SCUOLA DI AGOPUNTURA TRADIZIONALE Della Citta di Firenze DIRETTORE DR. FRANCO CRACOLICI TESI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCUOLA DI AGOPUNTURA TRADIZIONALE Della Citta di Firenze DIRETTORE DR. FRANCO CRACOLICI TESI"

Transcript

1 SCUOLA DI AGOPUNTURA TRADIZIONALE Della Citta di Firenze DIRETTORE DR. FRANCO CRACOLICI TESI TRATTAMENTO DELLA PARESI DEL NERVO FACCIALE CON AGOPUNTURA: UN CASO CLINICO RELATORE DR. FRANCO CRACOLICI CANDIDATA DR.SSA SONIA ROSSI ANNO ACCADEMICO

2 TRATTAMENTO DELLA PARESI DEL NERVO FACCIALE CON AGOPUNTURA: UN CASO CLINICO Tutta la scienza è: conosci te stesso. Soltanto alla fine della conoscenza di tutte l e cose l uomo avrà conosciuto se stesso. Giacchè le cose sono il limite dell uomo. F. Nietzsche, Aurora: pensieri sui pregiudizi morali,

3 INDICE Epidemiologia pag. 4 Anatomia del nervo facciale 4 Inquadramento Nosologico Generale Secondo La Medicina Occidentale Eziologia 5 Patogenesi 6 Clinica 6 Accertamenti strumentali diagnostici 6 Prognosi 7 Trattamento 7 Inquadramento Nosologico In Medicina Tradizionale Cinese Eziologia e Patogenesi 7 Clinica 10 Trattamento 10 CASO CLINICO 12 Discussione 16 Conclusioni 16 Bibliografia 17 3

4 Epidemiologia La paralisi di Bell o paralisi del facciale idiopatica è la più frequente patologia del nervo faciale con un incidenza annua pari a 23/ (Hauser et al.,1971); tale malattia può verificarsi a tutte le età, sebbene sia infrequente nei soggetti inferiori ai 10 anni. La sua incidenza aumenta tra i 10 e i 29 anni, rimane stabile dai 30 ai 69 anni e raggiunge il suo picco negli individui con età superiore ai 70 anni. Non esiste prevalenza di sesso, sebbene alcuni dati depongano per un aumento di incidenza nel terzo trimestre di gravidanza. Rispetto alla popolazione normale, la paralisi risulta più frequente nei soggetti diabetici ed ipertesi. Anatomia del nervo facciale Una breve spiegazione dell anatomia del nervo faciale occorre ai fini della comprensione della sintomatologia e della semeiotica. Il VII nervo cranico è soprattutto motorio ed innerva tutti i muscoli mimici di un emivolto, mentre la componente sensitiva: nervo intermediario di Wrisberg, veicola la sensibilità gustativa dei due terzi anteriori della lingua e probabilmente la sensibilità cutanea della parete anteriore del condotto uditivo esterno ( oltre a contenere fibre secreto-motrici parasimpatiche che innervano le ghiandole sottomascellare e lacrimale). Il nucleo motore del nervo faciale è situato nel ponte e le fibre nervose lungo il tragitto intrapontino circondano il nucleo del VI nervo cranico ( abducente che trasporta fibre motorie per il m. retto laterale dell occhio, dove raccoglie stimoli propriocettivi con delle fibre sensitive somatiche che raggiungono il n. oftalmico attraverso un ramo anastomotico) formando un ansa, prima di emergere in posizione ventrale, proprio lateralmente al tratto cortico-spinale. Quindi un deficit contemporaneo del n. faciale e dell abducente localizzano la sede lesionale; è da evidenziare anche il collegamento anatomico dei nervi encefalici:ottico, abducente e faciale. Attraverso l angolo ponto-cerebellare, il nervo faciale entra nel meato acustico interno accompagnato dal nervo acustico e si immette nel canale osseo del faciale, scavato nella rocca petrosa, per poi curvare in avanti e in basso (ginocchio), dove è localizzato il ganglio genicolato. Il tronco nervoso esce dalla base cranica tramite il forame stilo-mastoideo, attraversa la ghiandola parotide e si suddivide in cinque branche destinate all innervazione dei muscoli mimici, del muscolo stilo-mastoideo e del ventre posteriore del muscolo di gastrico. 4

5 INQUADRAMENTO NOSOLOGICO GENERALE SECONDO LA MEDICINA OCCIDENTALE Eziologia La paralisi di Bell rende conto di circa il 60/75% di tutti i casi di paralisi facciale unilaterale; le due metà della faccia sono colpite con eguale frequenza. In aggiunta alla sindrome di Ramsay-Hunt (con vescicole erpetiche nel condotto uditivo esterno) altre cause di debolezza facciale periferica acquisita non idiopatica sono più rare e insorgono in soggetti oltrechè affetti da diabete mellito e ipertensione, neurinoma del nervo acustico, sindrome di Guilain Barrè (in particolare in alcune varianti), infezione HIV, infezioni della mastoide e dell orecchio medio, malattia di Lyme (probabile qualora sia presente una storia di puntura di zecca con eritema marginato o artrite), sarcoidosi e neoplasie della parotide. Tra le cause centrali di paralisi del facciale la più comune è lo stroke, seguito dalle patologie infettive ed infiammatorie. Sono riportati in letteratura alcuni casi di paralisi del facciale periferica nei soggetti riceventi vaccino influenzale intranasale. Nella paralisi di Bell vi è evidenza nell età adulta di sieropositività per l Herpes Simplex Virus di tipo 1 (HSV-1) il che potrebbe indicare che la malattia riflette una riattivazione dello stato di latenza del virus localizzato a livello del ganglio genicolato astenia mimica ricorrente o bilaterale è più frequentemente una manifestazione di miastenia gravis, lesioni a livello della base dell encefalo, sarcoidosi, malattia di Lyme e di alcune varianti della sindrome di Guillain-Barrè. 5

6 Patogenesi Il nervo faciale riempie circa il 35-65% del canale osseo intratemporale, mentre la rimanente porzione è occupata da vasi sanguigni extraneurali e tessuto connettivo, senza che rimanga alcuno spazio vuoto. Nel corso del processo infiammatorio alla base della patologia l edema provoca compressione del nervo all interno del canale osseo. L infiammazione del nervo inizialmente determina una reversibile neuroaprassia, ovvero un disturbo temporaneo della funzione del nervo, senza interruzione di continuità delle fibre, ma in seguito può risultare una degenerazione walleriana, con coinvolgimento sia della mielina, sia dell assone Clinica Bisogna innanzitutto nel caso della paralisi periferica di Bell è determinare se la paralisi dell emivolto sia dovuta ad una lesione centrale o periferica. Le cellule del nucleo pontino del faciale innervano i due terzi inferiori della muscolatura mimica e ricevono fibre cortico-bulbari dall emisfero controlaterale. Le cellule che innervano la muscolatura del terzo superiore ricevono fibre corticobulbari da entrambi gli emisferi, pertanto vi sono due forme cliniche: Paralisi del faciale centrale: quando la patologia è dovuta a una lesione delle vie sopranucleari e colpisce esclusivamente i muscoli dei due terzi inferiori della faccia Paralisi del faciale periferica: è dovuta a lesione del nucleo o del nervo ipsilaterale e colpisce tutti i muscoli innervati dal faciale. Accertamenti strumentali diagnostici Gli esami di laboratorio,di imaging e neurofisiologici vengono effettuati nel sospetto di paralisi del facciale per escludere altre patologie, valutare l entità del danno, in particolare nei pazienti con recupero non completo o assente e per fornire indicazioni prognostiche ed eventualmente di trattamento. Infatti la diagnosi di paralisi di Bell è essenzialmente clinica. Non esiste alcun test di laboratorio specifico per confermare la diagnosi di paralisi del facciale idiopatica. Alcune indagini di laboratorio possono escludere o confermare altre potenziali cause nella diagnosi differenziale. La dimostrazione di un incremento del titolo anticorpale anti-hsv non è di alcun rilievo diagnostico. Gli studi neurofisiologici (elettroneurografia/elettromiografia) documentano un quadro di denervazione nei muscoli controllati dal nervo facciale; quest ultima non è evidente per alcuni giorni, pertanto questa tecnica presenta lo svantaggio di poter dare 6

7 informazioni di importanza prognostica non prima di sette giorni dall esordio della sintomatologia. La quota di degenerazione costituisce un fattore prognostico. Per quanto riguarda le indagini neuroradiologiche la risonanza magnetica (RM) non rappresenta un esame utilizzato di routine nella valutazione della paralisi di Bell. In questa condizione patologica la RM dimostra nelle immagini un enhancement (incremento) anormale del nervo facciale dopo somministrazione del mezzo di contrasto gadolinio da aumentata permeabilità capillare provocata dall infiammazione. L enhancement del nervo facciale paretico indica il sito della lesione e correla bene con il follow-up clinico e neurofisiologico in quanto esiste una buona associazione tra presenza di enhancement e recupero funzionale ritardato. La RM con gadolinio non è parte essenziale della valutazione dei pazienti con paralisi del facciale in quanto l enhancement di questo nervo può essere presente anche in soggetti sani: i falsi positivi, circa il 21% dei controlli, sono la principale limitazione all esecuzione di questa indagine. Tuttavia la RM con gadolinio può fornire indicazioni prognostiche ad uno stadio precoce della malattia, quando lo studio neurofisiologico non è ancora significativo. Inoltre la RM si è rivelato un esame importante nella diagnosi differenziale nei confronti di altre patologie (ischemia, malattie infiammatorie ed infettive, neoplasie). Prognosi La paralisi di Bell ha una buona prognosi: quasi tre quarti dei pazienti recuperano una normale funzione mimica, mentre solo un decimo mostra sequele minori. In circa un sesto dei pazienti permane debolezza di grado moderato o severo, contratture, o si hanno complicanze come sincinesie o emispasmo facciale. Inoltre possono permanere per un incompleta rigenerazione della componente nervosa sensitiva, alterazioni del gusto e disestesie Per tali sequele che permangono, il trattamento di scelta è l iniezione sottocutanea o intramuscolare di tossina botulinica. Il maggior miglioramento avviene entro tre settimane nella quasi totalità dei casi; se il recupero non avviene entro questo termine è improbabile che avvenga anche se fino a 4/6 mesi dopo l insorgenza della paralisi si completa la ricrescita del nervo e la reinnervazione Il segno prognostico più favorevole è un recupero parziale della funzione motoria che avvenga entro 5/7 giorni dall esordio della paralisi del facciale. Va sottolineato, infine, come la paralisi di Bell, seppur raramente (circa 8% dei casi) possa recidivare e ripresentarsi, presumibilmente a seguito di una riattivazione dell herpes virus. 7

8 Trattamento Oltre alle misure protettive per l occhio, a rischio di secchezza corneale e di esposizione a corpi estranei, che vanno prescritte per ogni paziente, la terapia consiste in somministrazione, non più tardi da una settimana dall esordio di: - Corticosteroidi - Farmaci antivirali Questi due tipi di farmaci, consigliabile in terapia combinata, vengono utilizzati per il processo infiammatorio e infettivo alla base della patologia. In conclusione i dati presenti in letteratura sembrano suggerire che i corticosteroidi riducano l incidenza di paralisi facciale permanente. Non esistono sufficienti evidenze circa l efficacia di antivirali ( Acyclovir, valaciclovir) utilizzati in monoterapia. Si ricorda inoltre che per la paralisi di Bell può essere valutato anche il trattamento con decompressione chirurgica solo in caso di prognosi negativa e non dovrebbe essere effettuata oltre i primi 15 giorni dall insorgenza della paralisi. Quest ultimo trattamento è controverso poiché in seguito a decompressione è stata riscontrata sordità permanente unilaterale permanente fino al 15% dei casi trattati, secondo le statistiche. INQUADRAMENTO NOSOLOGICO IN MEDICINA TRADIZIONALE CINESE Eziologia e patogenesi Si creano le condizioni che possono permettere ai fattori patogeni: Vento, Freddo, Umidità, Secchezza, Fuoco di invadere il corpo. Tali fattori corrispondono sempre a una sindrome ( per sindrome si intendono tutte le manifestazioni cliniche del paziente, la sede e la patologia della disarmonia che ha colpito il paziente) di Eccesso * se la condizione energetica (qi) interna del corpo è relativamente in armonia. La condizione di eccesso o di pieno si presenta quando un fattore patogeno esterno la determina, e l organismo, poiché la zheng qi che rappresenta i vari tipi di qi che hanno il compito di proteggere il corpo dalle invasioni dei fattori patogeni esterni e comprende il wei qi, cioè il qi difensivo (Circola al di fuori dei canali, nello spazio tra la pelle e i muscoli) lo ying qi, qi nutritivo ( ha la funzione di nutrire l intero corpo, scorre nei canali e nei vasi sanguigni e il So Wen dice che è collegato ai cinque organi yin e connesso ai 6 visceri yang e il jing dei reni). La zheng qi è in opposizione al termine xiè qi che indica i fattori patogeni esterni. Qualora la sindrome da Eccesso si associa a una condizione di deficit della zheng qi si ha una condizione di eccesso/deficit, vi sarà invasione dei fattori patogeni esterni. 8

9 In MTC la paralisi del faciale si manifesta in seguito ad un attacco di vento esterno ed è una condizione acuta. Vi possono essere attacchi acuti da eccesso anche interno, come l emicrania dovuta alla risalita dello yang del fegato e in generale le condizioni croniche di eccesso sono solo da cause interne. Nel caso della paralisi facciale periferica, il vento esterno invade l organismo senza causare i sintomi quali febbre, avversione al freddo, che comunemente si avvertono quando si è affetti da raffreddore o influenza, poichè invade i canali del volto datochè nell invasione di vento viene colpita prima la parte superiore del corpo. La sindrome da eccesso dovuta al fattore patogeno vento esterno che invade i canali del volto, è associata e potenziata dall invasione di freddo esterno (paralisi a frigore degli occidentali) che una volta che penetra all interno diventa Freddo Interno da Eccesso che comunque danneggia lo yang e quindi causa freddo da deficit, oppure il freddo da deficit è dovuto ad un deficit preesistente di yang della milza o dei reni. Si identificano 5 caratteristiche principali del freddo: Il freddo danneggia lo yang e la milza e i reni sono i primi ad essere danneggiati. Il freddo congela il sangue e causa la stasi di sangue, ritarda la circolazione. Il freddo causa contrazione, rigidità. Il freddo causa perdite chiare:nel caso della paralisi facciale:lacrimazione e scialorrea Il freddo appartiene ai reni. La Medicina Cinese fa un ulteriore distinzione in termini di canali energetici colpiti: se il Vento colpisce i meridiani principali causa paralisi del volto, se invece il Vento non riesce a penetrare e si ferma ai canali Luo del volto, causa solamente intorpidimento La sindrome da deficit di milza e reni che permette alle energie perverse esterne di penetrare è dovuta a fattori eziologici, quali: riposo inadeguato con attività fisica eccessiva, stress emotivo. Quando lavoriamo o facciamo attività fisica consumiamo il qi che viene ripristinato in condizione di riposo mediante lo Stomaco e la Milza. Il qi è ricostituito a partire dai cibi quotidianamente e ripristina la sostanza yin che determina lo stato nutrizionale di base del nostro corpo e la resistenza a lungo termine alle malattie. Il riposo inadeguato e l attività fisica eccessiva consumano il qi che è rifornito durante il riposo, e quando non può essere ripristinato a sufficienza viene consumato lo yin, che è un livello più profondo dell energia a disposizione dell individuo (del cielo posteriore). Si determina quindi vuoto dello yin del rene. Altra causa del deficit di milza è la dieta irregolare e spesso eccessiva. Si crea una condizione di malnutrizione per eccesso che, associata ad attività fisica eccessiva, provoca indebolimento della Milza e quindi accumulo di Umidità e di Flegma, stasi di sangue. Il vuoto dello yin del rene determina il mancato nutrimento del fegato: vento interno di fegato. D altra parte il vento esterno, fattore più immediato, interagisce col vento interno.sfruttando il vuoto del Qi e del sangue (deficit di qi della milza) nei meridiani per penetrarvi causando la paralisi. 9

10 Inoltre, poiché il rene assicura anche l energia e il sangue ai midolli si ha anche vuoto del midollo, ed infatti non a caso viene interessata l innervazione sensitivo-motoria del VII paio dei nervi encefalici. Inoltre i midolli e quindi l encefalo è nutrito dallo yang puro della milza che sale al cervello attraverso il meridiano della Vescica Biliare. Il midollo e il cervello sono indissociabili. Il midollo fa formare il cervello attraverso un ascesa dell energia, mentre il cervello è all origine delle informazioni che scendono attraverso il midollo a tutto il corpo. Il cervello è detto mare del midollo ed è controllato dai punti 16 e 20 del Meridiano Vaso Governatore. Questa condizione, nonostante si manifesti improvvisamente, si sviluppa nel corso di molti anni Clinica L esame della lingua può rilevare anche preventivamente all attacco di vento la possibilità che questo avvenga, poiche i quattro fattori patogeni implicati possono dare le seguenti caratteristiche alla lingua: vento: tremante, flegma gonfia, induito viscoso, fuoco: colore rosso- violaceo per la stasi. Quando si esamina il paziente dal lato paralizzato l occhio non si chiude completamente, la bocca devia verso la parte non colpita e le labbra del lato interessato non si muovono quando il paziente sorride. TRATTAMENTO Agopuntura: E basato sui punti distali e locali Punti distali Il punto distale più comune è LI 4 He gu fondo della valle, punto acqua dei 5 punti shu antichi, disperde il vento esterno, punto di comando regionale di faccia e bocca TR 5 wai guan, vaso riunione degli yang, libera le ostruzioni dei meridiani principali LV 3 Tai chong chiamato i quattro cancelli punto shu terra espelle il vento dal viso. 20 VG pae roe punto riunione di tutti i meridiani yang che governa lo yang. 3KI tai xi poiché il rene regge e nutre i midolli e fa parte del movimento acqua e questo è il punto ruscello, punto terra dei 5 punti schu, tonifica e regola il qi renale ed epatico, purifica il calore. 36 ST, zu san li tre dimore della gamba, punto mare dei 5 punti schu tonifica il qi e il sangue aumenta globalmente l energia difensiva, regola e tonifica Stomaco e Milza. 6 SP San yin jiao, punto di incontro dei meridiani yin della gamba che tonifica la milza e i Reni 10

11 Punti locali: la paralisi coinvolge specialmente i canali di Stomaco e Intestino Crasso: ST2 si bai : espelle il vento ST7 xia guan tonifica e rinforza la milza il Polmone e il Rene ST6 ja che. espelle il vento LI19 He liao del naso LI 20 xing xiang punto di riunione con il meridiano dello Stomaco Si 18 quan j iao elimina le sindromi da vento Elettroagopuntura Con questa tecnica, dopo aver inserito l ago nel punto scelto, si può applicare un impulso elettrico, in modo da rinforzare e variare la stimolazione del punto che avviene già con infissione dell ago. Si basa sull uso di apparecchi, solitamente a batteria, costituiti da un generatore di impulsi elettrici a frequenza variabile. Tali apparecchi sono dotati di più uscite per collegare con fili muniti di morsetti, più aghi. Con apposite manopole si può variare l erogazione della corrente in relazione alla potenza, che per questi apparecchi è di pochi microampere, e della frequenza nella pratica agopunturistica è normalmente al di sotto di 10 Herz. Nelle patologie da attacco di vento come nella paralisi del faciale, viene usata corrente su pochi punti:rinofaciopuntura, a bassa frequenza e bassa intensità. L elettrostimolazione viene effettuata per venti minuti, a giorni alterni. Farmacoterapia Anche la farmacoterapia cinese può essere di aiuto nel trattamento della paralisi del facciale. Tra le tante preparazioni se ne riportano le due più significative: 1) Qian Zheng San (polvere che ripristina la simmetria) Bai Fu Zi, RhizomaThiphonii Gigantei 6g. Jiang Can, Bombix Batryticatus 6g Quan Xie, Buthus Martensi 15g Spiegazione: Bai Fu Zi espelle il vento dai meridiani, raggiunge specificamente il viso, elimina il flegma e fortifica i Luo Mai. Jiang Can e Quan Xie espellono il vento dai meridiani, dissolvono il flegma e risolvono la paralisi. Nella paralisi del facciale i muscoli del viso vengono tirati verso il lato che non è stato colpito, da ciò deriva il nome della formula, cioè tirare i muscoli dalla parte sana. 11

12 2) Tian Ma Qu Feng Bu Pian (Compressa di Gastrodia per espellere il vento e tonificare) Tian Ma, Rhizoma Gastrodiae elatae Dang Gui, Radix Angelicae Sinensis Sheng Di Huang, Radix Rehmanniae Glutinosae Rou Gui, Cortex Cinnamomi Cassie Huai Niu Xi, Radix Achyranthis Bidentatae Du Zong, Cortex Eucommiae Ulmoidis Quing Huo, Radix et Rhizoma Notopterygii Bai Fu Zi, Rhizoma Thiphonii Gigantei Spiegazione Questa compressa nutre il Fegato e i Reni e sottomette il Vento interno. In particolare è efficace per trattare la paralisi facciale nei pazienti anziani che presentano un vuoto di base del Fegato e dei Reni. Dietetica Il consumo eccessivo di cibi grassi, di latticini o mangiare in modo irregolare, può danneggiare la funzione della milza e causare la formazione di umidità. Se questa si stabilisce nei muscoli, come tende a fare, ne provoca l intorpidimento e l indebolimento progressivo. CASO CLINICO In primavera improvvisa manifestazione dei sintomi di paresi del nervo faciale periferica omolaterale a dx. Anamnesi fisiologica, lavorativa, familiare e patologica Paziente di 80 aa, 170cm di altezza per 90kg. Attualmente pensionato, in precedenza operaio coibentatore con esposizione massiccia ad amianto su impianti industriali per 35 aa. ca. Soggetto tendenzialmente yang, attualmente è socialmente attivo e impegnato quotidianamente presso un Associazione politica anche con attività manuali quale organizzazione stand per eventi. Buon mangiatore, preferisce cibi salati, ma non disdegna quelli dolci. Non ha mai fumato. Si sposta continuamente in città in bicicletta anche se per brevi tratti. Abita in città in palazzo condominiale con la moglie. Pregresso episodio all età di 35 anni ca.di enterite acuta da salmonellosi con ricovero in reparto ospedaliero, che ha residuato lieve epatopatia. 12

13 Gli sono state riconosciute due patologie causate da lavoro: ipoacusia e insufficienza polmonare da placche pleuriche asbestosiche. Attualmente presenta enfisema polmonare con insufficienza polmonare di grado medio, bronchite cronica. Riferisce di aver avuto negli ultimi quaranta anni 2-3 episodi di grave dolore oppressivo al torace per i quali è ricorso alle cure del Pronto Soccorso ed è stato tenuto sotto controllo per rischio di insorgenza di eventuale cardiopatia. Poliuria per ipertrofia prostatica. Cataratta occhi, in programma intervento chirurgico. Esame Obiettivo Persona in sovrappeso che è stato acquisito gradualmente nel corso degli anni, stempiato Alito cattivo Lingua: alla prima osservazione: grossa con induito abbondante e fissurazione centrale Polso teso. P.A.: 140/95. Diagnosi L anamnesi, i segni e i sintomi erano indicativi di diagnosi di paralisi del nervo faciale. Nel soggetto si era instaurata una sindrome da eccesso con relativo vuoto interno, poiché vi erano state le condizioni per cui il vento esterno potesse invadere i canali del volto. Vi era stato per gli impegni presso l associazione e familiari un periodo con riposo inadeguato con attività fisica eccessiva, stress emotivo, e inoltre alimentazione inadeguata (compreso cene conviviali), che producono vuoto di milza e reni. E da aggiungere anche il vuoto di yin del rene fisiologico a causa dell età, non a caso tali patologie sono più frequenti sopra i settanta anni. Il rene regge i midolli e quindi anche per questo l invasione di energie perverse esterne poi prediligono strutture encefaliche Il vento è anche elemento predominante della stagione primaverile, periodo in cui si è manifestata la sindrome. In questo caso clinico vi è anche un deficit del qi di fegato da decenni. Trattamento Il paziente il giorno stesso che sono stati avvertiti i sintomi è stato accompagnato al P.S., dove dal medico di guardia ha eseguito un rapido esame neurologico per escludere stroke neurologico in atto, ha fatto diagnosi di Sindrome di Bell ed ha prescritto farmaci antivirali da acquistare in farmacia. Dopo 10 gg., è stato prescritto dal curante un ciclo di cortisonico per altri 20gg. 13

14 Dopo 20gg. dall insorgenza della paralisi, c è stata anche visita specialistica neurologica, peraltro richiesta nell immediatezza dell insorgenza dei sintomi, dalla quale non sono stati effettuati cambiamenti della terapia in corso. Dai medici allopatici non è stata ritenuta necessario eseguire esame RM (forse l età del paziente?) che sarebbe stata eseguita comunque in tempi tardivi: almeno 15 giorni successivi all insorgenza della paresi. E invece parere unanime che vi sia necessità di cure immediate per il recupero funzionale dell emivolto. Il giorno successivo alla manifestazione, è iniziato il trattamento con agopuntura, con infissione in punti locali sul volto e distali, seguendo lo schema su descritto. Il trattamento con agopuntura è stato effettuato con frequenza di 3 volte alla settimana per 3 settimane e per i successivi 15 gg. 2 volte la settimana. Quindi il trattamento di agopuntura è stato effettuato contemporaneamente alla terapia farmacologica, ma anche successivamente ad essa. I primi miglioramenti, quali il controllo dei muscoli labiali e quindi la scomparsa della scialorrea sono avvenuti solo dopo 25 gg. dall inizio del trattamento con agopuntura. Al completamento del trattamento permaneva comunque lieve retrazione della rima labiale e lacrimazione, sintomi per i quali sono occorsi dei mesi per scomparire del tutto. Vi è stato, come effetto secondario della terapia con agopuntura, riduzione per alcuni mesi delle vistose flebectasie presenti da molti anni agli arti inferiori e dei conseguenti edemi perimalleolari. 14

15 Primavera 2007 Primavera

16 Discussione La considerazione finale è che per la guarigione del paziente ha avuto un ruolo importante il fatto che il medico agopuntore abbia seguito il caso nel tempo e non che il rapporto si sia esaurito con un unica visita, come accade normalmente e come è avvenuto anche in questo caso per gli altri tre medici consultati. Infatti sono state effettuate sedute di agopuntura con trattamento ravvicinato durante le prime settimane dell insorgenza della paralisi, che sono quelle nelle quali avviene l avvio del recupero funzionale della lesione nervosa. L impostazione della diagnosi eseguita secondo la Medicina Tradizionale Cinese che si basa sull inquadramento della tipologia del paziente, sulle cause energetiche interne ed esterne fondamentali nel determinismo della patologia, porta a osservare con maggiore attenzione i meccanismi fisiopatologici del singolo individuo che intervengono nel determinismo della patologia e quindi la terapia di agopuntura viene effettuata in relazione al biotipo e alle condizioni del paziente. Il trattamento con agopuntura è risultato inducente il recupero funzionale della paresi e la sua risoluzione nel tempo. Conclusione Un dato fondamentale va sottolineato che la Medicina Tradizionale Cinese offre al medico una marcia in più sia dal punto di vista terapeutico che, soprattutto dal punto di vista diagnostico. Lo strumentario diagnostico occidentale permette al medico un attenta osservazione dei fenomeni particolari che conducono alla malattia e, suo tramite, è possibile individuare le lesioni particolari del quadro morboso stesso. La medicina cinese allarga l orizzonte, tramite le sue basi energetiche: cosmiche dei cinque movimenti, yin e yang e i livelli energetici, le cause esterne di malattia, climatiche, le cause interne emozionali, il meccanismo del qi, dei quattro strati le otto regole diagnostiche, le funzioni dei visceri e degli organi interni e quella dei meridiani. Inoltre tra le metodiche diagnostiche è da porre maggiore attenzione alla metodica della pulsologia e glossoscopia, ma importante per la diagnosi è anche l osservazione dei tratti costituzionali, colorito, orecchie, occhi, etc., l interrogatorio, la palpazione, e anche tramite l udito, l olfatto del medico. In questo modo la MTC permette di passare dall inquadramento della malattia a quello del malato. Accade così, paradossalmente che la conoscenza della medicina cinese permetta di migliorare la pratica clinica della medicina occidentale. 16

17 BIBLIOGRAFIA 1. Maciocia G. I fondamenti della Medicina Cinese Ed. Elsevier Masson, Di Stanislao C., Montanari R., Di Pasquale C., Riflessioni e note su alcune turbe neurologiche in medicina cinese, La Mandorla ( agopuntura/org. Rivista) Agosto Baccetti S., Anamnesi, Scuola di Agopuntura di Firenze Maggi L., Inquadramento della paralisi del faciale Ist. Neurologico C. Besta Milano, Ma ciocia G., La clinica in Medicina Cinese Casa Editrice Ambrosiana, Van Nghi N., Patogenesi e patologia energetiche in Medicina Cinese Scuola di Agopuntura di Firenze. 7. Sotte L., Trattato di agopuntura e Medicina Cinese CEA, De Giacomo et a. Rivista Italiana di Medicina Tradizionale Cinese, n Sussmann D Terapia elettroagopunturale Rivista Italiana di Agopuntura, n.18,

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Associazione Medica per lo Studio dell Agopuntura (AMSA) Roma aderente alla Federazione Italiana Società di Agopuntura (FISA) IV ANNO

Associazione Medica per lo Studio dell Agopuntura (AMSA) Roma aderente alla Federazione Italiana Società di Agopuntura (FISA) IV ANNO Dir. Didattico Dott. Dante De Berardinis Associazione Medica per lo Studio dell Agopuntura (AMSA) Roma aderente alla Federazione Italiana Società di Agopuntura (FISA) TESI IV ANNO Fisiologia e patologia

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la

Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la CEFALEE Le cefalee vanno distinte dal punto di vista eziopatogenetico in primarie, ad eziopatogenesi non definita, non associate ad altre patologie (la cefalea rappresenta l'unico sintomo di malattia)

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli