Provincia Autonoma di Trento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia Autonoma di Trento"

Transcript

1 56167 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 30 ottobre 2009, n Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 («legge provinciale sugli incentivi alle imprese»), articolo 6. Legge provinciale 12 settembre 2008, n. 16, art. 27, comma 2 bis. Approvazione dei criteri per la concessione di contributi finalizzati all'abbattimento del costo dei finanziamenti assunti dalle imprese a fronte di processi di incremento dei mezzi propri Il Relatore comunica: la legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 e s.m., recante «Interventi della Provincia autonoma di Trento per il sostegno dell'economia e della nuova imprenditorialità. Disciplina dei patti territoriali in modifica della legge provinciale 8 luglio 1996, n. 4 e disposizione in materia di commercio», all articolo 6 stabilisce che l adeguata patrimonializzazione delle piccole e medie imprese è perseguita mediante la concessione di contributi in conto capitale finalizzati all'abbattimento del costo dei finanziamenti assunti dall'impresa a fronte di processi di incremento dei mezzi propri, considerando incrementi di mezzi propri anche gli aumenti delle riserve indivisibili. Ai sensi dell art. 35 della succitata L.P. 6/1999 e s.m. la Giunta provinciale, previo confronto con la camera di commercio e con le organizzazioni sindacali dei lavoratori e degli imprenditori stabilisce i criteri e modalità per l applicazione della legge. Con deliberazione della Giunta provinciale n di data 22 dicembre 2005, da ultimo modificata con deliberazione n di data 5 giugno 2009, ha approvato nuovi criteri e modalità per l applicazione della L.P. 6/1999 disciplinando nelle disposizioni settoriali, di cui agli allagati parti integranti e sostanziali alla deliberazione medesima, anche la concessione di contributi finalizzati all'abbattimento del costo dei finanziamenti assunti dall'impresa (prestiti partecipativi) a fronte di processi di incremento dei mezzi propri. La legge provinciale 12 settembre 2008, n. 16 (legge finanziaria provinciale 2009), all art. 27, comma 2 bis, così come modificato dall art. 6 della legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 (legge finanziaria di assestamento 2009) stabilisce che per promuovere gli investimenti in capitale di rischio nelle imprese, diverse da quelle cooperative, la Provincia può concedere agli enti che svolgono attività di garanzia collettiva dei fidi operanti sul territorio provinciale, con l esclusione di Cooperfidi s.c. di Trento, finanziamenti per agevolare la concessione alle imprese associate di prestiti partecipativi a fronte di processi d'incremento dei mezzi propri delle imprese stesse. Ai sensi del succitato articolo 27, comma 2 bis, la Giunta provinciale, rispettando la normativa comunitaria in materia di aiuti d'importanza minore (de minimis), stabilisce i criteri e le modalità di attuazione di questo intervento. Con deliberazione n di data 18 giugno 2009 Giunta provinciale ha stabilito di applicare l'aiuto di «importo limitato e compatibile» disciplinato al punto 4.2 del «Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell'attuale situazione di crisi finanziaria ed economica» (2009/C 16/01) alle misure di aiuto previste da leggi provinciali in applicazione del regolamento CE della Commissione del 15 dicembre 2006, relativo agli articoli 87 e 88 del Trattato agli aiuti di importanza minore («de minimis»), con riferimento alle domande presentate dal 1 gennaio 2008 per le quali non sia ancora concluso il procedimento di concessione, con esclusione degli interventi sotto forma di garanzia, nonché al contributo straordinario per progetti di riorganizzazione aziendale di cui all'art. 2, comma 3, della L.P. 28 marzo 2009, n. 2 rispettando le condizioni poste nella decisione comunitaria di data 28 maggio 2009, C (2009) aiuto di Stato N 248/2009 e nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 giugno 2009 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana n. 131 del 9 giugno

2 Applicandosi la nuova misura a tutti gli aiuti previsti dalla normativa provinciale, ai sensi del regolamento CE n. 1998/2006 relativo agli aiuti d'importanza minore («de minimis»), in luogo di questi ultimi, gli aiuti «de minimis» non verranno più concessi fino al 31 dicembre 2010, ad eccezione degli aiuti concessi a titolo «de minimis» in forma di garanzia. Si propone pertanto di approvare i nuovi criteri e modalità per la concessione di contributi in conto capitale finalizzati all'abbattimento del costo dei finanziamenti assunti dall'impresa a fronte di processi di incremento dei mezzi propri di cui all art. 6 della L.P. 6/1999 e s.m. e dell art. 27, comma 2 bis della L.P. 16/2008, come risultanti dall allegato alla presente deliberazione che ne forma parte integrante e sostanziale, che sostituiscono quelli approvati con deliberazione della Giunta provinciale n di data 22 dicembre 2005, da ultimo modificata con deliberazione n di data 5 giugno I succitati contributi saranno concessi nel rispetto delle condizioni poste nella decisione comunitaria di data 28 maggio 2009, C (2009) aiuto di Stato N 248/2009 e nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 giugno 2009 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana n. 131 del 9 giugno Si propone inoltre di approvare il modello di domanda di contributo come da allegato parte integrante e sostanziale del presente provvedimento. Al fine di consentire la compatibilità dei processi di incremento dei mezzi propri con il vincolo di patrimonializzazione minima prevista dai criteri e modalità per l applicazione della L.P. 6/1999 e s.m. di cui al punto 8 bis - norme di carattere generale dell allegato a) della sopra richiamata deliberazione della Giunta provinciale n. 2804/2005 e s.m., si propone, infine, di modificare il punto 8 bis medesimo, come da allegato parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, stabilendo che l incremento dei mezzi propri tramite prestito partecipativo agevolato concorre ad attestare l assolvimento dei vincoli di patrimonializzazione minima del 15% per l intero importo del prestito e fin dalla sottoscrizione dello stesso, purché siano rispettati procedure e obblighi previsti dai relativi criteri applicativi. Nel caso in cui l importo del prestito partecipativo non coprisse l intero vincolo fissato o non fossero rispettati le predette procedure e obblighi, il soggetto beneficiario dovrà far fronte alla conseguente carenza di mezzi propri vincolati. Ciò premesso LA GIUNTA PROVINCIALE - udita la relazione; - vista la legge provinciale 13 dicembre 1999, n 6, come da ultimo modificata dalla legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2; - tenuto conto dell avvenuto confronto con la Camera di Commercio e con le Organizzazioni sindacali dei lavoratori e degli imprenditori ai sensi del comma 1 dell articolo 35 della legge provinciale n. 6/1999; - visto il parere favorevole della Commissione consiliare competente espresso nella seduta del 28 ottobre 2009, ai sensi dell articolo 35, comma 2 della legge provinciale n. 6/1999; - ad unanimità di voti legalmente espressi, delibera 1) di approvare, per le motivazioni espresse in premessa, i nuovi criteri e modalità per la concessione di contributi in conto capitale finalizzati all'abbattimento del costo dei finanziamenti assunti dall'impresa a fronte di processi di incremento dei mezzi propri di cui all art. 6 della L.P. 6/1999 e s.m. e dell art. 27, comma 2 bis, della L.P. 16/2008, come risultanti dall allegato 1 alla presente deliberazione che ne forma parte integrante e sostanziale; 2

3 2) di stabilire che i nuovi criteri e modalità per la concessione di contributi di cui all art. 6 della L.P. 6/1999 indicati al precedente punto 1) sostituiscono quelli approvati con deliberazione della Giunta provinciale n di data 22 dicembre 2005, da ultimo modificata con deliberazione n di data 5 giugno 2009, a partire dalla data di approvazione del presente provvedimento; 3) di approvare, per quanto indicato in premessa, il modello di domanda di contributo, come da allegato 2 parte integrante e sostanziale del presente provvedimento; 4) di approvare, per quanto indicato in premessa, le modifiche, come da allagato 3 parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, al punto 8 bis dei criteri e modalità per l applicazione della L.P. 6/1999 e s.m. - norme di carattere generale - approvati con deliberazione della Giunta provinciale n di data 22 dicembre 2005, da ultimo modificata con deliberazione n di data 5 giugno 2009; 5) di stabilire che le modifiche di cui al precedente punto 4), inerenti il comma 3, del punto 8 bis dei suddetti criteri, si applicano anche alle domande di agevolazione presentate prima dell approvazione del presente provvedimento, in quanto aventi valore di norme ed indirizzo organizzativo, ai sensi del punto 14 dei suddetti criteri e modalità per l applicazione della L.P. 6/1999 e s.m. - norme di carattere generale; 6) di pubblicare la presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione T.A.A.. IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA LORENZO DELLAI LA DIRIGENTE DEL SERVIZIO SEGRETERIA DELLA GIUNTA ED ELEZIONI PATRIZIA GENTILE 3

4 DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Allegato parte integrante ALLEGATO 1) 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono alle iniziative previste dall articolo 6 della legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 e dall articolo 27, comma 2 bis, della legge provinciale 12 settembre 2008, n L adeguata patrimonializzazione delle piccole e medie imprese (PMI) è perseguita mediante la concessione di contributi finalizzati all abbattimento dei costi inerenti l assunzione da parte dell impresa di finanziamenti a fronte dell aumento di mezzi propri, considerando tra questi anche gli aumenti delle riserve indivisibili. 3. Possono accedere agli interventi dei presenti criteri le piccole e medie imprese nelle seguenti forme giuridiche: - imprese individuali che presentino un progetto di trasformazione in società anche unipersonali; - società di persone; - società di capitali. 2. OPERAZIONI AMMISSIBILI E MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DELLE INIZIATIVE 1. L aumento dei mezzi propri deve avvenire, in alternativa o congiuntamente, tramite: a) versamenti infruttiferi in conto futuro aumento capitale sociale; b) utili da destinare a riserva. 2. A fronte dell incremento dei mezzi propri previsto deve essere stipulato un contratto di finanziamento con un istituto bancario di pari importo. 3. Il finanziamento ha la forma di mutuo bancario con le seguenti caratteristiche: a) importo non superiore a euro ,00, nel caso di società con fatturato fino ad euro ,00 e di imprese individuali con progetto di trasformazione in società, e non superiore a euro ,00, nel caso di società con fatturato superiore ad euro ,00; b) durata massima di 5 anni, elevabile fino a 10 nel caso di società con fatturato fino a euro ,00, in presenza di aggregazione di imprese o di trasformazione in società di capitali nonché di imprese individuali con progetto di trasformazione in società; entro la durata massima può essere incluso un periodo di preammortamento non superiore a 6 mesi; c) erogazione in un unica soluzione; d) ammortamento a rate costanti o quote capitale costante con periodicità massima annuale. 4. Nel caso di aumento dei mezzi propri tramite versamenti infruttiferi, i soci dell impresa provvedono al versamento alle scadenze e per gli importi previsti nel contratto di finanziamento per il rimborso del capitale mutuato. L aumento dei mezzi propri può essere anche realizzato entro 120 giorni dalla scadenza di ciascuna rata di ammortamento del finanziamento stesso. 5. Se l aumento dei mezzi propri avviene tramite utili da destinare a riserva, annualmente e fino alla scadenza del mutuo è accantonata in apposita riserva la quota di utili risultanti dai bilanci successivi alla data di stipula del contratto di finanziamento corrispondente all importo previsto complessivamente nel contratto di finanziamento per il rimborso del capitale mutuato nell esercizio a cui si riferiscono gli utili. Qualora gli utili non fossero sufficienti alla copertura dell intero capitale del mutuo rimborsato, i soci provvedono al versamento della differenza entro 120 giorni dalla data di approvazione o di chiusura del relativo bilancio. 4

5 6. Al fine dell accantonamento a riserva degli utili fanno fede le date delle deliberazioni dell assemblea dei soci di destinazione dell utile a riserva. 7. L impresa individuale beneficiaria dell intervento deve trasformarsi in società anche unipersonale entro dodici mesi dalla scadenza dell ultima rata di ammortamento. Con la trasformazione i versamenti infruttiferi o gli utili di cui al comma 1 devono risultare dalla situazione contabile iniziale della nuova società sotto forma, in alternativa o congiuntamente, di capitale sociale o apposita riserva. 8. Ai fini della concessione del contributo le società di capitali devono adottare una delibera dell assemblea dei soci relativa alle operazioni per le quali è richiesta l agevolazione. Nel caso di società di persone o di imprese individuali la suddetta delibera è sostituita dall impegno dei soci o del titolare dell impresa. 9. Prima di dare corso all aumento dei mezzi propri di cui al comma 1, i soggetti richiedenti devono adottare il regime di contabilità ordinario. 3. MISURA DELLE AGEVOLAZIONI 1. Previa presentazione del contratto di finanziamento, il contributo è concesso in rate annuali posticipate per la durata del finanziamento, preammortamento escluso, scadenti il 30 giugno o il 31 dicembre in modo tale che l ultima rata corrisponda, e comunque non sia anteriore, alla scadenza del finanziamento. Il contributo è stabilito nel 15 per cento in ESL del capitale ammesso ad agevolazione ed è interamente concesso a titolo di «aiuti temporanei di importo limitato» di cui alla Comunicazione della Commissione europea 2009/C 16/01, del DPCM 3 giugno 2009 e della deliberazione della Giunta provinciale n di data 18 giugno Il contributo è ridotto al 7,5 per cento in ESL per la quota di capitale necessaria a reintegrare eventuali mezzi propri negativi risultanti dall ultimo bilancio approvato (definitivo, nel caso non ricorresse l obbligo di deposito del bilancio). 3. La rata è determinata applicando la seguente formula: n i( 1+ i) ( 1+ i) 1 R = C n dove: «R» indica la rata annua costante di contributo; «C» indica l entità del contributo in unica soluzione come individuato al presente comma; «i» indica il tasso annuo di capitalizzazione, pari al tasso previsto dall U.E. vigente il primo giorno del mese precedente a quello di concessione; «n» indica la durata del contributo. 4. Sul mutuo bancario può essere accordata la garanzia dei Confidi con una percentuale massima di copertura del rischio del 50 per cento del mutuo stesso. Per la concessione della garanzia si applicano le disposizioni sugli aiuti di importanza minore («de minimis») di cui al Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione delle Comunità Europee ed in particolare le modalità previste dall articolo 2, paragrafo 4, lettera d) del Regolamento medesimo. 5. Sui costi di istruttoria degli organismi istruttori di cui al punto 4.3 è concesso un contributo del 90 per cento a titolo di «aiuti temporanei di importo limitato» di cui alla Comunicazione della Commissione europea 2009/C 16/01, del DPCM 3 giugno 2009 e della deliberazione della Giunta provinciale n di data 18 giugno I contributi di cui ai commi 1 e 5 sono liquidati dopo l erogazione del prestito. 5

6 4. PROCEDURE 4.1 TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE E DI ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE 1. Le imprese di cui al punto 1, comma 3, presentano le domande per ottenere gli interventi di cui al punto 3 entro sei mesi dalla data di pubblicazione del presento atto nel B.U.R.. 2. Può essere presentata soltanto una domanda per prestiti partecipativi per ciascuna impresa. 3. Le domande sono esaminate con procedura valutativa. 4. L avvio dell istruttoria è disposto secondo l ordine cronologico di presentazione delle domande di agevolazione; la concessione delle agevolazioni avviene in ordine cronologico rispetto al termine di istruttoria. 4.2 TERMINI DI AVVIO, COMPLETAMENTO E RENDICONTAZIONE DELL INIZIATIVA 1. La stipula del contratto di mutuo e l erogazione del finanziamento devono avvenire tra il giorno successivo a quello di presentazione della domanda e il 31 dicembre dell anno successivo, prorogabile per un massimo di un anno. 2. Entro 90 giorni dalla scadenza del mutuo, prorogabili per non più di 30 giorni, deve essere effettuato l accantonamento in un apposita riserva dell aumento dei mezzi propri di cui al punto 2, comma 1, lettera a). 3. È stabilito un termine di rendicontazione, entro cui presentare la documentazione di cui al successivo punto 6.3, comma 1, di un anno dal termine di completamento dell iniziativa, indicato al comma 2, pena la revoca totale del contributo concesso. Detto termine è prorogabile per non più di un anno. 4.3 GESTIONE DEGLI INTERVENTI 1. L ente di garanzia provvede a stipulare convenzioni con gli istituti di credito per disciplinare le condizioni degli interventi ammessi ai benefici dei presenti criteri. 2. Le condizioni di tasso e di garanzia possono differenziarsi in funzione di classi di rischio. Le condizioni devono in ogni caso risultare uniformi a parità di classe di rischio e di caratteristiche della garanzia prestata. 3. Le convenzioni stabiliscono in particolare le modalità di presentazione delle domande, di concessione ed estinzione dei finanziamenti, di comunicazione dei mancati pagamenti delle rate dei mutui e di corresponsione dei contributi. 4. Spetta agli enti di garanzia valutare le domande per l accesso all intervento di cui alla presente disciplina. 5. L ente di garanzia può applicare una commissione di istruttoria della domanda non superiore allo 0,25 per cento dell importo del finanziamento e comunque non superiore a 250,00 euro. 6. I rapporti tra Provincia ed enti di garanzia sono regolati nell ambito delle convenzioni attualmente in essere stipulate ai sensi dell articolo 15, comma 1, della legge provinciale 13 dicembre 1999, n OBBLIGHI E REVOCHE 5.1 OBBLIGHI 1. La concessione delle agevolazioni previste per i prestiti partecipativi comporta i seguenti obblighi: a) non estinguere anticipatamente il finanziamento; b) effettuare interamente l aumento dei mezzi propri di cui al punto 2, comma 1, accantonandoli in apposita riserva entro 90 giorni dalla scadenza del finanziamento, prorogabili per non più di 30 giorni; c) mantenere l attività per almeno cinque anni dalla data di erogazione del finanziamento e comunque per tutta la durata dello stesso. Il fallimento, o la liquidazione per le società cooperative, è considerata cessazione dell attività dalla data della relativa dichiarazione; d) non effettuare riduzioni dei versamenti effettuati o degli utili accantonati attraverso la distribuzione di utili, prestiti ai soci o altre operazioni che influiscano sui mezzi propri prima che siano trascorsi cinque anni dalla data di erogazione del finanziamento e comunque non 6

7 prima della scadenza dello stesso. Nei casi di riduzione per perdite, non possono essere distribuiti utili fino a che detti mezzi propri non siano stati ricostituiti. È fatta salva la possibilità per l impresa di chiedere una deroga a tale impegno in presenza di operazioni di accertata convenienza per l impresa stessa. 5.2 NON ACCOGLIMENTI, REVOCHE E PROCEDURE 1. Il mancato rispetto delle disposizioni per l ammissione agli interventi previsti dai presenti criteri comporta il non accoglimento delle domande presentate ovvero la revoca dei provvedimenti già assunti. 2. Nel caso di mancato rispetto dell obbligo di non estinguere anticipatamente il finanziamento previsto al punto 5.1, comma 1, lettera a), è disposta: a) la revoca totale dell agevolazione accordata se il soggetto beneficiario non ha provveduto ad effettuare l aumento dei mezzi propri di cui al punto 2, comma 1, accantonandoli in apposita riserva; b) la revoca con decorrenza dalla rata successiva all estinzione se l estinzione anticipata è stata preceduta dal completo aumento dei mezzi propri di cui al punto 2, comma 1, accantonandoli in apposita riserva. 3. Nel caso di mancato rispetto degli obblighi di cui al punto 5.1, comma 1, lettere b), c) e d) è disposta la revoca totale delle agevolazioni accordate. 4. Il mancato pagamento delle rate del mutuo comporta la sospensione dell erogazione del contributo fino alla ripresa del pagamento della rate. Se la sospensione nel pagamento delle rate di mutuo si protrae oltre un anno è disposta: a) la revoca totale dell agevolazione accordata se il soggetto beneficiario non ha provveduto ad effettuare l aumento dei mezzi propri di cui al punto 2, comma 1, accantonandoli in apposita riserva; b) la revoca con decorrenza dalla rata successiva all inizio dei mancati pagamenti se è stato effettuato il completo aumento dei mezzi propri di cui al punto 2, comma 1, accantonandoli in apposita riserva. 5. La revoca delle agevolazioni per qualsiasi motivo comporta la restituzione delle somme erogate in eccedenza, maggiorate degli interessi semplici calcolati al tasso legale. 6. Il controllo sul rispetto degli obblighi viene effettuato dagli enti di garanzia. 7. In presenza della violazione di un obbligo, l Ente ne dà comunicazione all amministrazione provinciale e al soggetto richiedente o beneficiario del contributo che può presentare le proprie controdeduzioni nel termine fissato. 8. Qualora l inadempimento non sia regolarizzato, o non sia regolarizzabile nel rispetto delle presenti disposizioni entro sei mesi dalla contestazione, o le controdeduzioni non siano ritenute accoglibili, sono disposti i provvedimenti di cui ai commi precedenti. 6. DOCUMENTAZIONE 6.1 DOCUMENTAZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. In allegato alle domande è necessario presentare: a) domanda di contributo per prestiti partecipativi secondo il fac-simile allegato ai presenti criteri; b) relazione tecnico-economico-finanziaria, che dovrà contenere almeno i seguenti elementi: 1. individuazione dell impresa richiedente; 2. attività aziendale svolta o che si intende svolgere; tipologia di prodotto o di servizio offerto; mercato; 3. dati per la verifica dei requisiti dimensionali dell impresa; 4. riclassificazione dello stato patrimoniale e del conto economico riferito all ultimo esercizio disponibile; 5. de minimis ricevuto nel triennio precedente la presentazione della domanda; 7

8 6. dichiarazione di conoscenza degli obblighi di cui all articolo 16 della legge e ai presenti criteri applicativi; c) qualora non siano già depositati presso l Ente istruttore ovvero non siano acquisibili dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, copia semplice degli ultimi due bilanci approvati e delle relazioni accompagnatorie; per le imprese che non hanno l obbligo di depositare il bilancio, copia semplice del libro inventari relativo agli ultimi due esercizi; per le imprese che nell anno solare precedente a quello di presentazione della domanda hanno adottato un regime diverso da quello ordinario, copia semplice dell ultima dichiarazione dei redditi; d) dichiarazione sostitutiva di certificazione e dell atto di notorietà, resa dal legale rappresentante o dal titolare dell impresa, per l ottenimento degli aiuti temporanei di importo limitato di cui alla Comunicazione CE (2009/C 16/01), al DPCM 3 giugno 2009 e alla deliberazione della Giunta provinciale n di data 18 giugno 2009; e) dichiarazione riguardo al rispetto dell impegno Deggendorf di cui al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 giugno 2009, art. 2, comma DOCUMENTAZIONE PER L ISTRUTTORIA DELLA DOMANDA 1. Per il completamento dell istruttoria della domanda di agevolazione al fine della concessione dell agevolazione è necessario presentare: a) copia semplice del contratto di finanziamento registrato e del relativo piano di ammortamento; b) copia semplice della deliberazione dell assemblea dei soci, ovvero dell impegno dei soci o del titolare di cui al punto 2, comma DOCUMENTAZIONE PER L EROGAZIONE DELL AGEVOLAZIONE 1. Per ottenere l erogazione del contributo di cui al punto 3, commi 1, 2 e 3, deve essere presentata la seguente documentazione: a) copia semplice della documentazione attestante l erogazione del mutuo; b) copia semplice della documentazione attestante il pagamento delle rate del mutuo scadute; c) copia semplice della documentazione attestante l aumento dei mezzi propri. 2. La documentazione di cui al comma 1, lettera b), deve essere presentata prima della scadenza di ciascuna delle rate annuali di contributo. 3. Successivamente alla scadenza del finanziamento è necessario presentare: a) copia semplice della documentazione attestante il completo pagamento delle rate del mutuo scadute e il completo aumento dei mezzi propri; b) copia semplice della documentazione attestante l accantonamento in apposita riserva dell aumento dei mezzi propri. 4. Per l erogazione del contributo di cui al punto 3, comma 5, deve essere presentata regolare fattura 7. ENTITÀ DELL INTERVENTO 1. È stabilito un tetto massimo ai mutui bancari che possono accedere alle agevolazioni di cui ai presenti criteri di euro ,00 così suddiviso: - euro ,00 destinato alle società con fatturato fino ad euro ,00 e alle imprese individuali con progetto di trasformazione in società; - euro ,00 destinato alle società con fatturato superiore a euro ,00 e non superiore a euro ,00. 8

9 Allegato parte integrante ALLEGATO 2) Alla PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO TRENTO marca da bollo Oggetto: Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 6. contributi finalizzati all'abbattimento del costo dei finanziamenti assunti dall'impresa a fronte di processi di incremento dei mezzi propri (prestiti partecipativi) Il sottoscritto nato a il residente a in qualità di (legale rappresentante/titolare) dell impresa con sede legale in telefono fax codice fiscale o partita IVA dell impresa numero iscrizione albo degli autotrasportatori CHIEDE la concessione del contributo finalizzati all'abbattimento del costo dei finanziamenti assunti dall'impresa a fronte di processi di incremento dei mezzi propri previsto dall articolo 6 della legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 e dai relativi criteri, nei limiti previsti dall aiuto di importo limitato e compatibile disciplinato al punto 4.2 del «Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell accesso al finanziamento nell attuale situazione di crisi finanziaria ed economica» (2009/C 16/01) nonché dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 giugno 2009 pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana n. 131 del 9 giugno 2009; l accredito presso la banca con sede in IBAN L impresa s impegna: - a mantenere l attività di autotrasporto di merci per conto di terzi, la sede legale e amministrativa, per la durata di 5 anni dall inizio dell attività, nella Provincia di Trento, con il numero di veicoli almeno pari n. ; - (per le società in possesso di almeno 5 autoveicoli) a mantenere, per 3 anni dalla data di avvio dell attività, un numero di addetti non inferiore all ottanta per cento degli addetti delle imprese oggetto di aggregazione pari a. 9

10 Si allega la seguente documentazione indicata nei criteri di concessione: relazione tecnico-economico-finanziaria; dichiarazione sostitutiva di certificazione e dell atto di notorietà per l ottenimento degli aiuti temporanei di importo limitato di cui alla Comunicazione CE (2009/C 16/01), al DPCM 3 giugno 2009 e alla deliberazione della Giunta provinciale n di data 18 giugno 2009; dichiarazione sostitutiva di certificazione e dell atto di notorietà riguardo al rispetto dell impegno Deggendorf di cui al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 giugno 2009, art. 2, comma 4; qualora non siano già depositati presso l Ente istruttore ovvero non siano acquisibili dalla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, copia semplice degli ultimi due bilanci approvati e delle relazioni accompagnatorie; per le imprese che non hanno l obbligo di depositare il bilancio, copia semplice del libro inventari relativo agli ultimi due esercizi; per le imprese che nell anno solare precedente a quello di presentazione della domanda hanno adottato un regime diverso da quello ordinario, copia semplice dell ultima dichiarazione dei redditi. 10

11 Allegato parte integrante ALLEGATO 3) MODIFICA AL PUNTO 8 BIS DEI CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA L.P. 6/1999 E S.M. - NORME DI CARATTERE GENERALE - APPROVATI CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N DI DATA 22 DICEMBRE 2005, DA ULTIMO MODIFICATA CON DE- LIBERAZIONE N DI DATA 5 GIUGNO 2009 Al punto 8 bis sono apportate le seguenti modificazioni: 1) il comma 3 è sostituito dal seguente: 3. Le domande con spesa ammissibile superiore a euro sono valutate positivamente con riferimento alla validità e all idoneità sotto il profilo economico-finanziario attraverso: a) per le domande fino ad euro ,00, l apposizione di un vincolo di raggiungimento o mantenimento di un livello di mezzi propri del 15%, arrotondato ai euro superiori, del capitale investito presumibile al completamento dell iniziativa; b) per le domande di importo superiore ad euro , l apposizione del vincolo di cui alla lettera a) soltanto in presenza di una delle seguenti condizioni: - un livello di mezzi propri risultante dall ultimo bilancio allegato alla domanda di agevolazione almeno pari al 5% del capitale investito; - una valutazione positiva effettuata da parte di un istituto creditizio o di una società di leasing ai fini dell'erogazione di un finanziamento riferito all investimento oggetto della domanda, di importo almeno pari al 70% della spesa prevista. In mancanza di bilancio, come nel caso di imprese con un regime di contabilità diverso da quello ordinario o di nuove iniziative, è comunque necessaria la valutazione positiva di un istituto creditizio o di una società di leasing di cui alla presente lettera b), secondo alinea. ; 2) dopo il comma 6 è inserito il seguente: 6 bis. L incremento dei mezzi propri tramite prestito partecipativo agevolato ai sensi dell articolo 6 della legge concorre ad attestare l assolvimento dei vincoli di cui al comma 3 per l intero importo del prestito e fin dalla sottoscrizione dello stesso purché siano rispettati procedure e obblighi previsti dai relativi criteri applicativi. Nel caso in cui l importo del prestito partecipativo non copra l intero vincolo fissato o non siano rispettati le predette procedure e obblighi, il soggetto beneficiario dovrà far fronte alla conseguente carenza di mezzi propri vincolati.. 11

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102

Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI. Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 Allegato parte integrante ALLEGATO 1) DISPOSIZIONI PER I PRESTITI PARTECIPATIVI Pag. 1 di 8 All. 001 RIFERIMENTO: 2009-D323-00102 1. OBIETTIVI E BENEFICIARI 1. I criteri e le modalità che seguono si riferiscono

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria

l estensione all imprenditoria giovanile del Fondo di garanzia già costituito a favore dell imprenditoria interventi inseriti nell Accordo di Programma Quadro Potenziamento delle infrastrutture dei Patti Territoriali - Delibera CIPE n. 20/2004 (acc. n. 101249 e acc. n. 101250). La presente deliberazione sarà

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste

REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Allegato B al D.D.G. n /2009 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato dell Agricoltura e delle Foreste Modalità e procedure per il concorso regionale nel pagamento degli interessi sul prestiti

Dettagli

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati tesi a favorire l aggregazione delle imprese agricole di produzione primaria e di quelle di trasformazione di prodotti

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1328 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 23 agosto 1993, n. 18 e legge provinciale 13 dicembre 1999, n.

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera

LA GIUNTA PROVINCIALE. delibera 32 Bollettino Ufficiale n. 17/I-II del 21.4.2009 - Amtsblatt Nr. 17/I-II vom 21.4.2009 [BO17090154597 S050 ] DECRETO DEL SOVRINTENDENTE SCOLASTICO 12 marzo 2009, n. 109/17.4 Proroga della nomina dei membri

Dettagli

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione

INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive di attuazione Allegato alla Delib. G.R. n. 9/13 del 8.3.2006 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE TERMINE Legge Finanziaria 2006, art. 6, comma 4 lettera b) Direttive

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 7/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ;

vista la legge regionale 13 ottobre 2004, n. 23 avente ad oggetto: Interventi per lo sviluppo e la promozione della cooperazione ; REGIONE PIEMONTE BU28 11/07/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 20 giugno 2013, n. 6-5984 Contratto di Prestito - Regione Piemonte Loan for SMEs tra Finpiemonte e Banca Europea degli investimenti.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2411 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Definizione delle tipologie di mutuo ammissibili, del parametro di riferimento e

Dettagli

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI

CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI CIRCOLARE PER LA CONCESSIONE DELL AGEVOLAZIONE SUI FINANZIAMENTI RELATIVI ALLA PARTECIPAZIONE DI IMPRESE ITALIANE IN SOCIETA O IMPRESE ALL ESTERO AI SENSI DELLA LEGGE 24.4.1990 N.100, ART. 4, E SUCCESSIVE

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

- a voti unanimi espressi in forma di legge; delibera

- a voti unanimi espressi in forma di legge; delibera Bollettino Ufficiale n. 14/I-II del 03/04/2012 / Amtsblatt Nr. 14/I-II vom 03/04/2012 154 79221 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5

ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2459 del 04 agosto 2009 pag. 1/5 REGIONE VENETO Direzione Regionale Mobilità Bando pubblico per la concessione di finanziamenti agevolati per il settore

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009

art. 1 finalità art. 2 modifiche all articolo 1 del DPReg 191/2009 art. 3 modifiche all articolo 2 del DPReg 191/2009 Regolamento recante modifiche al Regolamento concernente le modalità per lo smobilizzo dei crediti da parte delle banche, nonché le modalità e le condizioni per la concessione da parte del Fondo regionale

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA di concerto con IL MINISTRO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE DECRETO 17 dicembre 1999, n. 539 (pubblicato nella G.U.R.I. dell 8 febbraio 2000 serie generale n. 31) Regolamento recante condizioni e modalità dell intervento del Fondo centrale di garanzia per il credito

Dettagli

Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI

Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI Cooperativa Artigiana di Garanzia della Provincia di Trento Società cooperativa CONFIDI Trento via Pietrastretta, 1 Telefono: 0461-431800 Fax: 0461-431810 e-mail: coop.garanzia@artigiani.tn.it REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO

REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Regolamento FONDO SPECIALE RISCHI PER LA PRESTAZIONE DI GARANZIE PER LAVORATORI NON IN POSSESSO DI CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Art. 1 (Definizioni) 1. Nel presente regolamento

Dettagli

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro delle Attività Produttive di concerto con Il Ministro dell economia e delle finanze Visto l articolo 14 della legge 17 febbraio 1982, n. 46 e successive modifiche e integrazioni; Visto il decreto

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

Sono ammissibili gli investimenti realizzati successivamente all 1.1.2004.

Sono ammissibili gli investimenti realizzati successivamente all 1.1.2004. Con decorrenza dal 1 giugno 2005 sono operativi i sottodescritti due Fondi, costituiti dalla Comunità Montana con il concorso finanziario della Provincia e della Camera di Commercio di Reggio Emilia, per

Dettagli

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI

Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI Allegato 1 alla D.C. n. 15 del 22 dicembre 2008 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI TITOLO I CRITERI GENERALI ART. 1 PRINCIPI 1. Il presente regolamento

Dettagli

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso

Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Norme per la concessione di contributi in conto interesse su finanziamenti concessi alle imprese della provincia di Campobasso Art. 1 Finalità e risorse La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 36/ 20 DEL 26.7.2005 Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 Art. 1 Ai fini dell applicazione delle presenti direttive e criteri di

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres.

L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. L.R. 4/2001, art. 7 B.U.R n. 3/10/2001, n. 40 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 26 luglio 2001, n. 0281/Pres. Regolamento per l attuazione dei prestiti partecipativi a favore delle imprese commerciali,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. L.R. 13/2002, art. 7, c. 15 e 16 B.U.R. 23/7/2003, n. 30 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 19 giugno 2003, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella concessione degli aiuti

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE DECRETO 19 marzo 1999, n. 147 (pubblicato nella G.U.R.I. del 24 maggio 1999, n. 119 - avviso di rettifica pubblicato nella G.U.R.I. del 20 luglio 1999, n. 168) "Regolamento recante criteri e modalità di

Dettagli

* al Comitato introdotto con delibera del Comitato Agevolazioni dell 11.10.2011.

* al Comitato introdotto con delibera del Comitato Agevolazioni dell 11.10.2011. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST CIRCOLARE

Dettagli

L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10. Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese

L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10. Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese Allegato 1 L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) - L.R. 1/09 e s.m.i. artt. 7 e 10 Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese SEZIONE EMERGENZE MODULO DI DOMANDA (da inoltrare

Dettagli

Cod. Fisc. e Part. IVA, iscritta all albo di cui all articolo 13 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, in persona In qualità di

Cod. Fisc. e Part. IVA, iscritta all albo di cui all articolo 13 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, in persona In qualità di SCHEMA DI CONVENZIONE per la regolamentazione della gestione ed erogazione delle agevolazioni in abbuono interessi in favore degli imprenditori del settore agricolo beneficiari degli aiuti previsti dalla

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE COMUNE DI MERCATO SARACENO Provincia di Forlì Cesena Settore Segreteria Affari Generali REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI COMUNALI FINALIZZATI ALL ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014

REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 REGIONE PIEMONTE BU33 14/08/2014 Codice DB1512 D.D. 5 agosto 2014, n. 531 Legge regionale 22 dicembre 2008, n. 34, articolo 42, comma 6. Affidamento a Finpiemonte S.p.A. delle funzioni e delle attivita'

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA.

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. COMUNE DI SANT URBANO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO, COSTRUZIONE, RISTRUTTURAZIONE E RECUPERO PRIMA CASA. Allegato alla Delibera di Consiglio

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui

ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE. Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui CAPITOLATO SPECIALE Espletamento dei servizi finanziari relativi alla concessione di due mutui Art. 1 Oggetto Oggetto del presente capitolato è la regolamentazione delle condizioni per l espletamento di

Dettagli

Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010.

Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010. LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 29-12-2009 REGIONE SICILIA Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari)

Art. 1 (Finalità) Art. 2 (2) (Soggetti beneficiari) L.R. 01 Settembre 1999, n. 19 Istituzione del prestito d'onore (1) Art. 1 (Finalità) 1. La presente legge disciplina la concessione di finanziamenti a favore di soggetti inoccupati e disoccupati per la

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" DELIBERE

Dettagli

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt.

Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST DM 23 settembre 2011 e successive modifiche e integrazioni DM 21 dicembre 2012, artt. 12 e 13 CIRCOLARE n. 8/2013 approvata con delibera del 2 dicembre

Dettagli

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE

AVVISO. REGIONE CAMPANIA ART. 6 LEGGE REGIONALE n. 12/2007 INCENTIVI PER IL CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE Decreto Dirigenziale n. 181 del 14 aprile 2008 Area Generale di Coordinamento: Sviluppo Economico n. 12 - L.R. n. 12 del 28.11.2007 - Art. 6 - Incentivi per il Consolidamento delle Passivita' a Breve -

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura"

Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura"

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA

PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA PROVINCIA REGIONALE DI SIRACUSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PRESTITI AGEVOLATI DA ACCORDARE DA PARTE DEGLI ISTITUTI DI CREDITO ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELL INDUSTRIA, DEL COMMERCIO, DEI SERVIZI

Dettagli

Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI

Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Approvato con deliberazione della Giunta camerale n. 83 del 24

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

SPAZIO RISERVATO A FRIE

SPAZIO RISERVATO A FRIE DOMANDA DI FINANZIAMENTO A TASSO AGEVOLATO PER L ATTIVAZIONE DI PRESTITI PARTECIPATIVI A VALERE SULLA SEZIONE PER I DISTRETTI INDUSTRIALI DELLA SEDIA E DEL MOBILE DEL FONDO DI ROTAZIONE PER LE INIZIATIVE

Dettagli

Circolare N.56 del 29 Marzo 2013. Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese

Circolare N.56 del 29 Marzo 2013. Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Circolare N.56 del 29 Marzo 2013 Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Prorogata al 30 giugno 2013 la moratoria debiti delle piccole e medie imprese Gentile cliente,

Dettagli

FIDART CALABRIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI

FIDART CALABRIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI Articolo 1: Scopo dell'iniziativa L'Amministrazione Provinciale di Cosenza, considerata la necessità di favorire la crescita

Dettagli

Visto l'art. 2, comma 221, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, recante modalità di dismissione delle partecipazioni;

Visto l'art. 2, comma 221, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, recante modalità di dismissione delle partecipazioni; MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 16 aprile 2003 Modificazioni al decreto ministeriale 4 aprile 2001 concernente le modalita' e le procedure di partecipazione del Ministero dell'industria, del

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO, DI

Dettagli

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO

4, 1 13 2015, 273 COMMERCIO ELETTRONICO Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per la realizzazione e l ampliamento di infrastrutture informatiche di cui all articolo 4, comma 1

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 1907 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 "Aiuti per la promozione della

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA. L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI D.A. n. 2740 Dip.Int.Strutt. Servizio III Unità operativa n. 32 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA L ASSESSORE delle RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI VISTO lo Statuto della Regione Siciliana; VISTA la

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU MICROFINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE 1 BANDO DI CONCORSO Art. 1- Premessa la Camera di Commercio I.A.A. di Cosenza, nell ambito delle iniziative

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I

P R O V I N C I A D I C A G L I A R I Allegato alla deliberazione del C.P. n del P R O V I N C I A D I C A G L I A R I PROVINCIA DE CASTEDDU PROPOSTA DI DELIBERAZIONE (N.0091110130047) IL CONSIGLIO PROVINCIALE Proponente: ASSESSORATO FINANZE

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FINANZIAMENTI PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO FINANZIAMENTI PER L'INTERNAZIONALIZZAZIONE Pagina 1 FINANZIAMENTI AGEVOLATI DELLE SPESE PER L'APERTURA DI STRUTTURE ALL'ESTERO PER IL LANCIO E LA DIFFUSIONE DI NUOVI PRODOTTI E SERVIZI O L'ACQUISIZIONE DI NUOVI MERCATI - DECRETO LEGGE 112-2008

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" Applicabili

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare

La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare La Nuova Legge Sabatini, prevista dal Decreto del Fare 1 Gli attori Le Banche olesocietà di leasing, erogano il finanziamento per acquisto o acquisizione in leasing di «beni strumentali» a condizioni di

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 8 novembre 1996, n. 591 (pubblicato nella G.U.R.I. del 22 novembre 1996, n. 274) "Regolamento recante criteri e modalità di concessione delle agevolazioni per la promozione di iniziative di lavoro

Dettagli

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO

CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO CONVENZIONE TIPO FINALIZZATA ALLA CONCESSIONE DI PRODOTTI DI FINANZIAMENTO A PENSIONATI ENASARCO L anno, il giorno del mese di in Roma Via TRA La FONDAZIONE ENASARCO, con sede in Roma, Via Antoniotto Usodimare

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. L.R. 11/2011, art. 2, c. 96 B.U.R. 25/01/2012, n. 4 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 gennaio 2012, n. 09/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti a condizioni

Dettagli

COMUNE DI VALDISOTTO Provincia di Sondrio

COMUNE DI VALDISOTTO Provincia di Sondrio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI VALDISOTTO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTIGIANFIDI LOMBARDIA, CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO,

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

Pagina 1. Circolare n. 3/2010

Pagina 1. Circolare n. 3/2010 Comitato Agevolazioni istituito presso la SIMEST in base alla Convenzione stipulata il 16.10.1998 tra il Ministero del Commercio con l Estero (ora Ministero dello Sviluppo Economico) e la SIMEST DELIBERA

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 140 79470 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 13 aprile 2012, n. 710 Approvazione dei criteri e modalità per il finanziamento dei

Dettagli

PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE

PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE p_ba AOO PROVINCIA DI BARI Attività produttive e Politiche Comunitarie Allegato n.1 al PG 0104119 del 11/06/2013 Flusso: Interno PROVINCIA DI BARI SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE E POLITICHE COMUNITARIE

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del contratto

Art. 1 - Oggetto del contratto CAPITOLATO TECNICO ECONOMICO PER LA CONTRAZIONE DI MUTUO DESTINATO AL FINANZIAMENTO DI SPESE DI INVESTIMENTO (D. LGS. 17/3/1995 N. 157, ART. 6, COMMA 1, LETT. A; ART. 23, COMMA 1, LETT. A; ALLEGATO 1,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

www.finpiemonteonline.it

www.finpiemonteonline.it www.finpiemonteonline.it DOCUP 2000/2006 LINEA 2.1B CONVENZIONE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Questo documento è stato strutturato per essere compilato direttamente a video, con l applicativo Word di

Dettagli

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI 10239 ALLEGATO A PSR 2007/2013 PUGLIA MISURA 112 INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DEL PREMIO DI PRIMO INSEDIAMENTO NELLA FORMA COMBINATA (PREMIO UNICO + ABBUONO DI INTERESSI).

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI

REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI REGOLAMENTO DEL FONDO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI Rev.01 Annulla e sostituisce Regolamento del 13/4/2006 Rev. n. 0 approvato dal Comitato Gestione Fondi Apportati e dei Fondi

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli