Guida ai sistemi di diffusione sonora per l emergenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida ai sistemi di diffusione sonora per l emergenza"

Transcript

1 Guida ai sistemi di diffusine snra per l emergenza (secnda parte) Pubblicat il: 22/01/2007 Aggirnat al: 22/01/2007 di Gianfranc Ceresini 1. Requisiti tecnici Nella centrale di cntrll e negli eventuali psti di cntrll a distanza, deve essere pssibile tenere cstantemente mnitrat l stat del sistema di diffusine snra, attravers una serie di segnalatri, i quali autmaticamente devn frnire infrmazini sulle seguenti cndizini: Indicare la dispnibilità del sistema e della relativa alimentazine; Per i sistemi che hann numerse zne altparlante, indicare quali zne sn selezinate e il lr livell di prirità (evacuazine, allerta, nn emergenza). Dve sn previsti differenti messaggi di allarme, dipendenti dalla natura dell evacuazine, indicare, preferibilmente in frma grafica, quale messaggi è trasmess e in quale zna, mantenend l infrmazine aggirnata a man a man che cambian le cndizini di evacuazine; Segnalare qualsiasi cndizine di guast: Crtcircuit, mancanza di alimentazine guast dell alimentazine rdinaria; Crtcircuit, mancanza di alimentazine guast dell alimentazine di sicurezza; Crtcircuit, mancanza di alimentazine guast dell equipaggiament di carica dell alimentazine di sicurezza; Apertura di fusibili, interruttri, sezinatri qualsiasi altr dispsitiv di prtezine che pssa interrmpere la trasmissine dei messaggi di allarme; Guast del micrfn, inclusa la capsula micrfnica, il preamplificatre ed i cllegamenti al rest del sistema; Guast lung la catena di amplificazine del segnale; Mancanza guasti degli amplificatri; Guast sul generatre dei segnali di allarme e/ dei messaggi preregistrati; Guasti sui circuiti degli altparlanti (circuiti aperti crtcircuiti); Crtcircuit mancanza di alimentazine dei dispsitivi di allarme visiv; Guast del micrprcessre della centrale di cntrll nell esecuzine del prgramma; Rilevament di qualsiasi errre durante il cntrll della memria; Guast nella cmunicazine dati tra le varie parti del sistema. Ogni indicazine di guast dvrà attivare sia una segnalazine di tip lumins, fissa lampeggiante, che una segnalazine acustica di durata pari ad almen 0,5 s e che si ripeta gni 5 s. Una vlta ricevuta la segnalazine di guast, da parte dell peratre alla centrale di cntrll, egli ptrà silenziare l avvertiment acustic (che si riattiverà in cas di nuv guast), mentre dvrà rimanere permanentemente illuminata la segnalazine visiva. Sl quand tutti i guasti sarann stati eliminati, si ptrà resettare anche la segnalazine luminsa. 1

2 L indicazine del guast deve essere frnita entr 100 s dall istante nel quale è avvenut il guast, indipendentemente dal fatt che in quell istante il sistema stia funzinand magari per trasmettere musica e nn in mdalità di emergenza. Anche il cllegament tra il sistema di rivelazine incendi ed il sistema di diffusine snra, deve essere cstantemente mnitrat per prevenire eventuali guasti. Il sistema di rivelazine incendi, in particlare, deve essere in grad di ricevere, cme minim, una generica segnalazine di guast (di tiplgia pari all elenc precedente) da parte del sistema di diffusine snra. Una vlta che è stat attivat dal sistema di rivelazine incendi, il sistema di diffusine snra deve cntinuare a trasmettere messaggi anche se il cllegament fra i due sistemi viene a mancare a causa di un guast. Un altra prcedura che deve essere sttpsta ad un cntinu prcess di mnitraggi è l esecuzine del sftware da parte dei micrprcessri che gestiscn il sistema. Tale mnitraggi deve pter cntinuare a funzinare crrettamente anche in cas di un guast ad un micrprcessre al su circuit di clck. Un guast del genere deve cmprtare da parte del circuit di mnitraggi la reinizializzazine del micrprcessre ed il riavvi del prgramma entr 10 s dall istante del guast. La prcedura di reinizializzazine deve verificare che il cntenut della memria, prgramma e dati, nn sia danneggiat e in cas cntrari deve memrizzare che si è verificat un guast, ppure resettare tutt e frnire una segnalazine visiva e snra assciata al reset. Il sistema di diffusine snra deve essere cstruit seguend le indicazini della nrma CEI EN (CEI 92-1) Apparecchi audi, vide ed apparecchi elettrnici similari Requisiti di sicurezza, ma se alcune parti del sistema vengn installate in zne cn pericl di esplsine devn essere sddisfatti anche i requisiti di sicurezza previsti dalla nrma CEI EN (CEI 31-33). Per i valri di adattament dei segnali analgici, la nrma da seguire è invece la CEI EN (CEI ), mentre per i cnnettri da utilizzare per l intercnnessine dei cmpnenti elettracustici per la diffusine il riferiment nrmativ è la CEI EN (CEI 84-12). Tutt l equipaggiament del sistema deve essere frnit di targhette cn le infrmazini riguardanti le sue funzini, le caratteristiche e l eventuale plarità di cllegament. 2

3 Figura 4 Illustrazine di un sistema cmmerciale di diffusine snra per l emergenza (Pas Spa) 3

4 2. Alimentazine elettrica secndaria (di sicurezza) Il sistema di diffusine snra, essend cnsiderat a ragine un servizi di sicurezza, deve essere alimentat, ltre che dalla alimentazine rdinaria, anche da una alimentazine di sicurezza, nel cas la prima subisca un guast. L alimentazine di sicurezza deve essere in grad di far funzinare il sistema di diffusine snra, in cndizini di emergenza, per un perid pari al dppi del temp previst per l evacuazine dell edifici, e in gni cas per un perid pari ad almen 30 minuti. Se invece le cndizini di emergenza nn ci sn, e l edifici nn deve quindi essere evacuat, la srgente di sicurezza deve pter alimentare il sistema di diffusine snra per almen 24 re, ppure 6 re se è dispnibile un grupp elettrgen di emergenza; anche in quest cas cmunque, se spraggiungn cndizini di emergenza, il funzinament del sistema deve essere garantit per almen 30 minuti. I 30 minuti di funzinament perativ in emergenza devn essere garantiti anche nel cas in cui l edifici venga riccupat dp un perid in cui era rimast vut (es. per ferie). Le funzinalità nn di emergenza del sistema, quali la diffusine di musica di sttfnd, nn devn essere alimentate dalla srgente di sicurezza, se queste riducn successivamente la capacità del sistema in cndizini di emergenza. Se per l alimentazine di sicurezza vengn utilizzate batterie, queste devn avere un dispsitiv di carica autmatic e devn essere usate in cnfrmità a quelle che sn le raccmandazini del cstruttre all scp di arrivare al temp di vita previst per la batteria che nn deve essere minre cmunque di quattr anni. La fine del temp di vita delle batterie viene individuat quand nn riescn più a raggiungere l 80% della lr capacità in Ampere-ra. Il dispsitiv di carica autmatica deve garantire che le batterie si ricarichin almen all 80% della lr capacità massima, partend da una situazine di scarica ttale, in un temp di 24 re. 4

5 3. Installazine Il sistema di diffusine snra deve essere installat in base alle prescrizini della nrma CEI Se l impiant di diffusine snra fa parte di un sistema di rivelazine e/ di allarme, il su cablaggi deve seguire le indicazini nrmative relative al sistema di rivelazine. Piché in un sistema di rivelazine incendi, le linee che cllegan la centrale cn i dispsitivi di segnalazine esterna (pannelli ttic-acustici, sirene, etc.) e cn i dispsitivi di sicurezza (sistema di spegniment autmatic, prte tagliafuc, sistemi di estrazine del fum, etc.) devn essere realizzati cn cavi in tub stt traccia, in alternativa cn cavi resistenti al fuc (cnfrmi alle nrme CEI ), per fare in md che funzinin anche durante l incendi, si può lgicamente cncludere che anche i cavi che cllegan la centrale cn gli altparlanti nel sistema di diffusine snra, debban essere resistenti al fuc. Per la realizzazine delle linee fniche e micrfniche deve essere utilizzat cav schermat cn schermatura predispsta per il cllegament a terra. Per quant riguarda la legge 46/90, gli impianti di diffusine snra vengn cnsiderati cme impianti elettrnici e di cnseguenza, la lr installazine negli edifici civili e nelle scule è riservata alle imprese abilitate alla realizzazine degli impianti di cui all'art. 1 cmma 1b) della legge 46/90 e iscritte nell'alb prvinciale delle imprese artigiane. Se l impiant di diffusine snra viene installat in un altr tip di lcale, nn ccrre alcuna abilitazine. 5

6 4. Operatività e manutenzine del sistema Le istruzini per il funzinament perativ del sistema, cmprese le azini da eseguire in cas di un guast del sistema, devn essere sempre dispnibili e preferibilmente espste in gni centrale di cntrll. Per quant pssibile dvrebber essere usate illustrazini per spiegare il funzinament del sistema; dve è indispensabile del test scritt, quest deve essere chiaramente leggibile. Le istruzini perative devn essere aggirnate in cas di aggiunte mdifiche al sistema, ppure in base a crrezini derivanti dall esperienza pratica di utilizz del sistema. La nrma EN raccmanda almen due ispezini di manutenzine gni ann, da effettuarsi a cura di una persna cmpetente. Una persna respnsabile, nminata da parte di chi ha il cntrll dei lcali (es. datre di lavr), deve assicurare che la prcedura di manutenzine venga eseguita crrettamente. L impresa che effettua la manutenzine e l utilizzatre finale devn avere a dispsizine i seguenti dcumenti: Dcument di installazine cmprendente: La planimetria indicante il psizinament dei cmpnenti del sistema; Le misure prestazinali effettuate sul sistema installat, quali le misure di caric degli altparlanti in mdalità di emergenza, i livelli degli amplificatri di ptenza, i livelli della pressine snra, le misure di cmprensibilità del messaggi snr, etc. Diari d us del sistema, nel quale devn essere indicate: Data e ra di utilizz del sistema; Dettagli delle rutine di cntrll; Data e ra di gni guast; Dettagli di gni guast trvat e delle circstanze nelle quali si è verificat; Azine presa per rimediare al guast; Data, ra e nme della persna che utilizza il sistema; Firma della persna respnsabile in cas di guasti di riparazini; Manuale di manutenzine, che deve frnire i dettagli di tutti i lavri richiesti per mantenere in rdine ed efficienza l impiant. Tale manuale deve precisare in md chiar: Il metd di manutenzine; La sequenza da seguire nel prcess di manutenzine; Identificazine delle parti del sistema che richiedn manutenzine; Versini riginali degli equipaggiamenti e i catalghi dei materiali; Lista e psizinament delle parti di ricambi; Lista e psizinament degli strumenti speciali; 6

7 Figura 5 Esempi di suddivisine in zne altparlante in una scula (Fbt elettrnica Spa) Figura 6 Esempi di impiant di diffusine snra per l emergenza in una stazine (Fbt elettrnica Spa) 7

8 5. Udibilità dei segnali di attenzine (trasmessi dal sistema di diffusine) I segnali snri pssn essere usati per avvertire di un annunci imminente. L allegat C della nrma CEI EN 60849, a titl infrmativ, raccmanda determinati livelli snri affinché tali segnali pssan essere udibili. In particlare, i segnali di attenzine nelle aree cperte dal sistema di diffusine snra, dvrebber avere in cas di emergenza i seguenti livelli: Livell snr minim: 65 dba Livell snr minim nelle aree in cui le persne drmn: 75 dba Udibilità del livell snr superire al rumre di fnd: da 6 dba a 20 dba Livell snr massim: 120 dba La valutazine della crrettezza dei livelli di allarme va eseguita in base al seguente diagramma di fluss, tratt dall allegat C della nrma. Figura 7 Diagramma di fluss per la scelta dei livelli di allarme (CEI EN 60849) 8

9 6. Indicazini di installazine (fnte: FTB Audi Cntrller) Applicazini a sffitt. La sluzine ttimale sarebbe quella di disprre i diffusri acustici in psizini equidistanti rispett a tutti i pssibili punti di asclt. Per effettuare una valutazine di massima della distanza d fra due diffusri, necessaria per ttenere una distribuzine cstante ed unifrme del sun, si può utilizzare la seguente relazine: α d = 2 ( H 1) tan( ) 2 dve H è l altezza (m) del sffitt del lcale, 1 è l altezza (m) del pian di asclt di una persna seduta (se si ritiene che le persne sian prevalentemente in piedi quest numer diventa 1,5 cme mstrat in figura 8), ed α è l angl di emissine del diffusre. Applicand tale frmula a vari tipi di diffusri acustici in lcali cn diverse altezze, si sserva (tabella 1) che a parità di altezza del sffitt, più aumenta l angl di emissine e maggire sarà la distanza alla quale prre i diffusri, i quali sarann csì in numer inferire. Figura 8 Distribuzine del sun fra due diffusri a sffitt adiacenti. Il clre rss indica una zna cperta da entrambi i diffusri (Fbt) Angl di emissine del Tan (α/2) d cn H=3 m d cn H=4 m diffusre acustic α 80 0,84 3,36 5, ,19 4,76 7, ,43 5,72 8, ,73 6,92 10, ,14 8,56 12,84 Tabella 1 Distanze fra i diffusri acustici in base all angl dei diffusri ed all altezza del lcale (Fbt) 9

10 Per avere un idea, ltre che della distanza, anche del numer cmplessiv dei diffusri ccrrenti (le due cse sn vviamente cllegate), si può utilizzare un altra frmula: Superficie dell ambiente [m2] Superficie cperta dal singl diffusre [m2] all altezza del punt di asclt (1 m se seduti 1,5 m se in piedi) Le figure 9 e 10 mstran due esempi di cpertura all 80% ed al 100% del lcale prescelt. Figura 9 Dispsizine dei diffusri per una cpertura all 80%, le zne grigie cmprese fra le zne blu cperte cstituiscn le csiddette zne d mbra (Fbt) Figura 9 Dispsizine dei diffusri per una cpertura 100%, le zne rsse cmprese fra le zne blu cperte cstituiscn le zne a dppia cpertura (Fbt) Applicazini a parete. All scp di mantenere il punt di asclt sempre all intern dell area cperta dal segnale snr, è necessari installare i diffusri sia da incass che esterni ad una altezza cmpresa fra i 2 e i 2,5 m. La distanza massima fra i diffusri adiacenti nn dvrà essere superire ai 5-6 metri per la lunghezza dell ambiente cn larghezza nn superire ai 4-5 m (figura 10). Per dimensini maggiri di larghezza, intrn agli 8-10 m, è cnsigliabile prre i diffusri su entrambe le pareti alternandli in md tale da cprire adeguatamente e mantenere più cstante pssibile la pressine acustica nell area interessata (figura 11). 10

11 Figura 10 Dispsizine dei diffusri a parete per una cpertura di un lcale di larghezza 4 5 m (Fbt) Figura 10 Dispsizine dei diffusri a parete per una cpertura di un lcale di larghezza 8-10 m (Fbt) Per la snrizzazine di crridi, tunnel, marciapiedi passeggeri delle stazini ferrviarie metrplitane, vengn nrmalmente utilizzati diffusri a trmba adatti alla riprduzine della parla e diffusri di maggir qualità chiamati priettri di sun. In tutti i casi questi diffusri debbn essere mntati ad una distanza massima un dall altr di 15 m, ed aventi tutti la stessa direzine. In alternativa pssn essere presi in cnsiderazine dei diffusri bidirezinali psizinandli a distanza di 30 m massima un dall altr (figura 11). 11

12 Figura 10 Dispsizine di diffusri a trmba per la cpertura snra di stazini e metrplitane (Fbt) 12

13 7. Glssari Area di cpertura: l area, all intern all estern di un edific, nella quale il sistema di diffusine snra sddisfa i requisiti della nrma CEI EN 60849; Zna altparlante: qualsiasi parte dell area di cpertura nella quale l infrmazine può essere frnita in maniera differenziata, rispett alle altre parti; Infrmazine: qualsiasi annunci vcale segnale audi che pssa essere intes; Udibilità: prprietà di un sun che gli permette di essere distinguibile da altri suni; Chiarezza: prprietà di un sun che permette ad un ascltatre di distinguere le sue cmpnenti infrmative. E una prprietà legata alla assenza nel sun di distrsini di gni tip; Intelligibilità: misura della parte del cntenut di un messaggi vcale, che può essere crrettamente cmpres (per sddisfare l intelligibilità un segnale deve avere adeguati requisiti di udibilità e di chiarezza); Allarme: un segnale una cndizine indice di un emergenza; Avvis: imprtante annunci riguardante qualsiasi cambiament di stat che richieda attenzine attività; Pericl: rischi, dann danneggiament; Emergenza: rischi imminente seria minaccia alle persne alle cse; Zna di emergenza: suddivisine dei lcali effettuata in md tale che l insrgere di una emergenza all intern di una zna, sia indicata in md separat da quella riguardante un altra zna; Persna respnsabile: la persna che ha il cntrll dei lcali (es. datre di lavr) deve nminare una persna respnsabile, appsitamente addestrata, che garantisce la manutenzine e la riparazine del sistema di diffusine snra per l emergenza in md che sia sempre in efficienza; Figura 12 Esempi di suddivisine in zne altparlante in un ristrante (Fbt elettrnica Spa) 13

14 Lcali nei quali dispsizini legislative e/ nrmative prevedn l installazine dei sistemi di diffusine snra per l emergenza Premessa 1: nrmalmente quand esce una nuva dispsizine legislativa, questa va ad abrgare (manifestamente ciè scrivendl tacitamente ciè sttintendendl) le dispsizini legislative precedenti che eran in vigre precedentemente su quella materia tecnica. Per fare un esempi, nel cas degli alberghi, il DM 9/4/94 abrga le dispsizini tecniche precedenti, ciè quelle previste dal DM 8/3/85. Nnstante quest abbiam preferit indicare ugualmente, in mlti casi, anche la dispsizine precedente in md da avere un quadr più cmplet della situazine. Ci spieghiam: sempre nel cas degli alberghi, la tiplgia degli studentati nn viene presa in cnsiderazine dal decret del 1994, ma sl da quell del 1985 ed è quindi a quest che ci si deve riferire in un cas del genere. Premessa 2: spess le terminlgie delle dispsizini legislative nn cincidn cn quelle delle nrmative più recenti, per cui ccrre fare a vlte un lavr di adattament e interpretazine. Premessa 3: i lughi di lavr sn una categria trasversale a tutte le altre. Per cui se un cert lcale è anche un lug di lavr, ad ess vann applicate sia le dispsizini particlari del lcale in questine, sia quelle relative ai lughi di lavr. Premessa 4: nei casi in cui le dispsizini legislative prevedn sl l bblig generic dell impiant di diffusine snra per i servizi di emergenza, senza indicare valri di livelli snri, autnmia e tempi di intervent e di ricarica, questi dati vann presi dalla nrmativa tecnica in vigre, ciè dalla nrma CEI EN (CEI ). Premessa 5: a vlte i decreti richiamati in seguit chiedn espressamente l installazine di altparlanti per la diffusine di messaggi vcali di emergenza (es. nelle metrplitane), mentre in altri casi viene richiesta l installazine di generici sistemi di allarme acustic che sian in grad di avvisare in cas di pericl di incendi, ma nn necessariamente prgettati per diffndere messaggi vcali (es. negli alberghi). Alberghi e simili: mtel, villaggi-alberg, villaggi turistici, affittacamere, case per vacanze, agrturism, stelli, residence, rifugi alpini Attività di nuva cstruzine (strutture cstruite dp l 11 maggi del 1994) - L impiant di diffusine snra è esplicitamente previst sl per le attività cn capacità ricettiva superire a 25 psti lett (la valutazine dei 25 psti lett deve essere fatta per gni cmpartiment antincendi e nel numer di psti lett sn cnteggiati sltant quelli a dispsizine degli spiti cn esclusine del persnale addett), dall'art. 10 del DM 9/4/94 (che si applica ad alberghi, mtel, villaggi-alberg, villaggi turistici, affittacamere, case per vacanze, allggi agrturistici, stelli, residence) il quale afferma Gli edifici la parte di essi destinata ad attività ricettiva, devn essere muniti di un sistema di allarme acustic in grad di avvertire gli spiti ed il persnale presenti delle cndizini di pericl in cas di incendi. I dispsitivi snri devn avere caratteristiche e ubicazini tali da pter segnalare il pericl a tutti gli ccupanti del fabbricat delle parti di ess cinvlte dall'incendi. Il cmand del funzinament simultane dei dispsitivi snri deve essere pst in ambiente presidiat, stt il cntinu cntrll del persnale prepst: può essere previst un secnd cmand centralizzat ubicat in un lcale distint dal precedente che nn presenti particlari rischi d'incendi. Per edifici muniti di impiant fiss di rivelazine e segnalazine d'incendi, il sistema di allarme deve funzinare autmaticamente, secnd quant prescritt nel punt 12. Il funzinament del sistema di allarme deve essere garantit anche in assenza di alimentazine elettrica principale, per un temp nn inferire a 30 minuti". L articl 12 citat dall articl 10, prevede l'installazine di un impiant fiss di rivelazine e segnalazine autmatica degli incendi nelle attività ricettive cn capienza superire a 100 psti lett. Tale impiant deve sempre determinare una segnalazine ttica ed acustica di allarme incendi nella centrale di cntrll e segnalazine, la quale deve essere ubicata in ambiente presidiat. L impiant dvrà cnsentire l'azinament autmatic dei dispsitivi di allarme psti nell'attività entr: 14

15 a) 2 minuti dall'emissine della segnalazine di allarme prveniente da due più rivelatri dall'azinament di un qualsiasi pulsante manuale di segnalazine di incendi; b) 5 minuti dall'emissine di una segnalazine di allarme prveniente da un qualsiasi rivelatre, qualra la segnalazine press la centrale di allarme nn sia tacitata dal persnale prepst. Gli impianti di allarme vengn citati anche all art. 8 del DM 9/4/94, relativ ai lcali adibiti a depsit: articl Lcali, di superficie nn superire a 12 m2, destinati a depsit di materiale cmbustibile. Il caric di incendi deve essere limitat a 60 kg/m2 e deve essere installat un impiant autmatic di rivelazine ed allarme di incendi. Articl Lcali, di superficie massima di 500 m2, destinati a depsit di materiale cmbustibile... Deve essere installat un impiant autmatic di rivelazine ed allarme incendi; L art. 9 del medesim decret, fissa i tempi necessari per l attivazine del sistema di allarme snr:..i seguenti sistemi utenza devn disprre di impianti di sicurezza: a) illuminazine; b) allarme; c) rivelazine; d) impianti di estinzine incendi; e) ascensri antincendi.l'alimentazine di sicurezza deve essere autmatica ad interruzine breve ( 0,5 sec) per gli impianti di rivelazine, allarme e illuminazine...il dispsitiv di carica degli accumulatri deve essere di tip autmatic e tale da cnsentire la ricarica cmpleta entr 12 re. L'autnmia dell'alimentazine di sicurezza deve cnsentire l svlgiment in sicurezza del sccrs e dell spegniment per il temp necessari; in gni cas l'autnmia minima viene stabilita per gni impiant cme segue: rivelazine e allarme: 30 minuti; L art. 15 del DM 9/4/94 detta dispsizini sull addestrament del persnale riguard all us del sistema di allarme: Il respnsabile dell'attività deve prvvedere affinché, in cas di incendi, il persnale sia in grad.. di azinare il sistema di allarme e il sistema di chiamata di sccrs. Tali perazini devn essere chiaramente indicate al persnale ed impartite anche in frma scritta. Tenend cnt delle cndizini di esercizi, il persnale deve essere chiamat a partecipare almen due vlte l'ann a riunini di addestrament e di allenament all'us dei mezzi di sccrs, di allarme e di chiamata di sccrs, nnché a esercitazini di evacuazine dell'immbile L art. 17 sulla base di un pian di emergenza pprtunamente predispst; del DM 9/4/94 indica che all ingress della struttura ricettiva devn essere espste bene in vista precise istruzini relative al cmprtament del persnale e del pubblic in cas di sinistr ed in particlare una planimetria dell'edifici per le squadre di sccrs che deve indicare la psizine: del quadr generale del sistema di rivelazine e di allarme; Attività esistenti (strutture già esistenti all 11 maggi 1994, girn di entrata in vigre del DM 9/4/94) - il DM 9/4/94 e il DM 6/10/03 (che si applican ad alberghi, mtel, villaggi-alberg, villaggi turistici, affittacamere, case per vacanze, allggi agrturistici, stelli, residence e rifugi alpini di categria A e B) prevedn delle dispsizini particlari in presenza di impianti di rivelazine incendi sl per le attività cn capacità ricettiva superire a 25 psti lett. La valutazine dei 25 psti lett deve essere fatta per gni cmpartiment antincendi e nel numer di psti lett sn cnteggiati sltant quelli a dispsizine degli spiti cn esclusine del persnale addett. E a questa cndizine che fann riferiment i seguenti dispsti: Cmpartimentazini: articl 19.3 del DM 9/4/94 integrat dal DM 6/10/03 - Sn cnsentiti cmpartimenti, di superficie cmplessiva nn superire a m2, su più piani, a cndizine che il caric di incendi, in gni pian, nn superi il valre di 30 kg/m2 e che sia installat un impiant autmatic di rivelazine ed allarme di incendi in tutti gli ambienti. E' cnsentit che il cmpartiment abbia una superficie superire a 4000 m2 e fin ad 8000 m2 cn l'ulterire cndizine che sia installat un impiant di spegniment autmatic estes al cmpartiment interessat; Crridi: articl 19.5 del DM 9/4/94 - E' richiest il rispett del punt 6.5 cn eccezine delle prte delle camere, che devn avere caratteristiche nn inferiri a RE 15 cn autchiusura. E' cnsentit, altresì, che le prte delle camere nn abbian caratteristiche RE 15, quand l'attività è prtetta da un impiant autmatic di rivelazine ed allarme di incendi installat nei crridi e nelle camere per spiti; Vie di uscita ad us esclusiv (1): articl del DM 9/4/94 [Se] l'edifici è servit da due più scale.. Il percrs di esd, misurat a partire dalla prta di gni camera e da gni punt dei lcali cmuni, nn può essere superire a: a) 40 m: per raggiungere una uscita su 15

16 lug sicur su scala di sicurezza esterna; b) 30 m: per raggiungere una scala prtetta, che faccia parte del sistema di vie di uscita. La lunghezza dei crridi ciechi nn può essere superire a 15 m. Le suddette lunghezze pssn essere incrementate di 5 m, qualra venga realizzat quant segue, in crrispndenza del percrs interessat:.; sia installat, lung le vie di esd e nelle camere, un impiant autmatic di rivelazine ed allarme di incendi. Limitatamente ai crridi ciechi può essere cnsentita una lunghezza di 25 metri a cndizine che:.. sia installat un impiant autmatic di rivelazine ed allarme incendi nelle camere e nei crridi; Vie di uscita ad us esclusiv (2): articl del DM 9/4/94 [Se] L'edifici è servit da una sla scala Limitatamente agli edifici a tre piani furi terra, è cnsentit nn realizzare le scale di tip prtett a cndizine che: tutti i lcali dell'attività sian prtetti da impiant autmatic di rivelazine ed allarme d'incendi ; Vie di uscita ad us prmiscu: articl 20.5 del DM 9/4/94 - E' cnsentita la permanenza di strutture ricettive in edifici a destinazine mista, servite da scale ad us prmiscu, alle seguenti cndizini:.l'intera area dell'attività ricettiva sia prtetta da impiant autmatic di rivelazine ed allarme incendi;.. Rifugi alpini nuvi, di capienza superire a 25 psti lett: si applican le medesime dispsizini degli alberghi nuvi; Rifugi alpini già esistenti, di capienza superire a 25 psti lett: per i rifugi esistenti di categria A si applican le stesse dispsizini previste per gli alberghi esistenti. Per i rifugi di categria B, C, D ed E è ammess che i dispsitivi di illuminazini di sicurezza, e di allarme sian alimentati, qualra nn sia dispnibile l'alimentazine elettrica di rete, da altra fnte alternativa (grupp elettrgen, generatre elic, ftvltaic, ecc.). Sl per quelli di categria C, D ed E nn è richiesta l sservanza dell articl 19, ed è però ammess che qualra nn vi sia alcun tip di alimentazine elettrica,.. i dispsitivi di allarme sian ad azinament manuale ; Anche la guida CEI (Criteri particlari per strutture alberghiere) parla dei sistemi di allarme: Alimentazine dei servizi di sicurezza (art ): Secnd le dispsizini del DM del Minister dell Intern del 9 aprile 1994, gli alberghi devn essere frniti di servizi di sicurezza necessari a garantire l inclumità del persnale e dei clienti nelle emergenze. ; Impianti telefnici, di trasmissine dati ed ausiliari nei servizi cmuni (art. 4.8): Gli impianti elettrici di energia, citfnici, telefnici, trasmissine dati, diffusine snra, di antenna centralizzati ed ausiliari in genere è cnsigliabile abbian canalizzazini separate per facilitare l individuazine e la sfilabilità dei cnduttri e l ispezinabilità delle giunzini. I cavi degli impianti speciali (citfnici, telefnici, trasmissine dati, diffusine snra, antenna ed ausiliari in genere) e degli impianti di energia, dal punt di vista della sicurezza, pssn essere realizzati in un dei seguenti mdi: mediante cnduttri separati materialmente; cn i cnduttri dei circuiti SELV e PELV muniti, ltre che del lr islament principale, di una guaina islante; cn i cnduttri dei circuiti a tensine diversa separati da un scherm da una guaina metallici messi a terra; cnduttri di circuiti a tensini diverse pssn far parte dell stess cav se tutti i cnduttri sn islati per la tensine più elevata ; Impiant di diffusine snra (art ): Valgn le indicazini riprtate nelle nrme relative. Inltre si raccmanda di installare le srgenti in un più quadri mdulari. La diffusine snra nel cas di grandi alberghi è cnsigliabile cmprenda un adeguat pannell di cmand capace di gestire in ingress un adeguat numer di canali mnfnici sterefnici adeguati ed una serie di cmpnenti prgettati per audi di elevata ptenza. Si raccmanda, inltre, di installare i riprduttri altparlanti da incass a cassetta per la diffusine snra nelle zne a viabilità rizzntale. Il sistema di diffusine snra destinat all invi dei messaggi cnnessi cn il pian di evacuazine dei lcali, dve previst dal DM del Minister dell Intern 9 aprile 1994, deve essere alimentat mediante srgenti di sicurezza. Per la realizzazine delle linee fniche micrfniche è pprtun usare cavi schermati cn la schermatura predispsta per il cllegament a terra, lat centrale, avente le stesse caratteristiche di resistenza al fuc dell impiant elettric ; 16

17 Sistemi di allarme (Art. 18.2): La parte della struttura alberghiera destinata ad accgliere il pubblic deve essere frnita di sistema di allarme acustic in grad di avvertire gli spiti ed il persnale presente di eventuali situazini di rischi in cas di incendi. I dispsitivi snri devn essere ubicati in md da pter segnalare il pericl a tutti gli ccupanti del fabbricat. Il cmand di funzinament simultane dei dispsitivi snri deve essere pst in ambiente presidiat stt il cntrll del persnale prepst. Si raccmanda l installazine di un secnd dispsitiv di cmand in un ambiente che nn presenti particlari rischi di incendi. Il sistema di allarme deve essere alimentat da srgente di sicurezza ; Caratteristiche delle srgenti di sicurezza (Art. 18.3): gli impianti di.. allarme devn essere di tip autmatic ad interruzine breve (nn superire a 0,5 s).il dispsitiv di ricarica degli accumulatri deve essere di tip autmatic e tale da cnsentire la ricarica cmpleta entr le 12 h. Per ricarica cmpleta si deve intendere la ricarica che mette in grad la srgente di ergare le prestazini previste dalla legislazine vigente ; Bibliteche ed archivi Il DPR 418/95 che viene applicat agli edifici pubblici e privati che, nella lr glbalità, risultin frmalmente sttpsti a tutela ai sensi della legge 1º giugn 1939, n. 1089, destinati a cntenere bibliteche ed archivi, cntiene i seguenti riferimenti: Art. 8.4: Mezzi antincendi - Nei lcali deve essere installat almen un sistema di allarme acustic in grad di avvertire i presenti delle cndizini di pericl in cas di incendi. Tale sistema deve essere attivat a giudizi del respnsabile dell'attività di un su delegat. I dispsitivi snri devn avere caratteristiche e sistemazine tali da pter segnalare il pericl a tutti gli ccupanti. Il cmand del funzinament dei dispsitivi snri deve essere sistemat in un più lughi psti stt cntrll del persnale. Nei lcali aperti al pubblic deve essere previst un impiant di altparlanti da utilizzare in cndizini di emergenza per dare le necessarie istruzini ai presenti. E ammessa l'assenza di dett impiant in attività che ccupan un unic pian, in cui l'affllament, il numer dei lcali e le lr caratteristiche sian tali da permettere altre sluzini egualmente affidabili. Gli impianti devn disprre di almen due alimentazini elettriche, una di riserva all'altra. Un'alimentazine almen deve essere in grad di assicurare la trasmissine da tutti gli altparlanti per 30 minuti cnsecutivi cme minim. Le apparecchiature di trasmissine devn essere pste "in lug sicur" nt al persnale e facilmente raggiungibile dal persnale stess. Art. 10.5: Piani di intervent e istruzini di sicurezza -. All'ingress dell'attività va espsta una pianta dell'edifici crredata dalle seguenti indicazini: scale e vie di esd; mezzi di estinzine; dispsitivi di arrest degli impianti di distribuzine del gas, dell'energia elettrica e dell'eventuale impiant di ventilazine e di cndizinament; eventuale quadr generale del sistema di rivelazine e di allarme; impianti e lcali a rischi specific ; Inltre la nrma CEI (Impianti elettrici negli edifici pregevli per rilevanza strica e/ artistica), prevede le seguenti dispsizini: Utenze per le quali è previst il servizi di sicurezza (art. 4.2): Ai fini della presente Nrma, tutti i circuiti cn finalità di tutela del patrimni artistic e stric sn da cnsiderarsi servizi di sicurezza. Pertant si devn disprre impianti di sicurezza per tutti i seguenti sistemi di utenza, quand richiesti da dispsizini di legge da Enti cmpetenti:.diffusine snra antipanic.; Diffusine snra di sicurezza (art. 4.4): Quand prescritt, deve essere installat un impiant di altparlanti da utilizzare in cndizini di emergenza per dare le necessarie istruzini ai presenti. Le apparecchiature di trasmissine devn essere pste in lug sicur nt al persnale e facilmente raggiungibile dall stess e prtett cntr manmissini e atti vandalici ; La nrma CEI si applica agli edifici pubblici privati, mnumentali men, pregevli per rilevanza strica artistica sia dal punt di vista della struttura che del cntenut di entrambe, destinati ad abitazine (es. castelli, ville, etc), al cult (es. cattedrali, chiese, cappelle private, etc), a bene demaniale (es. palazzi adibiti ad uffici pubblici, etc), ppure adibiti a musei, gallerie, mstre espsizini di ggetti d arte cllezini, bibliteche, archivi strici, teatri e simili. 17

18 Cave e miniere Il Dlgs 624/96 prescrive misure per la tutela della sicurezza e della salute dei lavratri durante il lavr nelle attività estrattive di sstanze minerali di prima categria (estratti dalle miniere cme grafite, cmbustibili slidi, liquidi e gasssi, rcce asfaltiche e bituminse, pietre prezise, acque minerali e termali, etc. ), e di secnda categria (estratti dalle cave cme materiali per cstruzini edilizie, stradali e idrauliche, quarz, sabbie silicee, etc. ). Per un elenc cmplet delle sstanze ccrre cnsultare il RD 1443 del 29 lugli I riferimenti all installazine di un sistema di rivelazine incendi, sn i seguenti: Art. 5 cmma g): Misure generali di tutela - i lughi di lavr devn essere dtati di adeguati dispsitivi per cmbattere gli incendi e, ve necessari, di rivelatri d incendi e sistemi d allarme; Art. 13 cmma 1: Sistemi di cmunicazine, di avvertiment e di allarme - Il datre di lavr frnisce e mantiene in efficienza i sistemi di allarme e di cmunicazine necessari che permettan di iniziare immediatamente le perazini di evacuazine, di sccrs e di salvataggi; Art. 72 cmma 2: (Titl III Nrme specifiche in materia di sicurezza e di salute applicabili alle attività estrattive cndtte mediante perfrazine Cap I Nrme cmuni applicabili alle attività di terraferma ed in mare): I sistemi.. (che valutan la presenza e misuran la cncentrazine di sstanze ncive ptenzialmente esplsive) devn essere in grad di frnire, a livelli di cncentrazine prefissati, un allarme generale lumins ed un acustic, udibile in tutti i punti del lug di lavr.; Art. 78 cmma 1: (Titl III Nrme specifiche in materia di sicurezza e di salute applicabili alle attività estrattive cndtte mediante perfrazine Cap I Nrme cmuni applicabili alle attività di terraferma ed in mare): Il datre di lavr, in relazine alla valutazine dei rischi, frnisce per gni lug di lavr ccupat da lavratri: a) un sistema capace di dare l allarme cn segnali visivi ed acustici in gni pst di lavr ccupat da lavratri.; Art. 80 cmma 2: (Titl III Nrme specifiche in materia di sicurezza e di salute applicabili alle attività estrattive cndtte mediante perfrazine Cap II Nrme applicabili alle attività di terraferma): I lughi di lavr devn essere dtati di rilevatri di incendi cllegati a un sistema di allarme, da cllcare in idnee pstazini, capace di dare l allarme cn segnali visivi ed acustici; il segnale acustic deve esser udibile in tutti i punti del lug di lavr; Art. 89 cmmi 2 e 3: (Titl III Nrme specifiche in materia di sicurezza e di salute applicabili alle attività estrattive cndtte mediante perfrazine Cap III Nrme applicabili alle attività a mare): I lughi di lavr devn essere dtati di sistemi adeguati di rivelazine, di prtezine, di allarme e di ltta antincendi, quali in particlare: b) allarmi antincendi. A brd dell impiant deve essere tenut a dispsizine il pian antincendi, in cui sian specificate in dettagli le precauzini pprtune di prtezine, rivelazine e ltta cntr l innesc e la diffusine degli incendi; Centri cmmerciali Per le medie e grandi strutture cmmerciali (cmprendenti anche i raggruppamenti di più esercizi cmmerciali singli purché ubicati in un unica area cperta e circscritta di almen 400 m2 di superficie di vendita), si applica la guida CEI 64-51, la quale prescrive: Art. 4.14: Si raccmanda di installare le srgenti in un più quadri di tip mdulare (Rack). La diffusine snra, nel cas di grandi ambienti, cmprenderà un adeguata cnslle di riferiment, capace di gestire in ingress un numer di canali mnfnici e sterefnici adeguati, ed una serie di cmpnenti prgettati per audi di elevata ptenza. La dtazine minima rientativa dei cmpnenti da installare nel sistema mdulare è la seguente: un registratre/lettre per cassette di tip prfessinale, cmpst da più elementi cnnessi in cascata; un pannell di segnalazine; dispsitivi preamplificatri; dispsitivi crrettri di tni ed eventuali filtri di tagli per i tni bassi a frequenza variabile; dispsitiv alimentatre; 18

19 pannell per il cllegament alla rete di alimentazine a 240 V, cmplet di mrsetteria e di interruttre acces-spent; generatre di segnale di preavvis bitnale per cmunicazini al pubblic ed ai dipendenti; pannell per la fildiffusine; una più unità per l uscita, cstituite da dispsitivi di amplificazine di ptenza idnea (cmplete di alimentatre), adeguate a piltare il caric dei riprduttri. L impiant di diffusine snra viene cmpletat da: micrfni dinamici a diaframma cardiide cn supprt da tavl; riprduttri altparlanti a priettre di sun nelle aree di vendita e nelle zne magazzin e riceviment merci, nella eventuale galleria e nelle zne parcheggi cpert, in grad di garantire un raggi di asclt più ampi rispett al tip tradizinale; riprduttri altparlanti del tip da incass nelle zne cn cntrsffitt; riprduttri altparlanti in cassetta da incass per la diffusine snra nei reparti di lavrazine e nelle zne degli impianti tecnlgici; riprduttri altparlanti del tip ad alta diffusine snra per le zne parcheggi all apert. Si ricrda che è necessari alimentare il sistema di diffusine snra destinat all invi di messaggi cnnessi al pian di evacuazine dai lcali mediante alimentazine di sicurezza (articl 9.5). Si raccmanda di predisprre prese micrfniche in idnee cassette rese accessibili sl cn chiave, per us ccasinale durante manifestazini prmzinali. Per la realizzazine delle linee fniche e micrfniche deve essere utilizzat cav schermat cn schermatura predispsta per il cllegament a terra, lat centrale, avente le stesse caratteristiche di resistenza al fuc dei cavi dell impiant elettric. Art. 9.5: L impiant dei servizi di sicurezza deve essere alimentat da appsita srgente autnma e indipendente (ad esempi da grupp di cntinuità e/ equivalente). Si raccmanda che da tale impiant sian alimentate le seguenti utilizzazini strettamente cnnesse cn la sicurezza delle persne, cn prpri circuiti:. diffusine snra per l avvis al pubblic; Funivie aeree e terrestri Il DM 15/04/02 (Prescrizini tecniche speciali per gli impianti elettrici delle funiclari aeree e terrestri), all art , prevede che Nel cas degli impianti a mt cntinu, si deve impiegare un sistema di diffusine snra cn micrfn sul banc di manvra e altparlanti in linea dispsti sui sstegni, tale da cnsentire all peratre di inviare messaggi ai passeggeri.. L impiant di diffusine snra deve pssedere i seguenti requisiti: le apparecchiature, se nn installate in lcale ttalmente prtett. debbn essere adatte per installazine all estern; i cnduttri dei circuiti elettrici interessati devn essere prtetti cntr le svracrrenti e cntr le svratensini mediante adeguati dispsitivi di prtezine; i sistemi devn pter essere alimentati da almen due linee di sicurezza della stazine mtrice, rapidamente cmmutabili.; Nta: facciam ntare cme in quest cas, cmunque nn si parli di utilizz specific della diffusine snra per i casi di emergenza, anche se è evidente a tutti che, nel mment in cui esista l impiant, questi sia utilizzabile anche per tale scp. 19

20 Impianti sprtivi Esistn prescrizini particlari, riguard ai sistemi di diffusine snra per l emergenza, dettate dal DM 18/3/96 che riguardan gli impianti sprtivi nei quali si svlgn manifestazini e/ attività sprtive reglate dal CONI e dalle Federazini sprtive nazinali ricnsciute dal CONI. Le prescrizini valgn anche se l'impiant è inserit in un cmpless nn sprtiv, e sn valide nel cas in cui è prevista la presenza di spettatri in numer superire a 100: Art. 13: Cperture pressstatiche -.. devn essere previsti adeguati sstegni in grad di impedire il rischi del repentin abbattiment in cas di caduta di pressine; in alternativa pssn essere installati dispsitivi di allarme snr e lumins che cmunichin ai presenti eventuali anmalie, abbassamenti della pressine e/ carichi di vent di neve superiri ai limiti di prgett della zna in esame..; Art. 16: Depsiti [Per] i lcali, di superficie superire a 25 m² destinati al depsit di materiale cmbustibile,. Deve essere installat un impiant autmatic di rivelazine ed allarme incendi ; Art. 17: Impianti tecnici - Il sistema utenza deve disprre dei seguenti impianti di sicurezza: b) allarme c) rilevazine; d) impianti di estinzine incendi. L'alimentazine di sicurezza deve essere autmatica ad interruzine breve (< 0,5 sec) per gli impianti di segnalazine, allarme ed illuminazine e ad interruzine media (< 15 sec) per gli impianti idrici antincendi. Il dispsitiv di carica degli accumulatri deve essere di tip autmatic e tale da cnsentire la ricarica cmpleta entr 12 re. L'autnmia dell'alimentazine di sicurezza deve cnsentire l svlgiment in sicurezza del sccrs e dell spegniment per il temp necessari; in gni cas l'autnmia minima viene stabilita per gni impiant cme segue: - segnalazine e allarme: 30 minuti; Impiant di allarme: Gli impianti al chius devn essere muniti di un impiant di allarme acustic in grad di avvertire i presenti delle cndizini di pericl in cas di incendi. I dispsitivi snri devn avere caratteristiche e sistemazine tali da pter segnalare il pericl a tutti gli ccupanti dell'impiant sprtiv delle parti di ess cinvlte dall'incendi; il cmand del funzinament simultane dei dispsitivi snri deve essere pst in ambiente presidiat, può inltre essere previst un secnd cmand centralizzat ubicat in un lcale distint dal precedente che nn presenti particlari rischi di incendi. Il funzinament del sistema di allarme deve essere garantit anche in assenza di alimentazine elettrica principale, per un temp nn inferire a 30 minuti; Art. 19: Gestine della sicurezza - All'ingress dell'impiant cmpless sprtiv devn essere espste bene in vista precise istruzini. ed in particlare una planimetria generale per le squadre di sccrs che deve indicare la psizine:. del quadr generale del sistema di rivelazine e di allarme;.. Lcali di pubblic spettacl (teatri, cinematgrafi, cinema-teatri, auditri e sale cnvegn, lcali di intratteniment cn capienza superire a 100 persne, sale da ball e discteche, case da gic, drivein, teatri tenda, teatri di psa per riprese cinema e TV, circhi, lughi destinati a spettacli viaggianti e parchi di divertiment, lughi all'apert destinati a spettacli e cn strutture appsite per il pubblic, lcali multius utilizzati ccasinalmente per pubblic spettacl) Il DM 19/08/96, prevede in diversi articli il ricrs ai sistemi di allarme: Art. 13.1: Titl XIII Impianti elettrici. Generalità: i seguenti sistemi di utenza devn disprre di impianti di sicurezza: b) allarme c) rivelazine; d) impianti di estinzine degli incendi; ; Art. 13.2: Titl XIII Impianti elettrici. Impianti elettrici di sicurezza: L'alimentazine di sicurezza deve essere autmatica ad interruzine breve (<=0,5 s) per gli impianti di rivelazine, allarme e illuminazine;.. Il dispsitiv di carica degli accumulatri deve essere di tip autmatic e tale da cnsentire la ricarica cmpleta entr 12 re. L'autnmia dell'alimentazine di sicurezza deve cnsentire l svlgiment in sicurezza 20

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

Becomingossola.com. Politica della riservatezza

Becomingossola.com. Politica della riservatezza Becmingssla.cm Plitica della riservatezza Infrmativa per prentazini Aurive scietà cperatva sciale, sede legale Crs Cavallt 26/B Nvara, P.IVA 02101050033 Numer REA: NO 215498, e-mail inf@becmingssla.cm,

Dettagli

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili Mercati energetici e metdi quantitativi: un pnte tra Università e Aziende 22-23 Maggi, Padva Apprcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestine rischi asset rinnvabili Manuele Mnti, Ph.D.

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata Gli acciai inssidabili resistenti all'urt alle basse temperature, impiegati nella cstruzine di caldareria saldata dr. ing- Gabriele DI CAPRIO dirìgente del servizi tecnic del Centr Inx O Le applicazini

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Consigli per la risoluzione dei problemi

Consigli per la risoluzione dei problemi Cnsigli per la risluzine dei prblei Una parte fndaentale di gni crs di Fisica è la risluzine di prblei. Rislvere prblei spinge a raginare su idee e cncetti e a cprenderli egli attravers la lr applicazine.

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli