarà facoltà della direzione lavori richiedere la specifca delle forniture e dei sistemi da adottare ed eventualmente rifiutare i componenti che non ritenga suffientemente adatti a garantire la qualità del servizio. 11. IMPIANTO DI MESSA A TERRA GENERALE E PREDISPOSIZIONE PER IMPIANTO DI SCARICHE ATMOSFERICHE Gli impianti elettrici di cui all'oggetto dovranno essere dotati di conduttori di protezione di colore giallo-verde per il collegamento elettrico a terra delle apparecchiature installate. Essi dovranno essere connessi al nodo collettore di terra del relativo quadro generale che a sua volta sarà collegato all'impianto di terra generale. Per la realizzazione dell impianto disperdente di terra saranno posati dei dispersori di terra in numero sufficiente a garantire il valore di coordinamento, nella posizione indicativa visibile negli allegati disegni in pianta. I dispersori saranno collegati tra loro con corda nuda Cu 35mm². Alcuni dispersori dovranno essere installati in pozzetti di ispezione. Il percorso della maglia esterna non è necessariamente quello indicato nel disegno ma deve rispondere alle seguenti caratteristiche: Pag. 8

9 - dispersori verticali nel numero sufficiente per garantire il coordinamento con gli interruttori con possibilità di ispezione e sezionamento - collegamento in vari punti dei dispersori naturali quali i ferri dei cementi armati, i contenitori metallici interrati, i pozzi o altro similare se possibile. - Predisposizione di risalita alla copertura per la realizzazione di una gabbia di Faraday in ragione di 16 mt di distanza massima. - Posa della corda nuda a contatto diretto del terreno per utilizzarla come dispersore orizzontale. - Collegamento di tutte le barre equipotenziali dei quadri mediante corda giallo verde di sezione idonea. Nel caso di posa entro tubazione la corda di collegamento deve essere rivestita in PVC gialloverde. Nessuna massa o massa estranea dovrà essere collegata ll impianto di terra in modo diretto e non attraverso un nodo principale o secondario. Il nodo principale sarà quello realizzato nel quadro generale. L impresa edile dovrà fornire: Scavi per la posa del conduttore principale. Essi saranno in prevalenza quelli usati per la posa delle tubazioni. Pozzetti di ispezione in cui infiggere il dispersore verticale e i collegamenti principali. Collaborazione per il collegamento ai ferri di fondazione o ad altri dispersori naturali. L installatore dovrà: Fornire i dispersori e tutti gli accessori di connessione Posare gli stessi e le corde Cu nude. Assistere l impresa edile in tutte le fasi del collegamento ai dispersori naturali. 12. IMPIANTO AUTOMAZIONE APERTURE All esterno sarà realizzato il cancello elettrico a due battenti. Tutte le automazioni dovranno essere conformi alle norme UNI vigenti e complete di tutte le sicurezze e segnalazioni necessarie. Si ricorda che il complesso delle apparecchiature di apertura dovrà complessivamente essere marchiato CE. Per la posa delle automazioni saranno previste tubazioni interrate e linee a partire dal locale di controllo. Queste tubazioni saranno condivise dall illuminazione esterna. 13. VIDEOCITOFONO L impianto videocitofonico sarà formato da una postazione esterna nei pressi del cancellino pedonale con TRE chiamate. Le postazioni interne saranno TRE: una nella cucina mensa, una in segreteria ed una nel locale bidelleria. Tutte le unità interne dovranno avere la possibilità di aprire il cancellino pedonale ed essere intercomunicanti. I conduttori, con le relative tubazioni, saranno separati da tutti gli altri circuiti elettrici dell edificio. L alimentatore sarà di tipo modulare DIN stabilizzato ed autoprotetto. Il posto esterno dovrà garantire la protezione contro la pioggia e gli atti vandalici nella versione da incasso. I collegamenti dovranno essere realizzati secondo lo schema fornito dal costruttore. Le apparecchiature installate dovranno garantire una buona qualità di segnale audio e video senza disturbo. Dovrà essere fornita garanzia di mantenimento segretezza comunicazione fra posto esterno e interno. Pag. 9

10 14. ANTINTRUSIONE L impianto antintrusione sarà formato da rilevatori doppia tecnologia installati nelle zone più sensibile della scuola come la segreteria, le aule computer, zona mensa, nei corridoi e nei pressi delle zone di accesso. All esterno saranno installate delle sirene ed anche all interno della scuola. Con il committente dovranno essere scelte le posizioni delle chiavi elettroniche (tastiere inserimento/disinserimento allarme) e la posizione della centralina antintrusione. I cavi di collegamento tra le varie apparecchiature dovranno essere posate in condutture dedicate. 15. RIVELAZIONE INCENDI L impianto rivelazione incendi non sarà realizzato in tutta la scuola, ma in alcuni locali. I locali dotati di rivelazione incendi saranno gli archivi, i depositi di materiale, le aule informatica ed i locali tecnici. All interno della centrale termica e della cucina saranno installati i rivelatori di gas. 16. IMPIANTO DI CHIMATA CITOFONICO TRA LE AULE E LA BIDELLERIA L impianto di chiamata sarà realizzato da tutte le aule sino in bidelleria o in altro punto scelto dalla D.L. Oltre alla chiamata sarà possibile comunicare direttamente con l operatore scolastico. 17. IMPIANTO ALTOPARLANTI DIFFUSIONE MESSAGGI DI ALLARME Nelle scuole con oltre 500 persone è obbligatorio installare un sistema di altoparlanti udibili da ogni punto della scuola. Dagli altoparlanti saranno diffusi i messaggi preregistrati di allarme incendio, per rendere l evacuazione dei locali più veloce ed ordinata. La funzione principale del sistema audio per evacuazione è quella di generare messaggi vocali chiari e intelligibili, con lo scopo di avvisare tutte le persone presenti del rilevamento di un principio di incendio da parte del sistema antincendio al quale è collegato l impianto audio. La normativa EN CEI , ha per titolo SISTEMI ELETTROACUSTICI APPLICATI AI SERVIZI DI EMERGENZA, ed indica chiaramente i principi tecnici da adottare negli impianti e nelle apparecchiature, destinati a gestire gli annunci per una rapida ed ordinata mobilitazione degli occupanti le aree interne, e/o esterne, di edifici che dovessero trovarsi in situazioni di emergenza. Un tipico esempio di applicazione può essere individuato con i sistemi di messaggistica di evacuazione in caso di incendio. Esistono alcune norme legislative che impongono, in alcune categorie di edifici, l adozione di sistemi di allarme acustico tramite altoparlanti per l invio di messaggi di allerta ed evacuazione. Gli ambiti di applicazione in base alla normativa vigente sono: Pag. 10

11 - Centri commerciali con superficie maggiore di 1500 mq. o altezza maggiore di 30 mt. (CEI vedi anche DM 10/3/98); - Edifici scolastici di Classe 3, 4, 5 (> 501 persone - DM 26/8/92); - Edifici di pregio o contenenti opere d arte (DM 28/5/92); - Luoghi di pubblico spettacolo (DM 19/8/96); - Impianti sportivi (DM 18/3/96); - Metropolitane (DM 11/1/88); - Strutture sanitarie pubbliche e private (DM 18/9/02); - Uffici con più di 500 presenze (DM Febbr. 2006). Per ottemperare alla normativa il sistema di amplificazione per la diffusione della musica di sottofondo e di messaggistica generica, deve essere in grado di controllare le seguenti funzioni principali (per tutti i dettagli si rinvia alla normativa stessa): - controllo del funzionamento degli amplificatori; - efficienza delle linee altoparlanti distribuiti nelle zone in cui è suddiviso l impianto; - invio in modalità manuale/automatica degli annunci di emergenza; - controllo del funzionamento della base microfonica di emergenza (VV.FF.); - attivazione degli amplificatori di scorta nel caso di guasto di quelli in servizio; - garantire l intelligibilità dei messaggi di emergenza indipendentemente dal rumore di fondo presente nell ambiente; - generare messaggi di allarme preceduti da un segnale di attenzione di una durata variabile da 4 a 10 secondi; - in caso di utilizzo di messaggi pre-registrati, gli stessi dovranno essere conservati in memoria non volatile e monitorati in modo da garantirne la disponibilità all occorrenza; - il sistema di annunci deve poter intervenire entro 3 secondi dall istante in cui si verifica un seganle di allarme; - l impianto deve essere suddiviso in più zone; possono essere previsti messaggi diversi per le singole zone. Dovrà essere disponibile una fonte di energia secondaria. Pag. 11

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA

Comune di Livorno. UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA Comune di Livorno UNITÀ ORGANIZZATIVA MANUTENZIONI Ufficio Prevenzione e Protezione Gestione Impianti Elettrici e Ascensori RELAZIONE TECNICA OGGETTO: NUOVA SEDE SCUOLA MATERNA PESTALOZZI IMPIANTI ELETTRICI

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico

RELAZIONE TECNICA. Impianto elettrico RELAZIONE TECNICA Impianto elettrico SOMMARIO 1. GENERALITÀ 4 1.1 Premessa 4 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 2.1 Distribuzione 5 2.1.1 Impianto elettrico esterno e locali speciali. 6 2.1.2 Impianto

Dettagli

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010

COMUNE DI STAZZANO RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI PROVINCIA DI ALESSANDRIA GAVI,15 FEBBRAIO 2010 Pagina 1 di 1 COMUNE DI STAZZANO PROVINCIA DI ALESSANDRIA RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO E SCHEMA DEI QUADRI OGGETTO: EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA PROGRAMMA CASA: 10.000 ALLOGGI ENTRO

Dettagli

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona

COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona COMUNE DI MONTEMARCIANO Provincia di Ancona V SETTORE LAVORI PUBBLICI e MANUTENZIONE Progetto per la realizzazione della nuova scuola d infanzia del capoluogo PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A MANUTENZIONE DI ALLOGGIO DELLE CASE DEI SALINARI pag.1 di 10 RELAZIONE ILLUSTRATIVA INDICE PARTE 1... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE...

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO RISTORANTE VIA DONATO SOMMA xx, GENOVA PROGETTO REDATTO DA ARCH/ING ELENA AMERI Ai sensi del D.M. 37/28 art 5 comma 2 punto c) RELAZIONE TECNICA 0. PREMESSA Il progetto dell

Dettagli

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento

1. Generalità. 3. Normativa di riferimento 1. Generalità L intervento prevede la nuova realizzazione dell impianto elettrico e comunicazione interno alle unità immobiliari e le dorsali di alimentazione dal cortile posto al piano terra fino alle

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI PREMESSA La Presente relazione tecnica di progetto definitivo intende illustrare la metodologia seguita nella progettazione e descrivere le principali caratteristiche

Dettagli

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO

Sommario RELAZIONE TECNICA GENERALE IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1 PREMESSE... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 2.1 Norme CEI ed UNI... 2 2.2 Legislazione vigente... 3 3 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI... 3 4 CARATTERISTICHE ELETTRICHE... 3 5 MISURE DI PROTEZIONE

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB)

IMPIANTO ELETTRICO RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) RELATIVO A STABILE ADIBITO AD USO BAITA-BIVACCO, REALIZZATO IN ZONA PIAN VADA (COMUNE DI AURANO - VB) 1. INTRODUZIONE Il bivacco di Pian Vadà è costituito da un edificio a due piani, ciascuno di superficie

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. GENERALITA

RELAZIONE TECNICA 1. GENERALITA INDICE 1. Generalità pag. 2 2. Dati del sistema elettrico di distribuzione pag. 2 2.1 Appartamento tipo pag. 2 2.2 Parti comuni pag. 3 3. Specifiche tecniche pag. 3 3.1 Protezione contro i contatti diretti

Dettagli

Dati di progetto. Descrizione delle opere.

Dati di progetto. Descrizione delle opere. Dati di progetto. La relazione tecnica in oggetto è parte integrante del progetto ed ha lo scopo di fornire una descrizione delle opere inerenti la realizzazione dell impianto elettrico, posto a servizio

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag.

RELAZIONE TECNICA INDICE. - 1. Scopo Pag. 3. - 2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4. - 3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. RELAZIONE TECNICA INDICE - 1. Scopo Pag. 3-2. Riferimento a legislazioni vigenti.. Pag. 4-3. Generalità struttura, attività, ambiente Pag. 5-4. Generalità e tipologia impianto elettrico. Pag. 5-5. Quadri

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI ELETTRICI 1. premessa Il complesso immobiliare oggetto dell intervento consta di due edifici, CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PER L ARTE E LA CULTURA e OSTELLO DELLA GIOVENTU

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE

PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE LOCALITA : ORBASSANO (TO) INDIRIZZO: Via Fratelli Rosselli 37 DESTINAZIONE D USO: Centro diurno per disabili PROGETTO ESECUTIVO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE Data: marzo 2012 Il tecnico: dott. ing.

Dettagli

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri.

Si deve realizzare l'impianto elettrico di una autofficina per riparazione e revisione autoveicoli. con dimensioni di 18 x 10 metri. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 2001 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di una

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA

FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA TERMOMECCANICA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA, INTELLIGENZA ARTIFICIALE E TELECOMUNICAZIONI IMPIANTO ELETTRICO DI UN APPARTAMENTO PROFESSORE:

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO

RELAZIONE TECNICA DI PROGETTO ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 93 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Una villa occupa una superficie di sedime di circa

Dettagli

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI

VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI VERIFICHE SU IMPIANTI ELETTRICI Oggetto e scopo VERIFICA: insieme delle operazioni necessarie per accertare la rispondenza di un impianto elettrico a requisiti stabiliti (rispondenza alle prescrizioni

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti elettrici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI

REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI REGIONE CAMPANIA IMPIANTI ELETTRICI CAPITOLO N 1 IMPIANTI CIVILI AVVERTENZE Nel presente capitolo si è tenuto conto dei seguenti requisiti minimi: Nelle abitazioni e negli edifici residenziali in genere,

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico

L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico L'impianto elettrico nei locali ad uso estetico 1. Generalità Un centro estetico può essere un locale a se stante (fig. 1), oppure essere inserito all'interno di una struttura più grande, come un albergo,

Dettagli

Relazione tecnica sulle reti elettriche, telefoniche ed erogazione gas

Relazione tecnica sulle reti elettriche, telefoniche ed erogazione gas 1/10 RELAZIONE TECNICA SULLE RETI ELETTRICHE, TELEFONICHE ED EROGAZIONE GAS Gli impianti descritti nella presente relazione tecnica riguardano le utenze di un Piano Urbanistico Attuativo (P.U.A.) in Giffoni

Dettagli

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3

INDICE. 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2. 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 INDICE 1. Premessa e riferimenti legislativi e normativi pag. 2 2. Descrizione dei sistemi pag. 3 2.1 Sistema edificio B2 pag. 3 2.1.1 Campo fotovoltaico pag. 3 2.1.2 Sezionatore pag. 4 2.1.3 Inverter

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO INDICE 1. PREMESSA... 1 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3. CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE CONDUTTURE... 3 4. PRESCRIZIONI GENERALI PER LA SICUREZZA.... 5 4.1. Protezione

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali

Introduzione. 2.1.1 Obblighi di legge generali 2.1 SICUREZZA ELETTRICA Introduzione In questo capitolo sono illustrati gli obblighi di legge e le principali caratteristiche legate agli impianti elettrici dei locali che ospitano le lavorazioni oggetto

Dettagli

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como -

S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - S.P.T. spa via A. Moro n 23 - Como - PROGETTO PER REALIZZAZIONE NUOVI UFFICI in via Anzani n 37 - COMO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO OPERE ELETTRICHE E CABLAGGI Il progettista Agosto 2011 1 1 QUADRI ELETTRICI

Dettagli

CCIAA di Varese Listino prezzi informativi delle opere compiute per l edilizia in provincia di Varese. Impiantistica elettrica anno 2003

CCIAA di Varese Listino prezzi informativi delle opere compiute per l edilizia in provincia di Varese. Impiantistica elettrica anno 2003 CCIAA di Varese Listino prezzi informativi delle opere compiute per l edilizia in provincia di Varese MANO D OPERA Prezzi medi orari, comprensivi di spese generali e utili, desunti dalle paghe orarie delle

Dettagli

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

LAVORI DI REALIZZAZIONE DEL PIANO INTERMEDIO EDIFICIO C PLESSO CENTRALE RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO Sommario 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 5 a) Quadri elettrici... b) Cavi... c) Condutture... d) Cassette e connessioni... e) Impianti elettrici

Dettagli

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina

COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina COMUNE DI ROCCALUMERA Me ssina pr oget t o per OPERE DI RECUPERO, RI S TRUTTURAZI ONE E ADEGUAMENTO ALLE NORMATI VE VI GENTI DELLA S CUOLA MATERNA DI VI A TORRENTE S CI GLI O - pr oget t o esecut ivo -

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1

IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 Cap. XI IMPIANTI ELETTRICI PAG. 1 11.2 OPERE COMPIUTE Prezzi medi praticati dalle ditte installatrici del ramo per ordinazioni dirette (di media entità) da parte del committente, comprensivi di: materiali,

Dettagli

Impianti elettrici di cantiere

Impianti elettrici di cantiere a cura di Andrea Gulinelli Norme tecniche di riferimento Norma CEI 64-8, parte 7, Edizione VII Ambienti ed applicazioni particolari, Sezione 704 - Cantieri di costruzione e demolizione. Norma CEI 0-21,

Dettagli

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione

2 - Carichi convenzionali di utilizzazione Estratto delle normative per gli impianti elettrici in bassa tensione per impianti utilizzatori a carattere stabile in abitazioni, uffici, negozi, magazzini, laboratori, officine, scuole ed annessi. L'impianto

Dettagli

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI

SOMMARIO. STUDIO CANALI per. ind. LEONARDO GOZZI Relazione Illustrativa impianti elettrico e speciali - Pag.1 SOMMARIO SOMMARIO... 1 1. OGGETTO E LIMITI DELLA FORNITURA... 2 2. ELENCO ELABORATI... 3 3. DESTINAZIONE e CLASSIFICAZIONE DEI LOCALI... 3 4.

Dettagli

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi

E-00. IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva. Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi E-00 IMPIANTI ELETTRICI Relazione Tecnica e descrittiva Elaborato E-00.pdf Giugno 2007 P.I. Giancarlo Cirri P.I. E. Panichi Per.Ind. Giancarlo Cirri Via Sandro Pertini 26, 50027 Strada in Chianti (FI).

Dettagli

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO

Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO Relazione tecnica Impianto elettrico Pag 1 di 10 SOMMARIO 1 GENERALITA' 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 3 IMPIANTO ELETTRICO 3.1 TIPO DI IMPIANTO 3.2 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT/BT 3.2.1 Quadri elettrici MT 3.2.2

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I A

C O M U N E D I C E R V I A C O M U N E D I C E R V I A DIREZIONE DELLE SALINE pag.1 di 36 DISCIPLINARE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE PARTE 1... 3 CONDIZIONI GENERALI... 3 OGGETTO DELL INTERVENTO... 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE

Dettagli

in sicurezza La falegnameria è da sempre IMPIANTI

in sicurezza La falegnameria è da sempre IMPIANTI IMPIANTI Lavorare in sicurezza Piero Pardini Molti infortuni si verificano svolgendo attività banali e sottovalutando i rischi. Un ottima illuminazione dell ambiente e un impianto a norma rappresentano

Dettagli

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLO SCOLASTICO DI CARONIA (ME) RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLO SCOLASTICO DI CARONIA (ME) RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DEL NUOVO POLO SCOLASTICO DI CARONIA (ME) RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO 1. PREMESSA Gli impianti elettrici della scuola in oggetto sono stati progettati secondo le normative

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO. da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari COMUNE CROTONE PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO da realizzarsi in un edificio a destinazione terziario ad uso uffici, sale riunioni e sportelli bancari RELAZIONE TECNICA La presente relazione si accompagna

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica. R ie

IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica. R ie IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI Relazione Tecnica Specialistica R ie Luglio 2012 I N D I C E I N D I C E...1 1 - Premessa...2 2 - Principali norme di riferimento...4 3 - Tipo di forniture e tipo di sistema

Dettagli

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE

SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE SISTEMA ELETTRICO, NORMATIVA E LEGISLAZIONE INDICE Generalità sulla produzione, il trasporto e la distribuzione dell energia elettrica. Normativa, unificazione, certificazione e controllo sugli impianti

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO IMPIANTO ELETTRICO Premessa Nel seguito sono descritti gli impianti elettrici e di terra da realizzare per ciascun punto nel quale sono installate gli apparati dell'sistema

Dettagli

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione

S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici. Cavi bassa tensione S.r.l. Commercio Ingrosso Cavi Elettrici Cavi bassa tensione Cavo FG7R / FG7OR 0,6/1kV Cavi per energia e segnalazioni flessibili per posa fissa, isolati in HEPR di qualità G7, non propaganti l incendio

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

Le apparecchiature all interno del vano macchine che richiedono un collegamento elettrico risultano:

Le apparecchiature all interno del vano macchine che richiedono un collegamento elettrico risultano: Le apparecchiature all interno del vano macchine che richiedono un collegamento elettrico risultano: n. 2 assorbitori (4 V trifase); n. 3 pompe di circolazione del circuito acqua (4 V trifase); n. 2 caldaie

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI AMGA - Azienda Multiservizi S.p.A. - Udine - Pag. 1 di 18 RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI LAVORO: INTERVENTO: UBICAZIONE: TIPOLOGIA DELL'EDIFICIO : DESTINAZIONE DELL'IMPIANTO: POTENZIALITA' IMPEGNATA:

Dettagli

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti;

Impianto di terra. messa a terra di protezione, è una misura atta a proteggere le persone dai contatti diretti; Impianto di terra Generalità L impianto di terra costituisce fondamentalmente un mezzo per disperdere correnti elettriche nel terreno e per proteggere, unitamente ai dispositivi d interruzione automatica

Dettagli

Ing. Lorenzo Pagnoncelli Roma Comune di Empoli Superamento rischio idraulico Rii minori Volpi e Friano. INDICE pagina 1. PREMESSA...

Ing. Lorenzo Pagnoncelli Roma Comune di Empoli Superamento rischio idraulico Rii minori Volpi e Friano. INDICE pagina 1. PREMESSA... INDICE pagina 1. PREMESSA... 2 2. DESCRIZIONE DELL INTEVENTO... 3 3. LEGGI NORME E REGOLAMENTI... 4 3.1 NOTE GENERALI... 4 3.2 LEGGI E DECRETI... 4 3.3 NORME UNI... 5 3.4 NORME CEI... 5 3.5 NORME VARIE...

Dettagli

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2

I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 I N D I C E 1. GENERALITÀ... 2 2. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 2 2.1 CATEGORIA E SISTEMA... 2 2.2 CARICHI PREVISTI... 2 2.3 CONDUTTURE... 3 2.3.1 Tipi di cavi... 3 2.3.2 Tubi protettivi e

Dettagli

CITTA DI VENARIA REALE

CITTA DI VENARIA REALE STUDIO TECNICO DI PROGETTAZIONE GIUBERTONI per.ind. STEFANO Via Rosolino Pilo n 39-10145 TORINO CITTA DI VENARIA REALE PROVINCIA DI TORINO Luogo: NUOVA AREA CAMPER Oggetto: IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA - PARMA SERVIZIO MANUTENZIONE

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA - PARMA SERVIZIO MANUTENZIONE AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA - PARMA SERVIZIO MANUTENZIONE INTERVENTI DI PRONTO INTERVENTO, MANUTENZIONE ORDINARIA/STRAORDINARIA RIPRISTINO ALLOGGI ELENCO PREZZI UNITARI PER OPERE DA ELETTRICISTA E ANTENNISTA

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO Dati generali Progetto: Committente: Tipo di intervento: Interventi di adeguamento sismico nella scuola elementare Madonna del Carmelo. 3 Lotto Completamento funzionale COMUNE

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO File: Relazione tecnica Data 11-11-2009 1 INDICE RELAZIONE DI CALCOLO E CRITERI DI DIMENSIONAMENTO... 3 CRITERI DI PROGETTO... 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE

Dettagli

FONDAZIONE CONSERVATORIO FIESCHI

FONDAZIONE CONSERVATORIO FIESCHI M.&.G. Progetti s.n.c. di Ing. S. Mirenda & P.ind. A. Grosso Chiavari (GE) Via S. Francesco N.15/8 Tel 0185/306893-Fax 0185/306893 e-mail: studiomirenda@aliceposta.it P.IVA. 01661990992 FONDAZIONE CONSERVATORIO

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA

DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA. Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia RELAZIONE TECNICA ALLEGATO 10 DIREZIONE REGIONALE PER L UMBRIA Ufficio Tecnico -Edilizio Via M.Angeloni, 90 - Perugia PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO: F.M., LUCE E SERVIZI RISTRUTTURAZIONE PIANO TERRA SEDE I.N.P.S. TERNI V.le

Dettagli

Indice 1.0 - Premessa...pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV...pag. 5 5.

Indice 1.0 - Premessa...pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV...pag. 5 5. Indice 1.0 - Premessa......pag. 2 2.0 - Riferimenti normativi...pag. 3 3.0 - Impianto citofonico...pag. 4 4.0 - Impianto TV....pag. 5 5.0 - Dimensionamento delle linee...pag. 5 6.0 - Protezione delle condutture

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Lavori di adeguamento alle norme di igiene e sicurezza e realizzazione di dotazioni impiantistiche presso il Sant

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

Progettazione strutturale. POLITECNICA Soc. Coop. Ing. Andrea Dal Cerro. Progettazione impianti meccanici e prevenzione incendi

Progettazione strutturale. POLITECNICA Soc. Coop. Ing. Andrea Dal Cerro. Progettazione impianti meccanici e prevenzione incendi 22.09. COMUNE DI SCANDICCI Scandicci Centro Srl Progettazione Architettonica Rogers Stirk Harbour + Partners Limited Arch. Ernesto Bartolini Progetto di Paesaggio Erika Skabar - Architettura del Paesaggio

Dettagli

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato

Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato Spogliatoi Campo Sportivo di S. Ippolito Prato ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTO ELETTRICO LUGLIO 2007 descrizione Pagina 1 di 1 A1.1 - QUADRO GENERALE ESTERNO QGE Quadro di tipo prefabbricato in materiale

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta

Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta Indirizzo: ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE Seconda prova scritta Si deve realizzare l'impianto elettrico di un magazzino adibito a vendita di generi alimentari, con dimensioni di 12 x 20 metri. Il magazzino

Dettagli

COMUNE DI GAVARDO (BS)

COMUNE DI GAVARDO (BS) COMUNE DI GAVARDO (BS) Progetto Definitivo IMPIANTO DI COGENERAZIONE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA DA BIOMASSE LEGNOSE doc. N 006_2014 E09 00 CALCOLO RETE DI TERRA E SPECIFICHE SETTEMBRE

Dettagli

INDICE 1 ELENCO DISEGNI... 2 2 PREMESSA... 2 3 OSSERVANZA DI LEGGI, REGOLAMENTI E NORME IN MATERIA DI APPALTO... 3

INDICE 1 ELENCO DISEGNI... 2 2 PREMESSA... 2 3 OSSERVANZA DI LEGGI, REGOLAMENTI E NORME IN MATERIA DI APPALTO... 3 INDICE 1 ELENCO DISEGNI... 2 2 PREMESSA... 2 3 OSSERVANZA DI LEGGI, REGOLAMENTI E NORME IN MATERIA DI APPALTO... 3 4 QUADRI GENERALI _ NOTA GENERALE PER TUTTI I QUADRI ELETTRICI:... 3 4.1 QUADRI DI PROTEZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI Settembre 2010 Sommario PROGETTO DEFINITIVO...1

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA

IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA IMPIANTI ELETTRICI 1. LE LEGGI E LE NORME PREPOSTE PER LA SICUREZZA 1.1 Generalità In qualsiasi ambito tecnico ed in particolare nel settore elettrico si impone, per realizzare impianti a regola d arte,

Dettagli

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania

Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania LAVORI DI BONIFICA, DISINFESTAZIONE E SPOLVERATURA DEL PATRIMONIO LIBRARIO E DELLA SCAFFALATURA

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8

IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8 Via Gen. Cantore, 3 C.F. BST MRT 50T09 E863Z 21046 Malnate VA- P. IVA 02039380122 D.M. 22/01/2008 n. 37 PROGETTO DI IMPIANTO ELETTRICO IL PROGETTO FA RIFERIMENTO IN PARTICOLARE ALLA NORMA CEI 64-8 Nuovo

Dettagli

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione

Locali contenenti riscaldatori per saune Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti Interruzione automatica dell alimentazione mediante interruttore differenziale con I dn non superiore a 30 ma. Norma CEI 64-8 sezione 703 - Art. 703.412.5

Dettagli

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato.

Un edificio, adibito ad albergo, è costituito da tre piani fuori terra e da un piano interrato. In questo numero riportiamo uno svolgimento possibile al quesito posto dal Ministero per l esame di stato di abilitazione all esercizio della libera professione di perito industriale della sessione 2008.

Dettagli

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia

L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia L'impianto elettrico nei locali da bagno e doccia Pubblicato il: 11/12/2003 Aggiornato al: 11/12/2003 di Gianluigi Saveri Secondo la Norma 64-8 sez. 701, in funzione della pericolosità, nei locali bagno

Dettagli

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995

Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 1995 Esame di stato per l esercizio della libera professione di perito industriale SPEC : ELETTROTECNICA SESSIONE 995 Si devono realizzare gli impianti elettrici di forza motrice e di illuminazione di un capannone

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE IMPIANTO ELETTRICO Premessa La presente relazione tecnica riguarda gli impianti elettrici a servizio dell edificio da destinare a centro polifunzionale da realizzare nel comune di Magliano e,

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO NORMATIVA DI RFERIMENTO CEI 64-8 : Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata a 1500 V in corrente continua ;

Dettagli

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE)

10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) 10. DIMENSIONAMENTO DELL IMPIANTO IDRICO IMPIANTO DI ADDUZIONE DELL ACQUA (RETE DI DISTRIBUZIONE) Per la determinazione delle portate massime contemporanee, necessarie per il dimensionamento delle reti

Dettagli

Comune di: Provincia di: Oggetto:

Comune di: Provincia di: Oggetto: Manuale d'uso Comune di: Provincia di: Oggetto: Corigliano Calabro Cosenza LAVORI DI RIPRISTINO E DI ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL'IMPIANTO D'ILLUMINAZIONE AREE PORTUALI E DI ALIMENTAZIONE SEGNALAMENTI MARITTIMI

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

IMPIANTI IDROSANITARI E RETI DI SCARICO

IMPIANTI IDROSANITARI E RETI DI SCARICO IMPIANTI IDROSANITARI E RETI DI SCARICO Generalità Gli impianti idrosanitari relativi all intervento costruttivo di n. 10 alloggi in ALGHERO Loc. Sa Segada sono stati dimensionati secondo le prescrizioni

Dettagli

Impianto elettrico per il cantiere edile

Impianto elettrico per il cantiere edile Impianto elettrico per il cantiere edile Introduzione Le presenti riflessioni non intendono sostituirsi, in alcun caso: - alle vigenti norme di Legge (DPGP n. 7/1999, DPR 22.10.2001, n. 462, D.M. 22.01.2008,

Dettagli

EDIZIONE 2015. Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali

EDIZIONE 2015. Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali EDIZIONE 2015 Guida alla Norma CEI 64-8 Soluzioni ABB per gli impianti residenziali Catalogo 2013 ABB mette a disposizione dei propri clienti tutta una serie di strumenti utili per la configurazione degli

Dettagli

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA

Impianti elettrici ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA Impianti elettrici All. E ELENCO DELLE OPERE DI CONTROLLO PERIODICO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA CABINE DI TRASFORMAZIONE Verifiche e controlli almeno semestrale con annotazione sull apposito registro specifico

Dettagli