sistemi Cosa vuol dire sistemi bus? CONTROLLO E COMANDO HOME AND BUILDING AUTOMATION

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sistemi Cosa vuol dire sistemi bus? CONTROLLO E COMANDO HOME AND BUILDING AUTOMATION www.sistemibus.com"

Transcript

1 EFFICIENZA ENERGETICA E GESTIONE DEGLI EDIFICI - NUMERO ZERO - GENNAIO 2010 sistemi HOME AND BUILDING AUTOMATION CONTROLLO E COMANDO Cosa vuol dire sistemi bus?

2 Editoriale Un modo nuovo di fare gli impianti L obiettivo che si prefigge questa nuova rivista on line, parte integrante di sistemibus.com, è quello di diventare al più presto il punto di incontro per system integrator, installatori e progettisti di impianti tecnici. L integrazione dei sistemi di comando e controllo è una condizione indispensabile per quel nuovo modo di fare gli impianti, che coinvolge tutte le figure professionali interessate ai lavori di costruzione, ristrutturazione e manutenzione degli edifici. Sono ancora tante le difficoltà da superare, legate alle interpretazioni normative, alle scelte progettuali, al coordinamento dei lavori e, talvolta, alla freddezza dei committenti nell accettare soluzioni tecniche avanzate. Il nostro sarà inizialmente solo un piccolo contributo per superare queste difficoltà, che diventerà tanto più grande quanto maggiore sarà il coinvolgimento degli stessi lettori, i quali potranno intervenire, attraverso sistemibus.com, commentando qualsiasi articolo o notizia riportata o proponendo nuovi temi, confrontandosi in un forum a loro dedicato. La rivista Sistemi Bus sarà il luogo per l approfondimento dei temi affrontati su sistemibus.com ; sarà disponibile in formato elettronico (pdf) solo per dare immediatezza all informazione. Per l archiviazione dei fascicoli sarà disponibile in formato cartaceo. Buon lavoro Carlo Vitti In questo numero... Primo piano COMANDO E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI Cosa vuol dire sistemi bus? Separare la linea di potenza da quella di comando TECNOLOGIA E PROTOCOLLI Sistema bus americano La tecnologia Lonworks di Echelon e il suo protocollo Normativa NORME EUROPEE CEN E CENELEC Due comitati per due sistemi Il Comitato Tecnico 205 del Cenelec e il 247 del CEN stanno lavorando ad una serie di norme... Guide CEI PROGETTO INSTALLAZIONE E COLLAUDO Nuova guida HBES e non Il Comitato Tecnico 205 ha preparato una guida per i sistemi HBES, le cui indicazioni valgono... EDILIZIA RESIDENZIALE Predisposizione delle infrastrutture La Guida del CEI fornisce indicazioni per la predisposizione degli impianti... Documenti ELECTRONIC SYSTEMS Le norme Per l automazione della casa e degli edifici Applicazioni GESTIONE DELL ILLUMINAZIONE Luce dinamica Soluzioni di illuminazione diverse con un sistema di controllo per luce dinamica colorata nel prossimo Le anteprime su sistemibus.com... il bus è un canale di comunicazione che permette a periferiche e componenti del sistema di dialogare... copertina: Petya Petrova

3 Primo piano COMANDO E CONTROLLO DEGLI IMPIANTI Cosa vuol dire sistemi bus? Carlo Vitti Separare la linea di potenza da quella di comando Nei computer il bus è un canale di comunicazione che permette a periferiche e componenti del sistema di dialogare tra loro. Un esempio tipico è il bus PCI che collega la scheda madre al disco rigido e al DVD; si tratta di un bus che trasmette dati in parallelo, infatti si presenta come una fascia formata da tanti cavetti affiancati. Un bus può usare anche la trasmissione seriale, come quello utilizzato per i sistemi di comando e controllo degli impianti nella casa e negli edifici: il nostro sistema bus. Figura 1 Il sistema Common rail è un esempio di separazione tra comando e potenza (disegno Audi) In questo caso, come è noto, la linea di comando può essere semplicemente un cavetto bipolare, mentre la linea di potenza consta di fase, neutro e terra. Per un sistema bus di questo tipo, la separazione tra le linee di potenza e di comando è una caratteristica fondamentale, ma non esclusiva; in campo automobilistico, per esempio, ha permesso di costruire motori diesel efficienti e poco rumorosi. Nel sistema di alimentazione Common rail (figura 1), la separazione avviene tra il condotto comune di accumulo ad alta pressione del combustibile e la linea di comando elettronico degli iniettori. Tornando agli impianti elettrici, per comandare da tre punti un apparecchio di illuminazione, con due livelli di illuminamento, invece di un impianto tradizionale, che riempie di cavi le condutture, possiamo adottare una soluzione con pulsanti e relé passo passo. Non abbiamo fatto altro che separare la linea di comando da quella di potenza; in un sistema bus la separazione è molto più evidente (figura 2). La linea 230 V porta l energia dove serve, mentre la linea di comando, la linea bus, collega tutti gli attuatori e sensori del sistema. Supponiamo che il sensore (1) riceva un segnale dall esterno, per esempio un livello di illuminamento che è cambiato; lo codifica e lo trasmette agli attuatori (2) e (3). Gli attuatori ricevono il segnale, lo decodificano e agiscono secondo come sono stati programmati, per esempio accendono le luci e abbassano le tapparelle.

4 COMANDO E CONTROLLO Cosa vuol dire... Rappresentazione unifilare di un sistema bus La linea bus collega i dispositivi del sistema sensori ed attuatori in due modi: fisico e logico. Il collegamento fisico dipende dal mezzo di comunicazione, quello logico dal segnale trasmesso. Caratteristica esclusiva Un altra caratteristica, questa volta esclusiva, di un sistema bus è la possibilità di modificare il funzionamento dell impianto senza intervenire sul collegamento fisico dei dispositivi. Per il momento trascuriamo il mezzo di comunicazione utilizzato e occupiamoci del segnale trasmesso, che viene chiama messaggio o telegramma: chi lo trasmette e chi lo riceve? Tutti i dispositivi, attuatori e sensori, possono funzionale sia come trasmettitori, sia come ricevitori. figura 2 Struttura del segnale bus Primo problema: come evitare collisioni tra messaggi. Il sistema Hbes utilizza il metodo CSMA/CA, ossia Carrier Sense Multiple Access / Collision Avoidance. Ecco come funziona. Tutti i dispositivi sono normalmente in stato di ricezione; se un dispositivo deve inviare un messaggio, controlla che il bus sia libero, ossia che nessun altro dispositivo stia trasmettendo, quindi inizia la procedura di trasmissione. Se due dispositivi iniziano a trasmettere contemporaneamente prevale quello che trasmette un messaggio a priorità più alta, mentre l altro interrompe la procedura per riavviarla successivamente. figura 3 Si hanno tre gradi di priorità, in ordine decrescente: allarme, controllo, comando. Se i dispositivi trasmettono un messaggio con la stessa priorità, prevale il dispositivo che una indirizzo fisico inferiore. Vedremo dopo cosa si intende per indirizzo fisico, ma è evidente che se un dispositivo svolge una funzione più importante nel sistema rispetto ad un altro, è bene che abbia un indirizzo fisico inferiore. INFORMAZIONI OPERATIVE Secondo problema: come rendere interpretabili da tutti i dispositivi le informazioni contenute nel messaggio. Affinchè il sistema funzioni correttamente si devono rispettare quattro condizioni: 1 - ogni dispositivo deve avere un indirizzo unico in tutto il sistema e deve riconoscersi come destinatario di un messaggio; 2 - deve reallizzare una ben determinata funzione ;

5 Primo piano Cosa sono i sistemi HBES? HBES è acronimo di Home and Building Electronic System, in italiano Sistema elettronico per la casa e l edificio. Home and Building Electronic System è il nome del Comitato Tecnico 205 del Cenelec che ha il compito di predisporre norme riguardanti tutti gli aspetti dei sistemi elettronici per la casa e per l edificio in genere, sistemi che permettano, in questi ambienti, l integrazione di applicazioni di comando e controllo. Il corrispondente organo normatore in Italia è il Comitato Tecnico 205 del CEI, che ha un nome meno generico: Sistemi bus per gli edifici. La guida CEI pubblicata da questo comitato, ha proposto una definizione di HBES: Sistema bus conforme alla serie di norme CEI EN secondo una ben determinata modalità ; 4 - deve sapere con quale componente del sistema realizzare la funzione per la quale è stato programmato. E necessario dunque un protocollo di comunicazione. Questo protocollo utilizza una trasmissione asincrona seriale di segnali digitali strutturati in campi (figura 3). Diamo per scontato il significato di seriale e digitale, ricordiamo solo che una trasmissione è asincrona quando non necessita di un clock di sincronismo (trasmissione isòcrona), ma di un bit start e un bit stop. E importante invece stabilire cosa si intende per segnale digitale strutturato in campi. Un esempio di messaggio strutturato è riportato in figura 3. Le informazioni più importanti dal punto di vista applicativo sono contenute in tre campi: - informazioni operative; - indirizzo sorgente; - indirizzo destinazione. Informazioni operative; in questo campo i dati scambiati tra dispositivi possono essere di due tipi: comandi, che richiedono l esecuzione di una funzione (accendere o spegnere un apparecchio); stati, che danno una informazione sullo stato di un apparecchio (acceso o spento) o di una grandezza fisica misurata (livello di temperatura). Nel campo indirizzo sorgente c è sempre l indirizzo di un singolo dispositivo che ha inviato il messaggio, nel campo indirizzo destinazione ci può anche essere un indirizzo singolo (fisico) o di gruppo. L indirizzo fisico è utilizzato per una comunicazione punto-punto, tra due dispositivi o tra il PC e un dispositivo; con l indirizzo di gruppo, utilizzato nel funzionamento normale del sistema, un singolo dispositivo può comandare uno o più dispositivi. Mezzo di comunicazione I mezzi di comunicazione previsti dal CT 205 del Cenelec sono i seguenti: Tp-0, Tp-1 (coppia ritorta di tipo 0 e tipo 1); PL (onde convogliate); RF (radio frequenza); IR (infrarosso); CX (cavo coassiale). Per alcuni i lavori normativi hanno già prodotto documenti definitivi (Tp, PL e RF), per altri esistono solo bozze di norme (IR), per il cavo coassiale i lavori non sono nemmeno iniziati. Per i sistemi bus sono previsti dalle norme tre classi, secondo il livello di prestazione che garantisce il mezzo di comunicazione. Una linea bus è utilizzata normalmente per la trasmissione di comandi e controlli (Classe 1), in alcuni casi di un segnale in banda ristretta (Classe 2), la Classe 3 (segnale video) non è attualmente impiegata. Architettura e topologia Un sistema bus può essere realizzato secondo una certa architettura e con una certa tipologia, l architettura riguarda il collegamento logico e dipende dal tipo di impianto che dobbiamo realizzare. La topologia riguarda il collegamento fisico e il mezzo di comunicazione che vogliamo utilizzare. In una architettura gerarchica i

6 COMANDO E CONTROLLO Cosa vuol dire sistemi bus dispositivi sono raggruppati per tipo di applicazione (illuminazione, climatizzazione, ecc.). Ogni gruppo dipende da un controllore. I controllori possono comunicare tra loro ed eventualmente con un supervisore del sistema. Dispositivo HBES - Guida CEI L architettura piatta non fa distinzione tra i vari tipi di applicazioni; tutti i dispositivi e i controllori hanno accesso diretto al mezzo di comunicazione. Possono essere realizzate anche architettura miste. Il bus è un sistema a intelligenza distribuita, quindi è tipica l adozione di una architettura piatta. Per parlare di topologia dobbiamo prima decidere a quale mezzo di comunicazione facciamo riferimento. Nel caso si utilizzi la coppia ritorta la topologia della connessione dei dispositivi può essere determinata dalle indicazioni del costruttore, ma in generale può assumere qualsiasi configurazione: lineare, ad albero, a stella, anche ad anello, con alcune limitazioni. La topologia lineare è quella più semplice; per edifici a più piani si utilizza la topologia ad albero. Dispositivi HBES figura 4 Finora abbiamo parlato solo di sensori ed attuatori, ossia dispositivi dedicati all applicazione. Esiste un altro gruppo di dispositivi detti di sistema che, pur non entrando nella logica del sistema sono indispensabili per il suo corretto funzionamento: accoppiatori di linea, di area, alimentatori, ripetitori di segnale. Un sistema HBES dunque consta di: uno o più mezzi di comunicazione; un protocollo di comunicazione; dispositivi con funzione HBES (attuatori e sensori) che si scambiano informazioni, connessi, per mezzo di moduli di applicazione, a dispositivi con funzione primaria da comandare o dai quali ricevere informazioni. Non rimane che vedere cosa si intende per dispositivo con funzione HBES; modulo di applicazione; dispositivo con funzione primaria. Lo schema in figura 4 rappresenta un dispositivo HBES e il suo modulo di applicazione che fornisce il collegamento con l ambiente esterno; possono essere realizzati in un unico apparecchio, comunque tra di loro va individuata l interfaccia HBES. A destra, nella figura, c è un dispositivo con funzione primaria, per esempio una lampada, che ha la funzione di illuminare, oppure un rilevatore di temperatura che ha la funzione di rilevare la temperatura e renderne disponibile il valore. A sinistra c è il sistema HBES che è un sistema SELV. Supponiamo che il dispositivo con funzione primaria sia un rilevatore di temperatura e il dispositivo con funzione HBES sia un sensore. Il modulo di applicazione trasforma il valore fornito dal rilevatore di temperatura in un segnale riconoscibile dal dispositivo con funzione HBES il quale, attraverso vari livelli funzionali (freccia e quadretti azzurri nella figura), costruisce il messaggio strutturato previsto dal protocollo HBES, fino al livello fisico (riquadrato in azzurro), il quale trasforma il segnale digitale in un segnale elettrico da inviare, attraverso l interfaccia mezzo (IM), sulla linea bus. SB

7 Primo piano TECNOLOGIA E PROTOCOLLI Il sistema bus americano a cura della Redazione La tecnologia Lonworks di Echelon e il suo protocollo Lontalk La tecnologia LonWorks, sviluppata da Echelon, è stata integrata dall EIA (Electronic Industries Alliances) nello standard americano EIA-709. Verso la fine degli anni 90, il protocollo su cui si basa (LonTalk) è stato accolto come standard anche dalla CEA (Cunsumer Electronic Association). Dopo alcune revisioni, è diventato uno standard ANSI, l Istituto di Normalizzazione Americano (www.ansi.org) che fa parte dell ISO e dell IEC. Il Neuron chip è il componente principale del sistema Lon Per mezzo del CEN (Comitato Europeo per la Normazione), il protocollo è diventato, attraveso il British Standards Institution, una norma europea del Comitato Tecnico CEN TC 247. Il protocollo LonTalk, con cui comunicano i dispositivi Lonworks, è basato sull implementazione di tutti i sette livelli del modello ISO/OSI. I nodi della rete Lon hanno come componente principale il Neuron chip, un circuito integrato che integra tre processori di cui due dedicati alla gestione del protocollo LonTalk. Ogni nodo è costituito da un neuron chip, un transceiver ed un circuito elettronico specifico per l applicazione. Echelon ed i produttori dell integrato controllano il firmware dei primi due processori, mentre il progettista può programmare il terzo per poter fargli svolgere le funzioni a cui il nodo è dedicato. Il protocollo LonTalk prevede l uso di variabili SNVT ( Standard Network Variables Types) atte a rappresentare una grandezza. L utilizzo e la gestione di queste variabili permette e facilita l interoperabilità dei diversi dispositivi, che devono utilizzare le stesso formato di variabili, con conseguente diminuzione della complessità dei messaggi. La tecnologia LonWorks consta di cinque principali elementi: - il neuron chip che, come detto, può gestire dispositivi I/0 ed eseguire un codice scritto dall utilizzatore;

8 TECNOLOGIA E PROTOCOLLI Il bus americano La struttura di una rete Lonworks DOMINIO ( dispositivi ) - il protocollo di comunicazione aperto, accessibile a tutti ed il cui uso non prevede royalty, che definisce lo standard per lo scambio di informazioni tra i nodi; Sottorete 1 dispositivo 1... Sottorete n Sottorete 255 dispositivo 1... dispositivo il transceiver, che realizza la connessione elettrica del neuron chip ai mezzi di comunicazione; - le interfacce di rete, che sono usate per connettere un computer alla rete LonWorks; - gli applicativi (tools) necessari per sviluppare, mettere in opera e gestire le reti. Dominio, sottoreti e gruppi L architettura della rete Lon è di tipo distribuito (architettura piatta); la topologia dipende dal mezzo di comunicazione utilizzato. Una rete LonWorks è costituita da un dominio, ossia un raggruppamento logico di dispositivi suddiviso in sottoreti. Il numero massimo di sottoreti possibili all interno di un domino è 255; ogni sottorete può contenere 127 dispositivi. Il numero massimo di dispositivi di un dominio è dunque Il protocollo LonTalk non supporta la comunicazione tra domini, ma altri programmi possono implementarla, permettendo di raggruppare fino a 248 domini; in questo modo il numero di dispositivi di una rete arriva fino a Un gruppo, invece, è un insieme logico di dispositivi del dominio, appartenenti anche a sottoreti diverse. dispositivo n... dispositivo 127 Ogni dispositivo può appartenere a 15 gruppi diversi e un dominio può contenere al massimo 256 gruppi. Un gruppo può contenere 64 dispositivi se sono richiesti messaggi di conferma, ma non ci sono limiti nel caso in cui questi non vengano richiesti. I gruppi vengono utilizzati nella comunicazione point to multipoint per ottimizzare l impiego della banda disponibile. La rete LonWorks prevede quattro tipi di indirizzo: fisico: chiamato Neuron ld, è unico in tutto il mondo, non cambia mai ed è assegnato in fase di costruzione del neuron chip; di dispositivo: è assegnato quando il dispositivo è installato in una certa rete e utilizzato al posto dell indirizzo fisico, perché consente un instradamento più efficace dei messaggi e semplifica la sostituzione dei dispositivi guasti; è composto dispositivo n... dispositivo 127 dispositivo n... dispositivo 127 da tre campi: dominio, sottorete e dispositivo; di gruppo: serve ad ottimizzare il traffico di rete quando lo stesso messaggio è indirizzato a diversi dispositivi; broadcast: identifica tutti i dispositivi di una sottorete o dell intero dominio. Con la tecnologia LonWorks è possibile utilizzare qualsiasi mezzo di comunicazione tipico per queste applicazioni: doppino intrecciato, rete elettrica (onde convogliate), radiofrequenza e infrarosso; anche la fibra ottica, che è in grado di supportare velocità di trasmissione elevatissime, dell ordine del giga bit al secondo. Purtroppo, costi e complessità di installazione di quest ultima tecnologia, la rendono applicabile solo in grandissime installazioni ed unicamente come rete portante di una struttura multidominio molto complessa ed estesa. SB

9 Normativa NORME EUROPEE CEN E CENELEC Due comitati per due sistemi a cura della Redazione Il Comitato Tecnico 205 del Cenelec e il 247 del CEN stanno lavorando ad una serie di norme (EN 50491) per i sistemi HBES (Cenelec) e BACS (CEN) - Cosa cambia per le EN Il punto della situazione sulla serie di norme europee EN 50090, per l automazione della casa e dell edificio, è a pag. 17. Ricordiamo che queste norme sono predisposte dal Comitato Tecnico CLC/TC Home and Building Electronic System (HBES) del Cenelec (European Committee for Electrotechnical Standardization org), che ha in Italia il corrispondente CT 205 Sistemi bus per gli edifici. In Europa c è un altro comitato che si occupa di elettrotecnica ed elettronica, si tratta del CEN (European Committee Standardization In realtà il CEN si occupa di tante cose, ma di elettrotecnica ed elettronica solo in ambiti specifici come, per esempio, i sistemi di gestione, controllo e I marchi degli organismi che fanno le norme in Europa automazione degli edifici, con il comitato tecnico CEN/TC 247 Building Automation, and Control and Building Management Systems (BACS). Sembra inevitabile che i sistemi HBES e BACS siano destinati ad interagire, non solo a livello normativo. Infatti, dal 2004, un gruppo di lavoro congiunto CLC/ TC205 e CEN/TC 247 sta preparando una serie di norme (EN 50491) sui requisiti generali per i sistemi HBES e BACS. Si dovrà stabilire, innanzitutto, con maggior precisione la definizione di HBES e BACS; i sistemi HBES, per esempio, dovrebbero comprendere aspetti riguardanti anche l efficienza energetica, che attualmente è un tema non contemplato negli scopi del comitato. La struttura delle EN 50491, suddivise in dieci parti, è ancora in discussione; per la Parte 3 Electrical safety requirements e la Parte 5 EMC requirements sono già in discussione dei progetti di norma, la Parte 4 Functional safety requirements ha, da ottobre 2007 un suo gruppo di lavoro, mentre si terrà a Milano, il 28 febbraio prossimo, una prima riunione tra esponenti del CLC/TC205 e del CEN/TC 247 per predisporre una norma relativa agli aspetti di pianificazione e di installazione del cablaggio e delle

10 NORME europee Due comitati... infrastrutture. A questo punto, si allarga l orizzonte sui sistemi per l automazione della casa e dell edificio, perché la serie EN diventerà una norma generale a cui farà riferimento, per i sistemi HBES, la serie EN 50090, ma non solo. Infatti, sotto la EN 50491, ma a fianco della EN 50090, potranno trovare posto altri standard, che, di volta in volta, saranno riconosciuti dal Cenelec (la numerazione da a copre infatti l attività normativa solo del Cenelec). La norma per apparecchi Più consolidata è la normativa di prodotto. Dal settembre 2005 è in vigore la norma EN (CEI fascicolo 7875 E) Apparecchi di comando non automatici per installazione elettrica fissa per uso domestico e similare - Norma Collaterale - Apparecchi di comando non automatici e relativi accessori per uso in sistemi elettronici per la casa e l edificio. Come dice il lungo titolo, si applica a tutti gli apparecchi di comando non automatici HBES per la manovra di circuiti di lampade e il comando della brillanza di lampade (interruttori elettronici), come pure per il comando della velocità di motori (per es. di ventilatori) e di altre applicazioni (per es. impianti di riscaldamento). Si applica anche a sensori, attuatori, prese con apparecchi di manovra, unità periferiche. In questo caso i lavori normativi La struttura delle Norme EN Parte 1 - Panoramica del sistema e requisiti generali Parte 2 - Condizioni ambientali Parte 3 - Requisiti di sicurezza elettrica Parte 4 - Requisiti di sicurezza funzionale Parte 5 - Requisiti di compatibilità elettromagnetica europei sono seguiti in Italia dal CT 23 Apparecchiatura a bassa tensione e in particolare dal sottocomitato SC 23 B/C Piccoli apparecchi di comando non automatici. Compatibilità elettromagnetica L irruzione della EN nello scenario normativo dei sistemi HBES rende necessario un intervento sulla struttura della serie di norme 50090, peraltro non ancora definitiva. La Parte 1 Struttura della Norma della è per il momento congelata in modo da essere riscritta tenendo conto dell evoluzione in corso. Per quanto riguarda la compatibilità elettromagnetica, in aprile 2009, sono stati valutati da tutti i comitati tecnici nazionali tre bozze finali della EN Parte 5 General requirements for Home and Building Electronic Systems (HBES) and Building Automation and Control Systems (BACS) : Parte 6 - Sistemi HBES Parte 7 - Interoperabilità tra sistemi HBES Parte 8 - HBES gateways Parte 9 - Sicurezza del sistema Parte 10 - Valutazione di conformità Fondo giallo: parti con una norma o un progetto di norma; fondo grigio: parti per le quali è stato costituito un gruppo di lavoro; fondo bianco: parti e argomenti ancora in discussione. Part 5-1: EMC requirements, conditions and test set-up ; Part 5-2: EMC requirements for HBES/BACS used in residential, commercial and light industry environment ; Part 5-3: EMC requirements for HBES/BACS used in industry environment. Per la Parte 5-2 (requisiti HBES/ BACS nel residenziale, commerciale e industria leggera) era stata proposta una classificazione dei requisiti EMC: classe B: con valori di prova per la compatibilità elettromagnetica in linea con quelli riportati nella EN ; classe A: con valori inferiori. Si trattava di una proposta che non rispondeva alle richieste avanzate dal CT 205 italiano, in precedenti stadi di valutazione dei documenti, che era quella di eliminare ogni classificazione. Per l Italia l obiettivo da raggiungere era quello della cancellazione della classe A. SB 10

11 Guide CEI PROGETTO INSTALLAZIONE E COLLAUDO Nuova guida HBES e non Riccardo Minelli Il Comitato Tecnico 205 ha preparato una guida per i sistemi HBES, le cui indicazioni valgono anche per i sistemi bus non conformi alle CEI EN linea bus simbolo BCU (accoppiatore bus) Il procedimento per la realizzazione degli impianti HBES - si dice nell introduzione alla guida - è analogo a quello degli impianti elettrici tradizionali, ma presenta delle evidenti specificità nelle fasi di predisposizione dell edificio, progettazione, installazione e verifica. L attività di progettazione, che deve soddisfare le richieste del committente, precede sempre l installazione, volta a realizzare le funzioni specificate dalla progettazione. Per l installazione degli impianti che compongono l intero sistema elettrico di edificio, è necessario realizzare l infrastruttura degli spazi installativi o anasimbolo o sigla del messaggio (se specificato) E stata pubblicata (luglio 2009) la Guida CEI , predisposta da un gruppo di lavoro del Comitato Tecnico 205 del CEI, che fornisce le linee guida per la progettazione, installazione, collaudo ed ispezione degli impianti HBES (intendendo per impianti HBES i sistemi BUS conformi alla serie di Norme CEI EN 50090). Scopo che si prefigge la guida è quello di definire: - le regole per una corretta procedura di progettazione, installazione, collaudo degli impianti HBES; n numero di I/O Simbolo o sigla della funzione Costruzione del simbolo grafico di un dispositivo HBES (Guida CEI App. C) - il flusso delle informazioni che i soggetti coinvolti dovrebbero scambiarsi; - i documenti che dovrebbero essere prodotti dalle attività suddette; - una simbologia armonizzata per i componenti e gli impianti HBES. La guida si applica: - alle unità immobiliari ad uso prevalentemente residenziale identificabili come appartamenti in condominio, abitazioni isolate, negozi, studi tecnici e commerciali; - agli edifici multi-unità (grandi edifici del terziario residenziale/commerciale) costituiti da più unità immobiliari; - agli edifici nuovi o esistenti dell una e/o dell altra tipologia. Le indicazioni della guida possono essere estese anche ai sistemi bus non normati dalla serie di Norme CEI EN

12 PROGETTO INSTALLAZIONE Guida HBES Gli spazi installativi del CT 205 lizzarla quando già esistente (canalizzazioni, scatole, spazi per quadri elettrici). Al termine dell installazione dovrà essere eseguita la verifica degli impianti. Si individuano quattro attività : 1. predisposizione dell infrastruttura nell edificio (oggetto delle guide CEI /1 e /2); 2. progettazione dell impianto; 3. installazione dell impianto; 4. verifica e collaudo tecnico dello stesso. L attività 1, con l assistenza del costruttore edile, predispone gli spazi installativi (IS), definendo il percorso delle canalizzazioni e della locazione delle scatole e dei quadri. L attività 2, a partire dalle richieste del committente, effettua calcoli e produce schemi elettrici (conside-rando anche i vincoli edili), elenchi componenti e descrizioni di fun-zionamento, completandoli con la specifica del collaudo. L attività 3, realizza l impianto HBES installando i dispositivi negli IS previsti dall attività 1, secondo le prescrizioni dell attività 2. L attività 4, al termine dell attività 3, effettua il collaudo tecnico, la messa in servizio e il collaudo dello stesso. Nel caso di edifici ancora da realizzare al momento della progettazione impiantistica le attività 1 e 2 sono da integrare La Norma CEI EN del Comitato Tecnico 205 ha definito una normalizzazione delle infrastrutture con una classificazione gerarchica degli Spazi Installativi. Si definisce Spazio Installativo (IS) uno spazio nell edificio destinato a contenere il cablaggio e/o gli apparecchi dell impianto. Viene realizzato ad esempio con scatola da incasso o di superficie, quadro elettrico o locale tecnico se le apparecchiature ed il conseguente cablaggio hanno dimensioni notevoli. Uno spazio installativo è identificato con la sigla IS seguita da un numero che ne indica il livello gerarchico occupato nell impianto. Risulta evidente che le quattro attività devono essere svolte in stretta collaborazione, con regolari contatti tra i soggetti (progettisti, installatori, collaudatori, committenti) ad esse preposti e utilizzare lo stesso linguaggio di comunicazione, come ad esempio la simbologia grafica normalizzata, che è oggetto di definizione nella guida. Si evidenzia inoltre che l impianto HBES è un sistema di automazione che ha la caratteristica di controllare la maggior parte degli altri componenti e impianti presenti nell unità immobiliare. Pertanto la guida considera tutte le interfacce che l HBES può avere con gli altri impianti presenti nell edificio e fissa le regole per il rispetto dei requisiti di sicurezza e compatibilità elettromagnetica (EMC) previsti dalle norme. Frequentemente si verifica che il progettista edile abbia necessità di conoscere la disposizione degli spazi installativi prima della stesura del progetto elettrico di massima ed in tal caso il progetto dell infrastruttura risulta generico o di primo approccio, senza la specifica delle funzioni che verranno ospitate in ogni singolo IS. 12

13 Classificazione gerarchica degli IS A ciò si aggiunga che i soggetti che svolgono le quattro attività possono essere società o persone fisiche diverse. Perciò l attività di installazione 3, che finalizza i risultati delle attività 1 e 2, deve seguire le indicazioni fornite dal progetto infrastrutturale ed elettrico, mantenendo con i soggetti preposti a tali attività una ininterrotta comunicazione e provvedere a quelle modifiche che, inevitabilmente, si rendono necessarie per ottimizzare la disposizione degli apparecchi e del cablaggio negli spazi installativi. Scopo della guida, come detto, è definire le regole per una corretta procedura di progettazione, installazione, collaudo degli impianti HBES, regolare il flusso delle informazioni che i La classificazione gerarchica spazi installativi è stata ripresa anche dalla Guida CEI (vedi art. a pag. 15) soggetti preposti alle citate attività devono scambiarsi mediante i documenti prodotti dalle attività suddette e fornire una simbologia armonizzata per i componenti e gli impianti HBES. Progettazione in quattro fasi L attività di progettazione, secondo la nuova guida, si dovrebbe svolgere nelle quattro fasi sinteticamente riportate di seguito. FASE 1 Progetto preliminare Proposta di una lista dei servizi che soddisfano le richieste del committente. In questa fase è normalmente richiesta una stima economica preventiva dell impianto HBES, in modo tale da rendere il committente informato sul valore dei servizi offerti. FASE 2 Progetto definitivo/esecutivo Scelta delle interfacce con gli altri impianti previsti o esistenti nell edificio, dimensionamento delle connessioni considerando anche i vincoli edili, produzione di schemi elettrici e dell elenco dei componenti dell impianto HBES. Questa fase risulta completa solo se è nota la predisposizione dell infrastruttura (CEI /1 e CEI /2). In impianti di grandi dimensione può essere presente una fase intermedia di progetto denominata definitivo. Nella guida si fa notare che la progettazione secondo i tre livelli di definizioni tecniche: preliminare, definitiva ed esecutiva, è obbligatoria per i soli lavori pubblici. Negli altri casi essa può essere semplificata qualora, con un numero di livelli inferiore, siano soddisfatte le necessità previste per quanto attiene ai compiti assegnati e alle responsabilità, con particolare riferimento alle indicazioni riportate nella Sezione 3 della norma CEI 0-2 sulla consistenza della documentazione di progetto. FASE 3 Documenti per l installazione Descrizioni del funzionamento e istruzioni per la configurazione degli apparecchi e del 13

14 PROGETTO INSTALLAZIONE Guida HBES sistema, completi di specifica del collaudo. Durante l attività di installazione vera e propria possono essere introdotte modifiche al progetto esecutivo, che deve essere opportunamente aggiornato. FASE 4 Documenti per l utente finale Documentazione relativa al progetto e manuale d uso dell impianto HBES realizzato. Questa attività può essere svolta dal soggetto che esegue l installazione o la progettazione. (cfr. Decreto 22 gennaio 2008 n 37, regolamento di attuazione della legge 248) In ogni fase il progettista deve mantenersi in contatto con i soggetti preposti alla predisposizione dell infrastruttura ed alla installazione dell impianto, al fine di soddisfare le possibili richieste di modifica al progetto esecutivo iniziale. Collaudo dell impianto La guida CEI riporta le prescrizioni, facoltative, del Rapporto Tecnico , concepite per essere applicate in modo competente e per essere facilmente adattate alla complessità degli impianti HBES. Prima di procedere al collaudo, si dovrebbe essere in possesso di tutta la documentazione relativa all impianto (vedi riquadro in questa pagina) Ogni documento relativo allo stesso impianto deve fare riferimento ad un numero che contraddistingua univocamente l impianto stesso. Documentazione per ispezione e collaudo a) documenti esplicativi per i prodotti non basati su norme b) progetto dell impianto HBES c) manuali e caratteristiche tecniche dei componenti d) schemi del sistema e) lista delle norme applicabili al sistema f) descrizione di funzionamento g) lista degli indirizzi di tutti i dispositivi di ingresso e uscita h) analisi dei rischi relativi elementi che devono essere provati i) dichiarazioni di conformità dei componenti Nel caso di un istallazione domestica, quanto elencato può essere ridotto ad una lettera che confermi la richiesta di ispezione, definisca il sistema e indichi le opzioni richieste. Rapporto Tecnico EN Al termine dell ispezione e del collaudo, l ispettore redige i seguenti rapporti: a) rapporto di prova comprendente l elenco delle prove eseguite ed eventuali elementi di non conformità; b) registrazione degli eventuali interventi effettuati; c) registro dei controlli e degli interventi di manutenzione periodica. Il registro può essere in formato cartaceo o elettronico, ma deve indicare chiaramente tutti gli interventi eseguiti e la persona che li ha effettuati. Il risultato di ogni test dovrebbe essere registrato e disponibile per eventuali controlli o esami futuri. L ispettore deve informare il cliente su tutti gli elementi di non conformità rilevati rispetto alla documentazione di installazione, alle corrispondenti norme, alle prescrizioni di legge, alle carenze nelle prestazioni e alle specifiche del cliente. Questo rapporto dovrebbe contenere anche le raccomandazioni relative ad una serie di interventi appropriati. SB L ultima norma pubblicata finora (01/03/2009) da Comitato Tecnico 205 è la CEI CLC/TR Sistemi Elettronici per la Casa e l Edificio (HBES) Parte 9-2: Prescrizioni di installazione - Ispezione e prove di installazioni HBES. In realtà si tratta di un Rapporto Tecnico (classificazione CEI , fascicolo 9706) che fornisce le prescrizioni che ispettori o responsabili della messa in servizio di sistemi HBES devono seguire per verificare ed approvare installazioni di sistemi HBES al fine di accertarne la qualità e l uso sicuro. Scopo del documento - si dice nell introduzione - è anche quello di assicurare che l installazione del sistema HBES non influisca negativamente sull integrità dei prodotti HBES e che la percezione di sicurezza che il cliente ha di questi sistemi non venga diminuita. 14

15 Guide CEI EDILIZIA RESIDENZIALE Predisposizione Riccardo Minelli delle infrastrutture La Guida del CEI fornisce indicazioni per la predisposizione degli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni La Guida CEI /2, pubblicata nel 2009, si applica all edilizia ad uso residenziale, con riferimento alle nuove costruzioni o alle ristrutturazioni radicali di edifici esistenti; ha lo scopo di fornire le indicazioni principali ed un metodo per progettare un infrastruttura sottotraccia atta ad ospitare impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni, caratterizzata da un elevato livello di adattabilità per garantire una adeguata flessibilità degli impianti, tenendo conto delle mutevoli esigenze tecniche e dell utenza della unità immobiliare. La seconda parte della Guida CEI Guida per la predisposizione delle infrastrutture per gli impianti elettrici, elettronici e per le comunicazioni riguarda le unità immobiliari (appartamenti). La prima parte (CEI / 1), pubblicata nel 2006, è dedicata ai montanti degli edifici. Pianta dell unità abitativa nel progetto di infrastruttura della Guida CEI /2 Gli spazi installativi Nella guida viene introdotto il concetto di spazio installativo (già utilizzato dal CT 205) per ordinare, in modo gerarchico, il progetto dell infrastruttura. La /2 individua tre livelli: un livello denominato SA (livello gerarchico più alto o più centrale), che riguarda l intero ambiente, un livello gerarchico intermedio SZ, che serve le varie zone, un livello gerarchico più basso SU (più periferico o di utilizzo), che comprende i punti terminali dell impianto. Gli spazi indicati con SA, SZ, SU, corrispondono agli spazi IS4, IS5, IS6, definiti dal Comitato Tecnico 205. La tipologia degli spazi installativi in una unità immobiliare può essere suddivisa in livelli funzionali: 15

16 EDILIZIA RESIDENZIALE Predisposizione... SA identifica l insieme degli spazi per i quadri destinati alla distribuzione nell intero ambiente dell Unità Immobiliare: uno o più per i diversi impianti ( energia, allarme furto, telefono ), posti preferibilmente in un locale tecnico o eventualmente nello spazio disponibile all ingresso dell UI. In SA arrivano le reti esterne (montante) che distribuiscono tutti i servizi richiesti nell UI. SZ identifica uno o più spazi per le scatole di derivazione e smistamento destinate alla distribuzione in una determinata zona o locale dell UI. SU identifica gli spazi per le scatole destinate ad accogliere i comandi, le prese o gli apparati rilevatori o di segnalazione: una o più in ogni zona o locale, destinate a fornire il singolo servizio richiesto. Tutte le SU di pertinenza della zona o locale, derivano da SZ relativo alla stessa zona o locale. Gli spazi installativi sono collegati tra loro dalle canalizzazioni. Si mette in evidenza che lo spazio SA può essere destinato a svolgere anche la funzione SZ. Tipologia degli spazi installativi livello ambiente / unità immobiliare acronimo CT 64 SA I contenuti della Guida CEI /2 Capitolo 6 - Linee guida per il progetto dell infrastruttura Generalità - Servizi fruibili nell UI (unità abitativa) - Tipi di impianto - Elenco degli impianti - Topologia dei cablaggi degli impianti EEC - Vincoli posti dalla struttura edilizia - Vincoli impiantistici - Vincoli impiantistici tra impianti EEC e altri impianti - Vincoli impiantistici tra i vari impianti EEC - Ulteriori vincoli e/o indicazioni - Vincoli di proprietà. Capitolo 7 - Progettazione infrastrutture dell unità abitativa Generalità - Criteri per la progettazione delle infrastrutture della unità abitativa - Individuazione dei servizi e dei relativi impianti - Posizionamento degli spazi installativi SA, SZ e SU - Considerazioni specifiche per il tracciato delle canalizzazioni per i diversi impianti - Ottimizzazione dell infrastruttura per tutti i servizi previsti Capitolo 8 - Esempio di progettazione di una infrastruttura Considerazione introduttive - Individuazione dei servizi - Individuazione degli impianti - Posizionamento dei punti SU di utilizzo e comando - Generalità - Posizionamento dei punti SU per Impianti di distribuzione dei segnali TV, audio, telefonia, dati e (video)citofono - Posizionamento dei unti SU per Impianto distribuzione energia elettrica (potenza, illuminazione, movimentazione, ecc.) - Posizionamento dei punti SU per impianti allarme intrusione/furto e allarmi tecnici - Posizionamento degli spazi SZ con relativa suddivisione in zone o locali - Posizionamento dei punti SA di Interfaccia verso l esterno dell UI - Schema dell Infrastruttura per Energia (illuminazione, movimentazione e prese) - Considerazioni finali e adattabilità per possibili applicazioni future acronimo CT 205 IS4 zona / locale SZ IS5 utilizzo SU IS6 funzione distribuzione verso SZ distribuzione verso SU prelievo comando Quanto descritto in modo schematico evidenzia tutta una serie di concetti che sono già patrimonio comune nella pratica progettuale delle infrastrutture per impianti EEC, ma tali concetti sono, in generale, applicati senza una descrizione razionale delle varie fasi logiche. In pratica infatti, specialmente negli edifici a più piani, con più unità immobiliari, è usuale che venga predisposto nei pressi dell ingresso dell UI uno spazio infrastrutturale destinato ad accogliere gli impianti provenienti dall esterno per smistarli verso le varie zone dell UI. Nelle varie zone dell unità immobiliare sono disposti spazi infrastrutturali necessari per distribuire gli impianti verso i punti terminali di comando e attuazione. SB 16

17 Documenti ELECTRONIC SYSTEMS a cura della Redazione Le norme Per l automazione della casa e degli edifici Tutte le norme europee EN pubblicate dal Comitato Tecnico 205 Sistemi bus per gli edifici del CEI. Si tratta della serie di norme sui Sistemi elettronici per la casa e l edificio (Home and Building electronic Systems- HBES), suddivise i nove parti: 1 Struttura della Norma 2 Panoramica del sistema 3 Aspetti dell Applicazione 4 Livelli indipendenti dal mezzo 5 Mezzi di trasmissione e livelli dipendenti dai mezzi stessi 6 Interfacce 7 Gestione del Sistema 8 Valutazione della Conformità dei prodotti 9 Requisiti dell Installazione. Oltre a una breve descrizione dei contenuti, riportiamo anche classificazione enumero di fascicolo CEI, l anno di pubblicazione. Della Parte 6 - Interfacce, non è stato pubblicato ancora alcun documento, riportiamo in un riquadro le norme allo studio. Parte 1 Struttura della Norma EN Struttura della Norma La norma EN non è mai stata pubblicata. Si tratta di una prefazione a tutta la serie di norme: contiene le definizioni di sistema di controllo della casa e dell edificio, delle classi di tale sistema e l elenco delle parti della norma stessa. E perennemente allo stato di bozza. Parte 2 Panoramica del sistema EN Architettura classificazione CEI: 83-2 fascicolo: 4355 R anno: Edizione: prima Descrive l architettura del sistema ed il modello di riferimento OSI (Open System Interconnection) distinto in 7 livelli: 7) Applicazione, 6) Presentazione, 5) Sessione, 4) Trasporto, 3) Rete, 2) Collegamento dati, 1) Fisico. I sistemi HBES non utilizzano i livelli Presentazione e Sessione. L Open System Interconnection è uno standard stabilito nel 1978 dall ISO (International Organization for Standardization) per le reti di calcolatori (modello ISO/OSI). EN Requisiti tecnici generali classificazione CEI: 83-5 fascicolo: 4474 C anno: Edizione: prima La EN è la parte della normativa che, assieme alla EN Requisiti per l installazione della coppia ritorta (doppino) di Classe 1, maggiormente interessa il progettista e l installatore di sistemi bus. Stabilisce i criteri generali di sicurezza e compatibilità elettromagnetica del sistema e dei dispositivi. Chiarisce i concetti base per l installazione dando indicazioni sulle separazioni nelle canalizzazioni, nelle scatole e nei centralini tra il cablaggio dei dispositivi bus ed il cablaggio di altri impianti presenti nell edificio. La norma, inoltre, indica i metodi di prova per la compatibilità elettromagnetica. 17

18 ELECTRONIC SYSTEMS Le norme EN /A1 Requisiti tecnici generali classificazione CEI: 83-5/V1 fascicolo: 7269 anno: Edizione: - Questa variante porta la tensione di prova della rigidità dielettrica di un cavo HBES da 2500 a 2000 volt. EN /A2 Requisiti tecnici generali classificazione CEI: 83-5/V2 fascicolo: 9563 anno: Edizione: - La variante aggiorna i riferimenti EMC (compatibilità elettromagnetica), modifica l art. 7 includendo riferimenti alle norme relative alle telecomunicazioni su linee di energia e modifica il paragrafo 5.3 sostituendo le prescrizioni relative alla sicurezza funzionale con il riferimento alla EN EN Requisiti generali di sicurezza funzionale per prodotti destinati ad un sistema HBES classificazione CEI: fascicolo: 8111 anno: Edizione: prima Le prescrizioni di sicurezza funzionale fornite da questa norma si basano sull analisi dei rischi della EN e si applicano anche alle funzioni di qualsiasi apparecchiatura collegata ad un sistema HBES, quando non esistano norme di sicurezza funzionale specifiche per tale apparecchiatura. E rivolta soprattutto ai Comitati Tecnici che sviluppano o modificano norme relative ai prodotti e ai sistemi HBES. Parte 3 Aspetti dell Applicazione EN Introduzione alla struttura applicativa classificazione CEI: 83-3 fascicolo: 3275 anno: Edizione: prima La norma (solo quattro pagine) fa riferimento alla struttura generale definita dalla EN (modello ISO/OSI) e fornisce una panoramica del processo applicativo suddiviso in processo utente e livello applicazione. EN Processo utente per HBES di classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 7407 anno: Edizione: seconda Definisce le strutture dati e le funzioni del processo utente, ossia di quella parte del processo applicativo dell apparecchiatura che appartiene all ambiente reale, indicando come devono essere formati i dati ricavati appunto dall ambiente reale (ad es. misure di grandezze fisiche) e come devono essere descritte le funzioni dei dispositivi di ingresso/uscita. La prima edizione della norma è stata pubblicata nel Parte 4 Livelli indipendenti dal mezzo EN Livello Applicazione per HBES di Classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 8167 E anno: Edizione: prima Specifica le funzioni e il protocollo del livello applicazione, sia per quanto riguarda la comunicazione tra dispositivi sia per la gestione del sistema. EN Livello di trasporto, livello di rete e parti generali del livello di collegamento dati per HBES di classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 7924 E anno: Edizione: prima Il livello di rete ha la funzione di instradare le informazioni per mezzo di routers (instradatori) che collegano due o più tratti di rete. Il livello di trasporto assicura che i dati in arrivo siano privi di errori, posti nella sequenza che ha significato per il livello applicazione e organizzati in modo indipendente dal percorso fatto sulla rete. Il livello di collegamento dati assicura che la comunicazione avvenga senza errori (disturbi o collisioni tra messaggi sulla rete bus). 18

19 EN Comunicazione basata sul protocollo IP (EN :2006) classificazione CEI: fascicolo: 9316 E anno: Edizione: prima La norma definisce le prescrizioni obbligatorie ed opzionali relative alla comunicazione basata su protocollo IP per prodotti e sistemi HBES. Il TC 205 Cenelec, Home and Building Electronic Systems (HBES), in collaborazione con il TC CEN 247, Building Automation, Controls and Building Management, - e con la partecipazione del suo partner KNX - ha preparato il documento in modo da far riferimento alla Norma Europea EN , preparata dal TC 247 CEN, anche come Norma del TC 205 Cenelec ed estendere il campo di applicazione ai Sistemi Elettronici per la casa e l edificio (HBES). Parte 5 Mezzi di trasmissione e livelli dipendenti dai mezzi stessi EN Trasmissione di segnali su rete elettrica a bassa tensione per HBES di classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 7741 E anno: Edizione: prima La norma fornisce prescrizioni obbligatorie e facoltative per i livelli fisico e collegamento dati specifici per mezzo di comunicazione di classe 1, su linee di alimentazione a 230 V, nelle due varianti PL 110 (onde convogliate a 110 khz) e PL 132 (132 khz). Il livello fisico ha la funzione di fornire i dati, al livello di linea, come sequenza di bit priva di tutte le influenze dovute al mezzo di collegamento (rumore, attenuazione, ecc.) e di trasmettere al mezzo, come segnale elettrico, i dati ricevuti dal livello di linea. EN Reti basate su HBES di Classe 1, coppia ritorta classificazione CEI: fascicolo: 8016 E anno: Edizione: prima La norma fornisce prescrizioni obbligatorie e facoltative per i livelli fisico e collegamento dati specifici per mezzo di comunicazione di classe 1, su coppia ritorta (doppino intrecciato) nelle due varianti TP0 e TP1. Definisce il livello fisico, il livello di connessione dati (detto anche di linea) e le topologie della rete. Del livello fisico definisce tensione, corrente, velocità di trasmissione, forma d onda e distorsione ammessa per i bit che costituiscono il segnale elettrico che percorre il supporto della trasmissione (TP0 etp1). Ricordiamo che esistono due tipi di coppia ritorta che corrispondono alle seguenti caratteristiche: TP0 per trasmissione in modalità NRZ (non ritorno a zero) a 4800 baud in banda base, ampiezza segnale V: TP1 per trasmissione in modalità bilanciata a 9600 baud in banda base, ampiezza segnale V. EN Radio frequenza classificazione CEI: fascicolo: 8735 E anno: Edizione: prima La norma fornisce prescrizioni obbligatorie e facoltative per prodotti e sistemi HBES che utilizzano come mezzo di comunicazione la radio frequenza. Il documento ha lo scopo di specificare i requisiti minimi del livello fisico e di connessione dati per il mezzo Onde Radio (868,300 MHz) dei sistemi HBES. I dispositivi a onde radio sono esclusivamente dedicati ad applicazioni interne alla proprietà e sono di tipo a corto raggio (SRD) in conformità alla CEPT / ERC / Recommendation E. Parte 7 Gestione del Sistema EN Procedure di Gestione classificazione CEI: fascicolo: 7925 E anno: Edizione: prima Definisce gli aspetti gestionali del sistema HBES come avvio, prova, monitoraggio e disa- 19

20 ELECTRONIC SYSTEMS Le norme bilitazione di uno o più dispositivi. Ogni livello (applicazione, trasporto, rete, linea, fisico) del dispositivo HBES deve essere dotato di una apposita interfaccia con la sezione di gestione realizzata all interno del dispositivo stesso. Permette le seguenti tipiche attività: attivazione, manutenzione, disabilitazione, inizializzazione, modifica dei parametri, registrazione dello stato, rivelazione degli errori, riconfigurazione e riavvio di ogni dispositivo collegato al sistema HBES. Per le procedure di gestione, i requisiti specificano: la sequenza di messaggi che devono essere scambiati tra client e server; il contenuto e l interpretazione dei dati trasportati; le azioni da intraprendere sulla base di tali dati; le modalità di trattamento degli errori e delle eccezioni. EN Parte 6 - Interfacce... lavori in corso EN Interfaccia universale Descrive l interfaccia universale (UI) che ha lo scopo di rendere i protocolli di rete (livello 3) indipendenti dai protocolli applicativi (livello 7) caratteristici di ogni famiglia di prodotti. Sostanzialmente è un punto di accesso esterno al livello di rete, completo di connettore, predisposto per apparecchi utilizzanti un proprio protocollo applicativo specifico e caratterizzante la famiglia di prodotti cui il dispositivo appartiene. EN Interfaccia di processo e interfaccia semplice Descrive l Interfaccia Semplice (SI) posta allo stesso livello della UI e capace di comunicare al dispositivo BUS segnali di tipo On/ Off provenienti ad esempio da apparecchi tradizionali con uscita a contatto di relè o altro. La PI, Interfaccia di Processo, descrive il formato dei dati di qualsiasi tipo che il livello Applicazione scambia con il mondo esterno (Processo). EN Interfaccia con il mezzo per coppia ritorta Classe 1 Descrive l Interfaccia con il mezzo (MI) cioè la connessione meccanica, funzionale ed elettrica che collega il dispositivo BUS al supporto di trasmissione. E stata pubblicata nel 1996 come rapporto tecnico R per le differenze esistenti tra i connettori dei sistemi BatiBUS, EIB e EHS. Sarà pubblicata come norme EN tenendo conto della Tecnologia KNX (Konnex). EN Modello di Residential Gateway per HBES Definisce le interfacce tra la rete di un sistema HBES e le reti di telecomunicazione. Parte 8 - Valutazione della conformità dei prodotti EN Valutazione della Conformità dei prodotti classificazione CEI: fascicolo: 5977 anno: Edizione: prima Specifica i requisiti per le verifiche generiche di conformità dei protocolli di comunicazione e le Norme da utilizzare per le verifiche di conformità dei prodotti e sistemi HBES comprese le caratteristiche di sicurezza elettrica, funzionale e compatibilità elettromagnetica. Per ogni caratteristica da verificare viene indicata la norma applicabile. Parte 9 Prescrizioni di installazione EN Installazione della coppia ritorta (doppino) di Classe 1 classificazione CEI: fascicolo: 7989 anno: Edizione: prima Definisce le regole d installazione (configurazione del sistema, sicurezza, compatibilità della posa con linee d energia adiacenti, ecc.). Assicura l armonizzazione dei requisiti meccanici, architettonici ed elettrici con altri comitati tecnici. Classifica i sistemi HBES secondo diversi livelli di prestazione nelle relative applicazioni. Definisce un unica soluzione di cablaggio. Era stata pubblicata nel 1997 come Rapporto Tecnico R EN Ispezione e prove di installazioni HBES classificazione CEI: fascicolo: 9706 E anno: Edizione: prima Il documento fornisce le prescrizioni che ispettori o responsabili della messa in servizio di sistemi HBES devono seguire per verificare ed approvare installazioni di sistemi HBES al fine di accertarne la qualità e l uso sicuro. SB 20

Un linguaggio comune per la domotica

Un linguaggio comune per la domotica Un linguaggio comune per la domotica La trasmissione e la corretta comprensione dʼinformazioni e comandi è indispensabile per il funzionamento ottimale degli impianti domotici Sono ormai di larga diffusione

Dettagli

l evoluzione della casa Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX

l evoluzione della casa Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX MART Lo Standard KNX Introduzione allo standard Mondiale Home & Building Konnex. Aspetti normativi. Elementi base del sistema KNX 1 Obiettivo: la Semplificazione... Per controllare tutte le apparecchiature

Dettagli

DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08. Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia

DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08. Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia DOMOTICA Obblighi e adempimenti nel contesto del DM 37/08 Elettromondo - Rimini - 11 aprile 2015 Ing. Luciano Gaia Le figure coinvolte nella progettazione degli edifici Committente Coordinatore Responsabile

Dettagli

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO Integrazione degli impianti elettrici utilizzatori e predisposizione di impianti ausiliari, telefonici e di trasmissioni dati negli edifici ad uso residenziale e terziario Il quadro delle Norme e delle

Dettagli

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica

SERIE 90 EIB. Apparecchi per la domotica Apparecchi per la domotica 179 IL SISTEMA BUS KNX/ E LA SUA ARCHITETTURA I sistemi BUS costituiscono una moderna tecnologia per la realizzazione degli impianti negli edifici residenziali, in quelli dedicati

Dettagli

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme)

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme) 8092 CEI-UNEL 36760 46 9 Cavi, cordoni e fili per tele a bassa frequenza, isolati con PVC, con guaina LSOH Cavi per impianti interni Cavi a coppie non propaganti l incendio ed a ridotta emissione di gas

Dettagli

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica. Ing. Alessandro Pisano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.it Cagliari, 25 settembre 2009 Impianti domotici Una opportuna interconnessione

Dettagli

HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX

HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX HOME & BUILDING AUTOMATION LO STANDARD KONNEX Roma 01/07/2010 Ing. Salvatore Gargano Cell 3277383610 s.gargano@spaziodomotica.it Agenda L impianto tradizionale e l impianto a bus Prodotti proprietari e

Dettagli

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme)

S028 Impianti tecnologici per edifici (cablaggio, impianti TV, automazione, allarme) 8092 CEI-UNEL 36760 46 9 Cavi, cordoni e fili per telecomunicazioni a bassa frequenza, isolati con PVC, con guaina LSOH Cavi per impianti interni Cavi a coppie non propaganti l incendio ed a ridotta emissione

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione base Pagina 1 di 11 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche

CAPITOLATO. Sistema di automazione domestica. Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso. Divisione My Home Progettazione Applicazioni Domotiche CAPITOLATO Sistema di automazione domestica Appartamento tipo 90 m 2 - dotazione lusso Pagina 1 di 17 25/09/06 Introduzione Divisione My Home Da alcuni anni si sta assistendo ad una radicale trasformazione

Dettagli

I sistemi BUS 7.8.1. DALI

I sistemi BUS 7.8.1. DALI 7.8.1. DALI Il sistema DALI (Digital Addressable Lighting Interface) è un nuovo standard di interfaccia digitale per sistemi elettronici di gestione dell illuminazione d interni creato dai principali produttori

Dettagli

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Protocolli EIBA - KNX Domotica ed edifici intelligenti Università di Urbino 1 - Generalità

Dettagli

Domotica, Building Automation e Risparmio energetico

Domotica, Building Automation e Risparmio energetico Domotica, Building Automation e Risparmio energetico Prof. Ing. Fabrizio Pilo Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari Domotica e Building Automation Di cosa si tratta

Dettagli

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798

Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 10 798 GW 12 798 GW 14 798 Ricevitore RF 8 canali EIB - da incasso GW 0 798 GW 798 GW 4 798 3 8 A 3 4 5 4 0 5 9 6 7 6 Pulsante di test canali EIB 3 4 5 6 LED multifunzione LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione

Dettagli

1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX

1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX 1 - Che cosa è un impianto BUS 2 - KNX standard mondiale per l automazione dei fabbricati 3 - Applicazioni e vantaggi di un impianto KNX Pag. 2 1 NUOVI REQUISITI PER GLI EDIFICI Oggi nella realizzare di

Dettagli

Caratteristiche generali e tecnologia

Caratteristiche generali e tecnologia Caratteristiche generali e tecnologia Indice Descrizione Campi di applicazione... / Struttura del sistema e posa dei cavi... / Tipologia dei dispositivi... / Modalità di trasferimento delle informazioni

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

CHE COS'È LA DOMOTICA

CHE COS'È LA DOMOTICA CHE COS'È LA DOMOTICA La domotica è quella disciplina che si occupa dello studio delle tecnologie volte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli edifici. Ma non solo. La domotica

Dettagli

IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI Relatore: dott. ing. Oscar Trevisan (membro CEI Confartigianato Imprese) NUOVE TECNOLOGIE IMPIANTISTICHE Home e Building automation Spesso, tale

Dettagli

LA DOMOTICA. Paolo Lucchini. 20 Marzo 2012 Associazione Industriali di Udine 1

LA DOMOTICA. Paolo Lucchini. 20 Marzo 2012 Associazione Industriali di Udine 1 LA DOMOTICA Paolo Lucchini 20 Marzo 2012 Associazione Industriali di Udine 1 Significato di Domotica Definizione La domotica è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte

Dettagli

BUILDING-AUTOMATION: NUOVE FRONTIERE DELL IMPIANTISTICA INTEGRATA.

BUILDING-AUTOMATION: NUOVE FRONTIERE DELL IMPIANTISTICA INTEGRATA. BUILDING-AUTOMATION: NUOVE FRONTIERE DELL IMPIANTISTICA INTEGRATA. La tradizionale progettazione degli impianti tecnologici, fino a poco tempo fa, prevedeva più cablaggi, ognuno riferito ad ogni singola

Dettagli

Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione

Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione Protocolli e standard di comunicazione per la domotica e la gestione dell illuminazione Ing. Susanna Spinsante Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università Politecnica delle Marche Ancona, 21

Dettagli

02 IL SISTEMA BUS KNX. Fondamenti e modalità di configurazione

02 IL SISTEMA BUS KNX. Fondamenti e modalità di configurazione 02 IL SISTEMA BUS KNX Fondamenti e modalità di configurazione OBIETTIVI DEL MODULO Al termine del corso conoscerete: le caratteristiche della tecnologia a bus la storia dell associazione Konnex (KNX) che

Dettagli

Norme e Guide Tecniche

Norme e Guide Tecniche Norme e Guide Tecniche IMPIANTI DI COMUNICAZIONE Le installazioni, nel rispetto della legge C ome realizzare le installazioni a Regola d Arte, nel rispetto della Normativa vigente? L articolo passa in

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici

Evoluzione dei sistemi informatici Evoluzione dei sistemi informatici Cos è una rete? Insieme di calcolatori autonomi tra loro collegati mediante una rete di comunicazione Gli utenti sono in grado di interagire in modo esplicito con la

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Schneider Electric, soluzioni per il mondo residenziale

Schneider Electric, soluzioni per il mondo residenziale Schneider Electric, soluzioni per il mondo residenziale Il Mercato residenziale: investimenti 2 Il Mercato residenziale: nuovi permessi 3 Una società globale Nord America 27% 28,000 Europa 44% 48,000 Resto

Dettagli

Diffusione sonora. Caratteristiche tecniche - CARATTERISTICHE TECNICHE

Diffusione sonora. Caratteristiche tecniche - CARATTERISTICHE TECNICHE Diffusione sonora Caratteristiche tecniche CAATTEISTICHE TECNICHE Generalità Il sistema di diffusione sonora Byme consente di realizzare impianti in grado di diffondere, con alta qualità del segnale (qualità

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

LE RETI DI COMUNICAZIONE

LE RETI DI COMUNICAZIONE LE RETI DI COMUNICAZIONE (Prima parte) Settembre 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi i microfilm e le copie fotostatiche

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Introduzione alla tecnologia. LonWorks

Introduzione alla tecnologia. LonWorks Introduzione alla tecnologia LonWorks La tecnologia LonWorks viene sviluppata da Echelon a partire dal 1990 Echelon é quotata in borsa dal 1998 (asdaq:elo) > 4000 OEM nel mondo > 30 mio di nodi installati

Dettagli

l evoluzione della casa

l evoluzione della casa MART Domotica ed Efficienza Energetica: la EN 15232 I consumi Nazionali. I pianti internazionali. La EN 15232. Metodi di calcolo. Risultati Ottenibili con i sistemi HBES 1 I consumi... Energia impiegata

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

WORKSHOP DI DOMOTICA UN PROGETTO ESEMPLIFICATIVO

WORKSHOP DI DOMOTICA UN PROGETTO ESEMPLIFICATIVO WORKSHOP DI DOMOTICA Centro Congressi Sant'Elisabetta PARMA, 1-2 dicembre 2008 UN PROGETTO ESEMPLIFICATIVO Ing. Rolando Riboldi ANPID DIFFERENZE CASA - EDIFICIO COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE HOME AUTOMATION

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

Gestione della termoregolazione in un impianto domotico KNX. Save 2012 - Veronafiere 24-25 ottobre

Gestione della termoregolazione in un impianto domotico KNX. Save 2012 - Veronafiere 24-25 ottobre Gestione della termoregolazione in un impianto domotico KNX Save 2012 - Veronafiere 24-25 ottobre PROGRAMMA Il sistema KNX Descrizione dei dispositivi utilizzati Impianti di termoregolazione gestiti Modalità

Dettagli

CHI SIAMO ATENA è una Società che sviluppa, produce e commercializza prodotti e sistemi per: Home & Building Automation

CHI SIAMO ATENA è una Società che sviluppa, produce e commercializza prodotti e sistemi per: Home & Building Automation CHI SIAMO ATENA è una Società che sviluppa, produce e commercializza prodotti e sistemi per: Home & Building Automation Atena appartiene al gruppo Effegi Elettronica, azienda all avanguardia nella progettazione

Dettagli

DOMOTICA E INTELLIGENZA NELLE CASE. Vittorio Cecconi Palermo 8 giugno 2012

DOMOTICA E INTELLIGENZA NELLE CASE. Vittorio Cecconi Palermo 8 giugno 2012 DOMOTICA E INTELLIGENZA NELLE CASE Vittorio Cecconi Palermo 8 giugno 2012 1 Domotica (domotics in inglese, domotique in francese) è un neologismo, ottenuto per contrazione di domotronica parola composta

Dettagli

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)?

Nonostante queste caratteristiche comuni, le reti possono essere suddivise in due categorie:? Peer to peer (pari a pari)? INTRODUZIONE Una rete LAN (Local Area Network) è costituita da numerosi computer e periferiche connessi tramite un sistema di cablaggio entro un area limitata, quale il reparto di un azienda o l interno

Dettagli

Edizione italiana. R Prese TV. e TV satellite. BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia G 2597 UNI EN ISO 9001

Edizione italiana. R Prese TV. e TV satellite. BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia G 2597 UNI EN ISO 9001 Edizione italiana BTicino spa Via Messina, 38 20154 Milano - Italia R Prese e satellite UNI EN ISO 9001 G 2597 Prese e satellite L evoluzione della tecnologia e delle tecniche installative Con l avvento

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Un sistema di controllo accessi ha

Un sistema di controllo accessi ha Norme tecniche per il controllo accessi Il percorso della sicurezza n Produzione e distribuzione n Applicazione n Associazioni n Eventi n Normativa I sistemi per il riconoscimento della persona, il controllo

Dettagli

Sistemi Domotici Parte 4 Situazione Normativa

Sistemi Domotici Parte 4 Situazione Normativa Perito Ind. Marco Dal Prà Sistemi Domotici Parte 4 Situazione Normativa SEMINARIO TECNICO Collegio dei Periti Industriali di Venezia Novembre 2005 1 Building Automation nel mondo 2 Building Automation

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Corso di aggiornamento Sulla domotica

Corso di aggiornamento Sulla domotica Corso di aggiornamento Sulla domotica 3) Attuatori e panoramica sui sistemi commerciali marcello.ferri@tiscalinet.it GLI ARGOMENTI DI OGGI Commenti sulla lezione precedente Panoramica sugli Attuatori e

Dettagli

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1

KEYSTONE. OM8 - EPI 2 Modulo interfaccia AS-i Manuale di istruzione. www.pentair.com/valves. Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 KEYSTONE Indice 1 Modulo Opzionale OM8: Interfaccia AS-i 1 2 Installazione 1 3 Dettagli sulla comunicazione 1 5 Descrizione del modulo interfaccia AS-i OM8 2 5 Protocollo interfaccia AS-i 3 6 Interfaccia

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

Guida alla progettazione: Esempio di progetto degli impianti elettrici in un centro estetico

Guida alla progettazione: Esempio di progetto degli impianti elettrici in un centro estetico Guida alla progettazione: Esempio di progetto degli impianti elettrici in un centro estetico (prima parte) Pubblicato il: 18/12/2006 Aggiornato al: 18/12/2006 di Gianluigi Saveri Gianfranco Ceresini Questa

Dettagli

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio:

Caratteristiche della Home Automation Le tecnologie per la domotica permettono inoltre di ottenere alcuni vantaggi quali ad esempio: La domotica è la disciplina che si occupa dell integrazione delle tecnologie che consentono di automatizzare una serie di operazioni all interno della casa. Si occupa dell integrazione dei dispositivi

Dettagli

Soluzioni per l automazione dell edificio e della casa. Convegno CEI

Soluzioni per l automazione dell edificio e della casa. Convegno CEI Soluzioni per l automazione dell edificio e della casa Bus EIB Sistema Bus Konnex EIB SERIE 90 EIB - LE PRINCIPALI FUNZIONI Termoregolazione Controllo costante luminosità Attivazioni via telecomando Attivazioni

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali

POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettrica Dipartimento di Elettrotecnica ANALISI E VALUTAZIONE TECNICA/ECONOMICA DI TRE

Dettagli

Interfaccia EIB - centrali antifurto

Interfaccia EIB - centrali antifurto Interfaccia EIB - centrali antifurto GW 20 476 A 1 2 3 1 2 3 4 5 Terminali bus LED di programmazione indirizzo fisico Tasto di programmazione indirizzo fisico Cavo di alimentazione linea seriale Connettore

Dettagli

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori

Reti di calcolatori. Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti. Reti di calcolatori Reti di calcolatori Permettono la condivisione di risorse (hardware e software) e la comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing,

Dettagli

Istituto Professionale Giovanni Giorgi Lucca a.s. 2012/13. Sistemi automatici per la casa My Home Ticino

Istituto Professionale Giovanni Giorgi Lucca a.s. 2012/13. Sistemi automatici per la casa My Home Ticino Istituto Professionale Giovanni Giorgi Lucca a.s. 2012/13 1 Sistemi automatici per la casa My Home Ticino L adozione di un sistema automatico per la gestione dei servizi nella casa comporta la volontà

Dettagli

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1

ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 ARCHITETTURA TRADIZIONALE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO AUTOMATICO/1 Ogni sensore/attuatore è collegato direttamente al PLC Cablaggi relativamente semplici da eseguire Difficoltà a espandere l impianto Informazioni

Dettagli

12 - INTRODUZIONE ALLA BUILDING AUTOMATION

12 - INTRODUZIONE ALLA BUILDING AUTOMATION 12 - INTRODUZIONE LA BUILDING AUTOMATION Sommario Dalla Home alla Building Automation La configurazione in S-Mode L architettura e la topologia La gamma Master Chorus: supervisione ed integrazione 2 Obiettivi

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

DOMOTICA Fonte:Manuale illustrato per la domo8ca ad uso sociale.tecniche nuove

DOMOTICA Fonte:Manuale illustrato per la domo8ca ad uso sociale.tecniche nuove La Domo'ca è la disciplina che studia e consente la ges'one semplice, sicura, organica e sostenibile degli impian' e dei disposi'vi presen' nelle case, migliorando la qualità della vita dei suoi abitan'.

Dettagli

ABB Group November 23, 2010 Slide 1

ABB Group November 23, 2010 Slide 1 Simone Zoani ABB, IX Giornata Ricerca Anie, 19/11/2010 Aumentare l efficienza energetica negli edifici con la Home & Building Automation Il caso della Regione Molise November 23, 2010 Slide 1 Ridurre gli

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

Impianti Tecnologici. Premessa. Cablaggi Strutturati. Videosorveglianza. Networking. Allestimenti Locali Tecnici

Impianti Tecnologici. Premessa. Cablaggi Strutturati. Videosorveglianza. Networking. Allestimenti Locali Tecnici Impianti Tecnologici Premessa Cablaggi Strutturati Videosorveglianza Networking Allestimenti Locali Tecnici 30 Premessa All interno della Project Milano è nata nel 2005 una divisione per promuovere sul

Dettagli

CONVEGNO ANCE PROGETTARE GLI EDIFICI MIGLIORANDO LE PERFORMANCE IN TERMINI DI COMFORT, SICUREZZA ED EFFICIENZA ENERGETICA MILANO NOVEMBRE 2011

CONVEGNO ANCE PROGETTARE GLI EDIFICI MIGLIORANDO LE PERFORMANCE IN TERMINI DI COMFORT, SICUREZZA ED EFFICIENZA ENERGETICA MILANO NOVEMBRE 2011 CONVEGNO ANCE PROGETTARE GLI EDIFICI MIGLIORANDO LE PERFORMANCE IN TERMINI DI COMFORT, SICUREZZA ED EFFICIENZA ENERGETICA MILANO NOVEMBRE 2011 UK F R A N C E I T A L Y S P A I N U A E Introduzione Indice

Dettagli

Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica

Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica Strategie per il risparmio energetico negli edifici produttivi e terziari esistenti: Il ruolo della progettazione integrata tecnico/economica Soluzioni impiantistiche orientate all efficienza energetica

Dettagli

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella

Reti, Protocolli e Indirizzi. DIMENSIONE della RETE. Arpanet e Internetworking. Topologia a Stella Premessa breve Reti, Protocolli e Indirizzi Lo sviluppo delle telecomunicazioni ha avuto due fattori determinanti : L esistenza di una rete esistente (quella telefonica) La disponibilita di HW e SW adeguati

Dettagli

Introduzione. Questo marchio identifica un dispositivo DALI compatibile.

Introduzione. Questo marchio identifica un dispositivo DALI compatibile. IL PROTOCOLLO DALI Introduzione DALI è acronimo di "Digital Addressable Lighting Interface". E' di fatto un protocollo standard internazionale (emendamento della Norma IEC60929 E4) per il controllo del

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

DOMOTICA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Massimo Perotto

DOMOTICA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE. Massimo Perotto DOMOTICA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE Massimo Perotto INDICE ARGOMENTI 1. Domotica: concetti base 2. Domotica e risparmio energetico: guida CEI 205-18 Introduzione Termoregolazione Illuminazione Schermature

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA

01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA 01 - INTRODUZIONE ALLA DOMOTICA L impianto elettrico: da tradizionale a domotico L insegnamento della domotica KNX Sommario L impianto tradizionale L impianto domotico Il cavo bus Comandi ed attuatori

Dettagli

the digital connection company Domotica e Building Automation

the digital connection company Domotica e Building Automation Soluzioni e Vantaggi del Bus di controllo Gestione intelligente illuminazione, condizionamento, riscaldamento e apparecchi elettrici Costi contenuti per - uso minore dei cavi di collegamento - risparmio

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

DOMOTICA: da opportunità avveniristica a SOLUZIONE RAZIONALE

DOMOTICA: da opportunità avveniristica a SOLUZIONE RAZIONALE DOMOTICA: da opportunità avveniristica a SOLUZIONE RAZIONALE Premessa Negli ultimi anni le modalità di costruzione degli edifici hanno subito una notevole evoluzione grazie all utilizzo di nuove tecnologie

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

ABB i-bus EIB Tutto sotto controllo. Sicuramente.

ABB i-bus EIB Tutto sotto controllo. Sicuramente. ABB i-bus EIB Tutto sotto controllo. Sicuramente. Il sistema ABB i-bus EIB rappresenta una nuova filosofia impiantistica ed è la scelta più semplice e intelligente per le soluzioni di building automation

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

GUIDA ALL IMPIANTO HOME AUTOMATION

GUIDA ALL IMPIANTO HOME AUTOMATION HOME AUTOMATION GUIDA ALL IMPIANTO HOME AUTOMATION Guida rapida Regole per l installazione del sistema Byme Introduzione Nella presente guida sono raccolte dieci regole fondamentali per la realizzazione

Dettagli

Rete cablata, senza fili e mista. Velocità di trasmissione dati. Rete cablata - wired. Rete cablata - wired

Rete cablata, senza fili e mista. Velocità di trasmissione dati. Rete cablata - wired. Rete cablata - wired Rete cablata, senza fili e mista Velocità di trasmissione dati Viene espressa in bps (bit per secondo); il bit è un unità molto piccola e per comodità vengono usate le migliaia di bit, Kbit, o i milioni

Dettagli

Home and Building Automation: La gestione dell edificio per l ottimizzazione delle prestazioni energetiche. Massimo Valerii Presidente KNX Italia

Home and Building Automation: La gestione dell edificio per l ottimizzazione delle prestazioni energetiche. Massimo Valerii Presidente KNX Italia Home and Building Automation: La gestione dell edificio per l ottimizzazione delle prestazioni energetiche Massimo Valerii Presidente KNX Italia Padova / Villa Ottoboni - 26 febbraio 2015 Cosa è KNX? Cosa

Dettagli

Guida rapida. Collegamento indipendente nella rete GAMMA instabus EIB/KNX (LOGO! e modulo EIB/KNX) www.siemens.com

Guida rapida. Collegamento indipendente nella rete GAMMA instabus EIB/KNX (LOGO! e modulo EIB/KNX) www.siemens.com Guida rapida Collegamento indipendente nella rete GAMMA instabus EIB/KNX (LOGO! e modulo EIB/KNX) www.siemens.com s Campi d impiego... 3 Collegamento dei moduli LOGO! - KNX... 10 Conclusioni... 21 Descrizione

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Introduzione alla supervisione di un sistema domotico con KonneXion

Introduzione alla supervisione di un sistema domotico con KonneXion Introduzione alla supervisione di un sistema domotico con KonneXion Un sistema di automazione d impianto (domotica) consente oggi di gestire in modo flessibile ed evoluto tutte le funzioni del Sistema

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

Scheda IEEE 1394. Versione 1.0

Scheda IEEE 1394. Versione 1.0 Scheda IEEE 1394 Versione 1.0 Indice 1.0 Che cosa è l IEEE1394.P. 2 2.0 Caratteristiche del 1394..P.2 3.0 Requisiti del sistema PC..P.2 4.0 Informazioni tecniche..p.3 5.0 Installazione dell hardware...p.3

Dettagli

Building Automation. Inquinamento e risparmio energetico

Building Automation. Inquinamento e risparmio energetico Building Automation Il concetto edificio intelligente o meglio conosciuto come Building Automation, identifica quelle costruzioni progettate e costruite in modo da consentire la gestione integrata e computerizzata

Dettagli

Concento. Chiamata infermiera e sistema di comunicazione. Concento. Descrizione del sistema. Descrizione del sistema

Concento. Chiamata infermiera e sistema di comunicazione. Concento. Descrizione del sistema. Descrizione del sistema Concento Chiamata infermiera e sistema di comunicazione Tunstall Italia s.r.l. 0 1 V07 Generale Concento è un sistema di chiamata infermiera e di comunicazione che può essere utilizzato in strutture quali

Dettagli

PXG80-W. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta modem

PXG80-W. Siemens Building Technologies Building Automation. DESIGO PX Controllore Web. con porta modem 9 232 DESIGO PX Controllore Web con porta modem PXG80-W Per remotizzare le operazioni e la visualizzazione di uno o più DESIGO PX tramite un Internet browser standard.? Operazioni e visualizzazione delle

Dettagli