BALSAMO DI GALAAD INDICE. di Lilian B. Yeomans, Dottore in Medicina. Capitolo 1 pag. 4 Satana ha chiesto di vagliarvi, ma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BALSAMO DI GALAAD INDICE. di Lilian B. Yeomans, Dottore in Medicina. Capitolo 1 pag. 4 Satana ha chiesto di vagliarvi, ma"

Transcript

1 BALSAMO DI GALAAD di Lilian B. Yeomans, Dottore in Medicina INDICE Capitolo 1 pag. 4 Satana ha chiesto di vagliarvi, ma Capitolo 2 pag. 7 Sensazione e guarigione Capitolo 3 pag. 9 Camminare sulle acque Capitolo 4 pag. 12 Felicità e salute Capitolo 5 pag. 14 La vita.che è il sangue Capitolo 6 pag. 16 Sale Capitolo 7 pag. 19 «Egli stesso» Capitolo 8 pag. 22 «Come farò a maledirlo se Dio non l ha maledetto?» Capitolo 9 pag. 25 «Passiamo all altra riva» Capitolo 10 pag. 28 «Enea, Gesù Cristo ti guarisce!» Capitolo 11 pag. 31 Dio chiamò Abraamo quand egli era solo Capitolo 12 pag. 33 «Il nostro pane quotidiano» Capitolo 13 pag. 35 Un miracolo che parla ai nostri tempi Capitolo 14 pag. 38 «Uno spirito di infermità» Capitolo 15 pag. 40 Gesù nella sua città natale Capitolo 16 pag. 42 La voce di Elia evangelo 1

2 PREFAZIONE Tanto tempo fa, sulla collina solitaria, tre croci, le vedo ancor! Tanto tempo fa il Salvatore disse, mentre chinava il Suo capo morente: «Tutto è compiuto»., guarisci le mie ferite, rendimi sano e forte in salute, Tu sei la Medicina che prendo, e veloce la salute mia irrompe: «Tutto è compiuto». Geremia 8:22: «Non c è balsamo in Galaad? Non c è laggiù nessun medico?» Che vi sia invece balsamo in Galaad, e che vi sia un Medico, è chiaramente implicito, perché il profeta continua chiedendo: «Perché dunque la piaga della figlia del mio popolo non è stata medicata?» Nel capitolo 46 di Geremia, il secondo verso, per la stessa profezia, la figlia d Egitto, è esortata a salire a Galaad e prendere il balsamo, e le si assicura che è cosa vana per lei il prendere molti rimedi, giacché mai sarà, in tal modo, curata. In Ezechiele 27:17 troviamo che Giuda commerciava in grano, miele, olio e balsamo. E là è il vangelo: grano-vita; miele-la dolcezza dell amore della Sposa per lo Sposo che viene; olio-la pienezza dello Spirito Santo; e il balsamo-la guarigione.! Che cosa significa Galaad? Fontana Perpetua. Giovanni 4:14: «L acqua che io gli darò, diventerà in lui una fonte d acqua che scaturisce in vita eterna». Quando, messaggeri, entriamo nelle stanze dei malati, dovremmo irradiare da ogni parte del nostro essere, la potenza della parola vivente. A questo fine è necessario studiare in accordo con le istruzioni date in Proverbi 4:20-23: «Figlio mio, sta attento alle mia parole, inclina l orecchio ai miei detti; non si allontanino mai dai tuoi occhi, conservali in fondo al cuore; poiché sono vita per quelli che li trovano, salute per tutto il loro corpo». Cosa chiede, Dio, qui? Per prima cosa, completa attenzione. Quando Dio dice «sta attento» vuol dire «sta attento». Metti ogni altra cosa fuori dalla tua mente. Concentra le tue facoltà sulla Parola di Dio. Secondo, deviala attraverso le orecchie. Apri le tue orecchie ai detti di Dio. E chiudili a qualsiasi altra cosa. Egli chiede l uso esclusivo dei nostri padiglioni uditivi. Egli dice «inclina» il tuo orecchio ai Suoi detti. Non capite? Non dovete capire. Ma dovete inginocchiarvi davanti a Lui e dire, «la tua Parola è verità». Terzo, dovete vedere, così come dovete udire. «Non si allontanino mai dai tuoi occhi». Tieni gli occhi fissi su Gesù. Vi è vita, fisica e spirituale, guardando l Agnello di Dio. Quarto: «conservali». Dove? Nel profondo dell essere tuo. Davide disse (Salmo 119:11): «Ho conservato la tua Parola nel mio cuore per non peccare contro di te». Cosa nascose? La Parola di Dio. E dove? Nel suo cuore. Perché? Per non peccare contro Dio. Quando il peccato corre, anche la malattia corre. Essi vengono assieme ed assieme se ne vanno. Esodo 23:25: «Servirete il Signore, il vostro Dio, ed egli benedirà il tuo pane e la tua acqua; io allontanerò la malattia di mezzo a te». Quinto: il risultato di tutto questo: «Vita e salute per tutto il corpo». Tutto, vuol dire tutto: cervello, occhi, arterie, orecchie, nervi, vene, cuore, polmoni, ghiandole, stomaco, milza, fegato, intestino, reni, muscoli, ossa; in breve, ogni parte di voi. Se incontrerete le condizioni di Dio, «nessuna piaga si accosterà alla tua tenda» (Salmo 91:10); «mille ne cadranno al tuo fianco e diecimila alla tua destra, ma tu non ne sarai colpito» (Salmo 91:7) evangelo 2

3 «La tua tenda» significa il tabernacolo d argilla nel quale soggiorniamo ed allo stesso tempo una certa casa in una data via di una data città dove riceverete la posta. Dio può e vuole preservarci fisicamente e spiritualmente, in ogni condizione di vita. Guardiamo a come si è comportato con grazia col suo antico popolo, gli Israeliti. Gli Egiziani, il più grande impero dell epoca sulla terra, cercarono di distruggere gli Israeliti servendosi della dura schiavitù, «ma quanto più lo opprimevano, tanto più il popolo si moltiplicava e si estendeva» (Esodo 1:12). Quando faraone ordinò la distruzione dei nati maschi degli Ebrei, le donne medico, ostetriche dell epoca, riportarono che l ordine non poteva essere eseguito perché le donne Ebree erano così «vigorose», cioè piene di vitalità e vigore che non avevano necessità di assistenza e potevano prendersi cura di se stesse e anche dei nuovi nati (Esodo 1:19). Quando gli israeliti uscirono dall Egitto, non vi era una persona debole tra le tribù, benché l Egitto fosse stato decimato con la malattia (Salmo 105:37). Iddio mise una «distinzione» fra gli Egiziani ed Israele (Esodo 11:7). Esodo 15:26 «Io non ti infliggerò nessuna delle infermità che ho inflitte agli Egiziani, perché Io sono il Signore, colui che ti guarisce». Perché la distinzione? Perché il sangue dell Agnello del passaggio era stato sparso e Dio aveva detto: Esodo 12:13 «Quando Io vedrò il sangue, passerò oltre, e non vi sarà piaga su di voi per distruggervi, quando colpirò il paese d Egitto». Grazie a Dio che il sangue è ancora nostro, la nostra sicura difesa! Perché leggiamo, Apocalisse 12:11 «Ma essi lo hanno vinto (Satana) per mezzo del sangue dell Agnello e con la parola della loro testimonianza». Mostriamolo alto e mettiamo in fuga le armate nemiche evangelo 3

4 CAPITOLO 1 SATANA HA CHIESTO DI VAGLIARVI, MA Qualche tempo fa, il Signore guidò la mia attenzione su Luca 22:31,32 e disse: «Qui vi è la storia della tua vita. Satana ha chiesto di vagliarti, ma Io ho pregato per te, che la tua fede non fallisse. Ora rafforza i fratelli». Mentre meditavo su queste parole, realizzai che Satana era uno dei primi personaggi coi quali divenni familiare. Non ero che una ragazzina, quando ciò accade. Forse vi starete ponendo questa domanda, ed ansiosamente: «Eri cresciuta fra pagani e gente viziosa e senza Dio?» In nessun modo. La mia gente faceva parte di un affascinante chiesa dalle finestre a vetrate, una meravigliosa torre, ed un coro di artisti. Era gente tenuta in alta stima dalla comunità. Forse erano troppo raffinati per menzionare Satana e mettermi in guardia contro le sue astuzie. Ed il nostro pastore, con le sue maniere squisite ed i suoi profondi toni di voce, era talmente amabile che mai ci si sarebbe nemmeno sognati che potesse avere sentito Satana. Come feci io, bambina, a diventare familiare con un tal indesiderato essere? Mi si presentava e diceva sempre: «Sei una ragazza cattiva ed io ti farò cadere». Ciò era parzialmente vero ed in parte falso. Una bugia che è vera in parte, è la più difficile bugia da combattere. Era vero che fossi una ragazza cattiva. Lo Spirito Santo mi convinse di peccato quando ero davvero piccola. Ma non era vero che Satana mi avrebbe avuta. Tentò molto, come fece con Pietro, ma, grazie a Dio, Colui che pregò per Pietro, pregò anche per me; e la Sua preghiera prevalse. Quando scoppiò la Guerra Civile, mio padre era un chirurgo, e praticava nel Canada. Egli era un buon chirurgo ed aveva risposto all appello di aiuto che aveva ricevuto. I chirurgi sono sempre molto richiesti in tempo di guerra. Rimase come chirurgo nell Esercito degli stati uniti fino alla sua morte, quando mia madre ricevette una pensione dal Governo. Uno dei miei primi ricordi è di essere entrata in un grande hotel a Washington D.C. con mio padre e mia madre e le due piccolissime sorelline. Io ero capace di camminare da sola e guidavo la piccola processione. Mia madre aveva una bambina in braccio e mio padre aveva in braccio l altra. Mentre entravo, appena giunta da una città canadese ove non c era gente di colore, una figura quasi di statura gigantesca, magnificamente acconciata, e con un volto così nero come l ebano, si fece avanti per incontrarmi. Senza alcun dubbio, io ero sicura che si trattasse di Satana in persona. Comprendo adesso che deve essere stato un negro magnificamente proporzionato, ed affascinante oltre misura. Io ero muta di stupore e orrore. A me sembrava il diavolo stesso, che mi veniva incontro. Pietrificata dal terrore in una piccola immagine di marmo, lo vidi avanzare per prendermi in braccio e portarmi via. Allora le cataratte del cielo si spalancarono. Strillai in una maniera tale, come mai forse il gentiluomo d ebano aveva mai visto o sentito fare. Mi mise giù in fretta. Era più impaurito di me, ed io ero quasi in convulsioni. Impiegato all hotel, era abituato a portar dentro i bambini piccoli, ma non aveva mai avuto a che fare con una piccola verde canadese. Quella volta fuggii da colui che credevo Satana, ma il vero Satana non è sempre così facilmente congedato. Crebbi, e frequentai la Scuola Domenicale dove appresi i «Doveri verso il mio prossimo», ad amarlo come me stessa ed a fare agli altri come volevo fosse fatto a me; amare, onorare e soccorrere mio padre e mia madre, onorare ed obbedire alle autorità civili, sottomettere me stessa ai miei governanti, agli insegnanti, ai pastori ed ai capi spirituali; imporre a me stessa di essere umile e evangelo 4

5 riverente, facendo del mio meglio; a non ferire nessuno, sia con fatti che con parole; a non portare malizia né odio nel mio cuore, a trattenere le mia mani dal piluccare e dal rubare, e la mia lingua dal cattivo parlare, dal mentire a dal diffamare; a non desiderare le cose altrui, ma ad apprendere a lavorare veramente, per ottenere il mio pane: ed a svolgere i miei doveri fin quando a Dio piacerebbe chiamarmi. Forse penserete che tutti quei buoni consigli mi abbiano aiutata: ma invece era tutto il contrario, perché Satana diceva, «Sta bene, poiché non hai fatto questa cosa, sarai mia». Quindi le cose peggioravano sempre di più. Un giorno, mentre mia madre mi stava vestendo per la Scuola Domenicale con un abito bianco con tutti i suoi volants, pieghe e morbide guarnizioni pieghettate - avevo le braccia stese in fuori, per paura di sgualcirlo il pensiero pauroso del mio cuore di tenebre celato sotto il mio bianco vestito e di Satana che veniva a prendermi, mi sopraffece talmente che scoppiai in una tempesta di lacrime e gridai: «Sono perduta! Sono perduta!» mia madre fu la prima ad essere terrorizzata a quel tempo non era ancora salvata ma quando realizzò che si trattava solo della mia anima e non del mio corpo che mi stavo lamentando, disse: «Non avrei voluto che lo scoprissi con addosso il tuo vestito migliore». Senza nessuno che mi guidasse, tentai da sola, di mettere al bando il pensiero di Satana e di stare bene per quanto potessi. Scuole, superiore e università passarono, una dietro l altra, e rapidamente. Quando mi laureai in medicina, ero diventata praticamente agnostica. Così dura che odiavo i missionari che frequentavano assieme a me il medesimo college. «Voi siete il sale della terra», e la loro somiglianza all immagine di Cristo mi convinceva di peccato, giacché ero una peccatrice, e ben lo sapevo. Satana allora non mi faceva più tanta paura. E quasi mi faceva credere che un diavolo davvero non esisteva. Era sicuro di avermi. Ma il Signore Gesù Cristo non si era dimenticato di intercedere per me. Benedetto sia il Signore Gesù, in eterno vivente, che intercede per noi. Egli ha dato prova, nel mio caso, di salvarmi al momento estremo. Finii la mia opera al college e all ospedale e me ne venni in Canada per praticare la medicina assieme a mia madre, il dr. Amelia Le Suer Yeomans. Ella era una donna brillante, vice presidente del W.C.T.U. canadese (Woman s Christian Temperance Union) e presidente del Suffrage Club. (Posso sempre avere un pubblico, in Canada, perché la gente pensa che io sia madre e dunque viene agli incontri!) Ho lavorato duramente, nella mia professione, sia nel privato che nella pratica ospedaliera. Il peso della responsabilità era schiacciante, la tensione terribile. Talvolta, quando sembravano maggiori di quel che io potessi sopportare, ricorrevo ai narcotici. Un tremendo giorno mi accorsi del fatto che ero ormai schiava della morfina. Quanto mi dibattei nel tentativo di aver liberazione! Ma Satana, il mio nemico antico, mi rinfacciò: «Non c è speranza. Nessuno può essere liberato negli ultimi stadi, e lì tu sei. Mia schiava per sempre. Ti ho in pugno. Tu sei mia! Ti ho!». Grazie a Dio, da parte di padre, vengo da una lunga stirpe di antichi Puritani! Essi erano gente che, senza alcuna esitazione, credevano ad ogni parola della Bibbia. Sapevano che vi è un diavolo vivo, e vero. Vidi nella vecchia Bibbia di famiglia, l elenco dei miei progenitori: uno di loro si chiamava «Sii-Gioioso Yeomans». L ho (oppure, la ho) sempre invidiato! Chiunque fosse, per quel nome! Avevo avuto un nonno Yeomans, il quale era un predicatore e viveva più in cielo che sulla terra. Nessun dubbio che avesse reclamato la sua discendenza per Dio, ed anche per me, dunque, in essa evangelo 5

6 Siatene più che certi: Dio risponde alle preghiere! In un attimo di profonda disperazione, mi ritrovai a pensare che se non vi fosse stata per me, nella Bibbia, allora non avrei mai avuto speranza alcuna, ed in nessun altro posto. Ed allora mi rinchiusi con quel libro, l unico libro, come lo chiamava Sir Walter Scott! E lì vi scoprii il Dio vivente, che tanto stava pregando per me, sebbene io non lo sapessi ancora! Ero talmente ammalata, così debole, e quasi demente, che non potevo pregare, ed allora Gli dissi in un soffio: «Signore Gesù, sono ora al di là della facoltà del pregare. Prega tu per me». Egli lo fece. Mi fece conoscere che, in Lui, ero accettata, e pregò in me una preghiera che io mai avrei potuto dire, tanto pienamente identificò Se stesso con me, in ogni mio spaventoso fallimento. Eccola: Atti 2:27 «Tu non lascerai l anima mia nel soggiorno dei morti, e non permetterai che il tuo Santo subisca la decomposizione» (Nuova Riveduta) Sia ringraziato Iddio per un tal Salvatore, disceso nell orrenda profondità dell abisso nel quale giacevo in tumulto, a prendermi, a portarmi fuori nella potenza della Sua resurrezione! evangelo 6

7 CAPITOLO 2 SENSAZIONE E GUARIGIONE Prima che fossi salvata, Dio con molta grazia mi inviò molti dei Suoi fedeli messaggeri, che mi parlarono della mia spaventosa condizione e del mio inevitabile destino se fossi rimasta lì. Una volta, un venerabile uomo di Dio, uno straniero, mi si rivolse per le strade di New York e mi disse, senza cerimonie, che mi stava parlando perché aveva compreso la mia necessità di salvezza. Ed io tenevo la testa alta, come tutti gli altri, in strada. Quell uomo aveva ragione. Quanto era il mio cuore affamato di Dio, del Dio vivente! Poi vi fu un vecchio soldato dell Esercito della Salvezza che mi lavava la biancheria e mi dava buone, rigide esortazioni, più rigide dei colletti che mi preparava. E poi ci fu Sara. Non la dimenticherò mai! La incontrai in un ospizio; e lei cantava, sempre: «Su Cristo, la solida Roccia, io sto». E cantava, mentre lavorava. Sia che stesse lavando, spazzando, o pelando patate, o sfregando, nulla aveva importanza. Lei non lasciava mai la solida Roccia. Ero impressionata, ed interessata. Realizzavo che quelle buone persone possedevano qualcosa di cui io mancavo e che avevo grande necessità di possedere. Notai, comunque, che alcuni pure non sembravano essere sempre certi della loro salvezza e pensai: «Così non sarei soddisfatta. Io devo avere qualcosa che non dipenda dalle mie sensazioni, perché lo so, le sensazioni variano a seconda delle circostanze». Un giorno mi vennero sotto gli occhi alcuni scritti ultimi di F.B. Meyer, Inglese, nei quali egli dava testimonianza della salvezza. Diceva: «Anche se il mondo intero mi stesse contro, io son salvato, e direi: Resta dove sei, da quel lato, perché da questo ci sono io, ed io son salvato. Niente mi può far dubitare della Parola di Dio». E dissi a me stessa: «Ecco, questa è la specie di salvezza che voglio!» Cominciai a cercarla, e la trovai nella Bibbia. Seppi che ero salvata, a causa del Calvario. Non ero salvata perché mi sentivo bene o perché il Signore Gesù Cristo aveva portato i miei peccati sul Suo corpo, sulla croce. «Tu gli porrai nome Gesù, perché è lui che salverà il suo popolo dai loro peccati» (Matteo 1:21). «Quando ha, per mezzo di se stesso, purgato i nostri peccati» (Ebrei 1:3 -K.J.-) E Colui che fece l opera «per mezzo di se stesso» gridò: «E compiuto!» (Giovanni 19:20). Credete alla Parola e le vostre sensazioni si metteranno in linea con essa. La guarigione fa parte della salvezza. Il sangue che fu versato sulla croce espiò pienamente per la razza umana e provvide perfetta purificazione per ogni anima colpevole. Egli gustò la morte per tutti (Ebrei 2:9), per ogni uomo (King James). Lo spezzare il Suo corpo per mezzo delle atrocità che Lo privarono di sembiante umano, garantirono perfetta guarigione (Atti 3:16) ai corpi nostri. 1 Pietro 2:24 «Per le sue lividure siamo stati guariti». Poiché Egli portò quelle lividure affinché fossimo guariti noi, non vi è potenza in terra o all inferno, che possa mettere su di voi la malattia e lasciarcela, siete liberi! Ma dovete credere alla Parola di Dio; «Egli mandò la Sua Parola e li guarì» (Salmo 107:20). L unica via di prendere la medicina, è credervi, non importa come vi sentiate. Quando lasciate che sintomi e sensazioni vi facciano dubitare di essere già guariti (passato remoto), da evangelo 7

8 quelle lividure che il Signore Gesù Cristo ha portato per voi, semplicemente state spegnendo l interruttore della potenza, l elettricità celeste. Come pensate che Giobbe si sentisse, durante le sue spaventose afflizioni? (Evidentemente aveva la lebbra, almeno così giudicherei, dai suoi sintomi). Sappiamo come si sentisse, poiché abbiamo, nel terzo capitolo del libro, la più eloquente espressione di disperazione mai pronunciata in lingua umana. Sappiamo che la sua carne si putrefaceva, il sua alito sapeva del sepolcro, il suo spasmodico sonno, agitato da spaventose visioni; ma quel ch egli sapeva, non lo sapete? «Io so che il mio redentore vive». Il mio Redentore, Colui che mi redime, vive. Tre diamanti sono allineati su di una catena che non si può rompere lo so. Qual sensazione può essere comparata al sapere? Datemi da conoscere sempre, e via quel «sento», poiché non importa quel che si sente, quando si sa! Io so che Egli è il mio Redentore, e che vive. E perché Egli vive, vivo anche io, e vivrò per sempre. Vivo questo momento. Il mio Redentore vive e sta compiendo l opera Sua, in me. Quale? Redimermi. Da cosa? Dalla maledizione per aver infranto la legge, includente qualsiasi malattia, anche ereditaria. «Cristo ci ha redenti dalla maledizione della legge (riscattati), essendo divenuto maledizione al posto nostro» (Galati 3:13). Cosa ci resta da fare se non lodare Dio? evangelo 8

9 CAPITOLO 3 CAMMINARE SULLE ACQUE Matteo 14:22-33 «Subito dopo Gesù obbligò i suoi discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull altra riva, mentre egli avrebbe congedato la gente. Dopo aver congedato la folla, si ritirò in disparte sul monte a pregare, e, venuta la sera, se ne stava lassù tutto solo. Frattanto la barca, già di molti stadi lontana da terra, era sbattuta dalle onde, perché il vento era contrario. Ma alla quarta vigilia della notte, Gesù andò verso loro, camminando sul mare. E i discepoli, vedendolo camminare sul mare, si turbarono e dissero: È un fantasma! E dalla paura, gridarono. Ma subito Gesù parlò loro e disse: Coraggio, son io; non abbiate paura! Pietro gli rispose: Signore, se sei tu, comandami di venire da te nell acqua. Egli disse: Vieni! E Pietro, sceso dalla barca, camminò sull acqua e andò verso Gesù. Ma, vedendo il vento, ebbe paura e, cominciando ad affondare, gridò: Signore, salvami! Subito Gesù, stesa la mano, lo afferrò e gli disse: Uomo di poca fede, perché hai dubitato? E, quando furono saliti sulla barca, il vento si calmò. Allora quelli che erano nella barca, si prostrarono davanti a lui, dicendo: veramente tu sei il Figlio di Dio!» Ogni quattro anni, gli occhi del mondo sono rivolti ai Giochi Olimpici, dove i migliori atleti di ogni nazione competono per corone periture ed onori transitori. Paolo dice: 1 Corinzi 9:25 «Quelli lo fanno per ricevere una corona corruttibile, ma noi per una incorruttibile». E ci stimola a metterci in relazione con la corsa verso il cielo: «Correre in modo da riportarlo (il premio)» (verso 24). Come ci è stato specialmente detto, che siamo uno «spettacolo per gli angeli» (1 Corinzi 4:9), di conseguenza abbiamo diritto di credere che gli abitanti della celeste dimora sono intensamente interessati alle nostre prodezze. Parte della corsa di Pietro si svolse nelle acque, ove non v era piede per l uomo naturale. Pietro ebbe successo, camminando sulle acque, e fallì pure. Che lezione di valore, per noi, è contenuta in questo incidente, poiché possiamo imparare come aver successo e come non fallire, camminando sulle acque. Per prima cosa, notate come l opportunità di camminare sulle acque sia stata da Dio. Molte cose contribuirono a rendere durissimo il test: l inconsuetudine dell ora (fra le 3 e le 6 a.m. quando tutte le forze vitali sono al minimo) e, al di sopra di ogni altra cosa, la mancanza di Gesù. E quando infine venne a loro, il Signore giunse in maniera insolita, come una luce nelle tenebre. Ma Egli parlò, ed essi riconobbero la Sua voce! Nessun altra voce era così! Si narra che il tenore Caruso volle una volta inviare una lettera raccomandata, da un villaggio ove non era conosciuto. L impiegato si rifiutò di spedirla, mancando l identificazione del mittente. Il tenore esitò un istante, poi fece un passo indietro ed aprendo la bocca, fece sgorgare un Niagara di gloriose, dorate melodie che quasi mandarono in visibilio l impiegato e fecero accorrere, da ogni direzione, la gente, verso l ufficio postale. Essi conoscevano la sua voce evangelo 9

10 E Gesù disse: «Stà di buon animo; son io; non temere». Nessuna meraviglia che Pietro volesse andare da Lui, acqua o non acqua. Ma non era un fanatico, perché disse al Signore: «Comandami di venire da te, sulle acque». Vi è differenza tra fede e fanatismo. La fede rifiuta di fare un solo passo, se non ha la Parola di Dio sotto i suoi piedi, invece il fanatismo è sempre pronto a farsi guidare dai sentimenti e dalle sole impressioni. Gorge Mueller disse: «Devo avere la Parola, prima di muovermi». Il Signore Gesù disse a Pietro: «Vieni». Sia benedetto Gesù! Egli dice sempre: vieni. Non dice mai: và. Ma vi sarà un giorno a venire, in cui dirà: dipartitevi. Sia Dio garante che nessun lettore possa mai udire quella paurosa parola dalle Sue labbra! E Pietro uscì dalla barca, lasciò ogni aiuto umano, e camminò sulle acque, per andare da Gesù. Camminò sulle acque, e, come camminò per un passo, avrebbe potuto camminare per dieci miglia. Ma fallì, ed iniziò ad affondare. Perché? La Bibbia ce lo dice esattamente, questo pesto perché. Studiamolo, sì che non abbiamo a fallire quando nel nostro corso, verrà il momento di camminare nelle acque. Pietro vide soffiare il vento: non avrebbe dovuto vederlo, se i suoi occhi fossero stati fissi sull Uno, sul suo obbiettivo, sul Signore Gesù. E quando vide, ebbe paura. Molte volte questo verso di gran nota, mi ha dato aiuto in momenti di crisi. Quando ero assuefatta alla morfina, al mio ultimo respiro, avevo un amabile amica, un donna bella, colta, ricca, e, cosa di maggiore importanza, profondamente spirituale. Ella viveva nella sua Bibbia e la viveva nella sua vita quotidiana. Non conobbi mai donna di tal finezza che avesse tal compassione per le ragazze esuli, e tenerezza, com ebbe lei. Le ospitava nella sua bella casa e dava loro quel che avesse di meglio. Io e lei avemmo insieme un esperienza che ci avvicinò molto. A quell epoca eravamo entrambe morenti: io per assuefazione alla morfina, lei per un cancro maligno; entrambi casi senza alcuna speranza. Usavamo sedere assieme «accanto al mare silenzioso», aspettando di sentire «il suono soffocato del remo», le Bibbie aperte davanti a noi. Girandone le pagine, trovammo «pagine di guarigione», vi era guarigione divina in ogni pagina. Ma sembrava che non potessimo raggiungerla, poiché vi era uno spazio d acque, su cui camminare, nel mezzo. Come saltare? Dovevamo pur farlo, volendo sopravvivere. Non avevamo paura di andarci, e già ci sentivamo come se dovessimo essere guarite, in vista delle promesse di Dio. Alla fine, in qualche maniera, io uscii dalla barca e camminai sulle acque. Penso che Dio abbia dovuto quasi ribaltarla, per farmelo fare. Quando vidi le onde minacciose ed affondai, Egli mi prese. Nel frattempo la mia amabile amica era stata portata dal suo devoto marito in qualche ospedale, dove, benché facessi del mio meglio, non potei raggiungerla. Non la vidi mai più. Davvero di recente, ho avuto una liberazione, attraverso questo passo. Per un certo tempo, forse dopo aver fatto grandi lavori manuali cui non ero adusa, iniziai a soffrire per dolori talvolta tormentosi. Divenni talmente rigida che mi era impossibile muovermi. La spina dorsale, in particolare, era affetta. Satana, un esperto diagnostico, diede un nome al mio male, ma io non lo dirò, sì da non adularlo con pubblicità. Mi diede anche una prognosi, dipinta dai colori più luridi. Pregai ed ottenni evangelo 10

11 sollievo, ma fallii dall ottenere completa vittoria. Un giorno, erano le prime ore del mattino, dissi: «Bene, mi sento a malapena capace di alzarmi. Suppongo che il Signore non direbbe nulla se non lo facessi». Allora udii quella Voce. Disse: «Cammina sull acqua. Hai atteso una miglioria dei sintomi, un cambiamento nell ordine naturale delle cose. Ferma tutto questo. Non è così. La Mia parola è assolutamente vera. La Mia guarigione è sovrannaturale. Non ha importanza come tu ti senta. Scendi». Lo feci. Un canto dello Spirito, che il Signore diede a mia sorella Amy, iniziò a suonare nell aria e nello spirito mio, sin da quel momento. Cupa era l ora, sballottata la barca, uno spirito sembrava venir loro incontro, nel buio, camminando sull acqua, mai sentito? Qualcuno gridò gioioso: «Guardate, il Signore!» Scendi Pietro, cammina sull acqua, Scendi Pietro, cammina sul mar! Vieni! Scendi Pietro, cammina sull acqua, Scendi Pietro, il Signore camminerà con te. «Signore, se sei Tu, chiedimi di venir, camminare con Te, le acque son mia dimora. Tolgo la mia veste, ora sono nel mar, guardando a Te sol, cammino con Te». Le fracassone onde Pietro intorno guardò: «Signore, nella tempesta certo annegherò. Affondando perisco, Signor tirami su!» Gentil fu la risposta: «Perché dubiti tu?» Alcuni camminano, con coraggio, con Cristo, a terra, gioiosi e desiderosi di adempiere i Suoi comandi, ma dovreste chiamarli a Lui, sul mare, i loro cuori sarebbero deboli e timorosi evangelo 11

12 CAPITOLO 4 FELICITÀ E SALUTE Ci viene comandato di gioire. «Gioisci, rallegrati!» (Gioele 2:21). La gioia, anche la povera gioia umana, è il maggior stimolante, il più potente ristoratore, il più efficace tonico che io conosca in questo mondo, e di cui conosco ogni cosa. Quale è la gioia più grande, la più deliziosa esperienza nell ordine naturale che un essere umano possa avere? Vi darò la mia opinione in merito. Troverete questa gioia di cui stiamo parlando nella Bibbia ogni cosa è lì. È la gioia della madre quando il suo primogenito viene al mondo. La Bibbia ci dice che questa gioia è talmente grande che ingoia ogni ricordo d angoscia (Giovanni 16:21). Quando praticavo la medicina, il mio tonico favorito per le piccole madri era lasciare che vedessero i loro bambini, che li tenessero nelle braccia, che li godessero quanto più spesso possibile. E, ah, la dose era la più dolce. Sara disse che Dio l aveva fatta ridere così che tutti coloro che l avevano sentita ridere, ridessero con lei quando Egli le diede Isacco. Ma vi è una gioia più acuta di qualsiasi gioia che questa terra possa dare, e Dio vuole che la possediamo costantemente. È anche il tonico più efficace che esista, perché Dio dice: «La gioia del Signore è la vostra forza». (Neemia 8:10). Ci viene comandato di essere gioiosi, e parte della punizione per il fallimento dell obbedienza a questo comando è di essere predisposti ed aperti all incursione di ogni specie di malattia. Vi è qualcosa di più chiaro di questa scrittura? «Per non aver servito il SIGNORE, il tuo Dio, con gioia e di buon cuore, in mezzo all abbondanza di ogni cosa, servirai i tuoi nemici che il SIGNORE manderà contro di te Farà tornare su di te tutte la malattie d Egitto, davanti alle quali tu tremavi, ed esse si attaccheranno a te. Anche le numerose piaghe e le numerose malattie non menzionate nel libro di questa legge, il SIGNORE le farà venire su di te, finché tu sia distrutto» (Deuteronomio 28:47, 48, 60, 61) Questo essere gioiosi e stare di buon cuore non ha la sua sorgente in nessuna cosa o circostanza terrena. Questa pienezza di gioia non sorge da circostanze o cose terrene. Lontana come il cielo dalla terra dalla gioia isterica ed immotivata. Nei tempi antichi si era usi dire alle giovani persone che ridevano scioccamente: «Se continui così, prima di notte piangerai». Ed ahimè, quanta verità nei proverbi casalinghi. Da dove dunque deve provenire la gioia che Dio ci chiede? La risposta a questa domanda è scritta così chiaramente nella Parola, che il viaggiatore non può sbagliare strada. Davide ci dice, nel Salmo 43:4 «al Dio, che è la mia gioia e il mio giubilo!» Nuova Diodati Proprio Dio, in tutti i Suoi gloriosi attributi, è la nostra eterna unione con Lui, in Cristo Gesù. Certo ce n è abbastanza da riempire ogni essere dotato di raziocinio con indicibile gioia e piena gloria evangelo 12

13 1 Pietro 1:8 «Credendo in Lui Voi esultate di gioia ineffabile e gloriosa». Credete e gioirete; dubitate e sarete disperati. E questa gioia sovrannaturale, la gioia del Signore, è la nostra forza spirituale, mentale e fisica. In Neemia 8:10, ci viene proibito di essere tristi. Se non siamo gioiosi e felici, non possiamo essere fisicamente sani ed in salute. Qualcuno potrebbe dire: «Oh, era per i santi dell Antico Testamento». Non sono d accordo con loro: Ma guardiamo al Nuovo Testamento, e troveremo che si apre con la proclamazione di Luca 2:10: «La buona notizia di una grande gioia». Nel suo profondo significato, la parola Vangelo significa: Buona notizia, e la gente è felice, allorché riceve una buona notizia! Quando Maria, la madre del Signore nostro venne in presenza di Elisabetta, Giovanni Battista, non ancora nato, sobbalzò per gioia, dentro di lei! Tutto questo è scritturale, perché il Signore disse ai Suoi discepoli: «Vi ho dette queste cose affinché la vostra gioia sia completa». (Giovanni 15:11) Romani 14:17 «Il regno di Dio è giustizia, pace e gioia nella Spirito Santo». Che questa gioia sia totalmente indipendente dalle circostanze, la lettera ai Filippesi, detta anche lettera gioiosa, lo prova in abbondanza. È una «coppa traboccante di gioia». Quali erano le circostanze in cui Paolo si trovava? Era prigioniero in una sozza cella sotterranea, a Roma, nel Carcere Mamertino, una fossa umida e scura, sporca. Era prigioniero di Nerone e costui è stato stimato come il mostro più repellente che abbia mai vestito carne umana. Aveva ucciso la propria madre. Più e più volte, in questa epistola, troviamo parole come queste: «Gioia nella fede», «Rendete perfetta la mia gioia», «Ho avuto una grande gioia», «Gioisco», «Gioitene», e dice ai fratelli di gioire. La cosa si ripete ancora: Filippesi 4:4 «Rallegratevi sempre nel Signore; ripeto: Rallegratevi!» Paolo sapeva come prendere il «tonico della gioia». Imitiamo l esempio suo evangelo 13

14 CAPITOLO 5 LA VITA CHE È IL SANGUE «La vita è il sangue». Secondo la scienza, è proprio così, accettato da ogni fisiologo. Ma non pensate che vi voglio insegnare la fisiologia. Nulla è più lontano dai miei pensieri. La fisiologia è importante? Immensamente. Ed interessante? In maniera che affascina. Ma proprio ora ci stiamo interessando di argomenti dal peso maggiore, come le parole pronunciate da Dio nelle Scritture. Alla luce di quella Parola, possiamo trovare messaggi divini nelle rocce e negli alberi e nei corpi umani e animali, perché il Dio della Bibbia è il Dio della natura. In questo capitolo sto ponendo come oggetto di studio, il sangue, guardandolo come flebile ombra e rappresentazione del sangue di Gesù Cristo, l Agnello di Dio, attraverso il quale Egli ci ha lavati e ci ha resi sacerdoti e re per Dio. Il soggetto è vasto. Non posso far altro che toccare qualche argomento preminente ad esso connesso. Un distinto fisiologo, Trevor Heaton, Dottore in medicina, della Università di Oxford, disse, parlando del corpo umano: «Attualmente possiamo solo esplorare le frange esterne di questa straordinaria organizzazione, e, come in tutte le scoperte scientifiche, questo è tutto quel che possiamo sperare di fare». Ciò è vero sia per il corpo nella sua interezza, sia per ciascuno dei suoi componenti, incluso il sangue. Primo, cos è il sangue? Quando scorre da una ferita è un liquido dal colore uniformemente rosso, ma mettetelo sotto il microscopio e vi troverete un fluido, il plasma, in cui fluttuano solide particelle, alcune rosse, altre bianche. I globuli. Il lucente colore scarlatto è dovuto all emoglobina, il pigmento che dona il colore ai globuli rossi. Secondo, qual è la sua funzione? Cosa fa per il corpo? Letteralmente tutto. Ogni cosa arriva al corpo per mezzo del veicolo sanguigno. Vi è un passo in Ebrei 9:7, solo tre parole: «Non senza sangue», riferito al prezioso sangue di Gesù Cristo. Talvolta mi sento dire: «Non senza sangue». Dio ci ha donato tutte le cose in abbondanza, ma sulla porta della pienezza redentiva leggiamo: Non senza sangue. Per essere più specifici a riguardo del sangue umano, tra le sue funzioni bisogna menzionare le seguenti: a) la rimozione degli scarti e dell ossido di carbonio, convogliando i vari materiali escrementizi verso adeguati canali di eliminazione. Che adeguato esempio del potere purificatore del sangue di Cristo! «Quanto più il sangue di Cristo purificherà» (Ebrei 9:14) «Il sangue di Gesù, Suo figlio, ci purifica da ogni peccato» (1 Giovanni 1:7) Questa funzione è talmente importante per il corpo naturale che si dice nove decimi delle malattie siano causate dalla difficoltata eliminazione delle tossine. Ben dunque ci esorta l apostolo: (2 Corinzi 7:1) «Poiché abbiamo queste promesse, carissimi, purifichiamoci da ogni contaminazione di carne e di spirito, compiendo la nostra santificazione nel timore di Dio». b) Il sangue trasporta ad ogni cellula del corpo (ve ne sono milioni) il cibo loro necessario, facendo il giro completo del corpo ogni 45,50 secondi. Del sangue di Cristo, la Parola dice: (Giovanni 5:53,55) «Se non mangiate la carne del Figlio dell uomo e non bevete il Suo sangue, non avete vita in voi e beve il mio sangue» È riassunto nelle parole di Luca 22:20 «Questa coppa è il nuovo testamento nel mio sangue - King James -» Ogni cosa che Dio ci ha promesso, viene a noi solo attraverso il sangue di Gesù Cristo evangelo 14

15 c) Il sangue aiuta a mantenere normale le temperatura del nostro corpo. Dio vuole che la nostra temperatura spirituale sia normale. Matteo 24:12: «Poiché l iniquità aumenterà, l amore dei più si raffredderà». Apocalisse 3:16: «Perché sei tiepido, io ti vomiterò dalla mia bocca». Quando Pietro seguiva, lontano, aveva bisogno di riscaldarsi. Siamo «stati avvicinati mediante il sangue di Cristo» (Efesini 2:13). d) Porta ogni cellula del corpo in contatto con l ossigeno atmosferico, il quale dà vita, per mezzo dell emoglobina dei globuli rossi. L ossigeno portato alle cellule dà il via alle reazioni produttrici di calore e le scorie vengono portate via dal sangue stesso. In caso di emorragia inarrestabile, il paziente deve sopportare un incredibile agonia, poiché ogni cellula del corpo soffre per la fame d aria. Non dimenticherò mai casi simili cui ho assistito, così come non dimenticherò mai altri casi, di fame di Dio, che ho visto. Qual è il rimedio contro l emorragia? La trasfusione di sangue. E quando abbiamo fame di Dio e non riusciamo a trovarlo, di cosa abbiamo bisogno? Del sangue di Gesù, che ci dà accesso alla Sua presenza (Ebrei 10:19). e) Il sangue convoglia anche forniture per emergenze (ormoni, sostanze prodotte da certi organi e necessarie in caso di crisi) dagli organi produttori agli organi che ne necessitano. Per esempio, l adrenalina, fatta in ghiandole a forma di cappello (le surrenali), situate al di sopra dei reni, un potentissimo stimolante che si dice faccia tirar fuori gli artigli al leone. E la pituitrina, il più forte ricostituente, tratto dalla ghiandola pituitaria, una ghiandola dalla forma di una nocciola, posta nel pavimento del cranio, al di sotto del cervello, è convogliata dallo stesso sangue. L adrenalina, a volte sembra, se possiamo credere alle notizie, vincere la morte, per il tempo che è in azione..del sangue del Signore Gesù Cristo leggiamo che per mezzo della Sua morte sulla croce, Egli ha distrutto colui che ha il potere della morte, ovverosia il diavolo (Ebrei 2:14) cosicché adesso i santi di Dio possono vincere Satana per mezzo del Sangue dell Agnello (Apocalisse 12:11). f) Il sangue difende anche il corpo umano, vincendo i microbi che entrano in circolo, - siano anch essi mortali -. I soldati del sangue, i minuscoli globuli bianchi, si alzano a combatterli fino alla morte. Allo stesso modo, il sangue dell Agnello vince la potenza di Satana sul peccato, malattia e morte, se vorremmo credere in esso ed usarlo. Siamo fatti «Sacerdoti di Dio» (Apocalisse 1:5). Come sacerdoti, abbiamo la prerogativa di usare il sangue. Questo ci porterà vittoria ogni qual volta lo useremo in fede, poiché la fede mai cederà il posto fino a che Satana sia schiacciato sotto i nostri piedi. g) Per mezzo del suo meraviglioso potere di coagulazione, il sangue mette fine ai sanguinamenti, sigilla le ferite ed inizia a riparare le ferite nel punto di inizio. Allora il sangue di Gesù ci sana nella nostra interezza, sana le nostre ferite e ci rende: «Perfetta guarigione» (Atti 3:16). h) Il sangue continuamente bagna ogni cellula del corpo col tessuto linfatico. Il tessuto linfatico conduce la linfa, senza la quale, le cellule non possono vivere. Il sangue di Gesù Cristo ci mette in comunione e relazione con Dio, il Padre, ed il Figlio Suo Gesù Cristo (1 Giovanni 1:3). Dio ha detto: «Io apparirò nella nuvola sopra il propiziatorio» (Levitico 16:2) (luogo dove il sangue era stato spruzzato). Esodo 25:22 «Lì io mi incontrerò con te, dal propiziatorio» Mentre studiamo il corpo umano realizziamo la verità delle parole di Romani 1:19-20 «Quel che si può conoscere di Dio è manifestato in loro, avendolo Dio manifestato. Infatti le Sue qualità invisibili, la loro eterna potenza e divinità si vedono chiaramente fin dalla loro creazione del mondo, essendo percepite per mezzo delle opere Sue». Queste cose che il sangue umano fa per noi, sono deboli rappresentazioni rappresentate in ombra delle cose che il sangue di Cristo Gesù, Dio e Uomo, fa per coloro i quali hanno creduto in Lui ed hanno vita per mezzo del Suo Nome evangelo 15

16 CAPITOLO 6 SALE Il Signore Gesù Cristo compara il Suo popolo al sale. Quant è efficace questa comparazione! Quant è vera la similitudine! «Voi siete il sale della terra» (Matteo 5:13) Che cos è il sale? Come lo si produce? Dall unione di 2 sostanze, una eterea, un gas, un vapore, la clorina, il cloro (un chimico antico chiamava i gas, «spiriti», e la seconda, proveniente dal basso, dalla terra, lo scuro, opaco, grigiastro metallo nero chiamato sodio. Da questa unione, una sostanza totalmente nuova prende origine, il cloruro di sodio, sale. Naturalmente il sale si trova ampiamente distribuito, in natura, e tutto il sale delle miniere, degli oceani, dei vegetali, eccetera, è formato dall unione di qualcosa dall alto con qualcosa dal basso, ed è detto, nel linguaggio chimico, cloruro di sodio. Vi prego, notate come la sostanza nuova sia totalmente diversa del nero, grigio scuro metallico della terra, il sodio. È invece bianco, puro, bello (nella sua forma cristallina) produce guarigione, preserva la salute, previene l indebolimento, è caratteristicamente diverso da qualsiasi altra cosa nell universo. È il sale! Nessun altra cosa mai ne prenderà il posto! Lo scuro, opaco, poco amabile metallo della terra, rappresenta l uomo nel suo stato naturale «Il primo uomo, tratto dalla terra, è terrestre»(1 Corinzi 15:47). In Giovanni 3:3 si dice: «Se uno non è nato di nuovo nota a margine: Dall alto Non può vedere il regno di Dio». Qualcosa di spirituale, qualcosa dall alto, lo Spirito di Dio, si unisce con questo essere che proviene dalla terra, ed una potente ri-creazione viene effettuata. L uomo è nato dallo Spirito, nato di nuovo, nato dall alto, e diventa una nuova creazione, una nuova sostanza in Cristo Gesù. Siccome è completamente impossibile ottenere sale se non dall unione di qualcosa dall alto con qualcosa dal basso, anche il sale spirituale non lo si può ottenere se non dal muoversi dello Spirito Santo nel cuore umano. Non avviene per sforzo, buoni propositi, o riforme; ma per lo Spirito di Dio che viene su di noi, la potenza dell Altissimo che ci ombreggia. Siamo nati da Dio e fatti partecipi della divina natura, eredi di Dio e coeredi di Cristo. 1 Giovanni 3:2 «Carissimi, ora siamo figli di Dio» «ora» E quando? Dopo che abbiamo creduto nel Signore Gesù Cristo. Galati 3:26 «Siete tutti figli di Dio per la fede in Cristo Gesù». E come il sale non è sodio, così anche voi non siete più il vecchio Adamo, ma una nuova creazione in Cristo Gesù. «Non più io, ma Cristo». Bianco? Si, bianco per mezzo del sangue dell Agnello. Una povera ragazza che era stata salvata da una spaventosa abiezione per mezzo della fede nel Sacrificio del Calvario, fu ricoverata dai medici in un ospedale dove avrebbe dovuto subire un operazione. Le fu detto che avrebbero dovuto somministrarle dell etere. Si fece bianca e disse all infermiera di venire nel suo letto. «Cosa succede, cara?» chiese l infermiera. «Sei spaventata dall operazione?» «No, infermiera, l operazione non mi spaventa. Se anche dovessi morire, avrei una casa che mi attende in cielo. Ma, ho timore che sotto l intossicazione dell etere potrei dire qualcosa che disonori il mio Signore. Voi non sapete quali cose spaventose io abbia detto e sentito dire. Mi promettete che mi direte ogni cosa da me pronunciata sotto anestesia quando uscirò?» evangelo 16

17 Quando riguadagnò conoscenza, chiese all infermiera se fosse stata calma sotto l etere. «No», disse l infermiera, «Non siete stata sempre tranquilla». «Oh, e che cosa ho detto?» «Non avete detto, ma avete cantato!» «E cosa ho cantato?» «Solo un inno: Salva nelle braccia di Gesù». Una ragazzina tratta fuori da una immonda fossa, durante una Scuola Domenicale nei vicoli, si ammalò e giaceva morente. Inviò il suo unico penny alla Scuola Domenicale e disse: «Mamma, fa che Gesù lo prenda». Purezza? Si: «Sebbene i tuoi peccati siano come lo scarlatto, essi saranno bianchi come la neve» (Isaia 1:18) King James. Fui molto commossa dalla epigrafe su di un monumento funebre eretto nel cimitero di New York, da un numero di fanciulle della strada che erano state salvate durante un opera nella quale erano coinvolte. Esse desideravano esser messe lì a giacere, piuttosto che in qualsiasi altra parte. Le loro vite erano state accorciate dalla loro spaventosa esperienza, ed esse stesse avevano preparato questo luogo di riposo per i loro corpi, avendo scelto questa iscrizione, tratta da Apocalisse 7:14,15. «Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione. Essi hanno lavato le loro vesti, e le hanno imbiancate nel sangue dell Agnello. Perciò sono davanti al trono di Dio e lo servono giorno e notte, nel Suo tempio; e colui che siede sul trono stenderà la sua tenda su di loro». Bello? Si, e come il sale, la bellezza, che è il Signore, il nostro Dio, è vieppiù manifesta, quando più la si guarda da vicino. Visto attraverso il microscopio, il sale assume belle forme cristalline. Guaritore, preservativo della salute, antisettico, agente causale della guarigione delle ferite? Si, tutte queste cose, e talvolta causa alla gente che porta queste ferite, di soffrire, durante il processo di guarigione. Arresta il decadimento, la distruzione ed i processi putrefattivi? Si, il sale di Dio fa tutte queste cose perché ci viene detto: (Efesini 5:11) «Non partecipare alle opere infruttuose delle tenebre, piuttosto, rifiutatele;» (King James). Il Signore Gesù Cristo dice che Egli ha mandato noi, così come il Padre ha inviato Lui, e le opere che Egli ha fatto, anche noi le dobbiamo fare, anzi, di più grandi. Il piano di Dio per il Suo sale è che esso dovrebbe essere distribuito così ampiamente nei grandi oceani, toccando ogni spiaggia, ogni riva, e nella terra è in combinazione con vari minerali, nelle caverne è appeso in numerose stalattiti, è nei vegetali e negli animali, in breve, lo si trova dappertutto. E dunque anche il sale di Dio lo si trova dappertutto dalle tane ai palazzi, e Lui ci comanda di spanderlo per ogni terra finché tutti abbiamo udito il messaggio della salvezza. Dio solo conosce la potenza che dimora alla presenza del Suo popolo! Per amore di dieci giusti, Dio era disposto ad evitare il giudizio su Sodoma e Gomorra. Nel viaggio di Paolo a Roma, pieno di accadimenti, Dio gli diede le vite di tutti coloro che navigavano con lui, circa 275 persone. Ma se il sale perde il sapore, a cosa serve, allora? A nulla. Un giovane studente che era stato allevato da una precisa madre Cristiana, mi disse una volta: «Sapete che abbiamo una facoltà teologica all università, ma trovo che gli studenti in teologia non credono alla Bibbia. Non posso aiutarli a credere e quando essi non credono, allora mi evangelo 17

18 domando perché mai essi stiano studiando teologia. Di che utilità possono essere a Dio, o agli uomini?» Il Signore risponde a questa domanda in Matteo 5:13 «Se il sale diventa insipido non è più buono a nulla se non ad essere gettato via» evangelo 18

19 CAPITOLO 7 EGLI STESSO Matteo 8:17 «Egli ha preso le nostre infermità ed ha portato le nostre malattie». Vorrei che tutti coloro i quali leggono questo capitolo lo facessero precedere dalla lettura di Matteo 8:1-17, almeno tre volte. Poi vorrei che questi versi fossero imparati a memoria. Essi sembrano portare una inondazione di divina illuminazione sull intero soggetto della guarigione divina. Non dovremmo mai dimenticare che è la Parola a guarire. «Egli mandò la Sua Parola e li guarì» (Salmo 107:20). Forse qualcuno di voi chiederà: Ma la Parola non è Gesù Cristo il Signore? Certamente, ma se leggiamo la Parola scritta con fede, il Signore Gesù Cristo Stesso ci incontrerà nelle pagine. Per sperimentare la piena potenza della Bibbia, nella guarigione dei nostri corpi, è essenziale averla nascosta nei nostri cuori (Proverbi 4:20). Poi possiamo meditare su di Essa giorno e notte, lasciarla fluire nel nostro essere come (Apocalisse 22:1) «Il fiume dell acqua della Vita, limpido come cristallo, scaturente dal trono di Dio e dell Agnello». Talvolta suggerisco liste di versetti i quali gettino luce sulla verità della Parola di Dio per il corpo, ma l esperienza mi ha suggerito che è molto più efficace che ognuno di noi stili da solo la lista sua, mentre sono illuminati dallo Spirito Santo buttar giù i riferimenti e mandarli a memoria, sì che possano divenir parte della nostra vita cosciente. In questo modo, sono sempre facilmente accessibili, giorno e notte, in strada, viaggiando, ed anche quando siete costretti ad ascoltare conversazioni radiofoniche di nessuna utilità. Per mezzo dei versetti mandati a memoria potete volare su ali d aquila. Fissando i versi del capitolo 8 di Matteo, che precedono il nostro testo «Egli Stesso» (Matteo 8:17), abbiamo il caso del lebbroso che dubitò della volontà di Dio di guarirlo mentre era totalmente convinto che Egli avesse la capacità di farlo. Probabilmente quel relitto umano era così conscio della repulsione che emanava e della sporca natura della sua malattia, sì da non poter credere che qualcuno potesse avere misericordia di un tipo simile, scacciato dalla società umana. Ma il Signore Gesù mise da parte per sempre quella pessima sensazione, per tutti i lebbrosi, non importa quanto fossero repulsivi, per mezzo del Suo «Lo voglio». Sia lode a Dio per questo! Poi ecco apparire sulla scena la figura successiva. Un centurione Romano (Matteo 8:5-13), entra, con aspetto marziale e dignitoso. I Romani erano i padroni del mondo, e facevano in modo che il mondo la sapesse. Ma cosa accadde mai? Il suo capo fiero si inchina di fronte al gentile Nazareno, cui egli si rivolse chiamandolo «Signore» (Greco: Kurios). Egli dice, in effetti: «So che potenza è. Cesare ha potenza su di me, di vita o di morte: ed io ho potere sui miei subordinati, ma in Te, io riconosco potere su ogni potenza. Dì solo una parola. Questo solo chiedo. Lo imploro in premio, come dono, poiché non ne sono degno». Allora il Signore Gesù dichiarò che non aveva mai trovato cotanta fede in Israele, e lo ammise alla festa celeste, ove il suo posto era a fianco di Abraamo, Isacco e Giacobbe; «e il servitore fu guarito in quella stessa ora». Nei versi 14 e 15, abbiamo un quadro del Signore Gesù come medico di famiglia. Ho sempre sentito che la dedizione di un vero e devoto alle famiglie che curava, era cosa molto sacra. Il mio ideale di medico di famiglia, se mai ne abbia avuto uno, è stato mia madre. Sapevo come amava i suoi incarichi e come li portava, in terra, giorno e notte. Intere famiglia, compresi i nuovi nati, erano venute al mondo per il suo aiuto. E come vi era affetto reciproco fra di loro! evangelo 19

20 Una volta lasciò la città per un giro di evangelizzazione e mise le sue cose nelle mani di un medico la cui unica colpa era di essere un uomo. Una mattina fu detto ai bambini che il dottore stava arrivando. Ciò era sempre causa di grande gioia. Tra i giovani ci si attendeva di stare allegri. Infine la porta si aprì ed apparve l infermiera che presentò un gentiluomo d aspetto molto fine e con un brillante sorriso sul volto. Ma questo non servì a nulla, coi bambini. Non avevano mai avuto nessun altro dottore se non mia mamma, e i giovanissimi gridarono, indignati: «Và via! Non ti vogliamo. Tu non sei per nulla un dottore, tu sei un uomo!». Ma quanto è bello il ministerio del nostro Signore Gesù Cristo, come medico di famiglia! Quanto Lo amano i bimbi! E quanto prontamente han fede in Lui! Ci fanno vergognare, con la loro semplice fede! Il caro vecchio inno: «Dio si prenderà cura di voi» fu ispirato da un bambinello la cui madre era ammalata ed il cui padre (ministro del vangelo) non voleva lasciarle adempiere i suoi doveri domestici. Il piccolo si era arrampicato su sua madre e le aveva sussurrato all orecchio: «Mamma, Dio si prenderà cura di te». Ciò fu un rimprovero alla loro incredulità e generò nel padre totale dedizione al suo ministerio, tornando a casa e trovando sua moglie completamente guarita a cantare il meraviglioso canto che il Signore le aveva dato. Lui si sedette e scrisse le note del motivo ed ecco che abbiamo avuto: «Dio si prenderà cura di voi, ogni giorno, in ogni modo, Dio si prenderà cura di voi». Nei versi 16 e 17 di Matteo 8, abbiamo un raduno di massa per la guarigione, anche se alcuni teologi si ostinano a dire che non abbiamo ragioni per reclamarla. «Poi, venuta la sera, gli presentarono molti indemoniati; ed egli, con la Parola, scacciò gli spiriti e guarì tutti i malati, affinché si adempisse quel che fu detto per bocca del profeta Isaia: Egli ha preso le nostre infermità e ha portato le nostre malattie». Questo incontro di massa è legato, dallo Spirito santo, al capitolo dell Espiazione di Isaia 53, lì profetizzato, che annuncia il Messia come il portatore di malattia ed infermità. Non fu mera manifestazione della Sua potenza, sì da convincere le genti della Sua divinità, ma si trattò dell adempimento della profezia messianica. Se Egli non avesse guarito tutti coloro che venivano a Lui per la guarigione, il quadro dipinto dallo Spirito Santo 700 anni prima, non sarebbe stato vero. Non vi sono certezze garantite del fatto che Cristo non abbia guarito il malato. Nella Bibbia, un tale Cristo è inesistente. Leggiamo del nostro Signore in 1 Corinzi 15:3 che: «Cristo morì per i nostri peccati, secondo le scritture». Le Scritture ci dicono che Egli portò sia le nostre malattie che i nostri peccati, su quella croce di vergogna su cui fu consumata la morte sacrificale. Isaia 53:4 «Erano le nostre malattie che Egli portava, erano i nostri dolori quelli di cui si era caricato». Le parole di Isaia 53:4: kholee = letter. Malattie mako = letter. Dolori (Bodily healing in the atonement T.J. Mc Crossan) Ed ora il meglio. Fu Lui stesso che prese le nostre infermità e le nostre malattie. Non Lui ed i medici, non Lui ed i chirurghi. Quando in Ebrei 1:3 ci dice che: «Egli ha fatto la purificazione dei nostri peccati evangelo 20

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2 (Da Revisionare) Apocalisse 12:7 E ci fu una battaglia nel cielo: Michele e i suoi angeli combatterono contro il dragone. Il dragone e i suoi angeli combatterono, 8 ma non vinsero, e per loro non ci fu

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE Parrocchia Maria Ss. Assunta - LIBRO DELL APOCALISSE L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE (cc 4-11) 1 Schema di Ap. 1-16 1 16 1. Prologo (cap. 1): Introduzione: intento: rivelazione contenuto:

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Lo studio della Bibbia è benefico

Lo studio della Bibbia è benefico Lo studio della Bibbia è benefico Tanti anni fa, un capitano ancorò la sua nave nel porto di un'esotica isola del Pacifico Meridionale. A veva sentito dire che gli indigeni, un tempo cannibali, ora accoglievano

Dettagli

Oleggio, 12/02/2012. Letture: Levitico 13, 1-2.45-46 Salmo 32 (31) 1 Corinzi 10, 31; 2, 1-11 Vangelo: Marco 1, 39-45

Oleggio, 12/02/2012. Letture: Levitico 13, 1-2.45-46 Salmo 32 (31) 1 Corinzi 10, 31; 2, 1-11 Vangelo: Marco 1, 39-45 1 Oleggio, 12/02/2012 VI Domenica del Tempo Ordinario. Anno B Letture: Levitico 13, 1-2.45-46 Salmo 32 (31) 1 Corinzi 10, 31; 2, 1-11 Vangelo: Marco 1, 39-45 Lo voglio, sii purificato! Ti ringraziamo,

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo.

D Illustrare la natura e le conseguenze del peccato. D Apprezzare l'opera di Cristo per togliere il peccato dell'uomo. 'II peccato Immaginate che un caro amico vi regali un palazzo pieno di splendidi oggetti. È tutto vostro e potete godervelo! In cambio Egli vi chiede una sola cosa: "Per piacere, non gettarti dal torrione

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

Filippesi 4:10,14-19 Investire bene

Filippesi 4:10,14-19 Investire bene Filippesi 4:10,14-19 Investire bene filename:50-0410a.doc di Marco defelice, www.aiutobiblico.org Intro: l importanza di investire bene Come stai investendo la tua vita? Ci sono certe verità che anche

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM IV QUARESIMA 30 marzo 2014 ANDO, SI LAVO E TORNO CHE CI VEDEVA - Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Gv 9,1-41 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita e i suoi discepoli lo

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

PRENDERE LA PROPRIA CROCE

PRENDERE LA PROPRIA CROCE PRENDERE LA PROPRIA CROCE Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunzi a sé stesso, prenda la sua croce e mi segua. 25 Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà;

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini

Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Piccolo Catechismo Evangelico per Bambini Domande e risposte sommarie sulla fede cristiana evangelica 1. Chi ti ha creato? Mi ha creato Dio. 2. Che cosa ha fatto d'altro? Egli ha pure creato ogni altra

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore?

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? Parrocchia Gesù Crocifisso VAJONT Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? INCONTRO CEB E GRUPPI FAMILIARI Marzo 2012 Presso fam. Via giorno Ore Introduzione Tutti abbiamo una grande sete di amore,

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

La decima e le offerte di digiuno

La decima e le offerte di digiuno La decima e le offerte di digiuno Placeholder «P ortate tutte le decime alla casa del tesoro e mettetemi alla prova in questo, dice l Eterno degli eserciti; e vedrete s io non v apro le cateratte del cielo

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

www.parrocchiamadonnaloreto.it

www.parrocchiamadonnaloreto.it www.parrocchiamadonnaloreto.it Prima di Natale, ci sono quattro settimane che sono molto speciali settimane che prendono il nome di Avvento, perche caratterizzate dall Attesa. Qualcuno potrebbe dire: attesa

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana. 47a Giornata mondiale per le comunicazioni sociali

12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana. 47a Giornata mondiale per le comunicazioni sociali sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 12 maggio 2013 Liturgia delle ore della Terza Settimana Ascensione del Signore / c 47a Giornata mondiale per le comunicazioni

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI Una lacrima per i Defunti evapora, un fiore sulla tomba appassisce, una preghiera, invece, arriva fino al cuore dell Altissimo. (Sant Agostino) 1 L'eterno riposo

Dettagli

Non sto dicendo che se chiediamo perdono siamo liberi di peccare, se un credente la pensa così, io dubito fortemente che sia credente: 1Giovanni 3:6

Non sto dicendo che se chiediamo perdono siamo liberi di peccare, se un credente la pensa così, io dubito fortemente che sia credente: 1Giovanni 3:6 Senso di colpa Come vedete dal titolo di questa predicazione è il senso di colpa e nella foto ho voluto mettere una cornice stile comiche dei primi film di Charlie Chaplin, quando i film non avevano ancora

Dettagli

UTILI AL SERVIZIO DEL SIGNORE di Pino Tarantino

UTILI AL SERVIZIO DEL SIGNORE di Pino Tarantino UTILI AL SERVIZIO DEL SIGNORE di Pino Tarantino 2Timoteo 2:21 "Se dunque uno si conserva puro da quelle cose, sarà un vaso nobile, santificato, utile al servizio del padrone, preparato per ogni opera buona".

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

RIFLESSIONI PER LA PROCESSIONE DEL CORPUS DOMINI

RIFLESSIONI PER LA PROCESSIONE DEL CORPUS DOMINI RIFLESSIONI PER LA PROCESSIONE DEL CORPUS DOMINI I) Il Corpo di Cristo Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 26, 26-28) Mentre mangiavano, Gesù prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e, mentre lo dava

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO 18 settembre INTRODUZIONE VESPRI V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.. Alleluia INNO San Giuseppe onoriamo: la sua virtù sublime l'ordine

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO

UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO CAPITOLO XXXVIII UNA SERA, AGNESE SENTÌ UN CARRO FERMARSI DAVANTI ALLA PORTA. ERA LUCIA CON LA VEDOVA. LA MATTINA SEGUENTE CAPITÒ LÌ RENZO E SI TROVÒ DAVANTI LUCIA, CHE LO SALUTÒ SENZA SCOMPORSI, MA IL

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

celebrazione di AVVENTO

celebrazione di AVVENTO Per celebrare il tempo d Avvento nei giorni che precedono le quattro domeniche vi proponiamo l attività della CORONA DEI PROFETI. Un occasione per pregare insieme nelle vostre famiglie, nelle vostre comunità,

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli