LOMBARDIA: TEMI DI INTERESSE E PROSPETTIVE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOMBARDIA: TEMI DI INTERESSE E PROSPETTIVE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI"

Transcript

1 LOMBARDIA: TEMI DI INTERESSE E PROSPETTIVE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI Scopo del documento In Lombardia, numerose attività ordinarie quali quelle di tipo sanitario, industriale e di ricerca comportano la continua produzione di rifiuti radioattivi; particolare rilievo, inoltre, assume il fenomeno della presenza di sorgenti radioattive dismesse nel ciclo del recupero di rottami ferrosi e non, che ha causato lo sviluppo di incidenti in aziende del settore, con la produzione di cospicue quantità di rifiuti radioattivi che in larga misura sono conservati presso lo stesso sito produttivo. Per tale motivo, si crede opportuna un analisi dell attuale quadro tecnico normativo, da considerare sotto la specifica luce dei temi e dei problemi in evidenza in Lombardia. Sullo sfondo: le prospettive relative alla realizzazione del Deposito Nazionale previsto dal D.Lgs. 31/10 ed i contenuti della Direttiva 2011/70 Euratom. Quadro di riferimento Non esiste un sito nazionale per la gestione di lungo periodo dei rifiuti radioattivi, ma solo impianti che fanno capo a strutture pubbliche (es. Enea-Nucleco), ormai prossimi alla saturazione da molti anni, nei quali sono state accumulate sorgenti dismesse o materiali contaminati, in attesa di un diverso, più stabile destino. La risorsa residua è molto contenuta, e per questo essa viene assoggettata ad una gestione estremamente restrittiva. L unica soluzione per la gestione di rifiuti radioattivi in via definitiva, attualmente, è rappresentata dall invio di detti materiali presso impianti esteri. La soluzione non è universale, in quando condizionata dalla disponibilità di impianti, dall assetto autorizzativo che caratterizza questi impianti e, non secondariamente, da problemi di costo. Il panorama strategico nazionale è dominato dalla necessità di medio termine di gestire i rifiuti radioattivi ad alta attività, eredità dell esercizio delle centrali elettronucleari italiane ormai dismesse, inviati in impianti esteri per il ritrattamento, oltre che dalla esigenza, di più breve termine, di disporre di un sito per la gestione della grande massa dei rifiuti di medio e basso livello derivante dallo smantellamento degli impianti. Oltre al panorama legato alla produzione elettronucleare, occorre considerare comunque che attività ordinarie quali quelle di tipo sanitario, industriale e di ricerca comportano la continua produzione di rifiuti radioattivi; la presenza, episodica ma non rara, di sorgenti radioattive dismesse nel ciclo del recupero di rottami ferrosi e non, ha causato lo sviluppo di incidenti in aziende del settore, con la produzione di notevoli quantità di rifiuti radioattivi 1

2 che in larga misura sono conservati presso lo stesso sito produttivo, anche per periodi ultradecennali. Il fabbisogno per la gestione dei rifiuti radioattivi di origine non elettronucleare, in Lombardia, rappresenta una quota significativa del fabbisogno nazionale, con una dimensione qualiquantitativa ben superiore a quelle delle altre regioni italiane, viste le dimensioni di scala e il peso sociale, produttivo, economico, sanitario della regione. Per la Lombardia, di conseguenza, il tema della gestione dei rifiuti radioattivi è da considerare particolarmente rilevante e ciò richiama grande attenzione verso le evoluzioni del quadro legislativo, nazionale ed internazionale, e tecnico. Dal punto di vista normativo, il quadro presenta forti elementi di complessità: compaiono elementi storici (il D.Lgs 230/95), elementi nazionali prospettici (il D.Lgs. 31/10), elementi fortemente evolutivi di natura comunitaria (la recentissima direttiva 2011/70/Euratom). L interazione di questi diversi piani legislativi e le prospettive che ne derivano sono discusse in dettaglio nel seguito di questo documento. Una breve rassegna della situazione dei rifiuti radioattivi prodotti in Lombardia In alcuni settori o campi di attività, la produzione o comunque la presenza di rifiuti radioattivi assume un certo rilievo: - Settore Sanitario Radiofarmaci, sorgenti non sigillate L uso di radiofarmaci o di composti radioattivi, sia nelle attività diagnostiche in vivo o in vitro o di ricerca sia nelle attività terapeutiche, ha richiesto, da tempo, una particolare strutturazione del sistema, composto dalla implementazione di apposite facilities e da modalità di gestione all interno delle strutture che producono tali rifiuti. Il sistema, anche in base a specifici regolamenti imposti dalle autorità competenti sulla scorta di indicazioni regionali, prevede un mix di iniziative quali: a) gestione dei rifiuti a più breve emivita all interno delle strutture sanitarie che li producono, sino a decadimento completo e successivo smaltimento come rifiuto sanitario ordinario; b) ritiro da parte di Aziende autorizzate per il successivo smaltimento/trattamento/decadimento presso impianti autorizzati, per i rifiuti con caratteristiche meno idonee ad un decadimento in situ o qualora le condizioni logistiche dell impianto produttore non permettano la gestione locale; c) istruzione dei pazienti e familiari per la gestione degli escreti e deiezioni di pazienti ambulatoriali sottoposti a indagini/trattamenti di medicina nucleare. 2

3 La situazione della gestione di questo tipo di rifiuti è da considerarsi stabilizzata, sebbene talvolta le soluzioni adottate risentano della carenza di un deposito di riferimento che potrebbe contribuire ad alleggerire logisticamente alcune realtà sanitarie. Va comunque chiarito il ruolo delle aziende del settore che effettuano il ritiro per la gestione off site dei rifiuti radioattivi di questa classe. Sorgenti sigillate, sorgenti non dispersive Nelle strutture sanitarie sono presenti macchinari contenenti sorgenti, anche di notevole attività, quali: irraggiatori per irradiazione esterna o dispositivi e relativi preparati per radioterapia endocavitaria, interstiziale, endolumeale, sterilizzatori, ecc. A causa del decadimento o per evoluzione tecnologica, le sorgenti presenti in questi dispositivi divengono un rifiuto, con caratteristiche di rischio molto particolari. In passato si sono verificate significative situazioni anomale legate alla cattiva gestione di questo tipo di materiale; attualmente la situazione è da considerarsi assoggettata ad un adeguato regime gestionale anche nella fase di fine vita della sorgenti; i siti per l allontanamento definitivo delle sorgenti sono però reperibili con crescente difficoltà. Un capitolo a sé è rappresentato dal tema della gestione dei componenti delle macchine acceleratrici di particelle che sono da considerare come radiocontaminati a causa di fenomeni di attivazione. Questi dispositivi possono inoltre contenere collimatori, diaframmi, altri componenti in Uranio Depleto. Ad oggi, la soluzione per questo tipo di problemi è estremamente articolata e complessa: uno stesso macchinario potrebbe essere scomposto in componenti da inviare in tre destini differenti, nazionale, europeo, extraeuropeo in funzione della loro tipologia, dimensione, livello di attivazione. Si osserva che la causa più significativa di incidenti legati al ritrovamento di sorgenti fuori controllo consiste nel trascorrere del tempo e nella perdita di memoria se la sorgente non viene prontamente allontanata dopo la sua dismissione dal servizio. La pronta accessibilità ad un sito per l allontanamento delle sorgenti dismesse è di conseguenza essenziale anche al fine di limitare gravi incidenti. Comunque, al fine di precisare alcuni aspetti di carattere ambientale relativi alla gestione dei rifiuti radioattivi di origine sanitaria, in Lombardia, è stata recentemente programmata, in coordinamento tra D.G. Sanità ed ARPA, un apposita rilevazione presso le strutture sanitarie presenti in regione. - Settore Industriale Produzione di rifiuti radioattivi nel corso delle attività correnti La gestione dei rifiuti, derivanti sia dall uso di sorgenti non sigillate (ad es. attività di ricerca nel campo farmaceutico) sia di sorgenti sigillate (ad es. gammagrafia industriale, controlli di spessore e di livello) è del tutto simile alla gestione dei rifiuti derivanti dal campo sanitario, così come sono simili le problematiche presenti. 3

4 Rifiuti presenti nelle aziende a causa di contaminazione radioattiva introdotta in modo inconsapevole nei cicli produttivi A partire dal 1990, anche la Lombardia ha avuto dolenti prove della suscettibilità delle aziende del settore del recupero dei materiali ferrosi e non ferrosi ad essere colpite da fenomeni di contaminazione, anche estesa. La causa di questi fenomeni è l inserimento all interno dei cicli produttivi di sorgenti radioattive probabilmente contenute in rottami di apparati medici o industriali dismessi o di residui, come scorie, colaticci, granelle, contaminati da precedenti incidenti; è stata evocata la possibilità che materiale proveniente dallo smantellamento di impianti che presentavano elevati livelli di contaminazione (impianti nucleari, flotta nucleare, ecc.) si sia insinuato nel circuito commerciale internazionale dei rottami. Si sono verificati casi di materiali semilavorati di importazione, ad esempio lamiere, con livelli significativi di contaminazione radioattiva. La situazione di aperta emergenza dei primi anni 90 è stata gestita anche attraverso ordinanze contingibili e urgenti del Presidente della Giunta Lombarda e disposizioni temporanee statali e per controllo alle frontiere dei materiali ferrosi di importazione. Successivamente, il D.Lgs. 230/95 ha introdotto l obbligo, dettato nel suo art. 157, di effettuazione di controlli negli impianti in cui il rischio di presenza incidentale di sorgenti radioattive è stato ritenuto significativo. Il tema è stato ripreso e precisato con il D.Lgs. 1 giugno 2011 n. 100, che detta, inter alia, il regime della sorveglianza radiometrica su materiali o prodotti semilavorati metallici, modificando e integrando l assetto precedente. L inserimento nel ciclo produttivo di sorgenti non individuate ha comportato notevoli fenomeni di contaminazione radioattiva, con la conseguente necessità di provvedere alla decontaminazione delle aziende colpite e con la produzione di quantità estremamente rilevanti di rifiuti radioattivi. Tali rifiuti radioattivi, per carenza di un sito, nazionale o meno, per il loro smaltimento, frequentemente sono ancora conservati all interno delle aziende, costituendo, se non un problema immediato dal punto di vista sanitario e ambientale, quantomeno un forte vincolo per il riuso delle aree, sia per eventuali sviluppi aziendali sia per una loro possibile variazione di destinazione d uso. Il rischio di perdita di memoria storica, inoltre, costituisce una realistica eventualità, con conseguenze imprevedibili dal punto della radioprotezione. ARPA Lombardia, nel settembre del 2011, ha prodotto un primo censimento delle aziende e dei siti nei quali sono attualmente conservati rifiuti generati dall inserimento nel ciclo produttivo di materiali radiocontaminati, partendo dai dati reperibili nei propri archivi, forse non esaustivi, spesso recuperati in documentazione risalente a prima della costituzione di Arpa stessa, avvenuta nel Un primo quadro di insieme, secondo le informazioni disponibili, è così riassumibile: numero di siti censiti: 8 peso totale del materiale radiocontaminato presente: 1900 t circa volume totale: 1500 m 3 circa 4

5 radionuclidi principali rilevati: cesio 137, cobalto 60, americio 241, radio 226 range attività presenti: da alcuni bequerel ad alcune migliaia di bequerel per grammo Le giacenze risalgono, in alcuni casi, ad oltre 20 anni fa e le condizioni di stoccaggio sono molto variegate, così come le forme di vigilanza poste in essere. Casi di rilievo si succedono nel tempo con una certa regolarità: anche nel luglio 2011 si è verificato un caso di contemporanea contaminazione radioattiva in due aziende dello stesso gruppo industriale. Esaminando la situazione dal punto di vista normativo, questi depositi sono controversi. Queste situazioni non trovano una chiara collocazione all interno del contesto normativo; i depositi vengono definiti, necessariamente, come temporanei non essendo giustificata la loro stabilizzazione nelle aziende che li detengono; normalmente la detenzione non è oggetto di un apposito atto autorizzativo a causa delle condizioni emergenziali in cui vengono effettuati i ritrovamenti. La conservazione in sito è comunque necessitata, considerando che non esiste alcuna possibilità di smaltimento o comunque di allontanamento dei materiali per l assenza di strutture nazionali idonee alla loro ricezione e presa in carico definitiva o almeno per la loro gestione di lungo termine. - Discariche La presenza di contaminazione radioattiva in impianti industriali ha avuto talora come effetto che discariche di servizio autorizzate abbiano patito intensi fenomeni di contaminazione. In un caso di questo tipo, verificatosi negli anni 90, è stato deciso di procedere con una messa in sicurezza in situ tale da minimizzare le conseguenze radiologiche sull ambiente, considerato che fu valutato come improponibile lo svuotamento del corpo di discarica. Si è verificato inoltre almeno un caso di ritrovamento di una discarica abusiva contenente quantità significative di contaminanti radioattivi. Qualora le evoluzioni nel tempo della situazione ambientale richiedessero l estrazione dei materiali contaminati presenti non sarebbe in alcun modo disponibile un sito per la loro gestione in sicurezza. - Rifiuti radioattivi di origine naturale L utilizzazione, non a fini nucleari, di alcune sostanze naturali provoca la produzione di sottoprodotti comunque significativamente radioattivi, normati in maniera non del tutto chiara nel sistema normativo italiano. Infatti, il quadro degli aspetti protezionistici inerenti 5

6 tali lavorazioni è ben descritto nell allegato III bis del D.Lgs. 230/95, mentre il quadro della gestione dei materiali di risulta da dette operazioni, una volta che dovessero essere allontanati dal sito che li ha prodotti, risulta complesso e di non univoca interpretazione. Al di là degli aspetti meramente normativi, esiste un problema sostanziale di individuazione di un destino coerente con le caratteristiche di rischio del materiale. In sintesi, tanto per i settori sanitario e industriale, quanto per la gestione dei rifiuti derivanti da incidenti, è avvertita in modo intenso la necessità di un sito di smaltimento o di deposito a lungo termine, come integrazione, completamento e chiusura definitiva dei cicli di gestione locale. Gli aspetti tecnici, sociali, economici per la realizzazione di un tale sito non sono tra gli argomenti di questa relazione. Si intende comunque chiarire il contesto normativo di una simile iniziativa e mettere in luce il fatto che l Unione Europea chiede al Paese, attraverso una recentissima direttiva, che venga individuata una soluzione al problema, entro tempi stretti. Prospettive per una soluzione alla luce della legislazione nazionale e della direttiva comunitaria La legislazione nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi è contenuta, principalmente, nel D.Lgs. 230/95 e s.m.i. che, all interno dei capi IV, VI, VII, detta il regime normativo in tema di gestione, deposito, trasporto, smaltimento nell ambiente dei rifiuti radioattivi. La normativa è applicabile ai rifiuti radioattivi di qualsiasi genere. Una prospettiva concreta per la realizzazione di un impianto per la gestione di medio termine dei rifiuti radioattivi è contenuta nel D.Lgs. 31/10, titolo III, che prevede la realizzazione di un Deposito Nazionale, assegna a SOGIN le responsabilità per la sua realizzazione e detta l iter per la sua localizzazione. La realizzazione era concepita nel quadro dello sviluppo di un nuovo sistema elettronucleare italiano ma, oggi, il suo sviluppo è comunque necessario per la gestione di rifiuti qui brevemente descritti e per la gestione dei rifiuti derivanti dalla pregressa attività elettronucleare; segnatamente, non è possibile concepire alcun programma di decommissioning degli impianti nucleari esistenti sul territorio nazionale senza che sia disponibile un idonea struttura per la gestione off site di quantità considerevoli di rifiuti radioattivi della più disparata specie e qualità. Comunque, il referendum abrogativo di giugno 2011 non ha inciso sulla possibilità di realizzazione di tale struttura. Il Deposito Nazionale, così come previsto dal D.Lgs. 31/10 non è da confondersi con il Deposito Geologico di profondità per lo smaltimento definitivo dei rifiuti radioattivi, struttura questa che, dopo la critica vicenda di Scanzano Ionico, è stata tolta dagli ordini del giorno tecnici e politici sull argomento. 6

7 La situazione dovrà essere comunque nuovamente presa in considerazione alla luce della recente DIRETTIVA 2011/70/EURATOM DEL CONSIGLIO del 19 luglio 2011 che istituisce un quadro comunitario per la gestione responsabile e sicura del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi. La direttiva ha lo scopo di armonizzare i comportamenti dei Paesi dell Unione europea in una fase che, al momento del concepimento della direttiva stessa, appariva di forte espansione dell energia nucleare e, di conseguenza, delle criticità connesse alla produzione dei rifiuti radioattivi. Rimane intatto il suo valore, comunque, alla luce delle esigenze di gestione omogenea dei rifiuti elettronucleari già esistenti, dei rifiuti radioattivi non elettronucleari, della esigenza di traguardare verso una soluzione definitiva per lo smaltimento dei rifiuti più pericolosi, sviluppando il tema dei siti geologici profondi. L Unione, con la direttiva, prende posizione in merito al complesso quadro mondiale di gestione dei rifiuti radioattivi, che vede tutti i paesi produttori di energia nucleare e i paesi che hanno sviluppato un arsenale nucleare impegnati per la realizzazione di risorse che costituiscano il tassello finale dei cicli tecnologici nucleari. La base tecnica condivisa sulla quale la Direttiva si fonda è rappresentata dai documenti dell Agenzia Internazionale per l Energia Atomica, recepiti anche in sede politica da vari paesi aderenti alla IAEA, tra cui anche l Italia, attraverso la sottoscrizione della Convenzione Congiunta sulla sicurezza della gestione del combustibile nucleare irraggiato e dei rifiuti radioattivi adottata nella Conferenza Diplomatica della IAEA di Vienna del La Direttiva comunitaria si rifà ampiamente ai contenuti di tale Convenzione Congiunta. Tra i vari elementi di interesse contenuti nella direttiva, tre appaiono di particolare rilievo: 1) Gli Stati membri sono tenuti ad adottare entro il 23 agosto 2013 un Quadro Nazionale per la gestione del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi, nel quale deve essere previsto un apposito programma nazionale per l attuazione della politica di gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi. Il programma nazionale deve a sua volta contenere i progetti o piani e soluzioni tecniche per la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi dalla generazione fino allo smaltimento. Devono essere indicate esplicitamente le risorse economiche per la realizzazione del programma. 2) La Commissione esercita un ruolo di vigilanza specifico sulla applicazione della Direttiva e, a tale fine, gli Stati membri devono trasmettere alla Commissione il contenuto del loro programma nazionale al più presto e comunque entro il 23 agosto ) I rifiuti radioattivi sono smaltiti nello Stato membro in cui sono stati generati, in un sito che sia ritenuto idoneo sulla base di criteri stabiliti dalla Commissione, a meno di accordi con altri stati membri, per utilizzare un impianto di smaltimento situato in uno di essi. Meno probabile, visto il contenuto della Direttiva, l accesso a risorse di Paesi non comunitari. 7

8 La gestione dei rifiuti radioattivi di bassa attività: esperienze europee e casi di studio Vari Paesi dell Unione Europea hanno affrontato e risolto il problema della gestione dei rifiuti radioattivi di attività modesta o relativamente modesta (very low level wastes - VLLW), che rappresentano una frazione significativa del problema soprattutto dal punto di vista dei volumi coinvolti, frazione meno critica relativamente al rischio intrinseco. Regno Unito, Spagna e Francia in particolare, si sono dotati di soluzioni tecnologiche concettualmente avanzate per la gestione dei rifiuti VLL. Questi tipi di depositi sono inseriti, in tali Paesi, in una strategia generale di gestione dell intero spettro delle tipologie di rifiuti radioattivi e coprono, per logica e strutturazione tecnica, le esigenze di base simili a quelle presenti in Italia in relazione a molte categorie di rifiuti di origine non nucleare o derivanti dallo smantellamento degli impianti nucleari. I modelli tecnologici e la collocazione territoriale degli impianti di questo tipo già realizzati in Europa rappresentano di conseguenza un utile elemento di riferimento per lo sviluppo della strategia nazionale di gestione dei rifiuti radioattivi, relativamente a questa fascia del problema. Quale caso di studio, in allegato è presentata una breve descrizione del deposito francese Morvilliers, progettato per ospitare m 3 di rifiuti radioattivi VLL, con la prospettiva di coprire le esigenze di gestione di questo tipo di rifiuti prodotti in Francia in un arco temporale 30 anni. Il modello concettuale prevede una gestione dei rifiuti radioattivi analoga a quanto previsto per rifiuti pericolosi convenzionali, non radioattivi; si prevede l individuazione di un sito di caratteristiche geologiche idonee a garantire livelli di sicurezza per un periodo di tempo esteso ad alcune centinaia di anni, periodo trascorso il quale il rischio di tipo radiologico può dirsi non più significativo. Altri aspetti di rilievo per la soluzione del problema dei rifiuti radioattivi in Italia Alcuni aspetti di carattere tecnico ed amministrativo sembrano condizionare significativamente il percorso per il raggiungimento degli obiettivi indicati dalla normativa comunitaria, e comunque incidono considerevolmente sulla capacità nazionale di gestione dei rifiuti radioattivi di origine sia elettronucleare che non. Gli argomenti che si crede prioritario affrontare sono si seguito ricordati: l aggiornamento della normativa tecnica nazionale, ancora attestata sulla guida tecnica n. 26 (Enea Disp 1987), armonizzandola alla normativa tecnica IAEA; la sincronizzazione della normativa inerente i rifiuti radioattivi con quella relativa ai rifiuti di tipo convenzionale; un intervento normativo chiaro ed esaustivo a revisione della attuale legislazione per la gestione dei NORM (Naturally Occurring Radioactive Material) e TENORM (Technologically 8

9 Enhanced Naturally Occurring Radioactive Material) sia relativamente alla disciplina delle attività sia relativamente alla gestione dei rifiuti appartenenti a quest area; una revisione dell impianto normativo relativo alle autorizzazioni e alle attività di gestione, acquisizione, manipolazione dei rifiuti radioattivi; la revisione della normativa relativa al trasporto delle sorgenti e dei rifiuti radioattivi, anch essa obsoleta e non armonizzata con le direttive comunitarie ed internazionali; un censimento a livello nazionale delle risorse per la gestione dei rifiuti radioattivi di origine non elettronucleare. Tali argomenti dovrebbero essere affrontati attraverso azioni di natura tecnica, nel quadro delle competenze di ISPRA, piuttosto che attraverso azioni del legislatore nazionale. Il reperimento di soluzioni alle problematiche citate renderebbe significativamente più semplice la gestione dei rifiuti radioattivi, di qualsiasi origine, in Italia. Conclusioni Esiste una concreta esigenza di gestione dei rifiuti radioattivi, indipendentemente dalle recenti scelte nazionali relative all attività elettronucleare. In Lombardia, in particolare, esistono situazioni diffuse, di tipo ordinario e straordinario, che risentono o potranno risentire dell assenza di risorse per la messa in sicurezza a medio e lungo termine dei rifiuti radioattivi. Sono accessibili soluzioni tecnologiche sul modello di quanto già praticato in altri Paesi dell Unione Europea. Contemporaneamente, si osserva che il quadro che emerge dalla Direttiva 2011/70/Euratom rende necessaria, per il Paese, la definizione di azioni dettagliate per la gestione delle varie tipologie di rifiuti radioattivi. La Direttiva cade su di un terreno parzialmente dissodato dal D.Lgs. 31/10, che prevede la realizzazione di un Deposito Nazionale. L obsolescenza del quadro tecnico e normativo nazionale relativo alla gestione dei rifiuti radioattivi costituisce un limite considerevole all implementazione tanto delle azioni necessarie all applicazione della direttiva comunitaria quanto di soluzioni per la gestione delle criticità presenti. L orizzonte temporale per la definizione dei Piani e dei Programmi nazionali, come richiesti dalla Commissione Europea, è molto ravvicinato, e occorre che le conseguenti iniziative considerino adeguatamente tutti gli aspetti del problema, tra cui quelli qui richiamati. 9

10 Allegato: Caso di Studio Gestione dei rifiuti radioattivi VLL in ambito europeo: il deposito francese Morvilliers Lo smaltimento dei rifiuti radioattivi solidi a bassissimo contenuto di radioattività VLLW è praticato da decenni in diversi paesi, per assolvere alle necessità dell industria nucleare (decommissioning degli impianti afferenti al ciclo del combustibile) e non-nucleare, in particolare di quella metallurgica. Nell Unione Europea paesi quali Regno Unito, Francia e Spagna sono all avanguardia in questo settore e da anni dispongono di siti di smaltimento realizzati secondo moderni concetti di tutela ambientale e salvaguardia delle popolazioni; tra questi il deposito Clifton Marsh inglese, quello di El Cabril in Spagna e il sito di Morvilliers in Francia. Il deposito francese per rifiuti radioattivi VLLW di Morvilliers è ubicato in un area di 45 ettari nell omonimo comune, adiacente il deposito di L Aube (quest ultimo è destinato allo smaltimento dei rifiuti ad attività bassa o intermedia a vita breve, tipo quello che il governo ha attribuito a SOGIN). Il deposito di Morvilliers sfrutta le favorevoli condizioni geologiche presenti nell area: in particolare un livello argilloso superficiale con spessore variabile da 15 m a 25 m, in cui sono state ricavate le trincee che ospitano i rifiuti. Queste ultime, raggiunta la saturazione, vengono riempite con materiale inerte (generalmente sabbia) e coperte con un sistema di capping costituito da una membrana in HDPE e un livello di argilla, per assolvere alle funzioni di ridondanza e complementarietà nell isolamento del sistema; una delle prime necessità è infatti quella di impedire, o 10

11 quanto meno limitare, l ingresso delle acque meteoriche o più in generale di ruscellamento superficiale. Questo approccio risponde alle comuni e ormai consolidate esigenze di smaltimento previste per i rifiuti pericolosi convenzionali non radioattivi. L attività di smaltimento è iniziata nell ottobre del 2003, per una capacità totale di circa m 3, con una previsione originaria del tasso di smaltimento pari a circa m 3 all anno, poi aumentato nel 2009 a m 3 all anno. Sono quindi previsti circa 30 anni di attività, al termine dei quali sarà attuato un periodo di controllo istituzionale di durata trentennale. L agenzia Andra, deputata alla gestione di lungo termine dei rifiuti radioattivi francesi, nel 2009 ne ha aggiornato l inventario, aumentando le stime dei quantitativi prodotti nella gestione del programma nucleare francese per i decenni a venire: nel 2030 si prevede il raggiungimento di m 3 di rifiuti VLLW (pari a circa il 47% di tutti i rifiuti radioattivi d oltralpe), quindi ben al di sopra del volume ammissibile per il deposito di Morvilliers. Per questo motivo, oltre agli eventuali interventi per minimizzarne i volumi, quali il miglioramento del processo di compattazione, si sta fattivamente ipotizzando il riutilizzo di questi materiali, visto il ridotto quantitativo di radioattività, ad esempio mediante il riciclo dei rottami metallici dopo eventuale decontaminazione o l impiego dei residui cementizi delle demolizioni come materiali di riempimento delle stesse trincee e del deposito. La disponibilità in Italia di una struttura similare, di capacità più bassa (qualche centinaio di migliaia di m 3 ), che possa ospitare tutti i rifiuti che non provengono dalle installazioni nucleari, da un lato permetterebbe di dare soluzione alle problematiche di smaltimento dei NORM e TENORM e altri rifiuti a bassissimo livello di radioattività e, dall altro, di farlo a costi sensibilmente più contenuti rispetto a quelli che caratterizzano la gestione dei rifiuti di alta attività, evitando anche di dover sovradimensionare il deposito dei rifiuti nucleari di II categoria che dovrà essere realizzato da SOGIN. La disponibilità nazionale di un deposito di questo tipo eliminerebbe o quantomeno limiterebbe consistentemente l esigenza di reperire in Paesi esteri siti di smaltimento definitivo, con costi estremamente elevati. 11

I rifiuti radioattivi in Italia

I rifiuti radioattivi in Italia La disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la gestione dei rifiuti radioattivi I rifiuti radioattivi in Italia Roberto Mezzanotte Torino, 28 Gennaio 2016 Classificazione attuale ex Decreto

Dettagli

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso 1 Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso Ing. Lamberto Matteocci Il Decommissioning della Centrale di Caorso e la Gestione dei Rifiuti Radioattivi 30 Settembre 2015 2 FUNZIONI e

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività RELAZIONE ILLUSTRATIVA I rifiuti radioattivi in Italia I rifiuti

Dettagli

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi

Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi Il progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi IL DEPOSITO NAZIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI: ASPETTI GEOLOGICI ED AMBIENTALI FABIO CHIARAVALLI Direttore Deposito Nazionale

Dettagli

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi di Giancarlo Bolognini* In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari; la maggior parte di esse

Dettagli

La gestione dei rifiuti radioattivi non elettronucleari. Una questione attuale. I temi di interesse e le prospettive

La gestione dei rifiuti radioattivi non elettronucleari. Una questione attuale. I temi di interesse e le prospettive La gestione dei rifiuti radioattivi non elettronucleari. Una questione attuale. I temi di interesse e le prospettive Il quadro generale della presenza di rifiuti radioattivi in Lombardia Giuseppe Sgorbati

Dettagli

SOGIN - Profilo Istituzionale

SOGIN - Profilo Istituzionale SOGIN - Profilo Istituzionale Proteggiamo il presente Garantiamo il futuro CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Giuseppe Zollino -Presidente Riccardo Casale -Amministratore Delegato Lorenzo Mastroeni -Vice Presidente

Dettagli

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi

Dettagli

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione V Convegno Nazionale NAD 10 Anni di impegno guardando al futuro DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione Fabio Chiaravalli - SOGIN Direttore Ambiente,

Dettagli

IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA. Latina 20 febbraio 2015

IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA. Latina 20 febbraio 2015 1 IL DECOMMISSIONING DELLA CENTRALE DI LATINA Latina 20 febbraio 2015 Sogin 2 Sogin è la società pubblica responsabile del decommissioning degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti

Dettagli

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA

BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA APPROFONDIMENTI / 75 BONIFICARE I SITI NUCLEARI E METTERE IN SICUREZZA TUTTI I RIFIUTI RADIOATTIVI: UNA PRIORITÀ PER L ITALIA LUCA CITTADINI, Direttore Gruppo Sogin L e applicazioni del nucleare non si

Dettagli

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca

Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012. Sessa Aurunca Centrale del Garigliano Tavolo della Trasparenza 27 novembre 2012 Sessa Aurunca Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata della bonifica ambientale dei siti nucleari e della gestione in sicurezza dei

Dettagli

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana

Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Il decommissioning nucleare: l esperienza italiana Milano, 12 dicembre 2014 Emanuele Fontani Amministratore Delegato Nucleco 1 SOMMARIO o Gruppo Sogin o Nucleco o Il decommissioning degli impianti nucleari

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche

Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Materiale Radioattivo da attività di medicina nucleare Trasporto, normative e problematiche Tavola rotonda: «Esperienze e tecnologie per le bonifiche ambientali» Ing. Roberto Vespa Direttore Tecnico -

Dettagli

Energia nucleare e problematiche ambientali

Energia nucleare e problematiche ambientali Energia nucleare e problematiche ambientali R. Mezzanotte, M. Altavilla Giornata di Studio: Energia nucleare nuove prospettive ed opportunità Terni, 7 Marzo 2008 Energia nucleare e problematiche ambientali

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO Tolmezzo, 27 maggio 2011 L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO G. Comini CISM Dipartimento di Energia e Ambiente Preoccupazioni Sicurezza, in quanto le centrali nucleari sono viste come un rischio per la salute

Dettagli

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Roberto Mezzanotte ISPRA Vercelli, 24 Marzo 2009 Prime esperienze Reattore Avogadro - Saluggia trasformato in deposito temporaneo

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano. Piero Risoluti

Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano. Piero Risoluti ENERGIA NUCLEARE E ACCETTAZIONE SOCIALE La Scelta dei siti il vero banco di prova Università Bocconi, Milano, 21 Giugno 2010 Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano Piero Risoluti

Dettagli

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza 6 Dicembre 2005 Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi Flavio Trotti, Elena Caldognetto (ARPA Veneto) Rosella

Dettagli

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata:

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata: 10 CRITERI TECNICI DELLE PRIORITÀ L elenco dei siti con gli indici di priorità contenuti nel presente piano, dovrà essere rivisto ed aggiornato alla luce delle risultanze emergenti dai piani di caratterizzazione.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 Norme per il rilascio del nulla osta all impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti di categoria B per le attività comportanti esposizioni a scopo medico. IL CONSIGLIO

Dettagli

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA PER LA TUTELA SANITARIA DELLA POPOLAZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL IMPIEGO DI SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI L Organismo Tecnico istituito ai

Dettagli

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario ATTO CAMERA RISOLUZIONE IN COMMISSIONE CONCLUSIVA DI DIBATTITO 8/00032 Dati di presentazione dell'atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: del / / Firmatari Primo firmatario: BENAMATI GIANLUCA Gruppo:

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica stabilite le condizioni necessarie affinché l autorizzazione possa essere concessa: si tratta esattamente dei due criteri per i quali la direttiva europea

Dettagli

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Visti:

L'AUTORITÀ PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Visti: Delibera ARG/elt 195/08 Determinazione a preventivo degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari dismesse, alla chiusura del ciclo del combustibile e alle attività connesse

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 1 LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 Convegno Le emergenze radiologiche e nucleari Problematiche radioprotezionistiche, operative

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti

Cava Casolo Piano Gestione Rifiuti 1 PREMESSA... 2 2 METODO DI COLTIVAZIONE... 3 2.1 Scopertura del giacimento... 3 2.2 Estrazione e carico del calcare... 3 2.3 Trasporto all impianto... 3 2.4 Frantumazione... 3 2.5 Recupero ambientale...

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica Paola Angelini Servizio Sanità pubblica Modena, 1 aprile 2011 D.Lgs. 230/95 e s.m.i. detenzione = impiego comunicazione preventiva nulla osta all'impiego Categoria B Categoria A LIMITI LIMITI INFERIORI

Dettagli

DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA AMBIENTALE E DI INFORMAZIONE

DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA AMBIENTALE E DI INFORMAZIONE PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVINCIA DI PIACENZA, COMUNE DI CAORSO E AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E L'AMBIENTE DELL'EMILIA-ROMAGNA (ARPA) AI FINI DELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI SORVEGLIANZA

Dettagli

INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB

INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB (D. Lgs. 209/99) Aggiornamento al 31 marzo 2015 S e z i o n e R e g i o n a l e C a t a s t o R i f i u t i A R P A P i e m o n t e P i e m o n t e ARPA Piemonte

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

L energia nucleare La radioattività

L energia nucleare La radioattività L energia nucleare La radioattività La radioattività fu scoperta nel 1896 da Henri Bequerel, un fisico francese che per primo osservò l emissione spontanea di radiazioni da un pezzo di un minerale di uranio,

Dettagli

GLI INERTI RICICLATI nei capitolati di appalto lavori pubblici Car a a r t a t t e t ri r s i t s i t c i he Vin i col o i Cri r t i i t c i it i à

GLI INERTI RICICLATI nei capitolati di appalto lavori pubblici Car a a r t a t t e t ri r s i t s i t c i he Vin i col o i Cri r t i i t c i it i à GLI INERTI RICICLATI nei capitolati di appalto lavori pubblici Caratteristiche Vincoli Criticità Cosa fare Dr. Filippo Grifoni COSA DEVE INTENDERSI PER AGGREGATI RICICLATI RIFIUTI INERTI DA C&D (es.) inerti

Dettagli

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani RECUPERO ALLUMINIO DALLE SCORIE POST-COMBUSTIONE L impianto BSB per il trattamento

Dettagli

ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro

ASSOFOND. Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro XXXI Congresso di Fonderia ASSOFOND Federazione Nazionale Fonderie Fonderia e nuovi scenari: competitività e tecnologia, le sfide del futuro LA GESTIONE DEL ROTTAME NELL AMBITO DELLA NORMATIVA AMBIENTALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008 CIRCOLARE N. 43/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 maggio 2008 OGGETTO: Rifiuti e rottami trattamento fiscale ai fini IVA N. 127-sexiesdecies, della Tabella A Parte III allegata al DPR

Dettagli

Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione

Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione Direttiva relativa alla mobilità dei rifiuti nella e fuori regione Con la delibera n.1089 del 4 novembre 2005 la giunta regionale ha approvato gli indirizzi regionali per l esercizio delle funzioni attribuite

Dettagli

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO)

PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROVINCIA DI ROVIGO REGIONE DEL VENETO COMUNE DI ADRIA PROGETTO DI RICONVERSIONE INDUSTRIALE PER LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER LA PRODUZIONE DI BIO-BDO Bottrighe Adria (RO) PROGETTO DEFINITIVO R03

Dettagli

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007

PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 PROPOSTA DI ORDINANZA N. 35 DEL 18/07/2007 UFFICIO PROPONENTE: U.T.C. SERVIZI AMBIENTALI Servizi Ambientali Oggetto: MODALITA' DI RACCOLTA DEI RIFIUTI INGOMBRANTI E BENI DUREVOLI DI ORIGINE DOMESTICA IL

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR

Osservazioni dell ANEA al documento dell AEEGSI DCO 299/2014/R/IDR Osservazioni dell ANEA al DCO 299/2014/R/idr dell AEEGSI del 19 giugno 2014 Definizione delle tariffe di collettamento e depurazione dei reflui industriali autorizzati in pubblica fognatura - Inquadramento

Dettagli

BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI...

BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI... INDICE 1 PREMESSA... 2 2 BILANCIO DI PRODUZIONE DI MATERIALE DA SCAVO E/O DI RIFIUTI... 2 3 CRITERI PER LA LOCALIZZAZIONE E GESTIONE DELLE AREE DI CANTIERE DA ADIBIRE A DEPOSITO TEMPORANEO... 3 File: 13-033_gen01es_r0

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Convegno INFN-Energia e Industria verso Horizon 2020 e nuovi mercati 1 Genova, 15 Gennaio 2014 2 Decommissioning in Italia Centrali ed

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

PROVINCIA DI VERCELLI

PROVINCIA DI VERCELLI PROVINCIA DI VERCELLI Personale e Organizzazione - Tutela Ambientale UFFICIO Rifiuti, Emissioni in Atmosfera, Inquinamenti e Bonifiche N. Mecc. PDET-1333-2013 del 20/05/2013 Atto N. 1331 del 21/05/2013

Dettagli

Smantellamento degli impianti nucleari e gestione dei rifiuti radioattivi

Smantellamento degli impianti nucleari e gestione dei rifiuti radioattivi 1 Giuseppe Bolla, SOGIN 2 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Centrali ed impianti nucleari oggi presenti in Italia Cos è il decommissioning I programmi di decommissioning in altri paesi europei La gestione

Dettagli

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011

Procedura Reg. 333/2011/UE Rev. 0 del 14/09/2011 Pagine 1 di 5 INDICE 1) Scopo e campo di applicazione 2) Riferimenti 3) Risorse e responsabilità 4) Applicabilità 5) Metodo di prova con strumentazione portatile 6) Registrazione ed archiviazione dei documenti

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

Il Catasto dei rifiuti

Il Catasto dei rifiuti Il Catasto dei rifiuti Il Catasto dei rifiuti Rosanna Andolina, Cristina Mazzetti Normativa Nel nostro Paese così come a livello comunitario, la contabilità dei rifiuti è reputata strategica per una corretta

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU

ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU La presente circolare, ha lo scopo di fare il punto sulla problematica allarmi radiometrici presso gli impianti

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Pagina 1 di 6 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 18 dicembre 2006 Delibera n. 290/06 ADEMPIMENTO ALLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN MATERIA DI DESTINAZIONE

Dettagli

Rifiuti Contenenti Amianto: problematiche relative allo smaltimento

Rifiuti Contenenti Amianto: problematiche relative allo smaltimento Rifiuti Contenenti Amianto: problematiche relative allo smaltimento Dott.ssa Federica Paglietti Ing. Beatrice Conestabile della Staffa Tel. +39/06/97892667 Fax +39/06/97892590 E-mail: f.paglietti@inail.it

Dettagli

Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili

Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili ing. Roberto Gullì ing. Valeria Palmieri Ufficio Rischi Antropici - DPC Roma,

Dettagli

Schema DPCM Emendamenti Osservazioni Regioni. 2 di 19 27/01/16, 18:42

Schema DPCM Emendamenti Osservazioni Regioni. 2 di 19 27/01/16, 18:42 Allegato Osservazioni e proposte di emendamento allo schema di DPCM recante Ricognizione dell offerta esistente e del fabbisogno residuo degli impianti di recupero della frazione organica dei rifiuti urbani

Dettagli

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE Ufficio Stampa I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE VALUTAZIONE DEL RISCHIO E STRATEGIE PER RIDURLO In generale, la somministrazione di materiale radioattivo a pazienti sottoposti

Dettagli

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio.

Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Parere n. 65/2010 Quesiti relativi al servizio di trasporto rifiuti gestito da Consorzio. Vengono posti alcuni quesiti in relazione al servizio di trasporto dei rifiuti. Un Consorzio di Enti Locali, costituito

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo DESTINATARI: CAPITANERIE DI PORTO (tutte) Ministero dell Ambiente e della Tutela UFFICI CIRCONDARIALI MARITTIMI (tutti - tramite le Capitanerie di Porto) e, per conoscenza: DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITÀ

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Politiche Sociali. Seduta del 5 maggio 2014 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE RIZZI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Politiche Sociali. Seduta del 5 maggio 2014 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE RIZZI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Politiche Sociali Seduta del 5 maggio 2014 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE RIZZI ITR N. 2094 DELUCIDAZIONI IN MERITO ALL INCIDENTE NUCLEARE DI ROVELLO PORRO Argomento n. 3

Dettagli

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione

Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Associazione Piccole e Medie industrie delle Provincie di Novara, VCO e Vercelli Le problematiche dei rifiuti in azienda e la nuova classificazione Alessandria, 08/07/15 Sportelli API SPORTELLO AMBIENTE

Dettagli

Rifiuti da pile e accumulatori: la disciplina per il riciclaggio

Rifiuti da pile e accumulatori: la disciplina per il riciclaggio l I produttori devono farsi carico in maniera complessiva di tutti gli oneri Rifiuti da pile e accumulatori: la disciplina per il riciclaggio La direttiva europea 2006/66/CE, recepita dal D.Lgs. n. 188/2008,

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/013/CU17/C5 PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2012/19/UE SUI RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI: GESTIONE RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI 1. LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME SOTTOPRODOTTI 2. I SITI CONTAMINATI 3. LA GESTIONE IN IMPIANTO DI RECUPERO DEI RIFIUTI DA

Dettagli

Incontro con i cittadini di Caorso. 14 marzo 2008

Incontro con i cittadini di Caorso. 14 marzo 2008 1 Incontro con i cittadini di Caorso 14 marzo 2008 2 Sommario Piano industriale Il piano industriale 2007-2011 L accelerazione Il recupero di efficienza Il modello organizzativo Il progetto sicurezza Il

Dettagli

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99

Fig.1 - n Verifiche Ispettive completate nella Provincia di Ravenna presso gli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 Legge Regionale 17 dicembre 23 n.26: Verifiche Ispettive sui Sistemi di Gestione della Sicurezza degli stabilimenti soggetti all art.6 del D.Lgs 334/99 della Provincia di Ravenna Risultanze e commenti

Dettagli

R E G I O N E P U G L I A

R E G I O N E P U G L I A - Visto il decreto legislativo 5 febbraio 1997, n.22 (sostituito dal decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152); - Visto il decreto legislativo 13 gennaio 2003, n.36; - Visto il decreto ministeriale 5 febbraio

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA

AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA POSITION PAPER ENEA SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2011/70 EURATOM

Dettagli

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 29 maggio 07 Gazzetta Ufficiale n 143 del 22 Giugno 2007

pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 29 maggio 07 Gazzetta Ufficiale n 143 del 22 Giugno 2007 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 29 maggio 07 Gazzetta Ufficiale n 143 del 22 Giugno 2007 Delibera n. 121/07 DETERMINAZIONE A CONSUNTIVO, PER L ANNO 2006, DEGLI ONERI CONSEGUENTI ALLO

Dettagli

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014

Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione. ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 Comitato Paritetico di Controllo e Valutazione ESAME DELLA RELAZIONE n. 19 del 2014 "Relazione sullo stato di attuazione della Legge Regionale 11 dicembre 2006, n. 24 Norme per la prevenzione e la riduzione

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

Tavolo della Trasparenza

Tavolo della Trasparenza 1 Tavolo della Trasparenza Regione Piemonte Torino, 14 gennaio 2010 2 Indice Attività in Piemonte Impianto Fabbricazioni nucleari - Bosco Marengo Centrale E. Fermi - Trino Impianto EUREX - Saluggia Sicurezza

Dettagli

DIRETTIVE REGIONALI PER L APPLICAZIONE DA PARTE DEI COMUNI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI ALL ART. 39, COMMA 2 DELLA L.R. 19.12.2007, N. 45 E S.M.I.

DIRETTIVE REGIONALI PER L APPLICAZIONE DA PARTE DEI COMUNI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI ALL ART. 39, COMMA 2 DELLA L.R. 19.12.2007, N. 45 E S.M.I. DELIBERAZIONE 28.06.2010, N. 514 PUBBLICATA SUL B.U.R. ABRUZZO N. 43 SPECIALE DEL 28.07.2010 DIRETTIVE REGIONALI PER L APPLICAZIONE DA PARTE DEI COMUNI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI ALL ART. 39, COMMA 2 DELLA

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Rottami ferrosi: definizione di rifiuto, materie recuperate e sottoprodotti secondo il D.lg. 152/2006 e s.m.i.

Rottami ferrosi: definizione di rifiuto, materie recuperate e sottoprodotti secondo il D.lg. 152/2006 e s.m.i. Rottami ferrosi: definizione di rifiuto, materie recuperate e sottoprodotti secondo il D.lg. 152/2006 e s.m.i. ECOMONDO - SALA GEMINI FIERA DI RIMINI 3 Novembre 2015 Relatore: Ing. Andrea Meneghini Ecamricert

Dettagli

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET

Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Una rivoluzione nella diagnosi e nel trattamento del cancro: la PET Introdotta circa tre decadi fa da Phelps e Hoffman la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) solo recentemente è divenuta lo strumento

Dettagli

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti

PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti PROPOSTA DI Piano Regionale Gestione rifiuti Sezione Rifiuti Speciali 21 febbraio 2014 PGR parte rifiuti speciali Per quanto attiene i rifiuti speciali, la disciplina legislativa prevede un regime differenziato

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE

RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE 28.12.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 344/65 RACCOMANDAZIONI COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 17 dicembre 2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI

INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI INTERVENTO DI PIERO RISOLUTI DEL COMITATO FISSIONE NUCLEARE DELLA COMMISSIONE EUROPEA L ENERGIA NUCLEARE FA ANCORA PAURA? BIOGRAFIA Piero Risoluti è attualmente l esperto nazionale italiano nel Comitato

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Il processo logistico ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Il processo logistico

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1490 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FAVA, ALLASIA, BRIGANDÌ, BUONANNO, CHIAPPORI, COMAROLI, CONSIGLIO, D AMICO, FEDRIGA, FOLLEGOT,

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica)

Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica) Azienda Ospedaliero - Universitaria Consorziale Policlinico di Bari Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica) J Presentazione L Unità Operativa di Fisica Sanitaria svolge nell ambito

Dettagli

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale

Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Audizione in Commissione Industria, commercio, turismo del Senato della Repubblica Indagine conoscitiva sulla strategia energetica Nazionale Roma, 10 luglio 2012 Sogin Sogin è la Società di Stato incaricata

Dettagli

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro E una disciplina la cui specificità risiede nell impiego regolamentato di radionuclidi artificiali in forma non sigillata per attività sia di tipo diagnostico che terapeutico. E strutturata in due settori

Dettagli