Lavoro e salute. Fino al 1700 la principale conseguenza negativa nota del lavoro è stata la fatica fisica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro e salute. Fino al 1700 la principale conseguenza negativa nota del lavoro è stata la fatica fisica."

Transcript

1 Rischio Chimico

2 Tutela della salute La tutela della salute in Italia trova il suo massimo riconoscimento nella costituzione. In essa troviamo infatti i principi fondamentali: la salvaguardia della salute, quella del lavoro in tutte le sue forme e quelle relativa alla sicurezza, alla libertà ed alla dignità umana, cui non si può recare danno neanche nell ambito della indiscussa libertà dell iniziativa privata

3 Lavoro e salute Fino al 1700 la principale conseguenza negativa nota del lavoro è stata la fatica fisica. Con l avvento della rivoluzione industriale (1760) e l uso dell energia idraulica e del vapore, sono stati introdotti nuovi fattori di rischio: rumore, prodotti chimici, agenti biologici, rischi meccanici

4 Rischio chimico: Tutti i rischi per la salute, la sicurezza e per l ambiente derivanti dalla detenzione e dall uso di sostanze chimiche naturali o di sintesi necessarie per lo svolgimento delle diverse attività lavorative. Tutte le sostanze sono dei veleni Non vi è nulla che non sia veleno Solo la dose differenzia un veleno da un rimedio Paracelso 1500

5 Vantaggi della chimica Il progresso effettuato negli ultimi due secoli parla un linguaggio chimico; infatti chimica vuole dire: vetri, farmaci, insetticidi, fertilizzanti, fibre tessili,, colle, vernici, materiali da costruzione, resine, etc La chimica ha invaso la nostra vita, ha messo a disposizione nuovi alimenti, nuovi materiali, ha sostituito il legno e i metalli con prodotti a più buon mercato permettendo ai ceti medi a reddito minore di utilizzare oggetti altrimenti inaccessibili

6 Svantaggi della chimica Accanto ad indubbi benefici, gravi fenomeni di inquinamento e di diffusione di composti non sempre innocui, hanno seguito di pari passo lo sviluppo dell industria chimica: Quale è il beneficio, quale è il rischio, quanto del rischio è evitabile? Quanto dei lati negativi della chimica sono dovuti al profitto, quanto all imprudenza (Minamata, Seveso Bhopal, Chernobyl

7 Presenza della chimica nella nostra vita Il manifestarsi di emozioni come amore, rabbia, la memoria non sono altro che processi chimici dovuti al rilascio di composti chimici: i mediatori Anche in cucina durante la preparazione dei cibi avvengono numerose reazioni che alterano la struttura e la composizione degli alimenti creando le condizioni per migliorare e rendere gustosi prodotti che se non trattati risulterebbero gradevoli al gusto

8 Cibi e chimica Un esempio è il cacao: cibo degli dei, ricavato dai semi dell albero. I semi lasciati essiccare al sole fermentano producendo tra l altro alcool, acido acetico e feniletilammina La feniletilammina possiede azione sul SNC, fa aumentare il livello degli zuccheri ematici, la pressione, da sensazioni di benessere, migliore lucidità e induce uno stato di eccitazione.

9 Il laboratorio in cucina Il grasso della Bistecca che cuoce sulla griglia con il calore si scinde liberando glicerina, questa perdendo acqua produce acroleina. L acroleina bolle a 53 C e quindi nelle condizioni di cottura tende a sfuggire producendo il caratteristico rumore della carne cotta alla brace (sfrigolio)

10 Chimica e vita Un esempio di applicazione utile di un agente pericoloso e quello della sodioazide (NaN 3 ) negli airbag. La proprietà esplosiva di questo composto è usata per gonfiare il palloncino. La sostanza quando innescata esplode producendo azoto che riempie istantaneamente il palloncino (25 millesimi di secondo).

11 L odore peggiore del mondo Questo primato spetta al metilmercaptano, viene prodotto dalla decomposizione dell allicina (aglio) nello stomaco. Viene anche prodotto dai batteri a livello della mucosa orale ed è responsabile dell alito cattivo (l uomo è in grado di recepire parti per miliardo) Il caratteristico odore viene sfruttato nelle reti di distribuzione del gas naturale per riconoscere eventuali perdite.

12 Definizione di rischio In medicina del lavoro il rischio viene diviso in due aspetti, da una parte troviamo il rischio intrinseco determinato dalle caratteristiche di un agente (toxicity), dall altra il rischio inteso come probabilità che si realizzi un evento avverso (risk) Sostanze tossiche, alle quali non è esposto nessun lavoratore (contenitore chiuso), agenti poco tossici ai quali sono esposti diversi lavoratori

13 Definizione di rischio Nel primo caso si parla di alta toxicity e risk praticamente assente e nell altro si parla di bassa toxicity e presenza di risk derivata da un certo numero di esposti In pratica, è proprio l esposizione (assente nel primo caso e presente nel secondo), l elemento che caratterizza le due situazioni e le rende diverse a livello di prevenzione.

14 Origini della medicina del lavoro Il padre della moderna medicina del lavoro è Ramazzini autore nel 1713 del famoso De morbis artificum diatriba. minatori (metalli), i vasai (piombo) i vetrai (antimonio), gli stagnai (stagno e rame), vuotatori di latrine (rischio biologico e chimico). E il primo medico a fare oggetto di trattazione sistematica delle malattie del gens popularis correlate al lavoro che è contemporaneamente mezzo di sostegno e causa di malattia.

15 Igiene del lavoro e ambientale Ramazzini è stato un innovatore anche nel campo dell igiene, infatti affermava che: un buon bagno caldo e abiti puliti costituiscono un ottima medicina. I seguaci di Paracelso, al contrario predicavano che l ammalato stesse a letto senza cambiare le camice e le lenzuola per non diminuire le forze. E ad opera di un altro italiano L. Devoto l apertura nel 1910 a Milano della prima clinica del lavoro

16 Definizione di agente e preparato Per agente chimico si intendono tutti gli elementi ed i relativi composti, provenienti da risorse naturali e da processi di sintesi, sia nella forma che deriva dallo specifico impiego che nella forma per cui vengono smaltiti come rifiuti e comunque in qualsiasi modalità ci si trovi in loro presenza. Preparato, insieme di due o più agenti chimici

17 Classificazione agenti e preparati NON pericolosi: acqua potabile e l aria atmosferica in condizioni normali NON Pericolosi come tali ma dipendenti dall impiego: L acqua ad elevata temperatura, l aria compressa

18 Classificazione agenti e preparati Pericolosi ma non classificati come tali dalle norme: Materiali organici degradati maleodoranti, acque di scarico, farmaci, fumi di saldatura, etc... Pericolosi cosi come classificati dalle norme: fanno parte di questo gruppo la maggior parte delle sostanze e preparati normalmente presenti sul luogo gi lavoro.

19 Rischio chimico I fondamenti della sicurezza e dell igiene sul lavoro si fondano sui DPR 547/55 e 303/56. Sostanzialmente il rischio da agenti chimici è riconducibile a tre eventi: Rilascio improvviso di energia termica, Rilascio improvviso di energia barica, Rilascio di prodotti pericolosi per la salute dell uomo e dell ambiente (gas, vapori, polveri fumi)

20 La valutazione della nocività di una lavorazione in termini di rischio potenziale nelle reali situazione si basa su: Pericolosità della sostanza Classificazione ed etichettatura Frequenza di utilizzo Occasionale, puntuale, discontinua, continua Quantitativi usati Da insignificanti a molto rilevanti

21 Etichettatura L etichetta permette di identificare i rischi noti, deve contenere le seguenti informazioni: Nome del prodotto e del produttore Numero CE e numero CAS Simboli di pericolo, neri su sfondo arancione (pittogrammi) Frasi di rischio, Frasi di sicurezza, Caratteristiche chimico fisiche

22 Etichettatura e frasi di rischio Tutte le informazioni devono essere fornite dal produttore e/o distributore Le frasi di rischio R mettono in evidenza i rischio derivanti dalla manipolazione Le frasi S indicano le precauzioni e le misure da adottare al fine di una corretta gestione dei prodotti chimici L etichetta tiene conto di tutti i rischi connessi con la normale manipolazione

23 Classificazione dei preparati Agente Conc. Classificazione Frasi di rischio NaOH >5% Corrosivo R35 provoca gravi ustioni NaOH 2-5% Corrosivo R34 provoca ustioni NaOH 0,5-2% Irritante R36/38 irritante per la pelle e occhi NaOH <0,5% Non classificato Nessuna frase di rischio

24 Classificazione preparati Agente Conc Classific. Frasi di rischio NaClO >10% Corrosivo R31 e R34 provoca ustioni e libera gas tossici NaClO 5-10% Irritante R31 e R36/38 NaClO <5% non classificato Ac muriatico >25% Corrosivo R35 provoca ustioni Ac. muriatico 10-25% Irritante R36/38 irritante pelle e occhi

25 Rischio lavorativo Ogni anno nel mondo circa 2 milioni di persone perdono la vita a causa di incidenti sul lavoro o per malattia professionale. In Europa, ogni anno si verificano infortuni mortali e circa cinque milioni di incidenti invalidanti con referti di otre 3 giorni. La CE per far fronte a tale problema ha auspicato una maggiore diffusione della cultura della prevenzione.

26 Rischio lavorativo: perché la formazione? L attuazione di programmi preventivi basati sul coinvolgimento informato di tutti gli attori inclusi i lavoratori riduce il numero di infortuni In Germania campagne informative sulle cadute dall alto in edilizia hanno ridotti l incidenza del 30% In Finlandia campagne basate sul mantenimento dell ordine e pulizia del posto di lavoro, ha ridotto gli infortuni del 20-30%

27 Protezione e prevenzione Le attività di laboratorio comportano pericoli intrinsechi che si possono trasformare in rischio Le misure di prevenzione possono ridurre a livelli ragionevoli pericoli e rischi Le misure di protezione proteggono il personale dai possibili danni

28 Protezione e prevenzione Prioritariamente devono essere adottati mezzi di protezione collettivi (attività a rischio solo all interno della cappa- captazione all origine) Quando i mezzi di protezione collettivi non sono sufficienti, è necessario ricorrere ai DPI, i quali devono essere appropriati al livello di rischio (guanti a perdere, occhiali, mascherine, calzature. I DPI devono essere mantenuti in buono stato

29 Incidenti e Infortuni Incidente: evento anomalo nello svolgimento di un attività, improvviso e imprevisto o di cui è comunque imprevedibile il momento dell accadimento Infortunio: Incidente che provoca lesioni, ovvero evento lesivo dovuto ad una causa violenta e improvvisa

30 Cause infortunio Oggettive: riguardano le condizioni ambientali (aria, luce, calore, umidità, rumore), sicurezza delle attrezzature (mancanza di protezioni, carenze progettuale, impianti obsoleti) Soggettive: riguardano il fattore umano vale a dire distrazioni, errori, inesperienza, carenze formativa 80% infortuni sono dovuti a fattori soggettivi che per la maggior parte sono associati a carenze oggettive

31 D.Lgs 25/02 titolo VII bis 626 (protezione da agenti chimici) Le disposizioni si applicano a tutti i luoghi di lavoro ove siano presenti agenti chimici Si devono considerare non solo quelli inclusi nella classificazione ai sensi del D.Lvo 52/97 e 285/98. Anche quelli non classificati come pericolosi ma comportanti un rischio a causa delle loro proprietà chimico-fisiche o tossicologiche e/o per il modo in cui sono usati.

32 Rischio chimico: Contatto o introduzione di agenti nell organismo Rischi per le sicurezza: Infortunistici Incendio, esplosione, contatto cutaneo con sostanze irritanti e/o corrosive Rischi per la salute: Igienico ambientale Esposizione a sostanze tossiche e/o nocive, cancerogene

33 Rischio chimico L introduzione di una agente chimico nell organismo può avvenire attraverso le tre tipiche vie di contaminazione: Ingestione-assorbimento gastrico Contatto cutaneopelle assorbimento attraverso la Inalazione con successiva deposizione nell apparato respiratorio e assorbimento polmonare

34 Rischio chimico La via più importante di contaminazione è quella inalatoria (superficie alveolare 80 m 2, la respirazione è un atto involontario ma indispensabile alla vita, litri di aria al giorno); seguono il contatto cutaneo (superficie corporea 1,8 m 2 ) e l ingestione. L esposizione può essere ACUTA (infortunio) o CRONICA, senza apparenti effetti immediati, possono emergere dopo esposizioni protratte nel tempo (malattie professionali)

35 Circolazione agenti chimici La sostanze chimiche e i relativi preparati per poter circolare liberamente sul mercato europeo devono essere classificati ed etichetti in base alla loro tossicità/nocività secondo criteri stabiliti in sede di Comunità Europea (CEE) ora UE. L etichettatura viene stabilita con le direttive di prodotto a cui i paesi membri devono attenersi L obbligo della notifica esiste solo dal 1981 e spetta ai produttori e ai distributori

36 Prodotti chimici esistenti Sostanze chimiche naturali e di sintesi 44 milioni Di uso corrente Farmaci Additivi alimentari Cancerogeni potenziali Cancerogeni sospetti Cancerogeni accertati Dossier tossicologico competo 6.000

37 Sostanze chimiche conosciute ed utilizzate Sostanze registrate nel CAS fino ad aprile 2002: 44 milioni Sostanze presenti nel mercato europeo nel 1981, EINECS 1990: Sostanze immesse nel mercato europeo dopo il 1981, ELINCS,2000: 2000

38 Agenzia Europea per la sicurezza e la salute Un quinto dei 32 milioni di lavoratori sono potenzialmente esposti a sostanze pericolose Il 22% inala fumi e vapori tossici per almeno un quarto del tempo lavorativo Per due terzi dei agenti chimici usati non sono disponibili dati tossicologici completi 20% delle schede di sicurezza contengono errori e/o omissioni

39 Chimica e salute Il 2003 è stato l anno della chimica sicura, emanazione di programmi preventivi intesi alla salvaguardia della salute. UE sta studiando per quanto concerne le sostanze chimiche un nuovo sistema di concessioni e autorizzazioni specifico per determinate sostanze (REACH)

40 Sostanze pericolose In tutta l UE sono considerati pericolosi, e come tali regolamentate, le sostanze e i preparati che rientrano in una delle seguenti categorie: Esplosivi, Ossidanti e comburenti Infiammabili, facilmente infiammabili e altamente infiammabili Corrosivi e irritanti Nocivi, tossici, cancerogeni, teratogeni,mutageni Pericolosi per l ambiente

41 Esempi di agenti pericolosi Esplosivo allo stato secco R1: nitrocellulosa Pericolo di esplosione per riscaldamento R5: acido perclorico Rischio di esplosione se combinato con comburenti R16: fosforo rosso Rischi di reazione violenta con l acqua R14: cloruro di acetile, ossicloruro di fosforo, metalli alcalini come sodio potassio e litio

42 Reazioni violente con acqua L aggiunta veloce di acqua ad acidi forti concentrati (HCl, H 2 SO 4 ) o a basi forti (KOH, NaOH) è rischiosa e porta a schizzi violenti. Si raccomanda di versare lentamente l acido o la base in acqua fredda, ma mai l opposto facendo scendere lentamente e sotto agitazione l acido o la base lungo le pareti del contenitore

43 Uso sicuro sostanze chimiche Mai usare sostanze infiammabili vicino ad una fiamma o una fonte di calore Non conservare contenitori di solventi infiammabili su scaffali o ripiani o sopra il piano di lavoro (collocati in armadi ventilati) Non conservare liquidi volatili infiammabili in contenitori non chiusi in frigo. I frigoriferi devono avere un termostato esterno e nessuna luce interna (frigo sicuro)

44 Esempi di incompatibilità Agenti Sostanze incompatibili Reazioni violente Rilascio di gas tossici esotermiche Acidi minerali Acqua e basi HCl, HNO 3 Cianuri, azidi. Ipocloriti HClO 4 Mat. Organici ++ Legno, alcoli Ossidanti KMnO 4 Idrocarburi polveri riducenti ++

45 Indicazioni dei produttori Tutti i prodotti devono essere utilizzati da personale qualificato, per molti prodotti attualmente non sono disponibili dati sulla pericolosità potenziale La responsabilità sull uso sicuro è a carico esclusivamente del cliente e/o utilizzatore finale L assenza di un simbolo di pericolosità non va interpretata come un indicazione di sicurezza

46 Scheda di sicurezza Deve essere composta da 16 voci, redatta nella lingua del paese di impiego; i produttori e responsabili dell immissione sul mercato sono obbligati a metterle a disposizione degli utenti, Gli utilizzatori sono tenuti a richiederla e conservarla in un luogo sicuro accessibile a tutti. Le informazioni devono costituire il punto di partenza per individuare i pericoli a cui i lavoratori sono esposti.

47 Scheda di sicurezza: informazioni Identificazione della sostanza e/o preparato Composizione, misure di primo soccorso Misure antincendio e fuoriuscita accidentale Manipolazione e stoccaggio, stabilità, reattività Dati tossicologici ed ecotossicologici Controllo esposizione e protezione individuale informazioni sul trasporto e sullo smaltimento

48 Agenti pericolosi in ambito domestico Estremamente infiammabili Facilmente infiammabili Nocivi Gas bombolette spray Alcool etilico Acetone Ammoniaca in soluzione Corrosivi Irritanti Soda caustica, ac. muriatico amuchina

49 Etichettatura di alcune colle Sostanza di uso domestico e simbolo di pericolosità Frasi di rischio Bostik ultrarapido Xn R Araldite T+ R36-37 e 38 UHU Plus indurente Xi R

50 Gerarchie di prevenzione dei rischi La UE ha emanato precise gerarchie comportamentali ai fini della riduzione dell esposizione: Eliminazione- il modo più sicuro per abbattere i rischi è quello di eliminare la necessità di utilizzo di un agente pericoloso, modificando il processo lavorativo o il prodotto di cui si fa uso.

51 Gerarchie riduzione rischio Sostituzione- ricorso ad indagine conoscitiva sulla possibilità di sostituzione con agente o processo meno pericoloso. Controllo- qualora non fosse possibile eliminare o sostituire un agente devono essere messe in atto metodologie per ridurre l esposizione ricorrendo alla separazione fisica delle aree a rischio, al controllo delle emissioni, alla riduzione del numero dei lavoratori e dei tempi di esposizione

52 Rischio chimico nei laboratori I laboratori di ricerca costituiscono un ambiente di lavoro particolare, sono caratterizzati dal continuo cambiamento delle attività e dalla elevata mobilità del personale. Una caratteristica tipica dei laboratori di ricerca è data dalla presenza di un elevato numero di agenti chimici, memoria di vecchie e nuove sperimentazioni ai quali i lavoratori possono essere potenzialmente esposti.

53 Stato fisico agenti e salute La contaminazione in ambito lavorativo da sostanze chimiche si può presentare sotto forma di: GAS, VAPORI, LIQUIDI e POLVERI. Nel caso di gas e vapori siamo in presenza di un solo stato fisico, c è una perfetta miscibilità tra il contaminante e l atmosfera Nel caso di un aerosol c è la coesistenza di due fasi: dispersione di una fase liquida e/o solida nella fase gassosa, l atmosfera.

54 Polveri e fumi La differenza tra polveri e fumi è dovuta alla loro origini: le polveri sono generate da processi meccanici su un solido (taglio, macinazione, levigatura, etc..). I fumi sono prodotti da reazioni chimiche o da passaggi di stato, quali combustioni più o meno complete, condensazioni successive a vaporizzazioni

55 Polveri e fumi La differenza principale tra questi due tipi di contaminanti consiste nel fatto che le polveri generalmente hanno la stessa composizione chimica del materiale di partenza, mentre per i fumi accadrà il contrario (arricchimento in composti più volatili), i fumi presentano inoltre un diametro delle particelle di dimensioni inferiori a quelle delle polveri.

56 Protezione della salute Fino a poco tempo fa in Italia non esistevano valori limiti di concentrazione ufficiali, si faceva riferimento ai TLV americani ACGIH, prevedeva tre diverse categorie di limiti di esposizione: 1) TLV-TVA media ponderale calcolata su una giornata lavorativa 2) TLV-STEL limite per brevi periodi di esposizione (ammoniaca, cloro gassoso, alcool metilico)

57 Protezione della salute 3) TLV-C (celting). Limite per brevissimo tempo di esposizione, la relativa concentrazione non deve essere superata neanche per pochissimo tempo, decine di secondi. Valido per sostanza estremamente tossiche come: acido cianidrico, aldeide formica, acido cloridrico

58 Problemi posti dai TLV Considerano solo la popolazione adulta Non distinguono tra uomini e donne, non tengono conto dello stato di gravidanza e allattamento Non tengono conto dell età Non tengono conto della suscettibilità individuale Non tengono conto delle diverse abitudini alimentari, consumo di alcool, uso di tabacco e droghe Devono essere usati da personale esperto e fungere da guida per i medici

59 Normativa italiana e valori limiti Il D.Lgs 66/00 ha introdotto valori limiti di esposizione professionale per : Benzene, amianto, polveri di legno duro e cloruro di vinile monomero Il D.Lgs 25/02 ha introdotto limiti per il piombo Il Decreto n 58 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 26 febbraio 2004, ha emanato un prima lista di valori limiti professionali relativamente a 68 agenti chimici

60 Utilizzo sicuro degli agenti pericolosi Per utilizzare un agente pericoloso è obbligatorio l esame preventivo di tutte le possibili fonti di rischio derivanti dalle varie modalità operative. Comunicare l acquisto degli agenti pericolosi Adottare le misure preventive e protettive del caso, comunicare ai colleghi l utilizzo di un agente tossico. Indagini relative alla sua possibile sostituzione Riduzione al minimo del personale addetto Segnalare immediatamente eventuali anomalie.

61 Processi mentali per un corretto uso Esame composizione pericolosità materie prime usate Quali agenti di rischio? Esame condizioni operative e del processo lavorativo Valutazione della postazione di lavoro Come si generano gli agenti chimici e sotto quale forma: gas, vapore, polvere? Quale è la via più probabile di contaminazione?

62 626 e Tutor Il tutor come previsto dal D.Lgs 626/94 ha il dovere di formare ed informare i suoi collaboratori (laureandi, borsisti contrattisti, stagisti, ecc..) sugli eventuali rischi da esposizione a sostanze pericolose e dal relativo utilizzo.

63 Cappe chimiche Le cappe sono da considerarsi zone di potenziale pericolo. All interno possono svilupparsi atmosfere infiammabili, esplosive e tossiche. Controllare il funzionamento (foglio di carta) Evitare di creare correnti Lavorare con il frontale abbassato (40 cm) Mantenere pulita e ordinata Non usare la cappa per lo smaltimenti di liquidi e solventi Apparecchiature elettriche a sicurezza

64 Prestazioni cappe chimiche Didattica, tossicità trascurabile 0,3 m/s Tossicità moderata 0,5 m/s Tossicità elevata e moderata radioattività 0,7 m/s

65 Cappe chimiche I sistemi di abbattimento sono consigliati in caso di elevate concentrazioni di sostanze tossiche e nocive La periodicità della sostituzione dei filtri varia in relazione all uso alla portata e all agente. In ogni caso la sostituzione deve avvenire ogni 9-1 mesi, indipendentemente dall uso

66 La fiamma prodotta da gas Un altro rischio da considerare e la fiamma prodotta dal bunsen Lo spegnimento accidentale può provocare la fuoriuscita di gas con pericolo di esplosione o avvelenamento (Usare bunsen di sicurezza) Posizionare il bunsen non in corrispondenza di sorgenti di luce Sostituire periodicamente le tubazioni

67 Norme comportamentali Al fine di ridurre il rischio di innesco, lo sviluppo di incendi e per ridurre il rischio di esposizione è necessario che: Reazioni che comportano lo sviluppo di gas, cromatografie su colonna, rotavapor, travaso di solventi, specie se volatili vengano effettuate sotto cappa chimica. Non introdurre in laboratorio sostanze e oggetti estranei all attività lavorativa (oggetti personali e vestiti)

68 Norme comportamentali Tutti i flaconi devono essere etichettati in modo da poter riconoscere in qualsiasi momento il contenuto. Non lavorare da soli in laboratorio Non lasciare reazioni chimiche senza controllo Non abbandonare materiali non identificabili sotto cappa Riferire sempre al responsabile eventuali incidenti o condizioni di non sicurezza

69 Contenitori etichettati: perché! 18 giugno 2003, Acido in un bicchiere di acqua minerale servito al bar, grave una giornalista RAI Luglio 2003, Ferrara, uomo ucciso dal diserbante usato dalla moglie per preparare il caffè Roma, luglio 2003, Biologa beve un prodotto tossico (soda caustica) contenuto in un bottiglia di acqua minerale con tanto di etichetta presso l ospedale San Giacomo

70 Norme comportamentali Evitare l eccessivo affollamento nei laboratori Al termine delle attività rimuovere dai piani di lavoro la vetreria e le attrezzature utilizzate. Raccogliere, separare ed eliminare in modo corretto i rifiuti chimici, solidi e liquidi. E vietato scaricarli in fogna o abbandonarsi nell ambiente In laboratorio è vietato bere, mangiare e fumare Non conservare cibi nei frigoriferi

71 Norme comportamentali Non pipettare a bocca, usare propipette Si sconsiglia l uso di lenti a contatto poiché possono essere causa di un accumulo di sostanze nocive e, in caso di incidente, possono peggiorare le conseguenze o pregiudicare le operazioni di primo soccorso. Non tenere in tasca forbici, spatole o provette, è scoraggiato l uso di tacchi alti e scarpe aperte, i capelli devono essere tenuti raccolti.

72 Norme comportamentali Non toccare maniglie, telefono e altri oggetti con i guanti con cui si sono maneggiate sostanze chimiche. E tassativamente vietato l uso dei guanti al di fuori del laboratorio La vetreria rotta deve essere immediatamente eliminata Non tentare di risolvere problemi da soli ma avvisare il responsabile del laboratorio

73 Misure igieniche In laboratorio usare sempre un camice con gli elastici ai polsini confezionato con fibre non sintetiche Non bere nella vetreria da laboratorio Lavarsi le mani dopo ogni manipolazione Legarsi i capelli se sono lunghi Pulire la postazione di lavoro alla fine della giornata lavorativa

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005 LINEE DIRETTRICI PRATICHE DI CARATTERE NON OBBLIGATORIO SULLA PROTEZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI CONNESSI CON GLI AGENTI CHIMICI SUL LAVORO (Articoli 3, 4, 5, 6 e

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Fornitore : Dow Corning S.A. Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio Servizio : Dow

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

: acido 4-Formilfenilboronico

: acido 4-Formilfenilboronico UnaveraChemLab GmbH SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione 04.07.2013 Data di stampa 12.11.2014 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Art. 66 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81: Lavori in ambienti sospetti di inquinamento

GUIDA OPERATIVA. Art. 66 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81: Lavori in ambienti sospetti di inquinamento GUIDA OPERATIVA Rischi specifici nell accesso a silos, vasche e fosse biologiche, collettori fognari, depuratori e serbatoi utilizzati per lo stoccaggio e il trasporto di sostanze pericolose Art. 66 del

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6

SCHEDA DI SICUREZZA. Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 SCHEDA DI SICUREZZA Secondo 91-155-CEE Pag 1 di 6 Scheda di sicurezza n 871 Revisione: Ottobre 2006 1 - Denominazione del preparato e della Ditta DRY PERC Ditta: Clean Life s.r.l. via Tommaso Piroli 22

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2008 04 29 Versione: 3.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ZytoDot CISH 2C Probe Kit Codice prodotto: C-3022 Applicazi zione one: Solo per uso

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza B G 0 1 Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: D1613 Denominazione BG01 Nome

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/im presa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati della

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE Scheda di sicurezza del 18/4/2011, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: Codice

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

PRIM SILICAT CH 10 L KAN

PRIM SILICAT CH 10 L KAN 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione della sostanza o preparato Uso della sostanza/preparato Identificazione della società/dell'impresa Dipartimento

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico Pagina n. 1 / 6 Scheda Informativa SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: 78002 Denominazione 78002 - Copper XS Hi-Temp

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05

: perma High temp. / Extreme pressure grease SF05 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome del prodotto : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: Denominazione PRIM. C.S. PRIMER CENTRI STORICI

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO FORMATO: Flacone 1 lt bianco in PE TAPPO: blu CODICE E.A.N.: 8033447581230 NATURA: tensioattivi non ionici, tensioattivi cationici, profumo, coloranti,

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno Luca Spinelli Theolab spa Milano, 15 aprile 2015 Le novità dall Europa I 2 nuovi provvedimenti UE «Regolamento (UE) n. 1357/2014

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 00511319BT, (4)511310BT, (4)511311BT, (4)511312BT, 511313, 5113130,

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio

SCHEDA DI SICUREZZA Gasolio Data di emissione: 30/11/2008 Revisione 0 del 30/11/2008 1 Identificazione del prodotto e della società Nome del prodotto : GASOLIO Numero CAS: 68334-30-5 Impiego: carburante per motori a combustione interna,

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa

1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa 1. Identificazione della sostanza/del preparato e della società/impresa Identificazione della sostanza o preparato Art.-No.: 515 9152, 515 90, 515 927, 515 94, 515 96, 515 941, 515 958, 515 959, 515 965,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 26.10.2009 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 9006.0137 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010 Antifrogen SOL HT Pagina 1(10) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Antifrogen SOL HT Numero materiale: 232512

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

GEV ed EMICODE Domande e risposte

GEV ed EMICODE Domande e risposte GEV ed EMICODE Domande e risposte 01. Che cosa sono le emissioni? Il termine emissione indica il rilascio nell ambiente di sostanze gassose, liquide o solide da parte di impianti o materiali. Ciò nonostante,

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli