1. DESCRIZIONE GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. DESCRIZIONE GENERALE"

Transcript

1

2 1. DESCRIZIONE GENERALE 1.1 Premessa L ntervento oggetto della presente relazone tecnca rguarda l mpanto d rvelazone e segnalazone ncend da realzzare a servzo del locale archvo dell edfco scolastco sto a Scacca n c/da Marchesa, sede dell I.I.S.S. C. AMATO VETRANO d Scacca. 1.2 Elaborat grafc d rfermento La forma, le dmenson, gl element costruttv degl mpant, nonché l'orentamento dell'edfco e de var local e van, rsultano dalle tavole d dsegno allegate al progetto esecutvo. 1.3 Normatva d rfermento Le norme prncpal prese a rfermento sono le seguent: Decreto mnsterale 30 novembre 1983 (G. U. n. 339 del 12 dcembre 1983) - Termn, defnzon general e smbol grafc d prevenzone ncend. Decreto 26 agosto 1992 G.U. n. 218 del 16 settembre 1992 norme d prevenzone ncend per l edlza scolastca Norma UNI 9795 Sstem fss automatc d rvelazone, d segnalazone manuale e d allarme d ncendo ; Norma UNI EN 54-1 Introduzone ; Norma UNI EN 54-2 Centrale d controllo e segnalazone ; Norma UNI EN 54-3 Dspostv sonor d allarme ncendo ; Norma UNI EN 54-4 Apparecchatura d almentazone ; Norma UNI EN 54-5 Rvelator d calore Rvelator puntform ; Norma UNI EN 54-7 Rvelator d fumo Rvelator puntform funzonant secondo l prncpo della dffusone della luce, della trasmssone della luce o della onzzazone ; Norma UNI EN Rvelator d famma Rvelator puntform ; Norma UNI EN Punt d allarme manuale ; Norma UNI EN Rvelator d fumo Rvelator lnear che utlzzano un raggo ottco lumnoso ; Progetto d norma Pr EN Sstem d rvelazone e d segnalazone d ncendo - Lnee guda per la progettazone, nstallazone, uso e manutenzone ; Norma CEI 64-8 "Impant elettrc utlzzator a tensone nomnale non superore a 1000 V n corrente alternata e a 1500 V n corrente contnua". Norma CEI Prove d resstenza al fuoco per cav elettrc n condzon d ncendo - Integrta del crcuto Guda CEI / 2000 Cablaggo per telecomuncazon e dstrbuzone multmedale negl edfc resdenzal. Guda CEI "Edlza resdenzale. Guda per l'ntegrazone nell'edfco degl mpant elettrc utlzzator, auslar e telefonc"; D.M. 16/02/2007 Classfcazone d resstenza al fuoco d prodott ed element costruttv d opere da costruzone. D.M. 22/01/2008 n. 37 Regolamento recante rordno delle dsposzon n matera d attvtà d nstallazone degl mpant all nterno degl edfc.

3 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DELLE SOLUZIONI DI PROGETTO 2.1 Descrzone dello stato attuale Il locale archvo è ubcato al pano semnterrato dell ala sud-est dell edfco ed ha una superfce d crca 104 mq ed altezza par a m 2,95. Nella parte superore d una delle paret esterne sono present fnestre a nastro d altezza 1,10 cm, aprbl che consentono l areazone del vano. Al locale s accede dal corrdoo tramte una doppa porta nterna da cm 160. Il pavmento del locale rsulta pavmentato con marmette pressate d cemento e scagle d marmo mentre le paret e l sofftto rsultano rfnt con ntonaco del tpo cvle per ntern Non è presente la certfcazone de materal utlzzat per tale costruzone n termn d resstenza la fuoco. Il corrdoo d accesso a local rsulta anche essere una va d esodo. 2.2 Crter progettual segut Per rendere l locale esstente compatble alla destnazone ad archvo, nel rspetto della normatva vgente, n partcolare relatva all antncendo, s sono segut seguent crter base: o dmezzare l carco d ncendo realzzando due dstnt local d c.ca 36 mq cascuno; o proteggere le strutture d separazone del locale con materal avent caratterstche d resstenza al fuoco REI 120. La scelta d optare per una compartmentazone de local REI 120 derva dalla volontà d non lmtare quanttatv d carta depostabl all nterno degl stess. o l'accesso a depost deve avvenre tramte porte REI 120 dotate d congegno d autochusura. o nstallare un mpanto d rvelazone e segnalazone ndpendente dal sstema antncendo dell sttuto. 2.3 Descrzone dell ntervento prevsto In base all allegato A alla lettera crcolare Prot. N. P2244/4122 sott. 32 del 30 ottobre 1996 (charment) s deduce che n tutt que local che presentano un carco d ncendo superore a 30 Kg/mq, n cu non sa prevsta la presenza contnuatva d personale, qual spaz per depost, ntendendo quegl ambent destnat alla conservazone de materal sold combustbl per uso ddattco e per servz ammnstratv, o archv non presdat, ubcat n pan fuor terra, dovranno essere realzzat gl mpant automatc d rvelazone e allarme ncend. Consderando le tpologe d materale che potranno essere present (prncpalmente carta) ed quanttatv med, s rtene che l carco d ncendo rsulterà superore a 30 kglegna equvalente/m 2 Per questo motvo, non potendo lmtare l quanttatvo d deposto, s è prevsto d dotare local d mpanto automatco d rvelazone e allarme. Inoltre, local sono dotat d aperture permanent d aerazone d superfce par ad 3,08 mq e qund superore a 1/40 della superfce n panta prevsto dalle norme. Nel suo complesso l ntervento progettato prevede la realzzazone d opere cvl, meccanche ed elettrche che s replogano d seguto: realzzazone d una parete dvsora con blocch d calcestruzzo alleggerto realzzazone d una controfodera sulle paret esterne con blocch d calcestruzzo alleggerto, al fne d mtgare l umdtà presente sulle murature; rvestmento delle paret permetral e del solao con ntonaco premscelato a base d slcat per ottenere la resstenza al fuoco desderata (REI 120); nstallazone d due porte REI 120 a anta unca, dm 90 x 215 cm, con manglone; sstema d rvelazone ncend per attvazone de sstem d allarme e segnalazone;

4 2.4 Dettaglo delle soluzon e prescrzon d nstallazone Nello specfco al fne d rlevare e segnalare nel mnor tempo possble un eventuale ncendo nell archvo, dove non è costantemente asscurata la presenza d personale addetto n grado d dare l allarme, è prevsta l'nstallazone d un sstema fsso automatco d rvelazone. L mpanto d rvelazone e segnalazone ncend sarà del tpo ad ndrzzamento a gruppo e costtuto da centrale d controllo e segnalazone, rvelator d fumo e calore, dspostv ottco/acustc d allarme antncendo, punt d segnalazone manuale, lnee bflar d collegamento de component con la centrale d controllo, centrale d controllo, combnatore telefonco e almentazone d rserva e sarà costtuto da: - Rvelator puntform d fumo e calore (rvelano l ncendo e trasmettono automatcamente l'allarme alla centrale d controllo e d segnalazone); - Punt manual d segnalazone (consentono d trasmettere l allarme alla centrale d controllo); - Centrale d controllo e d segnalazone (consente d avere l controllo globale sul funzonamento dell'mpanto, rceve l segnale d allarme ed azona segnalator acustc d allarme). - Segnalator acustc-lumnos d allarme (dffondono sa acustcamente sa vsvamente l segnale d allarme rcevuto dalla centrale d segnalazone) d ncendo; - Gruppo d contnutà; - Combnatore telefonco GSM. Rvelator S prevede d nstallare rvelator d fumo analogco-attvo ad ndrzzamento ndvduale con comportamento d rsposta unforme nella pù ampa gamma d tpologe d ncendo. Tal rvelator saranno ad elevato grado d attendbltà graze all anals e trattamento del segnale sa nel rvelatore che nella centrale d rvelazone. I rvelator saranno dotat d nuovo sstema d rvelazone optoelettronco n grado d rvelare sa fum char che fum scur. I rvelator dovranno avere: - l emssone del segnale d percolo su 2 lvell: sensbltà normale o sensbltà aumentata con possbltà d selezone dalla centrale d rvelazone; - l emssone del segnale d manutenzone, nel caso n cu la camera ottca s sporch. - base per collegamento su lnea a 2 conduttor; - modulo d auto ndrzzamento, - dspostvo d solamento d corto crcuto d lnea e d uscta per rpettore ottco remoto. Le caratterstche tecnche de rvelator dovranno essere le seguent: - temperatura d eserczo: compresa tra 25 e +60 grad C; - umdtà: <=95% (relatva) - grado d protezone: IP44. - conformtà alla norma EN compatbltà elettromagnetca: 50 V/m (1 MHz 1 GHz) Il numero de rvelator è stato determnato n funzone della loro tpologa e delle caratterstche geometrche degl ambent da sorveglare. Per quanto attene alla dstrbuzone planmetrca de rvelator s rmanda agl elaborat grafc d progetto. Punt manual d segnalazone I punt manual d segnalazone d allarme saranno poszonat ne punt ndcat negl elaborat d progetto. Saranno costtut da pulsant d allarme con elettronca e crcuto ad auto ndrzzamento. Tal pulsant avranno dspostvo d solamento da cortocrcut sulla lnea d

5 rvelazone; sarà possble attvarl medante azone su lastra n vetro con punto d rottura e azonamento pulsante e saranno dotat d dodo led rosso per l ndcazone locale dello stato d attvazone. Le caratterstche tecnche prncpal saranno: - morsett d collegamento: 0,2-1,5 mmq; - temperatura d eserczo: da -25 a +60 grad C; - umdtà: <=100% (relatva); - grado d protezone: almeno IP54. Centrale d controllo e d segnalazone La centrale dovrà essere ubcata n poszone faclmente accessble (all'nterno d zona protette o all nterno d van protett) ed all'nterno d un ambente costantemente presdato durante le ore lavoratve e dotato d llumnazone d emergenza (lampade autoalmentate che asscurano 5 lux per 60 ). La centrale sarà, n grado d collegare gl element ndrzzabl (rvelator, pulsant) n conformtà a EN54 su 4 lnee d rvelazone analogche attve d tpo aperto o chuso ad anello. Norme d rfermento: EN54 parte 2 e EN54 parte 4. Alla centrale faranno capo sa rlevator sa pulsant d allarme. Segnalator d allarme I segnalator saranno costtut da un pannello d segnalazone ottco e acustco con scrtta "ALLARME INCENDIO"; sarà possble settare l suono e la segnalazone lumnosa o come mpulsva o come fssa. Le caratterstche tecnche prncpal saranno: - contentore plastco con frontale n plexglass; - lvello sonoro: 98 db; - almentazone: 24 Vdc; - assorbmento: 130 ma; - dmenson: 140 x 340 x 68 mm. Almentazone Il corretto funzonamento dell ntero sstema d rvelazone sarà asscurato da: - lnea elettrca preferenzale, dervata da rete d dstrbuzone pubblca dotata d propr organ d sezonamento, d manovra e d protezone; - battera tampone, n assenza d almentazone prmara, almenterà entro 15 s dal guasto l sstema d rvelazone, asscurerà l suo funzonamento per l tempo necessaro nonché l funzonamento degl avvsator sonor per 30 a partre dall emssone degl allarm Negl archv e depost materal saranno depostat n modo da consentre una facle spezonabltà, lascando corrdo e passagg d larghezza non nferore a 0,90 metr e le scaffalature rsulteranno a dstanza non nferore a 0,60 metr dall'ntradosso del solao d copertura. Ad uso d tal local saranno prevst almeno un estntore per cascun locale, d tpo approvato, d capactà estnguente non nferore a 21A. VERIFICA E CARICO INCENDIO Sono present n ogn sngolo deposto d mq 36 c.ca kg d carta racchusa n faldon cartace rpartt all nterno d scaffal metall della lunghezza complessva d 28 ml e dsposta su 4 rpan. - Potere calorfco nferore della carta 20 MJ/kg I calcol sono effettuat come ndcato dal DM 09/03/2007.

6 Calcolo del carco d ncendo specfco nomnale q f : q f = g H A m ψ dove: g H massa dell -esmo materale combustble [kg] potere calorfco nferore dell -esmo materale combustble [MJ/kg] m fattore d partecpazone alla combustone dell -esmo materale combustble par a 0,80 per l legno e altr materal d natura cellulosca e 1,00 per tutt gl altr materal combustbl ψ fattore d lmtazone della partecpazone alla combustone dell -esmo materale combustble par a 0 per materal contenut n contentor appostamente progettat per resstere al fuoco; 0,85 per materal contenut n contentor non combustbl e non appostamente progettat per resstere al fuoco; 1 n tutt gl altr cas A superfce n panta lorda del compartmento [m 2 ] S ha qund: Carta 4640 kg 20 MJ/kg 1 1 = MJ q f = 92800/36 = MJ/mq Il carco d ncendo specfco d progetto q f,d è dato da:

7

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo

Esempi di documentazione tecnica completa sottoposta ad accertamento documentale con esito positivo Appendce B (nformatva) Esemp d documentazone tecnca completa sottoposta ad accertamento documentale con esto postvo B.1 Generaltà La presente appendce fornsce alcun esemp d documentazone tecnca, relatv

Dettagli

impianti di prima pioggia

impianti di prima pioggia SHUNT ITALIANA TECHNOLOGY S.r.l. dvsone depurazone acque mpant d prma pogga un futuro per l acqua... 0867 CAPONAGO (MB) - Va G. Galle, - Tel. 0.95.96.6 - Fax 0.95.74..54 - dvacque@shunt.t - www.shunt.t

Dettagli

La retroazione negli amplificatori

La retroazione negli amplificatori La retroazone negl amplfcator P etroazonare un amplfcatore () sgnfca sottrarre (o sommare) al segnale d ngresso (S ) l segnale d retroazone (S r ) ottenuto dal segnale d uscta (S u ) medante un quadrpolo

Dettagli

Trigger di Schmitt. e +V t

Trigger di Schmitt. e +V t CORSO DI LABORATORIO DI OTTICA ED ELETTRONICA Scopo dell esperenza è valutare l ampezza dell steres d un trgger d Schmtt al varare della frequenza e dell ampezza del segnale d ngresso e confrontarla con

Dettagli

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2)

10-7-2009. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 158. ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) ALLEGATO 1 (Allegato A, paragrafo 2) Indcazon per l calcolo della prestazone energetca d edfc non dotat d mpanto d clmatzzazone nvernale e/o d produzone d acqua calda santara 1. In assenza d mpant termc,

Dettagli

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB

Edifici a basso consumo energetico: tra ZEB e NZEB Edfc a basso consumo energetco: tra ZEB e NZEB Prof. Ing. Percarlo Romagnon Dpartmento d Progettazone e Panfcazone n Ambent Compless Unverstà IUAV d Veneza Dorsoduro 2206 30123 Veneza perca@uav.t Modell

Dettagli

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari

Rilevatore di fumo radio fumonic 3 radio net. Infomazioni per locatari e proprietari Rlevatore d fumo rado fumonc 3 rado net Infomazon per locatar e propretar Congratulazon! Nella vostra abtazone sono stat nstallat rlevator d fumo ntellgent fumonc 3 rado net. In questo modo l locatore

Dettagli

Condensatori e resistenze

Condensatori e resistenze Condensator e resstenze Lucano attaa Versone del 22 febbrao 2007 Indce In questa nota presento uno schema replogatvo relatvo a condensator e alle resstenze, con partcolare rguardo a collegament n sere

Dettagli

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri

Scelta dell Ubicazione. di un Impianto Industriale. Corso di Progettazione Impianti Industriali Prof. Sergio Cavalieri Scelta dell Ubcazone d un Impanto Industrale Corso d Progettazone Impant Industral Prof. Sergo Cavaler I fattor ubcazonal Cost d Caratterstche del Mercato Costruzone Energe Manodopera Trasport Matere Prme

Dettagli

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI RECUPERO INERTI NON PERICOLOSI PROVENIENTI DA COSTRUZIONI E DEMOLIZIONI IN LOCALITA VAL DI MERSE D C B A EMISSIONE ITALCAVE s.r.l.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO ACQUISTO N.2 AUTOCARRI qt 35 CON VASCA RSU DA 5 MC E N.1 SCARRABILE qt 60 Art.1 OGGETTO L'appalto ha per oggetto la forntura d n. 2 autocarr massa q.l 35 cascuno completo

Dettagli

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it

Soluzioni per lo scarico dati da tachigrafo innovativi e facili da usare. http://dtco.it Soluzon per lo scarco dat da tachgrafo nnovatv e facl da usare http://dtco.t Downloadkey II Moble Card Reader Card Reader Downloadtermnal DLD Short Range and DLD Wde Range Qual soluzon ho a dsposzone per

Dettagli

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari

COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provincia di Bari Allegato alla D.D. Area 3 - Terrtoro n 17 del 20.04.2009 COMUNE DI CASSANO DELLE MURGE Provnca d Bar DISCIPLINARE BANDO PUBBLICO PER L INCENTIVAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DELLE FACCIATE DI IMMOBILI

Dettagli

Circuiti di ingresso differenziali

Circuiti di ingresso differenziali rcut d ngresso dfferenzal - rcut d ngresso dfferenzal - Il rfermento per potenzal Gl stad sngle-ended e dfferenzal I segnal elettrc prodott da trasduttor, oppure preleat da un crcuto o da un apparato elettrco,

Dettagli

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI

STRATIGRAFIE PARTIZIONI VERTICALI STRATIGRAFI PARTIZIONI VRTICALI 6. L solamento acustco: tecnche, calcol 2 Trasmssone rumor In edlza s possono dstnguere dfferent tp d rumor: rumor aere (vocare de vcn da altre untà abtatve, rumor provenent

Dettagli

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM)

TITOLO: L INCERTEZZA DI TARATURA DELLE MACCHINE PROVA MATERIALI (MPM) Identfcazone: SIT/Tec-012/05 Revsone: 0 Data 2005-06-06 Pagna 1 d 7 Annotazon: Il presente documento fornsce comment e lnee guda sull applcazone della ISO 7500-1 COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA

Dettagli

ALLEGATO G Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche

ALLEGATO G Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche ALLEGATO G Guda all autovalutazone n fase d progetto Protocollo ITACA - Marche Indce Defnzone delle caratterstche geometrche, archtettonche e d utlzzo d un edfco rappresentatvo della tpologa resdenzale

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm)

RESISTENZA AL FUOCO PANNELLO IN LECAMIX (REI 120 spessore 8 cm) SpA con sede Legale e Ammnstratva Solgnano (PR) - 43045 Rubbano d Fornovo va Vttoro Veneto, 30 Tel. 0525 4198 - Fax 0525 419988 Part. VA e Cod. Fsc. 02193140346 Captale Socale euro 25.000.000,00 nt.vers.

Dettagli

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale

AMPLIFICAZIONI. LS500B A sub. manuale AMPLIFICAZIONI manuale AMPLIFICAZIONI ATTENZIONE! rferment del manuale Possono essere provocate stuazon potenzalmente percolose che possono arrecare leson personal. Possono essere provocate stuazon potenzalmente

Dettagli

CATALOGO 2015/16 - REV.01

CATALOGO 2015/16 - REV.01 CATALOGO 2015/16 - REV.01 N D C E P R O D O T T O CAP. 1 PAG. 8 BARRERE D ARA TANGENZAL RESDENZAL AD ASPRAZONE SUPERORE O FRONTALE BARRERE D ARA RESDENZAL CAP. 2 PAG. 15 BARRERE D ARA TANGENZAL RESDENZAL

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 6 a. Analisi delle reti resistive Prncp d ngegnera elettrca Lezone 6 a Anals delle ret resste Anals delle ret resste L anals d una rete elettrca (rsoluzone della rete) consste nel determnare tutte le corrent ncognte ne ram e tutt potenzal

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA PROVNCA REGONALE D MESSNA Regolamento per l'erogazone delle rsorse fnanzare agl sttut scolastc Artcolo 1 - Prncp, defnzon e norme general 1. l presente regolamento da attuazone all'art.3 della Legge 11

Dettagli

Verifica termoigrometrica delle pareti

Verifica termoigrometrica delle pareti Unverstà Medterranea d Reggo Calabra Facoltà d Archtettura Corso d Tecnca del Controllo Ambentale A.A. 2009-200 Verfca termogrometrca delle paret Prof. Marna Mstretta ANALISI IGROTERMICA DEGLI ELEMENTI

Dettagli

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements

Soluzione attuale ONCE A YEAR. correlation curve (ISO10155) done with, at least 9 parallel measurements Torna al programma Sstema per la garanza della qualtà ne sstem automatc d msura alle emsson: applcazone del progetto d norma pren 14181:2003. Rsultat dell esperenza n campo presso due mpant plota. Cprano

Dettagli

TECNICA DELLA SICUREZZA ELETTRICA

TECNICA DELLA SICUREZZA ELETTRICA UNVERST DEGL STUD D PLERMO FCOLT D NGEGNER DSPENS DEL CORSO D TECNC DELL SCUREZZ ELETTRC (ntegratva del lbro d testo) Prof. Stefano Mangone RFERMENT LEGSLTV E NORMTV 1.1 RFERMENT LEGSLTV Legge 1/3/68 n.

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Delberazone 20 ottobre 2004 Approvazone delle condzon general d accesso e d erogazone del servzo d rgassfcazone d gnl predsposte dalla socetà Gnl Itala Spa (delberazone n. 184/04) L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Il Mnstro delle Infrastrutture e de Trasport VISTO l decreto legslatvo 30 aprle 1992, n. 285, come da ultmo modfcato dal decreto legslatvo 18 aprle 2011, n. 59, recante Attuazone delle drettve 2006/126/CE

Dettagli

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model

Ricerca Operativa e Logistica Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentili. Modelli per la Logistica: Single Flow One Level Model Multi Flow Two Level Model Rcerca Operatva e Logstca Dott. F.Carrabs e Dott.ssa M.Gentl Modell per la Logstca: Sngle Flow One Level Model Mult Flow Two Level Model Modell d localzzazone nel dscreto Modell a Prodotto Sngolo e a Un

Dettagli

Calcolo della potenza e dell energia necessaria per la climatizzazione di un edificio

Calcolo della potenza e dell energia necessaria per la climatizzazione di un edificio Calcolo della potenza e dell energa necessara per la clmatzzazone d un edfco Rcambo d ara Ø dsperson Rcambo d ara φ φ dsperson + φ rcambo d'ara φ dsperson ΣUS (t nt t est ) φ rcambo d'ara Σn V ρ ara c

Dettagli

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1

* * * Nota inerente il calcolo della concentrazione rappresentativa della sorgente. Aprile 2006 RL/SUO-TEC 166/2006 1 APAT Agenza per la Protezone dell Ambente e per Servz Tecnc Dpartmento Dfesa del Suolo / Servzo Geologco D Itala Servzo Tecnologe del sto e St Contamnat * * * Nota nerente l calcolo della concentrazone

Dettagli

Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche

Guida all autovalutazione in fase di progetto Protocollo ITACA - Marche Guda all autovalutazone n fase d progetto Protocollo ITACA - Marche Indce Defnzone delle caratterstche geometrche, archtettonche e d utlzzo d un edfco rappresentatvo della tpologa resdenzale (caso-studo)

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati. Caso 11 Caso Copyrght 2005 The Companes srl Stma d un area fabbrcable n zona ndustrale nella cttà d Ferrara. La stma è effettuata con crter della comparazone e quello del valore d trasformazone. Indce Confermento

Dettagli

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA

Ministero della Salute D.G. della programmazione sanitaria --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA Mnstero della Salute D.G. della programmazone santara --- GLI ACC - L ANALISI DELLA VARIABILITÀ METODOLOGIA La valutazone del coeffcente d varabltà dell mpatto economco consente d ndvduare gl ACC e DRG

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data

COMUNE DI SESTU. Vigilanza SETTORE : Deiana Pierluigi. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 04/12/2015. in data COMUNE D SESTU SETTORE : Responsable: Vglanza Deana Perlug DETERMNAZONE N. n data 1926 04/12/2015 OGGETTO: Affdamento dretto alla dtta Racca Umberto & C. s.n.c. per la forntura d 6 chav elettronche per

Dettagli

...~v ENAVs,p.A. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA)

...~v ENAVs,p.A. (IN FASE PRELIMINARE ALLA GARA) ,, " \~...~v ENAVs,p.A. Untà Produttva - l'sed d Roma)' \~ f~ \ ' Roma - Va d Settebagn 390...,,l, "1 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE, INFORMAZIONI SUI RISCHI SPECIFICI E MISURE

Dettagli

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia

CIRCOLARE N. 9. CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE/SOSTITUITE: nessuna. Firmato: ing. Carlo Cannafoglia PROT. N 53897 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: DATA DECORRENZA: CIRCOLARE N. 9 DC Cartografa, Catasto e Pubblctà Immoblare, d ntesa con l Uffco del Consglere Scentfco e la DC Osservatoro del Mercato

Dettagli

Fondamenti di Fisica Acustica

Fondamenti di Fisica Acustica Fondament d Fsca Acustca Pro. Paolo Zazzn - DSSARR Archtettura Pescara Anals n requenza de segnal sonor, bande d ottava e terz d ottava. Rumore banco e rumore rosa. Lvello equvalente. Fsologa dell apparato

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018

MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 26 giugno 2007 - n. 8/5018 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 20 LUGLIO 2007 3º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommaro Anno XXXVII - N. 147 - Poste Italane - Spedzone n abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale

Calcolo della caduta di tensione con il metodo vettoriale Calcolo della caduta d tensone con l metodo vettorale Esempo d rete squlbrata ed effett del neutro nel calcolo. In Ampère le cadute d tensone sono calcolate vettoralmente. Per ogn utenza s calcola la caduta

Dettagli

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative

POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Competitività BANDO PUBBLICO. Voucher Startup Incentivi per la competitività delle Startup innovative POR FESR Sardegna 2007-2013 Asse VI Compettvtà BANDO PUBBLICO Voucher Startup Incentv per la compettvtà delle Startup nnovatve ALLEGATO 3 PIANO DI UTILIZZO DEL VOUCHER STARTUP INNOVATIVE 2014 3. Pano d

Dettagli

La contabilità analitica nelle aziende agrarie

La contabilità analitica nelle aziende agrarie 2 La contabltà analtca nelle azende agrare Estmo rurale ed element d contabltà (analtca) S. Menghn Corso d Laurea n Scenze e tecnologe agrare Percorso Economa ed Estmo Contabltà generale e cont. ndustrale

Dettagli

Caldaia murale a gas a condensazione CERAPUR

Caldaia murale a gas a condensazione CERAPUR Istruzon d nstallazone e manutenzone Caldaa murale a gas a condensazone CRAPUR 6 0 60-00.O ZSBR - A ZWBR - A 6 0 60 6 I (00.0) OSW Indce Indce Avvertenze Spegazone de smbol present nel lbretto Caratterstche

Dettagli

CONFORMITA DEL PROGETTO

CONFORMITA DEL PROGETTO AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 1 d 6 INDICE 1. PREMESSA...2 2. CALCOLI IDRAULICI...3 3. CONFORMITA DEL PROGETTO...6 R_Idr_Industre_1 Str.doc AMGA - Azenda Multservz S.p.A. - Udne pag. 2 d 6

Dettagli

Invio fascicolo di Bilancio

Invio fascicolo di Bilancio HELP DESK Nota Salvatempo 0052 TUTTOBILANCIO Invo fasccolo d Blanco Quando serve D seguto sono elencat passagg da segure per predsporre, frmare e scarcare una pratca d Blanco (Modello B) per la presentazone

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE

MANUALE DI ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE, L UTILIZZO E LA MANUTENZIONE DEL REGOLATORE GENIUS POWER SIN VERSIONE PRELIMINARE MANUALE D STRUZON PER L NSTALLAZONE, L UTLZZO E LA MANUTENZONE DEL REGOLATORE GENUS POWER SN VERSONE PRELMNARE CONDZON D GARANZA L appareccho è garantto per 24 mes dalla data d acqusto contro dfett d fabbrcazone

Dettagli

Gruppo prodotto 4. Armadi per Computer. Stazioni Qualità

Gruppo prodotto 4. Armadi per Computer. Stazioni Qualità Gruppo prodotto 4 Armad per Computer Stazon Qualtà 6 7 Sere 3-7 Armad per Computer pag. 9 Armad per Computer e Stazon Qualtà Stazon Qualtà pag. 3 Color standard: Ral 50 Ral 60 Ral 7035 garantto 5 ann 8

Dettagli

PROVIAMO A VERIFICARE SE...

PROVIAMO A VERIFICARE SE... PROVAMO A VERFCARE SE... CHECK llst PER la VERFCA DEL RSPETTO DE PRNCPAL OBBLGH N MATERA D SCUREZZA E SALUTE SUL lavoro (RF. PCCOL UFFC) Pago 1 d 7 S PRECSA CHE LA CHECK-L1ST D SEGUTO RPORTATA NON PUÒ

Dettagli

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I

ARGOMENTI 1. 2. 3. 4. I ARGOMENTI 1. Defnzon 2. La classfcazone 3. Competenze e compt 4. I rfut assmlat 5. La raccolta dfferenzata 6. Il trattamento 7. La stablzzazone 8. Il codce CER 191212 9. La FOS 10. Il percolato INDICE

Dettagli

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico

Efficienza energetica nelle PMI esempi di problemi tipici e possibili soluzioni per un risparmio economico ed energetico Opportuntà per le PMI d rsparmo economco ed energetco : dalla forntura alle buone pratche n azenda Effcenza energetca nelle PMI esemp d problem tpc e possbl soluzon www.europrogett.eu Effcenza energetca

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne

Metodi e Modelli per l Ottimizzazione Combinatoria Progetto: Metodo di soluzione basato su generazione di colonne Metod e Modell per l Ottmzzazone Combnatora Progetto: Metodo d soluzone basato su generazone d colonne Lug De Govann Vene presentato un modello alternatvo per l problema della turnazone delle farmace che

Dettagli

Istruzioni di installazione Caldaia murale a gas a camera stagna CERASTAR

Istruzioni di installazione Caldaia murale a gas a camera stagna CERASTAR Istruzon d nstallazone Caldaa murale a gas a camera stagna CERASTAR Junkers Bosch Gruppe 4389-1.2/G ZWE 24-4/3 HA 23 OSW Indce Indce Avvertenze 3 Spegazone de smbol present nel lbretto 3 1 Caratterstche

Dettagli

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI

MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegnera Gestonale http://www.automazone.ngre.unmore.t/pages/cors/controllautomatcgestonale.htm MODELLISTICA DI SISTEMI DINAMICI Ing. Federca Gross Tel. 059 2056333 e-mal: federca.gross@unmore.t

Dettagli

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006

Simulazione seconda prova Tema assegnato all esame di stato per l'abilitazione alla professione di geometra, 2006 Smulazone seconda prova Tema assegnato all esame d stato per l'abltazone alla professone d geometra, 006 roposte per lo svolgmento pubblcate sul ollettno SIFET (Socetà Italana d Fotogrammetra e Topografa)

Dettagli

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...

Normativa sismica Ponti pagina 1/33 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 2 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE... Normatva ssmca Pont pagna 1/33 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO SISMICO DEI PONTI 1 CAMPO DI APPLICAZIONE...3 OBIETTIVI DEL PROGETTO...3 3 CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE...3 4 LIVELLI DI PROTEZIONE ANTISISMICA...3

Dettagli

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c.

MaGiTec. Servizi integrati di Qualità. MaGiTec Srl. Profilo della Società. MaGiTec. ago-08 1. Servizi integrati di Qualità. w w w. m a g i t e c. Srl Proflo della Socetà 2008 ago-08 1 Vson e msson d La vsone della nostra Azenda: Dventare l Azenda d rfermento sul mercato de servz d faclty management utlzzando la leva dstntva della qualtà nel tempo

Dettagli

Caldaia murale a gas con produzione di acqua calda sanitaria CERANORM a bassa temperatura con bruciatore raffreddato ad acqua

Caldaia murale a gas con produzione di acqua calda sanitaria CERANORM a bassa temperatura con bruciatore raffreddato ad acqua Istruzon d nstallazone e d manutenzone per personale specalzzato Caldaa murale a gas con produzone d acqua calda santara CERANORM a bassa temperatura con brucatore raffreddato ad acqua 6 720 611 565-00.1O

Dettagli

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato

COMUNE DI VAIANO Provincia di Prato I COMUNE DI VAIANO Provnca d Prato DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI d local Appalto del Servzo pulza e sanfcazone ed arred stuat n edfc d propretà del Comune d Vaano per l perodo

Dettagli

allegato C Abaco dei mezzi pubblicitari (ai sensi dell art. 158 e seg.)

allegato C Abaco dei mezzi pubblicitari (ai sensi dell art. 158 e seg.) RE Regol ament oed l z o Gest oneecont r ol l odelter r t or o Regol ament oed l z o C 43 04/ 11/ 2011 5 06/ 02/ 2012 Abacodemezzpubbl c t ar PROGETTO ECOORDI NAMENTO ar ch.domen coleo GRUPPO DIPROGETTAZI

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE Mnstero dell Ambente e della Tutela del Terrtoro e del Mare MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE INDICE 1. INTRODUZIONE 1.1. I RIFERIMENTI NORMATIVI 1.2. GLI OBIETTIVI

Dettagli

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No

Tipo materia ID P0 2000-2006. Misura/Azione ID. Privacy x Si. ID No Pubblicazione integrale ID Si x No EtON 33LIA A,a Pohtche per la Rqualfcazone, la Tutela e la Scurezza Ambentale e per l Attuazone delle Opere Pubblche Servzo Ecologa ATTO DIRIGENZIALE ORIGINALE Codfca adempment L.R.15/08 (trasparenza)

Dettagli

FORMAZIONE ALPHAITALIA

FORMAZIONE ALPHAITALIA ALPHAITALIA PAG. 1 DI 13 FORMAZIONE ALPHAITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Quadro ntroduttvo ALPHAITALIA PAG. 2 DI 13 1. DEFINIZIONI QUALITA Grado n cu un nseme d caratterstche ntrnseche soddsfa

Dettagli

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica

COMUNE DI CAFASSE Servizio Edilizia/Urbanistica COMUNE DI CAFASSE Servzo Edlza/Urbanstca PERMESSO DI COSTRUIRE N. DEL INTESTATARIO: METODO OPERATIVO PER LA DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE a sens degl artt. 6 e 10 della L.R. 28/01/1977 n. 10;

Dettagli

LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE PER L APPAREC- CHIO:

LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE PER L APPAREC- CHIO: 0694 LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE PER L APPAREC- CHIO: TIPO: B 23 - B 53 PAESE DI DESTINAZIONE: ITALIA NOTE GENERALI CAPITOLO I PRESENTAZIONE PRODOTTO Gl apparecch TERMOSPLIT KONDENS mod.

Dettagli

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE

INOSTRISPORTELLIASCOLTO: OSSEREVATORIO ON-LINE Assoc az one A N G E LI CENTROANTI VI OLENZA, ANTI STALKI NG EANTI STUPRO Pr oget t o:rete ANGELI BandoPer c or s nret e2013 A N G E LI Cent r oant v ol enz a, Ant s t al k ngeant s t upr o Gu da al l

Dettagli

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro

PARENTELA e CONSANGUINEITÀ di Dario Ravarro Introduzone PARENTELA e CONSANGUINEITÀ d Daro Ravarro 1 gennao 2010 Lo studo della genealoga d un ndvduo è necessaro al fne d valutare la consangunetà dell ndvduo stesso e la sua parentela con altr ndvdu

Dettagli

EUROLINE. Istruzioni di installazione. Caldaia murale a gas a camera stagna, tiraggio forzato ZW 24-1E LH AE 23 ZW 24-1E LH AE 31

EUROLINE. Istruzioni di installazione. Caldaia murale a gas a camera stagna, tiraggio forzato ZW 24-1E LH AE 23 ZW 24-1E LH AE 31 Istruzon d nstallazone Caldaa murale a gas a camera stagna, traggo forzato EUROLINE ZW 24-1E LH AE 23 ZW 24-1E LH AE 31 IT (06.06) JS Indce Indce Avvertenze 3 Spegazone de smbol present nel lbretto 3 1

Dettagli

Indice - Informazioni tecniche

Indice - Informazioni tecniche Indce - Informazon tecnche V-04, www.fndernet.com Termn Norme e valor d rfermento Condzon d funzonamento Campo d funzonamento Lmtazone de pcch d sovratensone Corrente resdua Temperatura ambente Condensa

Dettagli

Caldaia murale a gas a condensazione CERAPUR

Caldaia murale a gas a condensazione CERAPUR Istruzon d nstallazone e manutenzone Caldaa murale a gas a condensazone CERAPUR 6 720 610 910-00.2O ZSBR 3-16 A 23 ZSBR 7-28 A 23 ZWBR 7-28 A 23 ZBR 11-42 A 23 OSW Indce Indce Avvertenze 4 Spegazone de

Dettagli

InfoCenter Product A PLM Application

InfoCenter Product A PLM Application genes d un fra o Gestone de crcolazone dell'nformazone sa crcoscrtta entro Pdetermnat ambt settoral. L'ntegrazone de sstem e de odpartment azendal rchede nuove modaltà operatve, nuove t competenze e nuov

Dettagli

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9"* @y*d"-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1

/f*e*ékfu. utffi6úà/6r.** -r tèv {z l.e6ha. 6tro,gq ---4\ 9* @y*d-/%éé/ ,tr. Al Comune di Procida Via LibeÉà, L2-80079 Procida (NA1 Mod. 162 /f*e*ékfu utff6úà/6r.** DPARTMENTO PER LE RSORSE DRCHE DREZONE PER LA DFESA DEL MARE 6tro,gq Al Comune d Procda Va LbeÉà, L2-80079 Procda (NA1 % -r tèv {z l.e6ha @y*d"-/%éé/,tr 9"* ---4\ Oggetto:

Dettagli

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart

Kit di conversione gas CELSIUS/Hydrosmart Kt d conversone gas CELSIUS/Hydrosmart IT (04.06) SM Indce 2 Indcazon per la scurezza 3 Legenda de smbol 3 1 Regolazone del gas - Celsus/Hydrosmart 4 1.1 Trasformazone gas 4 1.2 Impostazon d fabbrca 4

Dettagli

Gestione dell energia negli impianti di climatizzazione e di processo Fatturazione dei costi di ventilazione basata sui consumi effettivi

Gestione dell energia negli impianti di climatizzazione e di processo Fatturazione dei costi di ventilazione basata sui consumi effettivi Gestone dell energa negl mpant d clmatzzazone e d processo Fatturazone de cost d ventlazone basata su consum effettv GESTIONE DELL ENERGIA E RILEVAMENTO DEI CONSUMI ANCHE NEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

Dettagli

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE

Identificativo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE 15833 13/12/2007 Identfcatvo Atto n. 704 DIREZIONE GENERALE RETI E SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA' E SVILUPPO SOSTENIBILE AGGIORNAMENTO DELLA PROCEDURA DI CALCOLO PER PREDISPORRE L'ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE

Dettagli

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl

Condizionamento srl. catalogo generale 2007. EV Condizionamento srl EV Condzonamento srl EV Condzonamento srl catalogo generale 2007 Magazzno, uffco commercale e ammnstratvo: Va Lucreza Romana, 65/m 00043 Campno (RM) Italy Tel +39 6 79320072 (6 lnee r.a.) Fax +39 6 79320078

Dettagli

Determinazione delle tensioni tangenziali massime di taglio nei bulloni e della pressione specifica nei fori della piastra d attacco alla fusoliera.

Determinazione delle tensioni tangenziali massime di taglio nei bulloni e della pressione specifica nei fori della piastra d attacco alla fusoliera. SCOO DEL ROGETTO Determnazone delle tenson tangenzal massme d taglo ne ullon e della pressone specfca ne for della pastra d attacco alla fusolera. 183 11 R15 35 6 7 1 1 60 5 5 R38 R15 15 5 3 R17 155 30

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari

Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica Università di Bologna. Sistemi radiomobili cellulari Dpartmento d Elettronca Unverstà d Bologna Sstem radomobl cellular Le comuncazon radomobl Satellte Zona 4: Globale Zona 3: Suburbana Zona 2: Urbana Zona 1: In-Buldng Macro-Cell Mcro-Cell Pco-Cell Telefono

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzone elettromagnetca L esperenza d Faraday L'effetto d produzone d corrente elettrca n un crcuto prvo d generatore d tensone fu scoperto dal fsco nglese Mchael Faraday nel 83. Egl studò la relazone

Dettagli

Introduzione al Machine Learning

Introduzione al Machine Learning Introduzone al Machne Learnng Note dal corso d Machne Learnng Corso d Laurea Magstrale n Informatca aa 2010-2011 Prof Gorgo Gambos Unverstà degl Stud d Roma Tor Vergata 2 Queste note dervano da una selezone

Dettagli

COLLANA I Quaderni Tecnici di Fibre Net QUADERNO TECNICO SISTEMA FIBREBUILD RETICOLA

COLLANA I Quaderni Tecnici di Fibre Net QUADERNO TECNICO SISTEMA FIBREBUILD RETICOLA COLLANA I Quadern Tecnc d Fbre Net QUADERNO TECNICO SISTEMA FIBREBUILD RETICOLA La collana I Quadern Tecnc d Fbre Net vuole essere un utle e pratco strumento d lavoro per l mondo professonale e delle mprese

Dettagli

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca

Esercitazioni del corso di Relazioni tra variabili. Giancarlo Manzi Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca Eserctazon del corso d Relazon tra varabl Gancarlo Manz Facoltà d Socologa Unverstà degl Stud d Mlano-Bcocca e-mal: gancarlo.manz@statstca.unmb.t Terza eserctazone Mlano, 8 febbrao 7 SOMMARIO TERZA ESERCITAZIONE

Dettagli

3. Esercitazioni di Teoria delle code

3. Esercitazioni di Teoria delle code 3. Eserctazon d Teora delle code Poltecnco d Torno Pagna d 33 Prevsone degl effett d una decsone S ndvduano due tpologe d problem: statc: l problema non vara nel breve perodo dnamc: l problema vara Come

Dettagli

Il diagramma PSICROMETRICO

Il diagramma PSICROMETRICO Il dagramma PSICROMETRICO I dagramm pscrometrc vengono molto utlzzat nel dmensonamento degl mpant d condzonamento dell ara, n quanto consentono d determnare n modo facle e rapdo le grandezze d stato dell

Dettagli

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019

^^^ ORIGINALE CENTRO RESIDENZIALE PERANZIANI ONFERIMENTO INCARICO NEOL SRL PER FORNITURA SERVIZI FAS NTRANET PERIODO 2014-2019 ^^^ j 11 ORGNLE CENTRO RESDENZLE PERNZN "Ul\/[BERTO " 35028 POVE D SCCO (Padova) DECRETO N 191 del 11/07/2014 l Segretaro Drettore d questo sttuto Pern Dottssa Emanuela a sens del DLgs n 165/2001 delle

Dettagli

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O

n.49 del 24/O1 2014 O (i G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n.49 del 24/O1 2014 O ( G E T T O Concessone n comodato duso gratuto per la durata d un anno alla Socetà Cooperatv a Socale

Dettagli

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio

Servizi Urbanistica. > Pianificazione Generale Piano Regolatore Generale, Strutturale e Operativo Programma di Fabbricazione Regolamento Edilizio 2 Servz Urbanstca > Panfcazone Generale Pano Regolatore Generale, Strutturale e Operatvo Programma d Fabbrcazone Regolamento Edlzo > Panfcazone Settorale Pano Paesaggstco Pano Infrastrutturale Pano del

Dettagli

La procedura completa di saldatura automatica ad onda comprende generalmente le seguenti fasi:

La procedura completa di saldatura automatica ad onda comprende generalmente le seguenti fasi: Informazon Tecnche NOME E VALOI I IFEIMENTO Se non ndcato dversamente, tutt prodott rportat sul catalogo sono progettat e prodott secondo requst delle seguent norme Europee e Internazonal: - EN 61810-1,

Dettagli

i ultipolari erroviarie onnettori m C pplicazioni F A ITALIANO

i ultipolari erroviarie onnettori m C pplicazioni F A ITALIANO ITALIANO Connettor multpolar Applcazon Ferrovare APPLICAZIONI FERROVIARIE Connettor multpolar L Azenda e l Prodotto I.L.M.E. SpA - INDUSTRIA LOMBARDA MATERIALE ELETTRICO - opera a Mlano dal 1938 nel settore

Dettagli

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore

Allegato A. Modello per la stima della produzione di una discarica gestita a bioreattore Modello per la stma della produzone d una dscarca gestta a boreattore 1 Produzone d Bogas Nella letteratura tecnca sono stat propost dvers modell per stmare la produzone d bogas sulla base della qualtà

Dettagli

Manuale d uso. Per l utente. Manuale d uso VAM 6-050 W2N VAM 6-060 W2N VAM 6-085 W3N VAM 6-085 W4N. Unità A Parete

Manuale d uso. Per l utente. Manuale d uso VAM 6-050 W2N VAM 6-060 W2N VAM 6-085 W3N VAM 6-085 W4N. Unità A Parete Manuale d uso Per l utente Manuale d uso VAM 6-050 WN VAM 6-060 WN VAM 6-085 W3N VAM 6-085 W4N Untà A Parete IT ÍNDICE INTRODUZIONE Istruzon d scurezza... 3. Smbol utlzzat... 3. Utlzzo conforme dell'untà...

Dettagli

Dai circuiti ai grafi

Dai circuiti ai grafi Da crcut a graf Il grafo è una schematzzazone grafca semplfcata che rappresenta le propretà d nterconnessone del crcuto ad esso assocato Il grafo è costtuto da un nseme d nod e d lat Se lat sono orentat

Dettagli

Soluzione esercizio Mountbatten

Soluzione esercizio Mountbatten Soluzone eserczo Mountbatten I dat fornt nel testo fanno desumere che la Mountbatten utlzz un sstema d Actvty Based Costng. 1. Calcolo del costo peno ndustrale de tre prodott Per calcolare l costo peno

Dettagli

Lista delle spese oneri accessori riscaldamento dal 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Via di S. Costanza13

Lista delle spese oneri accessori riscaldamento dal 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Via di S. Costanza13 Lsta delle spese oner accessor rscaldamento 01-01-2013 al 31-12-2013 Roma - Va d S. Costanza13 Forntore Fatture Descrzone Imputazone Rf. Rpartzone Imp. Rpartto TELECOM ITALIA SPA N. 8W01014038 del 06-12-2012

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE

MANUALE DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE The clever drve SDMWA180v MAN.HISDMWA180 Release 0.0 MANUALE DI INSTALLAZIONE USO E MANUTENZIONE Doc.: HD0389-00-Manuale_Sdmwa180Vxxxx_r.0.0_IT.doc-00 11/0/004 Pag. 1 / 66 IMPORTANTE Questo documento è

Dettagli

T3 (IP) Comfort collegabile a Integral 5

T3 (IP) Comfort collegabile a Integral 5 T3 (IP) Comfort collegable a Integral 5 Benutzerhandbuch User s gude Manual de usuaro Manuel utlsateur Manuale d uso Gebrukersdocumentate Indce Indce Utlzzo del telefono Note mportant...4 Panoramca del

Dettagli

Amplificatori operazionali

Amplificatori operazionali mplfcator operazonal Parte www.e.ng.unbo.t/pers/mastr/attca.htm (ersone el 9-5-0) mplfcatore operazonale L amplfcatore operazonale è un sposto, normalmente realzzato come crcuto ntegrato, otato tre termnal

Dettagli