ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso"

Transcript

1 REGISTRO SICUREZZA PLESSO: ANNO: Compilato: Componenti Servizio Prevenzione e Protezione Referente Sicurezza: Addetti antincendio Addetti primo soccorso Visto Rappresentante dei lavoratori Sicurezza (RLS) Approvazione: Dirigente Scolastico : Verifica del documento: R.S.P.P Medico Competente Non previsto Istruzione: il registro è un unico blocco di pagine; ogni pagina da compilare serve per le registrazioni di un anno il registro serve a documentare i controlli che sono fatti durante l anno scolastico per garantire la sicurezza e la salute dei frequentanti la sede scolastica Ad ogni inizio di anno scolastico il registro compilato va consegnato alla Direzione che ne consegnerà un altro da compilare per il nuovo anno Togliere i fogli che non sono applicabili all edificio 1 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

2 Istruzione: compilare la pagina con i nomi delle persone che, in caso di emergenza, hanno gli incarichi descritti (una persona può ricoprire più incarichi) PREDISPOSIZIONE DEGLI INCARICHI Referente della sicurezza di plesso Addetto alla prevenzione incendi Addetto al primo soccorso Funzioni con specifiche mansioni per la sicurezza (collaboratori scolastici): SI NO NP SI NO NP SI NO NP SI NO NP ORGANIGRAMMA EMERGENZA E Responsabile del coordinamento di tutti gli interventi finalizzati alla sicurezza, alla prevenzione e all emergenza per l intera struttura scolastica. Le sue funzioni sono organizzativo- decisionale in quanto decide la strategia generale d intervento, mantiene il controllo dell intero insediamento, valuta e decide l eventuale evacuazione, coordina le comunicazioni con gli Enti esterni e gli interventi di soccorso necessari, stabilisce la fine dell emergenza. Mantiene inoltre stretti rapporti in materia di sicurezza con il Dirigente scolastico, l RSPP e i vari addetti della squadra di emergenza Persone adeguatamente qualificate da corsi di formazione e addestrate da esercitazioni pratiche, sono assegnati i compiti di: controllo e spegnimento dei fuochi, controllo e mantenimento dei dispositivi antincendio, registrazione di tali controlli sul Registro della sicurezza, collaborazione con tutti gli addetti alla sicurezza di sede. controllo periodico della percorribilità e agibilità delle vie fuga. Sono addetti per i quali è stata prevista una formazione specifica, e che dovrebbero essere in grado di assicurare un primo intervento di soccorso dell infortunato in caso di incidente. Sono responsabili del controllo periodico del contenuto della cassetta o armadietto di medicinali (Contenuti cassetta pacchetto primo soccorso), compilando per ogni verifica il modulo di controllo materiale medicali contenuto nel Registro della sicurezza. Avvisare immediatamente gli addetti della sicurezza del pericolo in atto; Dare il segnale d'allarme; Effettuare la chiamata di soccorso come da guida standard (schema chiamata urgenze); Aprire le vie di accesso e favorire il deflusso degli alunni prestando aiuto agli alunni diversamente abili; chiudere l' alimentazione degli impianti di luce, acqua e gas e messa in sicurezza degli stessi. Controllare il totale sfollamento di tutto l'edificio; Raccogliere e portare fuori gli elenchi degli alunni delle varie classi consegnato personalmente ai collaboratori; Aprire gli idranti ed usare gli estintori, se necessario; Controllare periodicamente la percorribilità e agibilità delle vie fuga. 2 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

3 Rappresentante dei lavoratori Personale docente: SI NO NP SI NO NP Esplica la funzione di organo interno di vigilanza delle azioni prevenzionistiche, ma soprattutto è chiamato a una partecipazione attiva, favorendo le collaborazioni e le consultazioni nell attuazione delle misure prevenzionali. (Rif. Art.19) Coordinamento e facilitazione delle operazioni di evacuazione e di raccolta degli alunni e del personale in un luogo sicuro, preventivamente individuato (punto di raccolta); Verifica della presenza all esterno di tutti gli alunni e il personale; Collaborazione con tutti gli addetti della sicurezza; Attività di educazione della sicurezza agli alunni; 3 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

4 Ordine di evacuazione INCARICHI OPERATIVI PER L' EMERGENZA COMPITI: Referente Sicurezza: Operatori scolastici *: PERSONE: Ruolo ricoperto Coordinamento operazioni Referente per la Sicurezza: Docenti e/o Operatori scolastici: Diffusione ordine di evacuazione L'allarme verrà dato a mezzo campanella o segnalazione sonora manuale Chiamate di soccorso Enti esterni (Vigili del fuoco Polizia, Ospedale, o altri numeri segnati in Portineria) Controllare l incendio aprendo gli idranti ed usando gli estintori Operatori scolastici o Docente* Operatori scolastici Referenti Antincendio.. Operatori scolastici Assistere infortunato in caso di malore o incidente (controllo della cassetta di primo soccorso) Interruzione Energia elettrica Interruzione gas e centrale termica Apertura accesso / cancello da via Controllo periodico della praticabilità delle vie di uscita Controllo periodico dei dispositivi antincendio. Addetto all aiuto disabili o bambini in difficoltà per malattia od inabilità temporanea. Controllo di totale sfollamento in particolare i servizi igienici Addetti primo soccorso Operatori scolastici Operatori scolastici Operatori scolastici Addetti antincendio ed Operatori scolastici Addetti antincendio Operatori scolastici Insegnante di sostegno (se presente) Insegnante della classe Operatori scolastici *Per Operatori scolastici si intende tutto il personale in servizio nel momento dell'evacuazione * Per docenti si intende tutte le persone in servizio presso la sede scolastica in questione che ravvisino uno stato di pericolo 4 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

5 CONTROLLI ANTINCENDIO DISPOSITIVI PERIODI DI CONTROLLO Estintori portatili Naspi Idranti (su cassetta) Impianto antincendio pulsanti di allarme Centrale termica Porte taglia -fuoco Impianto di illuminazione di emergenza Impianto elettrico (salvavita) Cassetta di pronto soccorso Controlli e verifiche da enti dell impianto di messa a terra Controlli percorribilità vie di fuga e apertura porte di sicurezza Scheda di manutenzione Registro di evacuazione Verbale riunione di sicurezza Questionario di rilevazione dei rischi semestrale semestrale semestrale trimestrale quadrimestrale (periodo di accensione) semestrale semestrale trimestrale mensile biennale mensile semestrale semestrale annuale annuale ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL REGISTRO 1. Nella colonna denominata Esito apporre una croce se la verifica effettuata risulta Positiva = Pos. oppure se risulta Negativa=Neg. 2. Se le osservazioni annotate fossero urgenti e gravi, aprire una non conformità per un'azione di provvedimento immediato con comunicazione alla Direzione Scolastica, in tal caso indicare la data sull apposita colonna riportata nella tabella di controllo del dispositivo con la voce Data e sigla avviso Direzione Scolastica 5 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

6 ESTINTORI PORTATILI controllo semestrale: (ottobre-aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (ADDETTO ANTINCENDIO) : 1. Controllare la presenza di tutti gli estintori; 2. Controllare che il cartellino di manutenzione sia presente sull apparecchio e sia correttamente compilato; 3. Verificare che l estintore sia correttamente agganciato o alloggiato; 4. Verificare la presenza di apposito cartello che in modo visibile rechi la dicitura estintore e estintore N ); 5. Verificare che l estintore sia visibile, immediatamente utilizzabile e l accesso allo stesso sia libero da ostacoli; 6. Far registrare gli interventi della ditta preposta alla verifica con segnalazione del tipo di intervento effettuato; 7. Verificare che non risulti manomesso o mancante lo spinotto di sicurezza per evitare azionamenti accidentali; 8. Controllare la presenza che i contrassegni distintivi siano esposti a vista e siano ben leggibili; 9. Controllare il manometro indichi un valore di pressione compreso all interno del campo verde; 10. Verificare l assenza di anomalie quali ugelli ostruiti, perdite, tracce di corrosione, sconnessioni, o incrinature di tubi flessibili, ecc; 11. Se, il supporto o alloggiamento è danneggiato va sostituito o riposizionato. N estintori da esaminare: (scrivere quanti estintori sono presenti nell edificio o sue pertinenze) N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2 ). Note: 6 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

7 NASPI controllo semestrale: (ottobre aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO ( addetto antincendio): 1. Verificare l accessibilità delle cassetta porta- naspo 2. Verificare l integrità della cassetta 3. Verificare che il contenuto della cassetta corrisponda a quanto riportato nell apposito elenco 4. Verificare la presenza della chiave di apertura delle cassette (dove prevista) 5. Verificare la presenza dell idonea cartellonistica di segnalazione N Naspi da esaminare : (scrivere quanti naspi sono presenti nell edificio o sue pertinenze) N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2). Note: 7 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

8 IDRANTI SU CASSETTA controllo semestrale: (ottobre aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO( addetto antincendio): 1. Controllo accessibilità alla cassetta porta-idrante; 2. Controllare che non ci siano perdite di acqua; 3. Controllo integrità cassetta e protezione trasparente; 4. Accertarsi che la manichetta sia collegata al rubinetto 5. Accertare la presenza della tubazione e della lancia; 6. Accertare la presenza della segnaletica. 7. Verificare che il contenuto della cassetta corrisponda a quanto riportato nell apposito elenco 8. Verificare la presenza della chiave di apertura delle cassette 9. Verificare la presenza dell idonea cartellonistica di segnalazione 10.Verificare la data dell'ultimo controllo effettuato dalla ditta di manutenzione. N Idranti da esaminare: (scrivere quanti naspi sono presenti nell edificio o sue pertinenze) N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2) Note 8 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

9 IMPIANTO RILEVAZIONE INCENDIO PULSANTI DI ALLARME ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO ( addetto antincendio): controllo trimestrale: (ottobre- gennaio-aprile) 1. Verificare che i pulsanti siano integri 2. Ripristinare eventuali dischetti o vetrini mancanti 3. Segnalare i coperchietti mancanti 4. Verifica presenza dell idonea cartellonistica di segnalazione dell allarme N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (1) Note 9 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

10 PORTE TAGLIA FUOCO controllo semestrale:(ottobre aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (addetto antincendio): 1. Verifica degli eventuali automatismi di comando, es.: chiudi-porta, regolatori di chiusura, magneti di sgancio, maniglioni; 2. Le porte tagliafuoco devono sempre essere apribili facilmente; 3. Verificare che le guarnizioni dei bordi siano in grado di garantire la tenuta ai fumi; 4. Verificare che i percorsi e le uscite siano chiaramente evidenziati; 5. Verificare che la cartellonistica sia efficiente e leggibile; 6. Verificare che le porte e gli spazi siano tenuti liberi e sgombri da eventuali materiali di deposito. N. Tipo di intervento e di verifica Esito Data. Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica Note 10 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

11 IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA controllo semestrale:(ottobre aprile) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (addetto antincendio): 1. Verificare che tutte le lampade di emergenza rimangano accese per almeno 30 minuti dopo aver tolto tensione all impianto 2. Controllare che esistano lampade in presenza di scale e porte di emergenza 3. Controllare che esistano lampade in prossimità del quadro elettrico 4. Verificare la presenza di lampade inserite in quadri cartelli indicanti l uscita o segnali luminosi N Lampade da esaminare N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2) Note 11 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

12 CONTROLLO PERCORRIBILITA DELLE VIE DI FUGA E FUNZIONALITA DELLE PORTE DI SICUREZZA controllo mensile (addetti antincendio) Istruzione: controllare che ingombri, lavori, depositi di arredi o altro non ostruiscano le vie di emergenza che conducono in luogo sicuro, compresa la piena apertura delle porte di emergenza N. Tipo di intervento Esito (1) Data Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2). Note: 12 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

13 REGISTRO DELLA SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO CONTROLLO ESEGUITO DA DITTA ESTERNA SU ESTINTORI ED IDRANTI controllo semestrale:(gennaio giugno) Istruzione: da utilizzare qualora risulti comodo o necessario segnare gli interventi della ditta di manutenzione a parte N Estintori da esaminare N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data Firma Responsabile operazione NOTE. Note: 13 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

14 CENTRALE TERMICA controllo quadrimestrale: (ottobre febbraio) ISTRUZIONE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO ( addetto antincendio): 1. Verificare che l'interruttore di intercettazione della corrente elettrica della centrale termica sia ben segnalato e funzionante. 2. Verificare che le valvole di intercettazioni del combustibile siano ben segnalate e funzionanti. 3. Verificare che i mezzi di estinzione siano presenti e in perfetta efficienza 4. Se è possibile l accesso nel locale centrale termica, deve essere curata la pulizia ed evitato ogni accumulo di materiali 5. La porta della centrale termica deve essere tenuta chiusa a chiave 6. Assicurarsi che la cartellonistica e la segnaletica siano correttamente al loro posto. N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione * Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (1) Note 14 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

15 ALTRI CONTROLLI ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO IMPIANTO ELETTRICO controllo trimestrale: (ottobre- gennaio-aprile) PROCEDURE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (addetto antincendio): 1. Verificare la funzionalità degli interruttori differenziali (chiedere prima istruzioni); 2. Verificare che non esistano prese/interruttori staccati, fili scoperti o non protetti da canaline; 3. Controllare lo stato di integrità del pulsante di stacco generale di emergenza N. Tipo di intervento e di verifica Esito (1) Data. Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2) Note 15 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

16 CASSETTA PRIMO SOCCORSO controllo mensile PROCEDURE DI CONTROLLO DA PARTE DEL VERIFICATORE INTERNO (addetto primo soccorso): 1. Controllare se la cassetta di primo soccorso è facilmente individuabile e se nelle vicinanze ci sono esposti i numeri di primo soccorso;( messi vicino al telefono) 2. Verificare la presenza di tutti i prodotti contenuti nella lista di medicinali esposta all esterno della cassetta; 3. Controllare se esistono prodotti in scadenza e sostituirli con i nuovi. Controllo igiene e pulizia della mensa e registrazione N. Tipo di intervento Esito (1) Data Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2). 16 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

17 CONTENUTO MINIMO DELLA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO - Guanti sterili monouso (5 paia). - Visiera paraschizzi - Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 1 litro (1). - Flaconi di soluzione fisiologica ( sodio cloruro - 0, 9%) da 500 ml (3). - Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (10). - Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (2). - Teli sterili monouso (2). - Pinzette da medicazione sterili monouso (2). - Confezione di rete elastica di misura media (1). - Confezione di cotone idrofilo (1). - Confezioni di cerotti di varie misure pronti all'uso (2). - Rotoli di cerotto alto cm. 2,5 (2). - Un paio di forbici. - Lacci emostatici (3). - Ghiaccio pronto uso (due confezioni). - Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (2). - Termometro. - Apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa. Allegato 2 CONTENUTO MINIMO DEL PACCHETTO DI MEDICAZIONE (PER LE GITE SCOLASTICHE E LUOGHI LONTANI DALLA CASSETTA) - Guanti sterili monouso (2 paia). - Flacone di soluzione cutanea di iodopovidone al 10% di iodio da 125 ml (1). - Flacone di soluzione fisiologica (sodio cloruro 0,9%) da 250 ml(1). - Compresse di garza sterile 18 x 40 in buste singole (1). - Compresse di garza sterile 10 x 10 in buste singole (3). - Pinzette da medicazione sterili monouso (1). - Confezione di cotone idrofilo (1). - Confezione di cerotti di varie misure pronti all'uso (1). - Rotolo di cerotto alto cm 2,5 (1). - Rotolo di benda orlata alta cm 10 (1). - Un paio di forbici (1). - Un laccio emostatico (1). - Confezione di ghiaccio pronto uso (1). - Sacchetti monouso per la raccolta di rifiuti sanitari (1). - Istruzioni sul modo di usare i presidi suddetti e di prestare i primi soccorsi in attesa del servizio di emergenza 17 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

18 EMERGENZE: Evacuazione pag 19 I intervento in caso di pag 24 Alunni con patologie 18 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

19 Istruzione: inserire il numero massimo di persone presenti nell edificio (compilazione documento: staff sicurezza) N PRESENZA MASSIMA Alunni Insegnanti Operatori scolastici Operatori Mensa Altri, anche se presenti occasionalmente (personale di mensa, insegnante musica, psicopedagogista, ospiti ricorrenti, ecc.) Genitori o visitatori Altri Abili Diversamente abili TOTALE TOTALE (PRESENZA MASSIMA) Il Certificato Prevenzione Incendi (se presente) prevede un numero massimo di presenze di: Controllare i due ultimi numeri: il totale delle persone presenti deve essere inferiore al numero previsto dal certificato prevenzione incendi Nota: se non è presente il certificato e/o il progetto antincendio si valutano convenzionalmente 27 persone medie per aula quando l aula abbia porte di 120 cm che si aprono verso la via di fuga, altrimenti non più di 25 persone per aula compresi gli insegnanti. Se non diversamente stabilito si assume di non superare il numero massimo di presenze di 300 unità, anche in presenza di Certificati con limiti più elevati. 19 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

20 VALUTAZIONE DEI PERCORSI PER L EVACUAZIONE Istruzione per la compilazione: staff sicurezza Compilare all inizio dell anno scolastico ed ogni volta vi sia una variazione di percorso o di situazione Fare riferimento alle planimetrie esposte inserendo percorsi e classi in ordine di uscita (ad es. prima tutte le classi che g ravano sull uscita A e così via). Istruzione: identificare ogni uscita di emergenza (numero, lettera, colore, ecc..) e inserirla in prima colonna Nella seconda colonna Individuare il percorso che conduce all uscita di emergenza e scrivere il quali di classi/aule/stanze sono indirizzate verso quell uscita (ricordare che per le scuole a medio rischio incendio il percorso che conduce a luogo sicuro non deve superare i 45 metri (circa 50 passi di adulto) Nella terza colonna segnare il punto più stretto del percorso che porta all uscita individuata Nella quarta colonna segnare la larghezza della porta di emergenza (80 cm, 120 cm o larghezze maggiori a scalini di 60 cm, in caso di misure intermedie considerare sempre quella inferiore) Contare quante persone sono indirizzate verso l uscita di emergenza e valutare se l uscita permette una ordinata evacuazione delle persone senza intasamenti, imbuti, file USCITA FRUITORI PER USCITA DI SICUREZZA Larghezza minima (via in cm) MISURA USCITA Pers Max Confor.tà SI/NO 20 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

21 21 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

22 CONTROLLO PRESENZA SCHEMI DI USCITA NELLE AULE (ottobre aprile) Referente Sicurezza N. Tipo di intervento Esito (1) Data Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2).. 22 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

23 MODULO DI RILEVAMENTO EVACUAZIONE Istruzione: modulo da fotocopiare e utilizzare per il controllo della completa evacuazione dell edificio Pericolo... Data:... Luogo :... Ora... Foglio n I A Classe Alunni Presenti Insegnanti Operatori Scolastici Altre persone Persone non evacuate I B I C II A II B II C III A III B III C IV A IV B IV C V A V B V C TOTALE TEMPO COMPLESSIVO IMPIEGATO: PROBLEMI RILEVATI Il referente per la sicurezza 23 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

24 V E R B A L E E V A C U A Z I O N E Pericolo:.. Foglio numero: Data:.Luogo...ora: REQUISITI ESSENZIALI RILEVAZIONE Conforme Non conforme * Tempo massimo di evacuazione dall edificio a 3 minuti > a 3 minuti: Episodi di panico NO SI Cambio percorsi NO SI Persone esterne all interno NO SI Presenza addetti ai piani SI NO Esecuzione corretta dell istruzioni date SI NO Disagi per i portatori di handicap NO SI Ingorghi o fermi nel deflusso NO SI Ricezione dell allarme da parte di tutti SI NO * Inserire e specificare l evento e il comportamento rilevato durante l esercitazione nelle note qui sotto riportate. NOTE : FIRMA Referente per la Sicurezza 24 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

25 Foglio numero: V E R B A L E E M E R G E N Z A M a l o r e / I n f o r t u n i o / A l t r o ( c a n c e l l a r e l a p a r t e c h e n o n i n t e r e s s a ; s e a l t r o s p e c i f i c a r e ) Data: ora: Problema:. Luogo dell emergenza:.... Persone coinvolte REQUISITI ESSENZIALI RILEVAZIONE Conforme Non conforme * Ricezione dell allarme di allerta da parte di tutti SI NO Tempo di ritrovamento dell infortunato a 3 minuti > a 3 minuti: Episodi di panico NO SI Presenza addetti ai piani SI NO Esecuzione corretta dell istruzioni date da parte degli addetti Esecuzione corretta dell istruzioni date da parte dei Collaboratori Esecuzione corretta dell istruzioni date da parte degli alunni SI SI SI NO NO NO Persone esterne all interno NO SI Problemi NO SI * Inserire e specificare l evento e il comportamento rilevato durante l esercitazione nelle note qui sotto riportate. 25 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

26 NOTE : FIRMA Referente per la Sicurezza Referenti Primo Soccorso 26 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

27 PROCEDURA IN CASO DI MALORE/INCIDENTI SEGNALE CONVENUTO: SQUILLI RAVVICINATI E CONTINUATIVI DELLA CAMPANELLA TUTTI, DOCENTI E COLLABORARATORI, AL SEGNALE CONVENUTO, SI ALLERTANO PER VERIFICARE COSA SIA ACCADUTO. GLI ADDETTI DELLA SQUADRA DI EMERGENZA E I COLLABORATORI SI ATTIVANO. 1. LA PERSONA PIU VICINA A CHI E STATO COLPITO DA INCIDENTE/MALORE DA L ALLARME E RESTA VICINO ALL INFORTUNATO. 2. TUTTI I DOCENTI E COLLABORATORI SONO TENUTI AD ATTIVARSI PER LA SORVEGLIANZA DELLE CLASSI DEGLI ADDETTI IMPEGNATI NELL EMERGENZA. 3. LA CLASSE DOVE E AVVENUTO L INCIDENTE VA FATTA ALLONTANARE DA UN DOCENTE/COLLABORATORE, MENTRE L INFORTUNATO RESTA IN CLASSE CON L ADULTO CHE ERA PRESENTE AL MOMENTO DELL INCIDENTE/MALORE. 4. DEVONO ESSERE PRESTATI I PRIMI INTERVENTI DI SOCCORSO 5. GLI ADDETTI DELL EMERGENZA, VERIFICATO l ACCADUTO, ATTIVANO LE PROCEDURE DI I SOCCORSO O QUELLE DI EVACUAZIONE. SE NECESSARIO SI CHIAMA IL 118 O I VVFF. 6. GLI ADDETTI, SUCCESSIVAMENTE, AVVISANO LA DIREZIONE E/O LA FAMIGLIA. 27 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

28 VERBALE DI RIUNIONE PER ALUNNI CON PATOLOGIE MEDICHE copia del verbale, debitamente firmato, va conservato nel registro della sicurezza. L originale va consegnata in direzione didattica per il protocollo. Data: Luogo: Argomenti trattati : conoscenza della patologia di cui soffre l alunno iscritto alla classe del plesso Sintomi della patologia e le modalità per riconoscerla: Modalità e tempi di intervento: Rischi per l alunno nel caso di una somministrazione impropria di cure o farmaci: Informazioni circa la conservazione dei farmaci: 28 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

29 Possibilità dell alunno di partecipare a gite e escursioni al di fuori della sede scolastica ed eventuali limiti: Dimostrazione delle modalità di intervento: Si dichiara che l intervento presso l alunno sofferente della sopraindicata patologia, RICHIEDE / NON RICHIEDE conoscenze mediche o paramediche Il MEDICO SPECIALISTA I GENITORI DELL ALUNNO INSEGNANTI PRESENTI 29 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

30 Compilazione a cura dei Collaboratori Scolastici ogni volta che si presentino dei manutentori per interventi nell edificio scolastico SCHEDA DI MANUTENZIONE Modifiche all impianto in data: Tipologia di Intervento: Modifiche Firma del responsabile attività Antincendio.. Modifiche all impianto in data: Tipologia di Intervento: Modifiche Firma del responsabile attività Antincendio Modifiche all impianto in data: Tipologia di Intervento: Modifiche Firma del responsabile attività Antincendio:. 30 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

31 CONTROLLO IGIENE E PULIZIA DELLA MENSA E REGISTRAZIONE Controllo mensile a cura dell insegnante incaricato N. Tipo di intervento Esito (1) Data 1. Firma Responsabile operazione Data e Sigla avviso Direzione Scolastica (2) di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

32 GESTIONE NON CONFORMITA NON CONFORMITA RILEVATE E INVIATE ALLA DIREZIONE REGISTRAZIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE N. Descrizione non conformità Data Rilevaz. Trasmessa DD e/o RSPP Chiusa in data 32 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

33 33 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

34 MODULODI TRASMISSIONE NON CONFORMITA (FOTOCOPIARE SPEDIRE VIA FAX IN DIREZIONE CONSERVARE COPIA E REGISTRARE NEL REGISTRO NON CONFORMITA ) Data rilevazione: Rilevata da: Sistema di Gestione Interna Struttura Reclamo esterno Descrizione Non Conformità: Descrizione della Causa: Azione intrapresa in seguito alla segnalazione: FIRMA Funzione interessata alla soluzione della NC: Firma per presa visione: 34 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

35 FORMAZIONE E COORDINAMENTO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE DI PLESSO REGISTRAZIONE DELLA FORMAZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE E LAVORATORI INCARICATI: N. Tipo di formazione Data Firma VERBALE (estremi) 35 di 35 Registro sicurezza aggior.22 set

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09

Adempimenti per la Sicurezza sul Lavoro D. Lgs. 81 / 08, integrato con D. Lgs. 106 / 09 ISTITUTO SCOLASTICO G. MAMELI Viale della Vittoria, 2 00036 PALESTRINA (RM) Plessi Scolastici aggregati all I. C. MAMELI Scuola Primaria e dell Infanzia Viale della Vittoria, 2 Palestrina (RM) Scuola Secondaria

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va)

doc 08 A Pagina 1 di 11 0331-372.011 Fax 0331-380.910 Viale Stelvio, 173 21052 Busto Arsizio (Va) Istituto Tecnico Internazionale Economico E. Tosi Busto Arsizio Amministrazione Finanza e Marketing Relazioni internazionali Sistemi informativi aziendali Turismo Internazionale Quadriennale CertINT 202

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI

DOCUMENTO ORGANIZZAZIONE PRIMO SOCCORSO E REGISTRO DEI CONTROLLI Anno Scolastico 2013 / 2014 ALLEGATO O Comune COMUNE DI VERONA Provincia Verona Istituto Scolastico I.P.S.E.O.A. A BERTI Servizio Prevenzione e Protezione A. Berti Istituto Professionale Servizi per l

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003 Dott. Giulio Angelo Boario Medico Chirurgo, Specialista in Medicina del Lavoro Str. Ronchi Cunioli Alti 63/12-10024 Moncalieri (TO) tel. 0116612547 - cell.3397233693 e-mail giulioangelo.boario@fastwebnet.it

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO NOME DATA FIRMA REDAZIONE R.S.P.P. Prof. Ssa Barone Rita Iolanda APPROVAZIONE Il Dirigente Scolastico AUTORIZZAZIONE Il Dirigente Scolastico AGGIORNAMENTO

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO IX ISTITUTO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO Via TASSONI 17 35127 PADOVA P A D O V A DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/15 SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO Dirigente Dott.ssa Luisa Imbriani R.S.P.P.

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale edizione Art. 34, 36, 37 D.Lgs. 81/2008 (ex Art. 22 D.Lgs. 626/97 Modificato con D.Lgs. 388/03) Gruppo A (16 ore)

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ISISS ANTONIO SANT ELIA ANNO 2011

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ISISS ANTONIO SANT ELIA ANNO 2011 REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ISISS ANTONIO SANT ELIA ANNO 2011 INDICE DEL REGISTRO 1.1 Introduzione pag. 02 1.2 Dati identificativi della scuola ed organigramma della sicurezza. 03 tabella 1: dati

Dettagli

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005

CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 CIRCOLARE CLIENTI - N 08/2005 DATA: 27/01/2005 A/TO CA: Titolare dell attività / Responsabile Personale / Resp. Servizio Prevenzione e Protezione / Resp. Formazione / Addetti Primo Soccorso DA/FROM: TECNOLARIO

Dettagli

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D. Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.Lgs 81/08 e smi) OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 15/11/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI -ANGERA C.M. VAIC880006 - C.F. 92027620126 Via Dante, 2 21021 ANGERA (VA) 0331 930169-0331 960127

Dettagli

Primo soccorso in azienda

Primo soccorso in azienda Primo soccorso in azienda Articolo 15 D. Lgs. 626/94 1) Il datore di lavoro (omissis).. prende provvedimenti necessari in materia di pronto soccorso e di assistenza medica di emergenza.(omissis) 2) Il

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO LA SICUREZZA NELL AMBIENTE SCOLASTICO dispensa informativa per docenti e non docenti A CURA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PREMESSA Le informazioni contenute nella presente dispensa sono nozioni

Dettagli

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Definizioni Art. 74 Qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi (RESIDUI) suscettibili

Dettagli

DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE PLESSO RICCI CURBASTRO A. SC. 2014-15

DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE PLESSO RICCI CURBASTRO A. SC. 2014-15 IX ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA G. RICCI CURBASTRO Via Tassoni, 17-35125 PADOVA - 049/684729 - fax 049/684397 C.F. 92200370283 Home-page : www.nonoicpadova.it e-mail Min.: pdic88600d@istruzione.it e-mail:

Dettagli

INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza)

INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza) INFORMAZIONI PER LE FIGURE SENSIBILI (Ad ognuno per quanto di sua competenza) 1. REGISTRO INFORTUNI (SEGRETERIA) L Istituto Comprensivo deve dotarsi di un unico registro infortuni per tutti i dipendenti

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009

IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. ed TU. Titolo IV. Cantieri temporanei o mobili PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE. il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 IL PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE ed TU Titolo IV Cantieri temporanei o mobili 1 PRIMO SOCCORSO IN CANTIERE il titolo IV del Dl.gs 81/2008+106/2009 dove parla del primo soccorso 2 Dlgs 81/2008+106/2009 allegato

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) ISTITUTO COMPRENSIVO VIA SCIALOIA 21 PIANO DI PRIMO SOCCORSO (art. 46 DLgs. 81/2008 e decreto n.388/2003) DELLA SCUOLA PRIMARIA CALVINO via Scialoia 19 Milano DELLA SCUOLA SECONDARIA I BUONARROTI via Scialoia

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it INDICE: 1. SCOPO;

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO I.P.S.S.A.R. P. ARTUSI Cod.Fis. 85001510248 Cod. min. VIRH010001 Via Pralonghi, 5 36076 RECOARO TERME (VI) Tel. 0445 75111 75215 fax. 0445 76387 www.artusi.vi.it info@artusi.vi.it E-mail certificata: virh010001@pec.istruzione.it

Dettagli

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15

PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 PIANO PRIMO SOCCORSO ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE G.B. GARBIN SCHIO - THIENE Anno Scolastico 2014/15 AI SENSI DEL D. LGS 9 APRILE 2008 n 81 Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro RSPP Prof.

Dettagli

Registro dei controlli antincendio e primo soccorso

Registro dei controlli antincendio e primo soccorso MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA I.S.I.S.S. ANTONIO SANT'ELIA Via Sesia, 1-22063 CANTÙ (CO) 031.709443 Fax 031.709440 isissantoniosantelia@pec.como.it Codice Meccanografico: COIS003007

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA

Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA Nozioni di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro LAVORATORI - SCUOLA ai sensi del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. del D.Lgs. 106/2009 e accordo STATO REGIONI del 21/12/2011 Il presente opuscolo non sostituisce

Dettagli

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2)

CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET VALIGIETTE. QUICKFARMA (Allegato 1) FARMASTAR (Allegato 1) LEADERFARMA (Allegato 2) CASSETTE DI PRONTO SOCCORSO A NORMA FOR THE ITALIAN MARKET (Decreto n. 388/03) per luoghi di lavoro VALIGIETTE QUICKFARMA (Allegato 1) 1.1 FARMASTAR (Allegato 1) 1.2 LEADERFARMA (Allegato 2) 1.3 FLEXIFARMA

Dettagli

InformaImpresa n. 43 del 03/12/04. Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale.

InformaImpresa n. 43 del 03/12/04. Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale. InformaImpresa n. 43 del 03/12/04 Sicurezza sul lavoro. Prorogato al 3 febbraio 2005 il Decreto sulla gestione del Primo Soccorso aziendale. A distanza di quasi dieci anni è stato approvato e pubblicato

Dettagli

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015

VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 VADEMECUM DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER LA SICUREZZA NELLE SCUOLE A.S. 2014-2015 Di seguito vengono riportati i principali adempimenti da assolvere, in base alla tipologia di istituto scolastico, mansioni

Dettagli

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. Il Medico Competente

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. Il Medico Competente Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro Spegnere il Telefonino!! Il Medico Competente ai sensi dell art.37 del D.Lgs. 81/08 Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 e 22.02.2012 Ente Ligure di

Dettagli

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza

Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle figure preposte alla sicurezza SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole RETE DI SCUOLE E AGENZIE PER LA SICUREZZA della Provincia di Firenze Note sulla designazione da parte del dirigente scolastico delle

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

PIANO DI LOTTA ANTINCENDIO

PIANO DI LOTTA ANTINCENDIO Istituto Comprensivo Statale Gabriele Camozzi Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado 24123 BERGAMO Via Pinetti, 25 035. 235906 (prioritario) - 234682 Fax 035.216274 Cod. Fisc. N. 95118630169

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388

Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Decreto 15 Luglio 2003, n. 388 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA

CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE GENERALE LAVORATORI - SCUOLA ai sensi del D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. del D.Lgs. 106/2009 e accordo STATO REGIONI del 21/12/2011 COORDINATORE DEL CORSO Dott. Mario Padroni

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA (Procedura per ambienti complessi a rilevante rischio di incendio quali Palazzi Municipali, Scuole, Centrali operative, ecc.

PIANO DI EMERGENZA (Procedura per ambienti complessi a rilevante rischio di incendio quali Palazzi Municipali, Scuole, Centrali operative, ecc. COMUNE DI PIANO DI EMERGENZA (Procedura per ambienti complessi a rilevante rischio di incendio quali Palazzi Municipali, Scuole, Centrali operative, ecc.) INDICE 1. PREMESSA. 2. GESTIONE DELLE EMERGENZE.

Dettagli

INDICE PRONTO SOCCORSO

INDICE PRONTO SOCCORSO INDICE PRONTO SOCCORSO VALIGIE SPORTIVE Pag. 335 ARMADIETTI PENSILI IN PLASTICA Pag. 336 ARMADIETTI PENSILI IN METALLO Pag. 337 VALIGETTE ESTRAIBILI IN ABS Pag. 338 KIT REINTEGRO PACCHI MEDICAZIONE Pag.

Dettagli

D.U.V.R.I. Documento Unico Valutazione Rischi da Interferenze

D.U.V.R.I. Documento Unico Valutazione Rischi da Interferenze Comune di Maserada sul Piave Provincia di Treviso Procedura di sicurezza allo svolgimento del servizio di custodia e pulizia delle palestre comunali LOCALI 1. Palestra comunale della Scuola Primaria Giovanni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. Marconi Via Badolato, s.n.c. - 84078 - Vallo della Lucania (SA) PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) prot. n. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa FLORISA SINISCALCO

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Corso di. abilitazione per. Coordinatori

Corso di. abilitazione per. Coordinatori Corso di abilitazione per Coordinatori Dr.ssa I.Elena Sapia Obblighi del datore di lavoro Nel sistema delineato dal D.Lgs. n. 81/2008, il datore di lavoro: - designa il responsabile del servizio di prevenzione

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO

pubblicato su: Gazzetta Ufficiale Italiana n 27 del 03/02/2004 TESTO VIGENTE SOMMARIO D.M. n 388 del 15/07/2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni.

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE CorsoCairoli, 10 70018 Rutigliano(BA) 080 4761018 - fax 080 4778168 Scuole dell Infanzia: Giovanni PaoloII 080 4761590; Gianni Rodari 080 4767426 http://www.scuolasettanni.it E- Mail: baee15500v @ istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA Autoparco e Magazzino Comunale A. Moro

COMUNE DI RAGUSA Autoparco e Magazzino Comunale A. Moro SCHEDA A REGISTRO ANTINCENDIO Articolo 13 del D.Lgs. n 626/1994 e successive modifiche e integrazioni D. Lgs. n ; Articolo 5 D.P.R. n 37/1998 COMUNE DI RAGUSA Autoparco e Magazzino Comunale A. Moro Indice

Dettagli

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO

opuscolo informativo per gli insegnanti e alunni EMERGENZA TERREMOTO INDICE 1. DEFINIZIONE DI EMERGENZA...2 1.1....2 2. ADDETTI GESTIONE EMERGENZA...3 3. SEGNALETICA...4 4. COMPITI DEL PERSONALE NELL EMERGENZA...5 4.1. COLLABOTORI SCOLASTICI E A.T.A....5 4.2. INSEGNANTI..

Dettagli

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008)

PIANO DI GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.M. 10 Marzo 1998, D.lgs81/2008) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI OSTELLATO (FE) Scuola dell infanzia di Migliarino Via del Parco 1 Località Migliarino comune di Fiscaglia tel./fax 0533.52686 e-mail viadelparco@libero.it PIANO DI GESTIONE

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

D.Lgs. 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Piano di Primo Soccorso CORSO DI FORMAZIONE PER 5.1d DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI D.Lgs. 81/08

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRATTA POLESINE PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE (D.lgs81/08) Plesso SCUOLA MEDIA ANDREA PALLADIO Fratta Polesine DATORE DI LAVORO- DIRIGENTE SCOLASTICO- DOTT.SSA MARIARITA

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO PIANO DI PRIMO SOCCORSO Anno scolastico 2008/2009 A) CRITERI GENERALI PER LA REDAZIONE DEL PRESENTE PIANO DI PRIMO SOCCORSO Introduzione Il DLgs. 81/2008 prevede che il datore di lavoro adotti i provvedimenti

Dettagli

DEFINIZIONI. Dirigente alla Sicurezza

DEFINIZIONI. Dirigente alla Sicurezza CORSO E-LEARNING snam.it DEFINIZIONI Nel corso e-learning quando si fa riferimento al Datore di Lavoro bisogna considerare che nelle società del gruppo Snam dove è nominato anche il Dirigente alla Sicurezza

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE

REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE REGOLAMENTO SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE SuIla Gazzetta Ufficiale n.27 del 3 febbraio 2004 è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n.388 del 15 luglio 2003 Regolamento recante disposizioni sul pronto

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti

L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti Q. & S. - Qualità & Sicurezza S.r.l. L agenda in materia di sicurezza del Dirigente Scolastico Controlli, Adempimenti ed Aggiornamenti All inizio di ogni anno il Dirigente di ciascun Istituto Scolastico

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Via Famiglia Riccardi 2 24027 Nembro (Bg) Tel: 035 520709-035 4127675 / Fax: 035 520709 C.F. 95118440163 C.M.

Dettagli

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza

DLgs 81/08 art. 45. IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso e di assistenza medica di emergenza PRIMO SOCCORSO Aspetti organizzativi CORSO DI FORMAZIONE ADDETTI PS Primo soccorso Aspetti organizzativi DLgs 81/08 art. 45 IL DATORE DI LAVORO prende i provvedimenti necessari in materia di primo soccorso

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

PSCPS517 SCHEDA TECNICA

PSCPS517 SCHEDA TECNICA CODICE /CODE PSCPS517 SCHEDA TECNICA PRODOTTO MEDIC 2 ALLEGATO 1 DM 388 NORMA RIFERIMENTO: Contenuto a norma dell ALLEGATO 1 D.M. 388 del 15 luglio 2003 (art. 1) G.U. 27 del 03 febbraio 2004 D.L. 81 del

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO COMPITI DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) Ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (D. Lgs. 81/08) 1. Fatto salvo quanto

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione

Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Il Piano di Emergenza ed Evacuazione Informazioni sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori Gennaio 2013 Pillole di sicurezza A cura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

Sede Legale. Sede Esaminata

Sede Legale. Sede Esaminata Sede Legale Sede Esaminata PIA DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PROCEDURE DI EMERGENZA/EVACUAZIONE CON MANARI PERSONALE ADDETTI CON FUNZIONI SPECIFICHE (Ai sensi del D.M. 10/03/1998) Revisione 01 del Settembre

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI. Prof. Arch. Michele Di Sivo

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI. Prof. Arch. Michele Di Sivo LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEGLI IMPIANTI SPORTIVI Prof. Arch. Michele Di Sivo LA SICUREZZA IN UN IMPIANTO SPORTIVO DEVE ESSERE ORGANIZZATA IN RIFERIMENTO A: PROCESSO DI COSTRUZIONE E MANUTENZIONE DEGLI

Dettagli

QUALITÀ/ PREZZO QUALITÀ/ PREZZO MIGLIOR RAPPORTO MIGLIOR RAPPORTO 297 PRONTO SOCCORSO

QUALITÀ/ PREZZO QUALITÀ/ PREZZO MIGLIOR RAPPORTO MIGLIOR RAPPORTO 297 PRONTO SOCCORSO PRONTO SOCCORSO 295 SAFETY BOX 1 Indicata per uso personale, su automezzi, in ufficio, per il tempo libero. I presidi che permettono di intervenire rapidamente ed efficacemente nel caso di tagli, ustioni,

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI Servizio di Prevenzione e Protezione Registro controlli antincendio SCHEDA CONTROLLO DELLE USCITE DI SICUREZZA Controllo periodico Controllo straordinario Piano Controllo

Dettagli

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE

DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE LOGO DOCUMENTO DI COORDINAMENTO SICUREZZA ATTIVITA TEATRALE STAGIONE TEATRALE 2009/2010 IL COMMITTENTE/RESPONSABILE ARTVEN ASSOCIAZIONE ALLEGATO AL CONTRATTO N Pag. 1 di 8 DATI DELL INSEDIAMENTO IN CUI

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI

ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI A. CECCHERELLI COMPORTAMENTI DA ADOTTARE E COMPETENZE DURANTE L'EMERGENZA a) Comportamento da adottare in caso di incendio Comportamento dei lavoratori Chiunque assista ad un incendio deve: 1. Mantenere la calma; 2.

Dettagli

Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa)

Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa) PIANO DI EVACUAZIONE D.M. 26 agosto 1992 Il Dirigente Scolastico (Dott. Anna Maria Vatteroni) Il R.S.P.P. (Arch. Massimiliano Boschi) Il Rappresentante dei Lavoratori (Prof. Giuseppe Costa) Indice PIANO

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Rimembranze, n. 2 73031 ALESSANO (LE) Distretto n. 47 Cod. Min.: LEIC80400T cod. Fisc. 90018660754 Tel e fax 0833-781118 email leee010007@istruzione.it Web Site: www.comprensivoalessano.it

Dettagli

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA

3. APPLICABILITÀ La presente procedura si applica a tutti i dipendenti della Società Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Gestione emergenze P08 Rev 02 del 14/06/2014 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE PROTOCOLLO OPERATIVO PER PIANO PRONTO SOCCORSO AZIENDALE AGGIORNATO a Ottobre 2015 Il presente protocollo è stato previamente discusso e messo a punto insieme al RSPP, agli Addetti ai servizi d emergenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA. Area Servizi Tecnici. - Polo Annunziata - EDIFICI UNIVERSITARI PROGETTO ESECUTIVO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA. Area Servizi Tecnici. - Polo Annunziata - EDIFICI UNIVERSITARI PROGETTO ESECUTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici - Polo Annunziata - EDIFICI UNIVERSITARI PROGETTO ESECUTIVO SMALTIMENTO GAS ESTINGUENTI A BASE DI CFC E HCFC PROGETTISTA geom. Giuseppe De Leo TIMBRI

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Procedura interna. Squadra Antincendio

Procedura interna. Squadra Antincendio Procedura interna Squadra Antincendio Roma, 01/2015 Rev.06/annuale Pagina 1 di 6 A.Orelli. Tel. 3387 RAPPORTO D INTERVENTO SQUADRA ANTINCENDIO Allegato 1. Registro delle N. attività: tale Del: registro

Dettagli