Indice Comunicazioni dell'editore Prefazione all'edizione italiana La melassa nera grezza La melassa non è una panacea La proliferazione cellulare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice Comunicazioni dell'editore Prefazione all'edizione italiana La melassa nera grezza La melassa non è una panacea La proliferazione cellulare"

Transcript

1

2 Indice Comunicazioni dell'editore... 3 Prefazione all'edizione italiana... 5 La melassa nera grezza La melassa non è una panacea La proliferazione cellulare Varici Artrite Ulcere Dermatosi, eczemi, psoriasi Pressione alta, angina pectoris, disturbi cardiaci Costipazione, colite Colpi apoplettici Casi diversi Anemia e anemia perniciosa Malattie della vescica, difficoltà nell'urinare Calcoli biliari Sistema nervoso Gravidanza, menopausa Unghie e capelli Gli effetti pre- e postoperatori della melassa Prevenire è meglio che guarire La melassa potrebbe risolvere il problema Zucchero bianco: acidificante / Melassa: basica Melassa e sanità La canna da zucchero: un alimento vitale Come prendere la melassa? Avvertimento importante Osservazioni conclusive Appendice I II Cronaca Esperienze con il miracolo nero Ulteriori suggerimenti per l'uso quotidiano della melassa

3 Comunicazioni dell'editore Dopo la pubblicazione della seconda edizione tedesca si segnalano 2 avvenimenti importanti: 1) l'apparizione di un lavoro scientifico avente per tema «Lo zucchero di canna grezzo e la melassa come alternative allo zucchero bianco raffinato». 2) la partecipazione del Dr. Felix Kieffer, nutrizionista (Wander AG, casella postale 2747, 3001 Berna) alla fiera «Natura 80» di Basilea con la conferenza «Lo zucchero, alimento sano, innocuo o nocivo?», conferenza tenuta in maniera sintetica anche alla giornata di informazione del 27 nov al Gottlieb-Duttweiler-Institut di Riischlikon e che dà la conferma scientifica alla mia decennale esperienza con la melassa nera grezza di canna da zucchero. Il primo lavoro è della signorina Rosmarie Rausenberger, studentessa alla Berufspiidagogische Hochschule, università di Esslingen presso Stoccarda. Ella conduce questa ricerca nel quadro della teoria dell'alimentazione dietetica sotto la direzione della professoressa Gòtz-Schònfeld. L'opera è completata da una ricca bibliografia. Qui ella scrive: «Ho cercato di dimostrare che lo zucchero di canna e la melassa sono due alimenti naturali che si differenziano dallo zucchero bianco sia per il metodo di produzione sia per le loro proprietà specifiche per i loro benefici effetti sulla salute.» L'impedimento all'utilizzazione pratica di questi due prodotti è costituito fondamentalmente dalla differenza di gusto, limite peraltro non insormontabile considerato il loro valore nutritivo. La Rausenberg conclude citando il grande medico greco Ippocrate che diceva: «Il tuo nutrimento è la tua salute». Possa questo pensiero guidare sempre la nostra condotta alimentare. Il Dr. Kieffer nel suo lavoro a proposito dell'esempio del diabete afferma che: «il pancreas, affaticato dall'assorbimento di una eccessiva quantità di zucchero e di altri idrati di carbonio, perde a poco a poco la sua capacità di produzione di insulina. Di conseguenza lo zucchero sovrabbondante passa nel sangue e quindi nell'urina. Lo zucchero contenuto nel sangue e nell'urina è sempre glucosio e non saccarosio. Casi di diabete esistevano già prima dei moderni metodi di produzione dello zucchero il che lascia supporre che questa malattia non derivi necessariamente dal consumo di zucchero raffinato. Dal 1959 sappiamo che nel sangue esiste una sostanza contenente cromo che è assolutamente necessaria all'azione dell'insulina. Gli scopritori Schwarz e Mertz l'hanno denominata «fattore di tolleranza del glucosio». Quest'ultimo agisce come una vitamina. Una piccolissima quantità di questa sostanza (0,1 mg al giorno) è sufficiente all'organismo per vivere e prevenire il diabete. Sappiamo pure che essa non può essere alterata nè dal calore nè dalla digestione (per questo motivo la melassa, che contiene cromo, può esser sciolta in acqua bollente - l'editore) Numerose esperienze effettuate su topi e su esseri umani hanno dimostrato che una carenza di cromo provoca un'intolleranza al glucosio e, al limite, il diabete del tipo II. Quali sono gli alimenti che contengono questo fattore di tolleranza del glucosio? Abbiamo in particolare il lievito di birra, la melassa nera grezza e lo zucchero integrale di canna (Sucanat)». Si potrà capire ora facilmente il caso di quella contadina che cito a pagina 36 la cui glicemia si è sensibilmente abbassata e ha ripreso il suo peso normale dopo aver preso regolarmente la melassa. Nessun diabetico al quale ho consigliato l'uso della melassa (in ragione di un cucchiaino al giorno) ha costatato un peggioramento del suo stato. «La predisposizione al diabete, l'obesità e il diabete della vecchiaia non sono una fatalità.» II Dr. Kieffer conclude questo capitolo costatando che: «è probabilmente la mancanza di cromo nello zucchero che provocherebbe la malattia e non lo zucchero in quanto tale. Su questo punto la medicina tradizionale ha un ritardo considerevole.» Successivamente sul tema «Zucchero e obesità» egli dichiara: «La carenza di cromo aumenta il tasso medio di insulina che è l'ormone principalmente responsabile dell'aumento di peso. 3

4 Lo zucchero raffinato a sua volta essendo sprovvisto di cromo favorisce attraverso l'insulina l'aumento di peso e provoca pure per altre vie l'accumulazione di grassi. Inoltre esso non contiene fibre che rallentano il processo di assorbimento e provoca una grande stimolazione di secrezioni di insulina. Dopo il consumo di una grande quantità di zucchero il tasso di glucosio nel sangue diminuisce a causa di una sovrabbondanza di insulina. Per tanto si deduce che lo zucchero provocando un tasso troppo basso di glucosio determina un forte appetito e conduce per via fisiologica e psicologica alla golosità. Un aspetto molto rilevante risiede nel fatto che tanto lo zucchero bianco che la frutta contengono il fruttosio, elemento che provoca nel fegato la secrezione di enzimi responsabili della sintesi dei grassi, precisando che il fruttosio contenuto nello zucchero bianco agisce più rapidamente. Non bisogna dimenticare che il fruttosio, che costituisce la metà dello zucchero che consumiamo, si trasforma rapidamente in grasso che soltanto una dieta povera di calorie e la pratica regolare di uno sport potrà eliminare. (L'editore desidererebbe aggiungere che se ognuno prendesse ogni mattina un cucchiaio di melassa il desiderio di dolciumi diminuirebbe). Ognuno è cosciente del fatto che lo zucchero fa ingrassare ma chi vi rinuncia spontaneamente? La pubblicità ci sollecita continuamente e gli stessi medici non sono sempre in grado di consigliare per il meglio. Spero che essi possano trovare una spiegazione in queste righe.» Un altro capitolo importante è dedicato alla relazione zucchero-arteriosclerosi. Cito sempre il Dr. Kieffer: «La mancanza di fibre nello zucchero diminuisce l'eliminazione di acidi biliari il che fa aumentare il tasso di colesterolo e permette la formazione di calcoli biliari. Questi mali possono essere alleviati dal cromo che regola positivamente il tasso di insulina..è' pure dimostrato che un consumo eccessivo di zucchero aumenta la pressione arteriosa e di conseguenza il rischio di infarto del miocardo e di apoplessia.» Cyril Scott, l'autore di questo opuscolo, non conosceva senza dubbio l'importanza dell'azione del cromo se sconsiglia l'uso di melassa ai diabetici, opinione che il nutrizionista Benz di Schwenningen aveva già criticato a suo tempo. Anche la signorina Rausenberger nel suo lavoro non menziona l'influsso positivo di questo oligoelemento, il che è in contraddizione sia con le conoscenze scientifiche del Dr. Kieffer sia con la mia esperienza diretta. Dovrei citare a questo punto delle testimonianze che confermano l'efficacia della melassa nera grezza come per esempio il caso di quell'organista che soffriva di artrosi e che dopo qualche settimane di cura a base di melassa poteva riprendere a suonare senza dolori. Questa volta ho voluto lasciare la parola alla scienza, per dare così una spiegazione più autorevole della validità della melassoterapia. M. P. di B. scrive alla fine di gennaio 1982 all'importatore della melassa venduta nei negozi dietetici svizzeri che era suo «dovere morale di divulgare tra gli strati più ampi della popolazione i benefici della melassa.» Ed è con queste parole piene di entusiasmo che voglio concludere. CH-8620 Wetzikon, agosto 1983 L'editore Otto Hasler 4

5 A meridione niente di nuovo. Prefazione all'edizione italiana L'interesse per la melassa di canna da zucchero nei paesi di cultura italiana ha profonde radici storiche. Ne abbiamo una conferma nel libro del Dr.agr. Olbrich di Berlino intitolato «La storia della melassa», dal quale attingo i dati che seguono. Già nel primo Medio Evo in Calabria e in Sicilia veniva coltivata la canna da zucchero, che sotto il regno di Alfonso V ( ) visse un'epoca di grande prosperità durata fino al È di quel tempo l'origine dei nomi «Mazzara», «Cannetta» e «Mellili» che ricordano storicamente la lavorazione dello zucchero. Venezia era il porto di maggior traffico per l'importazione dello zucchero e della melassa da Siria, Egitto, Cipro, Sicilia e Spagna. La merce così importata veniva inviata verso la Germania e i Paesi Bassi con Briigge quale centro europeo più importante per il commercio e il deposito della merce, al di fuori del mondo latino. Era il periodo tra il 1350 e il In quel tempo a Briigge poter avere dello zucchero regolarmente da Malaga, Venezia, Damasco e dall'egitto costituiva una raffinatezza particolare. Con tutto ciò si acquistavano, per i rapporti di allora, grandi quantità (per esempio 1002 e 7831 libbre, ossia 501 e circa 3916 kg) di «miele di zucchero»: si trattava di botti riempite di melassa, indicata come «miele di zucchero». La parola è rimasta nella lingua spagnola dei paesi sudamericani dove la melassa di canna è chiamata «miei residual» o «miei final». Infine, a dimostrazione che la melassa era conosciuta e apprezzata sul vecchio continente prima delle grandi spedizioni spagnole e portoghesi, il Prof. Olbrich cita Cristoforo Colombo: durante il suo secondo viaggio nel dicembre del 1493 fondò la città di Isabella e per quelli del suo equipaggio che restavano nelle neocolonie chiese che venisse loro mandato da Madeira nel gennaio 1494 «il miglior alimento della Terra», cioè 10 casse di zucchero e 50 botti di melassa! Il mio augurio è che il libretto «Il miracolo nero» faccia riscoprire la melassa di canna da zucchero anche nei paesi di lingua italiana a tutto vantaggio della salute! CH-8620 Wetzikon, febbraio 1982 L'editore Otto Hasler La melassa nera grezza Analizzando un campione di melassa, di quella utilizzata in Gran Bretagna, si ottiene la seguente composizione chimica: Saccarosio 39,5 % Zucchero inverte 11,5 % Cenere 9,0 % Acqua 22,5 % Materie organiche 17,5 % Le sostanze insolubili sono una parte insignificante % di cenere è composto da sostanze minerali solubili,essenzialmente da sali di potassio e calcio. Un'analisi dettagliata rivela la presenza di ferro, rame e magnesio come pure della maggior parte delle vitamine del gruppo B, ad eccezione della vitamina Bl. Secondo Gayelord Hauser la melassa è molto ricca di vitamina B6, di acido di pantotene e di inositolo e grazie a queste sue proprietà dovrebbe comparire in tavola proprio come il sale, al posto dello zucchero e della marmellata. Un'altra componente importante della melassa è l'acido fosforico, tanto importante in quanto una carenza combinata di quest'acido e di potassio «può portare a un crollo generale delle cellule specialmente di quelle del cervello e dei nervi». Da rilevare infine che la melassa nera grezza contiene circa il 50 % di fruttosio. 5

6 1. La melassa non è una panacea Prescindendo dalla gran scelta di pillole e polverine possiamo dire di vivere nell'epoca delle «medicine miracolose» e degli «alimenti miracolosi». Molti dei prodotti venduti nei negozi di dietetica sono diventati tanto importanti in quanto fattori di equilibrio e di compensazione alle carenze dell'alimentazione dell'odierna civilizzazione. Per quel che concerne i «toccasana» la loro popolarità non dura a lungo, dopo poco tempo passano di moda, nella maggior parte dei casi per aver deluso le aspettative. Pur denominando la melassa «alimento miracoloso», essa non è sicuramente da annoverare fra le «medicine miracolose». Infatti non si compera in farmacia ma nei negozi di dietetica. Tuttavia, dagli esempi che seguiranno, si capirà che questo aggettivo «miracoloso» non è del tutto improprio Già negli anni precedenti alla prima guerra mondiale, lo scomparso dottor Forbes Rosa richiamava l'attenzione sui valori nutritivi della melassa, in riferimento alla terapia del cancro. Egli faceva notare che operai delle piantagioni di canna da zucchero, che succhiavano tutto il giorno della canna, non si ammalavano mai o raramente di cancro. Ciò era da attribuire all'alta percentuale di sali di potassio contenuti nella canna da zucchero greggia. Era convinto che il cancro fosse dovuto alla mancanza di potassio nelle cellule. 2. La proliferazione cellulare È ormai cosa nota come la proliferazione della cellula, la scoperta della sua causa e la ricerca di una terapia metta alla prova da anni un gran numero di ricercatori di molti paesi. Malgrado questo lavoro di ricerca accurato pare che la terapia usuale ricorra sempre ancora all'operazione e ai raggi o ai due metodi combinati. Tuttavia questi combattono solo l'effetto e non la causa. Veramente bisognerebbe dire «le cause» visto che sono numerose. Ad esempio in certe industrie si sono osservati casi di cancro presso operai obbligati a lavorare con materie notoriamente cancerogene. Di questi casi non si occupa il nostro libretto, poichè l'effetto terapeutico della melassa nera grezza non si basa su una reazione bensì sul fatto di apportare alla cellula gli elementi naturali e innocui ma essenziali, impedendo così l'insorgere di un'ulcera. Dopo aver chiarito questo punto importante ecco alcuni fatti: la mia attenzione sulla forza terapeutica e profilattica della melassa nera grezza è stata richiamata ancora maggiormente dal caso del signor James Persson di Palmerston, Nuova Zelanda. Alcuni anni fa, il signor Persson era fisicamente un uomo finito, incapace di svolgere anche solo un lavoro leggero. Soffriva di ulcera intestinale, indurimento delle valvole cardiache, branchi bloccati, costipazione, disturbi della digestione e della cavità sinusale, debolezza di nervi. Perse di peso e i suoi capelli diventarono bianchi. I suoi medici erano incapaci di aiutarlo. Per caso sentì parlare di un certo signor S., sofferente lui pure di un'ulcera intestinale inoperabile, che potè esser guarito in breve tempo grazie alla melassa. Il signor Persson decise di far una prova, guarì a sua volta, anzi perfino i capelli tornarono ad avere il loro colore naturale. A quel tempo il signor Persson aveva più di sessant'anni. Dopo essersi convinto in tal modo dell'effetto terapeutico della melassa, egli decise di metter sul mercato della buona melassa a basso prezzo: infatti aveva notato che le farmacie vendevano caro una melassa medicinale che non conteneva più tutte le sostanze attive originali. Grazie alla sua attività, il signor Persson aveva contatto con molte persone sofferenti dei mali più disparati: in breve egli vendette più di una tonnellata di melassa al mese, più tardi ancora di più. Fra i molti casi di ulcere, diagnosticate come maligne e guarite unicamente grazie alla melassa, troviamo quelle dell'utero, del seno, della lingua e dell'intestino. Un uomo 6

7 impossibilitato a parlare a causa di un tumore della lingua riuscì a guarire facendo in bocca bagni di melassa e prendendo quest'ultima per via orale. Ciò conferma quanto sosteneva lo scomparso Dr. Forbes Ross, ossia che l'ulcera boccale (da lui chiamata cancro) era guaribile succhiando melassa. Egli riferiva di tumori ed escrescenze nelle varie parti del corpo guaribili senza altre misure che l'ingestione e gli impacchi di melassa. Ecco la descrizione dettagliata di un caso di tumore dell'utero. La paziente venne disperata dal signor Persson. I medici, diagnosticato il cancro, non le davano molte possibilità di sopravvivere. Forse la diagnosi era sbagliata, tuttavia il caso era grave, data la diminuzione di peso e le forti perdite di sangue. Sentito della terapia del signor Persson la donna comandò un quantitativo di melassa che in parte ingerì, in parte usò per docce tiepide. Pochi mesi dopo la paziente si sentiva benissimo, le perdite di sangue erano scomparse, il peso corporeo era normale, l'aspetto sano e fresco. Il signor Persson stentò a credere che si trattava della medesima persona quando ella venne a fargli visita. Egli scrive: «Molti malati sputano tessuto malato dopo aver ingerito melassa durante un certo periodo di tempo». E il caso di un tale che soffi iva di cancro all'esofago. Il suo alito esalava un odore fetido. Veniva nutrito per via artificiale. Si curò da solo con melassa e ben presto sputò un pezzo di tessuto cellulare malato grosso quanto un uovo. Il suo alito ritornò normale. 3. Varici Per guarire questa malattia detestabile e purtroppo molto diffusa, certi medici naturisti americani ricorrono alla terapia della melassa. Recentemente ricevetti una lettera dal Canada: per quanto possa stupire mittente era una signora cinquantaduenne affetta da varici così dolorose che le impedivano di allungare le gambe a letto. I medici da lei consultati confermarono di non aver mai visto vene varicose in tale stato: l'unico consiglio che poterono darle era l'operazione. Un giorno una conoscente le propose di tentare una cura di melassa, cura che la donna intraprese senza farsi illusioni. Dopo alcune settimane dovette riconoscere che le varici erano scomparse. 4. Artrite Questo capitolo fa seguito al precedente perchè la stessa signora canadese soffriva pure di artrite. Passato qualche tempo mi scrisse che anche questo male doloroso aveva avuto un'evoluzione inaspettata e positiva: capì di poter di nuovo muovere le braccia come una giovane. Ecco un altro caso: una settantaduenne soffre di forte artrite al ginocchio, con dolori frequenti e stanchezza. Può muoversi solo a fatica e con le stampelle. Le iniezioni del medico son senza effetto. Uno specialista propone l'operazione che lei comunque rifiuta. Tenta una terapia di melassa e dopo un periodo di tempo relativamente breve eccola camminare senza stampelle. Un vecchio signore, pure lui si spostava a fatica con le stampelle, fu pure guarito, ma con una cura più lunga. Alcuni medici, che credono alla terapia della melassa, hanno constatato che, per articolazioni molto gonfie, son di grande efficacia bagni di melassa con aggiunta di creosoto, parallelamente all'ingestione di melassa. Nota dell'editore: le nostre esperienze hanno mostrato che risultati altrettanto buoni si ottengono con l'aggiunta di aceto di mele. Già il dottor Forbes Ross, come altri suoi colleghi, giunse alla conclusione che l'artrite è una malattia della civilizzazione dovuta a una carenza di sostanze vitali. La melassa, fornendo le sostanze vitali mancanti, riesce a combattere la malattia. E noto che preoccupazioni possono favorire I'artritismo. Ci sono casi dove uno choc o grandi problemi causano una ricaduta. E allora è davvero importante continuare la terapia, poichè le preoccupazioni assorbono i sali di potassio. La melassa di canna da zucchero si rivela particolarmente indicata poichè la melassa 7

8 di bietola contiene meno fosfati e il fosfato di ferro è di importanza capitale dato che è facilmente assimilato dal sangue. 5. Ulcere Persone il cui sangue è perfettamente sano non soffrono di ulcere né di formazione cronica di ulcere. Secondo coloro che praticano la medicina bio-chimica le ulcere si formano solo in seguito a una carenza di certi sali minerali nel sangue e nei tessuti. Presa per un certo periodo di tempo, la melassa può rimediare a questa carenza. Non ci dobbiamo stupire quindi del suo effetto positivo nella cura di ulcere gastriche. In effetti non ha molta importanza dove si trovi il male, poichè la melassa fornisce al sangue e ai tessuti le vitamine e i minerali necessari. Ogni medico empirico intelligente sa quanto sarebbe stupido trattare un male strettamente localizzato. Per lo più si tratta di effetti e non della causa di una malattia. Il corpo può solo esser visto come un tutto. Nessuna parte può venir considerata solo per se stessa. Il trattamento più razionale consiste in una cura interna e, se indicato, in applicazioni esterne com'è il caso per le dermatosi e per le ulcere varicose. 6. Dermatosi, eczemi, psoriasi Le mani del signor L. sono arrossate e gonfie in seguito a una dermatosi. Gli si consigliano bagni alle mani in acqua con aggiunta di melassa e una cura interna di melassa. Il trattamento dura sei settimane e ha esito positivo. Le malattie della pelle son da considerare come reazione del corpo che cerca di liberarsi di sostanze tossiche. Un trattamento con pomate sarebbe falso, poichè gli unguenti respingono i veleni all'interno del corpo. Sarebbe come bloccare un processo naturale. Pure sbagliato risulterebbe fare solo impacchi di melassa diluita: infatti pur riconoscendo il suo potere curativo, è importante che il sangue e i tessuti vincano le circostanze responsabili della malattia. Esperienze lungo un periodo di nove anni hanno mostrato che la cura a base di melassa rappresenta un metodo razionale e scientifico per la cura delle malattie della pelle. Queste comprendono I'eczema secco, quello con flusso liquido e alcuni tipi di psoriasis che non sono dovuti a disturbi psichici. 7. Pressione alta, angina pectoris, disturbi cardiaci Secondo l'insegnamento della biochimica del Dr. Schiissler, l'ipertensione o pressione alta è spesso legata all'arteriosclerosi e, come molte malattie del tutto curabili, è da attribuire a una carenza di certi sali minerali. Che il lettore accetti questa tesi oppure no un fatto è certo: in molti casi i risultati più soddisfacenti sono stati raggiunti grazie alla cura della melassa più l'aggiunta di un succo di limone al giorno. Come spiegare ciò senza aver l'aria di abusare della buona fede del lettore? Eppure la cosa è semplice: basta pensare che la causa della pressione alta è dovuta alla perdita di elasticità delle arterie. Il sangue non può più circolare liberamente e il cuore è obbligato a fornire uno sforzo supplementare. D'altra parte, secondo Schùssler, le arterie non perderebbero la loro elasticità se disponessero dei sali minerali necessari (che ne impedirebbero l'indurimento). Poiché, come sappiamo, questi sali sono presenti nella melassa, molti casi di ipertensione potrebbero di conseguenza esser guariti grazie ad essa. Alcune sue componenti fortificano il muscolo cardiaco. Inoltre essa sembra contenere sostanze antispasmodiche come il magnesio per cui il signor Persson (che abbiamo citato nel cap. 2) potè curare con successo casi di angina pectoris. Per quanto concerne Ia debolezza cardiaca la medicina classica ha riconosciuto da molto tempo l'influenza benefica dello zucchero bruno. Ma la melassa nera grezza è ancora più efficace dal momento che la concentrazione di sali minerali è maggiore. Il signor Persson cita 8

9 casi di uomini cui in seguito a debolezza cardiaca fu tolta Ia patente di guida. Il loro stato migliorò dopo una buona cura dì melassa. Perfino casi disperati giunsero alla guarigione. Così l'esempio di una signora inglese, 63enne, da 4 anni sofferente delle malattie più diverse: aveva avuto diversi attacchi cardiaci, spesso Ia notte si svegliava con forti palpitazioni, dolori, sensazioni di soffocamento e d'angoscia. Il viso era caldo e arrossato. Il medico le aveva prescritto medicamenti che permisero un miglioramento passeggero ma non giunsero alla guarigione. La paziente soffrì presto di depressioni e perse la gioia di vivere. Sentito della melassa la provò e dopo alcune settimane ricevetti una lettera riconoscente in cui mi comunicava di sentirsi come rinata a nuova vita. Non più malesseri, né stati di angoscia,né attacchi! Alcuni mesi più tardi un'altra sua lettera confermava che non aveva più avuto ricadute. Tuttavia continuò a prendere regolarmente la melassa e ne fu così contenta da consigliarla ai suoi conoscenti. Per concludere questo capitolo vorrei citare un caso di trombosi cardiaca. Il malato era un operaio delle ferrovie che dovette abbandonare il lavoro a causa del suo male. Gli fu consigliata la cura della melassa. Il risultato fu così soddisfacente che potè riprendere il suo lavoro come un uomo sano. Il potassio e gli altri sali minerali avevano sciolto il grumo di sangue. Vorrei qui notare che il potassio è uno degli elementi principali con i quali i medici naturisti guariscono le trombosi. 8. Costipazione, colite Flagello della civilizzazione, la costipazione è una miniera d'oro per l'industria chimica. La causa evidente si trova nell'alimentazione carente, ossia un'alimentazione troppo raffinata che ha perso di valore. D'altra parte, dalla scoperta dell'automobile l'uomo si muove troppo poco. Ecco perchè l'industria chimica può offrire centinaia e centinaia di lassativi. Si dice che si soffre di costipazione perchè ci sono troppo poche scorie nell'intestino. Questa tesi è vera solo a metà: si è pure costipati perchè i muscoli dell'intestino hanno perso di tono in seguito a una carenza di sali minerali. La melassa fa prova del suo valore: i sali minerali in essa contenuti favoriscono la peristaltica intestinale. Ciò non significa che essa sia in grado di guarire ogni genere di costipazione: penso specialmente a coloro che da anni consumano solo pane bianco, così come carne e verdura ì cui sali minerali son finiti nell'acquaio con l'acqua di cottura. In questi casi son da prendere altre misure, comunque non lassativi, che peggiorano la situazione, ma mezzi naturali come per esempio i semi di lino. Questi dovrebbero esser lavati all'acqua corrente e ingeriti con un po' d'acqua (o meglio dopo averli lasciati almeno due ore a bagno nell'acqua N.d.T.). Con il liquido i semi si gonfiano, aumentano di volume e la mucillagine liberata agisce da olio lubrificante naturale. Tale cura deve durare almeno un mese perchè si veda il suo effetto. (Una funzione simile a quella dei semi di lino la troviamo nella crusca dietetica, oggi raccomandata anche dalla medicina ufficiale quale eccellente regolatore dei processi digestivi.-n.d.ed.) Già parecchio tempo fa certi medici omeopatici riconobbero il valore della melassa come lassativo. Ecco il modo d'uso consigliato: un cucchiaino da té di melassa sciolto in un bicchiere d'acqua tiepida preso a digiuno, al risveglio. In casi ostinati si può aumentare la dose a un cucchiaio da minestra preso con acqua calda. Questa dose mattutina aggiunta alle dosi prese duranti i pasti. Tale cura dura circa 6 settimane. Colite Si tratta ancora di una malattia della civilizzazione. Con questo nome sono indicati una serie di disturbi intestinali come per es. la diarrea senile. Posso menzionare un certo numero di guarigioni: la melassa è stata presa un giorno per via orale, il giorno seguente come clistere. Ecco la ricetta del clistere: sciogliere un cucchiaio da té di melassa in acqua calda, così che la 9

10 temperatura ottenuta sia uguale a quella del sangue. Per ottenere il miglior risultato bisognerebbe fare un clistere ogni giorno durante la prima settimana di cura, un giorno sì e uno no nella seconda, ogni tre giorni nel corso della terza settimana. Dopo di che la cura è da ritenersi finita salvo nel caso di tumori intestinali che richiedono un trattamento più lungo. 9. Colpi apoplettici Secondo la medicina biochimica la maggior parte delle malattie che si possono curare è dovuta a una carenza di sali minerali. Poichè sappiamo quanto la melassa ne sia ricca, non ci dobbiamo sorprendere che una sua terapia possa esser efficace in molti casi di colpi apoplettici. Se insorge una paralisi (eccetto in caso di incidenti) si osserva nell'organismo una carenza di calcio, potassio e magnesio. Tutti questi sali si trovano in forma perfettamente assimilabile nel «miracolo nero»! Si suoi dire che chi ha avuto due attacchi apoplettici non sopravvive al terzo. Il caso seguente mostra che non è sempre così. II signor X., un uomo anziano, aveva già avuto due attacchi ed era completamente paralizzato da una parte del coma. Dopo aver provato la terapia della melassa ebbe la gran sorpresa di poter riprendere l'uso delle membra immobilizzate. Con grande stupore di tutti ridiventò un uomo normale, perfettamente sano. Non si tratta di un esempio unico nel suo genere. L'abbiamo citato perchè si tratta di un caso grave. Il problema degli attacchi apoplettici dà molto da pensare: non credo di esagerare se dico che la gente dovrebbe mangiare più melassa per non soffrire un giorno di questa grave infermità. 10. Casi diversi 1. Un giovane, mentalmente molto ritardato, ricevette da suo padre un trattamento alla melassa. Ora è sano e intelligente come il resto della famiglia. 2. Una radiografia mostrò che un tale aveva un'ombra sul polmone. Prese della melassa per un certo periodo di tempo, dopo di che si vide su una nuova radiografia che l'ombra era scomparsa. 3. I medici avevano diagnosticato una tubercolosi polmonare a una ragazza Maori. Diagnosi esatta o errata? Comunque sia lo stato della ragazza era molto grave. Dopo una cura di melassa guarì completamente. 4. Un uomo soffriva di forti dolori a causa di un'infezione a un dito. I gangli dell'ascella erano gonfi. Compresse di melassa guarirono il dito. Dopo una cura interna di melassa disparve anche il gonfiore dell'ascella. 5. Si guarisce facilmente la sinusite con una melassoterapia. Si prende la melassa internamente ed esternamente facendo delle istillazioni nasali (1 cucchiaio da té di melassa per 3/4 di litro d'acqua a temperatura del corpo). Lo stesso trattamento è efficace per curare il catarro nasale. 6. Il signor Persson cita un caso di erisipela guarito grazie alla melassa. Visto il risultato il medico consigliò di continuare la cura. 7. Prima di conoscere il miracolo nero il signor Persson soffriva di piorrea dentaria. La paradontosi o piorrea è una malattia costituzionale a manifestazioni locali. Il dentista consigliò l'estrazione dei denti affinchè il veleno potesse trovare una via di uscita. Ma il vero motivo è da vedere, come spesso, in una carenza di un certo sale minerale, per cui la melassoterapia è proprio quel che ci vuole, è più razionale e a buon mercato. Dovrebbe esser provata prima di ricorrere a misure drastiche. La melassa in questo caso si prenderà come gargarismo (1 cucchiaio da té per bicchiere di acqua tiepida). Come terapia collaterale si possono prendere dei sali biochimici 10

11 sotto forma di pastiglie: cloruro di potassio, fosfato di calcio, fosfato di sodio (diluizione 6) 3 volte al giorno 2 pastiglie per ogni sale. Appena subentra un miglioramento si potrà prendere assieme il solfato di calcio D6 e silicea D12 (secondo F.F. Powell, Dr.sc.) 11. Anemia e anemia perniciosa Considerando la quantità di ferro e di calcio assimilabili presenti nella melassa, non stupisce ch'essa possa guarire molti casi di anemia. I metodi classici, che consistono nella somministrazione di preparati a base di ferro per un periodo abbastanza lungo, si rivelano insoddisfacenti poichè causano sovente complicazioni digestive. Ferro e calcio dovrebbero esser presi sotto forma naturale e non come preparato chimico, anche se questo è stato opportunamente dosato. Per quanto concerne l'anemia perniciosa, malattia alquanto seria, non mi sorprende che il signor Persson abbia potuto citare casi di guarigione. Da parte mia, una signora mi scrisse di essere guarita ingerendo 2 volte al giorno 2 cucchiai da dessert di «sciroppo nero» su consiglio di un guaritore. La melassa nera non raffinata contiene una concentrazione maggiore di sali minerali, dovrebbe teoricamente esser più efficace dello sciroppo sopraccitato. Vari esempi provano che è proprio così. 12. Malattie della vescica, difficoltà nell'urinare Dopo aver mostrato che la melassa può far scomparire ulcere e guarire tumori, possiamo ammettere che il potassio in essa contenuto sia in grado di impedire o di sopprimere certi dolori della prostata presso uomini in età avanzata. Siamo infatti a conoscenza di casi di miglioramenti di malattie della vescica, ei manca tuttavia una diagnosi esatta poichè il signor Persson non è un medico. Comunque ecco il seguente caso: Un uomo già anziano, sofferente nell'atto di urinare, stava per andare all'ospedale, dato che non ce la faceva più. Gli si consigliò di tentare una cura di melassa e di masticare molto prezzemolo. Risultato: guarì e dell'ospedale non se ne parlò più. Altri casi di dolori alla vescica, benchè senza correlazione con la prostata, mostrarono una reazione positiva alla melasso-terapia fatta contemporaneamente all'ingestione di succo di prezzemolo. 13. Calcoli biliari C'è un trattamento efficace che consiste nel prendere la melassa come cura nella forma prescritta più giornalmente da 3 a 4 cucchiaini d'olio d'oliva. Questa terapia non è niente di straordinario come può sembrare a primo acchito, quando si sa che il rame e alcuni altri sali minerali della melassa vengono usati come medicamenti nel caso di calcoli dolorosi dalla scuola biochimica di Schiissler. L'uso dell'olio d'oliva è pienamente giustificato. Comunque, se io personalmente avessi dei calcoli biliari, userei piuttosto l'olio di Haarlem (una miscela di olio solforoso con un po' di terpentina raffinata). So che ha giovato in casi in cui ogni altra cura aveva fallito. Certo è che la melassa rinforza il trattamento. Così come è certo che essa presa a titolo preventivo nell'alimentazione quotidiana è capace di impedire l'insorgere di tale malattia. 14. Sistema nervoso L'effetto della melassa su nervi deboli e neurosi (di chi ha fatto la guerra per esempio) è stato talmente considerevole, che le consorti di soldati reduci dalla seconda guerra mondiale espressero la loro gratitudine, per aver notato un notevole miglioramento nei loro mariti in seguito a una melassoterapia. 11

12 Per quanto concerne bambini nervosi, essi hanno approfittato a tal punto della cura che ora famiglie intere prendono dosi di melassa quale alimento complementare giornaliero. Lo stato generale di ognuno, e non solo il sistema nervoso, è così risultato rinvigorito. 15. Gravidanza, menopausa Molte future madri, cui si propose di prendere la melassa in gravidanza ebbero non solo un parto facile ma diedero alla luce bambini particolarmente sani. Si dice che la menopausa sia un periodo difficile nella vita della donna, ciò che effettivamente a volte capita. Comunque responsabili in molti casi sono un regime alimentare squilibrato durante un lungo arco di tempo, così come la mancanza di sali minerali e di vitamine. Non ci stupisce dunque d'apprendere che i trattamenti di melassa sono di grande importanza per la donna nell'età critica. 16. Unghie e capelli Il Dr. Forbes Ross, nel suo libro sul cancro, cita l'azione efficace del sale di potassio su unghie deboli e fragili. Lo stesso effetto si ottiene con la melassa. Dopo averne preso per 2 o 3 settimane le unghie ritrovano la loro consistenza abituale. In molti casi si nota pure un miglioramento dei capelli. Ecco un dato di fatto citato dal Dr. Forbes Ross in relazione alla potassio terapia: parecchie donne, i cui capelli erano diventati grigi prematuramente, poterono fare a meno della tintura: infatti grazie alla melassa la loro chioma aveva riacquistato il suo colore naturale. In realtà, il fatto che la melassa ridona pigmento ai capelli prematuramente invecchiati, apre prospettive del tutto nuove nella ricerca dei veri motivi di tale invecchiamento (salvo nei casi di uno choc o di un grande dolore). I capelli grigi sono la conseguenza di un certo stato di carenza nell'organismo che può esser curato da una melassoterapia. Che il potassio sia il solo responsabile di tale miglioramento pare dubbioso, poichè la melassa contiene ancora altri sali minerali. 17. Gli effetti pre- e postoperatori della melassa Un uomo che aveva un grosso rigonfiamento grumoso sotto il ginocchio, diagnosticato come cancro, decise di farsi operare. Prima però seguì ancora una cura di melassa. Dopo l'intervento la rapida guarigione della cicatrice richiamò l'attenzione dei chirurghi. Questo non è un caso isolato. Il signor Persson mi comunicò che, a giudicare dalle molte attestazioni ricevute, la guarigione dopo un intervento chirurgico è molto più rapida se il paziente ingerisce melassa prima e dopo l'operazione. 18. Prevenire è meglio che guarire Si è spesso abusato di questo detto per gli scopi commerciali più disparati, supponendo di poter prevenire malattie che, del resto, non dovevano necessariamente capitare. Ciò non sarebbe così grave se i mezzi preventivi fossero innocui. Purtroppo molti sieri e vaccini usati nella medicina classica mostrano effetti secondari a lunga scadenza che non sono da ignorare. Ora la melassa nera grezza è un elemento naturale e non mostra effetti secondari dannosi. Corrisponde all'antico presupposto di Ippocrate secondo cui «nutrizione» significa pure «guarigione». 19. La melassa potrebbe risolvere il problema 12

13 Poichè gli uomini non vogliono o non possono vivere a base di un'alimentazione quotidiana sana ed equilibrata, la cosa migliore sarebbe prendere ogni giorno un alimento contenente gli elementi fondamentali per mantenere le cellule in buono stato. Un alimento-rimedio che potrebbe servire come profilassi dei mali cronici di cui si è parlato. Secondo le mie esperienze è chiaro che questo alimento non è nient'altro che la melassa cruda non raffinata. Oltre agli altri sali essa contiene 700 UI (unità internazionali) di vitamina B2 per 100 g. 20. Zucchero bianco: acidificante / Melassa: basica Non causo alcun danno all'industria dello zucchero asserendo che lo zucchero bianco ha una tendenza acidificante: infatti la gente lo preferisce a quello greggio, così come preferisce il pane bianco a quello integrale. E non si asterrà di fame uso neppure se le si comunica che lo zucchero bianco favorisce il reumatismo e fa male ai denti contrariamente alla melassa che mantiene i denti sani, combatte il reumatismo ed esercita pure un'azione leggermente alcalina. Inoltre essa contiene batteri protettivi che inibiscono i batteri deil'intestino. Questi fatti sono stati resi noti sia da specialisti che da chimici dell'alimentazione. Perciò è consigliabile mescolare una piccola quantità di melassa in tutte le marmellate. In altre parole: allo zucchero raffinato mancano gli elementi fondamentali più salutari. Aggiungiamoglieli con la melassa! 21. Melassa e sanità Si può asserire che rendo un cattivo servizio alla medicina attirando l'attenzione su un alimento quale la melassa, di così grande effetto profilattico e terapeutico. Eppure è nell'interesse dei medici, sovraccarichi di lavoro, che la popolazione riceva un alimento tanto efficace per la salute! Osservo a questo proposito che a Palmerston in Nuova Zelanda dove da nove anni il signor Persson ha messo sul mercato una grande quantità di melassa di ottima qualità, le statistiche mostrano che le nascite sono in aumento mentre il tasso di mortalità è diminuito. 22. La canna da zucchero: un alimento vitale Il fatto seguente m'è stato raccontato da una signora tornata recentemente dall'india dove una sua conoscente possiede una piantagione di canna da zucchero. Alcuni operai ivi impiegati erano talmente poveri e la loro alimentazione così misurata che, sia loro che i loro figli,si vedevano obbligati, per un certo tempo, a nutrirsi esclusivamente di canna da zucchero. Mangiavano tutto, masticavano perfino le fibre per poi risputarle. Ebbene, la loro salute non ne ebbe a soffrire. 23. Come prendere la melassa? Si può prendere la melassa nel corso della giornata, a piacimento prima, durante o dopo i pasti: non c'è una regola fissa. Per dose si intende un cucchiaio da té sciolto in una mezza tazza d'acqua molto calda: a questa soluzione si aggiungerà acqua fredda, finchè la tazza sarà riempita per i 213. Dovrebbe essere bevuta calda. Per i bambini è sufficiente mezza dose, cioè mezzo cucchiaino. Si può anche succhiare un cucchiaino di melassa senza scioglierlo, tuttavia si beva subito dopo un bicchiere di acqua calda. Ognuno farà come meglio crede. Persone di stomaco delicato, che non sopportano un cucchiaio intero per volta, prenderanno piccole dosi più volte al giorno. In casi gravi (ulcere, tumori) si prenderà della melassa il mattino a digiuno e la sera prima di addormentarsi in aggiunta alla razione normale. L'acqua non dovrebbe mai esser troppo calda, ma a una temperatura di circa 50. È dannoso alle mucose bere troppo caldo, come taluni sogliono fare con il té. La soluzione di melassa non dovrebbe essere 13

14 trangugiata come una medicina amara, bensì sorbita a piccoli sorsi, come suol fare chi gusta un buon bicchiere di vino, altrimenti provoca flatulenza. L'acqua calda inoltre fa sì che venga meglio assimilata dall'organismo. La si può prendere con i fiocchi della prima colazione o mescolarla al «muesli» o, come ho detto precedentemente, alla marmellata. Ho pure spiegato come si possono fare clisteri. Nei casi di ulcere esterne, foruncoli, tagli e altre ferite si faranno delle applicazioni esterne parallelamente alla cura interna. Non c'è una pomata naturale migliore della melassa. A questo proposito vi racconto il fatto seguente: Un ex soldato mi scrisse di essersi ferito alla gamba durante la prima guerra mondiale. Tale ferita non era mai guarita. Dopo trent'anni, sentito della melassa, provó una cura interna ed esterna. In poco tempo la ferita rimarginò. Come il lettore ha visto è facile prendere la melassa. Però attenzione: si usi solo un prodotto genuino non raffinato. Molti pensano che la melassa sia identica allo sciroppo nero, ma ciò è falso. Per melassa s'intende uno sciroppo denso, scuro, non cristallizzato, che scaturisce dallo zucchero greggio durante la fabbricazione. Alcuni si sono lamentati che la melassa li abbia fatti aumentare di peso. In questo caso, se ne diminuisca la dose, la si diluisca di più e la si prenda meno frequentemente. In alcuni casi può esser indicato seguire una terapia all'aceto di mele. 24. Avvertimento importante La melassa non è indicata per i sofferenti di diabete. Osservazioni conclusive Forse si ha l'impressione che io abbia esagerato con le proprietà terapeutiche di questo alimento miracoloso. Perciò mi permetto di concludere con un avvertimento. Il grande naturista Louis Kuhne diceve che era in grado di guarire tutte le malattie con la sua terapia, ma non tutti i malati! Il senso di questa affermazione appare evidente se ci si mette a riflettere. Non si pronuncia che una mezza verità quando si pretende di guarire una malattia. Si guarisce sempre un essere umano se non si lavora alla carlona e sempre che si tratti di qualcuno suscettibile di esser guarito. E chiaro che un paziente non può ricuperare la salute se intraprende troppo tardi una melassoterapia. Tuttavia molti pazienti ritrovarono Ia salute grazie a questo alimento, dopo che tutti i metodi classici tentati avevano fatto fiasco. Abbiamo testimonianze di un numero notevole di gente che afferma di esser «rinata a nuova vita» grazie alla melassa. Queste persone avranno avuto sicuramente un'alimentazione carente che poté venir migliorata dalla melassa. Se si interrompe la cura, si rischia una ricaduta, perchè i sali di potassio devono sempre esser rinnovati. Inoltre il potassio è molto solubile e si perde durante la cottura degli alimenti. È dunque auspicabile che si prenda la melassa giornalmente, anche quando si sta bene. Questa buona abitudine è tanto più importante perchè oggigiorno, oltre all'alimentazione carente di molti, il consumo di alimenti salati è notevolmente aumentato. A questo fatto il Dr. Henry Smalpage (Australia) attribuisce l'aumento dei tumori, sarcomi, cisti e altri cancri. Il suo punto di vista corrisponde a quello del Dr. Forbes Ross. Se i sali di sodio e i sali di condimento alimentare non vengono neutralizzati dal potassio, c'è pericolo di tumori e artriti. Infatti le quantità di sale non adoperate non vengono espulse dai reni, ma si manifestano sotto forma di ammasso grumoso. Il potassio migliora l'evacuazione salina diminuendo così questi pericoli. Per cui ripeto ancora: il modo più semplice per assimilare il potassio è quello di ricorrere alla melassa nera cruda non raffinata, il miracolo nero. 14

15 Appendice I. Ecco alcuni estratti dal libro «Il cancro cause e guarigione» del Dr. Forbes Ross (l'opera è esaurita) 1) I negri delle piantagioni di canna da zucchero dell'india occidentale, che in passato avevano mostrato di esser immuni contro il cancro, erano sempre stati grandi consumatori di zucchero greggio. Quest'ultimo contiene una grande quantità di sale potassico, che per la maggior parte si perde durante la raffinazione. Sono convinto che l'equilibrio acido-basico del sangue è dovuto al consumo equilibrato di potassio per cui consiglio a tutti di assicurarsi un costante apporto di potassio. Il sodio, il calcio, il magnesio ci sono dati dalla alimentazione quotidiana appropriata per cui dobbiamo riversare tutta la nostra preoccupazione a un sale la cui presenza è fluttuante, cioè al potassio. 2) Esaminiamo ora l'azione del potassio sui capelli. Quando una persona in età avanzata sofferente di disturbi cardiaci, di gotta o di cancro è obbligata per un certo tempo ad assorbire una determinata quantità di potassio (per un periodo di 6 settimane per es.) si osserveranno certamente dei cambiamenti nella capigliatura. Se i capelli erano grigi, diventeranno più scuri, cominciando dalle tempie e dalla nuca. Cresceranno capelli nuovi di color scuro ad eccezione di quelle zone dove si nota uno stato di calvizie. Anche la formazione di forfora diminuisce sensibilmente e si normalizza. Il principio curativo che guarirà il cancro sarà una sostanza che è componente naturale dell'organismo sano e che perciò verrà adoperata dal corpo malato per ritrovare la salute. Il corpo non può fare che un uso naturale di un rimedio naturale per tentare di guarire una malattia. Nessuna medicina ha successo se il corpo non contribuisce a mobilizzare le sue forze naturali di autodifesa. 3) Trombosi delle coronarie: il caso è riportato da un medico. Uno specialista aveva ridotto il paziente allo stato di un invalido avendogli proibito ogni lavoro. Dopo una cura di melassa, ritrovò la salute. 4) Costipazione: costipata da molti anni, una signora aveva quasi rovinato la salute abusando di lassativi. Con la melassa non solo sparì Ia costipazione, ma subentrò pure uno stato di salute eccellente. II. Secondo l'analisi la melassa contiene dell'acido pantotenico: esaminiamo un istante questo importante fattore del gruppo della vitamina B. L'acido pantotenico, come indica il suo nome, è diffuso nel regno animale e vegetale. Se c'è carenza di questo principio vitale in un organismo animale, si constatano dermatosi e cadute di piume, peli o capelli. Anche l'apparato digerente e il sistema respiratorio subiscono l'influenza negativa di questa carenza. I ratti diventano grigi e i topi calvi. Le esperienze mostrano che l'aggiunta di acido pantotenico all'alimentazione fanno scomparire tali effetti negativi. Sembra dunque che l'acido pantotenico sia un ricostituente dei capelli! Comunque occorre anche il potassio. Ecco perchè la melassa greggia nera è un rimedio naturale per la chioma, perchè contiene una combinazione di pantotene e di potassio nella quale probabilmente anche il ferro e il rame hanno un certo ruolo. E interessante notare un rapporto apparso sulla rivista medica J.A.M.A. ( ): il Dr. Stepp di Monaco (Baviera) riferisce di aver usato con successo acido pantotenico sintetico per curare la bronchite. Come tuttavia scrisse il defunto dottor Clarke di Edimburgo la vitamina dovrebbe provenire dagli 15

16 alimenti che consumiamo. La natura è un chimico migliore della scienza. Analisi comparata della melassa di barbabietola (irlandese) Acqua 21,9% Albumine 10,5% Glucidi 60,4% Cenere 7,2% Ricca di potassio, povera di calcio e di fosfati. Cronaca Nel 1937 il Dr. Bircher-Benner fu chiamato a Londra per una conferenza. L'accompagnava sua nipote, la Dr. Dagmar-Liechti, più tardi medico primario della clinica Bircher. Tornarono entusiasti. Le sue idee di una riforma della vita avevano riscosso Iargo interesse e inoltre riportava in patria le esperienze e le osservazioni di altri medici progrediti. Così per esempio il Dr. McDonagh riferì di aver fatto buone esperienze con la melassa nera (treacle) nelle malattie dell'intestino. Ordinava clisteri secondo dati precisi. Era qualcosa di nuovo e Bircher- Benner si fece spiegare tutti i particolari del trattamento. Nel rapporto quotidiano della clinica i medici e Je infermiere furono informati sull'uso della melassoterapia appena introdotta. Su ordine medico si fecero i seguenti clisteri intestinali: da 2 a 3 cucchiai di melassa in V4 di litro d'acqua. Importante era l'infusione lenta col corpo sdraiato sul lato destro e tenere il liquido introdotto per una durata di 20 minuti. Soprattutto i casi cronici furono trattati in questo modo. Il Dr. Bircher era un medico severo. Noi infermiere dovevamo stendere rapporti precisi sul decorso della cura e per ogni singolo paziente. La gran parte dei risultati positivi mostra che la melassa nera greggia deve contenere forze naturali di gran valore. Sr. Marian Nota dell'editore: Ho appreso che ancor oggi vien applicato con buon successo stesso procedimento dai medici seguaci del Dr. Bircher. Esperienze con il miracolo nero In contraddizione alla tesi secondo la quale i diabetici dovrebbero evitare il consumo di melassa ecco la sorprendente testimonianza di una contadina: «Il tasso di zucchero nel mio sangue era di 500 e avevo frequenti svenimenti. Dopo quindici giorni di ospedale e di cure mediche ero molto dimagrita e mi ero ridotta a 36 kg. Decisi allora di seguire i consigli di mia figlia, di sostituire cioè le medicine con la melassa (un cucchiaino ogni mattina dopo il caffè). Il miglioramento non si fece attendere, il tasso di zucchero diminuì a 120 e ripresi il mio peso normale. «Questa testimonianza ci conferma l'opinione del nutrizionista Hermann Benz di Schwenningen, il quale ha sempre affermato che anche i diabetici possono prendere la melassa grezza, dal leggero gusto amaro, naturalmente secondo la dose già indicata (un cucchiaino al giorno). Il racconto di questo signore di M. (Germania Federale) inviatomi 1'11 luglio 1980 ha quasi dell'incredibile: «Ho sentito parlare per la prima volta della melassa il 18 gennaio Mia moglie soffriva da parecchi anni di una malattia della pelle: gli strati superiori dell'epidermide si staccavano, si riformavano, seccavano e si staccavano di nuovo in piccole squamette. Questo le provocava dolori e prurito indescrivibili. I medici e gli specialisti consultati non sapevano prescrivere nulla di veramente efficace ma la diagnosticavano come «dermatosi solare». Mia moglie disperata decise di prendere la melassa. Già dopo quattro giorni la condizione della sua epidermide era tale che poteva lavarsi normalmente. Il nuovo strato di pelle appariva del tutto normale. Non aggiungo altro. Da quel giorno prendiamo regolarmente la melassa e stiamo molto bene.» 16

17 Un contadino di 70 anni ci segnale che, dopo una lunga e grave malattia del fegato, ha ritrovato salute e gioia di vivere grazie dapprima al digiuno e in seguito a una cura a base di melassa, miele e aceto di mele. Una donna di 71 anni aveva dall'infanzia un'unghia deformata, molle e brutta a vedersi. Quale fu il suo stupore nel constatare (dopo aver preso regolarmente per qualche tempo la melassa) che la sua unghia spuntava normalmente! Dall'apparizione del libretto «Il miracolo nero» nel giugno del 72 (che da allora ha visto 4 ristampe) sono accaduti parecchi «miracoli», taluni nel vero senso della parola. Ho ricevuto un gran numero di rapporti e di lettere di persone che hanno fatto buone esperienze con il «miracolo nero». Affinchè un gran numero di sofferenti non perdano la speranza e soprattutto le persone sane si possano difendere dalle malattie, riporto alcuni casi di cui ho avuto notizia. La signora K. di O.: Da tempo ero in cura per artrosi al ginocchio e all'anca. Non potevo quasi più salire le scale. Dopo aver salito faticosamente i 3 gradini per entrare nel negozio di prodotti dietetici, il proprietario s'informò del mio male. Gli spiegai il mio stato. Mi consigliò di fare un bagno di melassa ogni due giorni. Dovevo sciogliere da i/2 a i/3 del contenuto del barattolo di melassa in acqua calda, quindi aggiungerlo all'acqua del bagno. Restavo nel bagno (a temperatura 35 C) per 12 minuti. Poi facevo una doccia fredda e andavo subito a letto. Dopo il quarto bagno i dolori erano già meno forti. Come raccomandatomi feci fino a IO bagni in 3 settimane, poi solo 2 per settimana. Al ginocchio applicavo compresse di melassa. Dopo 2 mesi potevo salire e scendere le scale. Anche il mio medico fu stupefatto del risultato e mi consigliò di continuare la cura. Naturalmente ogni giorno prendo anche la melassa per via orale. La mia vita ha acquistato un nuovo senso. Ecco perchè racconto volentieri questa mia esperienza. La signora A.M.U.-P. della Germania Occidentale riferisce in modo analogo: Da tempo soffro di artrosi in ambedue le articolazioni del ginocchio. Al ginocchio destro c'è perfino una massa grumosa, come dice il mio medico. Secondo lui i dolori non scompariranno mai. Sei settimane fa comandai la melassa nera originale al Centro dietetico della mia città: da 4 settimane ne prendo, come una medicina, 100 g. al giorno. Da qualche tempo non ho più dolori alle suddette articolazioni (nel frattempo avevo smesso di prendere le solite medicine). Vorrei sapere di più sul «miracolo nero» e prego di inviarmi il libretto. Il signor S. di Z. ha più di ottant'anni e da tempo soffre di disturbi della circolazione. È convinto che il suo stato può esser migliorato solo con la melassa. La signora R.H. di M. riferisce di aver attirato l'attenzione di sua sorella sulla melassa. «È contenta che nei suoi capelli precocemente invecchiati spuntano capelli oscuri. E la settimana scorsa in una gita sul lago Bodamico con nostra madre ultra novantenne, constatammo con gioia che pure a lei, ché prende la melassa, crescono capelli scuri. Da 40 anni era diventata grigia, poi bianca. È quasi un miracolo. Nota dell'editore: Per non far nascere illusioni, specialmente negli uomini, si deve notare che l'invecchiamento precoce e la caduta dei capelli sono spesso dovuti a un disturbo ormonale. Comunque non per questo si tralasci la cura perchè inoltre la melassa rende tranquilli e procura buon sonno. Chi ha disturbi dei reni dovrebbe però prima consultare il medico poichè la melassa contiene più calcio del latte. Molto interessante è quanto riferisce la signora S. di S. (RFT): Dato che Lei è interessato a una documentazione di esperienze fatte con la melassa, come si legge nella prefazione del 17

18 libretto «Il miracolo nero», eccole una ricetta dal libro di Linda A. Clark «Segreti della salute e della bellezza» (Ed. Hermann Bauer, Friburgo in Br.). Sarà interessante per i lettori che si astengono dalla melassa perchè ingrassa. A. Burroughs, un maestro per una forma di vita naturale, indica la seguente dieta disintossicante per una «depurazione del corpo»: scioglimento ed espulsione delle sostanze nocive da tutto il corpo, digestione tranquilla, pulizia delle ghiandole, delle cellule e del sangue, perdita di peso (ca. kg al giorno) e ricostituzione del corpo. 1/4 di litro d'acqua tiepida (meglio se acqua minerale senza acido carbonico) succo di I/2 limone, 2 cucchiai di melassa nera originale non raffinata. Si prenda da 6 a 12 volte al giorno questa bevanda. La cura deve durare 10 giorni. E consigliabile ripetere la dieta tre o quattro volte all'anno. La signora S. scrive di aver fatto, prima di conoscere questa cura, cure di digiuno parziale a base di succhi di frutta, che hanno però lo svantaggio di provocare brividi fastidiosi. Ciò non si riscontra con la bevanda alla melassa. Non sentiva stanchezza come per gli altri digiuni parziali e si sentiva piena di energia. Essa consiglia la cura a chi tiene alla linea. Durante e dopo la cura si sentiva molto bene e rimase fedele alla melassa originale. Inoltre la signora S. prende quotidianamente l'aceto di mele e nella sua lettera mostrava interesse per il libretto di Scott «Fúr deine Gesundheit -Apfelessig» (Aceto di mele per la tua salute) Come editore di questo libretto ho voluto esperimentare personalmente la dieta. Nel giugno 75 ho seguito per la seconda volta una settimana di cura. Il risultato fu positivo. Ho lavorato bene, anzi più del solito, mi sentivo leggero e pieno di energia. Perdita di peso: 4 kg, cioè 680 g al giorno. Ogni sera preparavo la bevanda per l'indomani. Scaldavo l'/2 1 di acqua minerale cui aggiungevo ca. 200 g di melassa (= 12 cucchiai rasi), 12 cucchiai di succo di limone e, come variante della ricetta originale, da 6 a 12 cucchiai di siero di latte (come proteine di facile digestione e altamente energetiche). Faccio notare che ognuno può variare la ricetta base a piacimento per esempio con latte, latte in polvere, yoghurt invece di siero, ecc. Dal Venezuela ricevetti una lettera entusiasmante da una signora 78enne. Scrive che nel suo paese la melassa costa poco e viene consumata specialmente dalla popolazione povera. Il prodotto non contribuisce a socializzare la gente. Tuttavia i ricchi con la loro alimentazione raffinata sono più malati dei poveri. Il libretto «II miracolo nero» è stato per lei un regalo meraviglioso. Tra l'altro il testo viene letto anche a Buenos Aires (Argentina) e a Toronto (Canada). Ed ecco due testimonianze dalla Carinzia (Austria): un operaio stradale di F. ha seguito una cura dimagrante all'ospedale senza successo. Da parenti sente della melassa e, dopo averne prese 2 scatole, ha perso 7 kg. di peso! Un minatore delle miniere di piombo non può quasi più lavorare a causa di artrite nelle articolazioni. Legge «Il miracolo nero» e segue i consigli, ossia prende giornalmente melassa originale, fa pure dei bagni di melassa e riacquista la capacità di lavorare. Questi due uomini soffrivano evidentemente di carenza di sali minerali e di vitamine. Nella loro alimentazione quotidiana riscontriamo infatti troppa carne di maiale, salsicce e composti della farina bianca. II successo della melassa è dovuto alla compensazione coi sali minerali, le vitamine e gli oligoelementi. Esistono ancora molti rapporti sull'uso della melassa sia interno che esterno, soprattutto nel caso di varici, vene infiammate, eczemi, dolori della vescica, della prostata, anemia, sistema nervoso ecc. Eccone alcuni esempi: 18

19 «10 mesi fa mia moglie 46enne, da anni sofferente di varici, subì un'infiammazione dolorosa alle vene di un piede. Al negozio di dietetica mi si diedero varie qualità di té e il consiglio sull'uso della melassa, che si rivelò capitale. Abbiamo fatto bagni di melassa alle gambe, applicazioni di melassa sulla parte dolorante, ingerito la melassa con il té avente proprietà di espellere l'acqua dalle gambe. Per la prima volta mia moglie potè passare una notte tranquilla. Per 8 giorni restò a letto e seguì la cura interna ed esterna. Si notò una diminuzione crescente dell'infiammazione. Dopo 2 settimane era di nuovo in grado di lavorare. In seguito conservammo l'abitudine di prendere ogni sera, prima di coricarci, un cucchiaino di melassa sciolto nel té o nel latte. Così possiamo dormir bene e l'indomani ci sentiamo freschi e attivi. Da allora mia moglie non ha più avuto varici infiammate. Nel caso di dolori cominciamo subito la cura spiegata sopra, con successo. Anche a me, 48enne, la melassa ha giovato: non soffro più di emorroidi.» F.K. di Z. Molto contenta fu pure una signora della Svizzera Centrale, il cui cane Collie si trovava in uno stato disperato: nel giro di 4 settimane ritornò sano grazie alla melassa. Come già menzionato sopra,i successi ottenuti con la melassa sono dovuti alle molte sostanze vitali ivi contenute. Questa ricchezza può compensare carenze dovute alle abitudini alimentari dei vari paesi. Cirillo Scott descrive lo stato di salute di quello strato della popolazione della Nuova Zelanda che consuma melassa come pane quotidiano. Gode di buona salute perchè la melassa funge da compensazione. Similmente potrebbe essere nei paesi civilizzati: la melassa dovrebbe trovare applicazione nel settore della medicina preventiva contribuendo a risparmiare molto nel campo terapeutico. Ci sono anche solide conoscenze scientifiche che collimano con le nostre esperienze. Nel numero dell'agosto 1968 della rivista inglese «Here's Health» Spencer Chesire pubblica un articolo intitolato «Lo zucchero è diventato acido?» Nel 1953 la «Sugar Research Foundation Inc.» New York pubblicava un rapporto scientifico dal titolo «La composizione del succo crudo di canna da zucchero e della melassa». Era il risultato di una ricerca all'università di stato dell'ohio condotta dal Dr. M.L. Wolfram, Professore di chimica, sotto la direzione del Dr. Wendle Binkley dell'istituto di ricerca di detta università. Secondo tale rapporto si poterono isolare 64 sostanze nel succo di canna da zucchero. Si tratta di importanti sostanze minerali come potassio, magnesio, calcio, ferro, manganese, fosfati, sulfati e altre ancora. Inoltre sette vitamine, ossia A, D, e 5 del gruppo B, come pure 4 enzimi, essenziali per l'assimilazione dello zucchero nell'organismo, tutti gli aminoacidi necessari alle formazioni delle proteine e 4 dei più importanti acidi non saturi, ossia linolo, linoleno, oleina e palmitina. Tutte queste sostanze sono pure presenti nella melassa cruda non raffinata. Chesire prese queste informazioni dal «Land Bulletin». Il titolo dovrebbe chiaramente mostrare che Io zucchero come apportatore di salute è diventato un po' più che acido, poichè le conoscenze scientifiche sui danni arrecati dallo zucchero bianco si son diffuse in larghe cerchie della popolazione. 19

20 Ulteriori suggerimenti per l'uso quotidiano della melassa 1. Come cura: diluire un cucchiaio da té di melassa in un ½, bicchiere o in una ½ tazza di acqua calda, aggiungere dell'acqua fredda perchè il tutto sia tiepido. Bere a piccoli sorsi. 2. Per una digestione migliore: aggiungere alla ricetta un cucchiaino di un preparato a base di lievito e un po' di zenzero in polvere. 3. Per migliorare il gusto della melassa: aggiungere alla ricetta 1. qualche goccia di succo di limone 4. Per «addolcire» certe tisane: si può aggiungere un cucchiaino di melassa a certe infusioni come il té di melissa, di salvia, di rosmarino, di rosa canina ecc. 5. Per un sonno tranquillo: diluire un cucchiaino di melassa in una tazza di latte caldo. 6, Per chi ama esperimentare nuovi gusti: aggiungere un cucchiaino di melassa allo yogurt, al latte o al latte di soia. 7. Per budini o creme: secondo la quantità di latte aggiungere uno o più cucchiai di melassa. 8. Un edulcorante di valore per il «mùesli»: aggiungere un cucchiaino di melassa al «múesli», ai fiocchi col latte della prima colazione, alle pappe o creme di cereali. 9. Una purea di mele originale: per arricchire la purea di mele aggiungere della melassa in ragione di ½ tazza di melassa per 3 tazze di purea. La melassa darà a questa composta un gusto nuovo, originale. 10. In un capitolo di questo libretto abbiamo già raccomandato di aggiungere melassa alle marmellate per dar loro nuova forza. Ora in America è molto in voga addolcire torte, focacce, biscotti con la melassa nera di canna da zucchero. 20

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO

VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Conserve: verdure sott'olio e sott'aceto VERDURE SOTT'OLIO e SOTT'ACETO Le verdure non possono essere conservate semplicemente sott'olio: infatti, non hanno sufficiente acidità per scongiurare il pericolo

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3

Categoria Numero di partenza Posizione Sam 3 Compito Categoria Numero di partenza Posizione Tempo: 10 minuti Leggere attentamente il questionario allegato. Rispondere alle domande sul tema. Nel contempo si tratta di risolvere un caso pratico. Per

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa

50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa 50 domande e risposte sul tema ipertensione arteriosa Gruppi di N Domanda Risposta argomenti Sintomi 1. Ho 52 anni e sono iperteso. Ultimamente vedo meno bene e l ottico mi ha prescritto degli occhiali.

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.»

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» E di z i o ne //// 1/ 2 0 14 Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno. I sintomi

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli