ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso"

Transcript

1 REGISTRO SICUREZZA PLESSO: ANNO: Compilato: Componenti Servizio Prevenzione e Protezione Referente Sicurezza: Addetti antincendio Addetti primo soccorso Visto Rappresentante dei lavoratori Sicurezza (RLS) Approvazione: Dirigente Scolastico : Verifica del documento: R.S.P.P Medico Competente Non previsto Istruzione: il registro è un unico blocco di pagine; ogni pagina da compilare serve per le registrazioni di un anno il registro serve a documentare i controlli che sono fatti durante l anno scolastico per garantire la sicurezza e la salute dei frequentanti la sede scolastica Ad ogni inizio di anno scolastico il registro compilato va consegnato alla Direzione che ne consegnerà un altro da compilare per il nuovo anno Togliere i fogli che non sono applicabili all edificio 1 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

2 Istruzione: compilare la pagina con i nomi delle persone che, in caso di emergenza, hanno gli incarichi descritti (una persona può ricoprire più incarichi) PREDISPOSIZIONE DEGLI INCARICHI Referente della sicurezza di plesso Addetto alla prevenzione incendi Addetto al primo soccorso Funzioni con specifiche mansioni per la sicurezza (collaboratori scolastici): SI NO NP SI NO NP SI NO NP SI NO NP ORGANIGRAMMA EMERGENZA E Responsabile del coordinamento di tutti gli interventi finalizzati alla sicurezza, alla prevenzione e all emergenza per l intera struttura scolastica. Le sue funzioni sono organizzativo- decisionale in quanto decide la strategia generale d intervento, mantiene il controllo dell intero insediamento, valuta e decide l eventuale evacuazione, coordina le comunicazioni con gli Enti esterni e gli interventi di soccorso necessari, stabilisce la fine dell emergenza. Mantiene inoltre stretti rapporti in materia di sicurezza con il Dirigente scolastico, l RSPP e i vari addetti della squadra di emergenza Persone adeguatamente qualificate da corsi di formazione e addestrate da esercitazioni pratiche, sono assegnati i compiti di: controllo e spegnimento dei fuochi, controllo e mantenimento dei dispositivi antincendio, registrazione di tali controlli sul Registro della sicurezza, collaborazione con tutti gli addetti alla sicurezza di sede. controllo periodico della percorribilità e agibilità delle vie fuga. Sono addetti per i quali è stata prevista una formazione specifica, e che dovrebbero essere in grado di assicurare un primo intervento di soccorso dell infortunato in caso di incidente. Sono responsabili del controllo periodico del contenuto della cassetta o armadietto di medicinali (Contenuti cassetta pacchetto primo soccorso), compilando per ogni verifica il modulo di controllo materiale medicali contenuto nel Registro della sicurezza. Avvisare immediatamente gli addetti della sicurezza del pericolo in atto; Dare il segnale d'allarme; Effettuare la chiamata di soccorso come da guida standard (schema chiamata urgenze); Aprire le vie di accesso e favorire il deflusso degli alunni prestando aiuto agli alunni diversamente abili; chiudere l' alimentazione degli impianti di luce, acqua e gas e messa in sicurezza degli stessi. Controllare il totale sfollamento di tutto l'edificio; Raccogliere e portare fuori gli elenchi degli alunni delle varie classi consegnato personalmente ai collaboratori; Aprire gli idranti ed usare gli estintori, se necessario; Controllare periodicamente la percorribilità e agibilità delle vie fuga. 2 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

3 Rappresentante dei lavoratori Personale docente: SI NO NP SI NO NP Esplica la funzione di organo interno di vigilanza delle azioni prevenzionistiche, ma soprattutto è chiamato a una partecipazione attiva, favorendo le collaborazioni e le consultazioni nell attuazione delle misure prevenzionali. (Rif. Art.19) Coordinamento e facilitazione delle operazioni di evacuazione e di raccolta degli alunni e del personale in un luogo sicuro, preventivamente individuato (punto di raccolta); Verifica della presenza all esterno di tutti gli alunni e il personale; Collaborazione con tutti gli addetti della sicurezza; Attività di educazione della sicurezza agli alunni; 3 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

4 Ordine di evacuazione INCARICHI OPERATIVI PER L' EMERGENZA COMPITI: Referente Sicurezza: Operatori scolastici *: PERSONE: Ruolo ricoperto Coordinamento operazioni Referente per la Sicurezza: Docenti e/o Operatori scolastici: Diffusione ordine di evacuazione L'allarme verrà dato a mezzo campanella o segnalazione sonora manuale Chiamate di soccorso Enti esterni (Vigili del fuoco Polizia, Ospedale, o altri numeri segnati in Portineria) Controllare l incendio aprendo gli idranti ed usando gli estintori Operatori scolastici o Docente* Operatori scolastici Referenti Antincendio.. Operatori scolastici Assistere infortunato in caso di malore o incidente (controllo della cassetta di primo soccorso) Interruzione Energia elettrica Interruzione gas e centrale termica Apertura accesso / cancello da via Controllo periodico della praticabilità delle vie di uscita Controllo periodico dei dispositivi antincendio. Addetto all aiuto disabili o bambini in difficoltà per malattia od inabilità temporanea. Controllo di totale sfollamento in particolare i servizi igienici Addetti primo soccorso Operatori scolastici Operatori scolastici Operatori scolastici Addetti antincendio ed Operatori scolastici Addetti antincendio Operatori scolastici Insegnante di sostegno (se presente) Insegnante della classe Operatori scolastici *Per Operatori scolastici si intende tutto il personale in servizio nel momento dell'evacuazione * Per docenti si intende tutte le persone in servizio presso la sede scolastica in questione che ravvisino uno stato di pericolo 4 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

5 CONTROLLI ANTINCENDIO DISPOSITIVI PERIODI DI CONTROLLO Estintori portatili Naspi Idranti (su cassetta) Impianto antincendio pulsanti di allarme Centrale termica Porte taglia -fuoco Impianto di illuminazione di emergenza Impianto elettrico (salvavita) Cassetta di pronto soccorso Controlli e verifiche da enti dell impianto di messa a terra Controlli percorribilità vie di fuga e apertura porte di sicurezza Scheda di manutenzione Registro di evacuazione Verbale riunione di sicurezza Questionario di rilevazione dei rischi semestrale semestrale semestrale trimestrale quadrimestrale (periodo di accensione) semestrale semestrale trimestrale mensile biennale mensile semestrale semestrale annuale annuale ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL REGISTRO 1. Nella colonna denominata Esito apporre una croce se la verifica effettuata risulta Positiva = Pos. oppure se risulta Negativa=Neg. 2. Se le osservazioni annotate fossero urgenti e gravi, aprire una non conformità per un'azione di provvedimento immediato con comunicazione alla Direzione Scolastica, in tal caso indicare la data sull apposita colonna riportata nella tabella di controllo del dispositivo con la voce Data e sigla avviso Direzione Scolastica 5 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

6 ESTINTORI PORTATILI controllo semestrale: (ottobre-aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (ADDETTO ANTINCENDIO) : 1. Controllare la presenza di tutti gli estintori; 2. Controllare che il cartellino di manutenzione sia presente sull apparecchio e sia correttamente compilato; 3. Verificare che l estintore sia correttamente agganciato o alloggiato; 4. Verificare la presenza di apposito cartello che in modo visibile rechi la dicitura estintore e estintore N ); 5. Verificare che l estintore sia visibile, immediatamente utilizzabile e l accesso allo stesso sia libero da ostacoli; 6. Far registrare gli interventi della ditta preposta alla verifica con segnalazione del tipo di intervento effettuato; 7. Verificare che non risulti manomesso o mancante lo spinotto di sicurezza per evitare azionamenti accidentali; 8. Controllare la presenza che i contrassegni distintivi siano esposti a vista e siano ben leggibili; 9. Controllare il manometro indichi un valore di pressione compreso all interno del campo verde; 10. Verificare l assenza di anomalie quali ugelli ostruiti, perdite, tracce di corrosione, sconnessioni, o incrinature di tubi flessibili, ecc; 11. Se, il supporto o alloggiamento è danneggiato va sostituito o riposizionato. N estintori da esaminare: (scrivere quanti estintori sono presenti nell edificio o sue pertinenze) N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2 ). Note: 6 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

7 NASPI controllo semestrale: (ottobre aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO ( addetto antincendio): 1. Verificare l accessibilità delle cassetta porta- naspo 2. Verificare l integrità della cassetta 3. Verificare che il contenuto della cassetta corrisponda a quanto riportato nell apposito elenco 4. Verificare la presenza della chiave di apertura delle cassette (dove prevista) 5. Verificare la presenza dell idonea cartellonistica di segnalazione N Naspi da esaminare : (scrivere quanti naspi sono presenti nell edificio o sue pertinenze) N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2). Note: 7 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

8 IDRANTI SU CASSETTA controllo semestrale: (ottobre aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO( addetto antincendio): 1. Controllo accessibilità alla cassetta porta-idrante; 2. Controllare che non ci siano perdite di acqua; 3. Controllo integrità cassetta e protezione trasparente; 4. Accertarsi che la manichetta sia collegata al rubinetto 5. Accertare la presenza della tubazione e della lancia; 6. Accertare la presenza della segnaletica. 7. Verificare che il contenuto della cassetta corrisponda a quanto riportato nell apposito elenco 8. Verificare la presenza della chiave di apertura delle cassette 9. Verificare la presenza dell idonea cartellonistica di segnalazione 10.Verificare la data dell'ultimo controllo effettuato dalla ditta di manutenzione. N Idranti da esaminare: (scrivere quanti naspi sono presenti nell edificio o sue pertinenze) N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2) Note 8 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

9 IMPIANTO RILEVAZIONE INCENDIO PULSANTI DI ALLARME ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO ( addetto antincendio): controllo trimestrale: (ottobre- gennaio-aprile) 1. Verificare che i pulsanti siano integri 2. Ripristinare eventuali dischetti o vetrini mancanti 3. Segnalare i coperchietti mancanti 4. Verifica presenza dell idonea cartellonistica di segnalazione dell allarme N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (1) Note 9 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

10 PORTE TAGLIA FUOCO controllo semestrale:(ottobre aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (addetto antincendio): 1. Verifica degli eventuali automatismi di comando, es.: chiudi-porta, regolatori di chiusura, magneti di sgancio, maniglioni; 2. Le porte tagliafuoco devono sempre essere apribili facilmente; 3. Verificare che le guarnizioni dei bordi siano in grado di garantire la tenuta ai fumi; 4. Verificare che i percorsi e le uscite siano chiaramente evidenziati; 5. Verificare che la cartellonistica sia efficiente e leggibile; 6. Verificare che le porte e gli spazi siano tenuti liberi e sgombri da eventuali materiali di deposito. N. Tipo di intervento e di verifica Esito Data. Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica Note 10 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

11 IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA controllo semestrale:(ottobre aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (addetto antincendio): 1. Verificare che tutte le lampade di emergenza rimangano accese per almeno 30 minuti dopo aver tolto tensione all impianto 2. Controllare che esistano lampade in presenza di scale e porte di emergenza 3. Controllare che esistano lampade in prossimità del quadro elettrico 4. Verificare la presenza di lampade inserite in quadri cartelli indicanti l uscita o segnali luminosi N Lampade da esaminare N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2) Note 11 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

12 CONTROLLO PERCORRIBILITA DELLE VIE DI FUGA E FUNZIONALITA DELLE PORTE DI SICUREZZA controllo mensile (addetti antincendio) Istruzione: controllare che ingombri, lavori, depositi di arredi o altro non ostruiscano le vie di emergenza che conducono in luogo sicuro, compresa la piena apertura delle porte di emergenza N. Tipo di intervento Esito (1) Data Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2). Note: 12 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

13 REGISTRO DELLA SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO CONTROLLO ESEGUITO DA DITTA ESTERNA SU ESTINTORI ED IDRANTI controllo semestrale:(gennaio giugno) Istruzione: da utilizzare qualora risulti comodo o necessario segnare gli interventi della ditta di manutenzione a parte N Estintori da esaminare N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data Firma Responsabile operazione NOTE. Note: 13 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

14 CENTRALE TERMICA controllo quadrimestrale: (ottobre febbraio) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO ( addetto antincendio): 1. Verificare che l'interruttore di intercettazione della corrente elettrica della centrale termica sia ben segnalato e funzionante. 2. Verificare che le valvole di intercettazioni del combustibile siano ben segnalate e funzionanti. 3. Verificare che i mezzi di estinzione siano presenti e in perfetta efficienza 4. Se è possibile l accesso nel locale centrale termica, deve essere curata la pulizia ed evitato ogni accumulo di materiali 5. La porta della centrale termica deve essere tenuta chiusa a chiave 6. Assicurarsi che la cartellonistica e la segnaletica siano correttamente al loro posto. N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (1) Note 14 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

15 ALTRI CONTROLLI ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO IMPIANTO ELETTRICO controllo trimestrale: (ottobre- gennaio-aprile) PROCEDURE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (addetto antincendio): 1. Verificare la funzionalità degli interruttori differenziali (chiedere prima istruzioni); 2. Verificare che non esistano prese/interruttori staccati, fili scoperti o non protetti da canaline; 3. Controllare lo stato di integrità del pulsante di stacco generale di emergenza N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2) Note 15 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

16 CASSETTA PRIMO SOCCORSO controllo mensile PROCEDURE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (addetto primo soccorso): 1. Controllare se la cassetta di primo soccorso è facilmente individuabile e se nelle vicinanze ci sono esposti i numeri di primo soccorso;( messi vicino al telefono) 2. Verificare la presenza di tutti i prodotti contenuti nella lista di medicinali esposta all esterno della cassetta; 3. Controllare se esistono prodotti in scadenza e sostituirli con i nuovi. Controllo igiene e pulizia della mensa e registrazione N. Tipo di intervento Esito (1) Data Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2). 16 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

17 CONTENUTO MINIMO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO - Guanti sterili monouso (5 paia). - Visiera paraschizzi - Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1). - Flaconi di soluzione fisiologica ( sodio cloruro - 0, 9%) da 500 ml (3). - Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10). - Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (2). - Teli sterili monouso (2). - Pinzette da medicazione sterili monouso (2). - Confezione di rete elastica di misura media (1). - Confezione di cotone idrofilo (1). - Confezioni di cerotti di varie misure pronti all'uso (2). - Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 (2). - Un paio di forbici. - Lacci emostatici (3). - Ghiaccio pronto uso (due confezioni). - Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (2). - Termometro. - Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa. Allegato 2 CONTENUTO MINIMO DEL PACCHETTO DI MEDICAZIONE (PER LE GITE SCOLASTICHE E LUOGHI LONTANI DALLA CASSETTA) - Guanti sterili monouso (2 paia). - Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml (1). - Flacone di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 250 ml(1). - Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (1). - Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (3). - Pinzette da medicazione sterili monouso (1). - Confezione di cotone idrofilo (1). - Confezione di cerotti di varie misure pronti all'uso (1). - Rotolo di cerotto alto cm 2,5 (1). - Rotolo di benda orlata alta cm 10 (1). - Un paio di forbici (1). - Un laccio emostatico (1). - Confezione di ghiaccio pronto uso (1). - Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (1). - Istruzioni sul modo di usare i presidi suddetti e di prestare i primi soccorsi in attesa del servizio di emergenza 17 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

18 EMERGENZE: Evacuazione pag 19 I intervento in caso di pag 24 Alunni con patologie 18 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

19 Istruzione: inserire il numero massimo di persone presenti nell edificio (compilazione documento: staff sicurezza) N PRESENZA MASSIMA Alunni Insegnanti Operatori scolastici Operatori Mensa Altri, anche se presenti occasionalmente (personale di mensa, insegnante musica, psicopedagogista, ospiti ricorrenti, ecc.) Genitori o visitatori Altri Abili Diversamente abili TOTALE TOTALE (PRESENZA MASSIMA) Il Certificato Prevenzione Incendi (se presente) prevede un numero massimo di presenze di: Controllare i due ultimi numeri: il totale delle persone presenti deve essere inferiore al numero previsto dal certificato prevenzione incendi Nota: se non è presente il certificato e/o il progetto antincendio si valutano convenzionalmente 27 persone medie per aula quando l aula abbia porte di 120 cm che si aprono verso la via di fuga, altrimenti non più di 25 persone per aula compresi gli insegnanti. Se non diversamente stabilito si assume di non superare il numero massimo di presenze di 300 unità, anche in presenza di Certificati con limiti più elevati. 19 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

20 VALUTAZIONE DEI PERCORSI PER L EVACUAZIONE Istruzione per la compilazione: staff sicurezza Compilare all inizio dell anno scolastico ed ogni volta vi sia una variazione di percorso o di situazione Fare riferimento alle planimetrie esposte inserendo percorsi e classi in ordine di uscita (ad es. prima tutte le classi che g ravano sull uscita A e così via). Istruzione: identificare ogni uscita di emergenza (numero, lettera, colore, ecc..) e inserirla in prima colonna Nella seconda colonna Individuare il percorso che conduce all uscita di emergenza e scrivere il quali di classi/aule/stanze sono indirizzate verso quell uscita (ricordare che per le scuole a medio rischio incendio il percorso che conduce a luogo sicuro non deve superare i 45 metri (circa 50 passi di adulto) Nella terza colonna segnare il punto più stretto del percorso che porta all uscita individuata Nella quarta colonna segnare la larghezza della porta di emergenza (80 cm, 120 cm o larghezze maggiori a scalini di 60 cm, in caso di misure intermedie considerare sempre quella inferiore) Contare quante persone sono indirizzate verso l uscita di emergenza e valutare se l uscita permette una ordinata evacuazione delle persone senza intasamenti, imbuti, file USCITA FRUITORI PER USCITA DI SICUREZZA Larghezza minima (via in cm) MISURA USCITA Pers Max Confor.tà SI/NO 20 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

21 21 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

22 CONTROLLO PRESENZA SCHEMI DI USCITA NELLE AULE (ottobre aprile) Referente Sicurezza N. Tipo di intervento Esito (1) Data Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2).. 22 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

23 MODULO DI RILEVAMENTO EVACUAZIONE Istruzione: modulo da fotocopiare e utilizzare per il controllo della completa evacuazione dell edificio Pericolo... Data:... Luogo :... Ora... Foglio n I A Classe Alunni Presenti Insegnanti Operatori Scolastici Altre persone Persone non evacuate I B I C II A II B II C III A III B III C IV A IV B IV C V A V B V C TOTALE TEMPO COMPLESSIVO IMPIEGATO: PROBLEMI RILEVATI Il referente per la sicurezza 23 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

24 V E R B A L E E V A C U A Z I O N E Pericolo:.. Foglio numero: Data:.Luogo...ora: REQUISITI ESSENZIALI RILEVAZIONE Conforme Non conforme * Tempo massimo di evacuazione dall edificio a 3 minuti > a 3 minuti: Episodi di panico NO SI Cambio percorsi NO SI Persone esterne all interno NO SI Presenza addetti ai piani SI NO Esecuzione corretta dell istruzioni date SI NO Disagi per i portatori di handicap NO SI Ingorghi o fermi nel deflusso NO SI Ricezione dell allarme da parte di tutti SI NO * Inserire e specificare l evento e il comportamento rilevato durante l esercitazione nelle note qui sotto riportate. NOTE : FIRMA Referente per la Sicurezza 24 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

25 Foglio numero: V E R B A L E E M E R G E N Z A M a l o r e / I n f o r t u n i o / A l t r o ( c a n c e l l a r e l a p a r t e c h e n o n i n t e r e s s a ; s e a l t r o s p e c i f i c a r e ) Data: ora: Problema:. Luogo dell emergenza:.... Persone coinvolte REQUISITI ESSENZIALI RILEVAZIONE Conforme Non conforme * Ricezione dell allarme di allerta da parte di tutti SI NO Tempo di ritrovamento dell infortunato a 3 minuti > a 3 minuti: Episodi di panico NO SI Presenza addetti ai piani SI NO Esecuzione corretta dell istruzioni date da parte degli addetti Esecuzione corretta dell istruzioni date da parte dei Collaboratori Esecuzione corretta dell istruzioni date da parte degli alunni SI SI SI NO NO NO Persone esterne all interno NO SI Problemi NO SI * Inserire e specificare l evento e il comportamento rilevato durante l esercitazione nelle note qui sotto riportate. 25 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

26 NOTE : FIRMA Referente per la Sicurezza Referenti Primo Soccorso 26 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

27 PROCEDURA IN CASO DI MALORE/INCIDENTI SEGNALE CONVENUTO: SQUILLI RAVVICINATI E CONTINUATIVI DELLA CAMPANELLA TUTTI, DOCENTI E COLLABORARATORI, AL SEGNALE CONVENUTO, SI ALLERTANO PER VERIFICARE COSA SIA ACCADUTO. GLI ADDETTI DELLA SQUADRA DI EMERGENZA E I COLLABORATORI SI ATTIVANO. 1. LA PERSONA PIU VICINA A CHI E STATO COLPITO DA INCIDENTE/MALORE DA L ALLARME E RESTA VICINO ALL INFORTUNATO. 2. TUTTI I DOCENTI E COLLABORATORI SONO TENUTI AD ATTIVARSI PER LA SORVEGLIANZA DELLE CLASSI DEGLI ADDETTI IMPEGNATI NELL EMERGENZA. 3. LA CLASSE DOVE E AVVENUTO L INCIDENTE VA FATTA ALLONTANARE DA UN DOCENTE/COLLABORATORE, MENTRE L INFORTUNATO RESTA IN CLASSE CON L ADULTO CHE ERA PRESENTE AL MOMENTO DELL INCIDENTE/MALORE. 4. DEVONO ESSERE PRESTATI I PRIMI INTERVENTI DI SOCCORSO 5. GLI ADDETTI DELL EMERGENZA, VERIFICATO l ACCADUTO, ATTIVANO LE PROCEDURE DI I SOCCORSO O QUELLE DI EVACUAZIONE. SE NECESSARIO SI CHIAMA IL 118 O I VVFF. 6. GLI ADDETTI, SUCCESSIVAMENTE, AVVISANO LA DIREZIONE E/O LA FAMIGLIA. 27 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

28 VERBALE DI RIUNIONE PER ALUNNI CON PATOLOGIE MEDICHE copia del verbale, debitamente firmato, va conservato nel registro della sicurezza. L originale va consegnata in direzione didattica per il protocollo. Data: Luogo: Argomenti trattati : conoscenza della patologia di cui soffre l alunno iscritto alla classe del plesso Sintomi della patologia e le modalità per riconoscerla: Modalità e tempi di intervento: Rischi per l alunno nel caso di una somministrazione impropria di cure o farmaci: Informazioni circa la conservazione dei farmaci: 28 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

29 Possibilità dell alunno di partecipare a gite e escursioni al di fuori della sede scolastica ed eventuali limiti: Dimostrazione delle modalità di intervento: Si dichiara che l intervento presso l alunno sofferente della sopraindicata patologia, RICHIEDE / NON RICHIEDE conoscenze mediche o paramediche Il MEDICO SPECIALISTA I GENITORI DELL ALUNNO INSEGNANTI PRESENTI 29 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

30 Compilazione a cura dei Collaboratori Scolastici ogni volta che si presentino dei manutentori per interventi nell edificio scolastico SCHEDA DI MANUTENZIONE Modifiche all impianto in data: Tipologia di Intervento: Modifiche Firma del responsabile attività Antincendio.. Modifiche all impianto in data: Tipologia di Intervento: Modifiche Firma del responsabile attività Antincendio Modifiche all impianto in data: Tipologia di Intervento: Modifiche Firma del responsabile attività Antincendio:. 30 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

31 CONTROLLO IGIENE E PULIZIA DELLA MENSA E REGISTRAZIONE Controllo mensile a cura dell insegnante incaricato N. Tipo di intervento Esito (1) Data 1. Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2) di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

32 GESTIONE NON CONFORMITA NON CONFORMITA RILEVATE E INVIATE ALLA DIREZIONE REGISTRAZIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE N. Descrizione non conformità Data Rilevaz. Trasmessa DD e/o RSPP Chiusa in data 32 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

33 33 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

34 MODULODI TRASMISSIONE NON CONFORMITA (FOTOCOPIARE SPEDIRE VIA FAX IN DIREZIONE CONSERVARE COPIA E REGISTRARE NEL REGISTRO NON CONFORMITA ) Data rilevazione: Rilevata da: Sistema di Gestione Interna Struttura Reclamo esterno Descrizione Non Conformità: Descrizione della Causa: Azione intrapresa in seguito alla segnalazione: FIRMA Funzione interessata alla soluzione della NC: Firma per presa visione: 34 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

35 FORMAZIONE E COORDINAMENTO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE DI PLESSO REGISTRAZIONE DELLA FORMAZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE E LAVORATORI INCARICATI: N. Tipo di formazione Data Firma VERBALE (estremi) 35 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza:

Sicurezza all IUE. All Istituto è presente la seguente struttura organizzativa in tema di sicurezza: Sicurezza all IUE In tema di sicurezza l Istituto, che gode dell autonomia prevista dalla Convenzione che lo istituisce e dall Accordo di Sede con l Italia, si ispira ai principi fondamentali della normativa

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Dipartimento di Elettronica e Informazione

Dipartimento di Elettronica e Informazione Sommario 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. RIFERIMENTI... 3 3. DEFINIZIONI... 5 4. COMPITI E RESPONSABILITÀ... 5 5. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE... 5 6. ORGANIZZAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA... 6 6.1

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI

INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI Istituto Tecnico Commerciale Statale Antonio Pacinotti Via Benedetto Croce, 34 - Pisa tel:050-23520 fax:050-40848 www.itcpacinotti.pisa.it pitd01000g@istruzione.it INFORMAZIONE DEGLI STUDENTI OPUSCOLO

Dettagli

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado

Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Vademecum per gli addetti al primo soccorso e alle emergenze nelle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado Edizione 2014 Pubblicazione realizzata da INAIL Sovrintendenza Sanitaria Centrale

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO

I.I.S.S CM: CTIS00900X IN CASO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIOREE V. I. CAPIZZI -BRONTE I.I.S.S "V. IGNAZIO CAPIZZI" BRONTE Liceo Classico - Liceo Artistico - Liceo Scientifico - I.P.S.I.A. CM: CTIS00900X OPUSCOLOO INFORMATIVO

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Università degli studi di Parma MANUALE DELLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO A cura di Maria Concetta Arena Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Via S. Michele, 9 43100 PARMA Tel. 0521 034713

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole

Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Sicurezza realizzabile. Lista di controllo Persone tenute a lavorare da sole Nella vostra azienda è garantita la sicurezza delle persone tenute a lavorare da sole? Per persona «tenuta a lavorare da sola»

Dettagli

PRIME PER. Edificio. Il Coordinatore progettazio. Aprile 2013. one. P.le T (+ +39) 06 49694150 www.uniroma1.it

PRIME PER. Edificio. Il Coordinatore progettazio. Aprile 2013. one. P.le T (+ +39) 06 49694150 www.uniroma1.it PRIME INDICAZIONI E MISURE SULLA SICUERZZA PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (Art. 17 D.P.R. 207/2010 0) SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA Realizzazionee di nuovo Stabulario Edificio B, Piano

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA

CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA 1 COBAS - Comitati di Base della Scuola della provincia di Venezia www.cobasscuolavenezia.it - e-mail: posta@cobasscuolavenezia.it CESP Centro Studi per la Scuola Pubblica VENEZIA In quanti in classe con

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro

Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Vademecum per la gestione della sicurezza e della salute sul lavoro Il Vademecum... Il documento contiene le direttrici generali per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro con alcune verticalizzazioni

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 27 Sezione 3.3 Attività lavorativa Collaboratore Scolastico Descrizione Responsabilità e competenze Attività svolte Luoghi di lavoro Rischi per la sicurezza Rischi per la salute Dispositivi

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI)

Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) Procedure semplificate per l adozione de modelli di organizzazione e gestione (MOG) nelle piccole e medie imprese (PMI) 1. PREMESSA Il d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell articolo 1 della legge

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli