Allegato D. Piano di manutenzione unificato sistemi antincendio IRIDE Servizi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato D. Piano di manutenzione unificato sistemi antincendio IRIDE Servizi"

Transcript

1 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO Servizio di controllo e manutenzione di impianti di rivelazione ed estinzione incendio fissi e mobili deisitidelgruppoiren neicomunidelle province di Torino, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e negli stabili comunali della città di Torino LOTTO 01/2013 area torinese LOTTO 02/2013 area emiliana LOTTO 03/2013 area Palagiustizia e Musei Torino Allegato D Piano di manutenzione unificato sistemi antincendio IRIDE Servizi Torino, giugno 2013

2

3 CARTIGLIO CONTROLLO AGGIORNAMENTI Data Commenti sulle modifiche apportate 01/12/06 Prima emissione 28/06/13 Estensione dei contenuti a tutti i presidi antincendio gestiti da Iride Servizi FDC/1 Pagina 2 di 43

4 INDICE 1 SCOPO DEL DOCUMENTO RIFERIMENTI GENERALI Riferimenti legislativi Riferimenti normativi Norme generali Norme specifiche Riferimenti normativi interni del Gruppo IREN RESPONSABILITÀ Formato delle schede di Controllo e Manutenzione Programmazione e controllo attività SCHEDE DI MANUTENZIONE IMPIANTI E COMPONENTI ANTINCENDIO Verifica impianti rivelazione fumi Verifica dispositivi di allarme ottico-acustici Verifica porte EI Verifica porte uscite di sicurezza Verifica serrande EI Verifica estintori Verifica idranti e naspi (manichette attacchi motopompa) Collaudo di manichette e naspi Verifica idranti soprasuolo Verifica attacchi motopompa VV.F Verifica impianti di spegnimento a sprinkler Verifica riserva idrica con gruppo di pressurizzazione Verifica impianti di spegnimento ad aerosol di sali di potassio Verifica armadi e cassette con attrezzature per emergenza antincendio Verifica settimanali c.li rivelazione fumi (solo Palagiustizia e Musei Torino) Verifica impianti di spegnimento a gas Verifica impianti di rivelazione CO e miscele esplosive Verifica rivelazione incendi macchina di trattamento aria Verifica impianti di rivelazione metano Verifica impianti di rivelazione gas locali batterie Verifica luoghi sicuri Verifica autorespiratori FDC/1 Pagina 3 di 43

5 1 SCOPO DEL DOCUMENTO Scopo del presente documento è la definizione delle operazioni di verifica e relativa manutenzione degli impianti e delle apparecchiature antincendio. La redazione delle schede ha come finalità la predisposizione degli strumenti necessari a gestire le verifiche evidenziando le operazioni necessarie e le periodicità che devono essere rispettate. Le operazioni e le periodicità con cui effettuare le verifiche, sono state definite in ottemperanza a quanto previsto dalle leggi e norme vigenti ed in conformità a quanto la buona pratica suggerisce. 2 RIFERIMENTI GENERALI 2.1 Riferimenti legislativi Leggi e decreti vigenti in materia, in particolare: D. Lgs n. 81 del 09/04/2008 D.M. del 10/3/1998 D.P.R. n.37 del 12/01/1998 D.M. del 22/2/2006 Testo unico sulla sicurezza e salute sul lavoro Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro Art.5 Obblighi connessi con l esercizio dell attività Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici D.P.R. n.151 del 01/08/2011 Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dell art.49, comma 4-quater, del D.L.31/05/2010 n.78, convertito, con modificazioni, dalla Legge 30/07/2010 n.122. D.M. n.37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11_quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici D.P.R. n.462 del 22/10/2001 Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi D.P.R. n.162 del 30/4/1999 D.M. del 21/06/2004 D.M. del 03/11/2004 D.M. del 05/03/2007 Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE sugli ascensori e di semplificazione dei procedimenti per la concessione del nulla osta per ascensori e montacarichi, nonché della relativa licenza di esercizio Norme tecniche e procedurali per la classificazione REI ed omologazione di porte ed altri elementi di chiusura Disposizioni relative all installazione e alla manutenzione dei dispositivi per l apertura delle porte installate lungo le vie di esodo, relativamente alla sicurezza in caso di incendio D.M. Ministero delle Infrastrutture 05/03/2007, G.U. 21/03/2007 n.67. Applicazione della direttiva n.89/106/cee sui prodotti da costruzione, relativa FDC/1 Pagina 4 di 43

6 alla individuazione dei prodotti e dei relativi metodi di controllo della conformità di Accessori per serramenti D.M. del 07/1/2005 Norme tecniche e procedurali per la classificazione ed omologazione di e- stintori portatili di incendio D. Lgs. n.93 del 25/02/2000 D.M. n.329 del 01/12/2004 Attuazione direttiva 97/23/CE in materia di attrezzature in pressione (PED) Regolamento recante norme per la messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature a pressione e degli insiemi di cui all art. 19 del D. Lgs. n. 93 del 25/02/2000 (PED) D. Lgs. n.23 del 02/02/2002 Attuazione direttiva n. 1999/36/CE, 2001/2/CE e della decisione D. Lgs. n. 23 del 02/02/2002 Attuazione direttiva n. 1999/36/CE, 2001/2/CE e della decisione 2001/107/CE in materia di attrezzature a pressione trasportabili (T-PED) D.M. del 23/07/2009 D.M. del 06/09/1994 D.M. del 20/12/ Riferimenti normativi Norme generali In particolare: UNI EN 13306:2003 Manutenzione - Terminologia UNI 10147:2003 UNI 10224:2007 UNI 10366:2007 UNI 10604:1997 UNI 7546 parti Norme specifiche In particolare: Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE Normative e metodologie tecniche di applicazione dell art.6, comma 8 e dell art.12, comma 2 della L.27/03/1992 n.257, relativa alla cessazione dell impiego dell amianto. D.M. Ministero dell Interno recante disciplina per la progettazione, la costruzione, l esercizio e la manutenzione degli impianti di protezione attiva contro l incendio, installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi. Manutenzione - Termini aggiuntivi alla UNI EN e definizioni Manutenzione - Processo, sottoprocessi e attività principali - Principi fondamentali Manutenzione - Criteri di progettazione della manutenzione Manutenzione - Criteri di progettazione, gestione e controllo dei servizi di manutenzione di immobili Segni grafici per segnali di sicurezza IMPIANTI ELETTRICI ED IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI CEI 0-10:2002 CEI 0-11:2002 CEI 0-14:2005 CEI 11-27:2005 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici Guida alla gestione in qualità delle misure per la verifica degli impianti elettrici ai fini della sicurezza Guida alla applicazione del DPR 462/01.. Lavori su impianti elettrici FDC/1 Pagina 5 di 43

7 CEI 64-8:2012 CEI 64-14:2007 CEI EN :2005 CEI EN 50171:2002 CEI EN 50172:2006 Impianti elettrici utilizzatori Guida alla verifica degli impianti elettrici utilizzatori Esercizio degli impianti elettrici Sistema di alimentazione centralizzata Sistemi di illuminazione di emergenza CEI EN :2002 Prescrizioni di sicurezza per batterie di accumulatori e loro installazioni Parte 2: Batterie stazionarie UNI 11222:2010 UNI EN 1838:2000 UNI EN :2004 Luce e illuminazione - Impianti di illuminazione di sicurezza negli edifici Procedure per la verifica periodica, la manutenzione, la revisione e il collaudo Applicazione dell'illuminotecnica - Illuminazione di emergenza Luce e illuminazione Illuminazione dei posti di lavoro ESTINTORI UNI EN 3-7:2008 UNI EN 3-10:2010 UNI EN :2008 UNI : Estintori d incendio portatili - Parte 7: Caratteristiche, requisiti di prestazione e metodi di prova Estintori d incendio portatili - Parte 10: Disposizioni per l attestazione di conformità degli estintori portatili in accordo con la EN 3-7 Estintori d incendio carrellati - Parte 1: Caratteristiche, prestazioni e metodi di prova Apparecchiature per estinzione incendi Estintori d incendio Manutenzione IDRANTI UNI EN 671-1:2003 UNI EN 671-2:2004 UNI EN 671-3:2009 Sistemi fissi di estinzione incendi - Sistemi equipaggiati con tubazioni - Naspi antincendio con tubazioni semirigide Sistemi fissi di estinzione incendi - Sistemi equipaggiati con tubazioni - Idranti a muro con tubazioni flessibili Sistemi fissi di estinzione incendi - Sistemi equipaggiati con tubazioni - Manutenzione dei naspi antincendio con tubazioni semirigide ed idranti a muro con tubazioni flessibili UNI 9487:2006 Apparecchiature per estinzione incendi - Tubazioni flessibili antincendio di DN 70 per pressioni di esercizio fino a 1,2 Mpa UNI 10779:2007 UNI EN 14384:2006 UNI EN 14339:2006 UNI EN 14540:2007 PORTE EI E DI SICUREZZA UNI :01/2013 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti Progettazione, installazione ed esercizio Idranti antincendio a colonna soprasuolo Idranti antincendio sottosuolo Tubazioni antincendio - Tubazioni appiattibili impermeabili per impianti fissi Porte e finestre apribili resistenti al fuoco e/o per il controllo della dispersione del fumo. Parte 1: Requisiti per l erogazione del servizio di posa in opera e manutenzione. FDC/1 Pagina 6 di 43

8 UNI EN 179:2008 UNI EN 1125:2008 UNI EN 1935:2004 UNI EN 1154:2003 UNI EN 1155:2003 UNI EN 1158:2003 UNI EN 12209:2005 Dispositivi per uscite di emergenza azionati mediante maniglia a leva o piastra a spinta per l utilizzo sulle vie di fuga Requisiti e metodi di prova Accessori per serramenti - Dispositivi per le uscite antipanico azionati mediante una barra orizzontale per l'utilizzo sulle vie di esodo - Requisiti e metodi di prova Accessori per serramenti - Cerniere ad asse singolo - Requisiti e metodi di prova Accessori per serramenti - Dispositivi di chiusura controllata delle porte - Requisiti e metodi di prova Accessori per serramenti - Dispositivi elettromagnetici fermaporta per porte girevoli - Requisiti e metodi di prova Accessori per serramenti - Dispositivi per il coordinamento della sequenza di chiusura delle porte - Requisiti e metodi di prova Accessori per serramenti - Serrature e chiavistelli - Serrature azionate meccanicamente, chiavistelli e piastre di bloccaggio - Requisiti e metodi di prova EC UNI :2012 Sistemi per il controllo di fumo e calore - Parte 2: Progettazione e installazione dei Sistemi di Evacuazione Forzata di Fumo e Calore (SEFFC) IMPIANTI DI SPEGNIMENTO A SPRINKLER UNI EN :2007 UNI EN :2006 UNI EN :2002 UNI EN :2003 UNI EN 12845:2009 IMPIANTI DI SPEGNIMENTO A WATERMIST Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a spruzzo d'acqua - Parte 1: Sprinkler Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a spruzzo d'acqua - Parte 2: Valvole di allarme idraulico Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a spruzzo d'acqua - Allarmi a motore ad acqua Installazioni fisse antincendio - Componenti per sistemi a sprinkler e a spruzzo d'acqua - Indicatori di flusso Installazioni fisse antincendio - Sistemi automatici a sprinkler - Progettazione, installazione e manutenzione UNI CEN/TS 14972:2011 Installazioni fisse antincendio - Sistemi ad acqua nebulizzata - Progettazione e installazione UNI EN :2008 UNI NFPA IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD AEROSOL UNI EN :2008 UNI ISO Sistemi a estinguenti gassosi - Parte 1: progettazione, installazione e manutenzione Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di estinzione incendi ad estinguenti gassosi Sistemi di soppressione di incendio Water Mist Sistemi a estinguenti gassosi - Parte 1: progettazione, installazione e manutenzione Installazioni fisse antincendio - Sistemi estinguenti ad aerosol condensato - Requisiti e metodi di prova per componenti e progettazione, installazione e manutenzione dei sistemi - Requisiti generali FDC/1 Pagina 7 di 43

9 GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE UNI 10779:2007 Impianti di estinzione incendi - Reti di idranti - Progettazione, installazione ed e- sercizio UNI 11292:2008 UNI EN 12845:2009 TR 11365:2010 TR 11438:2012 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per impianti antincendio - Caratteristiche costruttive e funzionali Installazioni fisse antincendio - Sistemi automatici a sprinkler - Progettazione, installazione e manutenzione art.8: Alimentazioni idriche art.9: Tipo di alimentazione idrica art.10 Pompe Technical report Technical report AUTORESPIRATORI UNI EN 136: 2000 UNI EN 14529:2006 UNI EN 12021:2000 UNI EN 529:2006 Apparecchi di protezione delle vie respiratorie. Maschere intere. Requisiti, prove, marcatura Dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Autorespiratori ad aria compressa a circuito aperto con semi-maschera, progettati per comprendere un dosatore automatico a pressione positiva, solamente per scopi di fuga Apparecchi di protezione delle vie respiratorie - Aria compressa per respiratori Dispositivi di protezione delle vie respiratorie - Raccomandazioni per la selezione, l'uso, la cura e la manutenzione - Documento guida SERRANDE TAGLIAFUOCO UNI EN :2001 UNI 10365:1999 ALLARMI OTTICO-ACUSTICI CEI 0-10:2002 CEI 64-8:2007 CEI 64-14:2007 UNI EN 54-3:2007 IMPIANTI DI RIVELAZIONE FUMI UNI EN 54-1:1998 UNI EN 54-2:2007 UNI EN 54-3:2002 UNI EN 54-4:2007 Prove di resistenza al fuoco per impianti di fornitura servizi - serrande tagliafuoco Apparecchiature antincendio - Dispositivi di azionamento di sicurezza per serrande tagliafuoco - Prescrizioni Guida alla manutenzione degli impianti elettrici Impianti elettrici utilizzatori Guida alla verifica degli impianti elettrici utilizzatori Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Dispositivi sonori di allarme incendio Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio Introduzione Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Parte 2: Centrale di controllo e di segnalazione Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio Dispositivi sonori di allarme incendio Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Apparecchiature di alimentazione FDC/1 Pagina 8 di 43

10 UNI EN 54-5:2003 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio - Rivelatori di calore e puntiformi UNI CEN/TS 54-14:2004 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio Linee guida per la pianificazione, la progettazione, l installazione, la messa in servizio, l esercizio e la manutenzione UNI EN 54-11:2007 UNI EN 54-12:2003 UNI 9494:2007 UNI 9795:2010 UNI 11224:2011 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio Punti di allarme manuale Sistemi di rivelazione e di segnalazione d'incendio Rivelatori lineari che utilizzano un raggio ottico luminoso Evacuatori di fumo e calore - Caratteristiche, dimensionamento e prove Sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione allarme d'incendio Progettazione, installazione ed esercizio Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi CANCELLI BARRIERE E SERRAMENTI AUTOMATIZZATI UNI EN 12445:2002 UNI EN 12453:2002 UNI EN 12635:2009 UNI EN 12978:2009 Porte e cancelli industriali, commerciali e da autorimessa Sicurezza in uso di porte motorizzate Metodi di prova Porte e cancelli industriali, commerciali e da autorimessa - Sicurezza in uso di porte motorizzate Requisiti Porte e cancelli industriali, commerciali e da autorimessa Installazione ed utilizzo Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage - Dispositivi di sicurezza per porte e cancelli motorizzati - Requisiti e metodi di prova 2.3 Riferimenti normativi interni del Gruppo IREN Processo P 12.2 Gestione edifici Ordine di Servizio di IRIDE SERVIZI n 7 dell 11/11 /2010. Processo P. 18 Gestione degli Edifici Comunali Ordine di Servizio n. 1 del 31/10/06 e successive modifiche ed integrazioni MOBI_CICLICA: Manuale per la gestione della manutenzione ciclica su MOB-I 3 RESPONSABILITÀ Le responsabilità per l attuazione del presente documento compete al Responsabile Gestione Impianti Elettrici ed al Responsabile Facility Management. La responsabilità per la programmazione delle attività ed il monitoraggio dell avanzamento, competono al responsabile Sviluppo e Controlling Operativo. FDC/1 Pagina 9 di 43

11 4 Formato delle schede di Controllo e Manutenzione Le schede di controllo e manutenzione sono strutturate come di seguito descritto: Applicato a: (Vincoli per la determinazione degli impianti a cui si applica la scheda) Frequenza: (Frequenza scelta per l esecuzione dell operazione sulla base dei precedenti riferimenti legislativi) Periodo: (Periodo durante il quale si devono attuare le operazioni di manutenzione) Elenco delle operazioni da eseguire. (Operazione 1) (Operazione 2) (Ecc.) 5 Programmazione e controllo attività Le operazioni descritte nel presente documento, la programmazione ed il monitoraggio delle attività sono integrate nel sistema MOB-I, e quindi tracciate su SAP, mediante creazioni di appositi cicli e programmi di manutenzione, come stabilito nel documento controllato MOBI_CICLICA. Al momento dell emissione del presente documento non tutte le attività sono già state integrate FDC/1 Pagina 10 di 43

12 5.1 SCHEDE DI MANUTENZIONE IMPIANTI E COMPONENTI ANTINCENDIO FDC/1 Pagina 11 di 43

13 5.1.1 Verifica impianti rivelazione fumi Applicato a: Frequenza: vedere punto 2.1 ove applicabili vedere punto 2.2 ove applicabili Impianti rivelazione fumi Semestrale Elenco verifiche Controllo generale impianto per riscontrare la visibilità di tutte le apparecchiature, la corrispondenza alle condizioni di progetto e la corretta copertura dei rivelatori su tutte le aree Elenco verifiche per centrali ed alimentatori Controllo della linea di alimentazione dell'impianto, dal quadro elettrico alla centrale di comando. Controllo dell efficienza e dello stato di carica degli accumulatori in tampone mediante misurazione a seguito di esclusione dell alimentazione elettrica da rete per 60 min. Controllo delle morsettiere ed eventuale serraggio. Controllo generale delle varie logiche di funzionamento con verifica corrispondenza alla documentazione. Verifica ricevimento allarmi dai sensori. Verifica attivazione allarmi, attuatori e segnalazioni varie a seguito simulazione allarme proveniente dai sensori in campo e invio segnalazione a posto presidiato. Pulizia esterna ed interna. Se possibile ripristino delle anomalie riscontrate e segnalazioni sul Registro Antincendio. Elenco verifiche per sensori, moduli, interfacce e apparecchiature in campo. Verifica fissaggio, deterioramenti, manomissioni. Verifica funzionamento mediante sollecitazione con apposito strumento (calamita, spray simulatore di fumo ecc.): Rivelatori ottici di fumo puntiformi: Pulizia sensore con bombola adeguata ad aria compressa (quando necessario). Controllo funzionamento del segnale di allarme sulla linea a cui è collegato il sensore eseguendo il test con apposita bomboletta di fumo prescritta dal costruttore. Rivelatori termici: Controllo funzionamento del segnale di allarme sulla linea a cui è collegato il sensore eseguendo il test con dispositivo di emissione di aria calda (Phon) a temperatura di intervento del rivelatore (diversa da ogni tipo di rivelatore con soglie d intervento derivanti da legislazione statunitense). Rivelatori lineari ottici di fumo: Effettuazione dei controlli prescritti nel libretto di istruzioni del modello del rivelatore comprensivo di trasmettitore e ricevitore. Controllo allineamento trasmettitore ricevitore. FDC/1 Pagina 12 di 43

14 Controllo funzionamento del segnale di allarme sulla linea a cui è collegato il rilevatore, ponendo tra trasmettitore e ricevitore le adeguate mascherine con le varie percentuali di oscuramento della luce fornite dal costruttore. In caso di rivelatori a bassa portata ove nel rivelatore siano presenti sia trasmettitore che ricevitore, controllare il posizionamento e la pulizia del catarifrangente. Controllarne il funzionamento ponendo tra rivelatore e catarifrangente le adeguate mascherine con le varie percentuali di oscuramento della luce fornite dal costruttore. Rivelatori ottici-termici: Pulizia sensore con bombola adeguata ad aria compressa (quando necessario). Controllo funzionamento del segnale di allarme sulla linea a cui è collegato il sensore eseguendo il test con apposita bomboletta di fumo prescritta dal costruttore e con dispositivo di emissione di aria calda (Phon). Rivelatori termovelocimetrici: Effettuazione della pulizia del sensore come prescritto nel libretto di istruzioni del modello di rivelatore. Controllo funzionamento del segnale di allarme sulla linea a cui è collegato il sensore eseguendo il test con dispositivo di emissione di aria calda (Phon) nel tempo d intervento previsto dal modello di sensore. Controllo della funzionalità ed efficienza dei ripetitori di allarme (led) per i rivelatori nascosti. Pulizia dei rivelatori qualora se ne presenti la necessità. Verifica funzionamento dei pulsanti di allarme manuale eseguendo il test con apposita chiavetta di chiusura del circuito da inserire nella scatola del pulsante. Verifica dell integrità della scatola e del vetrino di protezione. Verifica funzionamento, elettrovalvole, sblocco degli elettromagneti di ritenuta porte, attuatori e segnalazioni varie a seguito simulazione allarme proveniente dai sensori in campo. Se possibile, ripristino delle anomalie riscontrate e segnalazioni sul Registro Antincendio. Applicazione di etichetta plastica adesiva riportante data del controllo, nome impresa e firma operatore responsabile. FDC/1 Pagina 13 di 43

15 5.1.2 Verifica dispositivi di allarme ottico-acustici vedere punto 2.1 ove applicabili vedere punto 2.2 ove applicabili Applicato a: Impianti e dispositivi di allarme ottico-acustici per l evacuazione in caso di emergenza ad attivazione automatica dagli impianti di rivelazione fumi o manuale dai locali presidiati mediante appositi pulsanti Frequenza: Semestrale Elenco verifiche per quanto applicabile Verifica fissaggio e stabilità apparecchiatura. Verifica integrità apparecchiature. Verifica dell efficienza delle batterie (ove presenti) mediante misurazione a seguito dell esclusione dell alimentazione elettrica di rete per 60 min. Verifica funzionamento dei pulsanti di comando manuale posti in guardiola e relativa attivazione degli allarmi ottici-acustici. Verifica del corretto funzionamento di tutti gli allarmi ottico-acustici mediante ripetute e brevi attivazioni necessarie allo scopo, al fine di causare il minimo disagio. FDC/1 Pagina 14 di 43

16 5.1.3 Verifica porte EI Applicato a: Frequenza: vedere punto 2.1 ove applicabili vedere punto 2.2 ove applicabili Porte e serramenti EI Semestrale Elenco verifiche per tutti i serramenti EI Controllo generale dello stato del serramento. Controllo e serraggio di tutte le viti. Controllo dello stato di ancoraggio del telaio alla struttura portante. Registrazione di cerniere e precedenze di chiusura. Controllo di eventuali cedimenti con fuori squadro del serramento e regolazione delle ante affinché non striscino sul pavimento. Controllo funzionalità maniglie e serrature con prova chiavi. Controllo dello stato delle battute e della funzionalità ed efficienza delle guarnizioni termo espandenti, con sostituzione delle parti difettose o mancanti. Controllo corretta apertura e chiusura e dell insussistenza di eventuali ostacoli alla completa apertura delle ante. Controllo funzionalità chiudiporta aerei, a pavimento o a molla ed eventuale taratura o caricamento sufficiente per chiudere la porta con un apertura di 45. Controllo e regolazione aste dei rinvii verticali (per porte a doppia anta) con pulizia del foro nella boccola a pavimento. Controllo dello stato della parte vetrata o oblò. Controllo esistenza e registrazione targhette omologazione. Controllo della corretta disposizione dei cartelli di segnalazione. Lubrificazione di tutti gli organi di movimento (cerniere, serrature, ecc.), eliminando eventuali cigolii. Pulizia generale del serramento da grasso, colature di olio, polvere, nastro adesivo ecc. Ritocco verniciatura ed eliminazione eventuali scritte. Rimozione e smaltimento di qualsiasi tipo di blocco posticcio della porta in posizione di apertura (cunei, cartone, ecc.). Pulizia dei cartelli. Applicazione di etichetta plastica adesiva riportante data del controllo, nome impresa e firma operatore. Annotazioni sul Registro Antincendio. Elenco verifiche aggiuntive (quando applicabile) per porte ad apertura elettrica ad anta FDC/1 Pagina 15 di 43

17 Controllo della possibilità di apertura a spinta a seguito di mancanza di tensione. Controllo del funzionamento dell interruttore comando porta (ON / blocco in apertura / blocco in chiusura). Controllo del funzionamento dei sensori di sicurezza ad infrarossi alle cerniere. Elenco verifiche per portoni ad anta scorrevole Pulizia delle guide di scorrimento, per evitare accumuli di polvere o sporcizia. Controllo e lubrificazione dei cuscinetti delle ruote dei carrelli e delle pulegge. Controllo delle condizioni del cavo di traino e del fissaggio del contrappeso. Controllo dell'integrità e della corretta registrazione del dispositivo anti scarrucolamento. Controllo dei dispositivi di azionamento. Controllo del grado di scorrimento del portone. Controllo dell'ancoraggio dell elettromagnete/ fine corsa anta. Controllo delle funzionalità ed efficienza dell'alimentazione dalla centralina al dispositivo di ritenuta (elettromagneti). Controllo della presenza di eventuali ostacoli alla completa apertura/chiusura del portone. Elenco verifiche per porte dotate di trattenuta elettromagnetica che viene automaticamente disalimentata in caso di allarme Controllo che il magnete sia saldamente fissato alla struttura e le contropiastre siano correttamente ancorate Controllare che il magnete sia alimentato. Controllo che il pulsante di sgancio funzioni perfettamente. Controllo cartello di istruzione allo sgancio. FDC/1 Pagina 16 di 43

18 5.1.4 Verifica porte uscite di sicurezza Applicato a: Frequenza: vedere punto 2.1 ove applicabili vedere punto 2.2 ove applicabili Porte per uscita di sicurezza Semestrale Elenco verifiche Controllo generale dello stato del serramento. Controllo e serraggio di tutte le viti. Controllo dello stato di ancoraggio del telaio alla struttura portante. Registrazione cerniere e precedenze di chiusura. Controllo di eventuali cedimenti con fuori squadro del serramento e regolazione delle ante affinché non striscino sul pavimento. Controllo funzionalità maniglie e serrature con prova chiavi. Controllo corretta apertura e chiusura e dell insussistenza di eventuali ostacoli alla completa apertura delle ante. Controllo funzionalità chiudiporta aerei, a pavimento o a molla ed eventuale taratura o caricamento sufficiente per chiudere la porta con un apertura di 45. Controllo e regolazione aste dei rinvii verticali (per porte a doppia anta) con pulizia del foro nella boccola a pavimento. Controllo dello stato della parte vetrata o oblò. Controllo della corretta disposizione dei cartelli di segnalazione. Lubrificazione di tutti gli organi di movimento (cerniere, serrature, ecc ), eliminando eventuali cigolii. Ritocco verniciatura ed eliminazione eventuali scritte. Rimozione e rottamazione di qualsiasi tipo di blocco posticcio della porta in posizione di apertura (cunei, cartone, ecc.). Pulizia generale del serramento da grasso, colature di olio, polvere, nastro adesivo ecc. Applicazione di etichetta plastica adesiva riportante data verifica, nome impresa e firma operatore. Annotazioni sul Registro Antincendio. Elenco verifiche aggiuntive per porte ad apertura elettrica a scorrimento Controllo della possibilità di apertura a spinta ( sfondamento ) a seguito di mancanza di tensione e del corretto riaggancio alla struttura. Controllo del funzionamento dell interruttore comando porta. Elenco verifiche aggiuntive per i tornelli e i cancelletti pedonali degli ingressi FDC/1 Pagina 17 di 43

19 Controllo della possibilità di apertura a spinta a seguito di mancanza di tensione e del corretto riarmo a seguito del ripristino della tensione. FDC/1 Pagina 18 di 43

20 5.1.5 Verifica serrande EI Applicato a: Frequenza: vedere punto 2.1 ove applicabili vedere punto 2.2 ove applicabili Serrande tagliafuoco Semestrale Elenco verifiche Controllo generale della serranda (ancoraggio telaio, deterioramenti, ecc.). Controllo dello stato di apertura della serranda. Controllo della corrispondenza dello stato sul sistema di supervisione (ove presente). Controllo della presenza di eventuali ostacoli alla completa chiusura della serranda. Controllo della funzionalità ed efficienza dei manovellismi. Controllo e serraggio di tutti gli accoppiamenti meccanici accessibili. Controllo dello stato del fusibile termostatico (disgiuntore). Controllo della funzionalità del microinterruttore di fine corsa. Prova di sgancio e controllo relativa segnalazione in supervisione (ove presente). Controllo arresto impianto di ventilazione a seguito chiusura serranda. Annotazioni sul Registro Antincendio. FDC/1 Pagina 19 di 43

21 5.1.6 Verifica estintori vedere punto 2.1 ove applicabili vedere punto 2.2 ove applicabili Applicato a: Tutti gli estintori portatili e carrellati, a polvere o a biossido di carbonio (CO 2 ). Frequenza: Diversa in funzione delle attività Attività di sorveglianza (giornaliera - settimanale - mensile) Effettuata generalmente da chi utilizza i locali con segnalazione delle eventuali anomalie. CONTROLLO SEMESTRALE (comprende tutte le operazioni previste ai punti 5.1 Sorveglianza e 5.2 Controllo della norma UNI 9994:2003) Verificare la presenza dell estintore, appeso su idonea staffa, piantana o cassetta a m.1,50 al massimo da terra e segnalato con apposito cartello. Verificare che l estintore sia chiaramente visibile, immediatamente utilizzabile e l accesso allo stesso sia libero da ostacoli. Pulizia dell estintore, del supporto, dell eventuale cassetta e del cartello. Verificare l integrità e ancoraggio della staffa di sostegno a muro (ove presente). Verificare che l estintore non sia stato manomesso, in particolare non risulti manomesso o mancante il dispositivo di sicurezza per evitare azionamenti accidentali. Verificare che i contrassegni siano esposti a vista e siano ben leggibili. Verificare che l indicatore di pressione indichi un valore compreso all interno del campo verde. Verificare che l estintore non presenti anomalie quali ugelli ostruiti, perdite, tracce di corrosione, sconnessioni o incrinature dei tubi flessibili, ecc. Verificare che l estintore sia esente da danni alle strutture di supporto (anello) e alla maniglia di trasporto. Controlli sull integrità della carica mediante pesata o misura della pressione interna con indicatore di pressione. Controlli su parti rilevanti dell estintore quali ugelli ostruiti, tracce di corrosione, sconnessioni o incrinature dei tubi flessibili, danneggiamenti del supporto. Effettuare il lento capovolgimento dell estintore per smuovere la polvere (escluso estintori carrellati). Controllare che il cartellino sia presente sull apparecchio e sia correttamente compilato con i dati caratteristici, conformemente a quanto indicato al punto 6 Cartellino di manutenzione della norma UNI 9994:2003. Compilazione del cartellino di manutenzione con la data del controllo, sempre in conformità alla norma UNI sopracitata. Registrazione del controllo sul Registro Antincendio. Controlli aggiuntivi per gli estintori carrellati FDC/1 Pagina 20 di 43

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

Manutenzioni e verifiche. Listino Servizi

Manutenzioni e verifiche. Listino Servizi Manutenzioni e verifiche Listino Servizi CODICE DESCRIZIONE ARTICOLO A VISITA COSTO ANNUO 2 VISITE NORMA UNI 9994 5.1 E 5.2 per estintori portatili e carrellati CON da 1 a 5 estintori CON da 6 a 10 estintori

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO DELLA CITTA UNIVERSITARIA E DELLE SEDI ESTERNE

MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO DELLA CITTA UNIVERSITARIA E DELLE SEDI ESTERNE MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO DELLA CITTA UNIVERSITARIA E DELLE SEDI ESTERNE ALLEGATO C REGISTRO DEI CONTROLLI DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO EDIFICIO Sede I 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

ESTINTORI IDRANTI E NASPI

ESTINTORI IDRANTI E NASPI ESTINTORI La norma di riferimento per la manutenzione degli estintori portatili e carrellati è la UNI 9994 rev. 11/03. Tale norma indica le periodicità degli interventi e le modalità d'esecuzione. Le principali

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni

18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico. 18.2.7 Dispositivi di prova e funzionamento. in funzione. Tubazioni 18.2.6.3 Pompe antincendio azionate da motore elettrico Ogni interruttore sull'alimentazione elettrica dedicato al motore elettrico del}a pompa antincendio deve essere etichettato come segue: "ALIMENTAZIONE

Dettagli

***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento.

***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento. DIREZIONE REGIONALE CAMPANIA Ufficio Tecnico Regionale ***************** Lavori di adeguamento e manutenzione per l integrazione logistica degli uffici della Direzione Provinciale di Benevento. Immobile

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE

PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE PREVENZIONE INCENDI IL RUOLO DELLA MANUTENZIONE 1 Associazione M. A. I. A. Autore: Giuseppe Macchi Introduzione L evoluzione legislativa ed ancora di più quella normativa sia nazionale che europea nel

Dettagli

PREVENZIONE ANTINCENDIO

PREVENZIONE ANTINCENDIO PREVENZIONE ANTINCENDIO LA NUOVA NORMA UNI 11473: LA MANUTENZIONE delle PORTE TAGLIAFUOCO LA LEGISLAZIONE IN MATERIA Le porte Tagliafuoco, come altri dispositivi di sicurezza antincendio, quali gli estintori

Dettagli

Generatore di calore di potenza tra 35 kw e Tipo di apparecchiatura

Generatore di calore di potenza tra 35 kw e Tipo di apparecchiatura Scheda n. 1 Generatore di calore di potenza tra 35 kw e 350 kw e relativo impianto di Centrale. Pulizia generale della Centrale Termica, ovvero del locale di installazione, con verifica ed eventuale adeguamento

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DI ESTINTORI, COMPONENTI DELLE RETI DI IDRANTI, PORTE TAGLIAFUOCO ED USCITE DI EMERGENZA ASSOCIAZIONE NAZIONALE AZIENDE SICUREZZA E ANTINCENDIO FEDERATA FEDERAZIONE

Dettagli

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI

ALLEGATO - C ATTIVITA' DI CONDUZIONE IMPIANTI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO DELLA GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA CONDUZIONE E DELLA MANUTENZIONE DEL MAXXI - MUSEO NAZIONALE DELLE ARTI DEL XXI SECOLO ALLEGATO - C Generatore di acqua

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.

AZIENDA ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI. ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag. ALLEGATO 2 PIANO GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI ALLEGATO 2 - PIANO DI MANUTENZIONE pag.1 di 12 1A) QUADRO ELETTRICO GENERALE QUADRO ELETTRICO GENERALE DI BASSA TENSIONE SEZIONATORI

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

Porte Antincendio ed Accessori

Porte Antincendio ed Accessori ed Accessori Porte Antincendio UNI9723 a Norma UNI EN1634 in Acciaio EI2 60 EI2 120 Mis. foro muro 800 x 2050 h RV Cod. 0501 Mis. foro muro 800 x 2050 h RV Cod. 0509 Mis. foro muro 900 x 2050 h RV Cod.

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

ALLEGATO A INDICAZIONI E PRESCRIZIONI GENERALI DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA

ALLEGATO A INDICAZIONI E PRESCRIZIONI GENERALI DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA ALLEGATO A INDICAZIONI E PRESCRIZIONI GENERALI DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA 1 Gli impianti, i manufatti ed i sistemi tecnologici presenti, sinteticamente descritti nell allegato B, dovranno

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

SIENA PARCHEGGI S.p.A.

SIENA PARCHEGGI S.p.A. SIENA PARCHEGGI S.p.A. Siena, 17 07. 2014 Prot. U/14/ 265 AVVISO FINALIZZATO ALLA RACCOLTA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE ALLA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO PER L INDIVIDUAZIONE DI

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

Arechi Multiservice Spa Viale Andrea De Luca, 22/I 84131 Salerno

Arechi Multiservice Spa Viale Andrea De Luca, 22/I 84131 Salerno Capitolato speciale di appalto: MANUTENZIONE DEGLI ESTINTORI, DEI SISTEMI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI, PORTE TAGLIAFUOCO E DELLE RELATIVE FORNITURE ACCESSORIE Arechi Multiservice Spa Viale Andrea De Luca,

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/62311 Fax 0588/65470 APPALTO PER IL SERVIZIO DI MANUTENZIONE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO

Dettagli

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l.

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l. Prove, collaudi e certificazioni nel campo antincendio; formazione; consulenze tecniche; verifiche ascensori. ATTIVITÀ DI Tecnologie Sviluppo Industriale S.r.l. (TE.S.I.) é un'azienda articolata in più

Dettagli

SCHEDE DI MANUTENZIONE

SCHEDE DI MANUTENZIONE Comune di Bologna Provincia di Bologna pag. 1 SCHEDE DI MANUTENZIONE OGGETTO: Lavori di manutenzione da eseguirsi presso gli stabili di proprietà della Cassa siti in Strada Maggiore, 53 e Via Fondazza,

Dettagli

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI

I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI ANTINCENDIO I NOSTRI SERVIZI ED I NOSTRI PRODOTTI GESTIONE COMPUTERIZZATA ATTREZZATURA ANTINCENDIO Esclusivo software gestionale per l elaborazione dei dati analitici, riferimenti UNI e scadenze operative

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei D. Lgs n 81 del 9 aprile 2008 - Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (TESTO UNICO) Art. 304 - Abrogazioni

Dettagli

REGISTRO ANTINCENDIO E SCHEDE ESEMPLIFICATIVE MISURATORI DI QUALITA

REGISTRO ANTINCENDIO E SCHEDE ESEMPLIFICATIVE MISURATORI DI QUALITA Contratto per l espletamento del servizio di conduzione e manutenzione dei complessi immobiliari delle stazioni ferroviarie di Milano C.le, Torino P.N., Verona P.N., Venezia Santa Lucia, Venezia Mestre,

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA Autoparco e Magazzino Comunale A. Moro

COMUNE DI RAGUSA Autoparco e Magazzino Comunale A. Moro SCHEDA A REGISTRO ANTINCENDIO Articolo 13 del D.Lgs. n 626/1994 e successive modifiche e integrazioni D. Lgs. n ; Articolo 5 D.P.R. n 37/1998 COMUNE DI RAGUSA Autoparco e Magazzino Comunale A. Moro Indice

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto)

ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) ALLEGATO 1 (al Capitolato Speciale d Appalto) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO NEGLI IMMOBILI DELL'AMMINISTRAZIONE REGIONALE ELENCO PREZZI UNITARI

Dettagli

GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA. Esecuzione dei controlli e delle attività

GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA. Esecuzione dei controlli e delle attività GUIDA MANUTENZIONE PROGRAMMATA A titolo esemplificativo e non esaustivo si riportano alcune delle attività di manutenzione, di verifica e di controllo programmato da prestare sull insieme dei componenti

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

APPENDICE 2 - SCHEDE DI MANUTENZIONE

APPENDICE 2 - SCHEDE DI MANUTENZIONE APPENDICE 2 - SCHEDE DI MANUTENZIONE 2.1 SCHEDA DI MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI efficienza apparecchiature Cabine elettriche funzionalità ventilatori aerazione cabina Quadri elettrici media e bassa

Dettagli

CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA OGGETTO DEI LAVORI

CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA OGGETTO DEI LAVORI Agg. 14.10.2014 CITTA di TORINO DIREZIONE SERVIZI TECNICI PER L EDILIZIAPUBBLICA SERVIZIO EDILIZIA SCOLASTICA via BAZZI n. 4 telefono 011/442.6260 telefax 011/442.6177 OGGETTO DEI LAVORI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

CONTENUTI E MODALITA DI GESTIONE DEL REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

CONTENUTI E MODALITA DI GESTIONE DEL REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO Il presente documento è in formato MS Word e solo per motivi di protezione fornito in questa sede in pdf COMUNE DI BATTIPAGLIA Provincia SA Azienda Casa di Riposo per ANZIANI CASTELLUCCIO Datore di Lavoro

Dettagli

LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS

LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS LA PROTEZIONE ATTIVA : (Sostanze estinguenti Estintori - Rete idranti Impianti di spegnimento automatici) Dott.Ing. Michele DE VINCENTIS Le fondamentali funzioni da assolvere in caso di incendio sono la

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI LA SITUAZIONE IMPIANTISTICA ELETTRICA E DI SICUREZZA GESTIONE DELL EMERGENZA Relatore: P.E. Alessandro Fossati Milano,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Azienda certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001:2000 Sede Legale : 15100 Alessandria - Via Venezia, n. 16 - C. F. - Partita I.V.A.: 01640560064 S.C. GESTIONE PATRIMONIO TECNOLOGICO ED IMMOBILIARE

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 16 IMPIANTI DI SICUREZZA 16.01 Impianti ed apparecchiature antincendio 16.01.001 Cassetta da

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Schede Attività Programmate

Schede Attività Programmate Servizi di manutenzione integrata edifici-impianti degli immobili istituzionali della Scuola Normale Superiore Schede Attività Programmate Pisa, lì 13 gennaio 2014. Piazza dei Cavalieri, 7 56126 Pisa-Italy

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Milano 26 Ottobre 2011

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Milano 26 Ottobre 2011 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Milano 26 Ottobre 2011 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe e compressori centrifughi

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2

INDICE. 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2. 2. Azioni di manutenzione pag. 2 INDICE 1. Scopo del piano di manutenzione pag. 2 2. Azioni di manutenzione pag. 2 2.1 Azioni di manutenzione preventiva pag. 3 2.1.1 Ingrassaggio e lubrificazione organi in movimento pag. 3 2.1.2 Manutenzione

Dettagli

ANTINCENDIO. COMUNE DI Località. Piano Organizzativo di Sicurezza LAVORI DI MANUTENZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA :..

ANTINCENDIO. COMUNE DI Località. Piano Organizzativo di Sicurezza LAVORI DI MANUTENZIONE ANTINCENDIO PROVINCIA :.. Via di Torre Spaccata 224/A 00169 - ROMA - Tel. 06/2382342 Fax. 06/2382340 COMUNE DI Località LAVORI DI MANUTENZIONE.. PROVINCIA :.. PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA PER I LAVORI DI MANUTENZIONE (Titolo IV

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI

CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI CATALOGO PRODOTTI & SERVIZI L'AZIENDA NASCE NEL 1990 SU INIZIATIVA DEI SOCI ARGIOLAS MARCO E DENACI ANTONIO ED È STATA LA PRIMA AZIENDA IN SARDEGNA AD OTTENERE LA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ ISO 9001: 2000.

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI

DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI ELENCO PREZZI DESCRIZIONE DEI PREZZI UNITARI Tutti i materiali, le apparecchiature, di seguito elencati, si intendono dati in opera con ogni lavorazione, con la sola esclusione delle opere in muratura

Dettagli

GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA. DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009

GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA. DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009 GOVERNO DELLA FEDERAZIONE RUSSA DELIBERA n. 241 del 17 marzo 2009 SULL APPROVAZIONE DELLA LISTA DI PRODOTTI SOGGETTI A CERTIFICAZIONE OBBLIGATORIA IN CONFORMITA AL REGOLAMENTO TECNICO IN MATERIA DI SICUREZZA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile del Procedimento Dott. Ing. Massimiliano Pagni Revisione: 1 Oggetto: Capitolato Speciale d Appalto Data creazione: -- Data aggiornamento: -- 1 ARTICOLO 1.

Dettagli

AFFILIAZIONE NETWORK EMME

AFFILIAZIONE NETWORK EMME SERVIZI 467 AFFILIAZIONE NETWORK EMME AFFILIAZIONE NETWORK EMME Emme Antincendio ha sviluppato negli ultimi due anni un sistema di presenza capillare su tutto il territorio nazionale. Questo ha favorito

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI, EDILIZIA PUBBLICA E INFRASTRUTTURE MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA Ripartizione Elizia Pubblica e Lavori Pubblici Settore Elizia Scolastica COMUNE DI BARI pag. 1

Dettagli

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO

Provincia di Lecce PROGETTO ESECUTIVO CITTÀ DI MELISSANO Provincia di Lecce RISTRUTTURAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DELL'EDIFICIO SCOLASTICO "ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - SCUOLA SECONDARIA I GRADO" DI VIA FELLINE - MELISSANO (LE) PROGETTO

Dettagli

Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni. TROX Italia S.p.A. Telefono 02-98 29 741 Telefax 02-98 29 74 60

Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni. TROX Italia S.p.A. Telefono 02-98 29 741 Telefax 02-98 29 74 60 /./I/ Rivelatore di fumo Typo RM-O-VS-D con sensore di portata per il controllo delle serrande tagliafuoco e tagliafumo Omologato dall Istituto Tedesco per la Tecnica delle Costruzioni Z-78.-7 TROX Italia

Dettagli

1. RIFERIMENTI NORMATIVI

1. RIFERIMENTI NORMATIVI Pag. 1 1. RIFERIMENTI NORMATIVI Agli impianti idrici antincendio si applicano le seguenti norme tecniche: Norma UNI 10779 "Impianti di estinzione incendi: Reti di Idranti" (Luglio 2007) Norma UNI EN 12845

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Biella Provincia di Biella PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI OGGETTO: Messa in sicurezza ristrutturazione manutenzione straordinaria della Scuola

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO

MICHELE BATTEZZATI MICHELE BATTEZZATI. Forniture generali per acquedotti e fognature ANTINCENDIO MICHELE ATTEZZATI ANTINCENDIO ANTINCENDIO CASSETTE COMPLETE Art. 55A - 55-55C CASSETTA ANTINCENDIO PER ESTERNI IN LAMIERA Il sistema è composto da: Cassetta da esterni in lamiera verniciata rossa. Lastra

Dettagli

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. )

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) MARCA DA BOLLO Spett.le I.S.P.E.S.L. DIPARTIMENTO DI. via via cap. città Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) Il sottoscritto

Dettagli

Sistemi Rilevazione Incendio

Sistemi Rilevazione Incendio stemi Rilevazione Incendio stemi antincendio convenzionali - pag. 32 stemi antincendio analogici indirizzati - pag. 36 Organi di segnalazione - pag. 41 Rilevatore termico lineare - pag. 43 stemi ad aspirazione

Dettagli

1. Premessa...2 2. Normativa di riferimento...2 3. Manuale d uso...4 3.1. Premessa...4

1. Premessa...2 2. Normativa di riferimento...2 3. Manuale d uso...4 3.1. Premessa...4 !" #$%%#&%#%%#$'%#'%(%)*&&% +%#,#-*)%%'%#%*%#( Piano di manutenzione pag. 1 di 14 Sommario 1. Premessa...2 2. Normativa di riferimento...2 3. Manuale d uso...4 3.1. Premessa...4 3.2. Collocazione nell

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

MANUTENZIONE E SORVEGLIANZA. Decreto Ministeriale 10 Marzo 1998. Allegato IV

MANUTENZIONE E SORVEGLIANZA. Decreto Ministeriale 10 Marzo 1998. Allegato IV MANUTENZIONE E SORVEGLIANZA Decreto Ministeriale 10 Marzo 1998 Allegato IV MANUTENZIONE E SORVEGLIANZA Il Decreto Ministeriale 10/3/98 prevede quanto segue: AllegatoIV - 6.1 Generalità Tutte le misure

Dettagli

S T I. Newsletter. Notizie e novità. Gennaio 2012

S T I. Newsletter. Notizie e novità. Gennaio 2012 S T I Studio Tecnico Integrato Notizie e novità Gennaio 2012 Newsletter Modifica al decreto 3 novembre 2004 concernente l'installazione e la manutenzione dei dispositivi per l'apertura delle porte lungo

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Il quadro normativo: ieri, oggi, domani

Il quadro normativo: ieri, oggi, domani Il quadro normativo: ieri, oggi, domani In Italia dall ottobre dell anno 1999 la norma tecnica di riferimento per gli impianti sonori a scopo di emergenza è la nota CEI EN 60849 dal titolo Sistemi elettroacustici

Dettagli

Registro della Sicurezza Antincendio

Registro della Sicurezza Antincendio Istituto Comprensivo Statale L. Acquaviva di Catignano Via Madonna Delle Grazie s.n. Telefono 085841408-fax 085841238 Codice fiscale 91100520682 posta elettronica peic819009@istruzione.it sito web: www.istitutoacquaviva.com

Dettagli

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto.

Documentazione di supporto: Il piano di emergenza in uso, comprensivo di tutti i suoi allegati vedi B.2 - Note eventuali. sostituto. REGISTRO DEGLI ADEMPIMENTI ANTINCENDIO - (art. 5 d.p.r. n. 37 del 12-01-1998) _ A.S. 2014-2015 Denominazione della ditta, azienda, attività POLO PROFESSIONALE L. SCARAMBONE I.S.I.S.S. Ubicazione degli

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA SVILUPPO EDILIZIO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTE E ADEGUAMENTO NORMATIVO PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE LINEE GUIDA REVISIONE DATA Prima

Dettagli

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE -

Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - Principali misure di protezione antincendio - INTRODUZIONE - La protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti al verificarsi di un incendio.

Dettagli

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori

- Verifica funzionalità, pulizia e controllo connessioni altro tipo di trasformatori Impianto elettrico Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Interruttori media e bassa tensione Trasformatori Batteria di rifasamento Impianto di Protezione contro le scariche atmosferiche

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

Registro della Sicurezza Antincendio

Registro della Sicurezza Antincendio LA SICURAPIDA s.r.l. Servizio Prevenzione e Protezione Via Lazio, 23-00199 Roma tel. 069457881/2 - fax 069457887 e-mail: rspp@asrm.it Registro della Sicurezza Antincendio art. 6 comma 2 DPR 151/11 CONTROLLI,

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

APPLICAZIONI INDUSTRIALI ANTINCENDIO E SICUREZZA

APPLICAZIONI INDUSTRIALI ANTINCENDIO E SICUREZZA APPLICAZIONI INDUSTRIALI ANTINCENDIO E SICUREZZA www.cepitaas.it - info@cepitaas.it ANTINCENDIO La divisione antincendio si occupa in maniera specifica della fornitura di tutta l attrezzatura necessaria

Dettagli

Impianti Meccanici Piano di Manutenzione e Gestione

Impianti Meccanici Piano di Manutenzione e Gestione ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Como via El Alamein 11/b - Como Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli