sistemi Cosa vuol dire sistemi bus? CONTROLLO E COMANDO HOME AND BUILDING AUTOMATION

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sistemi Cosa vuol dire sistemi bus? CONTROLLO E COMANDO HOME AND BUILDING AUTOMATION www.sistemibus.com"

Transcript

1 EFFICIENZA ENERGETICA E GESTIONE DEGLI EDIFICI - NUMERO ZERO - GENNAIO 2010 sistemi HOME AND BUILDING AUTOMATION CONTROLLO E COMANDO Cosa vuol dire sistemi bus?

2 Editoriale Un modo nuovo di fare gli impianti L obiettivo che si prefigge questa nuova rivista on line, parte integrante di sistemibus.com, è quello di diventare al più presto il punto di incontro per system integrator, installatori e progettisti di impianti tecnici. L integrazione dei sistemi di comando e controllo è una condizione indispensabile per quel nuovo modo di fare gli impianti, che coinvolge tutte le figure professionali interessate ai lavori di costruzione, ristrutturazione e manutenzione degli edifici. Sono ancora tante le difficoltà da superare, legate alle interpretazioni normative, alle scelte progettuali, al coordinamento dei lavori e, talvolta, alla freddezza dei committenti nell accettare soluzioni tecniche avanzate. Il nostro sarà inizialmente solo un piccolo contributo per superare queste difficoltà, che diventerà tanto più grande quanto maggiore sarà il coinvolgimento degli stessi lettori, i quali potranno intervenire, attraverso sistemibus.com, commentando qualsiasi articolo o notizia riportata o proponendo nuovi temi, confrontandosi in un forum a loro dedicato. La rivista Sistemi Bus sarà il luogo per l approfondimento dei temi affrontati su sistemibus.com ; sarà disponibile in formato elettronico (pdf) solo per dare immediatezza all informazione. Per l archiviazione dei fascicoli sarà disponibile in formato cartaceo. Buon lavoro Carlo Vitti In questo numero... Primo piano COMANDO E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI Cosa vuol dire sistemi bus? Separare la linea di potenza da quella di comando TECNOLOGIA E PROTOCOLLI Sistema bus americano La tecnologia Lonworks di Echelon e il suo protocollo Normativa NORME EUROPEE CEN E CENELEC Due comitati per due sistemi Il Comitato Tecnico 205 del Cenelec e il 247 del CEN stanno lavorando ad una serie di norme... Guide CEI PROGETTO INSTALLAZIONE E COLLAUDO Nuova guida HBES e non Il Comitato Tecnico 205 ha preparato una guida per i sistemi HBES, le cui indicazioni valgono... EDILIZIA RESIDENZIALE Predisposizione delle infrastrutture La Guida del CEI fornisce indicazioni per la predisposizione degli impianti... Documenti ELECTRONIC SYSTEMS Le norme Per l automazione della casa e degli edifici Applicazioni GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE Luce dinamica Soluzioni di illuminazione diverse con un sistema di controllo per luce dinamica colorata nel prossimo Le anteprime su sistemibus.com... il bus è un canale di comunicazione che permette a periferiche e componenti del sistema di dialogare... copertina: Petya Petrova

3 Primo piano COMANDO E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI Cosa vuol dire sistemi bus? Carlo Vitti Separare la linea di potenza da quella di comando Nei computer il bus è un canale di comunicazione che permette a periferiche e componenti del sistema di dialogare tra loro. Un esempio tipico è il bus PCI che collega la scheda madre al disco rigido e al DVD; si tratta di un bus che trasmette dati in parallelo, infatti si presenta come una fascia formata da tanti cavetti affiancati. Un bus può usare anche la trasmissione seriale, come quello utilizzato per i sistemi di comando e controllo degli impianti nella casa e negli edifici: il nostro sistema bus. Figura 1 Il sistema Common rail è un esempio di separazione tra comando e potenza (disegno Audi) In questo caso, come è noto, la linea di comando può essere semplicemente un cavetto bipolare, mentre la linea di potenza consta di fase, neutro e terra. Per un sistema bus di questo tipo, la separazione tra le linee di potenza e di comando è una caratteristica fondamentale, ma non esclusiva; in campo automobilistico, per esempio, ha permesso di costruire motori diesel efficienti e poco rumorosi. Nel sistema di alimentazione Common rail (figura 1), la separazione avviene tra il condotto comune di accumulo ad alta pressione del combustibile e la linea di comando elettronico degli iniettori. Tornando agli impianti elettrici, per comandare da tre punti un apparecchio di illuminazione, con due livelli di illuminamento, invece di un impianto tradizionale, che riempie di cavi le condutture, possiamo adottare una soluzione con pulsanti e relé passo passo. Non abbiamo fatto altro che separare la linea di comando da quella di potenza; in un sistema bus la separazione è molto più evidente (figura 2). La linea 230 V porta l energia dove serve, mentre la linea di comando, la linea bus, collega tutti gli attuatori e sensori del sistema. Supponiamo che il sensore (1) riceva un segnale dall esterno, per esempio un livello di illuminamento che è cambiato; lo codifica e lo trasmette agli attuatori (2) e (3). Gli attuatori ricevono il segnale, lo decodificano e agiscono secondo come sono stati programmati, per esempio accendono le luci e abbassano le tapparelle.

4 COMANDO E CONTROLLO Cosa vuol dire... Rappresentazione unifilare di un sistema bus La linea bus collega i dispositivi del sistema sensori ed attuatori in due modi: fisico e logico. Il collegamento fisico dipende dal mezzo di comunicazione, quello logico dal segnale trasmesso. Caratteristica esclusiva Un altra caratteristica, questa volta esclusiva, di un sistema bus è la possibilità di modificare il funzionamento dell impianto senza intervenire sul collegamento fisico dei dispositivi. Per il momento trascuriamo il mezzo di comunicazione utilizzato e occupiamoci del segnale trasmesso, che viene chiama messaggio o telegramma: chi lo trasmette e chi lo riceve? Tutti i dispositivi, attuatori e sensori, possono funzionale sia come trasmettitori, sia come ricevitori. figura 2 Struttura del segnale bus Primo problema: come evitare collisioni tra messaggi. Il sistema Hbes utilizza il metodo CSMA/CA, ossia Carrier Sense Multiple Access / Collision Avoidance. Ecco come funziona. Tutti i dispositivi sono normalmente in stato di ricezione; se un dispositivo deve inviare un messaggio, controlla che il bus sia libero, ossia che nessun altro dispositivo stia trasmettendo, quindi inizia la procedura di trasmissione. Se due dispositivi iniziano a trasmettere contemporaneamente prevale quello che trasmette un messaggio a priorità più alta, mentre l altro interrompe la procedura per riavviarla successivamente. figura 3 Si hanno tre gradi di priorità, in ordine decrescente: allarme, controllo, comando. Se i dispositivi trasmettono un messaggio con la stessa priorità, prevale il dispositivo che una indirizzo fisico inferiore. Vedremo dopo cosa si intende per indirizzo fisico, ma è evidente che se un dispositivo svolge una funzione più importante nel sistema rispetto ad un altro, è bene che abbia un indirizzo fisico inferiore. INFORMAZIONI OPERATIVE Secondo problema: come rendere interpretabili da tutti i dispositivi le informazioni contenute nel messaggio. Affinchè il sistema funzioni correttamente si devono rispettare quattro condizioni: 1 - ogni dispositivo deve avere un indirizzo unico in tutto il sistema e deve riconoscersi come destinatario di un messaggio; 2 - deve reallizzare una ben determinata funzione ;

5 Primo piano Cosa sono i sistemi HBES? HBES è acronimo di Home and Building Electronic System, in italiano Sistema elettronico per la casa e l edificio. Home and Building Electronic System è il nome del Comitato Tecnico 205 del Cenelec che ha il compito di predisporre norme riguardanti tutti gli aspetti dei sistemi elettronici per la casa e per l edificio in genere, sistemi che permettano, in questi ambienti, l integrazione di applicazioni di comando e controllo. Il corrispondente organo normatore in Italia è il Comitato Tecnico 205 del CEI, che ha un nome meno generico: Sistemi bus per gli edifici. La guida CEI pubblicata da questo comitato, ha proposto una definizione di HBES: Sistema bus conforme alla serie di norme CEI EN secondo una ben determinata modalità ; 4 - deve sapere con quale componente del sistema realizzare la funzione per la quale è stato programmato. E necessario dunque un protocollo di comunicazione. Questo protocollo utilizza una trasmissione asincrona seriale di segnali digitali strutturati in campi (figura 3). Diamo per scontato il significato di seriale e digitale, ricordiamo solo che una trasmissione è asincrona quando non necessita di un clock di sincronismo (trasmissione isòcrona), ma di un bit start e un bit stop. E importante invece stabilire cosa si intende per segnale digitale strutturato in campi. Un esempio di messaggio strutturato è riportato in figura 3. Le informazioni più importanti dal punto di vista applicativo sono contenute in tre campi: - informazioni operative; - indirizzo sorgente; - indirizzo destinazione. Informazioni operative; in questo campo i dati scambiati tra dispositivi possono essere di due tipi: comandi, che richiedono l esecuzione di una funzione (accendere o spegnere un apparecchio); stati, che danno una informazione sullo stato di un apparecchio (acceso o spento) o di una grandezza fisica misurata (livello di temperatura). Nel campo indirizzo sorgente c è sempre l indirizzo di un singolo dispositivo che ha inviato il messaggio, nel campo indirizzo destinazione ci può anche essere un indirizzo singolo (fisico) o di gruppo. L indirizzo fisico è utilizzato per una comunicazione punto-punto, tra due dispositivi o tra il PC e un dispositivo; con l indirizzo di gruppo, utilizzato nel funzionamento normale del sistema, un singolo dispositivo può comandare uno o più dispositivi. Mezzo di comunicazione I mezzi di comunicazione previsti dal CT 205 del Cenelec sono i seguenti: Tp-0, Tp-1 (coppia ritorta di tipo 0 e tipo 1); PL (onde convogliate); RF (radio frequenza); IR (infrarosso); CX (cavo coassiale). Per alcuni i lavori normativi hanno già prodotto documenti definitivi (Tp, PL e RF), per altri esistono solo bozze di norme (IR), per il cavo coassiale i lavori non sono nemmeno iniziati. Per i sistemi bus sono previsti dalle norme tre classi, secondo il livello di prestazione che garantisce il mezzo di comunicazione. Una linea bus è utilizzata normalmente per la trasmissione di comandi e controlli (Classe 1), in alcuni casi di un segnale in banda ristretta (Classe 2), la Classe 3 (segnale video) non è attualmente impiegata. Architettura e topologia Un sistema bus può essere realizzato secondo una certa architettura e con una certa tipologia, l architettura riguarda il collegamento logico e dipende dal tipo di impianto che dobbiamo realizzare. La topologia riguarda il collegamento fisico e il mezzo di comunicazione che vogliamo utilizzare. In una architettura gerarchica i

6 COMANDO E CONTROLLO Cosa vuol dire sistemi bus dispositivi sono raggruppati per tipo di applicazione (illuminazione, climatizzazione, ecc.). Ogni gruppo dipende da un controllore. I controllori possono comunicare tra loro ed eventualmente con un supervisore del sistema. Dispositivo HBES - Guida CEI L architettura piatta non fa distinzione tra i vari tipi di applicazioni; tutti i dispositivi e i controllori hanno accesso diretto al mezzo di comunicazione. Possono essere realizzate anche architettura miste. Il bus è un sistema a intelligenza distribuita, quindi è tipica l adozione di una architettura piatta. Per parlare di topologia dobbiamo prima decidere a quale mezzo di comunicazione facciamo riferimento. Nel caso si utilizzi la coppia ritorta la topologia della connessione dei dispositivi può essere determinata dalle indicazioni del costruttore, ma in generale può assumere qualsiasi configurazione: lineare, ad albero, a stella, anche ad anello, con alcune limitazioni. La topologia lineare è quella più semplice; per edifici a più piani si utilizza la topologia ad albero. Dispositivi HBES figura 4 Finora abbiamo parlato solo di sensori ed attuatori, ossia dispositivi dedicati all applicazione. Esiste un altro gruppo di dispositivi detti di sistema che, pur non entrando nella logica del sistema sono indispensabili per il suo corretto funzionamento: accoppiatori di linea, di area, alimentatori, ripetitori di segnale. Un sistema HBES dunque consta di: uno o più mezzi di comunicazione; un protocollo di comunicazione; dispositivi con funzione HBES (attuatori e sensori) che si scambiano informazioni, connessi, per mezzo di moduli di applicazione, a dispositivi con funzione primaria da comandare o dai quali ricevere informazioni. Non rimane che vedere cosa si intende per dispositivo con funzione HBES; modulo di applicazione; dispositivo con funzione primaria. Lo schema in figura 4 rappresenta un dispositivo HBES e il suo modulo di applicazione che fornisce il collegamento con l ambiente esterno; possono essere realizzati in un unico apparecchio, comunque tra di loro va individuata l interfaccia HBES. A destra, nella figura, c è un dispositivo con funzione primaria, per esempio una lampada, che ha la funzione di illuminare, oppure un rilevatore di temperatura che ha la funzione di rilevare la temperatura e renderne disponibile il valore. A sinistra c è il sistema HBES che è un sistema SELV. Supponiamo che il dispositivo con funzione primaria sia un rilevatore di temperatura e il dispositivo con funzione HBES sia un sensore. Il modulo di applicazione trasforma il valore fornito dal rilevatore di temperatura in un segnale riconoscibile dal dispositivo con funzione HBES il quale, attraverso vari livelli funzionali (freccia e quadretti azzurri nella figura), costruisce il messaggio strutturato previsto dal protocollo HBES, fino al livello fisico (riquadrato in azzurro), il quale trasforma il segnale digitale in un segnale elettrico da inviare, attraverso l interfaccia mezzo (IM), sulla linea bus. SB

7 Primo piano TECNOLOGIA E PROTOCOLLI Il sistema bus americano a cura della Redazione La tecnologia Lonworks di Echelon e il suo protocollo Lontalk La tecnologia LonWorks, sviluppata da Echelon, è stata integrata dall EIA (Electronic Industries Alliances) nello standard americano EIA-709. Verso la fine degli anni 90, il protocollo su cui si basa (LonTalk) è stato accolto come standard anche dalla CEA (Cunsumer Electronic Association). Dopo alcune revisioni, è diventato uno standard ANSI, l Istituto di Normalizzazione Americano (www.ansi.org) che fa parte dell ISO e dell IEC. Il Neuron chip è il componente principale del sistema Lon Per mezzo del CEN (Comitato Europeo per la Normazione), il protocollo è diventato, attraveso il British Standards Institution, una norma europea del Comitato Tecnico CEN TC 247. Il protocollo LonTalk, con cui comunicano i dispositivi Lonworks, è basato sull implementazione di tutti i sette livelli del modello ISO/OSI. I nodi della rete Lon hanno come componente principale il Neuron chip, un circuito integrato che integra tre processori di cui due dedicati alla gestione del protocollo LonTalk. Ogni nodo è costituito da un neuron chip, un transceiver ed un circuito elettronico specifico per l applicazione. Echelon ed i produttori dell integrato controllano il firmware dei primi due processori, mentre il progettista può programmare il terzo per poter fargli svolgere le funzioni a cui il nodo è dedicato. Il protocollo LonTalk prevede l uso di variabili SNVT ( Standard Network Variables Types) atte a rappresentare una grandezza. L utilizzo e la gestione di queste variabili permette e facilita l interoperabilità dei diversi dispositivi, che devono utilizzare le stesso formato di variabili, con conseguente diminuzione della complessità dei messaggi. La tecnologia LonWorks consta di cinque principali elementi: - il neuron chip che, come detto, può gestire dispositivi I/0 ed eseguire un codice scritto dall utilizzatore;

8 TECNOLOGIA E PROTOCOLLI Il bus americano La struttura di una rete Lonworks DOMINIO ( dispositivi ) - il protocollo di comunicazione aperto, accessibile a tutti ed il cui uso non prevede royalty, che definisce lo standard per lo scambio di informazioni tra i nodi; Sottorete 1 dispositivo 1... Sottorete n Sottorete 255 dispositivo 1... dispositivo il transceiver, che realizza la connessione elettrica del neuron chip ai mezzi di comunicazione; - le interfacce di rete, che sono usate per connettere un computer alla rete LonWorks; - gli applicativi (tools) necessari per sviluppare, mettere in opera e gestire le reti. Dominio, sottoreti e gruppi L architettura della rete Lon è di tipo distribuito (architettura piatta); la topologia dipende dal mezzo di comunicazione utilizzato. Una rete LonWorks è costituita da un dominio, ossia un raggruppamento logico di dispositivi suddiviso in sottoreti. Il numero massimo di sottoreti possibili all interno di un domino è 255; ogni sottorete può contenere 127 dispositivi. Il numero massimo di dispositivi di un dominio è dunque Il protocollo LonTalk non supporta la comunicazione tra domini, ma altri programmi possono implementarla, permettendo di raggruppare fino a 248 domini; in questo modo il numero di dispositivi di una rete arriva fino a Un gruppo, invece, è un insieme logico di dispositivi del dominio, appartenenti anche a sottoreti diverse. dispositivo n... dispositivo 127 Ogni dispositivo può appartenere a 15 gruppi diversi e un dominio può contenere al massimo 256 gruppi. Un gruppo può contenere 64 dispositivi se sono richiesti messaggi di conferma, ma non ci sono limiti nel caso in cui questi non vengano richiesti. I gruppi vengono utilizzati nella comunicazione point to multipoint per ottimizzare l impiego della banda disponibile. La rete LonWorks prevede quattro tipi di indirizzo: fisico: chiamato Neuron ld, è unico in tutto il mondo, non cambia mai ed è assegnato in fase di costruzione del neuron chip; di dispositivo: è assegnato quando il dispositivo è installato in una certa rete e utilizzato al posto dell indirizzo fisico, perché consente un instradamento più efficace dei messaggi e semplifica la sostituzione dei dispositivi guasti; è composto dispositivo n... dispositivo 127 dispositivo n... dispositivo 127 da tre campi: dominio, sottorete e dispositivo; di gruppo: serve ad ottimizzare il traffico di rete quando lo stesso messaggio è indirizzato a diversi dispositivi; broadcast: identifica tutti i dispositivi di una sottorete o dell intero dominio. Con la tecnologia LonWorks è possibile utilizzare qualsiasi mezzo di comunicazione tipico per queste applicazioni: doppino intrecciato, rete elettrica (onde convogliate), radiofrequenza e infrarosso; anche la fibra ottica, che è in grado di supportare velocità di trasmissione elevatissime, dell ordine del giga bit al secondo. Purtroppo, costi e complessità di installazione di quest ultima tecnologia, la rendono applicabile solo in grandissime installazioni ed unicamente come rete portante di una struttura multidominio molto complessa ed estesa. SB

9 Normativa NORME EUROPEE CEN E CENELEC Due comitati per due sistemi a cura della Redazione Il Comitato Tecnico 205 del Cenelec e il 247 del CEN stanno lavorando ad una serie di norme (EN 50491) per i sistemi HBES (Cenelec) e BACS (CEN) - Cosa cambia per le EN Il punto della situazione sulla serie di norme europee EN 50090, per l automazione della casa e dell edificio, è a pag. 17. Ricordiamo che queste norme sono predisposte dal Comitato Tecnico CLC/TC Home and Building Electronic System (HBES) del Cenelec (European Committee for Electrotechnical Standardization org), che ha in Italia il corrispondente CT 205 Sistemi bus per gli edifici. In Europa c è un altro comitato che si occupa di elettrotecnica ed elettronica, si tratta del CEN (European Committee Standardization In realtà il CEN si occupa di tante cose, ma di elettrotecnica ed elettronica solo in ambiti specifici come, per esempio, i sistemi di gestione, controllo e I marchi degli organismi che fanno le norme in Europa automazione degli edifici, con il comitato tecnico CEN/TC 247 Building Automation, and Control and Building Management Systems (BACS). Sembra inevitabile che i sistemi HBES e BACS siano destinati ad interagire, non solo a livello normativo. Infatti, dal 2004, un gruppo di lavoro congiunto CLC/ TC205 e CEN/TC 247 sta preparando una serie di norme (EN 50491) sui requisiti generali per i sistemi HBES e BACS. Si dovrà stabilire, innanzitutto, con maggior precisione la definizione di HBES e BACS; i sistemi HBES, per esempio, dovrebbero comprendere aspetti riguardanti anche l efficienza energetica, che attualmente è un tema non contemplato negli scopi del comitato. La struttura delle EN 50491, suddivise in dieci parti, è ancora in discussione; per la Parte 3 Electrical safety requirements e la Parte 5 EMC requirements sono già in discussione dei progetti di norma, la Parte 4 Functional safety requirements ha, da ottobre 2007 un suo gruppo di lavoro, mentre si terrà a Milano, il 28 febbraio prossimo, una prima riunione tra esponenti del CLC/TC205 e del CEN/TC 247 per predisporre una norma relativa agli aspetti di pianificazione e di installazione del cablaggio e delle

10 NORME europee Due comitati... infrastrutture. A questo punto, si allarga l orizzonte sui sistemi per l automazione della casa e dell edificio, perché la serie EN diventerà una norma generale a cui farà riferimento, per i sistemi HBES, la serie EN 50090, ma non solo. Infatti, sotto la EN 50491, ma a fianco della EN 50090, potranno trovare posto altri standard, che, di volta in volta, saranno riconosciuti dal Cenelec (la numerazione da a copre infatti l attività normativa solo del Cenelec). La norma per apparecchi Più consolidata è la normativa di prodotto. Dal settembre 2005 è in vigore la norma EN (CEI fascicolo 7875 E) Apparecchi di comando non automatici per installazione elettrica fissa per uso domestico e similare - Norma Collaterale - Apparecchi di comando non automatici e relativi accessori per uso in sistemi elettronici per la casa e l edificio. Come dice il lungo titolo, si applica a tutti gli apparecchi di comando non automatici HBES per la manovra di circuiti di lampade e il comando della brillanza di lampade (interruttori elettronici), come pure per il comando della velocità di motori (per es. di ventilatori) e di altre applicazioni (per es. impianti di riscaldamento). Si applica anche a sensori, attuatori, prese con apparecchi di manovra, unità periferiche. In questo caso i lavori normativi La struttura delle Norme EN Parte 1 - Panoramica del sistema e requisiti generali Parte 2 - Condizioni ambientali Parte 3 - Requisiti di sicurezza elettrica Parte 4 - Requisiti di sicurezza funzionale Parte 5 - Requisiti di compatibilità elettromagnetica europei sono seguiti in Italia dal CT 23 Apparecchiatura a bassa tensione e in particolare dal sottocomitato SC 23 B/C Piccoli apparecchi di comando non automatici. Compatibilità elettromagnetica L irruzione della EN nello scenario normativo dei sistemi HBES rende necessario un intervento sulla struttura della serie di norme 50090, peraltro non ancora definitiva. La Parte 1 Struttura della Norma della è per il momento congelata in modo da essere riscritta tenendo conto dell evoluzione in corso. Per quanto riguarda la compatibilità elettromagnetica, in aprile 2009, sono stati valutati da tutti i comitati tecnici nazionali tre bozze finali della EN Parte 5 General requirements for Home and Building Electronic Systems (HBES) and Building Automation and Control Systems (BACS) : Parte 6 - Sistemi HBES Parte 7 - Interoperabilità tra sistemi HBES Parte 8 - HBES gateways Parte 9 - Sicurezza del sistema Parte 10 - Valutazione di conformità Fondo giallo: parti con una norma o un progetto di norma; fondo grigio: parti per le quali è stato costituito un gruppo di lavoro; fondo bianco: parti e argomenti ancora in discussione. Part 5-1: EMC requirements, conditions and test set-up ; Part 5-2: EMC requirements for HBES/BACS used in residential, commercial and light industry environment ; Part 5-3: EMC requirements for HBES/BACS used in industry environment. Per la Parte 5-2 (requisiti HBES/ BACS nel residenziale, commerciale e industria leggera) era stata proposta una classificazione dei requisiti EMC: classe B: con valori di prova per la compatibilità elettromagnetica in linea con quelli riportati nella EN ; classe A: con valori inferiori. Si trattava di una proposta che non rispondeva alle richieste avanzate dal CT 205 italiano, in precedenti stadi di valutazione dei documenti, che era quella di eliminare ogni classificazione. Per l Italia l obiettivo da raggiungere era quello della cancellazione della classe A. SB 10

11 Guide CEI PROGETTO INSTALLAZIONE E COLLAUDO Nuova guida HBES e non Riccardo Minelli Il Comitato Tecnico 205 ha preparato una guida per i sistemi HBES, le cui indicazioni valgono anche per i sistemi bus non conformi alle CEI EN linea bus simbolo BCU (accoppiatore bus) Il procedimento per la realizzazione degli impianti HBES - si dice nell introduzione alla guida - è analogo a quello degli impianti elettrici tradizionali, ma presenta delle evidenti specificità nelle fasi di predisposizione dell edificio, progettazione, installazione e verifica. L attività di progettazione, che deve soddisfare le richieste del committente, precede sempre l installazione, volta a realizzare le funzioni specificate dalla progettazione. Per l installazione degli impianti che compongono l intero sistema elettrico di edificio, è necessario realizzare l infrastruttura degli spazi installativi o anasimbolo o sigla del messaggio (se specificato) E stata pubblicata (luglio 2009) la Guida CEI , predisposta da un gruppo di lavoro del Comitato Tecnico 205 del CEI, che fornisce le linee guida per la progettazione, installazione, collaudo ed ispezione degli impianti HBES (intendendo per impianti HBES i sistemi BUS conformi alla serie di Norme CEI EN 50090). Scopo che si prefigge la guida è quello di definire: - le regole per una corretta procedura di progettazione, installazione, collaudo degli impianti HBES; n numero di I/O Simbolo o sigla della funzione Costruzione del simbolo grafico di un dispositivo HBES (Guida CEI App. C) - il flusso delle informazioni che i soggetti coinvolti dovrebbero scambiarsi; - i documenti che dovrebbero essere prodotti dalle attività suddette; - una simbologia armonizzata per i componenti e gli impianti HBES. La guida si applica: - alle unità immobiliari ad uso prevalentemente residenziale identificabili come appartamenti in condominio, abitazioni isolate, negozi, studi tecnici e commerciali; - agli edifici multi-unità (grandi edifici del terziario residenziale/commerciale) costituiti da più unità immobiliari; - agli edifici nuovi o esistenti dell una e/o dell altra tipologia. Le indicazioni della guida possono essere estese anche ai sistemi bus non normati dalla serie di Norme CEI EN

12 PROGETTO INSTALLAZIONE Guida HBES Gli spazi installativi del CT 205 lizzarla quando già esistente (canalizzazioni, scatole, spazi per quadri elettrici). Al termine dell installazione dovrà essere eseguita la verifica degli impianti. Si individuano quattro attività : 1. predisposizione dell infrastruttura nell edificio (oggetto delle guide CEI /1 e /2); 2. progettazione dell impianto; 3. installazione dell impianto; 4. verifica e collaudo tecnico dello stesso. L attività 1, con l assistenza del costruttore edile, predispone gli spazi installativi (IS), definendo il percorso delle canalizzazioni e della locazione delle scatole e dei quadri. L attività 2, a partire dalle richieste del committente, effettua calcoli e produce schemi elettrici (conside-rando anche i vincoli edili), elenchi componenti e descrizioni di fun-zionamento, completandoli con la specifica del collaudo. L attività 3, realizza l impianto HBES installando i dispositivi negli IS previsti dall attività 1, secondo le prescrizioni dell attività 2. L attività 4, al termine dell attività 3, effettua il collaudo tecnico, la messa in servizio e il collaudo dello stesso. Nel caso di edifici ancora da realizzare al momento della progettazione impiantistica le attività 1 e 2 sono da integrare La Norma CEI EN del Comitato Tecnico 205 ha definito una normalizzazione delle infrastrutture con una classificazione gerarchica degli Spazi Installativi. Si definisce Spazio Installativo (IS) uno spazio nell edificio destinato a contenere il cablaggio e/o gli apparecchi dell impianto. Viene realizzato ad esempio con scatola da incasso o di superficie, quadro elettrico o locale tecnico se le apparecchiature ed il conseguente cablaggio hanno dimensioni notevoli. Uno spazio installativo è identificato con la sigla IS seguita da un numero che ne indica il livello gerarchico occupato nell impianto. Risulta evidente che le quattro attività devono essere svolte in stretta collaborazione, con regolari contatti tra i soggetti (progettisti, installatori, collaudatori, committenti) ad esse preposti e utilizzare lo stesso linguaggio di comunicazione, come ad esempio la simbologia grafica normalizzata, che è oggetto di definizione nella guida. Si evidenzia inoltre che l impianto HBES è un sistema di automazione che ha la caratteristica di controllare la maggior parte degli altri componenti e impianti presenti nell unità immobiliare. Pertanto la guida considera tutte le interfacce che l HBES può avere con gli altri impianti presenti nell edificio e fissa le regole per il rispetto dei requisiti di sicurezza e compatibilità elettromagnetica (EMC) previsti dalle norme. Frequentemente si verifica che il progettista edile abbia necessità di conoscere la disposizione degli spazi installativi prima della stesura del progetto elettrico di massima ed in tal caso il progetto dell infrastruttura risulta generico o di primo approccio, senza la specifica delle funzioni che verranno ospitate in ogni singolo IS. 12

13 Classificazione gerarchica degli IS A ciò si aggiunga che i soggetti che svolgono le quattro attività possono essere società o persone fisiche diverse. Perciò l attività di installazione 3, che finalizza i risultati delle attività 1 e 2, deve seguire le indicazioni fornite dal progetto infrastrutturale ed elettrico, mantenendo con i soggetti preposti a tali attività una ininterrotta comunicazione e provvedere a quelle modifiche che, inevitabilmente, si rendono necessarie per ottimizzare la disposizione degli apparecchi e del cablaggio negli spazi installativi. Scopo della guida, come detto, è definire le regole per una corretta procedura di progettazione, installazione, collaudo degli impianti HBES, regolare il flusso delle informazioni che i La classificazione gerarchica spazi installativi è stata ripresa anche dalla Guida CEI (vedi art. a pag. 15) soggetti preposti alle citate attività devono scambiarsi mediante i documenti prodotti dalle attività suddette e fornire una simbologia armonizzata per i componenti e gli impianti HBES. Progettazione in quattro fasi L attività di progettazione, secondo la nuova guida, si dovrebbe svolgere nelle quattro fasi sinteticamente riportate di seguito. FASE 1 Progetto preliminare Proposta di una lista dei servizi che soddisfano le richieste del committente. In questa fase è normalmente richiesta una stima economica preventiva dell impianto HBES, in modo tale da rendere il committente informato sul valore dei servizi offerti. FASE 2 Progetto definitivo/esecutivo Scelta delle interfacce con gli altri impianti previsti o esistenti nell edificio, dimensionamento delle connessioni considerando anche i vincoli edili, produzione di schemi elettrici e dell elenco dei componenti dell impianto HBES. Questa fase risulta completa solo se è nota la predisposizione dell infrastruttura (CEI /1 e CEI /2). In impianti di grandi dimensione può essere presente una fase intermedia di progetto denominata definitivo. Nella guida si fa notare che la progettazione secondo i tre livelli di definizioni tecniche: preliminare, definitiva ed esecutiva, è obbligatoria per i soli lavori pubblici. Negli altri casi essa può essere semplificata qualora, con un numero di livelli inferiore, siano soddisfatte le necessità previste per quanto attiene ai compiti assegnati e alle responsabilità, con particolare riferimento alle indicazioni riportate nella Sezione 3 della norma CEI 0-2 sulla consistenza della documentazione di progetto. FASE 3 Documenti per l installazione Descrizioni del funzionamento e istruzioni per la configurazione degli apparecchi e del 13

14 PROGETTO INSTALLAZIONE Guida HBES sistema, completi di specifica del collaudo. Durante l attività di installazione vera e propria possono essere introdotte modifiche al progetto esecutivo, che deve essere opportunamente aggiornato. FASE 4 Documenti per l utente finale Documentazione relativa al progetto e manuale d uso dell impianto HBES realizzato. Questa attività può essere svolta dal soggetto che esegue l installazione o la progettazione. (cfr. Decreto 22 gennaio 2008 n 37, regolamento di attuazione della legge 248) In ogni fase il progettista deve mantenersi in contatto con i soggetti preposti alla predisposizione dell infrastruttura ed alla installazione dell impianto, al fine di soddisfare le possibili richieste di modifica al progetto esecutivo iniziale. Collaudo dell impianto La guida CEI riporta le prescrizioni, facoltative, del Rapporto Tecnico , concepite per essere applicate in modo competente e per essere facilmente adattate alla complessità degli impianti HBES. Prima di procedere al collaudo, si dovrebbe essere in possesso di tutta la documentazione relativa all impianto (vedi riquadro in questa pagina) Ogni documento relativo allo stesso impianto deve fare riferimento ad un numero che contraddistingua univocamente l impianto stesso. Documentazione per ispezione e collaudo a) documenti esplicativi per i prodotti non basati su norme b) progetto dell impianto HBES c) manuali e caratteristiche tecniche dei componenti d) schemi del sistema e) lista delle norme applicabili al sistema f) descrizione di funzionamento g) lista degli indirizzi di tutti i dispositivi di ingresso e uscita h) analisi dei rischi relativi elementi che devono essere provati i) dichiarazioni di conformità dei componenti Nel caso di un istallazione domestica, quanto elencato può essere ridotto ad una lettera che confermi la richiesta di ispezione, definisca il sistema e indichi le opzioni richieste. Rapporto Tecnico EN Al termine dell ispezione e del collaudo, l ispettore redige i seguenti rapporti: a) rapporto di prova comprendente l elenco delle prove eseguite ed eventuali elementi di non conformità; b) registrazione degli eventuali interventi effettuati; c) registro dei controlli e degli interventi di manutenzione periodica. Il registro può essere in formato cartaceo o elettronico, ma deve indicare chiaramente tutti gli interventi eseguiti e la persona che li ha effettuati. Il risultato di ogni test dovrebbe essere registrato e disponibile per eventuali controlli o esami futuri. L ispettore deve informare il cliente su tutti gli elementi di non conformità rilevati rispetto alla documentazione di installazione, alle corrispondenti norme, alle prescrizioni di legge, alle carenze nelle prestazioni e alle specifiche del cliente. Questo rapporto dovrebbe contenere anche le raccomandazioni relative ad una serie di interventi appropriati. SB L ultima norma pubblicata finora (01/03/2009) da Comitato Tecnico 205 è la CEI CLC/TR Sistemi Elettronici per la Casa e l Edificio (HBES) Parte 9-2: Prescrizioni di installazione - Ispezione e prove di installazioni HBES. In realtà si tratta di un Rapporto Tecnico (classificazione CEI , fascicolo 9706) che fornisce le prescrizioni che ispettori o responsabili della messa in servizio di sistemi HBES devono seguire per verificare ed approvare installazioni di sistemi HBES al fine di accertarne la qualità e l uso sicuro. Scopo del documento - si dice nell introduzione - è anche quello di assicurare che l installazione del sistema HBES non influisca negativamente sull integrità dei prodotti HBES e che la percezione di sicurezza che il cliente ha di questi sistemi non venga diminuita. 14

15 Guide CEI EDILIZIA RESIDENZIALE Predisposizione Riccardo Minelli delle infrastrutture La Guida del CEI fornisce indicazioni per la predisposizione degli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni La Guida CEI /2, pubblicata nel 2009, si applica all edilizia ad uso residenziale, con riferimento alle nuove costruzioni o alle ristrutturazioni radicali di edifici esistenti; ha lo scopo di fornire le indicazioni principali ed un metodo per progettare un infrastruttura sottotraccia atta ad ospitare impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni, caratterizzata da un elevato livello di adattabilità per garantire una adeguata flessibilità degli impianti, tenendo conto delle mutevoli esigenze tecniche e dell utenza della unità immobiliare. La seconda parte della Guida CEI Guida per la predisposizione delle infrastrutture per gli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni riguarda le unità immobiliari (appartamenti). La prima parte (CEI / 1), pubblicata nel 2006, è dedicata ai montanti degli edifici. Pianta dell unità abitativa nel progetto di infrastruttura della Guida CEI /2 Gli spazi installativi Nella guida viene introdotto il concetto di spazio installativo (già utilizzato dal CT 205) per ordinare, in modo gerarchico, il progetto dell infrastruttura. La /2 individua tre livelli: un livello denominato SA (livello gerarchico più alto o più centrale), che riguarda l intero ambiente, un livello gerarchico intermedio SZ, che serve le varie zone, un livello gerarchico più basso SU (più periferico o di utilizzo), che comprende i punti terminali dell impianto. Gli spazi indicati con SA, SZ, SU, corrispondono agli spazi IS4, IS5, IS6, definiti dal Comitato Tecnico 205. La tipologia degli spazi installativi in una unità immobiliare può essere suddivisa in livelli funzionali: 15

16 EDILIZIA RESIDENZIALE Predisposizione... SA identifica l insieme degli spazi per i quadri destinati alla distribuzione nell intero ambiente dell Unità Immobiliare: uno o più per i diversi impianti ( energia, allarme furto, telefono ), posti preferibilmente in un locale tecnico o eventualmente nello spazio disponibile all ingresso dell UI. In SA arrivano le reti esterne (montante) che distribuiscono tutti i servizi richiesti nell UI. SZ identifica uno o più spazi per le scatole di derivazione e smistamento destinate alla distribuzione in una determinata zona o locale dell UI. SU identifica gli spazi per le scatole destinate ad accogliere i comandi, le prese o gli apparati rilevatori o di segnalazione: una o più in ogni zona o locale, destinate a fornire il singolo servizio richiesto. Tutte le SU di pertinenza della zona o locale, derivano da SZ relativo alla stessa zona o locale. Gli spazi installativi sono collegati tra loro dalle canalizzazioni. Si mette in evidenza che lo spazio SA può essere destinato a svolgere anche la funzione SZ. Tipologia degli spazi installativi livello ambiente / unità immobiliare acronimo CT 64 SA I contenuti della Guida CEI /2 Capitolo 6 - Linee guida per il progetto dell infrastruttura Generalità - Servizi fruibili nell UI (unità abitativa) - Tipi di impianto - Elenco degli impianti - Topologia dei cablaggi degli impianti EEC - Vincoli posti dalla struttura edilizia - Vincoli impiantistici - Vincoli impiantistici tra impianti EEC e altri impianti - Vincoli impiantistici tra i vari impianti EEC - Ulteriori vincoli e/o indicazioni - Vincoli di proprietà. Capitolo 7 - Progettazione infrastrutture dell unità abitativa Generalità - Criteri per la progettazione delle infrastrutture della unità abitativa - Individuazione dei servizi e dei relativi impianti - Posizionamento degli spazi installativi SA, SZ e SU - Considerazioni specifiche per il tracciato delle canalizzazioni per i diversi impianti - Ottimizzazione dell infrastruttura per tutti i servizi previsti Capitolo 8 - Esempio di progettazione di una infrastruttura Considerazione introduttive - Individuazione dei servizi - Individuazione degli impianti - Posizionamento dei punti SU di utilizzo e comando - Generalità - Posizionamento dei punti SU per Impianti di distribuzione dei segnali TV, audio, telefonia, dati e (video)citofono - Posizionamento dei unti SU per Impianto distribuzione energia elettrica (potenza, illuminazione, movimentazione, ecc.) - Posizionamento dei punti SU per impianti allarme intrusione/furto e allarmi tecnici - Posizionamento degli spazi SZ con relativa suddivisione in zone o locali - Posizionamento dei punti SA di Interfaccia verso l esterno dell UI - Schema dell Infrastruttura per Energia (illuminazione, movimentazione e prese) - Considerazioni finali e adattabilità per possibili applicazioni future acronimo CT 205 IS4 zona / locale SZ IS5 utilizzo SU IS6 funzione distribuzione verso SZ distribuzione verso SU prelievo comando Quanto descritto in modo schematico evidenzia tutta una serie di concetti che sono già patrimonio comune nella pratica progettuale delle infrastrutture per impianti EEC, ma tali concetti sono, in generale, applicati senza una descrizione razionale delle varie fasi logiche. In pratica infatti, specialmente negli edifici a più piani, con più unità immobiliari, è usuale che venga predisposto nei pressi dell ingresso dell UI uno spazio infrastrutturale destinato ad accogliere gli impianti provenienti dall esterno per smistarli verso le varie zone dell UI. Nelle varie zone dell unità immobiliare sono disposti spazi infrastrutturali necessari per distribuire gli impianti verso i punti terminali di comando e attuazione. SB 16

17 Documenti ELECTRONIC SYSTEMS a cura della Redazione Le norme Per l automazione della casa e degli edifici Tutte le norme europee EN pubblicate dal Comitato Tecnico 205 Sistemi bus per gli edifici del CEI. Si tratta della serie di norme sui Sistemi elettronici per la casa e l edificio (Home and Building electronic Systems- HBES), suddivise i nove parti: 1 Struttura della Norma 2 Panoramica del sistema 3 Aspetti dell Applicazione 4 Livelli indipendenti dal mezzo 5 Mezzi di trasmissione e livelli dipendenti dai mezzi stessi 6 Interfacce 7 Gestione del Sistema 8 Valutazione della Conformità dei prodotti 9 Requisiti dell Installazione. Oltre a una breve descrizione dei contenuti, riportiamo anche classificazione enumero di fascicolo CEI, l anno di pubblicazione. Della Parte 6 - Interfacce, non è stato pubblicato ancora alcun documento, riportiamo in un riquadro le norme allo studio. Parte 1 Struttura della Norma EN Struttura della Norma La norma EN non è mai stata pubblicata. Si tratta di una prefazione a tutta la serie di norme: contiene le definizioni di sistema di controllo della casa e dell edificio, delle classi di tale sistema e l elenco delle parti della norma stessa. E perennemente allo stato di bozza. Parte 2 Panoramica del sistema EN Architettura classificazione CEI: 83-2 fascicolo: 4355 R anno: Edizione: prima Descrive l architettura del sistema ed il modello di riferimento OSI (Open System Interconnection) distinto in 7 livelli: 7) Applicazione, 6) Presentazione, 5) Sessione, 4) Trasporto, 3) Rete, 2) Collegamento dati, 1) Fisico. I sistemi HBES non utilizzano i livelli Presentazione e Sessione. L Open System Interconnection è uno standard stabilito nel 1978 dall ISO (International Organization for Standardization) per le reti di calcolatori (modello ISO/OSI). EN Requisiti tecnici generali classificazione CEI: 83-5 fascicolo: 4474 C anno: Edizione: prima La EN è la parte della normativa che, assieme alla EN Requisiti per l installazione della coppia ritorta (doppino) di Classe 1, maggiormente interessa il progettista e l installatore di sistemi bus. Stabilisce i criteri generali di sicurezza e compatibilità elettromagnetica del sistema e dei dispositivi. Chiarisce i concetti base per l installazione dando indicazioni sulle separazioni nelle canalizzazioni, nelle scatole e nei centralini tra il cablaggio dei dispositivi bus ed il cablaggio di altri impianti presenti nell edificio. La norma, inoltre, indica i metodi di prova per la compatibilità elettromagnetica. 17

18 ELECTRONIC SYSTEMS Le norme EN /A1 Requisiti tecnici generali classificazione CEI: 83-5/V1 fascicolo: 7269 anno: Edizione: - Questa variante porta la tensione di prova della rigidità dielettrica di un cavo HBES da 2500 a 2000 volt. EN /A2 Requisiti tecnici generali classificazione CEI: 83-5/V2 fascicolo: 9563 anno: Edizione: - La variante aggiorna i riferimenti EMC (compatibilità elettromagnetica), modifica l art. 7 includendo riferimenti alle norme relative alle telecomunicazioni su linee di energia e modifica il paragrafo 5.3 sostituendo le prescrizioni relative alla sicurezza funzionale con il riferimento alla EN EN Requisiti generali di sicurezza funzionale per prodotti destinati ad un sistema HBES classificazione CEI: fascicolo: 8111 anno: Edizione: prima Le prescrizioni di sicurezza funzionale fornite da questa norma si basano sull analisi dei rischi della EN e si applicano anche alle funzioni di qualsiasi apparecchiatura collegata ad un sistema HBES, quando non esistano norme di sicurezza funzionale specifiche per tale apparecchiatura. E rivolta soprattutto ai Comitati Tecnici che sviluppano o modificano norme relative ai prodotti e ai sistemi HBES. Parte 3 Aspetti dell Applicazione EN Introduzione alla struttura applicativa classificazione CEI: 83-3 fascicolo: 3275 anno: Edizione: prima La norma (solo quattro pagine) fa riferimento alla struttura generale definita dalla EN (modello ISO/OSI) e fornisce una panoramica del processo applicativo suddiviso in processo utente e livello applicazione. EN Processo utente per HBES di classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 7407 anno: Edizione: seconda Definisce le strutture dati e le funzioni del processo utente, ossia di quella parte del processo applicativo dell apparecchiatura che appartiene all ambiente reale, indicando come devono essere formati i dati ricavati appunto dall ambiente reale (ad es. misure di grandezze fisiche) e come devono essere descritte le funzioni dei dispositivi di ingresso/uscita. La prima edizione della norma è stata pubblicata nel Parte 4 Livelli indipendenti dal mezzo EN Livello Applicazione per HBES di Classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 8167 E anno: Edizione: prima Specifica le funzioni e il protocollo del livello applicazione, sia per quanto riguarda la comunicazione tra dispositivi sia per la gestione del sistema. EN Livello di trasporto, livello di rete e parti generali del livello di collegamento dati per HBES di classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 7924 E anno: Edizione: prima Il livello di rete ha la funzione di instradare le informazioni per mezzo di routers (instradatori) che collegano due o più tratti di rete. Il livello di trasporto assicura che i dati in arrivo siano privi di errori, posti nella sequenza che ha significato per il livello applicazione e organizzati in modo indipendente dal percorso fatto sulla rete. Il livello di collegamento dati assicura che la comunicazione avvenga senza errori (disturbi o collisioni tra messaggi sulla rete bus). 18

19 EN Comunicazione basata sul protocollo IP (EN :2006) classificazione CEI: fascicolo: 9316 E anno: Edizione: prima La norma definisce le prescrizioni obbligatorie ed opzionali relative alla comunicazione basata su protocollo IP per prodotti e sistemi HBES. Il TC 205 Cenelec, Home and Building Electronic Systems (HBES), in collaborazione con il TC CEN 247, Building Automation, Controls and Building Management, - e con la partecipazione del suo partner KNX - ha preparato il documento in modo da far riferimento alla Norma Europea EN , preparata dal TC 247 CEN, anche come Norma del TC 205 Cenelec ed estendere il campo di applicazione ai Sistemi Elettronici per la casa e l edificio (HBES). Parte 5 Mezzi di trasmissione e livelli dipendenti dai mezzi stessi EN Trasmissione di segnali su rete elettrica a bassa tensione per HBES di classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 7741 E anno: Edizione: prima La norma fornisce prescrizioni obbligatorie e facoltative per i livelli fisico e collegamento dati specifici per mezzo di comunicazione di classe 1, su linee di alimentazione a 230 V, nelle due varianti PL 110 (onde convogliate a 110 khz) e PL 132 (132 khz). Il livello fisico ha la funzione di fornire i dati, al livello di linea, come sequenza di bit priva di tutte le influenze dovute al mezzo di collegamento (rumore, attenuazione, ecc.) e di trasmettere al mezzo, come segnale elettrico, i dati ricevuti dal livello di linea. EN Reti basate su HBES di Classe 1, coppia ritorta classificazione CEI: fascicolo: 8016 E anno: Edizione: prima La norma fornisce prescrizioni obbligatorie e facoltative per i livelli fisico e collegamento dati specifici per mezzo di comunicazione di classe 1, su coppia ritorta (doppino intrecciato) nelle due varianti TP0 e TP1. Definisce il livello fisico, il livello di connessione dati (detto anche di linea) e le topologie della rete. Del livello fisico definisce tensione, corrente, velocità di trasmissione, forma d onda e distorsione ammessa per i bit che costituiscono il segnale elettrico che percorre il supporto della trasmissione (TP0 etp1). Ricordiamo che esistono due tipi di coppia ritorta che corrispondono alle seguenti caratteristiche: TP0 per trasmissione in modalità NRZ (non ritorno a zero) a 4800 baud in banda base, ampiezza segnale V: TP1 per trasmissione in modalità bilanciata a 9600 baud in banda base, ampiezza segnale V. EN Radio frequenza classificazione CEI: fascicolo: 8735 E anno: Edizione: prima La norma fornisce prescrizioni obbligatorie e facoltative per prodotti e sistemi HBES che utilizzano come mezzo di comunicazione la radio frequenza. Il documento ha lo scopo di specificare i requisiti minimi del livello fisico e di connessione dati per il mezzo Onde Radio (868,300 MHz) dei sistemi HBES. I dispositivi a onde radio sono esclusivamente dedicati ad applicazioni interne alla proprietà e sono di tipo a corto raggio (SRD) in conformità alla CEPT / ERC / Recommendation E. Parte 7 Gestione del Sistema EN Procedure di Gestione classificazione CEI: fascicolo: 7925 E anno: Edizione: prima Definisce gli aspetti gestionali del sistema HBES come avvio, prova, monitoraggio e disa- 19

20 ELECTRONIC SYSTEMS Le norme bilitazione di uno o più dispositivi. Ogni livello (applicazione, trasporto, rete, linea, fisico) del dispositivo HBES deve essere dotato di una apposita interfaccia con la sezione di gestione realizzata all interno del dispositivo stesso. Permette le seguenti tipiche attività: attivazione, manutenzione, disabilitazione, inizializzazione, modifica dei parametri, registrazione dello stato, rivelazione degli errori, riconfigurazione e riavvio di ogni dispositivo collegato al sistema HBES. Per le procedure di gestione, i requisiti specificano: la sequenza di messaggi che devono essere scambiati tra client e server; il contenuto e l interpretazione dei dati trasportati; le azioni da intraprendere sulla base di tali dati; le modalità di trattamento degli errori e delle eccezioni. EN Parte 6 - Interfacce... lavori in corso EN Interfaccia universale Descrive l interfaccia universale (UI) che ha lo scopo di rendere i protocolli di rete (livello 3) indipendenti dai protocolli applicativi (livello 7) caratteristici di ogni famiglia di prodotti. Sostanzialmente è un punto di accesso esterno al livello di rete, completo di connettore, predisposto per apparecchi utilizzanti un proprio protocollo applicativo specifico e caratterizzante la famiglia di prodotti cui il dispositivo appartiene. EN Interfaccia di processo e interfaccia semplice Descrive l Interfaccia Semplice (SI) posta allo stesso livello della UI e capace di comunicare al dispositivo BUS segnali di tipo On/ Off provenienti ad esempio da apparecchi tradizionali con uscita a contatto di relè o altro. La PI, Interfaccia di Processo, descrive il formato dei dati di qualsiasi tipo che il livello Applicazione scambia con il mondo esterno (Processo). EN Interfaccia con il mezzo per coppia ritorta Classe 1 Descrive l Interfaccia con il mezzo (MI) cioè la connessione meccanica, funzionale ed elettrica che collega il dispositivo BUS al supporto di trasmissione. E stata pubblicata nel 1996 come rapporto tecnico R per le differenze esistenti tra i connettori dei sistemi BatiBUS, EIB e EHS. Sarà pubblicata come norme EN tenendo conto della Tecnologia KNX (Konnex). EN Modello di Residential Gateway per HBES Definisce le interfacce tra la rete di un sistema HBES e le reti di telecomunicazione. Parte 8 - Valutazione della conformità dei prodotti EN Valutazione della Conformità dei prodotti classificazione CEI: fascicolo: 5977 anno: Edizione: prima Specifica i requisiti per le verifiche generiche di conformità dei protocolli di comunicazione e le Norme da utilizzare per le verifiche di conformità dei prodotti e sistemi HBES comprese le caratteristiche di sicurezza elettrica, funzionale e compatibilità elettromagnetica. Per ogni caratteristica da verificare viene indicata la norma applicabile. Parte 9 Prescrizioni di installazione EN Installazione della coppia ritorta (doppino) di Classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 7989 anno: Edizione: prima Definisce le regole d installazione (configurazione del sistema, sicurezza, compatibilità della posa con linee d energia adiacenti, ecc.). Assicura l armonizzazione dei requisiti meccanici, architettonici ed elettrici con altri comitati tecnici. Classifica i sistemi HBES secondo diversi livelli di prestazione nelle relative applicazioni. Definisce un unica soluzione di cablaggio. Era stata pubblicata nel 1997 come Rapporto Tecnico R EN Ispezione e prove di installazioni HBES classificazione CEI: fascicolo: 9706 E anno: Edizione: prima Il documento fornisce le prescrizioni che ispettori o responsabili della messa in servizio di sistemi HBES devono seguire per verificare ed approvare installazioni di sistemi HBES al fine di accertarne la qualità e l uso sicuro. SB 20

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali

Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Cenni su Preamplificatori, mixer e segnali Preamplificazione: spalanca le porte al suono! Tra mixer, scheda audio, amplificazione, registrazione, il segnale audio compie un viaggio complicato, fatto a

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

MANUALE. GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8

MANUALE. GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8 MANUALE GW 64-8: software per la definizione del Livello prestazionale dell impianto elettrico secondo la Norma CEI 64-8 GW64-8 consente in modo molto semplice e veloce di definire il Livello prestazionale

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

GUIDA TECNICA 08. Linee guida funzionali MH08LF. BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it

GUIDA TECNICA 08. Linee guida funzionali MH08LF. BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it BTicino SpA Via Messina, 38 20154 Milano - Italia www.bticino.it Linee guida funzionali Piemonte Valle d Aosta Liguria UFFICIO REGIONALE 10098 RIVOLI (TO) c/o PRISMA 88 C.so Susa, 242 Tel. Q 011/9502611

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT

BOATRONIC M-420. Indice. Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT Manuale di istruzioni 7134.8/5--IT BOATRONIC M-2, M-420 BOATRONIC M-2 BOATRONIC M-420 Indice Pagina 1 Generalità... 2 2 Sicurezza... 2 2.1 Contrassegni delle indicazioni nel manuale... 2 2.2 Qualifica

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza

Catalogo 2013. Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Catalogo 2013 Contatori elettronici di energia EQ Meters Una soluzione per ogni esigenza Contatori di energia EQ Meters Raggiungere l equilibrio perfetto I consumi di energia sono in aumento a livello

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto...3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...3 1.1.2 Note...4 1.2 Panoramica

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli