Lavoro e salute. Fino al 1700 la principale conseguenza negativa nota del lavoro è stata la fatica fisica.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lavoro e salute. Fino al 1700 la principale conseguenza negativa nota del lavoro è stata la fatica fisica."

Transcript

1 Rischio Chimico

2 Tutela della salute La tutela della salute in Italia trova il suo massimo riconoscimento nella costituzione. In essa troviamo infatti i principi fondamentali: la salvaguardia della salute, quella del lavoro in tutte le sue forme e quelle relativa alla sicurezza, alla libertà ed alla dignità umana, cui non si può recare danno neanche nell ambito della indiscussa libertà dell iniziativa privata

3 Lavoro e salute Fino al 1700 la principale conseguenza negativa nota del lavoro è stata la fatica fisica. Con l avvento della rivoluzione industriale (1760) e l uso dell energia idraulica e del vapore, sono stati introdotti nuovi fattori di rischio: rumore, prodotti chimici, agenti biologici, rischi meccanici

4 Rischio chimico: Tutti i rischi per la salute, la sicurezza e per l ambiente derivanti dalla detenzione e dall uso di sostanze chimiche naturali o di sintesi necessarie per lo svolgimento delle diverse attività lavorative. Tutte le sostanze sono dei veleni Non vi è nulla che non sia veleno Solo la dose differenzia un veleno da un rimedio Paracelso 1500

5 Vantaggi della chimica Il progresso effettuato negli ultimi due secoli parla un linguaggio chimico; infatti chimica vuole dire: vetri, farmaci, insetticidi, fertilizzanti, fibre tessili,, colle, vernici, materiali da costruzione, resine, etc La chimica ha invaso la nostra vita, ha messo a disposizione nuovi alimenti, nuovi materiali, ha sostituito il legno e i metalli con prodotti a più buon mercato permettendo ai ceti medi a reddito minore di utilizzare oggetti altrimenti inaccessibili

6 Svantaggi della chimica Accanto ad indubbi benefici, gravi fenomeni di inquinamento e di diffusione di composti non sempre innocui, hanno seguito di pari passo lo sviluppo dell industria chimica: Quale è il beneficio, quale è il rischio, quanto del rischio è evitabile? Quanto dei lati negativi della chimica sono dovuti al profitto, quanto all imprudenza (Minamata, Seveso Bhopal, Chernobyl

7 Presenza della chimica nella nostra vita Il manifestarsi di emozioni come amore, rabbia, la memoria non sono altro che processi chimici dovuti al rilascio di composti chimici: i mediatori Anche in cucina durante la preparazione dei cibi avvengono numerose reazioni che alterano la struttura e la composizione degli alimenti creando le condizioni per migliorare e rendere gustosi prodotti che se non trattati risulterebbero gradevoli al gusto

8 Cibi e chimica Un esempio è il cacao: cibo degli dei, ricavato dai semi dell albero. I semi lasciati essiccare al sole fermentano producendo tra l altro alcool, acido acetico e feniletilammina La feniletilammina possiede azione sul SNC, fa aumentare il livello degli zuccheri ematici, la pressione, da sensazioni di benessere, migliore lucidità e induce uno stato di eccitazione.

9 Il laboratorio in cucina Il grasso della Bistecca che cuoce sulla griglia con il calore si scinde liberando glicerina, questa perdendo acqua produce acroleina. L acroleina bolle a 53 C e quindi nelle condizioni di cottura tende a sfuggire producendo il caratteristico rumore della carne cotta alla brace (sfrigolio)

10 Chimica e vita Un esempio di applicazione utile di un agente pericoloso e quello della sodioazide (NaN 3 ) negli airbag. La proprietà esplosiva di questo composto è usata per gonfiare il palloncino. La sostanza quando innescata esplode producendo azoto che riempie istantaneamente il palloncino (25 millesimi di secondo).

11 L odore peggiore del mondo Questo primato spetta al metilmercaptano, viene prodotto dalla decomposizione dell allicina (aglio) nello stomaco. Viene anche prodotto dai batteri a livello della mucosa orale ed è responsabile dell alito cattivo (l uomo è in grado di recepire parti per miliardo) Il caratteristico odore viene sfruttato nelle reti di distribuzione del gas naturale per riconoscere eventuali perdite.

12 Definizione di rischio In medicina del lavoro il rischio viene diviso in due aspetti, da una parte troviamo il rischio intrinseco determinato dalle caratteristiche di un agente (toxicity), dall altra il rischio inteso come probabilità che si realizzi un evento avverso (risk) Sostanze tossiche, alle quali non è esposto nessun lavoratore (contenitore chiuso), agenti poco tossici ai quali sono esposti diversi lavoratori

13 Definizione di rischio Nel primo caso si parla di alta toxicity e risk praticamente assente e nell altro si parla di bassa toxicity e presenza di risk derivata da un certo numero di esposti In pratica, è proprio l esposizione (assente nel primo caso e presente nel secondo), l elemento che caratterizza le due situazioni e le rende diverse a livello di prevenzione.

14 Origini della medicina del lavoro Il padre della moderna medicina del lavoro è Ramazzini autore nel 1713 del famoso De morbis artificum diatriba. minatori (metalli), i vasai (piombo) i vetrai (antimonio), gli stagnai (stagno e rame), vuotatori di latrine (rischio biologico e chimico). E il primo medico a fare oggetto di trattazione sistematica delle malattie del gens popularis correlate al lavoro che è contemporaneamente mezzo di sostegno e causa di malattia.

15 Igiene del lavoro e ambientale Ramazzini è stato un innovatore anche nel campo dell igiene, infatti affermava che: un buon bagno caldo e abiti puliti costituiscono un ottima medicina. I seguaci di Paracelso, al contrario predicavano che l ammalato stesse a letto senza cambiare le camice e le lenzuola per non diminuire le forze. E ad opera di un altro italiano L. Devoto l apertura nel 1910 a Milano della prima clinica del lavoro

16 Definizione di agente e preparato Per agente chimico si intendono tutti gli elementi ed i relativi composti, provenienti da risorse naturali e da processi di sintesi, sia nella forma che deriva dallo specifico impiego che nella forma per cui vengono smaltiti come rifiuti e comunque in qualsiasi modalità ci si trovi in loro presenza. Preparato, insieme di due o più agenti chimici

17 Classificazione agenti e preparati NON pericolosi: acqua potabile e l aria atmosferica in condizioni normali NON Pericolosi come tali ma dipendenti dall impiego: L acqua ad elevata temperatura, l aria compressa

18 Classificazione agenti e preparati Pericolosi ma non classificati come tali dalle norme: Materiali organici degradati maleodoranti, acque di scarico, farmaci, fumi di saldatura, etc... Pericolosi cosi come classificati dalle norme: fanno parte di questo gruppo la maggior parte delle sostanze e preparati normalmente presenti sul luogo gi lavoro.

19 Rischio chimico I fondamenti della sicurezza e dell igiene sul lavoro si fondano sui DPR 547/55 e 303/56. Sostanzialmente il rischio da agenti chimici è riconducibile a tre eventi: Rilascio improvviso di energia termica, Rilascio improvviso di energia barica, Rilascio di prodotti pericolosi per la salute dell uomo e dell ambiente (gas, vapori, polveri fumi)

20 La valutazione della nocività di una lavorazione in termini di rischio potenziale nelle reali situazione si basa su: Pericolosità della sostanza Classificazione ed etichettatura Frequenza di utilizzo Occasionale, puntuale, discontinua, continua Quantitativi usati Da insignificanti a molto rilevanti

21 Etichettatura L etichetta permette di identificare i rischi noti, deve contenere le seguenti informazioni: Nome del prodotto e del produttore Numero CE e numero CAS Simboli di pericolo, neri su sfondo arancione (pittogrammi) Frasi di rischio, Frasi di sicurezza, Caratteristiche chimico fisiche

22 Etichettatura e frasi di rischio Tutte le informazioni devono essere fornite dal produttore e/o distributore Le frasi di rischio R mettono in evidenza i rischio derivanti dalla manipolazione Le frasi S indicano le precauzioni e le misure da adottare al fine di una corretta gestione dei prodotti chimici L etichetta tiene conto di tutti i rischi connessi con la normale manipolazione

23 Classificazione dei preparati Agente Conc. Classificazione Frasi di rischio NaOH >5% Corrosivo R35 provoca gravi ustioni NaOH 2-5% Corrosivo R34 provoca ustioni NaOH 0,5-2% Irritante R36/38 irritante per la pelle e occhi NaOH <0,5% Non classificato Nessuna frase di rischio

24 Classificazione preparati Agente Conc Classific. Frasi di rischio NaClO >10% Corrosivo R31 e R34 provoca ustioni e libera gas tossici NaClO 5-10% Irritante R31 e R36/38 NaClO <5% non classificato Ac muriatico >25% Corrosivo R35 provoca ustioni Ac. muriatico 10-25% Irritante R36/38 irritante pelle e occhi

25 Rischio lavorativo Ogni anno nel mondo circa 2 milioni di persone perdono la vita a causa di incidenti sul lavoro o per malattia professionale. In Europa, ogni anno si verificano infortuni mortali e circa cinque milioni di incidenti invalidanti con referti di otre 3 giorni. La CE per far fronte a tale problema ha auspicato una maggiore diffusione della cultura della prevenzione.

26 Rischio lavorativo: perché la formazione? L attuazione di programmi preventivi basati sul coinvolgimento informato di tutti gli attori inclusi i lavoratori riduce il numero di infortuni In Germania campagne informative sulle cadute dall alto in edilizia hanno ridotti l incidenza del 30% In Finlandia campagne basate sul mantenimento dell ordine e pulizia del posto di lavoro, ha ridotto gli infortuni del 20-30%

27 Protezione e prevenzione Le attività di laboratorio comportano pericoli intrinsechi che si possono trasformare in rischio Le misure di prevenzione possono ridurre a livelli ragionevoli pericoli e rischi Le misure di protezione proteggono il personale dai possibili danni

28 Protezione e prevenzione Prioritariamente devono essere adottati mezzi di protezione collettivi (attività a rischio solo all interno della cappa- captazione all origine) Quando i mezzi di protezione collettivi non sono sufficienti, è necessario ricorrere ai DPI, i quali devono essere appropriati al livello di rischio (guanti a perdere, occhiali, mascherine, calzature. I DPI devono essere mantenuti in buono stato

29 Incidenti e Infortuni Incidente: evento anomalo nello svolgimento di un attività, improvviso e imprevisto o di cui è comunque imprevedibile il momento dell accadimento Infortunio: Incidente che provoca lesioni, ovvero evento lesivo dovuto ad una causa violenta e improvvisa

30 Cause infortunio Oggettive: riguardano le condizioni ambientali (aria, luce, calore, umidità, rumore), sicurezza delle attrezzature (mancanza di protezioni, carenze progettuale, impianti obsoleti) Soggettive: riguardano il fattore umano vale a dire distrazioni, errori, inesperienza, carenze formativa 80% infortuni sono dovuti a fattori soggettivi che per la maggior parte sono associati a carenze oggettive

31 D.Lgs 25/02 titolo VII bis 626 (protezione da agenti chimici) Le disposizioni si applicano a tutti i luoghi di lavoro ove siano presenti agenti chimici Si devono considerare non solo quelli inclusi nella classificazione ai sensi del D.Lvo 52/97 e 285/98. Anche quelli non classificati come pericolosi ma comportanti un rischio a causa delle loro proprietà chimico-fisiche o tossicologiche e/o per il modo in cui sono usati.

32 Rischio chimico: Contatto o introduzione di agenti nell organismo Rischi per le sicurezza: Infortunistici Incendio, esplosione, contatto cutaneo con sostanze irritanti e/o corrosive Rischi per la salute: Igienico ambientale Esposizione a sostanze tossiche e/o nocive, cancerogene

33 Rischio chimico L introduzione di una agente chimico nell organismo può avvenire attraverso le tre tipiche vie di contaminazione: Ingestione-assorbimento gastrico Contatto cutaneopelle assorbimento attraverso la Inalazione con successiva deposizione nell apparato respiratorio e assorbimento polmonare

34 Rischio chimico La via più importante di contaminazione è quella inalatoria (superficie alveolare 80 m 2, la respirazione è un atto involontario ma indispensabile alla vita, litri di aria al giorno); seguono il contatto cutaneo (superficie corporea 1,8 m 2 ) e l ingestione. L esposizione può essere ACUTA (infortunio) o CRONICA, senza apparenti effetti immediati, possono emergere dopo esposizioni protratte nel tempo (malattie professionali)

35 Circolazione agenti chimici La sostanze chimiche e i relativi preparati per poter circolare liberamente sul mercato europeo devono essere classificati ed etichetti in base alla loro tossicità/nocività secondo criteri stabiliti in sede di Comunità Europea (CEE) ora UE. L etichettatura viene stabilita con le direttive di prodotto a cui i paesi membri devono attenersi L obbligo della notifica esiste solo dal 1981 e spetta ai produttori e ai distributori

36 Prodotti chimici esistenti Sostanze chimiche naturali e di sintesi 44 milioni Di uso corrente Farmaci Additivi alimentari Cancerogeni potenziali Cancerogeni sospetti Cancerogeni accertati Dossier tossicologico competo 6.000

37 Sostanze chimiche conosciute ed utilizzate Sostanze registrate nel CAS fino ad aprile 2002: 44 milioni Sostanze presenti nel mercato europeo nel 1981, EINECS 1990: Sostanze immesse nel mercato europeo dopo il 1981, ELINCS,2000: 2000

38 Agenzia Europea per la sicurezza e la salute Un quinto dei 32 milioni di lavoratori sono potenzialmente esposti a sostanze pericolose Il 22% inala fumi e vapori tossici per almeno un quarto del tempo lavorativo Per due terzi dei agenti chimici usati non sono disponibili dati tossicologici completi 20% delle schede di sicurezza contengono errori e/o omissioni

39 Chimica e salute Il 2003 è stato l anno della chimica sicura, emanazione di programmi preventivi intesi alla salvaguardia della salute. UE sta studiando per quanto concerne le sostanze chimiche un nuovo sistema di concessioni e autorizzazioni specifico per determinate sostanze (REACH)

40 Sostanze pericolose In tutta l UE sono considerati pericolosi, e come tali regolamentate, le sostanze e i preparati che rientrano in una delle seguenti categorie: Esplosivi, Ossidanti e comburenti Infiammabili, facilmente infiammabili e altamente infiammabili Corrosivi e irritanti Nocivi, tossici, cancerogeni, teratogeni,mutageni Pericolosi per l ambiente

41 Esempi di agenti pericolosi Esplosivo allo stato secco R1: nitrocellulosa Pericolo di esplosione per riscaldamento R5: acido perclorico Rischio di esplosione se combinato con comburenti R16: fosforo rosso Rischi di reazione violenta con l acqua R14: cloruro di acetile, ossicloruro di fosforo, metalli alcalini come sodio potassio e litio

42 Reazioni violente con acqua L aggiunta veloce di acqua ad acidi forti concentrati (HCl, H 2 SO 4 ) o a basi forti (KOH, NaOH) è rischiosa e porta a schizzi violenti. Si raccomanda di versare lentamente l acido o la base in acqua fredda, ma mai l opposto facendo scendere lentamente e sotto agitazione l acido o la base lungo le pareti del contenitore

43 Uso sicuro sostanze chimiche Mai usare sostanze infiammabili vicino ad una fiamma o una fonte di calore Non conservare contenitori di solventi infiammabili su scaffali o ripiani o sopra il piano di lavoro (collocati in armadi ventilati) Non conservare liquidi volatili infiammabili in contenitori non chiusi in frigo. I frigoriferi devono avere un termostato esterno e nessuna luce interna (frigo sicuro)

44 Esempi di incompatibilità Agenti Sostanze incompatibili Reazioni violente Rilascio di gas tossici esotermiche Acidi minerali Acqua e basi HCl, HNO 3 Cianuri, azidi. Ipocloriti HClO 4 Mat. Organici ++ Legno, alcoli Ossidanti KMnO 4 Idrocarburi polveri riducenti ++

45 Indicazioni dei produttori Tutti i prodotti devono essere utilizzati da personale qualificato, per molti prodotti attualmente non sono disponibili dati sulla pericolosità potenziale La responsabilità sull uso sicuro è a carico esclusivamente del cliente e/o utilizzatore finale L assenza di un simbolo di pericolosità non va interpretata come un indicazione di sicurezza

46 Scheda di sicurezza Deve essere composta da 16 voci, redatta nella lingua del paese di impiego; i produttori e responsabili dell immissione sul mercato sono obbligati a metterle a disposizione degli utenti, Gli utilizzatori sono tenuti a richiederla e conservarla in un luogo sicuro accessibile a tutti. Le informazioni devono costituire il punto di partenza per individuare i pericoli a cui i lavoratori sono esposti.

47 Scheda di sicurezza: informazioni Identificazione della sostanza e/o preparato Composizione, misure di primo soccorso Misure antincendio e fuoriuscita accidentale Manipolazione e stoccaggio, stabilità, reattività Dati tossicologici ed ecotossicologici Controllo esposizione e protezione individuale informazioni sul trasporto e sullo smaltimento

48 Agenti pericolosi in ambito domestico Estremamente infiammabili Facilmente infiammabili Nocivi Gas bombolette spray Alcool etilico Acetone Ammoniaca in soluzione Corrosivi Irritanti Soda caustica, ac. muriatico amuchina

49 Etichettatura di alcune colle Sostanza di uso domestico e simbolo di pericolosità Frasi di rischio Bostik ultrarapido Xn R Araldite T+ R36-37 e 38 UHU Plus indurente Xi R

50 Gerarchie di prevenzione dei rischi La UE ha emanato precise gerarchie comportamentali ai fini della riduzione dell esposizione: Eliminazione- il modo più sicuro per abbattere i rischi è quello di eliminare la necessità di utilizzo di un agente pericoloso, modificando il processo lavorativo o il prodotto di cui si fa uso.

51 Gerarchie riduzione rischio Sostituzione- ricorso ad indagine conoscitiva sulla possibilità di sostituzione con agente o processo meno pericoloso. Controllo- qualora non fosse possibile eliminare o sostituire un agente devono essere messe in atto metodologie per ridurre l esposizione ricorrendo alla separazione fisica delle aree a rischio, al controllo delle emissioni, alla riduzione del numero dei lavoratori e dei tempi di esposizione

52 Rischio chimico nei laboratori I laboratori di ricerca costituiscono un ambiente di lavoro particolare, sono caratterizzati dal continuo cambiamento delle attività e dalla elevata mobilità del personale. Una caratteristica tipica dei laboratori di ricerca è data dalla presenza di un elevato numero di agenti chimici, memoria di vecchie e nuove sperimentazioni ai quali i lavoratori possono essere potenzialmente esposti.

53 Stato fisico agenti e salute La contaminazione in ambito lavorativo da sostanze chimiche si può presentare sotto forma di: GAS, VAPORI, LIQUIDI e POLVERI. Nel caso di gas e vapori siamo in presenza di un solo stato fisico, c è una perfetta miscibilità tra il contaminante e l atmosfera Nel caso di un aerosol c è la coesistenza di due fasi: dispersione di una fase liquida e/o solida nella fase gassosa, l atmosfera.

54 Polveri e fumi La differenza tra polveri e fumi è dovuta alla loro origini: le polveri sono generate da processi meccanici su un solido (taglio, macinazione, levigatura, etc..). I fumi sono prodotti da reazioni chimiche o da passaggi di stato, quali combustioni più o meno complete, condensazioni successive a vaporizzazioni

55 Polveri e fumi La differenza principale tra questi due tipi di contaminanti consiste nel fatto che le polveri generalmente hanno la stessa composizione chimica del materiale di partenza, mentre per i fumi accadrà il contrario (arricchimento in composti più volatili), i fumi presentano inoltre un diametro delle particelle di dimensioni inferiori a quelle delle polveri.

56 Protezione della salute Fino a poco tempo fa in Italia non esistevano valori limiti di concentrazione ufficiali, si faceva riferimento ai TLV americani ACGIH, prevedeva tre diverse categorie di limiti di esposizione: 1) TLV-TVA media ponderale calcolata su una giornata lavorativa 2) TLV-STEL limite per brevi periodi di esposizione (ammoniaca, cloro gassoso, alcool metilico)

57 Protezione della salute 3) TLV-C (celting). Limite per brevissimo tempo di esposizione, la relativa concentrazione non deve essere superata neanche per pochissimo tempo, decine di secondi. Valido per sostanza estremamente tossiche come: acido cianidrico, aldeide formica, acido cloridrico

58 Problemi posti dai TLV Considerano solo la popolazione adulta Non distinguono tra uomini e donne, non tengono conto dello stato di gravidanza e allattamento Non tengono conto dell età Non tengono conto della suscettibilità individuale Non tengono conto delle diverse abitudini alimentari, consumo di alcool, uso di tabacco e droghe Devono essere usati da personale esperto e fungere da guida per i medici

59 Normativa italiana e valori limiti Il D.Lgs 66/00 ha introdotto valori limiti di esposizione professionale per : Benzene, amianto, polveri di legno duro e cloruro di vinile monomero Il D.Lgs 25/02 ha introdotto limiti per il piombo Il Decreto n 58 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 26 febbraio 2004, ha emanato un prima lista di valori limiti professionali relativamente a 68 agenti chimici

60 Utilizzo sicuro degli agenti pericolosi Per utilizzare un agente pericoloso è obbligatorio l esame preventivo di tutte le possibili fonti di rischio derivanti dalle varie modalità operative. Comunicare l acquisto degli agenti pericolosi Adottare le misure preventive e protettive del caso, comunicare ai colleghi l utilizzo di un agente tossico. Indagini relative alla sua possibile sostituzione Riduzione al minimo del personale addetto Segnalare immediatamente eventuali anomalie.

61 Processi mentali per un corretto uso Esame composizione pericolosità materie prime usate Quali agenti di rischio? Esame condizioni operative e del processo lavorativo Valutazione della postazione di lavoro Come si generano gli agenti chimici e sotto quale forma: gas, vapore, polvere? Quale è la via più probabile di contaminazione?

62 626 e Tutor Il tutor come previsto dal D.Lgs 626/94 ha il dovere di formare ed informare i suoi collaboratori (laureandi, borsisti contrattisti, stagisti, ecc..) sugli eventuali rischi da esposizione a sostanze pericolose e dal relativo utilizzo.

63 Cappe chimiche Le cappe sono da considerarsi zone di potenziale pericolo. All interno possono svilupparsi atmosfere infiammabili, esplosive e tossiche. Controllare il funzionamento (foglio di carta) Evitare di creare correnti Lavorare con il frontale abbassato (40 cm) Mantenere pulita e ordinata Non usare la cappa per lo smaltimenti di liquidi e solventi Apparecchiature elettriche a sicurezza

64 Prestazioni cappe chimiche Didattica, tossicità trascurabile 0,3 m/s Tossicità moderata 0,5 m/s Tossicità elevata e moderata radioattività 0,7 m/s

65 Cappe chimiche I sistemi di abbattimento sono consigliati in caso di elevate concentrazioni di sostanze tossiche e nocive La periodicità della sostituzione dei filtri varia in relazione all uso alla portata e all agente. In ogni caso la sostituzione deve avvenire ogni 9-1 mesi, indipendentemente dall uso

66 La fiamma prodotta da gas Un altro rischio da considerare e la fiamma prodotta dal bunsen Lo spegnimento accidentale può provocare la fuoriuscita di gas con pericolo di esplosione o avvelenamento (Usare bunsen di sicurezza) Posizionare il bunsen non in corrispondenza di sorgenti di luce Sostituire periodicamente le tubazioni

67 Norme comportamentali Al fine di ridurre il rischio di innesco, lo sviluppo di incendi e per ridurre il rischio di esposizione è necessario che: Reazioni che comportano lo sviluppo di gas, cromatografie su colonna, rotavapor, travaso di solventi, specie se volatili vengano effettuate sotto cappa chimica. Non introdurre in laboratorio sostanze e oggetti estranei all attività lavorativa (oggetti personali e vestiti)

68 Norme comportamentali Tutti i flaconi devono essere etichettati in modo da poter riconoscere in qualsiasi momento il contenuto. Non lavorare da soli in laboratorio Non lasciare reazioni chimiche senza controllo Non abbandonare materiali non identificabili sotto cappa Riferire sempre al responsabile eventuali incidenti o condizioni di non sicurezza

69 Contenitori etichettati: perché! 18 giugno 2003, Acido in un bicchiere di acqua minerale servito al bar, grave una giornalista RAI Luglio 2003, Ferrara, uomo ucciso dal diserbante usato dalla moglie per preparare il caffè Roma, luglio 2003, Biologa beve un prodotto tossico (soda caustica) contenuto in un bottiglia di acqua minerale con tanto di etichetta presso l ospedale San Giacomo

70 Norme comportamentali Evitare l eccessivo affollamento nei laboratori Al termine delle attività rimuovere dai piani di lavoro la vetreria e le attrezzature utilizzate. Raccogliere, separare ed eliminare in modo corretto i rifiuti chimici, solidi e liquidi. E vietato scaricarli in fogna o abbandonarsi nell ambiente In laboratorio è vietato bere, mangiare e fumare Non conservare cibi nei frigoriferi

71 Norme comportamentali Non pipettare a bocca, usare propipette Si sconsiglia l uso di lenti a contatto poiché possono essere causa di un accumulo di sostanze nocive e, in caso di incidente, possono peggiorare le conseguenze o pregiudicare le operazioni di primo soccorso. Non tenere in tasca forbici, spatole o provette, è scoraggiato l uso di tacchi alti e scarpe aperte, i capelli devono essere tenuti raccolti.

72 Norme comportamentali Non toccare maniglie, telefono e altri oggetti con i guanti con cui si sono maneggiate sostanze chimiche. E tassativamente vietato l uso dei guanti al di fuori del laboratorio La vetreria rotta deve essere immediatamente eliminata Non tentare di risolvere problemi da soli ma avvisare il responsabile del laboratorio

73 Misure igieniche In laboratorio usare sempre un camice con gli elastici ai polsini confezionato con fibre non sintetiche Non bere nella vetreria da laboratorio Lavarsi le mani dopo ogni manipolazione Legarsi i capelli se sono lunghi Pulire la postazione di lavoro alla fine della giornata lavorativa

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica

Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Gestione del Rischio Chimico nei laboratori di ricerca e di didattica Definizioni Danno: alterazione transitoria o permanente dell organismo umano o/e delle sue funzioni Danno biologico: infortunio o malattia

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti Scheda di Sicurezza per: Temp Bond Clear Base Paste Kerr Italia SpA Nome Commerciale del Prodotto: Temp Bond Clear Base Paste SCHEDA DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva Comunitaria 91/155 Sezione I -

Dettagli

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999

MSDS - Scheda. Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia. Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 MSDS - Scheda dati di Sicurezza Seieffe Industrie Via Appia Km 240,300 82013 BONEA (BN) Italia Tel.: +39 0824 847911 Fax: +39 0824 847999 okite@okite.com www.okite.com 6 - MSDS - Scheda dati di Sicurezza

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE

D.Lgs. 81/08 Titolo IX SOSTANZE PERICOLOSE Dipartimento Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC della Sicurezza e Igiene sul Lavoro STOP DALLA SCUOLA UN LAVORO SICURO Corso L ABC

Dettagli

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92

SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 pag. 01/06-NTM25 SCHEDA informativa di SICUREZZA DM 04-04-97, DM 28-01-92 Data di emissione : 5 agosto 1998 Versione N. : 3 1. DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO 1.1 Nome commerciale : 1.2 Società produttrice

Dettagli

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IL RISCHIO CHIMICO DISPENSA MONOGRAFICA

FORMAZIONE DEI LAVORATORI IL RISCHIO CHIMICO DISPENSA MONOGRAFICA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IL RISCHIO CHIMICO DISPENSA MONOGRAFICA Il rischio chimico Il rischio chimico va inteso come l insieme dei rischi potenzialmente connessi con l impiego di sostanze chimiche. Ne

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA Pagina 1 di 9 SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA NITRATO POTASSICO / MULTIGREEN NK 13.0.46 1. Identificazione del prodotto e dell azienda 1.1. Identificazione della sostanza / preparato: - Denominazione NITRATO

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA Filtro in Fibra di Vetro 1 ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: Filtro in Fibra di Vetro (Tipo VBB) 1 (180g/m 2 ) 1.2. Società distributrice: D.L.G.

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

: Mr Muscolo Idraulico gel

: Mr Muscolo Idraulico gel 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ MISCELA E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Informazioni sul prodotto Nome del prodotto Utilizzazione della sostanza/della miscela : : Disingorgante Società : S.C. Johnson Italy

Dettagli

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo

Simboli di pericolo simboli di pericolo sostanze formulazioni prodotti simboli di pericolo Simboli di pericolo I simboli di pericolo vengono usati per etichettare le sostanze pericolose, come previsto dalle normative vigenti sull argomento. La Ordinance on Hazardous Substances è una regolamentazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO 1 IDENTIFICAZIONE PREPARATO E SOCIETA PRODUTTRICE 1.1 Denominazione commerciale : DILUENTE DELCO 1.2 Ditta produttrice : MGR ELECTRO SRL 1.3 Numero telefonico : 02/9660699

Dettagli

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!!

SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Bologna 27 / 05 / 2011 SOSTANZE CHIMICHE COME FONTE DI INCIDENTI E DI INFORTUNI Non solo Seveso!!! Gabriella Nicotra - Giuliano Marchetto Andrea Mazzetti INFORTUNIO. Evento improvviso (a volte brutale)

Dettagli

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140

Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 SCHEDA DATI DI SICUREZZA redatta in conformità alla direttiva 91/155/CE e successive modifiche e integrazioni Schiuma Antifuoco PUFS 750 (B1) Art. F3892 140 1. Elementi identificativi della sostanza o

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti Kerr Italia SpA Nome Commerciale del Prodotto: Mirror 3 Adhesive (V.P.S.) SCHEDA DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva Comunitaria 91/155 Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore Data

Dettagli

PASTA VERDE VIKY SUPER

PASTA VERDE VIKY SUPER SCHEDA DI SICUREZZA COMPILATA AI SENSI DEL REGOLAMENTO CE 19072006 - REACH - All II Liv. revisione: 00 Emissione: 24022010 Revisione: Eulab codex: PF0011 Stampa: 03032010 Pag. 15 1. IDENTIFICAZIONE DEL

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009

SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 SCHEDA DI SICUREZZA Data di revisione: 30/06/2009 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Descrizione commerciale: GRASSELLO 1.2 Usi previsti: Settore industriale: Edilizia Tipo di Impiego:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006

SCHEDA DI SICUREZZA DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006 SCHEDA DI SICUREZZA UFO ULTRA FINE OIL DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Nome commerciale UFO - ULTRA FINE OIL Identificazione

Dettagli

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE

Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE Scheda dati di sicurezza 1907/2006/CE 1. Identificazione della sostanza e della società 1.1. Identificazione della sostanza o preparato: Idrossiprogesterone 17-Caproato 1.2. Identificazione della società:

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL

SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SCHEDA DATI DI SICUREZZA DETONATORI DAVEYNEL SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DEL MATERIALE E DEL FORNITORE 1.1 Identificazione del prodotto: Detonatori non-elettrici con tubo ad onda d urto (serie 42000) Detonatori

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008

LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008 AGENTI CHIMICI LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008 informazioni per la tutela della sicurezza e della salute di lavoratori e cittadini aggiornato ai Regolamenti REACH e CLP nell ambito del Progetto nell

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Rev. 1 Novembre 2008 Pag.:1/5 1 Materiale / Processo e Società 1.1 Nome del prodotto: "URSA XPS" 1.2 Dati del fabbricante: 1.2.1 Distributore per l Italia: URSA ITALIA s.r.l. via Paracelso, 16 20041 Agrate

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL Pagina 1 di 9 1. INFORMAZIONI GENERALI: IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DEL PRODOTTO 1.1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Conglomerato cementizio fresco, prima dell indurimento. In base alla diversa miscelazione

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA

SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA SCHEDA DI INFORMAZIONI TECNICHE E DI SICUREZZA (DIRETTIVE CEE 88/379-93/112-D.M. SANITA' 28-1-92) 1. - IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA' RESPONSABILE DELL' IMMISSIONE IN COMMERCIO : Nome del

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda di Sicurezza. Sottofondo-Superleggero-Termoisolante. 0583.379028/370480 0583.370964 ufficiotecnico@marraccinilucca.

Scheda di Sicurezza. Sottofondo-Superleggero-Termoisolante. 0583.379028/370480 0583.370964 ufficiotecnico@marraccinilucca. Scheda di Sicurezza 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA - PREPARATO E DELLA SOCIETA' Nome commerciale del prodotto MAX 250 Impiego Identificazione della società Numero telefono emergenza : 2. IDENTIFICAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE M A C E D O N I O M E L L O N I Viale Maria Luigia, 9/a 43125 Parma Tel 0521.282239 360 1023646 Fax 0521.200567 info@itemelloni.gov.it www.itemelloni.gov.it PROT.N.6405/A02F

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA pagina 1/5 1. Identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale: 1.2 Utilizzi rilevanti identificati della sostanza o miscela e utilizzi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. Data di emissione della scheda : 08/06/2012 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione del

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE

SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 8 revisione del 20/10/2014 SCHEDA DI SICUREZZA DEI GRANULI DI GUSCI DI NOCE 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Nome commerciale: Granuli di noce. 1.2. Nome del prodotto: Granuli di gusci di noce. 1.3.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ( 91 / 155 / CEE )

SCHEDA DI SICUREZZA ( 91 / 155 / CEE ) 1. ELEMENTI IDENTIFICATORI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA / IMPRESA 1.1. Denominazione commerciale: FILTRO LH (FIBRA DI VETRO) 1.2. Società: VER-AIR S.r.l. via Ticino,5 37057 S.Giov.Lupatoto

Dettagli

Scheda di sicurezza vernice acrilica per carrozzeria

Scheda di sicurezza vernice acrilica per carrozzeria Scheda di sicurezza del 19/3/2004, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETÀ Nome commerciale: Tipo di prodotto ed impiego: vernice Fornitore: Technokem Srl Via Marco Polo, 2 36010 Cogollo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02

14808-60-7 Sabbia silicea-quarzo alfa ~ 50 (Frazione respirabile <5µm) < 0,02 WCOLCLASSGR pag. 1 di 5 1 - Identificazione del prodotto (preparato) Codice del prodotto : 23023/23101/23391/23291/23431 Nome commerciale : WEBER.COL CLASSIC PLUS PRESTIGE - PROGRES GRIGIO Natura del prodotto

Dettagli

Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa

Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA COME DA DIRETTIVE 2001/58/CE E 1999/45/CE REDATTA SECONDO DECRETO MINISTRO DELLA SALUTE DEL 07/09/02 E DLGS 13/03/03 N. 65 Pag. 1 di 5 1. Identificazione della

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA. Lisozima (proteina enzima).

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA. Lisozima (proteina enzima). Oenozym Lyso 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome prodotto: Oenozym Lyso Sinonimi: Lisozima (proteina enzima). Sostanza/preparazione: Preparazione enzimatica in polvere

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

Via S. Giuliano, 4 30173 Mestre (Ve) Telefono: 041-5319066 Fax: 041-5312872

Via S. Giuliano, 4 30173 Mestre (Ve) Telefono: 041-5319066 Fax: 041-5312872 POTASSIO NITRATO CRISTALLINO M-0696 Pag. 1/8 1). Identificazione del Prodotto e della Società. Nome del Prodotto: Sodio e Potassio Nitrato Venditore: I.C.B. S.p.A. Indirizzo: Via S. Giuliano, 4 30173 Mestre

Dettagli

1. Prodotto / preparazione e dati del produttore

1. Prodotto / preparazione e dati del produttore 1. Prodotto / preparazione e dati del produttore Identificazione del prodotto: Nome commerciale : Produttore : Isel - Automation Tel.: 0049-6672-898-0 Am Leibolzgraben 16 Fax.: 0049-6672-898-888 36132

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA secondo il Regolamento (CE) Num. 1907/2006 Versione 5.1 Data di revisione Data di stampa 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ / IMPRESA 1.1 Identificatori

Dettagli

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment Dipartiment Dipartimento Sociale NOTA INFORMATIVA SINTETICA PER L APPLICAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NEI LAVORI IN AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO ART. 66 D.LGS. 81/08 Luglio 2009

Dettagli

Informazioni sul prodotto e istruzioni relative alla lavorazione 1

Informazioni sul prodotto e istruzioni relative alla lavorazione 1 1 1 1. Elementi identificativi del prodotto e della società/impresa produttrice Denominazione del prodotto: materiale isolante in lana di roccia Uso e funzione: materiale isolante in lana di roccia per

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Pagina: 1 Data di compilazione: 11/1/12 N revisione: 4 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome del prodotto: Codice di stock:

Dettagli

Scheda di sicurezza ANTISTATICO DATT SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza ANTISTATICO DATT SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Ausiliario per l'industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o preparato Codice: 199278 Denominazione 1.2 Utilizzazione della

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Domenico Maria Cavallo Dipartimento di Scienze Chimiche ed Ambientali Università degli Studi dell Insubria 1 Definizione di Rischio La definizione di rischio non è unanime

Dettagli

88Dent Digital Dental Community ISTRUZIONI PER L USO

88Dent Digital Dental Community ISTRUZIONI PER L USO 88Dent Digital Dental Community ISTRUZIONI PER L USO Rivestimento fosfatico Universale veloce per tutti i tipi di leghe preziose e vili Rapporto di miscelazione: 100g 27ml Lavorazione: versare il dosato

Dettagli

Scheda di sicurezza Malta Collante Ytong

Scheda di sicurezza Malta Collante Ytong Pagina 1 / 6 1: Identificazione del prodotto 1.1: Nome del prodotto / nome commerciale: Nome 1.2: Applicazioni Edilizia 1.3: Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Nome Malta collante

Dettagli

Scheda di sicurezza Secondo regolamento nr. 1907/2006 (REACH) Secondo regolamento nr. 453/2010

Scheda di sicurezza Secondo regolamento nr. 1907/2006 (REACH) Secondo regolamento nr. 453/2010 Versione: 2.0.0 Data compilazione: 18.02.2013 Pagina:1/7 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa. 1.1 Identificatori del prodotto. Numero articolo (produttore):/ Nome

Dettagli

Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Linee Guida per lo STOCCAGGIO di AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Febbraio 2004 Elaborato da Andrea Chiappini Pagina 1 Sommario: 0. Premessa:...2 1. Definizioni:...3 2. Norme di base per lo stoccaggio di agenti

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 6 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO 1.1 Nome commerciale: TAPPATUTTO BEIGE Monocomponente 1.2 Uso: Usi sconsigliati: Pasta fibrorinforzata a base di resine acriliche, per sigillature impermeabili.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE ACIDO SUCCINICO

SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE ACIDO SUCCINICO Versione 4 Data revisione 01.09.2010 SCHEDA DI SICUREZZA PRODOTTO CHIMICO PER USO INDUSTRIALE Conforme al Regolamento CE n. 1907/2006 ACIDO SUCCINICO 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETÀ NOME

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione del prodotto Codice Prodotto: 6340, 6341, 6342, 6343, 6344, 6347 Denominazione Prodotto: ExperTemp ( tutti i toni)

Dettagli

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it

COFARM srl via matteotti 12-18038 sanremo - Italy phone:0184532703 - fax 0184575445 EMail:info@cofarm-srl.it - www.cofarm-srl.it SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1) IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA - DENOMINAZIONE DEL PRESIDIO EXYDINA 10 - SOCIETA PRODUTTRICE COFARM srl-via MATTEOTTI 12 SANREMO TEL.0184532703 2) COMPOSIZIONE

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Ferro III Cloruro 6-idrato 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli

Norme di comportamento per la prevenzione degli infortuni nel Laboratorio di Chimica

Norme di comportamento per la prevenzione degli infortuni nel Laboratorio di Chimica Norme di comportamento per la prevenzione degli infortuni nel Laboratorio di Chimica Alunno/a classe Durante le attività sperimentali si utilizzano sostanze e apparecchiature che possono diventare pericolose

Dettagli

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA

FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA FOGLIO DI ISTRUZIONI D USO IN SICUREZZA Grigliati in Poliestere Rinforzato con Fibra di Vetro (PRFV) Revisione 5 del 30/12/2014 0. INTRODUZIONE La Normativa Europea sui prodotti chimici N 1907/2 006 (REACH)

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/ DELL'IMPRESA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/ DELL'IMPRESA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/ DELL'IMPRESA Nome commerciale Prod-Nr. 3014, 3015 Fornitore Settore che fornisce informazioni Informazioni d'emergenza Neogard AG Industriestrasse,

Dettagli

Scheda dati di sicurezza Conforme a ( CE ) n.1907/2006-iso 11014-1

Scheda dati di sicurezza Conforme a ( CE ) n.1907/2006-iso 11014-1 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Definizione del prodotto: Uso previsto: Elementi identificatori della società/impresa: Responsabile della scheda di sicurezza: Numero

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA ARGILLA. Argilla di cava

SCHEDA DATI DI SICUREZZA ARGILLA. Argilla di cava S.E.I. SpA SCHEDA DATI DI SICUREZZA (REGOLAMENTO CE 1907/2006, TITOLO IV) Rev. 0 Data 31/5/2008 ARGILLA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Descrizione del prodotto

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva 91/155/EEC 1 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa. 1.1 Identificazione della sostanza DOXORUBICINA CLORIDRATO 1.2 Identificazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA AMBI-PUR CAR PACIFIC AIR

SCHEDA DI SICUREZZA AMBI-PUR CAR PACIFIC AIR 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÁ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome prodotto : Codice del prodotto : Uso Fornitore 120000003362 : Deodorante per ambiente : Sara Lee Household

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA secondo 1907/2006 Pagina 1 di 5

SCHEDA DI SICUREZZA secondo 1907/2006 Pagina 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA secondo 1907/2006 Pagina 1 di 5 Data di revisione: 16.03.2011 Sostituto di scheda dal : 04.02.2010 "*" Indica la sezione aggiornata., n.a. = non applicabile, = nessun dato disponibile

Dettagli

CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE

CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE TITOLO: CECK-LIST VALUTAZIONE IDONEITA DEPOSITI DI MATERIALI/ATTREZZATURE PER LE PULIZIE Indice dei contenuti 1. Verbale di verifica periodica/straordinaria con check list Documenti richiamati Identificazione

Dettagli

Tipo di prodotto ed impiego: Premiscelato monocappa per la protezione e decorazione contemporanea.

Tipo di prodotto ed impiego: Premiscelato monocappa per la protezione e decorazione contemporanea. INTONACI, MALTE E FINITURE AD ELEVATE PRESTAZIONI IP 140 M 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' Denominazione commerciale del prodotto: IP 140 M. Tipo di prodotto ed impiego: Premiscelato

Dettagli

Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico

Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico Università degli Studi MagnaGræcia Facoltà di Farmacia Sicurezza e Comportamento in un Laboratorio Chimico Francesco Ortuso Obiettivi Dare informazioni sul comportamento da tenere in laboratorio. Porre

Dettagli

Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT

Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT Scheda di Sicurezza REPLENISHER PER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE 24KT 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: REPLENISHER BAGNO PLACCATURA ACIDA A SPESSORE

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Frasi H informazioni sui rischi

Frasi H informazioni sui rischi 2 Analisi chimica strumentale Frasi H informazioni sui rischi Pericoli fisici H200 Esplosivo instabile. H201 Esplosivo; pericolo di esplosione di massa. H202 Esplosivo; grave pericolo di proiezione. H203

Dettagli

Scheda dei dati di sicurezza

Scheda dei dati di sicurezza Scheda dei dati di sicurezza Edizione 1.0 Revisione 04.10.2015 Data di emissione 08.10.2015 Seite 1 von 5 1. Classificazione della sostanza Identificazione della sostanza Identificazione della Triptorelin

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA IMPATH DS BUFFER

SCHEDA DI SICUREZZA IMPATH DS BUFFER Pag. 1 di 6 Pubblicato: 11/08/2012 Revisione n.: 1 SEZIONE 1: IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Prodotto: ImPath DS Buffer N. catalogo:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE Conforme al Regolamento Europeo N 453/2010 Uso dentale

SCHEDA DI SICUREZZA MATERIALE Conforme al Regolamento Europeo N 453/2010 Uso dentale 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione del prodotto Codice Prodotto: 1832, 1833, 1631, 1632, 1633, 1675, 1676, 1705, 1834, 1835, 1836, 1837, 3355, 3356

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. (Regolamento CE 1907/2006 - D.L. 65/2003) PARQUET CLEAN PARQUET CLEAN

SCHEDA DI SICUREZZA. (Regolamento CE 1907/2006 - D.L. 65/2003) PARQUET CLEAN PARQUET CLEAN 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/DELL'IMPRESA Identificazione del preparato Uso del preparato Detergente per superfici dure Formati commercializzati Tanica 5 Kg Identificazione della società/dell'impresa

Dettagli

Secondo al regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) Articolo 31 e Allegato II CONFIX. Redatta e stampata il: 15/12/2007 Pagina 1/10

Secondo al regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) Articolo 31 e Allegato II CONFIX. Redatta e stampata il: 15/12/2007 Pagina 1/10 TECHNO SYSTEMS ITALIA srl SCHEDA DI SICUREZZA Secondo al regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH) Articolo 31 e Allegato II CONFIX Redatta e stampata il: 15/12/2007 Pagina 1/10 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA TIMKEN ULTRA HIGH SPEED SPINDLE GREASE

SCHEDA DATI DI SICUREZZA TIMKEN ULTRA HIGH SPEED SPINDLE GREASE SCHEDA DATI DI SICUREZZA TIMKEN ULTRA HIGH SPEED SPINDLE GREASE 1. IDENTIFICAZIONE DELLA PREPARATO E DELLA IMPRESA Nome del prodotto TIMKEN ULTRA HIGH SPEED SPINDLE GREASE Riferimento 344320 Fornitore

Dettagli

Segnaletica rischio chimico

Segnaletica rischio chimico Segnaletica rischio chimico Introduzione: La manipolazione delle sostanze chimiche, presuppone pericoli che in alcuni casi possono essere anche gravi; ogni sostanza chimica, ha un diverso rischio proveniente

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA Data ultima revisione: 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1/5 K5331 Vial 2 HER2 FISH pharmdx Kit K5333 Vial 2 TOP2A FISH pharmdx Kit K5599 Vial 2 Histology FISH Accessory

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa

Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA COME DA DIRETTIVE 2001/58/CE E 1999/45/CE REDATTA SECONDO DECRETO MINISTRO DELLA SALUTE DEL 07/09/02 E DLGS 13/03/03 N. 65 Pag. 1 di 5 1. Identificazione della

Dettagli

SCIVOLANTE per LEGNO

SCIVOLANTE per LEGNO Scheda tecnica Distributore Esclusivo per l Italia : Scivolante per legno Collmon srl. Via F. lli. Cervi,95/P 50010 Campi Bisenzio ( Fi ) Tel. 055/8969733 / E-Mail: info@collmon.it SCIVOLANTE per LEGNO

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Dati del prodotto Utilizzazione della Sostanza / del Preparato Flocculante Produttore/fornitore: BRAIA S.r.l. Viale Mameli,

Dettagli

Il Rischio Chimico. Roberto Tartaglia. Responsabile SPP dei LNGS. D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 25/02. INFN - Sezione di Firenze 15 Settembre 2003

Il Rischio Chimico. Roberto Tartaglia. Responsabile SPP dei LNGS. D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 25/02. INFN - Sezione di Firenze 15 Settembre 2003 Il Rischio Chimico D. Lgs. 626/94 D. Lgs. 25/02 Roberto Tartaglia Responsabile SPP dei LNGS INFN - Sezione di Firenze 15 Settembre 2003 1 Decreto legislativo 25/02 apparso sul Supplemento Ordinario N 40/L

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006 PENNCOZEB DG - IT

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006 PENNCOZEB DG - IT SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 197/26 26/CE CE, Articolo 31 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA IMPRESA Nome prodotto Codice prodotto 4-2 Tipo di prodotto

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

Phone: +(31)(0) 23 55 300 77 Fax: +(31)(0) 23 55 300 70. Componente/ I pericoloso/ I CAS no. % (p/p) Simbolo Frasi R

Phone: +(31)(0) 23 55 300 77 Fax: +(31)(0) 23 55 300 70. Componente/ I pericoloso/ I CAS no. % (p/p) Simbolo Frasi R 1. IDENTIFICAZIONE DELLE SOSTANZE/PREPARATO E DELL'AZIENDA/IMPRESA Nomo del prodotto: Emkarox RL PAG 46 Indirizzo/No. Telefono: Unicorn B.V. 96a, Waarderweg 2031 BR HAARLEM THE NETHERLANDS Phone: +(31)(0)

Dettagli

1. INTRODUZIONE 2. ANALISI DEI RISCHI

1. INTRODUZIONE 2. ANALISI DEI RISCHI 1. INTRODUZIONE La normativa di riferimento per la sicurezza resta il Testo Unico (T.U.) per la sicurezza sui luoghi di lavoro ovvero il decreto legislativo 81/2008. In esso si evince chiaramente come

Dettagli

I PRODOTTI PER LE PULIZIE

I PRODOTTI PER LE PULIZIE ALLEGATO RELATIVO A Scheda A.1 TIPI E USO Come vediamo nella tabella, una prima classificazione dei prodotti usati per le pulizie può essere basata sulle loro finalità di impiego. 1 1 Detergenti Miscele

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010

SCHEDA DI SICUREZZA. Conforme al Regolamento CE 1907/2006, come modificato dal Regolamento CE 453/2010 Pag.1 di 6 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO 1.1 Nome commerciale: GUAINA STRONG VERDE - Monocomponente 1.2 Utilizzazione del preparato: Impermeabilizzante liquido a base di resine acriliche. 1.3 Produttore:

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE F A B I O G R A N D A C C I R S P P ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE CON NOZIONI DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE F A B I O G R A N D A C C I R S P P I primi modi di comunicare che conosciamo sono stati i seguenti: Tracciare segni sul

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI

REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI REGOLAMENTO DEI LABORATORI SCIENTIFICI Norme di sicurezza e prevenzione degli infortuni nei laboratori Redatto dall insegnante Responsabile dei Laboratori per l'applicazione del T.U.81/2008 e del D.Lgs

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

radiello : corpo adsorbente cod. 166

radiello : corpo adsorbente cod. 166 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA radiello : corpo adsorbente cod. 166 1. Identificazione del preparato e della società produttrice pag. 2 2. Composizione. Informazioni sugli ingredienti pag. 2 3. Identificazione

Dettagli