Lince Italia S.p.A anni di sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lince Italia S.p.A. - 35 anni di sicurezza"

Transcript

1 LINCE ITALIA

2 Lince Italia S.p.A anni di sicurezza Essere da più di 35 anni professionisti e leader riconosciuti della sicurezza, oltre a stimolarci, ci impegna ad offrire ai nostri clienti prodotti tecnologicamente sempre più avanzati e sicuri. Essere al passo con le esigenze del mercato e prevederne le richieste fanno di Lince Italia un azienda sempre più vicina al consumatore; oltre a disporre delle più moderne tecnologie per la produzione ed il collaudo, Lince Italia è provvista di reparti di progettazione meccanica ed elettronica in grado di effettuare test di conformità rispondenti alle normative vigenti per la realizzazione di apparecchiature e sistemi rappresentativi dello stato dell arte. Lince Italia, tramite il costante impegno nella ricerca e nello sviluppo, nel corso degli anni, ha prodotto oltre venti privative industriali (brevetti modelli etc ) Il rispetto di tutte le normative di settore, la marcatura CE dei prodotti, la certificazione UNI EN ISO 9000 dell azienda e il nostro costante impegno, sono la migliore garanzia che possiamo offrire ai nostri clienti.

3 Presentazione Il concetto di sicurezza Che cosa è un sistema di sicurezza Se si chiede all'uomo della strada di definire il concetto di sicurezza probabilmente si otterrebbero svariate e forse dissimili risposte in dipendenza dei tipi di pericolo presi in considerazione e cioè temuti dal soggetto. Oltre agli individui anche le aziende, gli enti, gli istituti ecc. aspirano alla sicurezza e spesso le persone responsabili la identificano con la protezione fisica realizzata in modo da resistere per molto tempo agli attacchi dei criminali o degli elementi ostili. Si può quindi azzardare una definizione: Sicurezza è rivelazione e gestione di eventi che singolarmente o associativamente segnalano situazioni di pericolo imminente o in atto ed è altresì possibilità di intervento nei tempi necessari a scongiurare o limitare i danni. Precisato il concetto di sicurezza e individuata la filosofia attiva che lo ispira è interessante verificare quanto questo concetto sia recepito e questa filosofia condivisa da coloro che nei settori e nei modi più diversi ricercano un accrescimento di sicurezza. Come abbiamo detto molti utenti sentono ancora solo esigenze di difesa passiva: porte blindate, recinzioni, ecc.; ma un numero sempre maggiore sta anche acquisendo Consapevolezza che la difesa passiva non è del tutto affidabile. Si sta cioè diffondendo la convinzione che l'impiego di apparecchiature di rilevazione di allarme fornisca un più valido ausilio per raggiungere il livello di sicurezza voluto. Analisi dei rischi Una protezione è veramente efficace solo quando si conosce perfettamente ciò che occorre proteggere, il tipo di minaccia specifica da cui bisogna cautelarsi e la struttura dei locali con possibili vie d'accesso. Inoltre il sistema di protezione non deve interferire, ma va integrato con la normale attività domestica e la sua gestione deve essere quanto più semplice possibile. Un sistema di protezione per ogni esigenza In considerazione di quanto esposto, Lince Italia dispone di una vasta gamma di centrali, di sensori e di rivelatori d'allarme, ognuno tipico per un suo specifico impiego. Sensori, inerziali o simili per la protezione di un oggetto. Sensori a microonda, ad infrarossi o a doppia tecnologia per protezioni volumetriche interne ed esterne. Contatti di allarme ad alta affidabilità per porte e finestre unitamente a rivelatori sensibili alle sollecitazioni meccaniche per la protezione di vetrate, pareti ecc. La scelta Esponendo qui di seguito i principi di funzionamento basilari dei prodotti più significativi impiegati in impianti di allarme, vogliamo semplificare la scelta dei prodotti per chi dovrà installarli.

4 Le apparecchiature Centrale e Rilevatori La Centrale di allarme la centrale di allarme che cosa è: La centrale di allarme è il cuore del sistema di sicurezza. La gamma di centrali di lince Italia è notevole e non sarà difficile per qualsiasi utente individuare il modello idoneo per il sistema che si vuole realizzare. Nella valutazione della scelta dovrà essere considerato il numero di zone necessario (raccomandiamo sempre di utilizzare un sensore per ogni zona), il numero di sirene che verranno utilizzate, se si intende utilizzare un programmatore telefonico, chiave elettronica o tastiera, se si intende parzializzare l'impianto, esempio giorno - notte ecc. Le nostre centrali costruite con microprocessori moderni e allestite in robusti contenitori vanno da un minimo di 3 zone a un massimo di 94 zone, e tutte sono dotate di memoria e di antisabotaggio. Tutte alloggiano accumulatori che vanno da un minimo di 7Ah a ad un massimo di 18Ah. Dove installare la centrale di allarme Essendo la centrale di allarme il cuore del sistema, è bene installarla in un posto poco accessibile ad eventuali intrusi. E consigliato di fissarla in punti alti e poco accessibili, alloggiando poi l'inseritore o la tastiera nei pressi dell'ingresso. La centrale va sempre fissata con robusti stopper in modo da evitare lo strappo da parte di malintenzionati.

5 LA FUNZIONE DI UNA CENTRALE DI ALLARME La funzione di una centrale di allarme è di gestire le informazioni prodotte dai rivelatori ed attivare i vari dispositivi avvisatori e di dissuasione. Di solito una centrale di allarme può analizzare diversi tipi di informazioni: allarme, sabotaggio e guasto. La segnalazione di allarme è l' informazione che viene prodotta da un rivelatore quando questo rileva una situazione di pericolo. La segnalazione di sabotaggio viene prodotta dal rivelatore a seguito del verificarsi di una condizione di funzionamento tesa ad eluderlo, ad esempio in caso di apertura del suo involucro, in caso di spostamento dalla sua posizione di installazione, oppure a seguito di un mascheramento o di un accecamento. L' informazione di guasto invece, viene prodotta a seguito di una autodiagnosi del rivelatore per mettere in evidenza una anomalia del funzionamento, dovuta ad esempio da un' eccessiva temperatura di esercizio oppure da una insufficiente tensione di alimentazione. Un compito particolarmente importante della centrale di allarme è di attivare i vari dispositivi, come sirene, lampeggianti o radioallarmi. Le centrali piu' sofisticate dispongono di piu' relè attuatori capaci di attivarsi ciascuno per una diversa funzione: per esempio, un relè può gestire l' allarme generato dai rivelatori di movimento mentre un altro può gestire l' allarme generato da un sensore di fumo. Solitamente una centrale permette di escludere o includere singolarmente le zone di controllo, di attivare rapidamente solo un gruppo di rivelatori, oppure di consultare il registro della memoria storica per la verifica di eventuali precedenti situazioni di allarme. Esse dispongono inoltre di un alimentatore che serve a mantenere sempre carica ed efficiente la batteria tampone, necessaria per garantire il regolare funzionamento dell' impianto antintrusione anche in caso di black out.

6 Sensori a microonde La microonda che cosa è: principi generali di funzionamento Uno dei rivelatori volumetrici più diffusi sul mercato è senza dubbio la microonda. Il funzionamento anche se può sembrare piuttosto complesso, si basa su un principio fondamentale in realtà molto semplice. Esiste all'interno della microonda un trasmettitore TX e un ricevitore RV X. Un segnale elettromagnetico emesso da TX colpisce un ostacolo muro o mobile e rimbalza, venendo ricevuto da RX. La variazione di lunghezza di questo segnale provoca l'allarme. Per una più chiara conoscenza potremmo basarci sulla teoria dell'effetto Doppler. Se esiste una sorgente che percepisce dei segnali di frequenza, e se esiste un oggetto ( uomo, mobilio ecc. ) che percepisce e respinge questo segnale si possono avere diverse soluzioni: se la sorgente e l'oggetto sono immobili la frequenza del segnale è stabile. Se si muovono - anche uno solo - avvicinandosi o allontanandosi, si avrà una variazione in più o in meno nella frequenza del segnale. Ovvero, se l'oggetto si avvicina alla sorgente questo comprimerà la frequenza dandogli un segnale più alto, se viceversa si allontana il segnale sarà più basso. Il rivelatore a microonde genera un campo elettromagnetico nell'ambiente. Se tutti gli oggetti nel campo sono immobili, il segnale di frequenza emesso dalle rivelatore sarà sempre uguale determinando così uno stato di quiete. Se qualcosa si muove, avvicinandosi o allontanandosi, il segnale di frequenza genererà l allarme. Perché installare la microonda. Essendo la microonda un rivelatore volumetrico che basa il suo principio sulla emissione di onde elettromagnetiche all'interno dell'ambiente da proteggere, il suo impiego e maggiormente diffuso negli ambienti ad alto rischio, dove è necessario un alto grado di sicurezza. La protezione con microonde ha sicuramente una alta affidabilità e offre indubbie garanzie. Essa infatti capterà qualsiasi movimento all'interno dell'ambiente ed è molto difficile da manomettere. Consigliamo di non installare microonde in ambienti domestici dato che il rischio è molto basso ed è facile che si verifichino movimenti di oggetti come tende, piante, ecc. Si eviteranno così inutili segnalazioni di allarme. Attenzione, la microonda

7 supera anche i piccoli tramezzi, vetri, porte ecc., Deve essere pertanto tarata sia in portata che in sensibilità con la massima cura onde evitare il pericolo di falsi allarmi. Principio di funzionamento Le microonde sono onde ad alta frequenza (10-2,4 GHz) generate da diodi GUNN o MIXER oppure attraverso il circuito elettronico con tecnologia DRO planare. Il sensore produce e invia le microonde calcolando la quantità d'energia impiegata per saturare l'ambiente da proteggere. In caso d'intrusione, ad impianto inserito, lo stato di quiete si modifica: il relè di allarme scambio il suo stato. Consigli per l'installazione Attenzione: I piccoli ambienti si saturano eccessivamente di microonde oltrepassando le pareti circostanti provocando, talvolta, falsi allarmi: occorre effettuare numerose prove di rilevazione e regolare correttamente l'emissione di microonde. Installare il rilevatore microonde ad un'altezza compresa tra 1,80 e 2,3 mt. dal pavimento. Confrontare l area da proteggere, con il campo di copertura del sensore illustrato nel manuale. Evitare l'esposizione diretta ai raggi solari. Nell area di copertura del sensore a microonde non devono esserci oggetti in movimento o liberi di muoversi per causa propria (es: pendolo). Una taratura errata della microonda consente la rilevazione d'oggetti esterni all'ambiente da proteggere, soprattutto in locali composti da pareti in mattoni forati. Le microonde attraversano vetri, finestre e porte di legno. Regolare per mezzo del potenziometro (o trimmer) l'emissione delle microonde. Effettuare numerose prove di rilevazione. Evitare l'installazione del sensore in prossimità di: Passaggi d acqua in tubazioni. Tubi fluorescenti puntati verso il sensore. Ambienti soggetti a forti correnti d aria. Superfici instabili, soggette a vibrazioni. Non sovrapporre le aree di copertura di due o più sensori microonde che non dispongono del circuito elettronico MIR, in quanto si verificherebbero falsi allarmi. Consiglio di effettuare in ogni caso le prove di rilevazione; procedere in questo modo: 1. Chiudere le porte e le finestre del locale protetto dal sensore. 2. Inserire l'antifurto. 3. Camminare rasente al perimetro esterno del locale protetto dal rilevatore a microonde. Se il sensore oltrepassa la parete, la porta o le finestre, diminuire l'intensità d'emissione attraverso il potenziometro.

8 Caratteristiche comuni tra rilevatori microonde Circuito M.I.R. (Reiezione Mutue Frequenze) L'installazione di due o più sensori microonde vicini tra loro creano sovrapposizioni o aree comuni di rilevazione, generando falsi allarmi a causa delle collisioni tra le microonde: mutue interferenze. Il circuito M.I.R. sincronizza, su frequenze differenti, l emissione di microonde per ciascun sensore, consentendo installazioni multiple all'interno dello stesso ambiente, senza generare mutue interferenze. Si dovranno utilizzare rilevatori prodotti dalla medesima casa produttrice. Banda K I rilevatori in banda K emettono le microonde con una frequenza pari a 24 GHz: un'onda più "corta" rispetto alla consueta banda X (10,5 GHz). L'onda corta, grazie alle sue caratteristiche fisiche, ha una minor forza di penetrazione degli oggetti, limitando la sua azione all'interno dell'ambiente da proteggere. Non è in grado di attraversare porte, muri e finestre evitando i falsi allarmi. Tecnologia DRO planare L'emissione di microonde avviene per mezzo di diodi (Gunn o Mixer) oppure attraverso la tecnologia DRO. I circuiti DRO, Dielectric Resonator Oscillator, risolvono alcune delle problematiche meccaniche generate dalle tecnologie tradizionali Gunn o Mixer. L'elemento radiante dei rilevatori con DRO planare, è costituito da un'antenna a tromba schermata che genera microonde con ampi angoli di copertura e minimi ingombri. La schermatura dell'antenna a tromba forza l'emissione delle microonde nella direzione desiderata, creando un lobo di copertura molto preciso. Sensori infrarosso L'infrarosso passivo che cosa è: principi generali di funzionamento Un rivelatore diffusosi soprattutto negli ambienti con rischi di categoria media e negli ambienti domestici è il sensore infrarosso. La sua caratteristica tecnica è quella di recepire il calore del corpo umano. La sua protezione non satura l'ambiente. Essa infatti rivela i movimenti suolo in zone particolari tramite i suoi raggi. Il numero, La lunghezza e la forma di questi raggi sono variabili a seconda del sistema ottico adottato. Ossia con lo stesso sensore, variando soltanto la lente si avranno coperture diverse sia in larghezza che in lunghezza. È molto semplice pertanto comprendere come sia possibile proteggere anche solo una parte dell'ambiente ( per esempio la protezione della sola porta o della sola finestra ) lasciando libero il movimento nelle altre parti. Una cosa importante da dire e che i raggi di questo rivelatore non attraversano le cose, venendo pertanto bloccati da qualunque oggetto venga trovarsi sulla loro traiettoria. Si può pertanto creare un cono d'ombra privo di protezione dietro all' oggetto.

9 Essendo l'infrarosso passivo un sensore che lavora sul rilevamento del calore del corpo umano, se installato in ambienti molto caldi che si avvicinano alla temperatura corporea, il rilevamento sarà meno sensibile. Essendo il rilevamento attraverso fasci all'infrarosso, la sensibilità è maggiore in attraversamento in quanto in fase di avvicinamento può accadere di incanalarsi in mezzo a due fasci e l allarme si avrà solo nel momento in cui uno dei due fasci viene violato. Perché installare l'infrarosso E in assoluto il sensore attivo più economico, quello che assorbe di meno e il più facile da installare in quanto necessita di regolazioni irrisorie. È adatto chiaramente per ambienti a rischio limitato. È sicuramente l'ideale per ambienti domestici e da possibilità anche di installare più sensori nello stesso ambiente, in quanto non si interferiscono. PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO La lente di Fresnell è collocata sull'involucro del sensore davanti al piroelemento; in funzione del tipo di lente utilizzata, si definiscono i contorni dell'area di protezione. Alcune case produttrici offrono la possibilità di sostituire la lente in dotazione con altri modelli, disponibili singolarmente, con differenti "figure". In funzione della figura presente sulla lente si modifica l'angolo, l'inclinazione, la lunghezza e la concentrazione dei raggi nell'area di rilevazione. Di seguito alcuni esempi delle differenti lenti disponibili in commercio, con le relative aree o lobi di rilevazione: Attenzione: Consiglio d'installare il sensore ad infrarosso ad un'altezza compresa tra 1,80 m. e 2,20 metri, altrimenti i grafici dell'area di copertura non corrisponderebbero. Lente tradizionale a più fasci Questo tipo di lente fornisce una copertura simile alla precedente; il sensore dispone di un maggior numero di raggi che gli consente un'accurata rilevazione. Il grafico a lato, illustra il lobo (o area) di copertura di un sensore posto ad un'altezza di 2,4 Mt. dal pavimento. Modificando l'altezza del sensore, si varia l'area di copertura. Caratteristiche tecniche del lobo di copertura:

10 Portata dei fasci di rilevazione selezionabile: Minima: 8 Mt. - Massima: 15 Mt. Angolo di apertura fasci di rilevazione: 90 gradi Numero dei fasci generati: 54 fasci disposti su tre livelli Lente immune ai piccoli animali Questa particolare lente non rileva la presenza di animali. Questo tipo di lente, in questo specifico contesto è l'installazione a 2,4 Mt. dal pavimento, altrimenti genera falsi allarmi in presenza di animali. (altri sensori possono richiedere altezze di installazione differenti) Caratteristiche tecniche del lobo di copertura: Portata dei fasci di rilevazione selezionabile: Minima: 13 Mt. - Massima: 18 Mt. Angolo di apertura fasci di rilevazione: 142 gradi Numero dei fasci generati: 24 fasci disposti su unico livello

11 Lente a lunga portata Questo tipo di lente fornisce una copertura a lunga portata. Si consiglia d'installare il sensore ad infrarosso ad un'altezza di 2,4 Mt. dal pavimento. Caratteristiche tecniche del lobo di copertura: Portata dei fasci di rilevazione selezionabile: Minima: 6 Mt. - Massima: 30 Mt. Angolo di apertura fasci di rilevazione: 142 gradi Numero dei fasci generati: 24 fasci disposti su 3 livelli

12 Lente per soffitto Questo tipo di lente è utilizzata dai rilevatori per soffitto. Fornisce una copertura a 360. Caratteristiche tecniche del lobo di copertura: Angolo di apertura fasci di rilevazione: 360 gradi In base all'altezza cui è posto il diametro di copertura varia: Altezza 2 Mt. diametro di copertura 10 Mt. Altezza 3 Mt. diametro di copertura 11 Mt. Altezza 4 Mt. diametro di copertura 12 Mt.

13 Sensori a doppia tecnologia Il sensore a doppia tecnologia che cosa è: principi generali di funzionamento Abbiamo incontrato fino ad ora due sensori attivi, la microonda e l infrarosso passivo, ne abbiamo apprezzato le innumerevoli qualità su entrambi, ma entrambi hanno delle carenze. Problemi di installazione dove vi sono fonti di calore e scarsa rivelazione all'avvicinamento per l'infrarosso. Problemi di installazione in ambienti con molto materiale metallico e scarsa sensibilità all'attraversamento per la microonda. Sono questi alcuni problemi. Per sopperire a queste carenze è stato realizzato il sensore a doppia tecnologia, ossia un sensore composto da una microonda ed un infrarosso passivo, che provoca l'allarme soltanto se entrambi nello stesso istante rilevano un movimento. I vantaggi di questo sensore sono notevoli: nessun problema dove installarlo, limitata taratura della microonda, sensibilità sia all'avvicinamento che all'attraversamento e altri vantaggi. Va considerato inoltre che essendo il modello da noi prodotto realizzato con microprocessore, rende possibili alcune funzioni particolari quali ad esempio: funzione in AND, dove entrambe le tecnologie devono rilevare l intrusione per generare un allarme, o in OR, ossia in caso di guasto di uno dei due sensori, l'altro funziona anche da solo, oppure la funzione di conti impulsi della microonda che rende possibile il buon funzionamento anche nel caso in cui l'infrarosso venga oscurato. I sensori più moderni inoltre dispongono di protezione anti accecamento sia sulla microonda che sull'infrarosso, in sintesi vi sarà allarme locale anche in caso di mascheramento diretto e fisico sul sensore stesso. Concludendo quindi, il rilevatore a doppia tecnologia è idoneo per installazioni in tutti gli ambienti, anche quelli particolarmente difficili. Non è un caso quindi che il sensore a doppia tecnologia sia il rilevatore attualmente più richiesto dal mercato. Principio di funzionamento I sensori a doppia tecnologia (Dual Tecnology) uniscono due tipi di rilevazione: infrarosso (IR) e microonde (MW). I due lobi di copertura hanno un'area comune di rilevazione in cui le due tecnologie si sovrappongono creando una protezione molto precisa e sicura. I doppia tecnologia generano un allarme solo se sono attivate entrambe le tecnologie, garantendo poche segnalazioni di falso allarme; i limiti tecnici della rilevazione a raggio infrarosso sono sopperiti dalle caratteristiche fisiche della microonda e viceversa. Nella parte inferiore del sensore è collocato l'elemento piroelettrico, il generatore di radiazioni infrarosso: Il raggio infrarosso è suddiviso in fasci attraverso la lente di Fresnell che dà origine ad una protezione raffigurabile come muri tridimensionali disposti a ventaglio, sensibili alle repentine variazioni di temperatura. Nella parte superiore del circuito è sistemato l'erogatore di microonde (diodo, antenna): Le microonde sono sensibili al movimento di oggetti; il sensore produce e invia le microonde calcolando la quantità d'energia impiegata per saturare l'ambiente da proteggere. In caso d'intrusione, ad impianto inserito, lo stato di quiete si modifica: per ripristinarlo il rilevatore compie un dispendio di energia che provoca una segnalazione d'allarme. In campo libero, le microonde danno origine ad una protezione, raffigurabile come un " sigaro ".

14 Caratteristiche comuni tra sensori Doppia Tecnologia Tecnologie applicate nella sezione microonde Circuito Adaptive Per eliminare falsi allarmi dovuti ad una errata taratura del circuito microonde, alcuni rilevatori dispongono di differenti livelli d'erogazione, a regolazione automatica. Il circuito Adaptive inizia la rilevazione con il grado più alto d'emissione variando la sensibilità fino al raggiungimento del livello idoneo. Banda K I rilevatori in banda K emettono le microonde con una frequenza pari a 24 GHz: un'onda più "corta" rispetto alla consueta (10.5 GHz). L'onda corta, grazie alle sue caratteristiche fisiche, ha una minor forza di penetrazione degli oggetti, limitando la sua azione all'interno dell'ambiente da proteggere. Non è in grado di attraversare porte, muri e finestre evitando i falsi allarmi. Tecnologia DRO planare L'emissione di microonde avviene per mezzo di diodi (Gunn o Mixer) oppure attraverso la tecnologia DRO. I circuiti DRO (Dielectric Resonator Oscillator) risolvono alcune delle problematiche meccaniche generate dalle tecnologie tradizionali Gunn o Mixer. L'elemento radiante dei rilevatori con DRO planare, è costituito da un'antenna a tromba schermata che genera microonde con ampi angoli di copertura e minimi ingombri. La schermatura dell'antenna a tromba forza l'emissione delle microonde nella direzione desiderata, creando un lobo di copertura molto preciso. Tecnologie applicate nella sezione infrarosso Filtro contro le luci fluorescenti (Antiaccecamento) Una condizione di "accecamento" avviene orientando, verso la lente di Fresnell, una luce fluorescente (neon) che limita o inibisce la sensibilità di rilevazione del sensore. Per aumentare il grado di sicurezza vi sono filtri digitali che svolgono la funzione di antiaccecamento, in grado di segnalare la condizione di guasto alla centralina d'allarme. Il sensore che rileva un tentativo di accecamento, attua una procedura che prevede una prova di rilevazione della durata di qualche minuto; se, nel lasso di tempo in cui il sensore è in test, l'infrarosso si attiva il processo s'interrompe, altrimenti se non avviene alcuna attivazione durante il periodo di test, il rilevatore genera una segnalazione di guasto. Funzione Antimask (Antimascheramento) I rilevatori Dual Tec generano una condizione d'allarme solo se sono sollecitate entrambe le tecnologie (funzione "AND"); un malintenzionato potrebbe accecare oppure coprire la lente di Fresnell impedendo al sensore d'inviare la condizione d'allarme. Il microprocessore verifica l'attivazione della sola microonda (in quanto l'infrarosso risulta accecato) e dopo un determinato numero di attivazioni in un breve lasso di tempo inibisce l'infrarosso ed attiva la sola microonda; la successiva violazione dell'area protetta genera un allarme sonoro. Termistore o compensatore di temperatura

15 Il termistore è un componente elettronico che misura la temperatura ambientale. L'applicazione del termistore, consente di regolare autonomamente la sensibilità di rilevazione del sensore, in seguito ad un aumento graduale ed uniforme della temperatura all'interno dell'ambiente cui è posto a protezione. Morsettiera tipo di un doppia tecnologia I sensori filari a doppia tecnologia dispongono di una morsettiera a vite che permette il collegamento con la centrale antifurto, per mezzo di un cavo a più conduttori (almeno 6x0.22). I poli disponibili sulla morsettiera del sensore sono: Alimentazione polo positivo ( + ) Alimentazione polo negativo ( - ) Tamper ( T ) Tamper ( T ) Comune ( C ) Normalmente Chiuso (N.C.) Alimentazione I rilevatori filari sono alimentati dalla centrale d'allarme attraverso due cavi: positivo e negativo. L'alimentazione fornita dalla centrale antifurto è pari a 12 Volt in corrente continua (c.c. - d.c.). Tamper o Antisabotaggio Il tamper è un micro interruttore che rileva l'apertura dell'involucro del sensore. Il tamper è collegato alla linea antisabotaggio - attiva 24h su 24 - della centrale antifurto per mezzo di due cavi; in caso d'apertura dell'involucro il contatto tamper (N.C.) modifica il suo stato, informando la centrale del tentativo di manomissione in corso. Relè d'allarme Il rilevatore modifica lo stato del relè d'allarme in caso d'intrusione da N.C. a contatto aperto. Sui poli della morsettiera del sensore è presente la scritta: "C - N.C.", che indicano il Comune ed il Normalmente Chiuso del relè d'allarme. Il comune e il normalmente chiuso si collegano rispettivamente ai poli massa (o comune) e zona (o linea) presenti sulla morsettiera principale della centrale antifurto. Memoria d'allarme Alcuni rilevatori se attivati ad impianto inserito, visualizzano la memoria di allarme, illuminando un led rosso posto esternamente all'involucro del rilevatore.

16 Consigli per l'installazione Installare il sensore ad un'altezza di 2,3 m dal pavimento. Effettuare delle prove di rilevazione separando le due tecnologie (se il sensore lo consente). Confrontare l area da proteggere con il reale volume di copertura del sensore. Evitare esposizione diretta ai raggi solari Non installare nelle vicinanze di sorgenti di calore Non installare in zone soggette a forti correnti d aria Installare il doppia tecnologia su una superficie stabile non soggetta a vibrazioni Oggetti ingombranti davanti al sensore riducono il lobo di copertura dell'infrarosso. Sono utilizzati per la protezione di: Capannoni. Cantine, solai. Box, garage. Ambienti in cui vi sono moderate correnti d'aria. Ambienti in cui sono presenti piccoli animali (ad esempio topi). I rilevatori doppia tecnologia sono ottimi rilevatori di presenza, utilizzati frequentemente all'interno di abitazioni private e uffici, poiché difficilmente generano falsi allarmi.

17 Segnalatori di allarme Il compito dei segnalatori di allarme, come visto a suo tempo, è quello di segnalare la penetrazione di qualcuno nella zona protetta dal sensore e si possono classificare in acustici, ottici e a chiamata telefonica. Il segnalatore acustico è costituito normalmente da una sirena elettronica oppure elettromeccanica. La scelta tra le due alternative sarà vincolata dalle esigenze personali di sicurezza: una sirena elettronica genera un suono avente una frequenza molto elevata e fastidiosa rispetto ad una sirena elettromeccanica che produce un suono con frequenza più bassa ma udibile a maggiore distanza. Quindi in fase di installazione bisogna anche valutare il fattore disturbo legato alla quiete pubblica, è buona regola orientare la sirena verso una pubblica via di transito. Il segnalatore ottico serve a rendere visibile il luogo dal quale proviene la segnalazione di allarme e può essere a luce continua o lampeggiante. Generalmente nelle sirene o segnalatori autoalimentati, al cui interno è inserita una sirena elettronica o elettromeccanica e un accumulatore, cui viene affidato il compito di generare l allarme anche se vengono tagliati i conduttori di alimentazione, è presente un lampeggiatore per applicazioni esterne. I comunicatori o combinatori telefonici hanno la funzione di inviare la comunicazione di allarme tramite rete telefonica pubblica a dei numeri preselezionati. E possibile in fase di programmazione memorizzare circa 14 diversi numeri telefonici, associabili a sequenze o chiamate diverse; per esempio si può predisporre una sequenza di numeri per avvisare il comando di polizia più vicino, oppure la sede centrale, ecc. Il dispositivo chiama uno dopo l altro i numeri memorizzati e trasmette un messaggio precedentemente registrato, inoltre il contenitore metallico che incorpora il combinatore telefonico, oltre a possedere lo spazio per l inserzione di una batteria che garantisce l alimentazione al dispositivo anche in assenza della rete di alimentazione principale, deve essere protetto contro l apertura del coperchio. Va ricordato, che la linea del telefono deve entrare prima al combinatore, l uscita ai telefoni, fax,ecc.

I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro

I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro Impianti d allarme per una casa sicura I consigli di IMQ per un appartamento sicuro a prova di ladro Introduzione Un tempo bastava un buon cane da guardia per garantire alla casa un livello di sicurezza

Dettagli

UNA CASA A PROVA DI LADRO

UNA CASA A PROVA DI LADRO UNA CASA A PROVA DI LADRO GUIDA PRATICA AGLI IMPIANTI D'ALLARME GLI ITALIANI SI SENTONO INSICURI MA SOLO UNA FAMIGLIA SU CINQUE HA UN IMPIANTO ANTIFURTO Da una recente indagine Istat, risulta che il reato

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE 1 MORSETTIERA INTERNA Qui di seguito è riportato lo schema della morsettiera interna: Morsettiera J1 12 V + - N.C.

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

UNO DT UNO. By AVS ELECTRONICS. Via Valsugana, 63 35010 (Padova) ITALY Tel. 049 9698 411 Fax. 049 9698 407. Assistenza Tecnica: 348 1500404

UNO DT UNO. By AVS ELECTRONICS. Via Valsugana, 63 35010 (Padova) ITALY Tel. 049 9698 411 Fax. 049 9698 407. Assistenza Tecnica: 348 1500404 By VS ELECTRICS Via Valsugana, 63 35010 (Padova) ITLY Tel. 049 9698 411 Fax. 049 9698 407 ssistenza Tecnica: 348 1500404 UNO Rivelatore ad infrarossi passivi da esterno e interno UNO DT Rivelatore ad infrarossi

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Manuale Tecnico di installazione e programmazione

Manuale Tecnico di installazione e programmazione Manuale Tecnico di installazione e programmazione AVVERTENZE Questo manuale contiene informazioni esclusive appartenenti alla Combivox Srl Unipersonale. I contenuti del manuale non possono essere utilizzati

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Listino e prodotti di Sicurezza Riservato Installatori 02/2015

Listino e prodotti di Sicurezza Riservato Installatori 02/2015 Negozio e esposizione Via Tirso 2 (ang. via Ripamonti) 20141 - Milano Tel. 02-57401249 Fax. 02-57401259 Andrea Zaccaro Cell. 389-8342812 Listino e prodotti di Sicurezza Riservato Installatori 02/2015 CROW

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Attivatore Telefonico GSM

Attivatore Telefonico GSM Part. U1991B - 10/09-01 PC Attivatore Telefonico GSM art. F462 Istruzioni d uso INFORMAZIONI PER LA SICUREZZA L'impiego dell'attivatore GSM art. F462 in componenti o sistemi per supporto vita non è consentito

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

PERC S.r.l.. Viale Belforte n. 45-21100 Varese (VA) ITALY Tel. / Fax (+39) 0332 238090 www.perc.it - info@perc.it.

PERC S.r.l.. Viale Belforte n. 45-21100 Varese (VA) ITALY Tel. / Fax (+39) 0332 238090 www.perc.it - info@perc.it. Catalogo Generale CENTRALI e TASTIERE MAS-SC-205CN Centralina 5 zone filari con tastiera a LED - 5 zone filari - Combinatore digitale integrato - 50 memorie eventi - Uscita 13.8Vdc Alimentazione ausiliaria

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni

SWISS Technology by Leica Geosystems. Leica Disto TM D3 Il multi-funzione per interni SWISS Technology by Leica Geosystems Leica Disto TM D Il multi-funzione per interni Misurare distanze e inclinazioni In modo semplice, rapido ed affidabile Leica DISTO D si contraddistingue per le numerose

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE.

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA TUA CENTRALE D ALLARME. LA NOSTRA FILOSOFIA Leader nel settore dei sistemi di sicurezza e domotica, dal 1978 offre soluzioni tecnologiche all avanguardia.

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00 Istruzioni di montaggio e per l'uso Altoparlante ad incasso 1258 00 Descrizione dell'apparecchio Con l'altoparlante ad incasso, il sistema di intercomunicazione Gira viene integrato in impianti di cassette

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli