BARDARO - OMEOPATIA IN ODONTOIATRIA - Livello Base 17 Gennaio 2009 Bologna Progetto Formativo AMNCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BARDARO - OMEOPATIA IN ODONTOIATRIA - Livello Base 17 Gennaio 2009 Bologna Progetto Formativo AMNCO 2008-2009"

Transcript

1 BARDARO - OMEOPATIA IN ODONTOIATRIA - Livello Base 17 Gennaio 2009 Bologna Progetto Formativo AMNCO (A cura del Dott. Arrigo Cantelli) Vedremo in questa sezione una omeopatia di base.in un secondo livello, l'anno prossimo, parleremo delle costituzioni, delll'inquadramento diatesico e PNEI e l'applicazione clinica odontoiatrica in parodontologia, endodonzia, chirurgia, ortodonzia. Non esistono libri di testo specifici. Quello che esiste è un pò vecchio. Ippocrate di Coo ( antica Grecia) a.c. già sostenne che possimo curare tramite i contrari e tramite i simili. Es: per un forte raffreddamento alle mani posso metterle su una fonte di calore (un contrario); appena le tolgo si raffreddano, magari anche di più per effetto rimbalzo: è un'azione di tipo esterno poco duratura, il rimbalzo può provocare geloni, l'azione non coinvolge più di tanto l'organismo. Se invece le mani le metto sul ghiaccio, per pochissimi secondi, (uso un simile ) provoco una reazione dell'organismo generale, una reazione interna, più duratura,"similia similibus curentur", cioè le mani sentono un freddo ancora più intenso, mandano per vie afferenti al regolatore centrale le informazioni: questo elabora il messaggio e invia, per le vie efferenti agli effettori periferici segnali neuroendocrini per la vasodilatazione. Questa risposta sarà individuale dipendendo dai meccanismi personali più o meno funzionanti. Quindi quando si cura con il simile l'azione deve essere infinitesimale. Da ciò si evincono i tre pilastri dell'omeopatia a) similitudine b) dose infinitesimale c) totalità dell'individuo I quesiti propedeutici: 1) la cittadinanza vede di buon grado le medicine non convenzionali? (MNC). Secondo l'istat e la DOXA dagli anni '90 ad oggi il trend è in aumento passando dall'8% al 23%. La stessa classe medica di base: 8% la pratica, il 53% la ritiene utile, 75% dichiara che molti pazienti la richiedono. 2) l'odontoiatra può legalmente applicare l'omeopatia e le altre MNC? La FNOMCeO (2007): l'esercizio della MNC è un atto medico e può essere esercitato solo da medici ed odontoiatri unici titolari dell'atto medico. La legge 409/85 art.2 (...) gli odontoiatri possono prescrivere tutti i medicamenti necessari all'esercizio della loro professione. La finalità è essenziale per cui l'odontoiatra può prescrivere un farmaco o un rimedio che agisce es. sull'ipofisi se questa può avere effetti a livello oro-dentale. In parlamento ci sono disegni di legge che riguardano le MNC e la medicina e solo uno di questi DDL contiene la figura dell'odontoiatra. L'AMNCO propugna che anche l'odontoiatria sia compresa nella legge per la regolamentazione delle MNC e possa operare secondo la medicina olistica e integrata. 3) esistono studi scientifici sull'efficacia dell'omeopatia? Le Meta-analisi sono studi comparativi tra i vari trials pubblicati che servono per avere uno strumento statistico più rigoroso che elimini maggiormente le variabili e permetta un aggiornamento nel tempo. Serve anche per stabilire se una terapia ha una efficacia uguale o

2 superiore al placebo. Se una singola metanalisi mostra che una terapia ha un effetto simile al placebo deve essere esclusa dal rimborso del SSN e i medici hanno l'obbligo di non applicarla. Per essere valida una metanalisi deve avere a) nel team devono essere presenti degli esperti della materia, es: negli studi sull'omeopatia deve essere presente almeno un omeopata b) validità del campione: devono essere riportati il maggior numero di studi possibili (almeno 50) c) validità esterna: metanalisi sull'omeopatia devono contenere almeno il 50% di studi sull'omeopatia Un bell'esempio: ricordando che il SSN rimborsa solo le terapie che hanno una efficacia superiore al placebo: ci sono studi che dimostrano che l'iperico ha un effetto simile al placebo per la cura della depressione maggiore e gli antidepressivi di sintesi (rimborsati dal SSN) hanno una efficacia simile all'iperico...european Jour of Clinical Pharmacology 2003: x) i farmaci convenzionali si rivelano efficaci solo nel 40% dei pazienti cui siano stati prescritti correttamente. y) Le prescrizioni di farmaci convenzionali basati su dimostrazione di efficacia non superano il 30%. Ricordiamo che eliminare un sintomo non è curare la malattia e non parliamo di effetti collaterali. Non vi è nessuna evidenza che l'effetto placebo abbia in generale un importante effetto clinico (studio comparativo tra placebo o nessuna terapia). Se ne deduce che l'omeopatia, quando ha un effetto clinico, non ha un effetto placebo. Risultati di meta-analisi, pubblicate da riviste non di omeopatia tra il '91 e il 2000, eseguite da tre differenti gruppi hanno dato un giudizio concorde: l'effetto clinico dell'omeopatia è superiore al placebo. Esistono studi e test che dimostrano l'efficacia e il meccanismo di azione delle Alte Diluizioni sopra il N di Avogadro - homeopaty dentistry MNC e Sistemi Viventi: identità dei pricipi fondamentali di funzionamento. Prendiamo in analisi le citochine: le citochine sono dei messaggeri intercellulari tra sistema endocrino, sistema immunitario, sistema nervoso e sistema emozionale tramite il lobo limbico, regolano molte funzioni, non si depositano in granuli, vengono prodotte al momento della necessità, hanno vita brevissima, sono come gli ormoni peptidici. Uno stress emozionale abbassa tremendamente l'azione dei Natural Killer, per diminuzione dell'attività dell'rna messaggero. La citochina Simile(?) agisce su sistemi e tipi cellulari diversi per regolare il sistema primitivo regolato a monte (principio del simile o pleiotropismo). Nel sistema delle citochine varia il tipo di risposta a seconda dello stimolo iniziale. Cioè il sintomo finale indica ciò che è accaduto a monte. Spesso nella medicina allopatica si cerca di eliminare il sintomo senza arrivare alla causa della patologia. Invece il sintomo non va represso ma va reso superfluo curando la malattia. Il tipo di risposta citochinica varia a seconda dello stimolo iniziale: a) il sistema TH1 è attivato da virus e batteri, un allergene attiva TH2 fino al cortisolo. TH3 tolleranza (cortisolo). Il TH17 lo vedremo più avanti discutendo dell'omtia. In analogia con l'omeopatia. b) delle forze disponibili c) dell'ambiente citochinico che si viene a creare. "Nel senso che se io c'ho un tipo di problema che si sta instaurando mi si attiva l'interleuchina

3 in st'ambiente citochinico in cui per esempio si forma l'interferone gamma e il tumor necrosis factor (TNF) allora lì c'è una risposta TH1. Se c'è l'interleuchina 23 mi parte il TH17 che a sua volta dà il via alla interleuchina 14". (?) E' quindi il terreno, (momento attuale dell'organismo), che determina il tipo di risposta. Il terreno è l'insieme delle caratteristiche genetiche della persona e i sovraccarichi che si aggiungono durante la vita: l'interazione tra la costituzione e l'attualità (costituzione/diatesi), quello a cui l'individuo è predisposto e quello a cui va incontro e nessuna cosa è cristallizzata mantenendosi una certa variazione di escursione tra i limiti di una costituzione e l'altra: in un momento della vita si può sopportare parecchie cose (stress, amalgama o altro) e magari si arriva a non riuscire a sostenere più l'insieme. La costituzione più la storia è il terreno, cioè l'attualità e all'interno di ogni diatesi: si può essere compensati o scompensati. Le citochine hanno attività diversa secondo la concentrazione, agiscono a livello molto diluito (da 10-7) e magari invertono l'azione per piccole variazioni di concentrazione. Possono essere: a) fattori di crescita b) regolatori di divisione c) o innescare l'apoptosi (morte cellulare). Es. il TNF a 10-9 attiva una infiammazione benigna, purificativa della cellula, stimolante la rigenerazione, a 10-7 stimola l'apoptosi. Lo stesso l'interleuchina 6. Quindi: I principi fondamentali delle medicine NC sono tutti presenti nell'omeopatia: - interconnesione dei sistemi (S nervoso S immunitario. S Endocrino S emozionale) - effetto del simile - sintomo - terreno - effetto concentrazione dipendente Breve storia dell'omeopatia Il nome deriva dal greco omoios=simile e patos=sofferenza, dolore, malattia. E' stata descritta da Hahnemann che sosteneva che essa si basa unicamente sull'esperienza e non vuole esser giudicata che dai fatti. Molti secoli prima, nella Magna Grecia, era stato identificato l'uomo armonico e ancor prima, in oriente 2000 anni indietro, era nato il concetto di equilibrio tra Yin e Yang. Empedocle, ac, già affermava la costituzione atomica delle cose e il concetto di corrispondenza tra macro e micro cosmo da cui l'armonia della salute in corrispondenza con l'ambiente. Per lui gli elementi fondamentali erano aria, acqua, terra e fuoco in armonia tra loro e in corrispondenza equilibrate all'interno dell'organismo regolati da forze chiamate Philia (attrazione, amore) e Neikos (odio, repulsione). Ippocrate ( AC) analizzando le corrispondenze fra tutte le cose, trovò che la malattia è generata dai simili ed è attraverso la somministrazione dei simili che i malati riacquistano la salute (Similia similibus curentur). Organizzò, sulla base degli umori i concetti di Empedocle e fu il primo a classificare le costituzioni. A seconda della prevalenza degli umori (freddo, umido, caldo, secco) si avevano i temperamenti.

4 Le classificazioni neuroendocrine (vedi Oltre) ci mostrano la correlazione con il clima. In ambienti caldi prevale la tiroide perchè avevamo la necessità di correre con poco grasso addosso. In ambiente freddo servono pannicoli adiposi, la vita è più ritirata prevale il surrene. Dove c'è molta luce l' azione prevalente è pineale, con poca luce prevale la melatonina. Un messicano sarà più verso l'iroso, un italiano più verso il sanguigno, un tedesco verso il flemmatico, un inglese verso il melanconico. Dopo l'anno 150 d.c partì la scuola di Galeno ( d.C) che si mise in contrasto con la scuola Ippocratica. Anche se già Ippocrate teorizzò che i modi di curare potevano esssere 2: similia similibus ma anche contraria contrarius curentur. Galeno percorse il principio dei contrari, quello che oggi è l'allopatia. Queste scuole non sono in antitesi ma assieme completano tutti gli aspetti della medicina. Anche Galeno fece le sue classificazioni sul profilo psicologico del pz e il suo inquadramento.

5 Alla fine del medioevo si fece strada la scuola di Teofrastus Bambastus Von Hohenhaim (per gli amici Paracelso, laureatosi a Ferrara) che prima di Hahnemann diede una prima organizzazione del pensiero omeopatico anche se un pò magico, alchemico,aulico e criptico, ritornando al pensiero del simile. Fu anche colui, che per primo, parlò del principio dose-dipendenza dell'effetto, solo la dose determina l'effetto tossico o terapeutico di una sostanza. Quindi il pensiero scientifico moderno è stato impostato da Galeno e proseguito da Galileo, Cartesio e Newton. La legge dei simili invece parte dalle culture mediche antiche, prosegue con Ippocrate, gli alchimisti con capostipite Paracelso fino ad Hahnemann con l'omeopatia ( pensiero della tradizione). Samuel Hahnemann ( ) medico, si accorse che la medicina del suo tempo che praticava faceva più danno che utilià (salassi, sanguisughe, mercurio etc) "tali cure cervellotiche indeboliscono l'organismo e possono esaurirle del tutto". Nel 1790, traducendo un testo dei W. Cullen, lesse che gli operai che raccoglievano corteccia di china si ammalavano di febbri intermittenti simili a quelle malariche. Decise di intervenire su soggetti intossicati da chinino somministrando la stessa sostanza a dosi bassissime; così pure per la malaria. In altre parole "per trattare omeopaticamente un malato è necessario stabilire una similitudine tra il suo quadro sintomatologico e il quadro tossicologico provocato in un soggetto sano da una certa sostanza". Cominciò ad autointossicarsi con dosi sub ponderali, non omeopatiche (sotto l'effetto tossicologico ponderale) per la cura. Hahnemann comprese l'importanza delle dosi infinitesimali. Pubblicò i risultati dei suoi studi tra il 1796 e il 1828.

6 Ebbe molti seguaci e, tra questi, ci furono coloro che apportarono delle modifiche (non sempre migliorative). "Quando fai qualcosa hai contro tutti, quelli che fanno il contrario, tutti quelli che fanno la stessa cosa e tutti quelli che non fanno un c...". De Guidi introdusse l'omeopatia in Francia, Qinn in Inghilterra, Hering negli Stati Uniti e stabilì alcune leggi su come guarire l'organismo. Nebel introdusse il concetto delle costituzioni. Da Vannier arrivò la diatesi tubercolinica. Dal 1796 l'omeopatia si è diffusa in molti stati del mondo e nel 1796 Jenner sperimentò la prima vaccinazione. Correnti omeopatiche: a) unicismo, sostenuta soprattutto da Hahnemann, ripresa da Kent (che parlò anche di complessi); si basa sul dare un rimedio che è il più simile possibile al quadro del paziente (simillimum) per periodi lunghi ad alta diluizione b) pluralismo. E' sorto quando si cominciò a parlare di costituzioni e diatesi. Si cerca di prescrivere più rimedi unici separati: quello di costituzione, quello di diatesi e quello della patologia in atto in bassa e media diluizione. c) complessismo. E' fatto da preparati composti, a bassa diluizione che hanno azione soprattutto sull'organico e sulle malattie acute e per l'azione drenante, somministrati contemporaneamente o fomulati da vari rimedi riuniti nella stessa composizione e a varie diluizioni assieme. Non ha una estrema profondità: più la diluizione è alta più il rimedio agisce a livello mentale, accresce l'effetto terapeutico. Hahnemann si accorse che non tutte le sostanze erano veleni ma potevano sia sostenere una patogenesi che curare un quadro clinico a dosi diluite. Quindi dalla legge del simile Ippocratica, scoprì anche la dose molto diluita: legge dell'infinitesimale in cui una sostanza molto diluita accresce l'effetto terapeutico e "le dinamizzazioni omeopatiche sono realmente un risveglio nei corpi naturali dalle proprietà medicamentose che restano celate fintanto che essi sono nello stato grezzo". Si passa, perciò al principio di similitudine in cui una sostanza che a dosi ponderali provoca, in un soggetto sano, la comparsa di una specifica sintomatologia (patogenesi) è in grado, somministrata a dosi minime infinitesimali, di curare gli stessi sintomi nell'individuo malato. La legge dei simili formula il parallelismo esistente tra potere tossicologico e terapeutico di una sostanza. Es. se si somministra Arnica montana a dose subponderale in maniera continua si sviluppano dolori articolari, tumefazioni che i montanari curavano con impacchi di arnica. Una sostanza a dosi ponderali ha un effetto primario attivo, violento; dosi infinitesimali hanno un effetto secondario, reattivo e aumenta la reattività del paziente agendo sull'azione curatrice naturale del paziente stesso, una reazione alla malattia artificiale che porta alla guarigione: di conseguenza la malattia, era per Hahnemann, un'alterazione della forza vitale. Cioè la malattia e salute sono manifestazioni differenti della reattività del paziente, yin e yang si compensano. Quando un'alterazione (malattia) della forza vitale crea uno spostamento verso la disarmonia (o Qi della MTC) serve qualche cosa che stimoli di nuovo la vis vitalis, in termini moderni un riequilibrio della PNEI. Procedura applicativa del principio di similitudine Somministrando ad una persona una sostanza a dosi subponderali ( non dosi ponderali che provocano l'avvelenamento ma a dosi omeopatiche dalla 4CH in poi) si sviluppa una sintomatologia fisica e mentale che è una intossicazione (patogenesi). Se trovo un paziente che ha un quadro sintomatologico identico ad un quadro patogenetico per curarlo somministro il rimedio che provoca la stessa malattia (intossicazione, patogenesi) a dose più bassa cioè a dose omeopatica. Questa è la legge di similitudine in cui è insita la legge di Arnolt-Shulz o Ormesi che è l'effetto inverso della concentrazione: ogni sostanza ha un effetto

7 che a dosi massicce inibisce, a dosi minime modula, a dosi ancora più basse stimola. Reckeweg dice che le Leggi Naturali non divengono mai obsolete. Cioè in natura già esiste il principio di similitudine e dell'effetto inverso. Nel 1968 Hauss (non quello dellatv) studiò l'effetto di diverse concentrazioni di glucocorticoidi sull'attività biologica del connettivo. L'idrocortisone endogeno è in diluizione molto alta ed attiva delle infiammazioni benigne per dare ricambio ai tessuti mesenchimali. Hauss che non era un omeopata, lavorando su pelle di ratto, trovò che il cortisone, a diluizioni di 5x10-3 aveva un'azione bloccante del ricambio (sicosi). A diluizione di 5x10-4 si aveva all'inizio dell'attività di ricambio (con l'incorporazione nei tessuti dell'esperimento di Zolfo25 come marker). A diluizione di 5x10-5 aumentava ancora di più l'attività metabolica di pulizia del mesenchima. Conney e Burns, 1963, trovarono una dimostrazione scientifica sia del principio delle dosi infinitesimali che del principio di similitudine. Gli autori iniettarono a dei topi, per via peritoneale, del metilcolantrene, un colorante azulenico epatocarcinogeno provocando una patologia degenerativa del fegato. Dosi decrescenti dello stesso metilcolantrene pari a D3-D4 facevano osservare una regressione della forma degenerativa. La dose infinitesimale (anche se D3 e D4 non sono proprio dosi omeopatiche) di metilcolantrene funziona da induttore enzimatico stimolando l' epatocita alla sintesi di un enzima antitossico specifico (N-demetil-amino-ossidasi) in grado di neutralizzare le molecole tossiche di metilcolantrene. Era la dimostrazione della "legge delle dosi infinitesimali, legge dell'effetto inverso". Inoltre gli enzimi antitossico specifici sono attivi non solo sul metilcolantrene che li ha indotti ma anche su tutti gli azocoloranti tossici simili al metilcolantrene (legge di similitudine) gruppo di Aubin trovò che l'aconitina ad alte concentrazione (10-5 M) provoca tachicardia e fibrillazione; a bassa concentrazione (10-7 M) provoca bradicardia, a bassissima concentrazione (10-18) non aveva effetto sul cuore sano ma su quello intossicato dalla stessa aconitina ad alte dosi, mostra uno spiccato effetto normalizzante del ritmo (NB è il N di Avogadro). Il principio delle dosi infinitesimali è detto anche Principio di specificità cioè dosi molto basse possono essere usate solo in presenza di elevata specificità: tanto più la sostanza che usiamo è indicata per la patologia, tanto minore sarà la dose che bisognerà somministrare. (l'allopatia lavora a pallettoni). Totalità del malato Non esiste la malattia somatica o psichica o somato-psichica o psicosomatica ma esiste l'insieme, una unità bio-psico-sociale. Esistono vari livelli

8 a) quello fisico b) quello funzionale metabolico c) livello nervoso d) livello psico-comportamentale. Ad ogni livello corrisponde una certa diluizione: livello a) bassa diluizione livello b) media diluizione livelli c) e d) alte diluizioni. L'omeopatia considera la malattia come una forma evolutiva, origine dal piano psico-sensoriale, si attesta sul piano funzionale con disturbi di funzionalità, si conclude sul piano organico con una lesione. Dipende dal tipo, dalla frequenza e dall'intensità di una noxa patogena, dai fattori ambientali, dal terreno (insieme dei fattori costituzionali, ereditari o acquisiti), dalla reattività individuale da cui deriva l'individualizzazione della diagnosi e della terapia. Per una valutazione omeopatica si cercano i sintomi fisici; le modalità globali reattive; la biotipologia; l'individuazione emozionale, mentale, spirituale; l'analogie tra il quadro clinico e la sostanza che "copre" un quadro simile. Preparazione del rimedio Omeopatico

9 Fase 1 = sostanza di partenza (ceppo omeopatico o souche) deriva: a) ceppo vegetale: pianta intera o parti b) ceppo animale: intero o secrezioni c) ceppo minerale: litoterapia dechelatrice d) sostanze chimiche di sintesi: phenobarbital, striptomicyn e) ceppo bioterapico o nosodo: colture di microbi : secrezioni patologiche : tessuti animali f) ceppo isoterapico: auto-isoterapici (secrezioni del paziente) : etero-isoterapici (es. polvere di casa) Fase 2 tintura madre - si può ottenere con due procedure diverse a) macerazione idroalcoolica a freddo. Si ottiene mettendo a macerare le piante (intere o parti di esse) in una miscela di acqua ed alcool a 65 - la macerazione dura 21 giorni e le proporzioni sono di 1:10 ( 1 di pianta o altro e 10 parti di acqua alcool) b) triturazione per i ceppi minerali. Non esiste tintura madre di partenza data l'insolubilità del ceppo minerale. A 1 parte di minerale si aggiungono, in un mortaio, 99 parti di lattosio puro, si tritura per 20 minuti ottenendo la dispersione 1 centesimale (1T). Allo stesso modo per la 2T e 3T. Dopo la 3T i minerali sono solubili nella soluzione idroalcoolica. Il 4 passaggio prevede per ciò che 1 parte di 3T sia discolta in 99 parti di alcool a 30 ottenendo la 4CH. Si ritiene che ogni sostanza sia solubile dalla 4CH. Dalla 4CH si entra nell'omeopatia.

10 Fase 3 diluizione e dinamizzazione. le diluizioni possono essere Hahnemaniane : la decimale D, DH, X e XH : la centesimale C o CH : la cinquantamillesimale LM : Korsakoviane : K 1 goccia di tintura madre + 99 gocce di solvente = 1CH 1 goccia di 1CH + 99 gocce di solvente = 2CH etc è la deluizione Hahnemaniana. In una provetta = tintura madre 1 + solvente 99 = 1K, butto tutto e quello che rimane adeso alla provetta viene diluito con altre 99 parti di solvente ( ad ogni passaggio c'è la dinamizzazione cioè scuotimento della provetta per 100 volte) ottengo la 2K. E' il metodo di Korsakov per la diluizione. Korsakov era un medico russo che operava in trincea e non aveva tante provette a disposione per cui ideò questo metodo. Schema della diluizione: per passare da una diluizione DH all'altra c'è un fattore 10 - per passare da una diluizione CH all'altra c'è un fattore 100. DH1 = 1:10 - DH2 = 1:100 - DH3 = 1: DH4 = 1: DH5 = 1: DH6 = 1: CH1 = 1:100 - CH2 =1: CH3 =1 : CH4 = 1: CH5 =1: ect. Metodo delle 50 Millesimali - Dalla sostanza base minerale, si forma la 1CH poi la 2CH poi la 3CH poi si prendono 0.05 gr di soluzione e si disperdono in 500 gocce di alcool. Con 1 goccia di questo si fa una soluzione, con 100 gocce di alcool, si dinamizza e si ottiene la 1 LM (cinquantamillesimale). I gradi di diluizione e dinamizzazione (potenze) basse diluizioni: fino alla 6DH, fino alle 7CH, fino alla 200K, fino alla LM/6 medie: dalla 8DH alla 30DH: dalla 9CH alla 15CH; fino alla 1000K; fino alla LM/9. alte: dalla 30DH alla 200DH; dalla 15CH alla 30CH; fino alla K, dalla LM/30 altissime: dalla 200DH alla 1000DH ; dalla 200CH - MCH - XMCH etc.. oltre le K; LM/60 Accordi di potenza; sono prodotti omeopatici che presentano più diluizioni dello stesso ceppo all'interno dello stesso prodotti in modo da coprire dal sintomo tissutale fino al mentale. Azione veloce e profonda, scarsa durata nel tempo. Rimedi omeopatici si dividono in: - Grandi rimedi (o policresti o costituzionali) - hanno azione generale "di fondo", diretti verso la totalità dei sintomi, dati ad alte diluizioni, praticamente il simmillimum. - Piccoli rimedi (o sintomatici) hanno azione locale, velocità di azione, dati a basse diluizioni. Un tempo le patologie erano più nette da comprendere, oggi con le nuove polluzioni, quali l'elettromagnetismo, pesticidi e diserbanti, farmaci che coprono alcuni sintomi, le patologie che si ripresentano in un'altra forma. - Rimedi sinergici - posseggono, sia nei loro effetti generali che particolari, una convergenza d'azione: insieme riescono a coprire un quadro più ampio rispetto alla somma di ognuno preso singolarmente. Es Nux Vomica e Lycopodium per i loro caratteri generali.

11 - Rimedi complementari - hanno la proprietà di prolungare e rafforzare l'azione del rimedio che precede o che è loro associato. Nel linguaggio omeopatico si parla di "successioni medicamentose" di rimedi che "seguono bene". Uso delle diluizioni per i non policresti, regola di Leon Vanier. Rimedi omeopatici: a) a bassa diluizione (5 CH) hanno tropismo a livello fisico nei tessuti e organi b) a media diluizione (30CH) hanno tropismo a livello organico + generale sulle funzioni metaboliche c) alte diluizioni (200CH - XM-K) hanno tropismo a livello mentale come manifestazioni eziopatogenetiche di fondo. Posologia delle diverse diluizioni. da 5CH a 30CH = dosi frequenti (3-5 granuli) per tempi limitati hanno azione veloce ma fugace nel tempo. Un tempo i granuli erano spruzzati col principio attivo per cui toccandoli o già all'interno del tubetto si poteva avere una perdita per cui era indicata la posologia di 5. Oggi le tecniche permettono di fissare meglio il prodotto per cui 3 granuli possono essere sufficienti. 200CH, XM,K = unica dose (monodose)

12 Ascending potencies = una dose ogni 7-10gg: 7CH, 9CH, 15CH, 30CH, 200K - MK - XMFC, entrambe hanno azione lenta ma profonda. Gestione delle potenze 1) basse: per sintomi fisici, fase acuta 2) medie: per sintomi generali, fase subacuta 3) alte: per sintomi mentali, malattie croniche e quanto più simile è il quadro, tanto più alte saranno le potenze. Nebel e Vannier introdussero il concetto di Drenaggio: la stimolazione di uno o più organi emuntori apre la strada che permettono alle tossine, messe in circolo dal rimedio omeopatico, di esteriorizzarsi così da essere eliminate dall'organismo. E' una delle basi dell'omotossicologia. La guarigione avviene da dentro a fuori: è una delle regole di Hering. Il presupposto della farmacologia allopatica si basa sulla inibizione per cui un farmaco dovrebbe essere sempre più efficace all'aumentare della sua concentrazione. Scendendo sotto la concentrazione minima efficace non dovrebbe più avere azione terapeutica. Ma esiste anche un effetto paradosso(ormesi) con la possibilità di effetti terapeutici di sostanze somministrate a dosi molto al di sotto della soglia terapeutica stabilita come efficace: a basse dosi stimolano e ad alte dosi inibiscono. Dal 1960 ad oggi sono state testate più di 4500 sostanze con questo effetto, che a livello tossicologico è definito ORMESI cioè stimolazione,

13 che è la legge di Arnolt-Shultz 1907: fenomeno di inversione dell'effetto che cambia diametralmente se utilizzata a dosi ponderali o infinitesimali (sola dose facit venenum). Gli oppioidi sono conosciuti per avere un comportamento stimolatorio nell'intervallo tra e Patogenesia. è la malattia da farmaco e la patogenesi è l'intossicazione da bassi dosaggi. Proving è la sperimentazione su volontario sano e sensibile. La patogenesi di un rimedio è l'elenco dei sintomi sia fisici che mentali osservati, raccolti dagli ammalati durante la sperimentazione di un rimedio. Materia medica è la raccolta delle patogenesi dei rimedi sperimentali, elenca i rimedi illustrando, per ogni sostanza, i sintomi corrispondenti osservati a dosi subponderali. E' questo il motivo per cui una bassa diluizione (4-5CH) data per non più di 2-3 gg è per un sintomo acuto. Se dato per più tempo il paziente può sviluppare tutto il quadro sintomatologico del rimedio (patogenesi) che è uno degli aggravamenti omeopatici spesso evitabile e fatto per errore (mercurius per alito fetido). I sintomi che compongono la Materia Medica provengono da: tossicologia, sperimentazione, osservazioni cliniche. L'intossicazione cronica da metalli è uno dei problemi dell'odontoiatria. Lo sfregamento e la corrosione liberano nell'ambiente salivare i vari componenti delle leghe utilizzate che in soggetti predisposti possono far sviluppare una o più patogenesi verso i costituenti. Lo stesso dicasi per gli operatori se non adeguatamente protetti. In particolare l'amalgama d'argento che è una miscela e non una lega. Repertorio elenca per ogni sintomo le sostanze corrispondenti, è l'opposto della materia medica. Terapia omeopatica è la repertorizzazione di tutti i sintomi sia fisici che mentali, la loro gerarchizzazione in ordine di importanza in modo da poter prescrivere i rimedi descritti nella Materia Medica. Tipo sensibile ogni paziente ha una sua sensibilità per cui per due pazienti che presentano la stessa malattia ci può essere una risposta per due rimedi diversi. Il riconoscimento dell'esistenza di un tipo "sensibile" fa parte del terzo pilastro dell'omeopatia = il Principio della Globalità e Individualizzazione. Abbiamo visto in precedenza, parlando della patogenesi, che somministrando una dose subponderale ad un individuo si può sviluppare tutto il quadro sintomatologico tipico di quella patogenesi: solo se il pz è sensibile; se non è sensibile non sviluppa tutto il quadro patogenetico. Es. per dolore alla spalla ci sono due rimedi principali: ignatia e Kali bicromatum. Kali si annoia la domenica; ignatia è sottomesso all'autorità. Occorre valutare attentamente l'anamnesi perchè un rimedio può guarire e l'altro no, oppure il rimedio non specifico sarà più lento e/o meno efficace. Occorre quindi una diagnosi differenziale sia di patologia che di paziente che di fase della patologia (vedi altro per la pulpite) in fase congestizia dare Belladonna che ha azione velocissima. Ad un sulfurico per febbre improvvisa e alta aconitum ha un efficacia in poche ore o addirittura minuti a qualsiasi diluizione anche in Homaccord; il rimedio provoca sudorazione profusa e guarigione. Ha addirittura effetto rimbalzo. Pulsatilla è tipica per l'intolleranza ai grassi. Un pz sensibile a pulsatilla se beve panna o latte "sta a pezzi". Pulsatilla e tubercolinum sono entrambi fosforici ma già differenti. La teorizzazione del sensibile è la ricerca del Rimedio Simillimum che è esattamente il sosia

14 (non l'identico) medicamentoso che rappresenta la fisionomia morbosa espressa dal malato: è come una chiave che si inserisce in una serratura e fa scattare il meccanismo di guarigione. Il Rimedio Simile è quel rimedio che presenta sintomi mentali, generali e lesionali simili a quelli della malattia e quindi fornisce energia all'organismo innalzando il suo stato di salute e spesso contribuisce all'evidenziarsi dei sintomi del vero simmillimum. Il Rimedio Similare è quel rimedio che presenta sintomi periferici soprattutto fisici, simili alla malattia, ne differiscono per i sintomi più profondi (emozionali mentali generali).tutto ciò crea una soppressione omeopatica, abbassando il livello di energie del sistema rendendo sempre più confuso il caso. Questo capita se si dà il rimedio sbagliato. Il Rimedi Dissimile non ha nessun sintomo, nè centrale nè periferico simile alla malattia. A livello energetico risulta indifferente per l'organismo e non vi è alcuna interazione. Simillimum = rimedio la cui patogenesi copre da sola tutti i sintomi. Regola del tripode di Hering = tre sintomi importanti accuratamente selezionati sono sufficienti per individuare il simillimum. Nell'ambito odontoiatrico, la terapia omeopatica si avvale dei propri presupposti metodologici per affrontare con efficacia le malattie del cavo orale sia da un punto di vista acuto che cronico. Nell'approccio omepatico le patologie acute devono essere interpretate come un epifenomeno cui concorre una predisposizione individuale che caratterizza il terreno o la diatesi del malato che a sua volta può essere identificato nella fisiopatologia della reattività psico-neuro-immuno-endocrina. La PNEI offre una interpretazione moderna alle malattie croniche Hahnemaniane perchè ne esprime la concezione olistica fornendo una visione biomedica delle interrelazioni tra i complessi sistemi di regolazione e difesa dell'organismo laddove le citochine, gli ormoni, i neurotrasmettitori, i mediatori dei processi flogistici sono in relazione con i grandi sistemi di regolazione biologica per assicurare la tendenza al raggiungimento della dinamica omeostatica. Teoria delle malattie croniche (o teoria dei miasmi) (miasma - atos = lordura, infezione, esalazione nociva) definizione: Miasma è una malattia pregressa in grado di modificare la risposta dell'organismo alle malattie in modo diverso da un individuo all'altro. Oggi si chiama diatesi o modello reattivo. E' una intuizione originale di Hahnemann che notò, nelle malattie croniche, una notevole frequenza di recidive o guarigioni parziali. La sua teoria sosteneva che per un paziente che non guarisce completamente per alcune patologia ci sia come causa una malattia acuta pregressa del paziente, o dalla sua stirpe antecedente che ha lasciato segni all'interno dell'organismo con alterazione di ciò, che oggi conosciamo bene, che è il genoma. L'alterazione del genoma modifica i meccanismi di difesa verso le malattie successive cioè modifica la reattività. La Sicosi è uno dei grandi miasmi e una delle sue cause è oggi, l'abuso dei farmaci (sicosi è il momento in cui si estrinseca la patologia). Mai prima di Hahnemann era stata rivolta l'attenzione al "modo individuale" di fare le malattie; ci si concentra sul tipo di risposta che il pz offre alla malattia, non sugli agenti patogeni (sulle cause della malattia) perchè gli agenti morbosi non fanno ammalare chiunque ad ogni tempo.

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

SCUOLA DI MEDICINA OMEOPATICA DI VERONA. Tesi. Reazione al rimedio omeopatico Fondamenti teorici e risvolti clinici

SCUOLA DI MEDICINA OMEOPATICA DI VERONA. Tesi. Reazione al rimedio omeopatico Fondamenti teorici e risvolti clinici SCUOLA DI MEDICINA OMEOPATICA DI VERONA Tesi Reazione al rimedio omeopatico Fondamenti teorici e risvolti clinici dott. Josuel Ora Relatore dott.ssa Raffaella Pomposelli Anno Accademico 2003-2004 1 INDICE

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che

Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Numero 7. L allergia alle muffe L esperto informa che Le muffe fanno parte, insieme ai lieviti e ai funghi a cappello sia mangerecci sia velenosi, di un vastissimo quanto eterogeneo gruppo di organismi,

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli