LA PROTEZIONE ANTIFURTO NELL INDUSTRIA ORAFA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PROTEZIONE ANTIFURTO NELL INDUSTRIA ORAFA"

Transcript

1 LA PROTEZIONE ANTIFURTO NELL INDUSTRIA ORAFA INTERVENTO AL CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE GIACOMO RUMOR QUALE SICUREZZA PER LE NOSTRE AZIENDE VICENZA, 9 marzo Il punto di osservazione di una Compagnia di Assicurazione sul problema della sicurezza anticrimine è certamente interessante perché una CdA può avere una visione d insieme del fenomeno della criminalità e dei suoi trend di sviluppo. Una CdA segue migliaia di sinistri furto ed è quindi in grado di conoscere quali sono le tecniche maggiormente utilizzate dalla criminalità -in particolare quelle nuove che devono essere individuate e analizzate rapidamente per predisporre difese adeguate-, conosce i punti di vulnerabilità più diffusi e pericolosi ed è quindi in grado, in base a queste conoscenze di avanzare suggerimenti utili per migliorare le misure di protezione. Il mio intervento ha proprio questo obiettivo, di evidenziare quanto emerge dalle nostre conoscenze del fenomeno per avanzare alcune proposte in materia di prevenzione dei furti. Questo, naturalmente senza nessuna pretesa di dettare legge o di dare soluzioni miracolose, con la speranza di fornire un contributo in termini costruttivi e in collaborazione con tutti gli operatori coinvolti nel problema, a partire dagli imprenditori e dai loro collaboratori, ma anche assieme ai progettisti e agli installatori di impianti, agli istituti di vigilanza. Le Compagnie di Assicurazione sono particolarmente interessate al miglioramento e alla promozione di sistemi di protezione affidabili perché da essi è possibile ottenere una riduzione significativo dei sinistri. Misure di protezione migliori comportano evidentemente una riduzione del rischio che le Compagnie si assumono, consentendo una corrispondente riduzione dei tassi e/o un ampliamento delle garanzie prestate. Questo, naturalmente, se i sistemi di sicurezza rispettano alcuni requisiti e standard minimi di cui tenterò di fornire nel seguito una schematica proposta.

2 2. SICUREZZA COME SISTEMA La sicurezza è un problema complesso, come tutti i problemi che non hanno una soluzione univoca e la cui soluzione richiede un sistema equilibrato e coordinato di risorse diverse. Nello specifico, la protezione anticrimine di un azienda non ha una soluzione predefinita e pronta, ma questa deve essere trovata in base alle specifiche caratteristiche dell azienda in questione. Inoltre essa richiederà un sistema coordinato di diverse risorse, che comprendono: Protezioni passive, cioè tutte le barriere fisiche che vengono frapposte fra il bene da tutelare e colui che se ne volesse appropriare, quindi porte, muri, inferriate, mezzi forti; Protezioni attive, in generale gli impianti di allarme e sorveglianza che rilevano un intrusione e lo segnalano ad una centrale di sorveglianza. Servizi di sorveglianza, a cui sono affidati la vigilanza e l intervento a fronte di allarmi Servizi di gestione, attività volte a garantire efficienza e continuità di esercizio all insieme delle risorse impiegate nella sicurezza. Tutte queste risorse sono necessarie e tutte devono essere coordinate e bilanciate fra di loro per ottenere il massimo dei risultati al minor costo possibile. Si tratta perciò di un normale processo di ottimizzazione per ottenere il miglior bilanciamento tra un risultato economico e di un risultato funzionale. Normale ma non banale, né semplice. Nessuna delle risorse citate può essere esclusa o trascurata. Ad esempio, da sole le protezioni passive non servono a nulla: se i ladri hanno tempo a disposizione sono in grado di superare qualsiasi barriera, è sufficiente che ne valga la pena, poiché possono disporre di attrezzatura tecnica e di abilità in grado di superare la più robusta delle camere corazzate. D altro canto anche le protezioni attive da sole servono a poco. La loro funzione è quella di richiamare un intervento, che però normalmente richiede un certo tempo per raggiungere il sito. Per questo protezioni passive ed attive devono essere dimensionate in modo coordinato, affinché il tempo richiesto ai ladri per superare le protezioni passive sia superiore al tempo necessario perché l intervento, richiamato dall allarme, possa giungere sul posto. Un altro aspetto da sottolineare è che tutte le risorse citate coinvolgono sia aspetti tecnicoimpiantistici e che aspetti organizzativi- gestionali. Ad esempio gli impianti di allarme, pur essendo risorse tecniche, come tutte le apparecchiatura, hanno bisogno di manutenzione e gestione. Spesso si tende a sottovalutare nella sicurezza gli aspetti gestionali e a badare al sodo, all hardware. Nella sicurezza invece gli aspetti gestionali hanno almeno pari dignità di quelli tecnici, perché mantengono costantemente in efficienza gli impianti e garantiscono loro affidabilità nel tempo, ma consentono anche di introdurre significativi miglioramenti nei livelli di sicurezza, ottimizzandone l uso e l integrazione delle risorse esistenti, con costi normalmente inferiori a quelli necessari a implementazioni impiantistiche.

3 3. PUNTI CRITICI NEI SISTEMI DI SICUREZZA Dove c è stato un furto evidentemente c èra qualche punto critico nei sistemi di sicurezza che ha aiutato i ladri. I ladri vanno alla ricerca dei punti critici, perché sono quelli che facilitano la loro azione e riduce il loro rischio di essere catturati. Quando li individuano organizzano il furto. I furti non sono mai improvvisati, a parte quelli dei ladruncoli, ma vengono accuratamente studiati e quindi, per sventare un furto, si deve essere in grado di individuare anche le attività preparatorie. Dalla nostra esperienza risulta che i punti critici dei sistemi di sicurezza sono più frequentemente presenti nei seguenti elementi: Impianti e della componentistica degli impianti di allarme, in particolare i sensori Mezzi trasmissivi, cioè dei dispositivi per la trasmissione dei segnali di allarme o di segnali in genere, fra gli impianti di allarme e le centrali di telesorveglianza Qualità delle informazioni trasferite dall impianto di allarme alla centrale di sorveglianza Procedure di intervento, cioè la sequenza di azioni predefinite da attuare a fronte di tipologie specifiche di allarme Gestione delle risorse, attività cioè volte alla ottimizzazione delle risorse disponibili e al mantenimento dell affidabilità.

4 4. AFFIDABILITA DI IMPIANTI E COMPONENTI Veniamo ai punti critici che noi individuiamo negli impianti di allarme in occasione di sinistri. Gli impianti di allarme, com è noto, sono costituiti da una grande molteplicità di componenti. Oltre alla centrale di gestione vi sono numerosi sensori e dispositivi attuatori. L affidabilità dell intero impianto coincide con quella del componente meno affidabile, come nel caso di una catena, la cui resistenza dipende da quella dell anello più debole. Capita abbastanza spesso di trovare impianti complessivamente di buon livello, dispongono di alcuni sensori scarsamente affidabili perché facilmente manomissibili o accecabili. Mi riferisco, in particolare ai sensori volumetrici ad IR passivi non dotati di dispositivi di antiaccecamento che risultano oscurabili semplicemente schermandoli con un cartone, un scatola di plastica. Il rischio è particolarmente elevato quando questi sensori sono posti in posizioni facilmente raggiungibili senza uso di scale o di sollevatori. Sensori di questo tipo, se anche può essere accettabile in un ambiente dove non sono presenti valori elevati, non può essere utilizzato in settori che trattano materiali preziosi, dove ci si deve confrontare con una criminalità preparata, attrezzata e determinata. La scarsa affidabilità di un sensore può dipendere oltre che dalle sue caratteristiche tecniche, anche da una errata collocazione, che consente di accecarlo, spostarlo, oppure aggirarlo. Queste situazioni non si determinano in genere per errori di progettazione o di installazione, ma più frequentemente sono la conseguenza di una modifica degli spazi interni, come ad esempio lo spostamento di una scaffalatura, o l apertura di una nuova porta, o la realizzazione di un soppalco, modifica che richiederebbe una conseguente ricollocazione dei sensori. Questo è un ulteriore conferma dell importanza degli aspetti gestionali e organizzativi. Un altra causa di scarsa affidabilità di un sensore dipende da un posizionamento che produce frequenti falsi allarmi, come può essere un sensore orientato verso fonti di calore o di luce occasionali. I falsi allarmi frequenti, oltre ad essere una grossa scocciatura, riducono il livello di sicurezza perché abbassano il livello di attenzione. Spesso addirittura un sensore fonte di frequenti falsi allarmi viene disattivato. I falsi allarmi non vanno sottovalutati ma devono essere interpretati, perché hanno sempre una spiegazione. Qualche volta la spiegazione sono i ladri che attivano gli allarmi per studiare le reazioni dei servizi di vigilanza o per cercare varchi nelle barriere protettive, o per indurre a disattivare l impianto per evitare scocciature notturne, come qualche volta è realmente accaduto. I falsi allarmi quindi devono essere trattati, specialmente quando sono ricorrenti, come allarmi ai quali va trovata una spiegazione, con l intervento dell installatore. La scarsa affidabilità di un sensore può dipendere anche da un insufficiente coordinamento fra protezioni passive ed attive. Se devo proteggere, ad esempio, dei preziosi dietro un vetrina espositiva collocata sulla strada, è evidente che un sensore di vibrazione posto sulla vetrata non ha utilità alcuna se la vetrata non è antisfondamento, perché il ladro è già lontano quando arriva la vigilanza richiamata dall allarme: la spaccata e il prelievo del malloppo richiede infatti un tempo molto minore di quello richiesto per l intervento.

5 Una protezione del genere ha senso solo se la vetrata può resistere diversi minuti alla rottura. Se i tempi di intervento però sono lunghi può essere necessario proteggere la vetrina con una serranda allarmata, in modo che l allarme parti durante la forzatura del primo elemento. Analogamente se la merce può essere sottratta rapidamente dall interno di un locale, un sensore volumetrico a protezione solo del locale interessato non è sufficiente. Occorre allora prevedere una ulteriore barriera che individui il ladro prima che sia entrato nel locale, e che questo sia costretto ad operare a lungo su un mezzo di chiusura prima di accedervi. E questo il caso di una cassaforte o di una camera corazzata.

6 5. AFFIDABILITA DEI MEZZI TRASMISSIVI Un elemento particolarmente critico dei sistemi di sicurezza e che spesso costituisce l anello più debole, è rappresentato dai sistemi trasmissivi, cioè dagli elementi che consentono il trasferimento dei segnali di allarme dagli impianti localizzati nelle aziende alle centrali di telesorveglianza. Occorre ricordare che anche gli impianti di allarme più sofisticati e tecnologicamente evoluti, se vengono isolati per un avaria o una manomissione dei mezzi trasmissivi, diventano del tutto inutili e inidonei a svolgere la loro funzione, che è appunto quella di inviare la segnalazione di allarme in una postazione remota da dove vengono attivate le azioni di contrasto. L impianto senza trasmissione è da considerare fuori servizio, a meno che non ci si voglia affidare a dispositivi locali come le sirene o i lampeggiatori, che forse hanno sventato il furto di qualche ladruncolo improvvisato ma certamente non quelli di professionisti. Anzi, spesso le sirene vengono utilizzate dai ladri durante l organizzazione e la preparazione dei furti, perché se ne servono ad esempio per individuare varchi di passaggio nelle protezioni perimetrali o per studiare i tempi di intervento della vigilanza. I sistemi di trasmissione sono pertanto elementi fondamentali, che devono essere curati e scelti con grande accuratezza. La affidabilità dei mezzi trasmissivi può essere compromessa da: Unicità / Assenza di ridondanza. Quando il mezzo trasmissivo è unico la sua manomissione isola l impianto di allarme. Assente o scarsa monitorabilità, cioè quando non è possibile interrogare un mezzo trasmissivo per informarsi se è attivo regolarmente, oppure anche quando questa verifica viene fatta con una frequenza insufficiente. E evidente che, per essere credibile, l intervallo di tempo fra due verifiche deve essere significativamente inferiore al tempo necessario ai ladri per portare a termine il furto. Un ponte radio bidirezionale interrogato due o tre volte per notte non costituisce, a nostro avviso, un mezzo trasmissivo sicuro. Facilità di manomissione, che naturalmente è maggiore quando l operazione di manomissione può essere fatta all esterno dei locali protetti, come nel caso di certe linee telefoniche, oppure di antenne di ponti radio poste imprudentemente su una copertura. Un grave problema di manomissibilità si è presentato da quando sono in uso dispositivi che accecano i ripetitori dei ponti radio utilizzati per i collegamenti fra le centrali di telesorveglianza e i siti protetti. Questo problema è molto grave perché l IdV che è collegato su quel ripetitore con una molteplicità di siti, non è in grado si sapere quale di questi è sotto attacco, a meno che non sia attivo un altro mezzo trasmissivo. Dati questi punti critici, occorre sempre prevedere opportune difese e protezioni per gli organi di trasmissione che, quando possibile, devono essere installati in locali dotati di protezioni passive e attive e rimanere lontani dagli sguardi di estranei.

7 Un altro elemento che caratterizza l affidabilità di un mezzo trasmissivo è la capacità di trasmissione. Un mezzo di trasmissione in grado di trasferire solo messaggi elementari, quale un semplice segnale di allarme generico, senza ulteriori specificazioni, è certamente meno efficiente di un mezzo trasmissivo in grado di trasferire messaggi complessi, con informazioni articolate e dettagliate e con adeguata velocità. E vediamo subito perché.

8 6. QUALITA DELLE INFORMAZIONI TRASMESSE Molti sinistri sono agevolati dal carente contenuto di informazioni trasmesse dall impianto di allarme ed in possesso del personale di vigilanza che interviene sul sito allarmato. Per spiegare meglio quello che intendo dire, è utile soffermarsi brevemente sulle condizioni in cui opera normalmente una pattuglia inviata a controllare un sito. La pattuglia che arriva sul posto deve operare di notte, spesso in aree isolate e male illuminate e normalmente deve controllare delle aree aziendali ampie, con perimetri di alcune centinaia di metri, con numerosi accessi, non solo quelli ordinari ma anche quelli potenziali come finestre o lucernari, con zone non illuminate, ecc. Quasi sempre il controllo viene effettuato dall esterno del fabbricato, o anche dall esterno dell area recintata, non disponendo le guardie delle chiavi di accesso all area. Le condizioni operative sono quindi spesso difficili e i controlli accurati possono richiedere molto tempo. Si tenga inoltre presente che di tutti gli allarmi che giungono ad una centrale di telesorveglianza, la grande maggioranza si rivelano falsi allarmi, cioè causati da un anomalia delle apparecchiature o da disturbi esterni interpretati come intrusioni. Questa prevalenza può arrivare fino all %. Di fronte ad una tale evidenza statistica chi interviene porta con se una presunzione di trovarsi di fronte ad un falso allarme, oltre ad un certa disposizione psicologica che si tratti di un falso allarme, perché nessuno, a parte qualche pericolosissimo Rambo, si augura di trovarsi di fronte ad un criminale armato e per nulla intenzionato a farsi arrestare o a farsi sfuggire il bottino. Fatta questa premessa sulle condizioni operative del personale di vigilanza, vediamo come si svolge un intervento in diverse condizioni caratterizzate da un diverso contenuto di informazioni trasmesse dall impianto di allarme ed in possesso del personale di vigilanza. Vediamo un primo caso limite in cui l impianto di allarme ha inviato un generico segnale di allarme, senza alcuna specificazione ulteriore, come quello trasmesso da un combinatore telefonico. La pattuglia viene inviata sul posto e procede ad un controllo completo di tutto il perimetro e di tutti gli accessi dall esterno del fabbricato, in quanto non è previsto l accesso ai locali. Supponiamo che l allarme sia reale, che i ladri siano effettivamente penetrati nel fabbricato ad esempio da un uscita di emergenza o da un lucernario- e abbiano abilmente occultato i segni dello scasso e che non sia previsto un controllo all interno dei locali. E verosimile che durante l ispezione non venga rilevata alcuna effrazione e che l allarme venga derubricato come falso. Se intanto i ladri sono riusciti a manomettere qualche sensore o addirittura la centrale di allarme o i mezzi trasmissivi, dopo che la pattuglia si è allontanata possono procedere indisturbati nella loro azione. Per quanto paradossale questo tipo di situazione è piuttosto frequentemente, anche in presenza di buoni impianti di allarme ma in grado di inviare solo semplici segnali di allarme. Vediamo ora lo stesso caso ma con un impianto in grado di trasmettere informazioni più precise e dettagliate, in particolare l indicazione dei singoli sensori andati in allarme e la sequenza temporale con cui sono andati in allarme. Poniamo ad esempio che siano stati attivati in

9 successione una micro onda esterna, un contatto magnetico su una porta e un sensore volumetrico interno. Una simile sequenza indica in maniera inequivocabile che è in corso un intrusione, perché se un falso allarme su un singolo sensore è frequente, lo è molto meno su diversi sensori, posti inoltre lungo un evidente percorso di ingresso e con una sequenza temporale coerente con una intrusione reale. Un livello ancora maggiore di informazione si ottiene integrando l impianto di allarme con un impianto di videotrasmissione, in grado di riprendere immagini di un area allarmata e di trasmetterla alla centrale di telesorveglianza fornendo un immediata evidenza di quanto sta effettivamente accadendo. Avendo a disposizione informazioni precise è possibile predispone e organizzare un intervento idoneo alla situazione che si dovrà fronteggiare. Si faranno intervenire forze adeguate e consapevoli della situazione in corso, verranno avvertite e coinvolte le FFOO che non è possibile chiamare per un generico allarme ma possono essere allertate a fronte di un evidente azione effrattiva, si chiederà la disponibilità dei mezzi di apertura al personale reperibile dell Azienda. L informazione consente perciò ai servizi di sorveglianza di intervenire in modo tempestivo e con consapevolezza di quanto sta accadendo, migliorando significativamente l efficacia dell azione e tutelando la sicurezza degli operatori.

10 7. PROCEDURE Abbiamo visto che l efficacia dell azione di contrasto messa in atto dalla vigilanza è elevata se si dispone di sufficienti informazioni, ma è anche necessario che a fronte dell allarme vengono prese decisioni corrette e adeguate. Un allarme è sempre una situazione di emergenza, nella quale è necessario prendere decisioni rapide e idonee. Molto spesso le situazioni di emergenza non consentono di prendere sul momento decisioni azzeccate, perché vengono prese da persone che in quel momento sono sottoposte a stati di stress, tensione, sovraccarico operativo, ecc. Inoltre gli interventi richiesti sono elaborati, con sequenze di operazioni complesse e non ripetitive, e richiedere l intervento di persone o enti che è necessario individuare e contattare. Per tali ragioni gli interventi a fronte di allarmi, o di situazioni di emergenza in genere, non possono essere improvvisate o decise sul momento da chi riceve l allarme. Gli interventi devono invece seguire procedure già individuate, ragionate a fondo, condivise tra l Istituto di vigilanza e l Azienda. Diversamente le scelte potrebbero essere affrettate e non adeguatamente calcolate perché influenzate dallo stress o dalla fretta.

11 8. GESTIONE DELLA SICUREZZA Un ultimo ma non meno importante elemento costitutivo di un affidabile sistema di sicurezza è rappresentato dalla Gestione, cioè da tutte quelle attività che l Azienda svolge per garantire la massima efficienza e affidabilità nel tempo alle risorse dedicate alla sicurezza. Purtroppo questo è un aspetto spesso sottovalutato, e viene constatato in occasione di molti sinistri, perché la sicurezza non costituisce un problema urgente, legato direttamente alla produzione o all attività istituzionale dell azienda ma rimandato e accessorio. La sicurezza diventa un problema impellente e concreto purtroppo quando avviene un sinistro, ma a quel punto è troppo tardi. In genere ci si occupa di sicurezza quando si predispongono le misure di sicurezza, poi, quando sono stati installati gli allarmi o sottoscritti i contratti di vigilanza, ci si disinteressa ad essa. Dimenticando che gli impianti di allarme e di protezione sono macchine e come tutte le macchine hanno bisogno di manutenzione e di verifiche di funzionalità, operate in modo regolare per garantire l efficienza. Inoltre le misure di protezione sono intimamente legate alle caratteristiche dei locali e all organizzazione aziendale e pertanto vanno adattate ad esse ogni qualvolta si verificano delle modifiche degli spazi e dell organizzazione. Altri aspetti che vanno accuratamente gestiti sono i guasti e i falsi allarmi che vanno immediatamente rimossi, e nel frattempo compensati con altre soluzione. Infine un aspetto particolarmente delicato della gestione riguarda l uso delle informazioni sensibili per la sicurezza che vanno trattate con molta discrezione e prudenza. Nessun imprenditore si dimentica di tenere monitorati i livelli di efficienza e produttività dei propri impianti produttivi. Altrettanto occorre fare per gli impianti di sicurezza, dedicandovi gestione e organizzazione, manutenzione preventiva per prevenire i guasti e manutenzione straordinaria. Una carente gestione dei mezzi di sicurezza è purtroppo abbastanza diffusa, per la tendenza a rimuovere i problemi non urgenti a favore di quelli quotidiani e ricorrenti, che all interno di un azienda sono quelli legati alla produzione. Questo si verifica in tutti i settori della sicurezza, in particolare in quella antincendio, dove vengono spesso fatti rilevanti investimenti per realizzare tutte le opere e gli impianti richiesti per ottenere l autorizzazione dei Vigili del Fuoco e poi questi stessi impianti vengono scarsamente manutenuti e sorvegliati facendo loro perdere qualità e col rischio di non trovarli in efficienza nel momento in cui fosse richiesto il loro impiego. Quindi un investimento sprecato e un falso e pericoloso senso di sicurezza derivante dalla convinzione che la sicurezza sia garantita da impianti in realtà non affidabili. La gestione delle dotazioni di sicurezza è pertanto importante, richiede solo un piccolo sforzo organizzativo e costi limitati, ma garantisce qualità ad un investimento e un elevato grado di sicurezza nel tempo.

12 9. REQUISITI MINIMI DELL IMPIANTO DI ALLARME Fatta questa sommaria disamina delle carenze che riscontriamo in occasione di sinistri, illustriamo ora quelli che riteniamo i requisiti minimi che secondo noi dovrebbero avere i diversi elementi che compongono il sistema di sicurezza. Si tratta di indicazioni generiche che non entrano nel dettaglio tecnico, materia questa di installatori e progettisti, e che vorrebbero esser il nostro contributo per individuare, in collaborazione con tutti gli operatori interessati al problema, soluzioni che migliorino nel loro complesso il livello di sicurezza contro i furti. La filosofia che proponiamo è orientata più che al potenziamento degli impianti e delle protezioni, che normalmente sono adeguati, ad interventi più leggeri e meno onerosi che abbiano come obiettivo l integrazione e il miglioramento delle sinergie fra risorse già presenti. Per quanto riguarda gli impianti di allarme, dalla nostra esperienza risulta che in genere gli impianti oggi instalati in ambito aziendale rispettano uno standard adeguato, almeno per quanto riguarda le centrali. Queste sono ormai tutte di tipo evoluto, sanno riconoscere i singoli sensori e di trasmettere informazioni complesse leggibili e interpretabili dalle centrali di telesorveglianza. Sono inoltre dotate di alimentazione elettrica di soccorso per far fronte a mancanza di alimentazione di rete anche prolungata, di memorie eventi per registrare tutti i cambiamenti di stato e gli eventi individuati, di livelli autorizzativi diversificati che consentono un impiego sicuro e flessibile dell impianto. Più frequentemente sono invece rilevate carenze nella sensoristica per la presenza di sensori poco affidabili, sia perché facilmente manomissibili o accecabili, sia perché collocati in posizione non corretta. Tali insufficienze in genere non derivano da errori di installazione ma spesso da installazione di nuovi impianti che hanno mantenuto alcuni vecchi sensori o dalle trasformazioni subite nel tempo dagli spazi interni e a cui non sono seguiti i necessari adattamenti degli impianti di allarme. Suggeriamo, come azione preliminare, quella di procedere periodicamente, con l ausilio del proprio installatore, ad una verifica dei sensori per accertarsi della loro affidabilità, del loro corretto posizionamento, del loro coordinamento con le protezioni passive. Un miglioramento significativo che ci sentiamo di caldeggiare è quello di integrare l impianto di allarme con un impianto di videosorveglianza, spesso esistente ma con funzioni di semplice videoregistrazione o di sorveglianza degli ingressi durante l orario di lavoro. Tale integrazione può dare numerosi vantaggi, sia operativi che economici. Ad esempio consente di: - avere una immediata evidenza di quanto sta accadendo nello stabilimento, evitando spesso la necessità di effettuare un sopralluogo, ad esempio nel caso dell attivazione di un solo sensore esterno, senza successivi allarmi provenienti da sensori perimetrali o interni; - effettuare periodiche videoronde, che potrebbero sostituire i passaggi sul posto delle pattuglie;

13 - verificare la causa di falsi allarmi diversamente difficilmente spiegabili e anche di impedire le fasi di preparazione del furto da parte dei ladri.

14 10. REQUISITI MINIMI DEI MEZZI TRASMISSIVI I mezzi trasmissivi sono un elemento fondamentale del sistema sicurezza, e spesso rappresentano un punto debole perché è quello più facilmente manomissibile e quello la cui manomissione dà il massimo risultato a chi sta tentando un furto. Quindi massima attenzione ai dispositivi e ai mezzi di trasmissione che, a nostro parere, devono avere i seguenti requisiti minimi per garantire la continuità della vigilanza: - protezione dei dispositivi di trasmissione. Essi, nel limite del possibile, devono essere posti in luoghi non accessibili e non a conoscenza di estranei, protetti con dispositivi passivi e attivi; - ridondanti, cioè un solo mezzo trasmissivo non può essere sufficiente; - monitorabili, per cui dobbiamo sapere in ogni momento se un mezzo trasmissivo è attivo. Essi devono essere interrogabili con una frequenza il più elevata possibile, preferibilmente in continuo, ma comunque tenendo conto che non è accettabile un intervallo di tempo fra due interrogazioni comparabile con i tempi di esecuzione di un furto; - velocità di trasmissione. Almeno uno dei mezzi trasmissivi deve essere in grado di trasferire elevate quantità di dati in formato digitale e con protocolli compatibili con quelli della centrale di telesorveglianza e immagini in movimento. Questi requisiti dovrebbero assicurarci che, a fronte della manomissione o dell avaria di funzionamento di un mezzo trasmissivo, almeno un altro mezzo trasmissivo continua a svolgere regolarmente la propria funzione mantenendo la capacità di inviare allarmi, veniamo informati del fuori servizio in tempi molto ristretti. Inoltre tali requisiti consentono, in condizioni normali, di avere dall impianto di allarme informazioni precise e dettagliate utili per organizzare, in caso di necessità, interventi adeguati sul posto. Il fuori servizio di un mezzo trasmissivo deve essere considerato un allarme grave che richiede immediate verifiche per accertarsi se si tratta di un guasto tecnico o di un azione dolosa.

15 11. SERVIZI DI VIGILANZA Il sistema di sicurezza che abbiamo delineato è costituito da impianti e attrezzature di protezione, ma è comunque incardinato attorno a qualcuno che riceve gli allarmi ed è incaricato di intervenire per sventare il furto. Tale intervento viene normalmente affidato ad un Istituto di Vigilanza che riceve gli allarmi e invia sul posto una pattuglia per l intervento. Abbiamo sottolineato l importanza di mettere l Istituto nelle migliori condizioni possibili per effettuare l intervento, in particolare fornendogli informazioni il più dettagliate e precise possibili. Naturalmente Istituto deve essere in grado di ricevere e sfruttare al meglio tali informazioni ed è necessario che esso disponga di: una centrale di telesorveglianza con le tecnologie adeguate a ricevere e gestire i segnali e le informazioni ricevute un organizzazione in grado di gestire i segnali in centrale e di garantire interventi tempestivi ed efficaci sul campo. Gli interventi dovrebbero essere eseguiti in base a procedure elaborate e concordate con fra gli Istituti e le Aziende, in modo che ad ogni tipologia di allarme corrisponda una risposta idonea preventivamente valutata e che ogni intervento sia frutto di una preventiva analisi e non di scelte prese sul momento o imposte dalle contingenze. Un Istituto di Vigilanza che concorda con l azienda le procedure di intervento, a nostro parere, dovrebbe assumersi contrattualmente l impegno di effettuare gli interventi in base a quelle procedure concordate.

16 12. PROCEDURE DI VIGILANZA Le procedure di intervento sono necessarie perché le decisioni non possono essere prese in situazioni di emergenza ogni azienda ha proprie caratteristiche che possono richiedere modalità di intervento specifiche. Le procedure dovrebbero pertanto essere individuate in concorso fra l Istituto e l Azienda, tenendo delle numerose variabili che caratterizzano un Azienda, ed in particolare: i tempi di intervento in caso di allarme; la tipologia delle merci presenti (in relazione all appetibilità e alla facilità di prelievo) la tipologia del sito, (in relazione alla difficoltà di effettuare i controlli); le caratteristiche dell impianto di allarme e dei mezzi trasmissivi; la disponibilità di personale reperibile dell azienda, di chiavi di accesso Le procedure non devono essere troppo complesse e numerose, perché diversamente sarebbero difficili da attuare, tuttavia è utile differenziare le modalità di intervento in base alla gravità dell allarme, dosando e ottimizzando le risorse messe in campo e accelerando i tempi di esecuzione mediante un protocollo già definito e deciso e per il quale non sono richiesti tempi di decisione o sovrapposizioni di funzione. Le procedure possono riguardare anche operazioni di routine, da ripetere periodicamente per effettuare i controlli del sito e le verifiche di funzionalità non in situazione di allarme. Tra queste sono compresi: passaggi di ronda sul posto video ronde periodiche verifica dell inserimento regolare degli impianti inserimento di impianti da remoto verifica dei mezzi trasmissivi ecc.

17 Le procedure da attuare in caso di allarme dovranno prevedere un cosa fare per ogni evento segnalato dall impianto di allarme. Il loro uso consente una maggiore velocità di intervento e interventi meglio adeguati e mirati. Facciamo alcuni esempi. In un sito dotato di protezione esterna, perimetrale e interna, e con mezzi di trasmissione idonei, l attivazione di un solo sensore esterno può essere valutato come un semplice preallarme, da verificare con una videoronda - se esiste un impianto di video trasmissione -, oppure da inserire senza particolare urgenza controlli delle ronde sul campo. Se a questo primo allarme dovesse invece seguire un allarme proveniente da un sensore perimetrale o da un sensore interno, dovrà attivarsi un intervento immediato, con un controllo dei punti dove gli allarmi sono stati individuati e possibilmente con l accesso ai locali per un controllo interno. L ausilio di immagini in questo caso sarebbe di grande utilità per risalire alla causa degli allarmi e per avere informazione sul numero degli intrusi e sui luoghi dove potrebbero essersi occultati. Allarmi ripetuti provenienti dal medesimo sensore dovrebbero comportare un controllo sul posto. In questi casi la video trasmissione è quasi sempre in grado di spiegare l origine degli allarmi, che potrebbero anche essere provocati dai ladri per testare il funzionamento dell impianto, oppure essere provocati da disturbi esterni come animali o passaggi di veicoli. Va tuttavia esclusa la possibilità di disattivare un sensore, se prima non viene fatta una verifica tecnica che evidenzi un anomalia non causata da manomissione. E, comunque, in alcuni casi la disattivazione di un sensore potrebbe richiedere, in attesa del ripristino, un piantonamento o un più frequente controllo tramite video o passaggi di pattuglia. Misure di sorveglianza specifiche vanno prese a fronte di atti manomissivi. In particolare la esclusione di mezzi trasmissivi va trattata con grande attenzione, prevedendo anche la possibilità di piantonamenti sul posto in caso di isolamento completo dell impianto di allarme.

18 15. GESTIONE Il mantenimento in efficienza degli impianti di protezione è un esigenza prioritaria per l Azienda, e deve essere garantita da una attenta gestione. E necessario prevedere programmi di manutenzione preventiva e straordinaria. Occorre anche periodicamente verificare che: la protezione realizzata dai sensori sia integrale e non siano presenti zone d ombra, aree o varchi non sorvegliati a seguito di modifiche nelle strutture o nei layout, come l apertura di una nuova finestra, o lo spostamento di una scaffalatura o di una cassaforte intervenire immediatamente su guasti intervenire immediatamente su ricorrenti falsi allarmi. Tra le attività di gestione occorre inoltre prevedere un uso molto discreto e prudente delle informazioni riservate relative agli impianti e alle procedure di sicurezza, delle chiavi meccaniche e di quelle elettroniche, delle password.

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati?

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati? ESPERTI RIFERME SERRATURE ITALIA - 20090 FIZZONASCO (MI) - V.LE UMBRIA 2 TEL. 02/90724526 FAX 02/90725558 E-mail: info@ersi.it Web Site: www.ersi.it Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto?

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro

I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro Impianti d allarme per una casa sicura I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro Introduzione Un tempo bastava un buon cane da guardia per garantire alla casa un livello di sicurezza

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi

INDUSTRY PROCESS AND AUTOMATION SOLUTIONS. Lo strumento universale per la messa in esercizio e la diagnosi Con Vplus, BONFIGLIOLI VECTRON offre uno strumento per la messa in esercizio, la parametrizzazione, il comando e la manutenzione. VPlus consente di generare, documentare e salvare le impostazioni dei parametri.

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

UNA CASA A PROVA DI LADRO

UNA CASA A PROVA DI LADRO UNA CASA A PROVA DI LADRO GUIDA PRATICA AGLI IMPIANTI D'ALLARME GLI ITALIANI SI SENTONO INSICURI MA SOLO UNA FAMIGLIA SU CINQUE HA UN IMPIANTO ANTIFURTO Da una recente indagine Istat, risulta che il reato

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Intrusion Detection System

Intrusion Detection System Capitolo 12 Intrusion Detection System I meccanismi per la gestione degli attacchi si dividono fra: meccanismi di prevenzione; meccanismi di rilevazione; meccanismi di tolleranza (recovery). In questo

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

222X IT Manuale d uso

222X IT Manuale d uso 222X IT Manuale d uso INDICE 1 INTRODUZIONE 2 1.1 Benvenuto 2 1.2 Contatti per il servizio 2 1.3 Cosa fare se il vostro veicolo viene rubato 3 1.4 Autodiagnostica periodica del vostro dispositivo 4 1.5

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 Raccomandazione 114 RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA

COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA COORDINAMENTO PROVINCIALE FP-CGIL VIGILI DEL FUOCO LA SPEZIA Al comando prov.le VV.F.La Spezia Ai funzionari responsabili Ai responsabili gestione tecnica E p.c. alle altre OO.SS. Oggetto: problematiche

Dettagli