Lince Italia S.p.A anni di sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lince Italia S.p.A. - 35 anni di sicurezza"

Transcript

1 LINCE ITALIA

2 Lince Italia S.p.A anni di sicurezza Essere da più di 35 anni professionisti e leader riconosciuti della sicurezza, oltre a stimolarci, ci impegna ad offrire ai nostri clienti prodotti tecnologicamente sempre più avanzati e sicuri. Essere al passo con le esigenze del mercato e prevederne le richieste fanno di Lince Italia un azienda sempre più vicina al consumatore; oltre a disporre delle più moderne tecnologie per la produzione ed il collaudo, Lince Italia è provvista di reparti di progettazione meccanica ed elettronica in grado di effettuare test di conformità rispondenti alle normative vigenti per la realizzazione di apparecchiature e sistemi rappresentativi dello stato dell arte. Lince Italia, tramite il costante impegno nella ricerca e nello sviluppo, nel corso degli anni, ha prodotto oltre venti privative industriali (brevetti modelli etc ) Il rispetto di tutte le normative di settore, la marcatura CE dei prodotti, la certificazione UNI EN ISO 9000 dell azienda e il nostro costante impegno, sono la migliore garanzia che possiamo offrire ai nostri clienti.

3 Presentazione Il concetto di sicurezza Che cosa è un sistema di sicurezza Se si chiede all'uomo della strada di definire il concetto di sicurezza probabilmente si otterrebbero svariate e forse dissimili risposte in dipendenza dei tipi di pericolo presi in considerazione e cioè temuti dal soggetto. Oltre agli individui anche le aziende, gli enti, gli istituti ecc. aspirano alla sicurezza e spesso le persone responsabili la identificano con la protezione fisica realizzata in modo da resistere per molto tempo agli attacchi dei criminali o degli elementi ostili. Si può quindi azzardare una definizione: Sicurezza è rivelazione e gestione di eventi che singolarmente o associativamente segnalano situazioni di pericolo imminente o in atto ed è altresì possibilità di intervento nei tempi necessari a scongiurare o limitare i danni. Precisato il concetto di sicurezza e individuata la filosofia attiva che lo ispira è interessante verificare quanto questo concetto sia recepito e questa filosofia condivisa da coloro che nei settori e nei modi più diversi ricercano un accrescimento di sicurezza. Come abbiamo detto molti utenti sentono ancora solo esigenze di difesa passiva: porte blindate, recinzioni, ecc.; ma un numero sempre maggiore sta anche acquisendo Consapevolezza che la difesa passiva non è del tutto affidabile. Si sta cioè diffondendo la convinzione che l'impiego di apparecchiature di rilevazione di allarme fornisca un più valido ausilio per raggiungere il livello di sicurezza voluto. Analisi dei rischi Una protezione è veramente efficace solo quando si conosce perfettamente ciò che occorre proteggere, il tipo di minaccia specifica da cui bisogna cautelarsi e la struttura dei locali con possibili vie d'accesso. Inoltre il sistema di protezione non deve interferire, ma va integrato con la normale attività domestica e la sua gestione deve essere quanto più semplice possibile. Un sistema di protezione per ogni esigenza In considerazione di quanto esposto, Lince Italia dispone di una vasta gamma di centrali, di sensori e di rivelatori d'allarme, ognuno tipico per un suo specifico impiego. Sensori, inerziali o simili per la protezione di un oggetto. Sensori a microonda, ad infrarossi o a doppia tecnologia per protezioni volumetriche interne ed esterne. Contatti di allarme ad alta affidabilità per porte e finestre unitamente a rivelatori sensibili alle sollecitazioni meccaniche per la protezione di vetrate, pareti ecc. La scelta Esponendo qui di seguito i principi di funzionamento basilari dei prodotti più significativi impiegati in impianti di allarme, vogliamo semplificare la scelta dei prodotti per chi dovrà installarli.

4 Le apparecchiature Centrale e Rilevatori La Centrale di allarme la centrale di allarme che cosa è: La centrale di allarme è il cuore del sistema di sicurezza. La gamma di centrali di lince Italia è notevole e non sarà difficile per qualsiasi utente individuare il modello idoneo per il sistema che si vuole realizzare. Nella valutazione della scelta dovrà essere considerato il numero di zone necessario (raccomandiamo sempre di utilizzare un sensore per ogni zona), il numero di sirene che verranno utilizzate, se si intende utilizzare un programmatore telefonico, chiave elettronica o tastiera, se si intende parzializzare l'impianto, esempio giorno - notte ecc. Le nostre centrali costruite con microprocessori moderni e allestite in robusti contenitori vanno da un minimo di 3 zone a un massimo di 94 zone, e tutte sono dotate di memoria e di antisabotaggio. Tutte alloggiano accumulatori che vanno da un minimo di 7Ah a ad un massimo di 18Ah. Dove installare la centrale di allarme Essendo la centrale di allarme il cuore del sistema, è bene installarla in un posto poco accessibile ad eventuali intrusi. E consigliato di fissarla in punti alti e poco accessibili, alloggiando poi l'inseritore o la tastiera nei pressi dell'ingresso. La centrale va sempre fissata con robusti stopper in modo da evitare lo strappo da parte di malintenzionati.

5 LA FUNZIONE DI UNA CENTRALE DI ALLARME La funzione di una centrale di allarme è di gestire le informazioni prodotte dai rivelatori ed attivare i vari dispositivi avvisatori e di dissuasione. Di solito una centrale di allarme può analizzare diversi tipi di informazioni: allarme, sabotaggio e guasto. La segnalazione di allarme è l' informazione che viene prodotta da un rivelatore quando questo rileva una situazione di pericolo. La segnalazione di sabotaggio viene prodotta dal rivelatore a seguito del verificarsi di una condizione di funzionamento tesa ad eluderlo, ad esempio in caso di apertura del suo involucro, in caso di spostamento dalla sua posizione di installazione, oppure a seguito di un mascheramento o di un accecamento. L' informazione di guasto invece, viene prodotta a seguito di una autodiagnosi del rivelatore per mettere in evidenza una anomalia del funzionamento, dovuta ad esempio da un' eccessiva temperatura di esercizio oppure da una insufficiente tensione di alimentazione. Un compito particolarmente importante della centrale di allarme è di attivare i vari dispositivi, come sirene, lampeggianti o radioallarmi. Le centrali piu' sofisticate dispongono di piu' relè attuatori capaci di attivarsi ciascuno per una diversa funzione: per esempio, un relè può gestire l' allarme generato dai rivelatori di movimento mentre un altro può gestire l' allarme generato da un sensore di fumo. Solitamente una centrale permette di escludere o includere singolarmente le zone di controllo, di attivare rapidamente solo un gruppo di rivelatori, oppure di consultare il registro della memoria storica per la verifica di eventuali precedenti situazioni di allarme. Esse dispongono inoltre di un alimentatore che serve a mantenere sempre carica ed efficiente la batteria tampone, necessaria per garantire il regolare funzionamento dell' impianto antintrusione anche in caso di black out.

6 Sensori a microonde La microonda che cosa è: principi generali di funzionamento Uno dei rivelatori volumetrici più diffusi sul mercato è senza dubbio la microonda. Il funzionamento anche se può sembrare piuttosto complesso, si basa su un principio fondamentale in realtà molto semplice. Esiste all'interno della microonda un trasmettitore TX e un ricevitore RV X. Un segnale elettromagnetico emesso da TX colpisce un ostacolo muro o mobile e rimbalza, venendo ricevuto da RX. La variazione di lunghezza di questo segnale provoca l'allarme. Per una più chiara conoscenza potremmo basarci sulla teoria dell'effetto Doppler. Se esiste una sorgente che percepisce dei segnali di frequenza, e se esiste un oggetto ( uomo, mobilio ecc. ) che percepisce e respinge questo segnale si possono avere diverse soluzioni: se la sorgente e l'oggetto sono immobili la frequenza del segnale è stabile. Se si muovono - anche uno solo - avvicinandosi o allontanandosi, si avrà una variazione in più o in meno nella frequenza del segnale. Ovvero, se l'oggetto si avvicina alla sorgente questo comprimerà la frequenza dandogli un segnale più alto, se viceversa si allontana il segnale sarà più basso. Il rivelatore a microonde genera un campo elettromagnetico nell'ambiente. Se tutti gli oggetti nel campo sono immobili, il segnale di frequenza emesso dalle rivelatore sarà sempre uguale determinando così uno stato di quiete. Se qualcosa si muove, avvicinandosi o allontanandosi, il segnale di frequenza genererà l allarme. Perché installare la microonda. Essendo la microonda un rivelatore volumetrico che basa il suo principio sulla emissione di onde elettromagnetiche all'interno dell'ambiente da proteggere, il suo impiego e maggiormente diffuso negli ambienti ad alto rischio, dove è necessario un alto grado di sicurezza. La protezione con microonde ha sicuramente una alta affidabilità e offre indubbie garanzie. Essa infatti capterà qualsiasi movimento all'interno dell'ambiente ed è molto difficile da manomettere. Consigliamo di non installare microonde in ambienti domestici dato che il rischio è molto basso ed è facile che si verifichino movimenti di oggetti come tende, piante, ecc. Si eviteranno così inutili segnalazioni di allarme. Attenzione, la microonda

7 supera anche i piccoli tramezzi, vetri, porte ecc., Deve essere pertanto tarata sia in portata che in sensibilità con la massima cura onde evitare il pericolo di falsi allarmi. Principio di funzionamento Le microonde sono onde ad alta frequenza (10-2,4 GHz) generate da diodi GUNN o MIXER oppure attraverso il circuito elettronico con tecnologia DRO planare. Il sensore produce e invia le microonde calcolando la quantità d'energia impiegata per saturare l'ambiente da proteggere. In caso d'intrusione, ad impianto inserito, lo stato di quiete si modifica: il relè di allarme scambio il suo stato. Consigli per l'installazione Attenzione: I piccoli ambienti si saturano eccessivamente di microonde oltrepassando le pareti circostanti provocando, talvolta, falsi allarmi: occorre effettuare numerose prove di rilevazione e regolare correttamente l'emissione di microonde. Installare il rilevatore microonde ad un'altezza compresa tra 1,80 e 2,3 mt. dal pavimento. Confrontare l area da proteggere, con il campo di copertura del sensore illustrato nel manuale. Evitare l'esposizione diretta ai raggi solari. Nell area di copertura del sensore a microonde non devono esserci oggetti in movimento o liberi di muoversi per causa propria (es: pendolo). Una taratura errata della microonda consente la rilevazione d'oggetti esterni all'ambiente da proteggere, soprattutto in locali composti da pareti in mattoni forati. Le microonde attraversano vetri, finestre e porte di legno. Regolare per mezzo del potenziometro (o trimmer) l'emissione delle microonde. Effettuare numerose prove di rilevazione. Evitare l'installazione del sensore in prossimità di: Passaggi d acqua in tubazioni. Tubi fluorescenti puntati verso il sensore. Ambienti soggetti a forti correnti d aria. Superfici instabili, soggette a vibrazioni. Non sovrapporre le aree di copertura di due o più sensori microonde che non dispongono del circuito elettronico MIR, in quanto si verificherebbero falsi allarmi. Consiglio di effettuare in ogni caso le prove di rilevazione; procedere in questo modo: 1. Chiudere le porte e le finestre del locale protetto dal sensore. 2. Inserire l'antifurto. 3. Camminare rasente al perimetro esterno del locale protetto dal rilevatore a microonde. Se il sensore oltrepassa la parete, la porta o le finestre, diminuire l'intensità d'emissione attraverso il potenziometro.

8 Caratteristiche comuni tra rilevatori microonde Circuito M.I.R. (Reiezione Mutue Frequenze) L'installazione di due o più sensori microonde vicini tra loro creano sovrapposizioni o aree comuni di rilevazione, generando falsi allarmi a causa delle collisioni tra le microonde: mutue interferenze. Il circuito M.I.R. sincronizza, su frequenze differenti, l emissione di microonde per ciascun sensore, consentendo installazioni multiple all'interno dello stesso ambiente, senza generare mutue interferenze. Si dovranno utilizzare rilevatori prodotti dalla medesima casa produttrice. Banda K I rilevatori in banda K emettono le microonde con una frequenza pari a 24 GHz: un'onda più "corta" rispetto alla consueta banda X (10,5 GHz). L'onda corta, grazie alle sue caratteristiche fisiche, ha una minor forza di penetrazione degli oggetti, limitando la sua azione all'interno dell'ambiente da proteggere. Non è in grado di attraversare porte, muri e finestre evitando i falsi allarmi. Tecnologia DRO planare L'emissione di microonde avviene per mezzo di diodi (Gunn o Mixer) oppure attraverso la tecnologia DRO. I circuiti DRO, Dielectric Resonator Oscillator, risolvono alcune delle problematiche meccaniche generate dalle tecnologie tradizionali Gunn o Mixer. L'elemento radiante dei rilevatori con DRO planare, è costituito da un'antenna a tromba schermata che genera microonde con ampi angoli di copertura e minimi ingombri. La schermatura dell'antenna a tromba forza l'emissione delle microonde nella direzione desiderata, creando un lobo di copertura molto preciso. Sensori infrarosso L'infrarosso passivo che cosa è: principi generali di funzionamento Un rivelatore diffusosi soprattutto negli ambienti con rischi di categoria media e negli ambienti domestici è il sensore infrarosso. La sua caratteristica tecnica è quella di recepire il calore del corpo umano. La sua protezione non satura l'ambiente. Essa infatti rivela i movimenti suolo in zone particolari tramite i suoi raggi. Il numero, La lunghezza e la forma di questi raggi sono variabili a seconda del sistema ottico adottato. Ossia con lo stesso sensore, variando soltanto la lente si avranno coperture diverse sia in larghezza che in lunghezza. È molto semplice pertanto comprendere come sia possibile proteggere anche solo una parte dell'ambiente ( per esempio la protezione della sola porta o della sola finestra ) lasciando libero il movimento nelle altre parti. Una cosa importante da dire e che i raggi di questo rivelatore non attraversano le cose, venendo pertanto bloccati da qualunque oggetto venga trovarsi sulla loro traiettoria. Si può pertanto creare un cono d'ombra privo di protezione dietro all' oggetto.

9 Essendo l'infrarosso passivo un sensore che lavora sul rilevamento del calore del corpo umano, se installato in ambienti molto caldi che si avvicinano alla temperatura corporea, il rilevamento sarà meno sensibile. Essendo il rilevamento attraverso fasci all'infrarosso, la sensibilità è maggiore in attraversamento in quanto in fase di avvicinamento può accadere di incanalarsi in mezzo a due fasci e l allarme si avrà solo nel momento in cui uno dei due fasci viene violato. Perché installare l'infrarosso E in assoluto il sensore attivo più economico, quello che assorbe di meno e il più facile da installare in quanto necessita di regolazioni irrisorie. È adatto chiaramente per ambienti a rischio limitato. È sicuramente l'ideale per ambienti domestici e da possibilità anche di installare più sensori nello stesso ambiente, in quanto non si interferiscono. PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO La lente di Fresnell è collocata sull'involucro del sensore davanti al piroelemento; in funzione del tipo di lente utilizzata, si definiscono i contorni dell'area di protezione. Alcune case produttrici offrono la possibilità di sostituire la lente in dotazione con altri modelli, disponibili singolarmente, con differenti "figure". In funzione della figura presente sulla lente si modifica l'angolo, l'inclinazione, la lunghezza e la concentrazione dei raggi nell'area di rilevazione. Di seguito alcuni esempi delle differenti lenti disponibili in commercio, con le relative aree o lobi di rilevazione: Attenzione: Consiglio d'installare il sensore ad infrarosso ad un'altezza compresa tra 1,80 m. e 2,20 metri, altrimenti i grafici dell'area di copertura non corrisponderebbero. Lente tradizionale a più fasci Questo tipo di lente fornisce una copertura simile alla precedente; il sensore dispone di un maggior numero di raggi che gli consente un'accurata rilevazione. Il grafico a lato, illustra il lobo (o area) di copertura di un sensore posto ad un'altezza di 2,4 Mt. dal pavimento. Modificando l'altezza del sensore, si varia l'area di copertura. Caratteristiche tecniche del lobo di copertura:

10 Portata dei fasci di rilevazione selezionabile: Minima: 8 Mt. - Massima: 15 Mt. Angolo di apertura fasci di rilevazione: 90 gradi Numero dei fasci generati: 54 fasci disposti su tre livelli Lente immune ai piccoli animali Questa particolare lente non rileva la presenza di animali. Questo tipo di lente, in questo specifico contesto è l'installazione a 2,4 Mt. dal pavimento, altrimenti genera falsi allarmi in presenza di animali. (altri sensori possono richiedere altezze di installazione differenti) Caratteristiche tecniche del lobo di copertura: Portata dei fasci di rilevazione selezionabile: Minima: 13 Mt. - Massima: 18 Mt. Angolo di apertura fasci di rilevazione: 142 gradi Numero dei fasci generati: 24 fasci disposti su unico livello

11 Lente a lunga portata Questo tipo di lente fornisce una copertura a lunga portata. Si consiglia d'installare il sensore ad infrarosso ad un'altezza di 2,4 Mt. dal pavimento. Caratteristiche tecniche del lobo di copertura: Portata dei fasci di rilevazione selezionabile: Minima: 6 Mt. - Massima: 30 Mt. Angolo di apertura fasci di rilevazione: 142 gradi Numero dei fasci generati: 24 fasci disposti su 3 livelli

12 Lente per soffitto Questo tipo di lente è utilizzata dai rilevatori per soffitto. Fornisce una copertura a 360. Caratteristiche tecniche del lobo di copertura: Angolo di apertura fasci di rilevazione: 360 gradi In base all'altezza cui è posto il diametro di copertura varia: Altezza 2 Mt. diametro di copertura 10 Mt. Altezza 3 Mt. diametro di copertura 11 Mt. Altezza 4 Mt. diametro di copertura 12 Mt.

13 Sensori a doppia tecnologia Il sensore a doppia tecnologia che cosa è: principi generali di funzionamento Abbiamo incontrato fino ad ora due sensori attivi, la microonda e l infrarosso passivo, ne abbiamo apprezzato le innumerevoli qualità su entrambi, ma entrambi hanno delle carenze. Problemi di installazione dove vi sono fonti di calore e scarsa rivelazione all'avvicinamento per l'infrarosso. Problemi di installazione in ambienti con molto materiale metallico e scarsa sensibilità all'attraversamento per la microonda. Sono questi alcuni problemi. Per sopperire a queste carenze è stato realizzato il sensore a doppia tecnologia, ossia un sensore composto da una microonda ed un infrarosso passivo, che provoca l'allarme soltanto se entrambi nello stesso istante rilevano un movimento. I vantaggi di questo sensore sono notevoli: nessun problema dove installarlo, limitata taratura della microonda, sensibilità sia all'avvicinamento che all'attraversamento e altri vantaggi. Va considerato inoltre che essendo il modello da noi prodotto realizzato con microprocessore, rende possibili alcune funzioni particolari quali ad esempio: funzione in AND, dove entrambe le tecnologie devono rilevare l intrusione per generare un allarme, o in OR, ossia in caso di guasto di uno dei due sensori, l'altro funziona anche da solo, oppure la funzione di conti impulsi della microonda che rende possibile il buon funzionamento anche nel caso in cui l'infrarosso venga oscurato. I sensori più moderni inoltre dispongono di protezione anti accecamento sia sulla microonda che sull'infrarosso, in sintesi vi sarà allarme locale anche in caso di mascheramento diretto e fisico sul sensore stesso. Concludendo quindi, il rilevatore a doppia tecnologia è idoneo per installazioni in tutti gli ambienti, anche quelli particolarmente difficili. Non è un caso quindi che il sensore a doppia tecnologia sia il rilevatore attualmente più richiesto dal mercato. Principio di funzionamento I sensori a doppia tecnologia (Dual Tecnology) uniscono due tipi di rilevazione: infrarosso (IR) e microonde (MW). I due lobi di copertura hanno un'area comune di rilevazione in cui le due tecnologie si sovrappongono creando una protezione molto precisa e sicura. I doppia tecnologia generano un allarme solo se sono attivate entrambe le tecnologie, garantendo poche segnalazioni di falso allarme; i limiti tecnici della rilevazione a raggio infrarosso sono sopperiti dalle caratteristiche fisiche della microonda e viceversa. Nella parte inferiore del sensore è collocato l'elemento piroelettrico, il generatore di radiazioni infrarosso: Il raggio infrarosso è suddiviso in fasci attraverso la lente di Fresnell che dà origine ad una protezione raffigurabile come muri tridimensionali disposti a ventaglio, sensibili alle repentine variazioni di temperatura. Nella parte superiore del circuito è sistemato l'erogatore di microonde (diodo, antenna): Le microonde sono sensibili al movimento di oggetti; il sensore produce e invia le microonde calcolando la quantità d'energia impiegata per saturare l'ambiente da proteggere. In caso d'intrusione, ad impianto inserito, lo stato di quiete si modifica: per ripristinarlo il rilevatore compie un dispendio di energia che provoca una segnalazione d'allarme. In campo libero, le microonde danno origine ad una protezione, raffigurabile come un " sigaro ".

14 Caratteristiche comuni tra sensori Doppia Tecnologia Tecnologie applicate nella sezione microonde Circuito Adaptive Per eliminare falsi allarmi dovuti ad una errata taratura del circuito microonde, alcuni rilevatori dispongono di differenti livelli d'erogazione, a regolazione automatica. Il circuito Adaptive inizia la rilevazione con il grado più alto d'emissione variando la sensibilità fino al raggiungimento del livello idoneo. Banda K I rilevatori in banda K emettono le microonde con una frequenza pari a 24 GHz: un'onda più "corta" rispetto alla consueta (10.5 GHz). L'onda corta, grazie alle sue caratteristiche fisiche, ha una minor forza di penetrazione degli oggetti, limitando la sua azione all'interno dell'ambiente da proteggere. Non è in grado di attraversare porte, muri e finestre evitando i falsi allarmi. Tecnologia DRO planare L'emissione di microonde avviene per mezzo di diodi (Gunn o Mixer) oppure attraverso la tecnologia DRO. I circuiti DRO (Dielectric Resonator Oscillator) risolvono alcune delle problematiche meccaniche generate dalle tecnologie tradizionali Gunn o Mixer. L'elemento radiante dei rilevatori con DRO planare, è costituito da un'antenna a tromba schermata che genera microonde con ampi angoli di copertura e minimi ingombri. La schermatura dell'antenna a tromba forza l'emissione delle microonde nella direzione desiderata, creando un lobo di copertura molto preciso. Tecnologie applicate nella sezione infrarosso Filtro contro le luci fluorescenti (Antiaccecamento) Una condizione di "accecamento" avviene orientando, verso la lente di Fresnell, una luce fluorescente (neon) che limita o inibisce la sensibilità di rilevazione del sensore. Per aumentare il grado di sicurezza vi sono filtri digitali che svolgono la funzione di antiaccecamento, in grado di segnalare la condizione di guasto alla centralina d'allarme. Il sensore che rileva un tentativo di accecamento, attua una procedura che prevede una prova di rilevazione della durata di qualche minuto; se, nel lasso di tempo in cui il sensore è in test, l'infrarosso si attiva il processo s'interrompe, altrimenti se non avviene alcuna attivazione durante il periodo di test, il rilevatore genera una segnalazione di guasto. Funzione Antimask (Antimascheramento) I rilevatori Dual Tec generano una condizione d'allarme solo se sono sollecitate entrambe le tecnologie (funzione "AND"); un malintenzionato potrebbe accecare oppure coprire la lente di Fresnell impedendo al sensore d'inviare la condizione d'allarme. Il microprocessore verifica l'attivazione della sola microonda (in quanto l'infrarosso risulta accecato) e dopo un determinato numero di attivazioni in un breve lasso di tempo inibisce l'infrarosso ed attiva la sola microonda; la successiva violazione dell'area protetta genera un allarme sonoro. Termistore o compensatore di temperatura

15 Il termistore è un componente elettronico che misura la temperatura ambientale. L'applicazione del termistore, consente di regolare autonomamente la sensibilità di rilevazione del sensore, in seguito ad un aumento graduale ed uniforme della temperatura all'interno dell'ambiente cui è posto a protezione. Morsettiera tipo di un doppia tecnologia I sensori filari a doppia tecnologia dispongono di una morsettiera a vite che permette il collegamento con la centrale antifurto, per mezzo di un cavo a più conduttori (almeno 6x0.22). I poli disponibili sulla morsettiera del sensore sono: Alimentazione polo positivo ( + ) Alimentazione polo negativo ( - ) Tamper ( T ) Tamper ( T ) Comune ( C ) Normalmente Chiuso (N.C.) Alimentazione I rilevatori filari sono alimentati dalla centrale d'allarme attraverso due cavi: positivo e negativo. L'alimentazione fornita dalla centrale antifurto è pari a 12 Volt in corrente continua (c.c. - d.c.). Tamper o Antisabotaggio Il tamper è un micro interruttore che rileva l'apertura dell'involucro del sensore. Il tamper è collegato alla linea antisabotaggio - attiva 24h su 24 - della centrale antifurto per mezzo di due cavi; in caso d'apertura dell'involucro il contatto tamper (N.C.) modifica il suo stato, informando la centrale del tentativo di manomissione in corso. Relè d'allarme Il rilevatore modifica lo stato del relè d'allarme in caso d'intrusione da N.C. a contatto aperto. Sui poli della morsettiera del sensore è presente la scritta: "C - N.C.", che indicano il Comune ed il Normalmente Chiuso del relè d'allarme. Il comune e il normalmente chiuso si collegano rispettivamente ai poli massa (o comune) e zona (o linea) presenti sulla morsettiera principale della centrale antifurto. Memoria d'allarme Alcuni rilevatori se attivati ad impianto inserito, visualizzano la memoria di allarme, illuminando un led rosso posto esternamente all'involucro del rilevatore.

16 Consigli per l'installazione Installare il sensore ad un'altezza di 2,3 m dal pavimento. Effettuare delle prove di rilevazione separando le due tecnologie (se il sensore lo consente). Confrontare l area da proteggere con il reale volume di copertura del sensore. Evitare esposizione diretta ai raggi solari Non installare nelle vicinanze di sorgenti di calore Non installare in zone soggette a forti correnti d aria Installare il doppia tecnologia su una superficie stabile non soggetta a vibrazioni Oggetti ingombranti davanti al sensore riducono il lobo di copertura dell'infrarosso. Sono utilizzati per la protezione di: Capannoni. Cantine, solai. Box, garage. Ambienti in cui vi sono moderate correnti d'aria. Ambienti in cui sono presenti piccoli animali (ad esempio topi). I rilevatori doppia tecnologia sono ottimi rilevatori di presenza, utilizzati frequentemente all'interno di abitazioni private e uffici, poiché difficilmente generano falsi allarmi.

17 Segnalatori di allarme Il compito dei segnalatori di allarme, come visto a suo tempo, è quello di segnalare la penetrazione di qualcuno nella zona protetta dal sensore e si possono classificare in acustici, ottici e a chiamata telefonica. Il segnalatore acustico è costituito normalmente da una sirena elettronica oppure elettromeccanica. La scelta tra le due alternative sarà vincolata dalle esigenze personali di sicurezza: una sirena elettronica genera un suono avente una frequenza molto elevata e fastidiosa rispetto ad una sirena elettromeccanica che produce un suono con frequenza più bassa ma udibile a maggiore distanza. Quindi in fase di installazione bisogna anche valutare il fattore disturbo legato alla quiete pubblica, è buona regola orientare la sirena verso una pubblica via di transito. Il segnalatore ottico serve a rendere visibile il luogo dal quale proviene la segnalazione di allarme e può essere a luce continua o lampeggiante. Generalmente nelle sirene o segnalatori autoalimentati, al cui interno è inserita una sirena elettronica o elettromeccanica e un accumulatore, cui viene affidato il compito di generare l allarme anche se vengono tagliati i conduttori di alimentazione, è presente un lampeggiatore per applicazioni esterne. I comunicatori o combinatori telefonici hanno la funzione di inviare la comunicazione di allarme tramite rete telefonica pubblica a dei numeri preselezionati. E possibile in fase di programmazione memorizzare circa 14 diversi numeri telefonici, associabili a sequenze o chiamate diverse; per esempio si può predisporre una sequenza di numeri per avvisare il comando di polizia più vicino, oppure la sede centrale, ecc. Il dispositivo chiama uno dopo l altro i numeri memorizzati e trasmette un messaggio precedentemente registrato, inoltre il contenitore metallico che incorpora il combinatore telefonico, oltre a possedere lo spazio per l inserzione di una batteria che garantisce l alimentazione al dispositivo anche in assenza della rete di alimentazione principale, deve essere protetto contro l apertura del coperchio. Va ricordato, che la linea del telefono deve entrare prima al combinatore, l uscita ai telefoni, fax,ecc.

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI ANTINTRUSIONE Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza w3.uniroma1.it/garzia

Dettagli

Manuale per la configurazione dei dispositivi radiofrequenza quando utilizzati con il sistema antintrusione via bus Istruzioni

Manuale per la configurazione dei dispositivi radiofrequenza quando utilizzati con il sistema antintrusione via bus Istruzioni Eikon Arké Idea Plana 20493 19493 16943 14493 Manuale per la configurazione dei dispositivi radiofrequenza quando utilizzati con il sistema antintrusione via bus Istruzioni Il presente manuale è necessario

Dettagli

AE/IRMW RILEVATORE TRIPLA TECNOLOGIA MENU GUIDATO VOCALMENTE GUIDA ALLA INSTALLAZIONE. Marchiatura CE in accordo alla direttiva 99/5/CE

AE/IRMW RILEVATORE TRIPLA TECNOLOGIA MENU GUIDATO VOCALMENTE GUIDA ALLA INSTALLAZIONE. Marchiatura CE in accordo alla direttiva 99/5/CE AE/IRMW RILEVATORE TRIPLA TECNOLOGIA COMBINATORE Prima TELEFONICO edizione GSM/GPRS MENU GUIDATO VOCALMENTE GUIDA ALLA INSTALLAZIONE Marchiatura CE in accordo alla direttiva 99/5/CE S.p.A. RILEVATORE TRIPLA

Dettagli

Curtarolo (Padova) AZIENDA CERTIFICATA ISO9001 SENSORE VOLUMETRICO A DOPPIA TECNOLOGIA CON ANTIACCECAMENTO TR90D

Curtarolo (Padova) AZIENDA CERTIFICATA ISO9001 SENSORE VOLUMETRICO A DOPPIA TECNOLOGIA CON ANTIACCECAMENTO TR90D Curtarolo (Padova) AZIENDA CERTIFICATA ISO9001 SENSORE VOLUMETRICO A DOPPIA TECNOLOGIA CON ANTIACCECAMENTO TR90D 1 CAPITOLO 1...3 generalità...3 CAPITOLO 2...3 Caratteristiche generali...3 CAPITOLO 3...3

Dettagli

MOSKITO-F. Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 14.05-M2.0-H1.0-F1.0

MOSKITO-F. Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno. Manuale di installazione ed uso. Made in Italy 14.05-M2.0-H1.0-F1.0 MOSKITO-F Sensore infrarosso omnidirezionale da esterno 14.05-M2.0-H1.0-F1.0 Manuale di installazione ed uso Made in Italy PRIMA DI INSTALLARE IL SISTEMA LEGGERE CON ATTENZIONE TUTTE LE PARTI DEL PRESENTE

Dettagli

PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO

PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO MANUALE DI INSTALLAZIE Vi ringraziamo per aver scelto di acquistare questo rivelatore

Dettagli

CATALISTIN O ALLARM E. VIA Radio 01-2014

CATALISTIN O ALLARM E. VIA Radio 01-2014 CATALISTIN O ALLARM E VIA Radio 01-2014 Introduzione Gli impianti di sicurezza rappresentano un valido strumento per la protezione di persone e di beni che, in varie forme, sono esposti al costante pericolo

Dettagli

CENTRALE TP 8-64 Centrale seriale espandibile da 8 a 64 ingressi a filo/radio + 1 ingresso autoprotezione. Versione base a 8 ingressi.

CENTRALE TP 8-64 Centrale seriale espandibile da 8 a 64 ingressi a filo/radio + 1 ingresso autoprotezione. Versione base a 8 ingressi. CENTRALE TP 8-64 Centrale seriale espandibile da 8 a 64 ingressi a filo/radio + 1 ingresso autoprotezione. Versione base a 8 ingressi. Vocabolario messaggi vocali incluso Consolle di comando a LCD. Da

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ANTIFURTO

RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ANTIFURTO RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO ANTIFURTO Pag.1/14 1. INDICE Titolo pag. 2 COMPONENTI DEL SISTEMA D ALLARME.. 3 3 SENSORI PERIMETRALI... 5 4 SENSORI VOLUMETRICI..... 6 5 LA CENTRALE D ALLARME.. 7 6 TASTIERE

Dettagli

Introduzione. [Antifurto WIRELESS per cantiere] Edilsecurity

Introduzione. [Antifurto WIRELESS per cantiere] Edilsecurity [Antifurto WIRELESS per cantiere] Introduzione Edilsecurity L antifurto EDILSECURITY è progettato e costruito specificatamente per la protezione in ambiente pesante, trovando applicazione nei ponteggi

Dettagli

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO ITALIANO MAGGIO 2003 SICUREZZA SENZA FILI I DISPOSITIVI DI GESTIONE E CONTROLLO LE CENTRALI Il cuore del sistema è la centrale disponibile in due differenti modelli a 16

Dettagli

A prova di furto Protezione attiva con o senza cavi

A prova di furto Protezione attiva con o senza cavi In base alle più recenti statistiche, gli italiani non si sentono sicuri, ma pochi sono coloro che dispongono nella loro abitazione di un impianto di allarme intrusione Tutte le più recenti indagini confermano

Dettagli

Gold rivelatore da esterno a doppia tecnologia con copertura a tenda.

Gold rivelatore da esterno a doppia tecnologia con copertura a tenda. Gold rivelatore da esterno a doppia tecnologia con copertura a tenda. Presentazione agli installatori Release 1.0 del 15/11/2010 Autore: TERVIS S.r.l. Servizio Marketing GOLD RIVELATORE DA ESTERNO A DOPPIA

Dettagli

Sensore a tenda da esterno e interno

Sensore a tenda da esterno e interno Sensore a tenda da esterno e interno ONE rappresenta la nuova gamma di sensori da esterno dedicata ad installazioni civili di piccola, media e grande dimensione. L esperienza decennale di AVS, nell ambito

Dettagli

ALLARMI 2015. acquisti@automasrl.com BATTERIE CONTATTI SENSORI RILEVATORI PERIMETRALI ESTERNI

ALLARMI 2015. acquisti@automasrl.com BATTERIE CONTATTI SENSORI RILEVATORI PERIMETRALI ESTERNI ALLARMI 2015. acquisti@automasrl.com BATTERIE CONTATTI SENSORI RILEVATORI PERIMETRALI ESTERNI Batterie Batteria al piombo Batterie al piombo 17,25 TRIDE01202 Batterie al piombo FIAMM 2.0AH Batteria 7AH

Dettagli

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it BTicino s.p.a. Via Messina, 8 054 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 99.45.45 www.bticino.it info.civ@bticino.it 6/0- SC PART. T54B Sistema antifurto Manuale di impiego INDICE IMPIANTO ANTIFURTO

Dettagli

Kit CE 30 KIT ANTIFURTO SENZA FILI

Kit CE 30 KIT ANTIFURTO SENZA FILI Kit CE 30 KIT ANTIFURTO SENZA FILI MANUALE ACCESSORI (Versione 5.0.0) [SMD] [Serie 100] [48 bit] [SPV] [AN] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle direttive R&TTE (Unione Europea)

Dettagli

ifish64gsm MANUALE D USO MHz CENTRALE RADIO 64 ZONE CON GSM. Italian Quality Cod. 25735 CARATTERISTICHE TECNICHE

ifish64gsm MANUALE D USO MHz CENTRALE RADIO 64 ZONE CON GSM. Italian Quality Cod. 25735 CARATTERISTICHE TECNICHE ifish64gsm Cod. 25735 CENTRALE RADIO 64 ZONE CON GSM. 868 MHz MANUALE D USO CARATTERISTICHE TECNICHE - Trasmettitore ibrido con filtro SAW 868 MHz. - Alimentazione con batteria al litio da 3,6 V 1Ah con

Dettagli

5000 Centrale di allarme via radio 38 zone

5000 Centrale di allarme via radio 38 zone 5000 Centrale di allarme via radio 38 zone La centrale è stata realizzata per permettere l installazione di un sistema d allarme dove non è possibile, o non si ritenga opportuno per vari motivi, passare

Dettagli

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o.

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o. L.12 IMPIANTI ANTIFURTO E ANTINTRUSIONE L.12.10 RILEVATORI PER INTERNO VIA CAVO L.12.10.10 Rivelatore infrarosso passivo miniaturizzato, fornito e posto in opera, in materiale plastico, con led di controllo

Dettagli

Rivelatori di movimento

Rivelatori di movimento Rivelatori di movimento We listened to you La tecnologia più avanzata, rende la scelta semplice Sia che si scelgano rivelatori ad Infrarossi Passivi (PIR), a Doppia tecnologia oppure a tecnologia Vettoriale,

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE MICROSCAN EASY 201

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE MICROSCAN EASY 201 ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE MICROSCAN EASY 201 CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO. Il sistema di protezione Microscan Easy 201 è stato realizzato per consentire la protezione

Dettagli

Rivelatore Gold Cod. 553050 Manuale di installazione, programmazione e uso. Revisione. Indice Avvertenze per l installazione 3 Diagrammi di copertura 4 Istruzioni per il montaggio 5 Schemi di collegamento

Dettagli

DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM

DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM Introduzione Grazie per aver preferito il nostro prodotto. La centrale wireless DS1 SL è uno dei migliori antifurti disponibili

Dettagli

Sensore a infrarossi con trasmissione radio

Sensore a infrarossi con trasmissione radio Sensore a infrarossi con trasmissione radio SIR 2008 Il sensore da interno SIR 2008 è un dispositivo per applicazioni move detection con collegamento wireless tra centrale e sensore. Esso integra un rivelatore

Dettagli

Per approfondimenti, www.silentron.com oppure silentron@silentron.it. Silentron spa

Per approfondimenti, www.silentron.com oppure silentron@silentron.it. Silentron spa Presente da oltre 30 anni sul mercato dei sistemi di allarme senza fili, Silentron s.p.a. ha considerato e deciso di entrare nel mercato dei sistemi cablati. Per l Azienda si tratta di un rinnovamento

Dettagli

security FBX4150W Coppia barriere 2TX+2RX

security FBX4150W Coppia barriere 2TX+2RX security FBX4150W Coppia barriere 2TX+2RX INDICE 1 ELENCO COMPONENTI PRINCIPALE Pag. 3 2 ESEMPI DI MONTAGGIO Pag. 4 MONTAGGIO CON STAFFE Pag. 5 3 ESEMPI DI ISTALLAZIONE Pag. 6 4 CONFIGURAZIONE OTTICHE

Dettagli

www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo

www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo www.protexitalia.it centrale antifurto 5 zone radio/filo IInttroduziione La centrale di allarme RF5000 (LEVEL 5) nasce con lo scopo di facilitare la realizzazione e la gestione di un impianto di allarme

Dettagli

SENSORI. ed installati in migliaia di esemplari, ogni anno, in tutta Europa; è pertanto legittimo

SENSORI. ed installati in migliaia di esemplari, ogni anno, in tutta Europa; è pertanto legittimo Sensori antintrusione arrivano le norme Ue Valerio Salvi L'Unione Europea ha avviato un programma normativo, al fine di armonizzare le prestazioni dei sensori rivelatori di intrusione Isensori antintrusione

Dettagli

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza...

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... PIRAMID SERIE XL Passive InfraRed And Microwave Intruder Detector L unico rivelatore di movimento progettato e realizzato per

Dettagli

E-WALL. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 1.

E-WALL. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 1. E-WALL SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO SENSORE DOPPIO INFRAROSSO a TENDA da ESTERNO Manuale di installazione ed uso Versione 1.0 Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle

Dettagli

Antifurti via radio: semplici da installare e utilizzare

Antifurti via radio: semplici da installare e utilizzare Antifurti via radio: semplici da installare e utilizzare 86 00 La soluzione più rapida e più economica per proteggere la tua casa ed i tuoi cari dai malintenzionati. Si installa facilmente ovunque, si

Dettagli

Rivelatore di movimento TTEX30AM

Rivelatore di movimento TTEX30AM Rivelatore di movimento TTEX30AM Guida all'installazione e alla messa a punto Introduzione Sensore Volumetrico da esterno comprendente due rivelatori a infrarossi passivi (PIR) indipendenti, abbinati in

Dettagli

Installare senza inibizioni

Installare senza inibizioni Installare senza inibizioni Caratteristiche Comuni Tecnologia XD Logica a tripla rilevazione La rilevazione della presenza umana è basata sull analisi avanzata della sequenza di attivazione del sensore

Dettagli

KIT ALLARME VIGILA 3 GSM :

KIT ALLARME VIGILA 3 GSM : KIT ALLARME VIGILA 3 GSM : Centralina GSM con tastiera TOUCH SCREEN Istruzioni vocali Telecontrollo via sms SEMPLICITÁ D'USO ALTISSIMA QUALITÁ NO FALSI ALLARMI Caratteristiche: - - Contenuto: GSM con connettore

Dettagli

DIRRVE - DIRFE SENSORE DUAL-IR DA ESTERNO

DIRRVE - DIRFE SENSORE DUAL-IR DA ESTERNO DIRRVE - DIRFE SENSORE DUAL-IR DA ESTERNO MANUALE D USO E INSTALLAZIONE (VERSIONE 4.0.1.1) Il presente manuale può essere soggetto a modifiche senza preavviso [SMD] [Serie 100] [48bit] [SPV] [AN] [IP54]

Dettagli

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014

Manuale di posa e installazione 24807470/12-11-2014 24807470/12-11-2014 Manuale di posa e installazione 1. CARATTERISTICHE Ogni singolo fascio è formato da due raggi paralleli distanti 4 cm, questo sistema consente di eliminare tutti i falsi allarmi dovuti

Dettagli

CPT2. Centrale antifurto 2 zone MANUALE PER L'UTENTE EMC 89/336 CEE

CPT2. Centrale antifurto 2 zone MANUALE PER L'UTENTE EMC 89/336 CEE ITALIANO ITALIANO CPT2 Centrale antifurto 2 zone MANUALE PER L'UTENTE EMC 89/336 CEE CPT2 - Manuale per l'utente Indice Capitolo 1 Introduzione 3 1.1 Descrizione della centrale...3 1.2 Caratteristiche

Dettagli

Centrali via radio. serie HTS. HiQuality. senza collegamento alla rete elettrica. Centrale d'allarme via radio doppia protezione

Centrali via radio. serie HTS. HiQuality. senza collegamento alla rete elettrica. Centrale d'allarme via radio doppia protezione Centrali via radio Centrale d'allarme via radio doppia protezione La centrale senza fili presentata garantisce due anni d autonomia senza necessità di sostituzione batterie con 10 attivazioni e disattivazioni

Dettagli

1. FACILE FORMATI ANTI-INTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA

1. FACILE FORMATI ANTI-INTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA 1. FACILE FORMATI Facile si può trovare in tre diversi formati, a seconda delle diverse metrature che può coprire. FACILE SMALL: Centrale FACILE con GPRS integrato. Alloggiata in contenitore in ABS. Ideale

Dettagli

DT9. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 3.1

DT9. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 3.1 DT9 SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO Manuale di installazione ed uso Versione 3.1 [SMD] [Serie 100] [48bit] [SPV] [AN] [Revisione HW: 3] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti

Dettagli

::: Il mio antifurto :::

::: Il mio antifurto ::: Benvenuto, Se ti è capitata tra le mani questa guida, significa che per una ragione o per un altra ti stai interessando ai sistemi di sicurezza attivi, preparati poiché potremmo risultare a volte noiosi

Dettagli

OPAL OPAL Plus innovativo rilevatore di movimento doppia tecnologia da esterno

OPAL OPAL Plus innovativo rilevatore di movimento doppia tecnologia da esterno OPAL innovativo rilevatore di movimento doppia tecnologia da esterno www.satel-italia.it OPAL OPAL/ massima rilevazione facile da installare e configurare affidabile anti-mascheramento sulla microonda

Dettagli

DS38SL Centrale Radio con display

DS38SL Centrale Radio con display DS38SL Centrale Radio con display INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE La centrale è stata realizzata per permettere l installazione di un sistema d allarme dove non è possibile, o non si ritenga opportuno

Dettagli

HOME AUTOMATION Antintrusione in radiofrequenza

HOME AUTOMATION Antintrusione in radiofrequenza 1 2 3 4 HOME AUTOMATION 01737 - Rivelatore ad infrarossi installato all interno dei locali da sorvegliare, è in grado di gene rare un messaggio di allarme quando rileva, nelle proprie aree di copertura,

Dettagli

PTX-TX114R (cod. PTX114R)

PTX-TX114R (cod. PTX114R) PTX-TX114R (cod. PTX114R) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI MANUALE DI INSTALLAZIE Vi ringraziamo per aver scelto di acquistare questo rivelatore passivo di infrarossi PULTEX. Questo prodotto è in grado

Dettagli

TM500P. Pannello centrale antifurto 6 zone MANUALE PER L'UTENTE

TM500P. Pannello centrale antifurto 6 zone MANUALE PER L'UTENTE ITALIANO TM500P Pannello centrale antifurto 6 zone MANUALE PER L'UTENTE TM500P - Manuale per l'utente Indice Capitolo 1 Introduzione 3 1.1 Descrizione della centrale...3 1.2 Caratteristiche funzionali...3

Dettagli

LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008. GR868ONDA Art.: MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY

LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008. GR868ONDA Art.: MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 GR868ONDA Art.: 4072 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Generalità...3 2 Caratteristiche Tecniche...3 3 Avvertenze...3

Dettagli

SISTEMA D ALLARME. Organo di gestione. Organo di comando. Organo di. rilevazione. Organo di. segnalazione

SISTEMA D ALLARME. Organo di gestione. Organo di comando. Organo di. rilevazione. Organo di. segnalazione gestione comando segnalazione rilevazione gestione Gli organi di gestione (centrali) sono il cervello dell intero sistema. Elaborano i segnali provenienti dai sensori e le richieste provenienti dagli organi

Dettagli

Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione

Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione Generalità I sensori inerziali della serie 700 sono dispositivi di piacevole design disponibili in contenitori in ABS bianco (GS710,GS711)

Dettagli

perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2

perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2 perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR rivelatori d impatto per protezioni perimetrali interne Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2 Le protezioni perimetrali

Dettagli

Rilevatore infrarossi da esterno con riconoscimento di animali domestici

Rilevatore infrarossi da esterno con riconoscimento di animali domestici Rilevatore infrarossi da esterno con riconoscimento di animali domestici Skynet Italia Srl www.skynetitalia.net Pagina 1 Il rilevatore da esterno a infrarossi con tecnologia Dual lavora sulla base della

Dettagli

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Panoramica sulle tecniche di progettazione

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Panoramica sulle tecniche di progettazione Analisi e valutazione Per la progettazione di un impianto d'allarme è di fondamentale importanza l'individuazione delle aree più sensibili e dei punti di più facile accesso all'interno dell'ambiente. Un

Dettagli

PROTEC9. Centrale antifurto 9 zone MANUALE PER L'UTENTE EMC 89/336 CEE

PROTEC9. Centrale antifurto 9 zone MANUALE PER L'UTENTE EMC 89/336 CEE ITALIANO ITALIANO PROTEC9 Centrale antifurto 9 zone MANUALE PER L'UTENTE EMC 89/336 CEE PROTEC9 - Manuale per l'utente Indice Capitolo 1 Introduzione 3 1.1 Descrizione della centrale...3 1.2 Caratteristiche

Dettagli

Centrale di allarme Gsm Skywalker

Centrale di allarme Gsm Skywalker Centrale di allarme Gsm Skywalker Centrale di allarme ad alta stabilità ed affidabilità. Dotata di combinatore telefonico Gsm+Pstn Tastiera per programmazione Batteria al Lithio integrata Sirena integrata

Dettagli

RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO

RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO Tecnologia wireless facile da installare RILEVATORE DI MOVIMENTO CON TELECAMERA INTEGRATA MANUALE D'USO www.my-serenity.ch Cosa c'è nella Scatola? 1 x Rilevatore di movimento wireless con telecamera integrata

Dettagli

ALTRI DISPOSITIVI DEL SISTEMA. Rivelatore volumetrico ad IR passivo

ALTRI DISPOSITIVI DEL SISTEMA. Rivelatore volumetrico ad IR passivo Rivelatore volumetrico ad IR passivo MODIFICHE PER IMPIANTO A 4 ZONE La centrale Sch.1057/008 è preimpostata per raggruppare i rivelatori in 3 zone (ad esempio Zona giorno, Zona notte e Garage). Anche

Dettagli

max 0,6 A Capacità della batteria posizionabile 7 Ah (149x93x65 mm)

max 0,6 A Capacità della batteria posizionabile 7 Ah (149x93x65 mm) SIRENA AUTOALIMENTATA ECHO99 V4.2 BIF 0.1 140599 CARATTERISTICHE GENERALI Sirena autoalimentata per uso esterno gestita da microcontrollore con lampada di segnalazione. Robusto contenitore in policarbonato

Dettagli

BM50Q - BM120 - BM200 BARRIERE ANTIFURTO A MICROONDE

BM50Q - BM120 - BM200 BARRIERE ANTIFURTO A MICROONDE PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it BM50Q - BM120 - BM200 BARRIERE ANTIFURTO

Dettagli

XR9DT. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO. Manuale di installazione ed uso. Versione 2.1. [Revisione HW: 3]

XR9DT. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO. Manuale di installazione ed uso. Versione 2.1. [Revisione HW: 3] XR9DT SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO Manuale di installazione ed uso Versione 2.1 [Revisione HW: 3] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle direttive R&TTE

Dettagli

Answers for infrastructure. E-Line Rilevatori di movimento - veloci da installare, facile da regolare.

Answers for infrastructure. E-Line Rilevatori di movimento - veloci da installare, facile da regolare. Answers for infrastructure. E-Line Rilevatori di movimento - veloci da installare, facile da regolare. I rilevatori di movimento E-Line rappresentano un nuovo punto di riferimento nel rapporto prezzo/

Dettagli

LINCE ITALIA S.p.A. MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008

LINCE ITALIA S.p.A. MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 Radio RX4 Ricevitore Art.: 1780 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Generalità...3 2 Caratteristiche Tecniche...3

Dettagli

BARRIERE PERIMETRALI. Italian Engineering

BARRIERE PERIMETRALI. Italian Engineering BARRIERE PERIMETRALI Italian Engineering Catalogo 2014 MITECH E INNOVAZIONE E SICUREZZA Mitech produce una gamma completa di barriere perimetrali antintrusione di elevata affidabilità e qualità Made in

Dettagli

TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO

TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO GESCO SECURKEY TERMINALE REMOTO mod. 630 SCHEDA DECODIFICA mod. 633 ORGANO DI COMANDO PROGRAMMABILE A CODICE NUMERICO Adatto a comandare impianti di allarme antiintrusione eda controllare accessi o apparecchiature,mediante

Dettagli

PART. T8742A - 12/03 - PC. Impianto antifurto. Manuale d'uso

PART. T8742A - 12/03 - PC. Impianto antifurto. Manuale d'uso PART. T8742A - 12/03 - PC Impianto antifurto Manuale d'uso Indice 1 Introduzione 5 Terminologia Operatività dell impianto La Centrale antifurto 3500 2 Funzionamento 9 Descrizione della centrale a 4 zone

Dettagli

Perimetrale Invisibile Interrato

Perimetrale Invisibile Interrato Perimetrale Invisibile Interrato Caratteristiche principali Il GPS, Ground Perimeter System, è la risposta ideale a qualsiasi esigenza di protezioni perimetrali esterne. Viene installato completamente

Dettagli

Manuale tecnico. Blade. Sensore doppia tecnologia a tenda con antiaccecamento per protezione di porte e finestre

Manuale tecnico. Blade. Sensore doppia tecnologia a tenda con antiaccecamento per protezione di porte e finestre Manuale tecnico Blade Sensore doppia tecnologia a tenda con antiaccecamento per protezione di porte e finestre 090000798 AVVERTENZE PER L INSTALLATORE: Attenersi scrupolosamente alle normative vigenti

Dettagli

Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari

Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Sistemi di Rivelazione Incendio Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Area di monitoraggio estesa Trasmettitore, ricevitore e unità di valutazione integrati

Dettagli

DS38 Centrale Radio INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE

DS38 Centrale Radio INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE DS38 Centrale Radio INTRODUZIONE E CARATTERISTICHE TECNICHE La centrale è stata realizzata per permettere l installazione di un sistema d allarme dove non è possibile, o non si ritenga opportuno per vari

Dettagli

DaiGate R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I

DaiGate R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I Versione 1 - In vigore da APRILE 2010 RICEVITORE INTERFACCIA RADIO PER SISTEMI FILARI comandare comandare Tastiere di

Dettagli

TP4-20 - TP4-20 GSM Centrali seriali espandibili

TP4-20 - TP4-20 GSM Centrali seriali espandibili TP4-20 - TP4-20 GSM Centrali seriali espandibili design by TP4-20- TP4-20 GSM Le centrali I componenti del sistema: Contatti magnetici radio Rilevatori infrarosso Rilevatori doppia tecnologia Sirene per

Dettagli

L interruttore LED è su ON? Impostare su ON (vedi sezione 8.3) ------ Correggere i collegamenti. Chiamare assistenza tecnica

L interruttore LED è su ON? Impostare su ON (vedi sezione 8.3) ------ Correggere i collegamenti. Chiamare assistenza tecnica 10. CARATTERISTICHE E DIMENONI MODELLO Metodo di rilevazione Copertura Zone di rilevazione Sensibilità Velocità rilevabile Tensione Alimentazione Corrente assorbita Tempo allarme Uscite a relè Antiapertura

Dettagli

Aritech Sistemi d'allarme. Serie Comfort CS175 CS275. g GE interlogix

Aritech Sistemi d'allarme. Serie Comfort CS175 CS275. g GE interlogix Aritech Sistemi d'allarme Serie Comfort CS175 CS275 g GE interlogix La tranquillità è il comfort della sicurezza La serie comfort è molto più che un normale sistema di allarme. È un completo sistema di

Dettagli

Sapevi che un trasmettitore tenuto sempre attivo può essere l'arma per azzittire il tuo sistema di sicurezza wireless?

Sapevi che un trasmettitore tenuto sempre attivo può essere l'arma per azzittire il tuo sistema di sicurezza wireless? Sapevi che un trasmettitore tenuto sempre attivo può essere l'arma per azzittire il tuo sistema di sicurezza wireless? E non solo, molti dispositivi possono disturbare il funzionamento del tuo sistema

Dettagli

LISTINO. Sensori serie ET ET105 ET106 ET107 21,70 45,00 52,50. Valido dal 1 Giugno 2013 al 31 Agosto 2013 - pag. 1/6

LISTINO. Sensori serie ET ET105 ET106 ET107 21,70 45,00 52,50. Valido dal 1 Giugno 2013 al 31 Agosto 2013 - pag. 1/6 Valido dal 1 Giugno al 31 Agosto - pag. 1/6 Sensori serie ET ET105 Rivelatore volumetrico antintrusione Infrarosso Passivo (IRP) con lente di Fresnel. 21,70 ET106 Rivelatore volumetrico antintrusione a

Dettagli

BARRIERA PERIMETRALE A INFRAROSSI A DOPPIA OTTICA ART. 30008303

BARRIERA PERIMETRALE A INFRAROSSI A DOPPIA OTTICA ART. 30008303 BARRIERA PERIMETRALE A INFRAROSSI A DOPPIA OTTICA ART. 30008303 Manuale di posa e installazione Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta S. Lorenzo (Bergamo) http://www.comelitgroup.com e-mail:commerciale.italia@comelit.it

Dettagli

TM500P. Pannello centrale antifurto 6 zone MANUALE PER L'UTENTE. (per TM500P vers. 120AMA-2.00 o successive) EMC 89/336 CEE

TM500P. Pannello centrale antifurto 6 zone MANUALE PER L'UTENTE. (per TM500P vers. 120AMA-2.00 o successive) EMC 89/336 CEE ITALIANO TM500P Pannello centrale antifurto 6 zone MANUALE PER L'UTENTE (per TM500P vers. 120AMA-2.00 o successive) EMC 89/336 CEE TM500P - Manuale per l'utente Indice Capitolo 1 Introduzione 3 1.1 Descrizione

Dettagli

Ing. Lorenzo Rossi 1

Ing. Lorenzo Rossi 1 Ing. Lorenzo Rossi 1 Un impianto di rilevazione incendio ha la funzione di rilevare precocemente l innesco di un incendio per permettere alla squadra di emergenza o ai vigili del fuoco di intervenire in

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO

MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO Multiplexer ricevitore e trasmettitore compatibile serie Genio Allarme. ART. 9010 Omologazione CE - EN 301 1; Omolog. frequenze EN300 220-3. Conforme alla direttiva R&TTE 99/05/CE Ver. 270902 rev.3 MANUALE

Dettagli

Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO

Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO Simple4 MANUALE: - INSTALLAZIONE - PROGRAMMAZIONE - USO 1 CARATTERISTICHE DISPOSITIVI A BORDO Presa di comando con chiave elettronica (mod. INS/P) Tastiera ad 8 tasti per la programmazione ed esclusione

Dettagli

LISTINO UNITEK ITALIA

LISTINO UNITEK ITALIA LISTINO UNITEK ITALIA Ed. 01/2011 CODICE ANTIFURTO CONTATTI MAGNETICI DA INCASSO UTKCI01 Contatto magnetico da incasso plastico - IMQ 1 Livello 10 3,90 UTKCI01C1 Contatto magnetico da incasso plastico

Dettagli

UNICA CENTRALE ANTIFURTO A COLLEGAMENTO RADIO E CABLATO CON MONITORE TOUCH SCREEN

UNICA CENTRALE ANTIFURTO A COLLEGAMENTO RADIO E CABLATO CON MONITORE TOUCH SCREEN Data 01/gen/15 SISTEMA ANTIFURTO CON CENTRALE MISTA RADIO FILO BIDIREZIONALE Codice Descrizione Materiale occorrente Q.T. Totale UNICA CENTRALE ANTIFURTO A COLLEGAMENTO RADIO E CABLATO CON MONITORE TOUCH

Dettagli

12 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SISTEMA

12 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SISTEMA 12 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SISTEMA 12.1 CENTRALE A MICROPROCESSORE CON DISPLAY E TASTIERA DI COMANDO ABS bianco 2 pile al litio (in dotazione) Autonomia delle pile in condizioni normali di impiego

Dettagli

S180-22I S181-22I. Rivelatore a doppio infrarosso antimascheramento per protezione di varchi, porte e finestre. Manuale di installazione.

S180-22I S181-22I. Rivelatore a doppio infrarosso antimascheramento per protezione di varchi, porte e finestre. Manuale di installazione. IT Manuale di installazione Rivelatore a doppio infrarosso antimascheramento per protezione di varchi, porte e finestre S180-22I bianco S181-22I marrone Sommario 1. Presentazione...2 2. Preparazione...4

Dettagli

Aritech Sistemi d'allarme. Serie Comfort CS575 CS875. g GE interlogix

Aritech Sistemi d'allarme. Serie Comfort CS575 CS875. g GE interlogix Aritech Sistemi d'allarme Serie Comfort CS575 CS875 g GE interlogix La tranquillità è il comfort della sicurezza La serie comfort è molto più che un normale sistema di allarme. È un completo sistema di

Dettagli

Cenfrq e LE K2 I LE K2K

Cenfrq e LE K2 I LE K2K MANUALE DI SERVIZIO Cenfrq e LE K2 I LE K2K Le centrali serie K2, uno dei modelli più compatti della linea di centrali Lince, possono offrire, se usate in modo adeguato, lo stesso grado di sicurezza e

Dettagli

Sirena autoalimentata per sistemi antintrusione senza fili mod. HYDRA MANUALE TECNICO

Sirena autoalimentata per sistemi antintrusione senza fili mod. HYDRA MANUALE TECNICO Sirena autoalimentata per sistemi antintrusione senza fili mod. HYDRA MANUALE TECNICO PER L INSTALLATORE: AVVERTENZE Attenersi scrupolosamente alle norme operanti sulla realizzazione di impianti elettrici

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE LA RIVELAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE Lo scopo che si prefigge la rivelazione automatica degli

Dettagli

SISTEMI ABLOY PER PORTE TAGLIAFUOCO. La massima sicurezza. An ASSA ABLOY Group brand

SISTEMI ABLOY PER PORTE TAGLIAFUOCO. La massima sicurezza. An ASSA ABLOY Group brand SISTEMI ABLOY PER PORTE TAGLIAFUOCO La massima sicurezza An ASSA ABLOY Group brand SISTEMI ABLOY PER PORTE TAGLIAFUOCO Un facile accesso nella massima sicurezza I prodotti ABLOY sono conosciuti ed apprezzati

Dettagli

BARRIERA A INFRAROSSO DOPPIA OTTICA PER PROTEZIONE PERIMETRALE A LUNGA PORTATA. Art. 30008561

BARRIERA A INFRAROSSO DOPPIA OTTICA PER PROTEZIONE PERIMETRALE A LUNGA PORTATA. Art. 30008561 BARRIERA A INFRAROSSO DOPPIA OTTICA PER PROTEZIONE PERIMETRALE A LUNGA PORTATA Art. 30008561 Leggere attentamente il presente manuale prima di utilizzare l'apparecchio e conservarlo per riferimento futuro

Dettagli

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili DAITEM Primera La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili Rivelatori di movimento Centrale con sirena Tastiera tattile con transponder La

Dettagli

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi

Sistema di Sicurezza senza fili. DAITEM Primera. La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili DAITEM Primera La sicurezza innovativa, che evolve con voi Sistema di Sicurezza senza fili Rivelatori di movimento Centrale con sirena Tastiera tattile con transponder La

Dettagli

01 - CENTRALI ANTINCENDIO

01 - CENTRALI ANTINCENDIO 01 - CENTRALI ANTINCENDIO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE 2 LOOP Centrale antincendio a microprocessore 2 zone non espandibile. Uscite programmabili: 2 uscite supervisionate per sirene, 2 uscite relè

Dettagli

SERIE A03 SERIE SPC/SPR

SERIE A03 SERIE SPC/SPR SERIE A03 SERIE SPC/SPR Rivelatori sismici per protezioni perimetrali interne Brochure Informativa 2 TITOLO Indice Le protezioni perimetrali antintrusione... 5 SERIE A03... 6 I sensori... 7 Le schede di

Dettagli

MI P R EP A RO PE R...la verifica orale

MI P R EP A RO PE R...la verifica orale MI P R EP A RO PE R......la verifica orale D o m a n d e 1 lezione 1 Come si può descrivere l evoluzione di un impianto domotico con tecnologia BUS rispetto ad un impianto tradizionale con tecnologia a

Dettagli

avidsen 100362 Klt Mini allarme con PIR + 2 contatti magnetici + telecomando

avidsen 100362 Klt Mini allarme con PIR + 2 contatti magnetici + telecomando avidsen 100362 Klt Mini allarme con PIR + 2 contatti magnetici + telecomando ISTRUZIONI D'USO INTRODUZIONE Il kit mini allarme AVIDSEN serve per controllare uno spazio commerciale o un'abitazione composta

Dettagli

CONTRARM 2 SISTEMA DI PROTEZIONE PER BOX-AUTO

CONTRARM 2 SISTEMA DI PROTEZIONE PER BOX-AUTO CONTRARM 2 SISTEMA DI PROTEZIONE PER BOX-AUTO MANUALE D USO E INSTALLAZIONE (VERSIONE 1.2) Vi ringraziamo per aver scelto il nostro prodotto. Vi invitiamo a leggere attentamente il presente manuale di

Dettagli

Funzionamento del sistema SunTech e MAB

Funzionamento del sistema SunTech e MAB Funzionamento del sistema SunTech e MAB Il sistema SunTech è un efficace antifurto per pannelli fotovoltaici basato sulla fibra ottica. La scheda di controllo ETER 486 analizza il flusso di luce che attraversa

Dettagli