N. 3 - Anno I - Nov.\Dic 2010 Reg. Trib. Roma n.214/2010. Umberto VeroneSI: tutti noi abbiamo il dovere di credere nel futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "N. 3 - Anno I - Nov.\Dic 2010 Reg. Trib. Roma n.214/2010. Umberto VeroneSI: tutti noi abbiamo il dovere di credere nel futuro"

Transcript

1 N. 3 - Anno I - Nov.\Dic 2010 Reg. Trib. Roma n.214/2010 Umberto VeroneSI: tutti noi abbiamo il dovere di credere nel futuro 8 Forum Internazionale della Salute Roma - Palazzo dei Congressi - 14/17 Giugno 2011

2

3 EDITORIALE Il 5 per mille vuol dire lotta ai tumori Roberto Scenna Biagioli Foto: Nanni Fontana Editore Roma Media Group Direttore Responsabile Roberto Scenna Biagioli Direttore Editoriale Vittore Giordano Redazione Katia Carlini - Francesco Randazzo Giuliano Valeri Relazioni Esterne e Pubblicità Antonella Giarnese - Carmen Marini Hanno collaborato Dott.ssa S. Bernardo - Dott. F. Candeloro Dott.ssa T. Carlini - Dott.ssa M. Lucia Prof. G. Rocchi - Dott.ssa F. Taglia Dott. C. Verdozzi Direzione e Redazione Via C. Rasponi Roma Tel Fax Pubblicità Roma Media Group Via dell Acqua Donzella Roma Tel / Progetto e impaginazione Palli Comunicazione srl - Roma Tipografia TIPOGRAFICA ARTIGIANA srl Via dell Acqua Donzella Roma Distributore COOP. TRANSPORT SERVICE a r.l. Via dei Castani Roma tel. 06/ fax 06/ Numero 3 -Nov\Dic Reg.Trib.di Roma n. 214/2010 del 23/05/2010 questi giorni la decisione del Governo del taglio del 5 E di per mille: il Ddl di stabilità prevede lo stanziamento di 100 milioni di euro per il 2011, contro i 400 dell'anno precedente. Una decisione grave anche se, dopo l'ondata di proteste che ha attraversato l'italia del bene, è stata in parte ridimensionata dal ministro Tremonti il quale ha annunciato un possibile reintegro successivo. L allarme è alto perché, come ha affermato l'oncologo, senatore e presidente designato della futura Agenzia per la sicurezza del Nucleare, Umberto Veronesi che pochi giorni fa ha presentato uno studio dell'istituto europeo di oncologia (Ieo) sulla Tac spirale a basso dosaggio, usata come strumento di diagnosi precoce dei tumori del polmone: non possiamo condannare una quantità enorme di volontari, che sono il meglio del Paese, associazioni che fanno del bene e aiutano bambini, handicappati, poveri e persone in difficoltà facendo risparmiare lo Stato". Abbiamo ritenuto necessario prendere anche noi una posizione e quindi dedicare la nostra copertina e uno spazio al professor Umberto Veronesi, il cui nome è legato a grandi contributi scientifici e culturali riconosciuti ed apprezzati in tutto il mondo. Per vent anni è stato Direttore dell Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano che ha portato a livelli di eccellenza, ha poi realizzato il suo spirito europeistico creando l Istituto Europeo di Oncologia, struttura d avanguardia nel panorama mondiale. Presidente dell Unione Internazionale contro il Cancro fino al 1982, dell Organizzazione Europea per la Ricerca e la Terapia del Cancro (EORTC) dal 1985 al 1988 e Presidente del Comitato degli Esperti Oncologi della Commissione Europea, della Federation of European Cancer Societies (FECS) dal 1991 al Nel 1994 è stato nominato Presidente del "Committee of Cancer Expert" of Commission of European Communities nell ambito della quale si è fatto promotore dell unico programma mai realizzato di lotta ai tumori Europa contro il cancro. Nel 2003 è nata la Fondazione Umberto Veronesi con l obiettivo di promuovere il progresso scientifico, risorsa insostituibile della vita sociale, etica e civile di ogni uomo. Ne sono promotori scienziati e ricercatori (tra i quali ben 5 premi Nobel che ne costituiscono il Comitato d Onore) il cui operato è riconosciuto a livello internazionale. Ci piace citare la frase del professor Veronesi che campeggia nel sito della Fondazione: La fiducia nella possibilità di migliorare il mondo attraverso l uso della ragione e della scienza ha guidato la mia vita di medico e ricercatore ed è all origine di questa Fondazione. SalutePiù on line w w w. s a l u t e p i u. i t Le collaborazioni giornalistiche alla rivista sono da considerarsi ad esclusivo titolo gratuito, salvo accordi particolari con i singoli autori. Tutti i materiali giunti in redazione non verranno restituiti. E' vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati da SalutePiù. Nov.\Dic

4 Salutepiù è distribuito gratuitamente a Roma in: farmacie, studi medici, centri diagnostici, Asl, case di cura e ospedali, Università: La Sapienza, Tor vergata, Roma Tre - Facoltà di Medicina Istituzioni: Ministero della Salute, Regione, Provincia, Comune L INTERVISTA Ritrovare il piacere di sorridere Intervista al dott. Paolo Colangelo Roberto Scenna Biagioli 4 PREVENZIONE 6 Allergotest: con un prelievo di sangue scopri l allergia Dott. Guido Cimatti - Dott. Gianni Cimatti RONCOLOGIA Il RUSSARE è una vera e propria malattia Non è solo disagio nella coppia, non è solo stanchezza diurna e scarso rendimento nel lavoro, non è solo tanto rumore, ma Prof. Giovannino Rocchi 8 PSICOTERAPIA 11 Dipendenza da Internet Un male che cattura come una rete un numero sempre più grande di adolescenti e giovani adulti Katia Carlini SPORT&SALUTE Pianeta donne: come allenarsi a diventare mamme Una maternità responsabile. Quali sport consigliati e quali no! Da dove partire Francesco Randazzo 15

5 OMEOPATIA I rimedi omeopatici Provengono dai tre regni della natura: vegetale, animale e minerale. Tra essi i rimedi di origine vegetale rappresentano più del 70% del totale Dott. Francesco Candeloro 18 ANTROPOLOGIA CULTURALE Storia della medicina 4 a puntata LA MEDICINA DEI ROMANI Giuliano Valeri COMUNICAZIONE&SALUTE La salute all epoca della crisi In Università Cattolica denunce e proposte su un nuovo welfare MALATTIE GENETICHE La sindrome di down Dott.ssa Silvia Bernardo Genoma, a che punto siamo arrivati? Dott.ssa Fabiana Taglia LA CURA DEI NOSTRI ANIMALI Toxoplasmosi e gravidanza: nove mesi di prudenza Dott.ssa Marcella Lucia DIAGNOSTICA Analisi posturale Studio, ricerca e terapia degli squilibri del sistema tonico posturale Dott. Carlo Verdozzi La diagnostica come prevenzione Dott. Francesco De Bella

6 L INTERVISTA Intervista al dott. Paolo Colangelo Ritrovare il piacere di sorridere di Roberto Scenna Biagioli Attrici, attori e mondo dello spettacolo da sempre hanno fatto invidia soprattutto per "sfoggiare" una dentatura smagliante e perfetta. Oggi tutti, o quasi, possono utilizzare una terapia riabilitativa per mezzo dell'implantologia. Dott. Colangelo cos è oggi l'implantologia? L'implantologia orale è l'insieme delle tecniche chirurgiche che si occupano di sostituire denti mancanti con altrettanti radici artificiali ancorate nell'osso, quindi ripristinare la funzionalità in pazienti che sono affetti da un parziale o totale edentulismo. Ciò avviene mediante l'uso d impianti dentali consistenti in FIXTURES (viti) generalmente realizzati in TITANIO inseriti chirurgicamente nell'osso mascellare o mandibolare. Questi impianti servono da sostegno per connettere protesi mobili o fisse in modo da ripristinare la corretta funzione masticatoria. Chi può affrontare l'implantologia? Praticamente tutti, o quasi. Ovviamente dopo aver valutato le condizioni generali di salute del paziente, le quantità e la qualità dell'osso. Ci possono essere delle controindicazioni che si dividono in assolute e relative. Tra le assolute ricordiamo patologie neoplastiche del cavo orale o situazioni di pregresse e gravi patologie sistemiche. Tra le controindicazioni relative con particolare riferimento per pazienti che presentano osteoporosi o che sono in cura con i bifosforati, farmaci questi somministrati forse con estrema disinvoltura. Ovviamente con pazienti diabetici dovrà essere riposta particolare attenzione all'igiene per il mantenimento degli impianti. Per quanto riguarda il supporto osseo necessario per poter posizionare in maniera corretta gli impianti, oggi sono previste diverse procedure chirurgiche che ci permettono di modificare quantità ed anche qualità dell'osso perimplantare. Nov.\Dic. Anno I - n

7 L INTERVISTA Esistono impianti migliori? Gli impianti di oggi in commercio sono tutti certificati CE e sono generalmente costruiti in Titanio o leghe dello stesso. Quello che può cambiare è la superficie dell'impianto. Superfici che vengono trattate irruvidendo la superficie con tecniche di addizione o sottrazione per ottenere la migliore e più rapida osteointegrazione. Quali sono le ultime novità in campo implantare? Sicuramente la possibilità di modificare la quantità dell'osso che è una delle problematiche che maggiormente si presentano nella pratica clinica. Gli interventi che da anni con il rialzo del seno mascellare e le tecniche di aumento del volume dell osso crestale sono le procedure che maggiormente hanno ampliato la possibilità di inserire impianti in pazienti con gravi atrofie della mandibola e del mascellare superiore. Anche le procedure diagnostiche sono migliorate garantendoci attraverso l'uso di TAC mirate (DENTA SCAN - MAXI SCAN, ricostruzioni tridimensionali dei mascellari e il conseguente confezionamento di modellini dell'osso interessato) di pianificare e di guidare in maniera corretta e sicura gli interventi implantologici. L'implantologia in una seduta è possibile? Impianto in zona incisivo centrale superiore destra con innesto di particolato osseo. Linea del sorriso impianto in zona incisivo centrale superiore destra Impianto in zona incisivo centrale superiore sinistra Corona protesica cementata sull impianto in zona superiore sinistra Per utilizzare l'implantologia a " CARICO IMMEDIATO" è tassativo che il paziente disponga di una qualità di osso ottimale, una pianificazione prechirurgica mediante TAC e guida chirurgica molto accurata. Ciò significa che non sempre e non a tutti tale tecnica è praticabile. L'implantologia è solo estetica? No, ritrovare il piacere di sorridere oggi è possibile grazie all'implatologia, senz'altro un importante elemento estetico, ma c'è da tener conto della fondamentale funzione masticatoria, ricordando che la prima digestione avviene in bocca e che quindi è importante avere una quantità di elementi naturali o implantari per assolvere tale funzione. Ricostruzione ad arco pieno mediante impianti dell'arcata superiore Protesi in situ dell'arcata superiore Dott. Paolo Colangelo Medico Chirurgo Specialista in odontostomatologia OVERDENTURE SU IMPIANTI Studio privato Via Bertoloni, Roma - tel Nov.\Dic Anno I - n. 0

8 PREVENZIONE Allergotest: con un prelievo di sangue scopri l allergia Grazie a un semplice esame del sangue è ora possibile diagnosticare un'allergia (antibiotici, anestetici, FANS, mezzi di contrasto, alimenti, veleno degli insetti, polveri, muffe, pollini ) senza esporre il paziente a procedure potenzialmente pericolose. Recentemente presentato alla European Academy of Allergology and Clinical Immunology (EAACI), il Test di Attivazione dei Basofili (BAT) rileva l espressione di particolari molecole di superficie marcatori immunologici di attivazione (CD63/CD203c/CRTH2, CCR3, CD13) su tali cellule, coinvolte nella flogosi allergica in tutte le sue manifestazioni, compreso lo shock anafilattico. In alcuni studi, che hanno valutato pazienti con reazioni immediate ad antibiotici beta-lattamici, tale test ha dimostrato di possedere una specificità superiore al 90% e una sensibilità di circa il 50%. I basofili sono lo 0,5-1% di tutti i globuli bianchi del sangue; sulla superficie di queste cellule ci sono milioni di IgE (gli anticorpi che reagiscono agli allergeni, le sostanze cui si è allergici). L'unione dell'allergene con le IgE produce uno stimolo che determina l'attivazione del basofilo e la liberazione di istamina e altre sostanze. Durante questo processo sulla superficie del basofilo compaiono delle molecole, che indicano l'attivazione della cellula; il BAT consente di evidenziarle. Il paziente deve semplicemente sottoporsi a un prelievo: il sangue verrà poi messo a contatto con l allergene "sospettato" di provocare un' allergia, che sarà rivelata dalla attivazione dei basofili. Mentre nelle classiche allergie, come quelle ai pollini, il nuovo test si può affiancare a metodi già disponibili (prove cutanee e RAST: esame sul siero del paziente per individuare la presenza di IgE specifiche verso un allergene), nelle reazioni avverse a farmaci potrebbe rivelarsi molto prezioso. Le reazioni allergiche di tipo immediato possono essere particolarmente pericolose: includono varie manifestazioni cliniche come shock anafilattico, orticaria, angioedema, rinite e asma bronchiale e sono causate principalmente da antibiotici beta-lattamici (penicilline, cefalosporine ecc.), miorilassanti e mezzi di contrasto. Per la maggior parte dei farmaci la presenza di un'allergia può essere dimostrata con certezza solo ricorrendo ad un test in vivo di "provocazione orale" che prevede l'assunzione, sotto controllo medico, di una dose infinitesimale del medicinale in questione, con possibili rischi per il paziente. Tale iniziativa mette in risalto, ancora una volta, il crescente interesse di Analisi Cliniche Cimatti, sia nell innovazione scientifica sia nell ampliamento delle indagini diagnostiche offerte. Infatti, soprattutto in campo allergologico, dove il paziente viene sottoposto a test in vivo, quali cutireazioni e test di esposizione controllata, si è reputato necessario migliorare l algoritmo diagnostico con la messa a punto del test di attivazione dei basofili con metodica citofluorimetrica che, essendo realizzato in vitro, non comporta alcun rischio per il paziente. Dott. guido CIMaTTI Patologo clinico Direttore Tecnico analisi Cliniche Cimatti Viale Angelico Roma tel web: Dott. gianni CIMaTTI Medico Chirurgo 6 Nov.\Dic. Anno I - n

9 PULIFARMA SOC.COOP. OUTSOURCED CLEANING SERVICES Specialisti nella pulizia e sanificazione di farmacie e strutture sanitarie PALLICOMUNICAZIONE - roma PULIFARMA SOC.COOP. OUTSOURCED CLEANING SERVICES PULIFARMA soc. coop. via Anagnina Roma tel fax La PULIFARMA è specializzata nei servizi di pulizia per farmacie, studi medici, ospedali e cliniche private. Si avvale di personale altamente qualificato, formato con l'obiettivo di migliorare le specifiche competenze e ottimizzare il lavoro. La nostra azienda garantisce la sterilizzazione e igienizzazione di servizi igienici, sale operatorie, reparti, camere, pronto soccorsi. Le attrezzature e i prodotti utilizzati sono specifici per la sanificazione. I servizi di pulizia, infatti, sono effettuati con prodotti disinfettanti e igienizzanti, segnalati con il marchio Presidio Medico Chirurgico. La garanzia dell igiene per la salute dei degenti e di chi ci lavora

10 Il RUSSARE è una vera e propria malattia Non è solo disagio nella coppia, non è solo stanchezza diurna e scarso rendimento nel lavoro, non è solo tanto rumore, ma Prof. Giovannino Rocchi (*) Il russare, da sempre considerato un fenomeno buffo e in molti casi addirittura insopportabile, in realtà è la spia di un problema di salute. E talmente importante che esiste una scienza che si occupa di tale argomento: la roncologia (da roncòs = russare e logos = scienza). La malattia che prende in esame la roncologia è la roncopatia (da roncòs = russare e pàtheia = malattia). Gli studi effettuati ci indicano che il rumore emesso dal soggetto russatore avviene per un restringimento delle prime vie aeree. Quali sono le cause? Fondamentalmente sono 4: 1) respirazione nasale più o meno insufficiente 2) arretramento della mandibola (fig.1) 3) ingrossamento (ipertrofia) dell ugola e del palato molle (quella porzione di palato da cui pende l ugola)(fig. 2) 4) aumento di peso (fig.3) I primi tre motivi causano un restringimento della gola perché la lingua, un muscolo collegato alla mandibola, viene spostato indietro; nel quarto, invece, il grasso si dispone tutt attorno alla circonferenza del collo espandendosi sia verso l esterno (ed è semplicemente un problema di camicia ) che verso l interno, causando anche qui un restringimento della gola (spazio orofaringeo). Ma spieghiamolo ancora meglio: durante il sonno, la muscolatura si rilassa e la lingua si rilassa anch essa arre- Nov.\Dic. Anno I - n

11 RONCOLOGIA Fig. 1 Fig.2 Fig. 3 trando verso la gola. Questo è fisiologico e accade a tutti. Ma se siamo in presenza di quei fattori elencati prima, che già hanno ridotto lo spazio della gola, il passaggio di aria diviene molto difficoltoso: il flusso diventa disordinato e turbolento ed induce la vibrazione del palato e dell ugola con produzione del rumore caratteristico. Un ulteriore approfondimento del sonno fa cadere ancora più indietro la lingua, fino alla completa occlusione delle vie aeree e conseguente apnea ostruttiva (totale mancanza di passaggio dell aria), che può ripetersi anche varie centinaia di volte per notte. La conseguenza più immediata è che, in mancanza di un regolare flusso d aria, anche la quantità di ossigeno in circolo scarseggi sempre di più. L abbondante letteratura internazionale sull argomento evidenzia che le apnee inducono, tra l altro, ipertensione, diabete e arteriosclerosi, che sono i classici ingredienti per ictus ed infarto. Proprio per queste due gravi patologie vi è un tremendo fattore di rischio collegato alla roncopatia: è una malattia evolutiva e autoaggravante. Sul concetto di evoluzione e aggravamento è necessario fare un ulteriore precisazione: nelle fasi iniziali della patologia possiamo anche essere in presenza del solo rumore. Questa situazione, però, evolve velocemente e le apnee fanno rapidamente la loro comparsa se non viene effettuata la corretta diagnosi e non si interviene con la terapia più idonea. L esame fondamentale è la polisonnografia: permette di classificare la gravità della roncopatia, se si è in una fase iniziale e pertanto in presenza di un russamento semplice, oppure in una fase più avanzata con presenza di apnee. Tale esame conteggia il numero di queste apnee e la loro durata, registra, inoltre, numerosi altri parametri quali i livelli di ossigenazione, l elettrocardiogramma continuo, la posizione mantenuta nel letto durante la notte, i flussi aerei ecc. Un momento importante è la visita iniziale, nella quale verrà approfondita la storia clinica, valutata la situazione anatomica orofaringea e prescritti, se necessario, ulteriori esami di laboratorio e/o delle radiografie. Effettuata la diagnosi si può scegliere la terapia più adatta, ritagliata a misura per quel caso tra le molte opzioni disponibili: avanzamento della mandibola con degli apparecchi orali da utilizzare durante la notte (fig.4a e 4b), o correzioni mediante chirurgia o ventilatori automatici notturni (CPAP)(fig.5). Nella nostra filosofia cerchiamo di prediligere le opzioni meno aggressive, riservando le chirurgiche o la CPAP nei Figura 5 casi senza alternative. Cosa dobbiamo fare per affrontare correttamente il problema? Figura 4a Figura 4b Prof. giovannino RoCChI (*) Medico Chirurgo Specialista in Anestesiologia e Rianimazione Specialista in Odontostomatologia e Protesi Dentaria Professore a contratto nel Corso di Laurea in Odontoiatria, Università degli Studi di Siena Direttore Scientifico dell Istituto Italiano di Roncologia I.I.R. Istituto Italiano di Roncologia Via tagliamento, Roma - tel fax Nov.\Dic Anno I - n. 0 9

12

13 PSICOTERAPIA Dipendenza da Internet Un male che cattura come una rete un numero sempre più grande di adolescenti e giovani adulti Da sempre lo sviluppo è stato motivo di controversie e contraddizioni. Se da un lato le evoluzioni tipiche delle nuove scoperte migliorano la qualità della vita degli uomini dall altro un cattivo uso delle stesse è causa di notevoli danni per chi ne usufruisce in malo modo. Non fanno eccezioni le scoperte tecnologiche e in modo particolare l utilizzo di internet, che ha prodotto in modo dilagante una nuova forma di dipendenza meglio conosciuta come Internet Addiction Disorder (IAD). La dipendenza da internet è legata alla difficoltà nel controllo degli impulsi e a gestire stati emotivi dolorosi. A essere erroneo non è di per sé il comportamento ma la compulsione e l ossessione nell attivarlo e la difficoltà o impossibilità a cessarlo. I soggetti affetti dalla dipendenza on line infatti dedicano un tempo prolungato all utilizzo di internet che può arrivare anche fino a ore a settimana. Il comportamento non è scevro da conseguenze. Di fatto, oltre a notevoli vissuti di colpa per aver perso tanto tempo al computer, il soggetto dipendente trascura il lavoro, gli affetti familiari, le relazioni sociali, lo studio e il proprio benessere psicofisico in genere. I sintomi della IAD Secondo Goldberg è necessario che siano presenti i seguenti sintomi per poter fare una chiara diagnosi di IAD: 1. bisogno di trascorrere un tempo sempre maggiore in rete per ottenere soddisfazione; 2. marcata riduzione di interesse per altre attività che non siano Internet; 3. sviluppo, dopo la sospensione o diminuzione dell uso della rete, di agitazione psicomotoria, ansia, depressione, pensieri ossessivi su cosa accade on-line, classici sintomi astinenziali; 4. necessità di accedere alla rete sempre più frequentemente o per periodi più prolungati rispetto all intenzione iniziale; 5. impossibilità di interrompere o tenere sotto controllo l uso di Internet; 6. dispendio di grande quantità di tempo in attività correlate alla rete; Nov.\Dic Anno I - n. 0 11

14 PSICOTERAPIA 7. continuare a utilizzare Internet nonostante la consapevolezza di problemi fisici, sociali, lavorativi o psicologici recati dalla rete. Eziologia e cura Il fragile individuo che si fa inghiottire dalla macchina tecnologica sembra infatti avere la necessità di crearsi una seconda pelle o una realtà diversa, maggiormente appagante, seppur in modo illusorio, al fine di rendere più tollerabile un mondo frustrante in cui i bisogni e i desideri non trovano mai un immediata realizzazione. Tale feticismo nei confronti della rete sembra essere maggiormente frequente nei soggetti che presentano già dei disturbi psichici (depressione, disturbo ossessivo-compulsivo, gioco d azzardo patologico, ecc); che stanno vivendo o hanno subito degli eventi di vita sfavorevoli. È facile intuire come di fronte a un male sempre più dilagante, i professionisti della salute mentale si siano dedicati allo studio di nuove terapie per curare la Internet dipendenza. Così, oltre alla terapia cognitivo comportamentale, alla tradizionale gruppo di supporto dei 12 passi, in altri paesi è utilizzata anche la psicoterapia on line. Tale pratica, ancora vietata in Italia, potrebbe essere un valido modo di catturare i navigatori dipendenti per poi aiutarli a uscire dalla rete. Katia Carlini Psicologa e Psicoterapeuta L Internet Addiction Disorder (IAD) si manifesta con un ampia varietà di comportamenti che secondo Kimberly Young possono essere ricondotti a cinque tipi specifici di dipendenza: 1. Dipendenza cibersessuale (o dal sesso virtuale): gli individui che ne soffrono sono di solito dediti allo scaricamento, all'utilizzo e al commercio di materiale pornografico online, o sono coinvolti in chat-room per soli adulti. La dipendenza cibersessuale si accompagna, spesso, a masturbazione compulsiva; 2. Dipendenza ciber-relazionale (o dalle relazioni virtuali): gli individui che ne sono affetti diventano troppo coinvolti in relazioni online o possono intraprendere un adulterio virtuale. Gli amici online diventano rapidamente più importanti per l'individuo, spesso a scapito dei rapporti nella realtà con la famiglia e gli amici reali. In molti casi questo conduce all'instabilità coniugale o della famiglia. 3. Net Gaming: la dipendenza dai giochi in rete comprende una vasta categoria di comportamenti, compreso il gioco d'azzardo patologico, i videogame, lo shopping compulsivo e il commercio online compulsivo. In particolare, gli individui utilizzeranno i casinò virtuali, i giochi interattivi, i siti delle case d'asta o le scommesse su Internet, soltanto per perdere importi eccessivi di denaro, arrivando perfino ad interrompere altri doveri relativi all'impiego o rapporti significativi. 4. Sovraccarico cognitivo: la ricchezza dei dati disponibili sul World Wide Web ha creato un nuovo tipo di comportamento compulsivo per quanto riguarda la navigazione e l'utilizzo dei database sul Web. Gli individui trascorreranno sempre maggiori quantità di tempo nella ricerca e nell'organizzazione di dati dal Web. A questo comportamento sono tipicamente associate le tendenze compulsive-ossessive ed una riduzione del rendimento lavorativo. 5. Gioco al computer: si tratta di giocare ossessivamente con il pc sia utilizzando giochi inseriti nel software o acquistati sia trascorrendo la maggior parte del giorno a giocare con l'interazione di più giocatori che si incontrano in rete. 12 Nov.\Dic. Anno I - n

15 RUBRICA Nov.\Dic Anno I - n. 0

16 RUBRICA 14 Nov.\Dic. Anno I - n

17 SPORT&SALUTE Pianeta donne: come allenarsi a diventare mamme Una maternità responsabile. Quali sport consigliati e quali no! Da dove partire La maternità rappresenta l esperienza più piena e più profonda di ogni donna. È quell'evento eccezionale che consente a ciascuno di ascoltare veramente il proprio corpo, stabilendo, per la prima e unica volta nella propria vita, un unità psicocorporea. Diventare mamme e restare in forma non è però sempre facile e di solito rappresenta una scommessa che si può vincere o perdere. Una regola fondamentale da osservare, comunque, è quella di usare il buon senso durante tutto il periodo della gravidanza. Quest ultima rappresenta infatti uno stato fisiologico normale per una donna e non una condizione patologica. Così, una donna abituata a fare sport può tranquillamente continuare anche durante la gestazione, seppur in maniera ridotta e tenendo presente alcune norme restrittive in relazione alla propria natura fisica e psichica. Ad esempio, in casi come situazioni precedenti di parto prematuro, stati di sofferenza fetale, condizioni che impongono il riposo a letto, può essere consigliato, oltre ai consueti esercizi respiratori, solo il nuoto. Per quel che riguarda le donne che non hanno una vita molto movimentata ma più sedentaria, durante la gravidanza è consigliabile non intraprendere qualsiasi attività sportiva. Quali sport consigliati e quali no Ovviamente sport come il nuoto, di solito indicato per i ragazzi in età preadolescenziale, giova sensibilmente alle future mamme sia perché si tratta di un attività ae- VITAMINE importanti in gravidanza: VITAMINA B12 per la formazione di globuli rossi ACIDO FOLICO per la formazione di globuli rossi e per la prevenzione dei difetti del tubo neurale (spina bifida) VITAMINA B12 uova, fegato, carni, formaggi ACIDO FOLICO lievito, verdure verdi, cereali integrali, fegato VITAMINA A per la crescita fetale verdura e frutta di colore giallo-arancione e verde scuro, latte, VITAMINA D VITAMINA C burro, fegato, uova, ca rote, broccoli, spinaci per lo scheletro del feto e l'assorbimento del calcio uova, latte e derivati, sardine, olio di fegato di merluzzo, tonno, salmone per aumentare l'assorbimento del ferro pomodori, peperoni, insalate verdi, frutta: agrumi, fragole, kiwi, ribes MINERALI importanti in gravidanza: CALCIO latte, formaggio, verdure, FOSFORO FERRO MAGNESIO verdi, legumi uova, latte, formaggio, cereali integrali, carni, pesci carni, uova, legumi, cereali integrali, verdure verdi. Il ferro che viene assorbito meglio dall'organismo è quello contenuto nelle carni. cereali integrali, verdure verdi ATTENZIONE ALLE FIBRE (alimenti integrali, crusca) rallentano l'assobimento di sali minerali e vitamine. Tabella consigliata solo per le donne in gravidanza Nov.\Dic Anno I - n. 0

18 SPORT&SALUTE robica, sia perché comporta una diminuzione del carico sulla colonna vertebrale che va a ridurre di molto il rischio di ernia al disco, abbastanza frequente tra le donne in gravidanza. Per una corretta attività in linea con una gravidanza sicura e priva di rischi, ogni giovane donna dovrà evitare sport anaerobici, violenti, attività agonistiche in genere, tuffi e immersioni, sport che possano arrecare traumi, sforzi in alta quota e tutte le attività che comportano un prolungato carico sulla punta dei piedi, quali ad esempio il ballo o la danza. Tra gli sport consentiti vi sono sicuramente il ciclismo, il golf, la marcia e la corsa che prevedono uno sforzo prettamente aerobico per i quali però bisogna rispettare alcuni accorgimenti quali ad esempio: non superare mai il 60-65% della frequenza cardiaca massima; non raggiungere uno stato di sfinimento o di fiatone ; evitare esercizi prolungati in ambiente caldo e umido; svolgere l attività lentamente, intervallandola con pause di riposo; non provocare un aumento eccessivo della temperatura corporea; sottoporsi a un prolungato riscaldamento e a un defaticamento progressivo. La pratica dello yoga è particolarmente consigliata poiché fa ottenere ottimi benefici a livello fisico e respiratorio. Da dove partire Un sostegno alla famiglia può derivare da una tecnica molto valida quale la psicologia del benessere, che affiancata a un attività fisica rilassante e a uno stile di vita sano, può traghettare felicemente la donna verso le sponde sicure del concepimento. Un comportamento alimentare scorretto può incidere negativamente sul feto e danneggiarlo, per cui seguire una dieta controllata, che preveda, in primis, la riduzione di bevande alcoliche e di fumo è la soluzione migliore durante i nove mesi di attesa. In conclusione, potremmo dire che una gravidanza ha bisogno di una sana e consapevole propensione all attività fisica e a uno stile di vita sano, requisiti fuori dai quali i rischi di un imprevisto possono aumentare considerevolmente. Francesco Randazzo Esperto di tecniche sportive La Guida australiana per un alimentazione sana del Department of Health and Ageing (Dipartimento per la Salute e la Terza Età) del Governo federale consiglia: La maternità, o comunque lo stato di gravidanza di una donna, qualora non accompagnato da una corretta attenzione alla salute psicofisica, portano a pensare che il momento tanto sognato non corrisponda esattamente alle attese. Spesso molte di queste difficoltà, legate soprattutto alla gestione dell evento, possono essere superate se si offre alle future mamme (e ai papà) un aiuto a partire dal creare un ambiente empatico e di sostegno durante questo difficile percorso della vita. L aumento di peso in gravidanza varia da donna a donna. Prendere kg è normale, e per questo è importante non seguire una dieta dimagrante e non saltare i pasti durante la gravidanza il bambino cresce ogni giorno ed ha bisogno che voi manteniate una dieta bilanciata e sana. Nov.\Dic. Luglio Anno I n

19 Nov.\Dic Anno I - n. 0 17

20 OMEOPATIA I rimedi omeopatici Provengono dai tre regni della natura: vegetale, animale e minerale. Tra essi i rimedi di origine vegetale rappresentano più del 70% del totale Dott. Francesco Candeloro (*) La nomenclatura dei rimedi omeopatici, internazionalmente accettata, è data in latino. Essi sono somministrati a differenti diluizioni, ciascuna delle quali è identificata da specifiche sigle convenzionali. Le più comuni tra queste sono la CH (centesimale hahnnemaniana), la LM (diluizione cinquantamillesimale) e la K (diluizione korsakoviana). Le forme farmaceutiche più frequentemente utilizzate sono i globuli ed i granuli. In entrambi i casi si tratta di sferette di saccarosio, ricoperte di lattosio, impregnate della sostanza in questione (i globuli sono 10 volte più piccoli dei granuli). Altre formulazioni comprendono le gocce, le fiale (che possono essere iniettate oppure assorbite per via perlinguale), le supposte, gli ovuli, le pomate e gli sciroppi: per esse le modalità di preparazione sono identiche a quelle previste dalla farmacopea degli equivalenti allopatici. I prodotti omeopatici si possono acquistare in farmacia anche senza ricetta medica. Essi non sono accompagnati dal foglietto illustrativo perché la loro prescrizione non è fatta sul nome della malattia, ma sulle caratteristiche psicofisiche che differenziano pazienti affetti da una stessa patologia. La terapia, in altre parole, è sempre diretta alla cura del malato e non della sola malattia. L'omeopatia si differenzia dall'erboristeria essenzialmente per tre motivi: l'erboristeria fa uso solo di piante, mentre l'omeopatia fa uso di rimedi che provengono anche dal regno animale e da quello minerale; l'erboristeria utilizza piante non diluite, che pertanto conservano intatto il loro potere tossicologico, a differenza dell'omeopatia che ne sfrutta unicamente il potere terapeutico; in erboristeria il rimedio vegetale si prescrive sempre sul nome della malattia (ad esempio l'aglio per l'ipertensione) e non studiando la personalità del malato, come avviene invece in omeopatia. 18 Nov.\Dic. Anno I - n

21 OMEOPATIA Come curarsi I granuli si presentano confezionati in tubi di circa 4 grammi; vengono assunti in numero di 2/5, utilizzando il cappuccio dei contenitori che consente di collocarli in bocca senza toccarli con le dita. I globuli si presentano invece in tubi-dose che ne contengono circa 200; il loro contenuto va generalmente assunto in un'unica somministrazione. L'assorbimento di entrambi avviene per via perlinguale: pertanto sia i globuli che i granuli vanno posti sotto la lingua e lasciati sciogliere senza masticarli. Al fine di sfruttare al meglio l'azione del prodotto è consigliabile rispettare alcuni semplici accorgimenti: assumere il rimedio lontano dai pasti o da sapori forti (almeno un ora prima o due ore dopo); limitare l'uso di sostanze nervine (tè, caffé, fumo di sigaretta); non toccare i granuli con le mani: il calore od il sudore delle dita, infatti, potrebbe provocare il discioglimento di una loro parte, e ridurre così la quantità di medicamento assunto. Per i bambini che non sono capaci di succhiare i granuli, questi vengono di norma diluiti in acqua. Durante la cura sarebbe preferibile utilizzare il dentifricio omeopatico: alcune sostanze, infatti, contenute nei comuni dentifrici, come salolo o mentolo, possono antidotare l efficacia della cura omeopatica. In presenza del ciclo mestruale è sempre meglio sospendere la terapia omeopatica, salvo diversa indicazione. E' consigliabile, infine, tenere i rimedi lontano da odori forti e fonti di calore, luce intensa ed eccessiva umidità: in tali condizioni la loro efficacia si mantiene anche oltre la data di scadenza indicata. (*) Dott. FRanCeSCo CanDeloRo Dopo la laurea in Medicina e Chirurgia, ed i successivi perfezionamenti in Medicina Generale e Medicina Interna, ha approfondito lo studio dell Omeopatia presso la scuola del prof. A. Negro. Da alcuni anni insegna Omeopatia, più volte ha preso parte a trasmissioni televisive come esperto della materia e, sempre come omeopata, è frequente autore di articoli e conferenze a carattere scientifico-divulgativo. Studio Privato - Montesacro Via di Sacco Pastore 37 ROMA - Tel: Cell: Sito: nuova Medica Flaminia - Corso Francia Via Cassia Nuova 48 ROMA - Telefono: Unilo - Parioli Via Michele Mercati 38 ROMA - Telefono: La dieta Per coloro che seguono una terapia omeopatica non esistono particolari obblighi alimentari. E' bene ricordare, tuttavia, che curarsi con l'omeopatia vuol dire, in qualche modo, cambiare anche il proprio stile di vita, rendendolo più naturale e più sano. Il consiglio più importante da dare, allora, è che la quantità di cibo ingerito sia sempre in funzione del dispendio energetico giornaliero, questo al fine di non incorrere in quegli eccessi di peso, che spesso sono il preludio a patologie ben più serie (ipertensione e diabete, solo per citarne alcune). Ecco allora alcune semplici regole valide per tutti: ripartire l'alimentazione della giornata in più pasti, così da non affaticare la digestione; ridurre al minimo l'ingestione di liquidi durante ciascun pasto; diminuire il consumo delle proteine animali (carni, uova, pesce), che all'occorrenza possono essere validamente sostituite da quelle vegetali (legumi in particolare) aumentare il consumo d'insalate fresche, verdure cucinate al vapore, frutta e succhi di frutta freschi; sostituire i cibi raffinati (zucchero, pane, sale) con i corrispettivi integrali; limitare il consumo di sostanze nervine (tè, caffè, fumo di sigaretta) e alcolici; Le combinazioni alimentari migliori sono: a pranzo carboidrati, vegetali verdi, e latticini freschi in piccola quantità; a cena proteine e vegetali verdi; la frutta è preferibile consumarla lontano dai pasti. A queste semplici regole occorre aggiungere quella, non meno importante, di mangiare lentamente, in altre parole compiere il maggior numero possibile di atti masticatori così da triturare completamente il cibo e renderlo più facilmente aggredibile dai succhi gastrici. F.C Nov.\Dic Anno I - n. 0

22 Anno I - n. 0

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo

peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. peso peso Controlla il e mantieniti sempre attivo 1. Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Il peso corporeo Il nostro peso corporeo rappresenta l'espressione tangibile del bilancio energetico

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.»

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» E di z i o ne //// 1/ 2 0 14 Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno. I sintomi

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli